B U S I N E S S

Comments

Transcription

B U S I N E S S
dicembre/gennaio 2009
e 5,00
B
U
S
I
N
E
S
S
Bimestrale dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Monza e della Brianza
personaggi
Maurizio Lupi
Renato Mattioni
Maurizio Amigoni
Ezio Piovan
Marta Petenzi
Eccellenze nella pubblica
amministrazione
argomenti
Prevenzione rischio
industriale
Forza maggiore
nei rapporti con l’estero
Andamento del no profit in
Brianza
numero
motori stili di vita arte e cultura
I progetti dell’Ordine
per il 2009
I libri del re
Le perle di Kokichi Mikimoto
Mercedes-Benz GLK 320 CDI
”Bollettino dell’ODCEC di Monza e della Brianza“ Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. In L. 27/02/2004 n.46) art.1, comma 1, DCB Milano
29
90029
DOTCOM EDIZIONI
9 771724 902000
N. 29 – dicembre/gennaio 2009
La rivista dell’Ordine dei dottori commercialisti
e degli esperti contabili di Monza e della Brianza
IN COPERTINA
Il parco di Monza
EDITORE
DOTCOM EDIZIONI Srl
Redazione e Amministrazione
Via Londonio 22, 20154 Milano
Tel. 02 3453.3086 - Fax 02 3493.7691
[email protected]
www.dotcomedizioni.com
www.brianzabusiness.com
DIRETTORE EDITORIALE
Gilberto Gelosa
Presidente dell’Ordine dei dottori
commercialisti e degli esperti contabili
di Monza e della Brianza
DIRETTORE RESPONSABILE
Alfonso Giambelli
[email protected]
COMITATO DI REDAZIONE
Ordine dei dottori commercialisti
e degli esperti contabili
di Monza e della Brianza
Rosanna Ferrandino
[email protected]
Guido Ferraro
[email protected]
Simonetta Fumagalli
[email protected]
Aldo Grasso
[email protected]
Marco Malacrida
[email protected]
Greta Meli
[email protected]
Paolo Meago
[email protected]
Aldo Polito
[email protected]
Maria Isa Suanno
[email protected]
Massimo Trolese
[email protected]
AREA ECONOMICA
Antonio Sonzini
[email protected]
IN REDAZIONE
Caterina Carpitella
[email protected]
Marina Lefebvre
[email protected]
Giusi Mastrolilli
[email protected]
grafica
Francesca Forte
[email protected]
COORDINAMENTO PUBBLICITÁ
Riccardo Fiorina
[email protected]
PUBBLICITÁ
Leonardo Cereda
STAMPA
Arti Grafiche G. Vertemati Srl
Via Bergamo 2 - 20059 Vimercate MI
Registrazione Tribunale
di Milano n.126 dell’8 marzo 2004
SOMMARIO
5
EDITORIALE
Da Osama a Obama
6
PRIMO PIANO
A colloquio con Maurizio Lupi,
vicepresidente della Camera
36 NEWS
38 LIONS CLUB
Ridare la speranza e il sorriso a chi li sta perdendo
40 ROTARY INTERNATIONAL
L’amicizia di un delfino ti salverà la vita
42 ECONOMIA E FINANZA
All’arrembaggio dello studio professionale
10 FOCUS
Non solo fannulloni… nemmeno in Brianza
14 INTERVENTI
Parla Maurizio Amigoni, direttore generale
dell’azienda ospedaliera di Vimercate
44 ARTE E CULTURA
Sulle tracce… dei libri del re
48 STILI DI VITA
Kokichi Mikimoto, l’amore per le perle
e il sogno di una vita
18 SPAZIO REGIONE
Il green new deal inizia qua
20 OBIETTIVO PROVINCIA
Una nuova sede a prova di appalto
24 PROMOS - MERCATO GLOBALE
Tutte le debolezze della forza maggiore
26 NON PROFIT
52 MOTORI
Mercedes-Benz Nuova Classe GLK
Come viaggia la solidarietà tra bisogni e
impegno sociale
30 DALLA CAMERA
DI COMMERCIO
Parla Renato Mattioni, segretario generale
della Cciaa
34 VITA DELL’ORDINE
Tutti i progetti per il 2009 nella relazione
programmatica
55 GLI ISCRITTI ALL’ORDINE
66 CHI RICEVE BRIANZA BUSINESS
Editoriale
Da Osama
a Obama
di gilberto gelosa*
U
n modesto cambio di lettere in
un nome/cognome di persona
può rappresentare una svolta storica. Quando si dice la casualità:
il primo è stato la mente di certi
crolli a Wall Street; il secondo si troverà senz’altro a dover ricostruire dalle fondamenta un’altra
Wall Street. Entrambe, per aspetti diametralmente
opposti, imprese che hanno avuto e avrebbero del
sensazionale, del “fatto storico”.
Per evidenti motivi non invidio il primo; per più
nascosti motivi, legati alla congiuntura da far tremare i polsi, non invidio il secondo. Il primo ci ha
fatto conoscere la paura, il secondo dovrà avere il
coraggio per far dimenticare velocemente la paura
(espressa da un mai conosciuto “pessimismo economico”) che circonda imprese, amministrazioni,
professionisti ma soprattutto il cittadino comune.
Sentimenti molto forti, ma antitetici, hanno accompagnato i loro successi, ma un unico legame li unisce quasi quanto i loro nomi.
L’impossibilità delle loro gesta: se per il primo
sembrava impossibile attaccare gli americani in
casa loro, per il secondo sembra impossibile attaccare la struttura dell’economia raddrizzando
gli americani e i mercati. Ma, questa è la speranza
di Erodoto “chi non si aspetta l’impossibile non
lo raggiungerà mai”. E io me l’aspetto perché ciò
che manca oggi è soprattutto ragionare con un po’
più di ottimismo, di inaspettabile; investire quando
sembra una pazzia. L’ondata di gelo che ha accompagnato Osama in tempi di calore è oggi un’ondata
di calore che accompagna Obama in tempi gelidi.
Non è importante Obama e tantomeno la sua bandiera o il cappello che si vuol mettergli sulla testa
(classica italica virtù di serie D). È importante ciò
che sarà chiamato a fare e il sentimento di forza,
novità, svolta che sembra accompagnarlo. Se il
primo rappresenta il mondo verso il Medioevo, il
secondo, un afro-americano al potere in uno Stato
che combatté solo 165 anni fa una guerra civile a
contenuto razziale, rappresenta il mondo verso il
futuro, due lezioni di storia che non possiamo e
non dobbiamo scordarci ogni istante della nostra
vita e trasmettere ai nostri figli. Che Osama scompaia e Obama sorga e dimostri che c’è un vento
nuovo e caldo: me l’aspetto confidando di non
dover scrivere tra qualche mese: “O’MAMA!”.
Ma l’ottimismo (o speranza) a cui accennavo non
dipende da Obama, né può essere contrastato da
Osama se tutti, ma proprio tutti, iniziamo a convincerci di poche cose:
• il comunismo è finito;
• il socialismo reale è morto;
• il capitalismo virtuale (quello del «facciamo i
prodotti che si rompono prima così ne vendiamo
di più) deve altrettanto finire;
• l’economia reale riempie le pance, quella finanziaria (o “new”) riempie e svuota le tasche peggio
di una guerra;
• la scienza e l’uomo avanzano se c’è ricerca meritocratica disponibile.
Le prime oltre che mie nascono da Sarkozy (e citate dalla deputato al Parlamento europeo Cristiana
Muscardini al convegno organizzato da Innovhub
lo scorso novembre a Monza); le ultime sono mie
e di tutti gli uomini di buona volontà. n
*presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti
e degli esperti contabili di Monza e della Brianza
5
P rimo
piano
A colloquio con Maurizio Lupi, vicepresidente della Camera
Per un’amministrazione
a reale servizio del territorio
Federalismo fiscale, il futuro della provincia e delle professioni nell’analisi
politica di uno degli esponenti di spicco dell’attuale maggioranza
di Guido Ferraro
Maurizio Lupi
6
È
uno dei protagonisti della politica
nazionale, ma anche fortemente
impegnato nella vita del territorio brianzolo ponendosi, insieme
all’Associazione Costruiamo il futuro Brianza, il delicato compito di raccordo e di
intermediario tra la persona e le istituzioni.
D. Con l’approvazione del disegno di legge sul
federalismo fiscale si preannuncia una rivoluzione che dovrebbe portare a una maggior autonomia territoriale dal punto di vista delle politiche
fiscali. L’intergruppo parlamentare per la sussidiarietà, di cui lei è promotore, ha affrontato
queste tematiche con particolare attenzione.
Restringendo l’analisi a un ambito territoriale
ricco di realtà produttive come la Brianza, quali
saranno i vantaggi per le imprese e i cittadini in
caso di definitiva approvazione di una legge sul
federalismo fiscale?
R. In questi anni si è evidenziato che è proprio la
mancanza di federalismo fiscale ad affossare la
competitività del sistema. Senza questa riforma, infatti, lo Stato non si ridimensiona e le Regioni e gli
enti locali non si responsabilizzano con il risultato
che, alla fine, il conto lo pagano cittadini e imprese. Per questo il cuore del provvedimento varato dal
governo è il passaggio dalla spesa storica che favorisce l’inefficienza, a quello in base al costo standard
che, al contrario, favorisce la responsabilità. Eliminare queste sacche di spreco e di rendita significa
soprattutto liberare risorse da poter indirizzare per lo
sviluppo economico e sociale del nostro Paese valorizzando ciò che produce ricchezza.
D. La necessità di semplificare il quadro istituzionale degli interlocutori a livello locale per rendere più snella l’azione di governo e ridurre gli
sprechi, ha aperto un dibattito sull’eventualità
di abolire o accorpare le province. Monza, neocostituita provincia, ha alle spalle un tessuto produttivo di vitale importanza per l’economia della
Lombardia e appare oggettivamente paradossale
pensare di accostarla ad altre situazioni di effettivo spreco. Qual è la sua opinione in merito?
R. Il nodo è proprio questo. Se la provincia è a reale
servizio del territorio, è attenta ai bisogni dei cittadini e lavora per valorizzare ciò che c’è con l’obiettivo
di dare risposte efficaci, allora è un’istituzione che
va mantenuta e aiutata. Se, al contrario, è un modo
per moltiplicare sprechi e rendite di posizione va
abolita. Anche perché non possiamo sommare burocrazia a burocrazia. Il nostro compito è rendere
più semplice e trasparente il rapporto tra cittadini e
istituzioni, tutto ciò che non serve a questo scopo,
non serve.
D. L’Associazione Costruiamo il futuro Brianza
di cui lei è presidente, rappresenta un veicolo di
promozione delle istanze che provengono dal nostro territorio e che lei immagino faccia proprie
per la sua attività parlamentare. Nel suo caso si
realizza quindi quel legame, più volte auspicato,
fra realtà locali e politica nazionale, che fa sì che
un membro del parlamento agisca in concreto
come rappresentante dei cittadini. Quali sono, in
generale, le attività dell’associazione e su quali
problematiche la stessa ha concentrato la sua attività negli ultimi tempi?
R. L’associazione, che ha sede a Seregno, è nata
per essere al servizio dei cittadini, garantire una
presenza costante sul territorio e svolgere il delicato compito di raccordo e di intermediario tra la persona e le istituzioni. Costruiamo il futuro Brianza
è nata dal 2006 dall’esperienza dell’Associazione
Costruiamo il futuro di Merate, fondata da me con
un gruppo di imprenditori della zona nel 2001. Le
problematiche e le questioni che sono state affrontate in questi anni sono svariate, i temi trattati sono
stati scelti sulla base delle richieste e delle esigenze degli imprenditori e dei commercianti associati.
