Acronis Backup

Comments

Transcription

Acronis Backup
Acronis Backup Advanced
Version 11.5 Update 6
SI APPLICA AI SEGUENTI PRODOTTI
Advanced for Windows Server
Advanced for Linux Server
Advanced for PC
Advanced for VMware / Hyper-V / RHEV / Citrix XenServer / Oracle VM
Advanced for Exchange
Advanced for SQL
Advanced for SharePoint
Advanced for Active Directory
Per Windows Server Essentials
MANUALE UTENTE
Informazioni sul copyright
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015. Tutti i diritti riservati.
"Acronis" e "Acronis Secure Zone" sono marchi registrati di Acronis International GmbH.
"Acronis Compute with Confidence", "Acronis Startup Recovery Manager", "Acronis Active Restore",
"Acronis Instant Restore" e il logo Acronis sono marchi registrati di Acronis International GmbH.
Linux è un marchio registrato di Linus Torvalds.
VMware e VMware Ready sono marchi commerciali e/o marchi registrati di VMware, Inc. negli Stati
Uniti e/o in altre giurisdizioni.
Windows e MS-DOS sono marchi registrati di Microsoft Corporation.
Tutti gli altri marchi commerciali e copyright a cui si fa riferimento sono proprietà dei rispettivi
titolari.
La diffusione di versioni di questo documento modificate sostanzialmente è proibita senza il
permesso esplicito del titolare del copyright.
La diffusione di quest'opera o di opere da essa derivate sotto qualsiasi forma standard di libro
(cartaceo) a scopi commerciali è proibita in assenza del permesso da parte del titolare del copyright.
LA PRESENTE DOCUMENTAZIONE È FORNITA "COSÌ COME SI PRESENTA" E QUALSIVOGLIA
CONDIZIONE, DICHIARAZIONE E GARANZIA, SIA ESSA ESPRESSA O IMPLICITA, IVI INCLUSA QUALSIASI
GARANZIA IMPLICITA DI COMMERCIABILITÀ, IDONEITÀ AD UN FINE SPECIFICO O PER EVITARE
TRASGRESSIONI, SI INTENDE ESCLUSA, NELLA MISURA IN CUI LE SUDDETTE RINUNCE SIANO DA
INTENDERSI LEGALMENTE CONSENTITE.
Assieme al Software e/o al Servizio potrebbe essere fornito codice di terze parti. I termini di licenza di
tali terze parti sono descritti in dettaglio nel file license.txt che si trova nella directory di installazione
principale. È sempre possibile trovare l'elenco degli ultimi aggiornamenti del codice di terze parti e i
relativi termini di licenza utilizzati con il Software e/o il servizio all'indirizzo
http://kb.acronis.com/content/7696
Tecnologie protette da brevetto Acronis
Le tecnologie utilizzate in questo prodotto sono protette e tutelate da uno o più Numeri di brevetto
USA: 7,047,380; 7,275,139; 7,281,104; 7,318,135; 7,353,355; 7,366,859; 7,475,282; 7,603,533;
7,636,824; 7,650,473; 7,721,138; 7,779,221; 7,831,789; 7,886,120; 7,895,403; 7,934,064; 7,937,612;
7,949,635; 7,953,948; 7,979,690; 8,005,797; 8,051,044; 8,069,320; 8,073,815; 8,074,035; 8,145,607;
8,180,984; 8,225,133; 8,261,035; 8,296,264; 8,312,259; 8,347,137; 8,484,427; 8,645,748; 8,732,121 e
applicazioni in attesa di brevetto.
2
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Sommario
1
Introduzione ad Acronis Backup ..................................................................................... 10
1.1
Novità in Aggiornamento 6 ......................................................................................................10
1.2
Novità in Aggiornamento 5 ......................................................................................................11
1.3
Novità in Aggiornamento 4 ......................................................................................................11
1.4
Novità in Aggiornamento 3 ......................................................................................................11
1.5
Novità in Aggiornamento 2 ......................................................................................................12
1.6
Novità in Aggiornamento 1 ......................................................................................................12
1.7
Novità di Acronis Backup & Recovery 11.5 ..............................................................................13
1.8
Componenti di Acronis Backup ................................................................................................16
1.8.1
1.8.2
1.8.3
1.8.4
1.8.5
1.8.6
1.8.7
1.8.8
1.8.9
1.8.10
1.9
Agente per Windows .................................................................................................................................... 16
Agente per Linux ........................................................................................................................................... 17
Agente per VMware ...................................................................................................................................... 18
Agente per Hyper-V ...................................................................................................................................... 18
Agente per SQL .............................................................................................................................................. 18
Agente per Active Directory ......................................................................................................................... 18
Componenti per la gestione centralizzata ................................................................................................... 19
Console di gestione ....................................................................................................................................... 20
Generatore di supporti riavviabili ................................................................................................................ 20
Acronis Wake-On-LAN Proxy ........................................................................................................................ 20
Informazioni sull'utilizzo del prodotto in modalità trial ..........................................................21
1.10 File system supportati..............................................................................................................21
1.11 Assistenza tecnica ....................................................................................................................22
2
Guida rapida .................................................................................................................. 23
2.1
Utilizzo della console di gestione .............................................................................................26
2.1.1
2.1.2
2.1.3
Riquadro "Navigazione"................................................................................................................................ 27
Area principale, visualizzazioni e pagine delle azioni.................................................................................. 29
Opzioni console ............................................................................................................................................. 32
3
Conoscere Acronis Backup.............................................................................................. 36
3.1
Proprietari ................................................................................................................................36
3.2
Credenziali utilizzate nei piani e nelle attività di backup .........................................................36
3.3
Privilegi utente in una macchina gestita..................................................................................38
3.4
Elenco dei servizi Acronis.........................................................................................................39
3.5
Backup completi, incrementali e differenziali .........................................................................41
3.6
Quali informazioni vengono memorizzate dal backup di un disco o un volume? ...................43
3.7
Informazioni su volumi dinamici e logici .................................................................................44
3.7.1
3.7.2
Backup e ripristino di volumi dinamici (Windows) ..................................................................................... 44
Backup e ripristino di volumi logici e periferiche MD (Linux)..................................................................... 46
3.8
Supporto dei dischi rigidi con formato avanzato (settori 4K) ..................................................52
3.9
Supporto per macchine basate su UEFI ...................................................................................53
3.10 Supporto per Windows 8 e Windows Server 2012 ..................................................................54
3.11 Compatibilità con il software di crittografia ............................................................................55
3.12 Supporto SNMP .......................................................................................................................56
3
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4
Backup .......................................................................................................................... 58
4.1
Esegui backup adesso ..............................................................................................................58
4.2
Creazione di un piano di backup ..............................................................................................58
4.2.1
4.2.2
4.2.3
4.2.4
4.2.5
4.2.6
4.2.7
4.2.8
4.2.9
4.2.10
4.2.11
4.3
Denominazione semplificata dei file di backup .......................................................................82
4.3.1
4.3.2
4.3.3
4.4
Pianificazione giornaliera .............................................................................................................................. 89
Pianificazione settimanale ............................................................................................................................ 91
Pianificazione mensile................................................................................................................................... 93
Con evento del Registro eventi di Windows ............................................................................................... 95
Impostazioni di pianificazione avanzate ...................................................................................................... 97
Condizioni ...................................................................................................................................................... 99
Replica e conservazione di backup ........................................................................................102
4.5.1
4.5.2
4.5.3
4.5.4
4.5.5
Posizioni supportate.................................................................................................................................... 104
Configurazione della replica dei backup .................................................................................................... 105
Configurazione della conservazione dei backup ....................................................................................... 105
Regole di conservazione per lo schema personalizzato ........................................................................... 107
Esempi di utilizzo ......................................................................................................................................... 108
4.6
Come disabilitare la catalogazione dei backup......................................................................111
4.7
Opzioni di backup predefinite................................................................................................112
4.7.1
4.7.2
4.7.3
4.7.4
4.7.5
4.7.6
4.7.7
4.7.8
4.7.9
4.7.10
4.7.11
4.7.12
4.7.13
4.7.14
4.7.15
4.7.16
4.7.17
4.7.18
4.7.19
4.7.20
4
Variabile [DATE]............................................................................................................................................. 83
Suddivisione del backup e denominazione dei file semplificata ............................................................... 84
Esempi di utilizzo ........................................................................................................................................... 84
Programmazione......................................................................................................................87
4.4.1
4.4.2
4.4.3
4.4.4
4.4.5
4.4.6
4.5
Selezione dei dati del backup ....................................................................................................................... 61
Credenziali di accesso per l'origine .............................................................................................................. 63
Esclusione file di origine................................................................................................................................ 63
Selezione posizione di backup ...................................................................................................................... 65
Credenziali di accesso per l'ubicazione dell'archivio .................................................................................. 67
Schemi di backup........................................................................................................................................... 68
Convalida archivio ......................................................................................................................................... 79
Credenziali del piano di backup.................................................................................................................... 79
Etichetta (conservazione delle proprietà del computer nel backup) ........................................................ 80
Sequenza di operazioni in un piano di backup ............................................................................................ 81
Perché il programma chiede la password? ................................................................................................. 82
Impostazioni aggiuntive .............................................................................................................................. 114
Protezione archivio ..................................................................................................................................... 116
Catalogazione backup ................................................................................................................................. 116
Prestazioni del backup ................................................................................................................................ 117
Suddivisione dei backup ............................................................................................................................. 119
Livello di compressione............................................................................................................................... 120
Piano di ripristino di emergenza (DRP) ...................................................................................................... 120
Notifiche posta elettronica ......................................................................................................................... 121
Gestione degli errori ................................................................................................................................... 122
Tracciamento eventi ................................................................................................................................... 123
Backup incrementale/differenziale veloce................................................................................................ 124
Istantanea di backup a livello di file ........................................................................................................... 125
Sicurezza a livello di file............................................................................................................................... 125
Creazione snapshot LVM ............................................................................................................................ 126
Componenti supporto................................................................................................................................. 128
Punti di montaggio ...................................................................................................................................... 128
Snapshot multivolume ................................................................................................................................ 129
Comandi pre/post ....................................................................................................................................... 129
Comandi prima/dopo la cattura dei dati ................................................................................................... 131
Tempo di inattività replica/pulizia ............................................................................................................. 133
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4.7.21
4.7.22
4.7.23
4.7.24
4.7.25
5
Ripristina ..................................................................................................................... 140
5.1
Creazione di un'attività di ripristino ......................................................................................140
5.1.1
5.1.2
5.1.3
5.1.4
5.1.5
5.1.6
5.2
5.3
Cosa convalidare ......................................................................................................................................... 142
Credenziali di accesso per la posizione ...................................................................................................... 147
Credenziali di accesso per la destinazione ................................................................................................ 147
Dove ripristinare .......................................................................................................................................... 148
Quando ripristinare ..................................................................................................................................... 156
Credenziali dell'attività................................................................................................................................ 157
Acronis Universal Restore ......................................................................................................157
5.2.1
5.2.2
Come acquistare Universal Restore ........................................................................................................... 157
Utilizzo di Universal Restore ....................................................................................................................... 158
Ripristino di sistemi basati su BIOS in sistemi basati su UEFI e viceversa .............................161
5.3.1
5.3.2
Ripristino di volumi ..................................................................................................................................... 162
Ripristino di dischi ....................................................................................................................................... 163
5.4
Acronis Active Restore ...........................................................................................................165
5.5
Risoluzione dei problemi di avvio ..........................................................................................167
5.5.1
5.5.2
Procedura per riattivare GRUB e modificare la relativa configurazione ................................................. 168
Informazioni sui caricatori di Windows ..................................................................................................... 170
5.6
Ripristino di un sistema Windows alle impostazioni di fabbrica ...........................................170
5.7
Opzioni di ripristino predefinite ............................................................................................171
5.7.1
5.7.2
5.7.3
5.7.4
5.7.5
5.7.6
5.7.7
5.7.8
5.7.9
Impostazioni aggiuntive .............................................................................................................................. 173
Notifiche posta elettronica ......................................................................................................................... 174
Gestione degli errori ................................................................................................................................... 175
Tracciamento eventi ................................................................................................................................... 175
Sicurezza a livello di file............................................................................................................................... 177
Punti di montaggio ...................................................................................................................................... 177
Comandi pre/post ....................................................................................................................................... 177
Priorità del ripristino ................................................................................................................................... 179
Gestione nastro ........................................................................................................................................... 179
6
Conversione in macchina virtuale ................................................................................. 180
6.1
Metodi di conversione ...........................................................................................................180
6.2
Conversione in macchina virtuale creata automaticamente.................................................181
6.2.1
6.2.2
6.2.3
6.3
Considerazioni prima della conversione.................................................................................................... 181
Configurazione di una conversione regolare in una macchina virtuale .................................................. 182
Ripristino nella destinazione "Nuova macchina virtuale" ........................................................................ 186
Ripristino in una macchina virtuale creata manualmente.....................................................189
6.3.1
6.3.2
Considerazioni prima della conversione.................................................................................................... 189
Passaggi da eseguire ................................................................................................................................... 189
7
Archiviazione dei dati dei backup ................................................................................. 191
7.1
Depositi ..................................................................................................................................191
7.1.1
7.1.2
7.1.3
7.1.4
5
Backup settore per settore ......................................................................................................................... 133
Gestione nastro ........................................................................................................................................... 134
Gestione fallimento dell'attività ................................................................................................................. 136
Condizioni di avvio dell'attività................................................................................................................... 136
Servizio Copia Shadow del volume Microsoft ........................................................................................... 137
Lavorare con i depositi ................................................................................................................................ 192
Depositi centralizzati ................................................................................................................................... 193
Depositi personali........................................................................................................................................ 203
Modifica della cartella cache predefinita per il catalogo dei file ............................................................. 205
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
7.2
Acronis Secure Zone ..............................................................................................................207
7.2.1
7.2.2
7.3
Periferiche rimovibili..............................................................................................................210
7.4
Periferiche a nastro................................................................................................................212
7.4.1
7.4.2
7.4.3
7.4.4
7.4.5
7.4.6
7.5
Cos'è una periferica a nastro? .................................................................................................................... 212
Panoramica del supporto nastri ................................................................................................................. 212
Guida rapida sulle periferiche a nastro...................................................................................................... 217
Gestione nastri ............................................................................................................................................ 221
Depositi su nastri ......................................................................................................................................... 229
Esempi di utilizzo ......................................................................................................................................... 230
Nodi di archiviazione .............................................................................................................234
7.5.1
7.5.2
7.5.3
7.5.4
7.5.5
7.5.6
7.5.7
Cos'è un nodo di archiviazione? ................................................................................................................. 234
Tipi di archivi supportati ............................................................................................................................. 234
Operazioni eseguite dai nodi di archiviazione........................................................................................... 234
Guida rapida sui nodi di archiviazione ....................................................................................................... 235
Privilegi utente in un nodo di archiviazione .............................................................................................. 236
Operazioni con i nodi di archiviazione ....................................................................................................... 238
Deduplicazione ............................................................................................................................................ 247
8
Operazioni con archivi e backup ................................................................................... 257
8.1
Convalida di archivi e backup ................................................................................................257
8.1.1
8.1.2
8.1.3
8.1.4
8.1.5
8.1.6
8.2
8.3
Selezione dell'archivio................................................................................................................................. 264
Selezione backup ......................................................................................................................................... 264
Credenziali di accesso per l'origine ............................................................................................................ 264
Selezione della destinazione ...................................................................................................................... 265
Credenziali di accesso per la destinazione ................................................................................................ 266
Montaggio di un'immagine ....................................................................................................267
8.3.1
8.3.2
8.3.3
8.3.4
8.3.5
8.4
Selezione dell'archivio................................................................................................................................. 258
Selezione backup ......................................................................................................................................... 259
Selezione deposito ...................................................................................................................................... 259
Credenziali di accesso per l'origine ............................................................................................................ 259
Quando convalidare .................................................................................................................................... 260
Credenziali attività....................................................................................................................................... 260
Esportazione archivi e backup ...............................................................................................261
8.2.1
8.2.2
8.2.3
8.2.4
8.2.5
Selezione dell'archivio................................................................................................................................. 268
Selezione backup ......................................................................................................................................... 268
Credenziali di accesso ................................................................................................................................. 268
Selezione del volume .................................................................................................................................. 269
Gestione delle immagini montate ............................................................................................................. 269
Operazioni disponibili nei depositi ........................................................................................270
8.4.1
8.4.2
8.4.3
8.4.4
Operazioni sugli archivi ............................................................................................................................... 270
Operazioni con backup ............................................................................................................................... 271
Conversione di un backup in backup completo ........................................................................................ 272
Eliminazione archivi e backup .................................................................................................................... 273
9
Supporto di avvio......................................................................................................... 274
9.1
Come creare un supporto di avvio.........................................................................................275
9.1.1
9.1.2
Supporto di avvio basato su Linux ............................................................................................................. 275
Supporto di avvio basato su WinPE ........................................................................................................... 280
9.2
Connessione a una macchina avviata da supporto ...............................................................283
9.3
Lavorare con il supporto di avvio...........................................................................................283
9.3.1
6
Creazione di Acronis Secure Zone .............................................................................................................. 207
Gestione di Acronis Secure Zone ............................................................................................................... 209
Impostazione di una modalità di visualizzazione ...................................................................................... 284
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
9.3.2
Configurazione delle periferiche iSCSI e NDAS ......................................................................................... 284
9.4
Elenco di comandi e utilità disponibili nei supporti di avvio basati su Linux .........................285
9.5
Acronis Startup Recovery Manager .......................................................................................286
9.6
Acronis PXE Server .................................................................................................................287
9.6.1
9.6.2
9.6.3
Installazione di Acronis PXE Server ............................................................................................................ 288
Configurazione di una macchina per l'avvio da PXE ................................................................................. 288
Operare in più sottoreti .............................................................................................................................. 288
10
Gestione disco ....................................................................................................... 290
10.1 File system supportati............................................................................................................290
10.2 Precauzioni essenziali ............................................................................................................290
10.3 Esecuzione di Acronis Disk Director Lite ................................................................................291
10.4 Selezionare il sistema operativo per la gestione del disco ....................................................291
10.5 Visualizzazione "Gestione disco" ...........................................................................................292
10.6 Operazioni sui dischi ..............................................................................................................292
10.6.1
10.6.2
10.6.3
10.6.4
10.6.5
10.6.6
10.6.7
Inizializzazione del disco ............................................................................................................................. 293
Clonazione del disco di base ....................................................................................................................... 293
Conversione del disco: da MBR a GPT ....................................................................................................... 295
Conversione del disco: da GPT a MBR ....................................................................................................... 296
Conversione del disco: da disco di base in disco dinamico ...................................................................... 297
Conversione del disco: da disco dinamico in disco di base ...................................................................... 297
Cambiare lo stato del disco ........................................................................................................................ 298
10.7 Operazioni sui volumi ............................................................................................................299
10.7.1
10.7.2
10.7.3
10.7.4
10.7.5
10.7.6
Creazione di un volume .............................................................................................................................. 299
Eliminazione del volume ............................................................................................................................. 303
Impostazione del volume come attivo ...................................................................................................... 304
Modifica della lettera del volume .............................................................................................................. 304
Modifica dell'etichetta del volume ............................................................................................................ 305
Formattazione del volume ......................................................................................................................... 305
10.8 Operazioni in sospeso ............................................................................................................306
11
Protezione delle applicazioni con il backup a livello del disco .................................. 307
11.1 Backup di un server delle applicazioni ...................................................................................307
11.1.1
11.1.2
11.1.3
Individuazione dei file di database............................................................................................................. 309
Troncamento dei registri transazioni ......................................................................................................... 312
Procedure ottimali per il backup dei server delle applicazioni ................................................................ 316
11.2 Ripristino dei dati di SQL Server ............................................................................................318
11.2.1
11.2.2
11.2.3
Ripristino di database di SQL Server da un backup del disco................................................................... 318
Accesso ai database di SQL Server da un backup del disco ..................................................................... 319
Collegamento di database di SQL Server................................................................................................... 320
11.3 Ripristino dei dati di Exchange Server ...................................................................................320
11.3.1
11.3.2
11.3.3
Ripristino di file dei database di Exchange Server da un backup del disco ............................................. 321
Montaggio di database di Exchange Server .............................................................................................. 321
Ripristino granulare delle caselle postali ................................................................................................... 321
11.4 Ripristino dei dati di Active Directory ....................................................................................322
11.4.1
11.4.2
11.4.3
11.4.4
11.4.5
7
Ripristino di un controller di dominio (altri controller di dominio sono disponibili) .............................. 322
Ripristino di un controller di dominio (non sono disponibili altri controller di dominio) ...................... 323
Ripristino del database di Active Directory ............................................................................................... 324
Ripristino di informazioni eliminate accidentalmente ............................................................................. 325
Evitare l'utilizzo del rollback USN ............................................................................................................... 326
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
11.5 Ripristino dei dati di SharePoint ............................................................................................327
11.5.1
11.5.2
11.5.3
Ripristino di un database del contenuto ................................................................................................... 327
Ripristino di database di configurazione e dei servizi ............................................................................... 329
Ripristino di singoli elementi ...................................................................................................................... 330
12
Protezione di Microsoft SQL Server con il backup a passaggio singolo ...................... 332
13
Informazioni generali ............................................................................................. 333
13.1.1
13.1.2
13.1.3
13.1.4
13.1.5
Agente per SQL ............................................................................................................................................ 333
Sistemi operativi supportati ....................................................................................................................... 333
Versioni supportate di Microsoft SQL Server ............................................................................................ 334
Autorizzazioni per il backup e ripristino di SQL Server ............................................................................. 334
Altre informazioni da sapere sul backup a passaggio singolo .................................................................. 335
13.2 Installazione dell'Agente per SQL ..........................................................................................335
13.3 Backup di Microsoft SQL Server.............................................................................................336
13.3.1
Impostazioni backup a passaggio singolo.................................................................................................. 337
13.4 Ripristino dei dati di Microsoft SQL Server ............................................................................337
13.4.1
13.4.2
Ripristini dei database SQL nelle istanze ................................................................................................... 338
Estrazione dei file dei database nelle cartelle ........................................................................................... 340
13.5 Montaggio di database di SQL Server da un backup a passaggio singolo .............................341
13.5.1
Smontaggio di database di SQL Server montati........................................................................................ 341
13.6 Protezione di istanze di SQL Server e AAG in cluster.............................................................342
14
Protezione di Microsoft Active Directory con il backup a passaggio singolo .............. 344
14.1 Agente per Active Directory ..................................................................................................344
14.2 Sistemi operativi supportati ..................................................................................................344
14.3 Installazione dell'Agente per Active Directory ......................................................................344
14.4 Backup di Microsoft Active Directory ....................................................................................345
14.5 Ripristino di Microsoft Active Directory ................................................................................345
14.5.1
14.5.2
Nuova promozione del controller di dominio ........................................................................................... 346
Ripristino del database di Active Directory da un backup a passaggio singolo ...................................... 346
15
Amministrazione di una macchina gestita ............................................................... 348
15.1 Attività e piani di backup .......................................................................................................348
15.1.1
15.1.2
15.1.3
15.1.4
15.1.5
15.1.6
Azioni su attività e piani di backup ............................................................................................................. 348
Condizione e stato dei piani e delle attività di backup ............................................................................. 351
Esportazione e impostazione di piani di backup ....................................................................................... 353
Distribuzione di piani di backup come file ................................................................................................. 356
Informazioni dettagliate sul piano di backup ............................................................................................ 358
Dettagli operazione/attività ....................................................................................................................... 359
15.2 Registro ..................................................................................................................................359
15.2.1
15.2.2
Azioni sulle voci del registro ....................................................................................................................... 360
Informazioni dettagliate sulla voce del registro ........................................................................................ 361
15.3 Avvisi ......................................................................................................................................361
15.4 Cambiare una licenza .............................................................................................................362
15.5 Raccolta delle informazioni di sistema ..................................................................................364
15.6 Impostazione delle opzioni della macchina ...........................................................................364
15.6.1
15.6.2
15.6.3
8
Impostazioni aggiuntive .............................................................................................................................. 364
Acronis Customer Experience Program ..................................................................................................... 364
Avvisi ............................................................................................................................................................ 365
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
15.6.4
15.6.5
15.6.6
15.6.7
15.6.8
Impostazioni e-mail ..................................................................................................................................... 366
Tracciamento eventi ................................................................................................................................... 367
Regole di pulizia dei log............................................................................................................................... 369
Gestione del computer ............................................................................................................................... 370
Proxy di backup nel cloud ........................................................................................................................... 370
16
Gestione centralizzata ............................................................................................ 372
16.1 Comprensione della gestione centralizzata ...........................................................................372
16.1.1
16.1.2
16.1.3
Concetti di base ........................................................................................................................................... 372
Privilegi per la gestione centralizzata......................................................................................................... 373
Comunicazione tra componenti di Acronis Backup .................................................................................. 378
16.2 Esegui backup adesso ............................................................................................................381
16.3 Creazione di un piano di backup centralizzato ......................................................................382
16.3.1
16.3.2
16.3.3
16.3.4
16.3.5
16.3.6
Selezione dei dati del backup ..................................................................................................................... 383
Selezionare le regole per i file e le cartelle ................................................................................................ 385
Regole di selezione per i volumi ................................................................................................................. 386
Selezione posizione di backup .................................................................................................................... 389
Credenziali del piano di backup centralizzato ........................................................................................... 391
Cosa accade se una macchina non contiene dati che soddisfano le regole di selezione?..................... 391
16.4 Amministrazione di Acronis Backup Management Server ....................................................392
16.4.1
16.4.2
16.4.3
16.4.4
16.4.5
16.4.6
16.4.7
16.4.8
16.4.9
16.4.10
Pannello di controllo ................................................................................................................................... 392
Macchine con agenti ................................................................................................................................... 393
Macchine virtuali ......................................................................................................................................... 407
Attività e piani di backup ............................................................................................................................ 408
Nodi di archiviazione ................................................................................................................................... 410
Licenze.......................................................................................................................................................... 411
Avvisi ............................................................................................................................................................ 413
Elaborazione di rapporti ............................................................................................................................. 414
Registro ........................................................................................................................................................ 419
Opzioni del server di gestione .................................................................................................................... 421
16.5 Configurazione dei componenti di Acronis Backup ...............................................................427
9
16.5.1
16.5.2
Parametri impostati attraverso il modello amministrativo ..................................................................... 427
Parametri impostati utilizzando il registro di Windows ........................................................................... 442
17
Glossario................................................................................................................ 444
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
1 Introduzione ad Acronis Backup
1.1
Novità in Aggiornamento 6
Miglioramenti aggiunti nella versione 43994

Supporto per Windows 10, edizioni Home, Pro, Education ed Enterprise.
Nota Al momento del rilascio delle presenti hotfix, Windows 10 non è ancora disponibile per il pubblico. I
test sono stati eseguito con la versione Windows 10 Insider Preview. Acronis eseguirà cicli di testing
aggiuntivi non appena Windows 10 sarà rilasciato



Ora l'Agente per Windows può eseguire il backup di cartelle NFS.
Supporto per la versione del kernel Linux 3.17, 3.18, 4.0 e 4.1.
Supporto per Ubuntu 15.04, Fedora 22, Oracle Linux 7.1, Debian 8.0 e 8.1.
Backup nel cloud

È possibile specificare un codice di registrazione per l'abbonamento cloud durante l'installazione
locale di Acronis Backup in Windows. Se la macchina è connessa a Internet, la registrazione
dell'abbonamento è automatica.
Acronis License Server non accetta gli abbonamenti cloud.

Un abbonamento registrato per Server o PC viene attivato automaticamente all'avvio del primo
backup nel cloud, se tutti gli abbonamenti disponibili nell'account dell'utente sono dello stesso
tipo e dispongono della stessa quota di archiviazione.
Deduplicazione



Sono necessari 3 GB di RAM per 1 TB di dati univoci, anziché 16 GB.
Deduplicazione lato server più rapida.
Compattazione dell'archivio di dati più rapida.
Per applicare il nuovo algoritmo di deduplicazione a un deposito precedente, è necessario ricreate il
database di deduplicazione del deposito. Per ulteriori informazioni, consultare "Come eseguire la
migrazione alla deduplicazione dell'Aggiornamento 6" (p. 254) nella Guida del prodotto o nel
Manuale utente.

Nuovi parametri di configurazione (p. 246) consente all'utente di scegliere tra i nuovi algoritmi di
indicizzazione e quelli precedenti nonché di controllare l'allocazione di memoria del nodo di
archiviazione.
Gestione centralizzata

È possibile creare un deposito centralizzato su una condivisione NFS.
Il backup su NFS può essere eseguito dall'Agente per Linux, Agente per VMware (appliance
virtuale) o da supporti di avvio basati su Linux.
Virtualizzazione


10
Acronis Backup Advanced for VMware supporta vSphere 6.
La dimensione della memoria dell'Agente per VMware (Virtual Appliance) viene impostata
automaticamente, sulla base della memoria dell'host, quando l'agente è distribuito dal server di
gestione.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Acronis Backup Advanced for Hyper-V offre il supporto completo per le macchine virtuali di
seconda generazione.


Acronis Backup Advanced for Hyper-V può essere installato in Windows 8, 8.1 (x64) con Hyper-V.
Supporto per Citrix XenServer 6.5, Red Hat Enterprise Virtualization 3.4, 3.5 e Oracle VM Server
3.3 (mediante l'installazione di un agente in un sistema guest).
Linux


Supporto per la versione del kernel Linux 3.14, 3.15 e 3.16.
Supporto per Red Hat Enterprise Linux 7.x, Ubuntu 14.04 e 14.10, Fedora 21, SUSE Linux
Enterprise Server 12, Debian 7.6 e 7.7, CentOS 7.0 e Oracle Linux 7.0.
1.2


Novità in Aggiornamento 5
Le prestazioni di catalogazione sono migliorate.
Ora Acronis Active Restore funziona più velocemente, grazie all'utilizzo di una cache di memoria
ad accesso causale, e supporta Windows 8/8.1 e Windows Server 2012/2012R2.
1.3
Novità in Aggiornamento 4

Ripristino delle caselle postali di Exchange 2013 e dei relativi contenuti dai backup di database su
un server Microsoft Exchange.






Supporto per Red Hat Enterprise Virtualization (RHEV) 3.3.
Backup ottimizzato su Acronis Cloud Storage.
Backup su nastro ottimizzato.
Opzione che consente di accelerare il ripristino di file di grandi dimensioni dai nastri (p. 179).
Supporto per la versione del kernel Linux 3.13.
Supporto per Debian 7.2, 7.4 e 7.5.
1.4
Novità in Aggiornamento 3
Rebranding

Acronis Backup & Recovery 11.5 è stato rinominato Acronis Backup. Le edizioni avanzate del
prodotto ora si chiamano Acronis Backup Advanced Suite.
Gestione delle licenze

La funzionalità Universal Restore è inclusa in tutte le licenze di Acronis Backup e Acronis Backup
Advanced. La funzionalità Deduplicazione è inclusa in tutte le licenze di Acronis Backup Advanced.
Le licenze dei componenti aggiuntivi Universal Restore e Deduplicazione sono deprecate.

L'Agente per Exchange, l'Agent per SQL e l'Agente per Active Directory possono essere installati
utilizzando qualsiasi licenza di Acronis Backup Advanced per ambienti virtuali. Non è necessaria
alcuna licenza aggiuntiva.
Backup nel cloud



11
Il servizio Acronis Backup & Recovery Online è stato rinominato Acronis Cloud Backup.
Ora il backup nel cloud è disponibile per le macchine che eseguono Linux.
Gli abbonamenti ai backup nel cloud per server e per macchine virtuali sono deprecati. Gli utenti
possono rinnovare tali abbonamenti come abbonamenti multipli.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Supporto OS



Supporto per Windows MultiPoint Server 2012 e Windows Storage Server 2012 R2.
Supporto del kernel Linux fino alla versione 3,12.
Supporto per Fedora 19, Fedora 20 e Debian 7.
1.5

Novità in Aggiornamento 2
Backup a passaggio singolo dei dati di Microsoft Active Directory (p. 344)

Esecuzione del backup di un controller di dominio su qualsiasi destinazione, incluso Acronis
Online Backup Storage.


Ripristino completo del controller di dominio senza rischi di rollback dell'USN.
Estrazione dei dati di Microsoft Active Directory da un backup e sostituzione dei dati
danneggiati in pochi semplici passaggi.

Ripristino delle caselle postali di Exchange 2013 e dei relativi contenuti dai backup di database ai
file .pst.



Supporto per abbonamenti multipli a Acronis Backup & Recovery Online.
Supporto per WinPE 5.0.
Supporto per Ubuntu 13.10.
1.6
Novità in Aggiornamento 1
Miglioramenti aggiunti nella versione 37975



Supporto di base per Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2.


Backup e ripristino con l'Agente per ESX(i): VMware vSphere 5.5.


Supporto del kernel Linux fino alla versione 3.9.
Installazione di Acronis Backup & Recovery 11.5 in modalità trial senza codice di licenza.
Aggiornamento da un prodotto autonomo alla piattaforma avanzata senza reinstallare il
software.
Backup e ripristino dall'interno di un sistema guest: Red Hat Enterprise Virtualization 3.2, Oracle
VM VirtualBox 4.x.
Supporto per Ubuntu 12.10, 13.04 e Fedora 18.
Aggiunto il supporto per Microsoft Exchange Server 2013 (a partire dalla versione
build 37687)

Backup e ripristino dei database di Microsoft Exchange Server 2013 utilizzando l'Agente per
Exchange. Il backup e il ripristino delle caselle postali di Exchange 2013 (incluso il ripristino delle
caselle postali dai backup di database) non sono ancora supportati, ma verranno aggiunti negli
aggiornamenti futuri.

Microsoft Exchange Server 2013: sono supportati l'Aggiornamento Cumulativo 1 (CU1) e versioni
successive.
Backup a passaggio singolo dei dati di Microsoft SQL Server (p. 332)

Utilizzare un'unica soluzione e un unico piano di backup sia a scopo di ripristino d'emergenza che
di protezione dei dati.

Eseguire il backup di una macchina e ripristinare dischi, volumi, file o database Microsoft SQL.
12
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Ripristinare i database Microsoft SQL direttamente in un'istanza di SQL Server in esecuzione o
estrarli come file all'interno di un file system.



Troncare i registri di SQL Server dopo un backup.
Utilizzare qualunque destinazione di backup, incluso Acronis Online Backup Storage.
Microsoft SQL Server 2012 è supportato, così come le versioni precedenti di Microsoft SQL
Server.
Supporto di base per Windows 8 e Windows Server 2012 (p. 54)

Installare l'Agente per Windows, l'Agente per SQL (passaggio singolo) e i componenti di gestione
in Windows 8 e Windows Server 2012.



Avviare una macchina da un supporto di avvio basato su WinPE 4.

Eseguire il backup degli spazi di archiviazione e ripristinarli nella posizione originale, in spazi di
archiviazione diversi o come dischi comuni.

Eseguire il backup e il ripristino (a livello del disco) dei volumi in cui la funzionalità
Deduplicazione dei dati è abilitata.
Utilizzare il supporto di avvio su una macchina in cui UEFI Secure Boot è abilitato.
Eseguire il backup e il ripristino (senza ridimensionamento) dei volumi con file system ReFS o di
tutti i dati su questi volumi.
Virtualizzazione
Supporto per nuove piattaforme di virtualizzazione:


Backup e ripristino con l'Agente per ESX(i): VMware vSphere 5.1.

Backup e ripristino dall'interno di un sistema guest: Oracle VM Server 3.0, Red Hat Enterprise
Virtualization 3.1.
Backup e ripristino con l'Agente per Hyper-V: Hyper-V 3.0.
Non è possibile installare l'Agente per Hyper-V in Windows 8, anche se questo sistema operativo
include la funzionalità Hyper-V.
Linux

Supporto per Oracle Linux 5.x, 6.x: sia Unbreakable Enterprise Kernel che Red Hat Compatible
Kernel
Altro

Disabilitare completamente la catalogazione dei backup (p. 111) su una macchina gestita, un
nodo di archiviazione o sul server di gestione.

Salvare un piano di ripristino d'emergenza (p. 120) in una cartella locale o di rete, oltre a inviarlo
tramite posta elettronica.

Abilitare il backup completo VSS (p. 137) per troncare i registri delle applicazioni compatibili con
VSS dopo un backup a livello del disco.


Avviare una macchina UEFI da un supporto di avvio basato su WinPE a 64 bit (p. 280).
Aggiungere la variabile %description% (la descrizione visualizzata nelle proprietà del sistema di
una macchina Windows) all'oggetto della notifica di posta elettronica (p. 121).
1.7
Novità di Acronis Backup & Recovery 11.5
Espandendo le funzionalità di backup e ripristino in ambienti fisici, virtuali e cloud, Acronis ora ha
aggiunto il backup e ripristino dei dati di Microsoft Exchange Server.
13
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Di seguito si trova un riepilogo delle nuove funzionalità e dei miglioramenti del prodotto.
Backup e ripristino dei dati di Microsoft Exchange Server
Funzionalità principali

Supporto di Microsoft Exchange Server 2010
Acronis Backup supporta Microsoft Exchange Server 2010 e Microsoft Exchange Server
2003/2007.

Metodo Backup completo rapido
Questo metodo è basato sul monitoraggio delle modifiche dei file del database di Exchange.
Dopo aver creato il backup completo iniziale, tutti i backup successivi eseguiranno il backup solo
delle modifiche di questo database senza la necessità di leggere tutti i file del database.
Combinando questo metodo con la funzionalità di deduplicazione dei dati è possibile eseguire il
backup di database di grandi dimensioni di 1 TB o superiori durante gli orari lavorativi e anche
tramite WAN.

Supporto dei cluster di Exchange
Acronis Backup & Recovery 11.5 supporta le configurazioni cluster SCC, CCR e DAG. È possibile
scegliere di eseguire il backup delle repliche dei database anziché dei database attivi per un
impatto minimo sulla produzione. Se il ruolo casella postale viene spostato su un altro server a
causa di uno switchover o di un failover, il software traccerà tutti i riposizionamenti dei dati e ne
eseguirà il backup in modo sicuro.

Protezione continua dei dati
Utilizzando la Protezione continua dei dati, è possibile riportare i dati di Exchange a praticamente
qualunque istante temporale. Se il file di registro transazioni è ancora integro, è possibile
riportare i dati di Exchange al punto di errore.

Destinazioni di backup
È possibile salvare i backup in qualunque tipo di spazio di archiviazione supportato da Acronis
Backup & Recovery 11.5, eccetto per Acronis Online Backup Storage, Acronis Secure Zone e i
supporti rimovibili.

Ripristino granulare migliorato
È possibile sfogliare i database di Exchange Server o i backup delle caselle postali e ripristinare
una o più caselle postali o messaggi di posta elettronica specifici. Inoltre è possibile ripristinare gli
elementi del calendario, le note, le attività e le voci del diario.

Nuove destinazioni di ripristino
Oltre a poter ripristinare i dati in un server Exchange live, è possibile ripristinare


Database di Exchange in cartelle del disco regolari.
Messaggi di posta elettronica e caselle postali in file .pst.
Virtualizzazione

Supporto di macchine virtuali basate su UEFI (p. 53) (si applica solo a VMware ESXi 5)
Backup e ripristino di macchine virtuali che utilizzano Unified Extensible Firmware Interface
(UEFI). Conversione di una macchina virtuale basata su UEFI (p. 180) in una macchina virtuale che
utilizza lo stesso firmware di avvio.

Ripristino a livello di file
È possibile ripristinare singoli file e cartelle nel file system locale dell'agente (solo in Windows), in
una condivisione di rete, in un server FTP o SFTP.

Supporto di Changed Block Tracking (CBT) (si applica a VMware ESX(i) 4.0 e versioni successive)
14
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Consente di eseguire backup incrementali e differenziali più rapidi di macchine virtuali ESX(i)
utilizzando la funzionalità Changed Block Tracking (CBT) di ESX(i).

Supporto dei modelli delle MV
È possibile eseguire il backup e il ripristino dei modelli delle macchine virtuali nello stesso modo
utilizzato per le macchine virtuali ESX(i) normali.

Ripristino bare-metal di host Microsoft Hyper-V
Eseguire il backup di un intero host Hyper-V assieme alle relative macchine virtuali senza
interrompere il suo normale funzionamento. Quindi è possibile ripristinare l'host sullo stesso
hardware o su hardware diverso.

Supporto migliorato degli ambienti Red Hat Enterprise Virtualization
Backup e ripristino di macchine virtuali in esecuzione in un ambiente RHEV. Migrazione di
macchine fisiche in un ambiente RHEV (P2V); migrazione di una macchina virtuale da una
piattaforma di virtualizzazione diversa alla piattaforma RHEV (V2V).
Installazione

Installazione remota di Acronis Backup & Recovery 11.5 Agent for Linux.
Supporto di vari tipi di archiviazione
Acronis Online Backup Storage (solo per macchine che eseguono Windows e macchine virtuali)


Replica o trasferimento dei backup in Acronis Online Backup Storage (p. 109).
Gli schemi di backup Grandfather-Father-Son e Torre di Hanoi ora sono disponibili quando si
esegue il backup in Acronis Online Backup Storage.
Nastri (solo per edizioni avanzate, ora denominate Acronis Backup Advanced)

Il ripristino a livello di file è possibile dal backup di dischi archiviati su nastri.
È possibile abilitare o disabilitare questa funzionalità impostando l'opzioni di gestione dei nastri
(p. 134) corrispondente.
Gestione centralizzata

Selezione del deposito nel Catalogo dati (p. 145)
È possibile selezionare il deposito da cui ripristinare i dati, se i dati del backup dispongono di più
repliche archiviate in più di un deposito gestito.
Linux


Supporto del kernel Linux fino al 3.6.
Supporto delle seguenti distribuzioni Linux:





Ubuntu 11.04, 11.10, 12.04
Fedora 15, 16, 17
Debian 6
CentOS 6.x
Supporto di Unified Extensible Firmware Interface (UEFI) (p. 53)
Backup di una macchina basata su UEFI che esegue Linux e suo ripristino sulla stessa macchina o
su una macchina diversa basata su UEFI.
Supporto di avvio

15
Nuova versione del kernel Linux (3.4.5) in supporti di avvio basati su Linux. Il nuovo kernel rende
disponibile un migliore supporto hardware.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Usabilità

Supporto della risoluzione dello schermo 800x600
1.8
Componenti di Acronis Backup
Acronis Backup include i seguenti tipi principali di componenti.
Componenti per una macchina gestita (agenti)
Si tratta di applicazioni che eseguono il backup e il ripristino dei dati e altre operazioni sulle macchine
gestite con Acronis Backup. Gli agenti richiedono una licenza per l'esecuzione di operazioni nelle
macchine gestite.
Componenti per la gestione centralizzata
Questi componenti, inclusi in Acronis Backup Advanced, forniscono funzionalità di gestione
centralizzate. L'utilizzo di questi componenti non è concesso in licenza.
Console
La Console fornisce l'interfaccia utente grafica agli altri componenti di Acronis Backup. L'utilizzo della
console non è concesso in licenza.
Generatore di supporti di avvio
Con il generatore di supporti di avvio, è possibile creare supporti riavviabili per utilizzare gli agenti e
le altre utilità di ripristino in un ambiente di ripristino.
Il Generatore di supporti di avvio non richiede una licenza se installato assieme a un agente. Per
utilizzare un generatore di supporti su una macchina senza un agente, è necessario inserire il codice
di licenza o disporre di almeno una licenza sul server delle licenze. La licenza può essere disponibile o
assegnata.
1.8.1
Agente per Windows
Questo agente consente la protezione dei dati a livello del disco e a livello di file in ambiente
Windows.
Backup di disco
La protezione dei dati a livello del disco si basa sul backup dell'intero file system del disco o del
volume, incluse tutte le informazioni necessarie per avviare il sistema operativo; oppure di tutti i
settori del disco utilizzando l'approccio settore per settore (modalità raw). Un backup contenente la
copia di un disco o di un volume in forma compressa è detto backup del disco (volume) o immagine
del disco (volume). Da questo backup è possibile ripristinare interi dischi o volumi, come pure singole
cartelle o file.
Backup di file
La protezione dei dati a livello dei file si basa sul backup di file e cartelle che risiedono nel computer
in cui è installato l'agente o in una condivisione di rete. I file possono essere ripristinati nella loro
posizione originale o spostati in una posizione diversa. È possibile ripristinare tutti i file e tutte le
cartelle di cui è stato eseguito il backup o selezionare quali di questi ripristinare.
16
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Altre operazioni
Conversione in macchina virtuale
L'Agente per Windows esegue la conversione effettuando il ripristino di un backup del disco in una
nuova macchina virtuale di uno dei seguenti tipi: VMware Workstation, Microsoft Virtual PC, Citrix
XenServer Open Virtual Appliance (OVA) o Red Hat Kernel-based Virtual Machine (KVM). I file della
macchina completamente configurata e operativa verranno posizionati nella cartella selezionata. È
possibile avviare la macchina utilizzando il rispettivo software di virtualizzazione o preparare i file
della macchina per un ulteriore utilizzo.
Ripristino su un hardware diverso
È possibile utilizzare il modulo aggiuntivo di ripristino per configurazioni hardware differenti sulla
macchina in cui è installato l'agente e creare un supporto riavviabile con questa funzionalità. Acronis
Universal Restore è in grado di gestire le differenze delle periferiche per l'avvio del sistema operativo,
come controller di memoria, scheda madre o chipset.
Gestione disco
L'Agente per Windows include Acronis Disk Director Lite, una pratica utilità di gestione del disco. Le
operazioni di gestione del disco, come clonazione di dischi, conversione di dischi, creazione,
formattazione ed eliminazione di volumi, modifica dello stile di partizionamento di un disco tra MBR
e GPT o modifica dell'etichetta del disco, possono essere eseguite nel sistema operativo o dal
supporto di avvio.
1.8.2
Agente per Linux
Questo agente consente la protezione dei dati a livello di disco e a livello di file in ambiente Linux.
Backup di disco
La protezione dei dati a livello di disco si basa sul backup dell'intero file system del disco o del volume,
incluse tutte le informazioni necessarie per avviare il sistema operativo; oppure su tutti i settori di
disco che utilizzano l'approccio settore-per-settore (modalità raw). Un backup contenente la copia di
un disco o di un volume in forma compressa è detto backup del disco (volume) o immagine del disco
(volume). Da questo backup è possibile ripristinare interi dischi o volumi, come pure singole cartelle
o file.
Backup di file
La protezione dati a livello di file si basa sul backup di file e di directory che risiedono sulla macchina
in cui è installato l'agente o su una condivisione di rete a cui è possibile accedere tramite il protocollo
smb o nfs. I file possono essere ripristinati nella loro posizione originale o spostati in una posizione
diversa. È possibile ripristinare tutti i file e tutte le directory di cui è stato eseguito il backup o
selezionare quali di questi ripristinare.
Conversione in macchina virtuale
L'Agente per Linux esegue la conversione effettuando il ripristino di un backup del disco in una nuova
macchina virtuale di uno dei seguenti tipi: VMware Workstation, Microsoft Virtual PC, Citrix
XenServer Open Virtual Appliance (OVA) o Red Hat Kernel-based Virtual Machine (KVM). I file della
macchina completamente configurata e operativa verranno posizionati nella directory selezionata. È
possibile avviare la macchina utilizzando il rispettivo software di virtualizzazione o preparare i file
della macchina per un ulteriore utilizzo.
17
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Ripristino su un hardware diverso
È possibile utilizzare il modulo aggiuntivo di ripristino per configurazioni hardware differenti sulla
macchina in cui è installato l'agente e creare un supporto riavviabile con questa funzionalità. Acronis
Universal Restore è in grado di gestire le differenze delle periferiche per l'avvio del sistema operativo,
come controller di memoria, scheda madre o chipset.
1.8.3
Agente per VMware
Acronis Backup Agent for VMware consente di eseguire il backup e il ripristino di macchine virtuali
ESX(i) senza installare agenti nei sistemi guest. Questo metodo di backup è noto come backup senza
agente o backup a livello di hypervisor.
L'agente è fornito in due versioni:

L'Agente per VMware (Virtual Appliance) può essere importato o distribuito su un host VMware
ESX(i).

Per il backup con offload, l'Agente per VMware (Windows) può essere installato su una macchina
che esegue Windows.
1.8.4
Agente per Hyper-V
Acronis Backup Agent for Hyper-V protegge le macchine virtuali che risiedono su un server di
virtualizzazione Hyper-V. L'agente consente di eseguire il backup delle macchine virtuali dall'host
senza la necessità di installare gli agenti su ciascuna di loro.
1.8.5
Agente per SQL
Acronis Backup Agent for SQL consente di creare backup a passaggio singolo di dischi e applicazioni e
di ripristinare da questi i database di Microsoft SQL. È possibile ripristinare i database direttamente in
un'istanza di SQL Server in esecuzione oppure estrarli in una cartella in un file system.
L'agente utilizza Microsoft VSS per assicurare la coerenza dei database dei backup. Dopo un backup
eseguito correttamente, l'agente può troncare il registro transazione di SQL Server.
L'agente è incluso nel programma di installazione di Acronis Backup Advanced.
L'agente è installato con l'Agente per Windows (p. 16) o su una macchina in cui è già installato
l'Agente per Windows.
1.8.6
Agente per Active Directory
Acronis Backup Agent for Active Directory consente di creare backup di dischi e di applicazioni a
passaggio singolo e di estrarre da questi i dati di Microsoft Active Directory in una cartella del file
system.
L'agente utilizza Microsoft VSS per assicurare la coerenza dei dati di backup.
L'agente è incluso nel programma di installazione di Acronis Backup Advanced.
L'agente è installato con l'Agente per Windows (p. 16) o su una macchina in cui è già installato
l'Agente per Windows.
18
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
1.8.7
Componenti per la gestione centralizzata
Questa sezione elenca i componenti inclusi in Acronis Backup Advanced che offrono funzionalità di
gestione centralizzata. Oltre a questi componenti, è necessario installare gli agenti Acronis Backup su
tutte le macchine che richiedono la protezione dati.
1.8.7.1
Management server
Acronis Backup Management Server costituisce il server centrale che gestisce la protezione dei dati
all'interno della rete aziendale. Il server di gestione fornisce all'amministratore:


un singolo punto di ingresso nell'infrastruttura di Acronis Backup




integrazione con VMware vCenter per individuare le macchine virtuali da proteggere


la possibilità di gestire nodi di archiviazione (p. 453)
un modo semplice per proteggere i dati in numerose macchine (p. 453) utilizzando piani di
backup centralizzati e il raggruppamento
funzionalità di monitoraggio e reporting di livello aziendale
gestione delle licenze integrata
la possibilità di creare depositi centralizzati (p. 448) per la conservazione di archivi di backup (p.
445) aziendali
il catalogo (p. 447) centralizzato di tutti i dati conservati nei nodi di archiviazione.
Se nella rete sono presenti server di gestione diversi, questi operano in modo indipendente,
gestiscono macchine diverse e utilizzano depositi centralizzati differenti per memorizzare gli archivi.
1.8.7.2
Nodo di archiviazione
Acronis Backup Storage Node è un server realizzato per l'ottimizzazione dell'utilizzo di varie risorse
(come la capacità di archiviazione aziendale, la larghezza di banda della rete o il carico CPU delle
macchine gestite) richieste per la protezione dati aziendali. Questo obiettivo è raggiunto tramite
l'organizzazione e la gestione delle posizioni che fungeranno da archivi dedicati degli archivi di
backup aziendali (depositi gestiti).
La funzione più importante di un nodo di archiviazione è la deduplicazione (p. 247) dei backup
archiviati nei suoi depositi. Ciò significa che il backup di dati identici verrà eseguito in questo deposito
solo una volta. Ciò riduce al minimo l'utilizzo della rete durante il backup e lo spazio di archiviazione
occupato dagli archivi.
I nodi d'archiviazione consentono la creazione di un'infrastruttura di archiviazione altamente
scalabile e flessibile in termini di supporto hardware. È possibile impostare fino a un massimo di 50
nodi d'archiviazione, ciascuno in grado di gestire fino a 20 depositi.
L'amministratore controlla i nodi d'archiviazione in maniera centralizzata da Acronis Backup
Management Server (p. 19). Il collegamento diretto della console a un nodo di archiviazione non è
possibile.
1.8.7.3
Componenti per l'installazione remota
Si tratta dei pacchetti di installazione dei componenti Acronis utilizzati dalla console di gestione (p.
20) per l'installazione su macchine remote.
I componenti per l'installazione remota devono essere installati sulla macchina con la console o con il
server di gestione (p. 19). Durante l'installazione, il programma di installazione salva i componenti
19
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
nella posizione predefinita e salva il percorso di questa posizione nel registro. Di conseguenza, i
componenti sono prontamente disponibili nell'Installazione remota guidata come "componenti
registrati".
1.8.7.4
Server PXE
Acronis PXE Server consente di avviare macchine su componenti di avvio Acronis attraverso la rete.
Avvio dalla rete:

Elimina la necessità di avere un tecnico sul posto per installare il supporto di avvio (p. 456) nel
sistema che deve essere avviato

Durante le operazioni di gruppo, riduce il tempo necessario per avviare più macchine rispetto
all'utilizzo di supporti di avvio fisici.
1.8.7.5
Server delle licenze
Il server delle licenze consente di gestire le licenze dei prodotti Acronis e di installare i componenti
che richiedono le licenze.
È possibile installare un server delle licenze come componente separato o utilizzare quello integrato
nel server di gestione. La funzionalità del server delle licenze (p. 411) è simile per entrambi i tipi di
installazione.
1.8.8
Console di gestione
Acronis Backup Management Console è uno strumento amministrativo per l'accesso agli agenti
Acronis Backup e, in Acronis Backup Advanced, a Acronis Backup Management Server.
La console ha due distribuzioni: per l'installazione in Windows e l'installazione in Linux. Sebbene
entrambe le distribuzioni consentano il collegamento a ogni agente di Acronis Backup e ad Acronis
Backup Management Server, si consiglia l'utilizzo della console per Windows in caso sia possibile
scegliere tra le due opzioni. La console supportata da Linux ha una funzionalità limitata:


L'installazione remota dei componenti di Acronis Backup non è disponibile.
Le funzioni relative alla Active Directory, come la possibilità di sfogliare l'AD, non sono disponibili.
1.8.9
Generatore di supporti riavviabili
Acronis Bootable Media Builder è uno strumento dedicato che consente di creare supporti di avvio (p.
456). Sono disponibili due distribuzioni del generatore di supporti: per l'installazione in Windows e
l'installazione in Linux.
Il generatore di supporti per l'installazione in Windows può creare supporti riavviabili basati su
Windows Preinstallation Environment o sul kernel Linux. Il generatore di supporti per l'installazione
in Linux può creare supporti riavviabili basati sul kernel Linux.
1.8.10 Acronis Wake-On-LAN Proxy
Acronis Wake-On-LAN Proxy abilita Acronis Backup Management Server affinché possa attivare le
macchine di backup ubicate in un'altra sottorete. Installare Acronis Wake-On-LAN Proxy su ogni
server della sottorete in cui sono ubicate le macchine di cui fare il backup.
20
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
1.9
Informazioni sull'utilizzo del prodotto in modalità trial
Prima di acquistare una licenza di Acronis Backup, si potrebbe decidere di provare il software. È
possibile eseguire questa operazione senza un codice di licenza.
Per installare il prodotto in modalità trial, eseguire il programma di installazione localmente o
utilizzare la funzionalità di installazione remota. L'installazione non assistita e altri metodi di
installazione non sono supportati.
Limitazioni della modalità trial
Quando è installato nella modalità trial, Acronis Backup presenta le seguenti limitazioni:

La funzionalità Universal Restore è disabitata.
Ulteriori limitazioni per supporti riavviabili:

La funzionalità di gestione del disco non è disponibile. È possibile provare l'interfaccia utente, ma
non è prevista alcuna opzione per applicare le modifiche.

La funzionalità di ripristino è disponibile, ma la funzionalità di backup no. Per provare la
funzionalità di backup, installare il software nel sistema operativo.
Aggiornamento alla modalità completa
Dopo la scadenza del periodo di prova, la GUI visualizzerà un messaggio di notifica in cui verrà
richiesto di specificare oppure ottenere un codice di licenza standard.
Per specificare un codice di licenza, fare clic su Guida > Cambia licenza (p. 362). Non è possibile
specificare il codice eseguendo il programma di installazione.
Se è stato attivato un periodo di prova o è stato acquistato un abbonamento per il servizio di backup
nel cloud, il backup nel cloud sarà disponibile fino alla scadenza del periodo dell'abbonamento,
indipendentemente dal fatto che sia stato specificato o meno un codice di licenza.
1.10 File system supportati
Acronis Backup è in grado di eseguire il backup e ripristinare i seguenti file system con le seguenti
limitazioni:



FAT16/32


Ext2/Ext3/Ext4

ReiserFS4: ripristino del volume senza la funzionalità di ridimensionamento del volume; file
particolari non possono essere ripristinati dai backup del disco posizionati in Acronis Backup
Storage Node

XFS: ripristino del volume senza la funzionalità di ridimensionamento del volume; file particolari
non possono essere ripristinati dai backup del disco posizionati in Acronis Backup Storage Node

JFS: file particolari non possono essere ripristinati dai backup del disco posizionati in Acronis
Backup Storage Node.

Linux SWAP
21
NTFS
ReFS: ripristino del volume senza funzionalità di ridimensionamento del volume. Supportato solo
in Windows Server 2012/2012 R2 (p. 54).
ReiserFS3: file particolari non possono essere ripristinati dai backup del disco posizionati in
Acronis Backup Storage Node
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Acronis Backup è in grado di eseguire il backup e il ripristino di file system danneggiati o non
supportati attraverso l'approccio settore per settore.
1.11 Assistenza tecnica
Programma di manutenzione e supporto
Se è necessaria assistenza con il prodotto, visitare http://www.acronis.it/support/
Aggiornamenti del prodotto
È possibile scaricare gli ultimi aggiornamenti dei prodotti software Acronis registrati dal nostro sito
Web in qualsiasi momento dopo aver effettuato l'accesso al proprio Account
(https://www.acronis.it/my) e aver registrato il prodotto. Consultare Registrazione dei prodotti
Acronis sul sito Web (http://kb.acronis.com/content/4834) e Guida di utilizzo del sito Web Acronis
(http://kb.acronis.com/content/8128).
22
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
2 Guida rapida
Passaggio 1. Installazione
Queste brevi istruzioni per l'installazione consentono di iniziare subito a utilizzare il prodotto.
Per la descrizione completa dei metodi e delle procedure di installazione, fare riferimento alla
Documentazione di installazione.
Prima dell'installazione, assicurarsi che:
 L'hardware soddisfi i requisiti di sistema.
 Si disponga di codici di licenza per il prodotto selezionato.
 Si disponga del programma di installazione. Sia possibile scaricarlo dal sito Web Acronis.
Procedura
Quando si seguono le istruzioni di seguito, è possibile selezionare più di un ruolo della macchina.
1. Installare il management server in modo che sia in grado di gestire più macchine.
a. Eseguire il programma di installazione e fare clic su Installa Acronis Backup.
b. Dopo aver accettato i termini del contratto di licenza, selezionare la casella di controllo
Esegui il monitoraggio e la configurazione centralizzata del backup delle macchine fisiche e
virtuali.
c. Immettere i codici di licenza o importarli da un file di testo.
d. Seguire le istruzioni a video.
Dettagli. Verrà installata anche la console, in modo che sia possibile controllare il management
server localmente.
2. Installare un agente su ogni macchina di cui si deve eseguire il backup.
a. Eseguire il programma di installazione e fare clic su Installa Acronis Backup.
b. Dopo aver accettato i termini del contratto di licenza, selezionare la casella di controllo
Esegui il backup dei dati di questa macchina.
c. Selezionare Ho acquistato una licenza o un abbonamento.
d. Fare clic su Aggiungi licenze, selezionare la casella di controllo Utilizza il seguente server
delle licenze e specificare il nome o l'indirizzo IP del server di gestione installato
precedentemente.
e. Quando richiesto, registrare la macchina sul management server.
f. Seguire le istruzioni a video.
Dettagli. Verrà installata anche la console su ogni macchina.
3. [Facoltativo] Installare il nodo di archiviazione sulla macchina che verrà utilizzata come archivio
per i backup di altre macchine.
a. Eseguire il programma di installazione e fare clic su Installa Acronis Backup.
b. Dopo aver accettato i termini del contratto di licenza, selezionare la casella di controllo
Esegui l'archiviazione dei backup di altre macchine su questa macchina.
c. Quando richiesto, registrare il nodo di archiviazione sul management server.
d. Seguire le istruzioni a video.
4. [Facoltativo] Installare la console su una macchina da cui si preferisce operare, se la macchina
non è il management server e non contiene un agente.
23
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
a. Eseguire il programma di installazione e fare clic su Installa Acronis Backup.
b. Dopo aver accettato i termini del contratto di licenza, selezionare la casella di controllo
Connetti a macchine remote.
c. Seguire le istruzioni a video.
Passaggio 2. Esecuzione
Eseguire Acronis Backup Management Console.

In Windows
Avviare la console selezionando

In Linux
Effettuare l'accesso come utente root o come utente ordinario, quindi
attivare la voce utente come richiesto. Attivare la console con il comando
Acronis Backup dal menu Start.
/usr/sbin/acronis_console
Per la comprensione degli elementi dell'interfaccia, consultare "Utilizzo della console di gestione
(p. 26)".
Passaggio 3. Supporto di avvio
Per poter eseguire il ripristino di un sistema operativo che non è in grado di avviarsi o distribuirlo su
bare metal, creare un supporto di avvio.
1. Selezionare
Strumenti >
Crea supporto di avvio nel menu.
2. Fare clic su Avanti nella schermata introduttiva. Continuare a fare clic su Avanti fino a
quando viene visualizzato l'elenco dei componenti.
3. Procedere come descritto in "Supporto di avvio basato su Linux" (p. 275).
Passaggio 4. Connessione
Connettere la console alla macchina gestita o al management server.
Nella prima pagina della console, fare clic su uno dei seguenti elementi:
Gestisci questa macchina
Se l'agente è installato sulla stessa macchina della console.
Gestisci una macchina remota
Se l'agente è installato su una macchina remota.
Connetti a un management server
Per gestire più macchine fisiche e virtuali.
Passaggio 5. Backup
Esegui backup adesso (p. 58)
Fare clic su Esegui backup adesso per eseguire un backup una volta sola in alcuni semplici
passaggi. La procedura di backup verrà avviata subito dopo aver eseguito i passaggi richiesti.
24
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per salvare la macchina in un file:
In Dove eseguire il backup fare clic su Posizione e selezionare la posizione in cui salvare il
backup. Fare clic su OK per confermare la selezione. Fare clic su OK nella parte inferiore della
finestra per avviare il backup.
Suggerimento. Utilizzando il supporto di avvio, è possibile eseguire backup non in linea ("a
freddo") nello stesso modo utilizzato per il sistema operativo.
Crea piano di backup (p. 58)
Creare un piano di backup se è necessaria una strategia di backup a lungo termine che
include schemi di backup, pianificazioni e condizioni, eliminazione tempestiva dei backup o il
loro spostamento in posizioni diverse.
Note per gli utenti di Acronis Backup Advanced: Quando si crea un piano di backup sul server
di gestione, è possibile:
- Selezionare macchine o gruppi di macchine completi.
- Selezionare elementi di dati diversi per ogni macchina.
- Utilizzare le regole di selezione per selezionare gli stessi elementi di dati su macchine
diverse.
In questo modo, verrà creato un piano di backup centralizzato da distribuire sulle macchine
selezionate. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a "Creazione di un piano di backup
centralizzato" (p. 382).
Passaggio 6. Ripristino
Ripristina (p. 140)
Per ripristinare i dati, è necessario selezionare i dati del backup e la destinazione in cui questi
verranno ripristinati. Di conseguenza, verrà creata un'attività di ripristino.
Il ripristino di un disco o volume su un volume bloccato dal sistema operativo richiede un
riavvio. Una volta completato il ripristino, il sistema operativo ripristinato passa
automaticamente in linea.
Se la macchina non si avvia o è necessario ripristinare un sistema su bare metal, avviare la
macchina utilizzando il supporto di avvio e configurare l'operazione di ripristino nello stesso
modo utilizzato per l'attività di ripristino.
Note per gli utenti di Acronis Backup Advanced: Non è possibile controllare le operazioni nel
supporto di avvio utilizzando il server di gestione. ma è possibile disconnettere la console dal
server e connetterla alla macchina avviata dal supporto.
Passaggio 7. Gestione
Il riquadro Navigazione (nella parte sinistra della console) consente di esplorare le visualizzazioni del
prodotto utilizzate per diversi scopi di amministrazione.

Utilizzare la visualizzazione
Piani e attività di backup per gestire piani e attività di backup:
eseguire, modificare, terminare ed eliminare piani e attività, visualizzare la loro condizione e il
loro avanzamento.


Utilizzare la visualizzazione
Avvisi per identificare rapidamente i problemi e risolverli.
Utilizzare la visualizzazione
Registro per sfogliare il registro delle operazioni.
25
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

La posizione in cui vengono conservati gli archivi di backup è denominata deposito (p. 448).
Passare alla visualizzazione
Depositi per ottenere informazioni sui depositi. Esplorare il
deposito specifico per visualizzare i backup e il loro contenuto. Inoltre è possibile selezionare i
dati da ripristinare ed eseguire operazioni manuali con i backup (montaggio, convalida,
eliminazione).
Amministrazione del management server

Utilizzare la visualizzazione
Macchine con agenti per gestire le macchine registrate sul
management server. Per lavorare in modo efficiente con un gran numero di macchine,
organizzarle in gruppi (p. 394).

Utilizzare la visualizzazione
virtualizzazione supportati.

Se si sceglie di memorizzare tutti gli archivi di backup in una posizione o in alcune posizioni di
rete, creare dei depositi centralizzati in queste posizioni. Dopo aver creato un deposito, è
possibile visualizzare e amministrare il suo contenuto selezionando
Depositi >
Centralizzati >
'Nome deposito' nel riquadro Navigazione. Il collegamento per il deposito
sarà implementato su tutte le macchine registrate. Il deposito può essere specificato come
destinazione di backup in qualsiasi piano di backup creato dall'utente o dagli utenti delle
macchine registrate.

Creare depositi gestiti centralizzati sul nodo di archiviazione (p. 235) per poter:
Macchine virtuali (p. 407) per gestire gli ambienti di

Cercare nel
Catalogo dati (p. 145) la versione richiesta dei dati del backup in tutti i
depositi gestiti.

Eseguire il backup di più macchine nelle periferiche a nastro (p. 212) collegate al nodo di
archiviazione.

Utilizzare la deduplicazione (p. 247) per ridurre al minimo lo spazio di archiviazione richiesto
dai dati e ridurre il carico di rete durante il backup.
2.1
Utilizzo della console di gestione
Non appena la console di connette a una macchina gestita (p. 453) o a un server di gestione (p. 453),
i rispettivi elementi vengono visualizzati nell'area di lavoro della console (nel menu, nell'area
principale con la schermata Benvenuto o nel riquadro Navigazione) consentendo di eseguire
operazioni specifiche per l'agente o per il server.
26
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Acronis Backup Management Console - Schermata introduttiva
Elementi chiave dell'area di lavoro della console
Nome
Descrizione
Pannello di Navigazione
Contiene la struttura Navigazione e la barra Collegamenti. Consente di
esplorare le diverse visualizzazioni. Per i dettagli, consultare Riquadro di
navigazione (p. 27).
Area principale
Qui è possibile configurare e monitorare il backup, il ripristino e altre
operazioni. L'area principale mostra le visualizzazioni e le pagine delle azioni
(p. 29) a seconda degli elementi selezionati nel menu o nella struttura
Navigazione.
Barra dei menu
È visualizzata nella parte superiore della finestra del programma. Consente di
eseguire la maggior parte delle operazioni disponibili in Acronis Backup. Gli
elementi del menu cambiano dinamicamente a seconda della voce
selezionata nella struttura Navigazione e nell'area principale.
2.1.1
Riquadro "Navigazione"
Il riquadro di navigazione include la struttura Navigazione e la barra Collegamenti.
Struttura Navigazione
La struttura Navigazione consente di esplorare le diverse visualizzazioni del programma. Il tipo di
visualizzazione varia a seconda della piattaforma a cui è collegata la console, se alla macchina gestita
o al server di gestione. In entrambi i casi, è possibile scegliere tra l'Elenco completo o l'Elenco
abbreviato delle visualizzazioni. L'Elenco abbreviato contiene le visualizzazioni più utilizzate
dell'Elenco completo.
Visualizzazioni di una macchina gestita
Se una console è collegata a una macchina gestita, nella struttura di navigazione sono disponibili le
seguenti visualizzazioni.
L'Elenco abbreviato visualizza
27
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

[Nome macchina]. La radice della struttura è chiamata anche schermata di Benvenuto.
Visualizza il nome della macchina a cui la console è attualmente collegata. Utilizzare questa
visualizzazione per collegarsi velocemente alle operazioni principali, disponibili sulla macchina
gestita.

Piani e attività di backup. Utilizzare questa visualizzazione per gestire i piani e le attività
di backup sulla macchina gestita: eseguire, modificare, terminare ed eliminare piani e attività,
visualizzare il loro avanzamento.

Depositi. Utilizzare questa visualizzazione per gestire i depositi personali e gli archivi
archiviati al loro interno, aggiungere nuovi depositi, rinominare ed eliminare quelli esistenti,
convalidare depositi, esplorare il contenuto dei backup, eseguire operazioni sugli archivi e i
backup, ecc. Se la macchina è registrata sul server di gestione, è possibile sfogliare i depositi
centralizzati ed eseguire operazioni sugli archivi per cui si dispone dei permessi adeguati.

Avvisi. Utilizzare questa visualizzazione per esaminare i messaggi di avviso per la
macchina gestita.
L'Elenco completo inoltre visualizza


Gestione nastri. Utilizzare questa visualizzazione per eseguire operazioni con i nastri.
Gestione disco. Utilizzare questa visualizzazione per effettuare le operazioni sulle unità
del disco rigido della macchina.

Registro. Utilizzare questa visualizzazione per esaminare le informazioni sulle operazioni
eseguite da questo programma sulla macchina gestita.

Immagini montate. Questo nodo è visualizzato se è montato almeno un volume.
Utilizzare questa visualizzazione per gestire immagini montate.
Visualizzazioni di un server di gestione
Se una console è collegata a un server di gestione, nella struttura navigazione sono disponibili le
seguenti visualizzazioni.
L'Elenco abbreviato visualizza

[Nome del management server]. La radice della struttura è chiamata anche schermata di
Benvenuto. Visualizza il nome del server di gestione a cui la console è attualmente collegata.
Utilizzare questa visualizzazione per collegarsi velocemente alle operazioni principali, disponibili
sul server di gestione.

Pannello di controllo. Utilizzare questa visualizzazione per valutare a colpo d'occhio se i
dati sulle macchine registrate sul server di gestione sono sufficientemente protetti.

Macchine con agenti. Utilizzare questa visualizzazione per gestire le macchine registrate
sul server di gestione.

Piani e attività di backup. Utilizzare questa visualizzazione per gestire i piani e le attività
di backup centralizzati sul management server.

Depositi. Utilizzare questa visualizzazione per gestire i depositi centralizzati e gli archivi
qui memorizzati: creare nuovi depositi centralizzati, rinominare ed eliminare quelli esistenti,
assegnare utenti e amministratori ai depositi, eseguire operazioni sugli archivi e i backup.

Avvisi. Utilizzare questa visualizzazione per esaminare i messaggi di avviso per il
management server e tutte le macchine registrate.
L'Elenco completo inoltre visualizza

28
Catalogo dati. Utilizzare questa visualizzazione per la ricerca rapida della versione
richiesta di dati di cui è stato eseguito il backup nel depositi gestiti centralizzati.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Macchine virtuali. Utilizzare questa visualizzazione per gestire gli ambienti di
virtualizzazione supportati.

Nodi di archiviazione. Utilizzare questa visualizzazione per gestire i nodi di archiviazione.
Aggiungere un nodo di archiviazione per poter creare depositi centralizzati che verranno
gestiti dal nodo.

Gestione nastri. Utilizzare questa visualizzazione per eseguire operazioni con i nastri.

Licenze. Utilizzare questa visualizzazione per gestire le licenze.


Report. Utilizzare questa visualizzazione per generare report.
Registro. Utilizzare questa visualizzazione per esaminare la cronologia delle operazioni di
gestione centralizzata e la cronologia delle operazioni registrate nei registri locali delle
macchine registrate e nei nodi d'archiviazione.
Barra dei collegamenti
La barra Collegamenti è visualizzata sotto la struttura di navigazione. Rappresenta un modo facile e
conveniente per collegarsi alle macchine richieste aggiungendole come collegamenti.
Come aggiungere un collegamento a una macchina
1. Collegare la console a una macchina gestita.
2. Nella struttura di navigazione, fare clic con il pulsante destro sul nome della macchina (su un
elemento radice della struttura di navigazione), quindi selezionare Crea collegamento.
Se la console e l'agente sono installati sulla stessa macchina, il collegamento a questa macchina
verrà aggiunto automaticamente alla barra dei collegamenti come Macchina locale [Nome della
macchina].
Operazioni con il riquadro
Come espandere/ridurre i pannelli
Per impostazione predefinita, il riquadro Navigazione è visualizzato espanso. Per aumentare l'area di
lavoro, potrebbe essere necessario ridurre il riquadro. Per eseguire questa operazione, selezionare la
freccia ( ). Il riquadro verrà ridimensionato e la freccia cambierà direzione ( ). Fare clic
nuovamente sulle frecce per espandere il riquadro.
Come modificare i bordi dei pannelli
1. Puntare sul bordo del riquadro.
2. Quando il puntatore si trasforma in una doppia freccia, trascinare il puntatore per spostare il
bordo.
2.1.2
Area principale, visualizzazioni e pagine delle azioni
L'area principale è una postazione di base in cui è possibile lavorare con la console. Qui è possibile
creare, modificare e gestire piani di backup, attività di ripristino ed eseguire altre operazioni. L'area
principale presenta visualizzazioni diverse e le pagine delle azioni in base agli elementi selezionati nel
menu o nella struttura di Navigazione.
29
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
2.1.2.1
Visualizzazioni
Dopo aver cliccato su uno qualsiasi degli elementi presenti nella struttura Navigazione nel riquadro
Navigazione (p. 27).
Visualizzazione "registro"
Procedura di lavoro standard con finestre di visualizzazione
Generalmente, ogni visualizzazione contiene una tabella di elementi, una barra degli strumenti della
tabella provvista di pulsanti e il pannello delle Informazioni.

Per cercare la tabella dell'elemento in questione, utilizzare le funzioni di filtraggio e ordinamento
(p. 30).


Nella tabella, selezionare l'elemento desiderato.

Eseguire le azioni sull'elemento selezionato. Esistono diversi modi per eseguire una stessa azione
sugli elementi selezionati:
Nel riquadro Informazioni (compresso per impostazione predefinita), visualizzare i dettagli
dell'elemento. Per espandere il pannello, fare clic sulla freccia ( ).



Facendo clic sui pulsanti nella barra degli strumenti della tabella.
Selezionando gli elementi nel menu Azioni.
Facendo clic con il tasto destro del mouse sull'elemento e selezionando l'operazione nel
menu contestuale.
Ordinamento, filtraggio e configurazione degli elementi della tabella
Le seguenti linee guida consentono di ordinare, filtrare e configurare gli elementi delle tabelle in ogni
visualizzazione.
A
Eseguire le seguenti operazioni
Ordinare gli elementi in base
alla colonna
Fare clic sull'intestazione di una colonna per ordinare gli elementi in ordine
crescente.
30
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
A
Eseguire le seguenti operazioni
Fare clic nuovamente per ordinare gli elementi in ordine decrescente.
Filtrare gli elementi in base al
valore predefinito della
colonna
Nel campo sottostante l'intestazione della colonna corrispondente,
selezionare il valore richiesto dall'elenco a discesa.
Filtrare gli elementi in base al
valore immesso
Nel campo sottostante l'intestazione della colonna corrispondente,
immettere un valore.
In tal modo, verrà visualizzato un elenco di valori che coincidono interamente
o parzialmente con il valore immesso.
Filtrare gli elementi in base a
parametri predefiniti
Fare clic sui pulsanti appropriati nella tabella.
Mostrare o nascondere le
colonne della tabella
Per impostazione predefinita, ogni tabella contiene un numero fisso di
colonne visualizzate, le altre sono nascoste. Se necessario, è possibile
nascondere e mostrare colonne e visualizzare quelle nascoste.
Per esempio, nella visualizzazione Registro è possibile filtrare le voci di
registro in base al tipo di evento (Errore, Avviso, Informazione) o in base al
periodo in cui si è verificato l'evento (Per le ultime 24 ore, Per l'ultima
settimana, Per gli ultimi tre mesi o Per il periodo personalizzato).
Per mostrare o nascondere colonne
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su un'intestazione di colonna
per aprire il menu contestuale.
2. Fare clic sulle voci che si desidera visualizzare/nascondere.
2.1.2.2
Pagine azioni
Selezionando un elemento di azione qualsiasi nel menu Azioni sarà possibile visualizzare una pagina
delle azioni nell'area principale. Contiene i passaggi da seguire per creare e avviare qualunque
attività o piano di backup.
Pagina delle azioni - Crea piano di backup
31
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Utilizzo dei comandi e definizione delle impostazioni
Utilizzare i controlli attivi per specificare le impostazioni e i parametri di un piano di backup o di
un'attività di ripristino. Per impostazione predefinita, i campi come credenziali, opzioni, commenti e
alcuni altri sono nascosti. La maggior parte delle impostazioni viene configurata selezionando i
rispettivi collegamenti Mostra.... Gli altri sono selezionati dall'elenco a discesa o immessi
manualmente nei campi della pagina.
Pagina delle azioni - Comandi
Acronis Backup memorizza le modifiche apportate nelle pagine delle azioni. Ad esempio, se iniziate a
creare un piano di backup e per qualsiasi motivo passate ad un'altra visualizzazione senza
completarlo, potete fare clic sul pulsante di navigazione Indietro sul menu. Oppure, se avete
proseguito per vari passaggi, fate clic sulla freccia Giù e selezionate la pagina dove avete iniziato la
creazione del piano dall'elenco. A questo punto è possibile eseguire i passaggi rimanenti e terminare
la creazione del piano di backup.
Pulsanti di navigazione
2.1.3
Opzioni console
Le opzioni console definiscono il modo in cui le informazioni sono rappresentate nell'interfaccia
utente grafica di Acronis Backup.
Per accedere alle opzioni console, selezionare le opzioni Opzioni > Console dal menu nella parte
superiore.
2.1.3.1
Opzioni di visualizzazione avvisi
L'opzione specifica quali avvisi mostrare e quali nascondere nella visualizzazione Avvisi.
L'impostazione predefinita è: Tutti gli avvisi.
32
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per mostrare (nascondere) gli avvisi, selezionare (deselezionare) le caselle di controllo accanto ai
rispettivi tipi di avvisi.
2.1.3.2
Cache credenziali
L'opzione specifica se archiviare le credenziali immesse utilizzando la console di gestione.
L'impostazione predefinita è: Abilitata.
Se l'opzione è abilitata, le credenziali di diverse posizioni immesse durante una sessione della console
vengono salvate per l'utilizzo durante sessioni successive. In Windows, le credenziali vengono
archiviate in Gestione credenziali di Windows. In Linux, le credenziali sono archiviate in un file
crittografato speciale.
Se l'opzione è disabitata, le credenziali verranno archiviate solo fino alla chiusura della console.
Per cancellare la cache delle credenziali per l'account dell'utente corrente, selezionare il pulsante
Cancella cache credenziali.
2.1.3.3
Caratteri
Questa opzione definisce i caratteri da usare nell'interfaccia utente grafica di Acronis Backup.
L'impostazione Carattere menu riguarda i menu a discesa e contestuali. L'impostazione Carattere
applicazione riguarda tutti gli altri elementi dell'interfaccia utente grafica.
L'impostazione predefinita è: Il carattere Predefinito del sistema sia per i menu che per gli elementi
dell'interfaccia dell'applicazione.
Per effettuare una selezione, scegliere il carattere dall'elenco a discesa rispettivo e impostare le
proprietà del carattere. E' possibile eseguire l'anteprima del tipo di carattere facendo clic su Sfoglia a
destra.
2.1.3.4
Messaggi a comparsa
Queste opzioni sono disponibili quando la console è connessa alla macchina gestita o al server di
gestione.
Finestra di dialogo "Attività che richiedono interazione"
Questa opzione definisce se visualizzare una finestra a comparsa quando una o più attività richiedono
l'interazione dell'utente. Questa finestra consente di specificare la propria decisione, come
confermare il riavvio o riprovare dopo aver liberato spazio su disco, per tutte le attività nella stessa
posizione. Fino a quando almeno un'attività richiede interazione, è possibile aprire questa finestra in
qualunque momento dalla schermata iniziale della macchina gestita. In alternativa, è possibile
rivedere lo stato di esecuzione delle attività nella visualizzazione Piani e attività di backup e
specificare la propria decisione su ogni attività nel riquadro Informazioni.
L'impostazione predefinita è: Abilitata.
Per effettuare una selezione, selezionare o deselezionare la casella di controllo Finestra di dialogo
"Attività che richiedono interazione".
Finestra di dialogo "Conferma feedback"
Questa opzione definisce se visualizzare una finestra a comparsa con le informazioni sul sistema
dopo che si è verificato un errore. È possibile inviare queste informazioni al supporto tecnico Acronis.
33
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
L'impostazione predefinita è: Abilitata.
Per effettuare una selezione, selezionare o deselezionare la casella di controllo Finestra di dialogo
"Conferma feedback".
Notifica se il supporto di avvio non è stato creato
Questa opzione definisce se visualizzare una finestra a comparsa quando la console di gestione viene
avviata su una macchina su cui non è stato creato nessun supporto di avvio.
L'impostazione predefinita è: Abilitata.
Per effettuare una selezione, scegliere o deselezionare la casella di controllo Notifica se il supporto
di avvio non è stato creato.
Notifica quando la console di gestione è connessa a un componente di una versione
diversa
Questa opzione definisce se visualizzare una finestra a comparsa quando una console è collegata a un
agente/server di gestione e la sua versione è diversa.
L'impostazione predefinita è: Abilitata.
Per effettuare una selezione, selezionare o deselezionare la casella di controllo Notifica quando la
console di gestione è connessa a un componente di una versione diversa.
Richiedi la descrizione quando si espelle un nastro
Questa opzione definisce se visualizzare un prompt per poter descrivere un nastro quando lo si
espelle (p. 225) da una periferica a nastro utilizzando Acronis Backup. Per esempio, è possibile
descrivere la posizione fisica in cui il nastro verrà conservato (consigliato). Se un nastro viene espulso
automaticamente in base all'opzioneEspelli i nastri dopo backup eseguiti correttamente (p. 134),
non verrà visualizzato nessun prompt.
L'impostazione predefinita è: Abilitata.
Per effettuare una selezione, selezionare o deselezionare la casella di controllo Richiedi la
descrizione quando si espelle un nastro.
Note Le periferiche a nastro possono essere utilizzate solo con Acronis Backup Advanced.
Informazioni sui risultati dell'esecuzione dell'attività
Questa opzione ha effetto solo quando la console è connessa alla macchina gestita.
L'opzione definisce se visualizzare i messaggi a comparsa sui risultati dell'esecuzione dell'attività:
completamento riuscito, esito negativo o positivo con avvisi. Quando la visualizzazione dei messaggi
a comparsa è disabilitata, è possibile esaminare le condizioni e i risultati dell'esecuzione dell'attività
nella visualizzazione Piani e attività di backup.
L'impostazione predefinita è: Abilitata per tutti i risultati.
Per effettuare una configurazione per ogni risultato (completamento riuscito, risultato negativo o
positivo con avvisi) individualmente, selezionare o deselezionare le rispettive caselle.
34
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
2.1.3.5
Pagina iniziale
Questa opzione definisce se mostrare la schermata di Benvenuto o il Pannello di controllo quando la
console viene connessa alla macchina gestita.
L'impostazione predefinita è: la schermata di Benvenuto.
Per effettuare una selezione, selezionare o deselezionare la casella di controllo Mostra la visuale del
"Pannello di controllo".
Questa opzione può anche essere impostata sulla schermata di Benvenuto. Se si seleziona la casella
di controllo All'avvio, mostra il Pannello di controllo invece della visualizzazione attuale nella
schermata di Benvenuto, l'impostazione sopra indicata verrà aggiornata.
35
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
3 Conoscere Acronis Backup
Questa sezione intende fornire agli utenti una chiara comprensione del prodotto, per consentire loro
di utilizzarlo in diverse circostanze senza istruzioni passo a passo.
3.1
Proprietari
Questa sezione tratta il concetto di proprietario del piano (attività) di backup e di proprietario
dell'archivio.
Proprietario del piano (attività)
Il proprietario di un piano di backup locale è l'utente che lo ha creato o lo ha modificato per ultimo.
Il proprietario di un piano di backup centralizzato è l'amministratore del server di gestione che ha
creato o modificato per ultimo il piano di backup centralizzato.
Le attività che rientrano in un piano di backup locale o centralizzato sono di proprietà del
proprietario del piano.
Il proprietario delle attività che non rientrano in un piano di backup, ad esempio l'attività di ripristino,
è l'utente che le ha create o modificate per ultimo.
Gestione di un piano (attività) di cui è proprietario un altro utente
Un utente che disponga di privilegi amministrativi su una macchina può modificare piani di backup e
attività locali di cui è proprietario qualsiasi altro utente registrato nel sistema operativo.
Quando un utente apre un piano o un'attività di cui è proprietario un altro utente per apportarvi
modifiche, tutte le password impostate nell'attività vengono cancellate. In questo modo non è
possibile modificare le impostazioni lasciando inalterate le password. Ogni volta che si tenta di
modificare un piano (attività) la cui ultima modifica è stata eseguita da un altro utente, il programma
visualizza un avviso. A questo punto si hanno a disposizione due opzioni:


Fare clic su Annulla e creare un nuovo piano o attività. L'attività originale non verrà modificata.
Continuare con le modifiche. In questo caso sarà necessario immettere tutte le credenziali
richieste per l'esecuzione del piano o dell'attività.
Proprietario di un archivio
Il proprietario di un archivio è l'utente che lo ha salvato nella relativa destinazione. Più precisamente,
è l'utente il cui account è stato specificato durante la creazione del piano di backup, al passaggio
Dove eseguire il backup. Per impostazione predefinita vengono utilizzate le credenziali del piano.
3.2
Credenziali utilizzate nei piani e nelle attività di
backup
Questa sezione spiega il concetto di credenziali di accesso, credenziali del piano di backup e
credenziali dell'attività.
36
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Credenziali di accesso
Quando si esplorano le posizioni di backup, si configurano i backup o si creano attività di ripristino,
potrebbe essere necessario fornire le credenziali per l'accesso a diverse risorse, come i dati di cui si
sta per eseguire il backup o la posizione in cui i backup sono (o saranno) archiviati.
Se l'opzione Cache credenziali (p. 33)è abilitata (è abilitata per impostazione predefinita), le
credenziali immesse durante una sessione della console vengono salvate per l'utilizzo durante
sessioni successive. Quindi, non è necessario immettere le credenziali la volta successiva. Le
credenziali vengono memorizzate nella cache in modo indipendente per ogni utente che utilizza la
console sulla macchina.
Credenziali del piano di backup
Ogni piano di backup è in esecuzione su una macchina viene eseguito per conto di un utente.
In Windows
Per impostazione predefinita, il piano viene eseguito con l'account del servizio dell'agente, se creato
da un utente con privilegi di amministrazione sulla macchina. Se creato da un utente regolare, come
un membro del gruppo Users, il piano viene eseguito con l'account di questo utente.
Quando si crea un piano di backup, le credenziali vengono richieste solo in casi specifici. Ad esempio:

Si stanno pianificando dei backup come utente regolare e non sono state immesse le credenziali
durante la connessione della console alla macchina. Questo può verificarsi quando la console è
installata sulla stessa macchina di cui si sta eseguendo il backup.

Si sta eseguendo il backup di un cluster di Microsoft Exchange in un nodo di archiviazione.
Specificare le credenziali in modo esplicito
È possibile specificare in modo esplicito un account utente con cui verrà eseguito il piano di backup.
Per eseguire questa operazione, nella pagina di creazione del piano di backup:
1. All'interno della sezione Parametri del piano, selezionare Mostra credenziali, commenti,
etichetta del piano.
2. Fare clic su Credenziali del piano.
3. Immettere le credenziali con cui verrà eseguito il piano. Quando si immette il nome di un account
utente di Active Directory, specificare anche il nome del dominio (DOMINIO\Nomeutente o
[email protected]).
In Linux
Non è necessario specificare le credenziali del piano di backup. In Linux, i piani di backup vengono
sempre eseguiti con l'account utente root.
Credenziali dell'attività
Come per un piano di backup, ogni attività viene eseguita per conto di un utente.
In Windows
Durante la creazione di un'attività è possibile specificare in modo esplicito un account per
l'esecuzione dell'attività. La scelta dipende dalla selezione della modalità di avvio manuale o
dell'esecuzione in base una pianificazione dell'attività.

37
Avvio manuale
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Ogni volta che verrà avviata manualmente, l'attività sarà eseguita con le credenziali con cui
l'utente ha effettuato l'accesso. L'attività può essere avviata anche da qualsiasi altro utente che
disponga di privilegi di amministratore sulla macchina. In questo caso l'attività verrà eseguita con
le credenziali dell'utente in questione.
Se si specificano esplicitamente le credenziali dell'attività, questa verrà sempre eseguita con le
stesse credenziali, indipendentemente dall'utente che l'ha effettivamente avviata.

Avvio pianificato o posticipato
Le credenziali dell'attività sono obbligatorie. Non è possibile completare la creazione dell'attività
fino a quando vengono specificate le relative credenziali. Le credenziali dell'attività vengono
specificate nella pagina di creazione dell'attività in modo simile a come vengono specificate le
credenziali del piano.
In Linux
Non è necessario specificare le credenziali dell'attività. In Linux, le attività vengono sempre eseguite
con l'account utente root.
3.3
Privilegi utente in una macchina gestita
Windows
Quando si gestisce una macchina in cui è in esecuzione Windows, l'ambito dei diritti di gestione di un
utente dipende dai privilegi di cui dispone sulla macchina.
Utenti normali
Un utente normale, ad esempio un membro del gruppo Users, dispone dei seguenti diritti di
amministrazione:

Esecuzione di backup e ripristino a livello di file per i file a cui è autorizzato ad accedere, ma
senza snapshot di backup a livello di file (p. 125).



Creazione di attività e piani di backup e loro gestione.
Visualizzazione, ma non gestione, di attività e piani di backup creati da altri utenti.
Visualizzazione del registro eventi locale.
Backup operators
Un utente membro del gruppo Backup Operators dispone anche del seguente diritto di gestione:

Backup e ripristino dell'intera macchina o di qualsiasi parte dei dati che essa contiene, con o
senza istantanea del disco. L'utilizzo di un provider di snapshot dell'hardware potrebbe
comunque richiedere privilegi di amministrazione.
Amministratori
Un utente membro del gruppo Administrators dispone anche del seguente diritto di gestione:

Visualizzare e gestire attività e piani di backup di proprietà di altri utenti nella macchina.
Linux
Quando si gestisce una macchina in cui è in esecuzione Linux, l'utente ha oppure ottiene privilegi
root, e può pertanto:

38
Eseguire il backup e il ripristino di tutti i dati o dell'intera macchina, con un controllo completo su
tutte le operazioni dell'agente Acronis Backup e sui file di registro della macchina.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Gestire attività e piani di backup locali di proprietà di qualsiasi utente registrato nel sistema
operativo.
Per evitare di accedere sempre al sistema come utente root, è possibile effettuare l'accesso con le
credenziali di utente normale e passare a quelle di utente root quando è necessario.
3.4
Elenco dei servizi Acronis
Durante l'installazione, Acronis Backup crea diversi servizi.

Servizi principali presenti nei componenti principali di Acronis Backup: agente, server di gestione,
nodo di archiviazione.


I servizi ausiliari abilitano alcune funzionalità dei componenti principali.
I servizi comuni assistono più componenti di Acronis Backup e di altri prodotti Acronis.
Servizi dei componenti di Acronis Backup
Un servizio principale può essere eseguito da un account dedicato o da un account specificato
durante l'installazione. Ad entrambi i tipi di account vengono forniti i privilegi necessari per il
funzionamento del servizio. I privilegi includono una serie di diritti utente, l'appartenenza ai gruppi di
protezione e le autorizzazioni Controllo completo per le rispettive chiavi di registro nella seguente
chiave: HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Acronis. Non vengono concesse autorizzazioni per le
altre chiavi di registro.
La seguente tabella elenca i servizi dei componenti di Acronis Backup i privilegi dei rispettivi account.
Nome del
servizio
Scopo
Account
utilizzato dal
servizio
Privilegi aggiunti all'account
Diritti utente
Appartenenza ai
gruppi
Autorizzazioni per le
chiavi di registro
Servizi degli agenti di Acronis Backup
Acronis
Backup e
Acronis Agent
Managed
ripristino dei dati User (nuovo
Machine Service sulla macchina
account) o
account
(servizio
specificato
principale)
dall'utente
Accesso come
servizio
Operatori di
backup
(per tutti gli
account)
BackupAndRecovery
Crittografia
Regolazione
Globale
limite risorse
memoria per un Administrators MMS
processo
(solo per il nuovo
account)
Sostituzione di
token a livello di
processo
Modifica dei
valori di
ambiente
firmware
Acronis VSS
Provider
Utilizzo di un
provider Copia
Shadow del
(servizio
volume (VSS) (p.
ausiliario; creato
137) fornito con
solo per l'Agente
Acronis Backup
per Windows in
un sistema
operativo
Windows Server)
39
Sistema locale
Nessun privilegio aggiuntivo
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Nome del
servizio
Acronis
Removable
Storage
Management
Service
(servizio
ausiliario)
Scopo
Gestione di
periferiche a
nastro collegato
localmente. Può
essere utilizzato
anche dal
servizio Storage
Node Service.
Account
utilizzato dal
servizio
Privilegi aggiunti all'account
Diritti utente
Appartenenza ai
gruppi
Autorizzazioni per le
chiavi di registro
Nessun privilegio aggiuntivo
Sistema locale
Servizi per Acronis Backup Management Server:
Acronis
Management
Server Service
(servizio
principale)
Gestione
centrale delle
operazioni di
backup su più
macchine
Utente AMS
(nuovo
account) o
account
specificato
dall'utente
Accesso come
servizio
Esecuzione di un Sistema locale
Microsoft SQL
Server installato
(servizio
con il server di
ausiliario; creato
gestione
solo se è
facoltativamente
installato un
nuovo server
SQL)
(servizio
ausiliario)
AMS
BackupAndRecovery
Nessun privilegio aggiuntivo
SQL Server
(ACRONIS)
Acronis Web
Server Service
Acronis
Centralized
Admins
Uguale al Acronis Management Server Service
Hosting della
pagina Web del
server di
gestione
Servizi per Acronis Backup Storage Node
Acronis Storage
Node Service
(servizio
principale)
Acronis
Removable
Storage
Management
Service
(servizio
ausiliario)
40
Gestione e
deduplicazione
degli archivi di
backup,
conservazione
del catalogo dati
centralizzato
Utente ASN
(nuovo
account) o
account
specificato
dall'utente
Gestione di
Sistema locale
periferiche a
nastro collegato
localmente. Può
essere utilizzato
anche dal
servizio
Managed
Machine Service.
Accesso come
servizio
Operatori di
backup
(per tutti gli
account)
ASN
BackupAndRecovery
Crittografia
Administrators
(solo per il nuovo
account)
Nessun privilegio aggiuntivo
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Servizi comuni
I seguenti servizi possono essere utilizzati da più componenti di Acronis Backup e di altri prodotti
Acronis. I servizi vengono sempre eseguiti da un account di sistema. All'account non vengono forniti
privilegi aggiuntivi.
Nome del
servizio
Scopo
Account utilizzato dal servizio
Servizi per Acronis PXE Server
Acronis PXE
Server Service
Avvio delle macchine dai componenti di avvio Acronis in rete
Sistema locale
Acronis File
Server Service
Fornitura di componenti di avvio per Acronis PXE Server
Sistema locale
Servizi di accesso remoto e pianificazione
Acronis Remote
Agent Service
Fornitura della connettività tra i componenti Acronis
Sistema locale
(Windows Vista e versioni
successive)
o
NetworkService
(versioni precedenti a Windows
Vista)
Acronis
Scheduler2
Service
Fornitura della pianificazione per le attività eseguite dai
componenti Acronis
Sistema locale
Dipendenze da altri servizi
I servizi principali dipendono da Acronis Scheduler2 Service e dai seguenti servizi Windows standard:
Remote Procedure Call (RPC) e Protected Storage. Acronis Managed Machine Service e Acronis
Storage Node Service dipendono anche dal servizio standard Windows Management
Instrumentation.
Per visualizzare l'elenco di dipendenze di un servizio, eseguire le seguenti operazioni:
1. Nello snap-in Servizi fare doppio clic sul nome del servizio.
2. Nella scheda Dipendenze esaminare il campo Questo servizio dipende….
3.5
Backup completi, incrementali e differenziali
Acronis Backup consente di utilizzare i più diffusi schemi di backup, ad esempio Nonno-Padre-Figlio
(GFS, Grandfather-Father-Son) e Torre di Hanoi, e di creare schemi personalizzati. Tutti gli schemi di
backup sono basati sui metodi di backup completi, incrementali e differenziali. Il termine "schema"
denota l'algoritmo di applicazione di tali metodi più l'algoritmo di pulizia degli archivi.
Non ha molto senso confrontare tra loro i diversi metodi di backup, perché in uno schema di backup
tutti i metodi funzionano come un team. Ciascuno può svolgere un ruolo specifico, a seconda dei
vantaggi che presenta. Uno schema di backup creato con competenza consente di usufruire dei
vantaggi di tutti i metodi di backup e limitare l'influenza delle rispettive carenze. Ad esempio, il
backup differenziale settimanale semplifica la pulizia degli archivi perché può essere facilmente
eliminato contemporaneamente all'insieme di backup incrementali giornalieri che da esso
dipendono.
41
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Eseguendo il backup con i diversi metodi: completo, incrementale o differenziale, si ottiene un
backup (p. 446) del tipo corrispondente.
Backup completo
In un backup completo vengono memorizzati tutti i dati selezionati per il backup. Un backup
completo è alla base di tutti gli archivi e dei backup incrementali e differenziali. Un archivio può
contenere più backup completi o essere costituito solo da backup completi. Un backup completo è
autosufficiente: consente di ripristinare i dati senza dover accedere ad altri backup.
È opinione comune che un backup completo sia il più lento da eseguire ma il più veloce da
ripristinare, ma con le tecnologie Acronis il ripristino da un backup incrementale può essere
altrettanto rapido.
Il backup completo è utile soprattutto nei casi in cui:


è necessario riportare il sistema allo stato iniziale
tale stato iniziale non cambia frequentemente, pertanto non occorre eseguire backup
regolarmente.
Esempio: un Internet cafè, una scuola o un laboratorio universitario in cui spesso l'amministratore
annulla le modifiche effettuate dagli studenti o dagli ospiti, aggiornando, però, il backup di
riferimento solo di rado (di fatto solo dopo aver installato aggiornamenti software). In questo caso il
tempo di backup non è cruciale e il tempo necessario per il ripristino dei sistemi dal backup completo
sarà minimo. Per un'affidabilità ancora maggiore, l'amministratore può avere diverse copie del
backup completo.
Backup incrementale
In un backup incrementale vengono memorizzate le modifiche apportate ai dati rispetto all'ultimo
backup. Per ripristinare i dati da un backup incrementale occorre accedere agli altri backup dello
stesso archivio.
Il backup incrementale è utile soprattutto nei casi in cui:


è richiesta la possibilità di riportare il sistema a uno di più stati salvati
le modifiche ai dati sono tendenzialmente piccole rispetto al volume totale dei dati.
È opinione comune che i backup incrementali siano meno affidabili di quelli completi, perché
l'eventuale danneggiamento di uno dei backup della "catena" rende inutilizzabili anche i successivi.
Memorizzare più backup completi non è tuttavia un'opzione praticabile quando occorrono diverse
versioni precedenti dei dati, perché l'affidabilità di un archivio molto voluminoso è ancora più
opinabile.
Esempio: Backup di un registro delle transazioni del database.
Backup differenziale
In un backup differenziale vengono memorizzate le modifiche apportate ai dati rispetto all'ultimo
backup completo. È necessario accedere al backup completo corrispondente per ripristinare i dati da
un backup differenziale. Il backup completo è utile soprattutto nei casi in cui:


si è interessati a salvare solo lo stato più recente dei dati
le modifiche ai dati sono tendenzialmente piccole rispetto al volume totale dei dati.
La conclusione che tipicamente si trae è: "i backup differenziali richiedono più tempo per essere
eseguiti e sono più rapidi da ripristinare, mentre quelli incrementali sono più rapidi da eseguire e più
lenti da ripristinare". Di fatto non c'è una differenza fisica tra un backup incrementale aggiunto a un
42
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
backup completo e un backup differenziale aggiunto allo stesso backup completo nello stesso
momento. La differenza sopra citata implica la creazione di un backup differenziale dopo (o invece
della) creazione di più backup incrementali.
Un backup incrementale o differenziale creato successivamente alla deframmentazione di un disco può essere
notevolmente più voluminoso del normale, perché la deframmentazione modifica la posizione dei file nel disco e
il backup riflette tali cambiamenti. Dopo aver eseguito la deframmentazione del disco è quindi consigliabile
ricreare un backup completo.
Nella tabella che segue sono riepilogati i vantaggi e gli svantaggi comunemente attribuiti a ciascun
tipo di backup. In realtà questi parametri dipendono da numerosi fattori tra cui, ad esempio la
quantità, la velocità e lo schema delle modifiche ai dati; la natura dei dati, le specifiche fisiche dei
dispositivi, le opzioni di backup/ripristino impostate. La capacità di scegliere lo schema di backup
ottimale si acquista soprattutto con la pratica.
Parametro
Backup completo
Backup differenziale
Backup incrementale
Spazio di archiviazione
Massimo
Medio
Minimo
Data di creazione
Massimo
Medio
Minimo
Tempo di ripristino
Minimo
Medio
Massimo
3.6
Quali informazioni vengono memorizzate dal backup
di un disco o un volume?
Un backup di disco o di volume archivia il file system di un disco o di un volume come unità intera e
include tutte le informazioni necessarie per l'avvio del sistema operativo. Da questi backup è
possibile ripristinare interi dischi o volumi, come pure singole cartelle o file.
Windows
Un backup del volume archivia tutti i file e le cartelle del volume selezionato, indipendentemente
dai relativi attributi (inclusi file nascosti e di sistema), il record di avvio, l'eventuale tabella di
allocazione file (FAT), la radice e la traccia zero del disco rigido con il record di avvio principale
(MBR).
Il backup di un disco archivia tutti i volumi del disco selezionato (inclusi volumi nascosti, ad
esempio partizioni di manutenzione del fornitore) e la traccia zero con il record di avvio
principale.
I seguenti elementi non sono inclusi nel backup di un disco o di un volume (oltre che in un
backup a livello di file):

Il file di scambio (pagefile.sys) e il file che include il contenuto della RAM quando la macchina
va in ibernazione (hiberfil.sys). Dopo il ripristino, i file verranno creati nuovamente nella
posizione appropriata con dimensione zero.

Archiviazione shadow di Windows. Il percorso è stabilito nel valore di registro VSS Default
Provider presente all'interno della chiave di registro
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\BackupRestore\FilesNotToBa
ckup. Ciò significa che nei sistemi operativi a partire da Windows Vista, non viene eseguito il
backup dei punti di ripristino di Windows.
Linux
Un backup del volume archivia tutti i file e le directory del volume selezionato,
indipendentemente dai relativi attributi, un record di avvio e il superblocco del file system.
43
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Il backup di un disco archivia tutti i volumi del disco e la traccia zero con il record di avvio
principale.
Con l'opzione settore per settore (modalità raw) abilitata, un backup di disco archivia tutti i settori
del disco. È possibile utilizzare il backup settore per settore per eseguire il backup di dischi con file
system non riconosciuti o non supportati e altri formati di dati proprietari.
3.7
3.7.1
Informazioni su volumi dinamici e logici
Backup e ripristino di volumi dinamici (Windows)
Questa sezione spiega brevemente come eseguire il backup e il ripristino di volumi dinamici (p. 457)
con Acronis Backup.
Un volume dinamico è un volume situato su dischi dinamici (p. 449) o, più esattamente, su un gruppo
di dischi (p. 451). Acronis Backup supporta i seguenti tipi di volumi dinamici o livelli RAID:





semplice/con spanning
con striping (RAID 0)
con mirroring (RAID 1)
un mirror di stripe (RAID 0+1)
RAID -5.
Backup di volumi dinamici (Windows)
Il backup di volumi dinamici viene eseguito come per i volumi di base. Quando si crea un piano di
backup attraverso la GUI, tutti i tipi di volumi sono disponibili per essere selezionati come elementi
di cui eseguire il backup. Se si utilizza la riga di comando, specificare i volumi dinamici con il prefisso
DYN.
Esempi di riga di comando
acrocmd backup disk --volume=DYN1,DYN2 --loc=\\srv1\backups
--credentials=netuser1,pass1 --arc=dyn1_2_arc
Questo eseguirà il backup dei volumi DYN1 e DYN2 in una cartella condivisa di rete.
acrocmd backup disk --volume=DYN --loc=\\srv1\backups --credentials=netuser1,pass1
--arc=alldyn_arc
Questo eseguirà il backup di tutti i volumi dinamici della macchina locale in una cartella di rete
condivisa.
Ripristino di volumi dinamici
Un volume dinamico può essere ripristinato:




Su qualsiasi tipo di volume esistente.
Nello spazio non allocato di un gruppo di dischi.
Nello spazio non allocato di un disco di base.
In un disco non inizializzato.
Ripristino su un volume esistente
Quando un volume dinamico viene ripristinato su un volume esistente, di base o dinamico, i dati
del volume di destinazione vengono sovrascritti dal contenuto del backup. Il tipo del volume di
destinazione (di base, semplice/con spanning, con striping, con mirroring, RAID 0+1, RAID -5) non
44
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
verrà modificato. Le dimensioni del volume di destinazione devono essere sufficienti ad
accogliere il contenuto del backup.
Ripristino nello spazio non allocato di un gruppo di dischi
Quando viene eseguito il ripristino di un volume dinamico nello spazio non allocato di un gruppo
di dischi, il software conserva il tipo e le dimensioni originali del volume. Se la configurazione del
gruppo di dischi non consente di utilizzare il tipo di volume originale, il volume verrà ripristinato
come volume semplice o con spanning. Se questo volume non è adatto alle dimensioni dello
spazio non allocato, il volume verrà ridimensionato riducendo lo spazio disponibile.
Esempi di quando la configurazione di un gruppo di dischi non consente di utilizzare il tipo di
volume originale
Esempio 1. Il gruppo contiene meno dischi di quanti sono necessari per il volume dinamico. Si
supponga di voler ripristinare un volume RAID-5 da 80 GB che occupava tre dischi in un gruppo di
dischi composto da due dischi. Le dimensioni totali dello spazio non allocato sono 100 GB: 40 GB
sul primo disco e 60 GB sul secondo. Il volume RAID-5 verrà ripristinato come volume con
spanning su due dischi.
Esempio 2. La distribuzione dello spazio non allocato non consente il ripristino di alcuni tipi di
volumi dinamici. Si supponga di voler ripristinare un volume con striping da 30 GB in un gruppo
composto da due dischi. Le dimensioni totali dello spazio non allocato sono 50 GB: 10 GB sul
primo disco e 40 GB sul secondo. Il volume con striping verrà ripristinato come semplice sul
secondo disco.
Ripristino in un disco non inizializzato
In questo caso, il disco di destinazione verrà inizializzato automaticamente nello stile di
partizionamento MBR. I volumi dinamici verranno ripristinati come volumi di base. Se i volumi
non si adattano allo spazio non allocato, verranno ridimensionati proporzionalmente (riducendo
lo spazio disponibile).
La tabella seguente mostra i tipi di volume risultanti a seconda dell'origine del backup e della
destinazione del ripristino.
Backup (origine):
Ripristinato in:
Volume dinamico
Volume di base
Volume dinamico
Volume dinamico
Stesso tipo del volume di
destinazione
Volume dinamico
Stesso tipo del volume di
destinazione
Spazio non allocato (gruppo di dischi)
Volume dinamico
Stesso tipo del volume di
destinazione
Volume di base
Volume dinamico
Semplice
Volume di base o spazio non allocato
su un disco di base
Volume di base
Spostamento e ridimensionamento dei volumi durante il ripristino
È possibile ridimensionare manualmente il volume di base risultante durante il ripristino o
modificare la posizione del volume nel disco. Non è possibile spostare o ridimensionare
manualmente un volume dinamico risultante.
Preparazione di gruppi di dischi e volumi
Prima di ripristinare volumi dinamici da zero è necessario creare un gruppo di dischi nell'hardware di
destinazione.
45
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Può inoltre essere opportuno creare o aumentare lo spazio non allocato in un gruppo di dischi
esistente. A questo scopo è possibile eliminare volumi o convertire dischi di base in dinamici.
Se si desidera modificare il tipo del volume di destinazione (di base, semplice/con spanning, con
striping, con mirroring, RAID 0+1, RAID 5), È possibile eseguire questa operazione eliminando il
volume di destinazione e creando un nuovo volume nello spazio non allocato risultante.
Acronis Backup include una pratica utilità per la gestione dei dischi che consente di eseguire queste
operazioni sia nel sistema operativo che da zero. Per ulteriori informazioni su Acronis Disk Director
Lite, consultare la sezione relativa alla Gestione disco (p. 290).
3.7.2
Backup e ripristino di volumi logici e periferiche MD (Linux)
Questa sezione spiega come eseguire il backup e il ripristino di volumi gestiti da Linux Logical Volume
Manager (LVM), chiamati volumi logici, e di periferiche con più dischi (MD), chiamate Linux Software
RAID.
Per ulteriori informazioni su LVM, visitare http://tldp.org/HOWTO/LVM-HOWTO/ o
http://www.centos.org/docs/5/html/5.1/Deployment_Guide/ch-lvm.html.
3.7.2.1
Backup di volumi logici
Acronis Backup Agent for Linux consente di accedere ai volumi logici e di effettuarne il backup e il
ripristino se eseguito in Linux a partire dal kernel 2.6.x o su un supporto di avvio basato su Linux.
Backup
Nella GUI di Acronis Backup, i volumi logici vengono visualizzati in Volumi dinamici al termine
dell'elenco dei volumi disponibili per il backup. Se si selezionano i volumi logici per il backup, la
struttura del volume logico verrà salvata nel backup assieme al contenuto del volume. Questa
struttura può essere ricreata automaticamente quando si ripristinano questi volumi in un supporto di
avvio basato su Linux.
Per eseguire il backup di tutti i dischi disponibili, specificare tutti i volumi logici oltre ai volumi di base
che non ne fanno parte. Questa è la scelta predefinita quando viene aperta la pagina Crea piano di
backup.
I volumi di base inclusi nei volumi logici sono visualizzati nell'elenco con l'indicazione Nessuno nella
colonna File system. Se sono stati selezionati questi volumi, il programma eseguirà il loro backup
settore per settore. Normalmente ciò non occorre.
Ripristina
Quando vengono ripristinati volumi logici, sono disponibili due opzioni:

Ripristino solo del contenuto del volume. Il tipo e le altre proprietà del volume di destinazione
non vengono modificati.
Questa opzione è disponibile sia dal sistema operativo che dal supporto di avvio.
Questa opzione è utile nei seguenti casi:


Quando alcuni dati nel volume vanno perduti, ma non viene sostituito nessuno disco rigido.
Quando viene effettuato il ripristino di un volume logico su un disco o volume di base. In
questo caso è possibile ridimensionare il volume risultante.
Un sistema ripristinato dal backup di un volume logico in un disco di base non può avviarsi perché il
kernel tenta di montare il file system radice nel volume logico. Per avviare il sistema, modificare la
46
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
configurazione del caricatore e /etc/fstab, in modo che non venga usato il LVM e riattivare il caricatore
di avvio (p. 168).

Quando un volume di base o logico viene ripristinato su un volume logico già esistente.
Se la partizione di avvio (/boot) si trovava su un volume di base, si raccomanda di ripristinarla su un
volume di base, anche nel caso in cui si utilizzi un caricatore d'avvio che supporta l'avvio da volumi
logici.

Ripristino sia della struttura dei volumi logici che del loro contenuto.
Questo avviene quando viene eseguito un ripristino bare metal o su un computer con una
struttura dei volumi diversa. La struttura dei volumi logici può essere creata automaticamente al
momento del ripristino (p. 49).
Questa opzione è disponibile solo con il supporto di avvio.
Per istruzioni dettagliate sul ripristino di volumi logici, vedere Ripristino di periferiche MD e volumi
logici (p. 48).
3.7.2.2
Backup di periferiche MD
Le periferiche MD, note come RAID software Linux, combinano diversi volumi e creano periferiche a
blocchi solidi (/dev/md0, /dev/md1, ..., /dev/md31). Le informazioni sulle periferiche MD sono
archiviate in /etc/raidtab o in aree dedicate di tali volumi.
Il backup delle periferiche MD attive (montate) può essere eseguito come per i volumi logici. Le
periferiche MD vengono visualizzate al termine dell'elenco dei volumi disponibili per il backup. Se si
selezionano periferiche MD per il backup, verrà eseguito il backup della struttura delle periferiche
MD assieme al suo contenuto.
Non ha senso eseguire il backup dei volumi contenuti nelle periferiche MD quando una periferica MD
è montata, perché non sarà possibile ripristinarli.
Quando viene eseguito il ripristino di periferiche MD dal supporto di avvio, la struttura delle
periferiche MD può essere ricreata automaticamente. Per informazioni dettagliate sul ripristino di
periferiche MD dal supporto di avvio, consultare Ripristino di periferiche MD e volumi logici (p. 48).
Per informazioni sull'assemblaggio di periferiche MD durante il ripristino in Linux, consultare
Assemblaggio di periferiche MD per il ripristino (Linux) (p. 47).
3.7.2.3
Backup di array RAID hardware (Linux)
Gli array RAID hardware in Linux combinano diverse unità fisiche per creare un unico disco
partizionabile. Lo speciale file correlato a un array RAID hardware è solitamente situato in
/dev/ataraid. Il backup di array RAID hardware può essere eseguito con le stesse modalità utilizzate
per i normali dischi rigidi.
Le unità fisiche che fanno parte di array RAID hardware sono elencate insieme agli altri dischi, come
se avessero una tabella delle partizioni danneggiata o non ne avessero affatto. Non ha senso eseguire
il backup di questi dischi, perché non sarà possibile ripristinarli.
3.7.2.4
Assemblaggio di periferiche MD per il ripristino (Linux)
In Linux, quando viene eseguito il ripristino da un backup del disco in una periferica MD esistente
(chiamata anche Linux Software RAID), assicurarsi che tale periferica sia assemblata al momento del
ripristino.
47
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Se la periferica non è assemblata, eseguire questa operazione utilizzando l'utilità mdadm. Qui sono
presenti due esempi:
Esempio 1. Il seguente comando assembla la periferica /dev/md0 combinata dai volumi /dev/sdb1 e
/dev/sdc1:
mdadm --assemble /dev/md0 -ayes /dev/sdb1 /sdc1
Esempio 2. Il seguente comando assembla la periferica /dev/md0 combinata dai dischi /dev/sdb e
/dev/sdc:
mdadm --assemble /dev/md0 -ayes /dev/sdb /dev/sdc
Se il ripristino richiede il riavvio del computer (di solito, quando i volumi da ripristinare includono la
partizione di avvio), seguire queste indicazioni:

Se tutte le parti della periferica MD sono volumi (un caso tipico, come nel primo esempio),
assicurarsi che ogni tipo di volume, chiamato tipo di partizione o ID del sistema, sia Linux raid
automount; il codice esadecimale di questo tipo di partizione è 0xFD. Ciò garantisce che la
periferica verrà assemblata automaticamente dopo il riavvio. Per visualizzare o modificare il tipo
di partizione, utilizzare un'utilità di partizionamento del disco come fdisk.

