COP_02_15.indd 1 20/03/15 15:02

Comments

Transcription

COP_02_15.indd 1 20/03/15 15:02
COP_02_15.indd 1
20/03/15 15:02
UNITED NATIONS ENVIRONMENT PROGRAMME
INTERNATIONAL INSTITUTE OF REFRIGERATION
ASSOCIAZIONE DEI TECNICI DEL FREDDO
CENTRO STUDI GALILEO
EUROPEAN ENERGY CENTRE
ENVIRONMENT, ENERGY, TRAINING, ASSESSMENT, CERTIFICATION,
LEGISLATION, STANDARDS, SAFETY
XVI EUROPEAN CONFERENCE
LE INNOVAZIONI TECNOLOGICHE
NEL FREDDO E NEL CONDIZIONAMENTO
CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE F-GAS 517/2014
nuovi refrigeranti e impiantistica, camion refrigerati, conservazione degli alimenti
12 - 13 giugno 2015 – Politecnico di Milano
9,00 am - Venerdì 12 giugno 2015
INTRODUZIONE GENERALE
Nuovi regolamenti sugli F-gas 517/2014 e nuovi refrigeranti.
Nuovi impianti in riferimento alla loro ottimizzazione
energetica ed ambientale. Situazione mondiale.
S. Nair-Bedouelle, J. Curlin United Nations - UNEP
S. Sicars, R. Savigliano UNIDO
D. Coulomb International Institute of Refrigeration
1a Sessione
L'EVOLUZIONE DEI NUOVI FLUIDI A BASSO
IMPATTO AMBIENTALE E LORO SCELTA:
PROSPETTIVE FUTURE E RISPARMIO ENERGETICO
GENERAL CHAIRMEN
SHAMILA NAIR-BEDOUELLE, JIM CURLIN United Nations
OzonAction- UNEP; AYMAN ELTALOUNY UNEP Bahrein;
STEPHAN SICARS - RICCARDO SAVIGLIANO United
Nations Industrial Development Organisation - UNIDO; PHILIP
OWEN Head, ARNO KASCHL European Commission, Action
Clima; DIDIER COULOMB Director, ALBERTO CAVALLINI
Honorary President International Institute of Refrigeration
(I.I.R.); ENNIO MACCHI - GIOVANNI LOZZA Politecnico of
Milano; MARCO MASOERO Politecnico of Torino; PEGA
HRNJAK University of Illinois; GERALD CAVALIER Director
CEMAFROID; STEPHEN YUREK President Air-conditioning,
Heating and Refrigeration Institute (AHRI); ANDREA VOIGT
Director European Partnership for Energy and the Environment
(E.P.E.E.); PER JONASSON President, GRAEME FOX
Former President Air conditioning and Refrigeration European
Association (AREA); THOMAS PHOENIX - WALID
CHAKROUN American Society Heating Refrigeration and Air
conditioning Engineers (ASHRAE); PETER W. EGOLF
University of Applied Sciences of Western Switzerland;
HERMANN HALOZAN Graz University of Technology, Austria;
SERGIO BOBBO I.T.C. CNR Padova; LUCA TAGLIAFICO
University of Genova
COP_02_15.indd 2
CHAIRMEN
S. Nair-Bedouelle, J. Curlin United Nations - UNEP
S. Sicars, R. Savigliano UNIDO
D. Coulomb International Institute of Refrigeration
A. Cavallini Università di Padova - I.I.R.
P. Hrnjak University of Illinois
S. Yurek AHRI - L. Kuijpers TEAP - A. Voigt EPEE
Nuovi refrigeranti a basso GWP. Sviluppi e prospettive future
sui nuovi refrigeranti. Nuovi fluidi sintetici e naturali, puri e
miscele HFC, HFO-1234yf/ze/za, miscele HFO, CO2, ammoniaca, idrocarburi; fluidi secondari; nuovi lubrificanti per
refrigeranti naturali e sintetici; Nano-fluidi. Refrigeranti per
automotive.
Speakers: A. Cavallini I.I.R. - D. Coulomb I.I.R. - P. Hrnjak
University of Illinois - T. Phoenix, W. Chakroun ASHRAE - P.
Neksa Sintef Energy Research - D. Del Col University of Padova
- J. Mate Greenpeace - J. Gerstel DuPont - N. Achaichia, G.
Matteo Honeywell - S. Bobbo CNR of Padova - R. Monforte, M.
Mandrile, C. Malvicino FIAT Group Automobiles - H. Dhont
Daikin Europe - R. Paganini Whirlpool
Dibattito e interventi tecnico-consulenziali
20/03/15 15:02
2,00 am - Venerdì 12 giugno 2015
2a Sessione
LE ULTIME TECNOLOGIE NEI COMPONENTI E NUOVE
TIPOLOGIE DI IMPIANTI IN RELAZIONE AI NUOVI
FLUIDI E ALLE NUOVE PROBLEMATICHE
ENERGETICHE E AMBIENTALI
RISULTATI E AGGIORNAMENTI NELL’IMPIANTISTICA
CHAIRMEN
E. Macchi, G. Lozza - Politecnico di Milano
P. W. Egolf - Univ. Western Switzerland
H. Halozan - Graz University of Technology
A. Calabrese - ENEA
T. Phoneix, W. Chakroun - ASHRAE
Le ultime tecnologie nei componenti e negli impianti di
refrigerazione e di condizionamento: loro ottimizzazione
energetica e ambientale. La refrigerazione magnetica. La
refrigerazione solare con sistemi ad assorbimento. Le nuove
energie rinnovabili applicate alla refrigerazione e all’aria
condizionata, pompe di calore. Nuovi impianti a fluidi
secondari, ad ammoniaca, a CO2, ad assorbimento, ad
idrocarburi. Ice Slurry. Nuovi tipi di compressori,
condensatori, nuovi componenti per i circuiti di refrigerazione
(a livello domestico, commerciale ed industriale). Nuove
tecnologie nei processi di condizionamento e nella
progettazione degli impianti di refrigerazione.
4a Sessione
LA REGOLAMENTAZIONE F-GAS 517/2014,
CERTIFICAZIONI, PATENTINI EUROPEI E MONDIALI
PER FRIGORISTI (PIF) NELLA REFRIGERAZIONE E
NEL CONDIZIONAMENTO E RISPARMIO ENERGETICO
CHAIRMEN
S. Nair-Bedouelle, J. Curlin United Nations - UNEP
P. Owen, A. Kaschl European Commission
D. Coulomb International Institute of Refrigeration I.I.R.
M. Masoero Politecnico of Torino
P. Jonasson, G. Fox AREA
A. Voigt E.P.E.E
S.Yurek AHRI
Revisione regolamentazione sugli F-Gas: ispezioni, libretto
d’impianto, manutenzione, requisiti minimi per i tecnici e le
aziende, formazione. Nuovi fluidi: controllo perdite di refrigerante; recupero, riciclo e distruzione dei fluidi. Certificazioni
e formazione in Europa e in Italia, brasatura. Problematiche
legate alla produzione e installazione degli impianti.
Speakers: P. Owen, A. Kaschl European Commission - D.
Coulomb International Institute of Refrigeration - P. Jonasson, G.
Fox AREA - A. Voigt EPEE - S. Yurek AHRI - K. Kelly Business
Edge - C. Norcia Bureau Veritas - M. Buoni ATF - M. Bassi Real
Alternatives project
Speakers: E. Macchi - Politecnico di Milano - P. W. Egolf
Working Party on Magnetic Cooling - I.I.R. - H. Halozan Graz
University of Technology, Austria - M. Masoero Politecnico of
Torino - L. Tagliafico University of Genova - A. Calabrese, P.
Rovella ENEA - T. Ferrarese Carel - J. Boone Mayekawa - P.
Trevisan Bitzer - G. Pisano Off. Mario Dorin - B. Bella Emerson
- S. Filippini LU-VE Group - T. Funder-Kristensen Danfoss K. Berglof ClimaCheck
Dibattito e interventi tecnico-consulenziali
9.00 am - Sabato 13 giugno 2015
INTRODUZIONE
S. Nair-Bedouelle, J. Curlin United Nations - UNEP
R. Savigliano UNIDO
D. Coulomb International Institute of Refrigeration - I.I.R
P. Owen, A. Kaschl European Commission
3a Sessione
TAVOLA ROTONDA SUI PROBLEMI ENERGETICI,
AMBIENTALI E SUI NUOVI FLUIDI E SULLA
FORMAZIONE DEI TECNICI DEL FREDDO CON
RIFERIMENTO AL NUOVO REGOLAMENTO
EUROPEO SUGLI F-GAS
CHAIRMEN (open discussion):
S. Nair-Bedouelle, J. Curlin United Nations - UNEP
R. Savigliano UNIDO
D. Coulomb International Institute of Refrigeration I.I.R
A. Cavallini International Institute of Refrigeration I.I.R
P. Owen, A. Kaschl European Commission.
W. Chakroun ASHRAE - P. Jonasson, G. Fox AREA
M. Masoero Politecnico of Torino
H. Halozan Graz University of Technology, Austria
Discussione sui problemi energetici in relazione all’ottimizzazione energetica degli impianti di refrigerazione, di
aria condizionata. Pompe di calore ed impianti geotermici.
Discussione sui relativi risparmi di energia e sulla
manutenzione. Discussione sul Regolamento Europeo sui
gas fluorurati, situazione in Europa e in Italia.
Speakers (open discussion): J. Curlin United Nations, UNEP
- R. Savigliano UNIDO - A. Kaschl European Commission - P.
Hrnjak University of Illinois - D. Del Col University of Padova W. Chakroun ASHRAE - P. Jonasson, G. Fox AREA - A. Voigt
EPEE - G. Cavalier AFF
Dibattito e interventi tecnico-consulenziali
5a Sessione
NUOVE TECNOLOGIE DI CONTROLLO, CATENA DEL
FREDDO, MAGAZZINI E TRASPORTI REFRIGERATI, LA
CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI
CHAIRMEN
D. Njie FAO - D. Coulomb IIR
M. Masoero Politecnico of Torino - G. Cavalier AFF
Nuove tecnologie nella catena del freddo: automezzi e
magazzini refrigerati, refrigerazione; conservazione e
preservazione degli alimenti; applicazioni nella refrigerazione
commerciale, domestica, supermercati e industrie. Nuove
attrezzature e controlli. Ottimizzazione del risparmio
energetico. Isolamento; controllo dei processi ambientali e
di sicurezza nella catena del freddo: ATP.
Speakers: D. Njie FAO - D. Coulomb IIR - G. Cavalier AFF - M.
Masoero Politecnico di Torino - F. Polonara Università Politecnica
delle Marche - S. Rossi ITC CNR Padova - T. Ferrarese Carel M. Orlandi EPTA - A. Sacchi ATF-Politecnico Torino
Dibattito e interventi tecnico-consulenziali
CONCLUSIONI SULLE PROSPETTIVE FUTURE
NELLA REFRIGERAZIONE E CONDIZIONAMENTO
IN RIFERIMENTO ALLA NUOVA
REGOLAMENTAZIONE E NUOVE TECNOLOGIE
CONTRO I CAMBIAMENTI CLIMATICI
D. Coulomb International Institute of Refrigeration I.I.R
S. Nair-Bedouelle United Nations - UNEP
I PRESIDENTI DEL XVI CONVEGNO EUROPEO DEL CENTRO STUDI GALILEO
ALBERTO CAVALLINI
Honorary President
I.I.R.
University of Padova
DIDIER COULOMB
Director
International Institute
of Refrigeration (I.I.R.)
SHAMILA NAIR-BEDOUELLE
Head OzonAction
United Nations
Environment
Programme
JIM CURLIN
OzonAction
United Nations
Environment
Programme
BENTETRANHOLM-SCHWARZ
Deputy Head
DG CLIMA European
Commission
ARNO KASCHL
DG CLIMA
European
Commission
ENNIO MACCHI
Politecnico
of Milano
Energy Department
GIOVANNI LOZZA
Politecnico
of Milano
Energy Department
PEGO HRNJAK
University
of Illinois
WALID CHAKROUN
Director
American Society
Heating Refrigeration
and Air conditioning
THOMAS PHOENIX
President
ASHRAE
STEPHEN YUREK
President
Air conditioning,
Heating, Refrigeration
Institute
GERALD CAVALIER
Director
Cemafroid
HALVART KOPPEN
OzonAction
United Nations
Environment
Programme
AYMAN EL-TALOUNY
OzonAction
United Nations
Environment
Programme
GRAEME FOX
Past President AREA
Air conditioning and
Refrigeration
European Association
RAJENDRA SHENDE
President
TERRE
Policy Centre
HERMANN HALOZAN
University
of Graz
(Austria)
ANDREA VOIGT
Director General
EPEE
MARCO MASOERO
Politecnico of Torino
Director
Energy Department
VicePresident ATF
ALFREDO SACCHI
Politecnico of Torino
President ATF
SERGIO BOBBO
ITC-CNR
of Padova
KELVIN KELLY
Training Director
Business Edge Ltd
MICHEL BARTH
Honorary President A.F.F.
Président Compagnie
des Experts du Froid
PETER EGOLF
President
Magnetic Cooling I.I.R.
Univ. West. Switzerland
RICCARDO SAVIGLIANO
United Nations Industrial
Development
Organisation UNIDO
VINCENZO LAROCCA
University
of Palermo
Energy Department
DAVIDE DEL COL
University
of Padova
CLAUDIO ZILIO
University
of Padova
FABIO POLONARA
University Politecnico
of Marche
Energy Department
KEISHO KA
Director Japanese
Magazine, Jarn
LUCA TAGLIAFICO
University
of Genova
Tecnici di 3 generazioni in 40 anni di corsi con una media di oltre 3000 allievi allʼanno si sono specializzati al CSG
Tecnici specializzati
negli ultimi corsi e patentini
del Centro Studi Galileo
GLI ATTESTATI DEI CORSI, I PIÙ RICHIESTI DALLE AZIENDE, SONO
ALTRESÌ UTILI PER LA FORMAZIONE DEI DIPENDENTI PREVISTA DAL
DLGS 81/2008 (EX LEGGE 626) E DALLA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ
Consegna degli attestati di un corso specialistico
in partnership con l’Associazione indiana Terre e
l’European Energy Centre di Edimburgo a Pune nei
pressi di Bombay.
Lʼelenco completo di tutti i nominativi, divisi per provincia, dei tecnici
specializzati negli ultimi anni nei corsi del Centro Studi Galileo si può
trovare su www.centrogalileo.it (alla voce “Corsi > organizzazione”)
DAL NUMERO PRECEDENTE CONTINUA L’ELENCO DEI TECNICI
SPECIALIZZATI NEGLI ULTIMI CORSI NELLE VARIE REGIONI ITALIANE
Video su www.youtube.com ricerca “Centro Studi Galileo”
Foto su www.centrogalileo.it e www.facebook.com/centrogalileo
TECNICI CHE HANNO
OTTENUTO IL PATENTINO
ITALIANO FRIGORISTI - PIF
A MOTTA DI LIVENZA
Baldo Giovanni
Anguillara Veneta
Di Modica Ignazio
BFINANCE srl
Milano
Boaretto Christian
BILFINGER GOVERNMENT
SERVICES srl
Vicenza
Giaretta Benildo
BILFINGER GOVERNMENT
SERVICES srl
Vicenza
Bonfante Ivan
EUROCRYOR spa
Solesino
Libero Mauro
EUROCRYOR spa
Solesino
Novello Federico
EUROCRYOR spa
Solesino
Miatton Marco
EUROCRYOR spa
Solesino
Sassaro Federico
EUROCRYOR spa
Solesino
Michelutti Marco
Villesse
Genco Enzo
MISA srl
Pomezia
Rosolin Luca
MISA SUD
REFRIGERAZIONE spa
Pomezia
Panaia Domenico
MISA SUD
REFRIGERAZIONE spa
Pomezia
Morandin Andrea
REFCOM DI MORANDIN
San Biagio Callalta
TECNICI CHE HANNO
OTTENUTO IL PATENTINO
ITALIANO FRIGORISTI - PIF
A NAPOLI
Amura Luca
Massa Lubrense
Esposito Antonio
ASIA NAPOLI spa
Napoli
Dell’Unto Bruno
Casavatore
Santone Salvatore
GECOTEC srl
Afragola
Lepre Salvatore
HOSPITAL CONSULTING spa
Bagno a Ripoli
Lauro Ciro
IMPIANTISTICA 2000
Napoli
Brescia Saverio
NARDI GESTIONI srl
Isca Sullo Ionio
Positano Mario
San Marzano sul Sarno
Rinaldi Giovanni Luca
Ercolano
Rumieri Giuseppe
Napoli
Botti Graziano
Borso del Grappa
Lo Presti Costantino
COOP SERVICE scpa
Reggio Emilia
Turturro Michele
COSTAN spa
Bari
D’Incà Claudio
COSTAN spa
Limana
Tormen Vanni
COSTAN spa
Limana
Triches Edi
COSTAN spa
Limana
Di Filippo Piero
COSTAN spa
Limana
Presso la sede dei corsi CSG di Pistoia, incontro con i tecnici del freddo sulle ultime normative e regolamentazioni che
porteranno alla riduzione dei gas refrigeranti dannosi all’effetto serra attualmente utilizzati.
13
Salis Fabio
Cagliari
Piras Roberto
ALFATAU INGEGNERIA
E SERVIZI srl
Domsunovas
Pani Mattia
SKYLOGIC MEDITERRANEO
Uta
Basciu Andrea
SOLE INDUSTRIALE srl
Cagliari
Asuni Stefano
TECNO PROGETTI DI ASUNI
Ussana
Dessì Antonello
THERMO CLIMA DI DESSì
Quartu S.E.
TECNICI CHE HANNO
OTTENUTO IL PATENTINO
ITALIANO FRIGORISTI - PIF
A BARI
Allievi nella sede Centrale di Casale Monferrato del Centro Studi Galileo eseguono una prova al laboratorio didattico durante
l’esame per il Patentino Frigoristi.
Quintino Ciro
SAM FRIGO
DI QUINTINO CIRO
Napoli
Rusolo Lorenzo
SAR DI RUSOLO LORENZO
Avellino
Scellino Demetrio
Lusciano
Lamberti Salvatore
SICCI SUD srl
Casalnuovo di Napoli
Pagliara Luciano
TIRRENO POWER spa
Roma
Tranchini Mario
TIRRENO POWER spa
Roma
TECNICI CHE HANNO
OTTENUTO IL PATENTINO
ITALIANO FRIGORISTI - PIF
A VALLERMOSA
Becca Giovanni
Tula
Farci Stefano
CLIMASYSTEM DI FARCI
Quartu S.E.
Ruggeri Francesco
COMPRESSOR SERVICE srl
Cagliari
Carrone Nicola
ELETTRICA CONTAT snc
Nuoro
Damiano Iacopo
GESTIMPIANTI srl
Castel Maggiore
Tagliente Domenico
AERONAUTICA MIL. 36°
STORMO 536° GRUPPO SLO
Gioia del Colle
Marrocco Aldo
ALMA srl
Bari
Lancellotti Fabio
CL IMPIANTI IDROTERMICI
Oppido Lucano
Castellaneta Rocco
DAGA IMPIANTI srl
Foggia
Panico Aniello
SICCI SUD srl
Casalnuovo di Napoli
Landolfi Gaetano
SIDI PICCOLO srl
S. Anastasia
Vitucci Marco
SIRAM spa
Pozzuoli
Sorrentino Nicola
Sant’Agnello
Polito Raffaele
STC scarl
Roma
Sorrentino Giuseppe
STC scarl
Roma
Maccariello Antonio
TECNOEMME srl
Casapulla
Patricelli Giuseppe
TERMEDIL srl
Napoli
14
Consegna degli attestati del Corso ATQ presso la sede dei corsi Centro Studi Galileo di Casale Monferrato alla presenza dei
docenti CGS ing. Bassi e ing. Bisagno.