Abbiamo parlato della sanità lombarda, modello per altre regioni, ci siamo battuti per la difesa
dell’aeroporto di Malpensa. Particolarmente significativa è stata la testimonianza dell’imprenditore
e mio grande amico Bernardo Caprotti, patron di
Esselunga. Grande entusiasmo hanno suscitato i
riuscitissimi incontri con Magdi Cristiano Allam,
la serata sul risparmio energetico con Paolo Scaroni, amministratore delegato di Eni Spa e quello
con l’allora ministro delle Infrastrutture Antonio
Di Pietro. Questi, sono solo alcuni dei temi tratta-
7
P rimo
piano
Chi è Maurizio Lupi
Classe 1959, milanese, coniugato con tre figli,
manager e professionista della comunicazione. È
vicepresidente della Camera oltre che presidente
del Comitato per la comunicazione e l’informazione esterna e presidente del Comitato per la
sicurezza. Eletto nelle liste del Popolo delle libertà, è responsabile organizzativo territorio di Forza
Italia e responsabile dipartimento infrastrutture dello stesso partito. È fondatore e
coordinatore dell’intergruppo parlamentare per la sussidiarietà.
ti durante gli incontri organizzati dall’associazione, non va poi dimenticato il Premio Costruiamo
il futuro grazie al quale destiniamo dei contributi
economici alle associazioni no profit del territorio
e l’assegnazione delle borse di studio per la Scuola
di formazione politica organizzata dalla Fondazione Europa e civiltà che permette ai giovani partecipanti di ascoltare la testimonianza di personaggi di
spicco del panorama politico, culturale e religioso,
nazionale e internazionale. L’esperienza delle due
associazioni mi permette di avere un contatto diretto con le persone, di non fare politica in astratto
ma di vivere e capire le reali esigenze, le difficoltà
e le speranze del nostro Paese. Attualmente stiamo
lavorando a un incontro sulla crisi economica con
il sottosegretario all’Economia, l’onorevole Luigi
Casero e il direttore del Sole 24 Ore Ferruccio De
Bortoli. Sono già molte le iniziative in cantiere per
i prossimi mesi, per essere sempre informati sulle
attività dell’associazione basta visitare il sito www.
costruiamoilfuturobrianza.com.
D. Nella scorsa legislatura si è cercato di affrontare il tema del riordino delle professioni. Tuttavia il dibattito politico non ha dato origine a
provvedimenti legislativi in merito. In particolare l’ex ministro Bersani auspicava una forte
liberalizzazione che avrebbe sminuito il ruolo
svolto dagli attuali ordini professionali, enti posti a garanzia della professionalità e della preparazione dei propri iscritti, che nel caso dei
dottori commercialisti, sono chiamati a svolgere
attività critiche e di grande responsabilità. Questo tema verrà affrontato dall’attuale maggioranza? Se sì, in che termini?
R. Non è un tema all’ordine del giorno e quindi
non credo che verrà affrontato nell’immediato.
Certo, dovesse entrare nel quadro delle priorità,
sono certo che il governo saprà affrontarlo in ma-
8
niere diversa da come ha fatto chi ci ha preceduto.
Non si può fare di tutta l’erba un fascio né pensare che il problema sia questa o quella categoria
professionale.
Non ci sono nemici, tutti dovremmo lavorare con
l’obiettivo di servire meglio possibile il bene comune. In tal senso anche gli ordini professionali
non possono trasformarsi in una semplice difesa
acritica dell’esistente. Se ci sono problemi, criticità, dobbiamo affrontarle con serenità in un confronto proficuo. Il vero nodo è la qualità delle risposte, il resto rischia di trasformarsi in battaglie
ideologiche che non servono a nessuno.n
Una linea diretta
Seregno-Roma
L’Associazione Costruiamo il Futuro Brianza nasce
l’11 novembre 2006 per la proposta d’imprenditori
locali uniti dal desiderio di promuovere uno strumento operativo di presenza e dialogo sul territorio della
Brianza. In questo loro desiderio essi hanno preso
spunto dalla precedente e positiva esperienza dell’Associazione meratese Costruiamo il Futuro, consapevoli al contempo che il territorio della Brianza presenta
complessità, peculiarità e specificità tali da rendere
urgente approcci originali e mirati per un disegno più
complessivo di ripensamento del territorio e della sua
vocazione.
Costruiamo il Futuro Brianza desidera dunque essere
strumento operativo di presenza e dialogo sul territorio della Brianza e trova ispirazione solo dal punto di
vista formale dalla sorella meratese.
La presenza, peraltro, e il richiamo l’un l’altra delle
due associazioni non potrà che essere occasione d’arricchimento vicendevole, con ulteriori ricadute positive sul territorio di entrambe.
L’Associazione, che non ha scopo di lucro, desidera
quindi promuovere l’attività di formazione politica e
d’approfondimento del dibattito culturale e sociale,
ponendosi come elemento di raccordo con le istituzioni locali, regionali, nazionali per rappresentare adeguatamente gli interessi, le problematiche, i bisogni,
le progettualità del territorio.
Inoltre si propone di contribuire al dibattito politicoamministrativo, intervenendo sui temi di maggiore
importanza nazionale e locale, e facendosi punto di
raccolta dei contributi di tutte le realtà locali per l’elaborazione di proposte specifiche da sottoporre nelle
sedi istituzionali più opportune
Concessionaria Ufficiale di Vendita Mercedes-Benz
Milano Viale Fulvio Testi 326 – tel. 02/661511
Cornate D’A. Via E. Berlinguer, 31– tel. 039/6956637
Monza Sede V.le Sicilia, 98 – tel. 039/28301
Monza Shop Via F. Cavallotti, 11 – tel. 039/2319252
www.venus-spa.it
Seregno Via Strauss, 38 – tel. 0362/327658
Pioltello S.S. Rivoltana, 27 –tel. 02/92162393
F ocus
Gli esempi di eccellenza nella pubblica amministrazione segnalati dal ministero
Non solo fannulloni…
nemmeno in Brianza
In termini di efficienza, il settore privato e il settore pubblico brianzoli
non sono ancora equiparabili, ma il futuro e la nuova provincia potrebbero
cambiare le cose. Vediamo come
di paolo meago
Renato Brunetta
10
W
ww.nonsolofannulloni.it
non sembra certo un sito
sponsorizzato dal Ministero per la pubblica amministrazione e l’innovazione.
Eppure è proprio così. È il nuovo spazio via etere
ideato dal ministro Renato Brunetta per far cambiare a molti l’opinione sull’efficienza, o inefficienza,
della pubblica amministrazione. Sono infatti pubblicate sul sito, cento e più storie di buona amministrazione sparse per tutto il territorio nazionale,
che portano alla cronaca quegli esempi di «grande
professionalità, di innovazione, di grande coraggio nello sperimentare nuove soluzioni per ridurre
i costi, migliorare i servizi, rispondere meglio alle
esigenze di cittadini e imprese».
Le storie riguardanti i casi di buona amministrazione qui pubblicate si riferiscono a svariati esempi di gestione dei beni e dei servizi pubblici svolti
con efficienza, sia in termini di costi che di risultati
e, soprattutto innovativi, quindi volti a offrire ai
cittadini nuovi prodotti utili.
Oltre alla pubblicazione di questi casi è possibile, da parte dei cittadini, tramite uno sportello
d’ascolto, segnalare le proprie esperienze positive
ed è addirittura stato istituito anche un concorso
«finalizzato a riconoscere e valorizzare i migliori risultati raggiunti dalle amministrazioni». Proprio con il concorso si avrà infatti la possibilità di
analizzare, in un periodo biennale o triennale, le
quattro variabili che racchiudono in sé il concetto dell’efficienza nella pubblica amministrazione,
quali il miglioramento del servizio, la soddisfazione del cliente, la riduzione dei costi e la soddisfazione del personale.
Le finalità di tutto questo sono principalmente due:
la prima è quella di poter far cambiare ai più l’idea
che hanno di una pubblica amministrazione lenta e inefficiente e l’altra è quella di dare ad altre
pubbliche amministrazioni la possibilità di emu-
lare o addirittura migliorare i casi più virtuosi. E
la Brianza? Riconosciuta internazionalmente quale
territorio con un alto grado di efficienza nel settore
privatistico, possiede anche casi virtuosi nel settore
della pubblica amministrazione. Sul sito sono pubblicati almeno quattro casi di buona amministrazione realizzati nella nuova provincia, di cui due casi
selezionati dal Ministero e gli altri auto-segnalati.
Il primo caso selezionato dal ministero è relativo
a un servizio gestito dal settore servizi sociali del
Comune di Monza che, insieme ai Comuni di Brugherio e Villasanta, ha istituito uno sportello telefonico di prima informazione e orientamento a cui
le famiglie possono rivolgersi per avere risposte su
ciò che la città offre per loro e per i loro bambini. Infatti il servizio offerto utilizza una banca dati
che offre informazioni riguardanti l’offerta, sia da
parte degli enti pubblici che privati, di servizi e
beni relativa ai bambini e bambine da 0 a 3 anni.
Al fine di comunicare in maniera semplice con lo
sportello, sono state attivate anche una linea fax e
una linea e-mail. Oltre a ciò è possibile iscriversi
a una mailing list che offre l’opportunità di tenersi
aggiornati sulle novità.
Il secondo caso selezionato dal ministero riguarda
l’istituzione da parte del Comune di Brugherio, di
un servizio di mediazione linguistico culturale per
favorire l’integrazione di nuovi cittadini stranieri. Tale servizio, grazie a una fitta rete di partner
quali associazioni di volontariato e cooperative
sociali, consiste principalmente in uno sportello
aperto due giorni lavorativi la settimana, al quale
i cittadini stranieri possono rivolgersi per ottenere informazioni precise riguardo a materie, quali
l’immigrazione, particolarmente complesse per
un cittadino immigrato. Oltre a ciò il servizio si
è preso carico di alcune problematiche operative, quali la gestione a livello didattico di corsi di
lingua italiana e la formazione di una modulistica
semplificata tradotta in diverse lingue, al fine di
“Non Solo Fannulloni!”
è una iniziativa del Ministro
della Pubblica Amministrazione
e l’Innovazione
in collaborazione con Forum Pa
11
F ocus
garantire un facile accesso alle procedure comunali
più ricorrenti. Gli altri due casi pubblicati si riferiscono al sistema di pianificazione e controllo di
gestione collegato a un sistema di valutazione messo in atto dal Comune di Seregno e l’attivazione
del polo catastale Brianza ovest sempre di Seregno
che raggruppa ben 16 amministrazioni locali quali Albiate, Barlassina, Bovisio Masciago, Ceriano
Laghetto, Cesano Maderno, Cogliate, Giussano,
Lazzate, Lentate sul Seveso, Limbiate, Macherio,
Meda, Misinto, Sovico e Varedo mediante l’Agenzia provinciale del territorio di Milano.
Nonostante i casi sopra descritti, a oggi, in termini
di efficienza, il settore privato e il settore pubblico
brianzoli non sono ancora equiparabili, ma il futuro
12
e la nuova provincia potrebbero cambiare le cose.