Altrimenti (come nel secondo esempio), eseguire il ripristino dal supporto di avvio. In questo
caso il riavvio non sarà necessario. Nel supporto di avvio, potrebbe essere necessario creare la
periferica MD manualmente o automaticamente, come descritto in Ripristino di periferiche MD e
volumi logici (p. 48).
3.7.2.5
Ripristino di periferiche MD e volumi logici
Il ripristino di periferiche MD e/o di volumi creati da Logical Volume Manager (volumi logici)
presuppone che venga ricreata la struttura del volume corrispondente.
Nei supporti di avvio basati su Linux, l'utente può scegliere di ricreare automaticamente la struttura
dei volumi (p. 49).
Questa funzionalità è destinata principalmente al ripristino "bare metal" (senza sistema operativo)
completo di una macchina. Il software esegue il backup dell'intera struttura del volume logico e lo
ricrea, anche se non viene eseguito il backup o il ripristino di tutte le periferiche MD e i volumi logici.
Pertanto, è necessario disporre di un numero di dischi pari almeno alla struttura del volume originale
utilizzata.
Non tentare di ricreare automaticamente la struttura del volume in nessuno dei casi seguenti:

La macchina contiene dati che è necessario preservare. Il software eliminerà definitivamente
tutti i dati presenti nei dischi sui quali ricrea la struttura del volume.

La macchina contiene un numero di dischi fisici inferiore rispetto alla struttura del volume
originale utilizzata. Il software non potrà ricreare la struttura del volume, anche nel caso in cui la
capacità dei dischi fisici fosse sufficiente a contenere tutti i dati di cui si esegue il ripristino.

Il backup non contiene le informazioni sulla struttura del volume. Tali informazioni potrebbero
non essere presenti nei backup creati da Acronis Backup & Recovery 10, poiché il loro salvataggio
è facoltativo.
In questi casi, creare manualmente la struttura del volume (p. 49) prima del ripristino. A tale scopo, è
possibile utilizzare le utilità mdadm e lvm sia nei supporti di avvio basati su Linux, sia su Linux.
48
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Creazione automatica della struttura del volume
Utilizzare la seguente procedura per ricreare automaticamente la struttura del volume logico su una
macchina.
Attenzione come risultato della seguente procedura, l'attuale struttura del volume del computer verrà
sostituita con quella presente nel backup. In questo modo, i dati attualmente archiviati in uno o in tutti i dischi
rigidi del computer verranno eliminati definitivamente.
Configurazione del disco modificata. Su uno o più dischi è presente una periferica MD o un volume
logico. Se si sostituisce uno di tali dischi tra le operazioni di backup e di ripristino (o se si ripristinano i
volumi in una macchina diversa), verificare che nella nuova configurazione del disco sia presente un
numero di dischi pari a quelli presenti nella struttura del volume originale. La capacità di tali dischi
deve essere sufficiente a contenere tutti i dati di cui si esegue il ripristino.
Per creare la struttura del volume automaticamente
1. Avviare la macchina da un supporto di avvio basato su Linux.
2. Selezionare Acronis Bootable Agent. Quindi, fare clic su Esegui console di gestione.
3. Nella console di gestione, fare clic su Ripristina.
Sotto il contenuto dell'archivio, in Acronis Backup verrà visualizzato un messaggio in cui viene
indicato che sono state rilevate informazioni sulla struttura del volume.
4. Fare clic su Dettagli nell'area che contiene il messaggio.
5. Rivedere la struttura del volume, quindi fare clic su Applica RAID/LVM per crearla.
Creazione manuale della struttura del volume
Di seguito viene fornita una procedura generale per il ripristino di periferiche MD e volumi logici con
l'utilizzo di un supporto di avvio basato su Linux, oltre a un esempio di tale ripristino. È possibile
utilizzare una procedura simile in Linux.
Per creare la struttura del volume manualmente
1. Avviare il computer da un supporto di avvio basato su Linux.
2. Fare clic su Acronis Backup. Quindi fare clic su Esegui console di gestione.
3. Sulla barra degli strumenti fare clic su Azioni, quindi su Avvia shell. In alternativa è possibile
premere CTRL+ALT+F2.
4. Se necessario, esaminare la struttura dei volumi memorizzati nell'archivio facendo ricorso
all'utilità acrocmd . È inoltre possibile utilizzare questa utilità per montare uno o più di questi
volumi come se si trattasse di volumi consueti (vedere "Montaggio di volumi di backup" nella
parte successiva di questo argomento).
5. Creare la struttura dei volumi secondo quella dell'archivio usando l'utilità mdadm (per le
periferiche MD), l'utilità lvm (per i volumi logici) o entrambe.
Nota: Le utilità di Logical Volume Manager come pvcreate e vgcreate, normalmente disponibili in Linux,
non sono incluse nell'ambiente del supporto di avvio, pertanto è necessario utilizzare l'utilità lvm con un
comando corrispondente. Ad esempio: lvm pvcreate, lvm vgcreate e lvm lvcreate.
6. Se in precedenza il backup è stato montato con l'utilità acrocmd, utilizzare la stessa utilità per
smontare il backup (vedere "Montaggio di volumi di backup" nella parte successiva di questo
argomento).
7. Tornare alla console di gestione premendo ALT+F1.
(Non riavviare il computer a questo punto, altrimenti sarà necessario creare nuovamente la
struttura del volume).
49
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
8. Fare clic su Ripristina, quindi specificare il percorso dell'archivio e tutti gli altri parametri richiesti,
infine selezionare OK.
Nota: Questa procedura non funzionerà in caso di connessione remota ad Acronis Backup Bootable Agent,
perché la shell dei comandi non è disponibile in questo caso.
Esempio
Si supponga di aver eseguito in precedenza un backup a livello del disco di un computer con la
seguente configurazione del disco:

La macchina ha due dischi da 1 gigabyte e due dischi rigidi SCSI da 2 gigabyte, montati
rispettivamente su /dev/sda, /dev/sdb, /dev/sdc e /dev/sdd.

La prima e la seconda coppia di dischi rigidi sono configurate come due periferiche MD,
entrambe nella configurazione RAID 1, e sono montate rispettivamente su /dev/md0 e
/dev/md1.

Un volume logico è basato sulle due periferiche MD ed è montato su
/dev/my_volgroup/my_logvol.
La figura seguente illustra la configurazione.
Per ripristinare i dati da questo archivio procedere nel modo seguente.
Passo 1: Creazione della struttura del volume
1. Avviare il computer da un supporto di avvio basato su Linux.
2. Nella console di gestione, premere CTRL+ALT+F2.
3. Eseguire i comandi seguenti per creare le periferiche MD:
mdadm --create /dev/md0 --level=1 --raid-devices=2 /dev/sd[ab]
mdadm --create /dev/md1 --level=1 --raid-devices=2 /dev/sd[cd]
4. Eseguire i comandi seguenti per creare il gruppo di volumi logici:
Attenzione: Il comando pvcreate distrugge tutti i dati nelle periferiche /dev/md0 e /dev/md1.
lvm pvcreate /dev/md0 /dev/md1
lvm vgcreate my_volgroup /dev/md0 /dev/md1
lvm vgdisplay
L'output del comando lvm vgdisplay conterrà delle righe simili alle seguenti:
50
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
--- Volume group --VG Name
my_volgroup
...
VG Access
read/write
VG Status
resizable
...
VG Size
1.99 GB
...
VG UUID
0qoQ4l-Vk7W-yDG3-uF1l-Q2AL-C0z0-vMeACu
5. Eseguire il comando seguente per creare il volume logico; nel parametro -L specificare la
dimensione indicata da VG Size:
lvm lvcreate -L1.99G --name my_logvol my_volgroup
6. Attivare il gruppo di volumi eseguendo il comando seguente:
lvm vgchange -a y my_volgroup
7. Premere ALT+F1 per tornare alla console di comando.
Passo 2: Avvio del ripristino
1. Nella console di gestione fare clic su Ripristina.
2. In Archivio, fare clic su Modifica e specificare il nome dell'archivio.
3. In Backup, fare clic su Modifica, quindi selezionare il backup dal quale si desidera ripristinare i
dati.
4. In Tipo di dati selezionare Volumi.
5. In Elementi da ripristinare, selezionare la casella accanto a my_volgroup-my_logvol.
6. In Dove ripristinare, fare clic su Modifica, quindi selezionare il volume logico creato nella fase 1.
Fare clic sulle frecce per espandere l'elenco di dischi.
7. Fare clic su OK per iniziare il ripristino.
Per un elenco completo di comandi e utilità utilizzabili nell'ambiente del supporto di avvio,
consultare Elenco di comandi e utilità disponibili nei supporti di avvio basati su Linux (p. 285). Per una
descrizione dettagliata dell'utilità acrocmd, vedere il riferimento della riga di comando di Acronis
Backup.
Montaggio di volumi di backup
Se lo si desidera, è possibile montare un volume archiviato in un backup del disco, ad esempio, per
visualizzare i file contenuti prima di avviare il ripristino.
Per montare un volume di backup
1. Utilizzare il comando acrocmd list content per elencare i dischi e i volumi archiviati nel
backup. Per esempio, il seguente comando elenca il contenuto dell'ultimo backup dell'archivio
linux_machine:
acrocmd list content --loc=\\server\backups --credentials=user,MyPassWd
--arc=linux_machine
L'output conterrà righe simili alle seguenti:
51
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
type: disk
Num
----------Dyn1
Dyn2
Disk 1
1-1
1-2
1-3
Disk 2
2-1
2-2
Disk 3
Disk 4
4-1
4-2
Partition
-------------------my_volgroup-my_lo...
md0
sda
sda1
sda2
sda3
sdb
sdb1
sdb2
sdc
sdd
sdd1
sdd2
Flags
----------
Act,Pri
Pri
Pri
Pri
Pri
Pri
Pri
Size
----------
Type
-------------
4 GB
2.007
16 GB
203.9
11.72
1.004
8 GB
2.007
2.007
1 GB
8 GB
2.007
2.007
Ext 3
Ext 2
DT_FIXED
Ext 2
Reiser
Linux swap
DT_FIXED
Ext 2
None
DT_FIXED
DT_FIXED
Ext 2
None
GB
MB
GB
GB
GB
GB
GB
GB
GUID
------
2. Utilizzare il comando acrocmd mount specificando il nome del volume nel
parametro --volume. Ad esempio:
acrocmd mount --loc=\\server\backups --arc=linux_machine --mount_point=/mnt
--volume=DYN1
Questo comando consente di montare il volume logico DYN1 sul punto di montaggio /mnt.
Per smontare un volume di backup
 Utilizzare il comando acrocmd umount, specificando tra i parametri il punto di montaggio del
volume. Ad esempio:
acrocmd umount --mount_point=/mnt
3.8
Supporto dei dischi rigidi con formato avanzato
(settori 4K)
Acronis Backup è in grado di eseguire il backup di dischi con dimensioni del settore di 4 KB (noti come
dischi con formato avanzato) e di dischi tradizionali con dimensioni del settore di 512 byte.
Acronis Backup è in grado di ripristinare i dati da un disco a un altro se entrambi i dischi presentano le
stesse dimensioni logiche del settore (queste sono le dimensioni del settore presentate al sistema
operativo). Acronis Backup allinea i volumi del disco (p. 154) automaticamente se necessario. In
questo modo, l'inizio di un cluster nel file system corrisponde sempre all'inizio di un settore fisico sul
disco.
La funzionalità gestione disco (p. 290) di Acronis Backup non è disponibile per i dischi con dimensioni
del settore logico di 4 KB.
Stabilire le dimensioni del settore logico
In base alle specifiche del disco
Lo sviluppo della tecnologia Formato avanzato è coordinata dall'International Disk Drive Equipment
and Materials Association (IDEMA). Per ulteriori dettagli, consultare
http://www.idema.org/?page_id=2.
In termini di dimensioni del settore logico, IDEMA specifica due tipi di dischi con Formato avanzato:

52
i dischi 512 Byte emulation (512e) hanno dimensioni del settore logico di 512 byte. Questi dischi
sono supportati in Windows a partire da Windows Vista e nelle distribuzioni Linux moderne.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Microsoft e Western Digital utilizzano il termine “Formato avanzato” esclusivamente per questo
tipo di disco.

I dischi 4K native (4Kn) hanno dimensioni del settore logico di 4 KB. I sistemi operativi moderni
possono archiviare i dati su questi dischi, ma di solito non possono eseguire l'avvio da essi. Questi
dischi sono comuni unità esterne con connessione USB.
Eseguendo il comando appropriato
Per scoprire le dimensioni del settore logico di un disco, eseguire le seguenti operazioni.
In Windows:
1. Assicurarsi che il disco contenga un volume NTFS.
2. Eseguire il seguente comando come amministratore, specificando la lettera di unità del
volume NTFS:
fsutil fsinfo ntfsinfo D:
3. Esaminare il valore nella riga Bytes Per Sector. Per esempio, l'output potrebbe essere il
seguente:
Bytes Per Sector : 512
In Linux:
1. Stabilire il nome della periferica del disco, come /dev/sdb.
2. Eseguire il seguente comando come utente root, specificando il nome della periferica:
parted /dev/sdb print
3. Esaminare il primo valore nella riga Sector size (logical/physical). Per esempio, l'output
potrebbe essere il seguente:
Sector size (logical/physical): 512B/4096B
3.9
Supporto per macchine basate su UEFI
Acronis Backup è in grado di eseguire il backup e il ripristino di macchine che utilizzano UEFI (Unified
Extensible Firmware Interface) a 64 bit nello stesso modo in cui esegue il backup e il ripristino delle
macchine che eseguono l'avvio da BIOS.
Ciò si applica sia alle macchine fisiche che alle macchine virtuali, indipendentemente dal fatto che il
backup delle macchine virtuali venga eseguito a livello hypervisor o dall'interno di un sistema
operativo guest.
Il backup e il ripristino di dispositivi che utilizzano UEFI a 32 bit non è supportato.
Limitazioni

I supporti di avvio basati su WinPE di versioni precedenti alla 4.0 e Acronis PXE Server non
supportano l'avvio UEFI.


Acronis Active Restore (p. 444) non è disponibile su macchine UEFI.

Una macchina che esegue Linux non può essere trasferita tra UEFI e BIOS. Per dettagli sul
trasferimento di macchine Windows, consultare "Ripristino di sistemi basati su BIOS in UEFI o
viceversa" (p. 161).
53
Acronis Startup Recovery Manager (ASRM) (p. 444) non è supportato su macchine UEFI che
eseguono Linux. Su macchine UEFI che eseguono Windows, attivare ASRM in Windows anziché
dal supporto di avvio.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
3.10 Supporto per Windows 8 e Windows Server 2012
Questa sezione descrive come Acronis Backup supporta funzionalità che sono state introdotte nei
sistemi operativi Windows 8 e Windows Server 2012.
Le informazioni contenute in questa sezione si applicano anche a Windows 8.1 e Windows Server
2012 R2.
Limitazioni


Acronis Disk Director Lite (p. 290) non è disponibile per Windows 8 e Windows Server 2012.

La funzionalità Windows To Go di Windows 8 non è supportata.
Se sulla macchina sono configurati spazi di archiviazione, è possibile che le operazioni di gestione
disco nel supporto di avvio non funzionino correttamente.
WinPE 4.0 e WinPE 5.0
Acronis Media Builder è in grado di creare supporti di avvio basati su queste versioni dell'Ambiente
preinstallazione di Windows (WinPE).
I supporti di avvio consentono l'utilizzo di nuove funzionalità di Windows 8 e Windows Server 2012
(vedere più avanti in questa sezione) e sono in grado di avviarsi su macchine che utilizzano UEFI
(Unified Extensible Firmware Interface).
Per creare un supporto di avvio basato su queste versioni di WinPE, è necessario Windows ADK
(Windows Assessment and Deployment Kit). Per ulteriori dettagli, vedere la sezione "Supporti di
avvio basati su WinPE" (p. 280).
UEFI Secure Boot
Su una macchina che esegue Windows 8 o Windows Server 2012 e utilizza UEFI, è possibile attivare la
funzionalità Secure Boot di UEFI. La funzionalità Secure Boot consente di assicurarsi che solo i
caricatori d'avvio affidabili possano avviare la macchina.
Utilizzando Acronis Media Builder, è possibile creare un supporto di avvio che include un caricatore
di avvio affidabile. Per eseguire questa operazione, scegliere di creare un supporto basato su Linux a
64 bit o un supporto a 64 bit basato su WinPE 4 o versione successiva.
Resilient File System (ReFS)
In Windows Server 2012, è possibile formattare un volume utilizzando il file system ReFS. Questo file
system fornisce un modo più affidabile di archiviare i dati sul volume rispetto al file system NTFS.
In Windows Server 2012 e con un supporto di avvio basato su WinPE 4 o versione successiva, è
possibile eseguire il backup e il ripristino di un volume ReFS. Il ridimensionamento di un volume ReFS
durante il ripristino non è supportato.
I supporti di avvio basati su Linux e i supporti di avvio basati su una versione di WinPE precedente
alla 4.0 non sono in grado di scrivere i file in un volume ReFS. Pertanto, non è possibile ripristinare i
file in un volume ReFS utilizzando questi supporti, così come non è possibile selezionare un volume
ReFS come destinazione del backup.
Spazi di archiviazione
In Windows 8 e Windows Server 2012, è possibile combinare diversi dischi fisici in un pool di
archiviazione, in cui è possibile creare uno o più dischi logici, chiamati spazi di archiviazione. Come i
dischi comuni, anche gli spazi di archiviazione possono disporre di volumi.
54
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
In Windows 8, in Windows Server 2012 e con un supporto di avvio basato su WinPE 4 o versione
successiva, è possibile eseguire il backup e il ripristino degli spazi di archiviazione. Inoltre, in
Windows Server 2012 e con un supporto di avvio basato su WinPE4 o versione successiva, è possibile
eseguire il ripristino di uno spazio di archiviazione in un disco comune o viceversa.
Il supporto di avvio basato su Linux non riconosce gli spazi di archiviazione ed esegue il backup dei
dischi sottostanti settore per settore. Lo stesso si applica all'Agente per VMware e all'Agente per
Hyper-V. Se si ripristinano tutti i dischi sottostanti nei dischi originali, gli spazi di archiviazione
verranno ricreati.
Deduplicazione dei dati
In Windows Server 2012, è possibile abilitare la funzionalità Deduplicazione dati per un volume NTFS.
La deduplicazione dei dati riduce lo spazio utilizzato sul volume archiviando solo una volta i
frammenti duplicati dei file del volume.
È possibile eseguire il backup e il ripristino di un volume abilitato alla deduplicazione dei dati a livello
del disco, senza limitazioni. Il backup a livello di file è supportato, tranne quando si utilizza Acronis
VSS Provider. Per ripristinare i file da un backup di disco, montare il backup (p. 267) su un computer
che esegue Windows Server 2012, quindi copiare i file dal volume montato.
La funzionalità Deduplicazione dati di Windows Server 2012 non è correlata alla funzionalità
Deduplicazione di Acronis Backup.
3.11 Compatibilità con il software di crittografia
Acronis Backup conserva completamente le sue funzionalità quando interagisce con software di
crittografia a livello di file.
Il software di crittografia a livello del disco esegue la crittografia dei dati al volo. Per questo motivo i
dati all'interno del backup non sono crittografati. Il software di crittografia a livello del disco spesso
modifica le aree di sistema: record di avvio, tabelle di partizione, tabelle di file system. Questi fattori
hanno effetto sul backup e ripristino a livello del disco, sulla possibilità del sistema ripristinato di
avviarsi e di accedere a Acronis Secure Zone.
In alcune condizioni, Acronis Backup è compatibile con il seguente software di crittografia a livello del
disco:



Microsoft BitLocker Drive Encryption
McAfee Endpoint Encryption
PGP Whole Disk Encryption.
Per assicurare un ripristino a livello del disco affidabile, seguire le regole comuni e le
raccomandazioni specifiche per il software.
Regole di installazione comuni
La raccomandazione più importante è di installare il software di crittografia prima di installare
Acronis Backup.
Modalità di utilizzo di Acronis Secure Zone
Acronis Secure Zone non deve essere crittografata con la crittografia a livello del disco. Questo è
l'unico modo per utilizzare Acronis Secure Zone:
1. Installare il software di crittografia; quindi installare Acronis Backup.
55
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
2. Creare Acronis Secure Zone.
3. Escludere Acronis Secure Zone quando si esegue la crittografia del disco o dei suoi volumi.
Regole di backup comuni
È possibile creare un backup a livello del disco nel sistema operativo. Non provare a eseguire il
backup utilizzando il supporto di avvio o Acronis Startup Recovery Manager.
Procedure di ripristino specifiche per il software
Microsoft BitLocker Drive Encryption
Per ripristinare un sistema crittografato da BitLocker:
1.
2.
3.
4.
Avviare dal supporto di avvio.
Ripristinare il sistema. I dati ripristinati saranno non crittografati.
Riavviare il sistema ripristinato.
Attivare BitLocker.
Per ripristinare solo una partizione di un disco con più partizioni, eseguire questa operazione nel
sistema operativo. Il ripristino dal supporto di avvio potrebbe rendere la partizione ripristinata non
rilevata da Windows.
McAfee Endpoint Encryption e PGP Whole Disk Encryption
È possibile eseguire il ripristino della partizione di un sistema crittografato utilizzando solo il supporto
di avvio.
Se il sistema ripristinato non è in grado di eseguire l'avvio, creare nuovamente il record di avvio
principale (MBR) come descritto nel seguente articolo della Acronis Knowledge Base:
http://kb.acronis.com/content/1507 e riavviare.
3.12 Supporto SNMP
Oggetti SNMP
Acronis Backup fornisce i seguenti oggetti Simple Network Management Protocol (SNMP) alle
applicazioni di gestione SNMP:

Tipo di evento
Identificativo oggetto (OID): 1.3.6.1.4.1.24769.100.200.1.0
Sintassi: OctetString
Il valore può essere "Informazioni", "Avviso", 'Errore" e "Sconosciuto". "Sconosciuto" viene
inviato solo nel messaggio di prova.

Descrizione testuale dell'evento
Identificativo oggetto (OID): 1.3.6.1.4.1.24769.100.200.2.0
Sintassi: OctetString
Il valore contiene la descrizione testuale dell'evento (appare identico al messaggio pubblicato da
Acronis Backup nel relativo registro).
Esempio di valori varbind:
1.3.6.1.4.1.24769.100.200.1.0:Information
1.3.6.1.4.1.24769.100.200.2.0:I0064000B
56
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Operazioni supportate
Acronis Backup supporta solo operazioni TRAP. Non è possibile gestire Acronis Backup usando
richieste GET- e SET-. Ciò significa che è necessario usare un ricevitore Trap SNMP per ricevere
messaggi TRAP-.
Informazioni MIB (Management Information Base)
Il file MIB acronis-abr.mib si trova nella directory di installazione di Acronis Backup. Per impostazione
predefinita: %ProgramFiles%\Acronis\BackupAndRecovery in Windows e
/usr/lib/Acronis/BackupAndRecovery in Linux.
È possibile leggere questo file con un browser MIB o un semplice editor di testo come Notepad o vi.
Informazioni sul messaggio di prova
Quando vengono configurate le notifiche SNMP, è possibile inviare un messaggio di prova per
verificare se le impostazioni sono corrette.
I parametri del messaggio di prova sono i seguenti:

Tipo di evento
OID: 1.3.6.1.4.1.24769.100.200.1.0
Valore: "Sconosciuto"

Descrizione testuale dell'evento
OID: 1.3.6.1.4.1.24769.100.200.2.0
Valore: "?00000000"
57
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4 Backup
4.1
Esegui backup adesso
Utilizzare la funzionalità Esegui backup adesso per configurare ed eseguire un backup una volta sola
in pochi semplici passaggi. La procedura di backup verrà avviata subito dopo aver eseguito i passaggi
richiesti e aver selezionato OK.
Per una strategia di backup a lungo termine che include pianificazioni e condizioni, l'eliminazione
puntuale dei backup o il loro spostamento in posizioni diverse, considerare la creazione di un piano di
backup.
La configurazione del backup immediato è simile alla creazione di un piano di backup (p. 58) eccetto
per quanto segue:


Non esistono opzioni per pianificare i backup e configurare le regole di conservazione.

La conversione di un backup a livello del disco in macchina virtuale non è disponibile come parte
dell'operazione di backup. È possibile convertire il backup derivante in seguito.
La denominazione semplificata dei file di backup (p. 82) è utilizzata se la destinazione dei backup
la supporta. Altrimenti, viene utilizzata la denominazione standard dei backup.
Le seguenti posizioni non supportano la denominazione dei file semplificata: depositi gestiti,
nastri, Acronis Secure Zone o Acronis Cloud Storage.
A causa della denominazione dei file semplificata, un'unità RDX o un'unità flash USB può essere
utilizzata solo nella modalità supporto rimovibile (p. 210).
4.2
Creazione di un piano di backup
Prima di creare il primo piano di backup (p. 454), acquisire familiarità con i concetti di base utilizzati
in Acronis Backup.
Per creare un piano di backup, effettuare le seguenti operazioni.
Cosa includere nel backup
Elementi di cui eseguire il backup (p. 61)
Selezionare il tipo di dati di cui eseguire il backup. Il tipo di dati dipende dagli agenti installati
nella macchina.
Credenziali di accesso, esclusioni
Per accedere a queste impostazioni, fare clic su Mostra credenziali di accesso, esclusioni.
Credenziali di accesso (p. 63)
Fornire le credenziali per i dati di origine se l'account del piano non dispone delle
autorizzazioni per accedere ai dati.
Esclusioni (p. 63)
[Facoltativo] Impostare esclusioni per determinati tipi di file che non si desidera sottoporre a
backup.
Dove eseguire il backup
Posizione (p. 65)
58
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Specificare il percorso della posizione in cui l'archivio di backup verrà memorizzato e il nome
dell'archivio. Il nome dell'archivio deve essere univoco nella posizione. Altrimenti, i backup
del piano di backup appena creato verranno posizionati nell'archivio esistente che appartiene
a un altro piano di backup. Il nome archivio predefinito è Archivio(N), dove N è il numero
sequenziale dell'archivio nell'ubicazione scelta.
Selezionare la modalità con cui verrà utilizzata la periferica rimovibile (p. 210)
Se la posizione specificata e un'unità RDX o un'unità flash USB, selezionare la modalità della
periferica: Supporto rimovibile o Unità fissa.
Denominazione del file di backup, credenziali di accesso, commenti dell'archivio
Per accedere a queste impostazioni, fare clic su Mostra denominazione file di backup,
credenziali di accesso, commenti dell'archivio.
Denominazione file (p. 82)
[Facoltativo] Selezionare la casella di controllo Nomina i file del backup utilizzando il nome
dell'archivio, come in Acronis True Image Echo, anziché generare automaticamente i nomi
per utilizzare la denominazione dei file semplificata per i backup dell'archivio.
Non disponibile per il backup in un deposito gestito, su nastro, in Acronis Secure Zone o
Acronis Cloud Storage. Quando si esegue il backup in un'unità RDX o in un'unità flash USB, lo
schema di denominazione dei file è determinato dalla modalità dispositivo rimovibile (p. 210).
Credenziali di accesso (p. 67)
[Facoltativo] Fornire le credenziali per i dati di origine se l'account del piano non dispone
delle autorizzazioni per l'accesso alla posizione.
Commenti archivio
[Facoltativo] Immettere commenti sull'archivio.
Backup del disco e delle applicazioni a passaggio singolo (p. 337)
Si applica solo alle macchine che dispongono di una licenza per il backup a passaggio singolo
Specificare le impostazioni relative al backup del disco e delle applicazioni a passaggio singolo.
Come eseguire il backup
Schema di backup (p. 68)
Specificare il momento e la frequenza con cui eseguire il backup dei dati; definire il tempo di
conservazione degli archivi di backup creati nell'ubicazione selezionata; impostare una
pianificazione per la procedura di cancellazione dell'archivio (consultare "Impostazioni
replica e conservazione" di seguito).
Impostazioni replica e conservazione (p. 102)
Non disponibile per i supporti rimovibili o quando si seleziona la denominazione dei file di
backup semplificata (p. 82).
Definire se copiare (replicare) i backup in un'altra posizione e se spostarli o eliminarli in base
alle regole di conservazione. Le impostazioni disponibili dipendono dallo schema di backup.
2a posizione
[Facoltativo] Per configurare la replica di backup, selezionare la casella di controllo Replica il
backup appena creato in un'altra posizione. Per ulteriori informazioni sulla replica dei
backup, consultare Configurazione della replica dei backup (p. 105).
Convalida, conversione in macchina virtuale
Per accedere a queste impostazioni, fare clic su Mostra convalida, conversione in macchina
virtuale.
Quando convalidare (p. 79)
59
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
[Facoltativo] A seconda dello schema di backup selezionato, definire quando e con quale
frequenza eseguire la convalida e se convalidare l'intero archivio o l'ultimo backup
nell'archivio.
Converti in macchina virtuale (p. 182)
[Facoltativo] Si applica a: backup di dischi o volumi, backup di macchine virtuali complete o
volumi di una macchina virtuale.
Configurare una conversione regolare di un backup di disco o di volume in una macchina
virtuale.
Parametri del piano
Nome del piano
[Facoltativo] Immettere un nome univoco per il piano di backup. La scelta di un nome
significativo consente di identificare chiaramente un piano tra gli altri.
Opzioni di backup
[Facoltativo] Configurare i parametri dell'operazione di backup, ad esempio i comandi
pre/post backup, la larghezza di banda di rete massima allocata per il flusso di backup oppure
il livello di compressione dell'archivio di backup. Se in questa sezione non viene eseguita
alcuna operazione, verranno utilizzati i valori predefiniti (p. 112).
Una volta modificate le impostazioni rispetto ai valori predefiniti, viene visualizzata una
nuova riga che mostra il valore appena impostato. Lo stato dell'impostazione cambia da
Predefinito a Ripristina allo stato predefinito. Se l'impostazione viene nuovamente
modificata, la riga visualizzerà il nuovo valore, a meno che questo non corrisponda al valore
predefinito. Quando viene impostato il valore predefinito, la riga scompare. Per questo, in
questa sezione verranno sempre visualizzate solo le impostazioni diverse dai valori
predefiniti.
Per reimpostare tutte le impostazioni sui valori predefiniti, fare clic su Ripristina allo stato
predefinito.
Credenziali, commenti, etichetta del piano
Per accedere a queste impostazioni, fare clic su Mostra credenziali, commenti, etichetta del
piano.
Credenziali del piano (p. 79)
[Facoltativo] Specificare le credenziali in cui verrà eseguito il piano.
Commenti
[Facoltativo] Immettere una descrizione del piano di backup.
Etichetta (p. 80)
[Facoltativo] Immettere un'etichetta di testo per i computer di cui eseguire il backup.
L'etichetta può essere utilizzata per identificare il computer in diverse situazioni.
Una volta effettuate tutte le operazioni necessarie, fare clic su OK per creare il piano di backup.
A questo punto, è possibile che venga richiesta la password (p. 82).
Per esaminare e gestire il piano creato, sarà possibile accedervi nella visualizzazione Attività e piani
di backup (p. 348).
60
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4.2.1
Selezione dei dati del backup
Per selezionare i dati di cui eseguire il backup.
1. Nella sezione Dati del backup, selezionare il tipo di dati di cui eseguire il backup. L'elenco dei tipi
di dati disponibili dipende dagli agenti in esecuzione sulla macchina e dai tipi di licenze:
Dischi/volumi
Per poter eseguire il backup di questi dati, è necessario disporre dei privilegi di
amministratore o di operatore di backup.
Selezionare questa opzione per eseguire il backup:

di intere macchine fisiche o dei rispettivi dischi o volumi, se Acronis Backup Agent for
Windows o Acronis Backup Agent for Linux è installato.
Un backup a livello del disco consente di ripristinare l'intero sistema in caso di gravi danni
ai dati o gravi problemi hardware. È inoltre possibile ripristinare singoli file e cartelle. La
procedura di backup è più rapida della copia dei file, e può velocizzare sensibilmente il
processo di backup quando si esegue il backup di volumi di dati di notevoli dimensioni.

Dei database Microsoft SQL tramite un backup del disco e delle applicazioni a passaggio
singolo, se è installato Acronis Backup Agent for SQL.
L'Agente per SQL consente di creare backup del disco compatibili con le applicazioni e di
ripristinare i database Microsoft SQL da tali backup. Per ulteriori informazioni, consultare
la sezione "Protezione di Microsoft SQL Server..." (p. 332).

Dati di Microsoft Active Directory tramite un backup del disco e delle applicazioni a
passaggio singolo, se è installato Acronis Backup Agent for Active Directory.
L'Agente per Active Directory consente di creare backup del disco compatibili con le
applicazioni e di ripristinare i dati di Microsoft Active Directory da tali backup. Per
ulteriori informazioni, consultare la sezione "Protezione di Microsoft Active Directory..."
(p. 344).
Cartelle/file
Disponibile se è installato Acronis Backup Agent for Windows o Acronis Backup Agent for
Linux.
Selezionare questa opzione per eseguire il backup di file e cartelle specifici.
Un backup a livello di file non è sufficiente per il ripristino del sistema operativo. Scegliere il
backup di file se si prevede di conservare solo alcuni dati (il progetto corrente, per esempio).
In tal modo, si ridurrà la dimensione dell'archivio risparmiando spazio di memoria.
Per ripristinare il sistema operativo utilizzato con tutte le impostazioni e applicazioni, è
necessario eseguire un backup del disco.
Macchine virtuali
Disponibile se Acronis Backup Agent per VMware o Acronis Backup Agent for Hyper-V è
installato.
Selezionare questa opzione per eseguire il backup di macchine virtuali complete che si
trovano in un server di virtualizzazione o dei loro dischi e volumi.
Il backup di una macchina virtuale completa, dei suoi dischi o dei suoi volumi fornisce un
backup di disco (p. 446) standard. Inoltre, questo backup archivia la configurazione della
macchina virtuale. Questa configurazione verrà suggerita per impostazione predefinita per il
ripristino del contenuto del backup in una nuova macchina virtuale. Per ulteriori informazioni
sul backup di macchine virtuali, consultare "Backup di macchine virtuali".
Archivio informazioni di Microsoft Exchange
Disponibile se è installato Acronis Backup Agent for Exchange.
61
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Selezionare questa opzione per eseguire il backup dell'archivio informazioni, dei singoli
gruppi di archiviazione o database dei server di Microsoft Exchange. In caso di emergenza,
sarà possibile ripristinare database o gruppi di archiviazione perduti o danneggiati. Inoltre, è
possibile ripristinare singolarmente caselle postali, cartelle pubbliche, singoli messaggi di
posta elettronica, contatti, eventi di calendario e altri elementi.
Per poter eseguire il backup dei dati di Exchange, è necessario un account utente di dominio
con privilegi amministrativi sul server di Exchange. In un cluster, l'account deve disporre di
privilegi amministrativi su ciascuno dei nodi del cluster.
Per ulteriori informazioni sul backup dei dati di Microsoft Exchange, consultare "Backup dei
dati di Microsoft Exchange Server".
Caselle postali di Microsoft Exchange
Disponibile se è installato Acronis Backup Agent for Exchange.
Selezionare questa opzione per eseguire il backup di singole caselle postali e cartelle
pubbliche senza eseguire il backup dell'intero database di Microsoft Exchange. Utilizzando i
filtri di esclusione, è possibile specificare gli elementi da ignorare durante i backup delle
caselle postali.
Per poter eseguire il backup dei dati di Exchange, è necessario un account utente di dominio
con privilegi amministrativi sul server di Exchange. In un cluster, l'account deve disporre di
privilegi amministrativi su ciascuno dei nodi del cluster.
Per ulteriori informazioni sul backup dei dati di Microsoft Exchange, consultare "Backup dei
dati di Microsoft Exchange Server".
2. Nella struttura sotto alla sezione Dati del backup selezionare gli elementi di cui eseguire il
backup.
Per eseguire il backup di tutti gli elementi del tipo di dati selezionato presenti su una macchina,
selezionare la casella di controllo accanto alla macchina. Per eseguire il backup di singoli elementi
di dati, espandere la macchina e selezionare le caselle di controllo accanto agli elementi richiesti.
Note su dischi/volumi

Se il sistema operativo utilizzato e il relativo caricatore risiedono in volumi differenti, nel
backup includere sempre entrambi i volumi. I volumi, inoltre, devono essere ripristinati
insieme, altrimenti il rischio che il sistema operativo non si riavvii è elevato.

Note per gli utenti di Linux. I volumi logici e le periferiche MD sono mostrati in Volumi
dinamici. Per ulteriori informazioni sul backup di tali volumi e periferiche, consultare "Backup
e ripristino di volumi logici e periferiche MD (Linux)" (p. 46).

Note per gli utenti di Linux. Si raccomanda di smontare eventuali volumi contenenti file
system non di journaling, ad esempio il file system ext2, prima di sottoporli a backup. In caso
contrario, al ripristino questi volumi potrebbero contenere file danneggiati e l'esito del
ripristino di tali volumi con il ridimensionamento potrebbe essere negativo.
Note su macchine virtuali

Il backup di macchine virtuali complete risulta comodo quando si dispone di numerosi server
obsoleti di dimensioni limitate (in termini di dimensioni dei dischi virtuali), derivanti, ad
esempio, dal consolidamento del carico di lavoro. Per ogni macchina verrà creato un archivio
separato.

Il backup di dischi o volumi singoli risulta comodo quando il sistema operativo e le
applicazioni, ad esempio un server di database, vengono eseguiti in un disco virtuale, ma i
dati, ad esempio il database, sono archiviati in un disco di notevole capacità fisica aggiunto
alla stessa macchina. Sarà possibile utilizzare differenti strategie di backup per il disco
virtuale e per la memoria fisica.
3. Dopo aver specificato i dati del backup, selezionare OK.
62
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4.2.2
Credenziali di accesso per l'origine
Specificare le credenziali richieste per l'accesso ai dati da destinare a backup.
Per specificare le credenziali
1. Selezionare una delle seguenti opzioni:

Utilizza le credenziali del piano
Il programma accederà ai dati di origine utilizzando le credenziali dell'account del piano di
backup specificate nella sezione Parametri del piano.

Utilizza le seguenti credenziali
Il programma accederà ai dati di origine utilizzando le credenziali specificate dall'utente.
Utilizzare questa opzione se l'account del piano non dispone delle autorizzazioni per l'accesso
ai dati.
Specificare:

Nome utente. Quando si immette il nome di un account utente di Active Directory,
specificare anche il nome del dominio (DOMINIO\Nomeutente o
[email protected]).


Password. La password dell'account.
Confermare la password. Immettere nuovamente la password.
2. Fare clic su OK.
4.2.3
Esclusione file di origine
Questa opzione è valida per i sistemi operativi Windows e Linux e per i supporti di avvio.
Questa opzione è disponibile per il backup a livello del disco solo dei file system NTFS, FAT, Ext3 e
Ext4. Questa opzione è disponibile per il backup a livello di file di tutti i file system supportati.
L'opzione definisce i file e le cartelle da ignorare durante il processo di backup, escludendoli in tal
modo dall'elenco di elementi sottoposti a backup.
Nota: le esclusioni consentono di ignorare la selezione degli elementi dei dati di cui eseguire il backup. Per
esempio, se si seleziona di eseguire il backup del file FilePersonale.tmp e di escludere tutti i file in formato .tmp,
il file FilePersonale.tmp non verrà incluso nel backup.
Per specificare i file e le cartelle da escludere, configurare i seguenti parametri.
Escludi tutti i file e le cartelle nascosti
Selezionare questa casella di controllo per ignorare i file e le cartelle con l'attributo Nascosto (per file
system supportati da Windows) o che iniziano con un punto (.) (per file system in Linux come Ext2 ed
Ext3). Se una cartella è nascosta, sarà escluso tutto il relativo contenuto (inclusi file non nascosti).
Escludi tutti i file e le cartelle di sistema
Questa opzione è valida solo per i file system supportati da Windows. Selezionare questa casella di
controllo per ignorare file e cartelle con l'attributo Sistema. Se una cartella ha l'attributo Sistema,
tutto il relativo contenuto (inclusi file senza l'attributo Sistema) verrà escluso.
Suggerimento: Gli attributi dei file o delle cartelle possono essere visualizzati nelle proprietà dei file o delle
cartelle oppure utilizzando il comando attrib. Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla guida e al centro di
supporto in Windows.
63
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Escludi file corrispondenti ai seguenti criteri
Selezionare questa casella di controllo per ignorare i file e le cartelle che corrispondono ai criteri.
Usare i pulsanti Aggiungi, Modifica, Rimuovi e Rimuovi tutto per creare l'elenco dei criteri.
I criteri non fanno distinzione tra maiuscole e minuscole, sia in Windows che in Linux. Per esempio, se
si sceglie di escludere tutti i file in formato .tmp e la cartella C:\Temp, verranno esclusi anche tutti i
file in formato .Tmp, tutti i file in formato .TMP e la cartella C:\TEMP.
Criteri: percorso completo
Specificare il percorso completo del file o della cartella, iniziando con la lettera di unità (quando si
esegue il backup di Windows) o con la directory root (quando si esegue il backup in Linux).
Sia in Windows che in Linux, è possibile utilizzare una barra nel percorso del file o della cartella (come
in C:/Temp e C:/Temp/File.tmp). In Windows, è possibile utilizzare anche la tradizionale barra
rovesciata (come in C:\Temp e C:\Temp\File.tmp).
Dal supporto di avvio in stile Windows, un volume potrebbe avere una lettera di unità diversa
rispetto a quella visualizzata in Windows. Per ulteriori informazioni, consultare "Lavorare con il
supporto di avvio" (p. 283).
Criteri: nome
Specificare il nome del file o della cartella, come Documento.txt. Tutti i file e le cartelle con lo stesso
nome verranno esclusi.
Caratteri jolly
In un filtro file è possibile utilizzare uno o più caratteri jolly * e ? nel criterio. È possibile utilizzare
questi caratteri sia nel percorso completo che nel nome del file o della cartella.
L'asterisco (*) sostituisce zero o più caratteri nel nome di un file. Per esempio, il criterio Doc*.txt
comprende file come Doc.txt e Documento.txt.
Il punto di domanda (?) sostituisce esattamente un carattere nel nome di un file. Per esempio, il
criterio Doc?.txt comprende i file come Doc1.txt e Docs.txt, ma non i file Doc.txt o Doc11.txt.
Esempi di esclusione
Criterio
Esempio
Descrizione
Windows e Linux
Per nome
Per maschera (*)
Per maschera (?)
F.log
Esclude tutti i file denominati "F.log".
F
Esclude tutte le cartelle con il nome "F"
*.log
Esclude tutti i file con l'estensione .log
F*
Esclude tutti i file e le cartelle con il nome che inizia per
"F" (come le cartelle F, F1 e i file F.log, F1.log)
F???.log
Esclude tutti i file .log con nomi che sono costituiti da
quattro simboli e che cominciano con "F".
Windows
Per percorso di file C:\Finanza\F.log
64
Esclude il file denominato "F.log" collocato nella cartella
C:\Finanza
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per percorso della
cartella
C:\Finanza\F
o
C:\Finanza\F\
Esclude la cartella C:\Finanza\F
(assicurarsi di specificare il percorso completo a partire
dalla lettera di unità)
Linux
Per percorso di file /home/utente/Finanza/F.log
Esclude il file denominato "F.log" collocato nella cartella
(directory) /home/user/Finanza
Per percorso della
cartella
Esclude la cartella (directory) /home/user/Finanza
4.2.4
/home/user/Finanza
o
/home/user/Finanza/
Selezione posizione di backup
Specificare la posizione in cui verrà memorizzato l'archivio.
1. Scelta della destinazione
Nel campo Percorso, immettere il percorso completo della destinazione o selezionare la destinazione
desiderata nella struttura della posizione come descritto in "Selezione delle destinazioni del backup"
(p. 66).
2. Utilizzo della tabella archivi
Come ausilio nella scelta della destinazione adeguata, la tabella mostra i nomi degli archivi contenuti
in ogni ubicazione selezionata. Mentre viene esaminato il contenuto dell'ubicazione, gli archivi
possono essere aggiunti, eliminati o modificati da un altro utente o dal programma stesso, in base a
operazioni pianificate. Utilizzare il pulsante Aggiorna per aggiornare l'elenco di archivi.
3. Denominazione del nuovo archivio
Una volta selezionata la destinazione dell'archivio, il programma genera un nome per il nuovo
archivio e lo mostra nel campo Nome. Il nome di solito è visualizzato come Archivio(N), dove N è un
numero in sequenza. Il nome generato è univoco nell'ubicazione selezionata. Se il nome generato
automaticamente è accettabile, fare clic su OK. In caso contrario, immettere un altro nome univoco.
Se il nome generato automaticamente è simile a [Nome macchina] _Archivio(N), ciò significa che il
nome contiene variabili. Tale situazione può verificarsi quando sono state selezionate macchine
virtuali da sottoporre a backup. [Nome macchina] indica il nome della macchina virtuale. Al nome è
possibile aggiungere suffissi ma non è possibile eliminare le variabili, dal momento che ogni
macchina virtuale deve essere sottoposta a backup in un archivio separato con nome univoco.
Backup di un archivio esistente
Il piano di backup può essere configurato in modo che esegua il backup in un archivio esistente. A tal
fine, selezionare l'archivio nella tabella archivi o immettere il nome dell'archivio nel campo Nome. Se
l'archivio è protetto con una password, il programma la chiederà nella finestra a comparsa.
Selezionando l'archivio esistente, si accede all'area di un altro piano di backup che utilizza l'archivio.
Ciò non costituisce un problema se l'altro piano non è utilizzato. Tuttavia, generalmente è necessario
osservare la seguente regola: "un piano di backup - un archivio". In caso contrario, il programma
funziona ma non è pratico né efficiente, ad eccezioni di alcuni casi specifici.
65
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Perché due o più piani non devono eseguire il backup dello stesso archivio
1. L'esecuzione di backup di origini diverse negli stessi archivi rende difficoltoso l'utilizzo
dell'archivio. Al momento di eseguire un ripristino, ogni secondo ha la sua importanza, ma
occorre non sottovalutare la possibilità di perdite nel contenuto dell'archivio.
I piani di backup che operano con lo stesso archivio devono eseguire il backup degli stessi
elementi di dati (ad esempio, entrambi i piani eseguono il backup del volume C.)
2. L'applicazione di più regole di conservazione a un archivio ne rende imprevedibile il contenuto.
Dal momento che ogni regola verrà applicata all'intero archivio, i backup appartenenti a un piano
di backup possono essere eliminati facilmente assieme ai backup che appartengono all'altro
piano. In particolare, non si può prevedere il funzionamento classico degli schemi di backup GFS
e Torre di Hanoi.
Normalmente, ogni piano di backup complesso deve eseguire il backup in un proprio archivio.
4.2.4.1
Selezione delle destinazioni dei backup
Acronis Backup consente di eseguire il backup dei dati in diversi archivi fisici.
Destinazione
Cloud storage
Dettagli
Per eseguire il backup dei dati in Acronis Cloud Storage, selezionare Accedi e specificare le
credenziali di accesso all'archivio nel cloud. Quindi, espandere il gruppo di Cloud storage e
selezionare l'account.
Prima di eseguire il backup nell'archivio nel cloud, è necessario acquistare un
abbonamento per il servizio di backup nel cloud e attivare l'abbonamento sulle macchine
di cui si intende eseguire il backup.
Il backup nel cloud non è disponibile dal supporto di avvio.
Non è possibile eseguire il backup nel cloud dei dati di Microsoft Exchange Server
utilizzando l'Agente per Exchange.
Nota Acronis Cloud Backup potrebbe non essere disponibile nella propria regione. Per
ulteriori informazioni, fare clic qui: http://www.acronis.it/my/cloud-backup/corporate
66
Personale
Per eseguire il backup dei dati in un deposito personale, espandere il gruppo Depositi e
fare clic sul deposito.
Acronis Secure Zone è considerato un deposito personale disponibile per tutti gli utenti
che possono accedere al sistema.
Centralizzato
Per eseguire il backup di dati in un deposito centralizzato, espandere il gruppo Depositi e
fare clic sul deposito.
Macchina
Macchina locale
Cartelle locali
Per eseguire il backup dei dati in una cartella locale della macchina, espandere il gruppo
<Nome macchina> e selezionare la cartella richiesta.
CD, DVD, BD
Per eseguire il backup dei dati su supporti ottici come CD, DVD o dischi Blu-ray (BD),
espandere il gruppo <Nome macchina>, quindi selezionare l'unità richiesta.
RDX, USB
Per eseguire il backup dei dati in un'unità RDX o in un'unità flash USB, espandere il gruppo
<Nome macchina>, quindi selezionare l'unità richiesta. Per informazioni sull'utilizzo di
queste unità, consultare la sezione "Periferiche rimovibili" (p. 210).
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Destinazione
Dettagli
Periferica a
nastro
Per eseguire il backup dei dati in una periferica a nastro collegata localmente, espandere il
gruppo <Nome macchina> e selezionare la periferica richiesta.
Note Le periferiche a nastro possono essere utilizzate solo con Acronis Backup Advanced.
Per informazioni sull'utilizzo di nastri, consultare la sezione "Periferiche a nastro" (p. 212).
Cartelle di rete
Per eseguire il backup dei dati in una condivisione di rete, espandere il gruppo Cartelle di
rete, selezionare la macchina in rete richiesta e quindi fare clic sulla cartella condivisa.
Se la condivisione di rete richiede credenziali di accesso, queste verranno richieste dal
programma.
Note per gli utenti di Linux. Per specificare una condivisione di rete CIFS (Common Internet
File System) montata in un punto di montaggio come /mnt/share, selezionare questo
punto di montaggio invece della condivisione di rete stessa.
FTP, SFTP
Per eseguire il backup dei dati in un server FTP o SFTP, immettere il nome o l'indirizzo del
server nel campo Percorso, come indicato di seguito:
ftp://server_ftp:numero_porta o sftp://server_sftp:numero_porta
Per stabilire una connessione FTP in modalità attiva, utilizzare la seguente notazione:
aftp://server_ftp:numero_porta
Se il numero di porta non viene specificato, verrà utilizzata la porta 21 per FTP e la porta
22 per SFTP.
Dopo l'immissione delle credenziali di accesso, le cartelle contenute nel server
diventeranno disponibili. Fare clic sulla cartella appropriata contenuta nel server.
È possibile accedere al server come utente anonimo, se il server consente questo tipo di
accesso. Per eseguire questa operazione, fare clic su Usa accesso anonimo invece di
immettere le credenziali.
Nota: Come indicato dalla specifica FTP originale, le credenziali necessarie per l'accesso ai
server FTP vengono trasferite in una rete in testo semplice. Ciò implica che il nome utente
e la password possono essere intercettati da utenti malintenzionati con uno sniffer di
pacchetti.
Nodi di
archiviazione
Quando è necessario eseguire il backup dei dati in un nodo di archiviazione non registrato
sul management server, o quando si utilizza una macchina avviata con il supporto di avvio:
 Per accedere a un deposito gestito, immettere la seguente stringa nel campo
Percorso:
bsp://indirizzo_nodo/nome_deposito/
 Per accedere a un deposito centralizzato non gestito, immettere il percorso completo
della cartella del deposito.
Cartelle NFS
Per eseguire il backup dei dati in una condivisione NFS, espandere il gruppo Cartelle NFS e
fare clic sulla cartella.
Disponibile solo in Linux e nel supporto di avvio basato su Linux.
4.2.5
Credenziali di accesso per l'ubicazione dell'archivio
Specificare le credenziali necessarie per accedere all'ubicazione in cui verrà memorizzato l'archivio di
backup. L'utente di cui viene specificato il nome sarà considerato il proprietario dell'archivio.
67
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per specificare le credenziali
1. Selezionare una delle seguenti opzioni:

Utilizza le credenziali del piano
Il programma accederà ai dati di origine utilizzando le credenziali dell'account del piano di
backup specificate nella sezione Parametri del piano.

Utilizza le seguenti credenziali
Il programma accederà ai dati di origine utilizzando le credenziali specificate dall'utente.
Utilizzare questa opzione se l'account del piano non dispone delle autorizzazioni per l'accesso
all'ubicazione. Per una condivisione in rete o un deposito di nodi di archiviazione, potrebbe
essere necessario fornire credenziali speciali.
Specificare:

Nome utente. Quando si immette il nome di un account utente di Active Directory,
specificare anche il nome del dominio (DOMINIO\Nomeutente o
[email protected]).


Password. La password dell'account.
Confermare la password. Immettere nuovamente la password.
2. Fare clic su OK.
Attenzione: Come indicato dalla specifica FTP originale, le credenziali necessarie per l'accesso ai server FTP
vengono trasferite in una rete in testo semplice. Ciò implica che il nome utente e la password possono essere
intercettati da utenti malintenzionati con uno sniffer di pacchetti.
4.2.6
Schemi di backup
Scegliere uno degli schemi di backup disponibili:

Semplice: per pianificare il momento e la frequenza con cui eseguire il backup dei dati e per
specificare regole di conservazione.

Grandfather-Father-Son: per utilizzare lo schema di backup Grandfather-Father-Son. Lo schema
non consente l'esecuzione del backup dei dati più di una volta al giorno. Impostare i giorni della
settimana in cui verrà eseguito il backup giornaliero e selezionare tra tali giorni quello in cui verrà
eseguito il backup settimanale o mensile. Impostare, quindi, i periodi di conservazione dei
backup giornalieri (detti "figli"), settimanali ("padri") e mensili ("nonni"). I backup scaduti
verranno eliminati automaticamente.

Torre di Hanoi: per utilizzare lo schema di backup Torre di Hanoi. Questo schema consente di
pianificare il momento e la frequenza con cui vengono eseguiti i backup (sessioni) e di
selezionare il numero dei livelli di backup (fino a 16). È possibile eseguire il backup dei dati più di
una volta al giorno. Impostando la pianificazione del backup e selezionando i livelli di backup, si
ottiene automaticamente il periodo di ripristino: il numero garantito di sessioni che è possibile
ripristinare in qualunque momento. Il meccanismo di pulizia automatica gestisce il periodo di
ripristino richiesto eliminando i backup scaduti e conservando i backup più recenti di ogni livello.

Personalizzato: per creare uno schema personalizzato, in cui impostare liberamente una
strategia di backup in base alle esigenze aziendali più importanti: specificare più pianificazioni per
vari tipi di backup, aggiungere condizioni e specificare le regole di conservazione.


Avvio manuale: per creare un'attività di backup per l'avvio manuale.
68
Raccolta dati iniziale: per salvare in locale un backup completo la cui destinazione finale è
Acronis Cloud Storage.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Nota per gli utenti di Microsoft Exchange: Per informazioni sugli schemi di backup utilizzati quando si esegue il
backup dei database, dei gruppi di archiviazione o delle caselle postali di Exchange, fare riferimento alla sezione
"Schemi di backup" della documentazione "Backup dei dati di Microsoft Exchange Server".
4.2.6.1
Schema semplice
Con lo schema di backup semplice è sufficiente pianificare il momento e la frequenza di esecuzione
del backup dei dati. Gli altri passaggi sono facoltativi.
Per impostare uno schema di backup semplice, specificare le impostazioni appropriate, di seguito
indicate.
Pianificazione
Impostare il momento e la frequenza di esecuzione del backup dei dati. Per ulteriori informazioni
sull'impostazione della pianificazione, vedere la sezione Pianificazione (p. 87).
Regole di conservazione
Specificare per quanto tempo conservare i backup nella posizione e se spostarli o eliminarli in
seguito. Le regole di conservazione sono applicate dopo la creazione di un backup. L'opzione
Conserva i backup per un periodo illimitato è selezionata per impostazione predefinita, quindi
nessun backup verrà eliminato automaticamente. Per ulteriori informazioni sulle regole di
conservazione, consultare Configurazione della conservazione dei backup (p. 105).
Tipo di backup
Per accedere a questa impostazione, fare clic su Mostra tipo di backup, convalida, conversione
in macchina virtuale.
Selezionare il tipo di backup.

Completo: selezionato per impostazione predefinita per tutte le posizioni di backup (tranne
Acronis Cloud Storage).

Incrementale. La prima volta verrà creato un backup completo. I backup successivi saranno
incrementali. Selezionato come unico tipo di backup per Acronis Cloud Storage.
Nota: quando il tipo di backup Incrementale è selezionato assieme alle regole di conservazione,
l'archivio verrà pulito utilizzando il consolidamento (p. 447), operazione che richiede molto tempo e
utilizza molte risorse.
4.2.6.2
Schema Grandfather-Father-Son
In breve

Backup giornalieri ("figlio o Son"), settimanali ("padre o Father") e mensili ("nonno o
Grandfather").


Giorno personalizzato per eseguire i backup settimanali e mensili
Periodi personalizzati per la conservazione dei backup di ciascun tipo
Descrizione
Si supponga che si desideri impostare un piano di backup in modo che produca regolarmente una
serie di backup giornalieri (G), settimanali (S) e mensili (M). Di seguito viene illustrato un metodo
naturale per l'esecuzione di tale operazione: la tabella seguente mostra un periodo di due mesi di
esempio per un piano di questo tipo.
69
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do
1 gen — 7 gen
G
G
G
G
S
-
-
8 gen — 14 gen
G
G
G
G
S
-
-
15 gen — 21 gen
G
G
G
G
S
-
-
22 gen — 28 gen
G
G
G
G
M
-
-
29 gen — 4 feb
G
G
G
G
S
-
-
5 feb — 11 feb
G
G
G
G
S
-
-
12 feb — 18 feb
G
G
G
G
S
-
-
19 feb — 25 feb
G
G
G
G
M
-
-
26 feb — 4 mar
G
G
G
G
S
-
-
I backup giornalieri vengono eseguiti ogni giorno lavorativo tranne il venerdì, riservato ai backup
settimanali e mensili. I backup mensili vengono eseguiti solo l'ultimo venerdì di ogni mese e i backup
settimanali vengono eseguiti tutti gli altri venerdì. Di conseguenza, normalmente si otterranno 12
backup mensili in un anno intero.
Parametri
Per uno schema Nonno-Padre-Figlio (GFS, Grandfather-Father-Son) è possibile impostare i parametri
di seguito indicati.
Avvia backup alle
Specifica il momento in cui avviare un backup. Il valore predefinito è ore 12:00
Eseguire il backup
Specifica il giorno della settimana in cui verrà eseguito un backup. Il valore
predefinito è Giorni lavorativi.
Settimanale/Mensile
Specifica il giorno della settimana (dai giorni selezionati nel campo Esegui il backup
il) da riservare ai backup settimanali e mensili.
Il valore predefinito è Venerdì. Con questo valore, un backup mensile verrà eseguito
l'ultimo venerdì di ogni mese. I backup settimanali verranno eseguiti tutti gli altri
venerdì. Se si sceglie un giorno alla settimana diverso, queste regole verranno
applicate al giorno selezionato.
Conserva backup
Specifica il tempo per cui si desidera memorizzare i backup nell'archivio. Il termine
può essere impostato in ore, giorni, settimane, mesi o anni. Per backup mensili,
inoltre, è possibile selezionare Conserva a tempo indefinito se si desidera salvarli
per sempre.
I valori predefiniti per ogni tipo di backup sono indicati di seguito.
Giornalmente: 5 giorni (valore minimo consigliato)
Settimanalmente: 7 settimane
Mensilmente: per sempre
Il periodo di conservazione dei backup settimanali deve superare quello impostato
per i backup giornalieri; il periodo di conservazione dei backup mensili deve essere
superiore a quello impostato per i backup settimanali.
Per i backup giornalieri, si consiglia l'impostazione di un periodo di conservazione di
almeno una settimana.
70
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Tipo di backup
Specifica il tipo dei backup giornalieri, settimanali e mensili
 Sempre completo: tutti i backup giornalieri, settimanali e mensili saranno
sempre completi. Questa è la selezione predefinita per i casi in cui un'unità a
nastro è selezionata come posizione di backup.
 Completo/Differenziale/Incrementale: i backup giornalieri sono incrementali, i
backup settimanali sono differenziali e i backup mensili sono completi.
Il primo backup è sempre completo. Tuttavia, questo non significa che si tratta di
un backup mensile. Esso verrà conservato come backup giornaliero, settimanale
o mensile, a seconda del giorno della settimana in cui viene creato.
Impostazioni
avanzate
Disponibile solo in Acronis Backup Advanced quando si crea un piano di backup
centralizzato. Per i dettagli, consultare la sezione "Impostazioni di pianificazione
avanzate" (p. 97).
Un backup non viene eliminato fino a quando non siano soggetti a eliminazione anche tutti i backup
direttamente dipendenti. Per questo motivo è possibile visualizzare un backup contrassegnato con l'icona
per alcuni giorni in seguito alla data di scadenza prevista.
Esempi
Ogni giorno della settimana precedente, ogni settimana del mese precedente
Si consideri uno schema di backup GFS che può rivelarsi utile in molte situazioni.




Esecuzione del backup dei file ogni giorno, inclusi fine settimana
Possibilità di ripristinare i file a partire da qualunque data per i sette giorni precedenti
Accesso ai backup settimanali del mese precedente
Conservazione senza limiti di tempo dei backup mensili.
I parametri dello schema di backup possono essere impostati come di seguito indicato.




Avvia backup alle: 23:00:00
Esegui il backup il: Tutti i giorni
Settimanalmente/mensilmente: Sabato (ad esempio)
Conserva i backup:



Giornalmente: 1 settimana
Settimanalmente: 1 mese
Mensilmente: per sempre
In tal modo, verrà creato un archivio di backup giornalieri, settimanali e mensili. I backup giornalieri
saranno disponibili per sette giorni a partire dalla creazione. Ad esempio, un backup giornaliero di
domenica 1 gennaio sarà disponibile fino al successivo sabato 8 gennaio; il primo backup settimanale,
quello di sabato 7 gennaio, sarà memorizzato nel sistema fino al 7 febbraio. I backup mensili non
verranno mai eliminati.
Archiviazione limitata
Per non dover dedicare una notevole entità di spazio alla memorizzazione di un archivio immenso, è
possibile impostare uno schema GFS in modo da effettuare backup di durata più limitata,
accertandosi al tempo stesso che le informazioni possano essere ripristinate in caso di perdite di dati
accidentali.
Si supponga che sia necessario:
71
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015


Eseguire backup alla fine di ogni giorno lavorativo


Accedere a un backup settimanale per 10 giorni a partire dalla creazione
Poter ripristinare un file eliminato accidentalmente o modificato inavvertitamente se tale file è
stato individuato con relativa rapidità
Conservare backup mensili per sei mesi.
I parametri dello schema di backup possono essere impostati come di seguito indicato.




Avvia backup alle: 18:00
Esegui il backup il: Giorni lavorativi
Settimanalmente/mensilmente: Venerdì
Conserva i backup:



Giornalmente: 1 settimana
Settimanalmente: 10 giorni
Mensilmente: 6 mesi
Con questo schema si avrà una settimana per ripristinare una versione precedente di un file
danneggiato da un backup giornaliero, nonché l'accesso per 10 giorni ai backup settimanali. Ogni
backup completo mensile sarà disponibile per sei mesi a partire dalla data di creazione.
Pianificazione del lavoro
Supporre di svolgere un'attività di consulenza finanziaria part-time per una società nei giorni di
martedì e mercoledì. In tali giorni, si apportano spesso delle modifiche ai propri documenti finanziari,
dichiarazioni e si effettuano aggiornamenti ai fogli di calcolo, ecc. sul proprio computer portatile. Per
eseguire il backup di questi dati, potrebbe essere necessario:

Tenere traccia delle modifiche apportate alle dichiarazioni finanziarie, i fogli di calcolo, ecc.
effettuate i martedì e i mercoledì (backup incrementale giornaliero).

Disporre di un riepilogo settimanale sulle modifiche dei file dal mese scorso (backup differenziale
settimanale, venerdì).

Disporre di un backup completo mensile dei propri file.
Inoltre, si supponga di voler conservare l'accesso a tutti i backup, inclusi quelli giornalieri, per almeno
sei mesi.
Il seguente schema GFS soddisfa tali obiettivi:




Avvia backup alle: 23:30:00
Esegui il backup il: martedì, giovedì, venerdì
Settimanalmente/mensilmente: Venerdì
Conserva i backup:



Giornalmente: 6 mesi
Settimanalmente: 6 mesi
Mensilmente: 5 anni
Qui, i backup incrementali giornalieri verranno creati il martedì e il mercoledì con i backup
settimanali e mensili eseguiti nei venerdì. Notare che per poter scegliere Venerdì nel campo
Settimanale/mensile, è necessario innanzitutto selezionarlo nel campo Esegui il backup il.
Questo tipo di archivio consente di confrontare i documenti finanziari del primo e dell'ultimo giorno
lavorativo e di disporre di una cronologia di cinque anno di tutti i documenti, ecc.
72
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Nessun backup giornaliero
Considerare uno schema GFS più esotico:




Avvia backup alle: 12:00
Esegui il backup il: Venerdì
Settimanalmente/mensilmente: Venerdì
Conserva i backup:



Giornalmente: 1 settimana
Settimanalmente: 1 mese
Mensilmente: per sempre
Il backup verrà così eseguito soltanto il venerdì. In tal modo, il venerdì rappresenta la sola scelta per i
backup settimanali e mensili, non lasciando altre date per i backup giornalieri. L'archivio
"Grandfather-Father" risultante includerà soltanto i backup differenziali settimanali e i backup
completi mensili.
Sebbene sia possibile utilizzare GFS per creare questo tipo di archivio, lo schema Personalizzato è più
flessibile in tale situazione.
4.2.6.3
Schema di backup personalizzato
In breve


Pianificazione personalizzata e condizioni di backup per ogni tipo
Pianificazione personalizzata e regole di conservazione
Parametri
Parametro
Significato
Pianificazione di backup
completo
Specifica in base a quale pianificazione e in quali condizioni eseguire un backup
completo.
Ad esempio, il backup completo può essere impostato in modo che venga
eseguito ogni domenica alle ore 01:00 non appena tutti gli utenti sono
disconnessi.
Pianificazione di backup
incrementale
Specifica in base a quale pianificazione e in quali condizioni eseguire un backup
incrementale.
Se l'archivio non contiene backup al momento dell'esecuzione dell'attività, viene
creato un backup completo invece del backup incrementale.
Pianificazione di backup
differenziale
Specifica in base a quale pianificazione e in quali condizioni eseguire un backup
differenziale.
Se l'archivio non contiene backup al momento dell'esecuzione dell'attività, viene
creato un backup completo invece del backup differenziale.
Pulisci archivio
Specifica le modalità di eliminazione di backup precedenti, ovvero se applicare le
regole di conservazione (p. 107) con regolarità o se pulire l'archivio durante un
backup quando lo spazio nella posizione di destinazione non è sufficiente.
Per impostazione predefinita, le regole di conservazione non sono specificate e
di conseguenza i backup precedenti non vengono eliminati automaticamente.
Utilizzando le regole di conservazione
Specificare le regole di conservazione e il momento in cui applicarle.
73
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Parametro
Significato
Questa impostazione è consigliata per le destinazioni di backup, ad esempio
cartelle condivise o depositi centralizzati.
Quando lo spazio per il backup non è sufficiente
L'archivio verrà pulito solo durante l'operazione di backup e solo se lo spazio per
creare un nuovo backup non è sufficiente. In questo caso, nel software verranno
eseguite le operazioni descritte di seguito.
 Eliminazione dei backup completi meno recenti con tutti i backup
incrementali/differenziali dipendenti
 Se è presente un unico backup completo non eliminato ed è in corso
l'esecuzione di un altro backup completo, eliminazione dell'ultimo backup
completo con tutti i backup incrementali/differenziali dipendenti
 Se è presente un unico backup completo non eliminato ed è in corso
l'esecuzione di un backup incrementale o differenziale, viene visualizzato un
messaggio di errore che indica la mancanza di spazio disponibile
Questa impostazione è consigliata quando si esegue il backup in un'unità USB o
in Acronis Secure Zone. Questa impostazione non è disponibile per i depositi
gestiti e i server FTP e SFTP.
Questa impostazione consente di eliminare l'ultimo backup presente
nell'archivio nel caso in cui la periferica di archiviazione non sia in grado di
contenere più di un backup. È possibile tuttavia che non venga eseguito alcun
backup se il programma non è in grado di creare un nuovo backup per motivi
diversi.
Applica le regole di
conservazione
(solo se sono impostate le
regole di conservazione)
Specifica quando applicare le regole di conservazione (p. 107).
Ad esempio, la procedura di pulizia può essere configurata per l'esecuzione dopo
ogni backup e anche con pianificazione.
Questa opzione è disponibile solo se è stata impostata almeno una regola di
conservazione in Regole di conservazione.
Pianificazione della pulizia
Specifica una pianificazione per la pulizia dell'archivio.
(solo se è selezionato
Secondo la pianificazione)
Ad esempio, la pulizia può essere pianificata per l'avvio nell'ultimo giorno di ogni
mese.
Questa opzione è disponibile solo se è stato selezionato Secondo la
pianificazione in Applica regole di conservazione.
2a posizione, 3a posizione, e Specifica dove copiare o spostare (p. 102) i backup dalla posizione corrente.
così via
Questa opzione è disponibile solo se è stata selezionata la casella di controllo
Replica il backup appena creato in un'altra posizione in Come eseguire il
backup o Sposta i backup più vecchi in un'altra posizione nella finestra Regole
di conservazione.
Esempi
Backup completo settimanale
Lo schema seguente produce un backup complete eseguito ogni venerdì sera.
Backup completo: Pianificazione: Settimanale, ogni venerdì alle 10:00 PM
Qui, tutti i parametri, eccetto Pianifica in Backup completo vengono lasciati vuoti. Tutti i backup
nell'archivio vengono mantenuti in modo indefinito (non viene effettuata alcuna pulizia dell'archivio).
74
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Backup completo e incrementale più pulizia
Con il seguente schema, l'archivio sarà costituito da backup completi settimanali e backup
incrementali giornalieri. È richiesto, inoltre, che un backup completo cominci solo dopo che tutti gli
utenti si sono scollegati.
Backup completi: Pianifica: Settimanale, ogni venerdì alle 10:00 PM
Backup completi: Condizioni: Utente disconnesso
Incrementali: Pianifica: Settimanale, ogni giorno lavorativo alle ore 9:00 PM
Consentire, inoltre, l'eliminazione dall'archivio di tutti i backup più vecchi di un anno e l'esecuzione
della pulizia quando viene creato un nuovo backup.
Regole di conservazione: Elimina i backup più vecchi di 12 mesi
Applica le regole: Dopo il backup
Per impostazione predefinita, un backup completo vecchio di un anno non sarà eliminato fino a
quando non saranno soggetti a eliminazione anche tutti i backup incrementali da esso dipendenti.
Per ulteriori informazioni, vedere Regole di conservazione (p. 107).
Backup mensili completi, differenziali settimanali e incrementali giornalieri più pulizia
Questo esempio descrive l'utilizzo di tutte le opzioni disponibili nello schema personalizzato.
Si supponga di avere necessità di uno schema che produca dei backup completi mensili, backup
settimanali differenziali e dei backup incrementali giornalieri. In tal caso, la pianificazione del backup
sarà la seguente.
Backup completi: Pianifica: Mensile, ogni Ultima domenica del mese, alle 9:00 PM
Incrementali: Pianifica: Settimanale, ogni giorno lavorativo alle 7:00 PM
Differenziale: Pianifica: Settimanale, ogni sabato alle 8:00 PM
Inoltre, si desidera aggiungere delle condizioni che devono essere soddisfatte per consentire l'avvio
di un'attività di backup. Queste vengono configurate nei campi Condizioni per ciascun tipo di backup.
Backup completo: Condizioni: Posizione disponibile
Incrementali: Condizioni: Utente disconnesso
Differenziale: Condizioni: L'utente è inattivo
Di conseguenza, un backup completo, inizialmente pianificato alle 9:00 PM, potrebbe effettivamente
essere avviato successivamente: non appena la posizione del backup diviene disponibile.
Analogamente, le attività di backup per i backup incrementali e differenziali attenderanno fino a
quando tutti gli utenti sono disconnessi e gli utenti sono inattivi, rispettivamente.
Infine, vengono create delle regole di conservazione per l'archivio: conservare soltanto i backup degli
ultimi sei mesi, consentire la pulizia dopo ciascuna attività di backup e anche l'ultimo giorno di ogni
mese.
Regole di conservazione: Elimina i backup più vecchi di 6 mesi
Applica le regole: Dopo il backup, Secondo la pianificazione
75
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Pianificazione della pulizia: Mensile, l'Ultimo giorno di Tutti i mesi, alle 10:00 PM
Per impostazione predefinita, un backup non viene eliminato fino a quando presenta dei backup
dipendenti che devono essere conservati. Ad esempio, se un backup completo deve essere eliminato,
ma sono presenti dei backup incrementali o differenziali dipendenti da questo, l'eliminazione viene
posticipata fino a quando verranno eliminati anche tutti i backup dipendenti.
Per ulteriori informazioni, vedere Regole di conservazione (p. 107).
4.2.6.4
Schema Torre di Hanoi
In breve




Fino a 16 livelli di backup completi, differenziali e incrementali
I backup di livello successivo sono due volte meno frequenti dei backup di livello precedente
Viene archiviato un backup alla volta per ogni livello
La densità è maggiore per i backup più recenti
Parametri
Per uno schema Torre di Hanoi è possibile impostare i seguenti parametri.
Pianificazione
Impostare una pianificazione giornaliera (p. 89), settimanale (p. 91) o mensile (p. 93). La
configurazione dei parametri di pianificazione consente la creazione di pianificazioni
semplici (esempio di una pianificazione giornaliera semplice: un'attività di backup verrà
eseguita ogni giorno alle ore 10:00) ma anche pianificazioni più complesse (esempio di
una pianificazione giornaliera complessa: un'attività verrà eseguita ogni 3 giorni, a
partire dal 15 gennaio. Durante i giorni specificati, l'attività verrà ripetuta ogni 2 ore
dalle ore 10:00 alle ore 22:00). Pianificazioni complesse, quindi, specificano le sessioni
in cui deve essere eseguito lo schema. Nella spiegazione seguente, "giorni" può essere
sostituito con "sessioni pianificate".
Numero di livelli
Scegliere da 2 a 16 livelli di backup. Per informazioni dettagliate, esaminare l'esempio
sotto riportato.
Periodo di ripristino
Il numero garantito di sessioni a cui è possibile risalire nell'archivio in qualunque
momento. Calcolato automaticamente, a seconda dei parametri di pianificazione e dei
numeri di livelli selezionati. Per informazioni dettagliate, esaminare l'esempio sotto
riportato.
Tipo di backup
Specifica quali tipi di backup avranno i livelli del backup
 Sempre completo: tutti i livelli del backup saranno completi. Questa è la selezione
predefinita per i casi in cui un'unità a nastro è selezionata come posizione di backup.
 Completo/Differenziale/Incrementale: i backup di livelli diversi avranno tipi diversi:
- I backup dell'ultimo livello sono completi
- I backup di livelli intermedi sono differenziali
- I backup di primo livello sono incrementali
Esempio
I parametri della Pianificazione sono impostati come di seguito indicato


Ripeti: Ogni giorno
Frequenza: Una sola volta alle ore 18:00
Numero di livelli: 4
76
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Tipo di backup: Completo/Differenziale/Incrementale
L'aspetto dei primi 14 giorni (o 14 sessioni) della pianificazione di questo schema è il seguente. I
numeri ombreggiati indicano livelli di backup.
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
4
1
2
1
3
1
2
1
4
1
2
1
3
1
I backup di livelli differenti hanno tipi differenti:



I backup di Ultimo livello (in questo caso il livello 4) sono completi;
I backup di livelli intermedi (2 e 3) sono differenziali;
I backup di Primo livello (1) sono incrementali.
Un meccanismo di pulizia garantisce la conservazione solo dei backup più recenti di ogni livello.
L'aspetto dell'archivio l'ottavo giorno, un giorno prima della creazione di un nuovo backup completo,
è il seguente.
1
2
3
4
5
6
7
8
4
1
2
1
3
1
2
1
Lo schema consente un'efficiente archiviazione dei dati: più backup si accumulano verso il momento
presente. Avendo quattro backup, è possibile ripristinare i dati a partire da oggi, da ieri, da metà
settimana o da una settimana prima.
Periodo di ripristino
Il numero di giorni a cui è possibile risalire nell'archivio varia al variare dei giorni. Il numero minimo di
giorni garantito viene detto periodo di ripristino.
La seguente tabella mostra periodi di ripristino e backup completo per schemi di vari livelli.
Numero di
livelli
Ogni backup
completo
In vari giorni è
possibile
risalire a
Periodo di
ripristino
2
2 giorni
da 1 a 2 giorni
1 giorno
3
4 giorni
da 2 a 5 giorni
2 giorni
4
8 giorni
da 4 a 11 giorni 4 giorni
5
16 giorni
da 8 a 23 giorni 8 giorni
6
32 giorni
da 16 a 47
giorni
16 giorni
L'aggiunta di un livello raddoppia periodi di ripristino e backup completo.
Per scoprire il motivo per cui il numero di giorni di ripristino varia, è necessario tornare all'esempio
precedente.
Di seguito sono indicati i backup del dodicesimo giorno (i numeri in grigio indicano backup eliminati).
1
4
2
1
3
2
4
1
5
3
6
1
7
2
8
1
9
4
10
1
11
2
12
1
Non è stato ancora creato un nuovo backup differenziale di terzo livello, per cui è archiviato ancora il
backup del quinto giorno. Dal momento che questo dipende dal backup del primo giorno, è
77
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
disponibile anche tale backup. In tal modo, è possibile risalire fino a 11 giorni (scenario più
favorevole).
Il giorno seguente, tuttavia, viene creato un nuovo backup differenziale di terzo livello, e il vecchio
backup completo viene eliminato.
1
4
2
1
3
2
4
1
5
3
6
1
7
2
8
1
9
4
10
1
11
2
12
1
13
3
In tal modo, l'intervallo di ripristino è limitato a quattro giorni (scenario meno favorevole).
Il quattordicesimo giorno, l'intervallo è di cinque giorni. Esso aumenta i giorni successivi per poi
diminuire nuovamente, e così via.
1
4
2
1
3
2
4
1
5
3
6
1
7
2
8
1
9
4
10
1
11
2
12
1
13
3
14
1
Il periodo di ripristino mostra quanti giorni sono garantiti anche nei casi più sfavorevoli. Per uno
schema di quarto livello, i giorni sono quattro.
4.2.6.5
Avvio manuale
Con lo schema Avvio manuale, non è necessario specificare la pianificazione del backup. È possibile
eseguire manualmente il piano di backup dalla visualizzazione Piani e attività in un momento
successivo.
Specificare le impostazioni appropriate come indicato di seguito.
Tipo di backup
Selezionare il tipo di backup

Completo: selezionato per impostazione predefinita per tutte le posizioni di backup (tranne
Acronis Cloud Storage).

Incrementale. La prima volta verrà creato un backup completo. I backup successivi saranno
incrementali. Selezionato come unico tipo di backup per Acronis Cloud Storage.

Differenziale. La prima volta verrà creato un backup completo. I backup successivi saranno
differenziali.
4.2.6.6
Raccolta dati iniziali
Questo schema di backup è disponibile quando Acronis Cloud Storage è selezionato come
destinazione di backup. Un backup ha esito positivo solo se si dispone di una licenza per Initial
Seeding (raccolta dati iniziale).
Il servizio Raccolta dati iniziale potrebbe non essere disponibile nella propria regione. Per ulteriori informazioni,
fare clic qui: http://kb.acronis.com/content/15118.
La raccolta dati iniziale consente di trasferire il primo backup, che è completo e di solito è quello di
dimensioni maggiori, nell'archivio nel cloud su un disco rigido anziché su Internet. I backup successivi,
tutti incrementali e molto più piccoli, possono essere trasferiti via Internet dopo l'arrivo del backup
completo nell'archivio nel cloud.
Se si esegue il backup di 500 GB di dati o più, la raccolta dati iniziale assicura un trasferimento più
rapido dei dati del backup e costi del traffico inferiori.
Fare riferimento alla sezione "Domande frequenti sulla Raccolta dati iniziale" per ulteriori dettagli.
78
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4.2.7
Convalida archivio
Impostare l'attività di convalida per controllare se i dati sottoposti a backup sono recuperabili. Se il
backup non ha superato correttamente la convalida, l'attività di convalida non riesce e il piano di
backup restituisce lo status Errore.
La convalida di un backup di file imita il ripristino di tutti i file dal backup a un destinazione non
operativa. La convalida del backup di un volume calcola una somma di controllo per ogni blocco di
dati salvato nel backup.
Per impostare la convalida, specificare i seguenti parametri
1. Quando convalidare: scegliere il momento in cui eseguire la convalida. Dal momento che la
convalida è un'operazione che richiede molte risorse, ha senso pianificarla in un periodo di
scarso carico della macchina gestita. D'altra parte, se la convalida rappresenta un elemento
fondamentale della strategia di protezione dei dati utilizzata e si preferisce essere informati
immediatamente che i dati sottoposti a backup non siano danneggiati e possano essere
ripristinati correttamente, può essere opportuno avviare la convalida appena prima della
creazione del backup.
2. Cosa convalidare: scegliere di convalidare l'intero archivio o l'ultimo backup nell'archivio.
Con la convalida dell'archivio verrà eseguita la convalida di tutti i backup dell'archivio, operazione
che può impiegare molto tempo e notevoli risorse del sistema.
Anche la convalida dell'ultimo backup potrebbe richiedere tempo, anche se questo backup è
incrementale o differenziale e di dimensioni ridotte. Questo perché l'operazione convalida non
solo i dati contenuti fisicamente nel backup, ma anche tutti i dati che possono essere ripristinati
selezionando il backup. A tale scopo è necessario accedere ai backup creati in precedenza.
3. Pianificazione della convalida (compare solo se è stata selezionata l'opzione Secondo la
pianificazione nel passaggio 1): impostare la pianificazione della convalida. Per ulteriori
informazioni, vedere la sezione Pianificazione (p. 87).
4.2.8
Credenziali del piano di backup
Fornire le credenziali dell'account con cui verrà eseguito il piano. Per impostazione predefinita, il
piano viene eseguito con l'account del servizio dell'agente, se creato da un utente con privilegi di
amministrazione sulla macchina. Se creato da un utente regolare, come un membro del gruppo Users,
il piano viene eseguito con l'account di questo utente.
Per specificare le credenziali in modo esplicito
1. Se si dispone di privilegi di amministrazione per il computer, selezionare Utilizza le seguenti
credenziali. In caso contrario, ignorare questo passaggio.
2. Specificare:

Nome utente. Quando si immette il nome di un account utente di Active Directory,
specificare anche il nome del dominio (DOMINIO\Nomeutente o Nomeute[email protected]).


Password. La password dell'account.
Confermare la password. Immettere nuovamente la password.
3. Fare clic su OK.
Per ulteriori informazioni sulle operazioni disponibili a seconda dei privilegi dell'utente, vedere la
sezione Privilegi degli utenti in una macchina gestita (p. 38).
79
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4.2.9
Etichetta (conservazione delle proprietà del computer nel
backup)
Ogni volta che viene seguito il backup dei dati in un computer, le informazioni sul nome del computer,
sul sistema operativo, sul service pack Windows e sull'identificatore di sicurezza (SID) vengono
aggiunte al backup, assieme all'etichetta di testo definita dall'utente. L'etichetta può includere il
nome del dipartimento o del proprietario del computer o informazioni simili che possono essere
utilizzate come etichetta o chiave.
Se viene eseguito il ripristino (p. 140) della macchina in VMware ESX(i) utilizzando l'Agente per
VMware o se viene effettuata la conversione (p. 182) del backup in una macchina virtuale ESX(i),
queste proprietà verranno trasferite alla configurazione della macchina virtuale. È possibile
visualizzarle nelle impostazioni della macchina virtuale: Modifica impostazioni > Opzioni > Avanzate
> Generale > Parametri di configurazione. È possibile selezionare, organizzare e raggruppare le
macchine virtuali con l'aiuto di questi parametri personalizzati. Ciò può risultare utile in diverse
situazioni.
Esempio:
Si ipotizzi di effettuare la migrazione dell'ufficio o del centro dati in un ambiente virtuale. Utilizzando
software di terze parti in grado di accedere ai parametri di configurazione attraverso VMware API, è
possibile applicare automaticamente i criteri di protezione a ogni macchina anche prima di
accenderla.
Per aggiungere un'etichetta di testo a un backup:
1. Nella pagina Crea piano di backup (p. 58), selezionare Mostra credenziali, commenti, etichetta
del piano.
2. In Etichetta, immettere l'etichetta di testo o selezionarla dal menu a discesa.
Specificazione dei parametri
Parametro
Valore
Descrizione
acronisTag.label
<string>
Etichetta definita dall'utente.
L'etichetta può essere configurata da un utente durante la
creazione di un piano di backup.
acronisTag.hostname
<string>
Nome host (FQDN)
acronisTag.os.type
<string>
Sistema operativo
acronisTag.os.servicepack
0, 1, 2...
La versione del Service Pack installata nel sistema.
Solo per sistemi operativi Windows.
acronisTag.os.sid
<string>
SID del computer.
Per esempio:
S-1-5-21-874133492-782267321-3928949834.
Solo per sistemi operativi Windows.
Valori del parametro "acronisTag.os.type"
Windows NT 4
winNTGuest
Windows 2000 Professional
win2000ProGuest
Windows Server 2000
win2000ServGuest
Windows 2000 Advanced Server
win2000ServGuest
80
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Windows XP tutte le edizioni
winXPProGuest
Windows XP tutte le edizioni (64 bit)
winXPPro64Guest
Windows Server 2003, tutte le edizioni
winNetStandardGuest
Windows Server 2003, tutte le edizioni (64 bit)
winNetStandard64Guest
Windows 2008
winLonghornGuest
Windows 2008 (64 bit)
winLonghorn64Guest
Windows Vista
winVistaGuest
Windows Vista (64 bit)
winVista64Guest
Windows 7
windows7Guest
Windows 7 (64 bit)
windows7_64Guest
Windows Server 2008 R2 (64 bit)
windows7Server64Guest
Linux
otherLinuxGuest
Linux (64 bit)
otherLinux64Guest
Altro sistema operativo
otherGuest
Altro sistema operativo (64 bit)
otherGuest64
Esempio
acronisTag.label = “DEPT:BUCH; COMP:SUPERSERVER; OWNER:EJONSON”
acronisTag.hostname = “superserver.corp.local”
acronisTag.os.type = “windows7Server64Guest”
acronisTag.os.servicepack = “1”
acronisTag.os.sid = “S-1-5-21-874133492-782267321-3928949834”
4.2.10 Sequenza di operazioni in un piano di backup
Se un piano di backup consiste in più operazioni, Acronis Backup le esegue nel seguente ordine:
1. pulizia (se configurata Prima di un backup) e convalida (se la pulizia è stata eseguita e la
convalida è configurata per l'esecuzione Dopo l'applicazione delle regole di conservazione).
Se un backup è stato spostato in una posizione diversa durante la pulizia, tutte le operazioni
configurate per le posizioni successive sono eseguite prima di continuare con i passaggi successivi
nella posizione primaria.
2. Esecuzione comando pre-backup.
3. Backup:
a. Esecuzione comando pre-acquisizione dei dati
b. Creazione snapshot
c. Esecuzione comando post-acquisizione dei dati
d. Procedura di backup
4. Avvio della catalogazione del backup.
La catalogazione del backup può essere una procedura che richiede molto tempo. Viene eseguita
parallelamente con i seguenti passaggi.
5. Esecuzione comando post-backup.
6. Creazione del Piano di ripristino di emergenza (PRE).
7. Conversione in macchina virtuale.
81
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
8. Replica del backup.
9. Pulizia.
Se la replica è avvenuta o se un backup è stato spostato in una posizione diversa durante la
pulizia, tutte le operazioni configurate per le posizioni successive sono eseguite prima di
continuare con i passaggi successivi nella posizione primaria.
10. Convalida.
11. Espulsione supporto nastro.
12. Invio notifica e-mail.
4.2.11 Perché il programma chiede la password?
Un'attività pianificata o posticipata deve essere eseguita indipendentemente dagli utenti collegati.
Nel caso in cui non siano state specificate esplicitamente le credenziali con cui l'attività o le attività
verranno eseguite, il programma propone l'utilizzo dell'account dell'utente. Immettere la propria
password, specificare un altro account o passare dall'avvio pianificato a quello manuale.
4.3
Denominazione semplificata dei file di backup
Per utilizzare la denominazione semplificata di file di backup, eseguire una delle seguenti operazioni:

Nella schermata iniziale, fare clic su Crea piano di backup (p. 58), espandere Visualizza
denominazione file di backup, commenti degli archivi, quindi selezionare la casella di controllo
Nomina i file di backup utilizzando il nome dell'archivio….
Quando si esegue il backup su unità RDX o unità flash USB collegata localmente, la casella di
controllo Nomina i file di backup utilizzando il nome dell'archivio... non verrà visualizzata. La
modalità dispositivo rimovibile (p. 210) stabilisce se verrà utilizzato lo schema di denominazione
standard o semplificato. In Linux la casella di controllo verrà visualizzata dopo aver montato
manualmente la periferica.

Nella schermata iniziale, fare clic su Esegui backup adesso (p. 58). La denominazione semplificata
verrà utilizzata quando la destinazione di backup la supporta (consultare "Limitazioni" di seguito).
Quando utilizzare la denominazione di file semplificata

Il nome file del primo backup (completo) all'interno dell'archivio sarà composto dal nome
dell'archivio; per esempio: DatiPersonali.tib. I nomi file dei backup (incrementali o differenziali)
successivi avranno un indice. Per esempio: DatiPersonali2.tib, DatiPersonali3.tib e così a seguire.
Questo schema di denominazione semplice consente di creare un'immagine portatile di un
computer in un supporto rimovibile o di spostare i backup in un posizione diversa usando uno
script.

Prima di creare un nuovo backup completo, il software eliminerà l'intero archivio e ne avvierà
uno nuovo.
Questo comportamento è utile quando si utilizzano a rotazione dischi rigidi USB e si desidera che
ognuno di essi contenga un unico backup completo (p. 85) o tutti i backup creati in una settimana
(p. 86). Ma si può rimanere senza backup se un backup completo su un unica unità non viene
eseguito correttamente.
Questo comportamento può essere soppresso aggiungendo la variabile [Date] (p. 83) al nome
dell'archivio.
Quando utilizzare la denominazione di file standard

82
Ogni backup disporrà di un nome file univoco con l'indicazione esatta dell'ora e del tipo del
backup. Per esempio: DatiPersonali_2010_03_26_17_01_38_960D.tib. Questa denominazione
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
standard dei file consente di ottenere una gamma più ampia di destinazioni di backup e di schemi
di backup.
Limitazioni
La denominazione file semplificata non è disponibile nei casi seguenti:




Utilizzo di un piano di backup centralizzato.
Backup in un deposito gestito, su nastro, in Acronis Secure Zone o Acronis Cloud Storage.
Backup in macchine virtuali utilizzando l'Agente per VMware o l'Agente per Hyper-V.
Backup di dati Microsoft Exchange Server utilizzando l'Agente per Exchange.
Quando viene utilizzata la denominazione dei file semplificata, le seguenti funzionalità non sono
disponibili:

Configurazione di backup completi, incrementali e differenziali con un unico piano di backup. È
necessario creare piani di backup separati per ogni tipo di backup.




Configurazione della replica dei backup.
Configurazione delle regole di conservazione.
Configurazione di una conversione regolare dei backup in macchina virtuale.
Conversione di un backup incrementale o differenziale in uno completo.
Restrizioni sui nomi degli archivi


Il nome dell'archivio non può terminare con un numero.
I file system FAT16, FAT32 e NTFS non consentono l'utilizzo dei seguenti caratteri nel nome del
file: barra rovesciata (\), barra (/), due punti (:), asterisco (*), punto interrogativo (?),
virgolette ("), segno minore di (<), segno maggiore di (>) e barra verticale (|).
4.3.1
Variabile [DATE]
Se viene specificata la variabile [DATE] nel nome dell'archivio, il nome del file di ogni backup
includerà la data di creazione del backup.
Quando viene utilizzata questa variabile, il primo backup di un nuovo giorno sarà un backup
completo. Prima di creare il backup completo successivo, il software eliminerà tutti i backup
effettuati in precedenza nel giorno stesso. I backup effettuati prima di tale giorno verranno
conservati. Ciò significa che è possibile archiviare diversi backup completi con o senza backup
incrementali, ma non oltre un backup completo al giorno. È possibile ordinare i backup per data.
Inoltre è possibile utilizzare uno script per copiare, spostare o eliminare i vecchi backup.
Il valore di questa variabile è la data corrente all'interno delle parentesi ([]). Il formato della data
dipende dalle opzioni regionali sulla macchina. Per esempio, se il formato della data è
anno-mese-giorno, il valore per il 31 gennaio 2012 è [2012-01-31]. I caratteri non supportati
all'interno del nome del file, come le barre (/), sono sostituiti con il carattere di sottolineatura (_).
È possibile inserire questa variabile in qualsiasi posizione del nome dell'archivio. È possibile utilizzare
sia i caratteri minuscoli che maiuscoli in questa variabile.
Esempi
Esempio 1. Si supponga di eseguire backup incrementali due volte al giorno (a mezzanotte e a
mezzogiorno) per due giorni, a partire dal 31 gennaio 2012. Il nome dell'archivio è
ArchivioPersonale-[DATE], il formato della data è anno-mese-giorno. Qui è indicato l'elenco dei file
di backup dopo il secondo giorno:
83
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
ArchivioPersonale-[2012-01-31].tib (completo, creato il 31 gennaio a mezzanotte)
ArchivioPersonale-[2012-01-31]2.tib (incrementale, creato il 31 gennaio a mezzogiorno)
ArchivioPersonale-[2012-02-01].tib (completo, creato il 1 febbraio a mezzanotte)
ArchivioPersonale-[2012-02-01]2.tib (incrementale, creato il 1 febbraio a mezzogiorno)
Esempio 2. Si supponga di eseguire backup completi, con pianificazione, nome di archivio e formato
di data uguali all'esempio precedente. Quindi, l'elenco dei file di backup dopo il secondo giorno sarà
il seguente:
ArchivioPersonale-[2012-01-31].tib (completo, creato il 31 gennaio a mezzogiorno)
ArchivioPersonale-[2012-02-01].tib (completo, creato il 1 febbraio a mezzogiorno)
Questo si verifica perché i backup completi creati a mezzanotte sono stati sostituiti con nuovi backup
completi dello stesso giorno.
4.3.2
Suddivisione del backup e denominazione dei file
semplificata
Quando un backup viene suddiviso secondo le impostazioni di suddivisione del backup (p. 119), la
stessa indicizzazione viene utilizzata anche per nominare le parti del backup. Il nome del file del
backup successivo avrà l'indice disponibile successivo.
Per esempio, si supponga che il primo backup dell'archivio DatiPersonali sia stato suddiviso in due
parti. Quindi, i nomi dei file di questo backup sono DatiPersonali1.tib e DatiPersonali2.tib. Il secondo
backup (supponendo che non sia suddiviso) verrà nominato DatiPersonali3.tib.
4.3.3
Esempi di utilizzo
Questa sezione presenta gli esempi di come utilizzare la denominazione dei file semplificata.
4.3.3.1
Esempio 1. Backup giornaliero che sostituisce il precedente
Considerare il seguente scenario:


Si desidera eseguire un backup completo giornaliero della macchina.

Si desidera che ogni nuovo backup sostituisca il precedente.
Si desidera archiviare i backup su un disco rigido USB collegato localmente nel file
MacchinaPersonale.tib.
In questa situazione, creare un piano di backup con una pianificazione giornaliera. Quando viene
creato il piano di backup, specificare i dischi fissi USB come posizione dell'archivio, selezionare
MacchinaPersonale come nome dell'archivio, selezionare la casella di controllo Nomina i file di
backup utilizzando il nome dell'archivio... e scegliere Completo come tipo di backup.
Risultato. L'archivio consiste in un unico file: MacchinaPersonale.tib. Questo file viene eliminato
prima di creare un nuovo backup.
Quando si sceglie di seguire il backup su unità RDX o unità flash USB collegata localmente, la casella
di controllo Nomina i file di backup utilizzando il nome dell'archivio... non verrà visualizzata.
Assicurarsi che la modalità dispositivo rimovibile (p. 210) sia impostata su Supporto rimovibile.
84
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4.3.3.2
Esempio 2. Backup completi giornalieri con l'indicazione della
data
Considerare il seguente scenario:


Si desidera eseguire un backup completo giornaliero della macchina.
Si desidera spostare i backup precedenti in una posizione remota usando uno script.
In questa situazione, creare un piano di backup con una pianificazione giornaliera. Quando viene
creato il piano di backup, specificare MacchinaPersonale-[DATE] come nome dell'archivio,
selezionare la casella di controllo Nomina i file del backup utilizzando il nome dell'archivio..., quindi
selezionare Completo come tipo di backup.
Risultato:

I backup del 1 gennaio 2012, del 2 gennaio 2012, e così via, vengono archiviati rispettivamente
come MacchinaPersonale-[2012-01-01].tib, MacchinaPersonale-[2012-01-02].tib, e così via.

Lo script è in grado di spostare i backup precedenti in base all'indicazione della data.
Consultare anche "Variabile [Date]" (p. 83).
4.3.3.3
Esempio 3. Backup orari in una giornata
Considerare il seguente scenario:


Si desidera eseguire ogni giorno backup orari dei file fondamentali del server.

Si desidera conservare i backup precedenti nell'archivio.
Si vuole prima che il backup di ogni giorno sia completo e che venga eseguito a mezzanotte;
quindi che i backup successivi della giornata siano differenziali e vengano eseguiti alle 01:00,
02:00, e così via.
In questa situazione, creare un piano di backup con una pianificazione giornaliera. Quando viene
creato il piano di backup, specificare FileServer[DATE] come nome dell'archivio, selezionare la casella
di controllo Nomina i file del backup utilizzando il nome dell'archivio..., specificare Differenziale
come tipo di backup e pianificare l'esecuzione dei backup ogni ora da mezzanotte.
Risultato:

I 24 backup del 01 gennaio 12 verranno archiviati come FileServer[2012-01-01].tib,
FileServer[2012-01-01]2.tib, e così via fino a FileServer[2012-01-01]24.tib.

Il giorno seguente, i backup inizieranno con il backup completo FileServer[2012-01-02].tib.
Consultare anche "Variabile [Date]" (p. 83).
4.3.3.4
Esempio 4. Backup completi giornalieri con cambio giornaliero
delle unità
Considerare il seguente scenario:


Si desidera eseguire un backup completo giornaliero della macchina.

Sono disponibili due dischi di questo tipo. Si desidera cambiarli prima di ogni backup, in modo
che un'unità contenga il backup di oggi e che l'altra contenga quello di domani.

Si desidera che ogni backup sostituisca il backup nell'unità attualmente collegata.
85
Si desidera archiviare i backup su un disco rigido USB collegato localmente nel file
MacchinaPersonale.tib.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
In questa situazione, creare un piano di backup con una pianificazione giornaliera. Quando si crea il
piano di backup:


Specificare MacchinaPersonale come nome dell'archivio.


Selezionare la casella di controllo Nomina i file di backup utilizzando il nome dell'archivio....
In Windows specificare D:\ come posizione dell'archivio, dove D è la lettera di ciascuna delle
unità nel sistema operativo quando è collegata alla macchina.
In Linux creare una directory come /mnt/backup e specificarla come posizione dell'archivio. Ogni
volta che si collega un'unità, assicurarsi di montarla nel punto di montaggio /mnt/backup.
Selezionare Completo come tipo di backup.
Risultato. Ogni disco rigido conterrà un backup completo. Mentre un'unità è collegata al computer, è
possibile conservare l'altra scollegata per una maggiore protezione dei dati.
In Windows se si sceglie di eseguire il backup su unità RDX o unità flash USB collegate localmente, la
casella di controllo Nomina i file di backup utilizzando il nome dell'archivio... non verrà visualizzata.
Assicurarsi che la modalità dispositivo rimovibile (p. 210) sia impostata su Supporto rimovibile.
4.3.3.5
Esempio 5. Backup giornalieri con cambio settimanale delle unità
Considerare il seguente scenario:

Si desidera eseguire backup giornalieri del computer: un backup completo ogni lunedì e backup
incrementali dal martedì al sabato.

Si desidera archiviare i backup su un disco rigido USB collegato localmente nell'archivio
MacchinaPersonale.

Sono disponibili due dischi di questo tipo. Si desidera scambiarle ogni lunedì in modo che
un'unità contenga i backup della settimana corrente (da lunedì a domenica) e l'altra unità a quelli
della settimana precedente.
In questa situazione, è necessario creare due piani di backup come segue:
a) Quando si crea il primo piano di backup:


Specificare MacchinaPersonale come nome dell'archivio.



Selezionare la casella di controllo Nomina i file di backup utilizzando il nome dell'archivio....
In Windows specificare D:\ come posizione dell'archivio, dove D è la lettera delle unità nel
sistema operativo quando è collegata alla macchina.
In Linux creare una directory come /mnt/backup e specificarla come posizione dell'archivio.
Ogni volta che si collega un'unità, assicurarsi di montarla nel punto di montaggio
/mnt/backup.
Selezionare Completo come tipo di backup.
Pianificare i backup per l'esecuzione ogni settimana di lunedì.
b) Quando viene creato il secondo piano di backup, specificare le stesse impostazioni del primo
piano di backup, ma selezionare Incrementale come tipo di backup e pianificare l'esecuzione dei
backup ogni settimana dal martedì al sabato.
Risultato:

Prima di creare un backup per il lunedì (attraverso il primo piano di backup), tutti i backup
verranno eliminati dall'unità attualmente collegata.

Mentre un'unità è collegata al computer, è possibile conservare l'altra scollegata per una
maggiore protezione dei dati.
86
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
In Windows se si sceglie di eseguire il backup su unità RDX o unità flash USB collegate localmente, la
casella di controllo Nomina i file di backup utilizzando il nome dell'archivio... non verrà visualizzata.
Assicurarsi che la modalità dispositivo rimovibile (p. 210) sia impostata su Supporto rimovibile.
4.3.3.6
Esempio 6. Backup negli orari di lavoro
Considerare il seguente scenario:



Si desidera eseguire ogni giorno il backup dei file importanti dei server.

Si desidera includere una data di creazione nel nome di ogni file di backup.
Si desidera che il primo backup di ogni giorno sia completo e che venga eseguito alle 01:00.
Si desidera che i backup durante le ore di lavoro siano differenziali e vengano eseguiti ogni ora
dalle 8:00 alle 17:00.
In questa situazione, è necessario creare due piani di backup come segue:
a) Quando viene creato il primo piano di backup, specificare FileServer[DATE] come nome
dell'archivio, selezionare la casella di controllo Nomina i file del backup utilizzando il nome
dell'archivio..., selezionare Completo come tipo di backup e pianificare l'esecuzione dei backup
ogni giorno alle 01:00:00.
b) Quando viene creato il secondo piano di backup, specificare le stesse impostazioni del primo, ma
selezionare Differenziale come tipo di backup e pianificare i backup come segue:




Esegui l'attività: Quotidianamente
Ogni: 1 ora/e
Dalle: 08:00:00
Alle: 17:01:00
Risultato:


Il backup completo del 31.01.12 verrà archiviato come FileServer[2012-01-31]tib.

Il giorno seguente, il 1 febbraio, i backup inizieranno con il backup completo
FileServer[2012-02-01].tib. I backup differenziali inizieranno con FileServer[2012-02-01]2.tib.
I 10 backup differenziali del 31 gennaio 12 verranno archiviati come FileServer[2012-01-31]2.tib,
FileServer[2012-01-31]3.tib e così via fino a FileServer[2012-01-31]11.tib.
Consultare anche "Variabile [Date]" (p. 83).
4.4
Programmazione
L'unità di pianificazione Acronis aiuta l'amministratore ad adattare i piani di backup alle attività
giornaliere della società e alle esigenze di ciascun dipendente. Le attività dei piani verranno avviate
sistematicamente mantenendo i dati importanti protetti in modo sicuro.
La pianificazione è disponibile quando si crea un piano di backup (p. 58) con uno dei seguenti schemi
di backup: Semplice, Personalizzato o Torre di Hanoi. la pianificazione può essere impostata anche
per le attività di convalida (p. 257).
L'unità di pianificazione utilizza l'ora locale del computer in cui è presente il piano di backup. Prima
della creazione di una pianificazione, accertarsi che le impostazioni di data e ora del computer siano
corrette.
87
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Pianificazione
Per definire quando un'attività deve essere eseguita, è necessario specificare uno o più eventi.
L'attività verrà avviata non appena si verifica uno qualsiasi degli eventi. Nella tabella seguente sono
elencati gli eventi disponibili nei sistemi operativi Windows e Linux.
Evento
Windows
Linux
Ora: Giornaliero, Settimanale, Mensile
+
+
Tempo trascorso dal completamento dell'ultimo backup riuscito nell'ambito dello
stesso piano di backup
+
+
+
-
+
-
Avvio del sistema
+
+
Spegnimento del sistema
+
-
Un evento nel registro eventi di Windows
+
-
(specificare la durata)
Accesso utente
(tutti gli utenti, utente corrente, specificare l'account dell'utente)
Disconnessione dell'utente*
(tutti gli utenti, utente corrente, specificare l'account dell'utente)
*Lo spegnimento non è uguale alla disconnessione. L'attività non verrà eseguita
allo spegnimento del sistema.
(specificare i parametri dell'evento)
Condizione
Soltanto per le operazioni di backup, è possibile specificare una o più condizioni in aggiunta agli
eventi. Quando si verifica uno qualsiasi degli eventi, l'unità di pianificazione verifica la condizione e,
se tale condizione è soddisfatta, esegue l'attività. In caso di più condizioni, è necessario che tutte
vengano soddisfatte contemporaneamente per consentire l'esecuzione dell'attività. Nella tabella
seguente sono elencate le condizioni disponibili nei sistemi operativi Windows e Linux.
Condizione: eseguire l'attività soltanto se
Windows
Linux
L'utente è inattivo (uno screen saver è in esecuzione oppure il computer è
bloccato)
+
-
Host della posizione non disponibile
+
+
L'ora di esecuzione dell'attività rientra nell'intervallo di tempo specificato
+
+
Tutti gli utenti sono disconnessi
+
-
Il periodo di tempo specificato è trascorso dal momento del completamento
dell'ultimo backup riuscito nell'ambito dello stesso piano di backup
+
+
Il comportamento dell'unità di pianificazione, qualora l'evento si verifichi ma la condizione (o una
qualsiasi delle varie condizioni) non viene soddisfatta, viene definito dall'opzione di backup
Condizioni di avvio dell'attività (p. 136).
Cosa fare se...

88
Cosa succede se un evento si verifica (e una condizione, se presente, viene soddisfatta) mentre
l'esecuzione dell'attività precedente non è stata completata?
L'evento verrà ignorato.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Cosa succede se un evento si verifica mentre l'unità di pianificazione è in attesa della
condizione richiesta dall'evento precedente?
L'evento verrà ignorato.

Cosa succede se la condizione non viene soddisfatta per un lungo periodo di tempo?
Se il ritardo di un backup diventa rischioso, è possibile forzare la condizione (comunicare agli
utenti di disconnettersi) oppure eseguire l'attività manualmente. Per gestire automaticamente
questa situazione, è possibile impostare l'intervallo di tempo dopo il quale l'attività verrà
eseguita indipendentemente dalla condizione.
4.4.1
Pianificazione giornaliera
La pianificazione giornaliera è efficace per i sistemi operativi Windows and Linux.
Per specificare una pianificazione giornaliera
Nell'area Pianificazione, selezionare il parametro appropriato come segue:
Ogni: <...> giorno(i)
Impostare un numero determinato di giorni in cui si desidera eseguire
l'attività. Ad esempio, se si imposta Ogni 2 giorni, l'attività verrà avviata a
giorni alterni.
Nell'area Durante il giorno esegui l'attività..., selezionare una delle seguenti opzioni:
Una volta alle: <...>
Impostare l'ora in cui l'attività verrà eseguita una volta.
Ogni: <...>
Impostare il numero di volte in cui l'attività verrà riavviata durante l'intervallo
di tempo specificato. Ad esempio, l'impostazione della frequenza dell'attività
su Ogni 1 ora Dalle 10:00:00 alle 22:00:00 consente di eseguire l'attività 12
volte: dalle 10:00 alle 22:00 durante una giornata.
Dal: <...> A: <...>
Nell'area Effettivo..., utilizzare le seguenti impostazioni:
Dal: <...>
Impostare una data di attivazione della pianificazione (una data effettiva). Se
la casella di controllo è deselezionata, l'attività verrà avviata nel giorno e
nell'ora più prossimi indicati in precedenza.
Al: <...>
Impostare una data di disattivazione della pianificazione. Se la casella di
controllo è deselezionata, l'attività verrà eseguita per un numero indefinito di
giorni.
Le Impostazioni di pianificazione avanzate (p. 97) sono disponibili soltanto per le macchine registrate
su Acronis Backup Management Server. Per specificare queste impostazioni, fare clic su Modifica
nell'area Impostazioni avanzate.
Tutte le impostazioni configurate vengono visualizzate nel campo Risultato nella parte inferiore della
finestra.
Esempi
Pianificazione giornaliera "Semplice"
Eseguire l'attività ogni giorno alle 18:00.
I parametri della pianificazione sono pertanto impostati come segue.
1. Ogni: 1 giorno(i).
2. Una volta alle: 06:00:00 PM.
3. Esecuzione:
89
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Da: non impostato. L'attività verrà avviata nel giorno corrente, se è stata creata prima delle
18:00. Se l'attività è stata creata dopo le 6 PM, verrà avviata per la prima volta il giorno
successivo alle 18:00.
Al: non impostato. L'attività verrà eseguita per un numero indefinito di giorni.
Pianificazione "Ogni tre ore per tre mesi"
Eseguire l'attività ogni tre ore. L'attività viene eseguita in una determinata data (ad esempio, il 15
settembre 2009) e termina dopo tre mesi.
I parametri della pianificazione sono pertanto impostati come segue.
1. Ogni: 1 giorno(i).
2. Ogni: 3 ore
Da: 00:00:00 (mezzanotte) Alle: 21:00:00: in tal modo, l'attività verrà eseguita 8 volte al giorno
con un intervallo di tempo di 3 ore. Al termine dell'ultima ricorrenza del giorno, alle 21:00 , inizia
il giorno successivo e l'attività riprende da mezzanotte.
3. Esecuzione:
Da: 09/15/2009. Se 15 settembre 2009 è la data corrente di creazione dell'attività e, ad esempio,
13:15 è l'ora di creazione dell'attività, questa verrà avviata nell'intervallo di tempo più prossimo:
alle 15:00 in questo esempio.
Al: 12/15/2009. In questa data l'attività verrà eseguita per l'ultima volta, ma l'attività stessa è
ancora disponibile nella visualizzazione Attività.
Varie pianificazioni giornaliere per un'attività
Sono presenti alcuni casi in cui potrebbe essere necessario eseguire l'attività più volte al giorno
oppure più volte in un giorno con diversi intervalli di tempo. In tali casi, considerare l'aggiunta di
varie pianificazioni per una singola attività.
Ad esempio, supporre che l'attività debba essere eseguita ogni terzo giorno, a partire dal 20/09/2009,
cinque volte al giorno:





la prima volta alle 8 AM
la seconda volta alle 12:00 (mezzogiorno)
la terza volta alle 15:00
la quarta volta alle 17:00
la quinta volta alle 19:00
Il metodo più ovvio è aggiungere cinque pianificazioni semplici. Valutando meglio, sarà possibile
trovare un metodo migliore. Infatti, l'intervallo di tempo tra la prima e la seconda ricorrenza
dell'attività è di 4 ore e tra la terza, la quarta e la quinta è di 2 ore. In tal caso, il metodo migliore è
aggiungere due pianificazioni all'attività.
Prima pianificazione giornaliera
1. Ogni: 3 giorno(i).
2. Ogni: 4 ore.
Da: 08:00:00 Alle: 12:00:00.
3. Esecuzione:
Da: 09/20/2009.
Al: non impostato.
Seconda pianificazione giornaliera
90
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
1. Ogni: 3 giorno(i).
2. Ogni: 2 ora(e).
Da: 15:00:00 Alle: 19:00:00.
3. Esecuzione:
Da: 09/20/2009.
Al: non impostato.
4.4.2
Pianificazione settimanale
La pianificazione settimanale è effettiva per i sistemi operativi Windows and Linux.
Per specificare una pianificazione settimanale
Nell'area Pianificazione, selezionare il parametro appropriato come segue:
Ogni: <...> settimane il: <...>
Specificare un determinato numero di settimane e giorni della settimana in
cui si desidera eseguire l'attività. Ad esempio, con l'impostazione Ogni 2
settimane il Lun, l'attività verrà eseguita il lunedì a settimane alterne.
Nell'area Durante il giorno esegui l'attività..., selezionare una delle seguenti opzioni:
Una volta alle: <...>
Impostare l'ora in cui l'attività verrà eseguita una volta.
Ogni: <...>
Impostare il numero di volte in cui l'attività verrà eseguita durante l'intervallo
di tempo specificato. Per esempio, l'impostazione della frequenza dell'attività
su Ogni 1 ora Dalle 10:00:00 AM alle 10:00:00 PM consente di eseguire
l'attività 12 volte dalle 10 AM to 10 PM in un giorno.
Dal: <...> A: <...>
Nell'area Effettivo..., utilizzare le seguenti impostazioni:
Dal: <...>
Impostare una data di attivazione della pianificazione (una data effettiva). Se
la casella di controllo è deselezionata, l'attività verrà avviata nel giorno e
nell'ora più prossimi indicati in precedenza.
Al: <...>
Impostare una data di disattivazione della pianificazione. Se la casella di
controllo è deselezionata, l'attività verrà eseguita per un numero indefinito di
settimane.
Le Impostazioni di pianificazione avanzate (p. 97) sono disponibili soltanto per le macchine registrate
su Acronis Backup Management Server. Per specificare queste impostazioni, fare clic su Modifica
nell'area Impostazioni avanzate.
Tutte le impostazioni configurate vengono visualizzate nel campo Risultato nella parte inferiore della
finestra.
Esempi
Pianificazione "Un giorno a settimana"
Eseguire l'attività tutti i Venerdì alle 22:00, a partire da una determinata data (ad esempio, 14/05/09)
e terminando dopo sei mesi.
I parametri della pianificazione sono pertanto impostati come segue.
1. Ogni: 1 settimana il: Ven.
2. Una volta alle: 22:00:00.
3. Esecuzione:
Dalle: 13/05/09. L'attività verrà avviata il prossimo Venerdì alle 22:00 .
91
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Alle: 13/11/09. L'attività verrà eseguita per l'ultima volta in questa data, tuttavia l'attività stessa
resterà disponibile nella visualizzazione Attività dopo tale data. (se la data non dovesse
corrispondere ad un venerdì, l'attività verrà eseguita per l'ultima volta l'ultimo venerdì che
precede tale data)
Questa pianificazione è ampiamente utilizzata nella creazione di uno schema di backup
personalizzato. La pianificazione "Un giorno a settimana" è aggiunta ai backup completi.
Pianificazione "Giorni lavorativi"
Eseguire l'attività tutte le settimane nei giorni lavorativi: da lunedì a venerdì. In un giorno lavorativo,
l'attività viene avviata soltanto una volta alle 9 PM.
I parametri della pianificazione sono pertanto impostati come segue.
1. Ogni: 1 settimana, di: Giorni lavorativi: selezionando la casella di controllo <giorni lavorativi>
vengono selezionate automaticamente le caselle di controllo corrispondenti (Lun, Mar, Mer, Gio
e Ven) lasciando quelle rimanenti invariate.
2. Una volta alle: 09:00:00 PM.
3. Esecuzione:
Da: vuoto. Se l'utente ha creato l'attività, ad esempio Lunedì alle 11:30 AM, l'attività verrà
avviata nello stesso giorno alle 9 AM. Se l'attività era stata creata, ad esempio il Venerdì dopo le
9 PM, questa verrà avviata per la prima volta il giorno lavorativo successivo (in questo esempio,
Lunedì) alle 9 PM.
Data di conclusione: vuoto. L'attività verrà riavviata per un numero indefinito di settimane.
Questa pianificazione è ampiamente utilizzata nella creazione di uno schema di backup
personalizzato. La pianificazione di tipo "Giorni lavorativi" viene aggiunta ai backup incrementali,
mentre il backup completo viene pianificato per essere eseguito un giorno a settimana. Per ulteriori
dettagli, vedere Backup completi e incrementali nonché l'esempio di pulizia nella sezione Schema di
backup personalizzato (p. 73).
Varie pianificazioni settimanali per un'attività
Nel caso in cui l'attività deve essere eseguita in giorni differenti delle settimane con intervalli di
tempo, considerare l'aggiunta di una pianificazione dedicata per ogni giorno desiderato della
settimana o per vari giorni.
Ad esempio, è necessario che l'attività venga eseguita con la seguente pianificazione:







Lunedì: due volte alle 12 PM (mezzogiorno) e alle 9 PM
Martedì: ogni 3 ore dalle 9 00 alle 21 00
Mercoledì: ogni 3 ore dalle 9 00 alle 21 00
Giovedì: ogni 3 ore dalle 9 00 alle 21 00
Venerdì: due volte alle 12 PM e alle 9 PM (ovvero esattamente come il lunedì)
Sabato: una volta alle 9 PM
Domenica: una volta alle 9 PM
Combinando gli elementi identici, sarà possibile aggiungere all'attività le seguenti tre pianificazioni:
Prima pianificazione
1. Ogni: 1 settimana, di: Lun, Ven.
2. Ogni: 9 ore
92
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Da: 12:00:00 PM Alle: 09:00:00 PM.
3. Esecuzione:
Da: non impostato.
Al: non impostato.
Seconda pianificazione
1. Ogni 1 settimana(e), il: Mar, Mer, Gio.
2. Ogni 3 ore
Dalle 09:00:00 AM alle 09:00:00 PM.
3. Esecuzione:
Da: non impostato.
Al: non impostato.
Terza pianificazione
1. Ogni: 1 settimana, di: Sab, Dom.
2. Una volta alle: 09:00:00 PM.
3. Esecuzione:
Da: non impostato.
Al: non impostato.
4.4.3
Pianificazione mensile
La pianificazione mensile è effettiva per i sistemi operativi Windows e Linux.
Per specificare una pianificazione mensile
Nell'area Pianificazione, selezionare il parametro appropriato come segue:
Mesi: <...>
Selezionare un mese o dei mesi in cui si desidera eseguire l'attività.
Giorni: <...>
Selezionare dei giorni specifici del mese in cui eseguire l'attività. Inoltre, è
possibile selezionare l'ultimo giorno del mese, indipendentemente dalla data
effettiva.
Il: <...> <...>
Selezionare dei giorni specifici delle settimane in cui eseguire l'attività.
Nell'area Durante il giorno esegui l'attività..., selezionare una delle seguenti opzioni:
Una volta alle: <...>
Impostare l'ora in cui l'attività verrà eseguita una volta.
Ogni: <...>
Impostare il numero di volte in cui l'attività verrà eseguita durante l'intervallo
di tempo specificato. Per esempio, l'impostazione della frequenza dell'attività
su Ogni 1 ora Dalle 10:00:00 AM alle 10:00:00 PM consente di eseguire
l'attività 12 volte dalle 10 AM to 10 PM in un giorno.
Dal: <...> A: <...>
Nell'area Effettivo..., utilizzare le seguenti impostazioni:
Dal: <...>
Impostare una data di attivazione della pianificazione (una data effettiva). Se
la casella di controllo è deselezionata, l'attività verrà avviata nel giorno e
nell'ora più prossimi indicati in precedenza.
Al: <...>
Impostare una data di disattivazione della pianificazione. Se la casella di
controllo è deselezionata, l'attività verrà eseguita per un numero indefinito di
mesi.
93
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Le Impostazioni di pianificazione avanzate (p. 97) sono disponibili soltanto per le macchine registrate
su Acronis Backup Management Server. Per specificare queste impostazioni, fare clic su Modifica
nell'area Impostazioni avanzate.
Tutte le impostazioni configurate vengono visualizzate nel campo Risultato nella parte inferiore della
finestra.
Esempi
Pianificazione "Ultimo giorno di ogni mese"
Eseguire l'attività una volta alle 10 PM l'ultimo giorno di ogni mese.
I parametri della pianificazione sono impostati come segue.
1. Mesi: <Tutti i mesi>.
2. Giorni: Ultimo. L'attività verrà eseguita l'ultimo giorno di ogni mese, indipendentemente dalla
data effettiva.
3. Una volta alle: 22:00:00.
4. Esecuzione:
Da: vuoto.
Al: vuoto.
Questa pianificazione è ampiamente utilizzata nella creazione di uno schema di backup
personalizzato. La pianificazione "Ultimo giorno di ogni mese" viene aggiunta ai backup completi,
mentre i backup differenziali vengono pianificati per essere eseguiti una volta a settimana e gli
incrementali nei giorni lavorativi. Per ulteriori informazioni, vedere i backup mensili completi,
differenziali settimanali e incrementali giornalieri, nonché l'esempio di pulizia nella sezione Schema
di backup personalizzato (p. 73).
Pianificazione "Stagionale"
Eseguire l'attività in tutti i giorni lavorativi durante le stagioni autunnali boreali del 2009 e 2010. In un
giorno lavorativo, l'attività viene eseguita ogni 6 ore dalle 00:00 (mezzanotte) alle 18:00 .
I parametri della pianificazione sono impostati come segue.
1. Mesi: settembre, ottobre, novembre.
2. Il: <tutti> <giorni lavorativi>.
3. Ogni: 6 ore.
Da: 12:00:00 AM Alle: 18:00:00.
4. Esecuzione:
Da: 30/08/2009. Effettivamente l'attività verrà avviata il primo giorno lavorativo di settembre.
Mediante l'impostazione di questa data, viene definito che l'attività deve essere avviata nel 2009.
Al: 01/12/2010. Effettivamente l'attività verrà terminata l'ultimo giorno lavorativo di novembre.
Mediante l'impostazione di questa data, viene definito che l'attività deve interrotta nel 2010, al
termine dell'autunno nell'emisfero boreale.
Varie pianificazioni mensili per un'attività
Se un'attività deve essere eseguita in giorni o settimane diverse entro intervalli di tempo differenti a
seconda del mese, è opportuno considerare di aggiungere una pianificazione dedicata di ogni mese
desiderato o di vari mesi.
Supporre che l'attività inizi a partire dal 01/11/2009.
94
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015


Durante l'inverno boreale, l'attività viene eseguita alle 10 PM di ogni giorno lavorativo.

