Italia in cifre

Comments

Transcription

Italia in cifre
L’INFORMAZIONE STATISTICA
È PATRIMONIO DELLA COLLETTIVITÀ
Fornire strumenti utili per interpretare i
fenomeni sociali, economici e ambientali ai
diversi livelli territoriali. Questa è la missione che
l’Istat persegue attraverso un’accurata attività di
indagine e analisi.
Attraverso 17 sezioni tematiche, Italia in cifre offre un profilo sintetico
dei principali aspetti economici, demografici, sociali e territoriali
dell’Italia, nonché di alcuni fondamentali comportamenti e abitudini di
vita della popolazione.
Approfondimenti, glossari e brevi note metodologiche consentono una
migliore fruibilità del patrimonio informativo anche a un pubblico di
non addetti ai lavori.
L’opuscolo, distribuito a istituzioni, organismi internazionali, media
e opinion leader, è disponibile gratuitamente presso i centri di
informazione statistica presenti in ogni regione e provincia autonoma
e, su richiesta, presso la Direzione centrale per la diffusione e la
comunicazione dell’informazione statistica dell’Istat.
Dalla home page del sito www.istat.it, che mette a disposizione tutti
i dati prodotti dall’Istituto, si accede alla versione on line di Italia in
cifre che può essere scaricata integralmente o consultata in modo
ragionato per singoli capitoli.
2013
TERRITORIO
POPOLAZIONE
CULTURA
CONDIZIONI DI VITA
SALUTE E SANITÀ
LAVORO
ISTRUZIONE
GREEN
GIUSTIZIA
PREVIDENZA
ECONOMIA
PREZZI
COMMERCIO CON L’ESTERO
ISTITUZIONI PUBBLICHE e non profit
imprese
AGRICOLTURA
TURISMO
Italia
in cifre
Istituto nazionale di statistica
Via Cesare Balbo, 16
00184 Roma
tel. 06 46731
www.istat.it
A cura della Direzione centrale per la diffusione
e la comunicazione dell’informazione statistica
tel. 06 4673.2048-2049
e-mail: [email protected]
Stampa
Primaprint srl, via dell’Industria, 71 - Viterbo
39
85
407
172
approfondimenti
68
264
155
Fino a 100
Da 101 a 200
Da 201 a 300
Oltre 300
193
290
160
DENSITÀ
DELLA POPOLAZIONE
RESIDENTE
AL CENSIMENTO 2011
104
319
Ripartizioni geografiche:
■ il Nord comprende
Piemonte, Valle d’Aosta,
Liguria, Lombardia,
Trentino-Alto Adige,
Friuli-Venezia Giulia,
Veneto, Emilia-Romagna
■ il Centro comprende
Toscana, Lazio, Umbria,
Marche
■ il Mezzogiorno comprende
Abruzzo, Molise, Campania,
Basilicata, Puglia, Calabria,
Sicilia, Sardegna
164
121
70 207
422
57
68
MEDIA ITALIA
197
129
abitanti per chilometro quadrato
194
TERRITORIO 1
I NUMERI DELL’ITALIA
Principali dati territoriali e demografici
Latitudine Nord
Latitudine Sud Longitudine Ovest
Longitudine Est
Estensione massima (km)
Superficie territoriale (kmq)
Superficie forestale (kmq)
Estensione coste marine (km)
Superficie alta sismicità (kmq)
Superficie aree protette (kmq)
Vetta più alta - Monte Bianco (m)
47° e 06’
35° e 30’
6° e 37’
18° e 31’
1.200
302.071
104.675
7.375
28.026
63.791
4.810
Fiume più lungo - Po (km)
Rete ferroviaria (km)
Rete stradale (km)
Regioni
Province
Comuni
Popolazione residente
Stranieri residenti
Famiglie
Componenti per famiglia
Densità di popolazione (ab/kmq)
652
16.726
186.419
20
110
8.092
59.685.227
4.387.721
25.872.613
2,3
197
SUPERFICIE TERRITORIALE PER ZONA ALTIMETRICA E AREA GEOGRAFICA
Censimento 2011, ettari
Montagna
Collina
Pianura
6.578.982
5.539.845
4.192.441
2.293.297
3.706.684
2.272.106
1.565.654
Nord
3.522.109
536.166
Centro
Mezzogiorno
SUPERFICIE TERRITORIALE PER TIPO DI LOCALITÀ
Anni 2001 e 2011, incidenza delle località abitate sulla superficie territoriale e variazioni percentuali
Nord
Centro
Mezzogiorno
Italia
CENSIMENTO 2001
Località abitate**
di cui
%
centri abitati %
8,1
7,1
6,3
5,5
4,3
3,7
6,2
5,4
CENSIMENTO 2011*
Località abitate**
di cui
%
centri abitati %
7,7
8,7
5,9
6,8
4,0
4,7
6,7
5,8
* dati provvisori ** comprendono centri abitati, nuclei abitati e località produttive
VAR. % 2001-2011
Località abitate**
di cui
%
centri abitati
%
8,2
7,5
8,2
6,5
10,2
6,9
8,8
7,1
Saldo naturale: differenza tra il numero dei nati (in Italia o all’estero) da persone residenti in Italia e il numero dei morti (in Italia o
all’estero) residenti in Italia
Saldo tra iscritti e cancellati: differenza tra il numero degli iscritti
nei registri anagrafici e il numero dei cancellati dai registri anagrafici per trasferimenti di residenza da/per altro comune, trasferimenti
da/per l’estero, altri motivi (operazioni di rettifica anagrafica)
Cittadini non comunitari regolarmente presenti: sono gli stranieri
muniti di un valido documento di soggiorno e gli iscritti sul permesso di un familiare. A partire dal 1° gennaio 2008 nei permessi di soggiorno non sono più compresi i cittadini dell’Unione europea, poiché
l’Italia ha recepito la direttiva 2004/38/CE che prevede per i cittadini
dei 27 Paesi il diritto di libera circolazione e soggiorno nell’UE
CITTADINI NON COMUNITARI
REGOLARMENTE PRESENTI
AL 1° GENNAIO 2013
Nord
Centro
Mezzogiorno
Italia
2.449.169
871.147
443.920
3.764.236
STRANIERI RESIDENTI
IN ITALIA
Censimento 1961
62.780
Censimento 1971 121.116
Censimento 1981 210.937
Censimento 2001 1.334.889
1° gennaio 2013 4.387.721
2 POPOLAZIONE
POPOLAZIONE RESIDENTE E MOVIMENTO ANAGRAFICO PER AREA GEOGRAFICA
Popolazione al 1° gennaio 2013 e saldi nell’anno 2012
Nord
Centro
Mezzogiorno
Italia
Popolazione
residente
27.382.585
11.681.498
20.621.144
59.685.227
Saldo
naturale
-41.054
-21.953
-15.690
-78.697
Saldo tra iscritti
e cancellati
228.874
111.746
29.097
369.717
PIRAMIDE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE PER SESSO E CITTADINANZA
Censimento 2011, valori percentuali
100
e più
Maschi italiani
Maschi stranieri
Femmine italiane
Femmine straniere
95
90
85
80
75
70
65
60
55
50
45
40
35
30
25
20
15
10
5
1,0
0,8
0,6
0,4
0,2
0
0
0
0,2
0,4
0,6
0,8
1,0
approfondimenti
Speranza di vita alla nascita (vita media): numero medio di anni
di vita per un neonato
NUMERO MEDIO
DI FIGLI PER DONNA
1961
1981
2001
2011
2030 (previsione)
2,41
1,60
1,25
1,39
1,49
NATI PER 1.000 RESIDENTI
1961
1981
2001
2012
2030 (previsione)
18,3
11,1
9,4
9,0
8,1
Popolazione residente: è costituita dalle persone aventi dimora
abituale nel comune, anche se alla data considerata sono assenti
perché temporaneamente presenti in altro comune o all’estero
Indice di vecchiaia: rapporto tra la popolazione di 65 anni e più e
la popolazione fino a 14 anni di età, per 100
Indice di dipendenza: rapporto tra la popolazione in età non attiva (fino a 14 anni e di 65 anni e più) e la popolazione in età attiva
(tra 15 e 64 anni), per 100
POPOLAZIONE 3
SPERANZA DI VITA ALLA NASCITA PER SESSO
Anni 1961-2065
Maschi
Femmine
88,4 84,7 89,6 87,7 91,5
80,3 85,3 82,0 87,0 83,5
77,9 73,8 80,3 77,0 82,8
67,2 72,3 69,0 74,9 71,1
1961
1971
1981
1991
2001
2015*
2025*
2035*
2045*
2065*
* previsione
PREVISIONI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE
Anni 2015-2065, migliaia
63.483
63.750
63.889
63.846
63.546
63.081
62.964
62.497
62.169
61.637
2015
61.305
2020
2025
2030
2035
2040
2045
2050
2055
2060
2065
259,6
257,9
INDICATORI DEMOGRAFICI
Censimenti 1961-2011 e 1° gennaio 2015-2065
INDICE DI VECCHIAIA
38,9
46,1
61,7
1961
1971
1981
92,5
127,1
148,7
154,0
183,6
230,9
1991
2001
2011
2015*
2025*
2035*
2045*
2065*
INDICE DI DIPENDENZA
51,6
55,5
53,1
45,7
48,4
53,5
54,9
58,5
70,0
82,0
82,8
1961
1971
1981
1991
2001
2011
2015*
2025*
2035*
2045*
2065*
* previsione
Matrimoni: i dati si riferiscono ai matrimoni celebrati in Italia
nell’anno di riferimento, indipendentemente dal luogo di residenza degli sposi. I matrimoni con almeno un coniuge straniero
sono quelli in cui almeno uno dei due coniugi ha cittadinanza non
italiana. Comprendono, dunque, anche gli stranieri residenti in
Italia ma con nazionalità straniera
PRINCIPALI TIPOLOGIE
FAMILIARI NEL 2011-2012
Genitore
solo
con figli
Coppie
senza figli
19%
9%
35%
Coppie
con figli
7%
Famiglia: insieme di persone legate da vincoli di matrimonio,
parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso comune. La famiglia
può essere costituita anche da una sola persona
Altro
30%
Persone
sole
composizione percentuale
4 POPOLAZIONE
NATI VIVI DELLA POPOLAZIONE PRESENTE PER SESSO
Anni 1932-2012
1932
1942
1952
1962
1972
1982
1992
2002
2012
Maschi
507.871
476.192
433.598
480.738
458.043
318.351
292.964
261.886
271.324
Femmine
483.124
449.871
410.849
456.519
430.160
300.746
274.877
247.454
256.455
Totale
990.995
926.063
844.447
937.257
888.203
619.097
567.841
509.340
527.779
MATRIMONI ED ETÀ MEDIA DEGLI SPOSI
Anni 2001-2011
MATRIMONI
TOTALE
2001
264.026
2002
270.013
2003
264.097
2004
248.969
2005
247.740
2006
245.992
2007
250.360
2008
246.613
2009
230.613
2010
217.700
2011
204.830
ETÀ MEDIA DEGLI SPOSI
di cui con almeno per 1.000
civili uno straniero abitanti
27,1
8,1
4,6
28,9
9,5
4,7
29,4
10,5
4,6
31,9
12,3
4,3
32,8
13,3
4,2
34,0
14,0
4,2
34,6
13,8
4,2
36,7
15,0
4,1
37,2
13,9
3,8
36,5
11,5
3,6
39,2
13,0
3,4
Maschi
Femmine
32,5
32,9
33,2
33,6
34,0
34,0
34,2
34,5
34,8
35,1
35,5
29,2
29,6
29,9
30,3
30,7
30,6
31,0
31,3
31,5
31,8
32,1
SEPARAZIONI E DIVORZI
Anni 1971-2011
82.291
71.969
44.018
35.162
19.132
29.462
11.796 10.618
1971
1975
11.844
15.650
1980
1985
17.134
Separazioni
52.323
37.573
27.682
1990
88.191 88.797
53.806
47.036
54.160 Divorzi
2005
2010 2011
27.038
1995
2000
approfondimenti
Attività teatrali e musicali: comprendono il teatro (di prosa, dialettale e il recital letterario), la lirica e l’operetta, la rivista e la
commedia musicale, il balletto e i concerti di danza, gli spettacoli di burattini e marionette, gli spettacoli di varietà e arte varia,
il circo, i concerti di musica classica, leggera e jazz
LETTORI E ASCOLTATORI
NEL 2012
Guarda la TV*
92,4
Ascolta la radio*
58,3
Legge quotidiani**
52,1
Legge libri**
46,0
* per 100 persone di 3 anni e più
** per 100 persone di 6 anni e più
Nel 2012 le rappresentazioni teatrali e musicali in Italia sono
state 168.383 per un totale di 32 milioni 438 mila biglietti venduti.