Dibattista Francesco
DIBATTISTA IMPIANTI srl
Potenza
Sardella Giuseppe
FOOD TECHNOLOGY
DI SARDELLA
Monopoli
Fiume Vito
ITALIANA COSTRUZIONI
2000 srl
Monopoli
CORSI A TORINO
ARCOSERVIZI spa
Ceppi Giancarlo
Torino
BARTOLOZZI LUIGI
Torino
CALCAGNO SILVESTRI
ALESSANDRO
Torino
CALLEGARIN SERGIO
Callegarin Paolo
Andezeno
CATI IDROCALOR srl
Jaccond Manuel
Aimino Andrea
Strambino
COFFEE AND DRINK
DI GIBIN
Delle Rose Diego
Alpignano
COMOLLO STEFANO
Vinovo
Il docente del corso Ilario Spinello presso l’Aeronautica Militare di Villafranca. Il corso verteva sulle ultime tecnologie degli
impianti di condizionamento split, multisplit ed inverter. Diversi corpi militari italiani partecipano periodicamente ai corsi CSG.
CONTERNO FABRIZIO
Conterno Fabrizio
Lazzari Cristian
Vinovo
FAZZARI GIUSEPPE
Fazzari Mirco
Fazzari Michael
Bruzolo
FABRIZIO FRIGORIFERI
DI ALTIERI
Altieri Fabrizio
Grugliasco
MAMMY DI IMBROGNO
Bilotta Antonio
Nichelino
PALMIERI ETTORE
Torino
PESCUMA VINCENZO
Torino
SICLY srl
Monacelli Valeriano
Settimo T.se
SPATAFORA SALVATORE
Druento
TERMOEDIL
Timaru Romica
Torino
ZERO 3 SERVICE
Passariello Alessandro
Beinasco
CORSI A MILANO
40° SOTTOZERO
DI QUARANTA
Quaranta Giorgio
Quaranta Manrico
Schiavi Pierluigi
Bagnatica
AC TERMOIDRAULICA
Cappelletti Andrea
Villa Adda
AEB srl
Cera Antonio
Crescentino
AEMMMEI DI DAVICO
Patris Paolo Angelo
Bassignana
AFFATATO ANTONIO
Fubine
AGOS DUCATO spa
Lacchiana Lorenzo
Milano
Il primo Master del Freddo è partito a Casale Monferrato per specializzare maggiormente i tecnici del freddo di tutta Italia. In
collaborazione con il Politecnico di Torino in 100 ore, 20 giornate i tecnici confluiscono alla sede dell’Università del Piemonte
Orientale per apprendere e approfondire le Tecniche Frigorifere, il Condizionamento, i Nuovi Refrigeranti, la Manutenzione e
l’Assistenza. Nella foto il docente ing. Giuseppe Bisagno svolge la giornata di conclusione del primo modulo.
AIR BONAITA srl
Carsana Franco
Montani Alessandro
Cassinetta di Lugagnano
15
AIR STORE srl
Forlani Monia
Santagata Mario
Cassano Magnago
AM srl
Dinapoli Alberto Nicola
Mombercelli
AMORE ROSARIO
Modica
ARTECNICA DI SPEZI snc
Spezi Luca
Nerviano
ARTIANO IMPIANTI srl
Artiano Bruno
Artiano Ciro
Settimo T.se
ATEL srl
Verulento Alessandro
Grillo Manuel
Milano
AWAD SHEREIF
Milano
BARATELLI SERVICE
DI BARATELLI AMBROGIO
Baratelli Daniele
Brunello
BASSI ANDREA
Vimodrone
Corso nella sede CSG di Roma, il docente Donato Caricasole con moltissimi allievi alla presentazione del corso APP che è di
specializzazione per chi ha frequentato il Patentino Frigoristi. Sono stati circa 10.000 i tecnici che hanno svolto con CSG il
Patentino Frigoristi e altrettanti in questi prossimi mesi dovranno ancora ottenerlo per poter acquistare il gas refrigerante che
dal 1 gennaio 2015 viene consegnato solo a chi è in possesso del PIF.
BF DI BIANCHI SIMONE
Bianchi Simone
Cambiago
BLUERED srl
Lokumu Ernest
Cusano M.no
BIBIMIX DI CERATI
Cerati Roberto
Grandola ed Uniti
BMB DI BEGARELLI
Begarelli Bruno
Verolanuova
BITIEMME GROUP srl
Lamboglia Domenico
Arsago Seprio
BONIFORTI IMPIANTI srl
Baratelli Andrea
Ranica
CABONI ANTONIO
Mombretto Mediglia
CAMA srl
Domina Mirko
Gironico
CARPI CLIMA snc
Valentini Ermes
Carpi
CASATI ANDREA
TERMIMPIANTI
Casati Andrea
Mariano Comense
CASELLA RAFFAELE
Rozzano
CERIANI MICHELE
Milano
CHIAPPARINI CHRISTIAN
Cambiago
CHUQUIMAJO BUITRON
RAFAEL ANDRES
Basiglio
CIGOGNANI GIUSEPPE
Cassina De’ Pecchi
CM CONFORMITÀ
DI CARMINATI MAURO
Carminati Mauro
Presezzo
CMS SERVICE sas
De Giorgi Lorenzo
Trezzano S/N
COGEMA srl
Castellese Alessandro
Ragnatela Francesco
Milano
CORRIAS GIORGIO
Milano
CR RUBINI DI MINERVA
Minerva Sabino
Milano
CTA srl
Lovato Ilario
Vignate
DE CESARE ANTONIO
Motta Visconti
Corso alla Nuova Salento Energia del docente Donato Caricasole sulle ultime tecnologie e normative nel mondo della
Refrigerazione e Condizionamento. Il nostro settore sempre più richiede personale qualificato che sia in grado di calcolare
l’efficienza energetica degli impianti, svolgere visite periodiche di ispezione e controllare che non ci siano perdite di refrigerante
16
DFM CLIMA DI DE FURIA
Del Sordo Giovanna
Cinisello B.mo
DPL THERMOIMPIANTI
Di Palma Luigi
Cologno Monzese
ECOSERVICE srl
Viviani Franco
Parma
ECS sas
DI OTTINO FRANCO & C.
Ottino Alberto
Alessandria
EDISERVICE DI CANTABONI
Cantaboni Paolo
Manerbio
EFFE IMPIANTI snc
Furlone Roberto
Novate M.se
EFFE TRE IMPIANTI srl
Ferrara Pasquale
Ferrara Giuseppe Alessio
Milano
EFFEMME IMPIANTI
DI MATTAROZZI
Mattarozzi Fabrizio
Nerviano
ESPOSITO VINCENZO & C. sas
Esposito Vincenzo
Dresano
ETM DI TOCCO MORENO
Tocco Moreno
Cornaredo
FALMAR IDROTERMICA snc
Falchè Antonio Fabio
Sesto San Giovanni
Corso nella sede di Edimburgo della collegata European Energy Centre, in UK vengono svolti corsi sulle energie rinnovabili
in collaborazione con le Università del Regno Unito.
FAVUZZI SERVICE
DI FAVUZZI
Favuzzi Vito
Milano
FORMULA SERVIZI soc. coop.
Cancedda Luigi
Boschetti Luca
Forlì
FERRERO spa
Longobardi Antonio
Agostoni Angelo
Pozzuolo Martesana
FREDDO E ARREDO
DI FERRONATO
Ferronato Roberto
Rovolon
FLORIS SIMONE
Milano
FU HAITAO
Fu Rao
Milano
GARAU ALESSIO
Venegono Sup.
GELMATIC ITALIA srl
Bertocchi Lorenzo
Orio Al Serio
GFC SISTEMI snc
Colombo Fabio Davide
Seregno
GMC IMPIANTI snc
Bambacini Massimo
Milano
HISENSE ITALIA srl
Dal Monte Marco
Milano
HOFER GROUP srl
Kusstatscher Walter
S. Cristina
IDEALCLIMA snc
Ambrosioni Luca Giordano
Lacchiarella
IFOM FONDAZIONE
ISTITUTO FIRC
Bonù Marco
Palestra Andrea
Milano
INARCO srl
Florian Gino
Milano
IREN ENERGIA spa
Bellini Riccardo
Brognara Luigi
Giordano Sergio
Guerriero Maurizio
Marchiani Gian Pietro
Monticone Giuseppe
Ottone Giorgio
Veneziani Massimo
Torino
IRIM
DI GHISLOTTI BORTOLO
Ghislotti Bortolo
Ghisalba
ITAF srl
Inverardi Federico
Ruggieri Giovanni
Milano
KRIOS srl cr
Fabio Luca
Milano
L’Edinburgh Napier University: sede dell’ultimo corso di impianti fotovoltaici dell’European Energy Centre,
vedi www.EUenergycentre.org
LEUCARI LUCIANO & F.LLI srl
Bacigalupo Giacomo
Rapallo
17
NOVA TECOR srl
Tonin Alessandro
Assago
NOVA THERM srl
Parise Francesco
Merlino
NUOVA
TERMOIMPIANTI srl
Pessina Corrado
Rozzano
ODDINO IMPIANTI srl
Oddino Gianfranco
Mombaruzzo
Energie Rinnovabili, prove pratiche nel corso per installatori tenuto da Centro Studi Galileo
in lingua inglese, presso il Centro Energie Rinnovabili CER a Milano, inaugurato sette anni fa
dal direttore Rajendra Shende delle Nazioni Unite. Gli sforzi dei formatori e delle azienda
hanno permesso all’Italia di raggiungere gli obiettivi europei.
LS IMPIANTI DI LUSSANA
Lussana Sergio
Usmate Velate
MENABÒ & BAROLO snc
Barolo Simone
Alessandria
MPR snc
Manfredi Fabio
Genova
MANITALIDEA spa
Liborio Marino
Ivrea
MESSINA IMPIANTI TERMICI
Messina Antonino
Vibo Valentia
MULLER LEANDRO
Mezzocorona
MB ENERGY sas
Agnelli Roberto
Sondrio
MI TECNICA DI VIOLI
Violi Michele
Milano
NOTA IMPIANTI
Gatti Federica
Nota Nicola
Bruino
RCM ELETTRICA
DI MORO snc
Moro Roberto
Pieve Porto Morone
REFTEK DI CASASSA
CARLET DANILO
Casassa Carlet Danilo
Pessinetto
RIEL
DI PERRUCCI MATTEO
Biava Federico Riccardo
Milano
PANZERI MATTEO
Merate
RM CLIMA
DI RICCHIUTI MASSIMO
Ricchiuti Massimo
Romano di Lombardia
PIERI LUCA
Monteu Roero
SALA GIULIANO
Milano
PIRASTRU PIERPAOLO
Assemini
SAMMONTANA EMPOLI
Garramone Yuri
Empoli
PROGIMPIANTI srl
Comani Cristina
Milano
PUSSETTO & POLLANO srl
Fonti Enrico
Pussetto Marzio
Sanseverino Simona
Pinerolo
RB MULTISERVIZI
DI BRESSAN
Bressan Roberto
San Gregorio di Veronella
SANCRICCA IMPIANTI
Sancricca Raffaele
Garbagnate M.se
SCALICI LORENZO
Marzano
SEMERARO IMPIANTI
DI SEMERARO A.
Ciaccia Simone Stefano
Bresso
SERETTI MARCO
Milano
Il Centro Studi Galileo, incaricato da Nazione Unite UNEP e UNIDO, organizza corsi e patentini per i tecnici del freddo di Africa francofona ed anglofona,
Gambia, Tunisia, Sudan, Eritrea, paesi ex Unione Sovietica, paesi balcanici, Iraq e paesi arabi.
18
OPENFACTORY
MILANO 2015, 01 MAGGIO - 31 OTTOBRE
Milano apre le porte al mondo.
Dal 01 maggio al 31 ottobre 2015 Castel vi invita
a visitare gli stabilimenti di produzione.
www.castel.it
Seguici su
Componentistica per
la refrigerazione e il
condizionamento dell’aria
Serie BM
Il classico gruppo
manometrico svizzero
Nuovo con luci a UV e LED
REF-LOCATOR
Cercafughe di
alto livello
REF-VAC
Vacuometro elettronico
OCTA-WIRELESS
Bilancia elettronica
ENVIRO-DUO/-OS: Ora anche
applicabile per R32 e R1234yf
ENVIRO-DUO/-OS
HY-EX-6
Set espansore
idraulico completo
Unità di recupero per tutti i
refrigeranti di uso comune
Per la gamma completa di
prodotti REFCO Vi preghiamo
di contattare il Vostro
distributore HVAC/R locale.
DIGIMON-SE
patent pending
Gruppo manometrico
digitale a 2 e 4 vie
REFCO M
Manufacturing
anufacturing Ltd.
6285 Hitzkir
Hitzkirch
ch - Switzerland
Switzerland
www.refco.ch
www.refco.ch
K
LO
RING
TUB E CO
NN
EC
TI
ON
S
LK
00 A
PUH
[ P V U[ L Z
[
R
– R 4 07 C – R 41
R6
0–
4A
–
` W L L_H
R 134 a – R 29
;
T
40
0A
tecnea
ITALIA
F-Gas e certificazione
aziendale
Regolamento (UE) N.517/2014
La scelta di un organismo di certificazione
attivo a livello nazionale ed internazionale
che ti assicura una continua informazione
corretta, precisa e tempestiva.
Organismo di certificazione aziendale specializzato in refriger
refrigerazione
ra
azione e climatizzazione
clim
| Tr
Trasporti
asporti refrigerati
refriger | Perizie | Formazione | Certificazioni | Prove | Ta
Tarature |
Per
er maggiori informazioni
Tecnea Italia | Phone +39 01 42 54 07 05 | Mail [email protected] |
www.tecnea-italia.it
www.tecnea-italia.it
Sommario
Direttore responsabile
Enrico Buoni
Responsabile di Redazione
M.C. Guaschino
Comitato scientifico
Marco Buoni, Enrico Girola,
PierFrancesco Fantoni, Alfredo Sacchi
Redazione e Amministrazione
Centro Studi Galileo srl
via Alessandria, 26
15033 Casale Monferrato
tel. 0142/452403
fax 0142/525200
Pubblicità
tel. 0142/453684
Grafica e impaginazione
A.Vi. Casale M.
Fotocomposizione e stampa
A. Valterza - Casale Monferrato
E-mail: [email protected]
www.industriaeformazione.it
www.centrogalileo.it
continuamente aggiornati
www.EUenergycentre.org
per l’attività in U.K. e India
www.associazioneATF.org
per l’attività dell’Associazione dei
Tecnici del Freddo (ATF)
Corrispondente in Argentina:
La Tecnica del Frio
Corrispondente in Francia:
CVC
La rivista viene inviata a:
1) installatori, manutentori, riparatori, produttori e progettisti di:
A) impianti frigoriferi industriali,
commerciali e domestici;
B) impianti di condizionamento e
pompe di calore.
2) Utilizzatori, produttori e rivenditori di componenti per la refrigerazione.
3) Produttori e concessionari di gelati e surgelati.
N. 386 - Periodico mensile - Autorizzazione
del Tribunale di Casale M. n. 123 del
13.6.1977 - Spedizione in a. p. - 70% Filiale di Alessandria - Abbonamento annuo
(10 numeri) € 36,00 da versare sul ccp
10763159 intestato a Industria & Formazione. Estero € 91,00 - una copia € 3,60 arretrati € 5,00.
52
Tecnici specializzati negli ultimi corsi del Centro Studi Galileo
13
Industrie che collaborano all’attività della rivista mensile
Industria&Formazione divise in ordine categorico
20
Editoriale
Il cambiamento ha avuto inizio
M. Buoni – Vice Presidente Air Conditioning and Refrigeration European Association - AREA
22
e Segretario Associazione dei Tecnici Italiani del Freddo – ATF
Le Nazioni Unite incaricano il Centro Studi Galileo di sviluppare
i centri di formazione in Tunisia
F. Riboldi – Responsabile relazioni esterne Centro Studi Galileo
24
Il futuro del CO2
26
I refrigeranti del futuro
33
Confronto di diverse configurazioni di un sistema ad R744
per supermercati nei paesi più caldi
A. Hafner, P. Nekså – SINTEF Energy Research, Norway
Presentazione – Introduzione – Modelli e metodi – Risultati e conclusioni
– Conclusioni ed ulteriori lavori
La ricerca di un refrigerante a basso GWP:
cos’ha guidato la scelta dell’industria automobilistica
M. Mandrile – FIAT Group Automobiles
Introduzione – Differenza tra i sistemi di condizionamento – Il tema dell’efficienza – Conclusioni
36
I nuovi regolamenti
Regolamento sugli HFC destinato agli operatori e proprietari
di attrezzature operanti sui gas refrigeranti; che cosa cambia?