Durante l'estate boreale, l'attività viene eseguita il primo e il quindicesimo giorno di ogni mese
alle 10 PM.
Durante la primavera e l'autunno boreale, l'attività viene eseguita ogni 12 ore in tutti i giorni
lavorativi.
Pertanto, le tre seguenti attività vengono aggiunte all'attività.
Prima pianificazione
1.
2.
3.
4.
Mesi: Dicembre, Gennaio, Febbraio.
Il: <Tutti> <Tutti i giorni lavorativi>
Una volta alle: 22:00:00.
Esecuzione:
Da: 11/01/2009.
Al: non impostato.
Seconda pianificazione
1. Mesi: Marzo, Aprile, Maggio, Settembre, Ottobre, Novembre.
2. Il: <Tutti> <Tutti i giorni lavorativi>.
3. Ogni: 12 ore
Da: 12:00:00 AM Alle: 12:00:00.
4. Esecuzione:
Da: 11/01/2009.
Al: non impostato.
Terza pianificazione
1.
2.
3.
4.
Mesi: Giugno, Luglio, Agosto.
Giorni: 1, 15.
Una volta alle: 22:00:00.
Esecuzione:
Da: 11/01/2009.
Al: non impostato.
4.4.4
Con evento del Registro eventi di Windows
Questo tipo di pianificazione è effettiva soltanto nei sistemi operativi Windows.
È possibile pianificare un'attività di backup da avviare quando un determinato evento Windows viene
registrato in uno dei registri eventi, quali Applicazione, Sicurezza o Sistema.
Ad esempio, potrebbe essere necessario configurare un piano di backup che esegua
automaticamente un backup completo di emergenza dei dati non appena Windows rileva che l'unità
disco rigido sta per arrestarsi.
Parametri
Nome registro
95
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Specifica il nome del registro. Selezionare il nome di un registro standard (Applicazione,
Sicurezza o Sistema) dall'elenco o digitare un nome registro, ad esempio:
Sessioni Microsoft Office
Origine evento
Specifica l'origine evento, che in genere indica il programma o la componente di sistema che ha
causato l'evento, ad esempio: disco
Tipo di evento
Specifica il tipo di evento: Errore, Avviso, Informazione, Audit riuscito, o Audit fallito.
ID evento
Specifica il numero evento, che in genere consente di identificare il tipo particolare di eventi fra
gli eventi della stessa origine.
Per esempio, un evento di Errore con discoorigine evento e ID Evento 7 si verifica quando
Windows rileva un blocco danneggiato in un disco, mentre un evento di Errore con
discoorigine evento e ID Evento 15 si verifica quando un disco non è ancora pronto per l'accesso.
Esempi
Backup di emergenza "Blocco danneggiato"
In genere, uno o più blocchi danneggiati visualizzati improvvisamente sul disco rigido indicano che
l'unità disco rigido si arresterà presto. Si supponga di creare un piano di backup con cui effettuare il
backup dei dati del disco rigido non appena questo tipo di situazione si verifica.
Quando Windows rileva un blocco danneggiato in un disco rigido, registra un evento con il disco di
origine dell'evento e l'evento numero 7 nel registro di Sistema; questo evento è di tipo Errore.
Nella creazione del piano, digitare o selezionare gli elementi seguenti nell'area Pianifica:




Nome registro: Sistema
Origine evento: disco
Tipo di evento: Errori
ID evento: 7
Importante: Per accertarsi che questo tipo di attività venga completata indipendentemente dalla presenza di
blocchi danneggiati, è necessario che l'attività ignori i blocchi danneggiati. A tal fine, in Opzioni di backup
passare a Gestione degli errori e selezionare la casella di controllo Ignora settori difettosi.
Backup preaggiornato in Vista
Supporre la creazione di un piano di backup che eseguirà automaticamente un backup del sistema,
mediante il backup del volume in cui Windows è installato, ogni volta che Windows installa degli
aggiornamenti.
Con il download di uno o più aggiornamenti e la pianificazione della relativa installazione, il sistema
operativo Windows Vista di Microsoft registra un evento con l'origine evento
Microsoft-Windows-WindowsUpdateClient e il numero evento 18 nel registro di Sistema; questo
evento è di tipo Informazioni.
Nella creazione del piano, digitare o selezionare gli elementi seguenti nell'area Pianifica:


96
Nome registro: Sistema
Origine evento: Microsoft-Windows-WindowsUpdateClient
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015


Tipo di evento: Informazione
ID evento: 18
Suggerimento: Per impostare un piano di backup simile per macchine in esecuzione con Microsoft Windows XP,
sostituire il testo in Origine evento con Windows Update Agent e lasciare uguali i campi restanti.
Come visualizzare gli eventi nel Visualizzatore Eventi
Per aprire un registro in Visualizzatore Eventi
1. Dal Desktop o nel menu Start, fare clic con il pulsante destro su Computer e scegliere Gestione.
2. Nella console Gestione computer, espandere Utilità di sistema ed espandere Visualizzatore
Eventi.
3. In Visualizzatore eventi, fare clic sul nome di un registro che si desidera visualizzare, ad esempio
Applicazione.
Nota: Per potere aprire il registro di sicurezza (Sicurezza), è necessario essere membri del gruppo
Administrators.
Per visualizzare le proprietà di un evento, inclusa l'origine evento e il numero evento
1. In Visualizzatore eventi, fare clic sul nome di un registro che si desidera visualizzare, ad esempio
Applicazione.
Nota: Per potere aprire il registro di sicurezza (Sicurezza), è necessario essere membri del gruppo
Administrators.
2. Nell'elenco di eventi del riquadro di destra, fare doppio clic sul nome di un evento di cui si
desidera visualizzare le proprietà.
3. Nella finestra di dialogo Proprietà evento, visualizzare le proprietà dell'evento, quali l'origine
evento, indicata nel campo Origine e il numero evento, indicato nel campo ID evento.
Al termine, fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Proprietà evento.
4.4.5
Impostazioni di pianificazione avanzate
Le seguenti impostazioni avanzate sono disponibili quando si definisce una pianificazione giornaliera,
settimanale o mensile in un piano di backup centralizzato.
Utilizzare Wake-on-LAN
Quando questa opzione è abilitata, Acronis Backup Management Server utilizzerà la funzionalità
Wake-on-LAN per attivare le macchine registrate spente nel momento in cui è stato pianificato
l'avvio di un'attività di backup, pulizia o convalida. Se una qualsiasi di queste operazioni viene avviata
manualmente, non verrà utilizzata la funzionalità Wake-on-LAN.
Se l'attività di backup su ciascuna macchina inizia in ritardo (vedere l'impostazione successiva), il
server di gestione attiverà le macchine tenendo conto di tale ritardo.
Prima di utilizzare questa impostazione, assicurarsi di aver abilitato la funzionalità Wake-on-LAN sulle
macchine registrate. La configurazione del sistema di base input/output system (BIOS) della
macchina, la configurazione dell'adattatore di rete e la configurazione del sistema operativo devono
permettere di attivare le macchine dallo stato di spento, conosciuto anche come stato S5 o G2.
97
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Distribuisci l'ora di avvio nella finestra dell'ora.
Quando è disponibile questa impostazione, l'attività di backup su ciascuna macchina registrata
inizierà con un ritardo specifico rispetto all'ora di avvio impostata nel piano di backup. In questo
modo, le ore effettive di avvio delle attività verranno distribuite all'interno di un intervallo di tempo.
Per evitare un sovraccarico di rete, potrebbe essere necessario utilizzare questa impostazione
durante la creazione di un piano di backup centralizzato per eseguire il backup di più macchine in una
posizione di rete.
I valori di ritardo variano da zero al valore di ritardo massimo specificato e sono determinati in base
al metodo di distribuzione scelto. Il valore di ritardo per ciascuna macchina è determinato quando il
piano di backup viene distribuito sulla macchina e rimane invariato fino a quando si modifica il piano
di backup e si cambia il valore di ritardo massimo.
Eventuali condizioni saranno verificate all'avvio effettivo dell'attività su ciascuna singola macchina.
I seguenti esempi illustrano questa impostazione.
Esempio 1
Supponiamo che si stia distribuendo un piano di backup centralizzato su tre macchine diverse
con la seguente pianificazione:
Esegui l'attività: Giornalmente
Una sola volta alle ore: 09:00:00 .
Distribuisci l'ora di avvio all'interno della finestra dell'ora
Ritardo massimo: 1 ora
Metodo di distribuzione: Casuale
In questo caso, l'ora di avvio dell'attività su ciascuna macchina può essere qualunque orario tra le
09.00.00 e le 09:59:59 . Per esempio:
Prima macchina: Ogni giorno alle 09:30:03 .
Seconda macchina: Ogni giorno alle 09:00:00 .
Terza macchina: Ogni giorno alle .
Esempio 2
Supponiamo che si stia distribuendo un piano di backup centralizzato su tre macchine diverse
con la seguente pianificazione:
Esegui l'attività: Giornalmente
Ogni: 2 ore Dal: 09:00: , fino alle: 11:00:00 .
Distribuisci l'ora di avvio all'interno della finestra dell'ora
Ritardo massimo: 1 ora
Metodo di distribuzione: Casuale
In questo caso, l'ora della prima esecuzione dell'attività su ciascuna macchina quindi può essere
qualunque orario tra le 09:00:00 e le 09:59:59; l'intervallo tra la prima e la seconda esecuzione è
esattamente di due ore. Per esempio:
Prima macchina: Ogni giorno alle 09:30:03 e alle 11:30:03
Seconda macchina: Ogni giorno alle 09:00:00 e alle 11:00:00
Terza macchina: Ogni giorno alle 09:59:59 e alle 11:59:59
Per specificare le impostazioni avanzate
1. Effettuare la connessione al server di gestione e iniziare la creazione di un piano di backup.
98
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
2. In Come eseguire il backup, selezionare lo schema di backup Semplice, GFS
(Grandfather-Father-Son), Torre di Hanoi o Personalizzato.
3. A seconda dello schema di backup, eseguire una delle seguenti operazioni:


Per lo schema di backup GFS (Grandfather-Father-Son), selezionare Impostazioni avanzate.
Per lo schema di backup Semplice, Torre di Hanoi o Personalizzato:
a. Selezionare Pianificazione per specificare una pianificazione dello schema.
b. Sotto la voce Esegui l'attività, selezionare Giornalmente, Settimanalmente, o Mensilmente.
c. Nell'area Impostazioni avanzate, fare clic su Modifica.
4. Per abilitare l'utilizzo della funzionalità, selezionare la casella Utilizza Wake-on-LAN.
5. Per distribuire le ore di avvio delle attività di backup centralizzato, selezionare la casella
Distribuire l'ora di avvio all'interno della finestra dell'ora, quindi specificare il valore di ritardo
massimo e il metodo di distribuzione.
4.4.6
Condizioni
Le condizioni aggiungono maggiore flessibilità alla pianificazione, consentendo di eseguire le attività
di backup rispetto a determinate condizioni. Quando si verifica un evento specificato (per l'elenco di
eventi disponibili, consultare la sezione "Pianificazione (p. 87)"), la pianificazione verifica la
condizione specificata ed esegue l'attività se la condizione è soddisfatta.
Le condizioni sono disponibili solo quando viene utilizzato lo schema di backup predefinito (p. 73). È possibile
impostare le condizioni per backup completi, incrementali e differenziali separatamente.
Il comportamento dell'unità di pianificazione, qualora l'evento si verifichi, ma la condizione (o una
qualsiasi delle varie condizioni) non venga soddisfatta, viene definito dall'opzione di backup
Condizioni di avvio dell'attività (p. 136). Qui, è possibile specificare l'importanza delle condizioni per
la strategia di backup:

le condizioni sono obbligatorie: metti in attesa l'attività di backup fino a quando tutte le
condizioni sono soddisfatte.

le condizioni sono preferibili, ma l'esecuzione di un'attività di backup ha maggiore priorità; metti
in attesa l'attività di backup per l'intervallo di tempo specificato. Se l'intervallo di tempo scade e
le condizioni non sono ancora soddisfatte, esegui comunque l'attività. Mediante questa
impostazione, il programma gestirà automaticamente la situazione quando le condizioni non
sono soddisfatte per troppo tempo e un'ulteriore ritardo del backup non è consigliabile.

questioni relative all'ora di avvio dell'attività di backup: ignora l'attività di backup se le condizioni
non sono soddisfatte nel momento in cui l'attività dovrebbe essere soddisfatta. Ignora
l'esecuzione dell'attività risulta utile quando è necessario il backup di dati necessariamente
all'ora specificata, in particolare se gli eventi sono relativamente frequenti.
Aggiunta di più condizioni
Se vengono specificate due o più condizioni, il backup verrà avviato solo quando tutte sono
soddisfatte.
4.4.6.1
Utente inattivo
Si applica a: Windows
"Utente inattivo" indica che uno screen saver è in esecuzione nella macchina gestita oppure la
macchina è bloccata.
99
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Esempio:
Eseguire l'attività di backup nella macchina gestita ogni giorno alle 9 PM, preferibilmente quando
l'utente è inattivo. Se l'utente è ancora attivo alle 11 PM, eseguire comunque l'attività.



Evento: Giornaliero, ogni 1 giorno; Una volta alle: 09:00:00 PM.
Condizione: Utente inattivo.
Condizioni di avvio dell'attività: Attendi quando le condizioni sono soddisfatte, Esegui
comunque l'attività dopo 2 ore.
Di conseguenza,
(1) Se l'utente diviene inattivo prima delle 9 PM, l'attività di backup verrà avviata alle 9 PM.
(2) Se l'utente diviene inattivo tra le 9 PM e le 11 PM, l'attività di backup verrà avviata subito dopo.
(3) Se l'utente diviene inattivo alle 11 PM, l'attività di backup verrà avviata comunque.
4.4.6.2
Host della posizione non disponibile
Si applica a: Windows, Linux
"Host della posizione disponibile" significa che la macchina che ospita la destinazione di
memorizzazione degli archivi in un'unità di rete è disponibile.
Esempio:
Il backup dei dati nella posizione in rete viene eseguito nei giorni lavorativi alle 9:00 PM. Se la
posizione dell'host non è disponibile in quel momento (ad esempio, a causa di operazioni di
manutenzione), ignorare il backup e attendere il prossimo giorno lavorativo per avviare l'attività. Si
presume che l'attività di backup non debba essere avviata completamente piuttosto che fallire dopo
l'avvio.



Evento: Settimanale, Ogni 1 settimana(e) nei <giorni lavorativi>; Una volta alle 09:00:00 PM.
Condizione: Host della posizione non disponibile
Condizioni di avvio dell'attività: Ignora l'esecuzione dell'attività.
Di conseguenza,
(1) Se arrivano le 9:00 PM e l'host della posizione è disponibile, l'attività di backup verrà avviata
appena in tempo.
(2) Se arrivano le 9:00 PM, ma l'host al momento non è disponibile, l'attività di backup verrà avviata il
giorno feriale successivo se l'host della posizione è disponibile.
(3) Se l'host della posizione non tornerà più disponibile nei giorni feriali alle 9:00 PM, l'attività non
verrà mai avviata.
4.4.6.3
Si adatta all'intervallo di tempo
Si applica a: Windows, Linux
Restringe l'ora di avvio di un'attività di backup ad un intervallo specificato.
100
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Esempio
Una società utilizza diverse posizioni nella stessa NAS (Network Attached Storage) per il backup di
server e dati utente. La giornata lavorativa inizia alle 8 AM e termina alle 5 PM. I dati utente devono
essere sottoposti a backup non appena l'utente si disconnette, ma non prima delle 4:30 PM e non
dopo le 10 PM. Tutti i giorni alle 11 PM viene eseguito il backup di tutti i server della società.
Pertanto, i dati di tutti gli utenti devono essere preferibilmente sottoposti a backup prima di
quest'ora, al fine di liberare la larghezza di banda. Mediante la definizione del limite superiore alle
10 PM, si suppone che il backup dei dati utente non richieda più di un'ora. Se un utente è ancora
connesso entro l'intervallo specificato di tempo oppure si disconnette in qualsiasi altro momento,
non effettuare il backup dei suoi dati, ad esempio ignorare l'esecuzione dell'attività.



Evento: Durante la disconnessione, Il seguente utente: Tutti gli utenti.
Condizione: Si adatta all'intervallo di tempo, dalle 04:30:00 PM alle 10:00:00 PM.
Condizioni di avvio dell'attività: Ignora l'esecuzione dell'attività.
Di conseguenza,
(1) se l'utente si disconnette tra le 04:30:00 PM e le 10:00:00 PM, l'attività di backup verrà avviata
subito dopo la disconnessione.
(2) se l'utente si disconnette in qualsiasi altro momento, l'attività verrà ignorata.
Cosa fare se...
Cosa succede se un'attività viene pianificata per l'esecuzione ad una determinata ora che non rientra
nell'intervallo di tempo specificato?
Ad esempio:


Evento: Giornaliero, ogni 1 giorno(i); Una volta alle 03:00:00 PM:
Condizione: Si adatta all'intervallo di tempo, dalle 06:00:00 PM alle 11:59:59 PM.
In tal caso, se e quando l'attività verrà eseguita dipende dalle condizioni di avvio dell'attività:

Se le condizioni di avvio dell'attività sono Ignora l'esecuzione dell'attività, l'attività non verrà mai
eseguita.

Se le condizioni di avvio dell'attività sono Attendi quando le condizioni sono soddisfatte e la
casella di controllo Esegui comunque l'attività dopo è deselezionata, l'attività (pianificata per
l'esecuzione alle 3:00 PM) verrà avviata alle 6:00 PM, l'ora in cui la condizione è soddisfatta.

Se le condizioni di avvio dell'attività sono Attendi quando le condizioni sono soddisfatte e la
casella di controllo Esegui comunque l'attività dopo è selezionata con, per esempio, 1 ora di
attesa, l'attività (pianificata per l'esecuzione alle 3:00 PM) verrà avviata alle 4:00 PM, l'ora in cui
la condizione è soddisfatta.
4.4.6.4
Utente disconnesso
Si applica a: Windows
Consente di mettere in attesa un'attività di backup fino a quando tutti gli utenti si disconnettono da
Windows nella macchina gestita.
101
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Esempio
Eseguire l'attività di backup alle 8 PM il primo e il terzo venerdì di ogni mese, preferibilmente quando
tutti gli utenti sono disconnessi. Se uno degli utenti è ancora connesso alle 11 PM, eseguire
comunque l'attività.



Evento: Mensile, Mesi: <Tutti>; Il: <Primo>, <Terzo> <Venerdì>; Una volta alle 08:00:00 PM.
Condizione: Utente disconnesso.
Condizioni di avvio dell'attività: Attendi quando le condizioni sono soddisfatte, Esegui
comunque l'attività dopo 3 ore.
Di conseguenza,
(1) Se tutti gli utenti sono disconnessi alle 8 PM, l'attività di backup verrà avviata alle 8 PM.
(2) Se l'ultimo utente si disconnette tra le 8 PM e le 11 PM, l'attività di backup verrà avviata subito
dopo la disconnessione dell'utente.
(3) Se uno degli utenti è ancora connesso alle 11 PM, l'attività di backup viene avviata comunque.
4.4.6.5
Tempo dall'ultimo backup
Si applica a: Windows, Linux
Posticipa un backup finché non è trascorso il tempo specificato dal completamento dell'ultimo
backup riuscito nell'ambito dello stesso piano di backup.
Esempio:
Eseguire l'attività di backup all'avvio del sistema, ma solo se sono trascorse più di 12 ore dall'ultimo
backup eseguito correttamente.



Evento: All'avvio, l'attività viene eseguita all'avvio del computer.
Condizione: Tempo dall'ultimo backup, tempo trascorso dall'ultimo backup: 12 ora(e).
Condizioni di avvio dell'attività: Attendi quando le condizioni sono soddisfatte.
Di conseguenza,
(1) se il computer viene riavviato prima che siano trascorse 12 ore dall'ultimo backup completato
correttamente, l'unità di pianificazione attenderà che siano trascorse 12 ore, quindi avvierà l'attività.
(2) se il computer viene riavviato quando sono trascorse 12 ore dall'ultimo backup completato
correttamente, l'attività di backup verrà avviata immediatamente.
(3) se il computer non viene mai riavviato, l'attività non verrà mai avviata. È possibile avviare il
backup manualmente, se necessario, nella visualizzazione Piani e attività di backup.
4.5
Replica e conservazione di backup
Quando si crea un piano di backup (p. 58), è necessario specificare la posizione primaria per i backup.
Inoltre, è possibile eseguire le seguenti azioni:


102
Replicare (copiare) ogni backup in una seconda posizione subito dopo la creazione.
Conservare i backup in base alle regole di conservazione specificate, quindi spostarli in una
seconda posizione o eliminarli.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Allo stesso modo, è possibile copiare o spostare i backup da una seconda posizione a una terza
posizione, e così a seguire. Sono supportate fino a cinque posizioni consecutive (inclusa quella
primaria).
Nota: La funzionalità di replica sostituisce e migliora l'opzione Doppia destinazione, che era disponibile in
Acronis Backup & Recovery 10.
Esempio. Si esegue il backup della macchina in una cartella locale. Il backup viene copiato
immediatamente in una cartella di rete. Nella cartella originale, il backup viene archiviato solo per un
mese.
La seguente immagine illustra questo esempio.
Scenari di utilizzo

Ripristino di emergenza affidabile (p. 108)
Archiviare i backup sia in loco (per il ripristino immediato) che fuori sede (per proteggere i
backup da problemi di archiviazione locali o disastri naturali).

Conservazione solo degli ultimi punti di ripristino (p. 109)
Eliminare i backup più vecchi da un archivio ad elevata velocità in base alle regole di
conservazione, per non sfruttare eccessivamente lo spazio di archiviazione costoso.

Utilizzo di Acronis Cloud Backup per proteggere i dati da una catastrofe naturale (p. 109)
Replicare l'archivio all'interno dell'archivio nel cloud trasferendo solo le modifiche dei dati al di
fuori degli orari lavorativi.

Riduzione dei costi dell'archiviazione dei dati dei backup (p. 110)
Archiviare i backup in un archivio ad elevata velocità fino a quando è necessario accedere ad essi.
Quindi, spostarli in un archivio a costo inferiore per conservarli a lungo termine. Ciò consente di
soddisfare i requisiti legali di conservazione dei dati.

Esecuzione dei backup in una periferica a bassa velocità in un periodo di backup ridotto (p. 111)
Eseguire i backup di notte in un deposito gestito su un archivio ad elevata velocità, quindi
consentire ad Acronis Backup Storage Node di spostare i backup su nastri durante il giorno.
Replica e conservazione negli schemi di backup
La seguente tabella presenta la disponibilità di regole di replica e conservazione in diversi schemi di
backup.
Schema di backup
Può copiare Può spostare Può
i backup
i backup
eliminare i
backup
Avvio manuale (p. 78)
Sì
No
No
Semplice (p. 69)
Sì
Sì
Sì
Grandfather-Father-Son
(GFS) (p. 69)
Sì
No
Sì
103
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Torre di Hanoi (p. 76)
Sì
No
Sì
Personalizzato (p. 73)
Sì
Sì
Sì
Raccolta dati iniziali (p.
78)
No
No
No
Note:

La configurazione sia della copia che del trasferimento dei backup dalla stessa posizione non è
possibile.

Con la denominazione semplificata dei file di backup (p. 82), non è disponibile né la replica né
l'utilizzo delle regole di conservazione.
4.5.1
Posizioni supportate
È possibile copiare o spostare un backup da ciascuna di queste posizioni:





Una cartella locale in un'unità fissa
Una cartella di rete
Un server FTP o SFTP
Acronis Backup Storage Node
Acronis Secure Zone
È possibile copiare o spostare un backup in ciascuna di queste posizioni:







Una cartella locale in un'unità fissa
Una cartella di rete
Un server FTP o SFTP
Acronis Backup Storage Node
Una periferica a nastro
Acronis Cloud Storage
Una periferica rimovibile (p. 210) utilizzata in modalità Unità fissa (si seleziona la modalità
periferica rimovibile quando si crea un piano di backup).
I backup che sono stati copiati o trasferiti nella posizione successiva non dipendono dai backup che
rimangono nella posizione originale e viceversa. È possibile ripristinare i dati da qualunque backup
senza accesso ad altre posizioni.
Limitazioni

La copia o lo spostamento dei backup in e da dischi ottici (CD, DVD, dischi Blu-ray) non è
supportato.

La copia o lo spostamento dei backup in e da periferiche rimovibili utilizzate in modalità
Supporto rimovibile non è supportato.

La copia o lo spostamento dei backup da Acronis Backup Storage Node in una cartella locale non
è supportato. Una cartella locale è una cartella sulla macchina con l'agente che ha creato il
backup.

Una periferica a nastro e Acronis Cloud Storage possono costituire solo le posizioni finali. Non è
possibile copiare o trasferire ulteriormente i backup da queste posizioni.

Non è possibile specificare la stessa posizione più di una volta. Per esempio, non è possibile
spostare un backup da una cartella a un'altra e poi di nuovo alla cartella originale.
104
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Quale macchina esegue l'operazione?
La copia, lo spostamento o l'eliminazione di un backup da qualunque posizione sono avviati
dall'agente che ha creato il backup e sono eseguiti:


Dall'agente, se la posizione non è un deposito gestito.
Dal nodo di archiviazione corrispondente, se la posizione è un deposito gestito. Tuttavia, la copia
o il trasferimento del backup dal deposito gestito all'archivio nel cloud vengono eseguiti
dall'agente che ha creato il backup.
Dalla descrizione precedente consegue che l'operazione verrà eseguita solo se la macchina con
l'agente è accesa. Se l'operazione è pianificata, la pianificazione utilizzerà la data e l'ora della
macchina.
Copia e spostamento dei backup tra depositi gestiti
La copia o lo spostamento di un backup da un deposito gestito a un altro vengono eseguiti dal nodo
di archiviazione.
Se il deposito di destinazione è un deposito di deduplicazione (p. 449) (possibilmente in un nodo di
archiviazione diverso), il nodo di archiviazione di origine invia solo i blocchi di dati che non sono
presenti nel deposito di destinazione. In altre parole, come accade per un agente, il nodo di
archiviazione esegue la deduplicazione all'origine (p. 248). Questo consente di risparmiare traffico di
rete quando si replicano dati tra nodi di archiviazione geograficamente separati.
4.5.2
Configurazione della replica dei backup
La configurazione della replica dei backup è disponibile quando di crea un piano di backup (p. 58).

Per configurare la replica dalla posizione primaria, selezionare la casella di controllo Replica il
backup appena creato in un'altra posizione.

Per configurare la replica dalla seconda o da un'ulteriore posizione, selezionare la casella di
controllo Replica i backup in un'altra posizione non appena vengono visualizzati in questa
posizione.
Successivamente, selezionare la posizione in cui replicare i backup.
Se consentito dallo schema di backup, è possibile specificare anche quando eliminare
automaticamente i backup da ciascuna posizione.
Un backup viene replicato nella posizione successiva non appena viene visualizzato nella posizione
precedente. Se i backup precedenti non sono stati replicati (per esempio, la connessione di rete è
stata interrotta), il software replica anche tutti i backup presenti dopo l'ultima replica eseguita
correttamente.
4.5.3
Configurazione della conservazione dei backup
È possibile configurare le regole di conservazione per i backup quando si crea un piano di backup (p.
58). Le regole di conservazione disponibili dipendono dallo schema di backup selezionato.
L'applicazione delle regole di conservazione può essere limitata dall'opzione Tempo di inattività
replica/pulizia (p. 133).
105
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Schema semplice
Ogni backup è conservato fino a quando la sua età supera il limite specificato. Quindi viene eliminato
o spostato.
Per configurare l'eliminazione dei backup:

In Regole di conservazione, selezionare Elimina i backup più vecchi di… e specificare il periodo di
conservazione.
Per configurare lo spostamento dei backup:

In Regole di conservazione, selezionare Sposta i backup più vecchi di… e specificare il periodo di
conservazione. In Dove replicare/spostare i backup, specificare la posizione.
Le regole di conservazione sono applicate dopo la creazione di un backup. Per la seconda posizione e
quelle successive, la creazione di un backup implica la copia o lo spostamento di un backup al loro
interno dalla posizione precedente.
Schema Grandfather-Father-Son (GFS)
I backup di ogni tipo (giornaliero, settimana e mensile) sono conservati per i periodi specificati in
Conserva i backup, quindi vengono eliminati.
Le regole di conservazione sono applicate dopo la creazione di un backup. Sono applicate in sequenza
alla posizione primaria, secondaria e a tutte le posizioni successive.
Schema Torre di Hanoi
Ogni backup viene conservato in base al proprio livello (p. 76), quindi eliminato. Si specifica il numero
di livelli in Numero di livelli.
Le regole di conservazione sono applicate dopo la creazione di un backup. Sono applicate in sequenza
alla posizione primaria, secondaria e a tutte le posizioni successive.
Schema personalizzato
Ogni backup viene conservato fino a quando le regole specificate vengono soddisfatte. Quindi viene
eliminato o spostato.
Per configurare l'eliminazione dei backup:

In Pulizia archivio, selezionare Utilizzo delle regole di conservazione. Nella finestra (p.
107)Regole di conservazione, specificare le regole e selezionare Se le condizioni specificate sono
soddisfatte: Elimina i backup più vecchi.

In Applica regole di conservazione, specificare quando applicare le regole.
Per configurare lo spostamento dei backup:

In Pulizia archivio, selezionare Utilizzo delle regole di conservazione. Nella finestra (p.
107)Regole di conservazione, specificare le regole e selezionare Se le condizioni specificate sono
soddisfatte: Sposta i backup più vecchi in un'altra posizione. Fare clic su OK quindi specificare la
posizione in Dove replicare/spostare i backup.

In Applica regole di conservazione, specificare quando applicare le regole.
È possibile scegliere di applicare le regole di conservazione prima della creazione di un backup, dopo
la creazione di un backup, con una pianificazione, oppure combinando queste opzioni. Per la seconda
posizione e quelle successive, la creazione di un backup implica la copia o lo spostamento di un
backup al loro interno dalla posizione precedente.
106
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4.5.4
Regole di conservazione per lo schema personalizzato
Nella finestra Regole di conservazione, è possibile selezionare per quanto tempo archiviare i backup
nella posizione e se spostarli o eliminarli in seguito.
Le regole verranno applicate a tutti i backup creati sulla macchina specifica e posizionati in questa
posizione specifica attraverso questo piano di backup specifico. In Acronis Backup, tale set di backup
è chiamato archivio.
Per configurare le regole di conservazione per i backup:
1. Specificare una delle seguenti opzioni (le opzioni (a) e (b) si escludono reciprocamente):
a. Backup più vecchi di... e/o Dimensioni dell'archivio maggiori di....
Un backup verrà archiviato fino a quando viene soddisfatta la condizione specifica (o
entrambe le condizioni).
Nota: In un deposito di deduplicazione (p. 449), la condizione Dimensioni dell'archivio
maggiori di ha poco effetto sul consumo dello spazio di archiviazione. Questo si verifica
poiché quasi tutti i dati del backup vengono memorizzati in un archivio dati all'esterno
dell'archivio.
Esempio:
Backup più vecchi di 5 giorni
Dimensioni dell'archivio maggiori di 100 GB
Con queste impostazioni, un backup verrà archiviato fino a quando è più vecchio di
cinque giorni e le dimensioni dell'archivio che lo contengono superano 100 GB.
b. Numero dei backup nell'archivio oltre...
Se il numero dei backup supera il valore specificato, uno o più dei backup più vecchi
verrà spostato o eliminato. L'impostazione minima è 1.
2. Selezionare se eliminare i backup o spostarli in una posizione diversa quando vengono
soddisfatte le condizioni specificate.
Sarà possibile specificare la posizione in cui spostare i backup e impostare le regole di
conservazione della posizione dopo aver fatto clic su OK.
Eliminazione dell'ultimo backup nell'archivio
Le regole di conservazione sono valide se l'archivio contiene più di un backup. Ciò significa che
l'ultimo backup nell'archivio verrà conservato anche se viene rilevata una violazione delle regole di
conservazione. Non tentare di eliminare l'unico backup presente applicando le regole di
conservazione prima del backup. Non funzionerebbe. Utilizzare l'impostazione alternativa Pulisci
archivio > Quando lo spazio per il backup non è sufficiente (p. 73) se si accetta il rischio di perdere
l'ultimo backup.
Eliminazione o spostamento di backup con dipendenze
Per accedere a questa impostazione, selezionare Mostra impostazioni avanzate nella finestra Regole
di conservazione.
Le regole di conservazione comportano l'eliminazione o lo spostamento di alcuni backup e la
conservazione di altri. Un archivio può contenere backup incrementali e differenziali che presentano
dipendenze sia reciproche che rispetto ai backup completi su cui si basano. In questi casi non è
possibile, ad esempio, eliminare un backup completo obsoleto e conservare i suoi "figli" incrementali.
Quando l'eliminazione o lo spostamento di un backup incide anche su altri backup, viene applicata
una delle regole seguenti:
107
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Il backup viene conservato fino all'eliminazione di tutti i backup dipendenti (spostamento)
Il backup obsoleto (contrassegnato con l'icona
) verrà conservato fino a quando anche tutti i
backup che dipendono da esso saranno diventati obsoleti. A questo punto tutta la catena viene
eliminata contemporaneamente, durante la pulizia periodica. Se si sceglie lo spostamento dei
backup obsoleti nella posizione successiva, il backup verrà subito copiato al suo interno senza
ritardi. Solo la sua eliminazione dalla posizione corrente viene posticipata.
Questo criterio consente di evitare l'operazione di consolidamento, che potrebbe richiedere
molto tempo, ma necessita di spazio aggiuntivo per l'archiviazione dei backup di cui viene
posticipata l'eliminazione. Le dimensioni dell'archivio e/o la durata o il numero dei backup
possono superare i valori specificati.
Questa modalità non è disponibile per Acronis Cloud Storage quando si copiano o si spostano i
backup al suo interno. Sull'archivio nel cloud, tutti i backup sono incrementali, eccetto il primo
backup di un archivio che è sempre completo. Non è possibile eliminare completamente questa
catena, poiché è necessario conservare sempre il backup più recente.

Consolida questi backup
Il software consoliderà il backup soggetto a eliminazione o spostamento con il successivo
dependent backup. Ad esempio, le regole di conservazione richiedono l'eliminazione di un
backup completo e la conservazione del successivo backup incrementale. I backup saranno
combinati in un backup completo singolo che porterà la data del backup incrementale. Quando
viene eliminato un backup incrementale o differenziale che occupa una posizione intermedia
nella catena, il backup risultante sarà incrementale.
In questo modo, dopo ogni pulizia le dimensioni dell'archivio e la durata dei backup rientreranno
nei limiti specificati. Il consolidamento può tuttavia richiedere molto tempo e risorse di sistema.
Inoltre, occorre spazio aggiuntivo nel deposito per i file temporanei che vengono creati durante il
consolidamento.
Questa modalità non è disponibile se è stata selezionata la regola Dimensioni dell'archivio
maggiori di per qualunque posizione dell'archivio tranne Acronis Cloud Storage.
Informazioni sul consolidamento
Va tenuto presente che il consolidamento è solo un metodo di eliminazione, non un'alternativa
ad essa. Il backup risultante non conterrà i dati che erano presenti nel backup eliminato e che
non erano presenti in quello incrementale o differenziale conservato.
4.5.5
Esempi di utilizzo
Questa sezione fornisce esempi della replica dei backup e della configurazione delle relative regole di
conservazione.
4.5.5.1
Esempio 1. Replica di backup in una cartella di rete
Considerare il seguente scenario:



Si desidera eseguire manualmente un backup completo della macchina.
Si desidera archiviare i backup in Acronis Secure Zone (p. 207) nella macchina.
Si desidera archiviare una copia dei backup in una cartella di rete.
In questo scenario, creare un piano di backup con lo schema Avvio manuale. Quando si crea il piano
di backup, specificare Acronis Secure Zone nel campo Posizione, selezionare Completo nel campo
Tipo di backup, selezionare la casella di controllo Replica il backup appena creato in un'altra
posizione, quindi specificare la cartella di rete nel campo 2a posizione.
Risultato:
108
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

È possibile ripristinare i volumi o i file della macchina da un backup immediatamente disponibile,
archiviato in un'area dedicata del disco rigido.

È possibile ripristinare la macchina dalla cartella di rete se il disco rigido della macchina subisce
un guasto.
4.5.5.2
Esempio 2. Limitare l'età e le dimensioni totali dei backup
condivisi
Considerare il seguente scenario:



Si desidera eseguire un backup completo settimanale del computer.
Si desidera conservare tutti i backup più giovani di un mese.
Si desidera conservare anche i backup più vecchi, se le dimensioni totali di tutti i backup sono
inferiori a 200 GB.
In questo scenario, creare un piano di backup con lo schema Personalizzato. Quando si crea il piano
di backup, specificare una pianificazione settimanale per il backup completo. In Pulizia archivio,
selezionare Utilizzo delle regole di conservazione.
Fare clic su Regole di conservazione, selezionare le caselle di controllo Backup più vecchi di e
Dimensioni dell'archivio maggiori di, quindi specificare rispettivamente 1 mese e 200 GB. In Se le
condizioni specificate sono soddisfatte, selezionare Elimina i backup più vecchi.
Fare clic su OK. In Applica regole di conservazione, selezionare la casella di controllo Dopo il backup.
Risultato:


I backup più giovani di un mese vengono conservati, a prescindere dalle dimensioni totali.
I backup più vecchi di un mese sono conservati solo se le dimensioni totali di tutti i backup (più
vecchi e più recenti) non superano 200 GB. Altrimenti, il software elimina alcuni o tutti i backup
più vecchi, iniziando da quello più vecchio.
4.5.5.3
Esempio 3. Replica dei backup nell'archivio nel cloud
In questo esempio si presuppone che sia stato attivato un abbonamento al backup nel cloud per la
macchina di cui si sta eseguendo il backup.
Nello scenario seguente si ipotizza che la quantità di dati di cui eseguire il backup sia relativamente
ridotta. Per backup di dimensioni maggiori, consultare "Replica di grandi quantità di dati nell'archivio
nel cloud" più avanti in questa sezione.
Considerare il seguente scenario:



Si desidera eseguire occasionalmente il backup della macchina in una cartella locale.
Si desidera conservare una copia fuori sede dell'archivio risultante in Acronis Cloud Storage.
A prescindere da quando viene avviato il backup, si desidera che la replica venga eseguita al di
fuori degli orari di lavoro, quando il carico della connessione a Internet è inferiore.
In questo scenario, creare un piano di backup con lo schema desiderato. Quando si crea un piano di
backup, specificare una cartella locale nel campo Posizione. Selezionare la casella di controllo Replica
il backup appena creato in un'altra posizione, quindi specificare l'archivio nel cloud nel campo 2a
posizione.
All'interno di Opzioni di backup, selezionare Tempo di inattività replica/pulizia (p. 133) e specificare
gli orari di lavoro (per esempio, dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 17:00).
109
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Risultato:


Dopo l'avvio del piano di backup, verrà eseguito il backup dei dati nella cartella locale.
Se il backup termina al di fuori degli orari di lavoro, la replica viene avviata immediatamente.
Altrimenti, la replica viene posticipata fino al termine degli orari di lavoro.
Nota: Nell'archivio nel cloud, il secondo e i successivi backup di un archivio saranno sempre incrementali,
indipendentemente dal loro tipo nella posizione originale. Questo consente l'utilizzo efficiente dello spazio di
archiviazione per l'abbonamento al backup nel cloud.
Replica di grandi quantità di dati nell'archivio nel cloud
Se si prevede di eseguire il backup di 500 GB di dati o di una quantità maggiore, è possibile inviare il
primo backup all'archivio nel cloud su un disco rigido fisico. Questa opzione è fornita dal servizio
Raccolta dati iniziale che è possibile acquistare in aggiunta all'abbonamento al backup nel cloud.
Il servizio Raccolta dati iniziale potrebbe non essere disponibile nella propria regione. Per ulteriori informazioni,
fare clic qui: http://kb.acronis.com/content/15118.
Durante i backup successivi, solo le modifiche ai dati originali saranno inviate all'archivio nel cloud e
non avranno lo stesso impatto sul traffico di rete.
In questo scenario, creare un piano di backup con lo schema Raccolta dati iniziale. Quando si crea un
piano di backup, specificare una cartella locale nel campo Posizione. Questo può essere costituito da
una cartella sul disco rigido che si sta per inviare. Per ulteriori dettagli, consultare "Esecuzione della
raccolta dati iniziale".
Dopo aver inviato il disco rigido e quando lo stato dell'ordine diventa Caricamento dei dati
completato, modificare il piano di backup. Modificare le impostazioni dello schema, della
destinazione e della replica del backup con quelle descritte precedentemente in questa sezione.
Il piano di backup aggiornato produrrà backup che verranno replicati nell'archivio nel cloud al di fuori
degli orari di lavoro.
4.5.5.4
Esempio 4. Spostamento dei backup più vecchi su nastri
Considerare il seguente scenario:



Si desidera eseguire un backup giornaliero della macchina.
Si desidera archiviare i backup localmente per una settimana.
Si desidera spostare i backup più vecchi di una settimana su una periferica a nastro.
Tale scenario è volte è chiamato disco di gestione temporanea o D2D2T (disk-to-disk-to-tape).
In questo scenario, creare un piano di backup con lo schema Semplice e una pianificazione
giornaliera. (tutti i backup saranno completi per impostazione predefinita). Quando si crea un piano
di backup, specificare una cartella locale o Acronis Secure Zone nel campo Posizione. In Regole di
conservazione, selezionare Sposta i backup più vecchi di 1 settimana. Quindi, specificare la
periferica a nastro nel campo 2a posizione.
assicurarsi che la periferica a nastro sia pronta ad operare. I passaggi di preparazione sono descritti
nella sezione "Backup di una macchina in una periferica a nastro collegata direttamente (p. 217)".
Risultato:

110
Al termine del backup, l'agente controlla la presenza di backup che devono essere spostati.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

L'agente sposta i backup più vecchi di una settimana copiandoli nella periferica a nastro ed
eliminandoli dalla posizione originale.

È possibile espellere i nastri con backup ed archiviarli in modo sicuro fuori sede. Una volta
selezionati i dati per il ripristino, Acronis Backup richiederà quali nastri inserire.
4.5.5.5
Esempio 5. Backup su nastri con un periodo di backup ridotto
In questo esempio si presuppone che venga utilizzato Acronis Backup Advanced.
Considerare il seguente scenario:


Si desidera eseguire il backup dei server ogni giorno lavorativo dopo gli orari di lavoro.


Si desidera archiviare i backup in una libreria a nastro.
Si desidera eseguire un backup completo mensile in uno dei giorni lavorativo e backup parziali
(incrementali o differenziali) negli altri giorni lavorativi.
L'arco di tempo per il backup dei server è ridotta, quindi non è possibile eseguire il loro backup
direttamente su nastro.
In questo scenario, installare Acronis Backup Storage Node e creare due depositi gestiti: uno in un
disco rigido locale nel nodo di archiviazione e un altro sulla libreria a nastro collegata localmente ad
esso.
Creare un piano di backup centralizzato per tutte le macchine con lo schema Grandfather-Father-Son
(GFS). Quando si crea il piano di backup, specificare il deposito nel disco rigido nel campo Posizione.
In Tipo di backup, selezionare Completo/Incrementale/Differenziale.
Per la posizione primaria, in Conserva i backup, scegliere di conservare i backup mensili per un mese
(è necessario deselezionare la casella di controllo Conserva per un tempo indefinito). In questo
modo, il deposito funzionerà come archivio intermedio a breve termine per i backup.
Selezionare la casella di controllo Replica il backup appena creato in un'altra posizione, quindi
specificare il deposito nella libreria a nastro nel campo 2a posizione. Per la seconda posizione,
scegliere di conservare i backup mensili per un tempo indefinito.
Risultato:


Gli agenti eseguono il backup delle macchine nel deposito sul disco rigido.

La durata dei backup sul disco rigido non supera un mese. Nella libreria a nastro, i backup mensili
sono conservati per un tempo indefinito.
Il nodo di archiviazione copia i backup nella periferica a nastro. Non vengono utilizzate risorse
CPU della macchina.
4.6
Come disabilitare la catalogazione dei backup
La catalogazione di un backup aggiunge il contenuto del backup al catalogo dati non appena il backup
viene creato. Questa procedura potrebbe richiedere molto tempo, specialmente in ambienti con un
gran numero di macchine. Per questo motivo, potrebbe essere necessario disabilitare la
catalogazione in tutto l'ambiente.
Per disabilitare la catalogazione dei backup
È possibile eseguire questi passaggi in qualunque ordine.
1. Modificare il registro di Windows (p. 442) sul server di gestione.
2. Modificare il registro di Windows (p. 246) sui nodi di archiviazione.
111
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
3. [Sulle macchine gestite in un dominio Active Directory] Caricare Acronis Administrative Template
(p. 428) sul controller di dominio e configurare l'impostazione Catalogazione nella categoria
Acronis Backup Agent for Windows (p. 432) del modello.
4. [Su macchine gestite non incluse in un dominio Active Directory] Connettere la console a ogni
macchina, passare a Opzioni > Opzioni macchina e configurare l'opzione Catalogazione backup.
4.7
Opzioni di backup predefinite
Ogni agente Acronis dispone delle proprie opzioni di backup predefinite. Una volta installato l'agente,
le opzioni predefinite hanno valori predefiniti, detti valori preimpostati nella documentazione.
Quando viene creato un piano di backup, è possibile utilizzare un'opzione predefinita o sovrascriverla
con il valore personalizzato che sarà specifico solo per questo piano.
È anche possibile personalizzare un'opzione predefinita stessa modificandone il valore rispetto a
quello predefinito. Il nuovo valore verrà utilizzato per impostazione predefinita in tutti i piani di
backup che verranno creati in futuro in tale macchina.
Per visualizzare e modificare le opzioni di backup, collegare la console alla macchina gestita e quindi
selezionare Opzioni > Opzioni di backup e ripristino predefinite > Opzioni di backup predefinite dal
menu superiore.
Disponibilità delle opzioni di backup
La serie di opzioni di backup disponibili dipende dai seguenti fattori:




L'ambiente in cui opera l'agente (Windows, Linux, supporto di avvio).
Il tipo di dati sottoposti a backup (disco, file).
La destinazione del backup (ubicazione in rete o disco locale).
Lo schema di backup (avvio manuale o tramite utilità di pianificazione).
La tabella seguente riepiloga la disponibilità delle opzioni di backup.
Agente per Windows
Agente per Linux
Supporto di avvio
(basato su Linux o su PE)
Backup di
disco
Backup di
file
Backup di
disco
Backup di
file
Backup di
disco
Backup di
file
Chiedi il primo supporto
durante il backup su
supporto rimovibile
Dest:
supporto
rimovibile
Dest:
supporto
rimovibile
Dest:
supporto
rimovibile
Dest:
supporto
rimovibile
Dest:
supporto
rimovibile
Dest:
supporto
rimovibile
Deduplica il backup solo
dopo averlo trasferito nel
deposito
Dest:
deposito
dedup.
Dest:
deposito
dedup.
Dest:
deposito
dedup.
Dest:
deposito
dedup.
Dest:
deposito
dedup.
Dest:
deposito
dedup.
Riazzera bit archivio
-
+
-
-
-
+
Riavvia automaticamente il
computer una volta
completato il backup
-
-
-
-
+
+
Protezione archivio (p. 116)
+
+
+
+
+
+
Ulteriori impostazioni (p. 114):
(password + crittografia)
112
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Agente per Windows
Agente per Linux
Supporto di avvio
(basato su Linux o su PE)
Backup di
disco
Backup di
file
Backup di
disco
Backup di
file
Backup di
disco
Backup di
file
+
+
+
+
-
-
+
+
+
+
-
-
Dest: HDD
Dest: HDD
Dest: HDD
Dest: HDD
Dest: HDD
Dest: HDD
Catalogazione backup (p.
116)
Prestazioni del backup:
Priorità backup (p. 117)
Velocità di scrittura HDD (p.
118)
Dest:
Dest:
Dest:
Dest:
Dest:
Dest:
Velocità della connessione di
condivisione
condivisione
condivisione
condivisione
condivisione
condivisione
rete (p. 118)
rete
rete
rete
rete
rete
rete
+
+
+
+
+
+
Suddivisione dei backup (p.
119)
Livello di compressione (p.
120)
+
+
+
+
+
+
Piano di ripristino di
emergenza (p. 120)
+
+
+
+
-
-
Notifiche posta elettronica
(p. 121)
+
+
+
+
-
-
Non visualizzare i messaggi e
le finestre di dialogo durante
l'elaborazione (modalità
nascosta)
+
+
+
+
+
+
Riprova se si verifica un
errore
+
+
+
+
+
+
Ignora settori danneggiati
+
+
+
+
+
+
Registro eventi di Windows
(p. 124)
+
+
-
-
-
-
SNMP (p. 123)
+
+
+
+
-
-
Backup
incrementale/differenziale
veloce (p. 124)
+
-
+
-
+
-
Istantanea di backup a livello
di file (p. 125)
-
+
-
+
-
-
Mantieni le impostazioni di
sicurezza dei file negli archivi
-
+
-
-
-
-
Negli archivi, conserva i file
criptati in forma decriptata
-
+
-
-
-
-
Gestione degli errori (p. 122):
Tracciamento eventi:
Sicurezza a livello di file (p. 125):
113
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Agente per Windows
Agente per Linux
Supporto di avvio
(basato su Linux o su PE)
Backup di
disco
Backup di
file
Backup di
disco
Backup di
file
Backup di
disco
Backup di
file
-
-
+
-
-
-
Dest:
supporto
rimovibile
-
Dest:
supporto
rimovibile
+
Dest:
supporto
rimovibile
-
Dest:
supporto
rimovibile
-
-
-
-
-
Snapshot multivolume (p.
129)
+
+
-
-
-
-
Comandi prima/dopo il
backup (p. 129)
+
+
+
+
Solo PE
Solo PE
Comandi prima/dopo la
cattura dei dati (p. 131)
+
+
+
+
-
-
Tempo di inattività
replica/pulizia (p. 133)
+
+
+
+
-
-
Backup settore per settore
(p. 133)
+
-
+
-
+
-
Creazione snapshot LVM (p.
126)
Componenti supporto (p.
128)
Punti di montaggio (p. 128)
Gestione nastro (p. 134)
Dest: nastro Dest: nastro Dest: nastro Dest: nastro Dest: nastro Dest: nastro
Gestione fallimento
dell'attività (p. 136)
+
+
+
+
-
-
Condizioni di avvio
dell'attività (p. 136)
+
+
+
+
-
-
Servizio Copia Shadow del
volume Microsoft (p. 137)
+
+
-
-
-
-
4.7.1
Impostazioni aggiuntive
Specificare le impostazioni aggiuntive per l'operazione di backup selezionando o deselezionando le
seguenti caselle di controllo.
Chiedi il primo supporto durante il backup su supporto rimovibile
Questa opzione è disponibile solo quando si esegue il backup su un supporto rimovibile.
L'opzione definisce se visualizzare il prompt Inserire il primo supporto durante il backup del
supporto di avvio.
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Quando l'opzione è abilitata, potrebbe non essere possibile eseguire il backup su supporto rimovibile
lasciando la macchina incustodita, poiché il programma richiede che qualcuno prema il tasto OK sulla
casella del prompt. Quindi, è opportuno disabilitare il messaggio se si programma un backup su
114
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
supporti rimovibili. Poi, se è disponibile un supporto rimovibile (ad esempio, un DVD inserito)
l'attività può essere eseguita lasciando la macchina incustodita.
Riazzera bit archivio
L'opzione è efficace solo per il backup a livello di file nei sistemi operativi Windows e nel supporto di
avvio.
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Nei sistemi operativi Windows, ogni file ha l'attributo File pronto per l'archiviazione, disponibile
selezionando File -> Proprietà -> Generale -> Avanzate -> Attributi indice e archivio. Questo
attributo, noto anche come bit archivio, è impostato dal sistema operativo ogni volta che il file viene
modificato e le applicazioni di backup possono azzerarlo ogni volta che includono il file in un backup.
Il valore bit archivio è utilizzato da varie applicazioni, come ad esempio i database.
Quando la casella Azzera bit archivio è selezionata, Acronis Backup azzererà i bit dell'archivio di tutti i
file inclusi nel backup. Acronis Backup stesso non utilizza il valore bit archivio. Quando viene eseguito
un backup incrementale o differenziale, il programma stabilisce se il file è stato modificato
esaminando le sue dimensioni e la data e l'ora in cui è stato salvato per l'ultima volta.
Riavvia automaticamente il computer una volta completato il backup
Questa opzione è disponibile solo quando si utilizza il supporto di avvio.
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Quando l'opzione è abilitata, Acronis Backup riavvierà la macchina al termine della procedura di
backup.
Per esempio, se la macchina si avvia da un disco rigido per impostazione predefinita e si seleziona
questa casella di controllo, la macchina sarà riavviata e il sistema operativo si avvierà appena l'agente
di avvio ha completato la creazione del backup.
Deduplica il backup solo dopo averlo trasferito nel deposito (non deduplicare
all'origine)
Questa opzione è disponibile solo in Acronis Backup Advanced.
Questa opzione è disponibile per i sistemi operativi Windows e Linux e i supporti di avvio quando la
destinazione di backup è un deposito di deduplicazione.
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
L'abilitazione di questa opzione disattiva la deduplicazione dei backup all'origine, cioè la
deduplicazione sarà eseguita dal Acronis Backup Storage Node dopo che il backup è salvato sul
deposito (si tratta della deduplicazione alla destinazione).
La disattivazione della deduplicazione all'origine può portare a procedure di backup più veloci, ma a
un maggiore traffico di rete e a un carico più pesante del nodo di archiviazione. L'eventuale
dimensione del backup nel deposito non dipende dal fatto che la deduplicazione all'origine sia
attivata.
La deduplicazione all'origine e la deduplicazione a destinazione sono descritte in Panoramica sulla
deduplicazione (p. 248).
115
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4.7.2
Protezione archivio
Questa opzione è disponibile quando per i sistemi operativi Windows and Linux e i supporti
riavviabili.
Questa opzione ha effetto per entrambi i backup a livello di disco e a livello di file.
Questa opzione definisce se l'archivio verrà protetto con una password e se il contenuto dell'archivio
sarà crittografato.
Questa opzione non è disponibile quando l'archivio contiene già dei backup. Per esempio, questa
opzione potrebbe non essere disponibile:


Quando si specifica un archivio già esistente come destinazione del piano di backup.
Quando si modifica un piano di backup da cui è già stato prodotto un backup.
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Per proteggere i file degli archivi di backup da accessi non autorizzati:
1.
2.
3.
4.
Selezionare la casella Imposta password per l'archivio.
Nel campo Immettere la password, digitare una password.
Nel campo Confermare la password, immettere nuovamente la password.
Selezionare una delle seguenti opzioni:


Non crittografare: l'archivio sarà protetto solo con la password

AES 192: l'archivio verrà crittografato utilizzando l'algoritmo Advanced Standard Encryption
(AES) con una chiave a 192 bit
AES 128: l'archivio verrà crittografato utilizzando l'algoritmo Advanced Standard Encryption
(AES) con una chiave a 128 bit

AES 256: l'archivio verrà crittografato utilizzando l'algoritmo AES con una chiave a 256 bit.
5. Fare clic su OK.
L'algoritmo crittografico AES opera nella modalità Cipher-block chaining (CBC) e utilizza una chiave
generata in modo casuale con una dimensione definita dall'utente di 128, 192 o 256 bit. Maggiori
sono le dimensioni della chiave, maggiore sarà il tempo necessario al programma per crittografare
l'archivio e maggiore sarà la sicurezza dei dati.
La chiave di crittografia viene poi crittografata con AES-256 utilizzando un hash SHA-256 della
password come chiave. La password stessa non viene memorizzata in nessun luogo del disco o nel
file di backup; l'hash della password viene utilizzato per motivi di verifica. Con questa sicurezza a due
livelli, i dati di backup sono protetti da ogni accesso non autorizzato, ma non è possibile ripristinare
una password perduta.
4.7.3
Catalogazione backup
La catalogazione di un backup aggiunge il contenuto del backup al catalogo dati. Utilizzando un
catalogo dati, è possibile trovare facilmente la versione richiesta dei dati e selezionarla per il
ripristino.
L'opzione Catalogazione backup consente di specificare l'esecuzione della catalogazione completa o
rapida per un backup non appena viene creato.
Questa opzione è efficace solo se la catalogazione dei backup è abilitata sulla macchina del backup o
sul nodo di archiviazione (p. 246).
116
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
L'impostazione predefinita è: Catalogazione completa.
Se si seleziona Catalogazione completa, il contenuto del backup verrà catalogato con il livello di
dettaglio più elevato possibile. Ciò significa che i seguenti dati verranno visualizzati nel catalogo:



Per un backup a livello del disco: dischi, volumi, file e cartelle.

Per un backup a livello delle caselle postali di Exchange: caselle postali, cartelle e messaggi di
posta elettronica.
Per un backup a livello di file: file e cartelle.
Per un backup a livello di database di Exchange: database o gruppi di archiviazione e caselle
postali (sempre); cartelle e posta elettronica (a seconda dell'opzione Raccolta metadati
Microsoft Exchange).
Potrebbe essere necessario selezionare Catalogazione rapida se la catalogazione completa tende ad
influenzare le prestazioni della macchina gestita o se a finestra di backup è troppo breve. I seguenti
dati verranno visualizzati nel catalogo:



Per un backup a livello del disco: solo dischi e volumi.

Per un backup a livello delle caselle postali di Exchange: solo le caselle postali.
Per un backup a livello di file: niente.
Per un backup a livello di database di Exchange: solo database o gruppi di archiviazione e caselle
postali.
Per aggiungere il contenuto completo di backup già esistenti al catalogo, è possibile avviare
manualmente la catalogazione completa quando opportuno.
Note per gli utenti di Acronis Backup Advanced per ambienti virtuali: Quando si esegue il backup in un
deposito non gestito (eccetto per gli archivi collegati localmente), l'Agente per VMware (Virtual Appliance)
esegue sempre la catalogazione rapida. È possibile avviare manualmente la catalogazione completa del
deposito dal server di gestione.
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo del catalogo dati, consultare la sezione "Catalogo dati" (p. 145).
4.7.4
Prestazioni del backup
Utilizzare questo gruppo di opzioni per specificare la quantità di risorse di rete e del sistema da
allocare al processo di backup.
Le opzioni delle prestazioni dei backup possono avere un effetto più o meno evidente sulla velocità
della procedura di backup. Ciò dipende dalla configurazione generale del sistema e dalle
caratteristiche fisiche delle periferiche dalle quali o sulle quali viene eseguito il backup.
4.7.4.1
Priorità backup
Questa opzione è disponibile per i sistemi operativi Windows e Linux.
La priorità di un processo eseguito in un sistema determina la quantità di risorse del sistema e della
CPU allocate a quel processo. Riducendo la priorità del backup si rendono disponibili più risorse per
altre applicazioni. L'innalzamento della priorità del backup può accelerare la procedura di backup,
poiché richiede al sistema operativo di allocare maggiori risorse, come la CPU, all'applicazione di
backup. Tuttavia, l'effetto finale dipenderà dall'utilizzo complessivo della CPU e da altri fattori, come
la velocità in/out del disco o il traffico di rete.
L'impostazione predefinita è: Bassa.
117
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per specificare la priorità della procedura di backup
Selezionare una delle seguenti opzioni:

Bassa: consente di ridurre al minimo l'utilizzo di risorse da parte della procedura di backup,
lasciando più risorse ad altri processi in esecuzione sulla macchina.

Normale: consente di eseguire la procedura di backup a velocità normale, allocando una quantità
di risorse pari a quella dedicata ad altri processi.

Alta: consente di aumentare la velocità della procedura di backup sottraendo risorse ad altri
processi.
4.7.4.2
Velocità di scrittura HDD
Questa opzione è valida per i sistemi operativi Windows e Linux e per i supporti di avvio.
Questa opzione è disponibile quando un disco rigido interno (fisso) della macchina incluso nel backup
è stato selezionato come destinazione di backup
Se si esegue il backup in un disco rigido fisso, ad esempio in Acronis Secure Zone, le prestazioni del
sistema operativo e delle applicazioni potrebbero ridursi a causa della grande quantità di dati da
scrivere sul disco. E' possibile limitare l'utilizzo del disco rigido da parte della procedura di backup al
livello desiderato.
L'impostazione predefinita è: Massima.
Per impostare la velocità di scrittura HDD desiderata per il backup
Eseguire una delle seguenti operazioni:

Fare clic su Velocità di scrittura indicata come percentuale della velocità massima del disco
rigido di destinazione e poi trascinare il cursore o selezionare una percentuale nella casella

Fare clic su Velocità di scrittura indicata in kilobyte al secondo, quindi inserire la velocità di
scrittura in kilobyte al secondo.
4.7.4.3
Velocità della connessione di rete
Questa opzione è valida per i sistemi operativi Windows e Linux e per i supporti di avvio.
L'opzione è disponibile quando un percorso di rete (condivisione di rete, deposito gestito o server
FTP/SFTP) viene selezionato come destinazione di backup.
L'opzione definisce la quantità di larghezza di banda della connessione di rete allocata per il
trasferimento dei dati di backup.
Per impostazione predefinita, la velocità è impostata sul valore massimo: il software utilizza tutta la
larghezza di banda di rete disponibile durante il trasferimento dei dati di backup. Utilizzare questa
opzione per riservare una parte della larghezza di banda di rete per altre attività di rete.
L'impostazione predefinita è: Massima.
Per impostare la velocità della connessione di rete per il backup
Eseguire una delle seguenti operazioni:

Fare clic su Velocità di trasferimento indicata come percentuale della velocità massima stimata
della connessione di rete, quindi trascinare il cursore o digitare una percentuale nella casella

Fare clic su Velocità di trasferimento indicata in kilobyte al secondo e inserire il limite della
larghezza di banda per il trasferimento dei dati del backup in kilobyte al secondo.
118
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4.7.5
Suddivisione dei backup
Questa opzione è valida per i sistemi operativi Windows e Linux e per i supporti di avvio.
Questa opzione non è disponibile quando la destinazione del backup è un deposito gestito o Acronis
Cloud Storage.
Questa operazione definisce come può essere suddiviso un backup.
L'impostazione predefinita è: Automatico
Sono disponibili le seguenti impostazioni.
Automatico
Con questa impostazione, Acronis Backup agirà come segue.

Quando si esegue il backup in un disco rigido o in una condivisione di rete:
Viene creato un singolo file di backup se il file system del disco di destinazione permette la
dimensione stimata del file.
Il backup sarà diviso automaticamente in diversi file se il sistema del file del disco di destinazione
non permette la dimensione stimata del file. Questo potrebbe accadere quando il backup è
posizionato su file system FAT16 e FAT32 che hanno un limite delle dimensione file di 4 GB.
Se lo spazio disponibile nel disco di destinazione è quasi esaurito durante la creazione del backup,
l'attività inserisce lo stato Richiesta interazione. E' possibile liberare spazio aggiuntivo e riprovare
l'operazione. Se si effettua questa operazione, il backup risultante sarà diviso in parti create
prima e dopo aver riprovato.

Quando si esegue il backup in un supporto rimovibile (CD, DVD, dischi Blu-Ray, unità nastro
autonoma, unità RDX o USB utilizzata in modalità periferica rimovibile (p. 210)):
L'attività inserirà lo stato Richiesta interazione e richiederà un nuovo supporto quando il
precedente è pieno.

Quando si esegue il backup in un server FTP:
Il backup verrà suddiviso automaticamente in file con dimensioni non superiori a 2 GB. La
suddivisione è necessaria per consentire il ripristino dei dati direttamente dal server FTP.

Quando si esegue il backup in un server SFTP:
Verrà creato un unico file di backup. Se lo spazio disponibile nell'archivio di destinazione è quasi
esaurito durante la creazione del backup, l'attività fallirà.
Quando si replica o trasferisce un backup (p. 102) in altre posizioni, queste regole si applicano a ogni
posizione in modo indipendente.
Esempio.
Si supponga che la posizione primaria di un backup da 3 GB sia un disco rigido, che la posizione
secondaria sia un server FTP e che la terza posizione sia una condivisione di rete. In questo caso, il
backup verrà archiviato come file unico nella posizione primaria, come due file nella seconda
posizione e nuovamente come file unico nella terza posizione.
Dimensione fissa
Inserire la dimensione desiderata del file o selezionarla dal menu a tendina. Il backup verrà quindi
suddiviso in più file delle dimensioni specificate. Ciò torna utile quando si crea un backup da
masterizzare in seguito su diversi CD-R/RW o DVD-R/RW. Potrebbe essere necessario suddividere un
backup in file da 2 GB se si sta eseguendo il backup in un disco rigido, ma si prevede di copiare
manualmente il backup in un server FTP in un secondo momento.
119
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4.7.6
Livello di compressione
Questa opzione è valida per i sistemi operativi Windows e Linux e per i supporti di avvio.
Questa opzione definisce il livello di compressione applicato ai dati inclusi nel backup.
L'impostazione predefinita è: Normale.
Il livello ottimale della compressione dei dati dipende dal tipo di dati inclusi nel backup. Ad esempio,
la compressione massima non riduce significativamente le dimensioni dell'archivio, se esso contiene
essenzialmente file compressi quali .jpg, .pdf o .mp3. La compressione di determinati formati,
quali .doc o .xls, verrà tuttavia eseguita correttamente.
Per specificare il livello di compressione
Selezionare una delle seguenti opzioni:

Nessuno: i dati saranno copiati come sono, senza compressione. Le dimensioni del backup finale
saranno quelle massime.



Normale: consigliato nella maggior parte dei casi.
Alto: le dimensioni del backup risultante saranno di solito inferiori al livello Normale.
Massimo: i dati saranno compressi il più possibile. La durata del backup sarà massima.
Selezionare questa opzione quando si esegue il backup di supporti rimovibili per ridurre il
numero di dischi vuoti richiesti.
4.7.7
Piano di ripristino di emergenza (DRP)
Questa opzione è disponibile quando per Windows e Linux, ma non per i supporti di avvio.
Questa opzione non è disponibile per i backup a livello di file.
Il piano di ripristino di emergenza (PRE) contiene un elenco degli elementi dei dati di cui è stato
eseguito il backup e istruzioni dettagliate per guidare un utente nella proceduta di ripristino di questi
elementi da un backup.
Un PRE viene creato dopo il primo backup eseguito correttamente dal piano di backup. Se l'opzione
Invia piani di ripristino di emergenza è abilitata, il PRE viene inviato tramite posta elettronica
all'elenco di utenti specificato. Se l'opzione Salva PRE come file è abilitata, il PRE viene salvato come
file nella posizione specificata. Il PRE verrà creato nuovamente nei seguenti casi:


Il piano di backup è stato modificato in modo che i parametri del PRE sono cambiati.
Il backup contiene nuovi elementi di dati o non contiene elementi di cui è stato eseguito il
backup precedentemente. (ciò non vale per gli elementi di dati come file o cartelle).
Se più macchine sono protette da un piano di backup, viene creato un PRE separato per ogni
macchina. È possibile specificare una cartella locale (quando connesso direttamente a una macchina
gestita), una cartella di rete, un server FTP o SFTP come posizione in cui salvare i PRE.
PRE e comandi post-backup
Notare che il PRE non cambierà automaticamente se i comandi post-backup nel piano di backup
copiano o trasferiscono i backup dalla posizione originale. Il PRE fa riferimento solo alle posizioni
specificate nel piano di backup.
Aggiunta di informazioni a un modello di PRE
120
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
È possibile aggiungere ulteriori informazioni a un modello di PRE se si ha familiarità con XML e HTML.
I percorsi predefiniti del modello di PRE sono:
 %ProgramFiles%\Acronis\BackupAndRecovery\drp.xsl, in Windows a 32 bit
 %ProgramFiles(x86)%\Acronis\BackupAndRecovery\drp.xsl, in Windows a 64 bit
 /usr/lib/Acronis/BackupAndRecovery/drp.xsl, in Linux
Per configurare l'invio di PRE:
1. Selezionare la casella di controllo Invia piano di ripristino di emergenza.
2. Immettere l'indirizzo di posta elettronica nel campo Indirizzo di posta elettronica. È possibile
inserire diversi indirizzi di posta elettronica separandoli con punto e virgola.
3. [Facoltativo] Modificare il valore predefinito del campo Oggetto, se necessario.
Se si esegue il backup di più macchine con un piano di backup centralizzato e si desidera che ogni
utente della macchina riceva un messaggio di posta elettronica separato contenente il PRE
relativo solamente alla sua macchina:
a. Utilizzare la variabile %MachineName% per mostrare il nome di una determinata macchina
nell'oggetto del messaggio di posta.
b. Configurare il server o il client della posta in modo che possa filtrare o inoltrare i messaggi di
posta utilizzando il campo Oggetto.
4. Immettere i parametri di accesso al server SMTP. Per informazioni più dettagliate, consultare
Notifiche e-mail (p. 174).
5. [Facoltativo] Fare clic su Invia messaggio e-mail di prova per controllare se le impostazioni sono
corrette.
Per configurare il salvataggio dei PRE come file:
1. Selezionare la casella di controllo Salva PRE come file.
2. Fare clic su Sfoglia per specificare una posizione per i file PRE.
4.7.8
Notifiche posta elettronica
Questa opzione è disponibile sia per i sistemi operativi Windows che Linux.
Questa opzione non è disponibile quando si opera con il supporto di avvio.
L'opzione permette di ricevere tramite posta elettronica notifiche del completamento riuscito e non
riuscito dell'attività di backup o della necessità di interazione dell'utente.
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Per configurare la notifica e-mail
1. Selezionare la casella di controllo Invia notifiche e-mail per attivare le notifiche.
2. In Invia notifiche e-mail selezionare le caselle di controllo appropriate, di seguito indicate:



Quando il backup è stato completato correttamente.
Quando il backup fallisce.
Quando è necessaria l'interazione dell'utente.
3. Selezionare la casella di controllo Aggiungi registro completo alla notifica se si desidera che la
notifica di posta elettronica includa le voci di registro dell'operazione.
4. Nel campo Indirizzi di posta elettronica, inserire gli indirizzi di posta elettronica di destinazione.
È possibile immettere più indirizzi separati da un punto e virgola.
5. Nel campo Oggetto, immettere l'oggetto della notifica.
121
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
L'oggetto può includere testo semplice o una o più variabili. Nei messaggi di posta elettronica
ricevuti, ciascuna variabile verrà sostituita dal relativo valore al momento dell'esecuzione
dell'attività. Sono supportate le seguenti variabili:

%description%
Per una macchina che esegue Windows, la variabile %description% verrà sostituita dal testo
indicato nel campo Descrizione computer della macchina. Per specificare questo testo,
aprire Pannello di controllo > Sistema oppure eseguire il seguente comando come
amministratore:
net config server /srvcomment:<text>
Per una macchina che segue Linux, la variabile %description% verrà sostituita con una stringa
vuota ("").

6.
7.
8.
9.
%subject%
La variabile %subject% verrà sostituita dalla seguente frase: Attività <nome attività>
<risultato attività> sulla macchina <nome macchina>.
Nel campo Server SMTP immettere il nome del server della posta in uscita (SMTP).
Nel campo Porta impostare la porta del server della posta in uscita. Per impostazione predefinita,
è impostata la porta 25.
Se il server della posta in uscita richiede l'autenticazione, immettere Nome utente e Password
dell'account di posta elettronica del mittente.
Se il server SMTP non richiede l'autenticazione, lasciare vuoti i campi Nome utente e Password.
Se non si è sicuri se il server SMTP richiede l'autenticazione, contattare l'amministratore di rete o
il provider del servizio di posta elettronica per richiedere assistenza.
Fare clic su Parametri e-mail aggiuntivi... per configurare i parametri e-mail aggiuntivi come
segue:
a. Da: inserire il nome del mittente. Se questo campo viene lasciato vuoto, i messaggi
conterranno l'account di posta elettronica del mittente nel campo Da.
b. Utilizza crittografia: è possibile scegliere una connessione crittografata al server di posta. È
possibile selezionare i tipi di crittografia SSL e TLS.
c. Alcuni provider di servizi Internet richiedono l'autenticazione nel server della posta in arrivo
prima di consentire l'invio. In tal caso, selezionare la casella di controllo Accedere al server di
posta in arrivo per abilitare un server POP e configurare le relative impostazioni:


Server di posta in arrivo (POP): immettere il nome del server POP.
Porta : impostare la porta del server POP. Per impostazione predefinita, è impostata la
porta 110.

Nome utente e Password del server della posta in arrivo.
d. Fare clic su OK.
10. Fare clic su Invia messaggio e-mail di prova per verificare se le notifiche funzionano
correttamente con le impostazioni specificate.
4.7.9
Gestione degli errori
Queste opzione sono efficaci per i sistemi operativi Windows e Linux e i supporti riavviabili.
Queste opzioni permettono di specificare come trattare gli errori che si potrebbero verificare
durante il backup.
122
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Non visualizzare i messaggi e le finestre di dialogo durante l'elaborazione (modalità
nascosta)
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Con la modalità nascosta abilitata, il programma gestirà automaticamente le situazioni che
richiedono l'intervento dell'utente (eccetto per la gestione dei settori difettosi, che è definita come
opzione separata). Se un'operazione non può continuare in assenza di un'interazione dell'utente, non
sarà portata a termine. I dettagli dell'operazione, inclusi eventuali errori, potranno essere visualizzati
nel registro dell'operazione.
Riprova se si verifica un errore
L'impostazione predefinita è: Abilitata. Numero di tentativi: 30. Intervallo tra i tentativi: 30 secondi.
Quando si verifica un errore recuperabile, il programma riprova ad eseguire l'operazione non riuscita.
È possibile impostare l'intervallo di tempo e il numero dei tentativi. I tentativi saranno terminati
appena l'operazione è stata completata correttamente OPPURE viene eseguito il numero specificato
dei tentativi, a seconda di quale avviene prima.
Per esempio, se la destinazione diventa non disponibile o non raggiungibile, il programma tenterà di
raggiungere la destinazione ogni 30 secondi ma non più di 5 volte. I tentativi saranno terminati
appena viene ripresa la connessione OPPURE viene eseguito il numero specificato dei tentativi, a
seconda di quale viene prima.
Se Acronis Cloud Storage è selezionato come posizione di backup principale, secondaria o un'ulteriore posizione,
il valore dell'opzione viene impostato automaticamente su Abilitata. Numero di tentativi: 300, a prescindere
dal valore predefinito.
Ignora settori danneggiati
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Quando l'opzione è disabilitata, il programma visualizzerà una finestra pop-up ogni volta che rileva
un settore corrotto e permetterà all'utente di decidere se continuare o interrompere la procedura di
backup. Per realizzare un backup delle informazioni valide presenti su un disco difettoso, abilitare
l'opzione per ignorare i settori corrotti. Il resto dei dati verrà copiato con un backup e sarà possibile
montare il disco finale ed estrarre i file validi su un altro disco.
4.7.10 Tracciamento eventi
E' possibile duplicare gli eventi di registro delle operazioni di backup che operano sulla macchina
gestita, nel registro eventi applicazioni di Windows;o inviare gli eventi ai gestori SNMP specificati.
4.7.10.1
Notifiche SNMP
Questa opzione è disponibile per i sistemi operativi Windows e Linux.
Questa opzione non è disponibile quando si opera con il supporto di avvio.
Questa opzione definisce se l'agente che opera sulla macchina deve inviare gli eventi di registro ai
gestori specificati di Simple Network Management Protocol (SNMP). È possibile scegliere i tipi di
eventi da inviare.
Per informazioni dettagliate sull'utilizzo di SNMP con Acronis Backup, consultare "Supporto di SNMP
(p. 56)".
123
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
L'impostazione predefinita è: Utilizza le impostazioni configurate nelle opzioni della macchina.
Per selezionare se inviare gli eventi delle operazioni di backup ai gestori SNMP:
Selezionare una delle seguenti opzioni:

Utilizza le impostazioni configurate nelle opzioni della macchina: per utilizzare le impostazioni
specificate per la macchina. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Opzioni della macchina.

Invia singole notifiche SNMP per gli eventi dell'operazione di backup: per inviare gli eventi delle
operazioni di backup agli operatori SNMP specificati.

Tipo di eventi da inviare: scegliere i tipi di eventi da inviare: Tutti gli eventi, Errori e
avvertimenti o Solo errori.

Nome/IP del server: immettere il nome o l'indirizzo IP dell'host in cui viene eseguita
l'applicazione di gestione SNMP, a cui verranno inviati i messaggi.

Comunità: digitare il nome della comunità SNMP a cui appartengono sia l'host che esegue
l'applicazione di gestione SNMP che la macchina di invio. La comunità tipica è "public".
Fare clic su Invia messaggio di prova per controllare se le impostazioni sono corrette.

Non inviare notifiche SNMP: per disabilitare l'invio di eventi di registro delle operazioni di
backup ai gestori SNMP.
4.7.10.2
Registro eventi di Windows
Questa opzione è disponibile quando solo per il sistema operativo Windows
Questa opzione non è disponibile quando si opera con il supporto di avvio.
Questa opzione definisce se gli agenti che operano sulla macchina gestita devono registrare gli eventi
delle operazioni di backup nel registro eventi applicazioni di Windows (per visualizzare questo
registro, avviare eventvwr.exe o selezionare Pannello di controllo > Strumenti di amministrazione >
Visualizzatore eventi). È possibile filtrare gli eventi da registrare.
L'impostazione predefinita è: Utilizza le impostazioni configurate nelle opzioni della macchina.
Per selezionare se registrare gli eventi delle operazioni di backup nel log eventi
dell'applicazione di Windows.
Selezionare una delle seguenti opzioni:

Utilizza le impostazioni configurate nelle opzioni della macchina: per utilizzare le impostazioni
specificate per la macchina. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Opzioni della macchina.

Salva nel registro i seguenti tipi di eventi: per salvare gli eventi del backup nel log eventi
dell'applicazione. Specificare i tipi di eventi da registrare:




Tutti gli eventi: registra tutti gli eventi (informazioni, avvisi ed errori)
Errori e avvisi
Solo errori
Non salvare nel registro : per disabilitare il salvataggio degli eventi del backup nel log eventi
dell'applicazione.
4.7.11 Backup incrementale/differenziale veloce
Questa opzione è disponibile quando per i sistemi operativi Windows and Linux e i supporti
riavviabili.
Questa opzione è disponibile quando per entrambi il backup a livello di disco.
124
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Questa opzione definisce se rilevare le modifiche apportate ai file utilizzando la dimensione del file e
gli orari di modifica oppure confrontando i contenuti del file con quelli memorizzati nell'archivio
L'impostazione predefinita è: Abilitata.
Nel backup incrementale o differenziale sono acquisite solo le modifiche dei dati. Per accelerare la
procedura di backup, il programma determina se il file sia cambiato o no sotto il profilo della
dimensione e della data/ora dell'ultima modifica. Se si disattiva questa funzione, il programma
confronterà l'intero contenuto del file con quello memorizzato nell'archivio.
4.7.12 Istantanea di backup a livello di file
Questa opzione ha effetto solo per backup di file nei sistemi operativi Windows e Linux.
Questa opzione definisce se eseguire il backup di file uno per uno o creare un'istantanea di dati.
Nota: I file memorizzati nelle condivisioni di rete vengono sempre sottoposti a backup uno alla volta.
L'impostazione predefinita è: Crea istantanea se possibile
Selezionare una delle seguenti opzioni:

Crea sempre un'istantanea
L'istantanea abilita il backup di tutti i file, inclusi quelli aperti per l'accesso esclusivo. I file saranno
inseriti nel backup nello stesso punto temporale. Scegliere questa impostazione solo se questi
fattori sono critici, cioè se non ha senso eseguire il backup dei file senza un'istantanea. Per
utilizzare un'istantanea, il piano di backup deve essere in esecuzione con l'account con i privilegi
di amministratore o di operatore di backup. Se non è possibile creare un'istantanea, il backup
fallirà.

Crea un'istantanea se possibile
Esegui direttamente il backup dei file se non è possibile creare uno snapshot.

Non creare un'istantanea
Esegui sempre il backup dei file direttamente. I privilegi di amministratore o di operatore di
backup non sono richiesti. Il tentativo di eseguire backup dei file aperti con accesso esclusivo
provocherà un errore di lettura. I file nel backup potrebbero non essere cronologicamente
coerenti.
4.7.13 Sicurezza a livello di file
Queste opzioni sono efficaci solo per il backup a livello di file nei sistemi operativi Windows.
Negli archivi, memorizza i file criptati in stato decriptato
Questa opzione definisce se decriptare i file prima del loro salvataggio in un archivio di backup.
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Limitarsi ad ignorare questa opzione se non si utilizza la crittografia. Abilitare quest'opzione se sono
inclusi i file crittografati nel backup e se si vuole impostare l'accesso per tutti gli utenti dopo il
ripristino. In caso contrario, solo l'utente che ha crittografato i file/le cartelle sarà in grado di leggerli.
La decriptazione può essere utile anche se si intende ripristinare i file criptati su una macchina
diversa.
125
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
La criptazione del file è disponibile in Windows utilizzando il file system NTFS con Encrypting File System (EFS).
Per accedere alle impostazioni di crittografia di un file o di una cartella, selezionare Proprietà > Informazioni
generali > Attributi avanzati > Crittografa contenuto per la protezione dei dati.
Conserva le impostazioni di sicurezza dei file negli archivi
Questa opzione definisce se eseguire il backup dei permessi per i file NTFS insieme ai file.
L'impostazione predefinita è: Abilitata.
Quando l'opzione è abilitata, i file e le cartelle sono salvati nell'archivio con i permessi originali per
leggere, scrivere o eseguire i file per ogni utente o gruppo utenti. Se si ripristina un file o una cartella
protetta senza l'account utente specificato nelle autorizzazioni, potrebbe non essere possibile
leggere o modificare il file.
Per eliminare completamente questo tipo di problema, disabilitare la conservazione delle
impostazioni di sicurezza negli archivi. I file e le cartelle ripristinati erediteranno sempre i permessi
dalla cartella in cui sono ripristinati o dal disco se ripristinato dalla cartella root.
In alternativa, è possibile disabilitare il ripristino (p. 177) delle impostazioni di sicurezza anche se
sono disponibili nell'archivio. Il risultato sarà uguale: i file erediteranno i permessi dalla cartella
principale
Per accedere ai permessi del file o della cartella NTFS, selezionare Proprietà > Sicurezza.
4.7.14 Creazione snapshot LVM
Questa opzione è disponibile solo per i sistemi operativi Linux. Questa opzione è disponibile sia per i
backup a livello del disco che per i backup a livello di file gestiti da Linux Logical Volume Manager
(LVM). Questi volumi sono chiamati anche volumi logici.
Questa opzione definisce la modalità di creazione dello snapshot di un volume logico. Acronis Backup
è in grado di eseguire questa operazione da sé o basandosi su Linux Logical Volume Manager (LVM).
L'utilizzo di uno snapshot garantisce un backup coerente nel tempo di un volume i cui dati possono
cambiare durante la procedura di backup.
L'impostazione predefinita è: Acronis Backup
Selezionare una delle seguenti opzioni:

Acronis Backup
Acronis Backup creerà lo snapshot autonomamente. Con questa impostazione, un backup
normalmente procede più rapidamente e non è necessario spazio non allocato nel gruppo di volumi.
Per questo, consigliamo di modificare l'impostazione predefinita solo in caso di problemi con il
backup di volumi logici.

Gestore volumi logici
Acronis Backup utilizzerà lo snapshot creato da LVM. Questo snapshot è archiviato nello spazio non
allocato del gruppo di volumi. Se manca lo spazio non allocato, Acronis Backup creerà lo snapshot
autonomamente.
Spiegazione dettagliata della creazione di snapshot con LVM
Quando viene creato lo snapshot di un volume e i dati iniziano a cambiare, i dati vecchi devono
essere conservati in una posizione fino a quando vengono salvati nel backup.
126
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Acronis conserva i vecchi dati principalmente nella RAM. (Durante un backup a livello di file, il
software potrebbe creare un file temporaneo in /tmp se le dimensioni dei dati vecchi aumentano
significativamente).

LVM richiede un volume logico temporaneo (lo snapshot di un volume logico) per conservare i
vecchi dati (consultare http://tldp.org/HOWTO/LVM-HOWTO/snapshots_backup.html). La
scrittura di questi dati nel volume provoca un elevato numero di operazioni I/O del disco. Per
questo motivo di solito il backup è più lento quando viene creato uno snapshot attraverso LVM.
Se si sceglie di utilizzare LVM, Acronis Backup crea lo snapshot di un volume logico da sé. Il software
procede come indicato di seguito:
1. Controlla le dimensioni del volume del backup (non le dimensioni dei dati, ma le dimensioni del
volume).
2. Calcola il 10% di queste dimensioni, supponiamo 10 GB.
3. Controlla se sono presenti almeno 10 GB di spazio non allocato sul gruppo del volume
corrispondente.
4. Se sono presenti, crea lo snapshot di un volume logico da 10 GB (utilizzando il comando
lvcreate -s) e inizia ad eseguire il backup. Altrimenti, il software esegue il backup utilizzando
lo snapshot Acronis.
5. Elimina lo snapshot del volume quando non è più necessario.
I backup di più volumi logici vengono eseguiti uno ad uno. Per ciascuno di essi, il software crea uno
snapshot del volume separato delle dimensioni corrispondenti. Viene archiviato solo uno snapshot
del volume alla volta.
Se i dati cambiano molto rapidamente mentre il software sta conservando lo snapshot, lo snapshot
del volume logico esaurirà lo spazio e il backup fallirà. Per questo motivo è possibile cambiare il
valore predefinito del 10 % in qualunque valore fino al 100 % (che garantisce il successo) in
/etc/Acronis/BackupAndRecovery.config.
Per cambiare le dimensioni predefinite dello snapshot del volume logico:
1. Decidere quanto spazio non allocato utilizzare. Se si sta eseguendo il backup di due o più volumi
logici, basare la propria scelta sulle dimensioni del più grande di essi.
Suggerimento: Per visualizzare la quantità di spazio non allocato su un gruppo di volumi, eseguire il
comando vgdisplay ed esaminare la riga Free PE / Size. Per visualizzare le dimensioni dei volumi
logici, eseguire il comando lvdisplay ed esaminare le righe LV Size.
2. Aprire il file /etc/Acronis/BackupAndRecovery.config in un editor di testo.
3. Individuare la riga <value name="MMSDirPath" type="TString">.
4. Aggiungere il seguente frammento direttamente prima di questa riga:
<key name="LVMSnapshots">
<value name="MinimalVGFreeRelative" type="TString">
20
</value>
</key>
In questo esempio, il nuovo valore è 20%. Il numero deve essere intero.
5. Salvare il file. La nuova impostazione avrà effetto dal backup successivo. Non è necessario
riavviare il servizio.
127
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4.7.15 Componenti supporto
Questa opzione è disponibile sia per i sistemi operativi Windows che Linux quando la destinazione
del backup è un CD, DVD o disco Blue-ray (BD).
Quando si esegue il backup su un supporto di questo tipo, è possibile far operare questo supporto
come un normale supporto di avvio (p. 456) basato su Linux scrivendovi i componenti aggiuntivi. Di
conseguenza non è necessario un disco di ripristino separato.
L'impostazione predefinita è: Nessun componente di avvio.
Scegliere uno dei seguenti componenti da posizionare nel supporto di avvio:

Acronis Bootable Agent è un'utilità di ripristino di avvio (basata su kernel Linux) che include la
maggior parte delle funzionalità dell'agente di Acronis Backup. Inserire questo componente sul
supporto se si necessita una maggiore funzionalità durante il ripristino. Sarà possibile configurare
l'operazione di ripristino nello stesso modo che con il supporto di avvio normale; utilizzare Active
Restore o Universal Restore. Se il supporto viene creato in Windows, sarà inoltre disponibile la
funzionalità di gestione del disco.

Acronis Bootable Agent e One-Click Restore. One-Click Restore rappresenta un'aggiunta minima
a un backup del disco memorizzato in un supporto di avvio, consentendo un semplice ripristino
da questo backup. Se si avvia una macchina dal supporto e si fa clic su Esegui Acronis One-click
Restore, il disco sarà ripristinato immediatamente dal backup contenuto sullo stesso supporto.
Attenzione: Poiché l'approccio del singolo clic non comporta selezioni da parte dell'utente, come la
selezione di volumi da ripristinare, Acronis One-Click Restore ripristina sempre l'intero disco. Se il disco
contiene diversi volumi e si intende utilizzare Acronis One-Click Restore, includere tutti i volumi nel backup.
Tutti i volumi non inclusi nel backup andranno perduti.
4.7.16 Punti di montaggio
Questa opzione è disponibile solo in Windows per un backup a livello di file di un'origine di dati che
include volumi montati o volumi condivisi del cluster.
Questa opzione è disponibile solo quando si seleziona per il backup una cartella che nella gerarchia
delle cartelle è superiore al punto di montaggio. (un punto di montaggio è una cartella a cui un
volume aggiuntivo è collegato logicamente).

Se tale cartella (una cartella principale) è selezionata per il backup e l'opzione Punti di montaggio
è abilitata, tutti i file che si trovano sul volume montato verranno inclusi nel backup. Se l'opzione
Punti di montaggio è disabilitata, il punto di montaggio nel backup sarà vuoto.
Durante il ripristino di una cartella principale, il contenuto del punto di montaggio verrà
ripristinato a seconda che l'opzione di ripristino Punti di montaggio (p. 177) sia abilitata o
disabilitata.

Se viene selezionato il punto di montaggio direttamente o si seleziona una cartella all'interno del
volume montato, le cartelle selezionate verranno considerate cartelle comuni. Il loro backup
verrà eseguito a prescindere dallo stato dell'opzione Punti di montaggio e verranno ripristinate a
prescindere dallo stato dell'opzione di ripristino Punti di montaggio (p. 177).
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Suggerimento. È possibile eseguire il backup di macchine virtuali Hyper-V che si trovano in un volume condiviso
del cluster eseguendo il backup dei file richiesti o del volume completo con il backup a livello di file. È sufficiente
spegnere le macchine virtuali per assicurarsi che il loro backup sia eseguito in stato coerente.
128
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Esempio
Si ipotizzi che la cartella C:\Dati1\ rappresenti un punto di montaggio per il volume montato. Il
volume contiene le cartelle Cartella1 e Cartella2. Si crea un piano di backup per il backup a livello di
file dei dati.
Selezionando la casella di controllo del volume C e abilitando l'opzione Punti di montaggio, la cartella
C:\Dati1\ nel backup conterrà Cartella1 e Cartella2. Quando si esegue il ripristino dei dati di cui è
stato eseguito il backup, assicurarsi di utilizzare in modo corretto l'opzione di ripristino Punti di
montaggio (p. 177).
Selezionando la casella di controllo del volume C e disabilitando l'opzione Punti di montaggio, la
cartella C:\Dati1\ nel backup sarà vuota.
Selezionando la casella di controllo della cartella Dati1, Cartella1 o Cartella2, le cartelle spuntate
verranno incluse nel backup come cartelle ordinarie, a prescindere dallo stato dell'opzione Punti di
montaggio.
4.7.17 Snapshot multivolume
Questa opzione è disponibile solo per i sistemi operativi Windows.
Questa opzione si applica al backup a livello di disco. Questa opzione si applica anche al backup a
livello di file quando questo file viene eseguito creando uno snapshot. (L'opzione Snapshot di backup
a livello di file (p. 125) consente di stabilire se durante il backup a livello di file verrà creato uno
snapshot).
L'opzione consente di stabilire se creare gli snapshot di volumi multipli allo stesso tempo oppure uno
per uno.
L'impostazione predefinita è: Abilita.
Quando questa opzione è impostata su Abilita, gli snapshot di tutti i volumi di cui viene creato il
backup verranno creati simultaneamente. Utilizzare questa opzione per creare un backup coerente di
dati estesi su volumi multipli, ad esempio per un database Oracle.
Quando questa opzione è impostata su Disabilita, gli snapshot dei volumi verranno creati uno dopo
l'altro. Di conseguenza, se i dati si estendono sui vari volumi, il backup risultante potrebbe non essere
coerente.
4.7.18 Comandi pre/post
Questa opzione è disponibile quando per i sistemi operativi Windows and Linux e i supporti
riavviabili.
L'opzione permette di definire i comandi da avviare automaticamente prima e dopo la procedura di
backup.
Il seguente schema illustra quando vengono avviati i comandi pre/post.
Comandi
pre-backup
Backup
Comandi
post-backup
Esempio di come utilizzare i comandi pre/post:


129
Eliminare alcuni file temporanei dal disco prima di avviare il backup.
Configurare un prodotto antivirus di terze parti da avviare ogni volta prima dell'inizio del backup.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Copiare selettivamente i backup da un archivio in un'altra posizione. Questa opzione potrebbe
risultare utile poiché la replica configurata in un piano di backup copia ogni backup di un archivio
nelle posizioni successive.
Acronis Backup esegue la replica dopo aver eseguito il comando post-backup. Per ulteriori
informazioni, consultare "Sequenza di operazioni in un piano di backup" (p. 81).
Il programma non supporta comandi interattivi, ad es. comandi che richiedono un input dell'utente
(ad esempio, “pausa”).
Per specificare i comandi pre/post
1. Permette l'esecuzione dei comandi pre/post selezionando le seguenti opzioni:


Esegui prima del backup


Fare clic su Modifica per specificare un nuovo comando o un file batch
Esegui dopo il backup
2. Eseguire una delle seguenti operazioni:
Seleziona il comando esistente o il file batch dall'elenco a discesa
3. Fare clic su OK.
4.7.18.1
Comandi pre-backup
Per specificare un comando/file batch da eseguire prima dell'avvio della procedura di backup.
1. Nel campo Comando, digitare un comando oppure sfogliare per cercare un file batch. Il
programma non supporta comandi interattivi, cioè comandi che richiedono l'immissione
dell'utente (ad esempio "pause").
2. Nel campo Directory di lavoro, specificare il percorso di una directory dove sarà avviato il
comando/file batch.
3. Nel campo Argomenti specificare gli argomenti di esecuzione del comando, se necessario.
4. A seconda del risultato che si desidera ottenere, selezionare le opzioni appropriate descritte nella
tabella seguente.
5. Fare clic su Prova comando per controllare se il comando è corretto.
Casella di controllo
Selezione
Interrompi l'attività se
l'esecuzione del comando
fallisce*
Selezionato
Cancellato
Selezionat
o
Cancellato
Non eseguire il backup fino al
termine dell'esecuzione del
comando
Selezionato
Selezionato
Cancellato
Cancellato
Risultato
Impostazione
predefinita
Esegui il backup
solo dopo che il
comando è stato
Esegui il backup solo
eseguito
dopo che il
nonostante l'esito
comando è stato
negativo o
eseguito con
positivo.
successo.
Interrompi l'attività
se l'esecuzione del
comando fallisce.
130
N/A
Esegui il backup
simultaneamente
con l'esecuzione del
comando senza
tener conto del
risultato
dell'esecuzione del
comando.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
* Un comando viene considerato non riuscito se il codice di uscita non è uguale a zero.
4.7.18.2
Comandi post-backup
Per specificare un comando/file eseguibile da avviare una volta completato il backup.
1. Nel campo Comando, digitare un comando oppure sfogliare per cercare un file batch.
2. Nel campo Directory di lavoro, specificare il percorso di una directory dove sarà avviato il
comando/file batch.
3. Nel campo Argomenti, specificare gli argomenti dell'esecuzione del comando, se richiesto.
4. Selezionare la casella di controllo Interrompi l'attività se l'esecuzione del comando fallisce se
l'esecuzione corretta del comando è fondamentale. Il comando viene considerato non riuscito se
il codice di uscita non è uguale a zero. Se l'esecuzione del comando fallisce, il programma
rimuoverà i file TIB risultanti e se possibile i file temporanei e il risultato dell'esecuzione
dell'attività verrà impostato su Fallita.
Quando la casella viene selezionata, il risultato dell'esecuzione del comando non influisce
sull'esito negativo o positivo dell'esecuzione attività. È possibile tracciare il risultato
dell'esecuzione dei comandi esplorando il registro o gli errori e gli avvisi visualizzati nella
visualizzazione Registro.
5. Fare clic su Prova comando per controllare se il comando è corretto.
4.7.19 Comandi prima/dopo la cattura dei dati
Questa opzione è disponibile quando per i sistemi operativi Windows.
L'opzione permette di definire i comandi da avviare automaticamente prima e dopo l'acquisizione dei
dati (ovvero, creando lo snapshot dei dati). L'acquisizione dei dati viene eseguita da Acronis Backup
all'inizio della procedura di backup.
Lo schema seguente illustra quando vengono avviati i comandi dell'acquisizione dati.
<--------------Comandi
pre-backup
Backup
--------------->
Comandi
Acquisizion
Comandi
pre-acquisizio
e dati
post-acquisizio
ne dei dati
ne dei dati
Comandi
post-backup
Se l'opzione Volume Shadow Copy Service (p. 137) è abilitata, l'esecuzione dei comandi e le azioni di
Microsoft VSS saranno messi per sequenza come segue:
Comandi "Prima dell'acquisizione dei dati” -> Sospensione VSS -> Acquisizione dati -> Ripristino VSS
-> comandi "Dopo l'acquisizione dei dati".
Utilizzando i comandi pre/post acquisizione dati, è possibile sospendere e riprendere un database o
applicazione che non è compatibile con VSS. A differenza dei Comandi pre/post (p. 129), i comandi
pre/post acquisizione dei dati verranno eseguiti prima e dopo la procedura di acquisizione dei dati.
Ciò richiede alcuni secondi. L'intera procedura di backup potrebbe richiedere molto più tempo, a
seconda della quantità di dati di cui eseguire il backup. Il tempo di attività del database o
dell'applicazione sarà pertanto minimo.
Per specificare i comandi pre/post acquisizione dei dati
1. Permettere l'esecuzione dei comandi pre/post acquisizione dei dati selezionando le seguenti
opzioni:


131
Esegui prima dell'acquisizione dei dati
Esegui dopo l'acquisizione dei dati
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
2. Eseguire una delle seguenti operazioni:


Fare clic su Modifica per specificare un nuovo comando o un file batch
Seleziona il comando esistente o il file batch dall'elenco a discesa
3. Fare clic su OK.
4.7.19.1
Comandi pre-acquisizione dei dati
Per specificare un file di comando/batch da eseguire prima dell'acquisizione dati
1. Nel campo Comando, digitare un comando oppure sfogliare per cercare un file batch. Il
programma non supporta comandi interattivi, cioè comandi che richiedono l'immissione
dell'utente (ad esempio "pause").
2. Nel campo Directory di lavoro, specificare il percorso di una directory dove sarà avviato il
comando/file batch.
3. Nel campo Argomenti specificare gli argomenti di esecuzione del comando, se necessario.
4. A seconda del risultato che si desidera ottenere, selezionare le opzioni appropriate descritte nella
tabella seguente.
5. Fare clic su Prova comando per controllare se il comando è corretto.
Casella di controllo
Selezione
Interrompi l'attività di
backup se l'esecuzione del
comando fallisce*
Selezionato
Cancellato
Selezionat
o
Cancellato
Non eseguire l'acquisizione
dei dati fino al termine
dell'esecuzione del comando
Selezionato
Selezionato
Cancellato
Cancellato
Risultato
Impostazione
predefinita
Esegui
N/A
l'acquisizione dei
dati solo dopo che
Esegui l'acquisizione
il comando è
dei dati solo dopo che
stato eseguito
il comando è stato
nonostante l'esito
eseguito con successo.
negativo o
Interrompi l'attività se
positivo.
l'esecuzione del
comando fallisce.
Esegui l'acquisizione
dei dati
simultaneamente al
comando e senza
tener conto del
risultato
dell'esecuzione del
comando.
* Un comando viene considerato non riuscito se il codice di uscita non è uguale a zero.
4.7.19.2
Comandi post-acquisizione dei dati
Per specificare un file di comando/batch da eseguire prima dell'acquisizione dati
1. Nel campo Comando, digitare un comando oppure sfogliare per cercare un file batch. Il
programma non supporta comandi interattivi, cioè comandi che richiedono l'immissione
dell'utente (ad esempio "pause").
2. Nel campo Directory di lavoro, specificare il percorso di una directory dove sarà avviato il
comando/file batch.
3. Nel campo Argomenti specificare gli argomenti di esecuzione del comando, se necessario.
4. A seconda del risultato che si desidera ottenere, selezionare le opzioni appropriate descritte nella
tabella seguente.
132
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
5. Fare clic su Prova comando per controllare se il comando è corretto.
Casella di controllo
Selezione
Interrompi l'attività se
l'esecuzione del comando
fallisce*
Selezionato
Cancellato
Selezionat
o
Cancellato
Non eseguire il backup fino al
termine dell'esecuzione del
comando
Selezionato
Selezionato
Cancellato
Cancellato
Risultato
Impostazione
predefinita
Continua il backup
solo dopo che il
comando è stato
eseguito con
successo. Elimina il
file TIB e i file
temporanei e annulla
l'operazione se
l'esecuzione del
comando fallisce.
Esegui il backup
solo dopo che il
comando è stato
eseguito
nonostante l'esito
negativo o
positivo.
N/A
Continua il backup
simultaneamente
con il comando e
senza tener conto
del risultato
dell'esecuzione del
comando.
* Un comando viene considerato non riuscito se il codice di uscita non è uguale a zero.
4.7.20 Tempo di inattività replica/pulizia
Questa opzione è disponibile solo se si configurano regole di replica o di conservazione (p. 102) dei
backup.
Questa opzione definisce un periodo di tempo in cui l'avvio della replica o l'applicazione delle regole
di conservazione non è consentito. Le operazioni verranno eseguite al termine del periodo di
inattività, se la macchina è accesa in quel momento. Le operazioni avviate prima del periodo di
inattività continuano senza interruzione.
Il periodo di inattività riguarda tutte le posizioni, inclusa quella primaria.
L'impostazione predefinita è: Disabilitato.
Per specificare il tempo di inattività, selezionare la casella di controllo Non avviare la replica/pulizia
nel seguente periodo, quindi selezionare i giorni e il periodo di tempo durante la giornata.
Esempio di utilizzo
Potrebbe essere necessario utilizzare questa opzione per separare la procedura di backup dalla
replica o dalla pulizia. Per esempio, si supponga di eseguire il backup di macchine localmente durante
il giorno e di replicare i backup in una cartella di rete. Includere nel periodo di inattività gli orari di
lavoro. La replica verrà eseguita dopo l'orario di lavoro, quando il carico della rete è inferiore.
4.7.21 Backup settore per settore
L'opzione è disponibile solo per backup a livello di disco.
133
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per creare una copia esatta di un disco o di un volume a livello fisico, selezionare la casella di
controllo Backup settore per settore. Il backup derivante avrà le stesse dimensioni del disco
sottoposto a backup (se l'opzione Livello di compressione (p. 120) è impostata su Nessuno).
Utilizzare il backup settore per settore per eseguire il backup di unità con file system non riconosciuti
o non supportati e altri formati di dati proprietari.
4.7.22 Gestione nastro
Queste opzioni sono disponibili quando la destinazione del backup è una periferica a nastro.
Utilizza un set di nastri separato per ogni singola macchina
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
I nastri all'interno di un pool possono essere raggruppati nei cosiddetti set di nastri.
Se si lascia questa opzione disabitata, il backup dei dati di diverse macchine verrà eseguito su tutti i
nastri che appartengono a un pool. Se l'opzione è abilitata, i backup di ciascuna macchina verranno
archiviati su un gruppo di nastri separato.
L'opzione è disponibile per il backup in un nodo di archiviazione.
Abilita il ripristino di file dai backup del disco archiviati su nastri
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Se questa casella di controllo è selezionata, per ciascun backup il software crea file supplementari su
un disco rigido della macchina a cui è collegata la periferica a nastro. Il ripristino di file dai backup del
disco è possibile fino a quando i file supplementari sono intatti. I file vengono eliminati
autonomamente quando il nastro che archivia i rispettivi backup viene cancellato (p. 225), rimosso (p.
229) o sovrascritto.
Di seguito sono indicate le posizioni dei file supplementari:

In Windows XP e Server 2003: %ALLUSERSPROFILE%\Application
Data\Acronis\BackupAndRecovery\TapeLocation.

In Windows Vista e versioni successive di
Windows: %PROGRAMDATA%\Acronis\BackupAndRecovery\TapeLocation.

In Linux: /var/lib/Acronis/BackupAndRecovery/TapeLocation.
Lo spazio occupato da questi file supplementari dipende dal numero di file nel rispettivo backup. Per
il backup completo di un disco contenente circa 20.000 file (il backup del disco di una workstation
tipica), i file supplementari occupano circa 150 MB. Il backup completo di un server contenente
250.000 file può produrre circa 700 MB di file supplementari. Quindi se si è certi che non sarà
necessario ripristinare singoli file, è possibile lasciare la casella di controllo deselezionata per
risparmiare spazio del disco.
Quando si configura un backup del disco e delle applicazioni a passaggio singolo (p. 337), la casella di
controllo Abilita il ripristino di file dai backup del disco archiviati su nastri viene selezionata
automaticamente. È possibile deselezionarla solo se si cambia la destinazione del backup o si
disabilita il backup a passaggio singolo.
Se i file supplementari non sono stati creati durante il backup o sono stati eliminati, sarà comunque
possibile crearli effettuando una nuova analisi (p. 226) dei nastri in cui è archiviato il backup. Questo
metodo non è disponibile per il backup creati con Acronis Backup & Recovery 11 Update 0 (build
17318) e versioni precedenti.
134
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Espelli i nastri dopo backup successivi
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Quando questa casella di controllo è selezionata, il software espellerà i nastri dopo ogni backup
eseguito correttamente. Se secondo il piano di backup questo sarà seguito da altre operazioni (come
la convalida del backup o la replica in un'altra posizione), il nastro verrà espulso al completamento di
queste operazioni.
Spostare nuovamente il nastro nello slot dopo l'utilizzo
L'impostazione predefinita è: Abilitata.
Se si disabilita questa opzione, un nastro rimarrà nell'unità dopo il completamento di un'operazione.
Se è abilitata sia questa opzione che l'opzione Espelli i nastri dopo backup eseguiti correttamente, il
nastro verrà espulso.
Utilizza sempre un nastro libero
Per impostazione predefinita, il software prova a scrivere un backup su un nastro contenente backup
della stessa catena o archivio di backup. Se non viene trovato, il software cerca un nastro dello stesso
set di nastri. (I set di nastri possono essere determinati dai pool di nastri, dall'opzione Utilizza un set
di nastri separato per ogni singola macchina o dagli schemi di backup Grandfather-Father-Son (p.
69) o Torre di Hanoi (p. 76)). Se non viene trovato un nastro dello stesso set di nastri, il software
proverà a utilizzare un nastro disponibile.
È possibile forzare l'utilizzo di un nastro disponibile modificando le seguenti impostazioni.

Per ogni backup completo
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Quando questa opzione è abilitata, ciascun backup sarà scritto su un nastro libero.

Per ciascun backup differenziale (non applicabile quando si esegue il backup dei dati Exchange)
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Quando questa opzione è abilitata, ciascun backup differenziale sarà scritto su un nastro libero.
Inoltre, ogni backup completo verrà scritto su un nastro disponibile. La casella di controllo Per ogni
backup completo viene selezionata e disabilitata.

Per ciascun backup incrementale (o backup del registro di transazione quando si esegue il
backup dei dati Exchange)
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Quando questa opzione è abilitata, ciascun backup incrementale sarà scritto su un nastro libero.
Inoltre, ogni backup completo e ogni backup differenziale verrà scritto su un nastro disponibile. Le
caselle di controllo Per ogni backup completo e Per ogni backup differenziale diventano selezionate
e disabilitate.
Sovrascrivi un nastro nell'unità quando viene creato un backup completo
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
L'opzione è disponibile solo per le periferiche a nastro autonome. Quando questa opzione è abilitata,
un nastro inserito in una periferica a nastro verrà sovrascritto ogni volta che viene creato un backup
completo.
135
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4.7.23 Gestione fallimento dell'attività
Questa opzione è disponibile sia per i sistemi operativi Windows che Linux.
Questa opzione non è disponibile quando si opera con il supporto di avvio.
Questa opzione determina il comportamento del programma quando uno delle attività del piano di
backup fallisce.
L'impostazione predefinita non prevede il riavvio di un'attività non riuscita.
Il programma tenterà di eseguire nuovamente l'attività non riuscita se si seleziona la casella di
controllo Riavvia un'attività fallita e si specifica il numero di tentativi e l'intervallo di tempo che
intercorre tra i tentativi. Il programma si interrompe provando appena un tentativo è stato
completato con successo OPPURE il numero specificato di tentativi è eseguito, a seconda di quale si
verifica prima.
Se l'attività fallisce a causa di un errore nel piano di backup, è possibile modificare il piano mentre l'operazione
è nello stato di inattività. Quando l'attività è in funzione, è necessario terminarla prima di modificare il piano di
backup.
4.7.24 Condizioni di avvio dell'attività
Questa opzione è disponibile per i sistemi operativi Windows e Linux.
Questa opzione non è disponibile quando si opera con il supporto di avvio.
Questa opzione determina il comportamento del programma nel caso in cui l'attività di backup stia
per essere avviata (arrivi l'orario pianificato o si verifichi l'evento specificato nella pianificazione), ma
le condizioni non siano soddisfatte (o una di condizioni multiple). Per maggiori informazioni e per le
condizioni vedere Pianificazione (p. 87) e Condizioni (p. 99).
L'impostazione predefinita è: Attendi quando le condizioni sono soddisfatte.
Attendi quando le condizioni sono soddisfatte
Con queste impostazioni, l'unità di pianificazione inizia a monitorare le condizioni e avvia l'attività
una volta che le condizioni sono soddisfatte. Se non sono presenti le condizioni, l'attività non è
avviata.
136
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per gestire la situazione quando le condizioni non sono soddisfatte per troppo tempo e ulteriori
ritardi del backup diventano rischiosi, è possibile impostare l'intervallo di tempo dopo cui l'attività
verrà eseguita senza tener conto delle condizioni. Selezionare la casella di controllo Esegui
comunque l'attività dopo e specificare l'intervallo di tempo. L'attività inizierà appena le condizioni
sono soddisfatte OPPURE il ritardo di tempo massimo scade, a seconda di quale si verifica prima.
Schema temporale: Attendi fino a quando le condizioni sono soddisfatte
Ignora l'esecuzione dell'attività
Il ritardo di un backup potrebbe non essere accettabile, per esempio, quando è necessario eseguire il
backup dei dati esattamente all'ora specificata. In questi casi è opportuno non visualizzare il backup
piuttosto che attendere le condizioni, soprattutto se gli eventi si verificano relativamente spesso.
4.7.25 Servizio Copia Shadow del volume Microsoft
Queste opzioni sono disponibili solo per i sistemi operativi Windows.
Utilizzo del servizio Copia Shadow del volume Microsoft
L'opzione definisce se un servizio Copia shadow del volume (VSS) deve notificare alle applicazioni VSS
che il backup sta per essere avviato. Ciò garantisce lo stato di coerenza di tutti i dati utilizzati dalle
applicazioni; in particolare il completamento di tutte le transazioni del database al momento della
creazione dello snapshot dei dati con Acronis Backup. La coerenza dei dati a sua volta garantisce che
l'applicazione venga ripristinata nello stato corretto e che sia operativa subito dopo il ripristino.
L'impostazione predefinita è: Utilizza il Servizio Copia Shadow del volume.
137
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Usa VSS
Quando si seleziona Utilizza il Servizio Copia Shadow del volume, scegliere un provider di snapshot
dal seguente elenco:

Hardware/software - Seleziona automaticamente
VSS utilizzerà il provider basato su hardware che supporta il volume di origine. Se non viene
trovato, VSS utilizzerà Acronis VSS Provider.