Quanto al cinema, secondo la Siae, il numero delle singole proiezioni è pari a 2.983.555 e il numero di biglietti venduti è di 100
milioni 146 mila
CULTURA 5
PERSONE CHE FRUISCONO DI VARI TIPI DI INTRATTENIMENTO
Anno 2012, per 100 persone di 6 anni e più
49,8
28,0
25,4
20,6
20,1
21,1
19,0
7,8
Teatro
Cinema
Musei,
mostre
Discoteche
Spettacoli
Concerti
sportivi musica classica
Altri
concerti
Siti
archeologici,
monumenti
SPESA MEDIA ANNUA PER VARI TIPI DI INTRATTENIMENTO
Anni 2004-2012, euro
2004
2006
2008
2010
SPESA PER ABITANTE
Rappresentazioni teatrali e musicali
8,95 9,12 10,05 10,57
Cinema
11,28 10,23 10,64 12,75
Manifestazioni sportive
5,70 6,00 5,94 5,63
Totale
25,93 25,35 26,63 28,96
SPESA PER BIGLIETTO
Rappresentazioni teatrali e musicali
19,64
16,51
17,58
18,82
Cinema
5,79
5,73
5,73
6,41
2012
9,84
10,73
3,86
24,43
18,02
6,36
MUSEI E ISTITUTI SIMILARI PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA E TIPOLOGIA
Anno 2011, valori assoluti e composizioni percentuali
MUSEI,
GALLERIE E RACCOLTE
MONUMENTI
E COMPLESSI MONUMENTALI
Nord-est
18,6%
Nord-est
24,9%
Mezzogiorno
25,1%
Mezzogiorno
23,4%
3.847
Centro
28,7%
Nord-ovest
23,1%
AREE E PARCHI
ARCHEOLOGICI
Mezzogiorno
52,0%
240
Centro
31,7%
Nord-est
6,7%
Nord-ovest
12,1%
501
Nord-ovest
24,6%
Centro
29,2%
Pratica sportiva: nel 2012 il 21,9% della popolazione di 3 anni e
oltre dichiara di praticare uno o più sport con continuità, il 9,2%
in modo saltuario. Le persone che, pur non praticando un’attività
sportiva, dichiarano di svolgere qualche attività fisica (come fare
passeggiate, nuotare, andare in bicicletta) sono il 29,2%. I sedentari, cioè coloro che non svolgono né uno sport né un’attività fisica, sono il 39,2%, quota che sale al 43,5% fra le donne e si attesta
al 34,6% fra gli uomini. Lo sport è un’attività del tempo libero
tipicamente giovanile: le quote più alte di sportivi continuativi si
riscontrano nella fascia d’età fra i 6 e i 17 anni, in particolare fra
i maschi di 11-14 anni (60,8%), mentre per l’attività saltuaria le
percentuali più alte si hanno fra i maschi di 18-19 anni (18,0%)
CONSUMATORI QUOTIDIANI
DI ALCOLICI NEL 2012
Vino
32,1
11,6
Birra
7,1
1,2
Maschi
Femmine
per 100 persone di 11 anni e più
dello stesso sesso
6 CONDIZIONI DI VITA
PERSONE CHE CONSUMANO PARTICOLARI ALIMENTI ALMENO UNA VOLTA AL GIORNO
Anni 2002 e 2012, per 100 persone di 3 anni e più
87,9
83,0
60,7 58,0
78,0 75,1
48,8 51,4
Latte
Pane,
pasta e riso
40,6
Verdure
56,4
44,5
Ortaggi
Frutta
57,6
2002
2012
Pesce*
* almeno qualche volta a settimana
MEZZI DI TRASPORTO UTILIZZATI PER ANDARE AL LAVORO
Anni 1994-2012, per 100 occupati di 15 anni e più che escono di casa per andare al lavoro
Treno
Tram, bus
Metropolitana
Pullman
Automobile
Moto, ciclomotore
Bicicletta
A piedi
1994
2,1
5,1
1,7
3,5
69,8
4,1
3,0
13,4
1997
2,1
4,9
1,8
2,8
72
4,0
2,6
13,4
2000
2,5
5,2
2,3
3,2
73,5
4,8
3,2
11,2
2003
2,3
4,9
2,2
2,9
73,6
4,9
2,9
10,6
2006
2,9
4,7
2,1
2,8
75,7
4,3
3,0
11,0
2009
2,8
5,3
2,9
3,1
74,6
4,4
3,4
11,2
2012
3,1
5,0
3,0
2,6
74,3
4,0
4,0
11,5
FAMIGLIE PER ALCUNI BENI TECNOLOGICI POSSEDUTI
Anni 1997-2012, per 100 famiglie
92,4
78,2
59,3
55,5
42,7
27,3
30,7
16,7
33,8
21,1
2,3
Cellulare
Personal computer
Accesso a internet
Antenna parabolica
1997
2003
2012
approfondimenti
Spesa media mensile: spesa media per consumi sostenuta ogni
mese dalle famiglie residenti. Si calcola dividendo la spesa totale
per il numero delle famiglie residenti in Italia
SPESA MEDIA MENSILE
DELLE FAMIGLIE
PER CATEGORIA DI CONSUMO
1968
37,4
68,4
Spesa media effettiva per acquisto di un bene: è calcolata dividendo la spesa totale delle famiglie per l’acquisto di un bene
(o servizio) per il numero di famiglie che hanno effettuato tale
acquisto
80,6
Persona di riferimento: intestatario della scheda di famiglia in
anagrafe
62,6
1980
31,6
2012
19,4
Alimentari
Non alimentari
composizioni percentuali
CONDIZIONI DI VITA 7
SPESA MEDIA MENSILE PER TIPOLOGIA FAMILIARE E CAPITOLO DI SPESA
Anno 2012, composizioni percentuali rispetto al totale della spesa
Ali-
mentari
Persona sola con meno di 35 anni
17,0
Persona sola con 35-64 anni 17,1
Persona sola con più di 64 anni 21,1
Coppia senza figli con p.r.* con meno di 35 anni 15,2
Coppia senza figli con p.r. 35-64 17,2
Coppia senza figli con p.r. 65 e più 20,4
Coppia con 1 figlio 18,9
Coppia con 2 figli 19,4
Coppia con 3 e più figli 21,7
Monogenitore 20,3
Altre tipologie 21,2
Totale famiglie 19,4
Vestia- Abita- Trasporti Tempo Altro Spesa media
rio
zione
libero
mensile (2)
5,7
38,6
17,4
5,2
16,1
1.907
4,9
40,6
17,4
4,4
15,6
2.008
3,3
52,7
7,4
3,3
12,2
1.539
5,0
37,0
20,0
4,4
18,4
2.535
5,1
38,3
18,4
4,8
16,1
2.710
3,3
45,0
13,9
3,6
13,7
2.397
5,4
36,2
18,7
5,8
15,0
2.842
6,0
34,0
18,1
6,9
15,7
3.023
5,9
31,8
19,8
7,3
13,4
3.035
5,3
39,3
14,6
6,3
14,1
2.358
4,5
38,4
17,8
5,0
13,1
2.615
5,0
39,3
16,4
5,3
14,7
2.419
* con p.r. si intende persona di riferimento della famiglia 2.761
2.511
2.419
1.844
SPESA MEDIA MENSILE
DELLE FAMIGLIE
PER AREA GEOGRAFICA
Anno 2012, euro
Nord
Centro
Mezzogiorno
Italia
SPESA MEDIA EFFETTIVA PER ACQUISTO DI BENI DUREVOLI PER AREA GEOGRAFICA
Anno 2012, euro
Lavastoviglie
Condizionatore d’aria
Televisore
Personal computer
Telefono cellulare
Macchina fotografica
Automobile nuova
Nord
551
1.219
388
463
178
592
17.491
Centro
449
794
281
405
147
723
15.924
Mezzogiorno
292
550
252
336
139
305
10.635
Italia
475
863
320
427
161
541
16.480
Istituti di cura del Servizio sanitario nazionale (SSN): istituti
pubblici e case di cura private accreditate APPARECCHIATURE
TECNICO-BIOMEDICHE
DELLE STRUTTURE
EXTRAOSPEDALIERE NEL 2010
Tasso di ospedalizzazione: rapporto tra il numero di degenze e
la popolazione media residente, per 1.000
Ecotomografi Tomografi assiali
computerizzati
Risonanze
magnetiche nucleari
Degenza media: rapporto tra il numero delle giornate di degenza e il numero delle degenze
Medici di medicina generale: il contratto dei medici di medicina
generale prevede che si possono assistere fino a un massimo
di 1.500 pazienti; nel 2010 il valore nazionale è di 1.147 assistiti
per medico
5,3
0,7
0,8
per 100.000 abitanti
8 SALUTE E SANITÀ
PERSONALE DIPENDENTE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER AREA GEOGRAFICA
Anno 2010, per 10.000 abitanti
47,1
45,6
43,6
37,9
18,3
16,6
Nord
19,0
Centro
17,8
Mezzogiorno
Medici
e odontoiatri
Personale
infermieristico
Italia
ALCUNI INDICATORI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE
Anno 2010
Medici di medicina generale
Tasso medici generici*
Assistiti per medico
Pediatri di base
Tasso pediatri di base**
Assistiti per pediatra (<14 anni)
Servizi di guardia medica
Medici di guardia medica
Aziende sanitarie locali (Asl)
Centri unificati di prenotazione (Cup)
Nord
19.576
7,1
1.229 3.209
8,5
917 793
3.064
74
65
Centro
9.789 8,2
1.067 1.513 9,5
836 432 1.901 29
29
Mezzogiorno
16.513
7,9
1.097 2.996
9,6
821 1.700
7.139
43
39
Italia
45.878
7,6
1.147
7.718
9,1
864
2.925
12.104
146
133
* per 10.000 abitanti ** per 10.000 bambini di 0-14 anni
Settore pubblico
2009
Settore privato TOTALE
110,5
26,7 137,2
2010
112,5
27,0 139,5
2011
111,6
27,6 139,2
2012
110,8
26,9 137,7
SPESA SANITARIA
CORRENTE
PER SETTORE
Anni 2009-2012,
miliardi di euro
a prezzi correnti
approfondimenti
MORTALITÀ INFANTILE PER 1.000 NATI VIVI
SPESA EFFETTIVA FAMILIARE
PER BENI E SERVIZI SANITARI
NEL 2012
Ricoveri
Visite mediche
Dentista
Servizi ausiliari
Analisi cliniche
Radiografie/ecografie
Occhiali/lenti a contatto
Medicinali
Termometri/siringhe
112,9
115,2
66,6
200
115
336
169
63
77
155
79
35
1931
1941
1951
40,7
1961
28,5
1971
14,1
8,1
4,4
3,3
1981
1991
2001
2010
Mortalità infantile: comprende i morti nel primo anno di vita,
ovvero i nati vivi deceduti anteriormente al compimento del primo
compleanno, inclusi quelli morti prima della registrazione della
nascita
euro
SALUTE E SANITÀ 9
MORTALITÀ PER ALCUNE CAUSE
Anni 1931, 1971 e 2010 per 100.000 abitanti
446,0
1931
1971
2010
366,4
289,4
190,4
261,4
224,9
188,5
75,6
76,9
Tumori
Malattie del sistema
circolatorio
64,1
218,2
57,6
39,4
Malattie dell'apparato Malattie dell'apparato
respiratorio
digerente
15,9
15,9
Malattie infettive
e parassitarie
CONSUMATORI DI FARMACI* PER CLASSE DI ETÀ
Anni 1993-2012, migliaia di persone
Fino a 14 anni
15-34 anni
35-64 anni
65 anni e più
Totale
1993
1.524
2.753
7.317
5.986
17.580
1998
1.396
2.626
7.686
6.933
18.641
2006
1.520
2.832
9.568
8.864
22.784
2008
1.487
2.874
9.825
9.377
23.563
2010
1.424
2.728
9.985
9.477
23.614
2012
1.252
2.449
10.110
9.830
23.641
* nei due giorni precedenti l’intervista
CONDIZIONI DI SALUTE E MALATTIE CRONICHE DICHIARATE
Anno 2012, per 100 persone
71,1
16,4
5,5
Stato di
buona salute
Diabete
7,7
Ipertensione Osteoporosi
16,7
3,5
Artrosi,
artrite
Malattie
del cuore
10,6
Malattie
allergiche
4,4
Disturbi
nervosi
Interruzione volontaria di gravidanza (IVG): dopo l’introduzione
della legge 194/78, che ha regolamentato l’interruzione volontaria di gravidanza in Italia, si è verificata una netta riduzione
del fenomeno. Il picco è stato registrato negli anni 1982 e 1983,
con un numero di interventi superiore a 230 mila ogni anno e un
tasso di abortività pari rispettivamente a 16,7 e a 16,4 per 1.000
donne residenti di età 15-49 anni. Da quel momento il tasso di
abortività si è progressivamente ridotto, fino ad arrivare a livelli
intorno a 8 per 1.000
Indice di massa corporea (IMC): si ottiene dal rapporto tra il