Ma la pubblica amministrazione gestita dalla nuova Provincia di Monza e Brianza come potrebbe
raggiungere i livelli di efficienza propri del settore
privato? Abbiamo provato a porre questa domanda
all’assessore provinciale della nuova provincia di
Monza e Brianza, Gigi Ponti, il quale ha spiegato
che al fine di organizzare l’amministrazione della
nuova provincia, è stato in primo luogo «verificato
il percorso di natura operativa, prendendo esempio
da più esperienze di altre amministrazioni» e che,
a seguito delle suddetta analisi, «sono state determinate tre linee d’azione per l’organizzazione provinciale. La prima linea d’azione», continua Ponti,
«si riferisce all’organizzazione amministrativa con
la stesura di una pianta organica più semplificata e
meno ampia possibile, tale da avere solo lo stretto indispensabile per poter gestire tutte le funzioni
della provincia. Da questa analisi si è giunti quindi
a una quantificazione di posti di lavoro necessari:
i posti di lavoro da creare sono circa 400 dislocati nelle varie funzioni, dalla polizia provinciale ai
centri di formazione e per l’impiego. La seconda linea riguarda invece la filiera operativa concernente
i prodotti e servizi offerti dalla provincia. Per ogni
servizio sono stati quantificati precisamente i tempi e le persone necessarie per il suo espletamento.
Infine, la terza linea è relativa all’organizzazione
del personale: si è deciso di proporre pari opportunità di accesso alla provincia tra uomini e donne.
A seguito di ciò quindi, le nuove risorse necessarie
saranno al 50% uomini e al 50% donne, al fine di
valorizzare le capacità delle donne anche a livelli
alti da un punto di vista gerarchico». L’assessore
ha anche precisato che «questi sono i tre punti di
partenza della nuova provincia ed è chiaro che la
macchina dovrà essere oliata in fase di primo avvio
e di prima operatività e che questo sarà compito
della futura amministrazione» e che l’obiettivo di
chi sta creando la nuova provincia è quello di farla
partire bene e sui binari giusti.
La speranza di tutti gli abitanti e delle imprese della
nuova provincia è proprio questa. Di fatto solo con
un’amministrazione virtuosa sarà possibile sviluppare territorialmente quei servizi e quelle innovazioni proprie di una provincia vicina ai cittadini,
che sia di sviluppo e non di intralcio alla vita sociale e produttiva del territorio. Così facendo sarà
quindi possibile vedere ben presto i servizi e l’organizzazione provinciale come casi del sito www.
nonsolofannulloni.it, con l’orgoglio di tutti gli abitanti e magari, con l’invidia di chi non lo è.n
20052 monza
via carlo alberto 50
tel. 039.322368
fax 039.362250
[email protected]
www.caprottiluce.com
I nterventi
Maurizio Amigoni direttore generale dell’azienda ospedaliera di Vimercate
Un servizio sanitario efficiente
grazie allo spirito brianzolo
Un ospedale in buono stato di salute come emerge dalla capacità
di offerta di servizi ai cittadini e dalla semplificazione dell’accesso
agli stessi in termini di tempi di attesa che sono in linea
con gli obiettivi fissati dalla Regione
di Isa Suanno
Maurizio Amigoni
14
M
aurizio Amigoni è direttore generale dell’azienda
ospedaliera di Vimercate dal primo gennaio del
2008. Ecco un quadro della situazione in questi suoi primi mesi di incarico.
D. Qual è la sua prima impressione sull’azienda
ospedaliera di Vimercate e quali differenze peculiari rileva rispetto al suo precedente incarico
di direttore generale della Asl di Pavia?
R. La prima impressione è quella di una azienda
ben strutturata, fatta da professionisti capaci e
competenti e si riscontra molto lo spirito brianzolo;
quest’ultimo è proprio l’elemento di principale differenza con Pavia.
Il clima lavorativo è molto buono con attaccamento al lavoro, con la netta propensione ad affrontare
i problemi e risolverli rimboccandosi le maniche:
in ciò consiste lo spirito brianzolo ed è la principale forza dell’azienda ospedaliera, professionisti e
operatori motivati e disponibili.
Le risorse umane sono quindi l’elemento di successo dell’azienda ospedaliera.
D. Visto che parla di spirito brianzolo, secondo la sua opinione la nascita della Provincia
di Monza e Brianza quali vantaggi o svantaggi
presenta?
R. Con la nascita della nuova Provincia la Regione Lombardia ha ridisegnato i confini di alcune
aziende sanitarie coinvolte nelle modifiche dei loro
ambiti territoriali. Anche l’azienda ospedaliera di
Vimercate a breve adotterà il nuovo piano di organizzazione dato che il presidio di Sesto San Giovanni confluirà con gli Istituti clinici di perfezionamento e Vaprio d’Adda confluirà con Melegnano,
mentre Vimercate acquisirà le strutture di Limbiate
oggi gestite da Garbagnate. Questo nuovo piano
consentirà di puntare sui dipartimenti con l’opportunità di ripensare l’azienda ospedaliera.
D. Quali sono le prospettive dell’azienda ospedaliera, qual è il suo stato di salute e come ne
misura il successo?
R. Lo stato di salute è buono e lo si misura dalla capacità di offerta di servizi ai cittadini e dalla
semplificazione dell’accesso agli stessi in termini
di tempi di attesa che sono oltremodo in linea con
gli obiettivi fissati dalla Regione Lombardia. I cittadini sono mediamente soddisfatti dei servizi e la
soddisfazione di chi si rivolge alla struttura è un
primo indicatore di salute e successo dell’azienda
ospedaliera, tenendo anche conto della maggior
cognizione di causa degli utenti.
Un secondo indicatore di successo è il rispetto dei
tempi di attesa.
La soddisfazione degli utenti è misurata dalle lamentele raccolte dall’ufficio preposto; oltre a ciò ai
pazienti ricoverati viene dato un questionario la cui
restituzione è facoltativa per sondare il loro grado
di soddisfazione. La restituzione dei questionari
avviene nel 35-40% dei casi.
Un altro indicatore di successo è dato dall’utilizzo
di tecniche chirurgiche meno invasive con riduzione dei giorni di degenza, dal miglioramento delle
capacità diagnostiche con percorsi diagnostici ef-
ficaci e veloci frutto di costanti investimenti nel
tempo che portano l’azienda ospedaliera a essere
all’altezza dei migliori ospedali nazionali e internazionali.
D. Cosa manca, secondo lei, all’azienda ospedaliera per essere competitiva e con quali strumenti e metodologie prevede di intervenire per
raggiungere e migliorare gli scopi istituzionali?
R. Le possibilità di ulteriore miglioramento sono
legate agli investimenti per potenziare le capacità
diagnostiche, le strutture e la tecnologia e all’investimento sui professionisti in grado di offrire
approcci diagnostico-terapeutici ulteriormente d’eccellenza. Il nuovo ospedale di Vimercate
avrà da questo punto di vista una dotazione tecnologica totalmente nuova e all’avanguardia; a
disposizione degli operatori ci saranno strumenti
più potenti che daranno luogo a un salto di qualità
per le risorse umane. L’evoluzione tecnologica è
costante e rapida nel settore sanitario e serve anche per essere competitivi nei confronti degli altri. Investire sulle persone significa innanzitutto
offrire la possibilità di aggiornare competenze e
conoscenza scientifiche. L’azienda ospedaliera di
Vimercate in questo senso ha un piano di formazione annuale molto ricco; i professionisti hanno a
disposizione molte opportunità formative. Alcune
competenze vanno acquisite in ambito nazionale
e internazionale per tematiche specialistiche e di
Chi è Maurizio Amigoni
Classe 1950, vanta una lunga esperienza sia in campo sanitario che in campo
gestionale. Ha contribuito alla stesura della legge regionale 31/97 e alla sua
attuazione. In particolare ha messo a punto il sistema di finanziamento a prestazione delle strutture ospedaliere; ha progettato e messo a punto il sistema di
monitoraggio e controllo sulle modalità di applicazione del sistema di finanziamento a prestazione; ha seguito la progettazione e le prime fasi di realizzazione
del nuovo Sistema informativo socio-sanitario.
Ha curato la predisposizione del primo piano socio sanitario regionale, è stato
responsabile del sistema informativo sanitario regionale, della promozione di
ricerca-innovazione in ambito sanitario, nonché responsabile delle risorse umane del servizio sanitario regionale.
Negli anni accademici 1992/1993 e 1993/1994 ha insegnato come professore
a contratto presso l’Università degli studi di Pavia, Scuola di specializzazione in
Igiene e Medicina Preventiva.
Ha sviluppato una costante attività scientifica sulle materie che sono state oggetto dell’impegno professionale; nei primi anni dopo la laurea ha prodotto
pubblicazioni scientifiche nell’ambito della Medicina del Lavoro, anche su riviste internazionali.
15
I nterventi
alta specialità. Si cercano poi nuovi professionisti
per coprire il turn over. Ci sono nell’azienda ospedaliera di Vimercate 4.000 dipendenti; il turn over
del personale infermieristico è del 20% per motivi
legati al pensionamento e al trasferimento in altre
strutture; per i medici il ricambio è del 10% per
la maggior parte dei casi legato al pensionamento.
L’inserimento di nuove risorse umane serve anche
per introdurre nuove conoscenze. Per migliorare i
servizi ed essere competitivi è importantissimo anche l’aspetto economico. L’azienda ospedaliera di
Vimercate è molto vicina al pareggio di bilancio.
Se le regole che la Regione Lombardia stabilisce
ogni anno per il finanziamento del Servizio sanitario regionale prevedessero la remunerazione di
tutte le prestazioni erogate, allora l’azienda ospedaliera di Vimercate raggiungerebbe il pareggio
di bilancio. Questo fatto per un’azienda pubblica
significa erogare servizi di qualità con una gestione
efficiente delle risorse. A Vimercate tutto ciò è possibile riconducendo il discorso allo spirito brianzolo che permea le risorse umane della struttura.
D. In conclusione, il territorio vimercatese e più
in generale quello di Monza e Brianza le hanno
offerto più punti di forza che elementi di debolezza per gestire l’azienda ospedaliera di Vimercate?
R. Sicuramente sì e il discorso sullo spirito brianzolo ne è la sintesi. Più in generale devo dire che
tutto il modello lombardo ha delle specificità che
sono difficilmente esportabili in altre regioni italiane perché non è solo un modello organizzativo, ma
si deve tener conto delle persone che vi operano e
che lo attuano.
D. Qualche dettaglio sulla costruzione del nuovo
plesso ospedaliero?
R. Il nuovo ospedale sarà inaugurato, probabilmente da me, agli inizi del 2010; complessivamente l’opera costerà 208 milioni di euro e verrà realizzata in tempi record. Infatti il cantiere è partito a
novembre del 2006 e la consegna del nuovo sito è
prevista per il 30 agosto del 2009. Quindi tre anni
per avere come già detto una struttura tecnologicamente all’avanguardia.
D. La politica sanitaria degli ultimi anni ragiona
in termini di taglio dei posti letto nelle strutture
più piccole a favore di un accorpamento nei centri maggiori. Questo significa però un sacrificio
in termini di vicinanza al territorio. Qual è la situazione dell’azienda ospedaliera di Vimercate?