Software: seleziona automaticamente
Nella maggior parte dei casi, VSS utilizzerà Acronis VSS Provider.

Software: Acronis VSS Provider
VSS utilizzerà Acronis VSS Provider per la creazione di snapshot.

Software - Provider di sistema (selezionato per impostazione predefinita)
VSS utilizzerà il provider di sistema (provider di copie shadow software Microsoft) per la
creazione di snapshot. Si consiglia di scegliere il provider di sistema quando si esegue il backup
dei server delle applicazioni (Microsoft Exchange Server, Microsoft SQL Server, Microsoft
SharePoint o Active Directory).

Software: provider software
Nella maggior parte dei casi, VSS utilizzerà il provider di copie shadow software Microsoft.

Hardware: seleziona automaticamente
VSS utilizzerà il provider basato su hardware che supporta il volume di origine. Se non viene
trovato un provider basato su hardware, i backup verranno creati tramite Acronis Backup senza
acquisire snapshot.
Nota: l'utilizzo di un provider di snapshot dell'hardware potrebbe richiedere privilegi di amministrazione.
Non utilizzare VSS
Selezionando Non utilizzare VSS, lo snapshot dei dati verrà creato da Acronis Backup.
Scegliere Non utilizzare VSS se il database non è compatibile con VSS. La procedura di backup è più
veloce, ma non è possibile garantire la coerenza dei dati delle applicazioni le cui transazioni non sono
complete al momento della creazione dello snapshot. È possibile utilizzare i Comandi pre/post
acquisizione dei dati (p. 131) per indicare quali comandi devono essere eseguiti prima e dopo la
creazione dello snapshot. Ciò assicura che i dati siano inclusi nel backup in uno stato coerente. Ad
esempio, specificare i comandi pre-acquisizione dei dati che sospenderanno il database e
scaricheranno tutte le cache per garantire che tutte le transazioni siano completate; e specificare i
comandi post-acquisizione dei dati che riepilogheranno le operazioni del database dopo la creazione
dello snapshot.
Informazioni sui programmi di scrittura di copie shadow di volumi
Prima di eseguire il backup dei dati di applicazioni compatibili con VSS, accertarsi che siano attivati i
programmi di scrittura delle copie shadow dei volumi esaminando l'elenco degli scrittori presenti nel
sistema operativo. Per visualizzare questo elenco, eseguire il seguente comando:
vssadmin list writers
Nota: In Microsoft Windows Small Business Server 2003, lo scrittore di Microsoft Exchange Server 2003 è
disattivato per impostazione predefinita. Per istruzioni su come attivarlo, consultare il seguente articolo della
Microsoft Knowledge Base http://support.microsoft.com/kb/838183/.
138
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Abilitazione del backup completo VSS
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Questa opzione può essere utile quando si protegge Microsoft Exchange Server con un backup a
livello del disco (p. 307).
Se l'opzione è abilitata, i registri di Microsoft Exchange Server e di altre applicazioni compatibili con
VSS (eccetto Microsoft SQL Server) verranno troncati dopo ciascun backup completo, incrementale o
differenziale eseguito correttamente.
Lasciare l'opzione disabilitata nei seguenti casi:

Se si utilizza Acronis Backup Agent for Exchange o software di terze parti per il backup dei dati di
Exchange Server. Questa procedura è necessaria, poiché il troncamento del registro interferirà
con i backup di registro transazione consecutivi.

Se si utilizza software di terze parti per il backup dei dati di SQL Server. Questo è necessario,
poiché il software di terze parti utilizzerà il backup a livello del disco risultante per il "proprio"
backup completo. Di conseguenza, il backup differenziale successivo dei dati di SQL Server fallirà.
I backup continueranno a fallire fino a quando il software di terze parti creerà il "proprio" backup
completo successivo.

Se sulla macchina sono in esecuzione altre applicazioni compatibili con VSS ed è necessario
conservare i loro registri per qualunque motivo.
L'abilitazione di questa opzione non produce il troncamento dei registri di Microsoft SQL Server. Per
troncare il registro di SQL Server dopo un backup single pass (p. 332), abilitare l'impostazione
Troncamento registro nella sezione Backup del disco e delle applicazioni single pass (p. 337) della
pagina Crea piano di backup o Esegui backup adesso.
139
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
5 Ripristina
Al momento del recupero dei dati, occorre considerare innanzitutto il metodo più funzionale:
connettere la console alla macchina gestita in esecuzione nel sistema operativo e creare il disco di
ripristino.
Se il sistema operativo della macchina gestita non è in grado di eseguire l'avvio oppure se è
necessario eseguire un ripristino dei dati bare metal, avviare la macchina dal supporto di avvio (p.
456) oppure utilizzando Acronis Startup Recovery Manager (p. 286) e configurare il ripristino.
Acronis Universal Restore consente di ripristinare e avviare i sistemi operativi su hardware diverso o
su una macchina virtuale.
Acronis Backup consente di trasferire sistemi operativi Windows tra hardware basato su BIOS e
hardware che supporta Unified Extensible Firmware Interface (UEFI). Per ulteriori dettagli, consultare
la sezione "Ripristino di sistemi basati su BIOS in sistemi basati su UEFI e viceversa" (p. 161).
Un sistema Windows può essere portato online in alcuni secondi durante il ripristino. Utilizzando la
tecnologia proprietaria Acronis Active Restore (p. 165), Acronis Backup avvierà la macchina nel
sistema operativo individuato nel backup come se il sistema si trovasse nel disco rigido. Il sistema
diventa operativo e pronto per fornire i servizi necessari. In tal modo, i tempi di inattività del sistema
saranno minimi.
Un volume dinamico può essere ripristinato su un volume esistente, nello spazio non allocato di un
gruppo di dischi o nello spazio non allocato di un disco di base. Per ulteriori informazioni sul ripristino
di volumi dinamici, consultare la sezione "Backup e ripristino di volumi dinamici (Windows)" (p. 44).
Per informazioni dettagliate su periferiche e volumi RAID Software Linux creati da Logical Volume
Manager (LVM), consultare "Ripristino di periferiche MD e volumi logici" (p. 48).
Acronis Backup Agent for Windows e Agent for Linux sono in grado di ripristinare un backup del disco
(volume) su una nuova macchina virtuale di qualsiasi dei tipi seguenti: Con Acronis Backup Agent for
Hyper-V o VMware è possibile creare la nuova macchina virtuale nel rispettivo server di
virtualizzazione. Consultare la sezione "Ripristino nella destinazione "Nuova macchina virtuale"" (p.
186) per ulteriori dettagli.
È possibile che sia necessario preparare i dischi di destinazione prima del ripristino. Acronis Backup
include una pratica utilità per la gestione dei dischi che consente di creare o eliminare volumi,
modificare uno stile di partizionamento del disco, creare un gruppo di dischi ed eseguire altre
operazioni di gestione del disco nell'hardware di destinazione, sia nel sistema operativo che da zero.
Per ulteriori informazioni su Acronis Disk Director LV, consultare la sezione "Gestione disco" (p. 290).
5.1
Creazione di un'attività di ripristino
Per creare un'attività di ripristino, eseguire i seguenti passaggi
Cosa convalidare
Selezione dati (p. 142)
Selezionare i dati da ripristinare.
Credenziali di accesso (p. 147)
140
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
[Facoltativo] Fornire le credenziali per la posizione dell'archivio se l'account dell'attività non
dispone del relativo diritto di accesso. Per accedere a questa opzione, fare clic su Mostra
credenziali di accesso.
Dove ripristinare
Questa sezione viene visualizzata dopo che il backup richiesto viene selezionato e il tipo di
dati da ripristinare è definito. I parametri qui specificati dipendono dal tipo di dati che
vengono ripristinati.
Dischi (p. 148)
Volumi (p. 152)
File (p. 155)
Database o gruppi di archiviazione di Microsoft Exchange
Caselle postali o cartelle pubbliche di Microsoft Exchange
Database Microsoft SQL (p. 337)
Microsoft Active Directory (p. 346)
[Solo sul server di gestione] Scegliere la macchina registrata su cui ripristinare i dati. Nella
maggior parte dei casi, la macchina da cui provengono i dati viene scelta automaticamente.
Se è necessario ripristinare i dati su una condivisione di rete o una macchina virtuale,
scegliere la macchina registrata con l'agente che eseguirà il ripristino.
Acronis Active Restore
[Facoltativo] Abilitare Acronis Active Restore se è necessario portare online un sistema
oppure un database subito dopo l'avvio del ripristino. Disponibile per il ripristino di Windows
(p. 165), di database Microsoft Exchange o di database Microsoft SQL (p. 339).
Credenziali di accesso (p. 147)
[Facoltativo] Fornire le credenziali per la destinazione se le credenziali dell'attività non
consentono il ripristino dei dati selezionati. Per accedere a questa impostazione, fare clic su
Mostra credenziali di accesso.
Quando ripristinare
Ripristina (p. 156)
Scegliere quando avviare il ripristino. L'attività può essere avviata subito dopo la sua
creazione, programmata per una data e un'ora specifiche nel futuro oppure semplicemente
salvata per l'esecuzione manuale.
Parametri attività
Nome attività
[Facoltativo] Immettere un nome univoco per l'attività di ripristino. Un nome scelto
specificamente consente di identificare rapidamente l'attività fra le altre.
Opzioni di ripristino
[Facoltativo] Personalizzare l'operazione di ripristino mediante la configurazione delle
opzioni di ripristino, ad esempio comandi pre/post ripristino, gestione degli errori, opzioni di
notifica. Se in questa sezione non viene eseguita alcuna operazione, verranno utilizzati i
valori predefiniti (p. 171).
Dopo avere modificato il valore predefinito delle impostazioni, appare una nuova linea che
visualizza il valore appena impostato. Lo status di impostazione da Predefinito diventa
Personalizzato. Se l'impostazione viene nuovamente modificata, la riga visualizzerà il nuovo
valore, a meno che questo non corrisponda al valore predefinito. Quando viene impostato il
141
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
valore predefinito, la riga scompare. Per questo, in questa sezione verranno sempre
visualizzate solo le impostazioni diverse dai valori predefiniti.
Facendo clic su Ripristina allo stato predefinito, verranno reimpostate tutte le impostazioni
sui valori predefiniti.
Credenziali attività
[Facoltativo] L'attività verrà eseguita per conto dell'utente che crea l'attività. Se necessario, è
possibile modificare le credenziali di account dell'attività. Per accedere a questa
impostazione, fare clic su Mostra credenziali attività.
[Facoltativo] Universal Restore per Windows/Linux
Si applica a: ripristino del disco o volume di sistema.
Universal Restore per Windows/Linux (p. 158)
Utilizzare Acronis Universal Restore quando occorre ripristinare e avviare un sistema
operativo su hardware diverso.
Dopo avere completato tutti i passaggi richiesti, fare clic su OK per creare l'attività di ripristino.
5.1.1
Cosa convalidare
1. Specificare la posizione dell'archivio
Nel campo Percorso dati, specificare il percorso della posizione dell'archivio o fare clic su Sfoglia e
selezionare la posizione richiesta come descritto in "Selezione della posizione dell'archivio" (p. 143).
In Acronis Backup Advanced, è possibile scegliere di specificare il percorso della posizione
dell'archivio come descritto precedentemente o di utilizzare il catalogo dati centralizzato.
2. Selezione dei dati
I dati del backup possono essere selezionati utilizzando la scheda Visualizzazione dati o la scheda
Visualizzazione archivio. La scheda Visualizzazione dati visualizza tutti i dati del backup in base alla
versione (la data e l'ora di creazione del backup) nella posizione dell'archivio selezionato. La scheda
Visualizzazione archivio visualizza i dati del backup in base all'archivio.
Selezione dei dati utilizzando la Visualizzazione dati
Poiché la scheda Visualizzazione dati condivide le stesse funzionalità con il catalogo dati, la selezione
dei dati nella scheda Visualizzazione dati viene eseguita nello stesso modo che nel catalogo. Per
ulteriori informazioni sulla selezione dei dati, consultare "Catalogo dati" (p. 145).
Selezione dei dati utilizzando la Visualizzazione archivio
1. Espandere l'archivio richiesto e selezionare uno dei backup successivi in base alla data e all'ora
della creazione. In tal modo, è possibile riportare i dati del disco in preciso momento.
Se l'elenco degli archivi non viene visualizzato (per esempio se i metadati dell'archivio sono
andati perduti), selezionare Aggiorna.
Se l'elenco degli archivi è troppo lungo, è possibile filtrarli selezionando solo il tipo richiesto di
archivi da visualizzare. Per eseguire questa operazione, selezionare il tipo di archivio richiesto
nell'elenco Mostra.
Nota per gli utenti di Microsoft Exchange: Per informazioni sulla selezione dei dati di Microsoft Exchange,
fare riferimento alla sezione "Selezione dei dati di Exchange utilizzando la Visualizzazione archivio" della
documentazione "Backup dei dati di Microsoft Exchange Server".
142
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
2. Solo per i backup di dischi e volumi: in Contenuto del backup, selezionare il tipo di dati da
visualizzare dall'elenco a discesa:




Dischi: per ripristinare i dischi come unità intere (con tutti i rispettivi volumi).
Volumi: per ripristinare singoli volumi di base e/o dinamici.
File: per ripristinare singoli file e cartelle.
Database Microsoft SQL: per ripristinare i database Microsoft SQL da backup del disco e
delle applicazioni a passaggio singolo.

Microsoft Active Directory: per estrarre i dati di Microsoft Active Directory da backup del
disco e delle applicazioni a passaggio singolo.
3. In Contenuto del backup, selezionare le caselle di controllo degli elementi da ripristinare.
4. Fare clic su OK.
Selezione dell'MBR
Quando si ripristina un volume di sistema, di solito si seleziona l'MBR del disco se:



Il sistema operativo non è in grado di avviarsi.

La geometria del disco è diversa da quella memorizzata nel backup.
Il disco è nuovo e non presenta un MBR.
Si stanno ripristinando caricatori di avvio personalizzati o non Windows (ad esempio, LILO e
GRUB).
Potrebbero verificarsi altre occasioni in cui sarà necessario ripristinare l'MBR, ma quelle indicate
sopra sono le più comuni.
Quando si ripristina l'MBR di un disco in un altro, Acronis Backup ripristina la Traccia 0, che non
influisce sulla tabella di partizione e sul layout di partizione del disco. Acronis Backup aggiorna
automaticamente i caricatori di Windows dopo il ripristino, pertanto non è necessario ripristinare
l'MBR e la Traccia 0 per i sistemi Windows, a meno che l'MBR non sia danneggiato.
5.1.1.1
Selezione della posizione dell'archivio
Posizione
Cloud storage
Dettagli
Se l'archivio è conservato in Acronis Cloud Storage, fare clic su Accedi e specificare le
credenziali per accedere all'archivio nel cloud. Quindi, espandere il gruppo di Cloud
storage e selezionare l'account.
L'esportazione e il montaggio non sono supportati per i backup archiviati in Acronis Cloud
Storage.
143
Personale
Se l'archivio è conservato in un deposito personale, espandere il gruppo Personali e fare
clic sul deposito richiesto.
Centralizzato
Se l'archivio è conservato in un deposito centralizzato, espandere il gruppo Centralizzati e
fare clic sul deposito appropriato.
Nome macchina
Macchina locale
Cartelle locali
Se l'archivio è conservato in una cartella locale della macchina, espandere il gruppo
<Nome macchina> e selezionare la cartella richiesta.
CD, DVD, BD
Se l'archivio è memorizzato in supporti ottici come CD, DVD o dischi Blu-ray (BD),
espandere il gruppo <Nome macchina>, quindi selezionare l'unità richiesta. Prima inserire
l'ultimo disco. Quindi inserire i dischi in ordine iniziando dal primo quando il programma
lo richiede.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Posizione
RDX, USB
Periferica a
nastro
Dettagli
Se l'archivio è memorizzato in un'unità RDX o in un'unità flash USB, espandere il gruppo
<Nome macchina>, quindi selezionare l'unità richiesta. Per informazioni sull'utilizzo di
queste unità, consultare la sezione "Periferiche rimovibili" (p. 210).
Se l'archivio è conservato in una periferica a nastro collegata localmente, espandere il
gruppo Periferiche a nastro e fare clic sulla periferica appropriata.
Note Le periferiche a nastro possono essere utilizzate solo con Acronis Backup Advanced.
Per informazioni sull'utilizzo di nastri, consultare la sezione "Periferiche a nastro" (p. 212).
Cartelle di rete
Se l'archivio è conservato in una condivisione di rete, espandere il gruppo Cartelle di rete,
selezionare il computer in rete richiesto e fare clic sulla cartella condivisa. Se la
condivisione di rete richiede credenziali di accesso, queste verranno richieste dal
programma.
Note per gli utenti di Linux. per specificare una condivisione di rete CIFS (Common Internet
File System) montata in un punto di montaggio come /mnt/share, selezionare questo
punto di montaggio invece della condivisione di rete stessa.
FTP, SFTP
Se l'archivio è memorizzato in un server FTP o SFTP, immettere il nome o l'indirizzo del
server nel campo Percorso, come indicato di seguito:
ftp://server_ftp:numero_porta o sftp://server_sftp:numero_porta
Per stabilire una connessione FTP in modalità attiva, utilizzare la seguente notazione:
aftp://server_ftp:numero_porta
Se il numero di porta non viene specificato, verrà utilizzata la porta 21 per FTP e la porta
22 per SFTP.
Dopo l'immissione delle credenziali di accesso, le cartelle contenute nel server
diventeranno disponibili. Fare clic sulla cartella appropriata contenuta nel server.
È possibile accedere al server come utente anonimo, se il server consente questo tipo di
accesso. Per eseguire questa operazione, fare clic su Usa accesso anonimo invece di
immettere le credenziali.
Come indicato dalla specifica FTP originale, le credenziali necessarie per l'accesso ai server
FTP vengono trasferite in una rete in testo semplice. Ciò implica che il nome utente e la
password possono essere intercettati da utenti malintenzionati con uno sniffer di
pacchetti.
Nodi di
archiviazione
Quando si lavora nel sistema operativo, accedere a un nodo di archiviazione selezionando
il rispettivo deposito centralizzato. Quando si lavora su un computer avviato con il
supporto di avvio:
 Per accedere a un deposito gestito, immettere la seguente stringa nel campo
Percorso:
bsp://indirizzo_nodo/nome_deposito/
 Per accedere a un deposito centralizzato non gestito, immettere il percorso completo
della cartella del deposito.
Cartelle NFS
Se l'archivio è conservato in una condivisione NFS, espandere il gruppo Cartelle NFS e fare
clic sulla cartella.
Disponibile solo in Linux e nel supporto di avvio basato su Linux.
144
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
5.1.1.2
Catalogo dati
Il catalogo dati consente di trovare facilmente la versione richiesta dei dati e di selezionarla per il
ripristino. In una macchina gestita, la funzionalità del catalogo dati è disponibile attraverso la scheda
Visualizzazione dati per ogni deposito accessibile da questa macchina. Nel server di gestione, la
funzionalità del catalogo è disponibile sia attraverso la Visualizzazione dati che il Catalogo dati. Il
catalogo dati centralizzato consente di visualizzare in un'unica posizione tutti i dati archiviati nei
depositi gestiti centralizzati.
Acronis Backup è in grado di caricare file del catalogo dati da un deposito a una cartella cache locale. Per
impostazione predefinita, questa cartella si trova sul disco in cui è installato il sistema operativo. Per
informazioni sulla modifica della cartella cache predefinita, fare riferimento alla sezione "Modifica della cartella
cache predefinita per i file di catalogo" (p. 205).
Selezione dei dati del backup per il ripristino
1. Eseguire una delle seguenti operazioni:

Per accedere alla scheda Visualizzazione dati, connettere la console a una macchina o al
server di gestione, navigare alla visualizzazione Depositi e selezionare il deposito richiesto.

Per accedere al Catalogo dati, connettere la console al server di gestione e selezionare
Catalogo dati nella struttura Navigazione.
2. Nel campo Mostra, selezionare il tipo di dati da visualizzare:

Selezionare Macchine/dischi/volumi per esplorare e cercare dischi e volumi completi nei
backup a livello del disco.

Selezionare Cartelle/file per esplorare e cercare i file e le cartelle nei backup sia a livello di
file che a livello del disco.

Selezionare Archivio informazioni di Exchange per esplorare e cercare archivi di informazioni,
singoli gruppi di archiviazione o database nei backup a livello di database.
Selezionare Caselle postali di Microsoft Exchange per esplorare e cercare intere caselle
postali, cartelle pubbliche, singole cartelle, messaggi di posta elettronica, eventi di calendario,
attività, contatti, note, sia nei backup a livello di database che a livello di casella postale.
Per informazioni sulla selezione dei dati di Microsoft Exchange, fare riferimento alla sezione
"Selezione dei dati di Exchange utilizzando la Visualizzazione dati o il Catalogo dati" della
documentazione "Backup dei dati di Microsoft Exchange Server".

Selezionare Database Microsoft SQL per esplorare e cercare i database Microsoft SQL nei
backup del disco e delle applicazioni a passaggio singolo.

Selezionare Microsoft Active Directory per trovare i dati di Microsoft Active Directory nei
backup del disco e delle applicazioni a passaggio singolo.
3. Nel campo Visualizza dati del backup per, specificare il periodo di tempo per cui i dati del backup
verranno visualizzati.
4. Eseguire una delle seguenti operazioni:


145
Selezionare i dati da ripristinare nella struttura del catalogo o nella tabella alla sua destra.
Nella stringa di ricerca, immettere le informazioni che possono aiutare a identificare gli
elementi dei dati richiesti (possono essere il nome di una macchina, il nome di un file o di
una cartella o l'etichetta di un disco), quindi fare clic su Cerca. È possibile utilizzare i caratteri
jolly asterisco (*) e punto interrogativo (?).
Come risultato, nella finestra Cerca, verrà visualizzato l'elenco degli elementi dei dati del
backup il cui nome coincide completamente o parzialmente con il valore immesso.
Selezionare i dati richiesti e fare clic su OK per tornare alla visualizzazione Catalogo
dati/Visualizzazione dati.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
5. Utilizzare l'elenco Versioni per selezionare il momento a cui ripristinare i dati. Per impostazione
predefinita, i dati verranno riportati all'ultimo momento disponibile per il periodo di tempo
selezionato nel passaggio 3.
[Facoltativamente, applicabile solo al Catalogo dati] Se per i dati del backup sono disponibili
diverse repliche archiviate in più di una posizione, è possibile selezionare la posizione da cui
ripristinare i dati. Per accedere alle informazioni sulle posizioni dei dati selezionati, fare clic con il
pulsante destro sulla relativa versione, quindi selezionare Cambiare il deposito da cui eseguire il
ripristino. Per impostazione predefinita, viene selezionata la posizione che fornisce l'accesso più
rapido ai dati. I dischi rigidi locali sono i più rapidi, i nastri i più lenti.
6. Dopo aver selezionato i dati richiesti, fare clic su Ripristina e configurare i parametri
dell'operazione di ripristino.
Cosa succede se i dati non vengono visualizzati nel catalogo o nella visualizzazione
dati?
I motivi possibili di questo problema sono i seguenti.
Periodo di tempo impostato errato
Il backup dei dati richiesti non è stato eseguito durante il periodo di tempo impostato dal controllo
Visualizza dati del backup per.
Soluzione: Provare ad aumentare il periodo di tempo.
La catalogazione è disabilitata o la catalogazione rapida è abilitata
Se i dati sono visualizzati parzialmente o non sono visualizzati del tutto, molto probabilmente la
catalogazione è stata disabilitata o la catalogazione rapida (p. 116) era abilitata durante il backup.
Soluzioni:

Se la catalogazione è disabilitata

Su una macchina gestita: Abilitare la catalogazione nell'opzione Catalogazione backup
(Opzioni > Opzioni macchina).


Sul server di gestione: Abilitare la catalogazione modificando il registro di Windows (p. 442).
Sui nodi di archiviazione: Abilitare la catalogazione modificando il registro di Windows (p.
246).

Eseguire manualmente la catalogazione completa selezionando Esegui catalogazione adesso. Per
il Catalogo dati, tutti i backup archiviati nei depositi gestiti verranno catalogati. Per la scheda
Visualizzazione dati, solo i backup archiviati nel deposito gestito verranno catalogati. I backup
che sono già stati catalogati non verranno catalogati di nuovo.

Poiché la catalogazione di un gran numero di dati del backup potrebbe richiedere molto tempo,
potrebbe essere preferibile utilizzare la Visualizzazione archivio del rispettivo deposito. Per
ulteriori informazioni sull'utilizzo della Visualizzazione archivio, consultare "Sfogliare il contenuto
del deposito e la selezione dei dati" nella sezione "Lavorare con i depositi" (p. 192).
I dati non sono supportati dal catalogo
Non è possibile visualizzare i seguenti dati nella visualizzazione catalogo o dati:



146
Dati di archivi crittografati o protetti da password.
Dati da depositi gestiti crittografati.
Dati di cui è stato eseguito il backup su supporti rimovibili, come CD, DVD, BD, periferiche Iomega
REV, RDX o USB.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015


Dati di cui è stato eseguito il backup in Acronis Cloud Storage.

Dati di cui è stato eseguito il backup utilizzando la denominazione semplificata del backup.
Dati di cui è stato eseguito il backup utilizzando Acronis True Image Echo o versioni precedenti
del prodotto.
Soluzione: per poter essere in grado di sfogliare tali dati, utilizzare la scheda Visualizzazione archivio
del rispettivo deposito.
I dati non sono inclusi nel catalogo centralizzato
Il catalogo centralizzato non visualizza i dati dai depositi non gestiti centralizzati o dai depositi
personali (p. 203).
Soluzione per i depositi non gestiti centralizzati: Selezionare il deposito nella struttura Navigazione,
quindi selezionare Visualizzazione dati.
Soluzione per i depositi personali: Effettuare la connessione direttamente alla macchina, selezionare
il deposito e scegliere Visualizzazione dati.
5.1.2
Credenziali di accesso per la posizione
Specificare le credenziali richieste per l'accesso alla posizione in cui è archiviato il backup.
Per specificare le credenziali
1. Selezionare una delle seguenti opzioni:

Utilizza le credenziali dell'attività
Il software accederà alla posizione utilizzando le credenziali dell'account di attività specificato
nella sezione Parametri attività.

Utilizza le seguenti credenziali
Il software accederà alla posizione utilizzando le credenziali specificate. Utilizzare questa
opzione se l'account dell'attività non dispone delle autorizzazioni per l'accesso all'ubicazione.
Per una condivisione in rete o un deposito di nodi di archiviazione, potrebbe essere
necessario fornire credenziali speciali.
Specificare:

Nome utente. Quando si immette il nome di un account utente di Active Directory,
specificare anche il nome del dominio (DOMINIO\Nomeutente o
[email protected]).

Password. La password dell'account.
2. Fare clic su OK.
Come indicato dalla specifica FTP originale, le credenziali necessarie per l'accesso ai server FTP vengono
trasferite in una rete in testo semplice. Ciò implica che il nome utente e la password possono essere intercettati
da utenti malintenzionati con uno sniffer di pacchetti.
5.1.3
Credenziali di accesso per la destinazione
Per specificare le credenziali
1. Selezionare una delle seguenti opzioni:

147
Utilizza le credenziali dell'attività
Il programma accederà alla destinazione utilizzando le credenziali dell'account di attività
specificato nella sezione Parametri attività.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Utilizza le seguenti credenziali
Il programma accederà alla destinazione utilizzando le credenziali specificate dall'utente.
Utilizzare questa opzione se l'account dell'attività non dispone delle autorizzazioni di accesso
per la destinazione.
Specificare:

Nome utente. Quando si immette il nome di un account utente di Active Directory,
specificare anche il nome del dominio (DOMINIO\Nomeutente o
[email protected]).

Password. La password dell'account.
2. Fare clic su OK.
5.1.4
Dove ripristinare
Specificare la destinazione in cui saranno ripristinati i dati selezionati.
5.1.4.1
Selezione dei dischi di destinazione
Le destinazioni di dischi o volumi disponibili dipendono dagli agenti operanti nella macchina.
Ripristina in:
Macchina fisica
Disponibile quando Acronis Backup Agent for Windows o Agent for Linux è installato.
I dischi selezionati verranno ripristinati nei dischi fisici del computer a cui è connessa la console.
Mediante tale selezione, l'utente procede alla regolare mappatura del disco descritta di seguito.
Nuova macchina virtuale

Se Acronis Backup Agent for Windows o Agent for Linux è installato.
I dischi selezionati verranno ripristinati in una nuova macchina virtuale di uno qualsiasi dei
seguenti tipi: VMware Workstation, Microsoft Virtual PC, Red Hat Kernel-based Virtual Machine
(KVM), Red Hat Enterprise Virtualization (RHEV) o Citrix XenServer Open Virtual Appliance (OVA).
I file della macchina virtuale verranno salvati nella destinazione specificata nella sezione
Archiviazione. Per impostazione predefinita, la nuova macchina virtuale verrà creata nella
cartella dei documenti dell'utente corrente.

Se Acronis Backup Agent for Hyper-V o Agent for VMware è installato.
Questi agenti consentono la creazione di una nuova macchina virtuale nel server di
virtualizzazione specificato dall'utente.
Per impostazione predefinita, la nuova macchina virtuale verrà creata nell'archivio predefinito
del server di virtualizzazione. La modifica o non modifica dello spazio di archiviazione nel server
di virtualizzazione dipende dal marchio e delle impostazioni del prodotto di virtualizzazione.
VMware ESX(i) può presentare diversi spazi di archiviazione. Un server Microsoft Hyper-V
consente la creazione di una nuova macchina virtuale in qualsiasi cartella locale.
La nuova macchina virtuale verrà configurata automaticamente, la configurazione della macchina di
origine viene copiata dove possibile. La configurazione viene visualizzata nella sezione Impostazioni
macchina virtuale (p. 188). Verificare le impostazioni e, se necessario, apportare le modifiche.
Successivamente, procedere alla regolare mappatura del disco descritta di seguito.
Macchina virtuale esistente
148
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Disponibile quando è installato Acronis Backup Agent for Hyper-V o Agent for VMware.
Mediante tale selezione, l'utente specifica il server di virtualizzazione e la macchina virtuale di
destinazione. Successivamente, procedere alla regolare mappatura del disco descritta di seguito.
Tenere presente che la macchina di destinazione verrà spenta automaticamente prima del ripristino. Se si
preferisce spegnerla manualmente, modificare l'opzione Gestione energetica VM.
Dischi/volumi
Mappa automaticamente
Acronis Backup tenta di mappare i dischi selezionati nei dischi di destinazione come descritto
nella sezione "Funzionamento della mappatura automatica" (p. 150). Se non si è soddisfatti del
risultato della mappatura, è possibile mappare nuovamente i dischi. Per eseguire questa
operazione, è necessario eliminare la mappatura dei dischi nell'ordine inverso; ovvero, il disco
mappato per ultimo deve essere eliminato dalla mappatura per primo. Quindi, eseguire la
mappatura dei dischi manualmente come descritto di seguito.
Disco #:
Disco # (MODELLO) (p. 149)
Selezionare il disco di destinazione per ciascuno dei dischi di origine.
Firma NT (p. 149)
Selezionare il modo in cui verrà gestita la firma del disco ripristinato. La firma del disco viene
usata dal kernel Windows e Linux versione 2.6 e successive.
Destinazione del disco
Per specificare un disco di destinazione:
1. Selezionare un disco in cui si desidera ripristinare il disco selezionato. Lo spazio del disco di
destinazione dovrebbe avere almeno le stesse dimensioni dei dati non compressi dell'immagine.
2. Fare clic su OK.
Tutti i dati memorizzati sul disco di destinazione verranno sostituiti dai dati contenuti nel backup, quindi
prestare attenzione e controllare tutti i dati che potrebbero essere necessari e non sono stati salvati nel backup.
Firma NT
La firma NT è un record conservato nel MBR. Identifica in modo univoco il disco per il sistema
operativo.
Quando si ripristina un disco contenente un volume di sistema, è possibile scegliere cosa fare con la
firma NT del disco di destinazione. Specificare uno dei seguenti parametri:

Seleziona automaticamente
Il software conserverà la firma NT del disco di destinazione se è la stessa firma NT archiviata nel
backup. (In altre parole, se si ripristina il disco sullo stesso disco di cui è stato eseguito il backup).
Altrimenti, il software genererà una nuova firma NT per il disco di destinazione.
Questa è la selezione predefinita consigliata per la maggior parte dei casi. Utilizzare le seguenti
impostazioni solo se è assolutamente necessario.

Create new
Acronis Backup genererà una nuova firma NT per il disco rigido di destinazione.

Ripristino da backup
Acronis Backup sostituirà la firma NT del disco rigido di destinazione con una dal backup di disco.
149
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Nota: È necessario essere assolutamente sicuri che nessuno dei dischi esistenti su questa macchina
contenga la stessa firma NT. Altrimenti, il sistema operativo viene eseguito dal primo disco all'avvio; rileva
la stessa firma sul secondo disco, genera automaticamente una nuova firma NT univoca e la assegna al
secondo disco. Tutti i volumi del secondo disco perdono di conseguenza la propria lettera, tutti i percorsi sul
disco cessano di essere validi e i programmi non trovano i rispettivi file. Il sistema operativo del disco in
questione non è riavviabile.
Il ripristino della firma del disco è consigliabile per i seguenti motivi:


Acronis Backup pianifica le attività usando la firma del disco rigido di origine. Se si ripristina la
stessa firma del disco, non sarà necessario creare nuovamente o modificare le attività create
in precedenza.

Alcune applicazioni installate utilizzano la firma del disco per la concessione della licenza e
altri scopi.


Questo consente di mantenere tutti i Punti di ripristino Windows nel disco ripristinato.
Per ripristinare le istantanee VSS usate dalla funzione "Versioni precedenti" di Windows
Vista.
Conserva esistenti
Il programma lascerà la firma NT del disco di destinazione intatta.
Funzionamento della mappatura automatica
Acronis Backup esegue automaticamente la mappatura dei dischi o dei volumi nei dischi di
destinazione solo se è possibile conservare l'avviabilità del sistema. Altrimenti, la mappatura
automatica verrà annullata e sarà necessario mappare i dischi o i volumi manualmente.
Inoltre, è necessario mappare i volumi manualmente se si tratta di volumi logici Linux o di RAID
software Linux (periferiche MD). Per ulteriori informazioni sul ripristino di volumi logici e periferiche
MD, consultare Ripristino di periferiche MD e volumi logici (p. 48).
La mappatura automatica viene eseguita come segue.
1. Se il disco o volume viene ripristinato nella posizione originale, la procedura di mappatura
riproduce il layout del disco/volume originale.
La posizione originale di un disco o volume indica esattamente lo stesso disco o volume di cui è stato
eseguito il backup. Un volume non verrà considerato originale se le dimensioni, la posizione o altri
parametri fisici sono stati modificati dopo il backup. La modifica della lettera o dell'etichetta del volume
non impedisce al software di riconoscere il volume.
2. Se il disco o volume viene ripristinato in una posizione diversa:
150

Quando si ripristinano dischi: Il software controlla le dimensioni e i volumi dei dischi di
destinazione. Un disco di destinazione non deve contenere volumi e le sue dimensioni
devono essere abbastanza grandi da contenere il disco da ripristinare. I dischi di destinazione
non inizializzati verranno inizializzati automaticamente.
Se non è possibile trovare i dischi richiesti, è necessario mappare i dischi manualmente.

Quando si ripristinano volumi: Il software controlla lo spazio non allocato dei dischi di
destinazione.
Se è presente spazio non allocato sufficiente, i volumi verranno ripristinati "come sono".
Se lo spazio non allocato sui dischi di destinazione è inferiore alle dimensioni dei volumi da
ripristinare, i volumi verranno ridimensionati proporzionalmente (riducendo il rispettivo
spazio libero) per adattarli lo spazio non allocato. Se i volumi ridotti non possono comunque
essere adattati allo spazio non allocato, sarà necessario mappare i volumi manualmente.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Supporto dei dischi rigidi con formato avanzato (settori 4K)
Acronis Backup è in grado di eseguire il backup di dischi con dimensioni del settore di 4 KB (noti come
dischi con formato avanzato) e di dischi tradizionali con dimensioni del settore di 512 byte.
Acronis Backup è in grado di ripristinare i dati da un disco a un altro se entrambi i dischi presentano le
stesse dimensioni logiche del settore (queste sono le dimensioni del settore presentate al sistema
operativo). Acronis Backup allinea i volumi del disco (p. 154) automaticamente se necessario. In
questo modo, l'inizio di un cluster nel file system corrisponde sempre all'inizio di un settore fisico sul
disco.
La funzionalità gestione disco (p. 290) di Acronis Backup non è disponibile per i dischi con dimensioni
del settore logico di 4 KB.
Stabilire le dimensioni del settore logico
In base alle specifiche del disco
Lo sviluppo della tecnologia Formato avanzato è coordinata dall'International Disk Drive Equipment
and Materials Association (IDEMA). Per ulteriori dettagli, consultare
http://www.idema.org/?page_id=2.
In termini di dimensioni del settore logico, IDEMA specifica due tipi di dischi con Formato avanzato:

i dischi 512 Byte emulation (512e) hanno dimensioni del settore logico di 512 byte. Questi dischi
sono supportati in Windows a partire da Windows Vista e nelle distribuzioni Linux moderne.
Microsoft e Western Digital utilizzano il termine “Formato avanzato” esclusivamente per questo
tipo di disco.

I dischi 4K native (4Kn) hanno dimensioni del settore logico di 4 KB. I sistemi operativi moderni
possono archiviare i dati su questi dischi, ma di solito non possono eseguire l'avvio da essi. Questi
dischi sono comuni unità esterne con connessione USB.
Eseguendo il comando appropriato
Per scoprire le dimensioni del settore logico di un disco, eseguire le seguenti operazioni.
In Windows:
1. Assicurarsi che il disco contenga un volume NTFS.
2. Eseguire il seguente comando come amministratore, specificando la lettera di unità del
volume NTFS:
fsutil fsinfo ntfsinfo D:
3. Esaminare il valore nella riga Bytes Per Sector. Per esempio, l'output potrebbe essere il
seguente:
Bytes Per Sector : 512
In Linux:
1. Stabilire il nome della periferica del disco, come /dev/sdb.
2. Eseguire il seguente comando come utente root, specificando il nome della periferica:
parted /dev/sdb print
3. Esaminare il primo valore nella riga Sector size (logical/physical). Per esempio, l'output
potrebbe essere il seguente:
Sector size (logical/physical): 512B/4096B
151
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
5.1.4.2
Selezione dei volumi di destinazione
Le destinazioni di volumi disponibili dipendono dagli agenti operanti nella macchina.
Ripristina in:
Macchina fisica
Disponibile quando Acronis Backup Agent for Windows o Agent for Linux è installato.
I volumi selezionati verranno ripristinati nei dischi fisici della macchina a cui è connessa la
console. Mediante tale selezione, l'utente procede alla regolare mappatura del volume descritta
di seguito.
Nuova macchina virtuale

Se Acronis Backup Agent for Windows o Agent for Linux è installato.
I volumi selezionati verranno ripristinati in una nuova macchina virtuale di uno dei seguenti tipi:
VMware Workstation, Microsoft Virtual PC, Red Hat Kernel-based Virtual Machine (KVM), Red
Hat Enterprise Virtualization (RHEV) o Citrix XenServer Open Virtual Appliance (OVA).
I file della macchina virtuale verranno salvati nella destinazione specificata nella sezione
Archiviazione. Per impostazione predefinita, la nuova macchina virtuale verrà creata nella
cartella dei documenti dell'utente corrente.

Se Acronis Backup Agent for Hyper-V o Agent for VMware è installato.
Questi agenti consentono la creazione di una nuova macchina virtuale nel server di
virtualizzazione specificato dall'utente.
Per impostazione predefinita, la nuova macchina virtuale verrà creata nell'archivio predefinito
del server di virtualizzazione. La modifica o non modifica dello spazio di archiviazione nel server
di virtualizzazione dipende dal marchio e delle impostazioni del prodotto di virtualizzazione.
VMware ESX(i) può presentare diversi spazi di archiviazione. Un server Microsoft Hyper-V
consente la creazione di una nuova macchina virtuale in qualsiasi cartella locale.
La nuova macchina virtuale verrà configurata automaticamente, la configurazione della macchina di
origine viene copiata dove possibile. La configurazione viene visualizzata nella sezione Impostazioni
macchina virtuale (p. 188). Verificare le impostazioni e, se necessario, apportare le modifiche.
Successivamente, procedere alla regolare mappatura del volume descritta di seguito.
Macchina virtuale esistente
Disponibile quando è installato Acronis Backup Agent for Hyper-V o Agent for VMware.
Mediante tale selezione, l'utente specifica il server di virtualizzazione e la macchina virtuale di
destinazione. Successivamente, procedere alla regolare mappatura del volume descritta di
seguito.
Va tenuto presente che la macchina di destinazione verrà spenta automaticamente prima del ripristino. Se
si preferisce spegnerla manualmente, modificare l'opzione Gestione energetica VM.
Dischi/volumi
Mappa automaticamente
Acronis Backup tenta di mappare i volumi selezionati nei dischi di destinazione come descritto
nella sezione "Funzionamento della mappatura automatica" (p. 150). Se non si è soddisfatti del
risultato della mappatura, è possibile mappare nuovamente i volumi manualmente. Per eseguire
questa operazione, è necessario eliminare la mappatura dei volumi nell'ordine inverso; ovvero, il
volume mappato per ultimo deve essere eliminato dalla mappatura per primo. Quindi, eseguire
la mappatura dei volumi manualmente come descritto di seguito.
152
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Ripristina MBR [Disco #] in: [Se il Master Boot Record è selezionato per il ripristino]
Disco # (p. 153)
Scegliere il disco in cui ripristinare il Master Boot Record.
Firma NT: (p. 149)
Selezionare la modalità di gestione della firma del disco contenuta nel Master Boot Record. La
firma del disco viene usata dal kernel Windows e Linux versione 2.6 e successive.
Ripristina [Volume] [Lettera] in:
Disco # /Volume
Mappare in modo sequenziale ciascuno dei volumi di origine in un volume o uno spazio non
allocato nel disco di destinazione.
Dimensioni: (p. 153)
[Facoltativo] Modificare le dimensioni del volume ripristinato, la posizione e le altre proprietà.
Destinazione dell'MBR
Per specificare un disco di destinazione:
1. Selezionare il disco di cui recuperare l'MBR.
2. Fare clic su OK.
Destinazione del volume
Per specificare un volume di destinazione o lo spazio non allocato
1. Selezionare un volume o uno spazio non allocato in cui si desidera ripristinare il volume
selezionato. Il volume di destinazione/spazio non allocato dovrebbe avere almeno le stesse
dimensioni dei dati non compressi dell'immagine.
2. Fare clic su OK.
Tutti i dati memorizzati sul volume di destinazione verranno sostituiti dai dati contenuti nel backup, quindi
prestare attenzione e controllare tutti i dati che potrebbero essere necessari e non sono stati salvati nel backup.
Quando si utilizza un supporto di avvio
Le lettere dei dischi visualizzate nel supporto di avvio in stile Windows possono differire da quelle
utilizzate da Windows per identificare le unità. Ad esempio, l'unità D: nell'utilità di ripristino
potrebbe corrispondere all'unità E: in Windows.
Attenzione. Per maggiore sicurezza, si consiglia di assegnare nomi univoci ai volumi.
Il supporto di avvio in stile Linux visualizza i dischi e i volumi locali come se non fossero montati (sda1,
sda2...).
Modifica delle proprietà del volume
Dimensione e posizione
Quando si ripristina un volume in un disco MBR di base, è possibile ridimensionare e riposizionare il
volume trascinandolo, trascinandone i bordi con il mouse o inserendo i valori corrispondenti nei
campi appropriati. Usando questa funzione è possibile ridistribuire lo spazio su disco tra i volumi
ripristinati. In questo caso, sarà necessario ripristinare prima il volume da ridurre.
Nota: I volumi di cui è stato eseguito il backup utilizzando l'opzione settore per settore non possono essere
ridimensionati.
153
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Suggerimento: Non è possibile ridimensionare un volume quando si esegue il ripristino da un backup suddiviso
tra diversi supporti rimovibili. Per poter ridimensionare il volume, copiare tutte le parti del backup in un'unica
posizione sul disco rigido.
Tipo
Un disco MBR di base può contenere fino a quattro volumi primari o fino a tre volumi primari e varie
unità logiche. Per impostazione predefinita, il programma seleziona il tipo del volume originale. Se
necessario, è possibile modificare questa impostazione.

Primario. Le informazioni sui volumi primari sono contenute nella tabella di partizione MBR. La
maggior parte dei sistemi operativi può essere attivata solo dal volume primario del disco rigido,
ma il numero di volumi primari è limitato.
Se si intende ripristinare un volume di sistema su un disco MBR di base, selezionare la casella di
controllo Attivo. Il volume attivo viene utilizzato per il caricamento di un sistema operativo. La
scelta di attivo per un volume senza un sistema operativo installato potrebbe impedire l'avvio
della macchina. Non è possibile impostare un'unità logica o un volume dinamico attivo.

Logico. Le informazioni sui volumi logici non sono posizionate in MBR, ma nella tabella di
partizione estesa. Il numero di volumi logici in un disco è illimitato. Un volume logico non può
essere impostato come attivo. Se si ripristina un volume di sistema su un altro disco rigido con i
relativi volumi e sistema operativo, quasi sicuramente sarà necessario ripristinare solo i dati. In
questo caso, è possibile ripristinare il volume come Logico per accedere solo ai dati.
File system
Per impostazione predefinita, il volume ripristinato avrà lo stesso file system del volume originale. È
possibile modificare il file system del volume durante il ripristino, se necessario.
Acronis Backup è in grado di eseguire le seguenti conversioni del file system: FAT16 -> FAT32 e Ext2
-> Ext3. Per volumi con altri file system nativi, questa opzione non è disponibile.
Supponiamo di voler ripristinare un volume da un disco FAT16 obsoleto a capacità ridotta in un disco
nuovo. FAT16 non sarebbe efficace e potrebbe essere persino impossibile da impostare sul disco
rigido ad alta capacità. Questo avviene perché FAT16 supporta volumi fino a 4 GB, pertanto non sarà
possibile ripristinare un volume FAT16 di 4 GB in un volume che supera quel limite senza modificare il
file system. In questo caso avrebbe senso modificare il file system da FAT16 a FAT32.
I sistemi operativi più vecchi (MS-DOS, Windows 95 e Windows NT 3.x, 4.x) non supportano FAT32 e
non funzioneranno dopo avere ripristinato un volume modificandone il file system. Questi possono
essere ripristinati normalmente solo su un volume FAT16.
Allineamento di volumi (partizioni)
Acronis Backup elimina automaticamente il disallineamento dei volumi: una situazione in cui i cluster
del volume non sono allineati con i settori del disco. Il disallineamento si verifica quando vengono
ripristinati volumi creati con lo schema di indirizzamento Cylinder/Head/Sector (CHS) su un disco
rigido (HDD) o unità SSD con dimensioni del settore di 4 KB. Lo schema di indirizzamento CHS è
utilizzato, per esempio, in tutti i sistemi operativi Windows precedenti a Windows Vista.
se i volumi sono disallineati, il cluster si sovrappone a più settori fisici di quanti ne avrebbe occupati
se fosse stato allineato. Di conseguenza, verranno cancellati e riscritti più settori fisici ad ogni
modifica dei dati. Le operazioni di lettura/scrittura ridondanti riducono notevolmente la velocità del
disco e le prestazioni generali del sistema. Il disallineamento delle unità SSD riduce non solo le
prestazioni del sistema, ma la durata dell'unità. Poiché le celle di memoria SSD sono realizzate per
154
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
una determinata quantità di operazioni di lettura/scrittura, le operazioni di lettura/scrittura
ridondanti provocano il degrado prematuro dell'unità SSD.
Quando si ripristinano volumi dinamici e volumi logici creati in Linux con Logical Volume Manager
(LVM), l'allineamento corretto è impostato automaticamente.
Quando si ripristinano volumi MBR e GPT, è possibile selezionare manualmente il metodo di
allineamento se l'allineamento automatico non è soddisfacente per qualsiasi motivo. Sono disponibili
le seguenti opzioni:

Seleziona automaticamente: (predefinita) consigliata. Il software imposterà automaticamente
l'allineamento corretto in base alle proprietà del disco/volume di origine e di destinazione.
Utilizzare le seguenti opzioni solo se è assolutamente necessario.

CHS (63 settori): selezionare questa opzione se il volume ripristinato sarà utilizzato in
Microsoft Windows XP e Windows Server 2003 (o versione precedente) su dischi con 512
byte per settore fisico.

VMware VMFS (64 KB): selezionare questa opzione quando si ripristina il volume come
partizione del file system di VMware Virtual Machine.

Allineamento Vista (1 MB): selezionare questa opzione se il volume ripristinato verrà
utilizzato dai sistemi operativi Windows da Windows Vista o quando si ripristinano volumi in
un disco rigido o unità SSD con dimensioni del settore di 4 KB.

Personalizzato: specificare l'allineamento del volume manualmente. Si consiglia di utilizzare
un valore multiplo delle dimensioni del settore fisico.
Lettera del driver logico (solo per Windows)
Per impostazione predefinita, la prima lettera inutilizzata verrà assegnata al volume. Per assegnare
una lettera diversa, selezionare la lettera desiderata da un elenco a discesa.
Selezionando il valore vuoto, non verrà assegnata alcuna lettera al volume ripristinato,
nascondendolo dal sistema operativo. Non si devono assegnare lettere ai volumi inaccessibili a
Windows, come quelli diversi da FAT e NTFS.
5.1.4.3
Selezione di una posizione di destinazione per file e cartelle
Dove ripristinare
Destinazione
Selezionare una posizione in cui ripristinare i file contenuti nel backup:

Posizione originale
I file e le cartelle verranno ripristinati nello stesso percorso in cui si trovano nel backup. Ad
esempio, se è stato eseguito il backup di tutti i file e le cartelle in
C:\Documenti\Finanza\Report\, i file verranno ripristinati nello stesso percorso. Se la cartella
non esiste, verrà creata automaticamente.

Nuova posizione
I file verranno ripristinati nella posizione che viene specificata nella struttura. I file e le
cartelle verranno ripristinati senza ricreare un percorso completo, a meno che si deseleziona
la casella di controllo Ripristina senza percorso completo.
Sovrascrittura
Scegliere l'operazione da eseguire se il programma trova nella cartella di destinazione un file con
lo stesso nome di uno nell'archivio:
155
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015


Sovrascrivi file esistenti: il file nel backup otterrà la priorità sul file nel disco rigido.
Sovrascrivi il file esistente se meno recente: questa opzione assegnerà la priorità alla
modifica più recente del file, ovunque essa sia, nel backup o nel disco.

Non sovrascrivere file esistenti: questa opzione assegnerà la priorità incondizionata al file sul
disco rigido rispetto al file nel backup.
Se si consente la sovrascrittura dei file, è comunque possibile impedire la sovrascrittura di file
specifici escludendoli dall'operazione di ripristino.
Esclusioni del ripristino (p. 156)
Specificare i file e le cartelle che non si vuole che siano ripristinati.
Esclusioni del ripristino
Configurare le esclusioni per i file e le cartelle specifiche che non si desidera ripristinare.
Nota: le esclusioni consentono di ignorare la selezione degli elementi dei dati da ripristinare. Per esempio, se si
seleziona di ripristinare il file FilePersonale.tmp e di escludere tutti i file in formato .tmp, il file FilePersonale.tmp
non verrà ripristinato.
Usare i pulsanti Aggiungi, Modifica, Rimuovi e Rimuovi tutto per creare l'elenco dei file e delle
cartelle da escludere. Specificare il nome del file o della cartella, come Documento.txt.
I nomi non fanno distinzione tra maiuscole e minuscole, sia in Windows che in Linux. Per esempio, se
si sceglie di escludere tutti i file in formato .tmp e le cartelle Temp, verranno esclusi anche tutti i file
in formato .Tmp, tutti i file in formato .TMP e le cartelle TEMP.
È possibile utilizzare uno o più caratteri jolly * e ?:

L'asterisco (*) sostituisce zero o più caratteri. Per esempio, Doc*.txt comprende file come Doc.txt
e Documento.txt.

Il punto di domanda (?) sostituisce esattamente un carattere. Per esempio, Doc?.txt comprende i
file come Doc1.txt e Docs.txt, ma non i file Doc.txt o Doc11.txt.
Esempi di esclusioni
Criterio
Esempio
Descrizione
Per nome
F.log
Esclude tutti i file denominati "F.log".
F
Esclude tutte le cartelle con il nome "F"
*.log
Esclude tutti i file con l'estensione .log
F*
Esclude tutti i file e le cartelle con il nome che inizia per
"F" (come le cartelle F, F1 e i file F.log, F1.log)
F???.log
Esclude tutti i file .log con nomi che sono costituiti da
quattro simboli e che cominciano con "F".
Per maschera (*)
Per maschera (?)
5.1.5
Quando ripristinare
Selezionare quando avviare l'attività di ripristino:

156
Adesso: l'attività di ripristino verrà avviata subito dopo avere fatto clic su OK nella pagina
Ripristina dati.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

In seguito: l'attività di ripristino verrà avviata manualmente in seguito. Se è necessario pianificare
l'attività, deselezionare a casella di controllo L'attività verrà avviata manualmente, quindi
specificare la data e l'ora desiderata.
5.1.6
Credenziali dell'attività
Fornisci credenziali per l'account con cui verrà eseguita l'attività.
Per specificare le credenziali
1. Selezionare una delle seguenti opzioni:

Utilizza le credenziali dell'utente corrente
L'attività verrà eseguita con le credenziali con cui è collegato l'utente che avvia le attività. Se
l'attività deve essere eseguita in base a una pianificazione, verrà chiesta la password
dell'utente corrente al completamento della creazione del piano.

Utilizza le seguenti credenziali
L'attività verrà sempre eseguita con le credenziali specificate dall'utente, sia che venga
avviata manualmente sia che venga eseguita in base a una pianificazione.
Specificare:

Nome utente. Quando si immette il nome di un account utente di Active Directory,
specificare anche il nome del dominio (DOMINIO\Nomeutente o
[email protected]).

Password. La password dell'account.
2. Fare clic su OK.
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di credenziali in Acronis Backup, consultare la sezione
"Credenziali utilizzate nei piani e nelle attività di backup" (p. 36).
Per ulteriori informazioni sulle operazioni disponibili nei privilegi utente, consultare la sezione
"Privilegi utente in una macchina gestita" (p. 38).
5.2
Acronis Universal Restore
Acronis Universal Restore è la tecnologia proprietaria Acronis che agevola il ripristino e l'avvio di un
sistema operativo su hardware diverso o in una macchina virtuale. Universal Restore è in grado di
gestire le differenze delle periferiche critiche per l'avvio del sistema operativo, come controller di
memoria, scheda madre o chipset.
Universal Restore è estremamente utile nei seguenti scenari:
1. Ripristino istantaneo di un sistema guasto su un hardware differente.
2. Clonazione e implementazione di sistemi operativi indipendentemente dall'hardware.
3. Migrazione delle macchine da fisica a fisica, da fisica a virtuale e da virtuale a fisica.
5.2.1
Come acquistare Universal Restore
Universal Restore è incluso in tutti i prodotti Acronis che consentono il backup a livello di disco o a
passaggio singolo.
157
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
5.2.2
Utilizzo di Universal Restore
Durante il ripristino
Universal Restore è disponibile quando si configura il ripristino di un disco o di un volume, se un
sistema operativo Windows o Linux è presente nella selezione dei dischi o dei volumi. Se è presente
più di un sistema operativo nella selezione, è possibile applicare Universal Restore a tutti i sistemi
Windows, a tutti i sistemi Linux o sia ai sistemi Windows che Linux.
Se il software non è in grado di rilevare se un sistema operativo è presente nel backup, suggerisce
l'utilizzo di Universal Restore come ultima possibilità di rilevare il sistema. Ciò accade nei seguenti
casi:


il backup è suddiviso in diversi file
il backup si trova in un deposito di deduplicazione, in Acronis Cloud Storage, su un server
FTP/SFTP, nastro, CD o DVD.
A volte Universal Restore viene applicato in background, poiché il software sa quali driver o moduli
sono richiesti per le macchine virtuali supportate. Ciò accade nei seguenti casi:


ripristino di un sistema in una nuova macchina virtuale
ripristino di un sistema in una macchina virtuale attraverso l'Agente per VMware o l'Agente per
Hyper-V.
Universal Restore non è disponibile quando:


il backup si trova in Acronis Secure Zone
si è scelto di utilizzare Acronis Active Restore (p. 444)
Ciò si verifica perché queste funzionalità sono destinate principalmente al ripristino immediato dei
dati nella stessa macchina.
Senza ripristino
Nel supporto di avvio, è inoltre possibile utilizzare Universal Restore senza ripristino, selezionando
Applica Universal Restore nella schermata introduttiva del supporto. Universal Restore verrà
applicato al sistema operativo già esistente sulla macchina. Se sono presenti più sistemi operativi,
verrà richiesto di sceglierne uno a cui applicare Universal Restore.
5.2.2.1
Universal Restore in Windows
Preparazione
Preparazione delle unità
Prima di applicare Universal Restore a un sistema operativo Windows, assicurarsi di disporre dei
driver del nuovo controller del disco rigido e del chipset. Questi driver sono fondamentali per l'avvio
del sistema operativo. Utilizzare il CD o il DVD distribuito dal fornitore dell'hardware oppure scaricare
i driver dal sito Web del fornitore. I file dei driver devono presentare le estensioni *.inf, *.sys o *.oem.
Se si scaricano i driver in formato *.exe, *.cab o *.zip, estrarli utilizzando un'applicazione di terze
parti.
La procedura migliore comporta la conservazione dei driver di tutto l'hardware utilizzato
nell'organizzazione in un unico repository, ordinato per tipo di dispositivo o mediante le
configurazioni hardware. È possibile conservare una copia del repository in un DVD o un'unità flash;
scegliere alcuni driver e aggiungerli al supporto di avvio; creare il supporto di avvio personalizzato
con i driver necessari (e la configurazione di rete necessaria) per ciascuno dei server in uso. In
158
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
alternativa, è possibile specificare semplicemente il percorso del repository ogni volta che viene
utilizzato Universal Restore.
Verificare l'accesso ai driver nell'ambiente di avvio
Assicurarsi di avere accesso alla periferica con i driver quando si lavora dal supporto di avvio. Anche
configurando il ripristino del disco di sistema in un ambiente Windows, il computer eseguirà l'avvio e
il ripristino procedendo nell'ambiente basato su Linux. Usare il supporto basato su WinPE se la
periferica è disponibile in Windows, ma il supporto basato su Linux non la rileva.
Cosa accade se non si dispone dei driver
Windows 7 include più driver dei sistemi operativi Windows precedenti. Le possibilità che Universal
Restore trovi tutti i driver necessari nella cartella dei driver di Windows 7 sono maggiori. Quindi
potrebbe non essere necessario specificare il percorso esterno dei driver. Tuttavia, l'esecuzione di
Universal Restore è critica affinché il sistema utilizzi i driver corretti.
La cartella predefinita di Windows contenente i driver è indicata nel valore di registro DevicePath che si trova
nella chiave di registro HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion. La cartella di
archiviazione è solitamente WINDOWS/inf.
Impostazioni di Universal Restore
Ricerca automatica dei driver
Specificare la posizione in cui il programma ricercherà il driver HAL (Hardware Abstraction Layer), il
driver del controller disco rigido e i driver dell'adattatore di rete:

Se i driver si trovano su un disco del fornitore o su altri supporti rimovibili, attivare Cerca nel
supporto rimovibile.

Se i driver sono posizionati in una cartella di rete o nel supporto di avvio, specificare il percorso
della cartella nel campo Aggiungi cartella.
Durante il ripristino, Universal Restore eseguirà la ricerca ricorsiva in tutte le sottocartelle della
cartella specificata, individuare i driver del controller HAL e disco rigido più adatti fra tutti quelli
disponibili e installarli nel sistema ripristinato. Universal Restore ricerca anche il driver
dell'adattatore di rete; il percorso del driver individuato viene quindi trasmesso mediante Universal
Restore al sistema operativo. Se l'hardware dispone di più schede di interfacce di rete, Universal
Restore tenterà di configurare tutti i driver delle schede.
Driver di archiviazione di massa da installare in ogni caso
Per accedere a questa impostazione, espandere Mostra Driver di archiviazione di massa da
installare in ogni caso.
Questa impostazione è necessaria se:

L'hardware di destinazione dispone di un controller di archiviazione di massa specifico, ad
esempio RAID (in particolare NVIDIA RAID) o un adattatore Fibre Channel.

Si ripristina un sistema in una macchina virtuale che utilizza un controller di disco rigido SCSI e
viene avviata nel supporto di avvio. Utilizzare i driver SCSI forniti con il software di
virtualizzazione o scaricare le versioni più recenti dei driver dal sito Web del produttore del
software.

Se la ricerca automatica dei driver non consente di avviare il sistema.
Specificare i driver appropriati facendo clic su Aggiungi driver. I driver qui definiti verranno installati,
con avvisi appropriati, anche se il programma trova un driver migliore.
159
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Procedura di ripristino
Se Universal Restore non è in grado di trovare un driver compatibile nelle posizioni specificate,
visualizzerà una richiesta con la periferica che presenta il problema. Eseguire una delle seguenti
operazioni:


Aggiungere il driver a una delle posizioni specificate precedentemente e fare clic su Riprova.
Se non si ricorda la posizione, continuare il ripristino. Se il risultato non è soddisfacente, avviare
Universal Restore senza ripristino facendo clic su Applica Universal Restore nella schermata
introduttiva del supporto. Quando si configura l'operazione, specificare il driver necessario.
Dopo l'avvio, Windows avvierà la procedura standard per l'installazione del nuovo hardware. Il driver
dell'adattatore di rete verrà installato in modalità non interattiva se il driver dispone della firma di
Microsoft Windows. In caso contrario, Windows richiederà la conferma per installare il driver non
firmato.
Successivamente, sarà possibile configurare la connessione di rete e specificare i driver per
l'adattatore video, l'USB e altri dispositivi.
5.2.2.2
Universal Restore in Linux
È possibile applicare Universal Restore ai sistemi operativi Linux con versione del kernel 2.6.8 o
successiva.
Quando Universal Restore è applicato a un sistema operativo Linux, aggiorna un file system
temporaneo noto come disco RAM iniziale (initrd). Ciò garantisce che il sistema operativo possa
eseguire l'avvio sul nuovo hardware.
Universal Restore aggiunge moduli per il nuovo hardware (inclusi i driver delle periferiche) al disco
RAM iniziale. Normalmente trova i moduli necessari nella directory /lib/modules del sistema
operativo che si sta ripristinando. Se Universal Restore non è in grado di trovare un modulo
necessario, registra il nome del file del modulo nel registro (p. 359).
Universal Restore può modificare la configurazione del caricatore di avvio GRUB. Ciò potrebbe essere
necessario, per esempio, per garantire l'avviabilità del sistema quando la nuova macchina ha un
layout del volume diverso dalla macchina originale.
Universal Restore non modifica mai il kernel Linux.
Ripristino del disco RAM originale iniziale
È possibile tornare al disco RAM iniziale originale, se necessario.
Il disco RAM iniziale è archiviato sulla macchina in un file. Prima di aggiornare il disco RAM iniziale
per la prima volta, Universal Restore ne salva una copia nella stessa directory. Il nome della copia è il
nome del file, seguito dal suffisso _acronis_backup.img. Questa copia non verrà sovrascritta se si
esegue Universal Restore più di una volta (per esempio, dopo aver aggiunto i driver mancanti).
Per ripristinare il disco RAM iniziale originale, eseguire una delle seguenti operazioni:

Rinominare la copia di conseguenza. Per esempio, eseguire un comando simile al seguente:
mv initrd-2.6.16.60-0.21-default_acronis_backup.img
initrd-2.6.16.60-0.21-default

160
Specificare la copia nella riga initrd della configurazione del caricatore di avvio GRUB (p. 168).
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
5.2.2.3
Applicazione di Universal Restore a diversi sistemi operativi
Durante il ripristino, è possibile utilizzare Universal Restore per sistemi operativi di un certo tipo: tutti
i sistemi Windows, tutti i sistemi Linux, o entrambi.
Se la selezione dei volumi da ripristinare contiene diversi sistemi Windows, è possibile specificare
tutti i relativi driver in un unico elenco. Ogni driver verrà installato nel sistema operativo per cui è
previsto.
5.3
Ripristino di sistemi basati su BIOS in sistemi basati
su UEFI e viceversa
Acronis Backup supporta il trasferimento di sistemi operativi basati su Windows a 64 bit tra hardware
basato su BIOS e hardware che supporta Unified Extensible Firmware Interface (UEFI).
Come funziona
A seconda che la macchina utilizzi un firmware BIOS o UEFI per l'avvio, il disco contenente il volume
di sistema deve disporre di uno stile di partizionamento specifico. Lo stile di partizionamento è il
record di avvio principale (MBR) per BIOS e la tabella di partizione GUID (GPT) per UEFI.
Inoltre, il sistema operativo stesso è sensibile al tipo di firmware.
Quando si esegue il ripristino su una macchina con un tipo di firmware diverso da quello della
macchina originale, Acronis Backup:

Inizializza il disco su cui si sta ripristinando il volume di sistema come disco MBR o disco GPT, a
seconda del nuovo firmware.

Configura il sistema operativo Windows in modo che possa essere avviato sul nuovo firmware.
Per i dettagli, incluso l'elenco dei sistemi operativi Windows che possono essere configurati in questo
modo, consultare "Ripristino di volumi" (p. 162) e "Ripristino di dischi" (p. 163) in questa sezione.
Raccomandazioni


Ripristinare tutto il sistema su dischi non inizializzati.

Ricordare che il BIOS non consente l'utilizzo di oltre 2 TB di spazio su disco.
Quando si esegue la migrazione a un hardware basato su UEFI, utilizzare supporti di avvio basati
su Linux o su WinPE di versioni successive alla 4.0. Le versioni precedenti di WinPE e Acronis PXE
Server non supportano UEFI.
Limitazioni
Il trasferimento di un sistema Linux tra UEFI e BIOS non è supportato.
Il trasferimento di un sistema Windows tra UEFI e BIOS non è supportato se un backup è archiviato in
una di queste posizioni:



Acronis Cloud Storage
Periferica a nastro
Dischi ottici (CD, DVD o dischi Blu-ray)
Quando il trasferimento di un sistema tra UEFI e BIOS non è supportato, Acronis Backup inizializza il
disco di destinazione con lo stesso schema di partizionamento del disco originale. Non viene eseguita
nessuna configurazione del sistema operativo. Se la macchina di destinazione supporta sia UEFI che
161
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
BIOS, è necessario abilitare la modalità di avvio corrispondente alla macchina originale. Altrimenti, il
sistema non verrà avviato.
5.3.1
Ripristino di volumi
Si ipotizzi di aver eseguito il backup dei volumi di sistema e di avvio (o della macchina completa) e di
voler ripristinare questi volumi su una piattaforma diversa. La capacità da parte del sistema
ripristinato di eseguire l'avvio dipende dai seguenti fattori:

Sistema operativo di origine: il sistema operativo è convertibile o non convertibile? I sistemi
operativi convertibili consentono di cambiare la modalità di avvio da BIOS a UEFI e viceversa.

Le versioni a 64 bit di tutti i sistemi operativi Windows a partire da Windows Vista x64 SP1
sono convertibili.

Le versioni a 64 bit di tutti i sistemi operativi Windows Server a partire da Windows Server
2008 x64 SP1 sono convertibili.
Tutti gli altri sistemi operativi sono non convertibili.

Stile di partizionamento del disco di origine e di destinazione: MBR o GPT. I volumi di sistema e
di avvio delle piattaforme BIOS utilizzano dischi MBR. I volumi di sistema e di avvio delle
piattaforme UEFI utilizzano dischi GPT.
Quando si seleziona un disco non inizializzato per il ripristino, questo disco verrà inizializzato
automaticamente come GPT o MBR a seconda dello stile di partizionamento del disco originale,
dalla modalità di avvio corrente (UEFI o BIOS) e dal tipo dei sistemi operativi (convertibile o non
convertibile) posizionati su questo volume.
Se l'inizializzazione provoca la perdita dell'avviabilità, il software recupera lo stile di
partizionamento dal volume di origine ignorando le dimensioni del disco di destinazione. In
questi casi, il software è in grado di selezionare lo stile di partizionamento MBR per i dischi le cui
dimensioni sono superiori a 2 TB; tuttavia, lo spazio su disco oltre 2 TB non sarà disponibile per
l'utilizzo.
Se necessario, è possibile inizializzare il disco di destinazione manualmente utilizzando la
funzionalità Gestione disco (p. 290).
La seguente tabella riepiloga se è possibile conservare l'avviabilità del sistema quando si ripristina il
volume di avvio e di sistema di un sistema basato su BIOS su uno basato su UEFI e viceversa.

Uno sfondo verde indica che il sistema sarà avviabile. Non è necessaria nessuna azione
dell'utente.

Uno sfondo giallo indica che è necessario eseguire passaggi aggiuntivi per rendere il sistema
avviabile. Questi passaggi non sono possibili su alcune macchine.

Uno sfondo rosso indica che il sistema non sarà in grado di eseguire l'avvio a causa di limitazioni
della piattaforma BIOS e UEFI.
162
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Sistema
originale
Hardware di destinazione
BIOS
BIOS
UEFI
UEFI
Disco: MBR
Disco: GPT
Disco: MBR
Disco: GPT
BIOS
La macchina di
destinazione deve
supportare il BIOS.
Sistema
operativo:
convertibile
Soluzione
Ripristinare il sistema
operativo su un disco
MBR o su un disco non
inizializzato.
BIOS
Sistema
operativo: non
convertibile
UEFI
Sistema
operativo:
convertibile
UEFI
Il sistema operativo
convertibile verrà
convertito
automaticamente per
supportare l'avvio
BIOS.
Il sistema operativo
convertibile verrà
convertito
automaticamente
Passaggi aggiuntivi
per supportare
1. Prima del ripristino,
l'avvio UEFI.
disattivare la
modalità UEFI nel
BIOS
2. Eseguire il ripristino Soluzione
nel supporto di
Ripristinare il sistema
avvio.
operativo su un disco
oppure
MBR o su un disco
non inizializzato.
Dopo il ripristino,
disattivare la modalità
UEFI nel BIOS.
La macchina di
destinazione deve
supportare UEFI.
Passaggi aggiuntivi
1. Prima del ripristino,
Soluzione
attivare la modalità
UEFI nel BIOS.
Ripristinare il sistema
operativo su un disco
2. Eseguire il ripristino
GPT o su un disco non
nel supporto di
inizializzato.
avvio.
Sistema
Soluzione
operativo: non
Ripristinare il sistema
convertibile
operativo su un disco
oppure
GPT o su un disco non
Dopo il ripristino,
inizializzato.
attivare la modalità
UEFI nel BIOS.
5.3.2
Ripristino di dischi
Si ipotizzi di aver eseguito il backup di un intero disco (con tutti i relativi volumi) e di voler ripristinare
questo disco in una piattaforma di destinazione diversa.
La possibilità del sistema ripristinato di eseguire l'avvio in modalità diverse dipende dai sistemi
operativi installati nel disco di origine. I sistemi operativi possono essere convertibili, ovvero
consentire di modificare la modalità di avvio da BIOS e UEFI e viceversa, oppure non convertibili. Per
l'elenco dei sistemi operativi convertibili, consultare Ripristino di volumi (p. 162).

163
Quando un disco di origine contiene uno o più sistemi operativi e tutti sono convertibili, è
possibile modificare automaticamente la modalità di avvio. A seconda della modalità di avvio
corrente, il disco di destinazione può essere inizializzato nello stile di partizionamento GPT o
MBR.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Se almeno un sistema operativo su un disco di origine è non convertibile (o il disco di origine
contiene volumi di avvio dei sistemi operativi non convertibili), non è possibile modificare
automaticamente la modalità di avvio e il software inizializzerà il disco di destinazione come
quello di origine. Per avviare la macchina di destinazione, è necessario attivare/disattivare
manualmente la modalità UEFI nel BIOS. Altrimenti, il sistema non verrà avviato dopo il ripristino.
La seguente tabella presenta un riepilogo di tutti i casi di ripristino dei dischi di un sistema basato su
BIOS in un sistema basato su UEFI e viceversa.

Lo sfondo verde indica che il sistema potrà essere avviato. Non è necessaria nessuna azione
dell'utente.

Lo sfondo giallo indica che è necessario eseguire passaggi aggiuntivi per rendere il sistema
avviabile. Questi passaggi non sono possibili su alcune macchine.
Sistema
originale
Hardware di destinazione
BIOS
BIOS
UEFI
Il disco di destinazione verrà inizializzato come
GPT.
Sistema
operativo:
convertibile
Il sistema operativo verrà convertito
automaticamente per supportare l'avvio UEFI.
per ripristinare il disco di origine "com'è":
1. Disattivare la modalità UEFI nel BIOS.
2. Effettuare l'avvio da un supporto di avvio ed
eseguire il ripristino.
BIOS
Il disco di destinazione verrà inizializzato come il
disco di origine (MBR).
Sistema
operativo:
non
convertibile
La macchina di destinazione deve supportare il
BIOS.
Passaggi aggiuntivi
1. Disattivare la modalità UEFI nel BIOS.
2. Effettuare l'avvio da un supporto di avvio ed
eseguire il ripristino.
UEFI
Il disco di destinazione verrà inizializzato
come MBR.
Sistema
operativo: Il sistema operativo verrà convertito
convertibile automaticamente per supportare l'avvio
BIOS.
per ripristinare il disco di origine "com'è":
1. Attivare la modalità UEFI nel BIOS.
2. Effettuare l'avvio da un supporto di
avvio ed eseguire il ripristino.
164
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Sistema
originale
Hardware di destinazione
BIOS
UEFI
UEFI
Il disco di destinazione verrà inizializzato
come il disco di origine (GPT).
Sistema
operativo: La macchina di destinazione deve
non
supportare UEFI.
convertibile
Passaggi aggiuntivi
1. Attivare la modalità UEFI nel BIOS.
2. Effettuare l'avvio da un supporto di
avvio ed eseguire il ripristino.
Ripristino su dischi di grandi dimensioni in BIOS
Dopo il ripristino su un sistema basato su BIOS, il disco di sistema di destinazione viene inizializzato
come MBR. A causa delle limitazioni delle dimensioni dei dischi in BIOS, se il disco è di dimensioni
maggiori di 2 TB, soli primi 2 TB di spazio del disco saranno disponibili per l'utilizzo. Se la macchina
supporta UEFI, è possibile superare questa limitazione attivando la modalità UEFI ed eseguendo il
ripristino. Il disco è inizializzato come GPT. La limitazione di 2 TB non esiste per i dischi GPT.
5.4
Acronis Active Restore
Active Restore è la tecnologia proprietaria Acronis che consente di portare online un sistema o un
database immediatamente dopo l'avvio del ripristino.
Questa sezione descrive l'utilizzo di Active Restore durante un ripristino del sistema operativo. Anche
se si basano sulla stessa tecnologia, il ripristino dei database di Microsoft Exchange o dei database di
Microsoft SQL vengono eseguiti in modo diverso. Per ulteriori informazioni, fare riferimento alle
seguenti sezioni:

Quando si esegue il ripristino dei database di Microsoft Exchange, consultare la sezione "Utilizzo
di Acronis Active Restore per il ripristino di database" nel documento "Backup dei dati di
Microsoft Exchange Server".

Quando si esegue il ripristino di database di Microsoft SQL, consultare "Utilizzo di Acronis Active
Restore per il ripristino di database SQL" (p. 339).
Limitazioni

Active Restore è indicato per il ripristino istantaneo dei dati sulla stessa macchina. Non è
disponibile quando si esegue il ripristino su hardware diverso.

L'unica posizione archivio supportata è un'unità locale o, più precisamente, qualsiasi periferica
disponibile attraverso il BIOS del computer. Può essere Acronis Secure Zone, un disco rigido USB,
un'unità flash o qualsiasi disco rigido interno.

Active Restore non supporta dischi con lo stile di partizionamento GPT come origine da
ripristinare, come destinazione del ripristino o come posizione dell'archivio. Ciò significa anche
che Unified Extensible Firmware Interface (UEFI) non è supportata. L'unica modalità di avvio
supportata è BIOS.
Come funziona
Quando viene configurata un'operazione di ripristino, vengono selezionati i dischi o i volumi da
ripristinare da un backup. Acronis Backup analizza i dischi o i volumi selezionati inclusi nel backup. Se
165
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
viene rilevata la presenza di un sistema operativo supportato, l'utilizzo di Acronis Active Restore
diviene disponibile.
Se Active Restore non è abilitato, il ripristino del sistema procederà normalmente e il computer
diventerà operativo al completamento del ripristino.
Se Active Restore viene abilitato, la sequenza di operazioni sarà impostata come descritto di seguito.
All'avvio del ripristino del sistema, il sistema operativo verrà avviato dal backup. Il computer diventa
operativo e pronto a fornire i servizi necessari. I dati richiesti per rispondere alle richieste in arrivo
vengono ripristinati con la massima priorità; tutto il resto viene ripristinato in background.
Poiché l'elaborazione delle richieste viene eseguita contemporaneamente al ripristino, il
funzionamento del sistema può risultare rallentato, anche se la priorità del ripristino (p. 179) nelle
opzioni di ripristino è impostata su Bassa. Nonostante il tempo di inattività del sistema sia minimo, le
prestazioni potrebbero risultare ridotte durante il ripristino.
Scenari di utilizzo
1. Il tempo di attività del sistema è uno dei parametri di efficienza.
Esempi: Servizi online orientati ai clienti, siti di vendita sul Web, seggi elettorali.
2. Il rapporto spazio di archiviazione/sistema è fortemente sbilanciato verso l'archiviazione.
Alcuni computer vengono utilizzati come risorse di archiviazione, in cui il sistema operativo
occupa una piccola quota dello spazio, mentre tutto lo spazio del disco rimanente è dedicato
all'archiviazione, ad esempio di film, file audio o altri file multimediali. Alcuni di questi volumi di
archiviazione possono essere di dimensioni estremamente grandi rispetto al sistema, per cui la
quasi totalità del tempo necessario per il ripristino sarà dedicata al ripristino dei file, che
potrebbero invece essere necessari, al più, in un prossimo futuro.
Se viene utilizzata l'opzione Acronis Active Restore, il sistema tornerà operativo in poco tempo.
Gli utenti potranno aprire i file necessari dall'archivio e utilizzarli mentre il resto dei file, che non
servono immediatamente, vengono ripristinati in background.
Esempi: archiviazione di raccolte di film, di musica o di altri contenuti multimediali.
Utilizzo
1. Eseguire il backup del volume o del disco di sistema in una posizione accessibile tramite il BIOS
del sistema. Può essere Acronis Secure Zone, un disco rigido USB, un'unità flash o qualsiasi disco
rigido interno.
Se il sistema operativo utilizzato e il relativo caricatore risiedono in volumi differenti, nel backup includere
sempre entrambi i volumi. I volumi, inoltre, devono essere ripristinati insieme; altrimenti il rischio che il
sistema operativo non si riavvii è elevato.
2. Creare un supporto di avvio.
3. Se si verifica un errore di sistema, avviare il computer utilizzando il supporto di avvio. Avviare la
console ed eseguire la connessione all'agente di avvio.
4. Creare un'attività di ripristino (p. 140). In Cosa ripristinare, assicurarsi che il disco o il volume di
sistema sia selezionato per il ripristino.
Acronis Active Restore sceglierà per l'avvio e per il successivo ripristino il primo sistema operativo rilevato
durante l'analisi del backup. Non tentare di ripristinare più di un sistema operativo utilizzando Active
Restore, se si vuole che il risultato sia prevedibile. Quando viene ripristinato un sistema con più volumi di
avvio, scegliere un solo volume di sistema e un solo volume di avvio alla volta.
166
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
5. In Dove ripristinare, assicurarsi che il disco o il volume di sistema sia mappato sul primo disco. In
caso contrario, mapparlo manualmente come descritto in "Selezione dei dischi di destinazione"
(p. 148).
6. In Acronis Active Restore, selezionare Usa.
7. All'avvio del ripristino del sistema, il sistema operativo verrà avviato dal backup. L'icona di
Acronis Active Restore viene visualizzata nella barra delle applicazioni. Il computer diventa
operativo e pronto a fornire i servizi necessari. Vengono visualizzate la struttura ad albero
dell'unità e le icone, ed è possibile aprire file o avviare applicazioni immediatamente, anche
prima del loro ripristino.
I driver di Acronis Active Restore intercettano le richieste del sistema e impostano la massima
priorità di ripristino per i file necessari a gestire le richieste in arrivo. Mentre viene eseguito
questo ripristino "al volo", il normale processo di ripristino procede in background.
Non spegnere o riavviare il computer fino al termine del ripristino. Se il computer viene spento, tutte le
modifiche apportate al sistema dall'ultimo avvio andranno perdute. Il sistema non verrà ripristinato,
nemmeno parzialmente. L'unica soluzione possibile in questo caso sarà il riavvio della procedura di
ripristino da un supporto di avvio.
8. Il ripristino in background continua fino a quando saranno ripristinati tutti i volumi selezionati,
verrà creata la voce di registro e l'icona di Acronis Active Restore scomparirà dalla barra delle
applicazioni.
5.5
Risoluzione dei problemi di avvio
Se un sistema può essere riavviato al momento del backup, si presuppone che venga riavviato dopo il
ripristino. Tuttavia, le informazioni memorizzate e utilizzate dal sistema operativo per l'avvio
potrebbero divenire obsolete durante il ripristino, in particolare in caso di modifica delle dimensioni
dei volumi, delle posizioni o delle unità di destinazione. Acronis Backup aggiorna automaticamente i
caricatori Windows dopo il ripristino. È possibile correggere anche altri loader, ma in alcuni casi è
necessario riattivare i loader. In particolare, quando si ripristinano i volumi Linux, alcune volte è
necessario applicare delle correzioni o apportare delle modifiche di avvio per consentire l'avvio e il
caricamento di Linux in modo corretto.
Di seguito è riportato un riepilogo di situazioni tipiche che richiedono ulteriori azioni da parte
dell'utente.
Cause probabili del mancato avvio di un sistema operativo ripristinato

La macchina BIOS è configurata per l'avvio da un altro disco rigido.
Soluzione: configurare la macchina BIOS per eseguire l'avvio dal disco rigido in cui si trova il
sistema operativo.

Il sistema è stato ripristinato su un hardware diverso e il nuovo hardware è incompatibile con i
driver più importanti inclusi nel backup
Soluzione: Avviare la macchina utilizzando il supporto di avvio e applicare Acronis Universal
Restore (p. 158) per installare i driver e i moduli appropriati.

Windows è stato ripristinato su un volume dinamico che non può essere riavviato
Soluzione: ripristinare Windows su un volume di base, semplice o mirror.

Un volume di sistema è stato ripristinato su un disco che non dispone di MBR
Quando si configura il ripristino di un volume di sistema su un disco che non dispone di MBR,
il programma richiede se si desidera ripristinare il MBR insieme al volume di sistema.
Scegliere di non ripristinare soltanto se non si desidera che il sistema sia riavviabile.
Soluzione: ripristinare il volume ancora una volta insieme al MBR del disco corrispondente.
167
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Il sistema utilizza Acronis OS Selector
Dal momento che il MBR (Master Boot Record) può essere modificato durante il ripristino del
sistema, Acronis OS Selector, che utilizza il MBR, potrebbe divenire inutilizzabile. Se si verifica
tale situazione, riattivare Acronis OS Selector nel modo seguente.
Soluzione: avviare la macchina dal supporto di avvio di Acronis Disk Director e, nel menu,
selezionare Strumenti -> Attiva OS Selector.

Il sistema utilizza GRUB (GRand Unified Bootloader) ed è stato ripristinato da un backup
normale (non da un backup raw, vale a dire settore-per-settore)
Una parte del loader GRUB si trova nei primi dei vari settori del disco o nei primi dei vari
settori del volume. La restante parte si trova nel file system di uno dei volumi. L'avviabilità
del sistema può essere ripristinata automaticamente soltanto quando GRUB si trova nel
primo di vari settori del disco e nel file system mediante il quale è possibile l'accesso. In altri
casi, l'utente deve attivare manualmente il loader di avvio.
Soluzione: riattivare il loader di avvio. Inoltre, potrebbe essere necessario correggere il file di
configurazione.

Il sistema utilizza LILO (Linux Loader) ed è stato ripristinato da un backup normale (non da un
backup raw, vale a dire settore-per-settore)
LILO contiene numerosi riferimenti a numeri di settore assoluti e, pertanto, non può essere
riparato automaticamente, ad eccezione del caso in cui tutti i dati vengono ripristinati nei
settori che presentano gli stessi numeri assoluti del disco sorgente.
Soluzione: riattivare il loader di avvio. Inoltre, potrebbe essere necessario correggere il file di
configurazione del loader per il motivo descritto nell'elemento precedente.

Il loader di sistema punta al volume errato
Tale situazione può verificarsi quando il sistema o i volumi di avvio non vengono ripristinati
nella relativa posizione originale.
Soluzione: la modifica dei file boot.ini o boot\bcd consente la correzione per i loader
Windows. Acronis Backup effettua questa operazione automaticamente in modo da evitare
che tale problema si verifichi.
Per i loader GRUB e LILO, sarà necessario correggere i file di configurazione GRUB. Se il
numero della partizione root Linux è stato modificato, si consiglia anche di modificare
/etc/fstab in modo che sia possibile accedere al volume SWAP in modo corretto.

Linux è stato ripristinato da un backup di volume LVM in un disco MBR di base
Tale sistema non può avviarsi poiché il suo kernel tenta di montare il sistema di file root sul
volume LVM.
Soluzione: modificare la configurazione del loader e /etc/fstab in modo che non venga usato
il LVM per riattivare il loader di avvio.
5.5.1
Procedura per riattivare GRUB e modificare la relativa
configurazione
In generale, è necessario fare riferimento alle pagine del manuale del loader di avvio per la
procedura appropriata. È disponibile anche il relativo articolo della Knowledge Base sul sito Web di
Acronis.
Il seguente è un esempio della procedura di riattivazione di GRUB in caso di ripristino del disco di
sistema (volume) su hardware identico.
1. Avviare Linux o eseguire l'avvio dal supporto riavviabile, quindi premere CTRL+ALT+F2.
168
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
2. Montare il sistema che si sta ripristinando:
mkdir /mnt/system/
mount -t ext3 /dev/sda2 /mnt/system/ # root partition
mount -t ext3 /dev/sda1 /mnt/system/boot/ # boot partition
3. Montare i file system proc e dev nel sistema che si sta ripristinando:
mount -t proc none /mnt/system/proc/
mount -o bind /dev/ /mnt/system/dev/
4. Salvare una copia del file del menu di GRUB eseguendo uno dei seguenti comandi:
cp /mnt/system/boot/grub/menu.lst /mnt/system/boot/grub/menu.lst.backup
o
cp /mnt/system/boot/grub/grub.conf /mnt/system/boot/grub/grub.conf.backup
5. Modificare il file /mnt/system/boot/grub/menu.lst (per le distribuzioni Linux Debian, Ubuntu e
SUSE) o il file /mnt/system/boot/grub/grub.conf (per le distribuzioni Linux Fedora e Red Hat
Enterprise); ad esempio, come segue:
vi /mnt/system/boot/grub/menu.lst
6. Nel file menu.lst (rispettivamente grub.conf), trovare la voce del menu che corrisponde al
sistema che si sta ripristinando. Queste voci del menu hanno la seguente forma:
title Red Hat Enterprise Linux Server (2.6.24.4)
root (hd0,0)
kernel /vmlinuz-2.6.24.4 ro root=/dev/sda2 rhgb quiet
initrd /initrd-2.6.24.4.img
Le righe che iniziano con title, root, kernel e initrd determinano rispettivamente:


Il titolo della voce del menu.

Il percorso del kernel su tale dispositivo e nella partizione root: in questo esempio, il
percorso è /vmlinuz-2.6.24.4 e la partizione di root è /dev/sda2. È possibile specificare la
partizione di root in base all'etichetta (come root=LABEL=/), all'identificativo (nella forma
root=UUID=some_uuid) o al nome del dispositivo (come root=/dev/sda2).
Il dispositivo su cui è posizionato il kernel Linux: di solito, si tratta della partizione di avvio o
della partizione root, come root (hd0,0) in questo esempio.

Il percorso del servizio initrd su tale dispositivo.
7. Modificare il file /mnt/system/etc/fstab per correggere i nomi di tutti i dispositivi che sono stati
modificati come risultato del ripristino.
8. Avviare la shell di GRUB eseguendo uno dei seguenti comandi:
chroot /mnt/system/ /sbin/grub
o
chroot /mnt/system/ /usr/sbin/grub
9. Specificare il disco su cui è posizionato GRUB: di solito, la partizione di avvio o root:
root (hd0,0)
10. Installare GRUB. Ad esempio, per installare GRUB nel record di avvio principale (MBR) del primo
disco, eseguire il seguente comando:
setup (hd0)
11. Uscire dalla shell di GRUB:
quit
12. Smontare i file system montati e riavviare:
169
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
umount
umount
umount
umount
reboot
/mnt/system/dev/
/mnt/system/proc/
/mnt/system/boot/
/mnt/system/
13. Riconfigurare il caricatore di avvio usando gli strumenti a la documentazione della distribuzione
Linux utilizzata. Ad esempio, in Debian e Ubuntu, è possibile modificare alcune righe
commentate nel file /boot/grub/menu.lst e poi eseguire lo script update-grub; in caso contrario,
le modifiche potrebbero non avere effetto.
5.5.2
Informazioni sui caricatori di Windows
Windows NT/2000/XP/2003
Una parte del caricatori si trova nel settore di avvio della partizione, la parte restante si trova nei file
ntldr, boot.ini, ntdetect.com, ntbootdd.sys. Il file boot.ini è un file di testo che contiene la
configurazione del caricatore. Esempio:
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional"
/noexecute=optin /fastdetect
Windows Vista e versioni successive
Una parte del caricatore si trova nel settore di avvio della partizione, la parte restante si trova nei file
bootmgr, boot\bcd. All'avvio di Windows, boot\bcd viene montato sulla chiave di registro HKLM
\BCD00000000.
5.6
Ripristino di un sistema Windows alle impostazioni di
fabbrica
Se il sistema operativo Windows in uso è stato distribuito utilizzando Acronis Backup for System
Builders, è possibile riportare il sistema alle impostazioni di fabbrica.
È possibile eseguire il ripristino del sistema alle impostazioni di fabbrica dalla console di gestione o al
momento dell'avvio. Il secondo metodo è utile se il sistema operativo è diventato instabile per
qualche motivo.

Per avviare l'operazione dalla console di gestione, fare clic su Ripristina alle impostazioni di
fabbrica nella schermata introduttiva.

Per avviare l'operazione al momento dell'avvio, premere un tasto di scelta rapida (di solito F11) e
fare clic su Ripristina alle importazioni di fabbrica nella schermata visualizzata. In alternativa, è
possibile continuare l'avvio del sistema operativo.
Una volta confermata l'operazione, Acronis Backup eseguirà nuovamente la distribuzione
dell'immagine di fabbrica che si trova in Acronis Secure Zone. Questo consentirà di ripristinare il
layout del volume originale, il sistema operativo Windows preinstallato e qualunque applicazione
originale di terze parti. Inoltre, il software rimuoverà tutti gli archivi degli utenti da Acronis Secure
Zone è riporterà Acronis Secure Zone alle dimensioni originali.
Attenzione: Tutti i dati degli utenti archiviati sui dischi originali della macchina andranno perduti.
170
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
A volte, non è possibile riportare un sistema alle impostazioni di fabbrica neppure al momento
dell'avvio. Questo si può verificare in caso di guasto dell'unità, se l'immagine di fabbrica in Acronis
Secure Zone è danneggiata o se l'unità originale è stata sostituita con una nuova. In questi casi, è
possibile riportare il sistema alle impostazioni di fabbrica utilizzando il supporto di avvio di fabbrica
se è stato fornito assieme alla macchina.
Per avviare l'operazione, avviare la macchina dal supporto di avvio di fabbrica e fare clic su Ripristina
alle importazioni di fabbrica nella schermata visualizzata. Una volta confermata l'operazione, Acronis
Backup creerà Acronis Secure Zone è copierà al suo interno l'immagine di fabbrica. Quindi, distribuirà
nuovamente l'immagine di fabbrica come descritto precedentemente.
Per informazioni aggiuntive, consultare "Acronis Secure Zone" (p. 207) e "Acronis Startup Recovery
Manager" (p. 286).
5.7
Opzioni di ripristino predefinite
Ogni agente Acronis dispone delle proprie opzioni di ripristino predefinite. Una volta installato
l'agente, le opzioni predefinite hanno valori predefiniti, detti valori preimpostati nella
documentazione. Quando viene creata un'attività di ripristino, è possibile utilizzare un'opzione
predefinita o sovrascrivere l'opzione predefinita con il valore personalizzato che sarà specifico solo
per questa attività.
È anche possibile personalizzare un'opzione predefinita stessa modificandone il valore rispetto a
quello predefinito. Il nuovo valore verrà utilizzato per impostazione predefinita in tutte le attività di
ripristino che verranno create in futuro in tale macchina.
Per visualizzare e modificare le opzioni di ripristino predefinite, collegare la console alla macchina
gestita e quindi selezionare Opzioni > Opzioni di backup e ripristino predefinite > Opzioni di
ripristino predefinite dal menu superiore.
Disponibilità delle opzioni di ripristino
La serie di opzioni di ripristino disponibili dipende dai seguenti fattori:



L'ambiente in cui opera l'agente (Windows, Linux, supporto di avvio).
Il tipo di dati che vengono ripristinati (disco, file).
Il sistema operativo che viene ripristinato dal backup di disco (Windows, Linux).
La tabella seguente riepiloga la disponibilità delle opzioni di ripristino.
Agente per Windows
Agente per Linux
Supporto di avvio
(basato su Linux o su PE)
Ripristino
disco
Ripristino di
file
Ripristino
disco
(anche da un
backup di
disco)
Ripristino di
file
Ripristino
disco
(anche da un
backup di
disco)
Ripristino di
file
(anche da un
backup di
disco)
Ulteriori impostazioni (p. 173):
Convalida l'archivio di
backup prima del ripristino
+
+
+
+
+
+
Riavvia automaticamente la
+
+
+
+
-
-
171
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Agente per Windows
Agente per Linux
Supporto di avvio
(basato su Linux o su PE)
Ripristino
disco
Ripristino di
file
Ripristino
disco
(anche da un
backup di
disco)
Ripristino di
file
Ripristino
disco
(anche da un
backup di
disco)
Ripristino di
file
(anche da un
backup di
disco)
macchina se necessario per il
ripristino
Riavvia automaticamente il
computer una volta
completato il ripristino
-
-
-
-
+
+
Controlla il file system dopo
il ripristino
+
-
+
-
+
-
Ripristino di
Windows
-
-
-
+
+
Ripristino
di
Windows
-
-
Imposta la data e l'ora
corrente per i file ripristinati
Ripristino
di
Windows
-
+
Notifiche posta elettronica
(p. 174)
+
+
+
+
-
-
Non visualizzare i messaggi e
le finestre di dialogo durante
l'elaborazione (modalità
nascosta)
+
+
+
+
+
+
Riprova se si verifica un
errore
+
+
+
+
+
+
Registro eventi di Windows
(p. 176)
+
+
-
-
-
-
SNMP (p. 176)
+
+
+
+
-
-
Ripristina i file con le loro
impostazioni di sicurezza
-
+
-
+
-
+
Punti di montaggio (p. 177)
-
+
-
-
-
-
Comandi pre/post ripristino
(p. 177)
+
+
+
+
Solo PE
Solo PE
Priorità del ripristino (p. 179)
+
+
+
+
-
-
Gestione nastro (p. 179)
-
Posizione:
nastro
-
Posizione:
nastro
-
Posizione:
nastro
Modifica SID dopo il
ripristino
Gestione degli errori (p. 175):
Tracciamento eventi:
Sicurezza a livello di file (p. 177):
172
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
5.7.1
Impostazioni aggiuntive
Specificare le impostazioni aggiuntive per l'operazione di ripristino selezionando e deselezionando le
seguenti caselle di controllo.
Imposta la data e l'ora corrente per i file ripristinati
Questa opzione è disponibile solo per il ripristino di file.
L'impostazione predefinita è Abilitata.
Questa opzione stabilisce se ripristinare la data e l'ora dei file dall'archivio o assegnare ai file la data e
l'ora corrente.
Convalida i backup prima del ripristino
L'impostazione predefinita è Disabilitata.
Questa opzione stabilisce se convalidare un backup per garantire che non sia danneggiato, prima che
i dati siano ripristinati da questo.
Controlla il file system dopo il ripristino
Questa opzione è disponibile solo quando viene eseguito il ripristino di dischi e di volumi.
L'impostazione predefinita è Disabilitata.
Questa opzione stabilisce se controllare l'integrità del file system dopo un ripristino del disco o del
volume. Il controllo viene eseguito subito dopo il ripristino o dopo l'avvio della macchina nel sistema
operativo ripristinato.
Riavvia automaticamente la macchina se necessario per il ripristino
Questa opzione è disponibile quando il ripristino avviene su un computer che esegue un sistema
operativo.
L'impostazione predefinita è Disabilitata.
L'opzione stabilisce se riavviare il computer automaticamente se necessario per il ripristino. Questo
potrebbe accadere quando è necessario ripristinare un volume bloccato dal sistema operativo.
Riavvia automaticamente il computer una volta completato il ripristino
Questa opzione non è disponibile quando viene utilizzato il supporto di avvio.
L'impostazione predefinita è Disabilitata.
Questa opzione consente di riavviare il computer nel sistema operativo ripristinato senza
l'interazione dell'utente.
Modifica SID dopo il ripristino
Questa opzione non è disponibile quando il ripristino in una macchina virtuale viene eseguito da
Acronis Backup Agent for VMware o Acronis Backup Agent for Hyper-V.
L'impostazione predefinita è Disabilitata.
Acronis Backup è in grado di generare un identificatore di sicurezza univoco (SID) per il sistema
ripristinato. Non è necessario un nuovo SID quando si ripristina un sistema rispetto a se stesso o
quando si crea una copia del sistema che sostituirà il sistema originale. Generare un nuovo SID se il
173
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
sistema originale e il sistema ripristinato funzioneranno contemporaneamente nello stesso gruppo di
lavoro o dominio.
5.7.2
Notifiche posta elettronica
Questa opzione è disponibile sia per i sistemi operativi Windows che Linux.
Questa opzione non è disponibile quando si opera con il supporto di avvio.
L'opzione permette di ricevere tramite posta elettronica notifiche del completamento riuscito e non
riuscito dell'attività di ripristino o della necessità di interazione dell'utente.
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Per configurare la notifica e-mail
1. Selezionare la casella di controllo Invia notifiche e-mail per attivare le notifiche.
2. In Invia notifiche e-mail selezionare le caselle di controllo appropriate, di seguito indicate:



Quando il ripristino è stato completato correttamente.

%description%
Per una macchina che esegue Windows, la variabile %description% verrà sostituita dal testo
indicato nel campo Descrizione computer della macchina. Per specificare questo testo,
aprire Pannello di controllo > Sistema oppure eseguire il seguente comando come
amministratore:
Quando il ripristino fallisce.
Quando è necessaria l'interazione dell'utente.
3. Nel campo Indirizzi di posta elettronica, inserire gli indirizzi di posta elettronica di destinazione.
È possibile immettere più indirizzi separati da un punto e virgola.
4. Nel campo Oggetto, immettere l'oggetto della notifica.
L'oggetto può includere testo semplice o una o più variabili. Nei messaggi di posta elettronica
ricevuti, ciascuna variabile verrà sostituita dal relativo valore al momento dell'esecuzione
dell'attività. Sono supportate le seguenti variabili:
net config server /srvcomment:<text>
Per una macchina che segue Linux, la variabile %description% verrà sostituita con una stringa
vuota ("").

5.
6.
7.
8.
174
%subject%
La variabile %subject% verrà sostituita dalla seguente frase: Attività <nome attività>
<risultato attività> sulla macchina <nome macchina>.
Nel campo Server SMTP immettere il nome del server della posta in uscita (SMTP).
Nel campo Porta impostare la porta del server della posta in uscita. Per impostazione predefinita,
è impostata la porta 25.
Se il server della posta in uscita richiede l'autenticazione, immettere Nome utente e Password
dell'account di posta elettronica del mittente.
Se il server SMTP non richiede l'autenticazione, lasciare vuoti i campi Nome utente e Password.
Se non si è sicuri se il server SMTP richiede l'autenticazione, contattare l'amministratore di rete o
il provider del servizio di posta elettronica per richiedere assistenza.
Fare clic su Parametri e-mail aggiuntivi... per configurare i parametri e-mail aggiuntivi come
segue:
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
a. Da: inserire il nome del mittente. Se questo campo viene lasciato vuoto, i messaggi
conterranno l'account di posta elettronica del mittente nel campo Da.
b. Utilizza crittografia: è possibile scegliere una connessione crittografata al server di posta. È
possibile selezionare i tipi di crittografia SSL e TLS.
c. Alcuni provider di servizi Internet richiedono l'autenticazione nel server della posta in arrivo
prima di consentire l'invio. In tal caso, selezionare la casella di controllo Accedere al server di
posta in arrivo per abilitare un server POP e configurare le relative impostazioni:


Server di posta in arrivo (POP): immettere il nome del server POP.
Porta : impostare la porta del server POP. Per impostazione predefinita, è impostata la
porta 110.

Nome utente e Password del server della posta in arrivo.
d. Fare clic su OK.
9. Fare clic su Invia messaggio e-mail di prova per verificare se le notifiche funzionano
correttamente con le impostazioni specificate.
5.7.3
Gestione degli errori
Queste opzione sono efficaci per i sistemi operativi Windows e Linux e i supporti riavviabili.
Queste opzioni permettono di specificare come trattare gli errori che si potrebbero verificare
durante il ripristino.
Non visualizzare i messaggi e le finestre di dialogo durante l'elaborazione (modalità
nascosta)
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Con la modalità nascosta abilitata, il programma gestirà automaticamente le situazioni che
richiedono l'intervento dell'utente. Se un'operazione non può continuare in assenza di un'interazione
dell'utente, non sarà portata a termine. I dettagli dell'operazione, inclusi eventuali errori, potranno
essere visualizzati nel registro dell'operazione.
Riprova se si verifica un errore
L'impostazione predefinita è: Abilitata. Numero di tentativi: 30. Intervallo tra i tentativi: 30 secondi.
Quando si verifica un errore recuperabile, il programma riprova ad eseguire l'operazione non riuscita.
È possibile impostare l'intervallo di tempo e il numero dei tentativi. I tentativi saranno terminati
appena l'operazione è stata completata correttamente OPPURE viene eseguito il numero specificato
dei tentativi, a seconda di quale avviene prima.
Per esempio, se la posizione di rete diventa non disponibile o non raggiungibile, il programma
tenterà di raggiungere la destinazione ogni 30 secondi ma non più di 5 volte. I tentativi saranno
terminati appena viene ripresa la connessione OPPURE viene eseguito il numero specificato dei
tentativi, a seconda di quale viene prima.
5.7.4
Tracciamento eventi
E' possibile duplicare gli eventi di registro delle operazioni di ripristino che operano sulla macchina
gestita, nel registro eventi applicazioni di Windows; o inviare gli eventi ai gestori SNMP specificati.
175
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
5.7.4.1
Notifiche SNMP
Questa opzione è disponibile per i sistemi operativi Windows e Linux.
Questa opzione non è disponibile quando si opera con il supporto di avvio.
Questa opzione definisce se gli agenti che operano sulla macchina devono inviare gli eventi di
registro delle operazioni di ripristino ai gestori specificati di Simple Network Management Protocol
(SNMP). È possibile scegliere i tipi di eventi da inviare.
Per informazioni dettagliate sull'utilizzo di SNMP con Acronis Backup, consultare "Supporto di SNMP
(p. 56)".
L'impostazione predefinita è: Utilizza le impostazioni configurate nelle opzioni della macchina.
Per selezionare se inviare gli eventi delle operazioni di ripristino al gestore:
Selezionare una delle seguenti opzioni:

Utilizza le impostazioni configurate nelle opzioni della macchina: per utilizzare le impostazioni
specificate per la macchina. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Opzioni della macchina.

Invia singole notifiche SNMP per gli eventi dell'operazione di ripristino: per inviare gli eventi
delle operazioni di ripristino agli operatori SNMP specificati.

Tipo di eventi da inviare: scegliere i tipi di eventi da inviare: Tutti gli eventi, Errori e
avvertimenti o Solo errori.

Nome/IP del server: immettere il nome o l'indirizzo IP dell'host in cui viene eseguita
l'applicazione di gestione SNMP, a cui verranno inviati i messaggi.

Community: immettere il nome della community SNMP a cui appartengono l'host in cui
viene eseguita l'applicazione di gestione SNMP e la macchina che esegue l'invio. La comunità
tipica è "public".
Fare clic su Invia messaggio di prova per controllare se le impostazioni sono corrette.

Non inviare notifiche SNMP: per disabilitare l'invio di eventi di registro delle operazioni di
ripristino ai gestori SNMP.
5.7.4.2
Registro eventi di Windows
Questa opzione è disponibile quando solo per il sistema operativo Windows
Questa opzione non è disponibile quando si opera con il supporto di avvio.
Questa opzione definisce se gli agenti che operano sulla macchina gestita devono registrare gli eventi
delle operazioni di backup nel log eventi dell'applicazione di Windows (per visualizzare questo
registro, avviare eventvwr.exe o selezionare Pannello di controllo > Strumenti di amministrazione >
Visualizzatore eventi). È possibile filtrare gli eventi da registrare.
L'impostazione predefinita è: Utilizza le impostazioni configurate nelle opzioni della macchina.
Per selezionare se registrare gli eventi delle operazioni di ripristino nel registro eventi
applicazioni di Windows.
Selezionare una delle seguenti opzioni:

Utilizza le impostazioni configurate nelle opzioni della macchina: per utilizzare le impostazioni
specificate per la macchina. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Opzioni della macchina.

Salva nel registro i seguenti tipi di eventi: per registrare gli eventi del ripristino nel log eventi
dell'applicazione. Specificare i tipi di eventi da registrare:
176
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015




Tutti gli eventi: registra tutti gli eventi (informazioni, avvisi ed errori)
Errori e avvisi
Solo errori
Non salvare nel registro: per disabilitare il salvataggio degli eventi del ripristino nel log eventi
dell'applicazione.
5.7.5
Sicurezza a livello di file
Questa opzione è disponibile quando solo per il ripristino dal backup a livello di file dei file di
Windows.
Questa opzione definisce se ripristinare dei permessi per i file NTFS insieme ai file.
L'impostazione predefinita è: Ripristina i file con le loro impostazioni di sicurezza.
Se i permessi del file NTFS sono stati conservati durante il backup (p. 125), è possibile scegliere se
ripristinare i permessi o lasciare ereditare ai file i permessi NTFS dalla cartella sulla quale sono
ripristinati.
5.7.6
Punti di montaggio
Questa opzione è disponibile solo in Windows per il ripristino dei dati da un backup a livello di file.
Abilitare l'opzione Punti di montaggio per ripristinare file e cartelle archiviati nei volumi montati e di
cui è stato eseguito il backup con l'opzione Punti di montaggio abilitata. Per i dettagli sul backup di
volumi montati o di volumi condivisi del cluster, consultare Punti di montaggio (p. 128).
L'impostazione predefinita è: Disabilitato.
Questa opzione è disponibile solo quando si seleziona per il backup una cartella che nella gerarchia
delle cartelle è superiore al punto di montaggio. Se vengono selezionate per il ripristino cartelle
all'interno del punto di montaggio o il punto di montaggio stesso, gli elementi selezionati verranno
ripristinati a prescindere dal valore dell'opzione Punti di montaggio.
Considerare che se il volume non è montato al momento del ripristino, i dati verranno ripristinati direttamente
nella cartella che costituiva il punto di montaggio al momento del backup.
5.7.7
Comandi pre/post
Questa opzione è disponibile quando per i sistemi operativi Windows and Linux e i supporti
riavviabili.
L'opzione permette di definire i comandi da avviare automaticamente prima e dopo la procedura di
ripristino.
Esempio di come utilizzare i comandi pre/post:

Lanciare il comando Checkdisk per trovare e correggere errori di file system, errori fisici o
settori difettosi prima dell'avvio del ripristino o dopo la fine del ripristino.
Il programma non supporta comandi interattivi, cioè comandi che richiedono l'immissione dell'utente
(ad esempio "pause").
Un comando post-ripristino non verrà eseguito se il ripristino procede con il riavvio.
177
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per specificare i comandi pre/post
1. Permette l'esecuzione dei comandi pre/post selezionando le seguenti opzioni:


Esegui prima del ripristino


Fare clic su Modifica per specificare un nuovo comando o un file batch
Esegui dopo il ripristino
2. Eseguire una delle seguenti operazioni:
Seleziona il comando esistente o il file batch dall'elenco a discesa
3. Fare clic su OK.
5.7.7.1
Comandi pre-ripristino
Per specificare un comando/file batch da eseguire prima dell'avvio della procedura di
ripristino.
1. Nel campo Comando, digitare un comando oppure sfogliare per cercare un file batch. Il
programma non supporta comandi interattivi, cioè comandi che richiedono l'immissione
dell'utente (ad esempio "pause").
2. Nel campo Directory di lavoro, specificare il percorso di una directory dove sarà avviato il
comando/file batch.
3. Nel campo Argomenti specificare gli argomenti di esecuzione del comando, se necessario.
4. A seconda del risultato che si desidera ottenere, selezionare le opzioni appropriate descritte nella
tabella seguente.
5. Fare clic su Prova comando per controllare se il comando è corretto.
Casella di controllo
Selezione
Interrompi l'attività se
l'esecuzione del comando
fallisce*
Selezionato
Cancellato
Selezionat
o
Cancellato
Non ripristinare fino al
termine dell'esecuzione del
comando
Selezionato
Selezionato
Cancellato
Cancellato
N/A
Esegui il ripristino
simultaneamente al
comando e senza
tener conto del
risultato
dell'esecuzione del
comando.
Risultato
Impostazione
predefinita
Esegui il ripristino
solo dopo che il
comando è stato
Esegui il ripristino solo
eseguito
dopo che il comando è
nonostante l'esito
stato eseguito con
negativo o
successo. Interrompi
positivo.
l'attività se
l'esecuzione del
comando fallisce
* Un comando viene considerato non riuscito se il codice di uscita non è uguale a zero.
5.7.7.2
Comandi post ripristino
Per specificare un comando/file eseguibile da avviare una volta completato il ripristino.
1. Nel campo Comando, digitare un comando oppure sfogliare per cercare un file batch.
2. Nel campo Directory di lavoro, specificare il percorso di una directory dove sarà avviato il
comando/file batch.
178
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
3. Nel campo Argomenti, specificare gli argomenti dell'esecuzione del comando, se richiesto.
4. Selezionare la casella di controllo Interrompi l'attività se l'esecuzione del comando fallisce se
l'esecuzione corretta del comando è fondamentale. Il comando viene considerato non riuscito se
il codice di uscita non è uguale a zero. Se l'esecuzione del comando fallisce, l'esecuzione
dell'attività sarà impostata su Non riuscita.
Quando la casella viene selezionata, il risultato dell'esecuzione del comando non influisce
sull'esito negativo o positivo dell'esecuzione attività. È possibile tracciare il risultato
dell'esecuzione dei comandi esplorando la visualizzazione Registro.
5. Fare clic su Prova comando per controllare se il comando è corretto.
Un comando post-ripristino non verrà eseguito se il ripristino procede con il riavvio.
5.7.8
Priorità del ripristino
Questa opzione è disponibile per i sistemi operativi Windows e Linux.
Questa opzione non è disponibile quando si opera con il supporto di avvio.
La priorità di un processo eseguito in un sistema determina la quantità di risorse del sistema e della
CPU allocate a quel processo. Abbassando la priorità del ripristino si rendono disponibili altre risorse
per altre operazioni. Aumentando la priorità del ripristino è possibile accelerare la procedura di
ripristino richiedendo al sistema operativo di allocare maggiori risorse all'applicazione che
eseguiranno il ripristino. Tuttavia, l'effetto finale dipenderà dal generale utilizzo della CPU e da altri
fattori come la velocità di I/O del disco o il traffico di rete.
L'impostazione predefinita è: Normale.
Per specificare la priorità della procedura di ripristino
Selezionare una delle seguenti opzioni:

Bassa: consente di ridurre al minimo l'utilizzo di risorse da parte della procedura di ripristino,
lasciando più risorse ad altri processi in esecuzione sulla macchina.

Normale: consente di eseguire la procedura di ripristino a velocità normale, allocando una
quantità di risorse pari a quella dedicata ad altri processi.

Alta: per aumentare la velocità della procedura di ripristino prendendo le risorse da altri
processi.
5.7.9
Gestione nastro
Utilizzare una cache del disco per accelerare il recupero
Questa opzione risulta efficace per il ripristino dei file da backup archiviati su nastro.
L'impostazione predefinita è: Disabilitata.
Quando questa opzione è abilitata, il software utilizza file temporanei per ridurre al minimo il
numero di riavvolgimenti del nastro e quindi accelerare il ripristino. Il software crea i file su un disco
locale del computer a cui è collegata la periferica a nastro ed elimina i file una volta completato il
ripristino.
Questa opzione è particolarmente efficace se si ripristinano file di grandi dimensioni. Tuttavia, i file
temporanei richiedono una quantità di spazio pari alle dimensioni totali dei file che si desidera
ripristinare.
179
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
6 Conversione in macchina virtuale
Acronis Backup offre una serie di modi per convertire un backup del disco in macchina virtuale.
Questa sezione aiuta a scegliere il metodo più adatto alle proprie esigenze e fornisce istruzioni passo
a passo per la conversione.
6.1
Metodi di conversione
A seconda delle proprie esigenze, è possibile scegliere i seguenti metodi di conversione:
a) Rendi la conversione parte di un piano di backup
Utilizzo.

Se si desidera che il backup e la conversione siano eseguiti in base a una pianificazione.
Questo aiuta a mantenere un server virtuale di standby pronto per l'accensione in caso di
errore del server fisico.

Se non è necessario configurare le impostazioni della macchina virtuale derivante.
Esecuzione. Quando si crea un piano di backup (p. 58), abilitare la conversione di un backup in
macchina virtuale (p. 182).
b) Ripristinare i dischi o i volumi del backup nella destinazione "Nuova macchina virtuale"
Utilizzo.

Se si desidera eseguire la conversione una volta oppure occasionalmente, a seconda delle
esigenze.