peso corporeo, espresso in chilogrammi, e il quadrato della statura, espressa in metri. Un individuo è sottopeso per valori IMC
inferiori a 18,5; normopeso da 18,5 a 24,99; sovrappeso da 25 a
29,99; obeso per valori uguali o maggiori di 30
FUMATORI PER NUMERO
DI SIGARETTE FUMATE
AL GIORNO NEL 2012
Oltre 20
5,8%
Fino a 5
20,6%
40,6%
Da 11 a 20
33,0%
Da 6 a 10
composizione percentuale
10 SALUTE E SANITÀ
FUMATORI E NON FUMATORI PER SESSO
Anni 1980-2012, per 100* persone di 14 anni e più
1980
1983
1993
1997
2002
MASCHI
Fumatori
54,3
45,6
35,1
33,1
30,7
Ex fumatori
9,9
13,5
26,5
27,5
28,3
Mai fumatori
35,7
40,9
38,4
39,4
41,0
FEMMINE
Fumatrici
16,7
17,7
16,4
17,3
17,0
Ex fumatrici
1,4
2,3
12,4
13,6
13,8
Mai fumatrici
81,9
80
71,2
69,1
69,2
TOTALE
Fumatori
34,9
31,1
25,4
24,9
23,6
Ex fumatori
5,5
7,7
19,2
20,3
20,8
Mai fumatori
59,6
61,2
55,4
54,8
55,6
2007
2012
28,2
30,0
41,8
27,9
29,6
41,2
16,5
15,7
67,8
16,3
16,1
66,3
22,1
22,5
55,4
21,9
22,6
54,2
* alcune somme non danno 100 a causa delle mancate risposte
INTERRUZIONI VOLONTARIE DI GRAVIDANZA
Anni 1980-2010, per 1.000 donne residenti di 15-49 anni
15,3
14,8
11,5
9,4
9,3
8,9
7,9
1980
1985
1990
1995
2000
2005
2010
PERSONE PER INDICE DI MASSA CORPOREA
Anno 2012, per 100 persone di 18 anni e più
57,9
43,7
51,1
44,2
27,6
0,8
5,0
Sottopeso
Maschi
Femmine
Totale
35,6
11,3
3,0
Normopeso
Sovrappeso
9,5
Obeso
10,4
approfondimenti
Indagine sulle forze di lavoro: fornisce le
stime ufficiali sul numero degli occupati
e delle persone in cerca di lavoro, nonché le informazioni sui principali aggregati
dell’offerta di lavoro. I dati vengono raccolti intervistando ogni anno circa 300 mila
famiglie residenti in Italia. Sono escluse
le famiglie che vivono abitualmente all’estero e i membri permanenti delle convivenze (istituti religiosi, caserme, ecc.).
Dall’inizio del 2004 la rilevazione è “continua” in quanto le informazioni sono raccolte in tutte le settimane dell’anno, anche se
i risultati sono diffusi con cadenza mensile e trimestrale
Forze di lavoro: comprendono le persone
occupate e quelle in cerca di occupazione
LAVORO 11
FORZE DI LAVORO PER CONDIZIONE, SESSO E AREA GEOGRAFICA
Anno 2012, migliaia di persone
Maschi Femmine
OCCUPATI
Nord
6.757
5.143
Centro
2.747
2.071
Mezzogiorno
3.937
2.244
Italia
13.441
9.458
IN CERCA DI OCCUPAZIONE
Nord
474
481
Centro
251
256
Mezzogiorno
744
537
Italia
1.469
1.275
FORZE DI LAVORO
Nord
7.232
5.625
Centro
2.998
2.327
Mezzogiorno
4.680
2.781
Italia
14.909
10.733
Totale
11.901
4.818
6.180
22.899
956
507
1.281
2.744
12.856
5.325
7.461
25.642
OCCUPATI PER SETTORE DI ATTIVITÀ
Anni 2002-2012, composizioni percentuali
Agricoltura
4,0%
Agricoltura
4,4%
Industria
30,7%
Servizi
64,9%
Industria
30,2%
Servizi
65,8%
ANNO 2002
ANNO 2007
Agricoltura
3,7%
Industria
27,8%
Servizi
68,5%
ANNO 2012
OCCUPATI PER NUMERO DI ORE SETTIMANALI EFFETTIVAMENTE LAVORATE E SETTORE DI ATTIVITÀ
Anno 2012, valori percentuali
Agricoltura
Industria
Servizi
Totale
Assenti
dal lavoro
4,9
10,3
7,9
8,4
Fino a
10 ore
2,9
1,2
3,1
2,6
11-30
ore
19,0
10,6
25,1
20,9
31 ore e oltre
Valore non
(totale)
(di cui: 40 ore) disponibile
72,3
29,7
1,0
77,5
55,2
0,5
63,3
26,4
0,6
67,5
34,5
0,6
Occupati: comprendono le persone di 15 anni e più che nella
settimana di riferimento: ■ hanno svolto almeno un’ora di lavoro retribuito
■ hanno svolto almeno un’ora di lavoro non retribuito nella
ditta di un familiare nella quale collaborano abitualmente
■ sono assenti dal lavoro (ad esempio, per ferie o malattia)
OCCUPATI A TERMINE SUL
TOTALE DELL’OCCUPAZIONE
DIPENDENTE NEL 2012
TOTALE
Ue27
Italia
Germania
Spagna
Francia
GIOVANI 15-24 ANNI
Ue27
Italia
Germania
Spagna
Francia
Persone in cerca di occupazione: comprendono le persone non
occupate tra 15 e 74 anni che:
■ hanno effettuato almeno un’azione attiva di ricerca di lavoro
nei trenta giorni che precedono l’intervista e sono disponibili
a lavorare entro le due settimane successive all’intervista
■ inizieranno un lavoro entro tre mesi dalla data dell’intervista
e sono disponibili a lavorare entro le due settimane successive all’intervista
13,7
13,8
13,9
23,6
15,2
42,1
52,9
53,6
62,4
55,5
valori percentuali
12 LAVORO
OCCUPATI PER POSIZIONE PROFESSIONALE, SETTORE DI ATTIVITÀ E AREA GEOGRAFICA
Anno 2012, migliaia di persone
Nord
Centro
Mezzogiorno
AGRICOLTURA
Dipendenti
100
55
273
Indipendenti
215
60
146
Totale
315
115
419
INDUSTRIA
Dipendenti
3.205
885
1.013
Indipendenti
697
262
300
Totale
3.902
1.147
1.313
SERVIZI
Dipendenti
5.779
2.672
3.232
Indipendenti
1.905
883
1.217
Totale
7.684
3.555
4.449
TOTALE GENERALE
Dipendenti
9.084
3.612
4.518
Indipendenti
2.817
1.206
1.663
Totale
11.901
4.818
6.180
Indipendenti
27,7%
428
421
849
5.103
1.259
6.362
11.683
4.004
15.688
17.214
5.685
22.899
OCCUPATI PER POSIZIONE
PROFESSIONALE
Indipendenti
24,8%
Anni 2002 e 2012,
composizioni percentuali
Dipendenti
75,2%
Dipendenti
72,3%
ANNO 2002
Italia
ANNO 2012
OCCUPATI PER POSIZIONE PROFESSIONALE E TIPOLOGIA DI ORARIO DI LAVORO
Anno 2012, migliaia di persone
TOTALE: 22.899
a tempo pieno
18.993
a tempo parziale
3.906
DIPENDENTI: 17.214
a tempo pieno
14.107
INDIPENDENTI: 5.685
a tempo pieno
4.886
a tempo parziale
3.107
a tempo parziale
799
approfondimenti
Tasso di attività: rapporto tra le persone appartenenti alle forze di
lavoro e la corrispondente popolazione di riferimento
TASSI DI DISOCCUPAZIONE
NEL 2012
TOTALE
Maschi
Femmine
Totale
15-24 ANNI
Maschi
Femmine
Totale
DI LUNGA DURATA
Maschi
Femmine
Totale
Tasso di occupazione: rapporto tra gli occupati e la corrispondente popolazione di riferimento
9,9
11,9
10,7
Tasso di disoccupazione: rapporto tra le persone in cerca di lavoro
e le forze di lavoro
33,7
37,5
35,3
Tasso di disoccupazione di lunga durata: rapporto tra le persone
in cerca di occupazione da 12 mesi e oltre e le forze di lavoro
5,0
6,4
5,6
Collaboratore coordinato e continuativo: presta in modo continuativo e autonomo la propria opera per un committente che lo coordina
valori percentuali
Collaboratore a progetto: il suo lavoro è riconducibile a uno o più
programmi specifici o a sue fasi
LAVORO 13
TASSI DI ATTIVITÀ PER AREA GEOGRAFICA E SESSO
Anno 2012, valori percentuali
78,2
62,3
70,3
76,4
58,8
67,5
73,9
67,0
53
39,3
Nord
Centro
Mezzogiorno
53,5
63,7
Maschi
Femmine
Totale
Italia
INDICATORI DEL LAVORO PER SESSO E AREA GEOGRAFICA
Anno 2012, valori percentuali
Tasso
Tasso di attività
di occupazione
(15-64 anni)
(15-64 anni)
SESSO
Maschi
73,9
66,5
Femmine
53,5
47,1
AREA GEOGRAFICA
Nord
70,3
65,0
Centro
67,5
61,0
Mezzogiorno
53,0
43,8
Totale
63,7
56,8
Tasso
di disoccupazione
9,9
11,9
7,4
9,5
17,2
10,7
COLLABORATORI COORDINATI E CONTINUATIVI E A PROGETTO PER AREA GEOGRAFICA, SETTORE DI ATTIVITÀ E SESSO
Anno 2012, composizioni percentuali
Maschi
46,2%
Mezzogiorno
25,1%
Nord
49,2%
Centro
25,7%
AREA GEOGRAFICA
TOTALE COLLABORATORI: 320 MILA
Industria
11,6%
Servizi
87,8%
Agricoltura
0,6%
SETTORE DI ATTIVITÀ
Femmine
53,8%
SESSO
Il sistema di istruzione si suddivide in sei livelli:
■ educazione pre-primaria (scuola dell’infanzia)
■ istruzione primaria (scuola elementare)
■ istruzione secondaria di primo grado (scuola media inferiore)
■ istruzione secondaria di secondo grado (scuola secondaria
superiore)
■ istruzione post-secondaria non terziaria (es. corsi regionali
di formazione post-diploma)
■ istruzione terziaria (es. corsi universitari di laurea, corsi di
dottorato di ricerca o di specializzazione)
TASSO DI SCOLARITÀ
NELLE SCUOLE SECONDARIE
DI SECONDO GRADO
1985/86
1990/91
1995/96
2000/01
2005/06*
2006/07
2007/08
2008/09
2009/10
2010/11
2011/12
Tasso di scolarità nelle scuole secondarie di secondo grado:
rapporto tra il numero degli iscritti e la popolazione residente
di 14-18 anni, per 100. Dall’anno scolastico 2006/2007 all’anno
scolastico 2009/10 l’indicatore comprende gli iscritti alle I e II
classi delle scuole professionali della Provincia autonoma di
Bolzano (ex lege Finanziaria 2007)
57,7
68,3
80,8
87,6
93,0
94,5
94,9
94,3
93,8
91,4
93,0
* dall’a.s. 2005/2006 la popolazione
di riferimento è ricostruita in base ai dati del Censimento
della popolazione 2011
14 ISTRUZIONE
SCUOLE, CLASSI E ALUNNI PER TIPO DI SCUOLA
Anno scolastico 2011/2012
Dell’infanzia
Primarie
Scuole
24.101
17.541
Classi*
72.778
146.860
Alunni
1.694.912
2.818.734
% femmine sul totale
48,1
48,4
% iscritti a scuole pubbliche
70,2
93,1
Stranieri per 100 iscritti
9,2
9,5
Ripetenti per 100 iscritti
-
0,3
Insegnanti**
81.049
201.269
Alunni per insegnante**
12,5
12,7
Secondarie
di primo grado
7.931
82.687
1.792.379
47,9
95,9
9,3
3,9
139.191
12,1
Secondarie
di secondo grado
7.058
125.643
2.655.134
48,8
95,0
6,2
6,3
204.369
12,1
* per le scuole dell’infanzia si fa riferimento alle sezioni ** l’indicatore è calcolato per le sole scuole statali
SPESA MEDIA EFFETTIVA SOSTENUTA DALLE FAMIGLIE PER SERVIZI PER L’ISTRUZIONE
Anno 2012, euro
396
333
322
317
309
Nord
Centro
Mezzogiorno
Italia
284
210
133
Tasse scolastiche
140
Rette e simili
Laurea
11,1%
82
117
Lezioni private
Laurea
12,4%
Licenza
elementare
17,3%
Diploma
4-5 anni
30,1%
115
Diploma 2-3 anni
6,2%
MASCHI
55
47
69
Trasporto scolastico
Licenza
POPOLAZIONE DI 15 ANNI
elementare E OLTRE PER TITOLO
25,8%
DI STUDIO E SESSO
Anno 2012,
composizioni percentuali
Diploma
4-5 anni
27,8%
Licenza media
35,3%
90
Licenza media
28,3%
Diploma 2-3 anni
5,7%
FEMMINE
approfondimenti
La riforma del sistema universitario: in attuazione del decreto
ministeriale n. 509/1999 (e successivo decreto ministeriale n.
