Clicca per scaricare il Giornalino n.3

Comments

Transcription

Clicca per scaricare il Giornalino n.3
VIBO TIMES
I s ti t u t o C om p re ns iv o “ G .G a ri b a ld i - B ucc ar e l l i” - RE D AZ IO NE G IO RN AL IST I CA
L’attestato di merito consegnato al nostro Dirigente scolastico Rosaria Galloro
Siamo fra le eccellenze calabresi
Prestigioso riconoscimento per il corso di giornalismo del 2011/12
di ELENA ANASTASI
e di EMANUELA PROCOPIO
giornalisti, il nostro Dirigente scolastico Rosaria
Galloro e la professoressa Maria Adele Carullo.
UN altro importante risultato per la nostra scuola.
Gli studenti della Garibaldi che hanno preso parte
al corso “Giornalismo digitale” nell’anno scolastico 2011-12 vincitori del concorso nazionale ”Di
che giornale sei?” sono stati selezionati tra le eccellenze calabresi.
Questo riconoscimento è stato ricevuto, come si
diceva, per aver ottenuto un premio speciale al
concorso “Di che giornale sei” dove la nostra scuola si è distinta fra tutti gli istituti che hanno partecipato alla manifestazione. I nostri colleghi che
hanno partecipato al concorso hanno infatti ricevuto un premio speciale per
il contenuto di alto valore
etico in difesa della legalità.
Il laboratorio di giornalismo è stato promosso
nell’ambito dei progetti
Pon della scuola modulo
“Giornalismo digitale”. Gli
alunni sono stati seguiti
dalla professoressa Maria
Adele Carullo e dal giornalista Roberto Saverino.
La premiazione delle eccellenze scolastiche calabresi si
è tenuta il 21 dicembre
2013 a Lamezia Terme
nella Fondazione Mediterranea Terina. La manifestazione è stata promossa dalla
Regione Calabria e dall’Ufficio Scolastico Regionale,
con l’obiettivo di premiare
gli studenti che hanno ricevuto importanti riconoscimenti a livello nazionale e internazionale. A
ricevere l’attestato di merito, da parte dell’assessorato regionale alla Cultura e dell’Ufficio scolastico
regionale sono stati alcuni dei nostri ex studenti-
Questa è stata una particolare gratificazione per tutta
la scuola Garibaldi, che
continua così a farsi apprezzare ovunque.
Ecco i nomi degli alunni
che hanno partecipato a
questo concorso: Manuela
Bardari, Raffaele Braghò,
Mattia Cocciolo, Vittorio
Contartese, Salvatore
Cugliari, Rosaria Franzone, Antonio Fusca, Michelangelo Greco, Alessia
Grillo, Teresa Grillo, Francesca Gullà, Aurora Lo
Iacono, Anna Lopreiato, Martina Massaria, Marcello Mauro, Maria Rosa Merlo, Giuseppe Nicolino, Daria Orlando, Giuseppe Pannia, Marco Russo, Michele Scarcella, Salvatore Serra
Giovedì 20/02/14
Anno 4 numero 3
Sommario:
Il film
2
San Valentino
3
La mia scuola
4
L’intervista
5
Le figurine
6
Berardi
7
Musica
8
Notizie di rilievo:
 Liberi di sognare
 Il Carnevale
 La top ten
dei videogiochi
 La tecnologia
 Il valore della sana
amicizia
 Inter, i motivi
della crisi
 La Tonno Callipo
e la scuola
 Alex Del Piero
 Justin Bieber
 One Direction,
fenomeno mondiale
La mafia uccide solo d’estate: film da vedere
di FRANCESCA BELSITO
televisiva e lì finalmente rivide
Flora che gli offrì un nuovo
DI recente la nostra scuola ci ha
lavoro come giornalista accanregalato la possibilità di poter
to a lei.
vedere un film ben realizzato e
molto interessante. Si tratta del La mafia intanto stava uccifilm “La mafia uccide solo d’e- dendo sempre più persone,
state” che racconta in maniera allora, a Palermo, un giorno ci
alquanto originale i fatti di fu una vera e propria rivolta
mafia che hanno segnato in contro la mafia ed è lì che
maniera irrimediabile la storia Flora ed Arturo capirono che
della Sicilia e dell’Italia intera.
si amavano e ben presto ebbero un figlio che crebbe con gli
Una volta entrati in sala eravainsegnamenti del padre e delle
mo tutti molto curiosi. Il film
persone che erano morte
ha avuto un inizio divertente.
quando lui era molto piccolo.