R. In prospettiva non ci sono problemi di questa
natura; nessuno dei presidi di Vimercate, Desio,
16
L’azienda ospedaliera
“ospedale civile”
di Vimercate in pillole
PRESIDI OSPEDALIERI:
Vimercate
Vaprio d’Adda
Desio
Seregno
Carate
Giussano
Sesto San Giovanni
STRUTTURE AMBULATORIALI TERRITORIALI:
Vimercate
Trezzo d’Adda, Arcore, Brugherio
Desio
Meda, Muggiò, Cesano, Nova
Carate
Besana
Sesto San Giovanni
Cologno Monzese
ALCUNI DATI E SERVIZI:
4.000 dipendenti
1.400 posti letto
75.000 ricoveri annui
400.000 giornate di degenza
6,5 milioni di prestazioni ambulatoriali
250.000 accessi di pronto soccorso
350 milioni di euro di budget annuale
7 servizi di radiologia diagnostica
6 laboratori di analisi
6 strutture di pronto soccorso
Seregno, Carate e Giussano sarà interessato da tagli poiché nessuno rientra nella nozione di piccolo
ospedale. Anzi la loro presenza può solo crescere.
I cinque presidi però dovranno prevedere sinergie
e diversificazione, lavorando in rete, sviluppando
servizi complementari per dare risposte più efficaci
ai cittadini, evitando inutili e diseconomiche duplicazioni di strutture.n
S pazio Regione
Firmato un documento europeo per la prevenzione del rischio industriale
Il green new deal
inizia qua
Seveso è stato un evento senza precedenti in Europa che ha cambiato
il mondo e il metodo di approccio rispetto alla cultura dell’ambiente, che
passa attraverso un’azione coordinata e integrata tra i territori a livello
locale, nazionale e internazionale
a cura dello staff di Massimo Ponzoni assessore alla Qualità dell’ambiente con delega alla costituzione
della Provincia di Monza e Brianza
S
eveso è stato un evento senza precedenti in Europa che ha cambiato
il mondo e il metodo di approccio
rispetto alla cultura dell’ambiente, che passa attraverso un’azione
coordinata e integrata tra i territori a livello locale, nazionale e internazionale a cura dello staff di
Massimo Ponzoni assessore alla Qualità dell’ambiente con delega alla costituzione della Provincia
di Monza e Brianza. Le tematiche ambientali vanno affrontate con un’azione coordinata e integrata
tra i territori a livello locale, nazionale e interna-
18
zionale. L’ambiente appartiene a tutti e lo sviluppo
va governato in maniera sostenibile, educando al
rispetto dei luoghi in cui si vive. Per l’assessore
Massimo Ponzoni l’incontro internazionale “Manifesto europeo: precauzione, prevenzione e partecipazione per affrontare i rischi dell’incidente rilevante”, svoltosi nella splendida cornice di Palazzo
Borromeo a Cesano Maderno, è stata l’occasione
per toccare alcuni dei più attuali temi di politica
ambientale. Alla sua prima uscita in Brianza nelle
vesti di assessore regionale alla Qualità dell’ambiente e alla luce dell’argomento del convegno che
ha portato alla firma di un documento per la prevenzione del rischio industriale da inoltrare all’Unione
Europea, Ponzoni ha esordito con un’ampia riflessione sull’incidente dell’Icmesa di 32 anni fa. «Seveso è stato un evento senza precedenti in Europa.
La lezione che abbiamo appreso è una lezione che
ha cambiato il mondo e il metodo di approccio rispetto alla cultura dell’ambiente». Seveso rappresenta dunque uno spartiacque. «Prima c’era scarsa
lungimiranza anche da parte di una classe politica
ancora poco esperta rispetto alle conseguenze legate allo sviluppo. Dopo il drammatico evento del
1976, l’agenda politica italiana ed europea ha cominciato ad affrontare temi cruciali quali appunto
quelli legati al rischio industriale. In sintesi: senza l’incidente dell’Icmesa, senza il sacrificio della popolazione della Brianza è probabile che nel
nostro Paese non avremmo avuto una legislazione
sul rischio industriale». Ponzoni è quindi passato al
concetto di sviluppo definendolo un processo che
non si può fermare «ma solo governare attraverso scelte, a volte anche apparentemente scomode,
impopolari, ma sempre lungimiranti perché basate
su una parola che deve entrare nel vocabolario di
tutti e che si chiama sostenibilità». Tra gli strumenti riconducibili a questo approccio c’è Agenda 21.
La Lombardia detiene infatti l’invidiabile record di
regione italiana con il maggior numero di processi
di Agenda 21 locali in atto. Sulla questione dell’inquinamento atmosferico, l’assessore ha sottolineato che la Lombardia, da dieci anni a questa parte e
sotto la guida del presidente Roberto Formigoni, ha
adottato numerose misure per migliorare la qualità
dell’aria, andando spesso contro tutto e contro tutti:
dalla promozione di incentivi per l’acquisto di automezzi e impianti ecologici fino al contenimento
delle fonti più inquinanti. Se, sulle prime, i cittadini
lombardi potevano essere diffidenti, se non addirittura irritati dall’introduzione di quelle che venivano percepite come limitazioni, se non, addirittura,
come vere e proprie penalizzazioni, oggi sono ben
contenti di seguire e condividere queste buone pratiche che contribuiscono a migliorare l’ambiente e
la salute di chi ci vive. Del resto, si sta facendo
sempre più strada una cultura della responsabilità
che preme e che tiene in considerazione l’ormai
diffusa sensibilità sviluppatasi nella società per
sollecitare un ripensamento generale dei modelli di
sviluppo, anche orientando comportamenti collettivi e individuali. L’ambiente non ha pezzi di ricambio e la salute non ha prezzo. Entrando nello specifico, Ponzoni ha aggiunto: «Nonostante la pianura
padana sia una sorta di catino circondato in parte
da montagne dove il vento e l’aria fanno fatica a
circolare, grazie a queste politiche siamo riusciti
ad abbattere drasticamente le sostanze inquinanti
presenti nell’aria che respiriamo». Sull’onda dei
risultati positivi fin qui conseguiti, Regione Lombardia continua a lavorare per fare di più e sempre
di meglio, nella consapevolezza che ogni azione
per tutelare la qualità dell’aria ha un grande legame con il contesto socio-economico e che ogni
scelta richiede scientificità e prudenza, così come
coraggio e determinazione. L’ambiente è vita, non
ha colori né bandiere. Non è di destra, né di sinistra. È patrimonio dell’umanità. Appartiene a
tutti. Soprattutto alle nuove generazioni. «A noi»,
ha concluso l’assessore, «sta a cuore un principio
che muove tutto il resto: la persona. Per questo,
attraverso una governante sussidiaria, attraverso
il dialogo con tutti gli enti locali e tutti gli attori
sociali continuiamo a promuovere una nuova attesissima stagione: quella del tanto auspicato green
new deal».n
Si ringrazia il fotografo Piero Vismara
per la gentile concessione delle immagini
pubblicate
In collaborazione con la
Regione Lombardia – Delega
alla costituzione della
provincia di Monza e Brianza
19
O biettivo P rovincia
Pubblicato il bando per i lavori del primo lotto sull’area IV Novembre
Una nuova sede
a prova di appalto
Superata l’assegnazione al “massimo ribasso” imponendo principi
che premiano gli investimenti per la sicurezza che sono quotati ben
30 punti su 100 per il punteggio di assegnazione
a cura dell’Assessorato provinciale per l’attuazione della Provincia di Monza e Brianza
Gli assessori Bruno Casati
e Gigi Ponti davanti al plastico
del futuro Polo istituzionale
20
È
stato pubblicato lo scorso 15 ottobre e scadrà il 15 dicembre il
bando per l’affidamento della
progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori di realizzazione
del Polo istituzionale della Provincia di Monza
e Brianza, I lotto nell’area ex caserma IV Novembre. L’importo complessivo dell’appalto è di
17.650.000 euro, mentre il costo complessivo della
sede ammonta a 28 milioni di euro. I lavori, che
dovrebbero partire nel maggio 2009 e concludersi
nel 2011, riguardano una superficie di 10.800 mq
I criteri dell’offerta più vantaggiosa
1) CRITERIO DI MIGLIOR PREZZO
applicato alla miglior offerta a corpo, peso ponderale 40;
2) CRITERIO DI ACCELERAZIONE DEI LAVORI
peso ponderale 2;
Riguarda la riduzione della durata dei lavori rispetto al
tempo contrattuale previsto nel capitolato. Tale riduzione dovrà essere contenuta comunque in un lasso di
tempo massimo di riduzione non superiore a novanta
giorni e motivata da strategie, strumenti logistici e modalità di esecuzione.
3) CRITERIO DI EFFICIENZA ENERGETICA, GESTIONALE E DI ECOSOSTENIBILITÀ
peso ponderale 28;
Riguarda le integrazioni tecniche finalizzate al miglioramento della qualità dell’opera e dell’efficienza di
esercizio degli edifici, la cui realizzazione, e i relativi
oneri dovranno essere posti a completo carico dell’Impresa proponente.
In particolare: installazione di un impianto con tecnologia fotovoltaica integrata nell’edificio che possa
contribuire a ridurre i consumi di energia elettrica;
sviluppo di una proposta di sistemazione delle aree
esterne;
sistemazione del verde e delle acque, dal punto di vista dell’ecosostenibilità e fruibilità, realizzazione di un
giardino d’inverno;
realizzazione di una pavimentazione esterna (piazzali,
percorsi pedonali, ciclabili, e carrabili);
realizzazione di un progetto di illuminazione esterna
che sappia rispondere alle esigenze di ecosostenibilità,
di fruibilità degli spazi pubblici e di rappresentazione
scenografica della struttura architettonica;
realizzazione di una centrale di building automation
da installarsi al piano interrato del nuovo edificio, dove
dovranno confluire i terminali di telecontrollo di tutti
gli impianti (inclusi quelli di riscaldamento, condizionamento, elettrici, illuminanti, d’emergenza e antincendio) oltre alla predisposizione del controllo degli
impianti di sicurezza (antintrusione) sia degli spazi
interni, sia degli spazi esterni agli edifici.
4) CRITERIO DI REGOLARITÀ E DI SICUREZZA DEL
LAVORO NELL’APPALTO
peso ponderale 30;
La Provincia di Milano ha sottoscritto con le Confederazioni sindacali di categoria e con Assimpredil un
protocollo finalizzato a migliorare gli standard relativi
alla sicurezza e alla regolarità del lavoro nei propri
appalti; a questo riguardo l’Impresa dovrà presentare
dichiarazioni relative alla propria solidità industriale
e proposte migliorative ai fini della sicurezza e della
gestione ambientale del cantiere.
I 30 punti saranno così suddivisi:
8 punti solo alle imprese che attestino il possesso di
un organico aziendale superiore a 20 unità tra operai
e tecnici di impresa.
7 punti solo alle imprese che attestino (estratti di bilanci e modello unico) il possesso di un patrimonio
netto, negli ultimi due esercizi, pari almeno al 7% della
cifra d’affari media annuale del medesimo periodo.
10 punti all’impresa che presenti due proposte relative
agli investimenti che intende attivare nel cantiere per
migliorare la sicurezza degli operai (presidi di controllo
e di sicurezza, attività formativa supplementare ecc.).
In particolare la prima proposta sarà relativa alla previsione di un sistema di monitoraggio dell’attività del
personale (sulla base dei badge di riconoscimento) e
della tutela della sicurezza sulle attività di cantiere.
Tale sistema dovrà permettere:
a) l’identificazione certa e la regolarità del rapporto di
lavoro instaurato tra impresa e lavoratore
b) la rilevazione delle timbrature di ingresso/uscita dal
cantiere
c) il controllo, tramite telecamere, degli ingressi, dei
varchi di entrata e delle recinzioni a confine del cantiere
d) l’utilizzo da parte dei lavoratori dei dispositivi di
prevenzione (DPI)
La seconda proposta dovrà prevedere ulteriori interventi finalizzati al miglioramento della sicurezza degli
operai.