270/2004) i corsi accademici, a partire dal 2001/2002, sono articolati
in due cicli successivi: un primo ciclo di tre anni (corsi di laurea di
primo livello che rilasciano il nuovo diploma di laurea) e un secondo
ciclo biennale (corsi di laurea di secondo livello, per conseguire la
laurea specialistica/magistrale).
Sono inoltre in vigore alcuni corsi di laurea a ciclo unico (rilasciano
titolo equipollente alla laurea specialistica/magistrale soltanto
al completamento del ciclo): i corsi quinquennali di ArchitetturaIngegneria edile, Farmacia, Odontoiatria, Veterinaria e
Giurisprudenza; il corso di Medicina, che dura sei anni. Accanto
ai corsi del nuovo ordinamento ne persistono altri del vecchio
ordinamento (laurea e diploma universitario)
LAUREATI E DIPLOMATI
UNIVERSITARI PER AREA
GEOGRAFICA* NEL 2010
Nord
Centro
Mezzogiorno
Italia
119.487
82.964
87.414
289.022
* l’area geografica è quella
di appartenenza della sede
universitaria
ISTRUZIONE 15
IMMATRICOLATI A CORSI DI LAUREA
Anni accademici 2002/03-2010/11, per 100 diplomati di scuola secondaria nell’anno scolastico precedente
72,3
72,6
70,7
69,7
66,3
65,7
63,6
63,3
61,3
2002/03
2003/04
2004/05
2005/06
2006/07
2007/08
2008/09
2009/10
2010/11
IMMATRICOLATI, ISCRITTI E LAUREATI AI CORSI UNIVERSITARI PER GRUPPO DI CORSI
Anno accademico 2010/2011, valori assoluti e variazioni percentuali
LAUREATI E DIPLOMATI
IMMATRICOLATI* ISCRITTI
UNIVERSITARI
Variazione Variazione
Variazione
Totale
sull’anno
Totale
sull’anno
Totale
sull’anno
precedente
precedente
precedente
Gruppo scientifico
9.119
-2,9
52.143
-2,6
8.389 2,5
Gruppo chimico-farmaceutico
13.778
-5,4
73.694
1,2
7.502 4,7
Gruppo geo-biologico
17.411
1,7
84.013
-1,1
14.252 2,3
Gruppo medico
26.049
-1,5
161.916
3,7
29.639 -1,4
Gruppo ingegneria
34.755
-0,7
206.353
-0,3
34.576 0,3
Gruppo architettura
13.091
-2,9
101.249
-0,7
16.064 0,6
Gruppo agrario
7.561
6,5
41.040
0,3
5.294 -1,4
Gruppo economico-statistico
41.922
-3,3
238.562
-0,5
42.121 4,1
Gruppo politico-sociale
27.873
-6,5
181.225
-3,9
34.777 -10,3
Gruppo giuridico
32.055
-0,1
211.766
-0,5
20.457 -9,6
Gruppo letterario
19.010
-10,0
144.181
-5,5
25.655 0,1
Gruppo linguistico
16.711
-2,8
94.119
-1,8
16.662 1,5
Gruppo insegnamento
13.013
0,4
91.744
-1,6
14.642 -4,9
Gruppo psicologico
9.835
10,7
68.708
0,0
13.806 3,8
Gruppo educazione fisica
5.709
-1,5
28.616
2,8
4.388 4,0
Gruppo difesa e sicurezza
394
-5,3
1.961
1,5
798 -4,4
Totale
288.286
-2,2
1.781.290
-1,0
289.022 -1,3
* i dati si riferiscono agli immatricolati per la prima volta. Sono esclusi gli immatricolati che hanno interrotto o concluso un altro corso accademico
ISCRITTI ALL’UNIVERSITÀ*
32,8
45,5
39,0
LAUREATI**
15,1
22,6
18,8
Maschi
Femmine
Totale
ISCRITTI ALL’UNIVERSITÀ
E LAUREATI
* anno accademico 2010/11, per 100
persone tra i 19 e i 25 anni di età
**anno solare 2010, per 100 persone di
25 anni; le percentuali sono calcolate
sulle lauree del vecchio ordinamento,
quelle specialistiche biennali e le
lauree specialistiche a ciclo unico AREE PROTETTE
Nord-ovest
17,6
Nord-est
18,7
Centro
19,0
Mezzogiorno
25,1
Italia
21,2
Fra il 2008 e il 2012 la superficie di territorio
coperta da aree protette è passata, in Italia,
dal 20,6 al 21,2 per cento del totale.
Nel 2012 la percentuale media per i paesi
Ue è pari al 17,2 per cento
Consumo del suolo
quanto e come siamo
green?
1,8
1,6
Roman
ia
ia
Bulgar
Svezia
dia
QUALE RINNOVABILE
CITTÀ CICLABILI
Percentuale di consumo
di energia elettrica coperta
da fonti rinnovabili
Energia elettrica prodotta da fonte rinnovabile per tipo
di fonte, composizione percentuale
Km di piste ciclabili
per 100 km2
di superficie comunale
nel totale dei comuni
capoluogo di provincia
Eolica
14,5
92.222
2010 22,2
2011 23,8
2012 26,9
2008 16,6
2009 20,5
2005 14,1
2006 14,5
2007 13,7
80,6
Idroelettrica
Anno 2002
mln di kWh
45,4
13,5
20,5 Fotovoltaica
6,1
Geotermica
Biomasse e rifiuti
Anno 2012
Idroelettrica
5,4 6,0
6,8 7,4
8,6
305,3
2011
9,4
10,4
11,8
2012
13,0
13,9
15,7
16,6
5
10
15
20
21,0
25
30
35
40
17,2
16,3
28,6
33,8
33,4
19,1
30,2
25,0
16,5
6,7
7,5
9,4
6,0
17,1
39,5
30,3
0
5
10
15
20
25
30
35
40
Disponibilità del verde urbano nel 2012
(m2 per abitante)
Densità del verde urbano nel 2012
2004
2005
49.013
mln di kWh
2002
2003
Geotermica
9,5 Biomasse
7,0 e rifiuti
2000
2001
Eolica
2,9
2002 14,6
2003 13,9
2004 15,8
Energia verde
2010
QUANTA RINNOVABILE
609,5
288,0
262,9
234,8
2009
26,9
614,0
610,7
0
Torino
Genova
Milano
Verona
Venezia
Padova
Trieste
Bologna
Firenze
Roma
Napoli
Bari
Palermo
Messina
Catania
Cagliari
Italia
(% sulla superficie comunale)
2011
2,3
Finlan
2,4
ria
Austria
3,7
Unghe
Francia
3,8
Grecia
llo
3,9
Polonia
Regno
Unito
3,9
a
nia
4,0
Spagn
5,8
Repub
blica
Ceca
5,8
Portog
a
6,2
Germa
6,5
Italia
611,2
2008
2009
2010
Media Ue27 4,6
7,7
Autovetture totali
Autovetture euro 4 o superiori
Numero di autovetture
per mille abitanti
nel totale dei comuni
capoluogo di provincia
2007
Percentuale di copertura artificiale del suolo nei quindici
paesi Ue più estesi, anno 2012
7,8
Verde urbano
AUTO IN CITTÀ
2006
Aree
protette
Percentuali sulla superficie territoriale,
anno 2012
Il totale Italia si riferisce al complesso dei comuni capoluogo di provincia
Raccolta dei rifiuti
Consumo di acqua
Quota di raccolta differenziata sul totale
dei rifiuti solidi urbani, anno 2011
Carta
Vetro
Plastica
Rifiuti organici
Raccolta
differenziata
Totale
Differenziata
Litri di acqua consumati al giorno pro capite per uso domestico
nei comuni capoluogo di provincia
209,4
211,8
2001
206,1
198,0
202,1
2011
Nord
51,1%
194,6
187,3
195,9
182,2
189,3
184,9
874,9
1.700,0
230,1
787,9
1.601,7
4.500,8
migliaia
di tonnellate
2010
2011
3.068,9
2008
2009
1.567,8
2007
Italia 37,7%
2006
Mezzogiorno
2004
2005
23,9%
175,4
2002
2003
Centro
2000
2001
30,2%
Causa civile: procedimento diretto all’accertamento del rapporto giuridico controverso.
La tavola considera il complesso delle materie civilistiche. In primo grado il movimento
riguarda i procedimenti presso gli Uffici del
Giudice di Pace e i Tribunali Ordinari; in
secondo grado le Corti di Appello
Causa penale: procedimento volto ad accertare e sanzionare la responsabilità penale
per un reato. I dati presentati si riferiscono a procedimenti sopravvenuti, esauriti e
pendenti a fine anno, trattati dal complesso
degli uffici giudiziari di primo e secondo
grado nelle diverse fasi dell’iter processuale.