Nella prima parte si parlava
principalmente di un ragazzo di La parte che ci è piaciuta di più fatto capire come nella società con l’aiuto di tutti. Grazie alla
nome Arturo. Egli da piccolo è stato quando Arturo chiese al operano organizzazioni delin- scuola che ci ha dato questa
non parlava e non aveva mai padre se la mafia avrebbe ucciso quenziali che vanno combattute opportunità.
detto mamma o papà, ma la sua anche loro ed il padre per tranprima parola fu “mafia”. Arturo quillizzare il figlio gli disse:
all’elementari si era innamorato «Arturo noi ora siamo in inverdella bellissima Flora e provava no, la mafia uccide solo d’estamolta stima verso Giulio An- te!». E poi c’è stata un'altra
dreotti. Il padre di Flora, però, parte che ci è piaciuta particoun giorno, per lavoro, decise di larmente cioè quando Arturo,
andare all’estero, portando con alla fine, dice: «Quando sono
sé la propria famiglia. Arturo diventato padre ho capito due
disse che non si sarebbe più cose fondamentali: la prima è
innamorato di nessun altra che avrei dovuto difendere mio
ragazza. Con il passare del tem- figlio dalla malvagità del monpo Arturo divenne un bravo do, la seconda che avrei dovuto
giornalista ed in seguito andò a insegnargli a distinguerla».
lavorare in una trasmissione
L’aver visto questo film ci ha
Noi ragazzi vogliamo essere liberi di poter sognare
di SAMUELE GALLACE
e di ALEANDRO PAGANO
TUTTI noi ragazzi abbiamo un
sogno che vorremo realizzare da
grandi.
Ci sono dei ragazzi che vorrebbero
diventare: poliziotti, pompieri, calciatori, piloti di F1 e star del cinema.
Poliziotti perché combattono il crimine e rendono la vita di tutti più
serena. Pompieri perché salvano la
gente dagli incendi.
Calciatori perché vorrebbero avere
gloria e onori ed essere osannati dal
pubblico. Piloti di Formula 1 perché
hanno il desiderio fin da piccoli di
maneggiare il volante e di poter correre in pista più veloci che mai.
Tutti noi ragazzi abbiamo, insomma, il diritto di poter pensare che un
Le star del cinema perché vorrebbero essere visti da tutti in qualsiasi parte giorno i nostri sogni si possano realizzare e speriamo davvero che nessuno
del mondo e apprezzati da tutta la gente del mondo.
ci possa impedire di sognare.
Pagina 2
VIBO TIMES
San Valentino: la festa del cuore, ma non solo...
di OLGA FARFAGLIA
e di FRANCESCA BELSITO
E’ LA festa di tutti gli innamorati. San Valentino, come sempre,
porta con sé pensieri amorosi, regali, gesti affettuosi, ma anche le
solite critiche che non mancano mai nei confronti di una ricorrenza che non tutti apprezzano.
In questa circostanza alcuni colgono l’occasione per fare una proposta importante ad una ragazza oppure per fare un regalo alla persona amata. Allo stesso tempo alcuni odiano San Valentino perché
non hanno una ragazza o un ragazzo, ma anche perché la ritengono
una ricorrenza inutile.