F. Lanaud – Tecnea Italia
Certificazione delle persone e delle imprese – Confinamento e controllo
delle perdite – GWP (e tonnellate di CO2 equivalente) per alcuni fluidi –
Registri e dichiarazione – Etichettatura degli impianti – Il “phase down” –
Recupero dei gas refrigeranti – HFC - nuove restrizioni – Sanzioni per la
violazione delle disposizioni F-Gas
39
Principi di base del condizionamento dell’aria
Condizionamento di locali in particolari condizioni gravose:
il problema della corrosione e delle vibrazioni
P.F. Fantoni – 161ª lezione
Introduzione – Condizionamento residenziale e piccolo-commerciale –
Condizionamento industriale e grande-commerciale – Particolari scambiatori di calore
42
Dispositivi di controllo e protezione
K. Kelly – Business Edge Ltd
Controllo – Protezione – Sicurezza – Dispositivi di comando – Dispositivi di
protezione – Pressostato termostatico – Comandi di controllo di alta pressione – Sistemi d’aria refrigerata – Sistemi d’acqua refrigerata – Pressione o
temperatura – valvola solenoide (elettrovalvola) – Elettrovalvole servoazionate – Pressostato – Interruttore di pressione – Pressostato per il controllo del
funzionamento del compressore – Pressostato per compressore e sistema di
protezione a bassa pressione – Pressostato combinato a bassa e alta pressione – Pressostato differenziale di pressione dell’olio
47
Accorgimenti nell’utilizzo delle miscele di refrigeranti
con elevato glide di temperatura
P.F. Fantoni – 181ª lezione
Introduzione – I refrigeratori d’acqua – Il problema degli scambiatori a
piastre – Un caso pratico
Glossario dei termini della refrigerazione e del condizionamento
50
(Parte centoquarantacinquesima) – A cura di P. Fantoni
Aggiungi agli amici
“Centro Studi Galileo”
su Facebook
Diventa follower di
“Centro Studi Galileo”
su Twitter
Cerca i video di
“Centro Studi Galileo”
su YouTube
Industrie che collaborano alla attività della rivista mensile
Industria & Formazione divise per ordine categorico
Per ogni informazione gli abbonati possono rivolgersi a nome di Industria & Formazione ai dirigenti
evidenziati nelle Industrie sottoelencate, oppure alla segreteria generale tel. 0142 / 452403
SCONTI PER GLI ISCRITTI ALL’ASSOCIAZIONE DEI TECNICI ITALIANI DEL FREDDO-ATF
PRODUZIONE
COMPONENTI
BITZER ITALIA
compressori
Pietro Trevisan
36100 Vicenza
Tel. 0444/962020
www.bitzer.it
CASTEL
valvole, filtri, rubinetti,
spie del liquido
Giorgio Monaca
20060 Pessano c/Bornago
Tel. 02/95702225
www.castel.it
FRIGOR GAS
ricambi, riparazione e revisione
compressori
Alessandro Trezzi
20091 Bresso
Tel. 02/6100048
www.frigorgas.com
OLAB
elettrovalvole, raccordi, pompe
Jessica Rota
25030 Torbole Casaglia
Tel. 030/2159411
www.olab.it
REFCO
RIVENDITORI
COMPONENTI
CENTRO COTER
unità condensanti,
aeroevaporatori, accessori
Nicola Troilo
70032 Bitonto
Tel. 080/3752657
www.centrocoter.it
ECR ITALY
compressori, controlli, gas
refrigeranti chimici
Marco Curato
20128 Milano
Tel.02/25200879
www.ecritaly.it
compressori, filtri, spie del
liquido, valvole
Massimo Alotto
10137 Torino
Tel. 011/3000511
www.danfoss.com
produzione e fornitura
di componenti e strumenti per
la refrigerazione
Daniel Meyer
6285 Hitzkirch
Svizzera
Tel. 0041/41/9197294
Alessandro Bergamaschi
Tel. 344/1992030
+41419197882
www.refco.ch/it
DENA
RIVACOLD
FRIGO PO
accumulatori di liquido, filtri
Daniele Francia
15033 Casale Monferrato
Tel. 0142/454007
www.dena.it
gruppi frigoriferi preassemblati
Giorgio Signoretti
61020 Montecchio
Tel. 0721/919911
www.rivacold.com
ricambi e guarnizioni per
refrigerazione professionale
Luigi Moretti
42045 Luzzara
Tel. 0522/223073
www.frigopo.it
DORIN
TERMORAMA
compressori
Giovanni Dorin
50061 Compiobbi
Tel. 055/623211
www.dorin.com
componenti e compressori
Vittorio Massariello
20098 San Giuliano Milanese
Tel. 02/9881005
www.termorama.com
EMBRACO EUROPE
TESTO
compressori ermetici
Marek Zgliczynski
10023 Riva presso Chieri
Tel. 011/9437111
www.embraco.com
apparecchi di controllo,
sicurezza e regolazione
Fabio Mastromatteo
20019 Settimo Milanese
Tel. 02/335191
www.testo.it
DANFOSS
EMERSON CLIMATE
TECHNOLOGIES
compressori, componenti
Floriano Servizi
21047 Saronno
Tel. 02/961781
www.ecopeland.com
FRASCOLD
produzione compressori per
refrigerazione e condizionamento
Giuseppe Galli
20027 Rescaldina
Tel. 0331/742201
www.frascold.it
VULKAN ITALIA
cercafughe, connessioni tubi,
giunti lokring
Riccardo Turolla
15067 Novi Ligure
Tel. 0143/310230
www.vulkan.com
WIGAM
componenti, gruppi
manometrici, pompe vuoto,
stazioni di ricarica, lavaggio
Gastone Vangelisti
52018 Castel San Niccolò
Tel. 0575/5011
www.wigam.com
ELVE
revisione compressori frigoriferi
Franco Boraso
30020 Fossalta di Piave
Tel. 0421/679944
www.elve.it
FRIGO PENTA
accessori per refrigerazione
e condizionamento
Giuseppe Sciarretta
09030 Elmas
Tel. 070/241160
FRIGOPLANNING
ventilatori, frigoriferi industriali
e componenti
Antonio Gambardella
83100 Avellino
Tel. 0825/780955
www.frigoplanning.com
LF RICAMBI
ricambi per refrigerazione
commerciale e cucine professionali
Michele Magnani
47522 Cesena
Tel. 0547/341111
www.lfricambi724.it
MORELLI
accessori per refrigerazione e
condizionamento, compressori,
condensatori, evaporatori
Fausto Morelli
50127 Firenze
Tel. 055/351542
www.morellispa.it
NEW COLD SYSTEM
componentistica per
refrigerazione e condizionamento
Madi Sakande
40131 Bologna
Tel. 051/6347360
www.coldsystem.it
RAIME
refrigerazione industriale e
commerciale
Gennaro Affabile
80146 Napoli
Tel. 081/7340900
www.raime.it
RECO
componenti e impianti
per la refrigerazione e il
condizionamento
Stefano Natale
70123 Bari
Tel. 080/5347627
www.re-co.it
SAMA GREGORIO & FIGLI
condizionamento, refrigerazione,
riscaldamento
Vittorino Pigozzi
23900 Lecco
Tel. 0341/1885728
www.samagregorio.it
VIOLA
componenti per refrigerazione e
condizionamento, saldatura, impianti
Vittorio Chinni
70123 Bari
Tel. 080/5061742
REFRIGERAZIONE
COMMERCIALE
MONDIAL GROUP
armadi frigoriferi
Claudio Fossati
15020 S. Giorgio Monferrato
Tel. 0142/478211
www.mondialgroup.it
SANDEN VENDO EUROPE
distributori automatici
Valter Degiovanni
15030 Coniolo
Tel. 0142/335153
www.sandenvendo.com
FRIGORIFERI SPECIALI
ANGELANTONI FRIGORIFERI
camere climatiche, criogenia,
tecnologie avanzate
Cesare Angelantoni
20126 Milano
Tel. 02/2551941
www.angelantoni.it
ELETTRONICA VENETA
ZANOTTI
apparecchiature didattiche
Gian Andrea Cesaratto
31045 Motta di Livenza
Tel. 0422/765851
www.elettronicaveneta.it
trasporti refrigerati
Nancy Marchini
46020 Pegognaga
Tel. 0376/555156
www.zanotti.com
PRODOTTI CHIMICI
N.C.R. BIOCHEMICAL
tecnologie chimiche per la
refrigerazione
Marco Novi
40050 Castello d’Argile
Tel. 051/6869611
www.ncr-biochemical.it
STUDIO BORRI ROBERTO
prodotti chimici, torri raffreddamento
10096 Collegno
Tel. 011/4056337
SALDATURA
CELLE FRIGORIFERE
ARREDAMENTI
celle e magazzini frigoriferi,
pannelli isolanti
Contardo Fantini
42019 Scandiano
Tel. 0522/983565
www.frigorbox.it
REFRIGITAL
indumenti e accessori per il
freddo
Andrea Taccone
17100 Savona
Tel. 019/802426
www.refrigital.it
SPERANZA FRANCESCO
saldatura e gas tecnici
Libera Sciarra
20148 Milano
Tel. 02/4026233
www.airliquide.it
accessori per la refrigerazione
e condizionamento
89029 Taurianova
Tel. 0966/645463
saldatura e brasatura
Nicola Bordin
36100 Vicenza
Tel. 0444/347569
www.italbras.com
RIV.O.GAS.
gas refrigeranti chimici
Paolo Secco
15033 Casale Monferrato
Tel. 0142/452202
www.rivogas.it
SALDOGAS
gas e componenti per la
saldatura
Antonio Marotta
80146 Napoli
Tel. 081/2280111
www.saldogas.it
OXYWELD
saldatura e brasatura
Diego Andreetta
33077 Sacile
Tel. 0434/737001
www.oweld.com
CAMION FRIGORIFERI
COLD CAR
trasporti refrigerati
Giuseppe Morano
15040 Occimiano
Tel. 0142/400611
www.coldcar.it
FUCHS LUBRIFICANTI
gas refrigeranti
Diego Gherlone
14021 Buttigliera d’Asti
Tel. 011/9922811
www.fuchslubrificanti.it
SACIRT
FRIGORBOX
AIR LIQUIDE ITALIA SERVICE
ITALBRAS
LUBRIFICANTI
FLUIDI FRIGORIGENI
lubrificanti minerali
Carlo De Rinaldis
00157 Roma
Tel. 06/41793441
www.sacirt.it
REGOLAZIONE
E STRUMENTAZIONE
CAREL
regolazione elettronica,
sistemi di supervisione
Mauro Broggio
35020 Brugine
Tel. 049/9716611
www.carel.it
DANFOSS
compressori, filtri, spie del
liquido, valvole
Massimo Alotto
10137 Torino
Tel. 011/3000511
www.danfoss.com
HONEYWELL FLUORINE
ECONORMA
gas espandenti, gas refrigeranti
chimici
Giancarlo Matteo
20090 Assago
Tel. 348/2641783
www.honeywell.com
EUROLAB
HUDSON TECHNOLOGIES
EUROPE
smaltimento, rigenerazione fluidi
refrigeranti
Maria Luisa Bergamini
00060 Formello
Tel. 06/96701952
www.hudsontech.eu
RIVOIRA
fluidi secondari monofasici, gas
refrigeranti chimici
Ennio Campagna
Alessandro Borri
20157 Milano
Tel. 02/35793309
www.rivoiragas.com
REFRIGERAZIONE
INDUSTRIALE
TECHNOBLOCK
unità monoblocco, unità
condensatrici, chiller
Nancy Marchini
48029 Suzzara
Tel. 0376/555156
www.zanotti.com
regolatori di temperatura e umidità
Alessandro Mattiuzzi
31020 San Vendemiano
Tel. 0438/409049
www.econorma.com
taratura per strumentazione
industriale
Virgilio Prussi
20813 Bovisio Masciago
Tel. 02/39677257
www.eurolab.mi.it
KRIWAN ITALIA
ingegneria dei sistemi
Paolo Molteni
23868 Valmadrera
Tel. 0341/1765501
www.kriwan.com
TESTO
apparecchi di controllo,
sicurezza e regolazione
Fabio Mastromatteo
20019 Settimo Milanese
Tel. 02/335191
www.testo.it
SOFTWARE
ENERCLIMA
software condizionamento,
refrigerazione
Marcello Collantin
35125 Padova
Tel. 049/8829652
ENERGIE RINNOVABILI
CLER ENERGIE
ALTERNATIVE
installazione solare fotovoltaico
Giovanni Filippi
15033 Casale Monferrato
Tel. 0142/454216
www.clersrl.it
GMP ENGINEERING
impianti solari termici
Giuseppe Pullini
20093 Cologno M.se
Tel. 02/25410672
www.gmpengineering.it
ARIA CONDIZIONATA
ARGOCLIMA
impianti condizionamento, split,
multisplit, VRF, pompe di calore
Domenico Zanchetta
21013 Gallarate
Tel. 0331/755111
www.argoclima.com
DAIKIN AIR
CONDITIONING ITALY
aria condizionata, vendita
condizionatori
Marco Dall’Ombra
20097 S. Donato M.se
Tel. 02/51619205
www.daikin.com
RECIR
riscaldamento e condizionamento
Giovanni Migliori
00159 Roma
Tel. 06/43534503
TERMOIDRAULICA
AGOSTINI
accessori condizionamento
Fabrizio Agostini
00178 Roma
Tel. 06/7183958
www.t-agostini.com
ENTI CERTIFICATORI
BUREAU VERITAS ITALIA
ente certificatore
Cristina Norcia
Massimo Dutto
20126 Milano
Tel. 02/270911
www.bureauveritas.com/certificazione
TECNEA
ente certificatore
Francis Lanaud
15033 Casale Monferrato
Tel. 0142/540705
www.cemafroid.fr
TUV ITALIA
GRUPPO TUV SUD
ente certificatore
Francesco Lega
20099 Sesto San Giovanni
Tel. 02/241301
www.tuvitalia.it
21
Editoriale
Il cambiamento
ha avuto inizio
MARCO BUONI
Vice-Presidente Air Conditioning and Refrigeration European Association - AREA
Segretario Generale Associazione deiTecnici italiani del Freddo - ATFCoordinatore
pratico dei corsi nazionali del Centro Studi Galileo
Sono decine di migliaia i tecnici che, in
Italia, ancora, in grandissimo ritardo
rispetto alle normative, corrono a conseguire il patentino frigorista. Il refrigerante, ormai, non viene più consegnato
dai distributori e neppure le grandi catene di Fai da Te vendono il gas a chi sia
sprovvisto del Patentino Frigoristi PIF
(o certificazione azienda CIF).
Abbiamo trattato l’argomento nell’ultimo numero di Industria&Formazione
con l’articolo “l’ATF sventa la vendita
illegale di refrigerante” nel quale è
descritto l’impegno di ATF contro la
vendita illegale di refrigeranti e impianti split nei grandi magazzini.
Un fenomeno circoscritto ma che
rischiava di ledere il significato della
certificazione permettendo a chiunque
di acquistare gas. Il cosiddetto
Patentino Italiano Frigoristi, infatti, non
solo prevede sanzioni per chi opera
senza esserne in possesso, ma blocca direttamente la vendita di refrigerante eliminando alla fonte problemi.
Grazie alla certificazione infatti abbiamo per la prima volta un registro, un
vero e proprio Ordine, di tutti i frigoristi
italiani, che dà maggiore dignità alla
professione e deve essere rispettato
da tutti, con oneri e onori.
Il blocco della vendita illegale è stato
un lavoro di squadra, nel quale l’ATF
(principale associazione di categoria
dei tecnici del freddo) si è battuta grazie alle decine di segnalazioni di tecnici in tutta Italia, giunte con mail, telefonate, sms.
Il mondo sta procedendo unito nella
stessa direzione e, proprio per questo
motivo, tutte le nazioni aderenti
all’ONU stanno istituendo, con passi
22
più o meno veloci, una certificazione
dei tecnici che utilizzano gas refrigeranti fluorurati o naturali e alternativi.
Il mondo intero sta vivendo un “shift”,
una traslazione verso i refrigeranti
alternativi.
I paesi in via di sviluppo stanno
abbandonando ora l’utilizzo dell’R22 e
i paesi sviluppati lasciano o comunque
riducono drasticamente gli HFC.
Il cambiamento avviene sotto l’egida
delle Nazioni Unite e si pone l’obiettivo
di uno sviluppo sostenibile che porti a
non rinunciare ai comfort della refrigerazione e del condizionamento con una
maggiore consapevolezza ambientale
rispetto al passato.
Soprattutto in alcuni paesi in via di sviluppo le tecnologie del freddo sono
fondamentali.
Pensiamo al Maghreb o al Medio
Oriente. Come si sarebbero potute
sviluppare le grandi infrastrutture turistiche, le nuove città senza il condizionamento e la refrigerazione? Nei
paesi arabi più sviluppati vediamo sorgere infrastrutture straordinarie: centri
commerciali uniti da metropolitane,
stadi e palazzetti da sci indoor tutti
completamente sigillati e condizionati.
L’EXPO2015 di Milano è intitolata
“Nutriamo il Pianeta, Energia per la
Vita”.
Chi più di noi, Tecnici del Freddo e del
condizionamento può contribuire alla
conservazione dei cibi nei paesi in via
di sviluppo dove il 50% delle produzioni alimentari viene gettato a causa
della mancanza di un sistema di conservazione tramite la refrigerazione?
Il grande cambiamento del settore della
Refrigerazione farà da cornice al “XVI
CONVEGNO EUROPEO sulle ultime
tecnologie del freddo e del condizionamento”, che si svolgerà il prossimo 1213 giugno 2015 al Politecnico di Milano,
con il Patrocinio di EXPO 2015
I maggiori esperti mondiali di tutte le
associazioni (europee, americane,
arabe e dell’estremo oriente) si incontreranno per tracciare la via da seguire nei prossimi anni. Quali attrezzature utilizzare e soprattutto quali refrigeranti per quali impianti.
L’Europa assume la leadership di questo cambiamento consigliando e in
certi casi obbligando il cambiamento
verso i refrigeranti alternativi.
Le Nazioni Unite stanno supportando
questo progetto.
Bisogna essere pronti, sia con i refrigeranti naturali o sintetici a basso
impatto ambientale, sia con i componenti che devono essere idonei a questo cambiamento. Sicuramente i refrigeranti naturali saranno la tecnologia
ultima. La loro naturalità e disponibilità
in ambiente li rende i meno dannosi al
contatto con l’uomo.
Tuttavia l’industria del freddo scelse
già un secolo addietro i refrigeranti
sintetici, che cagionano certamente
maggior danno ambientale ma sono
più sicuri per l’operatore che li utilizza.
Per questo ora i refrigeranti sintetici di
4 generazione, i famosi HFO, ancora
HFC ma di vita infinitesimale, potranno anch’essi essere nella partita dei
refrigeranti del futuro. Ovviamente che
vinca il migliore. Il nostro interesse è e
sarà sempre:
– La tutela dell’ambiente
– La sicurezza dell’operatore che maneggia i macchinari
– L’incolumità del Tecnico che li ripara
– Il comfort ambientale e la conservazione degli alimenti
Tutti gli argomenti sopra saranno
ampiamente discussi al XVI Convegno
Europeo a Milano nell’ambito di
EXPO2015
In questo ambito si inseriscono anche
tutti gli incontri del CSG e dell’AREA,
istituzioni che rappresento, che si stanno svolgendo in ogni parte del mondo
per la definizione di un comune schema di certificazione e di formazione.
Ho scritto, sotto mandato delle
Nazioni Unite, un libro di quasi 100
pagine su come instaurare uno schema di certificazione nei paesi in via di
sviluppo e sviluppati.
Il CSG ha avuto l’incarico di formare
e di far decollare la certificazione in
Tunisia (vedi approfondimento a lato
di questo articolo), in Gambia, nei
paesi dell’ex-Unione Sovietica, in
Sudan. Molte altre nazioni stanno
promuovendo attività similari e
richiedono al Centro Studi Galileo
consulenza in merito. Centro Studi
Galileo è quindi un Ente universalmente riconosciuto per la formazione
e la certificazione dei tecnici che utilizzano qualsiasi tipo di refrigerante.
Il 2015 inizia sotto i migliori auspici per
l’Italia.
Congiunture economiche positive,
calo del prezzo dell’energia e del
petrolio, euro debole favorevole alle
esportazioni sono tre dati che in mix
allo spirito italiano cultore del bello,
dell’innovazione e della qualità potranno restituire all’Italia il ruolo di CAPITALE MONDIALE DEL FREDDO E
DEL CONDIZIONAMENTO.
●
ULTIME NOTIZIE
MASTER DEL FREDDO: PARTITI!
Con 15 partecipanti provenienti da tutta Italia ha preso il via venerdì a Casale Monferrato
presso la sede dell’Università del Piemonte Orientale il Master del Freddo, la più prestigiosa qualifica italiana per i Tecnici del Freddo.
L’iniziativa, che trae le mosse dal progetto “Casale Monferrato Capitale del Freddo”, vede
tra i suoi promotori il Centro Studi Galileo, l’agenzia di Sviluppo Lamoro, il Comune di
Casale Monferrato e le industrie casalesi che ospiteranno lezioni del Master all’interno dei
propri stabilimenti.
“Casale è polo del settore e l’attività del Centro Studi Galileo è garanzia di qualità in un percorso importante come quello della formazione dei suoi tecnici” ha affermato il Sindaco
Titti Palazzetti alla quale chiosa il ViceSindaco Cristina Fava che soddisfatta che il Master si
tenga a Casale Monferrato pone l’accento sul fatto che “conferisce alta professionalità e
darà anche modo ai partecipanti di conoscere le eccellenze cittadine”.
Continua a leggere su http://industriaeformazione.it/2015/03/04/master-del-freddo-partiti
NOTIZIE DALL’EUROPA
(da www.refripro.eu)
POLITICA & AMBIENTE
Novità: L’eco-design per gli apparecchi intelligenti
La Commissione Europea ha avviato uno studio dedicato all’argomento degli “apparecchi
intelligenti” (smart appliances) finalizzato all’analisi degli aspetti tecnici, economici, sociali
e ambientali degli stessi.
La Commissione Europea valuta l’etichettatura energetica
Tutti la conoscono, ma è davvero così chiara? L’etichettatura energetica indica l’efficienza
energetica di televisori, frigoriferi, lavatrici, pompe di calore, caldaie, ecc. L’obiettivo è spingere i consumatori ad acquistare degli apparecchi efficaci sul piano energetico.
INDUSTRIA & TECNOLOGIA
PROCLIMATE 2015: congresso sulla refrigerazione e sulla climatizzazione di Varsavia
Il 4 marzo a Varsavia, oltre 150 partecipanti da tutta Europa hanno preso parte alla seconda edizione del congresso PROCLIMATE organizzato dall’associazione europea dei fabbricanti EPEE e dall’associazione polacca KFCH. La priorità è stata data all’eco-design e al
nuovo regolamento sui gas fluorurati.