Pertanto, ogni singolo procedimento potreb-
be essere conteggiato più volte secondo gli
uffici che lo hanno trattato
Durata media: rapporto tra le cause pendenti (iniziali + finali) e quelle sopravvenute ed
esaurite, per 365. Si riferisce in primo grado
ai Tribunali Ordinari e in secondo grado alla
Corte di Appello
Indice di litigiosità: rapporto tra il numero
di cause civili di primo grado sopravvenute
nell’anno presso i Giudici di Pace e i Tribunali
Ordinari e la popolazione media residente,
per 1.000
18 GIUSTIZIA
PERSONALE DEL SISTEMA GIUDIZIARIO
Anno 2012
Nord
Centro
Mezzogiorno
Uffici centrali ***
Totale****
MAGISTRATI
organico presenze
3.185
2.920
1.745
1.612
4.185
3.784
490
378
9.605
8.694
PERSONALE AMMINISTRATIVO
organico
presenze
13.759
11.138
8.314
6.905
19.383
17.137
2.666
2.031
44.122
37.211
GIUDICI DI PACE*
organico presenze**
1.481
679
367
803
1.246
2.406
0
4.690
2.292
* presso gli uffici del Giudice di Pace operano magistrati onorari che non hanno rapporto di servizio con il Ministero della Giustizia in quanto esercitano, appunto,
funzioni onorarie ** magistrati onorari che hanno prestato servizio presso gli uffici del Giudice di Pace nel corso del 2012 *** uffici a competenza nazionale:
Ministero della giustizia, Tribunale Sup. Acque Pubbliche, Direzione Nazionale Antimafia, Corte di Cassazione e Procura Generale presso la Cassazione **** i valori di “organico” si riferiscono ai posti in organico distribuiti negli uffici giudiziari su un totale complessivo di 10.151 previsto dalla legge
INDICE DI LITIGIOSITÀ PER AREA GEOGRAFICA
Anni 2005 e 2011*
2005
2011
86,9
82,1
55,8
84,5
82,3
71,1
70,4
54,2
Nord
Centro
Mezzogiorno
Italia
* rapporto calcolato sulla base della popolazione censuaria
CAUSE CIVILI PER GRADO DI GIUDIZIO
Anni 2005 e 2011
Sopravvenute
Esaurite
Pendenti a fine anno
Durata media in giorni ANNO 2005
primo grado
secondo grado
4.154.374
149.590
4.063.042
115.316
4.497.086
323.916
485
845
ANNO 2011
primo grado
secondo grado
4.181.710
122.368
4.256.575
117.869
4.944.964
383.230
460
1.163
CAUSE PENALI PER GRADO DI GIUDIZIO
Anni 2005 e 2011
Sopravvenute
Esaurite
Pendenti a fine anno
ANNO 2005
primo grado
secondo grado
5.822.834
87.613
5.693.766
81.470
5.196.551
143.149
ANNO 2011
primo grado
secondo grado
5.958.324
100.492
6.111.731
82.196
4.771.410
241.168
approfondimenti
Autorità giudiziaria: è preposta all’amministrazione della giustizia penale, civile ed amministrativa
DETENUTI E INTERNATI
PRESENTI A FINE 2012
PER CLASSE DI ETÀ
18-20 anni 21-24 anni 25-29 anni 30-34 anni 35-39 anni 40-44 anni 45-49 anni 50-59 anni 60-69 anni 70 anni e più Non rilevato Totale 1.058
4.984
9.300
10.842
10.691
9.557
7.431
8.367
2.849
587
35
65.701
Delitto: reato per il quale è prevista la pena principale della
reclusione e della multa e una serie di pene accessorie (ad
esempio, l’interdizione dai pubblici uffici)
Detenuto: imputato o condannato sottoposto a misure privative
della libertà personale, che si trova in carcere in custodia cautelare oppure in esecuzione della pena detentiva
Internato: persona sottoposta a misura di sicurezza detentiva
(ricovero in ospedale psichiatrico giudiziario, in casa di cura e di
custodia, in riformatorio giudiziario, assegnazione a una colonia
agricola o a una casa di lavoro)
GIUSTIZIA 19
DELITTI DENUNCIATI DALLE FORZE DI POLIZIA ALL’AUTORITÀ GIUDIZIARIA
Anni 2009-2012
Omicidi volontari consumati
Tentati omicidi Omicidi colposi Lesioni dolose Percosse Minacce Sequestri di persona
Violenze sessuali Furti Rapine
Estorsioni
Truffe e frodi informatiche Riciclaggio*
Ricettazione Danneggiamenti Incendi Stupefacenti
Peculato, malversazione, corruzione, concussione**
Abuso d’ufficio
Altri delitti
Totale
2009
586 1.346 1.718 65.611 15.205 83.483 1.481 4.963 1.318.076 35.822 6.189 99.366 1.269 23.619 415.391 10.921 34.101 1.229 1.099 508.356 2.629.831 2010
526 1.309 1.765 64.866 14.270 81.164 1.436 4.813 1.325.013 33.754 5.992 96.442 1.344 23.686 414.923 9.622 32.761 1.266 1.193 504.874 2.621.019 2011
550 1.401 1.783 68.500 15.196 83.316 1.443 4.617 1.460.205 40.549 6.099 105.692 1.350 23.773 398.521 12.980 34.034 1.300 1.196 500.507 2.763.012 2012
528
1.327
1.716
69.527
15.659
86.347
1.474
4.689
1.520.623
42.631
6.478
116.767
1.685
25.080
364.435
13.170
33.852
1.527
1.259
510.060
2.818.834
* artt. 648 bis e 648 ter del codice penale ** artt. 314, 316, 316 bis, 316 ter, 317, 318, 319, 319 ter, 320, 321, 322, 322 bis del codice penale
MINORENNI DENUNCIATI SECONDO IL TIPO DI DELITTO
Anno 2010
12.011
6.461
Furti
Lesioni
dolose
Produzione e spaccio
di stupefacenti
129,1
1936
68,2
53,2
1956
1976
5.940
4.454
84,5
1996
114,6
Danni a cose
e animali
112,7
110,3
2.748
1.551
Ricettazione
Rapine
DETENUTI E INTERNATI*
PRESENTI A FINE ANNO
Anni 1936-2012
per 100.000 abitanti
2010**
2011**
2012**
* esclusi i minori ** rapporto calcolato sulla base della popolazione media ricostruita (postcensuaria)
Pensioni di invalidità, di vecchiaia e anzianità, ai superstiti (IVS): corrisposte, rispettivamente, in presenza di una ridotta capacità di
lavoro; a seguito dell’attività lavorativa svolta
raggiunti determinati limiti di età o di anzianità contributiva; ai superstiti in caso di morte
di pensionato o di assicurato in possesso
dei requisiti di assicurazione e contribuzione
richiesti
Pensioni indennitarie: rendite per infortuni
sul lavoro e malattie professionali, o per
morte (la prestazione è erogata a superstiti)
Pensioni assistenziali: comprendono le pensioni sociali, gli assegni sociali, le pensioni
ai non vedenti civili, ai non udenti civili, agli
invalidi civili e le pensioni di guerra
Tasso di pensionamento: rapporto percentuale tra il numero delle pensioni e la popolazione residente al 31 dicembre dell’anno Indice di beneficio relativo: rapporto percentuale tra l’importo medio della pensione e il
Pil per abitante
20 PREVIDENZA
PRESTAZIONI PENSIONISTICHE
Anno 2011
Numero (migliaia)
Importo complessivo (milioni di euro)
Importo medio annuo (euro)
Spesa/Pil
Tasso di pensionamento
Indice di beneficio relativo
IVS
18.570
240.688
12.961
15,25
31,27
48,77
Indennitarie
848
4.396
5.186
0,28
1,43
19,51
Assistenziali
4.812
20.892
4.894
1,32
7,19
18,41
Totale
23.686
265.976
11.229
16,85
39,88
42,25
SPESA PENSIONISTICA TOTALE
Anni 1980-2011, incidenza percentuale sul Pil
16,66
14,34
16,85
15,03
12,73
14,30
1990
1995
12,12
10,84
1980
1985
2000
2005
2010 2011
PENSIONATI E IMPORTO LORDO MEDIO ANNUO DEI REDDITI PENSIONISTICI PER AREA GEOGRAFICA
Anni 2010 e 2011
Nord
Centro Mezzogiorno
Italia*
numero
7.868.019
3.260.789
5.093.784
16.222.592
2010
importo medio
(euro)
16.585
16.896
13.999
15.836
numero
7.845.588
3.255.408
5.093.952
16.194.948
2011
importo medio
(euro)
17.088
17.445
14.447
16.329
* il totale non comprende i pensionati residenti all’estero e quei pochi casi per i quali non è stato possibile identificare la residenza
approfondimenti
Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato (Pil): rappresenta il
risultato finale dell’attività produttiva delle unità produttrici residenti. Corrisponde agli impieghi finali di beni e servizi (consumi
finali e investimenti lordi) più le esportazioni meno le importazioni di beni e servizi
CONTRIBUTO DELLE
RIPARTIZIONI TERRITORIALI
ALL’ECONOMIA NEL 2012
PIL
Nord-Ovest Nord-Est
Centro
Mezzogiorno
ULA
Nord-Ovest Nord-Est
Centro
Mezzogiorno
32,2
22,9
21,5
23,2
Valore aggiunto ai prezzi base: differenza tra produzione totale
valutata ai prezzi base e consumi intermedi utilizzati nel processo produttivo, al netto delle imposte sui prodotti e al lordo dei
contributi ai prodotti
29,5
22,8
21,3
26,4
Unità di lavoro (Ula): sono calcolate attraverso la trasformazione in unità a tempo pieno delle posizioni lavorative ricoperte da
ciascuna persona occupata nel periodo di riferimento
ECONOMIA 21
CONTO ECONOMICO DELLE RISORSE E DEGLI IMPIEGHI
Anni 2009-2012, milioni di euro
A PREZZI CORRENTI
Pil ai prezzi di mercato
Importazioni di beni e servizi (Fob)
Totale risorse
Consumi nazionali
Investimenti fissi lordi
Variazione delle scorte
Oggetti di valore
Esportazioni di beni e servizi (Fob)
Totale impieghi
VALORI CONCATENATI ALL’ANNO BASE 2005
Pil ai prezzi di mercato
Importazioni di beni e servizi (Fob)
Totale risorse
Consumi nazionali
Investimenti fissi lordi
Variazione delle scorte
Oggetti di valore
Esportazioni di beni e servizi (Fob)
Totale impieghi
2009
2010
2011*
2012*
1.519.695
368.947
1.888.642
1.241.278
294.680
-9.902
1.706
360.880
1.888.642
1.551.886
442.752
1.994.638
1.270.966
301.429
7.280
2.453
412.509
1.994.638
1.580.410
477.654
2.058.064
1.289.963
301.308
8.689
2.535
455.569
2.058.064
1.567.010
455.809
2.022.819
1.268.632
280.688
-2.417
2.444
473.472
2.022.819
1.394.347
355.555
1.748.822
1.146.084
268.982
-
980
343.180
1.748.822
1.418.376
400.256
1.816.023
1.157.686
270.671
-
1.145
382.155
1.816.023
1.425.142
403.399
1.825.928
1.151.867
264.784
-
984
405.951
1.825.928
1.389.043
373.515
1.759.018
1.108.334
242.728
919
413.975
1.759.018
*dati provvisori
VALORE AGGIUNTO AI PREZZI BASE PER SETTORE DI ATTIVITÀ
Anni 1992 e 2012, composizioni percentuali
Agricoltura, silvicoltura e pesca
3,5%
Industria
in senso stretto
23,7%
Servizi
66,5%
Agricoltura, silvicoltura e pesca
2,0%
Industria
in senso stretto
18,3%
Servizi
73,8%
Costruzioni
5,9%
Costruzioni
6,3%
1992
Valore aggiunto*
* milioni di euro a prezzi correnti
731.357
2012
Valore aggiunto*
1.402.773
Amministrazione pubblica: comprende le
unità istituzionali le cui funzioni principali
consistono nel produrre per la collettività
servizi non destinabili alla vendita e nell’operare una redistribuzione del reddito e
della ricchezza del Paese. Le principali
risorse sono costituite da versamenti obbligatori effettuati da unità appartenenti ad
altri settori
Indebitamento netto (deficit): saldo del
conto economico che registra il complesso
delle entrate e delle uscite dell’amministrazione pubblica. Si ottiene dalla somma
tra saldo corrente e saldo in conto capitale
Saldo primario: indebitamento netto meno
spese per interessi passivi
Debito pubblico: consistenza delle passività
dell’amministrazione pubblica (definizione
dell’Unione europea). I calcoli sono effettuati secondo i criteri metodologici dettati dal Regolamento del Consiglio delle
Comunità europee n. 3605/93
22 ECONOMIA
DEBITO PUBBLICO
Anni 2002-2012, incidenza percentuale sul Pil
127,0
116,4
119,3
120,7
2010
2011
105,4
2002
2009
2012
CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO DELL’AMMINISTRAZIONE PUBBLICA
Anni 2009-2012, milioni di euro
USCITE
Spesa per consumi finali
Prestazioni sociali in denaro
Altre spese correnti
Interessi passivi
Totale uscite correnti
Investimenti fissi lordi
Altre uscite in conto capitale
Totale uscite in conto capitale
Totale uscite complessive
ENTRATE
Imposte
Contributi sociali
Altre entrate correnti
Totale entrate correnti
Imposte in conto capitale
Altre entrate in conto capitale
Totale entrate in conto capitale
Totale entrate complessive
SSALDO CORRENTE
INDEBITAMENTO NETTO
SALDO PRIMARIO
2009
2010
2011*
2012*
324.684
291.495
44.460
70.863
731.502
38.404
28.530
66.934
798.436
327.003
298.418
44.527
71.153
741.101
32.509
19.274
51.783
792.884
322.053
304.255
42.890
78.365
747.563
32.101
16.657
48.758
796.321
314.956
311.410
40.890
86.674
753.930
29.064
18.762
47.826
801.756
428.588
212.555
58.246
699.389
12.256
3.378
15.634
715.023
-32.113
-83.413
-12.550
443.933
213.401
59.122
716.456
3.497
3.638
7.135
723.591
-24.645
-69.293
1.860
447.997
216.542
59.968
724.507
6.981
4.211
11.192
735.699
-23.056
-60.622
17.743
471.209
217.008
60.121
748.338
1.517
4.927
6.444
754.782
-5.592
-46.974
39.700
* dati provvisori
SALDO PRIMARIO
2,5
1,8
-3,1
-0,8
0,1
-5,5
-4,5
* dati provvisori
2002
2009
2010
-3,8
2,5
-3,0
INDEBITAMENTO NETTO
-10,3
1992
1,1
2011*
2012*
SALDI DI FINANZA PUBBLICA
Anni 1992-2012,
incidenza percentuale
sul Pil
approfondimenti
PRODOTTO INTERNO LORDO PRO CAPITE NEL 2012
IN PARITÀ DI POTERE D’ACQUISTO (UE27=100)
UE 27
Paesi dell’area euro
Austria
Belgio
Cipro
Finlandia
Francia
Germania
Grecia
Irlanda
Italia
Lussemburgo
Malta
Paesi Bassi
Portogallo
100
107
130
119
91
113
107
122
75
129
98
262
86
128
75
Slovacchia
Slovenia
Spagna
Bulgaria
Danimarca
Estonia
Lettonia
Lituania
Polonia
Regno Unito
Repubblica Ceca
Romania
Svezia
Ungheria
75
81
95
47
125
70
n.d.