Fatto sta che anche stavolta il 14 febbraio si sono spesi un bel po’
di soldi per fiori, cioccolatini e regali per il proprio innamorato o
per la propria innamorata. Anche per questo motivo sono in tanti a
ritenere che questa sia solo una ricorrenza dal valore puramente Al di là di tutto San Valentino resta un giorno che non passa inosservato. Per tanti motivi. Economici e di cuore!
commerciale.
Anche quest’anno sarà un Carnevale in tono minore
di EMANUELA PROCOPIO
ANCORA qualche giorno e poi
sarà Carnevale. Si tratta di una
festa molto attesa dai bambini
non solo perché si possono travestire, ma anche perché si possono sbizzarrire mostrando la loro
creatività e fantasia. E’, insomma, la festa dei più piccoli, dei
costumi e dei coriandoli ed è un
vero peccato che a Vibo non si
festeggi più questa ricorrenza
come avveniva una volta. E questo per diversi problemi che,
tuttavia, non dovrebbero ricade-
re sui bambini.
carri, adesso non più, ed è un qualche maniera alla mancanza
vero peccato.
di un vero e proprio spettacolo,
Anni fa a Vibo il martedì di
grazie alle iniziative dei vari cenCarnevale si faceva la sfilata dei Per fortuna si riesce a ovviare in
tri commerciali, che per l’occasione riescono a dare un senso a
questa festa, con apposite manifestazioni. Il tutto per la gioia
dei più piccoli.
Via, allora, ai costumi ed agli
scherzi, ma è bene ricordarsi di
essere moderati.
E’ vero che a Carnevale ogni
scherzo vale, ma non bisogna
andare oltre certi limiti.
Solo per voi la top ten dei videogiochi più venduti
di MATTEO ESPOSITO
della mitologia. Al 6° posto ecco Gta V che
di BIANCA
BIANCO
rispetto
alla quartaLO
versione
è decisamente
QUESTA settimana in esclusiva per i migliore nella grafica e ci sono più trucchi e
nostri lettori proponiamo la play list dei luoghi. A conti fatti un miglioramento eccevideogiochi più venduti.
DAVANTI
al computer, magari ore e
zionale.
Facebook
confive
il xper
Magari
a
Via, allora, alla nostra top ten e buon diver-ore
Masuentriamo
nellao top
raccontare
timento!
contatto
conposto
la natura,
facendo
qualche al 5°
c’è Gran
Turismo
6, un
bella
passeggiata
la famiglia
o
gioco
pazzesco
dove lecon
macchine
prendono
Il 10° posto se lo aggiudica Top Spin ilche
con
gli
amici,
oppure
praticando
una
vita
con
1000
auto
e
più
di
200
circuiti
tutti
gioco di tennis più venduto. Segue al 9°
reali.disciplina
Al 4° posto
non poteva
mancare
sportiva.
L’attività
fisi-Fifa
posto Gta IV la serie più venduta di mafia. sana
14
il fondamentale
gioco di calcio importanza.
più venduto con un
è di
Cambiamo categoria e buttiamoci in pistacasacco
di modalità di azione.
con F1 2012 con piloti e circuiti realistici
che si aggiudica l’8° posto, mentre il 7° va a Ed eccoci sul podio. Partiamo dal 3° posto
Good of War 4, la saga che tratta degli eroi dove troviamo la saga dedicata agli assassini:
Giovedì 20/02/14
stiamo parlando di Assassin Cread Black
Flag, un gioco ambientato nel medio evo
che parla della guerra di assassini contro i
templari. In 2ª posizione c’è Battelfid 4, un
gioco del futuro che ha fatto impazzire un
sacco di ragazzi con armi di ultima generazione.
Al primo posto, però, spicca Call Of
Duty Ghost, videogioco del genere
“sparatutto” in prima persona. Un gioco che fa veramente “impazzire” tutti e
che è giunto già alla versione numero
dieci.