Fluidi refrigeranti: AREA lancia un programma online
Il 19 marzo, sarà lanciato il programma di formazione online REAL Alternatives. In
programma c’è un webinar dedicato all’uso sicuro, efficace e affidabile dei fluidi con
un basso potenziale di riscaldamento globale come la CO2, l’ammoniaca, gli idrocarburi e gli HFO.
ECONOMIA & GENERALITÀ
Cerca “Centro Studi Galileo”
su Facebook
Cerca “Centro Studi Galileo”
su Twitter
Cerca “Centro Studi Galileo”
su YouTube
26° salone CHR di Shanghai
Dall’8 al 10 aprile si terrà a Shanghai la 26a edizione del CHR, il salone internazionale
della refrigerazione, climatizzazione e ventilazione. Nato nel 1987, il CHR è diventato
uno dei saloni più importanti del mondo per il settore. Gli organizzatori stimano una
presenza di 1500 espositori provenienti da tutto il mondo e circa 60.000 visitatori da
oltre 100 paesi.
L’Unione dell’Energia: energia sicura,sostenibile,competitiva e a prezzi accessibili per
tutti gli europei
L’energia serve per il riscaldamento e l’aria condizionata degli edifici, per il trasporto delle
merci e per alimentare il motore dell’economia. Tuttavia, l’invecchiamento delle infrastrutture, la frammentazione dei mercati e la mancanza di coordinamento delle politiche impediscono ai consumatori, alle famiglie e alle imprese di beneficiare di una scelta più vasta o
di prezzi dell’energia meno elevati.
23
Speciale formazione internazionale
Le Nazioni Unite incaricano
il Centro Studi Galileo
di sviluppare i centri di formazione
in Tunisia
FEDERICO RIBOLDI
Responsabile relazioni esterne Centro Studi Galileo
La Tunisia deve eliminare i gas refrigeranti dannosi per l’ozono. I centri
di formazione presenti svolgono
tutt’ora corsi con gli F-Gas ma devono ristrutturarsi secondo gli standard europei. Le Nazioni Unite
hanno quindi dato il compito a
Centro Studi Galileo di trasformare i
centri esistenti in strutture formative
tecnologicamente avanzate.
Centro Studi Galileo dovrà quindi
verificare la situazione attuale, istituire corsi in ogni centro formativo
sui nuovi gas refrigeranti, attualizzare metodi formativi e strumentazioni utilizzate, per garantire ai
Tecnici tunisini un Patentino
Frigoristi e un livello di formazione
al passo con le regolamentazioni
internazionali.
E’ partito ieri il nuovo progetto internazionale del Centro Studi
Galileo. Marco Buoni, Direttore
Tecnico, e Madi Sakande, Docente
CSG, sono volati in Tunisia dove,
sotto incarico delle Nazioni Unite,
hanno partecipato al meeting inaugurale per fare il punto sulla formazione
dei tecnici della Tunisia.
L’obiettivo è che anche i Tecnici di quest’area calda del mondo possano conseguire il Patentino Frigoristi, con il
bagaglio di competenze che ne deriva. Il problema dell’effetto serra e dei
refrigeranti dannosi all’ambiente non è
una tematica da affrontare solo a livello europeo.
Tutti devono contribuire e anche i tecnici africani occorre che si rendano
conto delle proprie responsabilità
quando maneggiano gas, che, se
24
dispersi in atmosfera, sono dannosi
per l’ambiente e per il clima. La Tunisia
conta con una rete di centri di formazione professionale gestiti da CENAFFIF (Centro Nazionale per Formazione
di formatori in Ingegneria) e ATFP
(Associazione dei Tecnici per la formazione professionale). Più in particolare,
ci sono cinque centri di formazione
specifici per il settore che si occupano
anche di energia con specifici moduli
formativi sulla refrigerazione e condizionamento della durata flessibile da
30 a 90 ore. Centro Studi Galileo ha
avuto il compito di stringere una partnership con questi centri, vista anche la
vicinanza della sede dei corsi CSG di
Palermo.
L’assistenza fornita ai centri tunisini
verte sull’aggiornamento dei loro
moduli formativi, sulla fornitura e
l’indirizzamento verso nuovi corsi
(come per esempio sui refrigeranti
alternativi) e sulla conduzione di
un’accurata valutazione delle attrezzature formative a disposizione, con
conseguente implementazione, oltre
all’organizzazione di sessioni di formazione dei formatori.
Come detto l’incontro è stato inaugurato ieri, presso il quartier generale
ONU-ANPE di Tunisi, ma il meeting
introduttivo durerà sino al 13 marzo.
Esperti del CSG stanno visionando i
centri per definire la situazione attuale, possibili miglioramenti e
Marco Buoni presenta nella sede di Vienna delle Nazioni Unite il programma di formazione
per l’Africa.
Un momento del Meeting presso la sede delle Nazioni Unite di Tunisi sullo sviluppo dei centri di
formazione nel Maghreb.
stabilire tempi e metodi per attuare tali
attività.
Nei prossimi giorni sono previsti:
• incontro con i rappresentanti di
CENAFFIF e ATFP per la presentazione di uno schema di aggiornamento dei moduli di formazione
attualmente offerti su refrigerazione
e climatizzazione presso i centri di
formazione;
• visita dei cinque centri di formazione
per effettuare la valutazione delle
esigenze di attrezzature;
• progettazione e realizzazione di un
programma di formazione che vuole
ottenere in primis la garanzia che i
tecnici abbiano assimilato le buone
pratiche nella gestione dei refrigeranti HCFC, con contenuti specifici
sulle alternative presenti sul mercato
e in secundis una formazione continua di tecnici consapevoli dell’esigenza di convertire e aggiornare i
sistemi.
L’obiettivo è quello di formare e certificare circa 500 tecnici, in tutti i principali settori della refrigerazione e condizionamento:
• climatizzazione residenziale (150 tecnici);
• commerciale e condizionamento industriale (150 tecnici);
• refrigerazione (50 tecnici);
• hotel e ospitalità (50 tecnici);
• healthcare (25 tecnici);
• pesca (25 tecnici);
• alimentari (25 tecnici);
• government (25 tecnici).
Si stima che l’attuazione di tale programma richieda 20 workshop in 5
luoghi diversi. A conclusione del processo di preparazione alla formazione
Centro Studi Galileo è stato chiamato
a tre successivi delicati incarichi:
• creazione di un programma di certificazione nazionale che assicuri la
padronanza legale della professione
solo ai tecnici qualificati e patentati,
di concerto con il Ministero
dell’Industria;
• progettazione di un programma di
incentivazione per l’aggiornamento e
la sostituzione di attrezzature con la
finalità di ridurre perdite e inefficienze;
• progettazione di un programma di
sensibilizzazione sulle date phaseout e le misure di sostegno correlate
nella fase-out. La campagna sarà
coordinata con il locale Ordine degli
Ingegneri.
I Tecnici tunisini sono favorevolissimi
ad una collaborazione con l’Italia tuttavia il patrimonio linguistico differente
richiede ai formatori di avere buona
padronanza scritta e parlata dell’inglese e del francese. La prima per le
comunicazioni e i report con UNIDO –
ONU e la seconda per le comunicazioni con gli stakeholder locali e per le
lezioni teorico pratiche.
●
ULTIME NOTIZIE
Si inaugura il corso online per i fluidi refrigeranti alternativi
Webinar in italiano a cura di Centro Studi Galileo
Giovedì 9 aprile dalle ore 15,00 alle 16,00 si terrà un webinar, ovvero una
conferenza gratuita sul web visibile direttamente dal proprio PC, del progetto Comunitario Real Alternatives, che rientra nel piano più ampio della
formazione sui nuovi refrigeranti alternativi a quelli dannosi per l’effetto
serra. E’ possibile Iscriversi ora cliccando sul collegamento seguente:
https://attendee.gotowebinar.com/register/8383572017838225154
Nel corso della conferenza si terrà la presentazione del Progetto
Europeo, patrocinato dalla Commissione Europea DG Clima e dall’UNEP,
dipartimento per l’ambiente delle Nazioni Unite. Real Alternatives mira a
realizzare un corso di formazione online in lingua italiana sui Refrigeranti
Alternativi a basso impatto ambientale, vista la vastissima portata del loro
futuro utilizzo. Marco Buoni, VicePresidente AREA, Segretario Generale
ATF e Direttore Tecnico del Centro Studi Galileo si dice “soddisfatto dell’opportunità che siamo riusciti ad offrire a tutti i tecnici del freddo di lingua italiana. Il sistema del webinar, molto diffuso nei paesi anglofoni, è un
utile strumento che, particolarmente sul tema delicato dei nuovi refrigeranti naturali, può fornire al nostro settore un’occasione di confronto rapida ed efficace” Relatori del webinar lo stesso Buoni e l’Ing. Marino Bassi,
da 30 anni docente ai corsi del Centro Studi Galileo.
Continua a leggere
http://industriaeformazione.it/2015/03/18/conferenza-web-in-italianodel-progetto-europeo-real-alternatives/
25
Speciale ultime tecnologie
Il futuro del CO2
Confronto di diverse configurazioni
di un sistema ad R744 per supermercati
nei paesi più caldi
A. HAFNER, P. NEKSÅ
SINTEF Energy Research, Norway
PRESENTAZIONE
Il rendimento energetico, il recupero di
energia e il costo dell’efficienza dei
sistemi di refrigerazione commerciale
hanno ancora un potenziale considerevole di sviluppo per i sistemi che utilizzano l’R744 come unico refrigerante (ndr non in cascata). L’architettura e
la progettazione del sistema deve
analizzare con attenzione l’efficienza
del sistema quando le unità vengono
utilizzate a temperature ambiente elevate. L’obiettivo di questo studio è quello di valutare l’energia richiesta per
diversi sistemi commerciali ad R744 in
vari luoghi del mondo. Secondo Hafner
le configurazioni più promettenti per le
temperature ambiente più elevate sono:
• ciclo booster standard a R744 (ciclo
di base ad anidride carbonica);
• ciclo booster a R744 con unità di sottoraffreddamento meccanico (MS),
fluido di lavoro MS: idrocarburo;
• R744 eiettore con sistema a compressione parallelo.
Il consumo energetico di queste configurazioni di sistemi a R744 è, poi, raffrontato ai valori dei sistemi commerciali con l’HFC 404A. Si dimostra che
il livello di efficienza dei sistemi ad
R744 potrebbe essere aumentato al
fine di superare quelli del sistema ad
HFC per tutte le temperature ambienFigura 1.
Intervalli di temperatura per alcune città.
Numero di ore [-]
(Fonte Meteonorm)
26
te fino a 42 °C utilizzando un sottoraffreddamento meccanico o un eiettore
con compressione parallela. Ciò significa che i sistemi potrebbero essere
competitivi dal punto di vista energetico nei momenti di maggiore consumo
anche nei paesi più caldi. A temperature ambiente più basse, il rendimento
dei sistemi a R744 è sempre superiore, dando come risultato un rendimento stagionale dei sistemi ad R744 che
supera nettamente quello dei sistemi
ad HFC.
Parole Chiave: refrigerazione commerciale ad R744; sistema ad alta
temperatura ambiente, sistema eiettore ad R744.
Figura 2.
Ciclo booster standard ad R744.
Figurà 3.
Ciclo booster standard ad R 744 con un’unità
di sottoraffreddamento meccanica.
Gas cooler
Valvola di
espansione
(alta pressione)
Gas cooler
Valvola di espansione
(scambiatore interno)
Compressore
Flash tank
Valvola di espansione
(alta pressione)
Valvola di espansione
(scambiatore interno)
Scambiatore
interno
Flash tank
Scambiatore
interno
Valvola di
espansione
(evaporatore)
Evaporatore
Valvola di espansione
(evaporatore)
Evaporatore
INTRODUZIONE
Dopo il revival del biossido di carbonio
alla fine degli anni ’80 da parte di
Gustav Lorentzen (1992/94/95) sono
state individuate diverse aree di applicazione dove una transizione dagli
HFC al fluido naturale R744 sembrava
possibile con una riduzione del consumo energetico ed un minore impatto
sull’ambiente. I sistemi mobili ne sono
un esempio, infatti l’efficienza del
sistema è stata migliorata di oltre il
100% grazie alla competizione tra i
sistemi HFC e quelli ad R744 tra il
1995 e il 2005. Le pompe di calore ad
R744 per il riscaldamento dell’acqua
potabile sono diventate di uso comune
in Giappone (Neska, 2010).
Una fase di sviluppo, altrettanto innovativa, è in corso nel settore della refrigerazione commerciale industriale
Serwas (2012). I clienti finali che utilizzano questi sistemi stanno diventando
sempre più consapevoli dell’ importanza di fattori quali il consumo energetico e l’impatto sull’ambiente della loro
attività. Per questa ragione il numero
di unità commerciali transcritiche sta
aumentando velocemente in Europa.
L’industria sta cercando di sviluppare
delle soluzioni standard per ottenere
vantaggi dal punto di vista economico
producendo più unità simili. Dato che
le unità ad R744 ora in uso sono efficienti dal punto di vista energetico nella
maggior parte delle regioni europee,
Serwas (2013), è necessario identificare le configurazioni del sistema che
apriranno le porte del mercato alle tecnologie dei refrigeratori commerciali a
R744 nell’Europa meridionale e nelle
altre parti del mondo caratterizzate da
climi particolarmente caldi.
Il COP (ndr rendimento) dei sistemi
booster ad R744 sono stati descritti da
Finckh (2011) e ne è risultato che quando questi sistemi sono operativi a temperature superiori a 22-26 °C hanno un
COP leggermente minore rispetto a
quello delle unità commerciali ad HFC
404A; dunque nei momenti di maggiore richiesta energetica, questa potrebbe
essere maggiore. Tuttavia, un’analisi sul
consumo energetico annuale deve
tenere in considerazione ogni ora di attività nell’anno, perché le unità refrigeranti commerciali all’interno dei supermercati sono attive 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per 52 settimane all’anno.
Questo studio utilizza i risultati descritti da Hafner (& Hemmingsen e al.,
2014), combinandoli tra loro ed applicandoli alle installazioni per un’analisi
della richiesta energetica per supermercati in varie condizioni climatiche.
MODELLI E METODI
I dati relativi all’efficienza dei sistemi
refrigeranti booster commerciali ad
R744 sono stati pubblicati da Finck et
al. nel 2011. Al fine di aumentare
l’efficienza a temperatura ambiente
superiore a 26 °C sono state proposte
due alternative: una utilizza un sistema
di refrigerazione standard per il sotto
raffreddamento meccanico e l’altra utilizza un eiettore con compressione
parallela. Basandosi su un rendimento
27
Figure 4.
Sistema a compressione parallela con eiettore.
Figure 5.
Efficienza di diversi eiettori Banasiak 2012.
Banasiak 2012.
Linea aspirazione
scambiatore
Compressore Compressore
principale
addizionale
Eiettore
Flash tank /
separatore
di fase
Accumulatore
Valvola di espansione
(compressore)
Evaporatore
sperimentale dell’eiettore ed un rendimento reale del compressore è stato
utilizzato un modello semplificato per
prevedere l’efficienza alle diverse temperature ambientali. Questi valori sono
stati utilizzati per valutare il consumo
energetico in diverse città cinesi basandosi sulle letture delle temperature.
Condizioni climatiche
Il database meteonorm 7 è stato applicato per valutare le condizioni a temperatura ambiente per:
• città nordamericane: Chicago, Los
Angeles, El Paso e New York.
• città sudamericane: Panama, Rio de
Janeiro, Santiago de Chile e Punta
Arenas.
• città del Sud Europa: Lisbona, Roma,
Madrid ed Atene.
• città africane: Cairo, Mombasa, Dakar
e Cape Town.
• città indiane: Kolkota, Mumbai, Chennai e Nuova Delhi.
• città cinesi: Pechino, Shangai, Guangzhou e Hangzhou.
• città australiane: Perth, Darwin, Melbourne e Sydney.
La Figura 1 illustra gli intervalli della
temperatura (intervalli 5K) che indicano le diverse zone climatiche.
28
Efficienza misurata dell’eiettore [-]
Gas cooler
Lato alta pressione [Pa]
Unità refrigerazione commerciale
Il rendimento energetico delle diverse
configurazioni del sistema ad R744
sono raffrontate alle condizioni di elevate temperature ambientali. Nei valori indicati sono presenti solo i sistemi a
temperature medie, in quanto i sistemi
a temperatura più fredda, come per
esempio nell’applicazioni di congelamento, il risultato sarebbe simile in
tutte le configurazioni.
Condizioni limite e presupposti
I dati relativi alle caratteristiche del rendimento del compressore (efficienza
isentropica in rapporto alla pressione)
per le applicazioni con l’R744 e l’R290
sono tratti dalle tabelle pubblicate da
BITZER (2010). Il limite prefissato del
separatore è di 40 bar, con l’eccezione
del sistema ad eiezione, a causa delle
pressioni variabili di evaporazione
dovute all’assenza di richiesta di surriscaldamento negli evaporatori.
La figura 2 illustra il sistema base, il
classico sistema booster ad R744,
con un bypass del gas (9-11) dal
separatore alla linea di aspirazione del
compressore attraverso uno scambiatore di calore interno. Ci sono tre livel-
li di pressione, indicati da B(assa) –
M(edia) – A(lta) diversi, in un sistema
booster di base.
La maggior parte dei sistemi booster
ad R744 installati, soprattutto nell’Europa settentrionale, hanno la struttura
illustrata alla figura 2. Con questa configurazione il lato alta pressione non è
presente nella parte del negozio aperta al pubblico, per esempio all’entrata
degli evaporatori all’interno degli
espositori. La pressione potrebbe
essere mantenuta al di sotto dei 40-45
bar grazie a questa tecnologia.
Tuttavia, si prevede un aumento a 60
bar in un prossimo futuro; un altro vantaggio è il tempo addizionale tra il
momento in cui manca la corrente e lo
spegnimento dovuto all’aumento della
pressione ancora presente. I sistemi a
60 bar si riavvieranno da soli dopo
un’interruzione di corrente prolungata
grazie alla presenza di carica, offrendo un vantaggio particolarmente
importante per i centri rurali. Il COP di
un ciclo booster di base è determinato
dalla capacità di raffreddamento dell’evaporatore diviso per l’energia consumata al compressore.
I sistemi booster standard ad R 744 a
45 bar, come descritti alla figura 2,
Figura 6.
Il COP di diversi sistemi di refrigerazione commerciale. La sezione sinistra è quella presentata da Finckh 2011,
e la sezione destra presentata da Hafner 2014 per condizioni a temperature ambiente elevate di unità ad R 744.
Il rendimento dell’HFC è stato estrapolato a circa 42 °C.
Temperatura ambiente [°C]
hanno un dispositivo di sottoraffreddamento dalla capacità limitata nel caso
di un’interruzione di corrente. Questa
unità, collegata al separatore, deve
mantenere una certa pressione nel
sistema per evitare che la stessa
salga oltre il limite massimo della valvola di sicurezza.
Il sistema migliorato, illustrato alla figura 3, con una maggiore capacità del
dispositivo meccanico di sotto raffreddamento, è in grado di ridurre significativamente la temperatura del refrigerante del dispositivo di raffreddamento principale del gas. Il sistema di
raffreddamento meccanico rappresenta un’alternativa pratica, applicata
negli impianti pilota da Carrier in
Spagna, Serwas (2013). Il propano,
che è un fluido naturale, (R290) è utilizzato come refrigerante nei dispositivi di sottoraffreddamento « spagnoli »
dei sistemi booster ad R744. Il condensatore del dispositivo di sottoraffreddamento deve mandare il calore
verso l’aria ambiente. 10K è la differenza di temperatura richiesta all’interno degli scambiatori di calore. Per calcolare l’efficienza del ciclo vi sono due
approcci differenti :
• Il dispositivo di sottoraffreddamento è
in grado di ridurre la temperatura del
refrigerante R744 ad un dato punto
prefissato, per esempio 20 °C (valore
non applicato in questo studio).