70
66
111
79
49
127
65
Area euro: dal 1° gennaio 2001 è costituita da
Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania,
Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi
Bassi, Portogallo e Spagna. Si aggiungono dal
1° gennaio 2007 la Slovenia, dal 1° gennaio
2008 Cipro e Malta, dal 1° gennaio 2009 la
Slovacchia e dal 1° gennaio 2011 l’Estonia
Unione europea: è costituita da 27 Paesi, i 17
dell’area euro e Bulgaria, Danimarca, Lettonia,
Lituania, Polonia, Regno Unito, Repubblica
Ceca, Romania, Svezia e Ungheria
Parità potere d’acquisto: indicatore che elimina le differenze fra Paesi nel livello generale
dei prezzi permettendo confronti in volume
del Prodotto interno lordo
ECONOMIA 23
ALCUNI INDICATORI NEI PAESI EUROPEI
impaginazione Bruna Tabanella
Anno 2012, valori percentuali
Deficit (% sul Pil)
Austria
-2,5
Belgio
-4,0
Cipro
-6,4
Finlandia
-1,8
Francia
-4,8
Germania
0,1
Grecia
-9,0
Irlanda
-8,2
Italia
-3,0
Lussemburgo
-0,6
Malta
-3,3
Paesi Bassi
-4,1
Portogallo
-6,4
Slovacchia
-4,5
Slovenia
-3,8
Spagna
-10,6
Bulgaria
-0,8
Danimarca
-4,1
Estonia
-0,2
Lettonia
-1,3
Lituania
-3,2
Polonia
-3,9
Regno Unito
-6,1
Repubblica Ceca
-4,4
Romania
-3,0
Svezia
-0,2
Ungheria
-2,0
Area dell’euro (a 17 paesi)
-3,7
UE27
-3,9
Debito (% sul Pil)
74,0
99,8
86,6
53,6
90,2
81,0
156,9
117,4
127,0
21,7
71,3
71,3
124,1
52,4
54,4
86,0
18,5
45,4
9,8
40,6
40,5
55,6
88,7
46,2
37,9
38,2
79,8
90,6
85,2
Tasso di inflazione 2,6
2,6
3,1
3,2
2,2
2,1
1,0
1,9
3,3
2,9
3,2
2,8
2,8
3,7
2,8
2,4
2,4
2,4
4,2
2,3
3,2
3,7
2,8
3,5
3,4
0,9
5,7
2,5
2,6
Tasso di occupazione
72,5
61,8
64,6
69,4
63,9
72,8
51,3
58,8
56,8
65,8
59,0
75,1
61,8
59,7
64,1
55,4
58,8
72,6
67,1
63,0
62,0
59,7
70,1
66,5
59,5
73,8
57,2
63,8
64,2
PRESSIONE FISCALE IN ALCUNI PAESI EUROPEI
Anni 2007-2011, incidenza percentuale sul Pil
46
Francia
42
Italia
EURO17
Germania
Regno Unito
38
34
30
Spagna
2007
2008
2009
2010
2011
Indice dei prezzi alla produzione: si riferisce alla variazione nel tempo dei prezzi
praticati dalle imprese industriali, escluse
quelle delle costruzioni
Indice dei prezzi al consumo: misura
le variazioni nel tempo dei prezzi di un
“paniere” di beni e servizi. L’Istat calcola tre
indici dei prezzi al consumo:
■ l’indice per l’intera collettività (NIC) è
calcolato con riferimento ai consumi
dell’intera popolazione presente
■ l’indice per le famiglie di operai e
impiegati (FOI) si riferisce ai consumi
delle famiglie che hanno come persona
di riferimento un lavoratore dipendente
■ l’indice armonizzato a livello comunitario
(IPCA) è riferito alla generalità delle
famiglie presenti ed è stato sviluppato
per assicurare una misura dell’inflazione
comparabile a livello europeo
Beni e servizi per frequenza d’acquisto:
■ alta: alimentari e bevande, tabacchi, affitto, carburanti
■ media: abbigliamento, tariffe per elettricità acqua e rifiuti, medicinali, libri
■ bassa: elettrodomestici, mezzi di trasporto, apparecchi audiovisivi fotografici e
informatici
24 PREZZI
INDICI DEI PREZZI
Anno 2012, variazioni percentuali tendenziali
11,3
PREZZI ALLA PRODUZIONE
3,6
2,1
0,7
Beni
Beni
di consumo strumentali
INDICE
GENERALE
PREZZI AL CONSUMO
0,6
Beni
intermedi
Energia
3,0
3,0
3,3
NIC
FOI*
IPCA
* senza tabacchi
INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO (NIC) PER CAPITOLO DI SPESA E TIPO DI PRODOTTO
Anni 2008-2012, variazioni percentuali tendenziali
2008
2009
2010
2011
2012
Prodotti alimentari e bevande analcoliche
Bevande alcoliche e tabacchi
Abbigliamento e calzature
Abitazione, acqua, elettricità e combustibili
Mobili, articoli e servizi per la casa
Servizi sanitari e spese per la salute
Trasporti
Comunicazioni
Ricreazione, spettacoli e cultura
Istruzione
Servizi ricettivi e ristorazione
Altri beni e servizi
Indice generale
Beni
Servizi
5,4
4,2
1,7
6,4
3,1
0,2
5,2
-4,2
0,8
2,3
2,5
3,0
3,3
3,6
3,0
1,8
3,8
1,3
-0,1
1,8
0,6
-2,2
-0,3
0,6
2,2
1,2
2,6
0,8
0,0
1,9
0,2
2,8
1,0
1,2
1,1
0,3
4,2
-0,9
0,6
2,5
1,6
3,2
1,5
1,3
1,9
2,4
3,5
1,7
5,1
1,7
0,5
6,2
-1,2
0,3
2,3
2,2
3,2
2,8
3,1
2,3
2,5
5,9
2,6
7,1
2,1
0,0
6,5
-1,5
0,4
2,2
1,5
2,3
3,0
3,8
2,2
INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO (NIC) PER TIPO DI PRODOTTO E FREQUENZA DI ACQUISTO
Variazioni percentuali 2002/2012
33,2
TIPO DI PRODOTTO
24,6
22,7
27,1
FREQUENZA DI ACQUISTO
22,6
Indice
generale
24,6
12,9
Beni
Servizi
Alta
Media
Bassa
approfondimenti
Commercio estero: le statistiche del commercio con l’estero
sono il risultato di due rilevazioni che hanno come oggetto
gli scambi dell’Italia, rispettivamente, con i Paesi dell’Unione
europea e con gli altri Paesi. La rilevazione del commercio con
i Paesi appartenenti all’Unione europea, definita sulla base del
sistema Intrastat (introdotto nel gennaio 1993), ha periodicità
mensile, con integrazioni trimestrali e annuali. Le dichiarazioni
vengono effettuate agli uffici doganali competenti. La rilevazione
del commercio con i Paesi non appartenenti all’Unione europea
è effettuata tramite bollette doganali (documento amministrativo
unico) e ha periodicità mensile
SCAMBI COMMERCIALI
NEL 2012*
Paesi UE
200.314
209.214
Paesi extra UE
178.445
180.511
Importazioni
Esportazioni
milioni di euro
* dati provvisori
COMMERCIO CON L’ESTERO 25
SCAMBI COMMERCIALI PER SETTORE DI ATTIVITÀ
Anni 2011 e 2012*, valori assoluti in milioni di euro
Prodotti dell’agricoltura, della silvicoltura e della pesca
Prodotti dell’estrazione di minerali da cave e miniere
Prodotti alimentari, bevande e tabacco
Prodotti tessili e dell’abbigliamento, pelli e accessori
Legno e prodotti in legno; carta e stampa
Coke e prodotti petroliferi raffinati
Sostanze e prodotti chimici
Articoli farmaceutici, chimico medicinali e botanici
Articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti
della lavorazione di minerali non metalliferi
Metalli di base e prodotti in metallo,
esclusi macchine e impianti
Computer, apparecchi elettronici e ottici
Apparecchi elettrici
Macchine ed apparecchi non classificati altrove
Mezzi di trasporto
Prodotti delle altre attività manifatturiere Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata
Altri prodotti non classificati altrove
Totale
2011
2012*
Importazioni Esportazioni Importazioni Esportazioni
13.013
5.800
12.291
5.791
69.151
1.276
74.111
1.451
27.497
24.419
27.242
26.059
28.876
41.979
26.478
43.064
10.158
7.503
9.220
7.628
10.077
16.845
10.577
20.513
36.476
24.925
35.627
25.331
19.187
15.314
19.737
17.227
12.404
22.516
11.490
22.574
42.468
48.386
37.753
50.779
30.904
13.839
24.138
38.334
11.051
2.980
10.875
401.428
12.935
20.309
68.447
36.518
20.006
276
8.450
375.904
24.667
13.291
22.502
30.213
10.260
2.613
10.689
378.759
12.599
19.936
70.483
36.142
20.893
255
8.999
389.725
* dati provvisori
PRINCIPALI PARTNER COMMERCIALI DELL’ITALIA
Anno 2012*, valori assoluti in milioni di euro
PAESI VERSO CUI L’ITALIA ESPORTA
48.713
PAESI DA CUI L’ITALIA IMPORTA
55.219
43.169
26.656
31.318
22.878
18.964
Germania Francia Stati Uniti Svizzera Regno Unito
* dati provvisori
Germania
Francia
24.695
Cina
20.388
18.331
Paesi Bassi Russia
Istituzione non profit: unità giuridico-economica di natura privata che produce beni
e servizi e che, in base alle leggi vigenti o
a proprie norme statutarie, non ha facoltà
di distribuire profitti o altri guadagni diversi
dalla remunerazione del lavoro prestato.