Pagina 3
La mia scuola. Il racconto fatto da chi la frequenta: consigli e sensazioni
Tutto quello che c’è da sapere sulla Garibaldi
di PAOLO BASILE
LA scuola Giuseppe Garibaldi è la sede
centrale delle succursali Buccarelli e Bruzzano. La scuola si trova in piazza Martiri di
Ungheria o comunemente chiamata “Piazza
Municipio”. La scuola offre molte risorse ai
ragazzi, che spero vengano a scuola con
piacere.
Nella sede centrale si trovano molti corsi:
due sono di spagnolo: il corso A e il corso E,
due sono di francese (il corso C e D), e per
quelli che vogliono studiare molto ed essere
alti con occhi azzurri e i capelli biondi
consiglio loro il corso di tedesco, il corso B! Il
corso di tedesco è un po’ più complicato
degli altri, almeno credo, perché la pronuncia è un po’ più complessa del francese e
dello spagnolo.
Il corso C è definito “Corso 2.0” perché
abbiamo le migliori L.I.M. e nella classe 2ª
C ci sono computer anche per i ragazzi che
ne usufruiscono nel miglior modo.
La mia scuola è molto tecnologica perché ci sono le L.I.M. in tutte le
Per quelli che come me sono appassionati di sport c’è la palestra al coperclassi, ma non tutte sono touch screen.
to dove si svolgono i tornei interni di pallavolo. E poi c’è il cortile per
Per chi è appassionato di scienze c’è un apposito laboratorio con apparec- usarlo quando ci sono le belle giornate. Nel cortile ci sono le porte da
chiature nuove e moderne. Si possono effettuare esperimenti e si può stu- calcio e i ragazzi di seconda e di terza media possono giocare. Per usare
diare il corpo umano con il nostro “amichetto” scheletro che è lì in attesa tutte queste comodità che la scuola offre c’è bisogno di osservare una sola
di essere spolverato.
regola: il rispetto per strutture, aule e attrezzi.
La riflessione. I robot e i computer sostituiscono l’uomo in tante cose, tranne che nei sentimenti
Tecnologia e informatica: il progresso, ma senza cuore
di EMMANUELE FULLONE PENNA
NEL III millennio la tecnologia e, di conseguenza, l’informatica costituiscono gran parte del
nostro mondo. Dal primo computer fino ai
nostri giorni si sono progettate e costruite tecnologie capaci di fare cose che fino a pochi
decenni fa nemmeno la più estrosa delle menti
sarebbe stata capace di immaginare.
Ora nel ventunesimo secolo esistono robot
capaci di svolgere ogni attività domestica, computer costosissimi utilizzati dalla intelligence dei
paesi più sviluppati del mondo, che sono capaci
di elaborare migliaia di file contemporaneamente in pochi secondi.
Approfondendo l’argomento dei robot negli
ultimi tempi ne sono stati inventati alcuni capaci di riprodurre espressione facciali quasi perfettamente e alcuni capaci di camminare e svolgere qualunque A dividere però il mondo umano da quello dei robot sono ancoattività umana come comunicare, cantare e molto altro.
ra i sentimenti che i robot non possono ancora provare.
Pagina 4
VIBO TIMES
L’intervista. Dal 1° settembre del 2002 una valida ed efficiente collaboratrice
Disponibilità e tanta cortesia: ecco Silvana Tripaldi
di CLARA CALLIPO
e di BIANCA LO BIANCO
C’è tanto lavoro da fare in questa scuola?
«Il lavoro ovviamente non manca mai. In questa scuola abbiamo
classi numerose e non si può pretendere che tutti gli studenti
DISPONIBILITA’ e cortesia. Sono gli aspetti che caratterizzano la lascino le aule pulite, anche se noi collaboratori ribadiamo spesso
nostra cara collaborail concetto
di
trice Silvana Tripaldi,
pulizia. Ma non
che si è prestata a
sempre troviamo
rispondere alle nostre
chi ci ascolta!».
domande. Andiamo,
Come si trova con
allora, a conoscerla da
i colleghi?
vicino, ringraziandola
«Bene. Andiamo
per la gentilezza e la
d’accordo, ci vocollaborazione mostragliamo bene e poi
ta per l’occasione.
tutti i giorni si
collabora di buona
Da quanti anni lavora
lena per far sì che
nella scuola Gariballa scuola sia migliodi?