• La capacità del dispositivo di sottoraffreddamento è limitata ad una
certa capacità di raffreddamento,
per esempio fino al 30% della capacità totale di raffreddamento.
Il COP del sistema booster ad R 744
con il sottoraffreddamento meccanico
è definito come la capacità di raffreddamento dell’evaporatore divisa per la
somma dell’energia in ingresso al
compressore a R744 e quella in
ingresso al compressore a R290.
La figura 4 illustra il sistema a compressione parallela con eiettore come
descritto da Hafner e al. 2012.
L’eiettore, che utilizza la differenza
della pressione normalmente dissipata all’interno della valvola a farfalla per
il recupero dell’energia, controlla attivamente l’alta pressione a seconda
della temperatura ambiente e del carico, per esempio per far funzionare il
sistema refrigerante ad un COP ottimale. Il compressore principale è collegato al separatore a valle dell’eiettore. La pressione di aspirazione è dunque tra 3 e 10 bar più elevata rispetto
ad un sistema booster ad R744 tradizionale, Girotto(2013). L’eiettore per-
mette di mantenere una certa differenza di pressione tra il separatore e
l’accumulatore a valle degli evaporatori, così che il refrigerante liquido possa
essere distribuito agli evaporatori negli
espositori e tornare all’accumulatore.
A temperature ambiente basse o
medie la ottimale pressione sul lato
alta pressione è bassa, cioè funzionamento sub critico dei sistemi di refrigerazione ad R744. In questo caso la
capacità di aumento della pressione da
parte dell’eiettore è limitata in quanto la
capacità di espansione è limitata.
Dunque, il compressore parallelo addizionale è collegato all’uscita del vapore
dell’accumulatore per comprimere una
parte del vapore direttamente sul lato
ad alta pressione. Ciò permette agli
eiettori di controllare l’aumento di pressione del flusso del refrigerante attraverso l’eiettore, verso il separatore. Il
refrigerante liquido di ritorno ha la priorità, perché in questo modo il sistema è
sempre in grado di aumentare la temperatura di evaporazione negli evaporatori per medie temperature di circa 2° C a causa degli evaporatori allagati
(Hafner, Schonenberger e al 2014).
Questo valore è stato applicato in questo studio.
Il COP del sistema munito di eiettore è
29
Figura 7.
COP di diversi sistemi e relativo carico di raffreddamento in funzione della temperatura ambiente.
Temperatura ambiente [°C]
definito come la capacità di raffreddamento dell’evaporatore divisa per la
somma della corrente in ingresso al
compressore principale e al compressore parallelo addizionale.
L’efficienza dell’eiettore, come illustrato nella figura 5, è definita come il rapporto tra il valore del lavoro di espansione recuperato dall’eiettore e il valore massimo di lavoro di espansione o
potenziale di recupero. Il lavoro recuperato è utilizzato per precomprimere
il fluido che lascia gli evaporatori e
torna al separatore di fase. Il limite
superiore dell’efficienza dell’eiettore in
questo studio non supera il 30%.
Efficienza dei sistemi commerciali
La figura 6 illustra una combinazione
tra il lavoro di analisi di Finckh 2011 e
l’ultima simulazione di alcuni sistemi
commerciali a temperatura ambiente
elevata, Hafner 2014. La gamma di
temperature del sistema ad R 744 è
stata aumentata; inoltre anche i COP
dei sistemi a temperatura ambiente
moderata sono stati calcolati con questo modello. Sono state prese in considerazione le condizioni limite di
sistemi ad R 744 e, per questa ragione, i risultati della simulazione con un
sistema booster ad R 744 coincidono
con il rendimento misurato sul campo.
Sono state applicate le stesse condizioni sia per il sistema a compressio-
30
ne parallela con eiettore sia per il
sistema booster con l’unità a sottoraffreddamento meccanico.
La figura 7 illustra i valori dei COP dei
diversi sistemi alle temperature
ambiente che rappresenta la temperatura media delle temperature illustrate alla figura 1.
La capacità di raffreddamento relativa
è indicata come il 50% della capacità
installata quando la temperatura
ambiente è minore di 25 °C. A temperature ambiente più elevate, i carichi di
raffreddamento degli espositori e delle
celle aumentano, come indicato dalla
linea blu.
I valori del COP relativi alle temperature
sono moltiplicati per il numero di ore di
ogni valore della temperatura. Infine, il
consumo energetico richiesto è sommato al consumo energetico annuale.
RISULTATI E CONCLUSIONI
Sono stati scelti due modi differenti di
analizzare i dati ottenuti. Il sotto capitolo 3.1 presenta un approccio locale,
cioè un sistema in ogni collocazione
che rappresenta il punto di riferimento
(100%) mentre si confronta con il consumo energetico annuale delle soluzioni alternative. Nel sotto capitolo 3.2
il sistema ad HFC 404A collocato
nella città contrassegnata con una
stella(*) è stato scelto come punto di
riferimento per il continente, permettendo di effettuare una stima dell’influenza del clima sul consumo energetico negli impianti di refrigerazione
ad uso commerciale sulla terra.
Raffronto locale
Il consumo annuale di energia di un
sistema ad HFC 404A è stato scelto
come punto di riferimento per un raffronto tra diverse unità di refrigerazione
commerciali. La figura 8 illustra come le
differenze relative al consumo energetico siano simili quando si paragonano
tra loro i diversi luoghi. Tuttavia, il sistema booster standard ad R744 deve
affrontare delle sfide ad El Paso, Rio,
America Centrale (Panama), Africa,
India e Cina Meridionale così come
Australia Settentrionale, a causa delle
numerose ore di funzionamento a temperature ambiente elevate come indicato alla figura 1.
Alle condizioni di carico studiate e su
un periodo di funzionamento di12
mesi, ora per ora, i sistemi ad R 744
con eiettore richiedono dal 72 all’89%
dell’energia richiesta dal sistema ad
HFC 404A nei medesimi luoghi. L’unità
di sotto raffreddamento meccanico ad
R 744/ R 290 richiede tra il 77 e il 97%
del valore base, mentre un’unità booster standard ad R744 richiede tra il 77
e il 113%.
Figura 8.
Consumo energetico annuale dei sistemi di refrigerazione commerciali alternativi. I sistemi locali
ad HFC sono fissati al 100%.
Figura 9.
Consumo energetico relativo annuale dei sistemi di refrigerazione commerciale alternativi per 4 diversi luoghi.
I sistemi ad HFC nelle città contrassegnate con un asterisco sono fissati al 100% per il continente.
Differenze regionali
La figura 9 illustra le differenze relative al consumo energetico nelle diverse regioni di un continente. I sistemi
ad HFC 404A collocati nelle città contrassegnate con un asterisco sono le
unità di riferimento per questo confronto. Dato il numero elevato di ore di
attività a temperature ambiente elevate, indicate alla figura 1, le unità di
refrigerazione commerciale collocate
nei climi caldi richiedono maggiore
energia rispetto a quelle collocate in
zone più fredde.
Le unità ad R744 collocate a Chicago
richiedono solo dal 58% al 65% di un
sistema ad HFC 404A collocato ad El
Paso, mentre l’unità locale ad HFC
404A richiederebbe ancora il 74%. Le
unità commerciali collocate nelle
regioni settentrionali del Sud America
richiedono più energia rispetto a quelle situate nelle zone meridionali come
Santiago e Punta Arenas.
Le unità commerciali collocate a
Roma, Lisbona ed Atene richiedono
un maggiore consumo energetico
rispetto a quelle collocate nella
Spagna centrale (Madrid).
Se raffrontata all’unità ad HFC 404A a
Mombasa, l’unità ad R 744 con eiettore collocata a Cape Town richiede solo
il 40% dell’energia, mentre un’unità
standard ad HFC 404A richiede ancora il 62% nelle zone più meridionali
dell’Africa.
31
In India, le unità commerciali di refrigerazione hanno circa lo stesso consumo energetico con un piccolo
aumento nella parte meridionale
dell’India (Chennai) rispetto a quelle
installate in località più settentrionali
come Kolkata.
Un’unità commerciale ad R 744 con
eiettore installata a Guangzhou richiede il 13% in più di energia di una ad
HFC 404A installata a Beijing.
Tuttavia, un’unità ad HFC 404A a
Guangzhou richiede il 34% in più dell’unità ad HFC a Beijing.
Rispetto ad un’unità ad HFC 404A
installata a Darwin, l’unità ad R744
con eiettore installata a Melbourne
richiede solo il 46% dell’energia, mentre un’unità standard ad HFC 404A
richiede ancora il 60% nelle zone meridionali dell’Australia. A Sydney il consumo di un sistema ad R744 con eiettore sarebbe del 54% e del 57% a
Perth.
CONCLUSIONI ED ULTERIORI
LAVORI
Per l’Europa centrale e le regioni settentrionali le cifre risulterebbero essere
a favore delle unità ad R 744, che stanno suscitando l’interesse del mercato e
sono spesso scelte dalle catene di
supermercati, almeno di Scandinavia. Il
resto dell’Europa centrale la seguirà
quando i costi dei sistemi ad HFC
supereranno quelli delle unità ad R
744, come avviene in Scandinavia.
Il consumo energetico relativo delle
unità ad R744 nel settore della refrigerazione commerciale è stato analizza-
Centro Studi Galileo organizza corsi internazionali di formazione per utilizzare gas refrigeranti
alternativi e naturali come gi idrocarburi (R290, R600a), CO2 (R744), Ammoniaca (R717).
to in luoghi differenti del mondo. E’
stato effettuato un raffronto tra le unità
ad HFC 404A e il loro rendimento sul
campo per un anno prendendo in considerazione le temperature ambiente
ora per ora.
E’ stato analizzato solo il consumo
energetico. L’impatto ambientale causato dalla produzione del refrigerante
o da sue eventuali fughe non è stato
analizzato. Tuttavia, certamente sottolineerebbe l’impatto negativo delle
unità ad HFC.
Se raffrontate alle unità ad HFC 404A,
quelle ad R744 con eiettore con com-
Distributore SUNISO
leader mondiale lubrificanti minerali
e sintetici (P.O.E.) per compressori frigoriferi
00157 ROMA - Via Melissa, 8
Tel. (+39) 06 41793441-5232
Fax (+39) 06 41793078
www.sacirt.it [email protected]
32
pressione parallela presentano valori
relativi all’efficienza energetica maggiori, seguiti da un sistema booster
standard dotato di un sistema di sotto
raffreddamento meccanico esterno. E’
possibile risparmiare energia in molte
regioni sostituendo l’unità ad HFC
404A anche con sistemi booster standard ad R744, ad eccezione per le
aree caratterizzate da temperature
estremamente elevate e numerose
ore operative.
Si stanno realizzando i primi impianti
pilota ad R744, mentre alcuni, descritti in questo lavoro, sono già operativi
in Europa. In breve tempo sarà a
disposizione una conoscenza pratica,
che permetterà di decidere se si tratti
di una soluzione fattibile nell’Europa
meridionale, in Asia, Africa, America
ed Australia, regioni caratterizzate da
temperature elevate e che non stanno
utilizzando la tecnologia dell’R744.
L’innovazione rappresentata dalle unità
ad R 744 permetterà di ottenere risultati migliori di quella ad HFC non solo
dal punto di vista del GWP causato
dalle fughe dal sistema. Molto importanti sono l’efficienza energetica e la
durata di queste unità perché devono
funzionare 24 ore al giorno per 7 giorni alla settimana per decenni.
●
Speciale nuove tecnologie nel freddo e condizionamento
I refrigeranti del futuro
La ricerca di un refrigerante a basso GWP:
cos’ha guidato la scelta
dell’industria automobilistica
MASSIMILIANO MANDRILE
FIAT Group Automobiles
L’industria automobilistica ha
speso anni di attività alla ricerca di
un nuovo refrigerante in grado di
sostituire l’R-134a attualmente
utilizzato nei sistemi di
condizionamento automobilistico
(Mobile Air Conditioning). Questo
refrigerante è infatti bandito in EU
a causa del suo elevato potenziale
di riscaldamento globale (Global
Warming Potential).
Questa memoria tecnica si
prefigge di spiegare quali siano
state le ragioni che hanno guidato
la scelta dell’industria.
candidabile a diventare la scelta;
capace di essere la migliore sotto
l’aspetto dell’impatto ambientale ed
allo stesso tempo sicura quanto l’R134a per i clienti, le officine di riparazione, così come per coloro che intervengono per prestare i soccorsi in
caso d’incidente.
Questo lavoro si focalizzerà sui due
refrigeranti che hanno avuto le maggiori preferenze:
• R-744 (GWP=1)
• R-1234yf (GWP=4)
INTRODUZIONE
DIFFERENZE TRA I SISTEMI
DI CONDIZIONAMENTO
Da un punto di vista delle proprietà
fisiche i due refrigeranti mostrano
notevoli differenze (cfr figura sotto).
Il sistema ad R-744 deve lavorare con
un ciclo frigorifero transcritico a pressioni molto alte.
Per questa caratteristica occorrono
modifiche pesanti ai componenti che
richiedono un nuovo sviluppo tecnologico.
Le proprietà del R-1234yf sono invece
molto simili a quelle del R-134a, fatto
che permette di utilizzare con questo
refrigerante gli stessi componenti oggi
usati sia in termini di tecnologia sia di
dimensioni.
Nell’ambito delle attività nate per limitare e controllare le emissioni di CO2
derivanti dalle attività umane, la
Commissione Europea ha introdotto il
regolamento 2006/40/EC con, in particolare, l’obiettivo di ridurre le emissioni dovute al rilascio in atmosfera dei
refrigeranti ad alto effetto serra utilizzati nei MAC. La sfida maggiore è
stata posta dalla richiesta di lungo termine: trovare un gas refrigerante con
GWP inferiore a 150. Per confronto,
l’attuale R-134a ha un GWP di 1430.
L’industria automobilistica ha fatto partire moltissime attività, molte delle
quali sviluppate in team a cui hanno
collaborato costruttori, fornitori, università, laboratori specialistici cooperando per condividere e scambiare
idee, risultati di test ed analisi. Si sono
valutate numerose alternative con
l’obiettivo chiaro di identificare quella
33
La figura mostra le differenze in termini di componenti da utilizzare per i due MAC.
GAS COOLER
CONDENSATORE
CICLO FRIGORIFERO
COMPRESSORE
CICLO FRIGORIFERO
COMPRESSORE
SCAMBIATORE
DI CALORE INTERNO
EVAPORATORE
ACCUMULATORE
EVAPORATORE
La tabella elenca le differenze relativamente ad alcuni principali parametri di
funzionamento dell’impianto.
Un sistema a R-744 richiede di impiegare molti più componenti e con un
livello tecnologico e di controllo elettronico superiore per ottenere una
prestazione di raffreddamento abitacolo equivalente a quella del sistema
a R-134a di riferimento. Questo spiega l’aumento di massa.
IL TEMA DELL’EFFICIENZA
I migliori fornitori di componenti e di
sistema, così come laboratori ed università tra le più accreditate, hanno
collaborato alla costruzione di molte
vetture prototipali equipaggiate con
sistemi clima funzionanti con i due
refrigeranti. Un numero incalcolabile di
prove sono state eseguite a banco e
su vettura. Fin dall’inizio dei nostri test
fu evidente come con l’R-744, nonostante il livello tecnologico decisamente più avanzato del sistema, fosse
appena possibile raggiungere le prestazioni di comfort attese a scapito
della prestazione di consumo; infatti il
quantitativo di combustibile necessario al funzionamento del condizionatore era sensibilmente più alto già a partire da condizioni termiche decisamente moderate (20 °C). Come conseguenza, le emissioni di CO2 allo
scarico (emissioni indirette) sarebbero
state proporzionalmente maggiori con
l’effetto di azzerare o peggiorare il
34
Parametri
Pressione minima (MPa)
Pressione massima (MPa)
Temperatura massima (°C)
Range di cilindrata per i compressori
(per vetture da seg A ad E) (cc)
Numero di pistoni del compressore
Massa del sistema (delta vs R-134a) (kg)
Figura 1
R-1234yf
0.3
3
120
R-744
3
12
170
60 – 170
15 – 30
5–7
Zero
9
5 – 10
beneficio generato dalla riduzione
delle emissioni dirette per effetto del
basso GWP. Alcuni costruttori auto fra
cui Fiat manifestarono l’esigenza di
utilizzare un indicatore che potesse
esprimere nel modo più completo
l’impatto ambientale del MAC. La figura 1 spiega il significato di alcuni tra gli
indici più noti:
• GWP: misura l’effetto serra del gas in
analisi riferito alla CO2 (presa come
riferimento perché primo contributore del riscaldamento globale).
Individua la quantità di CO2 che
dev’essere rilasciata in atmosfera
per produrre dopo 100 anni lo stesso
effetto prodotto da 1 kg del gas serra
in esame. E’ pertanto un indice che
permette di valutare l’impatto delle
emissioni dirette di un MAC.
• TEWI: Total Equivalent Warming
Impact. E’ la somma delle emissioni
dirette ed indirette dovute all’impiego
di un gas ad effetto serra.
• LCCP: Lifecycle Climate Change
Performance. Rispetto al TEWI tiene
conto, in termini di CO2-equivalente,
anche dell’energia spesa per la fabbricazione, il trasporto e lo smaltimento a fine vita del prodotto.
• LCA: Life-Cycle Assessment. Tiene
conto degli impatti socio-economici
di un’attività analizzando gli effetti
sulla salute umana, sull’eco-sistema
ed anche sull’impoverimento del
suolo. L’LCCP è di fatto una porzione
del LCA, quella che tratta le emissioni di gas ad effetto serra.
Tra questi indicatori si scelse di utilizzare l’LCCP. Attraverso il progetto GreenMAC-LCCP© (Global Refrigerants
Energy and Environmental – Mobile
Air Conditioning – Life Cycle Climate
Performance) oltre 50 esperti provenienti dall’industria automobilistica, da
organizzazioni governative e nongovernative, laboratori specialistici ed
università di tutto il mondo hanno collaborato per sviluppare il modello per
valutare l’LCCP di un sistema di condizionamento automobilistico.
Questo strumento è stato valutato
inter pares a livello mondiale ed accettato come il metodo più credibile per
confrontare l’impatto sull’intero ciclo
vita di un gas ad effetto serra. E’ disponibile sul sito del US EPA dal quale
può essere scaricato gratuitamente
(http://www.epa.gov/cpd/mac/compare.htm).
Nell’immagine seguente si può vedere
il risultato dell’analisi che confronta
l’impatto derivante dalle automobili
equipaggiate con un sistema di condizionamento ad R-134a, R-744 ed R1234yf. E’ una proiezione al 2017 nell’ipotesi che tutte le nuove vetture
commercializzate nel mondo utilizzino
lo stesso refrigerante. Come si vide
durante le attività di sviluppo del refrigerante a basso GWP, per il sistema a
R-744 l’aumento delle emissioni indirette prevale rispetto al beneficio
generato dalla riduzione delle emissioni dirette.
Le emissioni misurate in tonnellate
equivalenti di CO2 sono sempre più
alte per l’R-744 rispetto al R-1234yf; la
differenza si riduce nelle regioni dove
la temperatura media nel corso dell’anno è più bassa.
CONCLUSIONI
L’industria automobilistica ha investito
molti sforzi nel corso di quasi un
decennio nella ricerca di un refrigerante che non solo potesse rispettare
la regolamentazione europea ma che
fosse anche il migliore nel rispetto dell’ambiente. Per traguardare questo
obiettivo si è capito che occorreva un
indicatore ambientale diverso da quello indicato dalla regolamentazione.