Costituiscono esempi di istituzioni non profit: le associazioni riconosciute e non riconosciute, le fondazioni, le cooperative sociali,
i comitati. Rientrano tra le istituzioni non
profit anche le organizzazioni non governative, le organizzazioni di volontariato, le
organizzazioni non lucrative di utilità sociale
(Onlus), i partiti politici, i sindacati, le associazioni di categoria, gli enti ecclesiastici
civilmente riconosciuti
26
Istituzione pubblica: unità giuridico-economica la cui funzione principale è produrre
beni e servizi non destinabili alla vendita
e/o di redistribuire il reddito e la ricchezza
e le cui risorse principali sono costituite da
prelevamenti obbligatori effettuati presso famiglie, imprese e istituzioni non profit o
da trasferimenti a fondo perduto ricevuti da
altre istituzioni pubbliche
Addetti: per le istituzioni pubbliche e per
le istituzioni non profit sono i soli lavoratori
dipendenti. Per le imprese sono i lavoratori
dipendenti e indipendenti
ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT
ISTITUZIONI NON PROFIT PER ICNPO*
Censimento 2011, valori assoluti e composizioni percentuali
ISTITUZIONI NON PROFIT
numero
%
Cultura, sport e ricreazione
195.841
65,0
Istruzione e ricerca
15.519
5,2
Sanità
10.969
3,6
Assistenza sociale e protezione civile
25.044
8,3
Ambiente
6.293
2,1
Sviluppo economico e coesione sociale
7.458
2,5
Tutela dei diritti e attività politica
6.822
2,3
Filantropia e promozione del volontariato
4.847
1,6
Cooperazione e solidarietà internazionale
3.565
1,2
Religione
6.782
2,3
Relazioni sindacali e rappresentanza d’interessi
16.414
5,4
Altre attività
1.637
0,5
Totale
301.191 100,0
ADDETTI
numero
%
45.450
6,7
121.393
17,8
158.839
23,3
225.108
33,1
4.375
0,6
73.635
10,8
4.485
0,7
2.421
0,4
1.816
0,3
2.846
0,4
36.826
5,4
3.617
0,5
680.811 100,0
VOLONTARI
numero
%
2.815.390
59,2
176.701
3,7
337.699
7,1
598.952
12,6
140.165
2,9
57.737
1,2
157.670
3,3
120.301
2,5
78.901
1,7
154.670
3,3
112.560
2,4
7.876
0,2
4.758.622 100,0
* International Classification of Nonprofit Organizations: classificazione internazionale delle attività svolte dalle istituzioni non profit che comprende 28 classi
raggruppate in 12 settori. Al fine di articolare meglio la descrizione del settore non profit italiano, nell’ambito della rilevazione censuaria la classificazione è
stata integrata con le sezioni dell’ATECO (2007) non previste nella ICNPO, ed inserite nel settore “Altre attività”
ISTITUZIONI PUBBLICHE E ADDETTI PER FORMA GIURIDICA
Censimento 2011, valori assoluti e variazioni percentuali
numero
ISTITUZIONI
var. % 2011/2001 numero
Organi costituzionali, a rilevanza costituzionale 43,5 33
e amministrazioni dello Stato
Regioni
0
20
0
6,9 109
Province*
Comuni**
43,5
-0,3
8.077
6,9
-0,3
Comunità montane o isolane e unione di comuni 61,4573
-23,4
Aziende e enti del servizio sanitario nazionale
Altre istituzioni pubbliche Totale
-53,1
-21,8
246
3.125
12.183
-23,4
-53,1
-21,8
1.283.526
-14,2
66.715
-8,6
94.901
428.218
61,4
ADDETTI
var. % 2011/2001
11,3
-10,6
12.317
676.280
278.888
2.840.845
-
42,9
-2,9
-24,8
-11,5
* la pag. 1 riporta un numero diverso di province perché la suddivisione territoriale non coincide con quella amministrativa per forma giuridica ** il dato si riferisce ai comuni che hanno risposto al questionario, sugli 8.092 comuni italiani
-24
-
approfondimenti
IMPRESE CON ALMENO
10 ADDETTI CHE UTILIZZANO
LE ICT NEL 2012
Computer
Internet
97,5
95,7
Proprio sito web
64,5
Banda larga
91,6
Imprese: organizzazioni di attività economiche esercitate con
carattere professionale ai fini della produzione di beni o della
prestazione di servizi destinabili alla vendita
Tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT):
utilizzate per il trattamento e l’elaborazione delle informazioni
o per funzioni di comunicazione, oppure per la fabbricazione di
prodotti che impiegano processi elettronici
Computer: sono inclusi supercomputer, mainframe, minicomputer, workstation, personal computer, nettop, computer portatili, palmari, smartphone
valori percentuali su totale imprese
Banda larga: modalità di connessione “veloce” riferita alla
tecnologia utilizzata: xDSL, fibra ottica e altre connessioni fisse
ad Internet
IMPRESE 27
IMPRESE DELL’INDUSTRIA E DEI SERVIZI, PER CLASSE DI ADDETTI E SETTORE DI ATTIVITÀ
Censimento 2011
Industria in senso stretto
Estrazione di minerali
Attività manifatturiere
Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata
Fornitura di acqua; reti fognarie, gestione rifiuti e risanamento
Costruzioni
Servizi
Commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione auto e moto
Trasporto e magazzinaggio
Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione
Servizi di informazione e comunicazione
Attività immobiliari, finanziarie e assicurative
Attività professionali, scientifiche e tecniche
Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese
Istruzione
Sanità e assistenza sociale
Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento
Altre attività di servizi
Totale
1-19 addetti
389.463
2.010
378.130
2.821
6.502
540.038
3.192.067
1.120.338
121.543
290.455
85.627
255.809
675.392
126.052
22.734
243.338
56.225
194.554
4.121.568
20 addetti e più
50.376
483
43.937
3.714
2.242
44.408
184.677
38.022
11.225
11.612
10.638
62.878
18.378
17.501
2.091
3.432
5.302
3.598
279.461
Totale
439.839
2.493
422.067
6.535
8.744
584.446
3.376.744
1.158.360
132.768
302.067
96.265
318.687
693.770
143.553
24.825
246.770
61.527
198.152
4.401.029
ADDETTI DELLE IMPRESE DELL’INDUSTRIA E DEI SERVIZI, PER CLASSE DI ADDETTI E SETTORE DI ATTIVITÀ
Censimento 2011
Industria in senso stretto
Estrazione di minerali
Attività manifatturiere
Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata
Fornitura di acqua; reti fognarie, gestione rifiuti e risanamento
Costruzioni
Servizi
Commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione auto e moto
Trasporto e magazzinaggio
Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione
Servizi di informazione e comunicazione
Attività immobiliari, finanziarie e assicurative
Attività professionali, scientifiche e tecniche
Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese
Istruzione
Sanità e assistenza sociale
Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento
Altre attività di servizi
Totale
1-19 addetti
1.573.501
10.433
1.520.955
8.468
33.645
1.275.180
6.565.814
2.445.411
330.227
942.416
207.074
427.227
992.523
306.738
52.478
372.171
105.764
383.785
9.414.495
20 addetti e più
Totale
2.611.197
4.184.698
22.809
33.242
2.371.028
3.891.983
77.243
85.711
140.117
173.762
325.053
1.600.233
4.008.828
10.574.642
997.106
3.442.517
763.726
1.093.953
278.113
1.220.529
331.896
538.970
451.352
878.579
185.447
1.177.970
742.095
1.048.833
22.347
74.825
146.769
518.940
51.375
157.139
38.602
422.387
6.945.078
16.359.573
Azienda agricola: unità tecnico-economica costituita da terreni, ed eventualmente da impianti e attrezzature, in cui si attua
la produzione agraria, forestale e zootecnica ad opera di un
conduttore, cioè persona fisica, società o ente che ne sopporta il rischio aziendale. Tra le aziende agricole sono comprese
anche le aziende esclusivamente zootecniche, prive di terreno
agrario. Sono, invece, escluse le aziende facenti capo a enti
pubblici, a istituzioni private non-profit, a comunanze e affittanze
collettive e le esclusivamente forestali
Unità di lavoro (Ula): rappresenta la quantità di lavoro prestato
nell’anno da un occupato a tempo pieno. In agricoltura, corrisponde a 280 giornate effettivamente lavorate nell’azienda
CAPI ALLEVATI
AL 1° DICEMBRE 2012
Bovini e bufalini
Suini
Ovini e caprini
migliaia 6.091
8.662
7.907
CAPI MACELLATI NEL 2012
Bovini e bufalini
Suini
Ovini e caprini
migliaia 3.529
13.377
5.352
28 AGRICOLTURA
AZIENDE AGRICOLE E RISULTATI ECONOMICI PER AREA GEOGRAFICA
Anno 2011, composizioni percentuali e valori assoluti
Aziende agricole
Ula
Produzione
Valore aggiunto
Costo del lavoro
Nord
24,6
32,5
49,1
45,6
30,3
Centro
15,5
20,0
18,8
18,3
25,1
Mezzogiorno
Italia
59,9 1.621*
47,5 969*
32,1 41.552**
36,1 23.287**
44,6 3.439**
* migliaia di unità ** milioni di euro
Frumento tenero
Frumento duro
1.260
Mais
Avena
Semi oleosi
Leguminose
Anno 2012,
migliaia di ettari
977
Orzo
Patate in complesso
246
120
59
122
70
Agrumi e fruttiferi
542
Vite
751
Olivo
1.125
Foraggere avvicendate
Ortaggi
SUPERFICIE INVESTITA
NELLE PRINCIPALI
COLTIVAZIONI PRATICATE
593
1.844
283
AZIENDE AGRITURISTICHE AUTORIZZATE PER TIPO DI ATTIVITÀ* E AREA GEOGRAFICA
Anno 2011
Nord
Centro
Mezzogiorno
Italia
Alloggio
6.677
6.582
3.500
16.759
Ristorazione
4.513
2.298
3.222
10.033
Degustazione
1.331
1.788
757
3.876
Altre attività**
4.621
4.633
2.531
11.785
* un’azienda può essere autorizzata all’esercizio di una o più tipologie di attività agrituristiche
** sono comprese le attività di equitazione, escursionismo, osservazioni naturalistiche, trekking, mountain bike, corsi, sport e varie
Totale
9.301
6.935
4.177
20.413
approfondimenti
Raccolta e utilizzazione dell’uva: nel 2012 sono stati raccolti
58,2 milioni di quintali di uve da vino (-0,3% rispetto al 2011) e
10,5 milioni di quintali di uve da tavola (-13,4%). La produzione di vino e mosto è stata di 42 milioni di ettolitri. Il vino DOC
(Denominazione di Origine Controllata) e DOCG (Denominazione
di Origine Controllata e Garantita) prodotto è pari al 39,9% del
totale, quello IGT (Indicazioni Geografiche Tipiche) al 34,5% e
quello da tavola al 25,6%. Il vino bianco è pari al 51,5% ed il rosso
e rosato al 48,5% RACCOLTA DI UVA DA TAVOLA
NEL 2012
Nord
Centro
Mezzogiorno
Italia
24
169
10.300
10.493
migliaia di quintali
Prodotti fitosanitari (agrofarmaci o fitofarmaci): tutti i prodotti,
di sintesi o naturali, utilizzati per combattere le principali avversità delle piante (malattie infettive, fisiopatie, parassiti e fitofagi
animali, piante infestanti)
AGRICOLTURA 29
RACCOLTA DELLE PRINCIPALI COLTIVAZIONI
Anno 2012, migliaia di quintali
Nord
Centro
Mezzogiorno
Italia
Frumento
Mais
in complesso
30.486
72.816
18.308
3.818
27.749
2.253
76.543
78.887
Pomodoro
Olivo
in complesso
21.610
388
3.664
3.085
26.046
28.210
51.320
31.683
Agrumi
e fruttiferi
32.329
1.783
46.185
80.297
RACCOLTA DI UVA DA VINO
Piemonte
3.278
Valle d'Aosta 24
Lombardia
1.750
Trentino A.A.