«Dal 1 settembre
re e che risponda
2002, dopo essere
alle aspettative di
stata 6 anni a Torino
studenti e genitodove ho incominciato
ri».
a fare questo mestieQuali sono i more».
menti più belli
Com’è il suo rapporto
trascorsi in questa
con noi studenti?
scuola?
«Buono. Siete tutti dei
«In realtà non ne
bravi ragazzi, anche se
ho uno particolarogni tanto ci fate un po’ arrabbiare».
mente preferito. Sono tutti belli perché siamo in compagnia tutti i
giorni. Si lavora di buona lena. Si collabora e ci si aiuta. E poi è
Un commento sul nostro dirigente scolastico…
«È una donna molto simpatica e disponibile e le voglio bene».
una bella emozione veder crescere voi studenti».
Il commento. “E’ proprio una grande fortuna poter contare su chi ti sa ascoltare e ben consigliare”
L’importanza di avere un’amica sincera al proprio fianco
di NAOMI MORGESE
SONO del parere che oggi si
può definire fortunato o
fortunata chi ha vicino a sé
un amico o un’amica del
cuore.
Il vero sentimento di amicizia è molto raro, ma quando
c’è rallegra l’animo e ti fa
capire che non sei sola, che
al tuo fianco hai una persona alla quale confidare i
tuoi segreti, i tuoi malumori,
i tuoi pensieri.
Per quanto mi riguarda ho
un’amica del cuore che si
chiama Fatima. Ci conosciamo dai tempi dell’asilo. Da
diversi anni ci frequentiamo
Giovedì 20/02/14
e per me è un vero punto
di riferimento. Un’amica
alla quale raccontare i
miei pensieri, i miei
sogni, i miei malumori.
So che lei c’è sempre e
questo per me è molto
importante.
Con lei mi sento felice e
serena. Siamo amiche
vere e sincere, legate da
un bel rapporto. L’amicizia aiuta a crescere, a
confrontarsi e a stare
sereni. Un’amica sa
sempre come consigliarti
per il meglio. E chi ha
un’amica vera al proprio
fianco ha davvero una
grande fortuna.
Pagina 5
Inter, che delusione, ma non tutto è da buttare
di FABIO BONELLI e di PAOLO BASILE
di ALEANDRO PAGANO
E’ STATA fondata nel 1908 a Milano, da 44 soci che entrarono in dissidio con quelli del Milan, che non volevano giocatori stranieri in squadra. Da quel giorno è nata così una nuova
realtà calcistica milanese che risponde al nome di Internazionale Football Club, per tutti semplicemente Inter.
SE è vero che l’Inter sta deludendo in questa stagione è altrettanto vero che in organico i nerazzurri hanno degli elementi di
grande spessore. Stiamo parlando del numero 88 Hernanes,
soprannominato il “Profeta” appena prelevato dalla Lazio, centrocampista abile e potente con il vizio del gol. A seguire ecco il
numero 22 Diego Milito soprannominato il “Principe” che
ultimamente è stato frenato dagli infortuni, ma il cui valore è
fuori discussione.
Ma qui non vogliamo raccontarvi la storia dell’Inter. Preferiamo soffermarci sul presente, ricco di delusioni per i tifosi
nerazzurri. La squadra è stata eliminata dall’Udinese in Coppa
Italia e sta deludendo in campionato.
Dopo un periodo di grandi vittorie e grandi presidenti come
Moratti, ora la squadra si trova in un periodo di crisi profonda. Molti giocatori non sono di grande valore e la dirigenza è
passata all’indonesiano Eric Tohir, che nonostante abbia
annunciato investimenti importanti, in sede di calcio mercato
solo in extremis è riuscito a mettere a disposizione di mister
Mazzarri un giocatore di valore come Hernanes.