L’LCCP è stato valutato essere il migliore per il sistema di condizionamento
perché permette di tenere in conto sia
le emissioni dirette sia quelle indirette.
E’ stato costruito un modello per permettere la valutazione dell’impatto
ambientale rispetto a questo indicatore.
I risultati hanno mostrato che l’R1234yf è l’alternativa migliore proprio
dal punto di vista dell’impatto ambientale, suggerendone quindi la scelta.
35
Speciale certificazioni per i frigoristi
I nuovi regolamenti
Regolamento sugli HFC destinato
agli operatori e proprietari di attrezzature operanti
sui gas refrigeranti; che cosa cambia?
FRANCIS LANAUD
Inaugurazione laboratorio TECNEA a Parigi.
Tecnea Italia
Il regolamento F-gas (regolamento
UE n°517/2014) è stato pubblicato e
viene applicato a partire dal 1
gennaio 2015. Lo stesso
regolamento rafforza le precedenti
disposizioni UE in materia di
salvaguardia ambientale, attuando
una riduzione progressiva
dell’immissione in commercio degli
HFC (phase down) e interdizioni alla
commercializzazione o all’utilizzo di
alcuni fluidi. Si applica a tutte le
sostanze fluorurate impiegate nella
refrigerazione e condizionamento
d’aria, isolanti, nella commutazione
elettrica e tiene in considerazione il
GWP* di ogni fluido.
CONFINAMENTO E CONTROLLO DELLE PERDITE
CERTIFICAZIONE DELLE PERSONE
E DELLE IMPRESE
Il nuovo Regolamento mantiene
l’obbligo per le imprese che manipolano i fluidi refrigeranti di essere certificate e di dotarsi di personale qualificato in possesso del PIF - Patentino
Italiano Frigoristi. I certificati di qualifica (sia persone che imprese) in corso
di validità, ovvero conseguiti prima del
01 gennaio 2015, non sono soggetti a
variazioni.
Per le persone, il Regolamento prevede un’informazione complementare
sulle tecnologie e sui fluidi alternativi.
Il personale dovrà seguire una formazione sulle tecnologie ed i refrigeranti
alternativi, così come sulla relativa
regolamentazione.
Ogni emissione di fluido fluorurato nell’ambiente rimane ovviamente vietata e gli
operatori devono adottare tutte le misure per:
– Prevenire le perdite.
– Riparare non appena possibile le perdite rilevate.
– Effettuare periodicamente dei controlli. La frequenza di tali controlli è legata
alla carica di fluido espressa in ton equivalenti CO2 e non più in kg.
Le soglie sono:
Carica dell’impianto
Frequenza del controllo
senza rilevatore
Frequenza del controllo
con rilevatore
Tra 5 e 50 ton eq. CO2
Tra 50 e 500 ton eq. CO2
> 500 ton eq. CO2
Ogni anno
Ogni 6 mesi
Ogni 3 mesi
Ogni 2 anni
Ogni anno
Ogni 6 mesi
Altra novità: gli impianti caricati con oltre 500 t. eq. di CO2 dovranno essere dotati di un sistema di sorveglianza collegato ad un allarme installato dal proprietario dell’impianto o dall’impresa di manutenzione dello stesso.
N.B.: è consigliato modificare i relativi Registri d’impianto aggiungendo la quantità di gas espressa in t eq. CO2.
GWP (E TONNELLATE DI CO2 EQUIVALENTE) PER ALCUNI FLUIDI
Fluido
R507A
R404A
R408A
R407C
R134a
R32
R1234ze
*I valori di GWP utilizzati sono quelli del rapporto RTOC 2010. La revisione 2014 dovrebbe essere pubblicata a breve.
REGISTRI E DICHIARAZIONE
Ogni impianto sottoposto al controllo
delle perdite ha un suo proprio
Registro (conservato almeno 5 anni)
su cui viene riportato:
– Quantità e tipo di fluido installato.
– Quantità aggiunte durante l’installazione, la manutenzione e la riparazione.
*GWP: Global Warming Potential = PRP: Potenziale di Riscaldamento Planetario.
36
R410A
6
GWP*
3300
3260
2649
1730
1526
1430
675
5 Teq CO2 1,51 kg 1,53 kg 1,88 kg 2,89 kg 2,27 kg 3,49 kg 7,40 kg 833,33 kg
– Quantità di fluido (riciclato o rigenerato) installato con il nome dell’installazione di origine o del rigeneratore e N° di certificato.
– Quantità di gas recuperato.
– Dati identificativi e N° di certificato
dell’impresa/persona che realizza
l’operazione.
– Date e risultati dei controlli delle perdite.
Ogni proprietario è tenuto a dichiarare ogni fuga di gas puntuale di 20kg
di fluido o annuale cumulativa di più
di 100kg. Deve anche dichiarare
all’ISPRA ogni movimento di fluido
(stoccato, comprato, rigenerato, riciclato, distrutto) nell’anno passato per
tipo di fluido.
ETICHETTATURA DEGLI IMPIANTI
Ogni impianto dovrà essere provvisto
di una marchiatura indelebile riportante
la dicitura: “Contiene gas fluorurati ad
effetto serra disciplinati dal protocollo di
Kyoto”, il nome chimico, la quantità di
fluido in kg ed anche, a partire dal
2017, la quantità espressa in equivalenti CO2. Le bombole sono tutte marchiate in funzione del tipo di gas e della
desinazione del fluido che contengono.
N.B: onde evitare equivoci, si consiglia
di etichettare gli impianti in eq. CO2 a
partire dai prossimi interventi.
IL «PHASE DOWN»
Si tratta della limitazione progressiva
dell’immissione sul mercato dei HFC.
Questo è il punto più importante del
Regolamento F-Gas perché pianifica
la progressiva riduzione degli HFC sul
mercato in funzione del loro PRP. Di
100% in 2015 fino a 21% in 2030 della
quantità in TeqCO2 media messa sul
mercato negli anni 2009/2012.
Più della metà dei fluidi messi sul mercato sarà necessaria alla manutenzione degli impianti esistenti; la disponibilità degli HFC sarà via via sempre più
ridotta e occorrerà utilizzare fluidi a
basso PRP oppure alternativi agli
stessi HFC, particolarmente nel rinnovo degli impianti. Inoltre, il rafforzamento del confinamento e le buone
pratiche di recupero, riciclaggio e rigenerazione permetteranno di palliare
meglio questa rarefazione.
I produttori e gli importatori di gas e di
impianti dovranno disporre di quote di
immissione sul mercato, la quantità di
queste quote essendo destinata a
diminuire secondo la tabella di phase
down sopra riportata.
Questa riduzione dei fluidi fluorurati,
soprattutto con alto GWP, deve portare i responsabili tecnici dell’impianto
a pensare alle diverse opzioni a
medio termine di durata dell’impianto:
Drop in – Retrofit – Refonte –
Cambiamento.
Uno studio sui fluidi refrigeranti e tecnologie alternative, già esistenti o
disponibili a breve, è stata pubblicata
dall’AFCE ed è scaricabile dal sito
internet :
http://www.cemafroid.fr/doc_telechargement
/Rapport_alternative_ HFC_ENG.pdf
RECUPERO DEI GAS
REFRIGERANTI
Il proprietario d’impianti contenenti
fluidi refrigeranti rimane responsabile
del recupero di questi fluidi, da effettuarsi solo da personale in possesso
del Patentino PIF. Il proprietario
d’impianti è tenuto a recuperare tali
fluidi al fine di garantire il loro riciclo,
rigenerazzione o distruzione. Gli
imballaggi di distribuzione devono
essere messi a disposizione da parte
dei distributori degli stessi refrigeranti.
Tenendo conto della progressiva diminuzione dell’utilizzo dei fluidi HFC legata al “phase down”, si deve prestare
particolare attenzione al recupero dei
gas refrigeranti durante ogni manipolazione; per dubbi in merito, si devono
inviare i fluidi in questione al distributore per analisi e riciclo o rigenerazione.
37
ULTIME NOTIZIE
HFC – NUOVE RESTRIZIONI
Sarà inoltre vietato:
– Per la manutenzione: gli HFC nuovi con un PRP > 2500 non potranno più
essere utilizzati dal 01/01/2020 per la manutenzione di impianti di refrigerazione che hanno una carica superiore a 40 t eq. CO2. Solo i fluidi riciclati (provenienti dallo stesso sito) o rigenerati potranno essere utilizzati
fino al 01/01/2030, per la stessa funzione.
– Per i nuovi impianti:
Nuovi impianti
Data
d’interdizione
Frigo e congelatori domestici con HFC di PRP > 150
Con HFC di PRP >2500
Frigo e congelatori ad uso
commerciale (ermeticamente sigillati) Con HFC di PRP >150
01/01/2015
01/01/2020
01/01/2022
Impianti di refrigerazione fissi con HFC di PRP >2500 (eccetto
per applicazioni a -50 °C)
01/01/2020
Impianti di refrigerazione centralizzata multi stazioni ad uso
commerciale con HFC di PRP>150 di potenza >40 kW
(eccetto circuiti primari di refrigerazione centralizzata in cascata
di cui il PRP è <1500)
01/01/2022
Climatizzatore mobile autonomo (ermetico) con HFC
di cui il PRP >150
01/01/2020
Sistemi di climatizzazione bi blocs di cui la carica <3kg di HFC
e di cui il PRP>750
01/01/2025
Per i banchi espositori per la vendita, i piccoli container, i frigoriferi ed i congelatori destinati ad uso commerciale, i costruttori stanno studiando ed iniziando a proporre impianti refrigeranti caricati con idrocarburi e soluzioni che
utilizzano CO2. Un programma internazionale di valutazione di refrigeranti
alternativi a basso PRP è stato iniziato a partire dalla metà del 2014, le cui
conclusione dovranno permettere nel 2015 di proporre soluzioni con HFOs o
miscele, dando priorità al freddo commerciale fisso.
Per il freddo commerciale centralizzato, numerose soluzioni hanno già iniziato da essere utilizzate: cascata NH/CO oppure 134°/CO2 sistemi indiretti.
Numerosi parametri devono, quindi, essere valutati prima di compiere una
scelta per un’installazione di un impianto in un dato luogo: clima – temperature di funzionamento – consumo energetico – importanza dei costi
d’investimento e di manutenzione. Nella climatizzazione, numerose prove con
diversi fluidi sono al momento in corso, ed avrà ricadute positive anche sul
riscaldamento degli edifici, e la gestione energetica.
SANZIONI PER LA VIOLAZIONE
DELLE DISPOSIZIONI F-Gas
Decreto legislativo del 5 marzo 2013,
n. 26
– Azienda non iscritta sul registro nazionale: da 1.000 a 10.000 € di multa;
– Azienda non certificata: da 10.000 a
100.000 € di multa;
– Mancato utilizzo del registro dell’apparecchiatura, o registro incompleto: da 7.000 a 100.000 € di multa;
– L’errata trasmissione delle informazione relative alla tracciabilità del
gas: da 1.000 a 10.000 €.
38
Guida f-gas: informazioni e chiarimenti
direttamente dalla commissione Europea
In questi mesi la guida Area F-Gas ci ha
condotto ad una specificata analisi del
nuovo regolamento sui gas fluorurati licenziato dalla Commissione Europea. Un atto
che ha modificato nel profondo la normativa vigente e che necessita sicuramente di
una “mediazione” documentale per essere
compreso e applicato da Tecnici addetti ai
lavori e imprese. Oggi la Commissione
Europea ci fornisce la guida “Informazioni
per tecnici e utilizzatori di impianti di refrigerazione, condizionamento e pompe di
calore contenenti HFC “dove in una trentina
di pagine troviamo un’analisi di scenario
che riguarda il regolamento, gli apparecchi
coinvolti, riduzioni e divieti, tenuta dei registri, prevenzione delle emissioni e cautele
da adottare a cura degli operatori, etichettatura degli apparecchi mobili e fissi.
Continua a leggere su
http://industriaeformazione.it/2015/03/06/g
uida-f-gas-informazioni-e-chiarimenti-direttamente-dalla-commissione-europea/
Gas fluorurati: controlli e sanzioni
L’appello di Angaisa
Parte dall’Angaisa, l’Associazione che riunisce le imprese di distribuzione del settore
idrotermosanitario, l’analisi delle regole in
vigore per i venditori di prodotti contenenti
F-Gas. Con il documento “Adempimenti e
oneri posti a carico dei distributori idrotermosanitari, Modalità applicative, sanzioni e
controlli”, Angaisa offre ampi chiarimenti su
una visione differente da quella degli installatori di impianti, con gli occhi di chi commercia prodotti contenenti F-GAS.
Le rilevazioni poste da ANGAISA sono molteplici, alcune delle quali riguardo il periodo
di vacatio sino al 2020 si dovranno adottare
in toto gas naturali.
TECNEA Italia, filiale di TECNEA sas, opera in un contesto internazionale avvalendosi delle competenze e dell’esperienza della francese
Cemafroid.
Il gruppo vanta 60 anni di esperienza nel settore della refrigerazione e
partecipa ai lavori condotti, tra gli altri, dall’IIF (Istituto Internazionale
del Freddo), dall’AFCE (Alleanza Freddo Climatizzazione Ambiente) e
dall’AFF (Associazione Francese del Freddo).
Al fine di offrire alle imprese un servizio sempre più completo e di alta
professionalità, TECNEA Italia collabora con il Centro Studi Galileo e
ha integrato il progetto “Casale Monferrato Capitale del Freddo”.
L’obiettivo è creare a Casale Monferrato (AL) un laboratorio di riferimento di prove e tarature che permetterà ad imprese ed altri soggetti
esterni di realizzare test che valuteranno l’alta qualità dei loro prodotti.
Speciale corso di climatizzazione per i soci ATF
Principi di base
del condizionamento dell’aria
161ª lezione
Condizionamento di locali in particolari condizioni
gravose: il problema della corrosione e delle vibrazioni
delle tubazioni
PIERFRANCESCO FANTONI
CENTOSESSANTUNESIMA
LEZIONE DI BASE SUL
CONDIZIONAMENTO DELL’ARIA
Continuiamo con questo numero il
ciclo di lezioni di base semplificate
per gli associati sul
condizionamento dell’aria, così come
da 15 anni sulla nostra stessa rivista
il prof. Ing. Pierfrancesco Fantoni
tiene le lezioni di base sulle tecniche
frigorifere. Vedi www.centrogalileo.it.
Il prof. Ing. Fantoni è inoltre
coordinatore didattico e docente del
Centro Studi Galileo presso le sedi
dei corsi CSG in cui periodicamente
vengono svolte decine di incontri su
condizionamento, refrigerazione e
energie alternative.
In particolare sia nelle lezioni in aula
sia nelle lezioni sulla rivista vengono
spiegati in modo semplice e
completo gli aspetti teorico-pratici
degli impianti e dei loro componenti.
È DISPONIBILE
LA RACCOLTA COMPLETA
DEGLI ARTICOLI
DEL PROF. FANTONI
Per informazioni 0142.452403
[email protected]
È vietata la riproduzione dei disegni su
qualsiasi tipo di supporto.
INTRODUZIONE
Negli impianti di condizionamento dell’aria destinati a lavorare in condizioni
ambientali gravose (figura 1) il circuito
frigorifero è esposto a sollecitazioni
non comuni che possono determinare
danneggiamenti ai componenti ed alle
tubazioni. Il risultato finale è un
aumento della probabilità che si verifichino delle perdite di refrigerante dal
circuito e un malfunzionamento complessivo dell’apparecchiatura con
necessità di intervento e di fermo della
macchina.
CONDIZIONAMENTO
RESIDENZIALE
E PICCOLO-COMMERCIALE
Le normali batterie di scambio termico
che vengono impiegate negli impianti
di condizionamento ad aria sono
costituite da tubi in rame a cui vengono aggraffate delle alette in alluminio
per aumentare la superficie di scambio termico. Il rame è un ottimo conduttore di calore e quindi risulta essere un materiale particolarmente adatto per favorire il trasferimento di energia termica tra il refrigerante che scorre all’interno della tubazione e l’aria
esterna.
L’alluminio conduce il calore meno
bene del rame, ma possiede l’importante caratteristica di essere un materiale “leggero”, fatto che permette di
ottenere, attraverso le alette, una
superficie di scambio molto ampia
senza appesantire troppo lo scambia-
tore. Il suo costo, inoltre, è inferiore a
quello del rame.
Nel settore del condizionamento residenziale e commerciale le batterie
rame/alluminio coprono gran parte
delle applicazioni, anche se talvolta il
loro utilizzo andrebbe valutato un po’
più attentamente in quanto in certi
casi l’aggressività dell’aria ambiente in
cui le batterie sono collocate può portare a delle problematiche di funzionamento.
Non sono rari i casi, infatti, in cui si possono verificare fenomeni di microfessurazione o di corrosione vera e propria
del rame in seguito alla presenza in
aria di sostanze aggressive: pensiamo
al problema a cui vanno incontro gli
scambiatori in presenza di salsedine
(ambienti marini), di ammoniaca
(negozi di parrucchiere), di sostanze
per la lievitazione (panifici, pasticcerie), di prodotti derivanti dalla stagionatura degli alimenti (salumerie, negozi di alimentari), ecc.
Quando si installano apparecchiature
di condizionamento in questi luoghi
già si deve mettere in conto che, nel
tempo, possono presentarsi problemi
di tenuta del circuito frigorifero che
danno luogo a perdite di refrigerante e
quindi a funzionamenti anomali della
macchina. Particolarmente delicato è
il problema delle microfessurazioni
che si possono avere nel tubo di rame
degli scambiatori, in quanto la loro
individuazione non risulta sempre
agevole. Questo non solo perchè la
quantità di refrigerante che fuoriesce
è talvolta talmente esigua che si ha
difficoltà a rilevarla con i normali stru-
39
menti di rilevazione, ma anche perchè
le quantità che fuoriescono vengono
rapidamente disperse dalle portate
d’aria mosse dalle ventole che troviamo sempre negli scambiatori e che
rendono ulteriormente ancora più difficoltosa la loro individuazione.
Figura 1.
Esempio di condizionatore
monoblocco progettato
per lavorare in ambienti gravosi
(catalogo Pfannenberg).
CONDIZIONAMENTO
INDUSTRIALE
E GRANDE-COMMERCIALE
Specialmente nel settore del condizionamento di ambienti industriali possiamo trovarci in presenza di agenti particolarmenti aggressivi nei confronti
del rame. In questo modo le tubazioni
dei circuiti frigoriferi sono molto esposte
ai fenomeni di corrosione dovuti ad
atmosfere contenenti anidride solforosa (SO2), biossido di cloro (ClO2), cloro
(Cl2), acido solfidrico (H2S) e acido cloridrico (HCl). Tali fenomeni si completano in tempi piuttosto brevi e possono
portare a perdite di refrigerante anche
ingenti se non si interviene in tempi
rapidi nella riparazione.
In ambienti particolarmenti aggressivi
si possono avere fenomeni corrosivi di
tale entità che causano la perdita in
breve tempo anche di decine di chilogrammi della carica del circuito frigorifero. Quando sussiste il pericolo di tali
evenienze è opportuno valutare la
convenienza di adottare impianti di
raffrescamento non a espansione
diretta, in modo tale da poter confinare la centrale frigorifera in un ambiente ad atmosfera meno aggressiva.
Nei grandi impianti esiste anche il problema delle vibrazioni delle tubazioni
come possibile fonte di perdite di refrigerante. Tale problema interessa le
linee che collegano l’unità evaporante
e quella condensante quando queste
si trovano a grande distanza le une
dalle altre, in particolar modo quando
vengono utilizzati compressori di tipo
alternativo che producono forti fenomeni di pulsazioni durante il processo
di compressione del refrigerante.