5 punti all’impresa che presenti un piano di protezione
ambientale al fine di evitare che le attività del cantiere
abbiano conseguenze ambientali negative. In particolare il piano dovrà prevedere: le modalità di gestione
dei prodotti e dei rifiuti pericolosi; la riduzione dell’uso
delle materie prime, nonché delle risorse naturali ed
energetiche; la formazione del personale per l’identificazione e la riduzione dell’impatto delle loro attività
sull’ambiente; verifiche e controlli interni periodici; la
nomina di un Responsabile ambientale.
su un’area totale di 85.000 mq nella zona nord di
Monza, a pochi metri dal rondò che porta alla Villa
Reale. «La Provincia MB avrà una sede innovativa, testimone del suo tempo», spiega Gigi Ponti, assessore all’attuazione della Provincia MB,
«all’avanguardia nell’esecuzione e nei materiali
impiegati, rispettosa dei principi più avanzati di
efficienza energetica. Una Provincia nuova si riconosce anche così, quando mette al centro i temi del
risparmio e della sostenibilità ambientale».
Il bando pubblicato dalla Provincia di Milano è il
primo a recepire interamente i contenuti del protocollo d’intesa sulla sicurezza. Particolarmente
significativo è il fatto che i criteri di assegnazione
dell’appalto non saranno quelli del massimo ribasso, ma quelli relativi all’offerta più vantaggiosa, in
cui gli elementi premianti risultano:
• Il criterio della sicurezza e della regolarità del
lavoro
• Il criterio di efficienza energetica gestionale e di
ecosostenibilità
Questi due principi pesano rispettivamente per il
30% e il 28 % dell’offerta, riducendo il peso relativo al ribasso sui prezzi del solo 40%, dando
21
O biettivo P rovincia
così ampi spazi alle offerte incentrate sulla qualità
e per l’appunto sulla sicurezza. «Questo cantiere,
che si aprirà nel maggio 2009», afferma Bruno Casati, assessore al patrimonio, demanio ed
edilizia varia, «vedrà applicata, per l’assegnazione dell’appalto, la norma giuridica adottata
del superamento dell’assegnazione al “massimo
ribasso”. Anzi il capitolato impone il “massimo
rialzo” per gli investimenti per la sicurezza che
sono quotati ben 30 punti su 100 per il punteggio di assegnazione.
La scelta – prosegue Casati – è resa possibile
dalla sottoscrizione di Protocolli che contengono questa inversione, sottoscritti alla presenza
del Prefetto di Milano, da Provincia (Ente appaltante), Organizzazioni sindacali e imprenditori,
22
Il bando in cifre
Affidamento della progettazione esecutiva ed esecuzione
dei lavori di realizzazione del polo istituzionale della Provincia di Monza e Brianza I Lotto area ex caserma IV Novembre
in Monza.
•Importo complessivo dell’appalto (compresi oneri per la
sicurezza) a corpo € 17.650.000,00.
•Oneri per l’attuazione dei piani della sicurezza non soggetti a ribasso: € 460.000.
•Importo lavori a base di gara al netto degli oneri di sicurezza: € 16.940.000.
•Importo progettazione esecutiva e del piano di sicurezza
non soggetto a ribasso: € 250.000,00.
•Categoria prevalente: OG1 classifica VI.
•Criterio di aggiudicazione: offerta economicamente più
vantaggiosa, ai sensi dell’art. 83 co. 1 dlgs n.163/2006.
•Scadenza ricezione offerte: 15 dicembre 2008 ore 12.00.
Indirizzo al quale inviare le offerte: Provincia di Milano Ufficio Protocollo Via Vivaio 1 - 20122 Milano. Periodo minimo durante il quale l’offerente è vincolato dalla propria
offerta: 180 giorni (dalla scadenza fissata per la ricezione
delle offerte)
•Modalità di apertura delle offerte previste nel disciplinare di gara; data, ora e luogo seduta pubblica: 16 dicembre
2008 ore 9.30 Milano.
e oggi assunti dagli stessi soggetti in Brianza.
È il primo caso in Italia che contiene questa innovazione. Il cantiere della sede di Monza sarà
quindi il laboratorio della sicurezza».
La sede centrale accoglierà gli uffici amministrativi e gli spazi istituzionali, ospitando più
di 300 postazioni: il progetto si sviluppa su
quattro piani fuori terra e due piani interrati di
parcheggi pertinenziali e a uso pubblico, per un
totale di 365 posti auto. Nello stesso comparto sorgeranno la nuova Agenzia delle entrate,
la sede della Questura, la sede distaccata della
Regione Lombardia e il Comando provinciale
della Guardia di Finanza.n
P romos -
mercato globale
Imprevisti e inadempimento contrattuale tra civil law e common law
Tutte le debolezze
della forza maggiore
Il campo in cui si può applicare la forza maggiore dà luogo spesso
a controversie. È bene quindi utilizzare una clausola precisa che definisca
chiaramente l’evento e ne determini le conseguenze sul contratto tra le parti
di Vartui Kurkdjian
S
pesso i contratti internazionali recano clausole che precisano che la
forza maggiore costituisce una causa di esenzione dalla responsabilità
contrattuale nell’ipotesi in cui si
verifichino determinati eventi.
Civil Law (forza maggiore)
Le esimenti dalla responsabilità sono già previste
dalle leggi, almeno per quelle ipotesi più gravi in
cui è oggettivamente divenuto impossibile eseguire il contratto. Ne consegue che la clausola di forza
maggiore nel sistema giuridico europeo continen-
24
tale (o di civil law) e in quei sistemi che ne sono
stati influenzati, potrebbe anche essere omessa
perché comunque la legge la prevede.
Le evenienze impreviste possono però essere di
vario tipo e potrebbero dare adito a controversie
sulla loro natura impediente o meno. Si usa quindi
inserire nel contratto la clausola di forza maggiore
allo scopo di:
• precisare quali cause particolari siano comprese nella forza maggiore. È il caso dello sciopero
del personale dell’azienda, che non è considerato
come forza maggiore dalla giurisprudenza comunitaria e occidentale in generale, mentre lo era nei
Paesi dell’Est Europa al tempo dei regimi socialisti
e rischia di sopravvivere nella memoria di qualche
giudice anche attualmente
• dare una soluzione alla situazione che si viene a
creare una volta che si sia verificato l’evento che
impedisce di adempiere. Sarà infatti necessario
che le parti determinino se, in caso si avveri una
causa di forza maggiore, esse intendono:
• sospendere per un determinato periodo l’esecuzione del contratto, riservandosi di decidere dopo
tale pausa se terminare o accettare una prestazione
tardiva, oppure
• far decadere immediatamente diritti e obblighi a
cominciare dal momento della notifica dello stato
di forza maggiore.
Common law (frustration)
La forza maggiore non è una figura normalmente presente nel sistema anglo-americano. Nella
common law si parla di frustration del contratto
nei casi che noi potremmo identificare come forza
maggiore. Tuttavia, nel nostro sistema l’evento che
giustifica l’inadempimento deve:
• essere imprevedibile al momento del contratto e
non dovuto a colpa della parte che lo invoca
• impedirne oggettivamente l’esecuzione senza che
sia possibile opporvi alcun rimedio.
Nel sistema inglese, ripreso dagli Stati Uniti, si ha
piuttosto riguardo a un evento che, pur essendo imprevedibile al momento in cui il contratto è stato
stipulato, sia tale per cui la legge riconosce che,
senza colpa di alcuna delle parti, un obbligo contrattuale non può essere adempiuto in quanto le
circostanze nelle quali l’adempimento è richiesto
lo renderebbero qualcosa di radicalmente diverso
rispetto a quanto era stato pattuito nel contratto.
Con questa definizione i giudici inglesi hanno un
campo molto più vasto rispetto ai tribunali continentali per riconoscere esimenti dalla responsabilità per inadempimento anche laddove vi sia una
possibilità di esecuzione del contratto.
La più ampia possibilità di invocare la frustration
per giustificare un inadempimento comporta che
la parte che abbia interesse ad applicare restrittivamente le giustificazioni a un eventuale inadempimento cercherà di imporre la sola clausola
di forza maggiore continentale, o force majeure,
come viene definita in inglese, non avendo in questa lingua una traduzione a cui possa corrispondere eguale contenuto giuridico.
Si dovrebbe però tener conto che la redazione di
una eventuale clausola di forza maggiore redatta
allo scopo di evitare l’eccezione della frustration
non sempre funzionerà con una controparte inglese o americana.
Al fine della validità della restrizione si dovrà
infatti avere riguardo alla legge applicabile al
contratto, in quanto la pretesa di non riconoscere
un’esimente tipica del diritto di controparte avrà
poche probabilità di essere rispettata o di essere
accolta da un tribunale di common law.
Considerando che il campo in cui si potrebbe
applicare la forza maggiore dà luogo spesso a
controversie, potrebbe essere utile adottare una
clausola ben precisa che definisca chiaramente
l’evento e ne determini le conseguenze sul contratto tra le parti.
La soluzione per una definizione dettagliata delle
cause di giustificazione potrebbe consistere, ad
esempio, nella scelta della clausola di force majeure della Camera di commercio internazionale.
Essa si presta molto bene a disciplinare i diritti e
i doveri delle parti e dà una definizione precisa
di forza maggiore. Alcuni soggetti richiamano tale
clausola nel proprio contratto facendo riferimento
alla clausola di forza maggiore della Cci, ma sarebbe più utile riportarne il testo, così da cooperare con la controparte per renderla consapevole di
quali siano gli inadempimenti che possono considerarsi giustificati.
Oscillazione cambi e valori materie prime
In questo periodo di forti oscillazioni dei cambi
e dei valori delle materie prime, alcuni operatori
invocano la “causa di forza maggiore” o quella
di eccessiva onerosità sopravvenuta, per chiedere
di rinegoziare o di non eseguire il contratto senza
pagare alcun risarcimento alla controparte.
Purtroppo, come è noto, le oscillazioni dei cambi
e delle materie prime non sono considerati rilevanti dalla giurisprudenza internazionale ai fini
dell’esenzione da responsabilità per l’adempimento. In questi casi, quindi, si ricorre:
• alla preventiva tutela contrattuale, con una clausola di adeguamento prezzi (di solito poco gradita
alle controparti) oppure
• a operazioni di copertura assicurativa o finanziaria (opzioni di acquisto o vendita a termine)
dell’operazione che si conclude.
Non ci sarà pertanto una situazione che dia diritto
automaticamente a non eseguire il contratto.
Atto di embargo - divieto dell’autorità a eseguire il contratto
Analogamente alla forza maggiore, anche l’atto
dell’autorità impedisce l’esecuzione del contratto, e anche in questo caso la mancata previsione
contrattuale non costituirà un problema per chi
deve rifiutarsi di eseguire la prestazione in quanto
la legge prevede la giustificazione.
Purtroppo tuttavia in questi casi resta il problema
di coprire il rischio politico previamente, attraverso apposite polizze assicurative.