Se si desidera eseguire una migrazione da fisico a virtuale senza perdita di dati. In questo
caso, è necessario avviare la macchina originale dal supporto di avvio, eseguire il backup
della macchina in stato non in linea ed eseguire immediatamente il ripristino della macchina
dal backup derivante.

Se è necessario configurare le impostazioni della macchina virtuale derivante. È possibile
aggiungere o rimuovere dischi, scegliere la modalità di provisioning dei dischi, modificare le
dimensioni dei volumi e la loro posizione sui dischi e altro.
Esecuzione. Seguire i passaggi descritti in "Ripristino nella destinazione 'Nuova macchina
virtuale'" (p. 186).
c) Ripristinare i dischi o i volumi del backup in una macchina virtuale creata manualmente
utilizzando il supporto di avvio
Utilizzo.

Se si desidera creare una macchina direttamente su un server di virtualizzazione, anziché
importarla.
Suggerimento. Con l'Agente per VMware o l'Agente per Hyper-V, è possibile creare una
macchina virtuale direttamente su un rispettivo server di virtualizzazione utilizzando i metodi
(a) e (b).


Se è necessario creare nuovamente volumi dinamici su una macchina Windows.
Se è necessario creare nuovamente volumi logici o RAID software su una macchina Linux.
Esecuzione. Seguire i passaggi descritti in "Ripristino in una macchina virtuale creata
manualmente" (p. 189).
180
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
6.2
Conversione in macchina virtuale creata
automaticamente
Questa sezione descrive i metodi di conversione (p. 180) in cui Acronis Backup crea automaticamente
una nuova macchina virtuale:

Durante la conversione che fa parte di un piano di backup (p. 182), il software crea la macchina
virtuale oltre a creare il backup. La macchina virtuale ha la stessa configurazione della macchina
originale.

Durante il ripristino nella destinazione "Nuova macchina virtuale" (p. 186), il software crea la
macchina virtuale da un backup già disponibile. È possibile modificare la configurazione della
macchina virtuale.
A seconda dell'agente che esegue la conversione, Acronis Backup è in grado di creare una macchina
virtuale in uno di questi formati:
Agente per Windows, Agente per Linux





VMware Workstation
Microsoft Virtual PC (include Windows Virtual PC)
Citrix XenServer OVA (solo durante il ripristino nella destinazione "Nuova macchina virtuale")
Macchina virtuale basata su kernel
Red Hat Enterprise Virtualization (formato RAW)
Agente per VMware

VMware ESX(i)
Agente per Hyper-V

Microsoft Hyper-V
6.2.1
Considerazioni prima della conversione
Conversione di una macchina basata su UEFI
Le macchine virtuali che utilizzano Unified Extensible Hardware Interface (UEFI) attualmente sono
supportate solo in VMware ESXi 5. Se la piattaforma di virtualizzazione di destinazione è ESXi 5,
Acronis Backup crea una macchina basata su UEFI. Altrimenti, la macchina derivante utilizzerà il
firmware di avvio BIOS.
Acronis Backup configura la modalità di avvio di Windows nel firmware di avvio BIOS e garantisce che
Windows rimanga avviabile.
Per sistemi operativi Linux, la modifica della modalità di avvio da UEFI a BIOS non è supportata.
Quando si converte una macchina basata su UEFI che esegue Linux, assicurarsi che utilizzi GRUB
versione 1 e che la piattaforma di virtualizzazione di destinazione sia ESXi 5. Per ulteriori dettagli,
consultare "Supporto per macchine basate su UEFI" (p. 53).
Volumi logici e dinamici
La macchina derivante disporrà di volumi di base, anche se nel backup è presente la struttura del
volume logico Linux. Lo stesso si applica ai volumi dinamici utilizzati nei sistemi Windows. Per create
nuovamente volumi logici o dinamici sulla macchina, eseguire la conversione come descritto in
"Ripristino in una macchina virtuale creata manualmente" (p. 189).
181
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Riattivazione del caricatore personalizzato

Durante la conversione, le interfacce dei dischi possono essere cambiate come risultato della
migrazione in una piattaforma diversa o semplicemente manualmente. Il software imposta
l'interfaccia del disco di sistema in modo che sia la stessa dell'interfaccia predefinita per la nuova
piattaforma. L'interfaccia predefinita è SCSI per VMware e IDE per altre piattaforme supportate.
Se l'interfaccia del disco di sistema cambia, cambia anche il nome della periferica di avvio,
mentre il caricatore di avvio utilizza ancora il nome precedente.

La conversione di volumi logici in volumi di base potrebbe impedire l'avvio del sistema.
Per questi motivi, se la macchina utilizza un caricatore di avvio personalizzato, potrebbe essere
necessario configurare il caricatore per puntare alle nuove periferiche e riattivarlo. La configurazione
di GRUB di solito non è necessaria, poiché Acronis Backup esegue questa operazione
automaticamente. Se dovesse essere necessario, utilizzare la procedura descritta in "Come riattivare
GRUB e modificarne la configurazione" (p. 168).
Per ulteriori considerazioni sulla conversione da macchina fisica a macchina virtuale, consultare il
documento "Backup di macchine virtuali".
6.2.2
Configurazione di una conversione regolare in una macchina
virtuale
Quando si crea un piano di backup (p. 58), è possibile configurare una conversione regolare di un
backup di disco o di volume in una macchina virtuale. Se viene impostata una conversione regolare, si
otterrà una copia del server o della workstation in una macchina virtuale che può essere attivata
immediatamente nel caso in cui la macchina originale non funzioni.
Limitazioni

La conversione di un backup dalle seguenti posizioni non è disponibile: CD, DVD, dischi Blu-Ray,
periferiche a nastro e Acronis Cloud Storage.

La conversione in una macchina virtuale Citrix XenServer non è disponibile come parte del piano
di backup. In alternativa, utilizzare i metodi (b) e (c) come descritto in "Metodi di conversione" (p.
180).

Microsoft Virtual PC non supporta i dischi virtuali di dimensioni superiori a 127 GB. Durante una
conversione in una macchina Virtual PC, le dimensioni di ogni disco che supera 127 GB verranno
ridotte a questo valore. Se non è possibile ridimensionare il disco, la conversione fallirà. Se sono
necessari dischi virtuali di dimensioni maggiori per connetterli a una macchina Hyper-V, utilizzare
i metodi (b) e (c) come descritto in "Metodi di conversione" (p. 180).
6.2.2.1
Impostazioni di conversione
Questa sezione fornisce informazioni che aiutano a configurare le impostazioni di conversione
appropriate.
Le impostazioni sono specificate nella sezione Conversione in macchina virtuale della pagina
Creazione di un piano di backup.
Conversione in macchina virtuale
Converti da
Se si stanno copiando o trasferendo backup in altre posizioni (p. 102), selezionare la
posizione da cui verrà prelevato il backup. Le posizioni di conversione non disponibili (p. 182),
come Acronis Cloud Storage, non sono elencate.
182
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per impostazione predefinita, la conversione verrà eseguita dalla posizione primaria.
Quando eseguire la conversione
A seconda dello schema di backup selezionato, specificare se eseguire la conversione di ogni
backup completo, incrementale o differenziale o se eseguire la conversione dell'ultimo
backup creato in base a una pianificazione. Specificare la pianificazione della conversione (p.
183) se richiesto.
Host di destinazione... (p. 184)
Selezionare il tipo e la posizione della macchina virtuale risultante. Le opzioni disponibili
dipendono dall'agente che eseguirà la conversione. Questo potrebbe essere l'agente che
esegue il backup (per impostazione predefinita) o un agente installato su un'altra macchina.
In quest'ultima situazione, è necessario inserire l'archivio in una posizione condivisa, ad
esempio una cartella di rete o un deposito gestito, in modo che l'altra macchina sia in grado
di accedere all'archivio stesso.
Per specificare un altro agente, selezionare Cambia e scegliere una macchina in cui è
installato l'Agente per VMware, l'Agente per Hyper-V, l'Agente per Windows o l'Agente per
Linux.
Memoria
Scegliere la posizione di archiviazione nel server di virtualizzazione o la cartella in cui inserire
i file della macchina virtuale.
Macchine virtuali risultanti
Specificare il nome della macchina virtuale. Il nome predefinito è Backup_di_[Nome
Macchina]. È possibile aggiungere ulteriori variabili al nome. Sono supportati i seguenti
modelli:
[Nome Piano]
[Nome Macchina]
[Nome Host Virtuale]
[Nome Macchina Virtuale]
[Tipo Server Virtualizzazione]
Cartella in VMware vCenter
Se il server di gestione è integrato con vCenter Server, le macchine virtuali derivanti verranno
visualizzate nella cartella Backup Acronis in vCenter. È possibile specificare una sottocartella
per le macchine derivanti dall'esecuzione del piano.
6.2.2.2
Configurazione di una pianificazione di conversione
Un backup di disco (p. 446) creato durante l'esecuzione di un piano di backup può essere convertito
in una macchina virtuale immediatamente, in base a una pianificazione, o combinando entrambi i
metodi.
L'attività di conversione verrà creata sulla macchina di cui eseguire il backup e utilizzerà la data e
l'ora di questa stessa macchina. Se l'agente che esegue il backup della macchina è installato
all'esterno di essa (come nel caso di una macchina virtuale ESX(i) o Hyper-V di cui viene eseguito il
backup a livello di hypervisor), l'attività verrà creata sulla macchina in cui si trova l'agente.
La macchina virtuale di destinazione deve essere spenta al momento della conversione, altrimenti
l'attività di conversione fallirà. Se ciò accade, è possibile riavviare l'attività di conversione
manualmente dopo aver spento la macchina. Tutte le modifiche applicate alla macchina mentre era
accesa verranno sovrascritte.
183
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
6.2.2.3
Selezione di una macchina che eseguirà la conversione
Tenere a mente le seguenti considerazioni.
Quale agente è installato sulla macchina?
Il tipo di macchina virtuale derivante e la posizione dipendono dall'agente che risiede sulla macchina
selezionata.

L'Agente per VMware è installato sulla macchina
Se l'agente gestisce oltre un host ESX(i), è possibile scegliere l'host in cui verrà creata la macchina
virtuale.
Nel passaggio Archivio, è possibile selezionare l'archivio in cui verrà creata la macchina virtuale.
Non è possibile aggiungere a un piano di backup le macchine virtuali create in seguito a un
backup. Nel server di gestione esse sono visualizzate come non gestibili o non sono visualizzate
del tutto (se l'integrazione con vCenter Server non è abilitata).

L'Agente per Hyper-V è installato sulla macchina
È possibile creare una macchina virtuale solo sul server Hyper-V.
Nel passaggio Archivio, è possibile selezionare il percorso della macchina virtuale.
Le macchine virtuali create sul server come risultato del backup non sono visualizzate sul server
di gestione, poiché esse non sono previste per il backup.

L'Agente per Windows o l'Agente per Linux è installato sulla macchina
È possibile scegliere il tipo di macchina virtuale: VMware Workstation, Microsoft Virtual PC, Red
Hat Kernel-based Virtual Machine (KVM) o Red Hat Enterprise Virtualization (RHEV).
Nel passaggio Archivio, è possibile selezionare il percorso della macchina virtuale.
Qual è la potenza di calcolo della macchina?
La conversione richiederà le risorse della CPU della macchina selezionata. Diverse attività di
conversione verranno messe in coda su tale macchina e potrebbe essere necessario molto tempo per
il loro completamento. Questo deve essere tenuto in considerazione quando si crea un piano di
backup centralizzato con la conversione di più macchine o più piani di backup locali utilizzando la
stessa macchina per la conversione.
Quale archivio verrà utilizzato per le macchine virtuali?
Utilizzo di rete
A differenza dei backup comuni (file TIB), i file della macchina virtuale vengono trasferiti non
compressi attraverso la rete. Per questo, l'utilizzo di SAN o di un archivio locale rispetto alla macchina
che esegue la conversione rappresenta la scelta migliore dal punto di vista dell'utilizzo della rete. In
ogni caso, un disco locale non rappresenta un'opzione se la conversione viene eseguita dalla stessa
macchina di cui si esegue il backup. Anche l'utilizzo di un NAS è molto sensato.
Spazio di archiviazione
Per VMware, Hyper-V e Virtual PC, i dischi della macchina virtuale derivante utilizzeranno lo stesso
spazio di archiviazione occupato dai dati originali. Ipotizzando che la dimensione del disco originale
sia 100 GB e che il disco archivi 10 GB di dati, il disco virtuale corrispondente occuperà circa 10 GB.
VMware chiama questo formato "thin provisioning", Microsoft utilizza il termine "disco a espansione
dinamica". Poiché lo spazio non è pre-allocato, l'archivio fisico deve avere spazio disponibile
sufficiente per l'aumento di dimensioni del disco virtuale.
184
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per KVM o RHEV, i dischi della macchina virtuale derivante avranno il formato raw. Ciò significa che la
dimensione del disco virtuale è sempre pari alla capacità originale del disco. Ipotizzando che la
dimensione del disco originale sia 100 GB, il disco virtuale corrispondente occuperà 100 GB anche se
il disco archivia 10 GB di dati.
6.2.2.4
Funzionamento della conversione regolare in VM
Il modo di funzionamento di conversioni ripetute dipende da dove si sceglie di creare la macchina
virtuale.

Se si sceglie di salvare la macchina virtuale come set di file: ogni conversione crea nuovamente
la macchina virtuale da zero.

Se si sceglie di creare la macchina virtuale su un server di virtualizzazione: quando si esegue la
conversione di un backup incrementale o differenziale, il software aggiorna la macchina virtuale
esistente invece di crearla nuovamente. Tale conversione di solito è più rapida. Consente di
risparmiare traffico di rete e risorse CPU dell'host che esegue la conversione. Se l'aggiornamento
della macchina virtuale non è possibile, il software la crea nuovamente da zero.
Di seguito è indicata una descrizione dettagliata di entrambi i casi.
Se si sceglie di salvare la macchina virtuale come set di file
Come conseguenza della prima conversione, verrà creata una nuova macchina virtuale. Ogni
conversione successiva creerà nuovamente questa macchina da zero. Prima di tutto, la vecchia
macchina verrà rinominata temporaneamente. Quindi, verrà creata una nuova macchina virtuale con
il nome precedente della macchina vecchia. Se l'operazione viene eseguita correttamente, la vecchia
macchina viene eliminata. Se questa operazione fallisce, la nuova macchina viene eliminata e alla
vecchia macchina viene fornito il suo nome precedente. In questo modo, la conversione termina
sempre con una sola macchina. Tuttavia, durante la conversione è necessario spazio di archiviazione
aggiuntivo per archiviare la vecchia macchina.
Se si sceglie di creare la macchina virtuale su un server di virtualizzazione
La prima conversione crea una nuova macchina virtuale. Ogni conversione successiva funziona come
segue:

Se è stato creato un backup completo dall'ultima conversione, la macchina virtuale viene creata
nuovamente da zero, come descritto precedentemente in questa sezione.

Altrimenti, la macchina virtuale esistente viene aggiornata per riflettere le modifiche dall'ultima
conversione. Se l'aggiornamento non è possibile (per esempio, se si eliminano gli snapshot
intermedi, vedere di seguito), la macchina virtuale è creata nuovamente da zero.
Snapshot intermedi
Per poter eseguire l'aggiornamento della macchina virtuale, il software ne archivia alcuni snapshot
intermedi. Essi sono denominati Backup… e Replica… e devono essere conservati. Gli snapshot non
necessari sono eliminati manualmente.
L'ultimo snapshot Replica… corrisponde al risultato dell'ultima conversione. È possibile passare a
questo snapshot se si vuole eseguire la macchina al relativo stato; per esempio, se si lavorava con la
macchina e si desidera scartare le modifiche effettuate ad essa.
Altri snapshot sono per uso interno da parte del software.
185
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
6.2.3
Ripristino nella destinazione "Nuova macchina virtuale"
Anziché convertire un file TIB in file di disco virtuale, che richiede ulteriori operazioni per rendere
utilizzabile il disco virtuale, Acronis Backup esegue la conversione attraverso il ripristino di un backup
del disco in una nuova macchina virtuale completamente configurata e operativa. È possibile
adattare la configurazione della macchina virtuale alle proprie esigenze quando viene configurata
l'operazione di ripristino.
Con Acronis Backup Agent for Windows o Agent for Linux è possibile creare una nuova macchina
virtuale in una cartella locale o di rete. È possibile avviare la macchina utilizzando il rispettivo
software di virtualizzazione o preparare i file della macchina per un ulteriore utilizzo. La seguente
tabella riepiloga i formati disponibili di macchina virtuale e le azioni che è possibile eseguire per
aggiungere la macchina a un server di virtualizzazione.
Formato MV
Ulteriore azione e strumento da utilizzare
VMware Workstation
Esporta utilizzando VMware Workstation; o
Piattaforma di
virtualizzazione di
destinazione
Converti in OVF utilizzando lo strumento VMware OVF > ESX(i)
Distribuisci modello OVF utilizzando vSphere Client
Microsoft Virtual PC*
Aggiungere il file in formato VHD a una macchina
Hyper-V
Hyper-V
Citrix XenServer OVA
Importa utilizzando Citrix XenCenter
XenServer
Macchina virtuale basata Spostare i file della macchina virtuale a una macchina
su kernel (formato Raw) che esegue Linux ed eseguire la macchina virtuale
utilizzando Virtual Machine Manager
Red Hat Enterprise
Virtualization (RHEV)
(formato Raw)
Importa utilizzando RHEV Manager
RHEV
*Microsoft Virtual PC non supporta i dischi di dimensioni superiori a 127 GB. Acronis consente di creare una
macchina Virtual PC con dischi di dimensioni maggiori in modo che sia possibile collegare i dischi a una
macchina virtuale Microsoft Hyper-V.
Con Acronis Backup Agent for Hyper-V o Agent for VMware è possibile creare una nuova macchina
virtuale nel rispettivo server di virtualizzazione.
6.2.3.1
Passaggi da eseguire
Per eseguire un ripristino in una nuova macchina virtuale
1. Connettere la console al server di gestione, a una macchina in cui è installato un agente o a una
macchina avviata da un supporto di avvio.
2. Fare clic su Ripristina per aprire la pagina Ripristina dati (p. 140).
3. Fare clic su Seleziona dati (p. 142). Utilizzare la scheda Visualizzazione dati o la scheda
Visualizzazione archivio per selezionare i dischi o i volumi da convertire.
4. In Ripristina in, selezionare Nuova macchina virtuale.
5. Fare clic su Sfoglia. Nella finestra Selezione MV/SV (p. 187), selezionare il tipo di macchina
virtuale derivante o il server di virtualizzazione in cui creare la macchina.
6. [Facoltativo] In Archivio, è possibile visualizzare o selezionare l'archivio in cui verrà creata la
macchina virtuale.
186
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
7. [Facoltativo] In Impostazioni macchina virtuale (p. 188), è possibile cambiare il nome della
macchina virtuale, la modalità di provisioning dei dischi, la memoria allocata e altre impostazioni.
Non è possibile creare macchine dello stesso tipo e con lo stesso nome nella medesima cartella. Se si riceve
un messaggio di errore causato da nomi identici, cambiare il nome o il percorso della MV.
8. Il disco di destinazione per ciascuno dei dischi di origine o dei volumi di origine e il MBR verranno
selezionati automaticamente. Se necessario, è possibile cambiare i dischi di destinazione.
In Microsoft Virtual PC, assicurarsi di ripristinare il disco o il volume quando il caricatore del sistema
operativo risiede sul disco rigido 1, altrimenti il sistema operativo non verrà avviato. Questo problema non
può essere risolto modificando l'ordine delle periferiche di avvio nel BIOS, dal momento che Virtual PC
ignora queste impostazioni.
9. In Quando ripristinare, specificare quando avviare l'attività di ripristino.
10. [Facoltativo] In Attività, rivedere le Opzioni di ripristino e modificare le impostazioni rispetto a
quelle predefinite, se necessario. In Opzioni di ripristino > Gestione energetica MV è possibile
specificare se avviare automaticamente la nuova macchina virtuale al termine del ripristino.
Questa opzione è disponibile solo quando la nuova macchina viene creata su un server di
virtualizzazione.
11. Fare clic su OK. Se l'attività di ripristino è pianificata per il futuro, specificare le credenziali con cui
verrà eseguita.
Nella visualizzazione Piani e attività di backup, è possibile esaminare lo stato e l'avanzamento
dell'attività di ripristino.
6.2.3.2
Tipo di macchina virtuale / selezione del server di
virtualizzazione
Selezionare il tipo di macchina virtuale derivante o il server di virtualizzazione in cui verrà creata la
macchina.
Le opzioni disponibili dipendono dagli agenti installati sulla macchina a cui è connessa la console. Se
la console è connessa al server di gestione, è possibile scegliere qualunque macchina registrata in
grado di eseguire l'operazione richiesta.
Per selezionare il server di virtualizzazione in cui la nuova macchina virtuale verrà creata
1. Scegliere l'opzione Crea una nuova macchina virtuale sul server.
2. Nella parte sinistra della finestra, selezionare il server di virtualizzazione. Usare la parte destra
della finestra per rivedere i dettagli sul server selezionato.
[Solo se la console è connessa al server di gestione] Se più agenti gestiscono l'host ESX(i)
selezionato, è possibile scegliere l'agente che eseguirà il ripristino. Per prestazioni migliori,
scegliere un Agente per VMware (Virtual Appliance) posizionato su tale ESX(i). Se nessun agente
gestisce ESX(i) e la distribuzione automatica è attivata, l'Agente per VMware (Virtual Appliance)
verrà distribuito subito dopo aver fatto clic su OK. Il ripristino verrà eseguito dall'agente.
Richiederà una licenza.
3. Fare clic su OK per tornare alla pagina Ripristina dati.
Per selezionare il tipo di macchina virtuale
1. Scegliere l'opzione Salva la macchina virtuale come set di file.
2. Nella parte sinistra della finestra, selezionare il tipo di macchina virtuale. Usare la parte destra
della finestra per rivedere i dettagli sul tipo di macchina virtuale selezionata.
187
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
[Solo se la console è connessa al server di gestione] È possibile selezionare la macchina che
eseguirà il ripristino. Questa può essere qualunque macchina registrata in cui è installato l'Agente
per Windows o l'Agente per Linux.
3. Fare clic su OK per tornare alla pagina Ripristina dati.
6.2.3.3
Impostazioni della macchina virtuale
È possibile configurare le seguenti impostazioni della macchina virtuale.
Dischi
Impostazione iniziale: il numero e le dimensioni dei dischi della macchina di origine.
Il numero di dischi solitamente è pari a quello della macchina di origine. Potrebbe essere diverso se il
software dovesse aggiungere altri dischi per fare spazio ai volumi della macchina di origine, a causa
delle limitazioni impostate dal prodotto di virtualizzazione. È possibile aggiungere dischi virtuali alla
configurazione della macchina o, in alcuni casi, eliminare i dischi proposti.
Quando si aggiunge un nuovo disco virtuale, oltre ad interfaccia e capacità, è possibile specificarne il
formato.

Formato Thin. Il disco occupa lo stesso spazio di archiviazione dei dati che contiene. Ciò consente
di risparmiare spazio di archiviazione. Per abilitare il formato thin, selezionare la casella di
controllo Thin provisioning (per ESX) o Disco a espansione dinamica (per Hyper-V).

Formato Thick. Il disco occupa tutto lo spazio di archiviazione fornito. Ciò migliora le prestazioni
della macchina virtuale. Per utilizzare il formato thick, deselezionare la casella di controllo Thin
provisioning (per ESX) o Disco a espansione dinamica (per Hyper-V).
L'impostazione predefinita è formato thick se è stato eseguito il backup di una macchina fisica.
Quando si esegue il ripristino dal backup di una macchina virtuale, il software prova a riprodurre il
formato dei dischi della macchina originale. Se ciò non è possibile, viene utilizzato il formato thick.
L'implementazione di macchine Xen è basata su Microsoft Virtual PC e ne eredita i limiti: fino a 3 dischi IDE e 1
processore. I dischi SCSI non sono supportati.
Memoria
Impostazione iniziale: se non è contenuta nel backup, l'impostazione predefinita del server di
virtualizzazione.
Questa rappresenta la quantità di memoria allocata alla nuova macchina virtuale. L'intervallo di
regolazione della memoria dipende dall'hardware dell'host, dal sistema operativo dell'host e dalle
impostazioni del prodotto di virtualizzazione. Ad esempio, è possibile consentire alle macchine
virtuali di utilizzare non più del 30% della memoria.
Nome
Impostazione iniziale: se non contenuta nel backup, Nuova macchina virtuale.
Immettere il nome della nuova macchina virtuale. Se il backup è stato creato dall'Agente per VMware
o dall'Agente per Hyper-V, il software prenderà il nome dalla configurazione della macchina virtuale
contenuta nel backup.
Processori
Impostazione iniziale: l'impostazione predefinita del server, salvo se non contenuta nel backup
oppure se l'impostazione sottoposta a backup non è supportata dal server di virtualizzazione.
188
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Questo è il numero di processori della nuova macchina virtuale. Nella maggior parte dei casi è
impostato su uno. Il risultato dell'assegnazione di più di un processore alla macchina non è garantita.
Il numero di processori virtuali può essere limitato dalla configurazione CPU dell'host, dal prodotto di
virtualizzazione e dal sistema operativo guest. I processori virtuali multipli sono generalmente
disponibili su host multiprocessore. Una CPU host multicore o hyperthreading può abilitare più
processori virtuali su un host a processore singolo.
6.3
Ripristino in una macchina virtuale creata
manualmente
Questa sezione descrive il metodo di conversione (p. 180) in cui è possibile creare una macchina
virtuale ed eseguire il ripristino su di essa come se si trattasse di una macchina fisica.
6.3.1
Considerazioni prima della conversione
Conversione di una macchina basata su UEFI
Se la macchina originale utilizza Unified Extensible Firmware Interface (UEFI) per l'avvio, considerare
la creazione di una macchina virtuale anch'essa basata su UEFI.
Se il prodotto di virtualizzazione non supporta UEFI, è possibile creare una macchina basata su BIOS,
ammesso che la macchina originale esegua Windows. Acronis Backup configura la modalità di avvio
di Windows nel firmware di avvio BIOS e garantisce che Windows rimanga avviabile.
Per sistemi operativi Linux, la modifica della modalità di avvio da UEFI a BIOS non è supportata.
Acronis Backup è in grado di convertire una macchina basata su UEFI che esegue Linux solo quando la
macchina utilizza GRUB versione 1 e anche la macchina di destinazione è basata su UEFI. Per ulteriori
dettagli, consultare "Supporto per macchine basate su UEFI" (p. 53).
Selezione dell'interfaccia del disco
Quando si crea la macchina virtuale, potrebbe essere necessario che i suoi dischi abbiano interfacce
diverse da quelle della macchina originale.

Potrebbe essere necessario cambiare tutte le interfacce dei dischi da IDE a SCSI quando si esegue
la migrazione della macchina su ESX(i), poiché SCSI è un'interfaccia disco predefinita per ESX(i) e
fornisce prestazioni migliori.

È necessario modificare l'interfaccia del disco del sistema da SCSI a IDE quando si esegue la
migrazione di una macchina a Hyper-V, poiché Hyper-V non supporta l'avvio da dischi SCSI.
Se la macchina originale utilizza un caricatore di avvio personalizzato, ripristinare il disco di sistema in
un disco con la stessa interfaccia o configurare manualmente il caricatore di avvio. Il motivo è che
quando l'interfaccia del disco di sistema cambia, cambia anche il nome della periferica di avvio;
tuttavia, il caricatore di avvio utilizza ancora il nome precedente. La configurazione di GRUB di solito
non è necessaria, poiché Acronis Backup esegue questa operazione automaticamente.
6.3.2
Passaggi da eseguire
Per eseguire un ripristino in una macchina virtuale creata manualmente
1. [Quando si ripristina Windows] Preparare i driver di Windows (p. 158) che corrispondono alla
piattaforma di virtualizzazione di destinazione.
Per macchine che eseguono Linux, i driver necessari normalmente sono già presenti nel sistema
operativo.
189
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
2. Creare un supporto di avvio (p. 275) con la funzionalità Universal Restore utilizzando il
Generatore di supporti di avvio Acronis.
3. Creare una macchina virtuale utilizzando gli strumenti nativi del prodotto di virtualizzazione in
uso.
4. Avviare la macchina virtuale dal supporto.
5. [Quando si ripristina Windows] Se sono necessari volumi dinamici, creare un gruppo di volumi
utilizzando la funzionalità di gestione del disco (p. 301).
6. Selezionare Azioni > Ripristina. Quando si configura un ripristino:

abilitare Universal Restore per Linux o Universal Restore per Windows. Nel secondo caso,
fornire i driver preparati.

[Quando si ripristina Linux] Se sono necessari volumi logici, selezionare Applica RAID/LVM
quando si configura il ripristino. La struttura LVM sarà ricreata automaticamente (p. 49)
durante il ripristino.
7. Configurare le altre impostazioni di ripristino ed eseguire un ripristino nello stesso modo
utilizzato per una macchina fisica.
190
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
7 Archiviazione dei dati dei backup
7.1
Depositi
Il deposito è una posizione per l'archiviazione degli archivi di backup. Per semplificare l'utilizzo e
l'amministrazione, un deposito viene associato ai metadati degli archivi. Il riferimento a questi
metadati consente di effettuare operazioni rapide e convenienti con gli archivi e i backup
memorizzati nel deposito.
È possibile organizzare un deposito su un'unità locale o di rete, in un supporto separabile o in una
periferica a nastro.
Non esistono impostazioni per limitare le dimensioni di un deposito o il numero di backup in un
deposito. È possibile limitare le dimensioni di ogni archivio utilizzando la pulizia. Tuttavia, le
dimensioni totali degli archivi conservati nel deposito è limitato solo dalle dimensioni dell'archivio.
Perché creare dei depositi?
Si consiglia la creazione di un deposito in ciascuna destinazione nella quale vengono archiviati gli
archivi di backup. In tal modo il lavoro risulterà semplificato come segue.
Accesso rapido al deposito
Non sarà necessario ricordare i percorsi per le cartelle in cui si trovano gli archivi. Quando si crea un
piano backup o un'attività che richiede la selezione di un archivio o una posizione di destinazione
dell'archivio, l'elenco dei depositi sarà disponibile per l'accesso rapido senza drill down lungo la
struttura delle cartelle.
Gestione archivi semplice
È possibile accedere a un deposito dal riquadro Navigazione. Dopo avere selezionato il deposito, è
possibile sfogliare gli archivi che vi sono contenuti ed effettuare le seguenti operazioni di gestione
archivio:






Acquisire una lista dei backup inclusi in ciascun archivio
Ripristinare i dati da un backup
Esaminare il contenuto del backup
Convalidare tutti gli archivi nel deposito o nei backup o negli archivi individuali
Montare un backup di volume per copiare i file dal backup a un disco fisico
Eliminare in modo sicuro archivi e backup dagli archivi.
La creazione di depositi è molto consigliata ma non obbligatoria. È possibile scegliere di non utilizzare
i collegamenti e specificare sempre il percorso della posizione.
La creazione di un deposito comporta l'aggiunta del nome del deposito nella sezione Depositi del
riquadro Navigazione.
Depositi centralizzati e personali
Un deposito centralizzato è una posizione in rete assegnata dall'amministratore del management
server per servire come archiviazione per gli archivi di backup. Un deposito centralizzato può essere
gestito da un nodo di archiviazione (deposito gestito) o non essere gestito. Per ulteriori informazioni,
consultare la sezione Depositi centralizzati (p. 193).
191
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Un deposito viene definito personale se è stato creato utilizzando il collegamento diretto della
console ad una macchina virtuale. I depositi personali sono specifici per ciascuna macchina gestita.
Visualizzazione 'Depositi'
Depositi (nel riquadro di navigazione): elemento superiore della struttura dei depositi. Fare clic
su questo elemento per visualizzare i depositi centralizzati e personali. Per eseguire azioni su
qualunque deposito, utilizzare la barra degli strumenti posizionata nella parte superiore della
visualizzazione Depositi. Per i depositi centralizzati, consultare la sezione Azioni sui depositi
centralizzati (p. 194). Per i depositi personali, consultare la sezione Azioni sui depositi personali (p.
203).

Depositi centralizzati. Questi depositi sono disponibili quando la console è collegata a una
macchina gestita o a un server di gestione.

Depositi personali. Questi depositi sono disponibili quando la console è connessa a una
macchina gestita.
Fare clic su un deposito nella struttura dei depositi per aprire la visualizzazione dettagliata di questo
deposito (p. 192) e per effettuare delle azioni con gli archivi (p. 270) e i backup (p. 271) archiviati al
suo interno.
7.1.1
Lavorare con i depositi
Questa sezione descrive brevemente gli elementi principali dell'interfaccia utente grafica del
deposito selezionato e indica dei metodi per lavorare con questi.
Esaminare le informazioni di un deposito
Le informazioni sul deposito selezionato si trovano nel riquadro superiore del deposito selezionato.
Utilizzando il grafico a barre, è possibile stimare il carico del deposito. Le proporzioni dello spazio
disponibile e dello spazio occupato del deposito (non disponibile se il deposito si trova in una libreria
a nastro). Lo spazio disponibile sulla periferica di archiviazione in cui è posizionato il deposito. Ad
esempio, se il deposito si trova su un disco rigido, lo spazio disponibile del deposito è lo spazio
disponibile del rispettivo volume. Spazio occupato: dimensione totale degli archivi di backup e dei
relativi metadati, se è posizionato nel deposito.
È possibile ottenere il numero totale di archivi e backup conservati nel deposito e il percorso
completo del deposito.
Solo per i depositi gestiti, è possibile esaminare il nome del nodo di archiviazione che gestisce il
deposito, la crittografia e gli stati della deduplicazione (p. 247).
Sfogliare il contenuto del deposito e selezionare i dati
È possibile sfogliare il contenuto del deposito e selezionare i dati da ripristinare utilizzando la scheda
Visualizzazione dati o la scheda Visualizzazione archivio.
Visualizzazione dati
La scheda Visualizzazione dati consente di esplorare e selezionare i dati del backup in base alle
versioni (data e ora del backup). La scheda Visualizzazione dati condivide la stessa funzionalità di
ricerca e catalogazione del catalogo dati (p. 145).
192
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Visualizzazione archivio
La scheda Visualizzazione archivio mostra i dati del backup in base all'archivio. Utilizzare la
Visualizzazione archivio per eseguire operazioni con gli archivi e i backup conservati nel deposito.
Per ulteriori informazioni su queste operazioni, consultare le seguenti sezioni:



Operazioni con archivi contenuti in un deposito (p. 270).
Operazioni con i backup (p. 271).
Ordinamento, filtraggio e configurazione degli elementi della tabella (p. 30).
Cosa significa l'icona
?
Quando si sfogliano gli archivi nella scheda Visualizzazione archivio, è possibile incontrare un backup
con l'icona
. Questa icona significa che il backup è contrassegnato per l'eliminazione, ma non può
essere eliminato immediatamente per uno dei seguenti motivi:

Altri backup dipendono da esso, ma il consolidamento non è possibile o è disabilitato dalle regole
di conservazione.

Il backup è archiviato su un nastro.
Non è possibile eseguire alcuna operazione sui backup contrassegnati per l'eliminazione. Essi
scompaiano dalla Visualizzazione archivio dopo che vengono eliminati fisicamente. Questo si verifica
quando anche tutti i backup dipendenti vengono eliminati o quando il nastro viene sovrascritto
oppure alla pulizia successiva dopo aver abilitato il consolidamento nelle regole di conservazione.
7.1.2
Depositi centralizzati
Un deposito centralizzato è una posizione in rete assegnata dall'amministratore del management
server per servire come archiviazione per gli archivi di backup. Un deposito centralizzato può essere
gestito da un nodo di archiviazione o essere non gestito. Il numero e le dimensioni totali degli archivi
memorizzati in un deposito centralizzato è limitato soltanto dalle dimensioni di archiviazione.
Non appena l'amministratore del server di gestione crea un deposito centralizzato, il percorso e il
nome del deposito vengono distribuiti su tutte le macchine registrate sul server. Il collegamento al
deposito è visualizzato sulle macchine nell'elenco Depositi. Tutti i piani di backup esistenti nelle
macchine, inclusi i piani locali, possono utilizzare il deposito centralizzato.
La seguente tabella spiega dettagliatamente la differenza fra depositi gestiti e non gestiti.
Funzionalità
Depositi gestiti
Depositi non gestiti
Richiede l'installazione di Acronis Backup Storage Node
Sì
No
I dati archiviati nel deposito sono inclusi nel catalogo dati
centralizzato (p. 145)
Sì
No
Account utente dedicati per l'accesso un deposito
(amministratori del deposito (p. 199) e utenti del deposito (p.
200))
Sì
No
Deduplicazione dei dati (p. 247)
Sì
No
Crittografia del deposito (p. 198)
Sì
No
193
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Funzionalità
Depositi gestiti
Depositi non gestiti
La pulizia, la replica e la convalida dell'archivio configurate nel
piano di backup vengono eseguite...
...dal nodo di
...dall'agente.
archiviazione (p. 234)
(ad eccezione di
Acronis Cloud
Storage, eseguito
dall'agente).
Tipi di archivio supportati:
Acronis Cloud Storage
No
Sì
Periferica a nastro
Sì
(nessuna
deduplicazione o
crittografia del
deposito)
No
Condivisione di rete (SMB/CIFS)
Sì
Sì
Condivisione NFS
Sì
Sì
SAN, NAS
Sì
Sì
Server FTP/SFTP
No
Sì
7.1.2.1
Azioni su depositi centralizzati
Per accedere alle azioni
1. Collegare la console al server di gestione.
2. Nel riquadro Navigazione, fare clic su Depositi > Centralizzati.
Tutte le operazioni descritte di seguito vengono eseguite facendo clic sui pulsanti corrispondenti
della barra degli strumenti dei depositi. È possibile accedere a queste operazioni anche dall'elemento
Azioni [Nome deposito] nel menu principale.
Le seguenti linee guida consentono di eseguire delle operazioni con i depositi centralizzati.
A
Azione
Creare un deposito
gestito o non gestito
1. Fare clic su
Crea.
2. Nel campo Tipo, selezionare il tipo di deposito: Gestito o Non gestito
La procedura di creazione di depositi centralizzati viene descritta in modo
approfondito nelle sezioni seguenti:
 Creazione di un deposito centralizzato gestito (p. 196)
 Creazione di un deposito centralizzato non gestito (p. 200)
Modificare un deposito
gestito o non gestito
1. Selezionare il deposito.
2. Fare clic su
Modifica.
A seconda del deposito selezionato (gestito o non gestito), verrà aperta la rispettiva
pagina di Modifica:
 Nella pagina Modifica deposito gestito è possibile modificare il nome del
deposito, gli account utente e le informazioni nel campo Commenti.
 La pagina Modifica deposito non gestito consente di modificare il nome del
deposito e le informazioni nel campo Commenti.
194
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
A
Azione
Scollegare un deposito
gestito
1. Selezionare il deposito.
2. Fare clic su
Scollega.
Lo scollegamento di un deposito rimuove l'associazione tra il deposito e il nodo di
archiviazione ed elimina il deposito dall'interfaccia utente grafica. Nonostante ciò,
tutti gli archivi conservati nel deposito rimarranno intatti. Le attività e i piani che
utilizzano tale deposito non potranno essere eseguiti con successo.
Successivamente, sarà possibile collegare questo deposito scollegato allo stesso o ad
un altro nodo di archiviazione.
Note.

I depositi basati su nastro non possono essere scollegati.
 Per scollegare un deposito da un nodo di archiviazione non disponibile,
rimuovere il nodo di archiviazione (p. 238) dal server di gestione.
Collegare il deposito
gestito scollegato
precedentemente
Fare clic su
Collega.
La procedura di collegamento di un deposito gestito su un nodo di archiviazione
viene descritta in modo approfondito nella sezione Collegamento di un nodo gestito
(p. 201).
Nota. I depositi basati su nastro non possono essere collegati.
Convalidare un deposito 1. Selezionare il deposito.
2. Fare clic su
Convalida.
Verrà aperta la pagina Convalida (p. 257) con un deposito già preselezionato come
origine. La convalida del deposito consente la verifica di tutti gli archivi nel relativo
deposito.
Aprire la cartella di un
deposito non gestito
1. Selezionare un deposito non gestito.
2. Fare clic su
Esplora.
Il deposito sarà disponibile per il controllo con il programma del file manager
standard.
Eliminare un deposito
1. Selezionare il deposito.
2. Fare clic su
Elimina.
Il deposito verrà eliminato assieme a tutti gli archivi conservati al suo interno. Le
attività e i piani che utilizzano tale deposito non potranno essere eseguiti con
successo.
Modificare le credenziali Fare clic su
Modifica utente.
utente per l'accesso a un
La modifica delle credenziali utente è disponibile soltanto per i depositi che si
deposito
trovano negli archivi condivisi.
Aggiornare le
informazioni di un
deposito
195
Fare clic su
Aggiorna.
Durante la revisione del contenuto del deposito, è possibile aggiungere, eliminare o
modificare degli archivi al deposito. Fare clic su Aggiorna per aggiornare le
informazioni sul deposito con le modifiche più recenti.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Creazione di un deposito centralizzato gestito
Per creare un deposito centralizzato gestito, eseguire i seguenti passaggi
Deposito
Nome
Specificare un nome univoco per il deposito. La creazione di due depositi centralizzati con lo
stesso nome è vietata.
Commenti
[Facoltativo] Immettere la descrizione distintiva del deposito da creare.
Tipo
Selezionare il tipo Gestito.
Nodo di archiviazione
Selezionare Acronis Backup Storage Node che gestirà il deposito.
Deduplicazione
[Facoltativo] Selezionare se abilitare la deduplicazione dell'archivio nel deposito. La
deduplicazione riduce al minimo la spazio di archiviazione preso dagli archivi e il traffico di
backup. Riduce le dimensioni degli archivi nel deposito eliminando i dati ridondanti, ad
esempio i file duplicati o i blocchi dischi.
La deduplicazione non è possibile nelle periferiche a nastro.
La deduplicazione non è possibile se il nodo di archiviazione è installato in un sistema
operativo a 32 bit.
Per ulteriori informazioni sul funzionamento della deduplicazione, consultare la sezione
Deduplicazione (p. 248).
Crittografia (p. 198)
[Facoltativo] Selezionare se proteggere il deposito con la crittografia. Tutto quello che viene
scritto nel deposito verrà crittografato e tutto quello che viene letto da questo verrà
decrittografato in modo trasparente dal nodo di archiviazione, utilizzando una chiave di
crittografia specifica per il deposito e conservata nel nodo di archiviazione.
Un deposito posizionato su una periferica a nastro non può essere protetto con la
crittografia.
Percorso (p. 198)
Specificare la posizione in cui verrà creato il deposito.
Posiziona il database di deduplicazione assieme ai backup (disponibile solo se la
Deduplicazione è abilitata)
Il database di deduplicazione contiene i valori hash di tutti gli elementi conservati nel
deposito, tranne quelli che non è possibile deduplicare, ad esempio file crittografati.
Se il deposito viene creato sul disco locale nel nodo di archiviazione, il database di
deduplicazione viene posizionato nello stesso deposito (la casella di controllo Posiziona il
database di deduplicazione assieme ai backup è selezionata).
Se il deposito viene creato nella condivisione di rete, la casella di controllo Posizionare il
database di deduplicazione assieme ai backup è disabilitata ed è necessario specificare
manualmente il percorso del database di deduplicazione.
Il posizionamento del database di deduplicazione assieme ai backup può provocare un
rallentamento delle prestazioni del sistema. Per migliorare le prestazioni del sistema, si
consiglia di creare il database di deduplicazione e il deposito gestito su dischi diversi.
Database di deduplicazione (p. 198) (disponibile solo se la Deduplicazione è abilitata)
196
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Specificare una cartella nei dischi locali o nella SAN del nodo di archiviazione per creare il
database di deduplicazione.
Periferiche
[Facoltativo] Se il deposito viene creato in una periferica a nastro, specificare le unità a
nastro da utilizzare quando si esegue il backup nel deposito. Per impostazione
predefinita, verranno utilizzate tutte le unità disponibili. Fare clic sulla freccia in giù e
selezionare o deselezionare le caselle di controllo richieste.
Pool di nastri
[Facoltativo] Se il deposito viene creato in una periferica a nastro, specificare il pool i cui
nastri verranno utilizzati dal deposito. Per impostazione predefinita, è selezionato il pool
Acronis.
Database del catalogo
[Facoltativo] Specificare dove verrà posizionato il database del catalogo.
Compatibilità con le versioni precedenti
Per accedere a questa opzione, fare clic su Mostra compatibilità con le versioni precedenti.
[Facoltativo] Selezionare se rendere il deposito compatibile con le versioni precedenti per il
funzionamento con gli agenti di Acronis Backup & Recovery 10.
Informazioni necessarie sui depositi compatibili con le versioni precedenti:
- Un deposito posizionato su una periferica a nastro non può essere compatibile con le
versioni precedenti.
- Gli agenti di Acronis Backup & Recovery 11 e Acronis Backup possono eseguire backup in un
deposito a prescindere dalla sua proprietà di compatibilità con le versioni precedenti.
- Non è possibile specificare gli amministratori e gli utenti del deposito per i depositi
compatibili con le versioni precedenti.
- Quando la console è collegata a un agente di Acronis Backup & Recovery 10, la scheda
Visualizzazione dati del deposito non è visualizzata.
- I backup creati da Acronis Backup & Recovery 11 e Acronis Backup vengono catalogati
automaticamente. Per includere backup creati da Acronis Backup & Recovery 10 nel catalogo
dati, selezionare il collegamento aggiorna il catalogo adesso nella scheda Visualizzazione
dati del deposito. Notare che la procedura di catalogazione potrebbe richiedere molto tempo
e risorse.
Compressione
[Facoltativo] Selezionare se comprimere gli archivi dei dati di deduplicazione. Questa
impostazione è disponibile solo se la compatibilità con le versioni precedenti è attivata e la
deduplicazione è abilitata.
Account utente
Amministratori del deposito (p. 199)
Aggiungere gruppi o account utente che avranno diritti di amministrazione su questo
deposito. Gli amministratori del deposito potranno visualizzare e gestire tutti gli archivi
conservati nel deposito. Anche Acronis Centralized Admins e i membri del gruppo
Administrators nel nodo di archiviazione sono considerati amministratori del deposito per
impostazione predefinita.
Utenti del deposito (p. 200)
Aggiungere gruppi o account utente che avranno diritti utente su questo deposito. Gli utenti
del deposito possono visualizzare e gestire solo i propri archivi nel deposito. Per
197
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
impostazione predefinita, il gruppo Everyone del nodo di archiviazione viene aggiunto agli
utenti del deposito.
Dopo avere eseguito tutti i passaggi richiesti, fare clic su OK per confermare la creazione del deposito
gestito.
Percorso deposito
Per specificare il percorso in cui il deposito gestito verrà creato
1. Immettere il percorso completo per la cartella nel campo Percorso oppure selezionare la cartella
desiderata nella struttura delle cartelle. I depositi gestiti possono essere organizzati:






Nei dischi rigidi locali nel nodo di archiviazione.
Su una condivisione di rete (SMB/CIFS).
Su una condivisione Network File System (NFS).
In una rete SAN (Storage Area Network).
In un NAS (Network Attached Storage).
Su una libreria a nastro collegata al nodo di archiviazione.
Per creare una nuova cartella per il deposito nella posizione selezionata, fare clic su
cartella.
2. Fare clic su OK.
Crea
Un deposito può essere creato soltanto in una cartella vuota.
La creazione di un deposito gestito di deduplicazione in un volume FAT32 è sconsigliata. Ciò perché il deposito
memorizza tutti gli elementi deduplicati in due file le cui dimensioni potrebbero essere notevoli. Dal momento
che nei file system FAT la dimensione massima di un file è limitata a 4 GB, il nodo di archiviazione potrebbe
smettere di funzionare al raggiungimento di questo limite.
Percorso database di deduplicazione
Per specificare il percorso in cui verrà creato il database di deduplicazione
1. Nelle cartelle locali del nodo di archiviazione, selezionare la cartella desiderata oppure
immettere il percorso completo della cartella nel campo Percorso.
Per creare una nuova cartella per il database, fare clic su
Crea cartella.
Si consiglia di seguire le raccomandazioni indicate nella sezione "Selezione di un disco per un
database di deduplicazione" di "Best practice per la deduplicazione" (p. 251).
2. Fare clic su OK.
Crittografia del deposito
Se un deposito viene protetto con la crittografia, tutto quello che viene scritto nel deposito verrà
crittografato e tutto quello che viene letto da questo verrà decrittografato in modo trasparente dal
nodo di archiviazione, utilizzando una chiave di crittografia specifica per il deposito e conservata nel
nodo. Se il supporto di archiviazione viene rubato o l'accesso ad esso viene effettuato da parte di una
persona non autorizzata, il malfattore non potrà decrittografare i contenuti del deposito senza
accedere al nodo di archiviazione.
Questa crittografia è del tutto differente dalla crittografia di archivio specificata dal piano di backup
ed effettuata da un agente. Se l'archivio è già crittografato, la crittografia eseguita dal nodo di
archiviazione viene applicata sulla crittografia eseguita dall'agente.
Per proteggere il deposito con la crittografia
1. Selezionare uno dei seguenti algoritmi di crittografia dall'elenco discesa:
198
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

AES 128: il contenuto del deposito verrà crittografato utilizzando l'algoritmo Advanced
Encryption Standard (AES) con una chiave a 128 bit

AES 192: il contenuto del deposito sarà crittografato utilizzando l'algoritmo AES con una
chiave a 192 bit

AES 256: il contenuto del deposito sarà crittografato utilizzando l'algoritmo AES con una
chiave a 256 bit
2. Nel campo Immettere la parola, specificare una parola da utilizzare per generare la chiave di
crittografia.
Dettagli. La parola fa distinzione tra maiuscole e minuscole. Questa parola verrà richiesta solo
quando si collega il deposito a un altro nodo di archiviazione.
3. Nel campo Conferma digitare nuovamente la parola appena immessa.
4. Fare clic su OK.
L'algoritmo crittografico AES opera nella modalità Cipher-block chaining (CBC) e utilizza una chiave
generata in modo casuale con una dimensione definita dall'utente di 128, 192 o 256 bit. Più grande è
la dimensione della chiave, più tempo sarà necessario per il programma per crittografare gli archivi
memorizzati nel deposito e più sicuri saranno gli archivi.
La chiave di crittografia viene poi crittografata con AES-256 utilizzando un hash SHA-256 della parola
selezionata come chiave. La parola stessa non viene memorizzata in nessun luogo all'interno del
disco; l' hash della parola viene utilizzato a scopo di verifica. Con questa sicurezza a due livelli, gli
archivi sono protetti da ogni accesso non autorizzato, ma non è possibile ripristinare una parola
perduta.
Amministratori del deposito
Gli amministratori del deposito possono eseguire il backup in questo deposito, visualizzare e gestire
qualunque archivio conservato nel deposito. Per impostazione predefinita, il gruppo Administrators
sul nodo di archiviazione viene aggiunto agli amministratori del deposito.
Per aggiungere un gruppo o account utente
1. Immettere i nomi dei gruppi o utenti nei campi separati conformemente ai seguenti schemi:




NomeVisualizzato (esempio: Nome Cognome).
NomeUtente (esempio: Utente1).
[email protected] (esempio: [email protected]).
NomeDominio\NomeOggetto (esempio: Dominio1\Utente1).
2. Una volta immessi i nomi, fare clic su Controlla nomi. Se il nome immesso viene trovato, fare clic
su OK (il pulsante OK è disabilitato fino a quando viene trovato il nome).
Se non viene trovato nessun oggetto, eliminare il nome e immetterne un altro. Se vengono
trovati più oggetti per il nome immesso, selezionarne uno e fare clic su OK, oppure fare clic su
Annulla e specificare un nome diverso.
All'inizio, il software prova a trovare i nomi immessi nell'elenco degli utenti locali e dei gruppi
sulla macchina in cui è installato il nodo di archiviazione. Se non vengono trovati, il software
controlla gli utenti e i gruppi del dominio.
Verrà richiesto di specificare le credenziali dell'account di dominio quando viene immesso un
nome di utente o di gruppo che non è possibile controllare utilizzando l'account di dominio; per
esempio, se si accede utilizzando un account di dominio diverso dal nome di dominio immesso
per la verifica.
199
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Utenti del deposito
Gli utenti del deposito possono visualizzare e gestire solo i propri archivi nel deposito. Un utente
membro del gruppo Administrators in una macchina può inoltre visualizzare e gestire qualunque
archivio creato da tale macchina in un deposito gestito. Per impostazione predefinita, il gruppo
Everyone sul nodo di archiviazione viene aggiunto agli amministratori del deposito.
Per aggiungere un gruppo o account utente
1. Immettere i nomi dei gruppi o utenti nei campi separati conformemente ai seguenti schemi:




NomeVisualizzato (esempio: Nome Cognome).
NomeUtente (esempio: Utente1).
[email protected] (esempio: [email protected]).
NomeDominio\NomeOggetto (esempio: Dominio1\Utente1).
2. Una volta immessi i nomi, fare clic su Controlla nomi. Se il nome immesso viene trovato, fare clic
su OK (il pulsante OK è disabilitato fino a quando viene trovato il nome).
Se non viene trovato nessun oggetto, eliminare il nome e immetterne un altro. Se vengono
trovati più oggetti per il nome immesso, selezionarne uno e fare clic su OK, oppure fare clic su
Annulla e specificare un nome diverso.
All'inizio, il software prova a trovare i nomi immessi nell'elenco degli utenti locali e dei gruppi
sulla macchina in cui è installato il nodo di archiviazione. Se non vengono trovati, il software
controlla gli utenti e i gruppi del dominio.
Verrà richiesto di specificare le credenziali dell'account di dominio quando viene immesso un
nome di utente o di gruppo che non è possibile controllare utilizzando l'account di dominio; per
esempio, se si accede utilizzando un account di dominio diverso dal nome di dominio immesso
per la verifica.
Creazione di un deposito centralizzato non gestito
A differenza dei depositi gestiti centralizzati, i dati dei depositi non gestiti non sono inclusi nel
catalogo dati centralizzato (p. 145). Nonostante ciò, è possibile utilizzare la scheda Visualizzazione
dati di ciascun deposito per esplorarne i dati.
Per creare un deposito centralizzato non gestito, eseguire i seguenti passaggi.
Deposito
Nome
Specificare un nome univoco per il deposito. La creazione di due depositi centralizzati con lo
stesso nome è vietata.
Commenti
Immettere la descrizione distintiva del deposito.
Tipo
Selezionare il tipo Non gestito.
Percorso (p. 201)
Specificare la posizione in cui verrà creato il deposito.
Dopo avere eseguito tutti i passaggi richiesti, fare clic su OK per confermare la creazione del deposito
centralizzato non gestito.
200
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Percorso deposito
Per specificare il percorso in cui verrà creato il deposito non gestito
1. Immettere il percorso completo per la cartella nel campo Percorso oppure selezionare la cartella
desiderata nella struttura delle cartelle. I depositi non gestiti possono essere organizzati:






Su Acronis Cloud Storage.
Su una condivisione di rete (SMB/CIFS).
Su una condivisione Network File System (NFS).
In una rete SAN (Storage Area Network).
In un NAS (Network Attached Storage).
Su server FTP e SFTP.
Come indicato dalla specifica FTP originale, le credenziali necessarie per l'accesso ai server FTP vengono
trasferite in una rete in testo semplice. Ciò implica che il nome utente e la password possono essere
intercettati da utenti malintenzionati con uno sniffer di pacchetti.
Per creare una nuova cartella per il deposito, fare clic su
Crea cartella.
Un deposito può essere creato soltanto in una cartella vuota.
2. Fare clic su OK.
Collegamento di un deposito gestito
Un deposito gestito da un nodo di archiviazione può essere scollegato (p. 194) da tale nodo e
collegato a un altro. Di conseguenza, il vecchio nodo di archiviazione smette di gestire il deposito e il
nuovo inizia a gestire il deposito. Potrebbe essere necessario effettuare tale operazione quando si
ritira l'hardware del nodo di archiviazione, quando il nodo di archiviazione è perso o quando si
reinstalla un nodo di archiviazione.
Se il vecchio nodo di archiviazione non è disponibile, rimuoverlo (p. 238) dal server di gestione prima
di collegare i suoi depositi a un nuovo nodo di archiviazione.
Nota: I depositi personali, non gestiti centralizzati e basati su nastro non possono essere collegati.
Prima del collegamento
Database del catalogo
Si raccomanda di spostare il database di catalogo del deposito dal vecchio nodo di archiviazione a
quello nuovo. In caso contrario, sarà necessario eseguire di nuovo il catalogo del deposito,
operazione che potrebbe richiedere molto tempo.
Il database di catalogo del deposito è un insieme di file situati nella cartella il cui nome è lo stesso del
GUID del deposito. Non cambiare il nome della cartella durante lo spostamento. Per scoprire il GUID
di un deposito scollegato in maniera appropriata, individuare il file denominato <vault
GUID>_L.FDB nella cartella del deposito.
La posizione predefinita dei database di catalogo su un nodo di archiviazione è la seguente:

In Windows XP e Server 2003: %ALLUSERSPROFILE%\Application
Data\Acronis\BackupAndRecovery\ASN\Catalog.

In Windows Vista e versioni successive di
Windows: %PROGRAMDATA%\Acronis\BackupAndRecovery\ASN\Catalog.
Database di deduplicazione
201
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Se è in corso la deduplicazione del deposito, si raccomanda di spostare il database di deduplicazione
dal vecchio nodo di archiviazione a quello nuovo. In caso contrario il software ricreerà
automaticamente il database di deduplicazione, operazione che potrebbe richiedere molto tempo.
Per informazioni riguardo alla posizione consigliata per il database di deduplicazione, vedere "Best
practice per la deduplicazione" (p. 251).
Il database di deduplicazione è composto da diversi file denominati <vault GUID>_u.*. Per
scoprire il GUID di un deposito scollegato in maniera appropriata, individuare il file denominato
<vault GUID>_L.FDB nella cartella del deposito.
Database del deposito
Il database del deposito contiene i metadati di tutti gli archivi conservati nel deposito. Di solito,
quando si scollega un deposito dal nodo di archiviazione, il database del deposito viene spostato
dalla posizione predefinita al deposito in fase di scollegamento. Mentre si collega il deposito, il
software cerca il database nel deposito. Se viene trovato, il database del deposito viene spostato
automaticamente nella posizione predefinita sul nodo di archiviazione a cui viene collegato il
deposito. Se non è possibile trovare il database nel deposito, l'utente sarà invitato a specificare
manualmente il percorso del database.
La posizione predefinita di un database di deposito su un nodo di archiviazione è la seguente:

In Windows XP e Server 2003: %ALLUSERSPROFILE%\Application
Data\Acronis\BackupAndRecovery\ASN\VaultMetadataDatabases.

In Windows Vista e versioni successive di
Windows: %PROGRAMDATA%\Acronis\BackupAndRecovery\ASN\VaultMetadataDatabases.
Per collegare un deposito gestito a un nodo di archiviazione, effettuare i seguenti passaggi.
Deposito
Nodo di archiviazione
Selezionare il nodo di archiviazione che gestirà il deposito.
Percorso
Specificare il percorso per il deposito scollegato.
Database del deposito
Specificare la posizione del database del deposito. Questa sezione viene visualizzata solo se il
nodo di archiviazione non rileva il database all'interno del deposito.
Se viene trovato nella cartella specificata dall'utente, il database viene spostato nella
posizione predefinita sul nodo di archiviazione a cui viene collegato il deposito. In caso
contrario, il nuovo nodo di archiviazione recupererà i metadati e ricreerà il database nella
posizione predefinita menzionata in precedenza.
Database di deduplicazione
Specificare la cartella in cui si trova il database di deduplicazione del deposito. Se non è
reperibile nella cartella specificata, il database verrà ricreato al suo interno.
Se il database è archiviato nella cartella del deposito, il percorso del database viene
compilato automaticamente.
Database del catalogo
Specificare la cartella in cui si trova il database di catalogo del deposito. (Ad esmepio, se il
percorso del database di catalogo del deposito è
E:\catalog_db\AAAAAAAA-BBBB-CCCC-DDDD-EEEEEEEEEEEE, specificare E:\catalog_db.) Se
202
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
il database del catalogo non viene trovato nella cartella specificata dall'utente, il deposito
collegato verrà considerato come non catalogato.
Password
Per il deposito crittografato, fornire la password di crittografia.
Dopo avere eseguito tutti i passaggi richiesti, fare clic su OK per confermare il collegamento del
deposito.
7.1.3
Depositi personali
Un deposito viene definito personale se è stato creato utilizzando il collegamento diretto della
console ad una macchina virtuale. I depositi personali sono specifici per ciascuna macchina gestita. I
depositi personali sono visibili a qualsiasi utente che possa accedere al sistema. Il diritto di un utente
al backup di un deposito personale viene definito dalle autorizzazioni dell'utente per la cartella o la
periferica in cui è posizionato il deposito.
Un deposito personale può essere organizzato su una condivisione di rete, un server FTP, un
supporto separabile o rimovibile, Acronis Cloud Storage, in una periferica a nastro o in un disco rigido
locale collegato alla macchina. Acronis Secure Zone viene considerata come un deposito personale
disponibile per tutti gli utenti che possono accedere al sistema. I depositi personali vengono creato
automaticamente quando si esegue il backup di una delle posizioni indicate precedentemente.
I depositi possono essere utilizzati dai piani di backup locali o da attività locali. I piani di backup
centralizzati non possono utilizzare depositi personali ad eccezione di Acronis Secure Zone.
Condivisione di un deposito personale
Più macchine possono fare riferimento alla stessa posizione fisica; per esempio, alla stessa cartella
condivisa. Tuttavia, ciascuna delle macchina dispone del proprio collegamento alla struttura Depositi.
Gli utenti che eseguono il backup su una cartella condivisa possono visualizzare e gestire gli archivi
degli altri utenti in base alle autorizzazioni di accesso relative a quella cartella. Per facilitare
l'identificazione degli archivi, la visualizzazione Deposito personale presenta la colonna Proprietario
che visualizza il proprietario di ciascun archivio. Per ulteriori informazioni sul concetto di proprietario,
consultare Proprietari e credenziali (p. 36).
Metadati
La cartella .meta viene creata durante il backup in ogni deposito personale. Questa cartella contiene
informazioni aggiuntive sugli archivi e i backup conservati nel deposito, ad esempio i proprietari di
archivi o il nome della macchina. Se la cartella .meta viene eliminata per errore, verrà ricreata
automaticamente al successivo accesso al deposito. Tuttavia alcune informazioni, come i nomi dei
proprietari e i nomi delle macchine, potrebbero andare perdute.
7.1.3.1
Azioni sui depositi personali
Per accedere alle azioni
1. Connettere la console alla macchina gestita.
2. Nel riquadro Navigazione, fare clic su Depositi > Personali.
Tutte le operazioni descritte di seguito vengono eseguite facendo clic sui pulsanti corrispondenti
della barra degli strumenti dei depositi. È possibile accedere a queste operazioni anche dall'elemento
Azioni [Nome deposito] nel menu principale.
Le seguenti linee guida consentono di eseguire delle operazioni con i depositi personali.
203
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
A
Azione
Creare un deposito
personale
Fare clic su
Modificare un
deposito
1. Selezionare il deposito.
Crea.
La procedura di creazione di depositi personali viene descritta in modo
approfondito nella sezione Creazione di un deposito personale (p. 204).
2. Fare clic su
Modifica.
Nella pagina Modifica deposito personale è possibile modificare il nome del
deposito e le informazioni nel campo Commenti.
Modificare l'account
utente per l'accesso a
un deposito
Fare clic su
Creare Acronis Secure
Zone
Fare clic su
Esplorare il contenuto
di un deposito
Fare clic su
Convalidare un
deposito
Fare clic su
Eliminare un deposito
Fare clic su
Modifica utente.
Nella finestra di dialogo visualizzata, fornire le credenziali richieste per accedere al
deposito.
Crea Acronis Secure Zone.
La procedura di creazione di Acronis Secure Zone viene descritta in modo
approfondito nella sezione Creazione di Acronis Secure Zone (p. 207).
Esplora.
Nella finestra Explorer che viene visualizzata, esaminare il contenuto del deposito
selezionato.
Convalida.
Si verrà indirizzati alla pagina Convalida (p. 257), dove questo deposito è già
preselezionato come origine. La convalida del deposito consente la verifica di tutti
gli archivi conservati nel relativo deposito.
Elimina.
L'operazione di eliminazione effettivamente rimuove soltanto un collegamento alla
cartella dalla visualizzazione Depositi. La cartella stessa resta intatta. L'utente
dispone dell'opzione di mantenere o eliminare gli archivi contenuti nella cartella.
Aggiornare le
informazioni della
tabella del deposito
Fare clic su
Aggiorna.
Durante la revisione del contenuto del deposito, è possibile aggiungere, eliminare o
modificare degli archivi al deposito. Fare clic su Aggiorna per aggiornare le
informazioni sul deposito con le modifiche più recenti.
Creazione di un deposito personale
Per creare un deposito personale
1. Nel campo Nome, digitare il nome per il deposito da creare.
2. [Facoltativo] Nel campo Commenti, aggiungere una descrizione del deposito.
3. Fare clic su Percorso e specificare il percorso della cartella che verrà utilizzata come deposito. Un
deposito personale può essere posizionato in una condivisione di rete, un server FTP, un
supporto rimovibile, Acronis Cloud Storage, in una periferica a nastro o in un disco rigido locale
collegato alla macchina.
4. [Facoltativo] Se il deposito viene creato su una periferica a nastro:
a. Fare clic su Unità per specificare le periferiche a nastro da utilizzare quando si esegue il
backup nel deposito. Per impostazione predefinita, verranno utilizzate tutte le unità
204
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
disponibili. Fare clic su Utilizza solo le seguenti unità e selezionare o deselezionare le caselle
di controllo richieste;
b. Fare clic su Pool di nastri e specificare il pool i cui nastri verranno utilizzati dal deposito. Per
impostazione predefinita, è selezionato il pool Acronis.
5. Fare clic su OK. Di conseguenza, il deposito creato viene visualizzato nel gruppo Personale della
struttura depositi.
Unione e spostamento dei depositi personali
Cosa accade se è necessario per spostare il deposito esistente da una posizione a
un'altra?
Procedere come segue
1. Accertarsi che nessuno dei piani di backup utilizzi il deposito esistente durante lo spostamento
dei file oppure disabilitare temporaneamente le pianificazioni dei piani. Consultare Azioni su
attività e piani di backup centralizzati (p. 348).
2. Spostare la cartella del deposito con tutto il suo contenuto in una nuova posizione manualmente
mediante un file manager di terzi.
3. Creare un nuovo deposito.
4. Modificare le attività e i piani di backup: reindirizzare la relativa destinazione nel nuovo deposito.
5. Eliminare il deposito precedente.
In quale modo è possibile unire due depositi?
Supporre di disporre di due depositi, A e B in uso. Entrambi i depositi sono utilizzati da piani di
backup. Si decide di lasciare soltanto il deposito B, spostandovi tutti gli archivi del deposito A.
Per effettuare tale operazione, procedere come segue
1. Assicurarsi che nessuno dei piani di backup utilizzi il deposito A durante la fusione, o disabilitare i
piani indicati. Consultare Azioni su attività e piani di backup centralizzati (p. 348).
2. Spostare manualmente il contenuto della cartella del deposito A nel deposito B tramite un file
manager di terze parti.
3. Modificare i piani di backup che utilizzano il deposito A: reindirizzare la relativa destinazione nel
deposito B.
4. Nella struttura depositi, selezionare il deposito B per verificare se gli archivi vengono visualizzati.
In caso contrario, fare clic su Aggiorna.
5. Eliminare il deposito A.
7.1.4
Modifica della cartella cache predefinita per il catalogo dei
file
I file del catalogo normalmente vengono archiviati nei depositi. Quando si lavora con i file del
catalogo, Acronis Backup li può salvare in una cartella locale in una macchina gestita o in un server di
gestione. Questo si verifica nei seguenti casi:

Quando un agente esegue la catalogazione dei dati del backup in un deposito non gestito.
L'agente crea o aggiorna il catalogo localmente e quindi lo copia nel deposito.

Quando si archiviano i backup in una periferica a nastro. Poiché il nastro presenta una latenza
lunga per l'accesso casuale, il catalogo di un deposito basato su nastri vi è sempre archiviato sulla
macchina a cui è collegata la periferica a nastro.
205
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Quando si sfogliano i dati di cui è stato eseguito il backup in un server FTP nella scheda
Visualizzazione dati. Durante la sessione di esplorazione, Acronis Backup conserva una copia
completa del catalogo dei dati da un server FTP in una macchina gestita o in un server di gestione.
Questa operazione viene eseguita per ottenere un accesso rapido ai dati del catalogo.
Per impostazione predefinita, una cartella di cache si trova sul disco in cui è installato il sistema
operativo. L'archiviazione di più file del catalogo in questa posizione potrebbe provocare la mancanza
di spazio disponibile sul disco. Per questo, potrebbe essere necessario cambiare il percorso della
cartella.
Cambiare la cartella cache predefinita
Per eseguire questa operazione, aggiungere un parametro speciale al registro di sistema di Windows
o modificare la configurazione del file MMS.config in Linux.
Se la cartella specificata non esiste, Acronis Backup La creerà automaticamente alla creazione o alla
copia successiva dei file del catalogo. Se si archiviano i backup in una periferica a nastro, creare la
cartella in anticipo per non dover catalogare nuovamente i dati.
Per specificare una nuova cartella della cache in Windows:
1. Aggiungere la chiave del Catalogo alla seguente chiave di registro:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Acronis\AMS\Configuration (in un server di gestione) o
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Acronis\MMS\Configuration (in una macchina gestita).
2. Aggiungere il valore della stringa CatalogDir.
3. Specificare un nuovo percorso della cartella nel valore della stringa CatalogDir. Il percorso deve
terminare con un segno di barra rovesciata (/) e può avere una lunghezza di 32.765 caratteri.
Per specificare una nuova cartella della cache in Linux:
Aggiungere il seguente elemento all'interno della scheda Configuration in
/etc/Acronis/MMS.config:
<key name="Catalog">
<value name="CatalogDir" type="TString">"/home/Catalog/"</value>
</key>
Quindi il file di configurazione avrà il seguente aspetto:
<?xml version="1.0" encoding="UTF-8" ?>
<registry name="MMS">
<key name="Configuration">
...
<key name="Catalog">
<value name="CatalogDir" type="TString">"/home/Catalog/"</value>
</key>
</key>
</registry>
Dove /home/Catalog/ è un nuovo percorso della cartella. Il percorso deve terminare con un
segno di barra (/) e può avere una lunghezza di 32.765 caratteri.
Spostamento dei file del catalogo
Dopo aver modificato una cartella della cache, Acronis Backup non sposta i file del catalogo in una
nuova cartella e non rimuove la vecchia cartella.
Se i backup vengono archiviati in una periferica a nastro, spostare i file del catalogo nella nuova
posizione per non dover catalogare nuovamente i dati. Altrimenti, è possibile consentire ad Acronis
Backup di creare o copiare i file del catalogo dall'inizio.
206
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Inoltre è possibile eliminare la cartella vecchia. Il percorso predefinito della cartella della cache è il
seguente:

In Windows XP e Server 2003: %ALLUSERSPROFILE%\Application
Data\Acronis\AMS\AMS\Catalog (su un server di gestione) o %ALLUSERSPROFILE%\Application
Data\Acronis\BackupAndRecovery\MMS\Catalog (su una macchina gestita).

In Windows Vista e versioni successive di
Windows: %PROGRAMDATA%\Acronis\AMS\AMS\Catalog (su un server di gestione)
o %PROGRAMDATA%\Acronis\BackupAndRecovery\MMS\Catalog (su una macchina gestita).

In Linux: /var/lib/Acronis/BackupAndRecovery/MMS/Catalog/
7.2
Acronis Secure Zone
Acronis Secure Zone è una partizione sicura che consente di conservare gli archivi di backup nello
spazio del disco di una macchina gestita e di conseguenza di ripristinare un disco nello stesso disco in
cui si trova il backup.
Se nel disco si dovesse verificare un guasto fisico, la zona e gli archivi che essa contiene andrebbero
persi. È necessario pertanto che Acronis Secure Zone non sia l'unica posizione in cui un backup viene
archiviato. In ambienti aziendali, Acronis Secure Zone può essere considerata una posizione
intermedia in cui conservare i backup quando una posizione normalmente utilizzata non è
temporaneamente disponibile o è connessa tramite un canale lento o saturo.
Vantaggi
Acronis Secure Zone:


Consente di ripristinare un disco nello stesso disco in cui risiede il backup.

Poiché si tratta di uno spazio di archiviazione interno, elimina la necessità di disporre di un
supporto separato o di una connessione di rete per il backup o il ripristino dei dati. Questa
caratteristica è particolarmente utile per gli utenti che viaggiano.

Può fungere da destinazione principale quando viene utilizzata la replica dei backup (p. 105).
costituisce un metodo pratico ed economico per proteggere i dati da malfunzionamenti software,
attacchi di virus ed errori degli operatori.
Limitazioni

Non è possibile organizzare Acronis Secure Zone su un disco dinamico.
7.2.1
Creazione di Acronis Secure Zone
È possibile creare Acronis Secure Zone mentre il sistema operativo è in esecuzione oppure utilizzando
supporti di avvio.
Per creare Acronis Secure Zone, eseguire la procedura seguente.
Posizione e dimensioni
Disco (p. 208)
Scegliere un disco rigido (se vi sono più dischi rigidi) in cui creare la zona. Acronis Secure
Zone viene creata nello spazio non allocato, se disponibile, oppure nello spazio libero del
volume.
Dimensione (p. 208)
207
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Specificare la dimensione esatta della zona. Lo spostamento o il ridimensionamento di
volumi bloccati, ad esempio il volume contenente il sistema operativo al momento attivo,
richiede il riavvio.
Sicurezza
Password (p. 208)
[Facoltativo] Proteggere Acronis Secure Zone da accessi non autorizzati con una password. La
password viene richiesta ogni volta che si esegue un'operazione relativa alla zona.
Una volta configurate le impostazioni necessarie, fare clic su OK. Nella finestra Conferma risultato (p.
209) rivedere il layout previsto e fare clic su OK per avviare la creazione della zona.
7.2.1.1
Acronis Secure Zone Disk
Acronis Secure Zone può essere posizionata su qualsiasi disco rigido fisso. Acronis Secure Zone viene
sempre creata alla fine del disco rigido. Una macchina può disporre di una sola Acronis Secure Zone.
Acronis Secure Zone viene creata utilizzando lo spazio non allocato, se disponibile, oppure lo spazio
disponibile del volume.
Non è possibile organizzare Acronis Secure Zone in un disco dinamico.
Per allocare spazio per Acronis Secure Zone
1. Scegliere un disco rigido (se vi sono più dischi rigidi) in cui creare la zona. Per impostazione
predefinita viene selezionato lo spazio non allocato e lo spazio disponibile di tutti i volumi del
primo disco numerato. Il programma visualizza lo spazio totale disponibile per Acronis Secure
Zone.
2. Se è necessario allocare altro spazio per la zona, è possibile selezionare volumi da cui è possibile
ricavare spazio libero. Il programma visualizza di nuovo lo spazio totale disponibile per Acronis
Secure Zone a seconda della selezione. Sarà possibile configurare le dimensioni esatte della zona
nella finestra Dimensioni di Acronis Secure Zone (p. 208).
3. Fare clic su OK.
7.2.1.2
Dimensione Acronis Secure Zone
Immettere le dimensioni di Acronis Secure Zone o trascinare il dispositivo di scorrimento per
selezionare una dimensione qualsiasi fra quella minima e quella massima. La dimensione minima è
circa 50 MB, a seconda della geometria del disco rigido. La dimensione massima è uguale allo spazio
del disco non allocato a cui si aggiunge lo spazio libero totale in tutti i volumi selezionati nel passo
precedente.
Se è necessario acquisire spazio dal volume di avvio o dal volume di sistema, tenere presente quanto
segue:

Lo spostamento o il ridimensionamento del volume da cui si è avviato il sistema richiederà un
riavvio.

L'acquisizione di tutto lo spazio libero da un volume di sistema può causare instabilità nel
funzionamento del sistema operativo, che potrebbe anche non avviarsi. Non impostare la
dimensione massima della zona se è selezionato il volume di avvio o il volume di sistema.
7.2.1.3
Password per Acronis Secure Zone
L'impostazione di una password consente di proteggere Acronis Secure Zone da accessi non
autorizzati. La password verrà richiesta per eseguire qualsiasi operazione relativa alla zona e agli
208
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
archivi che contiene, ad esempio backup e ripristino dei dati, convalida degli archivi,
ridimensionamento ed eliminazione della zona.
Per impostare una password
1.
2.
3.
4.
Scegliere Utilizza password.
Nel campo Immettere la password, immettere una nuova password.
Nel campo Confermare la password, immettere nuovamente la password.
Fare clic su OK.
Per disabilitare la password
1. Scegliere Non utilizzare.
2. Fare clic su OK.
7.2.1.4
Conferma dei risultati
La finestra Conferma dei risultati mostra il layout della partizione previsto in base alle impostazioni
scelte dall'utente. Se il layout è quello desiderato, fare clic su OK. Verrà avviata la creazione di
Acronis Secure Zone.
Modalità con cui verranno elaborate le impostazioni dell'utente
Di seguito viene illustrato il modo in cui la creazione di Acronis Secure Zone determina la
trasformazione di un disco in cui sono contenuti più volumi.

Acronis Secure Zone viene sempre creata alla fine del disco rigido. Nel calcolo del layout finale
dei volumi, il programma utilizzerà prima lo spazio non allocato finale.

In mancanza di spazio o di spazio sufficiente non allocato alla fine del disco e nel caso in cui esista
spazio non allocato tra i volumi, questi verranno spostati per aggiungere altro spazio non allocato
alla fine.

Una volta raccolto tutto lo spazio non allocato, se questo non è sufficiente, il programma
sfrutterà lo spazio libero dai volumi selezionati, riducendone proporzionalmente le dimensioni. Il
ridimensionamento di volumi bloccati richiede un riavvio.

Lo spazio libero in un volume, tuttavia, dovrebbe consentire il funzionamento del sistema
operativo e delle applicazioni, per la creazione, ad esempio, di file temporanei. Il programma non
ridurrà un volume in cui lo spazio libero sia o diventi inferiore al 25% della dimensione totale del
volume. Solo quando tutti i volumi sul disco avranno il 25% di spazio libero o meno, il programma
proseguirà con la riduzione dei volumi in maniera proporzionale.
In base a quanto sopra indicato, appare evidente che l'impostazione della dimensione massima
possibile della zona non è consigliabile. L'assenza di spazio libero in un volume potrebbe causare
instabilità del sistema operativo o delle applicazioni, che potrebbero perfino non avviarsi.
7.2.2
Gestione di Acronis Secure Zone
Acronis Secure Zone viene considerata un deposito (p. 448) personale. Una volta creata una zona in
una macchina gestita, tale zona è sempre presente nell'elenco di Depositi personali. I piani di backup
centralizzati possono usare Acronis Secure Zone come i piani locali.
Tutte le operazioni di gestione degli archivi disponibili nei depositi sono applicabili anche ad Acronis
Secure Zone. Per ulteriori informazioni sulle operazioni di gestione degli archivi, consultare
Operazioni con archivi e backup (p. 270).
209
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
7.2.2.1
Aumento di Acronis Secure Zone
Per aumentare Acronis Secure Zone
1. Nella pagina Gestisci Acronis Secure Zone fare clic su Aumenta.
2. Selezionare i volumi il cui spazio libero verrà utilizzato per aumentare Acronis Secure Zone.
3. Specificare la nuova dimensione della zona utilizzando i seguenti metodi:

trascinando la barra di scorrimento e selezionando una dimensione compresa tra il valore
corrente e quello massimo. La dimensione massima è pari allo spazio non allocato del disco
più lo spazio libero totale di tutte le partizioni selezionate;

digitando un valore esatto nel campo Dimensioni di Acronis Secure Zone.
Incrementando la dimensione della zona, il funzionamento del programma sarà il seguente:

utilizzerà prima lo spazio non allocato. I volumi verranno spostati, se necessario, ma non
ridimensionati. Lo spostamento di volumi bloccati richiede un riavvio.

Se lo spazio non allocato non è sufficiente, il programma utilizzerà spazio libero dai volumi
selezionati, riducendo proporzionalmente la dimensione del volume. Il ridimensionamento di
partizioni bloccate richiede un riavvio.
La riduzione di un volume di sistema alla dimensione minima potrebbe impedire l'avvio del sistema
operativo della macchina.
4. Fare clic su OK.
7.2.2.2
Riduzione di Acronis Secure Zone
Per ridurre Acronis Secure Zone
1. Nella pagina Gestione di Acronis Secure Zone, fare clic su Riduci.
2. Selezionare i volumi che riceveranno lo spazio disponibile dopo la riduzione della zona.
Se vengono selezionati diversi volumi, lo spazio sarà distribuito in ogni partizione in modo
proporzionale. Se non si seleziona alcun volume, lo spazio liberato diventa non allocato.
3. Specificare la nuova dimensione della zona utilizzando i seguenti metodi:

trascinando la barra di scorrimento e selezionando una dimensione compresa tra il valore
corrente e quello minimo. La dimensione minima è circa 50 MB, a seconda della geometria
del disco rigido;

digitando un valore esatto nel campo Dimensioni di Acronis Secure Zone.
4. Fare clic su OK.
7.2.2.3
Eliminazione di Acronis Secure Zone
Per eliminare Acronis Secure Zone:
1. Nella pagina Gestione di Acronis Secure Zone, fare clic su Elimina.
2. Nella finestra Eliminazione di Acronis Secure Zone selezionare i volumi a cui si desidera
aggiungere lo spazio liberato dalla zona, quindi fare clic su OK.
Se vengono selezionati diversi volumi, lo spazio sarà distribuito in ogni partizione in modo
proporzionale. Se non si seleziona alcun volume, lo spazio liberato diventa non allocato.
Dopo aver fatto clic su OK, Acronis Backup avvierà l'eliminazione della zona.
7.3
Periferiche rimovibili
Questa sezione descrive le peculiarità del backup delle periferiche rimovibili.
210
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Con periferica rimovibile si indica un'unità RDX o un'unità flash USB. Un disco rigido USB non è
considerata una periferica rimovibile se non viene riconosciuto come tale dal sistema operativo.
In Linux, un'unità RDX o un'unità flash USB è considerata una periferica rimovibile se viene specificata
in base al suo nome (per esempio, sdf:/). Se una periferica viene specificata in base al suo punto di
mount (per esempio, /mnt/backup), essa si comporta come unità fissa.
Il metodo di lavoro con le librerie di dischi rimovibili (periferiche multi-cartridge) dipende dal tipo,
dalla marca e della configurazione della periferica. Per questo, ogni caso deve essere considerato
singolarmente.
Depositi su periferiche rimovibili
Prima di eseguire il backup di una macchina in una periferica rimovibile, è possibile creare un
deposito personale (p. 204). Se non si desidera eseguire questa operazione, il software creerà
automaticamente un deposito personale nella cartella dell'unità selezionata per il backup.
Limitazioni


Non è possibile creare depositi personali nelle periferiche rimovibili.
I depositi creati su periferiche rimovibili non dispongono della scheda Visualizzazione dati (p.
145).
Utilizzo delle modalità delle periferiche rimovibili
Quando si crea un piano di backup, è possibile scegliere se utilizzare la periferica rimovibile come
disco rigido o supporto rimovibile. La modalità Unità fissa presuppone che la periferica rimovibile
sarà sempre collegata alla macchina. La modalità Supporto rimovibile è selezionata per impostazione
predefinita.
Quando si esegue backup utilizzando la funzionalità Esegui backup adesso oltre al supporto di avvio,
la periferica rimovibile viene sempre utilizzate in modalità Supporto rimovibile.
Quando si esegue il backup utilizzando l'Agente per Exchange, l'Agente per VMware (Windows) o
l'Agente per Hyper-V, la periferica rimovibile è sempre utilizzata in modalità Unità fissa.
La differenza tra le due modalità riguarda principalmente la conservazione e la replica dei backup.
Funzionalità
Unità fissa
Supporto rimovibile
Se lo spazio per continuare l'esecuzione del backup non è
sufficiente, il software richiederà di...
...liberare spazio del
disco manualmente.
...inserire un nuovo
supporto.
È possibile impostare le regole di conservazione (p. 105)
per i backup archiviati nella periferica.
Sì
No
È possibile configurare l'opzione per pulire l'archivio
"Quando lo spazio per il backup non è sufficiente"
all'interno dello schema di backup Personalizzato (p. 73).
Sì
No
La Denominazione semplificata (p. 82) dei file di backup... ...non è disponibile.
...è utilizzata sempre.
È possibile replicare i backup (p. 105) nella periferica
rimovibile.
Sì
No
È possibile replicare i backup dalla periferica rimovibile.
No
No
211
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Funzionalità
Unità fissa
Supporto rimovibile
È possibile creare un archivio con più backup completi.
Sì
No. Prima di creare un
nuovo backup
completo, il software
eliminerà l'intero
archivio e ne avvierà
uno nuovo.
È possibile eliminare qualunque backup di qualunque
archivio.
Sì
No. È possibile
eliminare solo un
backup da cui non
dipendono altri backup.
Poiché la modalità periferica rimovibile determina lo schema di denominazione per i file di backup, la
casella di controllo Nomina i file di backup utilizzando il nome dell'archivio... non viene visualizzata
quando la destinazione del backup è una periferica rimovibile.
7.4
Periferiche a nastro
Le seguenti sezioni descrivono dettagliatamente come utilizzare le periferiche a nastro per la
conservazione degli archivi di backup.
È possibile lavorare con periferiche a nastro solo se si dispone di Acronis Backup Advanced.
7.4.1
Cos'è una periferica a nastro?
Con il termine generico periferica a nastro si indica una libreria a nastro o una periferica a nastro
autonoma.
Una libreria a nastro (libreria robotica) è una periferica di archiviazione a capacità elevata che
contiene:



una o più unità nastro
diversi (fino a diverse migliaia) slot per conservare i nastri
uno o più scambiatori (meccanismi robotici) che hanno lo scopo di spostare i nastri tra gli slot e le
periferiche a nastro.
Può contenere anche altri componenti come lettori di codici a barre o stampanti di codici a barre.
Un caricatore automatico è un caso particolare di libreria a nastro. Contiene una periferica, diversi
slot, uno scambiatore e un lettore di codice a barre (opzionale).
Una periferica a nastro autonoma (chiamata anche gestore di flusso) contiene uno slot e può
conservare solo un nastro alla volta.
7.4.2
Panoramica del supporto nastri
Gli agenti di Acronis Backup possono eseguire il backup dei dati in una periferica a nastro
direttamente o tramite Acronis Backup Storage Node (p. 19). In ogni caso, è garantito il
funzionamento completamente automatico della periferica a nastro. Quando una periferica a nastro
con più unità è collegata a un nodo di archiviazione, macchine diverse possono eseguire
simultaneamente il backup sui nastri.
212
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
7.4.2.1
Compatibilità con RSM e software di terze parti
Coesistenza con software di terze parti
Acronis Backup non è in grado di funzionare con nastri su una macchina in cui è installato software
di terze parti con strumenti di gestione dei nastri di terze parti. Affinché Acronis Backup utilizzi i
nastri su tale macchina, è necessario disinstallare o disattivare il software di gestione dei nastri di
terze parti.
Interazione con RSM
A differenza di Acronis Backup & Recovery 10, Acronis Backup non utilizza Windows Removable
Storage Manager. Durante un aggiornamento da Acronis Backup & Recovery 10, Acronis Backup
scrive le informazioni necessarie da RSM al proprio database nel nuovo formato.
Quando rileva una periferica a nastro (p. 221), Acronis Backup disabilita la periferica da RSM (se non
è utilizzando da altro software). Quando si vuole che Acronis Backup lavori con la periferica a nastro,
assicurarsi che né l'utente né software di terze parti abilitino la periferica in RSM. Se la periferica a
nastro è stata abilitata in RSM, ripetere il rilevamento della periferica a nastro.
7.4.2.2
Hardware supportato
Acronis Backup supporta le periferiche SCSI esterne. Sono periferiche connesse tramite Fibre Channel
o utilizzando le interfacce SCSI, iSCSI, Serial Attached SCSI (SAS). Inoltre, Acronis Backup supporta
periferiche a nastro connesso tramite USB.
In Windows, Acronis Backup è in grado di eseguire il backup di una periferica a nastro anche se i
driver del commutatore delle periferiche non sono installati. La periferica a nastro è visualizzata in
Gestione dispositivi come Commutatore sconosciuto. Tuttavia, è necessario installare i driver del
commutatore delle periferiche. In Linux e dal supporto di avvio, non è possibile eseguire il backup in
una periferica nastro senza driver.
Il riconoscimento di periferiche connesse tramite IDE o SATA non è garantito. Dipende
dall'installazione dei driver adatti nel sistema operativo.
7.4.2.3
Database di gestione dei nastri
Acronis Backup archivia le informazioni su tutte le periferiche a nastro collegate a una macchina nel
database di gestione dei nastri. Il percorso del database predefinito è il seguente:

In Windows XP/Server 2003: %ALLUSERSPROFILE%\Application
Data\Acronis\BackupAndRecovery\ARSM\Database.

In Windows Vista e versioni successive di
Windows: %PROGRAMDATA%\Acronis\BackupAndRecovery\ARSM\Database.

In Linux: /var/lib/Acronis/BackupAndRecovery/ARSM/Database.
Le dimensioni del database dipendono dal numero di archivi conservati sui nastri e sono pari a circa
10 MB per cento archivi. Il database può essere di grandi dimensioni se la libreria a nastro contiene
migliaia di archivi. In questo caso, è possibile archiviare il database su nastro in un volume diverso.
Per riposizionare il database in Windows:
1. Terminare il servizio Acronis Removable Storage Management.
2. Spostare tutti i file dalla posizione predefinita alla nuova posizione.
3. Aggiungere la chiave di registro descritta di seguito. Specificare il percorso della nuova posizione
nel valore del registro di sistema ArsmDmlDbProtocol.
213
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Chiave di registro: HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Acronis\ARSM\Settings
Valore di registro: ArsmDmlDbProtocol
Valori possibili dei dati: qualunque stringa di lunghezza compresa tra 0 e 32765 caratteri.
Descrizione: specifica la cartella in cui è archiviato il database di gestione.
4. Avviare il servizio Acronis Removable Storage Management.
Per riposizionare il database in Linux:
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
Terminare il servizio acronis_rsm.
Spostare tutti i file dalla posizione predefinita alla nuova posizione.
Aprire il file di configurazione /etc/Acronis/ARSM.config in un editor di testo.
Individuare la riga <value name="ArsmDmlDbProtocol" type="TString">.
Modificare il percorso sotto questa riga.
Salvare il file.
Avviare il servizio acronis_rsm.
7.4.2.4
Peculiarità del backup su nastri
Opzioni di backup
È possibile configurare le opzioni di backup Gestione nastri (p. 134) per stabilire:



Quando espellere un nastro.


Se utilizzare un set di nastri separato per il backup di ogni macchina.
se utilizzare un nastro disponibile per ogni backup completo, incrementale o differenziale.
Se sovrascrivere un nastro quando si crea un backup completo (for solo per periferiche a nastro
autonome).
Se abilitare il ripristino di file da backup a livello del disco archiviati su nastri.
Schemi di backup
Schema semplice
Quando si utilizza lo Schema di backup semplice (p. 69), è possibile creare solo backup completi sui
nastri. Ciò si verifica perché i backup posizionati sui nastri non possono essere consolidati (p. 447). Se
è stata utilizzata l'opzione di creazione di backup incrementali, non sarà possibile eliminare i backup.
Schemi Grandfather-Father-Son e Torre di Hanoi
Per impostazione predefinita, gli schemi di backup Grandfather-Father-Son (p. 69) e Torre di Hanoi (p.
76) creano solo backup completi sui nastri. Ciò aiuta il software a eliminare ogni backup
puntualmente come definito dallo schema di backup.
Potrebbe essere necessario modificare le impostazioni predefinite per creare backup completi,
incrementali e differenziali. Per esempio, se si dispone di nuovi nastri, ma i backup completi sono di
grandi dimensioni, potrebbe essere necessario risparmiare spazio sui nastri.
Ogni livello degli schemi summenzionati utilizza un set di nastri separato all'interno dello stesso pool
di nastri. Ciò significa che il software è in grado di utilizzare solo un nastro che appartiene a un certo
set di nastri o un nastro disponibile (quando lo spazio è insufficiente sul nastro corrente). Ciò aiuta a
ridurre al minimo la quantità di nastri utilizzati, poiché i nastri con backup incrementali e differenziali
vengono riempiti e riscritti più spesso dei nastri con backup completi.
Schema personalizzato
214
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Impostare lo schema personalizzato in modo che crei backup completi con una frequenza
ragionevole. Altrimenti, se si specificano le regole di conservazione, il software non sarà in grado di
sovrascrivere i nastri in modo appropriato.
Nelle regole di conservazione dello Schema di backup personalizzato (p. 73), l'opzione Se un backup
da spostare o eliminare ha dipendenze: Consolida questi backup è disabilitata. È disponibile solo
l'opzione Il backup viene conservato fino all'eliminazione di tutti i backup dipendenti. Ciò si verifica
perché i backup posizionati sui nastri non possono essere consolidati (p. 447).
7.4.2.5
Operazioni parallele
Acronis Backup è in grado di eseguire simultaneamente operazioni con diversi componenti di una
periferica a nastro. Durante un'operazione che utilizza una periferica (backup, ripristino, nuova
analisi (p. 226) o cancellazione (p. 225)), è possibile avviare un'operazione che utilizza uno
scambiatore (spostamento (p. 225) di un nastro in un altro slot o espulsione (p. 225) di un nastro) e
viceversa. Se la libreria a nastro dispone di più di una periferica, è inoltre possibile avviare
un'operazione che utilizza una delle unità durante un'operazione con un'altra unità. Per esempio, più
macchine possono eseguire simultaneamente il backup o il ripristino utilizzando unità diverse della
stessa libreria a nastro.
L'operazione di rilevamento delle nuove periferiche a nastro (p. 221) può essere eseguita
simultaneamente a qualunque altra operazione. Durante la creazione dell'inventario (p. 227) non è
disponibile nessun'altra operazione, eccetto per il rilevamento delle nuove periferiche a nastro.
Le operazioni che non possono essere eseguite parallelamente vengono messe in coda.
7.4.2.6
Limitazioni
Le limitazioni dell'utilizzo di una periferica a nastro sono le seguenti:
1. Il consolidamento (p. 447) di backup che si trovano sui nastri non è possibile. Di conseguenza,
l'utilizzo di schemi di backup ha alcune peculiarità (p. 214).
2. La deduplicazione (p. 448) di backup che si trovano sui nastri non è possibile.
3. La Denominazione semplificata dei file di backup (p. 82) non è possibile per i backup archiviati sui
nastri.
4. Non è possibile eseguire un ripristino in un sistema operativo da un backup archiviato su nastri se
il ripristino richiede il riavvio del sistema operativo. Utilizzare supporti di avvio per eseguire tale
ripristino.
5. Non è possibile ripristinare i file da backup al livello del disco creati da Acronis Backup &
Recovery 11 Update 0 (build 17318) e versioni precedenti.
È possibile ripristinare i file da un backup a livello del disco creato da Acronis Backup & Recovery
11 Update 0.5 (build 17437) solo dopo una nuova analisi (p. 226) dei nastri in cui si trova il
backup.
Il valore dell'opzione Abilita il ripristino di file dai backup del disco archiviati su nastri (p. 134)
stabilisce se i file e le cartelle possono essere ripristinati da backup al livello del disco creati da
Acronis Backup.
6. È possibile convalidare (p. 257) qualunque backup o archivio conservato su nastri, ma non è
possibile selezionare per la convalida un intero deposito basato su nastri o una periferica a
nastro.
7. Non è possibile collegare (p. 201) o scollegare un deposito basato su nastro.
215
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
8. Un deposito gestito basato su nastro non può essere protetto con la crittografia. Crittografare gli
archivi.
9. Non è possibile creare un deposito gestito basato su nastro (p. 196) con la proprietà di
compatibilità con le versioni precedenti. Ciò significa che gli agenti di Acronis Backup & Recovery
10 non possono eseguire il backup nei depositi gestiti basati su nastro Acronis Backup.
10. Il software non è in grado di scrivere simultaneamente un backup su più nastri o backup tramite
la stessa unità sullo stesso nastro.
11. Le periferiche che usano il Network Data Management Protocol (NDMP) non sono supportate.
12. Le stampanti per codici a barre non sono supportate.
7.4.2.7
Leggibilità di nastri scritti da prodotti Acronis precedenti
La seguente tabella riepiloga la leggibilità dei nastri scritti dalle famiglie di prodotti Acronis True
Image Echo, Acronis True Image 9.1, Acronis Backup & Recovery 10 e Acronis Backup & Recovery 11
in Acronis Backup. Nella tabella è illustrata anche la compatibilità dei nastri scritti con diversi
componenti di Acronis Backup.
...può essere letto in una periferica a nastro
collegata a una macchina con...
Un nastro scritto in
una periferica a
nastro (unità o
libreria a nastro)
collegata localmente
con...
Supporto di
avvio
Agente per
Windows
Agente per Linux
Un nastro scritto in
una periferica a
nastro con...
216
Server di backup
Nodo di
archiviazione
Acronis
Backup
Bootable
Media
+
+
+
+
Acronis
Backup
Agent for
Windows
+
+
+
+
Acronis
Backup
Agent for
Linux
+
+
+
+
Acronis
Backup
Storage
Node
+
+
+
+
+
+
+
+
Echo
ABR10
ABR11/
Acronis
Backup 11.5
9.1
Echo
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
ABR10
ABR11/
Acronis
Backup 11.5
9.1
Echo
ABR10
ABR11/
Acronis
Backup 11.5
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
9.1
Echo
ABR10
ABR11/
Acronis
Backup 11.5
9.1
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
7.4.3
Guida rapida sulle periferiche a nastro
7.4.3.1
Backup di una macchina in una periferica a nastro collegata
direttamente
Prerequisiti


La periferica a nastro è collegata alla macchina conformemente alle istruzioni del produttore.
L'agente di Acronis Backup è installato nella macchina.
Prima di eseguire il backup
1.
2.
3.
4.
5.
Caricare i nastri nelle periferiche a nastro.
Connettere la console alla macchina.
Nella struttura Navigazione, selezionare Gestione nastri.
Fare clic su Rileva periferiche a nastro.
Se la periferica a nastro è un'unità autonoma, ignorare questo passaggio. In caso contrario,
operare come segue:
a. Fare clic su Inventario per rilevare i nastri caricati. Selezionare il metodo di creazione
dell'inventario Completo. Non selezionare la casella di controllo Sposta i nastri appena
rilevati dai pool 'Nastri non riconosciuti' o 'Nastri importati' al pool 'Nastri disponibili'.
Risultato. I nastri caricati sono stati spostati nei pool corretti come specificato nella sezione
"Inventario (p. 227)".
La creazione di inventario completa di un'intera periferica a nastro potrebbe richiedere molto tempo.
b. Se i nastri caricati sono stati inviati al pool Nastri non riconosciuti o Nastri importati e si
desidera utilizzarli per il backup, spostare (p. 224) manualmente tali nastri nel pool Nastri
disponibili.
I nastri inviati al pool Nastri importati contengono backup scritti dal software Acronis. Prima di
spostare tali nastri al pool Nastri disponibili, assicurarsi che tali backup non siano necessari.
Backup
Nel menu Azioni, selezionare Esegui backup adesso o Crea piano di backup. Configurare (p. 58) le
impostazioni di backup. Quando si specifica la destinazione di backup, selezionare la periferica a
nastro.
Risultati

I backup derivanti saranno posizionati in un deposito personale (p. 229) creato automaticamente.
Per accedere al deposito, fare clic su Depositi nella struttura Navigazione. Ogni volta che si
seleziona la periferica a nastro come destinazione del backup, i backup verranno salvati nello
stesso deposito.

I nastri con backup verranno spostati nel pool Acronis.
7.4.3.2
Backup su una periferica a nastro collegata a un nodo di
archiviazione
Prerequisiti


217
Acronis Backup Storage Node è aggiunto al server di gestione (p. 238).
La periferica a nastro è collegata al nodo di archiviazione conformemente alle istruzioni del
produttore.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Prima di eseguire il backup
1. Caricare i nastri nelle periferiche a nastro.
2. Collegare la console al server di gestione.
3. Nella struttura Navigazione, selezionare Gestione nastri. Selezionare il nodo di archiviazione a
cui è collegata la periferica a nastro.
4. Fare clic su Rileva periferiche a nastro.
5. Se la periferica a nastro è un'unità autonoma, ignorare questo passaggio. In caso contrario,
operare come segue:
a. Fare clic su Inventario per rilevare i nastri caricati. Selezionare il metodo di creazione
dell'inventario Completo. Non selezionare la casella di controllo Sposta i nastri appena
rilevati dai pool 'Nastri non riconosciuti' o 'Nastri importati' al pool 'Nastri disponibili'.
Risultato. I nastri caricati sono stati spostati nei pool corretti come specificato nella sezione
"Inventario (p. 227)".
La creazione di inventario completa di un'intera periferica a nastro potrebbe richiedere molto tempo.
b. Se i nastri caricati sono stati inviati al pool Nastri non riconosciuti o Nastri importati e si
desidera utilizzarli per il backup, spostare (p. 224) manualmente tali nastri nel pool Nastri
disponibili.
I nastri inviati al pool Nastri importati contengono backup scritti dal software Acronis. Prima di
spostare tali nastri al pool Nastri disponibili, assicurarsi che tali backup non siano necessari.
c.
Decidere se si vuole eseguire il backup nei nastri nel pool Acronis (p. 222) predefinito o si
desidera creare un nuovo pool (p. 223).
Dettagli. Disporre di molti pool consente di utilizzare un nastro separato per ogni macchina
oppure ogni reparto dell'azienda. Utilizzando più pool è possibile impedire ai backup creati
attraverso piani di backup diversi di confondersi su un nastro.
d. Se si sceglie il pool Acronis o si consente al nuovo pool di prelevare i nastri dal pool Nastri
disponibili all'occorrenza, ignorare questo passaggio.
Altrimenti, spostare i nastri dal pool Nastri disponibili a un nuovo pool.
Suggerimento. Per informazioni su come un pool può prelevare i nastri dal pool Nastri
disponibili, fare clic sul pool e selezionare Dettagli.
6. Nella struttura Navigazione, fare clic su Nodi di archiviazione. Selezionare il nodo di
archiviazione a cui è collegata la periferica a nastro, quindi fare clic su Crea deposito. Procedere
come indicato nella sezione "Creazione di un deposito centralizzato gestito (p. 196)". Nell'elenco
Pool di nastri, selezionare il pool che si è deciso di utilizzare nel passaggio 5c.
La creazione di un deposito centralizzato è obbligatoria quando la periferica a nastro è collegata al nodo di
archiviazione.
Backup
Nel menu Azioni, selezionare Esegui backup adesso o Crea piano di backup. Configurare (p. 382) le
impostazioni di backup per una o più macchine. Quando si specifica la destinazione di backup,
selezionare il deposito creato.
Risultati

218
I backup derivanti saranno posizionati nel deposito creato.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Suggerimenti per l'ulteriore utilizzo della libreria a nastro

Non è necessario eseguire la creazione dell'inventario completa full ogni volta che si carica un
nuovo nastro. Per risparmiare tempo, eseguire la procedura descritta nella sezione "Creazione
dell'inventario" (p. 227) in "Combinazione della creazione di inventario rapida e completa".

È possibile creare altri depositi (p. 229) nella stessa libreria a nastro e selezionarli come
destinazione per i backup.
7.4.3.3
Ripristino in un sistema operativo da una periferica a nastro
Per eseguire il ripristino in un sistema operativo da una periferica a nastro:
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
Connettere la console alla macchina da ripristinare.
Nel menu Azioni, selezionare Ripristina.
Fare clic su Seleziona dati, selezionare Percorso dati, quindi Sfoglia.
Selezionare il deposito che contiene il backup i cui dati devono essere ripristinati e fare clic su OK,
quindi selezionare Visualizzazione archivio.
Selezionare il backup, quindi selezionare i dati da ripristinare. Dopo aver fatto clic su OK, la
pagina Ripristina mostrerà l'elenco dei nastri richiesti per il ripristino. I nastri mancanti sono
indicati in grigio. Se la periferica a nastro dispone di slot vuoti, caricare i nastri nella periferica.
Configurare (p. 140) altre impostazioni del ripristino.
Fare clic su OK per avviare l'operazione di ripristino.
Se alcuni dei nastri richiesti non sono caricati per qualche motivo, il software mostrerà un
messaggio con l'identificativo del nastro richiesto. Caricare il nastro e selezionare Riprova per
continuare il ripristino.
Cosa fare se non vengono visualizzati i backup archiviati sui nastri?
Può significare che il database con il contenuto dei nastri è andato perduto o danneggiato per
qualche motivo.
Per ripristinare il database, eseguire le seguenti operazioni:
Se il backup si trova nella macchina
1. Dopo aver fatto clic su Ripristina, selezionare Selezione dati e fare clic su Sfoglia.
2. Fare doppio clic su Periferiche a nastro. Il sistema richiede di confermare il rilevamento delle
periferiche a nastro. Fare clic su Sì.
3. Dopo che le periferiche a nastro rilevate sono visualizzate nella struttura, selezionare la periferica
necessaria e fare clic su OK. Il sistema richiede di confermare l'operazione di nuova analisi. Fare
clic su Sì.
4. Analizzare nuovamente (p. 226) il pool Nastri non riconosciuti. Di conseguenza, verrà richiamato
il contenuto dei nastri caricati.
5. Se alcuni dei backup rilevati continuano su altri nastri che non sono ancora stati sottoposti alla
nuova analisi, caricare questi nastri come richiesto e sottoporli alla nuova analisi.
6. Quindi, è possibile selezionare il backup richiesto.
Se il backup si trova in un nodo di archiviazione
1. Collegare la console al server di gestione.
2. Rilevare le periferiche a nastro (p. 221).
3. Eseguire la creazione dell'inventario (p. 227) rapida.
219
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Durante la creazione dell'inventario, non selezionare la casella di controllo Sposta i nastri appena rilevati
dai pool 'Nastri non riconosciuti' o 'Nastri importati' al pool 'Nastri disponibili'. Se la casella di controllo è
selezionata, è possibile che tutti i backup vadano perduti.
4. Creare un deposito (p. 229) gestito sulla periferica a nastro.
5. Analizzare nuovamente (p. 226) il pool Nastri non riconosciuti. Di conseguenza, verrà richiamato
il contenuto dei nastri caricati.
6. Se alcuni dei backup rilevati continuano su altri nastri che non sono ancora stati sottoposti alla
nuova analisi, caricare questi nastri come richiesto e sottoporli alla nuova analisi.
7.4.3.4
Ripristino nel supporto di avvio da una periferica a nastro
collegata localmente
Per eseguire il ripristino nel supporto di avvio da una periferica a nastro collegata localmente:
1. Caricare i nastri richiesti per il ripristino nella periferica a nastro.
2. Avviare la macchina dal supporto di avvio.
3. Selezionare Acronis Backup, quindi fare clic su Gestisci questa macchina localmente. Ignorare
questo passaggio se si utilizza il supporto basato su WinPE.
4. Se la periferica a nastro è connessa mediante l’interfaccia iSCSI, configurarla come descritto in
"Configurazione delle periferiche iSCSI e NDAS" (p. 284).
5. Fare clic su Ripristina.
6. Fare clic su Seleziona dati, quindi selezionare Sfoglia.
7. Fare doppio clic su Periferiche a nastro. Il sistema richiede di confermare il rilevamento delle
periferiche a nastro. Fare clic su Sì.
8. Dopo che le periferiche a nastro rilevate sono visualizzate nella struttura, selezionare la periferica
necessaria. Il sistema richiede di confermare la nuova analisi. Fare clic su Sì.
9. Selezionare il pool Nastri non riconosciuti.
10. Selezionare i nastri da analizzare nuovamente. Per selezionare tutti i nastri del pool, selezionare
la casella di controllo accanto all'intestazione di colonna Nome nastro.
11. Se il nastro contiene un archivio protetto da password, selezionare la casella di controllo
corrispondente e specificare la password dell'archivio nella casella Password. Se non viene
specificata una password o se la password non è corretta, l'archivio non verrà rilevato. Tenere a
mente queste informazioni se non vengono visualizzati archivi dopo la nuova analisi.
Suggerimento. Se i nastri contengono più archivi protetti da diverse password, è necessario
ripetere la nuova analisi più volte specificando ogni password a turno.
12. Fare clic su Avvia per avviare la nuova analisi. Di conseguenza, verrà richiamato il contenuto dei
nastri caricati.
13. Se alcuni dei backup rilevati continuano su altri nastri che non sono ancora stati sottoposti alla
nuova analisi, caricare questi nastri come richiesto e sottoporli alla nuova analisi.
14. Al termine della nuova analisi, selezionare OK.
15. Nella Visualizzazione archivio, selezionare il backup di cui si devono ripristinare i dati, quindi
selezionare i dati da ripristinare. Dopo aver fatto clic su OK, la pagina Ripristina mostrerà l'elenco
dei nastri richiesti per il ripristino. I nastri mancanti sono indicati in grigio. Se la periferica a
nastro dispone di slot vuoti, caricare i nastri nella periferica.
16. Configurare (p. 140) altre impostazioni del ripristino.
17. Fare clic su OK per iniziare il ripristino.
220
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
18. Se alcuni dei nastri richiesti non sono caricati per qualche motivo, il software mostrerà un
messaggio con l'identificativo del nastro richiesto. Caricare il nastro e selezionare Riprova per
continuare il ripristino.
7.4.3.5
Ripristino nel supporto di avvio da una periferica a nastro
collegata a un nodo di archiviazione
Per eseguire il ripristino nel supporto di avvio da una periferica a nastro collegata a un nodo di
archiviazione:
1. Caricare i nastri richiesti per il ripristino nella periferica a nastro.
2. Avviare la macchina dal supporto di avvio.
3. Selezionare Acronis Backup, quindi fare clic su Gestisci questa macchina localmente. Ignorare
questo passaggio se si utilizza il supporto basato su WinPE.
4. Fare clic su Ripristina.
5. Fare clic su Seleziona dati, quindi selezionare Sfoglia.
6. Nella casella Percorso, immettere bsp://<indirizzo nodo archiviazione>/<nome
deposito>/, dove <indirizzo nodo archiviazione> è l'indirizzo IP del nodo di
archiviazione che contiene il backup richiesto e <nome deposito> il nome del deposito. Fare clic
su OK e specificare le credenziali del deposito.
7. Selezionare il backup, quindi selezionare i dati da ripristinare. Dopo aver fatto clic su OK, la
pagina Ripristina mostrerà l'elenco dei nastri richiesti per il ripristino. I nastri mancanti sono
indicati in grigio. Se la periferica a nastro dispone di slot vuoti, caricare i nastri nella periferica.
8. Configurare (p. 140) altre impostazioni del ripristino.
9. Fare clic su OK per iniziare il ripristino.
10. Se alcuni dei nastri richiesti non sono caricati per qualche motivo, il software mostrerà un
messaggio con l'identificativo del nastro richiesto. Caricare il nastro e selezionare Riprova per
continuare il ripristino.
7.4.4
7.4.4.1
Gestione nastri
Rilevamento periferiche a nastro
Quando rileva periferiche a nastro, Acronis Backup trova le periferiche a nastro collegate alla
macchina e posizione le informazioni che le riguardano nel database di gestione dei nastri. Il
rilevamento delle periferiche a nastro è richiesto:


Dopo aver collegato o ricollegato una periferica a nastro.
Dopo aver installato o reinstallato Acronis Backup nella macchina a cui è collegata una periferica
a nastro.
Quando rileva periferiche a nastro, Acronis Backup le disabilita dal RSM.
Per rilevare le periferiche a nastro
1. Nella struttura Navigazione, selezionare Gestione nastri. Se connessi al server di gestione,
selezionare il nodo di archiviazione a cui è collegata la periferica a nastro.
2. Fare clic su Rileva periferiche a nastro. Verrà visualizzata la quantità di periferiche a nastro
collegate, le rispettive unità e gli slot.
221
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
7.4.4.2
Pool di nastri
Acronis Backup utilizza pool di nastri che consistono in gruppi logici di nastri. Il software contiene i
seguenti pool di nastri predefiniti: Nastri non riconosciuti, Nastri importati, Nastri disponibili e
Acronis. Inoltre, è possibile creare i propri pool personalizzati.
Pool predefiniti
Nastri non riconosciuti
Il pool contiene i nastri scritti da applicazioni di terze parti. Per scrivere su questi nastri, è necessario
spostarli (p. 224) esplicitamente nel pool Nastri disponibili. Non è possibile spostare i nastri da
questo pool ad altri pool, ad eccezione del pool Nastri disponibili.
Nastri importati
Il pool contiene nastri scritti da Acronis Backup in una periferica a nastro collegata a un nodo di
archiviazione o a un agente diverso. Per scrivere su questi nastri, è necessario spostarli
esplicitamente nel pool Nastri disponibili. Non è possibile spostare i nastri da questo pool ad altri
pool, ad eccezione del pool Nastri disponibili.
Nastri disponibili
Il pool contiene nastri disponibili (vuoti). È possibile spostare manualmente i nastri in questo pool da
altri pool.
Quando si sposta un nastro al pool Nastri disponibili, il software lo contrassegna come vuoto. Gli
eventuali backup contenuti nel nastro saranno contrassegnati con l'icona
. Quando il software
inizierà a sovrascrivere il nastro, i dati correlati ai backup verranno rimossi dal database.
Acronis
Il pool è utilizzato per il backup predefinito, quando non si desidera creare i propri pool. Di solito si
applica a una periferica a nastro con un numero ridotto di nastri.
Pool personalizzati
È necessario creare molti pool per separare i backup di dati diversi. Per esempio, potrebbe essere
necessario creare pool personalizzati per separare:




backup di reparti diversi dell'azienda
backup di macchine diverse
backup di volumi di sistema e dati utente diversi
nastri riempiti e nastri su cui si deve scrivere (p. 222).
Separazione di nastri pieni
È possibile separare i nastri pieni da quelli incompleti. Si ipotizzi di voler trasferire i nastri riempiti
nell'arco di un mese in una posizione fuori sede. Per eseguire questa operazione:
1. Creare un pool di nastri personalizzato (p. 223) (per esempio, Nastri pieni).
2. Creare un altro pool di nastri personalizzato (per esempio, Nastri correnti). Nelle impostazioni
del pool, selezionare la casella di controllo Quando il nastro è pieno, sposta nel pool e
selezionare il pool Nastri pieni nell'elenco.
3. Creare un deposito (p. 229) e associarlo al pool Nastri correnti.
4. Quando si crea un piano di backup, scegliere il deposito creato come destinazione del backup.
222
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
5. Una volta al mese, espellere i nastri conservati nel pool Nastri riempiti e trasferirli in un archivio
fuori sede.
7.4.4.3
Operazioni con i pool
Creazione di un pool
Per creare un pool:
1. Nella struttura Navigazione, selezionare Gestione nastri. Se connessi al server di gestione,
selezionare il nodo di archiviazione a cui è collegata la periferica a nastro.
2. Fare clic su Crea pool.
3. Specificare il nome del pool.
4. [Facoltativo] selezionare i nastri da spostare nel pool dal pool Nastri disponibili.
5. [Facoltativo] Deselezionare la casella di controllo Preleva automaticamente i nastri dal pool dei
nastri Disponibili.... Se deselezionata, solo i nastri inclusi nel nuovo pool in un certo momento
verranno utilizzati per l'esecuzione del backup.
6. [Facoltativo] Selezionare la casella di controllo Dopo ... riscritture, sposta nastro nel pool,
specificare il numero di cicli di scrittura delle informazioni, quindi selezionare il pool su cui un
nastro verrà spostato in seguito a questi.
Suggerimento. I nastri hanno una durata relativamente breve. Quindi è possibile creare un pool
speciale e spostare i vecchi nastri al suo interno. Quindi, i nastri archiviati in questo pool vengono
espulsi regolarmente, eliminati, e nuovi nastri vengono caricati nella periferica a nastro.
7. [Facoltativo] Selezionare la casella di controllo Dopo ... backup, sposta nastro nel pool,
specificare il numero di backup, quindi selezionare il pool su cui un nastro verrà spostato in
seguito a questi.
Suggerimento. Per esempio, questa opzione può essere utile nel seguente caso. Si esegue il
backup della macchina una volta al giorno da lunedì a venerdì e dopo cinque backup si spostano i
nastri in un pool personalizzato. Una volta alla settimana, un dipendente speciale espelle i nastri
da questo pool e li porta in una posizione fuori sede sicura.
8. [Facoltativo] Selezionare la casella di controllo Quando il nastro è pieno, sposta nel pool, quindi
selezionare il pool in cui un nastro verrà spostato quando è pieno.
Suggerimento. Per esempio, questa opzione può essere utile per la separazione di nastri pieni dai
nastri su cui scrivere (p. 222).
9. Fare clic su OK.
Modifica di un pool
È possibile modificare i parametri del pool Acronis o del proprio pool personalizzato.
Per modificare un pool:
1. Nella struttura Navigazione, selezionare Gestione nastri. Se connessi al server di gestione,
selezionare il nodo di archiviazione a cui è collegata la periferica a nastro.
2. Selezionare il pool richiesto, quindi fare clic su Impostazioni.
3. È possibile cambiare il nome (eccetto il nome del pool Acronis) o le impostazioni del pool. Per
ulteriori informazioni sulle impostazioni del pool, consultare la sezione "Creazione di un pool" (p.
223).
4. Fare clic su OK per salvare le modifiche.
223
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Eliminazione di un pool
È possibile eliminare solo i pool personalizzati. Non è possibile eliminare pool di nastri predefiniti
(pool Nastri non riconosciuti, Nastri importati, Nastri disponibili e Acronis).
Per eliminare un pool:
1. Nella struttura Navigazione, selezionare Gestione nastri. Se connessi al server di gestione,
selezionare il nodo di archiviazione a cui è collegata la periferica a nastro.
2. Selezionare il pool richiesto e fare clic su Rimuovi.
3. Se il pool è associato a uno o più depositi, il sistema notificherà che non è in grado di eliminare il
pool. È necessario selezionare Chiudi, cambiare il pool nelle impostazioni di ciascuno dei depositi
menzionati nel messaggio di notifica ripetere l'operazione di eliminazione del pool.
Altrimenti, selezionare il pool in cui i nastri del pool da eliminare verranno spostati dopo
l'eliminazione.
4. Fare clic su OK per eliminare il pool.
7.4.4.4
Operazioni con i nastri
Rinominazione
Quando un nuovo nastro viene rilevato dal software, gli viene assegnato automaticamente un nome
nel seguente formato: Nastro XXX, dove XXX è un numero univoco. I nastri sono numerati in
sequenza. L'operazione di ridenominazione consente di modificare manualmente il nome di uno o
più nastri.
Per rinominare i nastri:
1. Nella struttura Navigazione, selezionare Gestione nastri. Se connessi al server di gestione,
selezionare il nodo di archiviazione a cui è collegata la periferica a nastro.
2. Selezionare il pool contenente i nastri necessari, quindi selezionare i nastri richiesti.
3. Fare clic su Rinomina.
4. Immettere i nuovi nomi dei nastri selezionati.
5. Fare clic su OK per salvare le modifiche.
Cambiamento del pool
L'operazione consente di spostare uno o più nastri da un pool a un altro.
Quando si sposta un nastro al pool Nastri disponibili, il software lo contrassegna come vuoto. Gli
eventuali backup contenuti nel nastro saranno contrassegnati con l'icona
. Quando il software
inizierà a sovrascrivere il nastro, i dati correlati ai backup verranno rimossi dal database.
Note sui tipi di nastro specifici

Non è possibile spostare nel pool Nastri disponibili nastri protetti da scrittura e nastri WORM
(Write-Once-Read-Many) registrati.