Nei casi in cui si debba lavorare in
ambienti con atmosfere aggressive si
ricorre all’impiego di tubi in rame speciali trattati con resine epossidiche
contro i fenomeni di corrosione. Per
contrastare i fenomeni di vibrazione
delle tubazioni si possono adottare
anche tubi flessibili per la connessione
delle unità evaporanti con quelle condensanti.
Tali tubi risultano particolarmente resistenti sia alla corrosione sia alle vibrazioni. Essi vengono connessi mediante opportune giunzioni flangiate che,
in caso di ambienti molto aggressivi,
possono essere in acciaio inossidabile. Talvolta tali giunzioni vengono ricoperte con uno strato di vinile termoretraibile, sostanza simile a quella che
viene impiegata per realizzare le connessioni elettriche.
Negli impianti di condizionamento per
locali commerciali i componenti possono essere costruiti in acciaio dolce
leggero ed essere assemblati insieme
mediante fissaggi meccanici e rivetti.
In questo caso il materiale non è in
grado di tollerare ambienti altamente
corrosivi, mentre i fissaggi meccanici
potrebbero essere soggetti ad allentamenti in caso di forti vibrazioni.
PARTICOLARI SCAMBIATORI
DI CALORE
Gli evaporatori ed i condensatori che
devono lavorare in ambienti aggressivi possono essere equipaggiati con
alette in leghe di alluminio rinforzato.
Inoltre esse possono essere protette
contro la corrosione mediante un rivestimento epossidico ottenuto mediante cottura in forno industriale. Tale particolare trattamento limita fortemente il
rischio di corrosione.
Nel caso che nemmeno tale soluzione
sia efficace è necessario ricorrere
all’utilizzo di scambiatori di calore
composti da tubi ed alette in acciaio
(vedi figura 2). Le unità di condizionamento d’aria industriale sono di solito
dotate di scambiatori in acciaio dolce
o in acciaio inox.
40
Figura 2.
Esempio di scambiatori di calore a pacco alettato in acciaio
inossidabile.
Le unità in acciaio dolce dovrebbero
essere protette contro la corrosione
mediante un rivestimento epossidico.
In questo caso è necessario mettere
in conto che l’acciaio non è un buon
conduttore di calore come il rame e
l’alluminio e quindi che, per ottenere il
medesimo trasferimento di calore è
necessario ricorrere all’impiego di
scambiatori di dimensioni notevolmente maggiori, anche di 5 volte e più a
seconda dei casi. Tale esigenza non
sempre trova realizzabilità esecutiva,
dato che possono capitare situazioni
logistiche in cui gli spazi a disposizione sono ridotti.
Non va dimenticato, infatti, che in alcuni casi le maggiori dimensioni degli
scambiatori richiedono maggiori
dimensioni anche degli altri componenti, fatto che porta ad avere l’intero
circuito frigorifero con dimensioni
maggiori. Non va sottovalutato il fatto,
poi, che gli scambiatori in acciaio
hanno un costo superiore rispetto a
quelli in rame/alluminio, che può incidere notevolmente sul costo complessivo dell’impianto.
Dal punto di vista operativo l’impiego
di scambiatori in acciaio comporta
l’aumento complessivo del peso dello
scambiatore stesso e quindi, talvolta,
una limitazione della sua trasportabilità/movimentazione.
In alcuni casi specifici mentre uno
scambiatore in rame/alluminio può
anche essere sostituito da un solo tecnico, uno scambiatore in acciaio richiede la presenza di due persone, o
l’utilizzo di gru, dato il suo ingombro ed
il suo peso.
●
RIVISTA DIGITALE
Tutte le riviste possono essere pure
sfogliate online in formato digitale.
Al seguente link:
http://bit.ly/rivista1-2015
può prendere visione delle ultime
notizie dal mondo della refrigerazione
e del condizionamento
41
Speciale formazione per i soci ATF
Dispositivi di controllo
e protezione
TERZA PARTE
KELVIN KELLY – BUSINESS EDGEI NANO
Halvart Koppen, alto funzionario ONU con il
docente Kelvin Kelly presso la sede centrale CSG.
Tratto da “Refrigeration, Air Conditioning and Heat Pumps Technology”, l’intero manuale in lingua inglese può essere acquistato sul sito web www.businessedgeltd.co.uk
CONTROLLO
tanto dobbiamo sempre accertarci
che queste pressioni non eccedano
mai i valori specifici.
Il cambiamento di pressione secondo
il refrigerante usato, come le impostazioni dei sensori di pressione e i
dispositivi di controllo della sicurezza,
sono passaggi che devono essere
eseguiti conformemente e con attenzione. È essenziale che queste impostazioni siano periodicamente controllate e regolate qualora fosse necessario.
Il funzionamento di qualsiasi sistema
di refrigerazione o d’aria condizionata, piccolo o grande, deve essere
prima di tutto controllato per garantire che la quantità di refrigerante fornita coincida con l’aumento di calore
nella zona controllata con il fine di
mantenere una temperatura e un’umidità specifica.
PROTEZIONE
Molti possono essere gli imprevisti,
con tutti i tipi di macchine elettro-meccaniche e, in queste circostanze, è
fondamentale saper monitorare
l’impianto. Quando le condizioni di funzionamento si discostano da un range
predefinito, questi dispositivi di monitoraggio sono in grado di adottare le
misure necessarie e quindi correggere il problema, spegnere l’impianto o
trasmettere qualsiasi tipo di allarme.
Potremmo riscontrare la necessità di
proteggere l’impianto da danni interni,
o anche di preservare i prodotti e
l’ambiente che l’impianto serve e controlla.
DISPOSITIVI DI COMANDO
I seguenti dispositivi di controllo sono
comunemente inclusi nei sistemi
d’aria condizionata e di refrigerazione:
• Termostati
• Controlli del flusso del refrigerante
• Controlli del livello di refrigerante
(evaporatore allagato)
• Interruttori di pressione
• Valvole per la pressione costante
(evaporatore e condensatore)
• Controllo di alta pressione (temperatura o pressione) (lato aria)
• Controllo di alta pressione (temperatura o pressione) (lato acqua)
• Valvole a solenoide
• Controlli di livello dell’olio
SICUREZZA
Un ulteriore e importante requisito è la
SICUREZZA. I sistemi di refrigerazione e d’aria condizionata funzionano
sulla base dell’innalzamento di alte
pressioni nelle sezioni di compressione e condensazione del circuito, per-
42
DISPOSITIVI DI PROTEZIONE
I seguenti dispositivi di protezione
sono quelli principalmente usati nei
sistemi d’aria condizionata e refrigerazione
• Pressostato generale di alta pressione (HP, high pressure = alta pressione)
• Pressostato generale di bassa pressione (LP, low pressure= bassa pressione)
• Pressostato generale duale alta/bassa pressione (HP/LP)
• Pressostato di pressione differenziale dell’olio
• Pressostati del flusso d’acqua e di
guasto del flusso d’aria
• Pressostato del filtro di pressione
bloccato
• Pressostato della ventola di pressione guasta
PRESSOSTATO TERMOSTATICO
Comandi dell’impianto
Ci sono molti metodi di controllo del
funzionamento di un sistema di refrigerazione e di un impianto di d’aria
condizionata ma questi sono principalmente limitati alle temperature o ai
gruppi di aspirazione di pressione.
Pressostato termostatico
Questo Pressostato funziona attraverso un’ampolla di rilevamento della
temperatura, un tubo capillare e dei
soffietti. La pressione esercitata da
questo elemento è opposta alla molla
regolabile.
L’ elemento è riempito con un liquido
volatile e i cambiamenti nella pressione connessi alla temperatura del fluido vengono solitamente usati per
muovere il pressostato sulle posizioni
di on o off.
COMANDI DI CONTROLLO
DI ALTA PRESSIONE
A temperature d’ambiente basse, il
dispositivo di condensazione diventa
più efficiente per via dell’aumento di
differenza di temperatura. L’aumento
nell’efficienza permette al lato di alta
pressione di diminuire nel condensatore e nella linea del liquido.
Questi dispositivi sono usati per mantenere il lato di alta pressione a un
livello sufficiente per prevenire l’evaporazione parziale del liquido nella
linea del liquido del refrigerante (valvola di espansione o capillare) e per
assicurare un flusso adeguato di refrigerante e di pressione nel comando di
flusso per un buon funzionamento
delle valvole.
La figura mostra il tipo differente di ampolla che può essere usata
con un termostato.
SISTEMI D’ARIA REFRIGERATA
Nei sistemi d’aria refrigerata l’efficienza del condensatore può essere ridotta per mantenere il lato di alta pressione attraverso la riduzione della velocità della ventola o spegnendo un
certo numero di ventole.
Alternativamente, può essere usata
una valvola di regolazione di pressione all’uscita del condensatore per forzare l’accumulo di più liquido nel condensatore, lasciando meno superficie
e dando spazio alla condensazione.
Questo mantiene il lato di alta pressione a un livello minimo corrispondente
all’impostazione della valvola.
SISTEMI D’ACQUA REFRIGERATA
I sistemi d’acqua refrigerata riducono
semplicemente la quantità disponibile
di acqua fredda del condensatore per
la condensazione e assicurano che il
lato di alta pressione non scenda al di
sotto del livello specificato.
PRESSIONE O TEMPERATURA
I dispositivi sopra menzionati possono
essere controllati attraverso la pressione o la temperatura. Siccome la
pressione è il parametro che stiamo
cercando di controllare, questo è di
conseguenza il metodo scelto e più
accurato. Tuttavia, questo metodo è
Sezione trasversale di un’elettrovalvola.
anche il più costoso e il rapporto pressione/temperatura dei fluidi volatili
(refrigeranti) può essere usato per
permettere il controllo della temperatura associata. Questo sarà inesatto
siccome la temperatura misurata si
riferisce solamente al punto di ebollizione e non alla pressione reale.
VALVOLA SOLENOIDE
(ELETTROVALVOLA)
Queste vengono usate per aprire o
chiudere i circuiti di refrigerazione e
possono essere applicate in vari modi
per le differenti applicazioni. Sono normalmente collocate nelle linee (tubazioni) del refrigerante liquido e sono
costituite da una solenoide che funziona come una navetta o un mandrino
collegato alla valvola.
Le elettrovalvole solenoidi sono
messe in funzione da pressostati termostatici o di pressione. Alimentando
elettricamente la serpentina, come
viene illustrato nel modello riportato
qui sotto, l’indotto si muove verso
l’alto, porta con sé la valvola a spillo e
la valvola si apre per permettere il
passaggio del refrigerante.
ELETTROVALVOLE
SERVOAZIONATE
Le valvole a pilota sono impiegate nei
sistemi più grandi laddove la dimen-
43
sione del solenoide sarebbe eccessiva. In questo caso, la valvola pilota
comanda la pressione del refrigerante
del sistema in una vasta superficie
agendo sul principale componente
mobile della valvola. Utilizza inoltre
questa forza maggiore per muovere la
valvola dalla posizione di chiusura a
quella di apertura.
PRESSOSTATO – INTERRUTTORE
DI PRESSIONE
Un pressostato situato nel lato di
bassa pressione del sistema di refrigerazione può essere usato effettivamente per comandare l’operazione
del compressore. Il pressostato di
bassa pressione è anche usato per
proteggere il compressore. Inoltre un
sistema potrebbe disporre di due
interruttori di pressione anche se questo di solito non è necessario. Il presente documento descrive i vari modi
in cui un interruttore di bassa pressione viene usato.
PRESSOSTATO PER IL
CONTROLLO DEL FUNZIONAMENTO
DEL COMPRESSORE
Nel caso in cui si tratti di un compressore a velocità fissa, un aumento nel
carico termico nell’evaporatore provocherà un aumento nella pressione dell’evaporatore. Questo effetto può
essere avvertito attraverso un pressostato di bassa pressione usato per
accendere il compressore non appena la pressione nominale viene superata. A questo compressore sarà concesso di funzionare a piena capacità
riducendo così la temperatura della
camera.
Siccome la capacità del sistema sarà
pari, o nella maggior parte dei casi
superiore al carico, la pressione nell’evaporatore scenderà quanto le cadute
di carico in rapporto alla capacità.
Quando la pressione scenderà al di
sotto del valore nominale del pressostato di bassa pressione, il compressore smetterà di funzionare.
Il compressore riprenderà il suo funzionamento quando il differenziale
meccanico all’interno del pressostato
di bassa pressione sarà stato attraversato.
44
Un pressostato di bassa pressione.
Il differenziale meccanico all’interno
dell’interruttore di bassa pressione
assicurerà che il compressore non
ripeta cicli troppo frequenti. Gli interruttori di pressione a basso costo
hanno un valore nominale e un differenziale predeterminato. Altri hanno
un valore nominale regolabile e una
gamma di pressione differenziale
regolabile.
Questo valore nominale di pressione è
determinato relazionando la pressione alla temperatura di saturazione del
refrigerante nel sistema. Ci sarà un
margine per la differenza tra la temperatura di saturazione e la temperatura
ambiente ottenuta che sarà sempre
più alta.
La taratura del differenziale sarà
determinata dallo sbalzo della temperatura ammissibile all’interno dell’ambiente in rapporto alla temperatura di
saturazione del refrigerante. In alternativa, il valore nominale e del differenziale possono essere impostati tramite tentativi ed errori durante la fase
di messa in funzione fino a quando
non si raggiunge la temperatura
ambiente desiderata.
PRESSOSTATO PER
COMPRESSORE E SISTEMA DI
PROTEZIONE A BASSA PRESSIONE
Se la temperatura di saturazione
scende al di sotto di un livello dato,
avverrà il congelamento nell’evapora-
tore. Mentre questo potrebbe essere
consentito per i sistemi di refrigerazione che sono stati progettati per il controllo degli alimenti surgelati diciamo a
una temperatura di -18 °C a -21 °C,
non lo è per i sistemi di comfort e climatizzatori.
Siccome la temperatura dell’evaporatore è comandata dalla temperatura di
saturazione nel refrigerante che a sua
volta è controllata dalla pressione di
saturazione del lato basso del sistema, un pressostato di bassa pressione può essere applicato e impostato
per interrompere il funzionamento del
compressore al di sotto di una certa
pressione.
Se all’evaporatore è stato permesso di
formare del ghiaccio sui tubi e sui tubi
ad aletta, la prestazione del sistema e
l’efficienza diminuiscono e il ghiaccio
agisce anche come isolante al flusso di
calore dall’aria al refrigerante.
Il gelo eccessivo porterebbe a un’evaporazione insufficiente del refrigerante
liquido all’interno dell’evaporatore che,
quindi, potrebbe viaggiare nel compressore dando luogo a dei colpi di
liquido e a dei guasti del compressore.
Il pressostato di bassa pressione può
pertanto essere applicato per prevenire l’insorgere di questa situazione.
Devono essere prese in considerazione l’insorgere di possibili perdite di
refrigerante di qualsiasi sistema.
Finché ogni ingegnere scrupoloso e
compente farà di tutto per evitare queste situazioni, si potranno verificare
lievi o gravi perdite dei sistemi. Nel
caso di una perdita, l’intera carica di
refrigerante sarà persa nell’atmosfera
se questa non viene rilevata. Finché è
presente il refrigerante, la pressione
nel sistema rimarrà costante a una
data temperatura. Si potrebbe richiedere al compressore di funzionare
durante tali condizioni.
Una perdita continua, mentre il sistema sta funzionando, porterà inizialmente a un funzionamento incorretto
che mostrerà una bassa pressione di
scarico, bassa pressione di aspirazione, formazione di ghiaccio parziale
dell’evaporatore, riduzione della corrente, aumento del surriscaldamento
e altri sintomi.
Si verificherà anche una perdita progressiva di capacità di raffreddamento
e il sistema poi continuerà a funzionare per periodi prolungati e con conseguente incapacità di soddisfare la
temperatura ambiente richiesta, il flusso di massa del refrigerante che
passa oltre gli avvolgimenti del motore
si ridurrà costantemente dando luogo
a un aumento continuo nella temperatura del motore.
Si potrebbe raggiungere un punto di
arresto del motore del compressore
mediante i dispositivi di protezione del
motore o il motore si potrebbe guastare bruciandosi completamente.
Il pressostato di bassa pressione può
eliminare tutti questi problemi se il
valore nominale è tarato correttamente.
Un pressostato di bassa pressione con
valori predefiniti in fabbrica per il modo
operativo e il differenziale con possibilità di ripristinare manualmente.
Entrambi i prodotti sono disponibili
nella versione con reset automatico o
reset manuale e in varie gamme di
pressione per adattarsi a tutti i tipi di climatizzatori e sistemi di refrigerazione.
Come con il pressostato di bassa
pressione, il pressostato di alta pressione può essere usato per controllare e proteggere il sistema.
Quando viene usato come dispositivo
di protezione, il pressostato viene programmato per funzionare quando una
pressione data è esercitata sul lato
alto del sistema. Questo impedisce
che il sistema funzioni superando la
pressione consentita (conosciuta in
precedenza come MWP-Maximum
working pressure, pressione massima
di esercizio).
Comando di
alta pressione
Scarico
Condensatore
Compressore
Ricevitore
Valvola
di espansione
termostatica
Aspirazione
Evaporatore
La figura mostra la posizione della vite filettata di un pressostato
ad alta pressione.
Cause
Le cause dell’eccessiva pressione del
sistema oltre alla pressione di sicurezza consentita includono:
• Eccessiva carica del refrigerante
• Guasti o componenti non adeguati
come le valvole, i regolatori di velocità delle ventole, etc.
• Restrizione del lato alto del sistema
o blocco
• Guasto della ventola del condensatore o del motore, sovraccarico del
motore, difetti del controllo, etc.
• Blocco della serpentina del condensatore, cicli brevi del flusso d’aria del
condensatore, deterioramento delle
alette della serpentina.
• Temperature ambientali troppo elevate unite all’alto carico termico oltre
ai limiti progettati.
Effetti
Gli effetti dell’eccessiva pressione del
sistema oltre alla pressione di sicurezza consentita includono:
• Esplosione – corpo del compressore, scambiatori di calore o tubi del
refrigerante
• Rilascio del refrigerante liquido per
via della rottura
• Guasto al meccanismo del compressore
• Anomalia del motore del compressore (sovraccarico di corrente o sovratemperatura)
• Efficienza ridotta del sistema e della
capacità
• Consumo energetico eccessivo +
emissioni di CO2
Chiaramente, alcuni di questi effetti
riportati qui sopra sono estremamente
pericolosi e possono essere fatali o
provocare gravi lesioni.
PRESSOSTATO COMBINATO
A BASSA E ALTA PRESSIONE
A volte è desiderabile avere dei pressostati a bassa e alta pressione assieme posizionati all’interno di un carter.
Questo eliminerebbe lo sforzo di montare il dispositivo.
Anche se i due pressostati appaiono
identici, ci sono in realtà delle sostanziali differenze.
Qui sotto sono elencate alcune di queste caratteristiche chiave.
Questo è un dispositivo di sicurezza
installato nella grande maggioranza
45
Comando di
pressione duale
Condensatore
Scarico
Ricevitore
Compressore
Aspirazione
Evaporatore 1
Valva
regolatrice
elettronica
Regolatore
della pressione
dell’evaporatore
Evaporatore 2
Valva
regolatrice
elettronica
Evaporatore 3
Valva
regolatrice
elettronica
Regolatore
della pressione
dell’evaporatore
Regolatore
della pressione
dell’evaporatore
PRESSOSTATO DIFFERENZIALE
DI PRESSIONE DELL’OLIO
Punto di rotazione
La figura mostra la posizione delle viti di pressione per il comando di un
pressostato di pressione duale (alto e basso).
Molla regolabile
della pressione
dell’olio
Direzione
del movimento
Contatto
(stabilito,
fissato)
Timer
(riscaldamento)
Striscia di
bi-metallo
Pressione
del carter
Pressione
della pompa
dell’olio
Normale
Guasto
NEG
POS
La figura mostra una rappresentazione di un pressostato differenziale
di pressione dell’olio.