Si tratta, insomma, di un periodo buio per l’Inter, a distanza
notevole dalla capolista Juventus in campionato. I tifosi non
sono contenti della squadra e si aspettano una rinascita della
formazione di Mazzarri che, inevitabilmente, deve partire dalla
nuova società.
In attacco si punta sul numero 8 Rodrigo Palacio, prelevato due
stagioni addietro dal Genoa, che sta reggendo da solo il peso
dell’attacco. Per fortuna dei tifosi interisti, decisamente contrari, non è andato a buon fine il trasferimento alla Juve del numero 14 Fredy Guarin, centrocampista di valore, sul quale bisogna
riporre solo grande fiducia. Stesso discorso per il numero 10
Kovacic, giovane regista prelevato dalla Dinamo Zagabria.
Infine ecco il numero 1 Samir Handanovic, portiere di esperienza e capace di parate strepitose.
Non tutto, insomma, è da buttare in casa Inter, anche se i risultati, quest’anno, non stanno arrivando. I tifosi, pertanto, si
attendono nuovi colpi, da aggiungere a questi campioni che
attualmente compongono l’organico dei nerazzurri.
Figurine: passione coinvolgente
di NICOLÒ CONDOLEO
COME ogni anno, torna il mitico album delle figurine Panini. E puntualmente si ricomincia con la caccia alle figurine che finisce per entusiasmare grandi e
piccini. Per i ragazzi, ovviamente, l’obiettivo è quello di completare l’album,
formato da circa 900 figurine che comprendono Serie A, Serie B, Lega Pro,
Primavera e Serie A femminile.
Le figurine più difficili da trovare sono quelle dei più forti di alcune squadre,
vale a dire: Mario Gomez e Giuseppe Rossi (Fiorentina), Luca Toni (Hellas
Verona), Jorginho (Hellas Verona, poi trasferitosi al Napoli), Juan Manuel
Iturbe (Hellas Verona), Paul Pogba, Fernando Llorente e Carlitos Alberto
Tevez (Juventus), Miroslav Klose (Lazio), Paulinho (Livorno), Kakà (Milan),
Gonzalo Higuain (Napoli), Antonio Cassano (Parma), Francesco Totti
(fedelissimo alla Roma), Domenico Berardi (Sassuolo), Alessio Cerci (Torino)
e Antonio Di Natale (Udinese). L’album comprende poi gli insegnamenti di
Gianluca Zambrotta, le “Topolino goal”, la Topolino 00 (introvabile) e gli
aggiornamenti per ogni squadra.
Tonno Callipo e la scuola
un unico solido legame
di FRANCESCO MAZZEO e di PAOLO BASILE
LA Tonno Callipo è l’orgoglio di Vibo e del Meridione. Nel massimo campionato di pallavolo il
team del presidente Pippo Callipo continua a regalare emozioni, oltre ad essere un esempio di serietà
e di efficienza. Quest’anno la squadra sta disputando un torneo con alti e bassi, ma nonostante ciò,
continua ad essere seguita dai suoi tifosi, che non
fanno mai mancare il proprio apporto.
Le figurine si attaccano, si scambiano, ma non solo. Si possono anche giocare,
cosa pure questa che tutti, da piccoli, hanno fatto. E come si giocano? Si mettono in palio le figurine e si dispongono su una superficie con la foto rivolta
verso l’alto. Allora si batte un colpo con una o entrambe le mani sulla figurina, con l’obiettivo di farla saltare in aria e di farla girare sul dorso. Chi ci riesce vince la figurina.
La Tonno Callipo si è fortemente radicata nel
territorio ed ha stretto diversi accordi con le scuole
vibonesi. Anche la Garibaldi è stata coinvolta dal
club giallorosso. E ogni due settimane nella nostra
palestra ci vengono offerte delle lezioni di pallavolo
durante le ore di educazione fisica. L’obiettivo della
Tonno Callipo è quello di realizzare una serie di
attività prettamente tecniche, ma anche iniziative
ed incontri che vedono la partecipazione direttamente degli atleti della prima squadra, dibattiti che
si tengono all’interno delle scuole, su varie tematiche riguardanti i valori dello sport e della socialità.