Provvedimenti in materia valutaria decisi dalle autorità statali
Nell’ipotesi di una prolungata impossibilità per
il contraente straniero di ricevere i pagamenti nell’ambito di un contratto di licenza a causa
della normativa valutaria sopravvenuta nel paese
della parte tenuta al pagamento, si è ritenuto di
poter applicare per analogia la sospensione del
contratto sino alla cessazione della causa di forza maggiore, con la conseguenza che l’obbligo
di adempimento deve riprendere la sua vigenza
dopo la cessazione dell’evento impediente (da
www.mglobale.it).n
www.promos-milano.it
www.mglobale.it
www.newsmercati.it
25
N on
profit
I progetti sul territorio visti dalla Fondazione della comunità di Monza e Brianza
Come viaggia la solidarietà
tra bisogni e impegno sociale
Ezio Piovan, presidente, e Marta Petenzi, segretario generale, tratteggiano
un ritratto del terzo settore della Brianza e i progetti in cui la Fondazione
si è impegnata direttamente
di Antonio Sonzini
L
’economia trema e il sociale assume
un valore ancora più centrale.
Che cosa questo significhi in realtà
per la Brianza è difficile da delineare non esistendo sul territorio un
vero e proprio osservatorio. È vero, però, che ci
26
sono realtà del Terzo settore che oltre a un impegno
diretto svolgono una funzione di sostegno dei diversi progetti di intervento che godono di un punto
di vista privilegiato per valutare la situazione. È il
caso della Fondazione della comunità di Monza e
della Brianza, come raccontano il suo presidente
Ezio Piovan e il segretario generale Marta Petenzi.
D. I lettori di Brianza Business già conoscono la
Fondazione. Vale allora la pena di fare un bilancio di questi primi anni di attività…
R. Ritengo che in questi anni – e soprattutto negli
ultimi due – abbiamo fatto dei passi in avanti. Nei
primi anni aveva caratteristiche quasi bancarie, in
un certo senso da doppio petto. Oggi credo che la
Fondazione si sia identificata nel territorio e il territorio abbia capito e la percepisca come sua risorsa.
Lavoriamo a fianco della comunità per individuare
le aree più sofferenti e quindi intervenire.
La sinergia con le istituzioni pubbliche e con gli
enti del terzo settore ci ha permesso di essere più
presenti laddove c’è il bisogno. Credo che questo
sia un successo che possiamo ascrivere a nostro
merito, a merito della struttura e di questo Consiglio di amministrazione.
Assieme a questo devo dire che lo scorso anno e
quest’anno abbiamo superato il target annuale di
raccolta per arrivare al fondo della sfida. Come
qualcuno ricorderà uno degli obiettivi è raccogliere attraverso donazioni e lasciti un patrimonio di
almeno 5,2 milioni di euro in 10 anni per vincere la “sfida” con la Fondazione Cariplo e ricevere
così dalla stessa 10,4 milioni di euro, garantendo
nel tempo la continuità dell’azione sociale. L’anno scorso abbiamo raccolto circa 700mila euro e
quindi più del target di 500 milioni; quest’anno
presumiamo di poter chiudere almeno a 800mila,
se non di più.
Il bilancio di quest’anno è positivo anche sotto il
profilo degli interventi. Abbiamo stabilito otto bandi: quattro sono stati chiusi nel primo semestre e
quattro sono tuttora aperti, per un totale di circa un
milione di euro a cui si aggiungono altri interventi
extrabando per circa 200/300mila euro.
D. Più precisamente a chi si è rivolta la vostra
attenzione?
R. Questi bandi sono stati tutti mirati a interventi
specifici: quelli del primo semestre erano tutti indirizzati all’assistenza sanitaria e socio-sanitaria a
cui si sono aggiunti interventi mirati alla prevenzione della dispersione scolastica, al bullismo, alla
prevenzione della diffusione di sostanze stupefacenti tra i giovani e contro il maltrattamento delle
donne. Ora sono aperti altri quattro bandi sempre
sull’assistenza sociale e socio-sanitaria, sulle attività culturali, sulla tutela del patrimonio storicoartistico e infine un bando rivolto agli oratori per
promuoverne la diciamo “professionalizzazione”
nelle attività per i giovani soprattutto di fascia adolescenziale. Soprattutto con quest’ultima iniziativa
vorremmo arrivare a un discorso di prevenzione
dei disagi familiari.
D. A differenza del panorama prevalente del terzo settore, la vostra specificità è proprio quella
di non rispondere a una domanda precisa. Potete, quindi, aiutare i lettori a capire, dal vostro
punto di vista privilegiato, quale sia la situazione della solidarietà sul territorio, soprattutto in
questo periodo caratterizzato da una difficoltà
economica generalizzata e di disagio da parte
dei singoli…
R. È vero quello che si dice un po’ in tutti i contesti
e cioè che “la coperta” è effettivamente più corta.
I comuni hanno sempre più difficoltà a intervenire nel sociale. Non possono più permettersi quegli
interventi a pioggia a cui il sociale era un po’ abituato e nel quale tutto sommato si cullava. Sotto
questo profilo il ruolo della Fondazione diventa
sempre più premiante, con un supporto che almeno
in parte va a sopperire al calo degli interventi del
pubblico.
Noi stiamo cercando di far fare un salto culturale
all’intervento sociale: vorremmo introdurre sempre di più il concetto della moderna filantropia in
cui chi dà deve partecipare all’evolversi del progetto, seguirlo, capire l’efficacia dell’intervento.
Questo è importante perché crea un legame che
porta a intervenire in più momenti e che permette
all’intervento di avere maggiore efficacia.
D. C’è una percezione del peso anche economico della struttura e dell’efficienza dell’organizzazione sull’intervento filantropico?
R. Incomincia a esserci, ma è un discorso molto
difficile anche perché, come è logico, ci sono delle
piccole diffidenze. In ogni caso credo che questa
sia la strada importante da seguire: se è vero, come
è vero, che le risorse diminuiscono, bisogna razionalizzare gli interventi, dare una scala di priorità e
non disperdere in mille rivoli.
D. Quali sono allora i focolai che richiedono
maggiore attenzione?
R. Abbiamo una visione trasversale. Da quando esistiamo abbiamo dato contributi a circa 650
progetti e quindi ne abbiamo visionati almeno il
doppio per cui una sensazione di quelli che sono
i bisogni del territorio possiamo averla. Ci sono
delle aree che meritano una particolare attenzione,
anche perché noi vorremmo focalizzare il nostro
intervento soprattutto sulla prevenzione, mentre i
servizi pubblici intervengono sul problema conclamato.
A nostro avviso il problema più scottante è il durante e dopo di noi sul quale ci stiamo concentrando. In più c’è tutto un filone di problemi che
riguarda la famiglia e tutto quello che c’è intorno
accompagnato dalle problematiche relative alle
nuove povertà, al bullismo, all’abbandono scolastico. Penso che siano questi gli aspetti più importanti che noi rileviamo.
A questo aggiungerei la disabilità psichica, perché
c’è ancora una difficoltà a esplicitarla soprattutto
in un ambito culturale medio, medio-basso: meno
di un tempo, ma c’è sempre questo retaggio.
D. Citava il problema del “durante e dopo di
noi”: può spiegarci meglio?
R. A questo proposito, come Fondazione comuni-
27
N on
profit
Note di solidarietà
Nella foto,
Marta Petenzi e Ezio Piovan
28
taria, abbiamo scelto di fare qualcosa che vada al
di là di quelli che sono i compiti istituzionali (come
la nostra ormai siamo in quindici in Lombardia e
Piemonte Orientale), segnalando direttamente un
problema e sollecitando degli interventi. Abbiamo
così promosso progetti in alcune aree: la genitorialità, l’imprenditività, l’anoressia nei minori, fino al
durante e dopo di noi. Quest’ultimo è forse quello
a cui teniamo di più: è un percorso di accompagnamento delle famiglie con soggetti disabili fin dalla nascita. Oggi c’è un periodo buio, dalla nascita
all’età scolare, in cui le famiglie si rinchiudono ed
è un errore psicologico e forse anche medico. Noi
vorremmo creare un centro che possa aiutare in un
modo molto più umanizzato di quello che possono
offrire i servizi tradizionali e restare vicino a queste
famiglie sia dal punto di vista sociale, sia giuridico
amministrativo, sia economico. Per fare tutto ciò
ipotizziamo di arrivare all’inizio dell’anno prossimo a creare un centro di eccellenza con valenza
provinciale dove ci sarà del personale che recepirà
i bisogni della famiglia per poi indirizzarla a specialisti che noi mettiamo a disposizione. Intanto,
infatti, abbiamo creato un pool di poco meno di
venti professionisti commercialisti, notai e avvocati disposti a lavorare insieme a titolo di volontariato. Abbiamo sentito anche il Tribunale perché,
tra l’altro, vorremmo spingere la figura dell’amministratore di sostegno che, pur istituita nel 2004,
non è ancora decollata: ancora oggi quasi sempre
è indicato il sindaco del paese perché non ci sono
persone qualificate per farlo. Per questo vorremmo
portare avanti un progetto di formazione per creare
un registro di persone qualificate e disinteressate
tra cui scegliere quando non ci sia il famigliare in
grado di assumere l’incarico.
Allo stesso modo cerchiamo di agire in sinergia
con la Asl e con le amministrazioni locali.
Infine stiamo costituendo un comitato scientifico composto da docenti universitari o comunque
persone di questo livello, che sia di supporto e ga-
Anche quest’anno la Fondazione organizza un ciclo di
concerti con l’Orchestra sinfonica di Milano Giuseppe
Verdi. L’incasso sarà interamente devoluto a favore del
Fondo patrimoniale Durante e dopo di noi. Questo il programma della quinta edizione:
17 DICEMBRE
Leroy Anderson - Christmas Carols
Pëter Il’ic Cajkovskij, Duke Ellington
Lo Schiaccianoci, suite
Orchestra e Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi
Maestro del Coro Erina Gambarini • Direttore Wayne
Marshall
4 FEBBRAIO
Franz Schubert, Luciano Berio ‑ Rendering
Edward Elgar ‑ Concerto per violoncello e orchestra
in Mi minore op.85
Johannes Brahms, Arnold Schönberg ‑ Quartetto
per pianoforte e archi n.1 in Sol minore op. 25 trascritto per orchestra
Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi
Violoncello Anna Chang • Direttore John Axelrod
4 MARZO
Antonio Lauzurika ‑ Cuaderno de viaje
Jean Sibelius ‑ Concerto per violino e orchestra in
Re minore op.47
Johannes Brahms ‑ Sinfonia n.1 in Do minore op.68
Orchestra de Euskadi
Violino Yura Lee • DirettoreAndrés Orozco‑Estrada
25 MARZO
Ludwig van Beethoven ‑ Concerto n. 3 in Do minore
per pianoforte e orchestra op. 37
Joseph Haydn ‑ Sinfonia n. 48 in Do maggiore Maria
Theresia
Richard Strauss ‑ Der Rosenkavalier, suite
Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi
Pianoforte Robert Blocker • Direttore Giuseppe Grazioli
22 APRILE
Luciano Berio, Luigi Boccherini ‑ 4 versioni originali
della Ritirata notturna di Madrid
Giuseppe Martucci ‑ Concerto n.2 per pianoforte e
orchestra in Si bemolle minore op.66
Ludwig van Beethoven ‑ Sinfonia n.7 in La maggiore op.92
Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi
Pianoforte Simone Pedroni • Direttore Oleg Gaetani
ranzia per gli interventi. Per la parte economica la
Fondazione continuerà a sostenere questo progetto
e in più abbiamo lanciato un fondo patrimoniale
con il quale vorremmo arrivare al milione di euro.
Dopo una prima fase di studio, dovremmo arrivare
allo start up a inizio 2009 occupando tutto l’anno
per arrivare a regime.