46
dei sistemi di raffreddamento ad aria e
ad acqua.
Gli elementi di contatto si aprono
quando la pressione nei soffietti
aumenta a un livello preciso secondo
la regolazione della molla di scatto.
Programmato il lato di alta pressione
del sistema di refrigerazione, di solito
viene connesso prima alla valvola di
scarico del compressore per prevenire
che il compressore parta in modo
accidentale con la valvola di scarico
chiusa.
Alternativamente la connessione avviene nella linea (tubo) di scarico o nel
condensatore.
Gli interruttori HP possono essere
programmati manualmente. Siccome
questo è un dispositivo di sicurezza, il
tecnico dovrebbe controllare sempre il
sistema prima di resettarlo se scatta.
Questo dispositivo è richiesto per tutti i
compressori con lubrificazione forzata
per assicurare che il compressore si
fermi nel caso di differenza di pressione insufficiente tra l’entrata della
pompa dell’olio e le pressioni di scarico.
Siccome la pressione di entrata della
pompa e le pressioni del carter di
aspirazione sono le stesse, e questa
cambia con i cambiamenti nel sistema
di refrigerazione nel suo complesso,
deve essere usato un dispositivo di
pressione differenziale.
Consiste di due soffietti e le differenze
nella pressione tra i soffietti azionano i
contatti dell’interruttore. Un soffietto è
collegato alla pressione di aspirazione
e l’altro all’uscita della pompa di scarico. Una molla regolabile compensa la
differenza tra le due pressioni. Mentre
la pressione di scarico dell’olio rimane
più alta della pressione di aspirazione
oltre alla tensione della molla, i contatti rimangono chiusi.
Per attivare all’inizio il compressore,
viene usato un meccanismo di ritardo
a tempo che bypassa i contatti dell’interruttore differenziale per circa 45
secondi.
Sempre che la pressione differenziale
sia sufficientemente alta quando il
contatto a tempo si apre, il compressore continuerà a funzionare.
●
Speciale corso di tecniche frigorifere per i soci ATF
Accorgimenti nell’utilizzo delle
miscele di refrigeranti con elevato
glide di temperatura
181ª lezione di base
PIERFRANCESCO FANTONI
ARTICOLO DI
PREPARAZIONE AL
PATENTINO FRIGORISTI
CENTOTTANTUNESIMA
LEZIONE SUI CONCETTI
DI BASE SULLE TECNICHE
FRIGORIFERE
Continuiamo con questo numero il
ciclo di lezioni semplificate per i
soci ATF del corso teorico-pratico
di tecniche frigorifere curato dal
prof. ing. Pierfrancesco Fantoni.
In particolare con questo ciclo di
lezioni di base abbiamo voluto, in
questi 15 anni, presentare la
didattica del prof. ing. Fantoni, che
ha tenuto, su questa stessa linea,
lezioni sulle tecniche della
refrigerazione ed in particolare di
specializzazione sulla
termodinamica del circuito
frigorifero.
Visionare su www.centrogalileo.it
ulteriori informazioni tecniche
alle voci “articoli”
e “organizzazione corsi”:
1) calendario corsi 2014,
2) programmi,
3) elenco tecnici specializzati negli
ultimi anni nei corsi del Centro
Studi Galileo divisi per provincia,
4) esempi video-corsi,
5) foto attività didattica.
È DISPONIBILE
LA RACCOLTA COMPLETA
DEGLI ARTICOLI
DEL PROF. FANTONI
Per informazioni: 0142.452403
[email protected]
Introduzione
Quello del congelamento degli scambiatori ad acqua è uno dei problemi
più grossi che il tecnico frigorista deve
affrontare, date le serie conseguenze
che esso comporta in caso si verifichi.
Le normali attenzioni che si hanno
quando si lavora con refrigeranti azeotropi non sono sufficienti quando si
impiegano miscele di refrigeranti con
elevato glide di temperatura.
I refrigeratori d’acqua
Nel settore della refrigerazione commerciale nel caso in cui le unità evaporanti e quella condensante siano
molto distanti tra loro si preferisce
adottare un impianto a fluido secondario per evitare di avere circuiti frigoriferi con grande carica di refrigerante.
Anche nel condizionamento i refrigeratori d’acqua trovano larga applicazione, proprio perché in tale tipologia
di impianti il circuito frigorifero risulta
avere dimensioni contenute e confinabili in spazi ristretti, e quindi più
facili da installare e manutenzionare.
Il fatto di avere circuiti frigoriferi di
dimensioni contenute permette di
ridurre la quantità di carica di refrigerante, anche evitando, così, in certi
casi gli obblighi derivanti dai vari
Regolamenti europei per quanto
riguarda i controlli delle fughe e la
tenuta dei registri d’impianto.
Ma anche nel caso in cui i controlli
delle fughe vadano obbligatoriamen-
te fatti, l’avere un circuito di ridotte
dimensioni e con uno sviluppo geometrico facilmente accessibile agevola notevolmente il lavoro del tecnico che deve eseguire tali controlli.
Con tale soluzione la grande distanza che separa le unità evaporanti con
l’unità a condensazione remota, che
richiederebbe la posa di linee frigorifere contenenti grandi quantità di
refrigerante (figura 1), viene coperta
da tubazioni contenenti un fluido
secondario (ad esempio acqua glicolata) che collegano la centrale frigorifera con le apparecchiature che
richiedono la produzione di freddo
(figura 2).
Lo scambiatore di calore in centrale
frigorifera sul lato evaporante deve
essere, perciò, uno scambiatore ad
acqua.
Di scambiatori ad acqua ne esistono
di vari tipi: a fascio tubiero, a tubi
coassiali, a serpentina ma i più utilizzati recentemente sono quelli a piastre saldobrasate date le elevate
capacità frigorifere che è possibile
ottenere anche da scambiatori di
dimensioni ridotte (figura 3).
Il problema degli scambiatori
a piastre
Gli scambiatori di calore a piastre saldobrasate possiedono molte caratteristiche positive che li fanno preferire
alle altre tipologie di scambiatori ad
acqua. D’altra parte presentano un
punto debole nei confronti della formazione del ghiaccio al loro interno.
47
Figura 1.
Esempio di circuito ad espansione diretta
con grande distanza tra unità evaporante e unità
motocondensante.
Data la loro conformazione e struttura,
infatti, non appena al loro interno iniziano a formarsi anche piccoli cristalli
di ghiaccio si ha la seria probabilità di
danni allo scambiatore stesso. Questo
perchè tra una piastra e la successiva
gli spazi entro cui circola il fluido sono
molto ridotti (questo per garantire la
massima efficienza di scambio).
La rottura dello scambiatore rappresenta un grave pericolo per il circuito
frigorifero, in quanto la contaminazione dello stesso da parte dell’acqua
porta a danni seri, per la cui riparazione vengono richieste accurate e lunghe lavorazioni.
Per tale ragione è opportuno installare
sul circuito frigorifero opportune apparecchiature di sicurezza (vedi figura 2)
contro il pericolo di gelo dello scambiatore.
Nonostante tali precauzioni, però,
48
Figura 2.
Schema semplificato di un refrigeratore d’acqua: il
gruppo frigorifero risulta avere uno sviluppo ridotto
rispetto a quello di espansione diretta. Inoltre è
confinato in un luogo facilmente accessibile ed
ispezionabile.
possono presentarsi ugualmente problematiche di funzionamento soprattutto nel caso in cui si impiega come
refrigerante una miscela avente un
elevato glide di temperatura.
Un caso pratico
L’utilizzo di acqua glicolata permette di
attenuare le problematiche legate alla
cristallizzazione dell’acqua quando la
temperatura di evaporazione scende
al di sotto di 0 °C. D’altra parte
l’impiego del glicole non è privo di conseguenze, dato che la sua maggiore
densità aumenta notevolmente i costi
per il funzionamento della pompa di
circolazione dell’acqua glicolata. Per
tale ragione si preferisce, quando tecnicamente possibile, impiegare acqua
senza glicole.
A tale situazione ci riferiamo nel
nostro esempio, anche se poi le conclusioni a cui arriveremo sono generalizzabili anche a tutti gli altri casi.
Impiegando acqua come fluido secondario è d’obbligo non scendere mai
nell’evaporatore a temperature prossime allo zero per le ragioni che si sono
spiegate sopra. Normalmente la temperatura di evaporazione viene mantenuta attorno ai +5/+6 °C, range di
valori che viene ritenuto normalmente
di sicurezza.
Supponendo di impiegare come refrigerante R410A allora il nostro evaporatore dovrà funzionare ad una pressione attorno agli 8,5 bar (figura 4).
Quando il tecnico frigorista collega il
manometro sulla bassa pressione, la
lettura di tale valore gli assicura che
l’evaporatore sta lavorando a temperature positive e quindi in condizioni di
Figura 3.
Scambiatore di calore a piastre
saldobrasate.
Figura 4.
Campo di temperature di funzionamento di un evaporatore a R410A
di un refrigeratore d’acqua.
(Alfa-Laval)
Figura 5.
Campo di temperature di funzionamento di un evaporatore a R407C
di un refrigeratore d’acqua.
sicurezza rispetto al problema di congelamento dell’acqua.
Nel caso in cui si impiega un refrigerante con elevato glide di temperatura,
invece, la situazione può presentarsi
in maniera diversa. Possiamo prendere come esempio l’R407C, un refrigerante che presenta un glide di circa
6/7 °C, a seconda della pressione a
cui ci troviamo.
Per verificare il corretto funzionamento
del circuito il tecnico collega il manometro alla presa di bassa pressione del
circuito e legge un valore di 4,5 bar.
Riferendosi alla relazione pressione/temperatura per questo tipo di refrigerante deduce, allora, che la temperatura di fine evaporazione è leggermente superiore a +5 °C (dew point).
Se il surriscaldamento è entro i valori
standard potrebbe essere indotto a
pensare che il funzionamento del circuito rientra nella norma.
Come si vede in figura 5, però, non è
proprio così. Dato il suo elevato glide
di temperatura, ad una temperatura di
fine evaporazione largamente al di
sopra dello zero corrisponde una temperatura di inizio evaporazione negativa. Ciò significa che all’uscita della
valvola termostatica il refrigerante si
trova ad una temperatura che può
anche essere negativa. Il valore esatto della temperatura all’ingresso dell’evaporatore risulta aggirarsi, così,
attorno a 0 °C, con possibilità di inizio
di fenomeni di congelamento dell’acqua all’interno dello scambiatore.
Tale temperatura non è univocamente
determinabile, in quanto dipende
anche dalla temperatura di condensazione e dal grado di sottoraffreddamento del refrigerante: un’ulteriore
incertezza in più per il tecnico che sta
eseguendo i controlli.
Sta di fatto che in una situazione di
tale genere, poichè la valvola si trova
ad espandere a temperature negative
(seppur di poco) probabilmente darà
luogo a leggeri fenomeni di brinamento sulla sua superficie esterna.
L’occhio attento del tecnico noterà che
la superficie esterna della valvola
apparirà perlomeno lucida, segnale di
allarme che impone di intervenire
immediatamente.
È ben vero che in un impianto ben
progettato è presente un termostato
antigelo, che dovrebbe intervenire in
situazioni di tale genere. Molto dipende dalla sua taratura e dalla posizione
in cui è stato collocato il bulbo sensibile rispetto al punto di ingresso del
refrigerante nell’evaporatore.
Va da sè che per lavorare in condizioni di maggiore sicurezza, nel caso di
R407C, o di altre miscele con elevato
glide di temperatura, è necessario
avere temperature di lavoro più elevate, ad esempio almeno attorno a
+7/+8 °C (dew point) e quindi una
pressione letta sul manometro superiore ai 5 bar. In tale modo anche la
prima parte dell’evaporatore lavorerà
a temperature positive e si ridurrà
notevolmente il rischio di congelamento dello scambiatore a piastre.
●
È vietata la riproduzione dei disegni su
qualsiasi tipo di supporto.
Cerca “Centro Studi Galileo”
su Facebook
Cerca “Centro Studi Galileo”
su Twitter
Cerca “Centro Studi Galileo”
su YouTube
49
GLOSSARIO
DEI TERMINI
DELLA
REFRIGERAZIONE
E DEL
CONDIZIONAMENTO
(Parte centoquarantacinquesima)
A cura dell’ing.
PIERFRANCESCO FANTONI
Albero a gomiti: Componente
primario di un compressore che
consente di trasformare il moto
rotatorio dell’albero di un motore
elettrico nel moto alternativo dei
pistoni. Nei compressori ermetici e
semiermetici l’albero a gomiti è
collegato direttamente all’albero del
motore elettrico, mentre nei
compressori di tipo aperto l’albero a
gomiti è collegato all’albero del
motore elettrico in maniera indiretta,
ad esempio mediante un sistema di
pulegge azionate da cinghia dentata.
Esso è costituito da una serie di
perni che ruotano su dei supporti
allineati tra loro (supporti di banco) e
da delle manovelle che permettono il
movimento dei pistoni.
Il collegamento tra manovelle e
pistoni è assicurato dalle bielle, che
per essere montate e smontate
dall’albero devono essere del tipo a
testa apribile. L’albero a gomiti viene
anche chiamato albero a collo d’oca.
Frigovettore: Fluido, costituito da
una soluzione incongelabile, che
viene impiegato negli impianti
frigoriferi con circuito secondario
come elemento per il trasporto del
calore. Sostanzialmente esistono tre
tipologie di tali fluidi: i glicoli, gli
alcooli ed i sali. I primi sono di gran
50
lunga i più diffusi, mentre i secondi
pongono il problema
dell’infiammabilità. Il terzo, costituito
dalle soluzioni saline, è la tipologia
storicamente più utilizzata. Per la
scelta del fluido più idoneo alle
necessità è necessario tenere
presente il suo punto di
congelamento, la sua efficienza di
scambio termico e le perdite di
pressione cui dà luogo all’interno del
circuito frigorifero secondario, che
richiedono la spesa di una maggiore
quantità di energia per la sua
pompabilità.
Intervallo di temperatura: In un
termostato, l’intervallo di temperatura
indica la differenza tra la più bassa
temperatura di stacco e la più alta
temperatura di attacco. La più bassa
temperatura di stacco si ottiene
regolando il termostato sulla
posizione di massimo freddo, mentre
la più alta temperatura di attacco si
ottiene regolando il termostato sulla
posizione di massimo caldo.
L’intervallo di temperatura è definibile
per qualunque tipo di termostato
utilizzato in refrigerazione e
climatizzazione, sia esso ad attacco
fisso o variabile.
Macchina frigorifera: Nell’ambito
del sottosistema di generazione di
un impianto termico rappresenta un
dispositivo (o insieme di dispositivi)
che permette di sottrarre calore ad
un fluido termovettore o direttamente
all’aria dell’ambiente interno
climatizzato anche mediante utilizzo
di fonti energetiche rinnovabili
(Normativa relativa all’efficienza
energetica degli edifici).
Ritorno del vapore umido:
Tubazione situata sul lato di bassa
pressione di un circuito frigorifero
funzionante con evaporatore
allagato. Essa permette il
collegamento tra quest’ultimo e
l’accumulatore/separatore di liquido,
che si trova a monte del
compressore. Al suo interno transita
il vapore umido che si è formato
all’interno dell’evaporatore, costituito
dal refrigerante evaporato che ha
prodotto l’effetto frigorifero e dalla
parte di liquido in eccesso che
invece non è riuscita ad evaporare.
Start: In un compressore ermetico
monofase, si indica con il termine
start l’avvolgimento di spunto, ossia
l’avvolgimento che, nella
maggioranza dei sistemi di
avviamento, permane sotto tensione
per un breve intervallo di tempo.
Esso permette di creare una
seconda fase elettrica ausiliaria
necessaria per l’avviamento del
rotore del motore elettrico. Senza
tale seconda fase, infatti, il motore
monofase potrebbe non essere in
grado di avviarsi in alcune
circostanze. Una volta che il
compressore si è avviato, la funzione
dell’avvolgimento di spunto non è più
necessaria: un opportuno relé o
analogo dispositivo elettrico ha il
compito di disinserire tale
avvolgimento togliendogli
l’alimentazione. L’avvolgimento di
start è collegato tra i terminali C e S
della fusite, e risulta essere in
parallelo all’avvolgimento di marcia
(run). Normalmente l’avvolgimento di
spunto è costituito da filo di rame
smaltato di minore sezione rispetto a
quella dell’avvolgimento di marcia.
Per tale ragione tra i due,
l’avvolgimento di spunto ha una
resistenza elettrica più alta.
Trave fredda: Tipologia di impianto
di condizionamento che consiste in
travi di determinate dimensioni poste
all’interno del soffitto o a filo del
controsoffitto e destinate al
raffreddamento (ma talora anche al
riscaldamento, nel caso l’impianto
sia reversibile) degli ambienti. Le
travi fredde possono essere statiche
o ventilate, a seconda che siano
dotate o meno di sistemi per la
diffusione dell’aria. Tale tecnologia
ha avuto origine agli inizi degli anni
’90 in Scandinavia ed in Germania.
Volume utile: Terminologia utilizzata
nella progettazione delle celle
frigorifere. Con essa si indica quella
parte di volume della cella che viene
destinata esclusivamente allo
stoccaggio della merce da
immagazzinare, e quindi utile per
contenere i prodotti che si desidera
conservare al freddo
●
Eʼ severamente vietato riprodurre anche parzialmente il presente glossario.
Honeywell Genetron®
Performax™ LT
Risparmiare sui costi di gestione degli impianti
frigoriferi, con una riduzione dei costi energia
elettrica fino al 15%, e dimezzare le emissioni
di CO2 è ora possibile grazie al Performax™ LT!
Performax™ LT (R-407F) è un gas refrigerante
utilizzabile negli impianti TN e BT, dalle prestazioni
eccezionali e con GWP inferiore di oltre il 50%
rispetto al R-404A e R-507.
Comparazione con HCFC R-22 (preso come riferimento = 100%)
EN 12900 a MT
T. evap.ne = -10°C, T. cond.ne = 45°C (surriscaldamento 10°C, sottoraffreddamento 0°C)
145%
140%
Performax™ LT può essere utlizzato per:
• il retrofit degli impianti di refrigerazione,
TN e BT, ad R-22;
• per nuovi impianti, in sostituzione di R-404A*
o R-507*.
135%
130%
125%
120%
115%
110%
105%
100%
95%
90%
85%
80%
R-22
Performax™ LT
R-404A
R-407A
R-407C
R-422D
Rivoira Refrigerants s.r.l.
Tel. 199.133.133* - Fax 800.849.428
[email protected]
* il costo della chiamata è determinato dall’operatore utilizzato.
R-427A
R-438A
* Entrambi i gas, R-404A e R-507, avendo un GWP di circa
4.000 (il limite proposto dal Regolamento F-Gas è di 2.500),
non saranno più utilizzabili a partire dal 2017 (impianti nuovi)
o dal 2020 (manutenzione).
Seguici anche su facebook
www.facebook.com/RivoiraRefrigerants
www.rivoiragas.com
COP_02_15.indd 51
20/03/15 15:02
ECCELLENZA NELLA RIPARAZIONE
DEI COMPRESSORI.
Potete fidarvi degli elevati standard qualiativi di Green Point in tutto il mondo: in qualità di network di
assistenza del Gruppo BITZER, offriamo un servizio clienti rapido e flessibile per il Vostro compressore.
Siamo in grado di riparare qualsiasi tipo di compressore alternativo/vite con estrema velocità, affidabilità
e qualità grazie ad un esperienza pluriennale e all'utilizzo esclusivo di ricambi originali. Green Point: il
servizio di riparazione d'eccellenza per compressori BITZER ed altri importanti marchi. Per maggiori
informazioni potete contattare Green Point Italia: Tel. 0444-284184 e-mail: [email protected]
COP_02_15.indd 52
20/03/15 15:02

Similar documents