I nastri di pulizia sono sempre visualizzati nel pool Nastri non riconosciuti; non è possibile
spostarli in altri pool.
Per spostare i nastri in un altro pool:
1. Nella struttura Navigazione, selezionare Gestione nastri. Se connessi al server di gestione,
selezionare il nodo di archiviazione a cui è collegata la periferica a nastro.
2. Selezionare il pool contenente i nastri necessari, quindi selezionare i nastri richiesti.
224
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
3. Fare clic su Cambia pool.
4. [Facoltativo] Fare clic su Crea pool per creare un altro pool per i nastri selezionati. Eseguire azioni
descritte nella sezione "Creazione di un pool" (p. 223).
5. Selezionare il pool in cui spostare i nastri.
6. Fare clic su OK per salvare le modifiche.
Spostamento in un altro slot
Utilizzare questa operazione nelle seguenti situazioni:


È necessario estrarre molti nastri da una periferica a nastro simultaneamente.
La periferica a nastro non dispone di uno slot della posta e i nastri da espellere si trovano negli
slot di magazzini non separabili.
È necessario spostare i nastri negli slot di un magazzino di slot e poi estrarre il magazzino
manualmente.
Per spostare i nastri in altri slot:
1. Nella struttura Navigazione, selezionare Gestione nastri. Se connessi al server di gestione,
selezionare il nodo di archiviazione a cui è collegata la periferica a nastro.
2. Selezionare il pool contenente i nastri necessari, quindi selezionare i nastri richiesti.
3. Fare clic su Sposta.
4. Selezionare un nuovo slot in cui spostare ciascuno dei nastri selezionati.
5. Fare clic su OK per avviare l'operazione.
Espulsione
Per l'espulsione corretta di un nastro da una libreria a nastro, la libreria a nastro deve disporre dello
slot della posta e lo slot non deve essere bloccato da un utente o da altro software.
Per espellere un nastro:
1. Nella struttura Navigazione, selezionare Gestione nastri. Se connessi al server di gestione,
selezionare il nodo di archiviazione a cui è collegata la periferica a nastro.
2. Selezionare il pool contenente il nastro necessario, quindi selezionare il nastro richiesto.
3. Fare clic su Espelli. Il software chiederà di fornire la descrizione del nastro. Si consiglia di
descrivere la posizione fisica in cui il nastro verrà conservato. Durante il ripristino, il software
visualizzerà questa descrizione in modo da poter trovare facilmente il nastro.
Dettagli. È possibile disabilitare la richiesta della descrizione del nastro selezionando Non
mostrare questo messaggio in futuro. Per abilitare nuovamente la richiesta: fare clic su Opzioni
nel menu, quindi fare clic su Opzioni console, fare clic su Messaggi a comparsa e selezionare la
casella di controllo Richiedi la descrizione quando si espelle un nastro.
4. Fare clic su OK per avviare l'operazione.
Quando il nastro viene espulso manualmente o automaticamente (p. 134), si consiglia di scriverne il
nome sul nastro.
Cancellazione
La cancellazione di un nastro elimina fisicamente tutti i backup archiviati nel nastro e rimuove le
informazioni su questi backup dal database. Tuttavia, le informazioni sul nastro stesso rimangono nel
database.
225
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Dopo la cancellazione, un nastro posizionato nel pool Nastri non riconosciuti o Nastri importati
viene spostato nel pool Nastri disponibili. Un nastro posizionato in qualunque altro pool non viene
spostato.
È possibile applicare l'operazione a un nastro per volta.
Per cancellare un nastro:
1. Nella struttura Navigazione, selezionare Gestione nastri. Se connessi al server di gestione,
selezionare il nodo di archiviazione a cui è collegata la periferica a nastro.
2. Selezionare il pool contenente il nastro necessario, quindi selezionare il nastro richiesto.
3. Fare clic su Cancella. Il sistema richiede di confermare l'operazione.
4. Fare clic su OK per avviare l'operazione.
Dettagli. Non è possibile annullare l'operazione di cancellazione.
Nuova analisi
Le informazioni sul contenuto dei nastri vengono archiviate in un database dedicato. L'operazione di
nuova analisi legge il contenuto dei nastri e aggiorna il database se le informazioni al suo interno non
corrispondono ai dati archiviati sui nastri. Gli archivi rilevati dopo l'operazione vengono posizionati
nel deposito specificato.
Con una sola operazione, è possibile analizzare nuovamente i nastri di un pool. Solo i nastri in linea
possono essere selezionati per l'operazione.
Eseguire la nuova analisi:


Se il database di un nodo di archiviazione o di una macchina gestita va perduto o danneggiato.


Per ottenere accesso ai backup archiviati nei nastri quando si lavora nel supporto di avvio.

Se i backup sono stati eliminati da un nastro manualmente o tramite le regole di conservazione
(p. 456), ma si desidera che siano accessibili per il ripristino dei dati. Prima di analizzare
nuovamente tale nastro, espellerlo (p. 225), rimuovere (p. 229) le informazioni dal database,
quindi inserire nuovamente il nastro nella periferica a nastro.
Se le informazioni su un nastro nel database non sono aggiornate (ad esempio, il contenuto di un
nastro è stato modificato da un altro nodo di archiviazione o agente).
Se le informazioni su un nastro sono state rimosse (p. 229) per errore dal database. Quando si
esegue una nuova analisi di un nastro rimosso, i backup archiviati al suo interno vengono
visualizzati nuovamente nel database e diventano disponibili per il ripristino dei dati.
Per eseguire la nuova analisi dei nastri:
1. Se non sono disponibili depositi basati su nastro (p. 229) associati alla periferica su cui sono stati
caricati i nastri, crearne uno.
2. Nella struttura Navigazione, selezionare Gestione nastri. Se connessi al server di gestione,
selezionare il nodo di archiviazione a cui è collegata la periferica a nastro.
3. Eseguire la creazione dell'inventario (p. 227) rapida.
Nota Durante la creazione dell'inventario, non selezionare la casella di controllo Sposta i nastri appena
rilevati dai pool "Nastri non riconosciuti" o "Nastri importati" al pool "Nastri disponibili".
4. Fare clic su Analizza nuovamente.
5. Selezionare il deposito in cui verranno posizionati gli archivi appena rilevati.
6. Selezionare il pool Nastri non riconosciuti. Questo è il pool in cui la maggior parte dei nastri
vengono inviati in seguito alla creazione dell'inventario rapida. È inoltre possibile analizzare
nuovamente il pool associato al deposito selezionato o il pool Nastri importati.
226
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
7. Selezionare i nastri da analizzare nuovamente. Per selezionare tutti i nastri del pool, selezionare
la casella di controllo accanto all'intestazione di colonna Nome nastro.
8. Se necessario, selezionare la casella di controllo Abilita il ripristino di file dai backup del disco
archiviati su nastri.
Dettagli. Se la casella di controllo è selezionata, il software creerà file supplementari speciali in
un disco rigido della macchina a cui è collegata la periferica a nastro. Il ripristino di file dai backup
del disco è possibile fino a quando i file supplementari sono intatti. Assicurarsi di selezionare la
casella di controllo se i nastri contengono backup a passaggio singolo (p. 446). Altrimenti, non
sarà possibile ripristinare i dati delle applicazioni da questi backup.
9. Se il nastro contiene un archivio protetto da password, selezionare la casella di controllo
corrispondente e specificare la password dell'archivio nella casella Password. Se non viene
specificata una password o se la password non è corretta, l'archivio non verrà rilevato. Tenere a
mente queste informazioni se non vengono visualizzati archivi dopo la nuova analisi.
Suggerimento. Se i nastri contengono più archivi protetti da diverse password, è necessario
ripetere la nuova analisi più volte specificando ogni password a turno.
10. Fare clic su Avvia per avviare la nuova analisi.
Risultato. I nastri selezionati vengono spostati nel pool associato al deposito selezionato. I backup
archiviati nei nastri possono essere trovati in questo deposito. Un backup suddiviso tra più nastri non
verrà visualizzato nel deposito fino a quando tutti questi nastri verranno analizzati nuovamente.
Inventario in corso
L'operazione di creazione dell'inventario rileva i nastri caricati in una periferica a nastro e assegna un
nome a quelli che ne sono sprovvisti. Eseguire l'operazione ogni volta che vengono caricati nastri
negli slot della periferica a nastro.
Metodi di creazione dell'inventario
Acronis Backup fornisce i due seguenti metodi di creazione dell'inventario.
Creazione inventario rapida
Acronis Backup analizza i nastri alla ricerca dei codici a barre. Utilizzando i codici a barre, il software è
in grado di restituire rapidamente un nastro al pool in cui si trovava.
Selezionare questo metodo per riconoscere i nastri utilizzati dalla stessa periferica a nastro collegata
alla stessa macchina. Gli altri nastri verranno inviati al pool Nastri non riconosciuti.
Se la libreria a nastro non contiene lettori di codici a barre, tutti i nastri verranno inviati al pool Nastri
non riconosciuti. Per riconoscere i nastri, eseguire la creazione di inventario rapida o combinare la
creazione di inventario rapida e quella completa come descritto di seguito in questa sezione.
Creazione inventario completa
Acronis Backup legge i tag scritti dal software Acronis e analizza le altre informazioni sul contenuto
dei nastri caricati. Selezionare questo metodo per riconoscere i nastri vuoti e i nastri scritti dal
software Acronis su qualunque periferica a nastro e qualunque macchina.
La seguente tabella mostra i pool in cui vengono inviati i nastri in seguito alla creazione
dell'inventario completa.
227
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Nastro utilizzato da...
Agente
Nodo di archiviazione
applicazione di backup di terze
parti
Nastro pronto per...
Nastro inviato nel pool...
stesso agente
dove il nastro si trovava
precedentemente
un agente diverso
Nastri importati
Nodo di archiviazione
Nastri importati
stesso nodo di archiviazione
dove il nastro si trovava
precedentemente
nodo di archiviazione diverso
Nastri importati
Agente
Nastri importati
agente o nodo di archiviazione
Nastri non riconosciuti
I nastri di determinati tipi vengono inviati in pool specifici:
Tipo di nastro
Nastro inviato nel pool...
Nastro vuoto
Nastri disponibili
Nastro vuoto protetto da scrittura
Nastri non riconosciuti
Nastro di pulizia
Nastri non riconosciuti
La creazione di inventario rapida può essere applicata a periferiche a nastro complete. La creazione
dell'inventario completa può essere applicata a periferiche a nastro complete, singole unità o slot.
Combinazione della creazione di inventario rapida e completa
La creazione di inventario completa di un'intera periferica a nastro potrebbe richiedere molto tempo.
Se è necessario creare l'inventario solo di alcuni nastri, procedere come segue:
1. Eseguire la creazione di inventario rapida della periferica a nastro.
2. Fare clic sul pool Nastri non riconosciuti. Cercare i nastri di cui creare l'inventario e annotare lo
slot che occupano.
3. Eseguire la creazione di inventario completa di questi slot.
Operazioni da eseguire dopo la creazione dell'inventario
Per eseguire il backup su nastri che erano posizionati nel pool Nastri non riconosciuti o Nastri
importati, spostarli (p. 224) nel pool Nastri disponibili, quindi nel pool Acronis o in un pool
personalizzato. Se il pool in cui eseguire il backup è rifornibile (p. 455), è possibile lasciare i nastri nel
pool Nastri disponibili.
Per eseguire il ripristino da un nastro che si trovava nel pool Nastri non riconosciuti o Nastri
importati, è necessario analizzarlo (p. 226) nuovamente. Il nastro verrà spostato nel pool associato al
deposito selezionato durante la nuova analisi e i backup archiviati sul nastro verranno visualizzati nel
deposito.
Sequenza di azioni
1. Nella struttura Navigazione, selezionare Gestione nastri. Se connessi al server di gestione,
selezionare il nodo di archiviazione a cui è collegata la periferica a nastro.
2. Fare clic su Inventario.
3. Selezionare il metodo di creazione dell'inventario: Rapido o Completo.
228
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4. [Facoltativo] Selezionare la casella di controllo Sposta i nastri appena rilevati dai pool 'Nastri
non riconosciuti' o 'Nastri importati' al pool 'Nastri disponibili'.
Avviso. Selezionare questa casella di controllo solo se si è assolutamente sicuri che i dati archiviati sui nastri
possono essere sovrascritti.
5. [Facoltativo] Selezionare le librerie a nastro e le unità autonome di cui creare l'inventario. Per
impostazione predefinita, sono selezionate tutte le librerie a nastro e le unità autonome.
6. [Facoltativo] Se si sceglie il metodo di creazione dell'inventario Completo, è possibile selezionare
gli slot delle librerie a nastro e le periferiche di cui creare l'inventario. Per impostazione
predefinita, sono selezionati tutti gli slot e tutte le periferiche.
Rimozione
L'operazione di rimozione elimina le informazioni sui backup archiviati nel nastro selezionato e sul
nastro stesso dal database.
È possibile rimuovere solo un nastro non in linea (espulso (p. 225)).
Per rimuovere un nastro:
1. Nella struttura Navigazione, selezionare Gestione nastri. Se connessi al server di gestione,
selezionare il nodo di archiviazione a cui è collegata la periferica a nastro.
2. Selezionare il pool contenente il nastro necessario, quindi selezionare il nastro richiesto.
3. Fare clic su Rimuovi. Il sistema richiede di confermare l'operazione.
4. Fare clic su OK per rimuovere il nastro.
Cosa si deve fare se un nastro viene rimosso per errore?
A differenza di un nastro cancellato (p. 225), i dati di un nastro rimosso non vengono eliminati
fisicamente. Quindi, è possibile rendere nuovamente disponibili i backup archiviati su tale nastro. Per
eseguire questa operazione:
1. Caricare il nastro nella periferica a nastro.
2. Eseguire la creazione dell'inventario (p. 227) rapida per rilevare il nastro.
Durante la creazione dell'inventario, non selezionare la casella di controllo Sposta i nastri appena rilevati
dai pool 'Nastri non riconosciuti' o 'Nastri importati' al pool 'Nastri disponibili'.
3. Eseguire la nuova analisi (p. 226) per abbinare i nastri conservati sui nastri al database.
7.4.5
Depositi su nastri
Ogni deposito basato su nastro è associato a uno o più unità di una periferica a nastro e a un pool (p.
222) di nastri.
Perché sono necessari più depositi?
Due degli scenari più comuni che richiedono di creare molti depositi sono i seguenti:

Si vuole eseguire il backup dei dati di molte macchine in modo che i backup di ogni macchina si
trovino su un set di nastri separato.

Si vuole eseguire il backup di dati diversi della stessa macchina su set di nastri separati. Per
esempio, si vuole eseguire il backup del volume di sistema settimanalmente e dei dati che
cambiano spesso quotidianamente.
In entrambi i casi, creare un pool personalizzato separato per ogni set di nastri e associare ad esso un
deposito separato.
229
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Depositi personali basati su nastro
Prima di eseguire il backup di una macchina in una periferica a nastro collegata direttamente, è
possibile creare un deposito personale. Se non si vuole eseguire questa operazione, il software
creerà automaticamente un deposito associato al pool Acronis.
Se si crea più di un deposito personale, i nastri con backup verranno posizionati nei rispettivi pool
specificati nelle impostazioni del deposito. Tuttavia, ogni deposito visualizzerà tutti i backup
posizionati in tutti i depositi.
Per creare un deposito personale:
1. Nella struttura Navigazione, fare clic su Depositi.
2. Fare clic su Crea.
3. Procedere come indicato nella descrizione "Creazione di un deposito personale (p. 204)".
Depositi centralizzati gestiti basati su nastro
Per eseguire il backup di una macchina in una periferica a nastro collegata a un nodo di archiviazione,
è necessario creare un deposito centralizzato gestito sulla periferica a nastro.
Per creare un deposito centralizzato gestito:
1. Nella struttura Navigazione, fare clic su Nodi di archiviazione.
2. Selezionare il nodo di archiviazione richiesto, quindi fare clic su Crea deposito.
3. Procedere come indicato nella sezione "Creazione di un deposito centralizzato gestito (p. 196)".
Suggerimento. Se si esegue il backup di più macchine su una libreria a nastro con più unità, associare
il deposito all'intera libreria. Ciò consentirà di eseguire il backup delle macchine simultaneamente
attraverso unità diverse. Se si associano uno o più depositi a un'unità, i backup verranno messi in
coda.
7.4.6
Esempi di utilizzo
A parte gli esempi descritti in questa sezione, è possibile considerare i seguenti due esempi:

Spostamento dei backup più vecchi su nastri per la conservazione a lungo termine (p. 110) (da
disco a disco a nastro)

Backup su nastri con un periodo di backup ridotto (p. 111)
7.4.6.1
Esempio 1. Un caricatore automatico di nastri e 12 nastri
Considerare il seguente scenario:

Sono necessari 12 nastri e un caricatore automatico di nastri collegati alla macchina dei cui dati si
deve eseguire il backup.

Si vuole eseguire il backup dei dati della macchina in modo che se lo spazio su un nastro non è
sufficiente, il backup continua su un altro.

Quando tutti i nastri sono completi, è necessario che siano sovrascritti in sequenza senza
interazione dell'utente.
È necessario un pool separato per il piano di backup che eseguirà questo scenario. Se si dispone di
altri piani di backup che scrivono sulla stessa periferica a nastro o si prevede di crearli, utilizzare altri
pool per questi piani.
230
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Sequenza di azioni
1. Caricare i nastri negli slot dei caricatori automatici.
2. Eseguire la creazione di inventario (p. 227) con la casella di controllo Sposta i nastri appena
rilevati dai pool 'Nastri non riconosciuti' o 'Nastri importati' al pool 'Nastri disponibili'
selezionata.
Risultato. I nastri caricati si trovano nel pool Nastri disponibili. Se alcuni di questi sono trasferiti
al pool Acronis o a un pool personalizzato, ciò significa che essi contengono backup eseguiti
precedentemente su questa macchina. Spostare (p. 224) questi nastri al pool Nastri disponibili
manualmente se questi backup non sono necessari.
3. Decidere se si vuole eseguire il backup nei nastri nel pool Acronis (p. 222) predefinito o si
desidera creare un nuovo pool (p. 223). In entrambi i casi, deselezionare la casella di controllo
Preleva automaticamente i nastri dal pool dei nastri Disponibili quando necessario... nelle
impostazioni del pool selezionato.
4. Spostare tutti i nastri caricati dal pool Nastri disponibili al pool selezionato.
5. Creare un deposito (p. 229) personale e associarlo al pool.
6. Quando si crea un piano di backup (p. 58):


Selezionare i depositi come posizione di backup.

In Pulisci archivio, selezionare Quando lo spazio per il backup non è sufficiente.
Selezionare lo schema di backup Personalizzato. Impostare le pianificazioni dei backup in
modo che tutto il set di 12 nastri contenga almeno due backup completi. Ciò consentirà al
software di sovrascrivere i nastri in modo corretto.
Risultato
Il piano di backup utilizzerà solo i nastri che si trovano nel pool selezionato. Quando tutti i nastri sono
pieni, il nastro più vecchio verrà sovrascritto.
7.4.6.2
Esempio 2. Backup su nastri a rotazione settimanale
Considerare il seguente scenario:

Si vuole eseguire il backup di più macchine in una periferica a nastro collegata ad Acronis Backup
Storage Node.


Si vuole creare backup completi il venerdì e incrementali il lunedì, martedì, mercoledì e giovedì.
Si desidera utilizzare due set di nastri, ciascuno dei quali verrà scritto per una settimana. Un set
di nastri di una settimana appena trascorsa deve essere espulso e sostituito con l'altro set che
successivamente verrà sovrascritto a sua volta. Questo metodo di lavoro può risultare utile se il
numero di slot della periferica a nastro è sufficiente solo per i backup di una settimana.
Sequenza di azioni
1. Caricare uno dei set di nastri negli slot della periferica a nastro.
2. Eseguire la creazione di inventario (p. 227) con la casella di controllo Sposta i nastri appena
rilevati dai pool 'Nastri non riconosciuti' o 'Nastri importati' al pool 'Nastri disponibili'
selezionata.
Risultato. I nastri caricati si trovano nel pool Nastri disponibili. Se alcuni di questi sono trasferiti
al pool Acronis o a un pool personalizzato, ciò significa che essi contengono backup eseguiti
precedentemente su questa macchina. Spostare (p. 224) questi nastri al pool Nastri disponibili
manualmente se questi backup non sono necessari.
3. Decidere se si vuole eseguire il backup nei nastri nel pool Acronis (p. 222) predefinito o si
desidera creare un nuovo pool (p. 223).
231
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4. Se il pool selezionato non è rifornibile (p. 455), spostare tutti i nastri caricati dal pool Nastri
disponibili ad esso.
5. Espellere il set di nastri caricato. Ripetere i passaggi 1, 2 e 4 per l'altro set di nastri.
6. Creare un deposito gestito (p. 196). Quando si crea il deposito:

In Unità, selezionare l'intera periferica a nastro. Ciò consentirà di eseguire il backup
simultaneo delle macchine attraverso unità diverse, se la periferica a nastro dispone di più
unità.

In Pool di nastri, selezionare il pool in cui verrà eseguito il backup (il pool Acronis o quello
appena creato).
7. Quando si crea un piano di backup (p. 382):





In Elementi del back up, selezionare le macchine di cui eseguire il backup.
Selezionare il deposito creato come destinazione dei backup.
Selezionare lo schema di backup Personalizzato.
Specificare le pianificazioni per i backup completi e incrementali.
In Pulizia archivio, selezionare Utilizzo delle regole di conservazione e fare clic su Regole di
conservazione. Specificare le regole di conservazione per eliminare i backup più vecchi di 1
settimana.
8. Ogni venerdì, prima dell'esecuzione di un nuovo backup completo, espellere il set di nastri
caricato, inserire l'altro. Se la periferica a nastro contiene un lettore di codici a barre, eseguire la
creazione dell'inventario rapida. Altrimenti, eseguire la creazione dell'inventario completa.
Risultato
I set di nastri verranno utilizzati a turno. Dopo aver inserito un set di nastri, i suoi nastri verranno
sovrascritti in sequenza.
7.4.6.3
Esempio 3. Da disco-a-disco a nastro con invio dei nastri a un
archivio fuori sede
Considerare il seguente scenario:

Potrebbe essere necessario eseguire il backup di una macchina su disco rigido e replicare ogni
backup nella periferica a nastro collegata localmente.

È possibile espellere i nastri con ogni backup e inviarli a un archivio fuori sede.
Sequenza di azioni
1. Caricare i nastri negli slot della periferica a nastro.
2. Eseguire la creazione di inventario (p. 227) con la casella di controllo Sposta i nastri appena
rilevati dai pool "Nastri non riconosciuti" o "Nastri importati" al pool "Nastri disponibili"
selezionata.
Risultato. I nastri caricati si trovano nel pool Nastri disponibili. Se alcuni di questi sono trasferiti
al pool Acronis o a un pool personalizzato, ciò significa che essi contengono backup eseguiti
precedentemente su questa macchina. Spostare (p. 224) questi nastri al pool Nastri disponibili
manualmente se questi backup non sono necessari.
3. Decidere se si vuole eseguire il backup nei nastri nel pool Acronis (p. 222) predefinito o si
desidera creare un nuovo pool (p. 223).
4. Se il pool selezionato non è rifornibile (p. 455), spostare tutti i nastri caricati dal pool Nastri
disponibili ad esso.
5. Creare un deposito (p. 229) personale e associarlo al pool.
232
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
6. Quando si crea un piano di backup (p. 58):



Specificare una cartella locale come destinazione del backup.
Configurare lo schema di backup richiesto.
Selezionare la casella di controllo Replica il backup appena creato in un'altra posizione, fare
clic su 2a posizione e selezionare il deposito creato nella struttura.

Fare clic su Opzioni di backup, selezionare Gestione nastri (p. 134) nella struttura e
selezionare la casella di controllo Espelli nastro dopo backup eseguiti correttamente.
7. Al termine della creazione di ogni backup e quando i relativi nastri sono stati espulsi, inviarli a un
archivio sicuro fuori sede. Se non si dispone di nastri disponibili sufficienti per continuare i
backup, caricare i nuovi nastri ed eseguire i passaggi 2 e 4.
Risultato
Il backup della macchina verrà eseguito nella cartella locale e nei nastri. I nastri con ogni backup
verranno inviati all'archivio fuori sede.
7.4.6.4
Esempio 4. GFS. Invio di backup completi a un archivio fuori
sede
Considerare il seguente scenario:

Si vuole eseguire il backup di una macchina in una periferica a nastro collegata a un nodo di
archiviazione.


Si vuole utilizzare lo schema di backup Grandfather-Father-Son (p. 69).
Si desidera creare backup completi, incrementali e differenziali. Ogni backup completo deve
essere scritto in un nastro separato per inviare i nastri con i backup completi a un archivio fuori
sede sicuro.
Sequenza di azioni
1. Caricare i nastri negli slot della periferica a nastro.
2. Eseguire la creazione di inventario (p. 227) con la casella di controllo Sposta i nastri appena
rilevati dai pool 'Nastri non riconosciuti' o 'Nastri importati' al pool 'Nastri disponibili'
selezionata.
Risultato. I nastri caricati si trovano nel pool Nastri disponibili. Se alcuni di questi sono trasferiti
al pool Acronis o a un pool personalizzato, ciò significa che essi contengono backup eseguiti
precedentemente su questa macchina. Spostare (p. 224) questi nastri al pool Nastri disponibili
manualmente se questi backup non sono necessari.
3. Decidere se si vuole eseguire il backup nei nastri nel pool Acronis (p. 222) predefinito o si
desidera creare un nuovo pool (p. 223).
4. Se il pool selezionato non è rifornibile (p. 455), spostare tutti i nastri caricati dal pool Nastri
disponibili ad esso.
5. Creare un deposito gestito (p. 196). Quando si crea il deposito:

In Unità, selezionare l'intera periferica a nastro. Ciò consentirà di eseguire il backup
simultaneo delle macchine attraverso unità diverse, se la periferica a nastro dispone di più
unità.

In Pool di nastri, selezionare il pool in cui verrà eseguito il backup (il pool Acronis o quello
appena creato).
6. Quando si crea un piano di backup (p. 58):

233
Selezionare il deposito creato come destinazione dei backup.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015


Selezionare lo schema di backup Grandfather-Father-Son (GFS).

Fare clic su Mostra tipo di backup, convalida... e selezionare
Completo/incrementale/differenziale in Tipo di backup.
Specificare le regole per la conservazione dei backup giornalieri per 7 giorni, di quelli
settimanali per 4 settimane e di quelli mensili a tempo indeterminato.

Fare clic su Opzioni di backup, selezionare Gestione nastri (p. 134) nella struttura e
selezionare la casella di controllo Per ogni backup completo in Utilizza sempre un nastro
disponibile.
7. Dopo la creazione di un backup completo, è possibile espellere i nastri con esso e inviarli a un
archivio fuori sede sicuro. Se non si dispone di nastri disponibili sufficienti per continuare i
backup, caricare i nuovi nastri ed eseguire i passaggi 2 e 4.
Risultato
Verrà eseguito il backup della macchina sui nastri in base allo schema di backup specificato. I nastri
con i backup completi verranno inviati a un archivio fuori sede sicuro.
7.5
Nodi di archiviazione
Le seguenti sezioni descrivono le modalità di utilizzo di Acronis Backup Storage Node.
I nodi di archiviazione sono disponibili solo in Acronis Backup Advanced.
7.5.1
Cos'è un nodo di archiviazione?
Acronis Backup Storage Node è un server realizzato per l'ottimizzazione dell'utilizzo di varie risorse
(come la capacità di archiviazione aziendale, la larghezza di banda della rete o il carico CPU delle
macchine gestite) richieste per la protezione dati aziendali. Questo obiettivo è raggiunto tramite
l'organizzazione e la gestione delle posizioni che fungeranno da archivi dedicati degli archivi di
backup aziendali (depositi gestiti).
La funzione più importante di un nodo di archiviazione è la deduplicazione dei backup archiviati nei
suoi depositi. Ciò significa che il backup di dati identici verrà eseguito in questo deposito solo una
volta. Ciò riduce al minimo l'utilizzo della rete durante il backup e lo spazio di archiviazione occupato
dagli archivi.
È possibile configurare fino a 50 nodi di archiviazione.
7.5.2
Tipi di archivi supportati
Un deposito gestito può essere organizzato:





Nei dischi rigidi locali nel nodo di archiviazione
Su una condivisione di rete
In una rete SAN (Storage Area Network)
In un NAS (Network Attached Storage)
Su una libreria a nastro (p. 212) collegata al nodo di archiviazione.
7.5.3
Operazioni eseguite dai nodi di archiviazione
I nodi di archiviazione possono eseguire le seguenti operazioni sugli archivi conservati nei depositi
gestiti.
234
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Pulizia e convalida
Gli archivi conservati in depositi non gestiti vengono mantenuti dagli agenti (p. 445) che creano gli
archivi. Ciò significa che ciascun agente non solo effettua un backup dei dati nell'archivio, ma esegue
anche attività di servizio applicabili all'archivio, alle regole di conservazione e di convalida specificate
nel piano di backup (p. 454). Per liberare dal carico CPU inutile le macchine gestite, l'esecuzione delle
attività può essere delegata al nodo di archiviazione. Poiché la pianificazione delle attività è presente
sulla macchina su cui risiede l'agente e per questo utilizza l'ora e gli eventi della macchina, l'agente
deve avviare la pulizia e la convalida secondo la pianificazione. Per far ciò l'agente deve essere in
linea. Un'ulteriore elaborazione è eseguita dal nodo di archiviazione.
Questa funzionalità non può essere disabilitata in un deposito gestito. I due passaggi successivi sono
facoltativi.
Deduplicazione
Un deposito gestito può essere configurato come deposito deduplicato. Ciò significa che dati identici
verranno copiati in questo deposito solo una volta per ridurre al minimo l'utilizzo della rete durante il
backup e lo spazio di archiviazione occupato dagli archivi. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione
"Deduplicazione" (p. 247).
Crittografia
Un deposito gestito può essere configurato in modo che ogni dato in esso scritto venga crittografato
e ogni dato letto decrittografato in modo trasparente dal nodo di archiviazione. Questa operazione
viene eseguita utilizzando una chiave di crittografia specifica del deposito memorizzata sul server
nodo. Nel caso in cui il supporto di archiviazione sia stato rubato o sia avvenuto l'accesso da parte di
una persona non autorizzata, il malfattore non potrà decrittografare i contenuti del deposito senza
accedere al nodo di archiviazione specifico.
Se l'archivio è già crittografato dall'agente, il nodo di archiviazione applica la propria crittografia alla
crittografia eseguita dall'agente.
7.5.4
Guida rapida sui nodi di archiviazione
Prerequisiti
Assicurarsi:


Che il server di gestione, la console e gli agenti siano già installati.

Di aver scaricato il programma di installazione di Acronis Backup Advanced.
Che la macchina in cui si prevede di installare il nodo di archiviazione soddisfi i requisiti di sistema
descritti nella documentazione di installazione.
Configurazione del nodo di archiviazione
1. Installare Acronis Backup Storage Node.
a. Accedere come amministratore e avviare il programma di installazione di Acronis Backup
Advanced.
b. Fare clic su Installa Acronis Backup.
c. Accettare i termini del contratto di licenza.
d. Selezionare la casella di controllo Esegui l'archiviazione dei backup di altre macchine su
questa macchina.
235
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
e. Fare clic su Registra adesso. Specificare il nome o l'indirizzo IP della macchina in cui verrà
installato il server di gestione. Fornire il nome utente e la password di un utente membro del
gruppo Acronis Centralized Admins sulla macchina del server di gestione.
Dettagli. In alternativa, è possibile aggiungere il nodo di archiviazione in seguito come
descritto nel passaggio 2.
f. Procedere con l'installazione.
2. Aggiungere il nodo di archiviazione al server di gestione. Ignorare questo passaggio se il nodo di
archiviazione è stato registrato durante l'installazione.
a. Connettere la console al server di gestione, quindi fare clic su Nodi di archiviazione nel
riquadro Navigazione.
b. Fare clic su
Aggiungi, quindi procedere come descritto in "Aggiunta di un nodo di
archiviazione a un server di gestione" (p. 239).
3. Creare un deposito centralizzato gestito.
a. Se non è connessa, connettere la console al server di gestione, quindi fare clic su Nodi di
archiviazione nel riquadro Navigazione.
b. Selezionare il nodo di archiviazione, quindi fare clic su
Crea deposito. Viene aperta la
pagina Creazione di deposito gestito, con il nodo di archiviazione preselezionato. Eseguire i
passaggi rimanenti per creare il deposito come descritto in "Creazione di un deposito
centralizzato gestito" (p. 196).
Dettagli. Quando vengono specificati i percorsi del deposito e del database di deduplicazione,
seguire le raccomandazioni descritte in "Best practice per la deduplicazione" (p. 251).
Backup nel nodo di archiviazione
Creare un piano di backup locale (p. 58) o centralizzato (p. 382). Quando si crea il piano di backup,
specificare il deposito gestito come destinazione per l'archiviazione dei backup.
Ripristino dal nodo di archiviazione
Seguire i passaggi regolari descritti in "Creazione di un'attività di ripristino" (p. 140).
Gestione dei nodi di archiviazione
1. Collegare la console al server di gestione.
2. Nel riquadro Navigazione, fare clic su Nodi di archiviazione.
3. Selezionare il nodo di archiviazione; quindi eseguire le operazioni richieste come descritto in
"Azioni sui nodi di archiviazione" (p. 238).
7.5.5
Privilegi utente in un nodo di archiviazione
Gli account utente possono avere un ambito diverso rispetto ai privilegi degli utenti in Acronis
Backup Storage Node.
1. Acronis Centralized Admins: amministratori del server di gestione, membri del gruppo Acronis
Centralized Admins. Gli Acronis Centralized Admins possono:
236


Creare depositi centralizzati gestiti dal nodo di archiviazione.

Visualizzare e gestire qualunque archivio in qualunque deposito centralizzato gestito dal
nodo di archiviazione.
Aggiungere, modificare o rimuovere account degli amministratori del deposito e degli utenti
del deposito.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Gestire l'indicizzazione e la compattazione, come descritto in "Azioni sui nodi di
archiviazione" (p. 238).
2. Amministratori del deposito: account di gruppo o utente sul nodo di archiviazione, selezionati
dall'amministratore del server di gestione durante la creazione o la modifica di un deposito. Gli
amministratori del deposito possono visualizzare e gestire qualunque archivio nel deposito
gestito specificato. Per impostazione predefinita, il gruppo Administrators sul nodo di
archiviazione viene aggiunto agli Amministratori del deposito.
3. Utenti del deposito: account di gruppo o utente sul nodo di archiviazione, selezionati
dall'amministratore del server di gestione durante la creazione o la modifica di un deposito. Gli
utenti del deposito possono visualizzare e gestire solo i propri archivi nel deposito. Per
impostazione predefinita, il gruppo Everyone sul nodo di archiviazione viene aggiunto agli
amministratori del deposito.
Raccomandazioni relative agli account utenti
Per concedere agli utenti l'accesso a depositi centralizzati gestiti da un nodo di archiviazione,
accertarsi che tali utenti dispongano di un privilegio di accesso al nodo di archiviazione dalla rete.
Se sia le macchine degli utenti che la macchina con il nodo di archiviazione si trovano in un dominio
Active Directory, probabilmente non è necessaria l'esecuzione di ulteriori operazioni: tutti gli utenti
generalmente sono membri del gruppo di utenti del dominio, per cui possono accedere al nodo di
archiviazione.
In alternativa, è necessario creare account utenti nella macchina in cui è installato il nodo di
archiviazione. Si raccomanda di creare un account utente distinto per ogni utente che accederà al
nodo di archiviazione, in modo che gli utenti possano accedere solo agli archivi che possiedono.
Ulteriore privilegio degli amministratori della macchina
Un utente del deposito membro del gruppo Administrators in una macchina può visualizzare e
gestire gli archivi creati da tale macchina in un deposito gestito, a prescindere dal tipo di tale account
utente nel nodo di archiviazione.
Esempio
Si supponga che due utenti in una macchina, Utente A e Utente B, eseguano backup da questa
macchina in un deposito centralizzato gestito da un nodo di archiviazione. Nel nodo di archiviazione,
consentire a questi utenti di essere aggiunti come utenti regolari (account non amministrativi),
UtenteA_SN e UtenteB_SN, rispettivamente. Durante la creazione di un deposito gestito, entrambi gli
account sono stati aggiunti come utenti del deposito.
Normalmente, UtenteA può accedere solo agli archivi creati da UtenteA (e di proprietà di
UtenteA_SN), mentre UtenteB può accedere solo agli archivi creati da UtenteB (e di proprietà di
UtenteB_SN).
Tuttavia, se UtenteA è membro del gruppo Administrators nella macchina, può accedere anche agli
archivi creati da questa macchina da UtenteB, anche se l'account di UtenteA nel nodo di
archiviazione non è di tipo regolare.
237
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
7.5.6
7.5.6.1
Operazioni con i nodi di archiviazione
Azioni sui nodi di archiviazione
Per accedere alle azioni
1. Collegare la console al server di gestione.
2. Nel riquadro Navigazione, fare clic su Nodi di archiviazione.
3. Le azioni vengono eseguite facendo clic sui pulsanti corrispondenti presenti sulla barra degli
strumenti.
A
Azione
Aggiungere di un nodo 1. Fare clic su
Aggiungi.
di archiviazione al
2. Nella finestra Aggiungi un nodo di archiviazione (p. 239), indicare la macchina
management server
su cui è installato il nodo di archiviazione.
L'aggiunta di un nodo di archiviazione stabilisce una relazione di fiducia tra il
management server e il nodo di archiviazione, come quando si aggiungono delle
macchine al server. Una volta che il nodo di archiviazione è aggiunto al
management server, sul nodo sarà possibile creare dei depositi gestiti.
Rimuovere un nodo di
archiviazione dal
management server
1. Selezionare il nodo di archiviazione da rimuovere.
2. Fare clic su
Rimuovi.
Una volta che il nodo di archiviazione è stato rimosso dal management server, i
depositi gestiti dal nodo non verranno più visualizzati nell'elenco depositi (p. 191) e
non saranno più disponibili per l'esecuzione delle operazioni. Tutti i piani e le
attività che utilizzano questi depositi non verranno utilizzati. Non verrà eseguita
nessuna operazione su tutti i database e i depositi di questo nodo di archiviazione.
Il nodo di archiviazione precedentemente rimosso può essere aggiunto
nuovamente al management server. Di conseguenza, tutti i depositi gestiti dal
nodo di archiviazione verranno visualizzati nell'elenco depositi e saranno
nuovamente disponibili per tutti i piani e le attività che utilizzavano tali depositi.
Creare un deposito
centralizzato gestito
sul nodo di
archiviazione
selezionato
1. Selezionare il nodo di archiviazione che gestirà il deposito.
Visualizzare i dettagli
del nodo di
archiviazione
1. Selezionare il nodo di archiviazione.
2. Fare clic su
Crea deposito.
Viene aperta la pagina Creazione di deposito gestito (p. 196), con il nodo di
archiviazione preselezionato. Eseguire i passaggi necessari alla creazione del
deposito.
2. Fare clic su
Visualizza dettagli.
Nella finestra Proprietà nodo di archiviazione (p. 239) (il suo contenuto è
duplicato sul pannello Informazioni nella parte inferiore della visualizzazione Nodi
di archiviazione), esaminare le informazioni sul nodo di archiviazione e sui depositi
gestiti da questo nodo.
Eseguire, terminare o
pianificare
nuovamente la
compattazione
238
1. Selezionare il nodo di archiviazione.
2. Fare clic su
Visualizza dettagli.
Nella finestra Proprietà nodo di archiviazione (p. 239), fare clic sui collegamenti
Esegui compattazione, Termina o Pianificazione compattazione rispettivamente.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
A
Azione
Eseguire o terminare
l'indicizzazione
1. Selezionare il nodo di archiviazione.
2. Fare clic su
Visualizza dettagli.
Nella finestra Proprietà nodo di archiviazione (p. 239), fare clic sui collegamenti
Esegui indicizzazione o Termina rispettivamente.
Aggiornare l'elenco dei Fare clic su
Aggiorna.
nodi di archiviazione
La console di gestione aggiornerà l'elenco dei nodi di archiviazione sulla base delle
informazioni più recenti presenti sul management server. L'elenco dei nodi di
archiviazione viene aggiornato automaticamente in base agli eventi. Tuttavia, i dati
potrebbero non venire recuperati immediatamente a causa di una certa latenza. La
visualizzazione dei dati più recenti è garantita dall'aggiornamento manuale.
7.5.6.2
Aggiunta di un nodo di archiviazione al management server
Modalità di aggiunta di un nodo di archiviazione
1. Nel campo IP/nome, immettere il nome o l'indirizzo IP della macchina dove si trova il nodo di
archiviazione oppure fare clic su Sfoglia... e cercare la macchina all'interno della rete.
Utilizzare il FQDN (Fully-Qualified Domain Name) del nodo di archiviazione, cioè il nome dominio
completo che termina con un dominio di livello superiore. Non immettere “127.0.0.1” o
“localhost” come nome/IP del nodo di archiviazione. Queste impostazioni non sono adatte
neppure se il management server e il nodo di archiviazione si trovano sulla stessa macchina, in
quanto una volta distribuito il piano di backup centralizzato che utilizza il nodo di archiviazione,
ogni agente tenterà di accedere al nodo di archiviazione come se fosse installato sull'host
dell'agente.
2. Per fornire un account utente valido per la macchina, fare clic su Opzioni>> e specificare:

Nome utente. Quando si immette il nome di un account utente di Active Directory,
assicurarsi di indicare anche il nome del dominio (DOMINIO\nomeutente o
[email protected]). L'account utente deve far parte del gruppo amministratori della
macchina.

Password. La password dell'account.
Selezionare la casella Salva password per memorizzare la password dell'account.
3. Fare clic su OK.
Poiché la registrazione richiede la partecipazione del nodo di archiviazione, non può avvenire quando
la macchina non è in linea.
7.5.6.3
Proprietà nodo di archiviazione
La finestra Proprietà nodo di archiviazione raccoglie su quattro schede tutte le informazioni sul nodo
di archiviazione selezionato di Acronis Backup. Queste informazioni vengono duplicate anche nel
riquadro Informazioni.
Proprietà nodo di archiviazione
Questa scheda visualizza le seguenti informazioni sul nodo di archiviazione selezionato:


239
Nome: il nome della macchina dove è installato il nodo di archiviazione.
Disponibilità:
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Sconosciuto: questo status viene visualizzato finché non viene stabilita la prima connessione
tra il management server e il nodo di archiviazione dopo l'aggiunta di quest'ultimo o l'avvio
del servizio del management server.

In linea: il nodo di archiviazione è disponibile per il management server. Questo significa che
l'ultima connessione del management server è stata completata. La connessione viene
stabilita ogni 2 minuti.


Non in linea: il nodo di archiviazione non è disponibile.
Ritirato: il nodo di archiviazione è stato registrato su un altro management server. Di
conseguenza, non è possibile controllare il nodo dal management server attuale.



IP: l'indirizzo IP della macchina dove è installato il nodo di archiviazione.

Indicizzazione: l'attività di indicizzazione duplica i dati salvati nel deposito di deduplicazione
durante un backup. L'indicizzazione viene sempre eseguita al termine di un backup. Per ulteriori
informazioni sull'indicizzazione, consultare "Funzionamento della deduplicazione" (p. 248).


Archivi: il numero totale degli archivi presenti in tutti i depositi gestiti dal nodo di archiviazione
Backup: il numero totale dei backup presenti in tutti gli archivi di tutti i depositi gestiti dal nodo
di archiviazione.

Inattiva: l'indicizzazione non è in esecuzione. È possibile avviare l'indicizzazione selezionando
il collegamento Esegui indicizzazione.

In esecuzione: l'indicizzazione è in esecuzione. È possibile terminare l'indicizzazione
selezionando il collegamento Termina. Poiché l'indicizzazione è una procedura che richiede
molte risorse, potrebbe essere necessario terminarla per allocare più risorse ad altri processi
più importanti al momento. Si consiglia di terminare l'indicizzazione solo se assolutamente
necessario, e di eseguirla nuovamente non appena possibile. Più si ritarda l'indicizzazione,
maggiore sarà la quantità di dati non deduplicati nel deposito e maggiore sarà lo spazio del
disco occupato.
Compattazione: l'attività di compattazione elimina dall'archivio dei dati della deduplicazione i
blocchi che non hanno più riferimenti. Per ulteriori informazioni sulla compattazione, consultare
la sezione "Funzionamento della deduplicazione" (p. 248).

Inattiva: la compattazione non è in esecuzione. È possibile avviare la compattazione
selezionando il collegamento Esegui compattazione.

In esecuzione: la compattazione è in esecuzione. È possibile terminare la compattazione
selezionando il collegamento Termina.
Pianificazione compattazione: i parametri di pianificazione dell'attività di compattazione. Fare
clic sul collegamento Pianificazione compattazione per ripianificare l'attività di compattazione.
Solo gli eventi temporali (pianificazioni giornaliere (p. 89), settimanali (p. 91) e mensili (p. 93))
sono disponibili per la configurazione. L'impostazione predefinita è: Avvia l'attività ogni 1
settimana di domenica alle 03.00.00.
Statistiche
Questa scheda fornisce informazioni sulle dimensioni dei dati originali e del backup in tutti i depositi
gestiti del nodo di archiviazione selezionato.
Depositi
Questa scheda visualizza un elenco dei depositi gestiti dal nodo di archiviazione selezionato. Fare clic
su
Aggiorna per aggiornare l'elenco dei depositi con le informazioni più recenti dal management
server.
240
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Indicizzazione
Questa scheda consente di esaminare lo stato corrente dell'indicizzazione dei depositi di
deduplicazione del nodo di archiviazione e di esaminare la data e l'ora dell'ultima esecuzione.
7.5.6.4
Configurazione di un nodo di archiviazione con il modello
amministrativo Acronis
Di seguito sono riportati i parametri di Acronis Backup Storage Node che è possibile impostare
utilizzando il modello amministrativo Acronis. Per informazioni su come applicare il modello
amministrativo, vedere Modalità di caricamento del modello amministrativo Acronis (p. 428).
Parametri relativi alla compattazione
Quando i backup vengono eliminati da un deposito di deduplicazione, l'archivio dati di
deduplicazione (p. 248) di quest'ultimo potrebbe contenere blocchi di dati non utilizzati (elementi) a
cui non fa più riferimento nessun backup. Il nodo di archiviazione elabora l'archivio dei dati per
eliminare gli elementi inutilizzati. Questa operazione viene chiamata compattazione. La
compattazione viene eseguita dall'attività di compattazione.
Ogni volta che l'attività di compattazione viene avviata, il nodo di archiviazione determina se
eseguire la compattazione. Per eseguire questa operazione, il nodo di archiviazione:
1. Verifica le dimensioni dei dati del backup che è stato eliminato dal deposito dall'ultima
compattazione.
2. Utilizza il parametro Soglia stima approssimativa dell'attivazione della compattazione per
stabilire se queste dimensioni, relative alle dimensioni dei dati del backup rimanenti, siano
significative.
3. In questo caso, utilizza il parametro Soglia di attivazione della compattazione per determinare
se l'archivio dati di deduplicazione contenga un numero significativo di elementi inutilizzati. In
questo caso, il nodo di archiviazione esegue la compattazione.
I parametri sono i seguenti.
Soglia stima approssimativa dell'attivazione della compattazione
Descrizione: specifica le dimensioni relative dei dati del backup che rimangono in un deposito di
deduplicazione, al di sotto delle quali viene eseguito il controllo degli elementi inutilizzati
(consultare il parametro Soglia di attivazione della compattazione ).
Valori possibili: Qualunque numero intero compreso tra 0 e 100
Valore predefinito: 90
Il parametro Soglia stima approssimativa dell'attivazione della compattazione consente di
ignorare il controllo degli elementi inutilizzati (e quindi di ignorare la deduplicazione) quando il
contenuto del deposito non è cambiato in maniera significativa.
Maggiore è il valore di questo parametro, maggiore sarà la frequenza di controllo degli elementi
inutilizzati. Il valore 100 indica che il controllo verrà eseguito ogni volta che viene avviata l'attività
di compattazione.
Funzionamento. Si ipotizzi che il valore del parametro sia 90 e che il deposito contenga 100 GB di
dati dei backup. Non è importante se questi dati hanno duplicati. Quindi, si eliminano alcuni
backup e le dimensioni dei dati del backup diventano pari a 80 GB. In questo caso:
le dimensioni dei dati eliminati sono 20 GB e le dimensioni dei dati rimanenti sono 80 GB. Il
rapporto dei dati rimanenti è quindi 20 GB / 80 GB = 0,25, o 25%.
241
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Il nodo di archiviazione calcola le dimensioni relative dei dati rimanenti come 100 % – 25 % =
75 %.
Poiché queste dimensioni relative sono inferiori a 90%, il nodo di archiviazione avvia il controllo
degli elementi inutilizzati.
Soglia di attivazione della compattazione
Descrizione: specifica la percentuale di elementi utilizzati nell'archivio dei dati di deduplicazione
in cui viene eseguita la compattazione.
Valori possibili: Qualunque numero intero compreso tra 0 e 100
Valore predefinito: 90
Poiché la compattazione è un'operazione che utilizza molte risorse, deve essere eseguita solo
quando il numero di elementi non utilizzati è significativo.
Il parametro Soglia di attivazione della compattazione consente di configurare un equilibrio tra
lo spazio extra necessario per archiviare elementi inutilizzati e la frequenza della compattazione.
Maggiore è il valore di questo parametro, minori saranno gli elementi inutilizzati consentiti
nell'archivio dei dati, ma la compattazione verrà eseguita con maggiore frequenza.
Il controllo viene eseguito solo dopo aver controllato la percentuale dei dati del backup
rimanenti nel deposito (consultare Soglia stima approssimativa dell'attivazione della
compattazione).
Altri parametri
Regole di pulizia dei registri
Specifica come pulire il registro del nodo di archiviazione.
Questo parametro contiene le seguenti impostazioni:
Dimensioni massime
Descrizione: specifica le dimensioni massime della cartella del registro del nodo di
archiviazione, in kilobyte.
Valori possibili: Qualunque numero intero compreso tra 0 e 2147483647
Valore predefinito: 1048576 (ovvero 1 GB)
Percentuale da conservare
Descrizione: specifica la percentuale delle dimensioni massime del registro da conservare alla
cancellazione.
Valori possibili: Qualunque numero intero compreso tra 0 e 100
Valore predefinito: 95
Limite di connessioni client
Descrizione: specifica il numero massimo di connessioni simultanee al nodo di archiviazione da
parte degli agenti che eseguono il backup, il ripristino oppure operazioni con gli archivi (come
convalida, replica o pulizia).
Valori possibili: Qualunque numero intero compreso tra 1 e 2147483647
Valore predefinito: 10
Gli agenti di Acronis Backup si connettono al nodo di archiviazione per accedere ai suoi depositi
gestiti durante il backup, il ripristino o per eseguire un'operazione con un archivio. Il parametro
Limite di connessione client stabilisce il numero massimo di tali connessioni che il nodo di
archiviazione può gestire contemporaneamente.
Quando viene raggiunto il limite, il nodo di archiviazione utilizza la coda di backup (vedere il
parametro successivo) per agenti in attesa della connessione.
242
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Consultare anche il parametro Limite di connessione operazioni rapide.
Limite coda backup
Descrizione: specifica il numero massimo di agenti nella coda di backup del nodo di archiviazione.
Valori possibili: Qualunque numero intero compreso tra 1 e 2147483647
Valore predefinito: 50
La coda di backup è un elenco di agenti in attesa della connessione al nodo di archiviazione per il
backkup, il ripristino o un'operazione con un archivio (vedere il parametro precedente). Questo
elenco include anche gli agenti al momento connessi al nodo di archiviazione a questo scopo.
Se un agente prova a stabilire questa connessione quando il numero di agenti nella coda di
backup è pari al valore in Limite coda backup, il nodo di archiviazione non colloca l'agente nella
coda.
In questo caso, la connessione dell'agente al nodo di archiviazione fallisce. L'attività
corrispondente termina con lo stato Errore.
Consultare anche il parametro Limite coda operazioni rapide.
Limite di connessione operazione rapida
Descrizione: specifica il numero massimo di connessioni simultanee al nodo di archiviazione per
scopi diversi dal backup, ripristino e operazioni con archivi.
Valori possibili: Qualunque numero intero compreso tra 1 e 2147483647
Valore predefinito: 20
I componenti di Acronis Backup si possono connettere al nodo di archiviazione per visualizzare il
contenuto di un deposito e per operazioni rapide. Il parametro Limite di connessione operazioni
rapide stabilisce il numero massimo di tali connessioni che il nodo di archiviazione può gestire
contemporaneamente.
Quando viene raggiunto questo limite, il nodo di archiviazione utilizza la coda chiamata coda
delle operazioni rapide (vedere parametro successivo) per i componenti in attesa della
connessione.
Consultare anche il parametro Limite di connessione client.
Limite coda operazioni rapide
Descrizione: specifica il numero massimo di componenti di Acronis Backup nella coda delle
operazioni rapide (vedere parametro precedente).
Valori possibili: Qualunque numero intero compreso tra 1 e 2147483647
Valore predefinito: 100
La coda delle operazioni rapide è un elenco di componenti in attesa della connessione per
operazioni rapide come la visualizzazione del contenuto di un deposito.
Quando il numero di componenti in questa coda è uguale al valore in Limite coda operazioni
rapide e un altro componente tenta di stabilire una connessione, il nodo di archiviazione non
colloca il componente nella coda. In questo caso, l'operazione corrispondente fallisce.
Consultare anche il parametro Limite coda di backup.
Percorso database metadati del deposito
Descrizione: specifica il percorso della cartella in cui sono archiviati i database del deposito,
chiamati anche database dei metadati.
Valori possibili: qualunque stringa di lunghezza tra 0 e 32765 caratteri
Valore predefinito: Stringa vuota
243
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Una stringa vuota indica la cartella %ALLUSERSPROFILE%\Application
Data\Acronis\BackupAndRecovery\ASN\VaultMetadataDatabases (in Windows XP e Server 2003)
o %PROGRAMDATA%\Acronis\BackupAndRecovery\ASN\VaultMetadataDatabases (in Windows
Vista e versioni successive di Windows).
Il database di un deposito contiene informazioni sugli archivi e i backup archiviati nel deposito.
Quando si crea o si collega un deposito, il nodo di archiviazione posiziona il database del deposito
nella cartella determinata da questo parametro.
La modifica di questo parametro non influisce sui database dei depositi esistenti. Per spostare
questi database nella nuova cartella, scollegare (p. 194) i depositi corrispondenti, quindi collegarli
(p. 201) allo stesso nodo di archiviazione.
Percorso database di deduplicazione
Descrizione: specifica il percorso in cui vengono memorizzati i database di deduplicazione.
Valori possibili: qualunque stringa di lunghezza tra 0 e 32765 caratteri
Valore predefinito: Stringa vuota
Una stringa vuota indica che il percorso deve essere inserito manualmente.
Un database di deduplicazione contiene i valori hash di tutti gli elementi di dati memorizzati in un
deposito, eccetto quelli non deduplicabili. Quando si crea un deposito di deduplicazione, il nodo
di archiviazione posiziona il database di deduplicazione del deposito nella cartella determinata da
questo parametro. Per ottenere prestazioni migliori, posizionare il database su un'unità disco
diversa da quella utilizzata per l'archiviazione dei backup.
La modifica di questo parametro non influisce sui database di deduplicazione esistenti.
Controlla valore hash sul server
Descrizione: specifica se controllare i valori hash dei blocchi di dati inviati a un deposito di
deduplicazione
Valori possibili: Abilitato o Disabilitato
Valore predefinito: Disabilitata
Quando un blocco di dati viene inviato a un deposito di deduplicazione, l'agente invia anche
l'impronta digitale del blocco, nota come valore hash.
Il parametro Controlla valore hash sul server determina se il nodo di archiviazione deve
assicurare che il valore hash corrisponda al blocco di dati. Questo controllo comporta un carico
aggiuntivo per il nodo di archiviazione.
Di solito, il controllo non è necessario. È possibile impostare questo parametro su Abilitato per
rendere la procedura di deduplicazione più sicura.
Se il controllo rivela una mancata corrispondenza tra il blocco di dati e il suo valore hash,
l'operazione di backup non va a buon fine.
Avvisi e limiti dei depositi
Specifica la quantità di spazio disponibile in un deposito (sia come valore assoluto che come
percentuale) al di sotto del quale viene registrato nel log un avviso o un errore.
Questo parametro contiene le seguenti impostazioni:
Limite di avviso di spazio libero del deposito
Descrizione: specifica la quantità di spazio disponibile in un deposito gestito, in megabyte,
al di sotto della quale nel registro del nodo di archiviazione viene registrato un avviso.
Valori possibili: Qualunque numero intero compreso tra 0 e 2147483647
Valore predefinito: 200
244
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Lo spazio disponibile del deposito è la quantità di spazio disponibile nel supporto, ad
esempio il volume di un disco, che archivia il deposito.
Quando la quantità di spazio disponibile in un deposito è uguale o inferiore al valore in
Limite di avviso di spazio libero del deposito, nel registro del nodo di archiviazione viene
registrato un avviso. Gli avvisi relativi al nodo di archiviazione possono essere visualizzati
nel Pannello di controllo.
Percentuale di avviso spazio libero del deposito
Descrizione: specifica la quantità di spazio disponibile in un deposito gestito, sotto forma
di percentuale della relativa dimensione totale, al di sotto della quale nel registro del
nodo di archiviazione viene registrato un avviso.
Valori possibili: Qualunque numero intero compreso tra 0 e 100
Valore predefinito: 10
La dimensione totale di un deposito è lo spazio disponibile del deposito a cui si aggiunge
la dimensione di tutti gli archivi in esso contenuti.
Si supponga, ad esempio, che due depositi, Deposito A e Deposito B, siano entrambi
archiviati nel volume di un disco. Si supponga, inoltre, che la dimensione degli archivi nel
Deposito A sia 20 GB e quella degli archivi nel Deposito B sia 45 GB.
Se il volume ha 5 GB di spazio disponibile, la dimensione totale del Deposito A è
20 GB + 5 GB = 25 GB, e quella del Deposito B è 45 GB + 5 GB = 50 GB, a prescindere
dalla dimensione del volume.
La percentuale di spazio disponibile in un deposito è lo spazio disponibile del deposito
diviso la dimensione totale del deposito. Nell'esempio precedente, il Deposito A dispone
di 5 GB / 25 GB = 20% di spazio disponibile, mentre il Deposito B ha 5 GB / 50 GB = 10%
di spazio disponibile.
Quando la percentuale di spazio disponibile in un deposito è uguale o inferiore al valore
in Percentuale di avviso di spazio libero del deposito, nel registro del nodo di
archiviazione viene registrato un avviso. Gli avvisi relativi al nodo di archiviazione
possono essere visualizzati nel Pannello di controllo.
Nota: i parametri Limite di avviso di spazio libero del deposito e Percentuale di avviso di spazio libero
del deposito sono tra loro indipendenti. Ogni volta che viene raggiunta una delle soglie, viene registrato un
avviso.
Limite di errore di spazio libero del deposito
Descrizione: specifica la quantità di spazio disponibile in un nodo gestito, in megabyte, al
di sotto della quale nel registro del nodo di archiviazione viene registrato un errore e i
backup nel deposito non sono consentiti.
Valori possibili: Qualunque numero intero compreso tra 0 e 2147483647
Valore predefinito: 50
Quando la quantità di spazio disponibile in un deposito è uguale o inferiore al valore in
Limite di errore di spazio libero del deposito, nel registro del nodo di archiviazione viene
registrato un errore. I backup eseguiti nel deposito continueranno a non andare a buon
fine fino a quando lo spazio disponibile del deposito non sarà superiore al limite.
Limite di avviso di spazio libero del database del deposito
Descrizione: specifica la quantità di spazio disponibile, in megabyte, nel volume
contenente un database del deposito gestito, al di sotto della quale viene registrato un
avviso nel registro del nodo registro di archiviazione.
Valori possibili: Qualunque numero intero compreso tra 0 e 2147483647
Valore predefinito: 20
245
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Se la quantità di spazio disponibile nel volume contenente il database di un deposito
gestito è inferiore al valore in Limite di avviso di spazio libero del database del deposito,
nel registro del nodo di archiviazione viene registrato un avviso che indica il deposito in
questione. Gli avvisi relativi al nodo di archiviazione possono essere visualizzati nel
Pannello di controllo.
Il database viene archiviato nel nodo di archiviazione in una cartella locale il cui nome è
specificato dal parametro Percorso database metadati deposito.
Limite Errore Spazio Disponibile Database Deposito
Descrizione: specifica la quantità di spazio disponibile nel volume contenente un
database del deposito gestito, in megabyte, al di sotto della quale nel registro del nodo di
archiviazione viene registrato un errore e i backup nel deposito non sono consentiti.
Valori possibili: Qualunque numero intero compreso tra 0 e 2147483647
Valore predefinito: 10
Se la quantità di spazio disponibile nel disco contenente un database del nodo gestito è
inferiore al valore di Limite di errore di spazio libero del database del deposito, nel
registro del nodo di archiviazione viene registrato un errore. I backup eseguiti nel
deposito continueranno a non andare a buon fine fino a quando lo spazio disponibile non
sarà superiore al limite.
Gli errori del nodo di archiviazione possono essere visualizzati nel Pannello di controllo.
Il database viene archiviato nel nodo di archiviazione, in una cartella locale il cui nome è
specificato dal parametro Percorso database metadati deposito.
7.5.6.5
Configurazione di un nodo di archiviazione utilizzando il registro
di Windows
Catalogazione
Il seguente parametro abilita o disabilita la catalogazione su un nodo di archiviazione. Il parametro è
utile quando si esegue l'aggiornamento o quando il caricamento del catalogo dei dati richiede molto
tempo.
Il parametro è un valore di stringa che deve essere aggiunto manualmente alla chiave del Catalogo
corrispondente nel registro. Se questo parametro manca nel registro, la catalogazione è abilitata sul
nodo di archiviazione.
Abilitato
Valori possibili: 0 (disabilita la catalogazione) o 1 (abilita la catalogazione)
Chiave di registro:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Acronis\ASN\Configuration\Catalog\Enabled
Se la catalogazione è disabilitata, il nodo di archiviazione non catalogherà i backup nei depositi
gestiti. Per questo, la Visualizzazione dati e il Catalogo dati non visualizzeranno questi dati.
L'algoritmo di indicizzazione preferito
Per impostazione predefinita, un nodo di archiviazione viene configurato in modo da utilizzare
l'algoritmo di indicizzazione più recente, ove possibile. È possibile cambiare questo comportamento
utilizzando il parametro PreferedDedupIndex.
Valori possibili: 0 (usa l'algoritmo più recente), 1 (usa l'algoritmo precedente l'Aggiornamento 6) o 2
(usa l'algoritmo dell'Aggiornamento 6)
246
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Chiave di registro:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Acronis\ASN\Configuration\StorageNode\PreferedDedupInd
ex
Valore predefinito: 0
Il parametro si applica ai database i deduplicazione creati dopo che il parametro è stato modificato.
Per i database esistenti, l'algoritmo corrispondente viene selezionato automaticamente.
Impostazioni di allocazione della memoria
All'avvio, il servizio Acronis Storage Node assegna a se stesso una certa quantità di memoria per
mantenere l'indice e altri dati. Per impostazione predefinita, il nodo di archiviazione è configurato
per consumare 80% di RAM, ma per lasciare almeno 2 GB di RAM per il sistema operativo e altre
applicazioni. È possibile cambiare questo comportamento utilizzando i parametri
DatastoreIndexCacheMemoryPercent e DatastoreIndexReservedMemory.
La quantità di memoria allocata viene calcolata in base alla seguente regola:
Memoria allocata = percentuali DatastoreIndexCacheMemoryPercent, non superiore alla RAM totale
disponibile meno DatastoreIndexReservedMemory
Questa regola garantisce un equilibrio tra le prestazioni del nodo di archiviazione e i requisiti di
memoria del sistema operativo, per i sistemi la cui RAM è compresa tra 8 e 64 gigabyte e oltre. Se il
server ha grandi quantità di RAM, il nodo di archiviazione occupa la maggior parte della memoria per
migliorare le prestazioni. Se il server ha una scarsa quantità di RAM (meno di 10 GB con i valori dei
parametri predefiniti), il nodo di archiviazione riserva la quantità di memoria fissa per il sistema
operativo.
DatastoreIndexCacheMemoryPercent
Valori possibili:Qualunque numero intero compreso tra 0 e 100, in percentuale.
Chiave di registro:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Acronis\ASN\Configuration\StorageNode\DatastoreIndexCac
heMemoryPercent
Valore predefinito: 80%
Per applicare la modifica, riavviare il servizio Acronis Storage Node.
DatastoreIndexReservedMemory
Valori possibili: Da 0 fino a di dimensione RAM, in megabyte
Chiave di registro:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Acronis\ASN\Configuration\StorageNode\DatastoreIndexRes
ervedMemory
Valore predefinito: 2048 MB
Per applicare la modifica, riavviare il servizio Acronis Storage Node.
7.5.7
Deduplicazione
In questa sezione viene descritta la deduplicazione, un meccanismo che ha lo scopo di eliminare la
ripetizione dei dati memorizzando dati identici negli archivi una sola volta.
247
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
7.5.7.1
Panoramica
La deduplicazione è un processo con cui si riduce al minimo lo spazio di archiviazione occupato dai
dati, grazie alla rilevazione delle ripetizioni dei dati e all'archiviazione di dati identici una sola volta.
La deduplicazione, inoltre, può ridurre il carico della rete: se durante un backup si scopre che alcuni
dati sono il duplicato di dati già archiviati, il relativo contenuto non viene trasferito nella rete.
Acronis Backup deduplicherà i backup salvati in un deposito gestito se si abilita la deduplicazione
durante la creazione del deposito. Un deposito in cui è abilitata la deduplicazione viene detto
deposito di deduplicazione.
La deduplicazione viene eseguita sui blocchi di dati. Le dimensioni del blocco sono 4 KB per i backup
a livello del disco e da 1 B a 256 KB per i backup a livello di file. Ogni file di dimensioni inferiori a 256
KB è considerato un blocco di dati. I file di dimensioni superiori a 256 KB vengono suddivisi in blocchi
da 256 KB.
Acronis Backup esegue la deduplicazione in due passaggi:
Deduplicazione nell'origine
Viene eseguita in una macchina gestita durante il backup. L'agente utilizza il nodo di
archiviazione per determinare i dati che è possibile deduplicare e non trasferisce i blocchi di dati i
cui duplicati sono già presenti nel deposito.
Deduplicazione nella destinazione
Viene eseguita nel deposito al termine di un backup. Il nodo di archiviazione analizza il contenuto
del deposito ed esegue la deduplicazione dei dati nel deposito.
Quando viene creato un piano di backup, per tale piano è possibile disattivare la deduplicazione
nell'origine. In tal modo è possibile velocizzare i backup, anche se il carico sulla rete e sul nodo di
archiviazione è maggiore.
Database di deduplicazione
Acronis Backup Storage Node gestendo un deposito di deduplicazione conserva il database di
deduplicazione che contiene i valori hash di tutti i blocchi di dati archiviati nel deposito, tranne quelli
che non è possibile deduplicare, ad esempio file crittografati.
Il database di deduplicazione è conservato nella cartella locale del nodo di archiviazione. È possibile
specificare il percorso del database durante la creazione del deposito.
La dimensione del database di deduplicazione è pari a circa 1,5% della dimensione totale dei dati
unici archiviati nel deposito. In altre parole, ogni terabyte di nuovi dati (non duplicati) aggiunge circa
15 GB al database.
Se il database è danneggiato o il nodo di archiviazione va perduto, mentre il deposito conserva il
proprio contenuto, il nuovo nodo di archiviazione analizza nuovamente il deposito e crea
nuovamente il database del deposito e poi il database di deduplicazione.
7.5.7.2
Funzionamento della deduplicazione
Deduplicazione nell'origine
Quando si esegue un backup in un deposito di deduplicazione, Acronis Backup Agent calcola
un'impronta digitale di ogni blocco di dati. Tale impronta digitale è chiamata spesso valore hash.
248
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Prima di inviare il blocco di dati al deposito, l'agente interroga il database di deduplicazione per
stabilire se il valore hash del blocco corrisponde a quello di un blocco già archiviato. In tal caso,
l'agente invia solo il valore hash; in caso contrario, invia il blocco stesso. Il nodo di archiviazione
consente di salvare i blocchi di dati ricevuti in un file temporaneo.
Alcuni dati, come i file crittografati o i blocchi del disco di dimensioni non standard, non possono
essere deduplicati. L'agente trasferisce sempre tali dati al deposito senza calcolare i valori hash. Per
ulteriori informazioni sulle limitazioni della deduplicazione, vedere Limitazioni della deduplicazione (p.
253).
Quando la procedura di backup è terminata, il deposito contiene il backup derivante e il file
temporaneo con i blocchi di dati unici. Il file temporaneo verrà elaborato nella fase successiva. Il
backup (file TIB) contiene valori hash e i dati che non possono essere deduplicati. L'ulteriore
elaborazione di questo backup non è necessaria. È possibile ripristinare prontamente i dati da esso.
Deduplicazione nella destinazione
Al termine di un backup in un deposito di deduplicazione, il nodo di archiviazione esegue l'attività di
indicizzazione. Questa attività deduplica i dati nel deposito come segue:
1. Sposta i blocchi di dati dal file temporaneo a un file speciale nel deposito, archiviando gli
elementi duplicati al suo interno una sola volta. Questa cartella viene detta archivio dei dati di
deduplicazione.
2. Salva i valori hash e i collegamenti necessari per "assemblare" i dati deduplicati nel deposito di
deduplicazione.
3. Dopo aver spostato tutti i blocchi di dati, elimina il file temporaneo.
Di conseguenza, l'archivio dati contiene una serie di blocchi di dati unici. Ogni blocco dispone di uno
o più riferimenti dai backup. I riferimenti sono contenuti nel database di deduplicazione. I backup
rimangono intatti. Contengono valori hash e i dati che non è possibile deduplicare.
Il seguente diagramma illustra il risultato della deduplicazione alla destinazione.
249
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
L'attività di indicizzazione potrebbe richiedere molto tempo. È possibile visualizzare la condizione di
questa attività sul management server selezionando il nodo di archiviazione corrispondente e
facendo clic su Visualizza dettagli (p. 239). Inoltre, in questa finestra è possibile avviare o
interrompere manualmente.
Se si esegue il backup di una grande quantità di dati univoci, l'attività di indicizzazione potrebbe non riuscire a
causa della RAM insufficiente sul nodo di archiviazione. L'esecuzione dei backup non verrà interrotta. È possibile
aggiungere RAM aggiuntiva al nodo di archiviazione o eliminare i backup non necessari ed eseguire la
compattazione. Dopo il backup successivo, l'esecuzione dell'indicizzazione riprenderà.
Compattazione
Dopo l'eliminazione dal deposito di uno o più backup o archivi, manualmente o durante la pulizia,
l'archivio dati può contenere blocchi a cui non si fa più riferimento da nessun archivio. Tali blocchi
vengono eliminati dall'attività di compattazione, che consiste in un'attività pianificata eseguita dal
nodo di archiviazione.
Per impostazione predefinita, l'attività di compattazione viene eseguita ogni sabato notte alle 03:00.
È possibile pianificare nuovamente l'attività selezionando il nodo di archiviazione corrispondente,
facendo clic su Visualizza dettagli (p. 239) e selezionando Pianificazione di compattazione. Inoltre, è
possibile avviare o interrompere manualmente l'attività su tale scheda.
Poiché l'eliminazione di blocchi inutilizzati richiede molte risorse, l'attività di compattazione viene
eseguita solo quando è stata accumulata una quantità di dati sufficiente. La soglia viene stabilita dal
parametro di configurazione Soglia di attivazione della compattazione (p. 241).
7.5.7.3
Quando la deduplicazione è più efficace
Di seguito si riportano i casi in cui la deduplicazione si rivela più efficace:

Quando viene eseguito il backup in modalità backup completo da origini differenti. È il caso, ad
esempio, in cui si esegue il backup di sistemi operativi e applicazioni distribuite da una singola
origine in rete.

Quando vengono eseguiti backup incrementali di dati simili da origini differenti, purché anche le
modifiche ai dati siano simili. È il caso, ad esempio, in cui si distribuiscono gli aggiornamenti in
tali sistemi e si applica il backup incrementale.

Quando vengono eseguiti backup incrementali di dati che non cambiano, ma cambia solo la
relativa ubicazione. È il caso, ad esempio, in cui nella rete o in un sistema circolano più pezzi di
dati. Ogni volta che si sposta un pezzo di dati, viene incluso nel backup incrementale, che diventa
dimensionabile mentre non contiene nuovi dati. La deduplicazione contribuisce a risolvere il
problema: ogni volta che un elemento compare in una nuova posizione, invece dell'elemento in
sé viene salvato un riferimento all'elemento.
Deduplicazione e backup incrementali
Nel caso di modifiche casuali ai dati, la deduplicazione nel backup incrementale non avrà molto
effetto, a causa dei seguenti motivi:

Gli elementi deduplicati che non sono stati modificati non vengono inclusi nel backup
incrementale.

Gli elementi deduplicati che sono stati modificati non sono più identici e quindi non verranno
deduplicati.
250
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Deduplicazione e backup di database
La deduplicazione non è molto efficace per il backup di un database su base regolare. Ciò accade
perché le modifiche del database di solito sono uniche e quindi non possono essere deduplicate. Si
consiglia di eseguire il backup di database in un deposito non di deduplicazione.
7.5.7.4
Best practice per la deduplicazione
La deduplicazione è una procedura complessa che dipende da molti fattori.
I fattori più importanti che influenzano la velocità di deduplicazione sono:



La velocità di accesso al database di deduplicazione
La capacità della RAM del nodo di archiviazione
Il numero di depositi di deduplicazione creati sul nodo di archiviazione.
Per aumentare le prestazioni della deduplicazione, seguire le raccomandazioni di seguito.
Posizionare il database di deduplicazione e il deposito di deduplicazione su
periferiche fisiche separate
Per aumentare la velocità di accesso a un database di deduplicazione, il database e il deposito
devono essere posizionati su periferiche fisiche separate.
È meglio allocare periferiche dedicate al deposito e al database. Se non è possibile, almeno non
posizionare un deposito o un database sullo stesso disco del sistema operativo. Il motivo è che il
sistema operativo esegue un elevato numero di operazioni di lettura/scrittura dei dischi rigidi,
rallentando notevolmente la deduplicazione.
Selezione di un disco per un database di deduplicazione

Il database deve essere posizionato in un disco fisso. Non provare a posizionare il database di
deduplicazione su unità esterne rimovibili.

Il tempo minimo di accesso al disco è importante. La migliore scelta relativa al disco rigido è
un'unità SSD (Solid-State Drive) di livello aziendale, ma è accettabile l'utilizzo di un disco rigido
IDE (7200 RPM o più veloce) o di un'unità SCSI.

Il volume per l'archiviazione del database di deduplicazione deve disporre di almeno 10 GB di
spazio disponibile. Quando si esegue il backup di un gran numero di macchine, lo spazio
disponibile richiesto può superare 10 GB.

Lo spazio del disco richiesto per un database di deduplicazione può essere stimato utilizzando la
seguente formula:
D = U / 32 + 10
dove
D: dimensioni del disco, in GB
U: quantità prevista di dati univoci nell'archivio dei dati di deduplicazione, in GB.
Per esempio, se la quantità prevista di dati unici nell'archivio dei dati di deduplicazione è U=5 TB,
il database di deduplicazione richiederà che lo spazio disponibile del disco non sia inferiore a
D = 5*1024 / 32 + 10 = 170 GB
Selezione di un disco per un deposito di deduplicazione
Per prevenire la perdita dei dati, si consiglia l'utilizzo del RAID 10, 5 o 6. Il RAID 0 non è consigliato,
poiché non è a tolleranza d'errore. Il RAID 1 non è consigliato a causa della velocità relativamente
251
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
bassa. Non esistono preferenze in relazione alla scelta tra dischi locali e SAN, entrambe le opzioni
sono adatte.
3 GB di RAM per 1 TB di dati univoci
Non è necessario seguire questa indicazione se non si presentano problemi con le prestazioni della
deduplicazione. Tuttavia, se la deduplicazione è troppo lenta, l'aggiunta di ulteriore RAM al nodo di
archiviazione può accrescere in maniera significativa la velocità di deduplicazione.
In generale, più è la RAM disponibile, maggiori possono essere le dimensioni del database di
deduplicazione, ammesso che la velocità della deduplicazione sia la stessa.
Solo un deposito di deduplicazione su ciascun nodo di archiviazione
Si consiglia fortemente di creare solo un deposito di deduplicazione su un nodo di archiviazione. In
caso contrario, l'intero volume della RAM disponibile potrà essere distribuito in proporzione al
numero dei depositi.
Sistema operativo a 64 bit
Il nodo di archiviazione deve essere installato in un sistema operativo a 64 bit. La macchina
contenente il nodo di archiviazione non deve eseguire applicazioni che richiedono molte risorse di
sistema; per esempio, i sistemi Database Management Systems (DBMS) o Enterprise Resource
Planning (ERP).
Processore multi-core con frequenza di clock di almeno 2,5 GHz
Si consiglia di utilizzare un processore con numero di core non inferiore a 4 e frequenza di clock non
inferiore a 2,5 GHz.
Spazio disponibile nel deposito sufficiente
L'indicizzazione di un backup richiede una quantità di spazio disponibile pari a quella occupata dai
dati del backup subito dopo il loro salvataggio nel deposito. Senza la compressione o la
deduplicazione all'origine, questo valore è uguale alle dimensioni dei dati originali del backup
durante l'operazione di backup in questione.
LAN ad alta velocità
Consigliata LAN a 1 Gbit. Consentirà al software di eseguire 5-6 backup con deduplicazione in
parallelo e la velocità non diminuirà considerevolmente.
Backup di una macchina tipica prima di eseguire il backup di molte macchine con
contenuto simile
Quando si esegue il backup di molte macchine con contenuto simile, si consiglia di eseguire prima il
backup di una macchina e di attendere il termine dell'indicizzazione dei dati del backup.
Successivamente, il backup delle altre macchine verrà eseguito più rapidamente grazie all'efficienza
della deduplicazione. Poiché il backup della prima macchina è stato indicizzato, la maggior parte dei
dati si trova già nell'archivio dei dati di deduplicazione.
Backup di macchine diverse in momenti diversi
Se si esegue il backup di un gran numero di macchine, distribuire le operazioni nel corso del tempo.
Per eseguire questa operazione, creare molti piani di backup con pianificazioni diverse.
252
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Utilizzo della catalogazione rapida
L'indicizzazione di un backup inizia al termine della sua catalogazione. Per ridurre il tempo totale
necessario per l'elaborazione del backup, passare dalla catalogazione automatica (p. 116) alla
modalità rapida. È possibile avviare manualmente la catalogazione completa all'esterno della finestra
di backup.
Configurazione delle notifiche degli avvisi
Si consiglia di configurare le notifiche degli avvisi (p. 424) dei "Depositi" nelle opzioni del server di
gestione. Questo può aiutare a reagire prontamente a situazioni di anomalie. Per esempio, una
reazione tempestiva a un avviso "Deposito con spazio disponibile scarso" può aiutare a prevenire un
errore al backup successivo nel deposito.
7.5.7.5
Limitazioni della deduplicazione
Limitazioni comuni
Non è possibile eseguire la deduplicazione se gli archivi sono stati protetti con una password. I
blocchi di dati degli archivi protetti da password sono conservati nei backup come accadrebbe in un
deposito non di deduplicazione.
Se si desidera proteggere un archivio consentendone la deduplicazione, lasciare l'archivio senza
password di protezione e crittografare il deposito di duplicazione stesso con una password. Tale
operazione può essere effettuata in fase di creazione del deposito.
Backup a livello di disco
La deduplicazione dei blocchi del disco non viene eseguita se la dimensione dell'unità di allocazione
del volume (detta anche dimensione blocco o dimensione cluster) non è divisibile per 4 KB
Suggerimento: la dimensione dell'unità di allocazione nella maggior parte dei volumi NTFS ed ext3 è 4 KB.
Questo consente la deduplicazione a livello di blocco. Altri esempi di dimensioni di unità di allocazione che
consentono la deduplicazione a livello di blocco sono 8 KB, 16 KB e 64 KB.
Backup a livello di file
La deduplicazione di un file non viene eseguita se il file è crittografato e la casella di controllo Negli
archivi, memorizza i file crittografati in stato decrittografato nelle opzioni di backup non è
selezionata (deselezionata per impostazione predefinita).
Deduplicazione e flussi di dati NTFS
Nel file system NTFS, a un file può essere associata una o più serie di dati supplementari, spesso
denominati flussi di dati alternativi (Alternate Data Streams).
Quando questo tipo di file viene sottoposto a backup, viene eseguito il backup anche di tutti i relativi
flussi di dati alternativi. Questi flussi, tuttavia, non vengono mai deduplicati, anche quando viene
deduplicato il file stesso.
253
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
7.5.7.6
Come eseguire la migrazione alla deduplicazione
dell'Aggiornamento 6
Novità nella deduplicazione di Aggiornamento 6
A partire dall'Aggiornamento 6, Acronis Backup Storage Node ha un nuovo algoritmo di
indicizzazione per la deduplicazione lato server e un nuovo formato del database di deduplicazione.
Di conseguenza, si ottengono i seguenti miglioramenti:


È necessaria meno RAM per terabyte di dati univoci: 3 GB invece di 16 GB.
L'aumento della quantità di dati univoci archiviati non causa una riduzione delle prestazioni.
Ad esempio, la quantità minima di 8 GB di RAM consente di eseguire il backup e il ripristino (a livello
di disco) di 2.6 TB di dati univoci, senza alcuna riduzione delle prestazioni. Per i backup a livello di file,
il limite è superiore a 12 TB. Quando i dati raggiungono queste dimensioni, l'attività di indicizzazione
non riesce. Il messaggi di errore contiene l'esortazione ad aumentare la RAM. Tuttavia, l'esecuzione
dei backup non viene interrotta. Se si aggiunge più RAM al nodo di archiviazione, l'indicizzazione
verrà nuovamente eseguita nel backup successivo.
Nuovi parametri di configurazione (p. 246) consente all'utente di scegliere tra i nuovi algoritmi di
indicizzazione e quelli precedenti nonché di controllare l'allocazione di memoria del nodo di
archiviazione.
Come ricreare un database di deduplicazione
Il nuovo algoritmo di indicizzazione richiede il nuovo formato del database di deduplicazione. Per
applicare tale algoritmo a un deposito precedente, è necessario ricreate il database di deduplicazione
del deposito.
L'esportazione dei dati in un deposito appena creato non è consigliato poiché richiede tempo
aggiuntivo per t"assemblare" i dati deduplicati nonché spazio aggiuntivo per archiviarle
temporaneamente tali dati. Il reindirizzamento dei backup da un deposito precedente a uno nuovo
ha come conseguenza un backup completo dei dati e un rapporto di deduplicazione meno positivo
poiché i dati non vengono deduplicati tra i due depositi.
Esistono due metodi per ricreare i database di deduplicazione:

Ricollegare il deposito gestito
Se il deposito è crittografato, è necessario fornire la password di crittografia quando si ricollega il
deposito.

Modifica del percorso del database di deduplicazione
Il metodo richiede l'interruzione del servizio Acronis Storage Node.
Entrambi i metodi applicano lo stesso principio: se il nodo di archiviazione non trova il database, lo
ricrea da zero. La durata del processo dipende dalle dimensioni del datastore e dalla velocità I/O del
disco. In media, per 1 TB del datastore sono necessarie 3 ore. Nella sezione successiva viene descritto
come individuare il file di datastore.
254
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Come trovare il file di datastore
Utilizzare il percorso del deposito visualizzato nella relativa pagina:
Se viene visualizzato un percorso locale, quest'ultimo si trova sulla macchina con il nodo di
archiviazione.
Il file di datastore ha un'estensione *.ds.0 o *.ds.1. Due file con queste estensioni si trovano nel
deposito durante l'avanzamento della compattazione. Se si trovano due file, utilizzare la somma delle
loro dimensioni per una stima della durata dell'aggiornamento.
Ricollegare il deposito gestito
Questo metodo richiede che l'utente conosca la posizione dei file del database di deduplicazione.
Come trovare i file del database di deduplicazione
Utilizzare il percorso del database di deduplicazione visualizzato sulla pagina del deposito:
Le estensioni dei file del database di deduplicazione sono *.db3, *.db3-wal e *.db3-shm.
Ricollegare il deposito
La procedura può variare leggermente in base alla posizione in cui sono archiviati i file di database.
Se il deposito è crittografato, è necessario fornire la password di crittografia quando si ricollega il deposito.
I database di deduplicazione e i datastore si trovano in cartelle diverse
1. Prendere nota della cartella in cui sono archiviati i file precedenti del database di deduplicazione,
in modo da poter ripristinare lo stato precedente.
2. Scollegare il deposito gestito.
3. Collegare il deposito gestito. Durante il collegamento, specificare un'altra cartella in cui creare il
nuovo database di deduplicazione.
I database di deduplicazione e i datastore si trovano nella stessa cartella
1. Scollegare il deposito gestito.
2. Spostare i file precedente del database di deduplicazione in un'altra cartella.
3. Collegare il deposito gestito. Durante il collegamento, specificare gli stessi percorsi, incluso lo
stesso percorso del database di deduplicazione.
255
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Convalida del risultato
Una volta completata l'operazione, verificare che i file di database siano presenti nella cartella
corrispondente. I file del database per l'Aggiornamento 6 hanno l'aspetto seguente:
Dopo aver verificato la presenza dei file, è possibile decidere di eliminare i file del database di
deduplicazione precedenti.
In caso di problemi, è possibile scollegare di nuovo il deposito indirizzandolo sui database di
deduplicazione precedenti.
Se la creazione dei file di database è riuscita ma si preferisce ricorrere all'algoritmo di indicizzazione
precedente, è possibile forzare il nodo di archiviazione perché utilizzi quell'algoritmo mediante il
parametro di configurazione PreferedDedupIndex (p. 246).
Modifica del percorso del database di deduplicazione
Per modificare il percorso del database di deduplicazione
1.
2.
3.
4.
Creare una cartella vuota in cui verrà archiviato il nuovo database di deduplicazione.
Interrompere il servizio Acronis Storage Node.
Passare a %PROGRAMDATA%\Acronis\BackupAndRecovery\ASN\.meta.
Individuare il file di configurazione del deposito. A tale scopo, aprire a uno a uno i file nella
cartella in un editor di testo.
È necessario trovare il file che contiene il nome del deposito nei tag <name>. Ad esempio:
<name>
vaultname
</name>
5. Nel file di configurazione del deposito, digitare il nuovo percorso della cartella nei tag
<index_database_uri>. Ad esempio:
<index_database_uri>
E:/new_deduplication_database
</index_database_uri>
6. Avviare il servizio Acronis Storage Node.
7. Convalidare il risultato come descritto nella sezione precedente.
256
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
8 Operazioni con archivi e backup
8.1
Convalida di archivi e backup
La convalida è un'operazione che consente di verificare la possibilità di ripristino dei dati da un
backup.
La convalida di un backup di file imita il ripristino di tutti i file dal backup a un destinazione non
operativa. La convalida di un backup di disco o di volume calcola una somma di controllo per ogni
blocco dei dati salvato nel backup. Entrambe le procedure sono dispendiose in termini di risorsa.
La convalida di un archivio convaliderà tutti i backup dell'archivio. La convalida di un deposito (o di
una posizione) convaliderà tutti gli archivi memorizzati in tale deposito (posizione).
Mentre la convalida riuscita significa un'alta probabilità di ripristino riuscito, questo non verifica tutti
i fattori che influenzano la procedura di ripristino. Se si esegue il backup del sistema operativo, solo
un ripristino di prova sull'ambiente di avvio su un disco rigido di ricambio può garantire l'esito
positivo del ripristino. Assicurarsi almeno che il backup venga convalidato correttamente utilizzando
il supporto di avvio.
Limitazione
Non è possibile convalidare gli archivi e i backup in Acronis Cloud Storage. Tuttavia, un backup di
raccolta dati iniziale viene convalidato automaticamente dopo la sua creazione.
Vari metodi di creazione di un disco di convalida
L'utilizzo della pagina Convalida rappresenta il metodo più generale per creare un'attività di
convalida. Tale metodo consente di effettuare subito la convalida oppure di configurare una
pianificazione della convalida per ogni backup, archivio o deposito a cui si ha l'autorizzazione per
accedere.
La convalida di un archivio o dell'ultimo backup nell'archivio può essere pianificata come parte del
programma di backup. Per ulteriori informazioni, consultare Creazione di un piano di backup (p. 58).
Per accedere alla pagina Convalida, selezionare prima un oggetto della convalida: un deposito, un
archivio o un backup.

Per selezionare un deposito, fare clic sull'icona Depositi nel riquadro Navigazione e selezionare il
deposito espandendo la struttura dei depositi nella visualizzazione Depositi o direttamente nel
riquadro Navigazione.

Per selezionare un archivio, selezionare un deposito, quindi nella visualizzazione Deposito
selezionare la scheda Visualizzazione archivio e fare clic sul nome dell'archivio.

Per selezionare un backup, selezionare un archivio nella Visualizzazione archivio, espandere
l'archivio facendo clic sul pulsante di espansione a sinistra del nome dell'archivio, quindi fare clic
sul backup.
Dopo aver selezionato l'oggetto della convalida, selezionare Convalida dal menu contestuale. La
pagina Convalida verrà aperta con l'oggetto preselezionato come origine. Sarà sufficiente selezionare
quando convalidare e (facoltativamente) fornire un nome per l'attività.
257
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per creare un'attività di convalida, eseguire i seguenti passaggi.
Elementi della convalida
Convalida
Scegliere un oggetto da convalidare:
Archivio (p. 264): in questo caso, è necessario specificare l'archivio.
Backup (p. 259): specificare prima l'archivio. Quindi, selezionare il backup desiderato in
questo.
Deposito (p. 259): selezionare un deposito (o un'altra posizione), da cui convalidare gli
archivi.
Credenziali (p. 259)
[Facoltativo] Fornire le credenziali per l'accesso all'origine se l'account dell'attività non
dispone di privilegi sufficienti per accedervi.
Quando convalidare
Avvia convalida (p. 260)
Specificare il momento e la frequenza di esecuzione della convalida.
Parametri attività
Nome attività
[Facoltativo] Immettere un nome univoco per l'attività di convalida. Un nome scelto
specificamente consente di identificare rapidamente l'attività fra le altre.
Credenziali attività (p. 260)
[Facoltativo] L'attività di convalida verrà eseguita per conto dell'utente che crea l'attività. Se
necessario, è possibile modificare le credenziali dell'attività.
Commenti
[Facoltativo] Immettere commenti sull'attività.
Dopo avere configurato tutte le impostazioni richieste, fare clic su OK per creare l'attività di
convalida.
8.1.1
Selezione dell'archivio
Per specificare un archivio da convalidare
1. Immettere il percorso completo della posizione dell'archivio nel campo Percorso o selezionare la
posizione desiderata nella struttura (p. 143).
Quando si lavora su un computer avviato con il supporto di avvio:

Per accedere a un deposito gestito, immettere la seguente stringa nel campo Percorso:
bsp://indirizzo_nodo/nome_deposito/

Per accedere a un deposito centralizzato non gestito, immettere il percorso completo della
cartella del deposito.
2. Nella tabella a destra della struttura, selezionare l'archivio. La tabella riporta i nomi degli archivi
contenuti in ogni posizione selezionata.
Mentre viene esaminato il contenuto dell'ubicazione, gli archivi possono essere aggiunti,
eliminati o modificati da un altro utente o dal programma stesso, in base a operazioni pianificate.
Utilizzare il pulsante Aggiorna per aggiornare l'elenco di archivi.
3. Fare clic su OK.
258
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
8.1.2
Selezione backup
Per specificare un backup da convalidare
1. Nel pannello superiore, selezionare un backup tramite la data/ora di creazione.
La parte inferiore della finestra visualizza il contenuto del backup selezionato, supportando
l'individuazione del backup corretto.
2. Fare clic su OK.
8.1.3
Selezione deposito
Per selezionare un deposito o una posizione
1. Immettere il percorso completo del deposito (posizione) nel campo Percorso o selezionare
l'ubicazione desiderata nella struttura.

Per selezionare un deposito centralizzato (gestito o non gestito), espandere il gruppo
Centralizzati e fare clic sul deposito.
Se non è possibile accedere a un deposito gestito (ad esempio, quando si utilizza un supporto
di avvio), selezionare il gruppo Nodi di archiviazione, immettere il nome del nodo di
archiviazione nella casella Percorso (con il formato bsp://<indirizzo nodo
archiviazione>/), quindi fare clic sul pulsante freccia.

Per selezionare un deposito centralizzato, espandere il gruppo Personali e fare clic sul
deposito appropriato.

Per selezionare una cartella locale sualla macchina, espandere il gruppo Cartelle locali e fare
clic sulla cartella appropriata.

Per selezionare una condivisione di rete, espandere il gruppo Cartelle di rete, selezionare la
macchina in rete appropriata e fare clic sulla cartella condivisa. Se la condivisione di rete
richiede credenziali di accesso, queste verranno richieste dal programma.

Per selezionare una cartella condivisa su una condivisione NFS, espandere il gruppo Cartelle
NFS e selezionare la cartella.

Per selezionare un server FTP o SFTP, espandere il gruppo corrispondente e fare clic sulla
cartella appropriata collocata nel server.
Nota Come indicato dalla specifica FTP originale, le credenziali necessarie per l'accesso ai server FTP
vengono trasferite in una rete in testo semplice. Ciò implica che il nome utente e la password possono
essere intercettati da utenti malintenzionati con uno sniffer di pacchetti.

Per selezionare una periferica a nastro collegata localmente, espandere il gruppo Periferiche
a nastro e fare clic sulla periferica appropriata.
Note Le periferiche a nastro possono essere utilizzate solo con Acronis Backup Advanced.
Per assistere l'utente nella scelta del deposito appropriato, nella tabella sono visualizzati i nomi
degli archivi contenuti in ciascun deposito selezionato. Mentre viene esaminato il contenuto
dell'ubicazione, gli archivi possono essere aggiunti, eliminati o modificati da un altro utente o dal
programma stesso, in base a operazioni pianificate. Utilizzare il pulsante Aggiorna per aggiornare
l'elenco di archivi.
2. Fare clic su OK.
8.1.4
Credenziali di accesso per l'origine
Specificare le credenziali richieste per l'accesso alla posizione in cui è memorizzato l'archivio di
backup.
259
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per specificare le credenziali
1. Selezionare una delle seguenti opzioni:

Utilizza le credenziali dell'attività
Il software accederà alla posizione utilizzando le credenziali dell'account di attività specificato
nella sezione Parametri attività.

Utilizza le seguenti credenziali
Il software accederà alla posizione utilizzando le credenziali specificate. Utilizzare questa
opzione se l'account dell'attività non dispone delle autorizzazioni per l'accesso all'ubicazione.
Per una condivisione in rete o un deposito di nodi di archiviazione, potrebbe essere
necessario fornire credenziali speciali.
Specificare:

Nome utente. Quando si immette il nome di un account utente di Active Directory,
specificare anche il nome del dominio (DOMINIO\Nomeutente o
[email protected]).

Password. La password dell'account.
2. Fare clic su OK.
Come indicato dalla specifica FTP originale, le credenziali necessarie per l'accesso ai server FTP vengono
trasferite in una rete in testo semplice. Ciò implica che il nome utente e la password possono essere intercettati
da utenti malintenzionati con uno sniffer di pacchetti.
8.1.5
Quando convalidare
La convalida è un'operazione dispendiosa in termini di risorse, pertanto è opportuno pianificare la
convalida in una fascia oraria ridotta della macchina gestita. D'altra parte, se si desidera essere
informati immediatamente se i dati non sono corrotti e possono essere ripristinati correttamente,
considerare l'avvio della convalida subito dopo la creazione dell'attività.
Selezionare una delle seguenti opzioni:
 Adesso: per avviare l'attività di convalida subito dopo la sua creazione, vale a dire dopo avere
fatto clic su OK nella pagina Convalida.

In seguito: per avviare l'attività di convalida unica alla data e l'ora specificate dall'utente.
Specificare i parametri appropriati come segue:



Data e ora: la data e l'ora in cui avviare l'attività.
L'attività verrà avviata manualmente (non pianificare l'attività): selezionare questa casella
di controllo se si desidera avviare l'attività manualmente in seguito.
Secondo la pianificazione: per pianificare l'attività. Per ulteriori informazioni sulla procedura di
configurazione dei parametri di pianificazione, consultare la sezione Pianificazione (p. 87).
8.1.6
Credenziali attività
Fornire le credenziali per l'account con cui verrà eseguita l'attività.
Per specificare le credenziali
1. Selezionare una delle seguenti opzioni:

260
Utilizza le credenziali dell'utente corrente
L'attività verrà eseguita con le credenziali con cui è collegato l'utente che avvia le attività. Se
l'attività deve essere eseguita in base a una pianificazione, verrà chiesta la password
dell'utente corrente al completamento della creazione del piano.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Utilizza le seguenti credenziali
L'attività verrà sempre eseguita con le credenziali specificate dall'utente, sia che venga
avviata manualmente sia che venga eseguita in base a una pianificazione.
Specificare:

Nome utente. Quando si immette il nome di un account utente di Active Directory,
specificare anche il nome del dominio (DOMINIO\Nomeutente o
[email protected]).

Password. La password dell'account.
2. Fare clic su OK.
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo delle credenziali in Acronis Backup, vedere la sezione
Proprietari e credenziali (p. 36).
Per ulteriori informazioni sulle operazioni disponibili nei privilegi utente, consultare la sezione
Privilegi utente in una macchina gestita (p. 38).
8.2
Esportazione archivi e backup
L'operazione di esportazione genera una copia di un archivio o una copia parziale autosufficiente di
un archivio nell'ubicazione specificata. L'archivio originale resta intatto.
L'operazione di esportazione può essere applicata a:


Un singolo archivio: verrà creata una copia esatta dell'archivio.

Selezione personalizzata di backup che appartengono allo stesso archivio: l'archivio risultante
conterrà solo i backup specificati. Il consolidamento è eseguito come da richiesta, per cui
l'archivio risultante può contenere backup completi, incrementali o differenziali.

Un deposito completo che è possibile esportare utilizzando l'interfaccia di riga di comando. Per
ulteriori informazioni, consultare i Riferimenti sulla riga di comando di Acronis Backup.
Un singolo backup: verrà creato un archivio formato da un singolo backup completo.
L'esportazione di un backup incrementale o differenziale viene eseguita utilizzando il
consolidamento dei backup precedenti fino al backup completo più vicino.
Scenari di utilizzo
L'esportazione consente di separare un backup specifico da una catena di backup incrementali per
velocizzare un eventuale ripristino, scrivendo su supporti rimuovibili o scollegabili o altri scopi.
Esempio. Quando si esegue il backup dei dati in una posizione remota tramite una connessione di
rete non stabile o non a banda larga (come il backup tramite WAN utilizzando l'accesso VPN),
potrebbe essere necessario salvare il backup completo iniziale in un supporto rimovibile. Quindi,
inviare il supporto alla posizione remota. Da questa posizione il backup verrà esportato dal supporto
all'archivio di destinazione. I backup incrementali successivi, che si solito sono di dimensioni inferiori,
possono essere trasferiti tramite la rete.
Esportando un deposito gestito su un supporto scollegabile si ottiene un deposito non gestito che
può essere utilizzato nei seguenti scenari:



261
Conservazione di una copia off-site del deposito o degli archivi più importanti.
Trasporto fisico di un deposito presso una filiale distante.
Ripristino senza dover accedere al nodo di archiviazione nel caso di problemi di rete o guasti al
nodo di archiviazione.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Ripristino del nodo di archiviazione stesso.
Il nome dell'archivio risultante
Per impostazione predefinita, l'archivio esportato eredita il nome dell'archivio originale. Dal
momento che non sarebbe consigliabile avere più archivi con lo stesso nome nella stessa posizione,
le seguenti azioni sono disabilitate con il nome predefinito dell'archivio:


Esportazione di parte di un archivio nella stessa posizione.

Esportazione di un archivio o una parte di esso nella stessa posizione due volte.
Esportazione di un archivio o una parte di esso in una posizione dove esiste già un archivio con lo
stesso nome.
In ciascuno dei casi di cui sopra bisogna fornire un nome di archivio che sia univoco nella cartella o
nel deposito di destinazione. Qualora dovesse essere necessario rifare l'esportazione utilizzando lo
stesso nome di archivio, cancellare l'archivio derivante dalla precedente operazione di esportazione.
Le opzioni dell'archivio risultante
L'archivio esportato eredita le opzioni di quello originale, comprese la crittografia e la password.
Quando si esporta un archivio protetto da password, viene chiesto di fornire la password. Se
l'archivio originale è crittografato, la password è utilizzata per cifrare l'archivio risultante.
Ubicazioni dell'origine e della destinazione
Quando la console è collegata una macchina gestita, è possibile esportare un archivio o una parte di
esso da e verso ogni posizione accessibile all'agente che risiede sul computer. Sono compresi i
depositi personali, le periferiche a nastro collegate localmente, i supporti rimuovibili e, in Acronis
Backup Advanced, i depositi centralizzati gestiti e non gestiti.
Quando la console è collegata a un server di gestione, sono disponibili due metodi di esportazione:

Esportazione da un deposito gestito. L'esportazione viene eseguita dal nodo di archiviazione che
gestisce il deposito. La destinazione può essere una condivisione di rete o una cartella locale del
nodo di archiviazione.

Esportazione da un deposito centralizzato non gestito. L'esportazione viene eseguita dall'agente
installato sulla macchina gestita specificata. La destinazione può essere qualsiasi posizione
accessibile dall'agente, compreso un deposito gestito.
Operazioni con un'attività di esportazione
Un'attività di esportazione si avvia immediatamente dopo che è stata completata la sua
configurazione. Un'attività di esportazione può essere interrotta o annullata allo stesso modo delle
altre attività.
Quanto l'attività di esportazione è completa, è possibile eseguirla nuovamente in qualsiasi momento.
Prima di procedere, cancellare l'archivio generato dalla precedente esecuzione dell'attività qualora
dovesse essere ancora presente nel deposito di destinazione. In caso contrario, l'attività non
funzionerà. Non è possibile modificare un'attività di esportazione per cambiare il nome dell'archivio
di destinazione (si tratta di una limitazione).
Suggerimento. È possibile implementare manualmente lo scenario di gestione temporanea eseguendo con
regolarità l'attività di cancellazione dell'archivio seguita dall'attività di esportazione.
Modi diversi di creare un'attività di esportazione
262
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
L'utilizzo della pagina Esporta rappresenta il modo più generale per creare un'attività di esportazione.
Da qui è possibile esportare ogni backup o archivio per il quale si abbia il permesso di accesso.
È possibile accedere alla pagina Esporta dalla visualizzazione Depositi. Fare clic con il tasto destro
sull'oggetto da esportare (archivio o backup) e selezionare Esporta dal menu contestuale.
Per accedere alla pagina Esporta, selezionare prima un oggetto della convalida: un archivio o un
backup.
1. Selezionare un deposito. Per questa operazione, fare clic sull'icona Depositi nel riquadro
Navigazione e selezionare il deposito espandendo la struttura dei depositi nella visualizzazione
Depositi o direttamente nel riquadro Navigazione.
2. Per selezionare un archivio, selezionare un deposito, quindi nella visualizzazione Deposito
selezionare la scheda Visualizzazione archivio e fare clic sul nome dell'archivio.
3. Per selezionare un backup, selezionare un archivio nella Visualizzazione archivio, espandere
l'archivio facendo clic sul pulsante di espansione a sinistra del nome dell'archivio, quindi fare clic
sul backup.
Dopo aver selezionato l'oggetto della convalida, selezionare Esporta dal menu contestuale. La pagina
Esporta sarà aperta con gli oggetti preselezionati come fonte. È sufficiente selezionare una
destinazione e fornire (opzionalmente) un nome per l'attività.
Per esportare un archivio o un backup eseguire i seguenti passaggi.
Cosa esportare
Esporta
Selezionare il tipo di oggetti da esportare:
Archivio: in tal caso, è necessario specificare solo l'archivio.
Backup: specificare innanzitutto l'archivio e successivamente selezionare i backup desiderati
in questo archivio.
Sfoglia
Selezionare l'Archivio (p. 264) o i Backup (p. 264).
Mostra credenziali di accesso (p. 264)
[Facoltativo] Fornire le credenziali per l'accesso all'origine se l'account dell'attività non
dispone di privilegi sufficienti per accedervi.
Dove esportare
Sfoglia (p. 265)
Specificare il percorso dell'ubicazione in cui creare il nuovo archivio.
Assicurarsi di fornire un nome univoco e un commento per il nuovo archivio.
Catalogazione completa/Catalogazione rapida
Non disponibile nel supporto di avvio o per le posizioni che non supportano la catalogazione
Selezionare se la catalogazione completa o rapida verranno eseguite sui backup esportati.
Per ulteriori informazioni sulla catalogazione, vedere la sezione "Catalogazione backup" (p.
116).
Mostra credenziali di accesso (p. 266)
[Facoltativo] Fornire le credenziali per la destinazione se le credenziali dell'attività non hanno
privilegi sufficienti per accedervi.
Dopo avere eseguito tutti i passaggi richiesti, fare clic su OK per avviare l'attività di esportazione.
263
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Di conseguenza, il programma mostra la Condizione di esecuzione dell'attività nella visualizzazione
Piani e attività di backup. Al termine dell'attività, la finestra Informazioni sull'attività mostra la
condizione finale dell'esecuzione dell'attività.
8.2.1
Selezione dell'archivio
Per specificare un archivio da esportare
1. Immettere il percorso completo della posizione dell'archivio nel campo Percorso o selezionare la
posizione desiderata nella struttura (p. 143).
Per il server di gestione: nella struttura, selezionare il deposito gestito.
2. Nella tabella a destra della struttura, selezionare l'archivio. La tabella riporta i nomi degli archivi
contenuti in ogni posizione selezionata.
Mentre viene esaminato il contenuto dell'ubicazione, gli archivi possono essere aggiunti,
eliminati o modificati da un altro utente o dal programma stesso, in base a operazioni pianificate.
Utilizzare il pulsante Aggiorna per aggiornare l'elenco di archivi.
3. Fare clic su OK.
8.2.2
Selezione backup
Specificare uno o più backup da esportare
1. Selezionare le rispettive caselle di controllo nella parte alta della finestra.
Per essere certi di scegliere il backup giusto, fare clic sul backup e prendere visione della tabella
in basso che mostra i volumi contenuti nel backup selezionato.
Per informazioni su un volume, selezionarlo con il pulsante destro del mouse e scegliere
Informazioni.
2. Fare clic su OK.
8.2.3
Credenziali di accesso per l'origine
Specificare le credenziali necessarie per l'accesso alla posizione in cui è memorizzato l'archivio di
origine o il backup.
Per specificare le credenziali
1. Selezionare una delle seguenti opzioni:

Utilizza le credenziali dell'utente corrente
Il software accederà alla posizione utilizzando le credenziali dell'utente corrente.

Utilizza le seguenti credenziali
Il programma accederà all'ubicazione utilizzando le credenziali specificate dall'utente.
Utilizzare questa opzione se l'account dell'attività non dispone delle autorizzazioni per
l'accesso all'ubicazione. Per una condivisione in rete o un deposito di nodi di archiviazione,
potrebbe essere necessario fornire credenziali speciali.
Specificare:

Nome utente. Quando si immette il nome di un account utente di Active Directory,
specificare anche il nome del dominio (DOMINIO\Nomeutente o
[email protected]).

Password. La password dell'account.
2. Fare clic su OK.
264
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Come indicato dalla specifica FTP originale, le credenziali necessarie per l'accesso ai server FTP vengono
trasferite in una rete in testo semplice. Ciò implica che il nome utente e la password possono essere intercettati
da utenti malintenzionati con uno sniffer di pacchetti.
8.2.4
Selezione della destinazione
Specificare una destinazione dove memorizzare gli oggetti esportati. Non è consentito esportare i
backup nello stesso archivio
1. Selezione della destinazione per l'esportazione
Immettere il percorso completo della destinazione nel campo Percorso o selezionare la destinazione
richiesta nella struttura.

Per esportare i dati verso un deposito centralizzato (gestito o non gestito), espandere il gruppo
Centralizzati e fare clic sul deposito.
Se non è possibile accedere a un deposito gestito (ad esempio, quando si lavora con un supporto
di avvio), selezionare il gruppo Nodi di archiviazione, immettere il nome del nodo di
archiviazione nella casella Percorso con il formato bsp://<indirizzo nodo
archiviazione>/, quindi fare clic sul pulsante "vai" verde.

Per esportare i dati verso un deposito personale, espandere il gruppo Personali e fare clic sul
deposito.

Per esportare i dati verso una cartella locale sulla macchina, espandere il gruppo Cartelle locali e
fare clic sulla cartella richiesta.

Per esportare i dati verso una risorsa di rete, espandere il gruppo Cartelle di rete, selezionare la
macchina di rete desiderata e quindi fare clic sulla cartella condivisa. Se la condivisione di rete
richiede credenziali di accesso, queste verranno richieste dal programma.
Note per gli utenti di Linux. per specificare una condivisione di rete CIFS (Common Internet File System)
montata in un punto di montaggio come /mnt/share, selezionare questo punto di montaggio invece della
condivisione di rete stessa.

Per esportare i dati verso un server FTP o SFTP, digitare il nome del server o l'indirizzo nel campo
Percorso come di seguito:
ftp://server_ftp:numero_porta o sftp://server_sftp:numero_porta
Se il numero di porta non viene specificato, verrà utilizzata la porta 21 per FTP e la porta 22 per
SFTP.
Dopo l'immissione delle credenziali di accesso, le cartelle contenute nel server diventeranno
disponibili. Fare clic sulla cartella appropriata contenuta nel server.
È possibile accedere al server come utente anonimo, se il server consente questo tipo di accesso.
Per eseguire questa operazione, fare clic su Usa accesso anonimo invece di immettere le
credenziali.
Nota Come indicato dalla specifica FTP originale, le credenziali necessarie per l'accesso ai server FTP
vengono trasferite in una rete in testo semplice. Ciò implica che il nome utente e la password possono
essere intercettati da utenti malintenzionati con uno sniffer di pacchetti.

Per esportare i dati verso una periferica a nastro collegata in locale, espandere il gruppo
Periferiche a nastro e quindi fare clic sulla periferica richiesta.
Note Le periferiche a nastro possono essere utilizzate solo con Acronis Backup Advanced.
Se la console è connessa al server di gestione e come posizione di origine è stato selezionato un
deposito gestito, la struttura della cartella contiene:
265
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015


gruppi di cartelle locali per esportare i dati su dischi rigidi locali rispetto al nodo di archiviazione;
gruppi di cartelle di rete per esportare i dati su una risorsa di rete condivisa. Se la condivisione di
rete richiede credenziali di accesso, queste verranno richieste dal programma.
2. Utilizzo della tabella archivi
Come ausilio nella scelta della destinazione adeguata, la tabella a destra mostra i nomi degli archivi
contenuti in ogni ubicazione selezionata nella struttura.
Mentre viene esaminato il contenuto dell'ubicazione, gli archivi possono essere aggiunti, eliminati o
modificati da un altro utente o dal programma stesso, in base a operazioni pianificate. Utilizzare il
pulsante Aggiorna per aggiornare l'elenco di archivi.
3. Denominazione del nuovo archivio
Per impostazione predefinita, l'archivio esportato eredita il nome dell'archivio originale. Dal
momento che non sarebbe consigliabile avere più archivi con lo stesso nome nella stessa posizione,
le seguenti azioni sono disabilitate con il nome predefinito dell'archivio:


Esportazione di parte di un archivio nella stessa posizione.

Esportazione di un archivio o una parte di esso nella stessa posizione due volte.
Esportazione di un archivio o una parte di esso in una posizione dove esiste già un archivio con lo
stesso nome.
In ciascuno dei casi di cui sopra bisogna fornire un nome di archivio che sia univoco nella cartella o
nel deposito di destinazione. Qualora dovesse essere necessario rifare l'esportazione utilizzando lo
stesso nome di archivio, cancellare l'archivio derivante dalla precedente operazione di esportazione.
8.2.5
Credenziali di accesso per la destinazione
Specificare le credenziali richieste per l'accesso alla posizione in cui verrà memorizzato l'archivio
risultante. L'utente di cui viene specificato il nome sarà considerato il proprietario dell'archivio.
Per specificare le credenziali
1. Selezionare una delle seguenti opzioni:

Utilizza le credenziali dell'utente corrente
Il software accederà alla destinazione utilizzando le credenziali dell'utente corrente.