Con questo non vogliamo esautorare i servizi, che
svolgono un lavoro egregio, ma dare un volto più
umano al servizio. n
JAGUAR .COM/IT
DA
€
51.000
XF
2 .7 D V 6 2 0 7 C V
3.0 V6 238 CV
4.2 V8 298 CV
4 . 2 V 8 S /C 4 1 6 C V
Sfida le regole combinando lo spazio, il comfort e la raffinatezza di una
berlina di lusso con le performance e lo stile di una vettura sportiva.
JAGUAR MONZA
Una personalità forte che si esprime con dettagli esclusivi e tecnologia
innovativa, sofisticatamente racchiusi in un design straordinario.
Corso Milano 21
Monza (MI)
Tel. 039 389614 - 389496
Fax 039 2304364
www.jaguarmonza.it
XF è il nuovo concetto di berlina sportiva.
Consumo ciclo combinato da 7,5 a 12,6 l/100 Km. Emissioni CO2 da 199 a 299 g/Km.
La rete Jaguar utilizza servizi finanziari Jaguar Financial Services. Jaguar viaggia con
D alla Camera
di commercio
Parla Renato Mattioni, segretario generale della Camera di commercio
Una giustizia alternativa
per imprese e cittadini
Rientra nell’attività di regolazione del mercato tipica dell’ente camerale
e riguarda soprattutto i rapporti tra impresa e impresa, ma potrebbe fare
un salto di qualità mettendosi al servizio di enti locali e cittadini
di Antonio Sonzini
D
a pochi mesi alla guida della
macchina camerale, Renato Mattioni, nel tumultuoso calderone
delle molte iniziative dell’istituzione nascente, si confronta con
i progetti in materia di conciliazione e arbitrato.
30
D. Dei numerosi temi che uniscono Camera di
commercio e Ordine dei dottori commercialisti
quello forse più innovativo è la giustizia alternativa: arbitrato e conciliazione…
R. Arriviamo da un’esperienza consolidata sul
territorio della Brianza che aveva fatto nascere la
Consulta, il primo elemento di una dimensione autonoma. La storia della Camera di commercio di
Monza e Brianza è del tutto originale, non ci sono
altre esperienze che abbiano anticipato la dimensione provinciale. Tanto che siamo un’istituzione
sotto incubatore: se non nasce la provincia, muore
la Camera di commercio.
Come Camera siamo un’autonomia funzionale:
pur essendo cioè un ente pubblico a tutti gli effetti,
siamo autonomi – non abbiamo più il controllo del
ministero – e abbiamo una funzione caratterizzante
che è quella appunto dello sviluppo economico del
territorio.
Questi elementi danno una chiave di lettura, certo
di potenzialità utile, perché siamo davvero l’unico
ente provinciale sul territorio già attivo, ma ci pone
anche l’esigenza di rafforzare le alleanze: molte
cose si fanno come sistema.
Per far nascere in anticipo questa istituzione sono
stati fatti dei percorsi. Un percorso, come dicevamo, è stato quello della Consulta, un altro quello
legato al Tavolo che ha lavorato su conciliazione e
arbitrato, che è una chiave di lettura qualificante, di
grande caratterizzazione, ma esemplifica una funzione “core business”, diciamo, della Camera.
Se qualcuno oggi mi chiedesse a che cosa servono le Camere di commercio, potrei rispondere in
diversi modi. Oltre alla dimensione storica, oltre
all’importanza di un sistema di governance che
passa attraverso le alleanze con il sistema privato,
con le associazioni, con le imprese, che giustifica
una realtà come quella delle Camere di commercio,
bisogna considerare che l’economia non è data nel
nostro paese da grandissime imprese, ma da una
popolazione di medie e piccole, quasi un ceto medio: 80mila in Brianza contro 6 milioni in tutta Italia. C’è un’impresa ogni nove residenti, compresi
bambini e anziani, ne nascono ogni giorno 13, c’è
una densità di imprese poco sotto Hong Kong, 134
per chilometro quadrato, quando un terzo è la media della Lombardia.
Il cittadino, l’imprenditore si muove in una logica di mercato e, utilizzando un vecchio slogan,
un mercato senza legge è un mercato fuori legge.
Quindi le regole, poche e chiare, sono necessarie.
Soprattutto quando sono una piccola impresa ho
bisogno che questo mercato nel quale esplico la
mia attività sia il più possibile garantito.
In questa logica inseriamo la conciliazione e l’arbitrato: è la cosiddetta regolazione del mercato. Questo servizio nasce da un’esperienza passata: una
delle più grosse conciliazioni che mai ha fatto la
Camera di commercio di Milano è stata su Monza,
tra l’Agam e il Comune di Monza.
Con questo passaggio della nascita della nuova
provincia abbiamo cercato di fare qualcosina in
più, cioè di dare una sorta di piattaforma comune
con Milano, grazie alla quale la nuova provincia
trovi una opportunità, con un atteggiamento alla
pari. Certo, quando sei, come direbbe Alberoni, in
uno stadio nascente, gli elementi di identificazione devono purtroppo vivere anche su elementi di
differenziazione.
In questo contesto, perché è importante lavorare su arbitrato e conciliazione? Perché sono uno
strumento in più per la realtà locale. Noi abbiamo
immaginato un percorso autonomo, ossia abbiamo
costituito una camera arbitrale in cui i professionisti dagli avvocati ai commercialisti, alla magistratura ai docenti universitari, possono trovare una logica di autonomia. Al tempo stesso valorizziamo,
particolarmente per la conciliazione, l’esperienza
che ha già fatto qui lo sportello, che è comunque
battistrada di quello di Milano.
Diciamo che la conciliazione e l’arbitrato rappresentano bene come ci stiamo muovendo: rafforzamento dell’identità in una logica di autonomia e al
tempo stesso rafforzamento delle alleanze, convinti che ci dobbiamo guardare in giro per prendere le
31
D alla Camera
di commercio
Chi è Renato Mattioni
44 anni, di Camerino, con una laurea a Milano in
Cattolica e un dottorato di ricerca in Filosofia del
diritto e della politica a Macerata. Ha lavorato cinque anni in Regione Marche e poi 13 anni in Camera di commercio a Milano, prima con Bassetti e
poi con Sangalli. Una parentesi a Roma all’Unione
nazionale Camere di commercio.
«Vengo da una zona che è molto simile alla Brianza, con un’attività vivace, che ho studiato anche
nelle mie ricerche all’università: il mio tema era
proprio l’economia diffusa. C’è però un elemento
di differenza fondamentale: nelle Marche, tolti gli elementi di grande caratterizzazione che possono essere grandi firme, il resto ha un approccio un po’ da cinese basato su intensità del lavoro e organizzazione. La Brianza, invece, ha una dimensione
di grande performance innovativa a tutti i livelli: non esiste un’azienda terzista che
non faccia innovazione, che non abbia brevettato. Trovi mobilieri di nicchia, multinazionali tascabili, ma tutti fanno molta più innovazione».
esperienze migliori per metterle a sistema e dare un
servizio di qualità.
D. Ha citato tutta una serie di professionalità del
territorio, tra cui anche gli avvocati, che però si
sono almeno in parte chiamati fuori da questo
approccio per valorizzare la propria camera di
conciliazione. In realtà quindi, come sta funzionando questo vostro tentativo?
R. Secondo me il fatto che abbiano accettato e abbiano indicato dei profili da inserire in questo nuovo ambito è un segnale. Penso ritengano che con la
nascita della nuova Camera di commercio la realtà
sia un po’ cambiata rispetto agli investimenti che
invero sono stati fatti su questi temi in un periodo
differente. Io sono abbastanza convinto che non si
debba lavorare sulle esclusioni. L’abbiamo imparato rapidamente: sulle attività di promozione, sulle
stesse informazioni, dove non c’è alcuna forma di
monopolio. Alla fine chi ha più filo tesse e a volte
in alcune realtà la competizione è meglio e forse
migliora anche la proposta per i cittadini.
Il vero tema, se posso dirlo, ma non sarà facile
risolverlo è quello dei costi, perché per noi è un
investimento su cui non c’è alcun rientro economico. Ci sono i costi per mantenere il servizio, per
dare informazioni, per fare tutta quella attività di
scouting che richiedono professionalità di un certo
profilo. La nostra idea di governance del sistema
prevede almeno tre livelli: uno più legato all’arbitrato, ma non solo; poi una logica più operativa che
32
è quella sulla conciliazione e un ultimo di quadro
definitivo che è uno strumento di regolazione del
mercato che significa anche controllo delle clausole vessatorie, i contratti tipo, il metrico, i controlli,
gli albi…
D. Abbiamo visto l’importanza numerica del
fenomeno imprenditoriale in Brianza. Sempre
nell’ottica della giustizia alternativa esiste una
massa critica che consenta un avvio a pieno ritmo del servizio?
R. Per far lavorare un ufficio, uno stock di una
trentina/cinquanta conciliazioni, qualche arbitrato,
esiste. Questo è un problema complicato: quando
si supera l’investimento e si arriva a un servizio
effettivo?
Ci sono delle piccole esperienze. In questo anno
le conciliazioni sono raddoppiate nel nostro paese,
perché ci sono realtà come Napoli o Bari, in cui
gli enti locali si sono avvalsi di convenzioni con
le Camere di commercio per realtà minime in cui
la pubblica amministrazione aveva problemi con
il cittadino fino a logiche quasi da condominio.
Il discrimine è appunto questo. Io posso fare un
servizio impresa con impresa e qui la logica della
conciliazione è un elemento positivo: non solo li
metto d’accordo adesso, ma permetto la collaborazione futura. Poi c’è la conciliazione tra imprese e
consumatori. Lì il percorso è diverso, esistono dei
competitor che sono le associazioni dei consumatori ed esiste una logica di effettiva alleanza con il
sistema delle istituzioni locali.
Le conciliazioni impresa-impresa sono un elemento più “core business” per un’istituzione come la
nostra, ma continuano a essere un po’ di nicchia.
Rendere lo sportello un servizio diffuso richiede
questo tipo di alleanza in più. Sono convinto per
esempio che per quanto riguarda le multiutility o
le utility (gas, acqua, municipalizzate di trasporti)
possa essere un’alleanza feconda. La fortuna della
Camera è quella, pur essendo ist tuzione pubblica,
di essere soggetto terzo che ha al proprio interno il
privato (siamo l’unico ente pubblico governato da
privati) e per la nostra esperienza quotidiana siamo
costretti a mantenere standard di servizio elevati.
Tutto questo potrà dare pieni frutti quando ci sarà
una chiave di lettura legislativa nazionale che imponga il passaggio attraverso la conciliazione, una
soluzione che avrebbe una logica antica: i mercanti si autogovernano con la garanzia di un ente pubblico. Nel frattempo l’altra via, come dicevamo, è
quella di queste alleanze più o meno variabili sul
territorio fatte soprattutto con gli enti locali.n
CTP 2000 srl - Grosseto
“OFFICIAL DEALER for MEDITERRANEAN”
Box 5 - Marina Cala Galera - 58018 Porto Ercole (GR) - ITALY - Tel. e Fax +39 0564 830261 - Mob. + 39 337 704059
www.diportocg.it - [email protected]
V ita
dell ’O rdine
Commercialisti in Assemblea il 24 novembre
Tutti i progetti per il 2009
nella relazione programmatica
Il presidente dell’Ordine illustra le linee strategiche per il prossimo
anno nel corso dell’Assemblea degli iscritti per l’approvazione del bilancio
preventivo
di Gilberto Gelosa
S
iamo ormai giunti alla fine di questo primo anno di vita dell’Ordine
dei dottori commercialisti e degli
esperti contabili, ma siamo lontani
dall’uscire dal periodo transitorio
che ci condurrà a concentrarci sull’ordinaria amministrazione. Il 2009 sarà un anno cruciale per lo
sviluppo dei molti progetti avviati nell’anno riconducibili alle funzioni istituzionali attribuite al Consiglio dall’art. 12 del dlgs 139/2005.