1.586
Bolzano-Bozen
526
Trento
1.060
Veneto
Friuli-V.G.
1.536
Liguria 101
Emilia-R.
Toscana
3.752
Umbria
1.023
Marche
1.389
Lazio
2.112
Abruzzo
3.386
Molise
434
Campania
2.243
Puglia
Basilicata 209
Calabria
545
Sicilia
Sardegna
1.130
Anno 2012,
migliaia di quintali
10.570
8.181
8.630
8.833
PRODOTTI FITOSANITARI DISTRIBUITI PER USO AGRICOLO
Anni 2007 e 2011, tonnellate
77.956
69.891
27.290
Fungicidi
27.571
Insetticidi e acaricidi
27.502
24.086
Erbicidi
20.876
20.328
Vari
2007
2011
Esercizi ricettivi: comprendono alberghi ed esercizi complementari, cioè campeggi, villaggi turistici, alloggi agro-turistici,
ostelli per la gioventù, alloggi in affitto, case per ferie, rifugi
alpini, bed and breakfast e altri esercizi
SPESA MEDIA EFFETTIVA
DELLE FAMIGLIE PER VIAGGI
NEL 2012
ITALIA Tutto compreso
Pensione completa
Pernottamento
ESTERO
Tutto compreso
Pensione completa
Pernottamento
Arrivi: numero di clienti residenti e non residenti ospitati negli
esercizi ricettivi
Presenze: numero delle notti trascorse dai clienti negli esercizi
ricettivi
Permanenza media: rapporto tra presenze e arrivi
30
425
693
458
940
720
484
euro
TURISMO
ESERCIZI RICETTIVI PER AREA GEOGRAFICA
Anno 2011
Alberghi
Campeggi e villaggi turistici
Alloggi in affitto
Alloggi agro-turistici
Ostelli della gioventù
Case per ferie
Rifugi alpini
Altri esercizi ricettivi
Bed & breakfast
Totale
Nord
20.567
1.216
59.711
6.523
214
1.128
946
203
8.772
99.280
Centro 6.353
591
7.183
7.256
171
726
65
163
5.642
28.150
Mezzogiorno
6.998
852
5.081
3.358
78
404
30
49
9.443
26.293
Italia
33.918
2.659
71.975
17.137
463
2.258
1.041
415
23.857
153.723
Nord
Centro Mezzogiorno
ITALIANI
Arrivi
30.668
12.732
12.863
Presenze
111.990
44.902
53.529
Permanenza media (giorni)
3,65
3,53
4,16
STRANIERI
Arrivi
27.938
14.024
5.499
Presenze
106.296
46.525
23.653
Permanenza media (giorni)
3,80
3,32
4,30
Italia
CLIENTI DEGLI ESERCIZI RICETTIVI PER AREA GEOGRAFICA
Anno 2011, migliaia
56.263
210.421
3,74
47.461
176.474
3,72
PRESENZE PER LOCALITÀ DI INTERESSE TURISTICO
Anno 2011, composizioni percentuali
ITALIANI
Località termali
4,9%
Località marine
46,8%
Altro
3,6%
STRANIERI
Città di interesse
storico
23,3%
Località montane
17,6%
Località lacuali
3,8%
Località termali
3,5%
Altro
5,7%
Città di interesse
storico
38,1%
Località marine
26,4%
Località lacuali
13,8%
Località montane
12,5%
approfondimenti
Vacanze: i dati fanno riferimento al numero di viaggi per vacanza
(piacere, svago, relax, visita a parenti e amici, motivi religiosi, trattamenti di salute) effettuati dagli italiani nel periodo di riferimento
VACANZE
PER CARATTERISTICHE
DEI TURISTI NEL 2011
SESSO
Maschi
Femmine
CLASSE DI ETÀ
Fino a 14 anni
15-24 anni
25-44 anni
45-64 anni
65 anni e più
AREA DI RESIDENZA
Nord
Centro
Mezzogiorno
50,1
49,9
19,8
10,6
34,1
26,9
8,6
Viaggi di vacanza per destinazione: la regione italiana più visitata
per vacanza è l’ Emilia-Romagna (13,0 vacanze su 100 in Italia).
All’estero le vacanze dei residenti in Italia si concentrano verso la
Francia (17,9 vacanze su cento all’estero). L’Egitto con 4,2 vacanze su 100 all’estero è il Paese extra europeo più visitato
55,9
23,2
20,9
composizioni percentuali
TURISMO 31
VACANZE PER TRIMESTRE E DURATA
Anno 2011
Gennaio-
Aprile-
Luglio-
Ottobre-
Marzo
Giugno
Settembre Dicembre
MIGLIAIA
1-3 notti
6.920
9.690
9.169
6.990
4 o più notti
5.683
5.360
25.691
3.055
Totale
12.603
15.050
34.860
10.045
COMPOSIZIONI PERCENTUALI
1-3 notti
21,1
29,6
28,0
21,3
4 o più notti
14,3
13,5
64,6
7,7
Totale
17,4
20,7
48,0
13,8
Totale
32.769
39.789
72.558
100,0
100,0
100,0
VACANZE SECONDO LA DESTINAZIONE PRINCIPALE
Anno 2011, composizioni percentuali
1-3 notti
Italia
91,3
Nord
47,4
Centro
27,9
Mezzogiorno
16,0
Estero
8,7
Paesi dell’Unione europea
7,5
Altri paesi europei
1,2
Resto del mondo (-)*
Totale 100,0
4 o più notti
75,2
32,5
14,0
28,7
24,8
16,7
3,4
4,7
100,0
Totale
82,4
39,2
20,2
23,0
17,6
12,6
2,4
2,6
100,0
* (-) indica che il fenomeno esiste e viene rilevato, ma i casi non si sono verificati nel campione
VACANZE SECONDO ALCUNE CARATTERISTICHE
Anno 2011, composizioni percentuali
PRENOTAZIONE
Diretta
50,0%
MEZZI DI TRASPORTO
Pullman Altro
Aereo
4,6% 2,2%
16,3%
TIPO DI ALLOGGIO
Altro
10,5%
Treno
6,8%
Nave
3,3%
Nessuna
42,1%
Agenzia
7,9%
Auto
66,8%
Albergo
36,0%
Privato
44,3%
In affitto
9,2%
BZ
I dati qui presentati sono desunti da rilevazioni
ed elaborazioni statistiche prodotte dall’Istat e da altri
enti produttori di statistiche ufficiali.
MI
TO
TN
VE
TS
BO
GE
FI
Per approfondire temi e consultare ulteriori dati l’utente interessato
può accedere al sito www.istat.it dove avrà accesso a I.Stat – il data
warehouse delle statistiche prodotte dall’Istat, alle pubblicazioni e a
un ricco menu di prodotti e servizi di informazione statistica
con aggiornamenti ai dati più recenti.
PG
AN
PE
RM
CA
L’Istat è inoltre presente su tutto il territorio nazionale con i
Centri di informazione statistica (Cis), una rete di sportelli dove
l’utente può ricevere supporto nella ricerca di dati statistici e
usufruire di una vasta gamma di servizi personalizzati. L’elenco
completo dei Centri è consultabile anch’esso sul sito dell’Istat.
CB
NA
PZ
BA
CZ
PA
FONTI
ELENCO DELLE FONTI UTILIZZATE
Ove non specificato la fonte è l’Istat
TERRITORIO (pag. 1)
n I numeri dell’Italia: Ministero delle politiche agricole,
alimentari e forestali; Istituto geografico militare;
Ferrovie dello Stato; Ministero delle infrastrutture e
dei trasporti; Ministero dell’ambiente; Dipartimento
protezione civile
POPOLAZIONE (pag. 2)
GREEN (pagg. 16-17)
n Aree protette: Ministero dell’ambiente e della tutela
del territorio e del mare
n Consumo del suolo: Eurostat
n Energia verde: Terna
n Auto in città: elaborazione Istat su dati Aci
n Residui del quotidiano: Ispra
n Cittadini non comunitari regolarmente presenti al
1° gennaio 2013: elaborazione Istat su dati Ministero
dell’interno
GIUSTIZIA (pag. 18)
CULTURA (pag. 5)
GIUSTIZIA (pag. 19)
n Spesa media annua per vari tipi di intrattenimento:
elaborazioni Istat su dati Siae
SALUTE E SANITÀ (pag. 8)
n Apparecchiature tecnico-biomediche delle strutture
extraospedaliere: Ministero della salute
n Personale dipendente del servizio nanitario nazionale
per area geografica: Ministero della salute;
n Alcuni indicatori del servizio sanitario nazionale: Ministero della salute
LAVORO (pag. 12)
L’intera pagina riporta elaborazioni Istat su dati Ministero
della giustizia
n Detenuti e internati presenti a fine 2012 per classe di
età: Ministero della giustizia
n Delitti denunciati dalle forze di polizia all’autorità
giudiziaria: Elaborazioni Istat su dati Ministero
dell’interno
n Detenuti e internati presenti a fine anno: IstatMinistero della giustizia
PREVIDENZA (pag. 20)
L’intera pagina riporta dati Inps-Istat
ECONOMIA (pag. 22)
n Occupati a termine sul totale dell’occupazione
dipendente nel 2012: elaborazioni Eurostat
n Debito pubblico, incidenza percentuale sul Pil:
elaborazione Istat su dati Banca d’Italia
ISTRUZIONE (pag. 14) ECONOMIA (pag. 23)
n Scuole, classi e alunni per tipo di scuola: elaborazioni
Istat su dati Ministero dell’istruzione, dell’università e
della ricerca
n Tasso di scolarità nelle scuole secondarie di
secondo grado: elaborazioni Istat su dati Ministero
dell’istruzione, dell’università e della ricerca
ISTRUZIONE (pag. 15)
L‘intera pagina riporta elaborazioni Istat su dati Ministero
dell’istruzione, dell’università e della ricerca
L’intera pagina riporta elaborazioni Eurostat
L’INFORMAZIONE STATISTICA
È PATRIMONIO DELLA COLLETTIVITÀ
Fornire strumenti utili per interpretare i
fenomeni sociali, economici e ambientali ai
diversi livelli territoriali. Questa è la missione che
l’Istat persegue attraverso un’accurata attività di
indagine e analisi.
Attraverso 17 sezioni tematiche, Italia in cifre offre un profilo sintetico
dei principali aspetti economici, demografici, sociali e territoriali
dell’Italia, nonché di alcuni fondamentali comportamenti e abitudini di
vita della popolazione.
Approfondimenti, glossari e brevi note metodologiche consentono una
migliore fruibilità del patrimonio informativo anche a un pubblico di
non addetti ai lavori.
L’opuscolo, distribuito a istituzioni, organismi internazionali, media
e opinion leader, è disponibile gratuitamente presso i centri di
informazione statistica presenti in ogni regione e provincia autonoma
e, su richiesta, presso la Direzione centrale per la diffusione e la
comunicazione dell’informazione statistica dell’Istat.
Dalla home page del sito www.istat.it, che mette a disposizione tutti
i dati prodotti dall’Istituto, si accede alla versione on line di Italia in
cifre che può essere scaricata integralmente o consultata in modo
ragionato per singoli capitoli.
2013
TERRITORIO
POPOLAZIONE
CULTURA
CONDIZIONI DI VITA
SALUTE E SANITÀ
LAVORO
ISTRUZIONE
GREEN
GIUSTIZIA
PREVIDENZA
ECONOMIA
PREZZI
COMMERCIO CON L’ESTERO
ISTITUZIONI PUBBLICHE e non profit
imprese
AGRICOLTURA
TURISMO
Italia
in cifre

Similar documents

Italia in cifre

Italia in cifre presenza di notevoli masse rilevate aventi altitudini non inferiori a 600 metri nel Nord e 700 metri nel Centro e nel Mezzogiorno; la collina è caratterizzata dalla presenza di diffuse masse rileva...

More information