Da segnalare, ancora, che quest’anno sulle figurine ci sono lo stemma della
squadra, la data di nascita del giocatore, il nome e la provenienza dello stesso.
Unico intoppo il costo eccessivo, visto che una bustina, nella quale escono 6
figurine, costa 70 centesimi.
Allo stesso tempo sono diversi gli incentivi che la
società offre agli studenti, per avvicinarli a questo
sport ed anche per permettere di assistere alle gare
interne al palazzetto dello sport.
Pagina 6
VIBO TIMES
Domenico Berardi: un ragazzo di Calabria
di BENITO PACIENZA
E’ UN ragazzo di Calabria. Uno di quelli
che, per sfondare, ha dovuto lasciare la
nostra terra. Domenico Berardi, attaccante,
nato a Cariati il 1° agosto del 1994, è uno
dei giovani più talentuosi del campionato
di Serie A, letteralmente esploso dopo aver
segnato ben 4 reti al Milan con la sua squadra, il Sassuolo.
La squadra emiliana lo ha avuto in prestito
dalla Juventus e lo scorso gennaio si pensava che sarebbe ritornato alla casa madre, ma
alla fine è rimasto al Sassuolo. La squadra
punta su di lui per la salvezza e lui sta rispondendo con delle prestazioni straordinarie e con tanti gol.
Come si diceva l’esplosione di Berardi è
avvenuta lontano dalla Calabria. Eppure
aveva iniziato a giocare proprio nella nostra
regione, nelle giovanili del Cosenza, dal
2008 al 2010. Poi viene prelevato dal Sassuolo dove gioca 37 partite e segna 11 gol
in Serie B, debuttando così nel professionismo.
Sassuolo per 2-1. Nel 2013 è stato acquista- anche un altro calciatore calabrese, Sergio
to dalla Juventus, che poi lo ha lasciato in Floccari, ex Lazio, unico vibonese che milita
prestito al Sassuolo.
in Serie A.
E in questa stagione vi è stata la consacra- Sulla coppia d’attacco formata dai due calazione di Domenico Berardi, che in molti bresi il Sassuolo ripone molta fiducia per la
conquista della salvezza nel campionato di
Ha segnato il suo primo gol da professioni- vorrebbero vedere in Nazionale.
sta contro il Crotone, nella gara vinta dal Da segnalare che oggi nel Sassuolo gioca Serie A.
Zoom sui calciatori che hanno fatto la storia. Stavolta vi parliamo di...
Del Piero: una bandiera per il popolo bianconero
di BENITO PACIENZA
Alex è stato uno dei più fedeli alla
Juventus, scendendo anche in Serie
LA seconda puntata dei grandi del
B. Oggi Alex gioca nel Sidney dove
calcio è dedicata a “Pinturicchio”.
sta per chiudere la carriera. Dopo il
Stiamo parlando, ovviamente, di
ritiro Alex forse sarà un dirigente
Alessandro Del Piero, classe ’74,
della Juve. Lui ha battuto il record
uno dei più forti giocatori italiani,
di gol in serie A di molti altri camcapace di scrivere tante pagine di
pioni del calibro di Giampiero
storia con la maglia della Juventus,
Boniperti e altri. Ancora oggi i
che ha indossato fino al 2012.
tifosi lo ricordano allo stadio urlanDel Piero inizia la carriera nel
do il suo nome. Alex era, è e sarà la
Padova e poi passa alla Juventus di
bandiera della Juventus e del calcio
Lippi, voluto per il suo talento dal
italiano. Nella Juve del Piero ha
presidente Boniperti. Una mossa
segnato ben 208 gol. Ha vinto un
azzeccatissima, visto che in biancomondiale con l’Italia nel 2006 e un
nero diventerà un fuoriclasse, conquistando tanti trofei e segnan- mondiale per club con la Juve, siglando tra l’altro il gol decisivo
do moltissimi gol, oltre a diventare capitano della squadra. Tutti i nel 1995. Nella nazionale italiana ha collezionato 91 presenze e ha
tifosi juventini lo adorano visti i risultati raggiunti.
realizzato 27 gol.