Utilizza le seguenti credenziali
Il software accederà alla destinazione utilizzando le credenziali specificate. Utilizzare questa
opzione se l'account dell'attività non dispone delle autorizzazioni di accesso per la
destinazione.
Specificare:

Nome utente. Quando si immette il nome di un account utente di Active Directory,
specificare anche il nome del dominio (DOMINIO\Nomeutente o
[email protected]).

Password. La password dell'account.
2. Fare clic su OK.
Come indicato dalla specifica FTP originale, le credenziali necessarie per l'accesso ai server FTP vengono
trasferite in una rete in testo semplice. Ciò implica che il nome utente e la password possono essere intercettati
da utenti malintenzionati con uno sniffer di pacchetti.
266
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
8.3
Montaggio di un'immagine
Il montaggio di volumi da un backup del disco (immagine) consente di accedere ai volumi come se
fossero unità fisiche. Volumi multipli contenuti nello stesso backup possono essere montati entro
una singola operazione di montaggio. L'operazione di montaggio è disponibile quando la console è
connessa ad una macchina gestita in esecuzione su Windows o Linux.
Il montaggio di volumi nella modalità lettura-scrittura consente di modificare il contenuto di backup,
vale a dire salvare, spostare, creare, eliminare file o cartelle ed eseguire gli elementi eseguibili
consistenti di un file. In questa modalità, il software crea un backup incrementale contenente le
modifiche apportate al contenuto del backup. Tenere presente che nessuno dei backup successivi
conterrà tali modifiche.
È possibile montare i volumi se il backup del disco è archiviato in una cartella locale (ad eccezione dei
dischi ottici), in Acronis Secure Zone o su una condivisione di rete.
Scenari di utilizzo


Condivisione: le immagini montate possono essere condivise facilmente tra gli utenti della rete.

Pulizia da virus non in linea: se una macchina viene attaccata, l'amministratore la spegne,
esegue l'avvio con un supporto di avvio e crea un'immagine. Quindi, l'amministratore monta
quest'immagine in modalità lettura-scrittura, ne esegue la scansione e la pulisce con un
programma antivirus; infine, ripristina la macchina.

Controllo degli errori: se il ripristino fallisce a causa di un errore del disco, montare l'immagine in
modalità lettura-scrittura. Quindi, controllare la presenza di errori sul disco con il comando
chkdsk /r.
Soluzione di ripristino di database "Band aid": monta un'immagine che contiene un database
SQL da una macchina guasta di cui è stato eseguito il ripristino di recente. Ciò fornirà l'accesso al
database fino al ripristino della macchina guasta.
Per montare un'immagine, eseguire i seguenti passaggi.
Origine
Archivio (p. 268)
Specificare il percorso della posizione archivio e selezionare l'archivio contenente i backup di
disco.
Backup (p. 268)
Selezionare il backup.
Credenziali di accesso (p. 268)
[Facoltativo] Fornire la credenziale per la posizione archivio.
Impostazioni di montaggio
Volumi (p. 269)
Selezionare i volumi da montare e configurare le impostazioni di montaggi per ciascun
volume: assegnare una lettera o immettere il punto di montaggio, scegliere la modalità di
accesso in sola lettura o lettura/scrittura.
Dopo avere completato tutti i passaggi richiesti, fare clic su OK per montare i volumi.
267
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
8.3.1
Selezione dell'archivio
Per selezionare un archivio
1. Immettere il percorso completo della posizione nel campo Percorso o selezionare la cartella
desiderata nella struttura ad albero:

Se l'archivio è conservato in un deposito personale posizionato in una cartella locale, in
Acronis Secure Zone o all'interno di una condivisione di rete, espandere il gruppo Personali e
fare clic sul deposito richiesto.

Se l'archivio è conservato in una cartella locale del computer, espandere il gruppo Cartelle
locali e fare clic sulla cartella appropriata.
Il montaggio non è disponibile se l'archivio è conservato su supporti ottici come CD, DVD o
dischi Blu-ray (BD).

Se l'archivio è conservato in una condivisione di rete, espandere il gruppo Cartelle di rete,
selezionare la macchina in rete richiesta e fare clic sulla cartella condivisa. Se la condivisione
di rete richiede credenziali di accesso, queste verranno richieste dal programma.
Note per gli utenti di Linux. per specificare una condivisione di rete CIFS (Common Internet File
System) montata in un punto di montaggio come /mnt/share, selezionare questo punto di montaggio
invece della condivisione di rete stessa.

Se l'archivio è conservato in una condivisione NFS, espandere il gruppo Cartelle NFS e fare
clic sulla cartella.
L'accesso a condivisioni NFS è disponibile solo in Linux e nel supporto di avvio basato su
Linux.
2. Nella tabella a destra della struttura, selezionare l'archivio. La tabella riporta i nomi degli archivi
contenuti in ogni cartella o deposito selezionato.
Mentre viene esaminato il contenuto dell'ubicazione, gli archivi possono essere aggiunti,
eliminati o modificati da un altro utente o dal programma stesso, in base a operazioni pianificate.
Utilizzare il pulsante Aggiorna per aggiornare l'elenco di archivi.
3. Fare clic su OK.
8.3.2
Selezione backup
Per selezionare un backup:
1. Selezionare uno dei backup tramite la data/ora di creazione.
2. Per supportare l'utente nella scelta del backup appropriato, nella tabella in basso sono
visualizzati i volumi contenuti nel backup selezionato.
Per informazioni su un volume, selezionarlo con il pulsante destro del mouse e scegliere
Informazioni.
3. Fare clic su OK.
8.3.3
Credenziali di accesso
Per specificare le credenziali
1. Selezionare una delle seguenti opzioni:
268

Utilizza le credenziali dell'utente corrente
Il programma accederà alla posizione utilizzando le credenziali dell'utente corrente.

Utilizza le seguenti credenziali
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Il programma accederà all'ubicazione utilizzando le credenziali specificate dall'utente.
Utilizzare questa opzione se l'account dell'utente corrente non dispone delle autorizzazioni di
accesso per la posizione. Per una condivisione in rete o un deposito di nodi di archiviazione,
potrebbe essere necessario fornire credenziali speciali.
Specificare:

Nome utente. Quando si immette il nome di un account utente di Active Directory,
specificare anche il nome del dominio (DOMINIO\Nomeutente o
[email protected]).

Password. La password dell'account.
2. Fare clic su OK.
Come indicato dalla specifica FTP originale, le credenziali necessarie per l'accesso ai server FTP vengono
trasferite in una rete in testo semplice. Ciò implica che il nome utente e la password possono essere intercettati
da utenti malintenzionati con uno sniffer di pacchetti.
8.3.4
Selezione del volume
Selezionare i volumi da montare e configurare i parametri di montaggio per ciascuno dei volumi
selezionati come segue:
1. Selezionare la casella di controllo per ciascun volume da montare.
2. Fare clic sul volume selezionato per impostare i relativi parametri di montaggio.


Modalità di accesso - scegliere la modalità di montaggio del volume desiderata:

Sola lettura: consente l'esplorazione e l'apertura di file nel backup senza applicare alcuna
modifica.

Lettura/scrittura: mediante questa modalità, il programma presuppone che il contenuto
del backup venga modificato e crea un backup incrementale per acquisire le modifiche.
Assegna lettera (in Windows): Acronis Backup assegna una lettera non usata al volume
montato. Se necessario, selezionare un'altra lettera da assegnare dall'elenco a discesa.

Punto di montaggio (in Linux): specificare la directory in cui si desidera montare il volume.
3. Se vengono selezionati vari volumi per il montaggio, fare clic su ciascun volume per impostare i
relativi parametri di montaggio, descritti nel passaggio precedente.
4. Fare clic su OK.
8.3.5
Gestione delle immagini montate
Dopo avere montato un volume, è possibile sfogliare i file e le cartelle contenuti nel backup
utilizzando un file manager e copiare i file desiderati in qualsiasi destinazione. In tal modo, se è
necessario estrarre soltanto pochi file e cartelle e da un backup di volume, non sarà necessario
effettuare la procedura di ripristino.
Esplorazione di immagini
L'esplorazione dei volumi montati consente di visualizzare e modificare (se montato nella modalità di
lettura/scrittura) il contenuto del volume.
Per esplorare un volume montato, selezionarlo nella tabella e fare clic su
Esplora. La finestra del
file manager predefinito viene aperta consentendo all'utente di esaminare il contenuto dei volumi
montati.
269
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Smontaggio di immagini
Il mantenimento i volumi montati richiede molte risorse di sistema. Si consiglia di smontare i volumi
dopo avere completato le operazioni necessarie. In caso di smontaggio non manuale, un volume
resterà montato fino a quando il sistema operativo viene riavviato.
Per smontare un'immagine, selezionarla nella tabella e fare clic su
Per smontare tutti i volumi montati, fare clic su
8.4
Smonta.
Smonta tutti.
Operazioni disponibili nei depositi
Utilizzando i depositi, è possibile accedere facilmente agli archivi e ai backup ed eseguire operazioni
di gestione degli archivi.
Per eseguire operazioni con archivi e backup
1. Nel riquadro Navigazione, selezionare il deposito di cui è necessario gestire gli archivi.
2. Nella visualizzazione del deposito, selezionare la scheda Visualizzazione archivio. Questa scheda
visualizza tutti gli archivi conservati nel deposito selezionato.
3. Procedere come descritto in:


8.4.1
Operazioni sugli archivi (p. 270)
Operazioni con backup (p. 271)
Operazioni sugli archivi
Per seguire un'operazione con un archivio
1. Nel riquadro Navigazione, selezionare il deposito che contiene archivi.
2. Nella scheda Visualizzazione archivio del deposito, selezionare l'archivio. Se l'archivio è protetto
con una password, verrà richiesto di digitarla.
3. Eseguire le operazioni selezionando i pulsanti corrispondenti sulla barra degli strumenti. È
possibile accedere a queste operazioni anche dall'elemento 'Azioni [Nome archivio]' nel menu
principale.
Le seguenti linee guida consentono di eseguire delle operazioni con archivi contenuti in un deposito.
A
Azione
Convalidare un archivio
Fare clic su
Convalida.
La pagina Convalida (p. 257) verrà aperta con l'archivio preselezionato come
origine.
La convalida di un archivio convaliderà tutti i backup dell'archivio.
Esportare un archivio
Fare clic su
Esporta.
Verrà visualizzata la pagina Esporta (p. 261) con l'archivio preselezionato come
origine. L'esportazione di un archivio determina la creazione di un duplicato
dell'archivio con tutti i relativi backup nella posizione specificata.
Eliminare un singolo
archivio o più archivi
1. Selezionare uno o più archivi da eliminare.
2. Fare clic su
Elimina.
Il programma raddoppia la selezione nella finestra Eliminazione backup (p. 273) che
presenta delle caselle di controllo per ciascun archivio e per ciascun backup.
Rivedere la selezione e apportare correzioni se necessario (selezionare le caselle di
270
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
A
Azione
controllo degli archivi desiderati), quindi confermare l'eliminazione.
Eliminare tutti gli archivi Tenere presente che se dono stati applicati dei filtri all'elenco depositi, verrà
nel deposito
visualizzata solo una parte del contenuto del deposito. Assicurarsi che il deposito
non contenga archivi che è necessario mantenere prima di avviare l'operazione.
Fare clic su
Elimina tutto.
Il programma raddoppia la selezione nella nuova finestra che presenta delle caselle
di controllo per ciascun archivio e per ciascun backup. Rivedere la selezione e
correggere se necessario quindi confermare l'eliminazione.
8.4.2
Operazioni con backup
Per eseguire un'operazione con un backup
1. Nel riquadro Navigazione, selezionare il deposito che contiene archivi.
2. Nella scheda Visualizzazione archivio del deposito, selezionare l'archivio. Quindi, espandere
l'archivio e fare clic sul backup per selezionarlo. Se l'archivio è protetto con una password, verrà
richiesto di digitarla.
3. Eseguire le operazioni selezionando i pulsanti corrispondenti sulla barra degli strumenti. È
possibile accedere a queste operazioni anche dall'elemento 'Azioni [Nome backup]' nel menu
principale.
Le seguenti linee guida consentono di eseguire delle operazioni con i backup.
A
Azione
Visualizzare il contenuto Fare clic su
Visualizza contenuto.
del backup in una
Nella finestra Contenuto backup, esaminare il contenuto del backup.
finestra separata
Ripristina
Fare clic su
Ripristina.
La pagina Ripristina dati (p. 140) verrà aperta con il backup preselezionato come
origine.
Conversione di un
backup di disco/volume
in macchina virtuale
Fare clic con il pulsante destro del mouse sul backup del disco, quindi selezionare
Converti in VM.
Convalidare un backup
Fare clic su
La pagina Ripristina dati (p. 140) verrà aperta con il backup preselezionato come
origine. Selezionare la posizione e il tipo di nuova macchina virtuale e procedere
nella normale operazione di ripristino del volume o del disco.
Convalida.
La pagina Convalida (p. 257) verrà aperta con il backup preselezionato come origine.
La convalida di un backup di file imita il ripristino di tutti i file dal backup a un
destinazione non operativa. La convalida di un backup del disco calcola una somma
di controllo per ogni blocco dei dati salvato nel backup.
Esporta un backup
Fare clic su
Esporta.
Verrà visualizzata la pagina Esporta (p. 261) con il backup preselezionato come
origine. L'esportazione di un backup determina la creazione di un nuovo archivio con
una copia autosufficiente del backup nella posizione specificata.
Conversione di un
backup in backup
completo
271
Fare clic su
Converti in backup completo per sostituire il backup incrementale o
differenziale con un backup completo dello stesso momento. Consultare
"Conversione di un backup in backup completo (p. 272)" per ulteriori informazioni.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
A
Azione
Eliminare uno o più
backup
Selezionare uno dei backup che si desidera eliminare, quindi fare clic su
Elimina.
Il programma raddoppia la selezione nella finestra Eliminazione backup (p. 273) che
presenta delle caselle di controllo per ciascun archivio e per ciascun backup.
Rivedere la selezione e correggere se necessario (selezionare le caselle di controllo
dei backup desiderati), quindi confermare l'eliminazione.
Eliminare tutti gli archivi Tenere presente che se dono stati applicati dei filtri all'elenco depositi, verrà
e i backup nel deposito visualizzata solo una parte del contenuto del deposito. Assicurarsi che il deposito
non contenga archivi che è necessario mantenere prima di avviare l'operazione.
Fare clic su
Elimina tutto.
Il programma raddoppia la selezione nella finestra Eliminazione backup (p. 273) che
presenta delle caselle di controllo per ciascun archivio e per ciascun backup.
Rivedere la selezione e correggere se necessario quindi confermare l'eliminazione.
8.4.3
Conversione di un backup in backup completo
Quando una catena di backup incrementali in un archivio diventa lunga, la conversione di un backup
incrementale in uno completo aumenta l'affidabilità dell'archivio. Potrebbe essere necessario
convertire un backup differenziale se sono presenti backup incrementali che dipendono da esso.
Durante la conversione, il backup incrementale o differenziale selezionato viene sostituito con un
backup completo dello stesso momento. I backup precedenti della catena non vengono modificati.
Vengono aggiornati anche tutti i backup incrementali e differenziali successivi fino al backup
completo più vicino. Le nuove versioni del backup vengono create prima e solo dopo l'eliminazione di
quelle vecchie. Per questo, la posizione deve disporre di spazio disponibile sufficiente per archiviare
temporaneamente sia la versione precedente che quella nuova.
Esempio
È presente la seguente catena di backup nell'archivio:
F1 I2 I3 I4 D5 I6 I7 I8 F9 I10 I11 D12 F13
Qui F indica backup completo, I incrementale, D differenziale.
Si converte il backup completo I4. I backup I4, D5, I6, I7, I8 verranno aggiornati, mentre I10 I11 D12
rimarranno immodificati, poiché dipendono da F9.
Suggerimenti di utilizzo
La conversione non crea una copia di un backup. Per ottenere una copia autosufficiente del backup
su unità flash o supporto rimovibile, utilizzare l'operazione esporta (p. 261).
Quando si monta un'immagine (p. 267) in modalità lettura/scrittura, il software crea un backup
incrementale contenente le modifiche apportate al contenuto del backup. I backup successivi non
contengono queste modifiche. Naturalmente, per convertire uno dei backup successivi in completo,
nessuna di queste modifiche sarà visualizzata nel backup completo derivante.
Limitazioni
La conversione non è consentita per i seguenti backup:

272
Backup archiviati su nastro, CD/DVD o in Acronis Cloud Storage.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015


Backup con nomi semplificati (p. 82).
Backup dei dati di Microsoft Exchange Server.
8.4.4
Eliminazione archivi e backup
La finestra Eliminazione backup visualizza la stessa scheda della visualizzazione dei depositi, ma con
caselle di controllo per ciascun archivio e backup. L'archivio o backup scelto per l'eliminazione è
contrassegnato dal segno spunta. Rivedere l'archivio o il backup selezionato per l'eliminazione. Per
eliminare altri archivi e backup, selezionare le rispettive caselle di controllo, quindi fare clic su
Elimina selezionati e confermare l'eliminazione.
Cosa succede se si elimina un backup che rappresenta la base di un backup incrementale o
differenziale?
Per preservare la consistenza dell'archivio, il programma consoliderà i due backup. Ad esempio, si
elimina un backup completo ma si mantiene il successivo backup incrementale. I backup verranno
combinati in un unico backup completo che avrà la stessa data di quello incrementale. Quando viene
eliminato un backup incrementale o differenziale che occupa una posizione intermedia nella catena,
il backup risultante sarà incrementale.
Va tenuto presente che il consolidamento è solo un metodo di eliminazione, non un'alternativa ad
essa. Il backup risultante non conterrà i dati che erano presenti nel backup eliminato e che non erano
presenti in quello incrementale o differenziale conservato.
Nel deposito, deve essere presente spazio sufficiente per i file temporanei creati durante il
consolidamento. Nei backup risultanti dal consolidamento la compressione è sempre massima.
273
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
9 Supporto di avvio
Supporto di avvio
Il supporto di avvio è un supporto fisico (CD, DVD, unità flash USB o altro dispositivo rimovibile
supportato dal BIOS della macchina come dispositivo di avvio) in grado di avviarsi su qualsiasi
macchina compatibile con PC e che consente di eseguire Acronis Backup Agent in un ambiente Linux
o nell'Ambiente preinstallazione di Windows (WinPE), senza l'intervento del sistema operativo. Il
supporto di avvio è molto spesso utilizzato per:






ripristinare un sistema operativo che non è in grado di avviarsi
accedere ed eseguire il backup dei dati non danneggiati di un sistema che ha subito un guasto
distribuire un sistema operativo su un sistema bare metal
creare volumi di base o dinamici su un sistema bare metal
eseguire il backup settore per settore di un disco con file system non supportato
eseguire il backup offline di tutti i dati di cui non è possibile eseguire il backup online a causa
dell'accesso limitato, bloccato in modo permanente dalle applicazioni in esecuzione o per
qualsiasi altro motivo.
È possibile avviare una macchina negli ambienti indicati sopra con supporti fisici oppure utilizzando
l'avvio dalla rete da Acronis PXE Server, Windows Deployment Services (WDS) o Remote Installation
Services (RIS). Anche questi server con componenti di avvio caricati possono essere considerati come
un tipo di supporto di avvio. È possibile creare un supporto di avvio o configurare il server PXE o
WDS/RIS usando la stessa procedura guidata.
Supporto di avvio basato su Linux
Il supporto basato su Linux contiene Acronis Backup Bootable Agent basato sul kernel Linux. L'agente
è in grado di avviare ed eseguire operazioni su qualsiasi hardware compatibile con PC, compresi
sistemi vuoti e macchine con file system corrotto o non supportato. Le operazioni possono essere
configurate e controllate in locale o in remoto utilizzando la console di gestione.
L'elenco dell'hardware supportato dai supporti di avvio basati su Linux è disponibile nel seguente
articolo della Knowledge Base Acronis: https://kb.acronis.com/content/55310.
Supporto di avvio basato su PE
Il supporto di avvio basato su PE contiene un sistema Windows minimo chiamato Ambiente
Preinstallazione di Windows (WinPE) e il plug-in Acronis per WinPE, ovvero una versione modificata
dell'agente Acronis Backup in grado di avviarsi nell'ambiente di preinstallazione.
WinPE si è dimostrato la soluzione di avvio più pratica in ambienti estesi con componenti hardware
eterogenei.
Vantaggi:

L'utilizzo di Acronis Backup in Windows Preinstallation Environment offre una funzionalità
maggiore rispetto all'uso di supporti di avvio basati su Linux. Quando si esegue in WinPE l'avvio di
componenti hardware compatibili con PC è possibile utilizzare non solo l'agente Acronis Backup,
ma anche i comandi e gli script di PE e altri plug-in aggiunti a PE dall'utente.

Il supporto di avvio basato su PE agevola la risoluzione di problemi dei supporti di avvio legati a
Linux, quali il supporto solo per alcuni controller RAID o limitato ad alcuni livelli di array RAID.
274
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Supporto basato su WinPE 2.x e successivamente abilitare il caricamento dinamico delle lettere
delle unità necessarie.
Limitazioni:

Un supporto basato su versioni di WinPE precedenti alla 4.0 non è in grado di eseguire l'avvio su
macchine che utilizzano Unified Extensible Firmware Interface (UEFI).

Quando una macchina viene avviata mediante un supporto di avvio basato su PE, non è possibile
selezionare supporti ottici quali CD, DVD o dischi Blu-ray (BD) come destinazione di backup.
9.1
Come creare un supporto di avvio
Acronis offre uno strumento dedicato per la creazione di un supporto di avvio, Acronis Bootable
Media Builder.
Il Generatore di supporti di avvio non richiede una licenza se installato assieme a un agente. Per
utilizzare un generatore di supporti su una macchina senza un agente, è necessario inserire il codice
di licenza o disporre di almeno una licenza sul server delle licenze. La licenza può essere disponibile o
assegnata.
Per consentire la creazione di supporti fisici, il computer deve disporre di un'unità di registrazione
CD/DVD o essere predisposta per il collegamento di un'unità flash. Per permettere la configurazione
di PXE o di WDS/RIS, il computer deve disporre di una connessione di rete. Bootable Media Builder
può anche creare l'immagine ISO di un disco di avvio per masterizzarla in seguito su un disco vuoto.
Di seguito sono indicate le istruzioni per la creazione di supporti di avvio.
9.1.1
Supporto di avvio basato su Linux
Per creare un supporto di avvio basato su Linux
1. Avviare il Generatore di supporti di avvio dalla console di gestione selezionando Strumenti > Crea
supporto di avvio o come componente separato.
2. Se l'Agente per Windows o l'Agente per Linux non è installato sulla macchina, specificare il codice
di licenza o il server delle licenze con le licenze. Le licenze non verranno assegnate o riassegnate.
Esse determinano quale funzionalità abilitare per il supporto creato. Senza licenza, è possibile
creare supporti solo per il ripristino dall'archivio nel cloud.
Se l'Agente per Windows o l'Agente per Linux è installato sulla macchina, il supporto ne eredita la
funzionalità, incluso Universal Restore e la deduplicazione.
3. Selezionare Tipo di supporto di avvio: Predefinito (supporto di avvio basato su Linux).
Selezionare il modo in cui verranno gestiti i volumi e le risorse di rete, chiamato stile del
supporto:

Un supporto con una gestione dei volumi in stile Linux visualizza i volumi come, ad esempio,
hda1 e sdb2. Esso prova a ricostruire le periferiche MD e i volumi logici (LVM) prima di
iniziare un ripristino.

Un supporto con una gestione dei volumi in stile Windows visualizza i volumi come, ad
esempio, C: e D:. Fornisce accesso ai volumi dinamici (LDM).
4. Seguire i passaggi della procedura guidata per specificare quanto segue:
a. [Facoltativo] I parametri del kernel Linux. Diversi parametri multipli con spazi.
Ad esempio, per poter selezionare una modalità di visualizzazione per l'agente di avvio ogni
volta che viene avviato il supporto, digitare: vga=ask
Per un elenco dei parametri, consultare Parametri del kernel (p. 276).
275
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
b. I componenti di avvio Acronis da collocare nel supporto.
È possibile selezionare componenti a 32 bit e/o 64 bit. I componenti a 32 bit possono
funzionare su hardware a 64 bit. Tuttavia, sono necessari componenti a 64 bit per eseguire
l'avvio su macchine che utilizzano Unified Extensible Firmware Interface (UEFI).
Per utilizzare il supporto con tipi di hardware diversi, selezionare entrambi i tipi di
componenti. Quando si esegue l'avvio di una macchina dal supporto risultante, sarà possibile
selezionare i componenti a 32 bit o a 64 bit nel menu di avvio.
c. [Facoltativo] La durata del timeout per il menu di avvio e i componenti che verranno avviati
automaticamente al timeout.

Se non configurato, il caricatore Acronis attende che l'utente selezioni se avviare il
sistema operativo (se presente) o il componente Acronis.

Se si imposta, ad esempio, 10 sec. per l'agente di avvio, esso verrà avviato 10 secondi
dopo la visualizzazione del menu. Ciò consente il funzionamento non assistito sul posto
quando si avvia da un server PXE o WDS/RIS.
d. [Facoltativo] Impostazioni di accesso remoto:

nome utente e password da immettere nella console per la connessione all'agente. Se
queste caselle vengono lasciate vuote, la connessione verrà abilitata senza specificare le
credenziali.
e. [Facoltativo] Impostazioni di rete (p. 278):

f.
Impostazioni TCP/IP da assegnare agli adattatori di rete della macchina.
[Facoltativo] Porta di rete (p. 279):

la porta TCP su cui l'agente di avvio si pone in ascolto per la connessione in ingresso.
g. Tipo di supporto da creare. È possibile:

creare CD, DVD o altri supporti di avvio come unità flash USB rimovibili, se il BIOS
hardware permette l'avvio da tali supporti



creare un'immagine ISO di un disco di avvio da masterizzare in seguito su un disco vuoto
caricare i componenti selezionati su Acronis PXE Server
caricare i componenti selezionati su WDS/RIS.
h. [Facoltativo] Driver del sistema Windows che Acronis Universal Restore dovrà utilizzare (p.
279). Questa finestra viene visualizzata solo se viene selezionato un supporto diverso da PXE
or WDS/RIS.
i. Percorso del file ISO del supporto, nome o IP e credenziali di accesso a PXE o WDS/RIS.
9.1.1.1
Parametri del kernel
Questa finestra consente di specificare uno o più parametri per il kernel di Linux. Saranno applicati
automaticamente quando parte il supporto di avvio.
Questi parametri sono utilizzati tipicamente quando si verificano problemi con l'utilizzo di supporti di
avvio. Di norma, questo campo andrebbe lasciato vuoto.
È possibile specificare ognuno di questi parametri premendo F11 dal menu di avvio.
Parametri
Se si specificano più parametri, bisogna separarli con lo spazio.
acpi=off
276
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Disabilita ACPI (Advanced Configuration and Power Interface). Questo parametro può essere
utilizzato quando si verificano problemi con una particolare configurazione hardware.
noapic
Disabilita APIC (Advanced Programmable Interrupt Controller). Questo parametro può essere
utilizzato quando si verificano problemi con una particolare configurazione hardware.
vga=ask
Richiede la modalità video da utilizzare tramite l'interfaccia grafica del supporto di avvio. Senza il
parametro vga, la modalità video è rilevata automaticamente.
vga=mode_number
Specifica la modalità video da utilizzare tramite l'interfaccia grafica del supporto di avvio. Il
numero della modalità è fornito tramite mode_number in formato esadecimale — ad esempio:
vga=0x318
La risoluzione dello schermo e il numero di colori che corrispondono a un codice di modalità
possono variare a seconda della macchina. Consigliamo di utilizzare anzitutto il parametro
vga=ask per assegnare un valore a mode_number.
quiet
Disabilita la visualizzazione dei messaggi di avvio durante il caricamento del kernel di Linux, ed
esegue la console di gestione dopo il caricamento del kernel.
Questo parametro è specificato implicitamente quando si crea il supporto di avvio, ma può
essere eliminato dal menu di avvio.
Senza questo parametro, verranno visualizzati tutti i messaggi della fase di avvio del sistema,
seguiti da un prompt dei comandi. Per avviare la console di gestione dal prompt dei comandi,
eseguire l'istruzione: /bin/product
nousb
Disabilita il caricamento del sottosistema USB (Universal Serial Bus).
nousb2
Disabilita il supporto USB 2.0. I dispositivi USB 1.1 funzionano ancora con questo parametro.
Questo parametro permette di utilizzare alcune unità USB in modalità USB 1.1 nel caso in cui non
dovessero funzionare in modalità USB 2.0.
nodma
Disabilita l'accesso diretto alla memoria (DMA) per tutti i dischi rigidi IDE. Impedisce al kernel di
bloccarsi con alcuni dispositivi hardware.
nofw
Disabilita il supporto dell'interfaccia FireWire (IEEE1394).
nopcmcia
Disabilita il rilevamento dell'hardware PCMCIA.
nomouse
Disabilita il supporto per il mouse.
module_name=off
Disabilita il modulo il cui nome è specificato da module_name. Ad esempio, per disabilitare l'uso
del modulo SATA, specificare: sata_sis=off
277
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
pci=bios
Forza l'utilizzo del PCI BIOS invece di accedere direttamente alle periferiche hardware. Questo
parametro può essere utilizzato se il computer ha un bridge host PCI non standard.
pci=nobios
Disabilita l'utilizzo del PCI BIOS; sono consentiti solo i metodi per l'accesso diretto all'hardware.
Questo parametro può essere utilizzato quando il supporto di avvio non parte, situazione che
potrebbe essere provocata dal BIOS.
pci=biosirq
Utilizza chiamate PCI BIOS per richiamare la tabella di routing di interrupt. Questo parametro può
essere utilizzato se il kernel non è in grado di allocare richieste di interrupt (IRQ) o se si rilevano
bus PCI secondari sulla scheda madre.
Queste chiamate potrebbero non funzionare correttamente su alcune macchine. Tuttavia,
potrebbe essere il solo modo per ottenere la tabella di routing di interrupt.
9.1.1.2
Impostazioni di rete
Durante la creazione del supporto di avvio Acronis, si ha l'opzione di preconfigurare le connessioni di
rete che saranno utilizzate dall'agente avviabile. È possibile preconfigurare i parametri seguenti:





Indirizzo IP
Subnet mask
Gateway
Server DNS
Server WINS.
Quando l'agente avviabile si avvia su una macchina, la configurazione viene applicata alla scheda di
interfaccia di rete (NIC) della macchina stessa. Se le impostazioni non sono state preconfigurate,
l'agente utilizza la configurazione automatica del DHCP. È inoltre possibile configurare manualmente
le impostazioni di rete quando l'agente di avvio è in esecuzione sulla macchina.
Preconfigurazione di più connessioni di rete
È possibile preconfigurare le impostazioni TCP/IP di un massimo di dieci schede di interfaccia di rete.
Per garantire che a ogni NIC vengano assegnate le impostazioni appropriate, creare il supporto sul
server per il quale il supporto stesso è personalizzato. Quando si seleziona una NIC esistente nella
finestra della procedura guidata, le relative impostazioni vengono selezionate per essere salvate sul
supporto. Viene salvato sul supporto anche l'indirizzo MAC di ogni NIC esistente.
È possibile modificare queste impostazioni, tranne l'indirizzo MAC, oppure configurare le
impostazioni di una NIC inesistente, se necessario.
Quando l'agente di avvio si avvia sul server, recupera l'elenco delle NIC disponibili, che è ordinato in
base agli slot occupati dalle NIC: quelle più vicine al processore compaiono per prime.
L'agente di avvio assegna a ogni NIC nota le impostazioni appropriate, identificando le schede in base
al loro indirizzo MAC. Dopo la configurazione delle NIC con indirizzo MAC noto, alle NIC restanti
vengono assegnate le impostazioni definite dall'utente per le NIC non esistenti, iniziando dalla NIC
non assegnata che figura per prima nell'elenco.
È possibile personalizzare il supporto di avvio per qualsiasi macchina, non solo per la macchina su cui
il supporto viene creato. A tal fine, configurare le NIC in base all'ordine dello slot occupato su tale
macchina: NIC1 occupa lo slot più vicino al processore, NIC2 lo slot successivo e così via. Quando
278
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
l'agente di avvio si avvia sulla macchina in questione, non troverà alcuna NIC con indirizzo MAC noto
e configurerà le NIC nello stesso ordine utilizzato dall'utente.
Esempio
L'agente di avvio può utilizzare uno degli adattatori di rete per la comunicazione con la console di
gestione attraverso la rete di produzione. Per tale connessione potrebbe essere utilizzata la
configurazione automatica. Una grande quantità di dati per il ripristino potrebbe essere trasferita
attraverso la seconda NIC, inclusa nella rete di backup dedicata per mezzo delle impostazioni statiche
TCP/IP.
9.1.1.3
Porta di rete
Nella creazione del supporto di avvio si dispone dell'opzione di preconfigurare la porta di rete su cui
l'agente di avvio si pone in ascolto per la connessione in ingresso. È possibile scegliere tra:



porta predefinita
porta attualmente utilizzata
nuova porta (immettere il numero della porta).
Se la porta non è stata preconfigurata, l'agente utilizza il numero della porta predefinita (9876.)
Questa porta è inoltre utilizzata per impostazione predefinita da Acronis Backup Management
Console.
9.1.1.4
Driver per Universal Restore
Durante la creazione del supporto di avvio è possibile aggiungere i driver Windows al supporto. I
driver verranno utilizzati da Universal Restore per ripristinare Windows su una macchina con un
processore dissimile, scheda madre differente o periferica di archiviazione di massa diversa rispetto
al sistema di cui è stato creato il backup.
È possibile configurare Universal Restore:


per la ricerca nel supporto dei driver migliori per l'hardware di destinazione
per ottenere dal supporto i driver della periferica di archiviazione di massa esplicitamente
specificati dall'utente. Ciò è necessario quando l'hardware di destinazione è dotato di un
controller per l'archiviazione di massa (ad esempio adattatore SCSI, RAID o Fiber Channel)
specifico per il disco rigido.
Per ulteriori informazioni consultare "Acronis Universal Restore" (p. 157).
I driver saranno collocati nella cartella Driver visibile sul supporto di avvio. I driver non vengono
caricati nella RAM della macchina di destinazione, pertanto il supporto deve restare sempre collegato
o connesso durante il funzionamento di Universal Restore.
L'aggiunta di driver ai supporti di avvio è disponibile quando si crea un supporto rimovibile o i relativi
ISO o supporto separato, ad esempio un'unità flash. Non è possibile caricare i driver su un server PXE
o WDS/RIS.
I driver possono essere aggiunti all'elenco solo in gruppi, aggiungendo i file INF o le cartelle
contenenti tali file. Non è possibile selezionare singoli driver dai file INF, ma il generatore di supporti
visualizza il contenuto dei file per completezza di informazione.
Per aggiungere i driver:
1. Fare clic su Aggiungi e sfogliare il percorso del file INF o di una cartella che contenga i file INF.
279
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
2. Selezionare il file INF o la cartella.
3. Fare clic su OK.
È possibile rimuovere i driver dall'elenco solo in gruppi, rimuovendo i file INF.
Per rimuovere i driver:
1. Selezionare il file INF.
2. Fare clic su Rimuovi.
9.1.2
Supporto di avvio basato su WinPE
Il Generatore di supporti di avvio fornisce tre metodi per l'integrazione di Acronis Backup con WinPE:

Aggiunta del plug-in Acronis all'ISO di PE esistente. Questo metodo è particolarmente comodo
quando occorre aggiungere il plug-in all'ISO di PE precedentemente configurato e già in uso.


Creazione da zero dell'ISO di PE con il plug-in.
Aggiunta di Acronis plug-in a un file WIM per qualsiasi utilizzo futuro (creazione manuale di ISO,
aggiunta di altri strumenti all'immagine e altro).
Bootable Media Builder supporta le distribuzioni di WinPE basate sui seguenti kernel:





Windows Vista (PE 2.0)
Windows Vista SP1 e Windows Server 2008 (PE 2.1)
Windows 7 (PE 3.0) con o senza supplemento per Windows 7 SP1 (PE 3.1)
Windows 8 (PE 4,0)
Windows 8,1 (PE 5,0)
Bootable Media Builder supporta sia le distribuzioni di WinPE sia a 32 bit che a 64 bit. Le distribuzioni
di WinPE a 32 bit possono funzionare anche su hardware a 64 bit. Tuttavia, è necessaria una
distribuzione a 64 bit per eseguire l'avvio di una macchina che utilizza Unified Extensible Firmware
Interface (UEFI).
Il funzionamento delle immagini di PE basate su WinPE 4 e versione successiva richiede circa 1 GB di RAM.
9.1.2.1
Preparazione: WinPE 2.x e 3.x
Per creare o modificare le immagini di PE 2.x o 3.x, installare il Generatore di supporti di avvio in un
computer con Windows Automated Installation Kit (AIK) installato. Se non si dispone di una macchina
con AIK, procedere come segue:
Per preparare una macchina con AIK
1. Scaricare e installare Windows Automated Installation Kit
Automated Installation Kit (AIK) per Windows Vista (PE 2.0):
http://www.microsoft.com/Downloads/details.aspx?familyid=C7D4BC6D-15F3-4284-9123-67983
0D629F2&displaylang=it
Automated Installation Kit (AIK) per Windows Vista SP1 e Windows Server 2008 (PE 2.1):
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=94bb6e34-d890-4932-81a5-5b50c
657de08&DisplayLang=it
Automated Installation Kit (AIK) per Windows 7 (PE 3.0):
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?familyid=696DD665-9F76-4177-A811-39C26
D3B3B34&displaylang=it
Automated Installation Kit (AIK) supplemento per Windows 7 SP1 (PE 3.1):
280
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
2.
3.
4.
5.
6.
http://www.microsoft.com/it-it/download/details.aspx?id=5188
I requisiti di sistema per l'installazione sono disponibili ai collegamenti precedenti.
[Facoltativo] Masterizzare WAIK su DVD o copiarlo su un'unità flash.
Installare Microsoft .NET Framework da questo kit (NETFXx86 o NETFXx64, a seconda
dell'hardware utilizzato).
Installare Microsoft Core XML (MSXML) 5.0 o 6.0 Parser dal kit.
Installare Windows AIK da questo kit.
Installare il Generatore di supporti di avvio nello stesso computer.
Si consiglia di familiarizzare con la documentazione della guida fornita con Windows AIK. Per
accedere alla documentazione, selezionare Microsoft Windows AIK -> Documentazione dal menu di
avvio.
9.1.2.2
Preparazione: WinPE 4.0 e WinPE 5.0
Per poter creare o modificare le immagini di PE 4 o 5, installare il Generatore di supporti di avvio su
una macchina su cui è installato Windows ADK Assessment and Deployment Kit (Windows
Assessment and Deployment Kit). Se non si dispone di una macchina con ADK, procedere come
segue:
Per preparare una macchina con ADK
1. Scaricare il programma di installazione di Assessment and Deployment Kit.
Assessment and Deployment Kit (ADK) per Windows 8 (PE 4.0):
http://www.microsoft.com/it-it/download/details.aspx?id=30652.
Assessment and Deployment Kit (ADK) per Windows 8.1 (PE 5.0):
http://www.microsoft.com/it-it/download/details.aspx?id=39982.
I requisiti di sistema per l'installazione sono disponibili ai collegamenti precedenti.
2. Installare Assessment and Deployment Kit sulla macchina.
3. Installare il Generatore di supporti di avvio nello stesso computer.
9.1.2.3
Aggiunta di Acronis Plug-in a WinPE
Per aggiungere il plug-in Acronis a WinPE ISO:
1. Per aggiungere il plug-in al generatore WinPE ISO esistente, decomprimere tutti i file di WinPE
ISO in una cartella separata sul disco rigido.
2. Avviare il Generatore di supporti di avvio dalla console di gestione selezionando Strumenti > Crea
supporto di avvio o come componente separato.
3. Se l'Agente per Windows non è installato sulla macchina, specificare il codice di licenza o il server
delle licenze con le licenze. Le licenze non verranno assegnate o riassegnate. Esse determinano
quale funzionalità abilitare per il supporto creato. Senza licenza, è possibile creare supporti solo
per il ripristino dall'archivio nel cloud.
Se l'Agente per Windows è installato sulla macchina, il supporto ne eredita la funzionalità, incluso
Universal Restore e la deduplicazione.
4. Selezionare Tipo di supporto di avvio: Windows PE.
Quando viene creata una nuova ISO di PE:


281
Selezionare Crea WinPE automaticamente.
[Facoltativo] Per creare un supporto di avvio a 64 bit, selezionare la casella di controllo Crea
supporto x64, se disponibile. Un supporto a 64 bit è necessario per eseguire l'avvio su
macchine che utilizzano UEFI (Unified Extensible Firmware Interface).
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Il software eseguirà lo script appropriato e procederà alla finestra successiva.
Per aggiungere il plug-in al PE ISO esistente:


Selezionare Usa i file di WinPE posizionati nella cartella specificata.

Fare clic su Aggiungi e specificare il percorso del file *.inf necessario per un controller SCSI,
RAID, SATA, un adattatore di rete, un'unità a nastro o un'altra periferica corrispondente.
Specificare il percorso della cartella contenente i file di WinPE.
5. [Facoltativo] Scegliere se abilitare o disabilitare le connessioni remote a una macchina avviata dal
supporto. Se abilitate, specificare il nome utente e la password da immettere nella console per la
connessione all'agente. Se queste caselle vengono lasciate vuote, la connessione verrà disabitata.
6. Specificare le impostazioni di rete (p. 278) per le schede di rete del computer o scegliere la
configurazione automatica DHCP.
7. [Facoltativo] Specificare i driver di Windows da aggiungere a Windows PE.
Quando si avvia una macchina in Windows PE, i driver possono aiutare ad accedere al dispositivo
in cui è posizionato l'archivio di backup. Aggiungere driver a 32 bit se si utilizza una distribuzione
a 32 bit di WinPE o driver a 64 bit se si utilizza una distribuzione a 64 bit di WinPE.
Inoltre, sarà possibile puntare a questi driver aggiunti durante la configurazione di Universal
Restore. Per l'utilizzo di Universal Restore, aggiungere driver a 32 bit o a 64 bit a seconda che si
stia pianificando di ripristinare un sistema operativo Windows a 32 bit o a 64 bit.
Per aggiungere i driver:

8.
9.
10.
11.
Ripetere questa procedura per ogni driver da includere nel supporto di avvio WinPE
risultante.
Scegliere se creare un'immagine ISO o WIM o caricare il supporto su un server (Acronis PXE
Server, WDS o RIS).
Specificare il percorso completo del file di immagine risultante o specificare il server e fornire il
nome utente e la password per accedervi.
Verificare le impostazioni nella schermata di riepilogo e fare clic su Procedi.
Masterizzare il file .ISO su CD o DVD usando uno strumento di terze parti o copiarlo in un'unità
flash.
Quando un computer esegue l'avvio in WinPE, Acronis Backup viene avviato automaticamente.
Per creare un'immagine di PE (file ISO) dal file WIM derivante:
 sostituire il file boot.wim predefinito che si trova nella cartella Windows PE con il nuovo file WIM
appena creato. Per l'esempio precedente, digitare:
copy c:\AcronisMedia.wim c:\winpe_x86\ISO\sources\boot.wim

utilizzare lo strumento Oscdimg. Per l'esempio precedente, digitare:
oscdimg -n –bc:\winpe_x86\etfsboot.com c:\winpe_x86\ISO
c:\winpe_x86\winpe_x86.iso
(Non copiare e incollare questo esempio. Digitare il comando manualmente. In caso contrario
l'operazione avrà esito negativo.)
Per ulteriori informazioni sulla personalizzazione di Windows PE, consultare il manuale utente
dell'Ambiente Preinstallazione di Windows (Winpe.chm).
282
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
9.2
Connessione a una macchina avviata da supporto
Dopo aver avviato una macchina da un supporto di avvio, il terminale della macchina visualizza una
finestra di avvio con l'indirizzo o gli indirizzi IP ricevuti dal DHCP o impostati in base ai valori
preconfigurati.
Configurazione delle impostazioni di rete
Per cambiare le impostazioni di rete per una sessione corrente, fare clic su Configura rete nella
finestra di avvio. La finestra Impostazioni di rete visualizzata consentirà di configurare le
impostazioni di rete di ciascuna scheda di rete (NIC) della macchina.
Le modifiche effettuate durante una sessione andranno perdute dopo il riavvio della macchina.
Aggiunta di VLAN
Nella finestra Impostazioni di rete, è possibile aggiungere reti locali virtuali (VLAN). Utilizzare questa
funzionalità per accedere a una posizione di backup inclusa in una VLAN specifica.
Le VLAN sono utilizzate principalmente per dividere una rete locale in segmenti. Una NIC (scheda di
interfaccia di rete) connessa a una porta di accesso dello switch ha sempre accesso alla VLAN
specificata nella configurazione della porta. Una NIC connessa a una porta trunk dello switch può
accedere alle VLAN consentite nella configurazione della porta solo si specificano le VLAN nelle
impostazioni di rete.
Per abilitare l'accesso a una VLAN tramite una porta trunk
1. Fare clic su Aggiungi VLAN.
2. Selezionare le NIC che forniscono accesso alla rete locale che include la VLAN richiesta.
3. Specificare l'identificatore della VLAN.
Dopo aver fatto clic su OK, nell'elenco delle schede di rete verrà visualizzata una nuova voce.
Per rimuovere una VLAN, fare clic sulla voce della VLAN richiesta e selezionare Rimuovi VLAN.
Connessione locale
Per operare direttamente sulla macchina avviata dal supporto di avvio, fare clic su Gestisci questa
macchina localmente nella finestra di avvio.
Connessione remota
Per connettere una console di gestione a una macchina remota avviata dal supporto di avvio,
selezionare Connetti > Gestisci una macchina remota nel menu della console, quindi specificare uno
degli indirizzi IP della macchina. Fornire il nome utente e la password se questi sono stati configurati
in fase di creazione del supporto di avvio.
9.3
Lavorare con il supporto di avvio
Le operazioni su una macchina avviata con il supporto di avvio sono molto simili al backup e al
ripristino nel sistema operativo. Di seguito sono riportate le differenze:
1. Dal supporto di avvio in stile Windows, un volume ha la stessa lettera di unità visualizzata in
Windows. Ai volumi che non hanno lettere di unità in Windows (come il volume Riservato per il
sistema) vengono assegnate lettere disponibili nell'ordine della loro sequenza sul disco.
Se il supporto di avvio non è in grado di rilevare Windows sulla macchina o ne rileva più di uno, a
tutti i volumi, inclusi quelli senza lettere di unità, vengono assegnate lettere nell'ordine del loro
283
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
sequenza sul disco. In questo modo le lettere dei volumi possono essere diverse da quelle
visualizzate in Windows. Ad esempio, l'unità D: dal supporto di avvio potrebbe corrispondere
all'unità E: in Windows.
Attenzione. Per maggiore sicurezza, si consiglia di assegnare nomi univoci ai volumi.
2. Il supporto di avvio in stile Linux visualizza i dischi e i volumi locali come se non fossero montati
(sda1, sda2...).
3. I backup creati utilizzando supporti di avvio hanno nomi di file semplificati (p. 82). I nomi
standard sono assegnati ai backup solo se questi vengono aggiunti a un archivio esistente con
denominazione standard dei file o se la destinazione non supporta i nomi di file semplificati.
4. I supporti di avvio basati su Linux non consentono di scrivere un backup in un volume con
formattazione di tipo NTFS. Se è necessario eseguire questa operazione, passare allo stile
Windows.
5. È possibile applicare lo stile Windows o lo stile Linux alternativamente ai supporti selezionando
Strumenti > Cambia rappresentazione del volume.
6. La GUI del supporto non visualizza una struttura di Navigazione. Utilizzare il menu Navigazione
per spostarsi da una visualizzazione all'altra.
7. Non è possibile pianificare le attività; in realtà le attività non vengono create. Se occorre ripetere
l'operazione, configurarla dall'inizio.
8. La durata del registro è limitata alla sessione corrente. È possibile salvare l'intero registro o le
voci di registro filtrate in un file.
9. I depositi centralizzati non vengono visualizzati nella struttura di cartelle della finestra Archivio.
Per accedere a un deposito gestito, immettere la seguente stringa nel campo Percorso:
bsp://indirizzo_nodo/nome_deposito/
Per accedere a un deposito centralizzato non gestito, immettere il percorso completo della
cartella del deposito.
Dopo l'immissione delle credenziali di accesso, verrà visualizzato un elenco di archivi posizionati
nel deposito.
9.3.1
Impostazione di una modalità di visualizzazione
Per una macchina avviata da un supporto, viene rilevata automaticamente una modalità video in
base alla configurazione hardware (specifiche del monitor e della scheda grafica). Se per un motivo
qualunque la modalità video viene rilevata in maniera non corretta, effettuare le seguenti operazioni:
1. Nel menu di avvio, premere F11.
2. Aggiungere al prompt dei comandi il seguente comando: vga=ask e quindi proseguire con l'avvio.
3. Dall'elenco delle modalità video supportate, scegliere quella appropriata immettendo il relativo
numero (per esempio 318) e premere INVIO.
Per non dover effettuare questa procedura ogni volta che viene eseguito l'avvio da un supporto in
una determinata configurazione hardware, creare nuovamente il supporto avviabile con il numero di
modalità appropriato (nel precedente esempio vga=0x318) immesso nella finestra Parametri del
kernel (per informazioni dettagliate, consultare la sezione Generatore di supporti di avvio (p. 275)).
9.3.2
Configurazione delle periferiche iSCSI e NDAS
Questa sezione descrive come configurare le periferiche iSCSI (Internet Small Computer System
Interface) e NDAS (Network Direct Attached Storage) quando si lavora con supporti di avvio.
284
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Queste periferiche sono collegate alla macchina tramite una interfaccia di rete e risultano come se
fossero dispositivi connessi localmente. Sulla rete, una periferica iSCSI è identificata dal suo indirizzo
IP, mentre una periferica NDAS è identificata dal suo ID di dispositivo.
Le periferiche iSCSI talvolta sono note anche come destinazione iSCSI. Un componente hardware o
software che fornisce interazione tra la macchina e il target iSCSI è chiamato iniziatore iSCSI. Il nome
dell'iniziatore iSCSI di solito è definito da un amministratore del server che ospita il dispositivo.
Per aggiungere una periferica iSCSI
1. In un supporto di avvio (basato su Linux o su PE), eseguire la console di gestione.
2. Fare clic su Configura periferiche iSCSI/NDAS (in un supporto basato su Linux) o Esegui
l'installazione iSCSI (in un supporto basato su PE).
3. Specificare indirizzo IP e porta dell'host del dispositivo iSCSI e il nome dell'iniziatore iSCSI.
4. Se l'host richiede l'autenticazione, indicare il nome utente e la password.
5. Fare clic su OK.
6. Selezionare il dispositivo iSCSI dall'elenco e fare clic su Connetti.
7. Se richiesto, specificare il nome utente e la password per accedere alla periferica iSCSI.
Per aggiungere una periferica NDAS
1.
2.
3.
4.
5.
In un supporto di avvio basato su Linux, eseguire la console di gestione.
Fare clic su Configura periferiche iSCSI/NDAS.
In Periferiche NDAS, fare clic su Aggiungi periferica.
Specificare l'ID di periferica, composto da 20 caratteri.
Per consentire la scrittura di dati sul dispositivo, specificare la chiave di scrittura da cinque
caratteri. Senza questo codice, il dispositivo sarà disponibile in modalità sola lettura.
6. Fare clic su OK.
9.4
Elenco di comandi e utilità disponibili nei supporti di
avvio basati su Linux
Il supporto di avvio basato su Linux contiene i comandi e utilità di riga di comando seguenti,
utilizzabili quando si esegue una shell dei comandi. Per avviare la shell dei comandi, premere
CTRL+ALT+F2 dalla console di gestione del supporto di avvio.
Utilità di riga di comando Acronis




acrocmd
acronis
asamba
lash
Comandi e utilità in Linux
busybox
ifconfig
rm
cat
init
rmmod
cdrecord
insmod
route
chmod
iscsiadm
scp
chown
kill
scsi_id
285
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
chroot
kpartx
sed
cp
ln
sg_map26
dd
ls
sh
df
lspci
sleep
dmesg
lvm
ssh
dmraid
mdadm
sshd
e2fsck
mkdir
strace
e2label
mke2fs
swapoff
echo
mknod
swapon
egrep
mkswap
sysinfo
fdisk
more
tar
fsck
mount
tune2fs
fxload
mtx
udev
gawk
mv
udevinfo
gpm
pccardctl
udevstart
grep
ping
umount
growisofs
pktsetup
uuidgen
grub
poweroff
vconfig
gunzip
ps
vi
halt
raidautorun
zcat
hexdump
readcd
hotplug
reboot
9.5
Acronis Startup Recovery Manager
Acronis Startup Recovery Manager è una modifica dell'agente di avvio (p. 445), residente nel disco di
sistema di Windows o nella partizione /boot di Linux, configurata per l'esecuzione all'avvio del
sistema mediante il tasto F11. Elimina la necessità di un supporto separato o una connessione di rete
per l'avvio dell'utilità di ripristino avviabile.
Acronis Startup Recovery Manager è particolarmente utile agli utenti mobili. Se si verifica un guasto,
riavviare la macchina, attendere che venga visualizzato il prompt "Premere F11 per Acronis Startup
Recovery Manager…", quindi premere F11. Il programma verrà avviato e sarà possibile eseguire il
ripristino.
Inoltre utilizzando Acronis Startup Recovery Manager è possibile eseguire il backup mentre si è in
viaggio.
286
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Nelle macchine in cui è installato il caricatore di avvio GRUB, selezionare Acronis Startup Recovery
Manager dal menu di avvio invece di premere F11.
Attivazione
L'attivazione abilita la richiesta all'avvio "Premere F11 per Acronis Startup Recovery Manager…" (se
non si dispone del caricatore di avvio GRUB) o aggiunge la voce "Acronis Startup Recovery Manager"
al menu di GRUB (se si dispone di GRUB).
Per l'attivazione di Acronis Startup Recovery Manager, nel disco di sistema (nella partizione /boot di Linux)
devono essere disponibili almeno 100 MB.
A meno che si utilizzi un caricatore di avvio GRUB installato nel Record di avvio principale (MBR),
l'attivazione di Acronis Startup Recovery Manager sovrascrive il MBR con il proprio codice di avvio.
Potrebbe essere necessario, quindi, riattivare caricatori di avvio di terzi, se sono installati.
In Linux, quando si utilizza un caricatore di avvio diverso da GRUB (ad esempio LILO), valutare
l'opportunità di installarlo in un record di avvio della partizione root (o boot) di Linux e non nell'MBR
prima di attivare Acronis Startup Recovery Manager. In alternativa, riconfigurare il caricatore di avvio
manualmente dopo l'attivazione.
Non attivare
Disabilita la richiesta all'avvio "Premere F11 per Acronis Startup Recovery Manager…" (o la voce del
menu in GRUB). Se Acronis Startup Recovery Manager non è attivato, sarà necessario effettuare una
delle seguenti operazioni per ripristinare il sistema quando l'avvio non riesce:


avviare la macchina da un supporto di ripristino avviabile separato
utilizzare l'avvio di rete da Acronis PXE Server o Microsoft RIS (Remote Installation Services).
9.6
Acronis PXE Server
Acronis PXE Server consente di avviare macchine su componenti di avvio Acronis attraverso la rete.
Avvio dalla rete:

elimina la necessità di avere un tecnico sul posto per installare il supporto di avvio nel sistema
che deve essere avviato.

durante le operazioni di gruppo, riduce il tempo necessario per avviare più computer rispetto
all'utilizzo di supporti di avvio fisici.
I componenti di avvio vengono caricati in Acronis PXE Server usando il Acronis Bootable Media
Builder. Per caricare componenti di avvio, avviare il Generatore di supporti di avvio (dalla console di
gestione, selezionando Strumenti > Crea supporto di avvio o come componente separato) e seguire
le istruzioni passo a passo descritte nella sezione "Generatore di supporti di avvio (p. 275)".
L'avvio di più computer da Acronis PXE Server è conveniente se nella rete è presente un server DHCP
(Dynamic Host Control Protocol). In questo caso le interfacce di rete dei computer avviati ottengono
automaticamente gli indirizzi IP.
Limitazione:
Acronis PXE Server non supporta il caricatore di avvio UEFI.
287
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
9.6.1
Installazione di Acronis PXE Server
Per installare Acronis PXE Server
1.
2.
3.
4.
Eseguire il programma di installazione di Acronis Backup Advanced.
Fare clic su Installa Acronis Backup.
Accettare i termini del contratto di licenza.
Selezionare la casella di controllo Desidero selezionare manualmente i componenti Acronis e
personalizzare la procedura di installazione....
5. Nella struttura dei componenti, in Altri componenti, selezionare la casella di controllo PXE
Server.
6. Seguire le istruzioni sullo schermo.
Acronis PXE Server viene eseguito come servizio subito dopo l'installazione. In seguito verrà lanciato
automaticamente ad ogni avvio del sistema. È possibile chiudere e avviare Acronis PXE Server nello
stesso modo utilizzato per gli altri servizi di Windows.
9.6.2
Configurazione di una macchina per l'avvio da PXE
Per partire da zero, è sufficiente che il BIOS della macchina supporti l'avvio dalla rete.
Su una macchina con un sistema operativo sul disco rigido, il BIOS deve essere configurato in modo
che la scheda dell'interfaccia di rete sia la prima periferica di avvio, o almeno quella precedente al
dispositivo del disco rigido. L'esempio di seguito mostra una delle possibili configurazioni del BIOS. Se
non si inserisce un supporto di avvio, la macchina si avvierà dalla rete.
In alcune versioni di BIOS, è necessario salvare le modifiche sul BIOS dopo avere abilitato la scheda
dell'interfaccia di rete, in modo che essa sia visualizzata nell'elenco delle periferiche di avvio.
Se l'hardware dispone di diverse schede dell'interfaccia di rete, assicurarsi che la scheda supportata
dal BIOS abbia il cavo di rete inserito.
9.6.3
Operare in più sottoreti
Per abilitare il funzionamento di Acronis PXE Server in un'altra sottorete (attraverso lo switch),
configurare lo switch per inoltrare il traffico PXE. Gli indirizzi IP del server PXE sono configurati in
288
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
base all'interfaccia utilizzando una funzione di assistente IP nello stesso modo degli indirizzi del
server DHCP. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a:
http://support.microsoft.com/default.aspx/kb/257579.
289
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
10 Gestione disco
Acronis Disk Director Lite è uno strumento che consente di preparare la configurazione di un
disco/volume in una macchina per il ripristino delle immagini salvate mediante il software Acronis
Backup.
Talvolta, successivamente all'esecuzione del backup di un volume e al posizionamento della relativa
immagine in uno spazio di archiviazione protetto, può accadere che la configurazione del disco della
macchina cambi, a causa della sostituzione di un disco rigido o della perdita di hardware. In casi del
genere, Acronis Disk Director Lite consente all'utente di ricreare la configurazione del disco
necessaria per ripristinare l'immagine del volume esattamente "com'era" o con le alterazioni della
struttura del volume o del disco che l'utente reputi eventualmente necessarie.
Tutte le operazioni eseguite su dischi e volumi comportano un certo rischio di danneggiamento dei dati. Le
operazioni su volumi di sistema, di avvio o di dati devono essere eseguite con molta attenzione per evitare
potenziali problemi nel processo di avvio o di archiviazione dei dati nei dischi rigidi.
Le operazioni eseguite su dischi rigidi e volumi richiedono tempo e l'eventuale interruzione dell'alimentazione, lo
spegnimento accidentale della macchina o la pressione involontario del pulsante reset durante la procedura
possono causare il danneggiamento del volume e la perdita di dati.
Tutte le operazioni sui volumi di dischi dinamici in Windows XP e Windows 2000 richiedono che il servizio
Acronis Managed Machine Service sia in esecuzione nell'account con diritti di amministratore.
Per evitare possibili perdite di dati è indispensabile adottare tutte le necessarie precauzioni (p. 290).
10.1 File system supportati
Acronis Disk Director Lite supporta i seguenti file system:


FAT 16/32
NTFS
Se è necessario eseguire un'operazione su un volume con un file system diverso, utilizzare la versione
completa di Acronis Disk Director. Fornisce più strumenti e utilità per gestire dischi e i volumi con i
seguenti file system:









FAT 16/32
NTFS
Ext2
Ext3
HFS+
HFSX
ReiserFS
JFS
Linux SWAP
10.2 Precauzioni essenziali
Per evitare danni alla struttura dei volumi e dei dischi o perdite di dati è necessario adottare tutte le
necessarie precauzioni e seguire alcune semplici regole:
290
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
1. Eseguire il backup del disco i cui volumi verranno creati o gestiti. Eseguendo il backup dei dati più
importanti in un altro disco rigido, in una condivisione di rete o su un supporto rimovibile sarà
possibile lavorare sui volumi del disco con la sicurezza che i dati siano comunque al sicuro.
2. Verificare che il disco utilizzato sia perfettamente funzionante e che non contenga settori
difettosi o errori nel file system.
3. Non eseguire alcuna operazione su dischi/volumi durante l'esecuzione di software che accede al
disco a basso livello. Chiudere questi programmi prima di eseguire Acronis Disk Director Lite.
Queste semplici precauzioni consentono di proteggersi dalla perdita accidentale di dati.
10.3 Esecuzione di Acronis Disk Director Lite
È possibile eseguire Acronis Disk Director Lite in Windows o nel supporto di avvio.
Limitazioni.


Acronis Disk Director Lite non è disponibile in Windows 8/8.1 e in Windows Server 2012/2012 R2.
Se sulla macchina sono configurati spazi di archiviazione, è possibile che le operazioni di gestione
disco nel supporto di avvio non funzionino correttamente.
Esecuzione di Acronis Disk Director Lite da Windows
Se si esegue Acronis Backup Management Console e la si connette a una macchina gestita, la
visualizzazione Gestione disco sarà disponibile nella struttura di Navigazione della console, con la
quale è possibile avviare Acronis Disk Director Lite.
Esecuzione di Acronis Disk Director Lite da un supporto di avvio
È possibile eseguire Acronis Disk Director Lite su una macchina vuota, non in grado di avviarsi o con
sistema operativo non Windows. A tal fine, avviare la macchina da un supporto di avvio (p. 456)
creato con Acronis Bootable Media Builder; eseguire la console di gestione, quindi fare clic su
Gestione disco.
10.4 Selezionare il sistema operativo per la gestione del
disco
Su una macchina con due o più sistemi operativi, la rappresentazione di dischi e volumi dipende da
quale sistema operativo è correntemente in esecuzione.
Un volume può avere una lettera diversa in sistemi operativi Windows diversi. Ad esempio, il volume
E: può apparire come D: o L: quando si avvia un altro sistema operativo Windows installato sulla
stessa macchina (è anche possibile che questo volume abbia la stessa lettera E: in un sistema
operativo Windows installato sulla macchina).
Un disco dinamico creato in un sistema operativo Windows viene considerato come Disco esterno in
un altro sistema operativo Windows o potrebbe non essere supportato dallo stesso sistema
operativo.
Quando si deve eseguire un'operazione di gestione del disco in una macchina simile, è necessario
specificare per quale sistema operativo il layout del disco verrà visualizzato e l'operazione di gestione
del disco verrà eseguita.
Il nome del sistema operativo correntemente selezionato viene mostrato nella barra degli strumenti
della console dopo "Il layout corrente del disco è per:". Fare clic sul nome del sistema operativo per
291
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
selezionare un alto sistema operativo nella finestra Selezione del sistema operativo. Nel supporto di
avvio, questa finestra compare dopo avere fatto clic su Gestione del disco. Il layout del disco verrà
visualizzato in base al sistema operativo selezionato.
10.5 Visualizzazione "Gestione disco"
Acronis Disk Director Lite è controllato mediante la visualizzazione Gestione disco della console.
La parte superiore della visualizzazione contiene una tabella dei dischi e dei volumi che consente
l'ordinamento dei dati, la personalizzazione delle colonne e la barra degli strumenti. La tabella
presenta i numeri dei dischi, oltre a lettera assegnata, etichetta, tipo, capacità, dimensione dello
spazio libero, dimensione dello spazio utilizzato, file system e stato di ogni volume. La barra degli
strumenti comprende le icone che consentono di eseguire le azioni Annulla, Ripristina e Conferma
per le operazioni in sospeso (p. 306).
Il riquadro nella parte inferiore della visualizzazione illustra inoltre in forma grafica tutti i dischi e i
relativi volumi come rettangoli recanti i dati di base (etichetta, lettera, dimensione, stato, tipo e file
system).
Le due sezioni della visualizzazione illustrano inoltre lo spazio del disco non allocato che può essere
utilizzato per la creazione dei volumi.
Avvio delle operazioni
Tutte le operazioni possono essere avviate:



Dal menu contestuale del volume o del disco (sia nella tabella che nel riquadro grafico)
Dal menu Gestione disco della console
Dalla barra Operazioni nel riquadro Azioni e strumenti
Notare che l'elenco di operazioni disponibili nel menu contestuale, nel menu Gestione disco e nella barra
Operazioni dipende dal volume selezionato o dal tipo di disco. Ciò vale anche per lo spazio non allocato.
Visualizzazione dei risultati delle operazioni
I risultati di tutte le operazioni appena pianificate relative ai dischi o ai volumi vengono visualizzati
immediatamente nella visualizzazione Gestione disco della console. Se ad esempio si crea un volume,
questo sarà immediatamente visualizzato sia nella tabella, sia nella grafica nella parte inferiore della
visualizzazione. Anche eventuali modifiche del volume, comprese le modifiche della lettera o
dell'etichetta, vengono presentate immediatamente nella visualizzazione.
10.6 Operazioni sui dischi
Acronis Disk Director Lite include le seguenti operazioni che possono essere eseguite sui dischi:


Inizializzazione del disco (p. 293): consente di inizializzare il nuovo hardware aggiunto al sistema

Conversione del disco: da MBR a GPT (p. 295): consente di convertire una tabella di partizione
MBR in GPT

Conversione del disco: da GPT a MBR (p. 296): consente di convertire una tabella di partizione
GPT in MBR

Conversione del disco: Da disco di base in disco dinamico (p. 297): consente di convertire un
disco di base in dinamico
292
Clonazione del disco di base (p. 293): consente di trasferire i dati completi dal disco MBR di base
di origine alla destinazione
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Conversione del disco: Da disco dinamico in disco di base (p. 297): consente di convertire un
disco dinamico in disco di base
La versione completa di Acronis Disk Director fornisce ulteriori strumenti e utilità per lavorare sui
dischi.
Acronis Disk Director Lite deve ottenere l'accesso esclusivo al disco di destinazione. Ciò significa che nessun'altra
utilità (ad esempio l'utilità Windows Disk Management) può accedervi nello stesso momento. Se si visualizza un
messaggio che indica che non è possibile bloccare il disco, chiudere le applicazioni di gestione del disco che lo
utilizzano e ripartire dall'inizio. Se non si riesce a determinare quali applicazioni usano il disco, chiuderle tutte.
10.6.1 Inizializzazione del disco
Se si aggiunge un nuovo disco alla macchina, Acronis Disk Director Lite rileverà la modifica della
configurazione e analizzerà il disco aggiunto al fine di inserirlo nell'elenco dei dischi e dei volumi. Se il
disco non viene inizializzato a questo punto o, eventualmente, presenta una struttura di file ignota al
sistema della macchina, significa che non è possibile installarvi alcun programma né archiviarvi dei
file.
Acronis Disk Director Lite rileverà che il disco non è utilizzabile dal sistema e che deve essere
inizializzato. La visualizzazione Gestione disco mostrerà l'hardware appena rilevato sotto forma di un
blocco grigio con icona anch'essa in grigio, indicando in tal modo che il disco non è utilizzabile dal
sistema.
Se è necessario inizializzare un disco:
1. Selezionare il disco da inizializzare.
2. Fare clic con il pulsante destro sul volume selezionato, quindi selezionare Inizializza nel menu
contestuale. Si passerà alla finestra Inizializzazione disco, che fornirà i dettagli di base
dell'hardware come il numero del disco, la capacità e lo stato, per aiutare nella selezione delle
azioni possibili.
3. Nella finestra, sarà possibile impostare lo schema di partizionamento del disco (MBR o GPT) e il
tipo di disco (di base o dinamico). Lo stato del nuovo disco verrà subito rappresentato in forma
grafica nella visualizzazione Gestione disco della console.
4. Selezionando OK, si aggiungerà un'operazione in sospeso dell'inizializzazione del disco
(per terminare l'operazione aggiunta sarà necessario confermarla (p. 306). L'uscita dal programma
senza confermare le operazioni in sospeso le annullerà definitivamente).
Dopo l'inizializzazione, tutto lo spazio su disco rimane non allocato e quindi è ancora impossibile
utilizzarlo per l'installazione di programmi o per l'archiviazione di file. Per poterlo utilizzare,
procedere come di consueto all'operazione Crea volume.
Se si decide di modificare le impostazioni del disco, è possibile eseguire questa operazione in un secondo
momento utilizzando gli strumenti standard per dischi di Acronis Disk Director Lite.
10.6.2 Clonazione del disco di base
Talvolta è necessario trasferire tutti i dati del disco su un nuovo disco, perché si desidera ampliare il
volume del sistema, avviare un nuovo layout del sistema o perché è necessario svuotare il disco a
causa di un guasto hardware. In ogni caso, il motivo per cui si esegue l'operazione Clona disco di
base può essere riassunto come la necessità di trasferire tutti dati del disco di origine esattamente
come sono in un disco di destinazione.
Acronis Disk Director Lite consente di eseguire l'operazione solo su dischi MBR di base.
293
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per pianificare l'operazione Clona disco di base:
1. Selezionare un disco da clonare.
2. Selezionare il disco di destinazione dell'operazione di clonazione.
3. Selezionare il metodo di clonazione e specificare le opzioni avanzate.
La struttura del nuovo volume sarà immediatamente rappresentata in forma grafica nella
visualizzazione Gestione disco.
Se Acronis Startup Recovery Manager (p. 444) (ASRM) è attivo, si consiglia di disattivarlo prima di clonare un
disco di sistema. In caso contrario, il sistema operativo clonato potrebbe non avviarsi. ASRM può essere attivato
nuovamente al termine della clonazione. Se la disattivazione non è possibile, per clonare il disco scegliere il
metodo Così com'è.
10.6.2.1
Selezione dei dischi di origine e di destinazione
Il programma visualizza un elenco di dischi con partizioni e chiede all'utente di selezionare il disco di
origine da cui i dati saranno trasferiti a un altro disco.
La fase successiva consiste nella selezione di un disco di destinazione per l'operazione di clonazione.
Il programma consente di selezionare un disco se la dimensione è sufficiente a contenere tutti i dati
provenienti dal disco di origine senza alcuna perdita.
Se nel disco di destinazione selezionato sono presenti dei dati, si visualizzerà un avviso: “Il disco di
destinazione selezionato non è vuoto. I dati contenuti nei volumi saranno sovrascritti", che significa
che i dati al momento presenti sul disco di destinazione selezionato andranno irrimediabilmente
persi.
10.6.2.2
Metodo di clonazione e opzioni avanzate
L'operazione Clona disco di base significa che di norma i dati del disco di origine vengono trasferiti
alla destinazione "così come sono". Pertanto, se il disco di destinazione ha dimensione uguale o
anche maggiore, è possibile trasferirvi tutti i dati esattamente come sono archiviati nell'origine.
Data l'ampia gamma di componenti hardware disponibili, tuttavia, è normale che le dimensioni del
disco di destinazione differiscano da quelle del disco di origine. Se il disco di destinazione è più
capiente, si consiglia di ridimensionare i volumi del disco di origine per evitare di lasciare spazio non
allocato sul disco di destinazione selezionando l'opzione Ridimensiona volumi in modo
proporzionale. L'opzione di clonazione del disco di base "così com'è" rimane attiva, ma il metodo di
clonazione predefinito sarà eseguito con l'ampliamento proporzionale di tutti i volumi del disco di
origine in modo che sul disco di destinazione non rimanga spazio non allocato.
Se il disco di destinazione è di dimensioni inferiori, l'opzione di clonazione Così com'è non sarà
disponibile e il ridimensionamento proporzionale dei volumi del disco di origine sarà obbligatorio. Il
programma analizza il disco di destinazione per determinare se la sua dimensione è sufficiente per
contenere tutti i dati del disco di origine senza alcuna perdita. Se tale trasferimento con
ridimensionamento proporzionale dei volumi del disco di origine è possibile senza che si verifichi
alcuna perdita di dati, l'utente potrà continuare l'operazione. Qualora, a causa di limiti dimensionali,
il trasferimento sicuro di tutti i dati del disco di origine al disco di destinazione sia impossibile anche
con il ridimensionamento proporzionale dei volumi, l'operazione Clona disco di base non è
consentita e l'utente non potrà continuare.
Se si intende clonare un disco contenente un volume di sistema, prestare attenzione alle Opzioni
avanzate.
294
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Facendo clic su Fine, si aggiungeranno le operazioni in sospeso della clonazione del disco
(per terminare l'operazione aggiunta sarà necessario confermarla (p. 306). L'uscita dal programma
senza confermare le operazioni in sospeso annullerà definitivamente tali operazioni).
Utilizzo delle opzioni avanzate
Quando si clona un disco costituito da un volume di sistema, occorre mantenere la possibilità di
riavvio del sistema operativo sul volume del disco di destinazione. Ciò significa che il sistema
operativo deve presentare informazioni del volume di sistema (ad esempio la lettera del volume)
corrispondenti alla firma NT del disco, conservata nel record del disco MBR. Due dischi con la stessa
firma NT non possono tuttavia funzionare correttamente nello stesso sistema operativo.
Se su un computer sono presenti due dischi con la stessa firma NT costituiti da un volume di sistema, all'avvio il
sistema operativo viene eseguito da un disco, rileva la stessa firma sul secondo, genera automaticamente una
nuova firma NT univoca e la assegna al secondo disco. Tutti i volumi del secondo disco perdono di conseguenza
la propria lettera, tutti i percorsi sul disco cessano di essere validi e i programmi non trovano i rispettivi file. Il
sistema operativo del disco in questione non è riavviabile.
Sono disponibili due alternative per mantenere la possibilità di riavvio del sistema sul volume del
disco di destinazione:
1. Copiare la firma NT: per fornire al disco di destinazione la firma NT del disco di origine abbinata
alle chiavi di registro anch'esse copiate sul disco di destinazione.
2. Lasciare la firma NT: per mantenere la precedente firma del disco di destinazione e aggiornare il
sistema operativo in base alla firma.
Per copiare la firma NT:
1. Selezionare la casella Copia firma NT. Viene visualizzato l'avviso: "Se sul disco rigido è presente
un sistema operativo, disinstallare dal computer l'unità del disco rigido di origine o di
destinazione prima di riavviare il computer. In caso contrario il SO si avvierà dal primo dei due e il
SO del secondo disco non sarà più riavviabile". La casella di controllo Spegni il computer dopo
l'operazione di clonazione è selezionata e disattivata automaticamente.
2. Fare clic su Fine per aggiungere l'operazione in sospeso.
3. Fare clic su Conferma sulla barra degli strumenti, quindi su Procedi nella finestra Operazioni in
sospeso.
4. Attendere il completamento dell'operazione.
5. Attendere che il computer sia spento.
6. Scollegare il disco rigido di origine o quello di destinazione dal computer.
7. Avviare il computer.
Per lasciare una firma NT:
1. Fare clic per deselezionare la casella Copia firma NT, se necessario.
2. Fare clic per deselezionare la casella Spegni il computer dopo l'operazione di clonazione, se
necessario.
3. Fare clic su Fine per aggiungere l'operazione in sospeso.
4. Fare clic su Conferma sulla barra degli strumenti, quindi su Procedi nella finestra Operazioni in
sospeso.
5. Attendere il completamento dell'operazione.
10.6.3 Conversione del disco: da MBR a GPT
È opportuno convertire un disco di base MBR in un disco di base GPT nei casi seguenti:
295
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
 Quando occorrono più di 4 volumi primari su un solo disco.
 Se è necessaria maggiore affidabilità del disco contro eventuali danni dei dati.
Se occorre convertire un disco di base MBR in un disco di base GPT:
1. Selezionare un disco di base MBR da convertire in GPT.
2. Fare clic con il pulsante destro sul volume selezionato, quindi selezionare Converti in GPT nel
menu contestuale.
Verrà visualizzato un avviso che indica che si sta per convertire il disco MBR in GPT.
3. Facendo clic su OK, si aggiungerà un'operazione in sospeso di conversione di MBR in GPT
(per terminare l'operazione aggiunta sarà necessario confermarla (p. 306). L'uscita dal programma
senza confermare le operazioni in sospeso le annullerà definitivamente).
Nota: I dischi con partizione GPT riservano lo spazio necessario al termine dell'area partizionata per l'area di
backup, che memorizza copie dell'intestazione GPT e della tabella di partizione. Se il disco è pieno e non è
possibile ridurre automaticamente la dimensione del volume, l'operazione di conversione del disco da MBR a
GPT non andrà a buon fine.
L'operazione è irreversibile. Se si dispone di un volume primario appartenente a un disco MBR e lo si converte
prima in GPT e poi di nuovo in MBR, il volume sarà di tipo logico e non sarà possibile utilizzarlo come volume di
sistema.
Se si intende installare un sistema operativo che non supporta i dischi GPT, è anche possibile
eseguire la conversione inversa del disco in MBR mediante le stesse voci di menu. Il nome
dell'operazione nell'elenco sarà Converti in MBR.
Conversione di dischi dinamici: da MBR a GPT
Acronis Disk Director Lite non supporta la conversione diretta da MBR a GPT per i dischi dinamici. È
tuttavia possibile eseguire le conversioni seguenti per raggiungere lo scopo utilizzando il programma:
1. Conversione di dischi MBR: da disco dinamico in disco di base (p. 297) utilizzando l'operazione
Converti in disco di base.
2. Conversione di dischi di base: da MBR a GPT utilizzando l'operazione Converti in GPT.
3. Conversione di dischi GPT: da disco di base in disco dinamico (p. 297) utilizzando l'operazione
Converti in disco dinamico.
10.6.4 Conversione del disco: da GPT a MBR
Se si intende installare un sistema operativo che non supporta i dischi GPT, è possibile convertire il
disco GPT in MBR. Il nome dell'operazione nell'elenco sarà Converti in MBR.
Per convertire un disco GPT in un disco MBR:
1. Selezionare un disco GPT da convertire in MBR.
2. Fare clic con il pulsante destro sul volume selezionato, quindi selezionare Converti in MBR nel
menu contestuale.
Verrà visualizzato un avviso che indica che si sta per convertire il disco GPT in MBR.
Verranno spiegate le modifiche che saranno effettuate dopo la conversione del disco selezionato
da GPT in MBR. Se ad esempio tale conversione impedisce al sistema di accedere al disco, il
caricamento del sistema operativo si interromperà dopo tale conversione oppure alcuni volumi
sul disco GPT selezionato non saranno accessibili con MBR (ad esempio i volumi che si trovano a
oltre 2 TB dall'inizio del disco) e verrà mostrato qui un avviso relativo a tale danno.
296
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Notare che i volumi di un disco GPT da convertire saranno di tipo logico dopo l'operazione, che è
irreversibile.
3. Facendo clic su OK, sarà possibile aggiungere un'operazione in sospeso di conversione di GPT in
MBR
(per terminare l'operazione aggiunta sarà necessario confermarla (p. 306). L'uscita dal programma
senza confermare le operazioni in sospeso le annullerà definitivamente).
10.6.5 Conversione del disco: da disco di base in disco dinamico
La conversione di un disco di base in dinamico può essere opportuna nei casi seguenti:
 Se si intende utilizzare il disco nell'ambito di un gruppo di dischi dinamici.
 Se si desidera ottenere una maggiore affidabilità del disco per l'archiviazione di dati.
Per convertire un disco di base in disco dinamico:
1. Selezionare il disco di base da convertire in dinamico.
2. Fare clic con il pulsante destro sul volume selezionato, quindi selezionare Converti in disco
dinamico nel menu contestuale. Verrà visualizzato un avviso finale che segnala la conversione del
disco di base in dinamico.
3. Se si fa clic su OK nell'avviso, la conversione verrà eseguita immediatamente e, se necessario, la
macchina verrà riavviata.
Nota: i dischi dinamici occupano l'ultimo megabyte del disco fisico per l'archiviazione del database,
compresa la descrizione a quattro livelli (volume, componente, partizione, disco) di ogni volume dinamico.
Se durante la conversione del disco in dinamico risulta che il disco di base è pieno e che non è possibile
ridurre automaticamente le dimensioni dei suoi volumi, l'operazione di conversione del disco da disco di
base in disco dinamico non andrà a buon fine.
Qualora si decidesse di riconvertire i dischi dinamici in dischi di base, ad esempio se si desidera
iniziare a utilizzare sulla macchina un sistema operativo che non supporta i dischi dinamici, è
possibile convertire i dischi utilizzando le stesse voci di menu, ma l'operazione ora sarà indicata come
Converti in disco di base.
Conversione del disco di sistema
Acronis Disk Director Lite non richiede il riavvio del sistema operativo dopo la conversione del disco
da disco di base in dinamico se:
1. Sul disco è installato un solo sistema operativo Windows 2008/Vista.
2. La macchina esegue tale sistema operativo.
La conversione da disco di base in dinamico del disco che comprende i volumi di sistema richiede una certa
quantità di tempo. Eventuali interruzioni dell'alimentazione, spegnimenti involontari della macchina o pressioni
accidentali del pulsante di ripristino possono dare luogo all'impossibilità di riavviare.
A differenza di Windows Disk Manager, il programma garantisce l'avviabilità di un sistema operativo
non in linea sul disco dopo l'operazione.
10.6.6 Conversione del disco: da disco dinamico in disco di base
Può essere opportuno riconvertire i dischi dinamici in dischi di base se ad esempio si desidera iniziare
a utilizzare sulla macchina un sistema operativo che non supporta i dischi dinamici.
297
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per convertire un disco dinamico in disco di base:
1. Selezionare il disco dinamico da convertire in disco di base.
2. Fare clic con il pulsante destro sul volume selezionato, quindi selezionare Converti in disco di
base nel menu contestuale. Verrà visualizzato un avviso finale sulla conversione del disco
dinamico in disco di base.
Verrà visualizzata una spiegazione sulle modifiche che avranno luogo nel sistema se il disco
selezionato viene convertito da dinamico in disco di base. Se ad esempio tale conversione
impedisce al sistema di accedere al disco, il caricamento del sistema operativo si interromperà
dopo tale conversione, oppure se il disco che si desidera convertire in disco di base contiene
volumi di tipi supportati solo da dischi dinamici (tutti i tipi tranne i volumi semplici), verrà
visualizzato un avviso sul possibile danno ai dati interessati dalla conversione.
Notare che l'operazione non è disponibile per i dischi dinamici contenenti volumi con spanning, con striping
o RAID 5.
3. Se si fa clic su OK nella finestra di questo avviso, la conversione verrà eseguita immediatamente.
Dopo la conversione, gli ultimi 8 MB di spazio del disco sono riservati per la futura conversione da
disco di base in disco dinamico.
In alcuni casi, il possibile spazio non allocato e la dimensione massima prevista del volume
potrebbero differire (ad esempio quando la dimensione di un mirror determina la dimensione
dell'altro mirror, oppure se gli ultimi 8 MB di spazio del disco sono riservati per la futura conversione
da disco di base in disco dinamico).
Conversione del disco di sistema
Acronis Disk Director Lite non richiede il riavvio del sistema operativo dopo la conversione del disco
dinamico in disco di base se:
1. Sul disco è installato un solo sistema operativo Windows 2008/Vista.
2. La macchina esegue tale sistema operativo.
La conversione da disco dinamico in disco di base del disco che comprende i volumi di sistema richiede una certa
quantità di tempo. Eventuali interruzioni dell'alimentazione, spegnimenti involontari della macchina o pressioni
accidentali del pulsante di ripristino possono dare luogo all'impossibilità di riavviare.
A differenza di Windows Disk Manager, il programma assicura:

la conversione sicura di un disco da disco dinamico in disco di base quando esso contiene volumi
con dati, per volumi semplici e con mirroring

in sistemi multivolume, l'avviabilità di un sistema che era in modalità non in linea durante
l'operazione
10.6.7 Cambiare lo stato del disco
Il cambiamento dello stato del disco è efficace per i sistemi operativi Windows Vista SP1, Windows
Server 2008, Windows 7 e si applica all'attuale layout del disco (p. 291).
Uno dei seguenti stati del disco appare sempre nella visualizzazione grafica del disco, accanto al suo
nome.

298
In linea
"In linea" significa che il disco è accessibile in modalità lettura/scrittura. Si tratta del normale
stato del disco. Se si desidera che il disco sia accessibile in modalità sola lettura, selezionare il
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
disco e quindi cambiare lo stato in modalità non in linea selezionando Cambia lo stato del disco a
non in linea dal menu Operazioni.

Non in linea
Lo stato "non in linea" indica che un disco è accessibile in modalità di sola lettura. Per portare in
linea un disco non in linea selezionato, scegliere Cambia lo stato del disco in "in linea" dal menu
Operazioni.
Se il disco è in modalità non in linea e il suo nome compare come Mancante, il disco non può
essere individuato o identificato dal sistema operativo. Potrebbe essere danneggiato, scollegato
o spento. Per informazioni sulle modalità per portare un disco non in linea o mancante nello
stato in linea, fare riferimento al seguente articolo della Microsoft Knowledge Base:
http://technet.microsoft.com/it-it/library/cc732026.aspx.
10.7 Operazioni sui volumi
Acronis Disk Director Lite include le seguenti operazioni eseguibili sui volumi:

Crea volume (p. 299): consente di creare un nuovo volume con l'aiuto della creazione guidata di
volumi.


Elimina volume (p. 303): consente di eliminare il volume selezionato.



Modifica lettera (p. 304): consente di modificare la lettera del volume selezionato
Imposta come attivo (p. 304): consente di impostare come attivo il volume selezionato in modo
che la macchina sia in grado di avviarsi con il sistema operativo installato al suo interno.
Modifica etichetta (p. 305): consente di modificare l'etichetta del volume selezionato
Formatta volume (p. 305): consente di formattare un volume conferendo ad esso il file system
necessario
La versione completa di Acronis Disk Director fornisce ulteriori strumenti e utilità per lavorare sui
volumi.
Acronis Disk Director Lite deve ottenere l'accesso esclusivo al volume di destinazione. Ciò significa che
nessun'altra utilità (ad esempio l'utilità Windows Disk Management) può accedervi nello stesso momento. Se si
riceve un messaggio che indica che il volume non può essere bloccato, chiudere le applicazioni di gestione del
disco che utilizzano questo volume e ripartire dall'inizio. Se non si riesce a determinare quali applicazioni
utilizzano il volume, chiuderle tutte.
10.7.1 Creazione di un volume
Un nuovo volume può essere necessario per:

Ripristinare una copia di backup precedentemente salvata nella configurazione "esattamente
com'è";

Archiviare separatamente raccolte o file analoghi, ad esempio una raccolta di MP3 o di file video
su un volume separato;



Archiviare backup (immagini) di altri volumi/dischi su un apposito volume;
Installare un nuovo sistema operativo (o file di swap) su un nuovo volume;
Aggiungere a una macchina nuovi componenti hardware.
In Acronis Disk Director Lite lo strumento per la creazione di volumi è la Creazione guidata volume.
10.7.1.1
Tipi di volumi dinamici
Volume semplice
299
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Volume creato dallo spazio libero di un solo disco fisico. Può essere costituito da una o più
regioni del disco unite virtualmente da Logical Disk Manager (LDM). Questo tipo di volume non
fornisce maggiore affidabilità, nessun miglioramento della velocità né spazio aggiuntivo.
Volume con spanning
Volume creato dallo spazio del disco disponibile di più dischi fisici collegati virtualmente da LDM.
In un solo volume è possibile includere fino a 32 dischi, superando in tal modo i limiti
dimensionali dei componenti hardware. Tuttavia, se si guasta un solo disco, tutti i dati vanno
persi e non è possibile rimuovere alcune parti del volume con spanning senza danneggiare in
modo irreparabile l'intero volume. I volumi con spanning pertanto non offrono maggiore
affidabilità né migliori prestazioni di I/O.
Volume con striping
Questo tipo di volume, talvolta definito anche RAID 0, è costituito da strisce di dati di uguali
dimensioni scritte su tutti i dischi del volume. Ciò significa che per creare un volume con striping
occorrono almeno due dischi dinamici. Non è necessario che i dischi presenti in un volume con
striping siano identici, ma deve essere disponibile spazio non utilizzato su ogni disco che si
desidera includere nel volume e la dimensione del volume dipenderà dalla dimensione dello
spazio più piccolo. L'accesso ai dati contenuti su un volume con striping di solito è più veloce
rispetto all'accesso agli stessi dati su un solo disco fisico, in quanto l'I/O è distribuito su più di un
disco.
I volumi con striping vengono creati per ottenere prestazioni migliori, ma non offrono una
maggiore affidabilità, in quanto non contengono informazioni ridondanti.
Volume con mirroring
Volume insensibile agli errori, talvolta anche chiamato RAID 1, in cui i dati sono duplicati su due
dischi fisici identici. Tutti i dati di un disco vengono copiati su un altro disco per fornire la
ridondanza dei dati stessi. Pressoché tutti i volumi possono essere con mirroring, compresi i
volumi di sistema e di avvio, e se uno dei dischi si guasta è ancora possibile accedere ai dati sui
dischi rimanenti. I limiti hardware relativi a dimensioni e prestazioni sono purtroppo ancora più
rigidi con l'uso di volumi con mirroring.
Volume con mirroring-striping
Volume insensibile agli errori, talvolta anche chiamato RAID 1+0, che somma i vantaggi
dell'elevata velocità I/O del layout con striping e la ridondanza del tipo con mirroring. Lo
svantaggio evidente rimane quello inerente l'architettura con mirroring, ovvero un basso
rapporto delle dimensioni disco/volume.
RAID 5
Volume insensibile agli errori i cui dati sono distribuiti su una rete di tre dischi o più. Non è
necessario che i dischi siano identici, ma su ogni disco del volume devono essere presenti blocchi
di spazio non allocato di dimensioni equivalenti. Anche la parità (un volume calcolato che serve a
ricostruire i dati in caso di guasto) è distribuita nella rete di dischi. Questa è inoltre sempre
archiviata su un disco diverso dal disco di archiviazione dei dati. Se si guasta un disco fisico, la
parte di volume RAID 5 che si trovava sul disco guasto può essere ricreata a partire dai dati
rimanenti e dalla parità. Un volume RAID 5 è affidabile ed è in grado di superare i limiti
dimensionali dei dischi fisici con un rapporto di dimensioni disco/volume più elevato rispetto al
tipo con mirroring.
300
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
10.7.1.2
Creazione guidata volume
La Creazione guidata volume consente di creare qualsiasi tipo di volume (compresi i volumi di
sistema e attivi), selezionare un file system, assegnare un'etichetta, una lettera, oltre a offrire altre
funzioni di gestione del disco.
Nelle schermate della procedura è possibile immettere i parametri dell'operazione, procedendo
passo per passo e, se necessario, tornare a qualsiasi passaggio precedente per modificare le opzioni
già selezionate. Al fine di agevolare le scelte dell'utente, per ogni parametro vengono fornite
informazioni dettagliate.
Per creare un volume:
Eseguire la Creazione guidata volume selezionando Crea volume sulla barra delle Procedure guidate,
oppure fare clic con il tasto destro in qualsiasi punto di spazio non allocato e selezionare Crea
volume nel menu contestuale visualizzato.
Selezione del tipo di volume da creare
Come primo passaggio occorre specificare il tipo di volume che si desidera creare. Sono disponibili i
seguenti tipi di volume:





Di base
Semplice/con spanning
Con striping
Con mirroring
RAID 5
Verrà fornita una breve descrizione di ciascun tipo di volume per una migliore comprensione dei
vantaggi e dei limiti delle possibili architetture dei volumi.
Se il sistema operativo al momento installato sulla macchina non supporta il tipo di volume selezionato, verrà
visualizzato un avviso in merito. In questo caso il pulsante Avanti sarà disabilitato e per procedere sarà
necessario selezionare un altro tipo di volume nella creazione del nuovo volume.
Dopo aver fatto clic sul pulsante Avanti, si procederà alla schermata successiva della procedura
guidata: Selezione dei dischi di destinazione (p. 301).
Selezione dei dischi di destinazione
La schermata successiva della procedura guidata richiederà di scegliere i dischi il cui spazio sarà
utilizzato per la creazione del volume.
Per creare un volume di base:

Selezionare un disco di destinazione e specificare lo spazio non allocato in cui creare un
volume di base.
Per creare un volume semplice/con spanning:

Selezionare uno o più dischi di destinazione in cui creare il volume.
Per creare un volume con mirroring:

Selezionare due dischi di destinazione in cui creare il volume.
Per creare un volume con striping:
301
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Selezionare due o più dischi di destinazione in cui creare il volume.
Per creare un volume RAID 5:

Selezionare tre dischi di destinazione in cui creare il volume.
Dopo la scelta dei dischi, la procedura guidata calcolerà la dimensione massima del volume derivante,
in base alla dimensione dello spazio non allocato sui dischi selezionati e ai requisiti del tipo di volume
scelto in precedenza dall'utente.
Se si sta creando un volume dinamico e si selezionano uno o più dischi di base come destinazione,
verrà visualizzato un avviso relativo alla conversione automatica dei dischi in dinamici.
È possibile visualizzare la richiesta di aggiungere il numero di dischi necessario alla selezione, a
seconda del tipo selezionato per il volume da creare.
Facendo clic sul pulsante Indietro è possibile tornare alla schermata precedente: Selezione del tipo di
volume da creare (p. 301).
Facendo clic sul pulsante Avanti si procederà alla schermata successiva: Impostazione della
dimensione del volume (p. 302).
Impostazione della dimensione del volume
Alla terza schermata della procedura guidata sarà possibile definire la dimensione del volume da
creare in base alle opzioni selezionate in precedenza. Per scegliere la dimensione necessaria tra i
valori minimo e massimo, utilizzare il cursore o immettere i valori desiderati nelle apposite finestre
tra i valori minimo e massimo, oppure fare clic sull'apposita maniglia e trascinare i bordi
dell'immagine del disco con il cursore.
Il valore massimo di norma include la massima quantità possibile di spazio non allocato. In alcuni casi,
tuttavia, il possibile spazio non allocato e la dimensione massima prevista del volume potrebbero
differire (ad esempio quando la dimensione di un mirror determina la dimensione dell'altro mirror,
oppure se gli ultimi 8 MB di spazio su disco sono riservati per la futura conversione da disco di base in
disco dinamico).
Per i volumi di base, se sul disco rimane spazio non allocato, è inoltre possibile scegliere la posizione
del nuovo volume sul disco.
Facendo clic sul pulsante Indietro è possibile tornare alla schermata precedente: Selezione dei dischi
di destinazione (p. 301).
Facendo clic sul pulsante Avanti si procederà alla schermata successiva: Impostazione delle opzioni
del volume (p. 302).
Impostazione delle opzioni del volume
Nella schermata successiva della procedura guidata è possibile assegnare la Lettera del volume (per
impostazione predefinita vengono utilizzate le prime tre lettere dell'alfabeto) e, se lo si desidera,
un'Etichetta (per impostazione predefinita: nessuna). Nella stessa schermata è inoltre possibile
specificare il File system e la Dimensione cluster.
La procedura guidata richiederà di scegliere uno dei file system di Windows: FAT16 (disabilitato se la
dimensione del volume è impostata su un valore superiore a 2 GB), FAT32 (disabilitato se la
dimensione del volume è impostata su un valore superiore a 2 TB), NTFS o lasciare il volume Non
formattato.
302
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Nell'impostazione della dimensione dei cluster è possibile scegliere qualsiasi numero nei valori
preimpostati per ogni file system. Si noti che il programma suggerisce la dimensione cluster più
idonea al volume con il file system selezionato.
Se si sta creando un volume di base, che può essere trasformato in un volume di sistema, questa
schermata avrà un aspetto diverso e fornirà la possibilità di selezionare il Tipo di volume: Primario
(Attivo primario) o Logico.
Di norma si selezionerà Primario per installare un sistema operativo in un volume. Selezionare il
valore Attivo (predefinito) se si desidera installare su questo volume un sistema operativo da avviare
all'avvio della macchina. Se non si seleziona il pulsante Primario, l'opzione Attivo sarà disabilitata. Se
il volume è destinato all'archiviazione di dati, selezionare Logico.
Un disco di base può contenere fino a quattro volumi primari. Se questi esistono già, il disco dovrà essere
convertito in dinamico, in caso contrario le opzioni Attivo e Primario saranno disabilitate e sarà possibile
selezionare esclusivamente il tipo di volume Logico. L'avviso informerà l'utente del fatto che un sistema
operativo installato su questo volume non sarà avviabile.
Se per impostare una nuova etichetta del volume si utilizzano caratteri non supportati dal sistema operativo
correntemente installato, si riceverà un avviso in proposito e il pulsante Avanti sarà disabilitato. Sarà necessario
modificare l'etichetta per procedere con la creazione del nuovo volume.
Facendo clic sul pulsante Indietro è possibile tornare alla schermata precedente: Impostazione della
dimensione del volume (p. 302).
Facendo clic sul pulsante Termina si completerà la pianificazione dell'operazione.
Per eseguire l'operazione pianificata, fare clic su Conferma nella barra degli strumenti, quindi
selezionare Procedi nella finestra Operazioni in sospeso.
Se si imposta una dimensione cluster di 64 K per FAT16/FAT32 o di 8 KB-64 KB per NTFS, Windows può montare
il volume, ma è possibile che alcuni programmi (ad esempio i programmi di installazione) calcolino in modo
errato lo spazio del disco.
10.7.2 Eliminazione del volume
Questa versione di Acronis Disk Director Lite presenta una funzionalità ridotta in quanto si tratta
principalmente di uno strumento per la preparazione di sistemi bare-metal ai fini del ripristino di
immagini dei volumi salvate in precedenza. Le funzionalità di ridimensionamento dei volumi esistenti
e di creazione di volumi nuovi utilizzando lo spazio libero di quelli esistenti sono disponibili nella
versione completa del software, pertanto con questa versione l'eliminazione di un volume esistente
talvolta può rappresentare l'unico metodo per liberare lo spazio necessario del disco senza modificare
la configurazione dei dischi esistenti.
Dopo l'eliminazione di un volume, il relativo spazio viene aggiunto allo spazio non allocato del disco e
può essere utilizzato per la creazione di un nuovo volume o per modificare il tipo di un altro volume.
Per eliminare un volume:
1. Selezionare un disco rigido e un volume da eliminare.
2. Selezionare Elimina volume o una voce analoga nell'elenco Operazioni della barra laterale
oppure fare clic sull'icona Elimina il volume selezionato sulla barra degli strumenti.
Se il volume contiene dati verrà visualizzato un avviso che segnala che tutte le informazioni presenti nel
volume andranno irrevocabilmente perdute.
303
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
3. Facendo clic su OK nella finestra Elimina volume, si aggiungerà l'operazione in sospeso di
eliminazione del volume
(per terminare l'operazione aggiunta sarà necessario confermarla (p. 306). L'uscita dal programma
senza confermare le operazioni in sospeso le annullerà definitivamente).
10.7.3 Impostazione del volume come attivo
Se sono presenti più volumi primari è necessario specificarne uno come volume di avvio. A tal fine è
possibile impostare un volume in modo che diventi attivo. In un disco può essere presente un solo
volume attivo, pertanto se si imposta un volume come attivo verrà automaticamente deselezionato il
volume che era attivo in precedenza.
Per impostare un volume come attivo:
1. Selezionare un volume primario su un disco di base MBR da impostare come attivo.
2. Fare clic con il pulsante destro sul volume selezionato, quindi selezionare Contrassegna come
attivo nel menu contestuale.
Se nel sistema non è presente alcun altro volume attivo, verrà aggiunta l'operazione in sospeso di
impostazione del volume come attivo.
Notare che, a causa dell'impostazione del nuovo volume come attivo, la lettera del precedente volume
attivo potrebbe essere modificata ed è possibile che alcuni dei programmi installati cessino di funzionare.
3. Se nel sistema è presente un altro volume attivo, verrà visualizzato un avviso che segnala che il
precedente volume attivo dovrà prima essere impostato come passivo. Facendo clic su OK sulla
finestra Avviso, si aggiungerà l'operazione in sospeso di impostazione del volume come attivo.
Nota: anche se il sistema operativo risiede nel nuovo volume attivo, in alcuni casi la macchina non sarà in
grado di avviarsi da questo. È necessario confermare la decisione per impostare il nuovo volume come
attivo
(per terminare l'operazione aggiunta sarà necessario confermarla (p. 306). L'uscita dal programma
senza confermare le operazioni in sospeso le annullerà definitivamente).
La struttura del nuovo volume sarà immediatamente rappresentata in forma grafica nella
visualizzazione Gestione disco.
10.7.4 Modifica della lettera del volume
I sistemi operativi Windows assegnano delle lettere (C:, D: e così via) ai volumi del disco rigido
all'avvio. Tali lettere vengono utilizzate dalle applicazioni e dai sistemi operativi per individuare file e
cartelle nei volumi.
Il collegamento di un disco aggiuntivo, così come la creazione o l'eliminazione di un volume su dischi
esistenti, potrebbe modificare la configurazione del sistema. Di conseguenza alcune applicazioni
potrebbero cessare di funzionare normalmente o alcuni file utente potrebbero non essere trovati
automaticamente e aperti. Per evitare tale evenienza, è possibile modificare manualmente le lettere
assegnate automaticamente ai volumi dal sistema operativo.
Per modificare una lettera assegnata a un volume dal sistema operativo:
1. Selezionare il volume di cui si desidera modificare la lettera.
2. Fare clic con il pulsante destro sul volume selezionato, quindi selezionare Modifica lettera nel
menu contestuale.
3. Selezionare una nuova lettera nella finestra Modifica lettera.
304
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
4. Facendo clic su OK nella finestra Modifica lettera, si aggiungerà un'operazione in sospeso
all'assegnazione della lettera al volume.
(per terminare l'operazione aggiunta sarà necessario confermarla (p. 306). L'uscita dal
programma senza confermare le operazioni in sospeso le annullerà definitivamente).
La struttura del nuovo volume sarà immediatamente rappresentata in forma grafica nella
visualizzazione Gestione disco.
10.7.5 Modifica dell'etichetta del volume
L'etichetta del volume è un attributo facoltativo. Si tratta di un nome che viene assegnato a un
volume per agevolarne il riconoscimento. Un volume può ad esempio essere chiamato SISTEMA, per
indicare che contiene il sistema operativo, oppure PROGRAMMI, ovvero si tratta di un volume di
applicazioni, DATI, se il volume contiene dati, e così via, ma ciò non implica che sul volume possano
essere archiviati solo dati del tipo indicato sull'etichetta.
In Windows le etichette dei volumi vengono visualizzate nella struttura di dischi e cartelle di Gestione
risorse: ETICHETTA1 (C:), ETICHETTA2 (D:), ETICHETTA3 (E:) e così via. ETICHETTA1, ETICHETTA2 e
ETICHETTA3 sono etichette di volumi. L'etichetta di un volume viene visualizzata in tutte le finestre di
dialogo delle applicazioni relative all'apertura e al salvataggio di file.
Per modificare l'etichetta di un volume:
1. Fare clic con il tasto destro sul volume selezionato, quindi fare clic su Modifica etichetta.
2. Immettere una nuova etichetta nel campo di testo della finestra Modifica etichetta.
3. Facendo clic su OK nella finestra Modifica etichetta, si aggiungerà l'operazione in sospeso di
modifica dell'etichetta del volume.
Se per impostare una nuova etichetta del volume si utilizzano caratteri non supportati dal sistema
operativo correntemente installato, si visualizzerà un avviso in proposito e il pulsante OK sarà disabilitato. È
necessario utilizzare esclusivamente caratteri supportati per procedere con la modifica dell'etichetta
(per terminare l'operazione aggiunta occorre premere Conferma (p. 306). L'uscita dal programma
senza confermare le operazioni in sospeso annullerà definitivamente tali operazioni).
La nuova etichetta verrà immediatamente rappresentata in forma grafica nella visualizzazione
Gestione disco della console.
10.7.6 Formattazione del volume
Può essere opportuno formattare un volume se si desidera modificarne il file system:

per risparmiare una maggiore quantità di spazio che verrà perso a causa della dimensione dei
cluster nel file system FAT16 o FAT32

come metodo rapido e relativamente affidabile per eliminare definitivamente dati che risiedono
nel volume
Per formattare un volume:
1. Selezionare un volume da formattare.
2. Fare clic con il pulsante destro sul volume selezionato, quindi selezionare Formatta nel menu
contestuale.
Verrà visualizzata la finestra Formatta volume, in cui è possibile impostare le nuove opzioni del
file system. È possibile scegliere uno dei file system di Windows: FAT16 (disabilitato se la
dimensione del volume è superiore a 2 GB), FAT32 (disabilitato se la dimensione del volume è
superiore a 2 TB) o NTFS.
305
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Nella finestra successiva è possibile immettere l'etichetta del volume, se necessario: per
impostazione predefinita questa finestra è vuota.
Nell'impostazione della dimensione dei cluster è possibile scegliere qualsiasi numero nei
valori preimpostati per ogni file system. Si noti che il programma suggerisce la dimensione
cluster più idonea al volume con il file system selezionato.
3. Facendo clic su OK per procedere con l'operazione Formatta volume, si aggiungerà
un'operazione in sospeso di formattazione di un volume.
(per terminare l'operazione aggiunta sarà necessario confermarla (p. 306). L'uscita dal
programma senza confermare le operazioni in sospeso le annullerà definitivamente).
La struttura del nuovo volume sarà rappresentata in forma grafica nella visualizzazione Gestione
disco.
Se si imposta una dimensione cluster di 64 K per FAT16/FAT32 o di 8 KB-64 KB per NTFS, Windows può montare
il volume, ma è possibile che alcuni programmi (ad esempio i programmi di installazione) calcolino in modo
errato lo spazio del disco.
10.8 Operazioni in sospeso
Tutte le operazioni preparate dall'utente in modalità manuale o con l'ausilio di una procedura
guidata sono considerate in sospeso fino a quando l'utente non imposta il comando specifico per
rendere definitive le modifiche. Prima di tale comando, Acronis Disk Director Lite si limiterà a
visualizzare la struttura del nuovo volume che deriverà dalle operazioni pianificate per essere
eseguite su dischi e volumi. Questo approccio consente di controllare tutte le operazioni pianificate,
di svolgere un ulteriore controllo sulle modifiche desiderate e, se necessario, di annullare le
operazioni prima che vengano eseguite.
Al fine di impedire l'esecuzione di qualsiasi modifica involontaria sul disco, il programma visualizza
anzitutto l'elenco di tutte le operazioni in sospeso.
La visualizzazione Gestione disco contiene la barra degli strumenti con le icone per avviare le
operazioni Annulla, Ripristina e Conferma destinate alle operazioni in sospeso. È inoltre possibile
avviare tali azioni dal menu Gestione disco della console.
Tutte le operazioni pianificate vengono aggiunte all'elenco di operazioni in sospeso.
L'azione Annulla consente di annullare l'ultima operazione in elenco. Questa azione è disponibile
quando l'elenco non è vuoto.
L'azione Ripristina consente di reintegrare l'ultima operazione in sospeso che è stata annullata.
L'azione Conferma indirizza l'utente alla finestra Operazioni in sospeso, in cui è visualizzato l'elenco
di tali operazioni. Per eseguirle fare clic su Procedi. Non è possibile annullare alcuna azione o
operazione dopo aver selezionato Procedi. È inoltre possibile annullare l'azione facendo clic su
Annulla. La modifica dell'elenco delle operazioni in sospeso non verrà quindi eseguita.
L'uscita da Acronis Disk Director Lite senza confermare le operazioni in sospeso annulla
definitivamente tali operazioni, quindi se si tenta di uscire da Gestione disco senza confermare le
operazioni in sospeso viene visualizzato un avviso al riguardo.
306
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
11 Protezione delle applicazioni con il backup a
livello del disco
Questa sezione descrive come utilizzare un backup a livello del disco per proteggere le applicazioni in
esecuzione su server Windows.
Queste informazioni sono valide sia per le macchine fisiche che per le macchine virtuali, a
prescindere che il backup delle macchine virtuali venga eseguito a livello di hypervisor o dall'interno
di un sistema operativo guest.
Il backup a livello del disco è in grado di proteggere qualunque applicazione compatibile con VSS;
tuttavia, Acronis ha testato la protezione delle seguenti applicazioni:




Microsoft Exchange Server
Microsoft SQL Server
Active Directory (Servizi di dominio Active Directory)
Microsoft SharePoint
Utilizzo di un backup del disco di un server delle applicazioni
Un backup del disco o del volume consente di archiviare il file system di un disco o di un volume
come un unico elemento. Per questo, conserva tutte le informazioni necessarie per l'avvio del
sistema operativo. Conserva anche tutti i file delle applicazioni, inclusi i file dei database. È possibile
utilizzare questo backup in diversi modi a seconda della situazione.

In caso di emergenza, è possibile ripristinare l'intero disco per assicurarsi che sia il sistema
operativo che le applicazioni siano in esecuzione.

Se il sistema operativo è intatto, potrebbe essere necessario riportare un database delle
applicazioni a uno stato precedente. Per eseguire questa operazione, ripristinare i file del
database e utilizzare gli strumenti nativi dell'applicazione per fare in modo che questa riconosca
il database.

Potrebbe essere necessario estrarre solo un certo elemento dei dati, per esempio un documento
PDF da un backup del server di Microsoft SharePoint. In questo caso, è possibile montare
temporaneamente un volume di cui è stato eseguito il backup nel file system dell'applicazione e
utilizzare gli strumenti nativi dell'applicazione per estrarre l'elemento.
11.1 Backup di un server delle applicazioni
Per proteggere un server delle applicazioni, creare un piano di backup o utilizzare la funzionalità
Esegui backup adesso come descritto nella sezione "Backup" (p. 58).
Le applicazioni che utilizzano i database richiedono alcuni piccoli passaggi per assicurare la coerenza
dei dati dell'applicazione all'interno del backup del disco.
Backup di intere macchine
È possibile archiviare i database su più di un disco o volume. Per garantire che tutti i file necessari
siano inclusi in un backup, eseguire il backup dell'intera macchina. Questo garantisce anche che
l'applicazione rimarrà protetta se si aggiungono più database o se si spostano i file di registro in
futuro.
307
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Se si è sicuri che i database e i rispettivi file associati si trovino sempre sugli stessi volumi, è possibile
eseguire il backup solo su questi volumi. In alternativa è possibile creare piani di backup separati per
il volume di sistema e per i volumi che archiviano i dati. In entrambi i casi, assicurarsi che tutti i
volumi contenenti i file necessari siano inclusi nel backup. Per istruzioni su come trovare i percorsi
dei database, fare riferimento a "Individuare i file dei database" (p. 309).
Se i database delle applicazioni si trovano su una serie di macchine, eseguire il backup di tutte le
macchine nella stessa pianificazione. Per esempio, includere tutti i server SQL che appartengono a
una farm di SharePoint in un piano di backup centralizzato eseguito in base a una pianificazione fissa.
Utilizza il Servizio Copia Shadow del volume (VSS)
Il Servizio Copia Shadow del volume (VSS) deve essere utilizzato per garantire la coerenza dei file del
database nel backup. Senza VSS, i file si troverebbero in stato crash-consistent; ovvero, dopo il
ripristino, il sistema si troverebbe nello stesso stato che si presenterebbe se l'alimentazione fosse
stata scollegata al momento dell'inizio del backup. Mentre questi backup sono sufficientemente
adeguati per la maggior parte delle applicazioni, le applicazioni che utilizzano i database potrebbero
non essere avviate da uno stato crash-consistent.
Un provider VSS notifica alle applicazioni VSS che il backup sta per essere avviato. Questo assicura
che tutte le transazioni dei database siano completate prima del momento in cui Acronis Backup crea
lo snapshot dei dati. Questo, a sua volta, garantisce lo stato coerente dei database nel backup
derivante.
Acronis Backup è in grado di utilizzare diversi provider VSS. Per i prodotti Microsoft, il Provider di
copie shadow software Microsoft rappresenta la scelta migliore.
Utilizzo di VSS su una macchina fisica
Su una macchina fisica, l'utilizzo di VSS è configurabile. Questo si applica anche a una macchina
virtuale di cui è stato eseguito il backup dall'interno del sistema operativo guest. Potrebbe essere
necessario abilitare l'utilizzo di VSS manualmente, se l'impostazione di fabbrica è stata modificata dal
valore predefinito.
È necessario assicurarsi anche che i writer VSS per la rispettiva applicazione siano attivati. In
Windows Small Business Server 2003, il writer Exchange è disattivato per impostazione predefinita.
Per istruzioni su come attivarlo, consultare il seguente articolo della Microsoft Knowledge Base
http://support.microsoft.com/kb/838183/.
Per abilitare l'utilizzo di VSS per impostazione predefinita in qualunque piano di backup creato
su una macchina:
1. Connettere la console alla macchina.
2. Nel menu superiore, selezionare Opzioni > Opzioni di backup e ripristino predefinite > Opzioni
di backup predefinite > Servizio Copia Shadow del volume.
3. Fare clic su Utilizza il Servizio Copia Shadow del volume.
4. Nell'elenco Provider snapshot, selezionare Software - Provider di sistema.
Quando la console è connessa al server di gestione, è possibile configurare le stesse impostazioni
predefinite per tutte le macchine registrate.
Utilizzo di VSS su una macchina virtuale
Quando si esegue il backup di una macchina virtuale a livello di hypervisor, l'utilizzo di VSS non è
configurabile. VSS viene sempre utilizzato se VMware Tools o Hyper-V Integration Services sono
installati in un rispettivo sistema guest.
308
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
L'installazione di questi strumenti/servizi è un requisito comune per il backup a livello di hypervisor.
Se si incontrano errori che indicano "snapshot inattivo" quando si esegue il backup delle macchine
virtuali di ESX(i), di solito è utile reinstallare o aggiornare VMware Tools e riavviare la macchina
virtuale. Per ulteriori informazioni, consultare http://kb.acronis.com/content/4559.
Troncamento dei registri transazioni
Active Directory di solito utilizza la registrazione circolare. I registri di altre applicazioni compatibili
con VSS (eccetto Microsoft SQL Server) possono essere troncati utilizzando l'opzione Abilita backup
completo VSS (p. 137). Questa opzione è disponibile su una macchina fisica e su una macchina
virtuale su cui è installato l'Agente per Windows.
Altre opzioni disponibili includono:
1. Troncamento dei registri manualmente oppure utilizzando uno script. Per ulteriori informazioni,
consultare "Troncamento dei registri transazioni" (p. 312)
2. Per Microsoft Exchange Server, utilizzo dell'Agente per Exchange dedicato.
3. Per Microsoft SQL Server, utilizzando l'Agente per SQL.
Raccomandazioni specifiche per le applicazioni
Consultare "Procedure ottimali per il backup dei server delle applicazioni" (p. 316).
11.1.1 Individuazione dei file di database
Questa sezione descrive come trovare i file dei database delle applicazioni.
Si consiglia di trovare il percorso dei file dei database e di archiviarli in un luogo sicuro. Questo
consentirà di risparmiare tempo e lavoro quando verranno ripristinati i dati dell'applicazione.
11.1.1.1
File dei database di SQL Server
I database di SQL Server presentano tre tipi di file:

File di dati primari: hanno l'estensione .mdf per impostazione predefinita. Ogni database dispone
di un file di dati primario.

File di dati secondari: hanno l'estensione .ndf per impostazione predefinita. I file di dati secondari
sono opzionali. Alcuni database potrebbero non averli del tutto, mentre altri database
potrebbero disporre di file di dati secondari.

File di registro: hanno l'estensione .ldf per impostazione predefinita. Ogni database dispone di
almeno un file di registro.
Assicurarsi che tutti i volumi contenenti i file precedenti siano inclusi nel backup. Per esempio, se i
database si trovano in C:\Program Files\Microsoft SQL Server\MSSQL.1\MSSQL\Data\ e i file di
registro in F:\TLs\, è necessario eseguire il backup di entrambi i volumi C:\ e F:\.
Determinare il percorso di tutti i file di database di un'istanza utilizzando
Transact-SQL
È possibile utilizzare il seguente script di Transact-SQL "così com'è" per determinare il percorso di
tutti i file di database di un'istanza.
309
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Create Table ##temp
(
DatabaseName sysname,
Name sysname,
physical_name nvarchar(500),
size decimal (18,2),
FreeSpace decimal (18,2)
)
Exec sp_msforeachdb '
Use [?];
Insert Into ##temp (DatabaseName, Name, physical_name, Size, FreeSpace)
Select DB_NAME() AS [DatabaseName], Name, physical_name,
Cast(Cast(Round(cast(size as decimal) * 8.0/1024.0,2) as decimal(18,2)) as
nvarchar) Size,
Cast(Cast(Round(cast(size as decimal) * 8.0/1024.0,2) as decimal(18,2)) Cast(FILEPROPERTY(name, ''SpaceUsed'') * 8.0/1024.0 as decimal(18,2)) as
nvarchar) As FreeSpace
From sys.database_files'
Select * From ##temp
drop table ##temp
Determinare la posizione dei file di database utilizzando SQL Server Management
Studio
Posizioni predefinite
I file di database di SQL Server si trovano nelle rispettive posizioni predefinite, a meno che i percorsi
siano stati personalizzati manualmente. Per scoprire le posizioni predefinite dei file dei database:
1. Eseguire Microsoft SQL Server Management Studio e connetterlo all'istanza necessaria.
2. Fare clic con il pulsante destro sul nome dell'istanza e selezionare Proprietà.
3. Aprire la pagina Impostazioni database e visualizzare i percorsi specificati nella sezione Percorsi
predefiniti database.
Posizioni personalizzate
Se le posizioni dei file dei database di SQL Server sono state personalizzate, procedere come segue.
1. In Microsoft SQL Server Management Studio, espandere l'istanza necessaria.
2. Fare clic con il pulsante destro sul database, quindi selezionare Proprietà. Questo aprirà la
finestra di dialogo Proprietà database.
3. Nel riquadro Selezione pagina, fare clic su File e visualizzare i percorsi specificati nella sezione
File di database.
11.1.1.2
File dei database di Exchange Server
I database di Exchange presentano tre tipi di file:

File di database (.edb)
Contiene intestazione del messaggio, testo del messaggio e allegati standard.
Un database di Exchange 2003/2007 utilizza due file: .edb per testo e dati e .stm per i dati MIME.

File di registro transazioni (.log)
Contiene la cronologia delle modifiche effettuate al database. Solo dopo che una modifica è stata
registrata in modo sicuro, essa viene scritta sul file del database. Questo approccio garantisce un
ripristino affidabile del database in uno stato coerente in caso di interruzione improvvisa del
database.
310
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Ogni file di registro ha dimensioni di 1024 KB (o 5120 KB in Exchange 2003). Quando un file di
registro è pieno, Exchange lo chiude e ne crea uno nuovo.

File del punto di arresto (.chk)
Traccia l'avanzamento di Exchange nella scrittura delle informazioni registrate nel file del
database.
Per scoprire i percorsi dei file dei database e dei file di registro, procedere come segue.
Exchange 2010
Eseguire i seguenti comandi utilizzando Exchange Management Shell:
Get-MailboxDatabase | Format-List -Property Name, EdbFilePath, LogFolderPath
Exchange 2007
Eseguire i seguenti comandi utilizzando Exchange Management Shell:

Per ottenere i percorsi dei file dei database:
Get-MailboxDatabase | Format-List -Property Name, EdbFilePath, StorageGroup

Per ottenere i percorsi dei file di registro:
Get-MailboxDatabase | ForEach { Get-StorageGroup $_.StorageGroupName | Format-List
-Property Name, LogFolderPath }
Exchange 2003
1. Avviare Exchange System Manager.
2. Fare clic su Gruppi amministrativi.
Nota: Se Gruppi amministrativi non viene visualizzato, potrebbe non essere attivato. Per attivare Gruppi
amministrativi, fare clic con il pulsante destro su Organizzazione Exchange e selezionareProprietà. Fare clic
per selezionare la casella di controllo Visualizza Gruppi amministrativi.
3. Per scoprire la posizione delle registro transazioni, eseguire le seguenti operazioni:
a. Fare clic con il pulsante destro sul gruppo di archiviazione, quindi selezionare Proprietà.
b. Nella scheda Generale verrà visualizzata la posizione del registro transazioni.
4. Per scoprire la posizione dei file dei database (*.edb), eseguire le seguenti operazioni:
a. Espandere il gruppo di archiviazione richiesto.
b. Fare clic con il pulsante destro sul database, quindi selezionare Proprietà.
c. Nella scheda Database, verrà visualizzata la posizione del file del database e la posizione del
file del flusso del database.
11.1.1.3
File del database di Active Directory
Un database di Active Directory consiste nei seguenti file:
1.
2.
3.
4.
NTDS.dit (file del database)
Edb.chk (file del checkpoint)
Edb*.log (registri transazioni)
Res1.log e Res2.log (due file di registro di riserva)
I file di solito si trovano nella cartella %systemroot%\NTDS (come C:\Windows\NTDS) di un
controller di dominio. Tuttavia, la loro posizione è configurabile. I file dei database e dei registri
transazioni possono essere archiviati su volumi diversi. Assicurarsi che entrambi i volumi siano inclusi
nel backup.
311
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per stabilire la posizione attuale dei file dei database e dei registri transazioni, esaminare i valori DSA
Database file e Database log files path nella seguente chiave di registro:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\NTDS\Parameters
11.1.1.4
File di database SharePoint
SharePoint archivia contenuti, dati dei servizi SharePoint ausiliari e configurazione farm nei database
di Microsoft SQL Server.
Per trovare file di database in SharePoint 2010 o versione successiva
1. Aprire il sito Amministrazione centrale.
2. Selezionare Aggiornamento e migrazione > Rivedi stato database. Sarà possibile visualizzare il
nome dell'istanza SQL e del database per tutti gli altri database.
3. Utilizzare Microsoft SQL Server Management Studio per identificare i file del database necessario.
Per istruzioni dettagliate, fare riferimento a "File del database SQL Server" (p. 309).
Per trovare il contenuto dei file di database in SharePoint 2007
1.
2.
3.
4.
Aprire il sito Amministrazione centrale.
Selezionare Gestione applicazione > Database del contenuto.
Selezionare un'applicazione Web.
Selezionareun database. Nella pagina aperta sarà possibile visualizzare il server del database e il
nome del database. Annotarli o copiarli in un file di testo.
5. Ripetere il passaggio 4 per gli altri database dell'applicazione Web.
6. Ripetere i passaggi da 3 a 5 per le altre applicazioni Web.
7. Utilizzare Microsoft SQL Server Management Studio per identificare i file del database. Per
istruzioni dettagliate, fare riferimento a "File del database SQL Server" (p. 309).
Per trovare i file del database di configurazione o del servizio in SharePoint 2007
1. Aprire il sito Amministrazione centrale.
2. Selezionare Gestione applicazione > Crea o configura i servizi condivisi di questa farm.
3. Fare clic con il pulsante destro su un provider dei servizi condivisi e selezionare Modifica
proprietà. Nella pagina aperta sarà possibile visualizzare il server del database e il nome del
database. Annotarli o copiarli in un file di testo.
4. Ripetere il passaggio 3 per altri provider dei servizi condivisi.
5. Utilizzare Microsoft SQL Server Management Studio per identificare i file del database. Per
istruzioni dettagliate, fare riferimento a "File del database SQL Server" (p. 309).
11.1.2 Troncamento dei registri transazioni
Questa sezione descrive come troncare i registri transazioni quando si proteggono il server di
Microsoft Exchange e Microsoft SQL utilizzando i backup del disco.
Le raccomandazioni per i server SQL si applicano anche ai server SQL inclusi in una farm di Microsoft
SharePoint. I database di Active Directory normalmente utilizzano la registrazione circolare, quindi
non richiedono il troncamento del registro.
312
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
11.1.2.1
Troncamento del registro transazioni e riduzione del file di
registro per SQL Server
Acronis Backup non esegue il troncamento dei registri transazioni dopo la creazione di un backup del
disco. Se non si utilizza il motore di backup nativo di Microsoft SQL Server o un'altra soluzione di
backup di terze parti che gestisce automaticamente i registri transazioni, è possibile gestire i registri
utilizzando i seguenti metodi.

Troncamento registro transazioni. Il troncamento del registro consente di liberare file del
registro virtuale inattivi (che contengono solo record di registro inattivi) per il riutilizzo da parte
di nuovi record del registro. Il troncamento può prevenire l'aumento di un file di registro fisico,
ma non ne riduce le dimensioni.
Per ulteriori informazioni sul troncamento, fare riferimento al seguente articolo:
http://technet.microsoft.com/it-it/library/ms189085(v=sql.105)

Riduzione del file di registro. La riduzione del file di registro consente di ridurre le dimensioni
fisiche di un file di registro rimuovendo i file di registro virtuale inattivi. La riduzione è più efficace
dopo il troncamento del registro.
Per ulteriori informazioni sulla riduzione, fare riferimento al seguente articolo:
http://technet.microsoft.com/it-it/library/ms178037(v=sql.105)
Troncamento del registro utilizzando SQL Server Management Studio
Quando si porta un database al modello di recupero con registrazione minima, i registri transazioni
vengono troncati automaticamente.
1. Per portare il database al modello di recupero con registrazione minima:
a. Eseguire Microsoft SQL Server Management Studio e connetterlo all'istanza.
b. Fare clic con il pulsante destro sul database, quindi selezionare Proprietà. Questo aprirà la
finestra di dialogo Proprietà database.
c. Nel riquadro Selezione pagina, fare clic su Opzioni.
d. Nella casella di riepilogo Modello di recupero, selezionare l'elenco del modello Semplice.
2. I file del registro transazioni verranno troncati automaticamente.
3. Riportare il database al modello di recupero con registrazione completa o con registrazione
minima delle operazioni bulk nello stesso modo descritto nel passaggio 1.
Automazione del troncamento e della riduzione del registro
È possibile automatizzare la procedura di troncamento precedente utilizzando uno script e
(facoltativamente) aggiungendo la riduzione del file di registro. Se si aggiunge lo script al Comando
post-backup (p. 131), i registri verranno troncati e ridotti subito dopo un backup. Questo metodo dà
per scontato che si disponga di capacità di scripting Transact-SQL e si abbia familiarità con l'utilità
sqlcmd.
Per ulteriori informazioni su Transact-SQL e sqlcmd, fare riferimento ai seguenti articoli:
 Utilizzo di Transact-SQL: http://technet.microsoft.com/it-it/library/ms189826(v=sql.90)
 Utilizzo dell'utilità sqlcmd: http://technet.microsoft.com/it-it/library/ms170572(SQL.90).aspx
Per automatizzare il troncamento e la riduzione del registro transazioni per un'istanza SQL
1. Utilizzando il seguente modello, creare uno script che eseguirà il troncamento e la riduzione dei
file di registro per i database dell'istanza:
313
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
USE database_name
ALTER DATABASE nome_database SET RECOVERY SIMPLE;
DBCC SHRINKFILE(nome_fileregistro);
ALTER DATABASE nome_database SET RECOVERY FULL;
Nell'ultima stringa, il valore SET RECOVERY dipende dal modello di recupero originale del
database in particolare e potrebbe essere FULL o BULK_LOGGED.
Esempio di un'istanza con due database (TestDB1 e TestDB2):
USE TestDB1;
ALTER DATABASE TestDB1 SET RECOVERY SIMPLE;
DBCC SHRINKFILE(TestDB1_log);
ALTER DATABASE TestDB1 SET RECOVERY FULL;
USE TestDB2;
ALTER DATABASE TestDB2 SET RECOVERY SIMPLE;
DBCC SHRINKFILE(TestDB2_log);
ALTER DATABASE TestDB2 SET RECOVERY BULK_LOGGED;
2. Aggiungere il seguente comando sqlcmd al Comando post-backup (p. 131):
sqlcmd -S serverPersonale\nomeIstanza -i C:\scriptPersonale.sql
Dove:
 serverPersonale: nome del server
 nomeIstanza: nome dell'istanza
 C:\scriptPersonale.sql: percorso del file di script creato nel passaggio 1.
Per automatizzare il troncamento e la riduzione del registro transazioni per più istanze SQL
Se si dispone di più di un'istanza sulla macchina e si desidera applicare la procedura precedente ad
esse, procedere come riportato di seguito.
1. Creare un file di script per ogni istanza (ad esempio, C:\script1.sql e C:\script2.sql).
2. Creare un file batch (ad esempio, C:\truncate.bat) che conterrà i comandi per l'istanza
corrispondente:
sqlcmd -S myServer\instance1 -i C:\script1.sql
sqlcmd -S myServer\instance2 -i C:\script2.sql
3. Nel Comando post-backup, specificare il percorso del file batch.
11.1.2.2
Troncamento del registro transazioni per Exchange Server
Informazioni sul registro di Microsoft Exchange Server
Prima di applicare una transazione a un file di database, Exchange la registra in un file di registro
transazioni. Per tracciare le transazioni registrate che sono state applicate al database, Exchange
utilizza i file del checkpoint. Una volta che le transazioni sono applicate al database e tracciate dai file
del checkpoint, i file del registro non sono più necessari per il database.
Se i file del registro non vengono eliminati, essi alla fine consumeranno tutto lo spazio del disco
disponibile e i database di Exchange verranno portati non in linea fino a quando i file di registro
vengono eliminati dal disco. L'utilizzo della registrazione circolare non è una procedura ottimale per
un ambiente di produzione. Quando la registrazione circolare è abilitata, Exchange sovrascrive il
primo file di registro dopo che i suoi dati sono stati applicati al database e sarà possibile ripristinare i
dati solo fino all'ultimo backup.
314
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Si consiglia di eliminare i file di registro dopo il backup di un server Exchange, poiché il backup dei file
di registro viene eseguito assieme ad altri file. Quindi, dopo il ripristino sarà possibile riportare il
database a uno stato precedente o successivo.
Per ulteriori informazioni sulla registrazione delle transazioni, consultare
http://technet.microsoft.com/it-it/library/bb331958.aspx.
Troncamento del registro utilizzando l'opzione Abilita backup completo VSS
Il metodo più semplice di troncamento del registro consiste nell'utilizzo dell'opzione di backup Abilita
backup completo VSS (p. 137) (Opzioni > Opzioni di backup e ripristino predefinite > Opzioni di
backup predefinite > Servizio Copia Shadow del volume > Abilita backup completo VSS). Consigliato
per la maggior parte dei casi.
Se non si desidera abilitare questa opzione (per esempio, è necessario conservare i registri di un'altra
applicazione compatibile con VSS in esecuzione sulla macchina), seguire i consigli di seguito.
Troncamento del registro dei database non in linea
Dopo lo spegnimento normale, lo stato del database è considerato coerente e i file del database sono
completi. Ciò significa che è possibile eliminare tutti i file del registro del database o del gruppo di
archiviazione.
Per eliminare i file del registro transazioni:
1. Smontare il database (in Exchange 2010) o tutti i database del gruppo di archiviazione (in
Exchange 2003/2007). Per maggiori informazioni vedere:



Exchange 2010: http://technet.microsoft.com/it-it/library/bb123903



Exchange 2010: http://technet.microsoft.com/it-it/library/bb123587.aspx
Exchange 2007: http://technet.microsoft.com/it-it/library/bb124936(v=exchg.80)
Exchange 2003: http://technet.microsoft.com/it-it/library/aa996179(v=exchg.65)
2. Eliminare tutti i file di registro del database o del gruppo di archiviazione.
3. Montare il database o i database smontati.
Per maggiori informazioni vedere:
Exchange 2007: http://technet.microsoft.com/it-it/library/aa998871(v=exchg.80).aspx
Exchange 2003: http://technet.microsoft.com/it-it/library/aa995829(v=exchg.65)
Troncamento del registro dei database in linea
Questo metodo è ottimale per i database in utilizzo costante che non possono essere smontati. Se un
database è in uso, è possibile eliminare in modo sicuro solo i file del registro transazioni i cui dati
sono stati applicati al database. Non eliminare i file del registro i cui dati non sono stati applicati al
database, essi sono essenziali per ripristinare la coerenza del database da un arresto imprevisto.
Per eliminare i registri transazioni applicati
1. Stabilire quali registri sono stati applicati al database utilizzando lo strumento Eseutil:
a. Eseguire il comando eseutil /mk <percorso del file del checkpoint>, dove
<percorso del file del checkpoint> è il percorso di un file del checkpoint del database
o del gruppo di archiviazione richiesto.
b. Osservare il campo Checkpoint nell'output. Per esempio, dovrebbe essere visualizzato
qualcosa di simile:
CheckPoint: (0x60B, 7DF, 1C9)
315
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Il primo numero 0x60B è il numero di generazione registro esadecimale del file di registro
corrente. Ciò significa che tutti i file di registro con numeri inferiori sono stati applicati al
database.
2. Eliminare tutti i file di registro i cui numeri sono inferiori a quello del file di registro corrente. Per
esempio, è possibile eliminare in modo sicuro Enn0000060A.log, Enn00000609.log e i file
inferiori.
Troncamento del registro dopo il backup
È possibile automatizzare la procedura di troncamento summenzionata utilizzando uno script. Se si
aggiunge lo script al Comando post-backup (p. 131), i registri verranno troncati subito dopo un
backup.
Questo metodo dà per scontato che si disponga di capacità di scripting e si abbia familiarità con
l'utilità di riga di comando di Acronis Backup (acrocmd). Per informazioni dettagliate su acrocmd
consultare i riferimenti sulla riga di comando.
Lo script deve contenere i seguenti passaggi:
1. Montare i volumi contenenti i file del database necessario utilizzando il comando mount.
Modello:
acrocmd mount --loc=<percorso> --credentials=<user name>,<password> --arc=<nome
archivio> --volume=<numeri volumi> --letter=<lettere>
Esempio:
acrocmd mount --loc=\\bkpsrv\backups --credentials=user1,pass1 --arc=my_arc
--volume=1-1 --letter=Z
2. Nei volumi montati, stabilire quali registri sono stati applicati al database utilizzando lo
strumento Eseutil. La procedura è descritta nel passaggio 1 del paragrafo "Troncamento del
registro dei database in linea".
3. Nel rispettivo database o gruppo di archiviazione online, eliminare tutti i file di registro i cui
numeri sono inferiori a quello del file di registro corrente all'interno del backup.
4. Smontare i volumi montati utilizzando il comando umount.
11.1.3 Procedure ottimali per il backup dei server delle applicazioni
11.1.3.1
Backup di Exchange Server
Se non si sta utilizzando Microsoft Exchange Server 2010 SP2 o versioni successive, si consiglia di
controllare periodicamente la coerenza dei file del database di Exchange.
In Exchange, il controllo della coerenza viene effettuato eseguendo Eseutil /K. Esso verifica
l'integrità a livello di pagina di tutti i database di Exchange e delle somme di controllo di tutte le
pagine dei database e dei file di registro. La procedura di verifica potrebbe richiedere molto tempo.
Per informazioni sull'utilizzo di Eseutil /K, consultare:
http://technet.microsoft.com/it-it/library/bb123956(v=exchg.80).
È possibile eseguire il controllo della coerenza prima o dopo un backup.

316
Prima di un backup. Questo assicura che non venga eseguito il backup dei file dei database di
Exchange danneggiati.
a. Smontare i database.
b. Eseguire Eseutil /K ed esaminare i risultati della verifica.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
c.
Se i database sono coerenti, montarli nuovamente ed eseguire il backup. Altrimenti, riparare
i database danneggiati.
Fare riferimento alla sezione "Troncamento del registro transazioni per Exchange Server" (p. 314)
per ulteriori informazioni sul montaggio e lo smontaggio dei database.

Dopo un backup. Il vantaggio di questo metodo è che non è necessario smontare i database
utilizzati costantemente. Tuttavia, il controllo della coerenza nel backup è molto più lento del
controllo della coerenza dei database sul disco.
Montare (p. 267) i volumi (contenenti i file dei database richiesti) dal backup del disco in
modalità "Sola lettura" ed eseguire Eseutil /K.
Se viene rilevata la non corrispondenza di una somma di controllo o un'intestazione di file
danneggiata, riparare i database danneggiati e quindi eseguire nuovamente il backup.
Suggerimento. Acronis offre un prodotto dedicato per il backup di Microsoft Exchange: Acronis Backup
Advanced for Exchange. Quando si utilizza questo prodotto, l'Agente per Exchange controlla automaticamente
la coerenza dei database di cui eseguire il backup e ignora i database che presentano una non corrispondenza
della somma di controllo o un'intestazione di file danneggiata. A differenza di questo agente, Eseutil /K
verifica le pagine di tutti i database di Exchange presenti sul server.
11.1.3.2
Backup di Active Directory
I servizi di Active Directory utilizzano un database posizionato nel file system di un controller di
dominio. Se il dominio dispone di due o più controller di dominio, le informazioni archiviate nel
database vengono costantemente replicate tra di essi.
Volumi di cui eseguire il backup
Per eseguire il backup di Active Directory, eseguire il backup dei seguenti volumi di un controller di
dominio:



Il volume di sistema e il volume di avvio
I volumi in cui si trovano i il database di Active Directory e registri transazioni (p. 311)
Il volume con la cartella SYSVOL. La posizione predefinita di questa cartella
è %SystemRoot%\SYSVOL. Per stabilire la posizione corrente di questa cartella, esaminare il
valore Sysvol nella seguente chiave di registro:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\Netlogon\Parameters
Considerazioni relative al backup
Quando si configura e si esegue un backup di Active Directory, assicurarsi di quanto segue:

Eseguire un backup almeno mensilmente. Se il dominio dispone di un solo controller di dominio,
si consiglia di creare un backup almeno quotidianamente.

Il backup più aggiornato non deve essere più vecchio di metà della durata di rimozione
definitiva. A seconda del sistema operativo in cui il dominio è stato creato, La durata di
rimozione definitiva predefinita è 60 giorni oppure 180 giorni. Non importa che il backup più
recente sia completo o incrementale; è possibile eseguire un ripristino corretto da ciascuno di
essi.

Si crea un backup aggiuntivo quando si verifica uno dei seguenti eventi:
317

Il database di Active Directory e/o i registri transazioni vengono spostati in una posizione
diversa.

Il sistema operativo di un controller di dominio è stato aggiornato oppure è stato installato
un Service Pack.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015


È stata installata una correzione che modifica il database di Active Directory.
La durata di rimozione definitiva è stata modificata amministrativamente.
Il motivo di questo backup aggiuntivo è che un ripristino corretto di Active Directory dai backup
precedenti potrebbe non essere possibile.
11.1.3.3
Backup dei dati di SharePoint
Una farm di Microsoft SharePoint consiste in server Web front-end e server Microsoft SQL.
Un server Web front-end è un host in cui sono in esecuzione i servizi di SharePoint. Alcuni server
Web front-end possono essere identici l'uno all'altro (per esempio, i server Web front-end in
esecuzione su un server Web). Non è necessario eseguire il backup di tutti i server Web front-end
identici, ma sono di quelli unici.
Per proteggere i database di SharePoint, è necessario eseguire il backup di tutti i server di Microsoft
SQL e di tutti i server Web front-end unici che appartengono alla farm. I backup devono essere
eseguiti con la stessa pianificazione. Questo è necessario poiché il database di configurazione deve
essere sincronizzato con altri database. Per esempio, se il database del contenuto contiene i dati di
un sito mentre l'ultimo backup del database di configurazione no, il sito rimarrà orfano dopo il
ripristino del database di configurazione.
Se si dispone di Acronis Backup Advanced, il modo più semplice per eseguire il backup di una farm di
SharePoint è creare piani di backup centralizzati come descritto nella sezione "Creazione di un piano
di backup centralizzato" (p. 382) o utilizzare la funzionalità Esegui backup adesso come descritto
nella sezione "Esegui backup adesso" (p. 381). In Acronis Backup, è necessario specificare la
pianificazione identica durante la creazione di un piano di backup (p. 58) per ogni server che
appartiene alla farm.
11.2 Ripristino dei dati di SQL Server
In caso di emergenza, è possibile recuperare un intero SQL Server ripristinando tutti i suoi dischi da
un backup. Se sono state seguite le raccomandazioni descritte nella sezione "Backup di un server
delle applicazioni" (p. 307), tutti i servizi di SQL Server saranno in esecuzione senza azioni aggiuntive.
I dati del server verranno riportati allo stato in cui si trovavano al momento del backup.
Per riportare alla produzione un database di cui è stato eseguito il backup, ripristinare i file del
database da un backup del disco. Per i dettagli, consultare "Ripristino di file dei database di SQL
Server da un backup del disco" (p. 318).
Se è necessario solo l'accesso temporaneo ai database di cui è stato eseguito il backup per data
mining o estrazione dei dati, montare un backup del disco e accedere ai dati richiesti. Per il dettagli,
consultare "Accesso ai database di SQL Server da un backup del disco" (p. 319).
11.2.1 Ripristino di database di SQL Server da un backup del disco
Questa sezione descrive come ripristinare database di SQL Server da un backup del disco.
Per le istruzioni su come trovare i percorsi dei database, fare riferimento a "File del database di SQL
Server" (p. 309).
Per ripristinare database di SQL Server
1. Connettere la console alla macchina su cui si sta per eseguire l'operazione.
2. Passare al deposito contenente il backup del disco con i file del database di SQL Server.
318
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
3. Fare clic sulla scheda Visualizzazione dati. Nell'elenco Mostra, fare clic su Cartelle/file.
4. Selezionare i file del database di SQL Server richiesto e fare clic su Ripristina. Per impostazione
predefinita, i dati verranno riportati allo stato dell'ultimo backup. Per selezionare un altro
momento a cui riportare dati, utilizzare l'elenco Versioni.
5. Nella pagina di ripristino, nella sezione Cosa ripristinare:
a. In Percorsi dati, selezionare Personalizzato.
b. In Sfoglia, specificare una cartella in cui verranno ripristinati i file.
Nota: Si consiglia di ripristinare i file del database del server SQL in una cartella locale in SQL Server,
poiché tutte le versioni di SQL Server più vecchie di SQL Server 2012 non supportano i database
posizionati in condivisioni di rete.
c.
Lasciare le impostazioni rimanenti "come sono" e selezionare OK per procedere con il
ripristino.
6. Al termine del ripristino, collegare i database in base alle istruzioni descritte nella sezione
"Collegamento di database di SQL Server" (p. 320).
Dettagli. Se per qualunque motivo non è stato eseguito il ripristino di tutti i file del database di
SQL Server, non sarà possibile collegare il database. Tuttavia, Microsoft SQL Server Management
Studio segnalerà tutti i percorsi e i nomi dei file mancanti e aiuterà a identificare i file particolari
da cui il database è composto.
11.2.2 Accesso ai database di SQL Server da un backup del disco
Per accedere ai database di SQL Server per data mining o altri scopi a breve termine, è possibile
utilizzare l'operazione Monta immagine anziché il ripristino. È sufficiente montare i volumi
(contenenti i file dei database richiesti) da un backup del disco (immagine) in modalità
"Lettura/scrittura" e si è liberi di collegare database, modificare i file dei database e lavorare con
questi come se si trovassero su un disco fisico.
È possibile montare i volumi se il backup del disco è archiviato in una cartella locale (ad eccezione di
supporti ottici come CD, DVD o dischi Blu-ray), in Acronis Secure Zone o in una condivisione di rete.
Per collegare database contenuti in un backup del disco al server SQL
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
319
Collegare la console al server SQL in cui è installato l'Agente per Windows.
Nel menu principale, selezionare Azioni > Monta immagine.
Nella sezione Cosa montare, selezionare l'archivio di origine e specificare il backup.
Nella sezione Impostazioni di montaggio:
a. In Monta per, selezionare Tutti gli utenti che condividono questa macchina.
b. Selezionare i volumi contenenti i file del database di SQL Server. Per le istruzioni su come
trovare i percorsi dei database, fare riferimento a "File del database di SQL Server" (p. 309).
c. Scegliere la modalità di accesso Lettura/scrittura.
d. Specificare le lettere delle unità che verranno assegnate ai volumi montati.
Dopo aver montato i volumi, utilizzare le istruzioni dalla sezione "Collegamento di database di
SQL Server" (p. 320) per collegare i database direttamente dai volumi montati.
Eseguire le operazioni richieste con i database appena collegati.
Al termine delle operazioni necessarie, scollegare il database dall'istanza utilizzando Microsoft
SQL Server Management Studio. Per eseguire questa operazione, fare clic con il pulsante destro
sul database e selezionare Attività > Scollega.
Smontare i volumi montati:
a. Nel menu principale, selezionare Navigazione > Immagini montate.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
b. Selezionare l'immagine e fare clic su Smonta.
Dettagli. Quando si monta un'immagine in modalità "Lettura/scrittura", Acronis Backup crea un
nuovo backup incrementale. Si consiglia di eliminare questo backup incrementale.
11.2.3 Collegamento di database di SQL Server
Questa sezione descrive come collegare un database a SQL Server utilizzando SQL Server
Management Studio. È possibile collegare solo un database alla volta.
Il collegamento di un database richiede una delle seguenti autorizzazioni: CREA DATABASE, CREA
QUALSIASI DATABASE o MODIFICA QUALSIASI CONTROLLO DATABASE. Normalmente, queste
autorizzazioni sono concesse al ruolo sysadmin dell'istanza.
Per collegare un database
1.
2.
3.
4.
5.
Eseguire Microsoft SQL Server Management Studio.
Connettere l'istanza di SQL Server richiesta, quindi espanderla.
Fare clic con il pulsante destro su Database e selezionare Collega.
Fare clic su Aggiungi.
Nella finestra di dialogo Individua file del database, trovare e selezionare il file .mdf del
database.
6. Nella sezione Dettagli del database, assicurarsi che il resto dei file del database (file .ndf e .ldf)
siano stati trovati.
Dettagli. I file dei database di SQL Server potrebbero non essere trovati automaticamente, se:

non si trovano nella posizione predefinita o non si trovano nella stessa cartella del file del
database principale (.mdf). Soluzione: Specificare manualmente il percorso dei file richiesti
nella colonna Percorso file corrente.

È stato ripristinato un set incompleto di file che compongono il database. Soluzione:
Ripristinare i file del database SQL Server mancanti dal backup.
7. Quando sono stati trovati tutti i file, selezionare OK.
11.3 Ripristino dei dati di Exchange Server
In caso di emergenza, è possibile recuperare un intero Exchange Server ripristinando tutti i suoi dischi
da un backup. Se sono state seguite le raccomandazioni descritte nella sezione "Backup di un server
delle applicazioni" (p. 307), tutti i servizi di Exchange Server saranno in esecuzione senza azioni
aggiuntive. I dati del server verranno riportati allo stato in cui si trovavano al momento del backup.
Utilizzando Acronis Backup, è possibile ripristinare i file dei database di Exchange da un backup del
disco. Per portare in linea un database, montarlo. Per i dettagli, consultare "Montaggio di database di
Exchange Server" (p. 321).
Per eseguire il ripristino granulare di singole caselle postali o dei loro elementi, montare il database
ripristinato come database di ripristino (RDB) in Exchange 2010 o in un gruppo di archiviazione di
ripristino (RSG) in Exchange 2003/2007. Per i dettagli, consultare "Ripristino granulare delle caselle
postali" (p. 321).
320
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
11.3.1 Ripristino di file dei database di Exchange Server da un
backup del disco
Questa sezione descrive come utilizzare Acronis Backup per ripristinare i file del database di
Exchange Server da un backup del disco.
Per istruzioni su come trovare i percorsi dei database, fare riferimento a "File dei database di
Exchange Server" (p. 310).
Per ripristinare database di Exchange Server
1.
2.
3.
4.
Connettere la console alla macchina su cui si sta per eseguire l'operazione.
Passare al deposito contenente il backup del disco con i file dei dati di Exchange.
Fare clic sulla scheda Visualizzazione dati. Nell'elenco Mostra, fare clic su Cartelle/file.
Selezionare i file del database di Exchange richiesto e fare clic su Ripristina. Per impostazione
predefinita, i dati verranno riportati allo stato dell'ultimo backup. Per selezionare un altro
momento a cui riportare dati, utilizzare l'elenco Versioni.
5. Nella pagina di ripristino, nella sezione Cosa ripristinare:
a. In Percorsi dati, selezionare Personalizzato.
b. In Sfoglia, specificare una cartella in cui verranno ripristinati i file del database.
6. Lasciare le impostazioni rimanenti "come sono" e selezionare OK per procedere con il ripristino.
11.3.2 Montaggio di database di Exchange Server
Dopo il ripristino dei file del database, è possibile portare i database in linea montandoli. Il
montaggio viene effettuato utilizzando Exchange Management Console, Exchange System Manager o
Exchange Management Shell.
I database ripristinati saranno in stato Arresto anomalo. Un database in stato Arresto anomalo può
essere montato dal sistema se viene ripristinato nella sua posizione originale (ovvero, le informazioni
del database originale sono presenti in Active Directory). Quando si ripristina un database in una
posizione alternativa (come un nuovo database o come database di ripristino), non è possibile
montare il database fino a quando viene portato in stato Spegnimento corretto utilizzando il
comando Eseutil /r <Enn>. <Enn> consente di specificare il prefisso del file di registro per il
database (o gruppo di archiviazione che contiene il database) a cui è necessario applicare i file del
registro transazioni.
All'account utilizzato per collegare un database deve essere delegato un ruolo amministratore di
Exchange Server e il gruppo Administrators locale per il server di destinazione.
Per dettagli su come montare database, consultare i seguenti articoli:




Exchange 2013: http://technet.microsoft.com/en-us/library/aa998871.aspx
Exchange 2010: http://technet.microsoft.com/en-us/library/aa998871(v=EXCHG.141).aspx
Exchange 2007: http://technet.microsoft.com/en-us/library/aa998871(v=EXCHG.80).aspx
Exchange 2003: http://technet.microsoft.com/en-us/library/bb124040.aspx
11.3.3 Ripristino granulare delle caselle postali
RDB (RSG) è un database amministrativo speciale (gruppo di archiviazione) in Exchange Server.
Consente di estrarre i dati dal database delle caselle postali montato. È possibile copiare e unire i dati
estratti nelle caselle postali senza disturbare l'accesso degli utenti ai dati correnti.
321
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di RDB e RSG, fare riferimento ai seguenti articoli:
 Exchange 2010: http://technet.microsoft.com/it-it/library/dd876954
 Exchange 2007: http://technet.microsoft.com/it-it/library/bb124039(v=exchg.80)
 Exchange 2003: http://technet.microsoft.com/it-it/library/bb123631(v=exchg.65)
Per ripristinare una casella postale
1. Se un RDB/RSG non esiste, crearlo come descritto nei seguenti articoli:



Exchange 2010: http://technet.microsoft.com/it-it/library/ee332321



Exchange 2010: http://technet.microsoft.com/it-it/library/ee332351
Exchange 2007: http://technet.microsoft.com/it-it/library/aa997694(v=exchg.80)
Exchange 2003: http://technet.microsoft.com/it-it/library/bb124427(v=exchg.65)
2. Ripristinare i file del database nella struttura delle cartelle RDB/RSG. Per informazioni sul
ripristino di file dei database, vedere "Ripristino di file dei database di Exchange Server da un
backup del disco" (p. 321).
3. Montare il database di ripristino. Per informazioni sul montaggio di database, vedere "Montaggio
di database di Exchange Server" (p. 321).
4. Procedere come descritto nei seguenti articoli:
Exchange 2007: http://technet.microsoft.com/it-it/library/aa997694(v=exchg.80)
Exchange 2003: http://technet.microsoft.com/it-it/library/aa998109(v=exchg.65)
11.4 Ripristino dei dati di Active Directory
Il ripristino di Active Directory è diverso a seconda del tipo di ripristino necessario.
Questa sezione considera i seguenti scenari di emergenza:

Un controller di dominio è perduto ma altri controller di dominio sono ancora disponibili.
Consultare "Ripristino di un controller di dominio (altri controller di dominio sono disponibili)" (p.
322).

Tutti i controller di dominio sono perduti (o ne era presente solo uno). Consultare "Ripristino di
un controller di dominio (non sono disponibili altri controller di dominio)" (p. 323).

Il database di Active Directory è danneggiato e il servizio Active Directory non si avvia. Consultare
"Ripristino del database di Active Directory" (p. 324).

Alcune informazioni vengono eliminate accidentalmente da Active Directory. Consultare
"Ripristino di informazioni eliminate accidentalmente" (p. 325).
11.4.1 Ripristino di un controller di dominio (altri controller di
dominio sono disponibili)
Quando uno dei molti controller di dominio (DC) va perduto, il servizio Active Directory è ancora
disponibile. Per questo, altri controller di dominio conterranno dati più recenti rispetto a quelli nel
backup.
In questi casi, di solito viene eseguito un ripristino noto come ripristino non autorevole. "Ripristino
non autorevole" significa che il ripristino non interesserà lo stato corrente di Active Directory.
Passaggi da eseguire
Se il dominio contiene altri controller di dominio, è possibile eseguire il ripristino non autorevole di
un controller di dominio perduto in uno dei seguenti modi:
322
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Ripristinare un controller di dominio da un backup utilizzando un supporto di avvio. Assicurarsi
che non si verifichi un problema di rollback USN (p. 326).

Ricreare un controller di dominio installando il sistema operativo e rendendo la macchina un
nuovo controller di dominio (utilizzando lo strumento dcpromo.exe).
Entrambe le operazioni vengono seguite dalla replica automatica. La replica rende il database del
controller di dominio aggiornato. È sufficiente assicurarsi che il servizio Active Directory sia stato
avviato correttamente. Al termine della replica, il controller di dominio sarà nuovamente attivo e in
funzione.
Confronto tra ripristino e ricreazione
La ricreazione non richiede che sia disponibile un backup. Il ripristino normalmente è più rapido della
ricreazione. Tuttavia, il ripristino non è possibile nei seguenti casi:

Tutti i backup disponibili sono più vecchi della durata di rimozione definitiva. Le rimozioni
vengono utilizzate durante la replica per assicurare che un oggetto eliminato su un controller di
dominio venga eliminato sugli altri controller di dominio. Quindi, una replica corretta non è
possibile dopo l'eliminazione delle rimozioni.

Il controllo di dominio svolgeva un ruolo FSMO (Flexible Single Master Operations) è questo ruolo
è stato assegnato a un controller di dominio diverso (il ruolo è stato requisito). In questo caso, il
ripristino del controller di dominio provocherebbe la presenza di due controller di dominio con lo
stesso ruolo FSMO all'interno del dominio e causerebbe un conflitto.
Ripristino di un controller di dominio con un ruolo FSMO
Alcuni controller di dominio svolgono ruoli unici noti come ruoli FSMO (Flexible Single Master
Operations) o ruoli responsabile operativo. Per la descrizione dei ruoli FSMO e del loro ambito (a
livello di dominio o a livello di foresta), consultare l'articolo della Guida e supporto tecnico Microsoft
http://support.microsoft.com/kb/324801.
Prima di ricreare il controller di dominio che svolgeva il ruolo PDC Emulator, è necessario requisire
tale ruolo. Altrimenti, non sarà possibile aggiungere il controller di dominio ricreato al dominio. Dopo
la ricreazione del controller di dominio, è possibile trasferire nuovamente questo ruolo. Per
informazioni su come requisire e trasferire i ruoli FSMO, consultare l'articolo della Guida e supporto
tecnico Microsoft http://support.microsoft.com/kb/255504.
Per visualizzare quali ruoli FSMO sono assegnati a quale controller di dominio, è possibile stabilire
una connessione a qualunque controller di dominio live utilizzando lo strumento Ntdsutil come
descritto nell'articolo della Guida e supporto tecnico Microsoft
http://support.microsoft.com/kb/234790. Seguire i passaggi nella sezione "Utilizzo dello strumento
NTDSUTIL" dell'articolo:

Per i sistemi operativi Windows 2000 Server e Windows Server 2003, seguire tutti i passaggi
come indicato.

Per i sistemi operativi Windows Server 2008, nel passaggio che richiede di digitare
domain management, digitare invece roles. Seguire in altri passaggi come indicato.
11.4.2 Ripristino di un controller di dominio (non sono disponibili
altri controller di dominio)
Se tutti i controller di dominio sono perduti, il ripristino non autorevole in realtà diventa autorevole:
gli oggetti ripristinati dal backup sono i più recenti disponibili. La replica dei dati di Active Directory
non può avvenire perché non esistono controller di dominio live. Ciò significa che:
323
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015



le modifiche ad Active Directory che si sono verificate dopo il backup sono andate perdute.
La ricreazione del controller di dominio non è un'opzione.
È possibile utilizzare anche un backup con una durata di rimozione definitiva scaduta.
È necessario ripristinare i volumi che contengono i file del database di Active Directory (p. 311). Se
questi volumi contengono altri dati importanti eccetto Active Directory, copiare questi dati in una
posizione diversa prima del ripristino.
Per ripristinare un controller di dominio quando non sono presenti altri controller di dominio
1. Assicurarsi che per il ripristino sia utilizzato il backup più recente disponibile. Ciò è importante
perché tutte le modifiche effettuate agli oggetti di Active Directory dopo il backup andranno
perdute.
2. Ripristinare il controllo di dominio dal backup utilizzando un supporto di avvio.
3. Riavviare il controller di dominio. Assicurarsi che il servizio Active Directory sia stato avviato
correttamente.
11.4.3 Ripristino del database di Active Directory
Se i file del database di Active Directory sono danneggiati, ma il controller di dominio può essere
avviato in modalità normale, è possibile ripristinare il database in uno dei seguenti modi.
Nuova promozione del controller di dominio
Questo metodo di ripristino del database è disponibile solo se il dominio dispone di altri controller di
dominio. Non è necessario disporre di un backup.
Per ripristinare il database, utilizzare lo strumento Dcpromo per abbassare di livello il controller di
dominio con il database danneggiato e promuoverlo nuovamente.
Per promuovere nuovamente il controller di dominio, eseguire i seguenti comandi:
dcpromo /forceremoval
dcpromo /adv
Ripristino del database da un backup
Questo metodo di ripristino del database è disponibile a prescindere dal fatto che il dominio
disponga di altri controller di dominio.
Per recuperare il database, ripristinare i file del database di Active Directory (p. 311). Inoltre, se sono
state effettuate modifiche agli Oggetti Criteri di gruppo (GPO) dalla creazione del backup, è
necessario ripristinare anche la cartella SYSVOL (p. 317).
Per ripristinare il database di Active Directory da un backup
1. Riavviare il controller di dominio e premere F8 durante l'avvio.
2. Alla schermata Opzioni di avvio avanzate, selezionare Modalità ripristino servizi directory.
3. [Facoltativo] Creare una copia dei file del database corrente di Active Directory per poter
annullare le modifiche, se necessario.
4. Cambiare l'account originale del servizio dell'agente Acronis nell'account amministratore della
Modalità ripristino servizi directory (DSRM):
a. Aprire lo snap-in Servizi.
b. Nell'elenco dei servizi, fare doppio clic su Acronis Managed Machine Service.
324
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
c.
5.
6.
7.
8.
Nella scheda Accedi, in Questo account specificare il nome utente e la password utilizzati per
accedere alla Modalità ripristino servizi directory, quindi selezionare Applica.
d. Nella scheda Generale, selezionare Avvia. Dopo l'avvio del servizio, fare clic su OK.
Dettagli. Questa modifica necessaria poiché il servizio dell'agente Acronis in un controller di
dominio viene eseguito con un account utente di dominio, ma gli account utente di dominio non
sono disponibili nella Modalità ripristino servizi directory.
Avviare Acronis Backup e ripristinare i file del database dal backup. Se necessario, ripristinare
anche la cartella SYSVOL.
Dettagli. Per i percorsi di questi file e cartelle, consultare "Backup di Active Directory" (p. 317). La
procedura di ripristino è simile a quella descritta in "Ripristino dei file del database di Exchange
Server (p. 321).
Se il dominio contiene altri controller di dominio, assicurarsi che non si verifichi un problema di
rollback USN (p. 326).
Riavviare il controller di dominio in modalità normale. Accertarsi che il servizio Active Directory
sia stato avviato correttamente.
Riportare l'account per il servizio Acronis a quello originale, come descritto nel passaggio 4.
11.4.4 Ripristino di informazioni eliminate accidentalmente
Se il dominio contiene altri controller di dominio, è possibile utilizzare lo strumento Ntdsutil per
eseguire un ripristino autorevole solo di alcune voci. Per esempio, è possibile ripristinare un account
o un account computer eliminato non intenzionalmente.
Per ripristinare informazioni eliminate accidentalmente
1. Eseguire i passaggi 1–5 da "Ripristino del database di Active Directory" (p. 324) per riavviare il
controller di dominio in Modalità ripristino servizi directory (DSRM) e per ripristinare il database
di Active Directory.
2. Senza uscire da DSRM, eseguire il seguente comando:
Ntdsutil
3. Nel prompt dei comandi dello strumento, eseguire i seguenti comandi:
activate instance ntds
authoritative restore
4. Nel prompt dei comandi dello strumento, eseguire il comando restore subtree o restore
object con i parametri necessari.
Per esempio, il seguente comando consente di ripristinare l'account utente Manager nell'unità
organizzativa Finance del dominio example.com:
restore object cn=Manager,ou=Finance,dc=example,dc=com
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo dello strumento Ntdsutil, fare riferimento alla relativa
documentazione.
Dettagli. Altri oggetti verranno replicati da altri controller di dominio al momento del riavvio del
controller di dominio. In questo modo, verranno ripristinati gli oggetti eliminati non
intenzionalmente e si conserveranno gli altri oggetti aggiornati.
5. Riavviare il controller di dominio in modalità normale. Assicurarsi che il servizio Active Directory
sia stato avviato correttamente e che gli oggetti ripristinati siano diventati disponibili.
6. Ripristinare l'account originale per il servizio agente Acronis, come descritto nel passaggio 4 di
"Ripristino del database di Active Directory" (p. 324).
325
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
11.4.5 Evitare l'utilizzo del rollback USN
Se il dominio dispone di due o più controller di dominio ed è necessario ripristinare uno dei controller
o il relativo database, è consigliabile evitare un rollback USN.
È improbabile che si verifichi un rollback USN quando si ripristina un intero controller di dominio da
un backup a livello del disco basato su VSS.
È molto probabile che si verifichi un rollback USN se si verifica una delle seguenti condizioni:

Un controller di dominio è stato ripristinato parzialmente: non tutti i dischi o volumi sono stati
ripristinati oppure è stato ripristinato solo il database di Active Directory.

Un controller di dominio è stato ripristinato da un backup creato senza VSS. Ad esempio, il
backup è stato creato utilizzando un supporto di avvio o l'opzione Usa VSS (p. 137)era
disabilitata o il provider VSS non ha funzionato correttamente.
Le seguenti informazioni consentiranno di evitare un rollback USN eseguendo alcuni semplici
passaggi.
Replica e USN
I dati di Active Directory vengono replicati continuamente tra i controller di dominio. In qualunque
momento, lo stesso oggetto di Active Directory potrebbe presentare una versione più nuova su un
controller di dominio e una versione più vecchia su un altro. Per impedire conflitti e perdite di
informazioni, Active Directory consente di tracciare le versioni degli oggetti su ciascun controller di
dominio e di sostituire le versioni obsolete con la versione aggiornata.
Per tracciare le versioni degli oggetti, Active Directory utilizza numeri chiamati numeri di sequenza di
aggiornamento (USN). Le versioni più recenti degli oggetti di Active Directory corrispondono a USN
più elevati. Ogni controller di dominio conserva gli USN degli altri controller di dominio.
Rollback USN
Dopo che si esegue un ripristino non autorevole di un controller di dominio o del suo database, l'USN
corrente del controller di dominio viene sostituito dall'USN precedente (inferiore) dal backup. Ma gli
altri controller di dominio non rilevano questo cambiamento. Essi conservano ancora l'ultimo USN
noto (superiore) del controller di dominio.
Di conseguenza, si verificano i seguenti problemi:

Il controller di dominio ripristinato utilizza nuovamente gli USN più vecchi per i nuovi oggetti;
inizia con l'USN precedente dal backup.

Gli altri controller di dominio non replicano i nuovi oggetti dal controller di dominio ripristinato
fino a quando l'USN rimane inferiore a quello che rilevano.

Active Directory inizia a presentare diversi oggetti che corrispondono allo stesso USN, quindi
diventa non coerente. Questa situazione è chiamata rollback USN.
Per evitare un rollback USN, è necessario notificare al controller di dominio il fatto che è in fase di
ripristino.
Per evitare un rollback USN
1. Subito dopo il ripristino di un controller di dominio o del suo database, avviare il controller di
dominio ripristinato e premere F8 durante l'avvio.
2. Nella schermata Opzioni di avvio avanzate, selezionare Modalità ripristino servizi directory e
accedere alla Modalità ripristino servizi directory (DSRM).
3. Aprire l'Editor del Registro di sistema ed espandere la seguente chiave di registro:
326
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\NTDS\Parameters
4. In questa chiave di registro, esaminare il valore DSA Previous Restore Count. Se questo valore è
presente, annotare la sua impostazione. Non aggiungere il valore se è assente.
5. Aggiungere il seguente valore alla chiave di registro:



Tipo di valore: Valore DWORD (32 bit)
Nome del valore: Database restored from backup
Dati del valore: 1
6. Riavviare il controller di dominio in modalità normale.
7. [Facoltativo] Dopo il riavvio del controller di dominio, aprire il Visualizzatore eventi, espandere
Registri applicazioni e servizi e selezionare il registro Servizi directory. Nel registro Servizi
directory, cercare una voce recente per Event ID 1109. Se si trova questa voce, fare doppio clic su
di essa per assicurarsi che l'attributo InvocationID sia cambiato. Ciò significa che il database di
Active Directory è stato aggiornato.
8. Aprire l'Editor del Registro di sistema e verificare che l'impostazione del valore DSA Previous
Restore Count sia aumentata di uno rispetto al passaggio 4. Se il valore DSA Previous Restore
Count era assente nel passaggio 4, verificare che ora sia presente e che la sua impostazione sia 1.
Se si osserva un'impostazione diversa (e non è possibile trovare la voce relativa a Event ID 1109),
assicurarsi che il controller di dominio ripristinato disponga dei Service Pack correnti e ripetere
l'intera procedura.
Per ulteriori dettagli sugli USN e sul rollback USN, consultare il seguente articolo di Microsoft
Technet:
http://technet.microsoft.com/it-it/library/virtual_active_directory_domain_controller_virtualization
_hyperv.aspx.
11.5 Ripristino dei dati di SharePoint
Server e database di SharePoint diversi vengono ripristinati in modi diversi.

Per ripristinare dischi o volumi separati di un server Web front-end, è possibile creare un'attività
di ripristino (p. 140) nell'interfaccia utente grafica di Acronis Backup o avviare il server dal
supporto di avvio (p. 274) e configurare il ripristino.
Allo stesso modo, è possibile ripristinare un server SQL.

I database del contenuto possono essere ripristinati utilizzando l'Agente per SQL o l'Agente per
Windows. Per i dettagli, consultare "Ripristino di un database del contenuto" (p. 327).

Anche i database di configurazione e di servizi vengono ripristinati come file. Per i dettagli,
consultare "Ripristino di database di configurazione e del servizio" (p. 329).

È possibile ripristinare anche singoli elementi di SharePoint (come siti, elenchi, raccolte
documenti e altri). Per i dettagli, consultare "Ripristino di singoli elementi" (p. 330).
11.5.1 Ripristino di un database del contenuto
Questo argomento tratto il ripristino di un database dei contenuti nella farm SharePoint originale
utilizzando Acronis Backup.
Il ripristino in una farm non originale è una procedura più complicata. I suoi passaggi variano a
seconda della configurazione della farm e di altri parametri dell'ambiente di produzione.
327
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Ripristino di un database del contenuto utilizzando l'Agente per SQL
Questo metodo consente di ripristinare un database da un backup a passaggio singolo di una
macchina che esegue SQL Server.
Per ripristinare un database del contenuto
1. Connettere la console alla macchina in cui è necessario ripristinare il database. L'Agente per SQL
deve essere installato sulla macchina.
2. Ripristinare il database in un'istanza, come descritto nella sezione "Ripristino dei database SQL
nelle istanze" (p. 338).
3. Se il database è stato ripristinato in un server SQL non originale di una farm di SharePoint,
collegare il database ripristinato alla farm. Per effettuare questa operazione, eseguire il seguente
comando su un server Web front-end:
In SharePoint 2010 o versione successiva:
Mount-SPContentDatabase <database> -DatabaseServer <server database>
-WebApplication <url sito>
In SharePoint 2007:
stsadm.exe -o addcontentdb -url <url sito> -databasename <database> -databaseserver
<server database>
Ripristino di un database del contenuto utilizzando l'Agente per Windows
Questo metodo consente di ripristinare un database da un backup a livello del disco di una macchina
che esegue SQL Server.
Per ripristinare un database del contenuto sul server SQL originale
1. Se il servizio Timer di Windows SharePoint Services è in esecuzione, arrestarlo e attendere alcuni
minuti che tutte le stored procedure in esecuzione siano completate. Non riavviare il servizio fino
a quando sono stati ripristinati tutti i database che è necessario ripristinare.
2. Se si sta ripristinando il database nella posizione originale del disco, eseguire le seguenti
operazioni:
a. Portare il database di destinazione non in linea.
b. Ripristinare i file del database come descritto in "Ripristino di database di SQL Server da un
backup del disco" (p. 318), eccetto per il passaggio di collegamento del database (il database
è già collegato).
c. Portare il database ripristinato in linea.
Se si sta ripristinando il database in un'altra posizione nel disco, ripristinare i file del database
come descritto in "Ripristino di database di SQL Server da un backup del disco" (p. 318), incluso il
passaggio di collegamento del database.
3. Avviare il servizio Timer di Windows SharePoint Services.
Per ripristinare un database del contenuto in un altro server SQL della farm originale
1. Rimuovere dalla farm di SharePoint il database che verrà ripristinato in seguito. Per effettuare
questa operazione, eseguire il seguente comando su un server Web front-end:
In SharePoint 2010 o versione successiva:
Dismount-SPContentDatabase <database>
Se si dispone di più database del contenuto con lo stesso nome, è necessario utilizzare la GUID del database
del contenuto in questo comando anziché utilizzare il nome del database del contenuto. Per recuperare la
GUID del database del contenuto, eseguire il cmdlet Get-SPContentDatabase senza argomenti.
In SharePoint 2007:
328
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
stsadm -url <url applicazione web> –o deletecontentdb –databasename <database>
2. Ripristinare file dei database come descritto in "Ripristino di database di SQL Server da un backup
del disco" (p. 318), incluso il passaggio di collegamento del database.
3. Collegare il database ripristinato alla farm di SharePoint. Per effettuare questa operazione,
eseguire il seguente comando su un server Web front-end:
In SharePoint 2010 o versione successiva:
Mount-SPContentDatabase <database> -DatabaseServer <server database>
-WebApplication <url sito>
In SharePoint 2007:
stsadm.exe -o addcontentdb -url <url sito> -databasename <database> -databaseserver
<server database>
11.5.2 Ripristino di database di configurazione e dei servizi
I database di configurazione e dei servizi devono essere sincronizzati con altri database. Per questo si
consiglia di ripristinare i database di configurazione e dei servizi assieme ad altri database del
contenuto o all'ultimo istante di tempo (se i database del contenuto non richiedono il ripristino).
Il database di configurazione contiene i nomi degli host dei server della farm. Per questo, è possibile
eseguire il ripristino del database di configurazione solo nella farm di SharePoint originale. È possibile
ripristinare i database del servizio in una farm non originale.
Per ripristinare il database della configurazione
1. Sul server che esegue il sito Amministrazione centrale, nello snap-in Servizi, arrestare i servizi
elencati nella tabella riportata di seguito.
2. Sul server che esegue il sito Amministrazione centrale, eseguire il seguente comando:
iisreset /stop
3. Ripristinare i file dei database come descritto in "Ripristino dei database di SQL Server da un
backup del disco" (p. 318).
4. Avviare i servizi di SharePoint che sono stati arrestati precedentemente.
329
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Servizi di SharePoint 2007
 Servizio Microsoft Single Sign-on
 Office Document Conversions
Launcher Service
Servizi di SharePoint 2010
 SharePoint 2010
Administration
 SharePoint 2010 Timer
 Office Document Conversions Load  SharePoint 2010 Tracing
Balancer Service
 Servizio di ricerca di Office
SharePoint Server
 Amministrazione Windows
SharePoint Services
 Servizio di ricerca di Windows
SharePoint Services
 Timer di Windows SharePoint
 SharePoint 2010 User Code
Host
 SharePoint 2010 VSS Writer
 World Wide Web Publishing
Service
 SharePoint Administration
 SharePoint Timer
 SharePoint Tracing
 SharePoint User Code Host
 SharePoint VSS Writer
 World Wide Web Publishing
Service
 SharePoint Server Search
 SharePoint Server Search 14
 SharePoint Foundation Search
V4
Services
 Traccia di Windows SharePoint
Servizi di SharePoint 2013
 Web Analytics Data Processing
Services
Service
 Windows SharePoint Services VSS  Web Analytics Web Service
Writer
Per ripristinare un database di servizi
1. Terminare i servizi associati al database da ripristinare. Per eseguire questa operazione:
a. Aprire il sito Amministrazione centrale.
b. Eseguire una delle seguenti operazioni:
Per SharePoint 2010 o versione successiva, selezionare Impostazioni di sistema > Gestisci
servizi nel server.
In SharePoint 2007, selezionare Operazioni > Servizi nel server.
c. Per cambiare il server su cui terminare il servizio, nell'elenco Server selezionare Cambia
server e fare clic sul nome del server richiesto.
d. Per impostazione predefinita, verranno visualizzati solo i servizi configurabili. Per visualizzare
tutti i servizi, nell'elenco Visualizza selezionare Tutto.
e. Per terminare un servizio, selezionare Termina nella colonna Azione del servizio rilevante.
f. Fare clic su OK per terminare il servizio.
2. Ripristinare i file dei database come descritto in "Ripristino dei database di SQL Server da un
backup del disco" (p. 318).
3. Avviare i servizi associati al database, in modo simile al passaggio 1.
11.5.3 Ripristino di singoli elementi
Utilizzare uno dei seguenti tre metodi di ripristino di singoli elementi di SharePoint:

330
Utilizzo di Acronis SharePoint Explorer. Questo strumento consente di ripristinare elementi di
SharePoint da backup del disco e delle applicazioni a passaggio singolo (p. 332) da un database
collegato o da file di database.
Per utilizzare lo strumento, è necessaria una farm operativa di SharePoint. È inoltre necessario
acquistare una licenza di Acronis Backup che supporti i backup di SharePoint.
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Per accedere a Acronis SharePoint Explorer, fare clic sulla voce per estrarre i dati di SharePoint
nel menu Strumenti di Acronis Backup Management Console. Per informazioni sullo strumento,
consultare la relativa documentazione: http://www.acronis.it/support/documentation/ASPE/.

Collegare il database del contenuto a una farm di SharePoint non originale (ad esempio, una farm
di ripristino di SharePoint).
È necessario collegare il database del contenuto a una farm di SharePoint non originale poiché
ciascun oggetto in una farm deve disporre di un ID univoco. Quindi, non sarà possibile collegare il
database alla farm originale.

Ripristino da un database non collegato. Il metodo non è disponibile per SharePoint 2007.
Questo metodo consente di ripristinare solo i seguenti tipi di elementi: siti, elenchi o raccolte di
documenti.
Per ripristinare elementi di SharePoint collegando il database del contenuto a una farm
1. Collegare il database del contenuto a un'istanza di SQL Server come descritto nei passaggi 1-5 di
"Accesso ai database di SQL Server da un backup del disco" (p. 319).
2. Collegare il database del contenuto a una farm di SharePoint non originale. Per eseguire questa
operazione:
a. Assicurarsi di eseguire questa procedura da un account di amministratore della farm membro
del ruolo db_owner del database. Altrimenti, aggiungere l'account a questo ruolo utilizzando
Microsoft SQL Server Management Studio.
b. Eseguire il seguente comando su un server Web front-end:
In SharePoint 2010 o versione successiva:
Mount-SPContentDatabase <database> -DatabaseServer <server database>
-WebApplication <url sito>
In SharePoint 2007:
stsadm.exe -o addcontentdb -url <url sito> -databasename <database>
-databaseserver <server database>
3. Aprire il sito di SharePoint e selezionare il documento da scaricare.
4. Al termine del download, scollegare il database del contenuto dalla farm di SharePoint.
5. Scollegare il database e smontare il volume montato precedentemente come descritto nei
passaggi 7-8 di "Accesso ai database di SQL Server da un backup del disco" (p. 319).
Per ripristinare gli elementi di SharePoint da un database non collegato
1. Collegare il database del contenuto a un'istanza di SQL Server come descritto nei passaggi 1-5 di
"Accesso ai database di SQL Server da un backup del disco" (p. 319).
2. Ripristinare i dati come descritto in http://technet.microsoft.com/en-us/library/hh269602.
3. Scollegare il database e smontare il volume montato precedentemente come descritto nei
passaggi 7-8 di "Accesso ai database di SQL Server da un backup del disco" (p. 319).
331
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
12 Protezione di Microsoft SQL Server con il backup
a passaggio singolo
Questa sezione descrive come utilizzare il backup del disco e delle applicazioni a passaggio singolo
per proteggere i dati di Microsoft SQL Server.
Un'operazione di backup a passaggio singolo crea un backup del disco compatibile con l'applicazione
che consente di esplorare e ripristinare i dati delle applicazioni di cui è stato eseguito il backup senza
ripristinare l'intero disco o volume. È possibile ripristinare il disco o il volume anche interamente. Ciò
significa che è possibile utilizzare un'unica soluzione e un unico piano di backup sia a scopo di
ripristino di emergenza che di protezione dei dati. È possibile troncare i registri delle applicazioni
dopo il backup, se necessario.
La funzionalità di backup a passaggio singolo diventa disponibile installando Acronis Backup Agent for
SQL.
Senza questo agente, è possibile proteggere i dati di SQL Server utilizzando il backup a livello del
disco. Per una descrizione dettagliata di questo metodo, consultare la sezione "Protezione delle
applicazioni con il backup a livello del disco" (p. 307).
Protezione di Microsoft SharePoint
Una farm di Microsoft SharePoint consiste in server Web front-end e macchine con Microsoft SQL
Server. Ciò significa che le informazioni presentate in questa sezione sono valide anche per la
protezione dei dati di Microsoft SharePoint.
Per consigli specifici sul backup delle macchine con i dati di SharePoint, esaminare la sezione "Backup
dei dati di SharePoint" (p. 318).
Per informazioni sul ripristino dei dati di SharePoint, esaminare la sezione "Ripristino dei dati di
SharePoint" (p. 327).
332
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
13 Informazioni generali
13.1.1 Agente per SQL
Il backup a passaggio singolo dei dati di Microsoft SQL Server diventa disponibile utilizzando Acronis
Backup Agent for SQL.
Backup
Durante un backup del disco, l'Agente per SQL aggiunge i metadati di Microsoft SQL Server al file di
backup risultante. Utilizzando questi metadati, Acronis Backup rileva e cataloga i database di SQL
Server. Dopo che il backup è stato eseguito correttamente, l'agente tronca i registri transazione di
SQL Server se è stata impostata l'opzione corrispondente nel piano di backup.
Ripristina
L'agente consente di ripristinare i database di SQL direttamente in un'istanza di SQL Server in
esecuzione. È possibile rendere un database immediatamente disponibile per gli utenti oppure
eseguire operazioni aggiuntive prima di renderlo disponibile.
L'agente è anche in grado di estrarre i file dei database da un backup a passaggio singolo in una
cartella in un file system. Questi file possono essere utilizzati per il data mining o l'auditing. In caso di
emergenza, è possibile collegare questi file dei database a un'istanza di SQL Server non gestita
dall'agente.
Montaggio di database
Utilizzando l'agente, è possibile collegare temporaneamente un database di cui è stato eseguito il
backup a un'istanza di SQL Server in esecuzione e utilizzare strumenti di terze parti per ottenere vari
oggetti da questo database.
13.1.2 Sistemi operativi supportati
È possibile installare l'Agente per SQL nei seguenti sistemi operativi:
Windows Server 2003/2003 R2: edizioni Standard ed Enterprise (x86, x64)
Windows Small Business Server 2003/2003 R2
Windows Server 2008: edizioni Standard, Enterprise e Datacenter (x86, x64)
Windows Small Business Server 2008
Windows 7: tutte le edizioni eccetto Starter e Home (x86, x64)
Windows Server 2008 R2: edizioni Standard, Enterprise, Datacenter e Foundation
Windows MultiPoint Server 2010/2011/2012
Windows Small Business Server 2011: tutte le edizioni
Windows 8/8.1: tutte le edizioni eccetto le edizioni Windows RT (x86, x64)
Windows 10: edizioni Home, Pro, Education ed Enterprise
Windows Server 2012/2012 R2: tutte le edizioni
Windows Storage Server 2003/2008/2008 R2/2012/2012 R2
333
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
13.1.3 Versioni supportate di Microsoft SQL Server
L'Agente per SQL supporta le seguenti versioni di Microsoft SQL Server:





Microsoft SQL Server 2005
Microsoft SQL Server 2008
Microsoft SQL Server 2008 R2
Microsoft SQL Server 2012
Microsoft SQL Server 2014
13.1.4 Autorizzazioni per il backup e ripristino di SQL Server
Autorizzazioni necessarie per un backup a passaggio singolo
Per eseguire correttamente un backup a passaggio singolo di una macchina che esegue Microsoft
SQL Server, l'account con cui viene eseguito il piano di backup deve essere membro del gruppo
Backup Operators o Administrators sulla macchina.
Inoltre, questo account deve disporre del ruolo sysadmin su ciascuna delle istanze installate sulla
macchina.
Se si crea un piano di backup mentre si è connessi come utente regolare, come un membro del
gruppo Users, è necessario specificare le credenziali dell'account con i privilegi indicati
precedentemente. Per accedere a questa impostazione, fare clic su Credenziali del piano nella
pagina Crea piano di backup (p. 58).
Un piano di backup creato da un membro del gruppo Administrators viene eseguito nell'account del
servizio dell'agente per impostazione predefinita. Lo stesso vale per un piano di backup centralizzato
distribuito dal server di gestione. Per questo motivo si consiglia di assegnare all'agente le
autorizzazioni richieste per il backup a passaggio singolo.
Concessione delle autorizzazioni all'agente
Durante l'installazione, il programma di installazione include l'account del servizio dell'agente nel
gruppo Backup Operators. Se si sceglie di creare un nuovo account per l'agente, questo account
verrà incluso anche nel gruppo Administrators. Per questo, l'agente dispone sempre delle
autorizzazioni richieste in Windows.
Per concedere all'agente il ruolo sysadmin in SQL Server, viene richiesto di specificare le credenziali
sysadmin per ciascuna istanza di Microsoft SQL installata sulla macchina. Se non si specificano le
credenziali durante l'installazione, è possibile concedere all'agente il ruolo sysadmin in seguito
utilizzando uno dei seguenti metodi:

Facendo clic su Strumenti > Fornire le credenziali di SQL Server quando Acronis Backup
Management Console è connessa alla macchina.


Utilizzando SQL Server Management Studio.
Eseguendo uno script T-SQL.
Inoltre è necessario concedere esplicitamente il ruolo sysadmin all'agente dopo l'installazione di una
nuova istanza di Microsoft SQL Server sulla macchina.
Per concedere all'account del servizio dell'agente il ruolo sysadmin in un'istanza attraverso uno
script T-SQL
1. Creare un file di testo con il seguente contenuto:
334
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Create Login [<nome macchina>\Acronis Agent User] From Windows
Exec master..sp_addsrvrolemember @loginame = '<nome macchina>\Acronis Agent
User',@rolename = 'sysadmin'
Acronis Agent User è l'account creato per l'agente per impostazione predefinita. Se si
specifica un account esistente durante l'installazione dell'agente, sostituire Acronis Agent
User con il nome utente dell'account esistente.
Il file può avere qualunque estensione.
2. Nel prompt dei comandi, eseguire il seguente comando:
sqlcmd -S <nome macchina>\<nome istanza> -i <percorso completo del file di script
T-SQL>
Se non si desidera concedere il ruolo sysadmin all'agente, sarà necessario specificare le credenziali in
ogni piano di backup come descritto all'inizio di questa sezione.
Autorizzazioni richieste per il ripristino di un database Microsoft SQL Server
Quando si ripristina un database in un'istanza, è necessario specificare le credenziali dell'istanza. La
richiesta delle credenziali viene visualizzata dopo aver selezionato l'istanza di destinazione nella
pagina Ripristina dati (p. 140).
13.1.5 Altre informazioni da sapere sul backup a passaggio singolo
Il backup a passaggio singolo viene eseguito a livello del disco. Da questo derivano le seguenti
peculiarità per questo tipo di backup:


Non è possibile eseguire il backup dei database che si trovano nelle condivisioni di rete.

Non è possibile eseguire il ripristino dei database a qualunque istante di tempo, ma solo a un
istante temporale in cui è stato creato lo snapshot dei dati. Se si esegue il backup dei registri
transazione utilizzando il componente di backup e ripristino di SQL Server, è possibile applicare
ulteriormente questi registri per raggiungere il punto di ripristino desiderato.
Il backup e il ripristino di gruppi di file viene eseguito come intero database. Non è possibile
eseguire il ripristino di un singolo file in modo che il database sia operativo.
13.2 Installazione dell'Agente per SQL
L'Agente per SQL può essere installato solo su una macchina che esegue Microsoft SQL Server. Non è
possibile effettuare l'installazione remota dell'agente.
L'agente è incluso nel programma di installazione di Acronis Backup Advanced.
L'agente è installato con l'Agente per Windows (p. 16) o su una macchina in cui è già installato
l'Agente per Windows.
Licenze richieste
L'Agente per SQL richiede una delle seguenti licenze:





335
Acronis Backup Advanced for SQL
Acronis Backup Advanced for SharePoint
Acronis Backup for Windows Server Essentials
Acronis Backup Advanced for VMware / Hyper-V / RHEV / Citrix XenServer / Oracle VM
Acronis Backup Advanced Universal License
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Ciascuna di tali licenze consente all'utente di installare l'Agente per Windows sulla stessa macchina.
Se è già installato l'Agente per Windows, è possibile installare l'Agente per SQL utilizzando una delle
seguenti licenze per componente aggiuntivo:


Acronis Backup Advanced for SQL Add-On
Acronis Backup Advanced for SharePoint Add-On.
Per utilizzare il prodotto in modalità trial, non sono necessarie licenze.
Installazione
Installare l'agente nello stesso modo utilizzato per l'Agente per Windows. Per istruzioni dettagliate
passo a passo, fare riferimento alla sezione "Installazione interattiva di Acronis Backup Advanced"
della documentazione di installazione.
Credenziali per le istanze di Microsoft SQL
Durante l'installazione, viene richiesto di specificare le credenziali sysadmin per ciascuna istanza di
Microsoft SQL installata sulla macchina. Queste credenziali sono necessarie per concedere il ruolo
sysadmin all'account del servizio dell'agente.
È possibile ignorare l'immissione delle credenziali e concedere all'agente il ruolo amministratore di
sistema in un secondo momento utilizzando uno dei seguenti metodi:

Facendo clic su Strumenti > Fornire le credenziali di SQL Server quando Acronis Backup
Management Console è connessa alla macchina.


Utilizzando SQL Server Management Studio.
Eseguendo uno script T-SQL.
Per ulteriori informazioni, consultare "Autorizzazioni per il backup e ripristino di SQL Server" (p. 334)
nella Guida del prodotto o nel Manuale utente.
13.3 Backup di Microsoft SQL Server
Per proteggere un server Microsoft SQL, creare un piano di backup o utilizzare la funzionalità Esegui
backup adesso come descritto nella sezione "Backup" (p. 58).
Seguire queste raccomandazioni per assicurarsi che un backup a passaggio singolo venga eseguito
correttamente.

Backup di intere macchine Questo consentirà di ripristinare sia il sistema operativo che i
database SQL presenti su una macchina.
È possibile archiviare i database su più di un disco o volume. Per garantire che tutti i file necessari
siano inclusi in un backup, eseguire il backup dell'intera macchina. Questo garantisce anche che
SQL Server rimarrà protetto se si aggiungono più database o se si spostano i file di registro in
futuro.

Se non si desidera eseguire il backup di un'intera macchina, selezionare i volumi con
attenzione.
Se si è sicuri che i database e i rispettivi file associati si trovino sempre sugli stessi volumi, è
possibile eseguire il backup solo su questi volumi. In alternativa è possibile creare piani di backup
separati per il volume di sistema e per i volumi che archiviano i dati.
È possibile anche escludere file e cartelle (p. 63) se si è sicuri che non appartengono a Microsoft
SQL Server.
336
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
In qualunque caso, assicurarsi che tutti i volumi contenenti i file necessari siano inclusi nel
backup. Se, per esempio, il file di registro di un database non è incluso nel backup, non sarà
possibile ripristinare questo database. Il ripristino del sistema operativo potrebbe non essere
possibile se non è stato eseguito il backup dei volumi di avvio e di sistema o se i file di sistema
critici sono stati esclusi.
Per istruzioni su come trovare i percorsi dei database, fare riferimento a "File dei database di SQL
Server" (p. 309).

Utilizza il Servizio Copia Shadow del volume (VSS).
Assicurarsi che l'opzione di backup Servizio Copia Shadow del volume (p. 137) sia impostata su
Utilizza il Servizio Copia Shadow del volume e che il provider di snapshot selezionato non sia
Software - Acronis VSS Provider. La scelta migliore è Software - Provider di sistema.
13.3.1 Impostazioni backup a passaggio singolo
Le impostazioni descritte in questa sezione sono relative al backup single-pass. Queste impostazioni
sono raggruppate nella sezione Backup del disco e delle applicazioni single-pass della pagina Crea
piano di backup (p. 58) o Esegui backup adesso.
Backup a passaggio singolo
Queste impostazioni abilitano il backup del disco e delle applicazioni a passaggio singolo.
Per accedere alle seguenti impostazioni, fare clic su Mostra gestione errori dell'attività,
troncamento registro.
Gestione degli errori
La casella di controllo Ignora errori del backup delle applicazioni e continua l'attività
definisce il comportamento del software quando questo non è in grado di raccogliere i
metadati delle applicazioni durante un backup. Per esempio, questo si verifica se un
database è danneggiato o se il servizio dell'applicazione viene terminato, o se l'utilizzo di VSS
è disabilitato nelle opzioni del backup, oppure se l'account con cui viene eseguito il backup
non dispone di autorizzazioni per accedere a un database.
Per impostazione predefinita, Acronis Backup non è in grado di eseguire il backup.
Se si seleziona la casella di controllo, il backup continuerà. Il registro eventi conterrà una
voce su ciascuno dei database per cui i metadati non vengono raccolti. Se non vengono
raccolti metadati, si otterrà un backup ordinario a livello del disco.
La seguente impostazione è disponibile solo se l'Agente per SQL è installato nella macchina.
Troncamento registro
Se questa impostazione è abilitata, il registro di Microsoft SQL Server verrà troncato dopo
ciascun backup completo, incrementale o differenziale. Il troncamento si verifica solo se il
backup a passaggio singolo è stato eseguito correttamente.
Lasciare l'impostazione disabilitata se si utilizza un'applicazione di terze parti, come il
componente di backup e ripristino di SQL Server, per il backup dei dati di SQL Server.
Il troncamento del registro e la possibilità di ignorare gli errori dell'applicazione si escludono
reciprocamente. Questo impedisce di troncare il registro di Microsoft SQL se i metadati delle
applicazioni non vengono raccolti.
13.4 Ripristino dei dati di Microsoft SQL Server
Questa sezione descrive solo i passaggi e le impostazioni specifiche per il ripristino dei database SQL
da un backup a passaggio singolo. Le impostazioni comuni di un'attività di ripristino sono descritte
nella sezione "Creazione di un'attività di ripristino" (p. 140).
337
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Sono disponibili due opzioni per il ripristino dei database SQL:


Ripristina i database nelle istanze (p. 338).
Estrai i file dei database nelle cartelle (p. 340).
13.4.1 Ripristini dei database SQL nelle istanze
In una singola attività di ripristino, è possibile ripristinare più database. I database vengono mappati
automaticamente nelle loro istanze originali. È possibile selezionare un'istanza di destinazione per
ciascun database, se necessario.
I database di sistema vengono ripristinati nello stesso modo dei database degli utenti. Quando si
esegue il ripristino del database master, il software riavvia automaticamente l'istanza di destinazione
in modalità utente singolo. Al termine del ripristino, il software riavvia l'istanza e ripristina altri
database (se presenti). Altri elementi da considerare quando si ripristina un database di sistema:

È possibile ripristinare un database di sistema solo in un'istanza della stessa versione dell'istanza
originale.


Un database di sistema viene sempre ripristinato nello stato "pronto per l'uso".
Poiché il database master registra le informazioni di tutti i database dell'istanza, potrebbe essere
necessario eseguire azioni aggiuntive dopo il ripristino del database. Per i dettagli, consultare
"Azioni dopo il ripristino di un database master" (p. 339).
Per ripristinare i database nelle istanze
Nella pagina Ripristina dati:
1. In Cosa ripristinare fare clic su Selezionare i dati e selezionare i database.
2. Se la console è connessa al server di gestione, selezionare la macchina registrata in cui
ripristinare i database. Altrimenti, ignorare questo passaggio.
3. Selezionare Ripristina i database nelle istanze.
4. Acronis Backup prova a specificare le istanze di destinazione dei database selezionati acquisendo
il percorso originale dal backup. Se l'istanza di destinazione non viene selezionata per qualche
database o se si desidera ripristinare il database in un'altra istanza, specificare l'istanza di
destinazione manualmente.
Se l'account corrente non dispone di privilegi sufficienti per accedere all'istanza di SQL Server di
destinazione, verrà richiesto di fornire le credenziali.
5. Se l'istanza di destinazione contiene un database con lo stesso nome di quello ripristinato, il
software visualizzerà un avviso: Il database di destinazione esiste già. Sono disponibili le
seguenti opzioni:

Sovrascrivi il database esistente
Questa è l'impostazione predefinita adatta alla maggior parte delle situazioni. Il database
nell'istanza di destinazione verrà sovrascritto con il database del backup.

Rinomina il database ripristinato
Questa impostazione consente di conservare il database esistente. Un database ripristinato
avrà il seguente nome: <nome database originale>-Recovered. Se esiste già un
database con lo stesso nome, il database ripristinato verrà nominato come indicato di
seguito: <nome database originale>-Recovered (<numero sequenza>).
Esempi: MyDatabase-Recovered, MyDatabase-Recovered (2).
6. Per ciascun database da ripristinare, è possibile selezionare lo stato dopo il ripristino. Per
eseguire questa operazione, fare clic sull'icona a sinistra del nome del database e selezionare
uno dei seguenti valori:
338
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015

Pronto per l'utilizzo (RECUPERO CON RIPRISTINO) (per impostazione predefinita)
Al termine del ripristino, il database sarà pronto per l'uso. Gli utenti avranno accesso
completo al database. Il software eseguirà il ripristino di tutte le transazioni non eseguite del
database ripristinato archiviate nel registro transazione. Non sarà possibile ripristinare
registri transazione aggiuntivi dai backup Microsoft SQL nativi.

Non operativo (RECUPERO SENZA RIPRISTINO)
Al termine del ripristino, il database non sarà pronto per l'uso. Gli utenti non avranno accesso
ad esso. Il software conserverà tutte le transazioni non eseguite del database ripristinato.
Sarà possibile ripristinare registri transazione aggiuntivi dai backup Microsoft SQL nativi e
quindi raggiungere il punto di ripristino necessario.

Sola lettura (RECUPERO CON STANDBY)
Al termine del ripristino, gli utenti avranno accesso in sola lettura al database. Il software
annullerà tutte le transazioni non eseguite. Tuttavia, salverà le azioni di annullamento in un
file di standby temporaneo, in modo che gli effetti del ripristino possano essere riportati allo
stato precedente.
Questo valore viene utilizzato principalmente per rilevare il punto temporale in cui si è
verificato un errore di SQL Server.
7. È possibile modificare i percorsi in cui verranno salvati i file dei database. Per accedere a queste
impostazioni, fare clic sull'icona alla sinistra del nome del database.
8. In Come ripristinare, selezionare se utilizzare Acronis Active Restore (p. 339) durante il ripristino.
9. Specificare altre impostazioni dell'attività di ripristino in base alle esigenze.
13.4.1.1
Azioni dopo il ripristino di un database master
Il database master registra informazioni su tutti i database dell'istanza. Quindi, il database master in
un backup contiene informazioni sui database esistenti nell'istanza al momento del backup.
Dopo il ripristino del database master, è possibile eseguire le seguenti azioni:

I database visualizzati nell'istanza dopo il backup non sono visibili dall'istanza. Per riportare
questi database alla produzione, collegarli manualmente all'istanza. Per istruzioni su come
eseguire questa operazione utilizzando SQL Server Management Studio, esaminare la sezione
"Collegamento di database di SQL Server" (p. 320).

I database eliminati dopo il backup sono visualizzati nell'istanza come non in linea. Eliminare
questi database utilizzando SQL Server Management Studio.
13.4.1.2
Utilizzo di Acronis Active Restore per il ripristino di database SQL
Active Restore è una tecnologia proprietaria Acronis. Consente di portare online un database
Microsoft SQL pochi minuti dopo l'avvio del ripristino del database. Ciò consente agli utenti di
accedere ai dati mentre i database vengono ripristinati. Per questo, l'utilizzo di Active Restore è utile
quando si esegue il ripristino dei database nello stato Pronto per l'utilizzo o Sola lettura.
Active Restore supporta le seguenti posizioni di backup:



Una cartella locale sulla macchina in cui viene eseguito il ripristino (eccetto i dischi ottici).
Acronis Secure Zone.
Una condivisione di rete.
Per utilizzare Active Restore, abilitarlo sulla pagina Ripristina dati (p. 140) nella sezione Come
ripristinare.
339
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Procedura di ripristino
1. Se l'attività di ripristino include il database master, esso verrà ripristinato per primo. Durante
questa procedura, l'istanza è in modalità utente singolo e quindi gli utenti non si potranno
connettere ad essa. Dopo il ripristino del database, il software riavvia l'istanza.
2. L'agente inizia il ripristino di altri database. Più database vengono ripristinati in parallelo.
Prima di tutto, i database sono nello stato Ripristino in corso e gli utenti non possono accedere
ad essi. Dopo un breve periodo, gli utenti otterranno accesso lettura/scrittura o sola lettura ai
database, a seconda dello stato specificato nelle impostazioni dell'attività di ripristino.
Dettagli. I driver di Acronis Active Restore intercetteranno le query dell'utente. I dati richiesti per
il servizio delle query vengono ripristinati con la massima priorità; tutto il resto viene ripristinato
in background. Di conseguenza, gli utenti potranno accedere ai propri dati anche se i database
non sono ancora stati ripristinati.
3. Al termine del ripristino, i database vengono collegati nuovamente. Questa operazione richiede
meno di un minuto.
Poiché il servizio delle richieste viene eseguito contemporaneamente al ripristino, l'operazione con il
database potrebbe rallentare anche se la priorità del ripristino (p. 179) nelle opzioni di ripristino è
impostata su Bassa. Nonostante il tempo di inattività del database sia minimo, le prestazioni
potrebbero risultare ridotte durante il ripristino.
13.4.2 Estrazione dei file dei database nelle cartelle
È possibile estrarre i file dei database SQL e i registri di transazione da un backup a passaggio singolo
in una cartella specificata. Questo può essere utile se è necessario ripristinare i database in una
macchina in cui l'Agente per SQL non è installato o se è necessario estrarre i dati per il data mining,
l'audit o per un'ulteriore elaborazione con strumenti di terze parti.
Per estrarre i file dei database
Nella pagina Ripristina dati:
1. In Cosa ripristinare fare clic su Selezionare i dati e selezionare i database.
2. Se la console è connessa al server di gestione, selezionare una macchina registrata in cui è
installato l'Agente per SQL. Altrimenti, ignorare questo passaggio.
3. Selezionare Estrai i file dei database nelle cartelle.
4. Nella Cartella di destinazione, specificare la cartella di destinazione in cui verranno salvati i file
dei database.
Dettagli. Se si seleziona più di un database, i file di ciascun database verranno estratti in una
cartella separata all'interno della cartella specificata. Se la cartella di destinazione contiene già un
file di database con lo stesso nome del database selezionato, i file del database verranno estratti
nella sottocartella <nome istanza>\<nome database>.
5. Specificare altre impostazioni dell'attività di ripristino in base alle esigenze.
Al termine dell'estrazione, è possibile collegare il database a un'istanza di SQL Server. Per istruzioni
su come eseguire questa operazione utilizzando SQL Server Management Studio, esaminare la
sezione "Collegamento di database di SQL Server" (p. 320).
340
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
13.5 Montaggio di database di SQL Server da un backup
a passaggio singolo
Quando si monta un database di SQL di cui è stato eseguito il backup, esso viene collegato
temporaneamente a SQL Server in modalità sola lettura. È possibile accedere al database come a
qualunque altro database dell'istanza.
Il montaggio dei database risulta utile quando è necessario eseguire una delle seguenti operazioni:

Ripristino granulare di singoli oggetti dei database, come tabelle, record, procedure archiviate.
Montare il database e utilizzare strumenti di terze parti per ottenere da esso le informazioni
necessarie.

Per accedere rapidamente alle informazioni cronologiche. Il ripristino di un database di grandi
dimensioni potrebbe richiedere molto tempo. Se si monta il database, non è necessario
attendere che esso venga ripristinato.

Per visualizzare lo stato di un database in un punto temporale preciso (per esempio, per il data
mining o per l'audit).
L'operazione di montaggio è disponibile quando la console è connessa a una macchina in cui è
installato l'Agente per SQL. È necessario archiviare il backup a passaggio singolo in una cartella locale
sulla macchina (eccetto per i dischi ottici), in Acronis Secure Zone oppure in una condivisione di rete.
Altre posizioni non sono supportate dall'operazione di montaggio.
I database di sistema sono montati come database dell'utente.
Per montare un database di SQL Server
1.
2.
3.
4.
Connettere la console al computer in cui è installato l'Agente per SQL.
Nel menu Azioni selezionare Monta database SQL dall'immagine.
Fare clic su Selezionare i dati, quindi selezionare il backup e i database da montare.
Acronis Backup prova a specificare le istanze di destinazione dei database selezionati acquisendo
il percorso originale dal backup. Se l'istanza di destinazione non viene selezionata per qualche
database o se si desidera montare il database in un'altra istanza, specificare l'istanza di
destinazione manualmente.
Se l'account corrente non dispone di privilegi sufficienti per accedere all'istanza di SQL Server di
destinazione, verrà richiesto di fornire le credenziali.
5. Fare clic su OK.
Un database montato ha il seguente nome: <nome database originale>-Mounted. Se esiste già
un database con lo stesso nome, il database montato verrà nominato come indicato di seguito:
<nome database originale>-Mounted (<numero sequenza>).
Esempi: MyDatabase-Mounted, MyDatabase-Mounted (2).
13.5.1 Smontaggio di database di SQL Server montati.
Il mantenimento dei database montati richiede molte risorse di sistema. Si consiglia di smontare un
database dopo avere completato le operazioni necessarie. Se un database non viene smontato
manualmente, rimarrà montato fino al riavvio del sistema operativo o del servizio dell'agente.
Per smontare un database SQL
1. Connettere la console al computer in cui è installato l'Agente per SQL.
2. Nel riquadro Navigazione fare clic su Gestisci i database SQL montati.
341
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
3. Per smontare un database, selezionarlo e fare clic su
Smonta. Per smontare tutti i database
montati in una volta sola, fare clic su
Smonta tutti.
Se il database selezionato è in uso, Acronis Backup disconnette in modo forzato tutti gli utenti dal
database e successivamente lo smonta.
13.6 Protezione di istanze di SQL Server e AAG in cluster
Soluzioni ad elevata disponibilità di SQL Server
La funzionalità Windows Server Failover Clustering (WSFC) consente di figurare un SQL Server ad
elevata disponibilità attraverso la ridondanza a livello di istanza (istanza del cluster di failover, FCI) o
a livello di database (gruppo di disponibilità AlwaysOn, AAG). È inoltre possibile combinare entrambi i
metodi.
In un'istanza del cluster di failover, i database SQL sono posizionati in un archivio condiviso. Poiché è
possibile accedere a questo archivio solo dal nodo attivo, il backup dei dati di SQL Server viene
eseguito solo quando si esegue il backup del nodo attivo. Per lo stesso motivo, è possibile ripristinare
i database SQL solo su un nodo attivo. Se il nodo attivo si guasta, si verifica un failover e un nodo
diverso diventa attivo.
In un gruppo di disponibilità, ogni replica di database si trova su un nodo diverso. Se la replica
principale diventa non disponibile, una replica secondaria che si trova su un nodo diverso viene
assegnata al ruolo principale.
Altre soluzioni includono il mirroring del database e la distribuzione dei log. Per ulteriori informazioni
sulle soluzioni ad elevata disponibilità di SQL Server, fare riferimento alla documentazione Microsoft:
http://msdn.microsoft.com/it-it/library/ms190202.aspx.
Backup di SQL Server configurato per la disponibilità elevata
Sia nel caso di FCI che di AAG, il backup solo di un nodo non è sufficiente. Se questo nodo si guasta,
SQL Server continuerà a funzionare, ma non verrà eseguito il backup dei relativi database. Se si vuole
che il backup dei dati di SQL Server venga eseguito in modo costante, a prescindere dal numero di
nodi attivi e operativi, considerare il seguente approccio.
1. Installare l'Agente per SQL su tutti i nodi WSFC.
2. Su ciascuno dei nodi, creare un piano di backup con impostazioni identiche. In alternativa, creare
un unico piano di backup centralizzato per tutti i nodi.
Le impostazioni sono le seguenti:
In Cosa includere nel backup fare clic su Elementi del backup e selezionare la casella di controllo
accanto alla macchina (non accanto ai singoli dischi). Questo assicura che gli archivi condivisi
verranno inclusi nel backup quando il nodo diventa attivo.
In Dove eseguire il backup specificare un'unica posizione per tutti i nodi. Questa può essere un
deposito centralizzato o semplicemente una condivisione di rete. Questo assicura che tutti i dati
di cui è stato eseguito il backup verranno archiviati in una sola posizione.
Backup del disco e delle applicazioni a passaggio singolo: abilitato.
3. Specificare altre impostazioni del piano di backup in base alle esigenze.
Con queste impostazioni, se si verifica un failover, il backup dei database SQL continuerà ad essere
eseguito su un nodo diverso. Per quanto riguarda il ripristino, per individuare i database è necessario
espandere il cluster nel deposito Visualizzazione dati o Visualizzazione archivio.
342
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Ripristino di database configurato per la disponibilità elevata
Non è possibile sovrascrivere durante un ripristino un database configurato per il mirroring o incluso
in un gruppo di disponibilità AlwaysOn. Microsoft SQL Server impedisce questa operazione. È
necessario rimuovere il mirroring del database di destinazione oppure escludere il database di
destinazione da AAG prima del ripristino. In alternativa, ripristinare il database come un nuovo
database non AAG. Al termine del ripristino, è possibile ricostruire la configurazione mirroring/AAG
originale.
343
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
14 Protezione di Microsoft Active Directory con il
backup a passaggio singolo
Questa sezione descrive come utilizzare i backup del disco e delle applicazioni single-pass per
proteggere il ruolo di Servizi di dominio Active Directory di Microsoft Active Directory.
La funzionalità di backup single pass diventa disponibile installando Acronis Backup Agent for Active
Directory.
Senza questo agente, è possibile proteggere i dati di Active Directory utilizzando il backup a livello del
disco. Per una descrizione dettagliata di questo metodo, consultare la sezione "Protezione delle
applicazioni con il backup a livello del disco" (p. 307).
14.1 Agente per Active Directory
L'Agente per Active Directory crea un backup del disco compatibile con l'applicazione, noto anche
come backup a passaggio singolo. Durante un backup, l'Agente per Active Directory aggiunge i
metadati di Microsoft Active Directory al file di backup risultante.
L'agente consente di estrarre i file di Active Directory da un backup a passaggio singolo senza
ripristinare l'intero disco o volume. Successivamente, è possibile sostituire i file danneggiati con
quelli estratti.
È possibile inoltre ripristinare interamente il controller di dominio.
14.2 Sistemi operativi supportati
È possibile installare l'Agente per Active Directory nei seguenti sistemi operativi:
Windows Server 2003/2003 R2: edizioni Standard ed Enterprise (x86, x64)
Windows Small Business Server 2003/2003 R2
Windows Server 2008: edizioni Standard, Enterprise e Datacenter (x86, x64)
Windows Small Business Server 2008
Windows Server 2008 R2: edizioni Standard, Enterprise, Datacenter e Foundation
Windows Small Business Server 2011: tutte le edizioni
Windows Server 2012/2012 R2: tutte le edizioni
14.3 Installazione dell'Agente per Active Directory
L'Agente per Active Directory può essere installato solo su un controller di dominio. Non è possibile
effettuare l'installazione remota dell'agente.
L'agente è incluso nel programma di installazione di Acronis Backup Advanced.
L'agente è installato con l'Agente per Windows (p. 16) o su una macchina in cui è già installato
l'Agente per Windows.
Licenze richieste
L'Agente per Active Directory richiede una delle seguenti licenze:
344
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015




Acronis Backup Advanced for Active Directory
Acronis Backup for Windows Server Essentials
Acronis Backup Advanced for VMware / Hyper-V / RHEV / Citrix XenServer / Oracle VM
Acronis Backup Advanced Universal License
Ciascuna di tali licenze consente all'utente di installare l'Agente per Windows sulla stessa macchina.
Se l'Agente per Windows è già installato, è possibile installare l'Agente per Active Directory
utilizzando la licenza Acronis Backup Advanced for Active Directory Add-On.
Per utilizzare il prodotto in modalità trial, non sono necessarie licenze.
Installazione
Installare l'agente nello stesso modo utilizzato per l'Agente per Windows. Quando vengono richieste
le credenziali per Acronis Managed Machine Service, specificare un account utente di dominio
esistente che sia incluso nel gruppo Administrators integrato del controller di dominio. In caso
contrario, il backup passaggio singolo dei dati di Microsoft Active Directory non riesce.
Per istruzioni dettagliate passo a passo, fare riferimento alla sezione "Installazione interattiva di
Acronis Backup Advanced" della documentazione di installazione.
14.4 Backup di Microsoft Active Directory
Per proteggere Active Directory, creare un piano di backup o utilizzare la funzionalità Esegui backup
adesso come descritto nella sezione "Backup" (p. 58).
Attenersi alle best practice descritte nella sezione "Backup di Active Directory" (p. 317).
Assicurarsi che l'opzione di backup Servizio Copia Shadow del volume (p. 137) sia impostata su
Utilizza il Servizio Copia Shadow del volume e che il provider di snapshot selezionato non sia
Software - Acronis VSS Provider. La scelta migliore è Software - Provider di sistema.
14.5 Ripristino di Microsoft Active Directory
Ripristino di un controller di dominio
Se l'avvio del controller di dominio non riesce, consultare una delle seguenti sezioni, in base al
numero o alla disponibilità dei controller di dominio nell'ambiente in uso:


Ripristino di un controller di dominio (altri controller di dominio sono disponibili) (p. 322).
Ripristino di un controller di dominio (non sono disponibili altri controller di dominio) (p. 323).
Ripristino dei dati di Active Directory
Se i file del database di Active Directory o la cartella SYSVOL sono danneggiati ma il controller di
dominio si avvia normalmente, è possibile ripristinare solo i dati di Active Directory.
Selezionare uno dei seguenti metodi:

"Nuova promozione del controller di dominio" (p. 346)
Si tratta semplicemente della replica di tutti i dati di Active Directory da altri controller di
dominio.

"Ripristino del database di Active Directory da un backup a passaggio singolo" (p. 346)
Questo metodo consente di ripristinare tutti i dati di Active Directory, indipendentemente dalla
disponibilità di altri controller di dominio. Se sono disponibili altri controller di dominio, è
345
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
possibile inoltre eseguire un ripristino autorevole di singoli oggetti Active Directory. Per esempio,
è possibile ripristinare un account o un account computer eliminato non intenzionalmente. Altri
oggetti verranno replicati da altri controller di dominio.
14.5.1 Nuova promozione del controller di dominio
Questo metodo di ripristino dei dati è disponibile solo se il dominio dispone di altri controller di
dominio. Non è necessario disporre di un backup.
Per ripristinare Microsoft Active Directory, utilizzare lo strumento Dcpromo per abbassare di livello il
controller di dominio con i dati danneggiati, quindi rialzarlo di livello.
Per promuovere nuovamente il controller di dominio, eseguire i seguenti comandi:
dcpromo /forceremoval
dcpromo /adv
14.5.2 Ripristino del database di Active Directory da un backup a
passaggio singolo
Questo metodo di ripristino dei dati può essere utilizzato a prescindere dal fatto che il dominio
disponga o meno di altri controller di dominio.
Questa sezione descrive solo i passaggi e le impostazioni specifiche per il ripristino dei dati di Active
Directory da un backup single-pass. Le impostazioni comuni di un'attività di ripristino sono descritte
nella sezione "Creazione di un'attività di ripristino" (p. 140).
Estrazione dei dati di Active Directory
Nella pagina Ripristina dati:
1. In Cosa ripristinare fare clic su Selezionare i dati. Selezionare i dati e il punto di ripristino.
Avviso Se il dominio ha due o più controller di dominio, selezionare un punto di ripristino che non sia più
vecchio della durata di rimozione definitiva. In caso contrario, potrebbero verificarsi problemi di replica.
2. Se la console è connessa al server di gestione, selezionare una macchina registrata in cui è
installato l'Agente per Active Directory. Altrimenti, ignorare questo passaggio.
3. Fare clic su Destinazione e selezionare una cartella locale o di rete in cui estrarre i dati di
Microsoft Active Directory sotto forma di file. I file di database e la cartella SYSVOL verranno
rispristinati con la nuova creazione di un percorso completo.
4. In Sovrascrittura, scegliere se sovrascrivere un file esistente con lo stesso nome presente
nell'archivio.
5. Specificare altre impostazioni dell'attività di ripristino (p. 140) in base alle esigenze.
6. Eseguire l'attività di ripristino e attendere fino al suo completamento.
Sostituire i dati di Active Directory con i file estratti
1. Riavviare il controller di dominio e premere F8 durante l'avvio.
2. Alla schermata Opzioni di avvio avanzate, selezionare Modalità ripristino servizi directory.
3. [Facoltativo] Creare una copia dei file del database corrente di Active Directory per poter
annullare le modifiche, se necessario.
4. Spostare i dati di Active Directory estratti nel percorso originale:
346
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
a. Passare alla cartella contenente i dati estratti. La cartella contiene una o più cartelle. I nomi
di queste cartelle comprendono le lettere di unità dei dischi che contenevano i dati di Active
Directory di cui è stato eseguito il backup. Ad esempio, Unità(C).
b. Copiare tutti i contenuti di ciascuna di queste cartelle nella radice dell'unità disco
corrispondente. Ad esempio, copiare tutti i contenuti della cartella Unità(C) in C:/ e i
contenuti della cartella Unità(E) in E:/. Se richiesto, scegliere di sovrascrivere i file.
Completamento del ripristino
1. Se il dominio comprende un unico controller di dominio, ignorare questo passaggio. In caso
contrario, eseguire una delle seguenti operazioni:

Per ripristinare l'intero database di Active Directory, eseguire i passaggi 3–8 descritti in
"Rollback USN" nella sezione "Evitare l'utilizzo del rollback USN" (p. 326).

Se invece si desidera ripristinare singoli oggetti, ad esempio account utente o computer
eliminati accidentalmente, eseguire i passaggi 2-4 descritti nella sezione "Ripristino di
informazioni eliminate accidentalmente" (p. 325).
2. Riavviare il controller di dominio in modalità normale.
3. Accertarsi che il servizio Active Directory sia stato avviato correttamente.
347
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
15 Amministrazione di una macchina gestita
Questa sezione descrive le viste disponibili nell'albero di navigazione della console collegata a una
macchina gestita e fornisce istruzioni per l'utilizzo di ogni vista. Questa sezione tratta anche le
operazioni aggiuntive che è possibile eseguire su una macchina gestita, come il cambio di una licenza,
la configurazione delle Opzioni della macchina e la raccolta delle informazioni del sistema.
15.1 Attività e piani di backup
La vista Attività e piani di backup contiene informazioni sulla protezione dei dati in una determinata
macchina. Consente il monitoraggio e la gestione di attività e piani di backup.
Per verificare quale piano di backup al momento è in esecuzione nella macchina, controllare lo stato
di esecuzione del piano di backup (p. 351). La condizione di esecuzione di un piano di backup è una
condizione cumulativa delle attività più recenti del piano. Lo stato di un piano di backup (p. 351)
aiuta a valutare se i dati sono protetti sufficientemente.
Per tenere traccia dell'avanzamento corrente di un'attività, esaminarne la condizione (p. 352). Per
accertarsi del risultato dell'attività, controllarne lo stato (p. 353).
Flusso di lavoro tipico

Utilizzare i filtri per visualizzare i piani di backup (attività) desiderati nella tabella dei piani di
backup. Per impostazione predefinita, la tabella visualizza tutti i piani della macchina gestita,
ordinati per nome. È possibile anche nascondere colonne che non servono e visualizzare quelle
nascoste. Per i dettagli, consultare "Ordinamento, filtraggio e configurazione degli elementi della
tabella" (p. 30).


Nella tabella dei backup, selezionare il piano di backup (attività).

Per esaminare le informazioni dettagliate sul piano (attività) selezionato, utilizzare il pannello
delle informazioni nella parte inferiore della finestra. Il pannello è compresso per impostazione
predefinita. Per espandere il pannello, fare clic sulla freccia ( ). Il contenuto del pannello è
ripetuto anche nelle finestre Dettagli del piano (p. 358) e Dettagli dell'attività (p. 359)
rispettivamente.
Utilizzare i pulsanti della barra degli strumenti per eseguire un'azione sul piano (attività)
selezionato. Per i dettagli, consultare "Azioni su piani e attività di backup" (p. 348).
15.1.1 Azioni su attività e piani di backup
Di seguito si riportano le indicazioni per l'esecuzione di operazioni con attività e piani di backup.
Limitazioni

Senza i privilegi di amministratore nella macchina, un utente non può eseguire o modificare piani
o attività di altri utenti.

Non è possibile modificare o eliminare un piano o un'attività di backup attualmente in
esecuzione.

Un piano o un'attività di backup centralizzato possono essere modificati o eliminato solo sul lato
server di gestione.
A
Azione
Crea un nuovo piano o
Fare clic su
348
Nuovo, quindi selezionare una delle opzioni seguenti:
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
A
Azione
attività di backup
 Piano di backup (p. 58)
 Attività di ripristino (p. 140)
 Attività di convalida (p. 257)
Visualizzare informazioni
dettagliate di un piano o
un'attività
Fare clic su
Dettagli.
Nella rispettiva finestra Dettagli del piano (p. 358)o Dettagli dell'attività (p.
359), esaminare i dettagli del piano o dell'attività.
Visualizzare il registro di un Fare clic su
Registro.
piano o un'attività
Si passerà alla visualizzazione Registro (p. 359) contenente l'elenco delle voci di
registro raggruppate in base alle operazioni relative al piano o all'attività.
Eseguire un'attività o un
piano
Piano di backup
1. Fare clic su
Esegui.
2. Nell'elenco a discesa, selezionare l'attività del piano da eseguire.
L'esecuzione del piano di backup avvia immediatamente l'attività di tale piano
selezionata, indipendentemente dalle relative condizioni e dalla relativa
pianificazione.
Attività
Fare clic su
Esegui.
L'attività verrà eseguita immediatamente, indipendentemente dalle relative
condizioni e dalla relativa pianificazione.
Terminare un'attività o un
piano
Fare clic su
Termina.
Piano di backup
L'interruzione dell'esecuzione del piano di backup implica l'interruzione di tutte le
relative attività. In tal modo, tutte le operazioni dell'attività verranno interrotte.
Attività
L'interruzione di un'attività ne interrompe l'operazione (ripristino, convalida,
esportazione, conversione, ecc.). L'attività entra in stato Inattivo. La
pianificazione dell'attività, se è stata creata, rimane valida. Per completare le
operazioni, sarà necessario eseguire nuovamente l'attività.
Cosa accade se interrompo l'attività di ripristino?
 Ripristino dei dischi: l'operazione annullata potrebbe provocare dei
cambiamenti nel disco rigido. A seconda del tempo trascorso dall'esecuzione
dell'attività, il disco di destinazione potrebbe non essere inizializzato, o lo
spazio del disco potrebbe essere non allocato, o alcuni volumi potrebbero
essere ripristinati e altri no. Per ripristinare il disco completo, eseguire
nuovamente l'attività.
 Ripristino di volumi: il volume di destinazione verrà eliminato e il relativo
spazio risulterà non allocato: lo stesso risultato che si otterrà se il ripristino ha
esito negativo. Per ripristinare il volume "perduto", eseguire nuovamente
l'attività.
 Ripristino di file o cartelle: l'operazione annullata potrebbe provocare dei
cambiamenti nel disco rigido. A seconda del tempo trascorso dall'ultima
esecuzione dell'attività, alcuni file potrebbero essere ripristinati, ma altri no.
349
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
A
Azione
Per ripristinare tutti i file, eseguire nuovamente l'attività.
Modificare un'attività o un
piano
Fare clic su
Modifica.
La modifica di un piano di backup viene eseguita in maniera analoga alla
creazione (p. 58), ad eccezione delle seguenti limitazioni:
Se l'archivio creato non è vuoto (cioè contiene backup), non sempre è possibile
utilizzare tutte le opzioni dello schema in fase di modifica di un piano di backup.
1. Non possibile modificare lo schema in Nonno-Padre-Figlio o Torre di Hanoi.
2. Se si utilizza lo schema Torre di Hanoi, non è possibile modificare il numero di
livelli.
In tutti gli altri casi lo schema può essere modificato e continua a funzionare
come se gli archivi esistenti fossero creati con un nuovo schema. Per archivi
vuoti, è possibile eseguire qualunque modifica.
Clona piano di backup
Fare clic su
Clona.
Il clone del piano di backup originario verrà creato con il nome predefinito "Clone
di <nome_piano_originale>". Il piano clonato verrà disabilitato subito dopo la
clonazione, in modo che non venga eseguito assieme al piano originale. È
possibile modificare le impostazioni del piano clonato prima di abilitarlo.
Abilita un piano
Fare clic su
Abilita.
Il piano di backup disabilitato precedentemente verrà eseguito come pianificato.
Disabilita un piano
Fare clic su
Disabilita.
Il piano di backup non verrà eseguito secondo la pianificazione. Tuttavia, può
essere eseguito manualmente. Dopo l'esecuzione manuale, il piano rimarrà
disabilitato. Il piano verrà eseguito normalmente se sarà abilitato nuovamente.
Esporta un piano
Fare clic su
Esporta.
Specificare il percorso e il nome del file derivante. Per ulteriori informazioni,
consultare Esportazione e importazione di piani di backup (p. 353).
350
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
A
Azione
Importa un piano
Fare clic su
Importa.
Specificare il percorso e il nome del file contenente un piano esportato
precedentemente. Per ulteriori informazioni, consultare Esportazione e
importazione di piani di backup (p. 353).
Eliminare un'attività o un
piano
Fare clic su
Elimina.
15.1.2 Condizione e stato dei piani e delle attività di backup
15.1.2.1
Stati di esecuzione dei piani di backup
La condizione di un piano di backup è uno stato cumulativo delle attività/operazioni del piano.
Stato/provincia
1
Richiesta
interazione
Come si determina
Modalità di gestione
Per almeno un'attività è
necessaria l'interazione
dell'utente.
Identificare le attività per cui è necessaria interazione (verrà
visualizzata l'azione da eseguire) -> Interrompere le attività
o abilitare quelle da eseguire (cambiare il supporto, fornire
spazio aggiuntivo sul deposito, ignorare l'errore di lettura,
creare l'Acronis Secure Zone mancante).
Altrimenti, vedere 2.
2
In esecuzione
È in esecuzione almeno
un'attività.
Non è necessaria alcuna azione.
Altrimenti, vedere 3.
3
In attesa
È in attesa almeno
un'attività.
Altrimenti, vedere 4.
In attesa del verificarsi di una condizione. Questa situazione
è abbastanza normale, ma ritardare un backup troppo a
lungo costituisce un rischio. La soluzione potrebbe
consistere nell'impostare il ritardo massimo (p. 136) dopo
cui l'attività verrà eseguita comunque o nel forzare le
condizioni (indicare all'utente di disconnettersi, abilitare la
connessione di rete richiesta).
In attesa mentre un'altra attività blocca le risorse
necessarie. Un caso di attesa occasionale si può verificare
quando l'avvio di un'attività viene ritardato o l'esecuzione di
un'attività dura troppo più a lungo rispetto al solito per
qualche particolare motivo e in questo modo impedisce
l'avvio di un'altra attività. Questa situazione si risolve
automaticamente al concludersi dell'attività che costituiva
l'ostacolo. Valutare l'opportunità di interrompere un'attività
se questa impiega troppo tempo, per consentire l'avvio
della nuova attività.
La sovrapposizione di attività persistenti può essere causata
da errori di pianificazione in uno o più piani. In questo caso,
potrebbe essere opportuno modificare il piano.
4
Inattivi
15.1.2.2
Tutte le attività sono
inattive.
Non è necessaria alcuna azione.
Status del piano di backup
Un piano di backup può avere uno dei seguenti status: Errori; Avvertimento; OK.
351
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Lo stato di un piano di backup deriva dai risultati dell'ultima esecuzione delle attività/operazioni del
piano.
1
Stato
Come si determina
Modalità di gestione
Errore
Almeno un'attività non è Identificare le attività non riuscite -> Controllare il registro
riuscita.
delle attività per scoprire il motivo dell'esito negativo,
quindi effettuare una o più operazioni di seguito indicate:
Altrimenti, vedere 2
 Rimuovere il motivo dell'esito negativo -> [facoltativo]
Avviare manualmente l'attività non riuscita
 Modificare il piano locale per evitare un esito negativo
in futuro se un piano locale non è riuscito
 Modificare il piano di backup sul server di gestione se
un piano centralizzato non è riuscito
2
Avviso
Almeno un'attività è
riuscita con
avvertimenti.
Visualizzare il registro per leggere gli avvisi -> [facoltativo]
Eseguire azioni per evitare avvertimenti o esiti negativi in
futuro.
Altrimenti, vedere 3.
3
OK
15.1.2.3
Tutte le attività sono
terminate
correttamente.
Non è necessaria alcuna azione. Notare che un piano di
backup può avere lo stato OK se nessuna delle attività è
ancora stata avviata.
Condizioni delle attività
Un'attività può trovarsi in una dei seguenti condizioni: Inattiva; In attesa; In esecuzione; Richiesta
interazione. La condizione iniziale di un'attività è Inattiva.
Quando un'attività viene avviata manualmente o si verifica l'evento specificato dalla pianificazione, la
condizione dell'attività diventa In esecuzione o In attesa.
In esecuzione
La condizione di un'attività diventa In esecuzione quando l'evento specificato dalla pianificazione
si verifica E tutte le condizioni impostate nel piano di backup sono soddisfatte E non è in
esecuzione alcun'altra attività che blocca le risorse necessarie. In questo caso, nulla impedisce
l'esecuzione dell'attività.
In attesa
La condizione di un'attività diventa In attesa quando l'attività è prossima all'avvio ma è già in
esecuzione un'altra attività che utilizza le stesse risorse. In particolare, non è possibile eseguire
simultaneamente più di un'attività di backup in una macchina. Un'attività di backup e un'attività
di ripristino, inoltre, non possono essere eseguite simultaneamente se utilizzano le stesse risorse.
Una volta che l'altra attività sblocca la risorsa, la condizione dell'attività in attesa diventa In
esecuzione.
La condizione di un'attività può diventare In attesa anche quando l'evento specificato dalla
pianificazione si verifica senza che sia soddisfatta la condizione impostata nel piano di backup.
Per informazioni dettagliate, vedere Condizioni di avvio dell'attività (p. 136).
Richiesta interazione
Qualunque attività in esecuzione può collocarsi nella condizione Richiesta interazione quando è
necessaria l'interazione umana, ad esempio il cambio di un supporto o la decisione se ignorare o
meno un errore di lettura. La condizione successiva potrebbe essere Inattiva (se l'utente sceglie
352
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
di interrompere l'attività) o In esecuzione (selezionando Ignora/Riprova o un'altra azione, come
Riavvia, in grado di impostare la condizione In esecuzione per l'attività).
15.1.2.4
Stati dell'attività
Un'attività può avere uno dei seguenti stati: Errori; Avvisi; OK.
Lo stato di un'attività deriva dal risultato dell'ultima esecuzione dell'attività.
1
Stato
Come si determina
Modalità di gestione
Errore
L'ultimo risultato è "Non Identificare l'attività non riuscita -> Controllare il registro
riuscita"
dell'attività per scoprire il motivo dell'esito negativo, quindi
effettuare una o più operazioni indicate di seguito:
 Rimuovere il motivo dell'esito negativo -> [facoltativo]
Avviare manualmente l'attività non riuscita
 Modificare l'attività non riuscita per evitare che in futuro
non riesca
2
Avviso
L'ultimo risultato è
"Riuscita con
avvertimento" o
l'attività è stata
interrotta
Visualizzare il registro per leggere gli avvisi -> [facoltativo]
Eseguire azioni per evitare avvertimenti o esiti negativi in
futuro.
3
OK
L'ultimo risultato è
"Riuscita" o "Non
riuscita"
"Non ancora eseguita" indica che l'attività non è mai stata
avviata oppure è stata avviata, ma non è ancora terminata e
quindi il suo risultato non è disponibile. Potrebbe essere
necessario scoprire perché l'attività non è ancora stata
avviata.
15.1.3 Esportazione e impostazione di piani di backup
L'operazione di esportazione crea un file con la configurazione completa del piano di backup. È
possibile importare il file per riutilizzare il piano di backup esportato in un'altra macchina.
I piani di backup centralizzati possono solo essere esportati da un server di gestione e importati in un
server di gestione.
È possibile modificare i piani nell'interfaccia utente grafica di Acronis Backup durante la loro
importazione o in seguito. I piani di backup sono esportati in file .xml, in modo che sia possibile
modificare i file esportati dei piani di backup (p. 354) con gli editor di testo. Le password sono
crittografate nei file di esportazione.
Esempi di utilizzo

Reinstallazione dell'agente
Esportare i piani di backup prima di reinstallare l'agente e importarli dopo la reinstallazione.

Distribuzione di un piano di backup su più macchine
Si dispone di un ambiente in cui non è possibile utilizzare Acronis Backup Management Server,
per esempio, a causa di restrizioni di sicurezza. Nonostante ciò, si desidera utilizzare lo stesso
piano di backup su più macchine. Esportare questo piano da una delle macchine e distribuirlo
come file (p. 356) alle altre macchine.
353
Copyright © Acronis International GmbH, 2002-2015
Impostazione delle credenziali
Prima di esportare un piano di backup che verrà importato in una macchina diversa, controllare
l'account utente con cui viene eseguito il piano (Modifica > Parametri del piano > Mostra
credenziali, commenti, etichetta dell'attività > Credenziali del piano).
Il piano verrà eseguito correttamente su una macchina diversa se il valore Credenziali del piano è
Credenziali del servizio Acronis o Esegui come: ... (utente corrente). Se il parametro Credenziali del
piano contiene un account utente specifico, il piano inizierà solo se è presente un account identico
sulla macchina. Per questo motivo, potrebbe essere necessario eseguire una delle seguenti
operazioni:


Creare un account con credenziali identiche nella macchina in cui il piano verrà importato.

Modificare le credenziali dopo l'importazione del piano.
Modificare le credenziali nel file di esportazione prima dell'importazione. Per i dettagli,
consultare Modifica del file di esportazione (p. 354).
Passaggi da eseguire
Per esportare un piano di backup
1. Selezionare un piano di backup nella visualizzazione Piani e attività di backup.
2. Fare clic su
Esporta.
3. Specificare il percorso e il nome del file