Giovedì 20/02/14
Pagina 7
Istituto Comprensivo
“G.Garibaldi - Buccarelli”
- REDAZIONE
GIORNALISTICA
Redazione Vibo Times
Scuola Secondaria di 1°
grado Giuseppe Garibaldi
Piazza Martiri d’Ungheria
89900 Vibo Valentia
Dirigente Scolastico:
Rosaria Galloro
Tel.: 0963-42120
Fax: 0963-471975
E mail:
[email protected]
Vibo Times
Piano Integrato 2013/14
Prot. n. A00GDAI/2373
Progetto C1 FSE-2013—615
Redazione giornalistica
Tutor: prof.ssa Maria Adele
Carullo
Esperto: Roberto Saverino
Nuove turbolenze per Justin Bieber
di MARIKA IANNELLO
IL 27 gennaio 2014 Justin Bieber, cantante americano 21enne, è stato arrestato dalla polizia
di Miami per eccesso di velocità e guida in stato di ebrezza. Il giorno dell’arresto Jus non era
solo, ma in compagnia di Lil Ka un suo amico rapper con cui si sfidavano in una gara di
velocità.
Il cantante è stato fermato a Miami dove, a quanto pare, non era nuovo a certe “turbolenze”.
Era stato, infatti, incriminato per disturbo della quiete pubblica a causa delle sue feste troppo rumorose e per il lancio di uova contro la casa del vicino. E non finisce qua, visto che a
luglio scorso era anche
stata trovata in casa sua
della marijuana.
Justin, insomma, ne sta
combinando davvero
troppe. L’idolo delle ragazzine, adorato per la sua
voce da bambino che
tramuta sempre di più in
una voce da adulto, dovrebbe darsi uno stile di
vita decisamente più appropriato e far parlare di
sé solo per le sue canzoni.
Il gruppo. Dischi a ruba e solito pienone durante i loro concerti
One Direction, un successo mondiale
Questo numero è stato
realizzato da...
Elena Anastasi
Paolo Basile
Francesca Belsito
Fabio Bonelli
Clara Callipo
Nicolò Condoleo
Matteo Esposito
Olga Farfaglia
Emmanuele Fullone
Samuele Gallace
Marika Iannello
Bianca Lo Bianco
Francesco Mazzeo
Naomi Morgese
Benito Pacienza
Aleandro Pagano
Teresa Patania
Emanuela Procopio
di TERESA PATANIA
del pianeta: dischi, libri,
film e gadget vanno a ruba
IL fenomeno musicale più
ovunque; i biglietti dei consignificativo degli ultimi
certi vanno in sold-out in
anni, la band degli One
pochi minuti.
Direction, ha raggiunto tali
dimensioni da superare Come si spiega questo enoranche gli storici Beatles. me successo? In fondo erano
Complice anche la moderna cinque normalissimi ragazzi
tecnologia, il gruppo musica- della periferia di Londra,
le ha raggiunto ogni angolo approdati singolarmente a
"X Factor" e subito esclusi,
che, grazie al geniale intuito
di un giudice del reality,
sono stati raggruppati nella
band, e da li è iniziato il
loro sogno.
Forse il loro successo sta
proprio in questo, perché
ciascuno di noi ragazzi ha
un sogno e spera di vederlo
realizzato e ognuno di loro rappresenta i giovani di tutto il
mondo.
Non a caso il
loro ultimo disco
"Story of my life"
è molto significativo e le" Directioner", così si
chiamano le loro
fans, ne hanno
fatto un successo
senza precedenti.