Continueremo quindi a buttare le basi del nostro
futuro professionale per il quale è richiesto il contributo di tutti i professionisti iscritti all’Albo, indipendentemente dal ruolo che ricoprono dentro o
fuori dall’istituzione ordinistica.
Alla base dell’azione del Consiglio è stata e sarà
la convinzione che al dottore commercialista, al
ragioniere commercialista e oggi anche all’esperto
contabile, proprio per le materie che ogni giorno
combina per supportare i clienti e per il ruolo che
svolge nella società civile, spetti nel prossimo fu-
34
turo un ruolo rivalutato di soggetto portatore di un
patrimonio etico, professionale e culturale e conseguentemente un ruolo centrale nella vita culturale ed economica del Paese.
Per dare concretezza a questa convinzione il Consiglio intende agire collaborando con il Consiglio
Nazionale, con le Istituzioni locali, con le altre
professioni e la società civile del territorio, senza
dimenticare il cosiddetto terzo settore.
Fatta questa premessa le priorità dell’Ordine restano quelle istituzionali e innanzitutto quelle relative
alla tenuta dell’Albo. Oggi sono 1.494 i professionisti iscritti all’Ordine di Monza e della Brianza,
1.475 all’elenco A dei commercialisti, 2 all’elenco
B degli esperti contabili, a cui si aggiungono 17
iscritti all’elenco speciale A. Gli iscritti al registro
praticanti sono 244 di cui 151 attivi.
È intenzione del Consiglio completare le attività di
verifica degli iscritti all’Albo che ha occupato buona parte del 2008, in linea con i dettami normativi
di monitoraggio.
Altra priorità è quella dell’individuazione della
nuova sede. Il ritardo nel raggiungimento di una
soluzione ottimale è dovuto alla volontà del Consiglio di convergere con gli altri Ordini professionali
verso un’organizzazione sinergica attraverso Alpi
emmebi, l’Associazione delle libere professioni di
Monza e della Brianza creata su iniziativa dei disciolti Ordine e Collegio con avvocati, ingegneri e
geometri verso la quale stanno confluendo le altre
istituzioni ordinistiche che si stanno insediando
nel territorio con la nascita della nuova Provincia. Stiamo comunque giungendo a una soluzione
provvisoria che consentirà un’adeguata erogazione di servizi agli iscritti soprattutto in termini di
segreteria e di formazione. Proprio per ottimizzare
quest’offerta l’Ordine continuerà ad appoggiarsi
all’Associazione culturale dottori commercialisti,
ragionieri commercialisti ed esperti contabili di
Monza e Brianza con la quale è stata sottoscritta
una convenzione che consentirà di mantenere a
prezzi competitivi l’intera formazione con l’impegno di almeno 60 crediti formativi gratuiti all’anno. Grazie alla cooperazione con l’Associazione, al
31 ottobre scorso a fronte di una domanda formativa annuale complessiva media di 38.790 crediti
(30 crediti per ogni iscritto soggetto a obbligo formativo), una minima di 25.860 crediti (20 crediti
per ogni iscritto obbligato) e di 3.879 in materie
cosiddette obbligatorie (3 crediti per ogni iscritto
obbligato), ha offerto 18.700 crediti gratuiti, di cui
5.700 in materie obbligatorie. Di questi sono stati
fruiti dagli iscritti 7.063 di cui 3.116 in materie obbligatorie. Obiettivo per il prossimo anno è quello di migliorare l’offerta anche grazie all’entrata
a regime in queste settimane delle commissioni
di studio. Questo dovrebbe condurre a un miglioramento dell’offerta sia in termini qualitativi, sia
quantitativi, sia di costo per gli iscritti. È questa
la logica dell’investimento per l’organizzazione di
corsi gratuiti.
Negli stessi termini è impegno dell’Ordine il miglioramento del servizio di segreteria che nel 2008
è stato oggetto di carichi – vi assicuro – inimmaginabili e a cui deve andare il ringraziamento di
tutti gli iscritti. È vero che la segreteria è al servizio
degli iscritti, ma è vero anche che alcuni colleghi,
forse inconsciamente, avanzano pretese e modi
non sempre accoglibili. Per estendere l’accessibilità dell’Ordine all’iscritto è stato progettato il totale posizionamento in rete dei servizi. Purtroppo
il completamento del progetto è stato ostacolato
dall’instabilità normativa di questi primi mesi di
vita del Consiglio Nazionale più volte intervenuto a rivedere i regolamenti e le procedure – come
da ultimo in tema di trienni formativi – con conseguente necessità di adeguamento del sistema.
Ulteriore impegno del Consiglio è quello di minimizzare il peso sugli iscritti della struttura.
Per questo motivo nonostante l’aumento della quota, da imputare per una buona metà all’incremento
del contributo al Consiglio Nazionale, essa si manterrà nella fascia più bassa tra gli Ordini del Nord
Italia, se non la più bassa in assoluto, con i suoi 380
euro. Per concludere è bene ricordare che i primi
compiti del Consiglio previsti dall’Ordinamento
sono la rappresentanza degli iscritti e la promozione dei rapporti con le istituzioni locali. Il ruolo
di quest’Ordine, e prima di esso dell’Ordine e del
Collegio che l’hanno preceduto, è sempre stato
quello di punto di riferimento della comunità di
quella che sta diventando la Provincia di Monza
e Brianza. Il Consiglio intende, dunque, procedere in questa direzione rafforzando la relazione
privilegiata con la comunità e con istituzioni quali
la Provincia, la Regione, la Camera di commercio
e il Tribunale, con gli Uffici locali dell’Agenzia
delle entrate e con la Direzione regionale, oltre
che con gli altri Ordini e le Associazioni di categoria, che hanno permesso di muovere i primi passi
nell’ADR (conciliazione e arbitrato) e la nascita di
realtà come l’Osservatorio fiscale in cui l’Ordine
riveste un ruolo di primo piano.
In quest’ottica una funzione importante è stata ricoperta – e lo sarà anche per il 2009 – da Brianza
Business, il bimestrale dell’Ordine, che in pochi
anni da semplice Bollettino si è trasformato in
magazine di riferimento della comunità economica briantea. Pur riconoscendo come ambiziosi
questi obiettivi il Consiglio ritiene possano essere
raggiunti nel corso dell’anno anche grazie al contributo degli iscritti che si impegnano in prima persona e a titolo volontaristico nei diversi momenti
della vita ordinistica, a cui va il ringraziamento
dell’Ordine.
Da ultimo desidero ricordare con un breve silenzio i colleghi scomparsi nel 2008 Antonio Catona,
Renzo Gerosa, Paolo Melloni, Renato Rigamonti,
Pierluigi Serenthà e Giuseppe Voltolin.n
35
N ews
La prima volta
dell’Ordine dei medici
I comuni contro l’evasione
Vito Sileo è il primo presidente dell’Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri di
Monza e Brianza. Nel consiglio della nuova istituzione ordinistica siedono con
cariche istituzionali anche
Carlo Maria Teruzzi, vice
presidente, Roberto Sega,
tesoriere e Guglielmo Emanuelli, segretario.
Siglata tra la Direzione regionale dell’Agenzia delle entrate e Anci
Lombardia la convenzione che avvia una collaborazione finalizzata
a garantire una proficua partecipazione dei Comuni alle attività di
contrasto all’evasione fiscale sul territorio regionale.
La Direzione regionale delle Entrate, con il supporto di Anci, organizzerà una serie di seminari rivolti ai Comuni, per un più efficace
contrasto dei fenomeni evasivi.
La collaborazione alle attività di controllo dell’Agenzia contribuirà
a incrementare le entrate locali portando nelle casse del Comune
una quota pari al 30% delle somme recuperate a titolo definitivo,
a seguito di segnalazioni qualificate che abbiano garantito il buon
esito dell’accertamento fiscale.
Obiettivo raggiunto per l’ospedale Ana
Un aiuto ai prodotti enogastronomici
Molti lettori ricorderanno l’impegno dell’Associazione nazionale
alpini di Cinisello Balsamo assunto in occasione del 75º anniversario. Il nuovo mezzo
per la telemedicina è
ora parte integrante
dell’ospedale da campo della Protezione
civile e già dal 5 al 20
dicembre sarà impegnato in sostituzione
del centro trasmissioni dell’Ospedale civile
di Clusone che sta
cambiando sede. Prima del previsto, quindi, è stato raggiunto l’obiettivo dei 120 mila euro necessario
per l’allestimento. Ora si cercherà di arricchire ulteriormente
la dotazione del camper.
È stato approvato il decreto n° 13392 del 20/11/2008 (pubblicato sul
Burl del 1º dicembre 2008) che approva il Bando relativo alle modalità
per la concessione di contributi volti alla promozione e alla valorizzazione dei prodotti agricoli e del patrimonio enogastronomico lombardo
(L.R. 7/2000). La spesa presunta è di 1 milione di euro.
Contributi per sicurezza e ambiente
La Regione Lombardia e le Camere di commercio lombarde
mettono a disposizione 15 milioni
di euro per finanziare le Pmi lombarde su progetti e interventi innovativi sulla sicurezza sul lavoro, energia e ambiente.
Finalità dell’iniziativa è quella di favorire i processi di innovazione delle imprese lombarde nei settori della sicurezza
sul lavoro e dell’energia e sviluppo ambientale. Le domande
dovranno pervenire entro il 27 gennaio 2009. Per saperne di
più: Servizio promozione e innovazione per le imprese tel.
028515 5075/4526.
Expo dei Territori: Verso il 2015
La Provincia di Milano, la Provincia di Milano - Progetto Monza
e Brianza, l’Agenzia di Sviluppo Milano Metropoli, con il supporto della Fondazione Banca del Monte di Lombardia, promuovono
la prima edizione del bando “Expo dei Territori: Verso il 2015”. I
vincitori godranno di un accompagnamento allo sviluppo progettuale. Destinatari del bando sono i Comuni, le realtà non profit, le
università e le scuole, le associazioni di categoria, le imprese dei
territori. Le domande di partecipazione devono essere presentate
entro il 16 febbraio 2009. Per saperne di più: www.milanomet.it.
36
E u ro H o t e l - R e si d e n c e
B us i n e s s C l a s s
9 9 c a m e re
76 appartamenti
C e n t ro c o n g re s si
Via Monza, 27 · 20049 Concorezzo (Mi) · t. 039.60441
[email protected] · www.eurohotelresidence.it
È un’iniziativa I-BI Iniziative Brianza Immobiliare S.r.l.
D istretto Lions
108 I b1
Un forte messaggio dall’assemblea d’autunno
Ridare la speranza e il sorriso
a chi li sta perdendo
Riaffermata la centralità sociale del lionismo che, dopo il successo riportato
nella campagna mondiale per la lotta alla cecità, è pronto a fare la sua parte
in occasione della maratona televisiva di Telethon
di Antonio Laurenzano*
I
Lions del 108 Ib1 nel cuore di una banca, a
Desio. Non per sfidare la crisi finanziaria, ma
per partecipare all’annuale assemblea d’autunno convocata, sabato 8 novembre, presso
la sala convegni del Banco Desio. Un momento di grande importanza nella vita associativa,
un momento di verifica e di confronto per accreditare, attraverso il coinvolgimento di tutti i club del
distretto, una immagine del lionismo meno stereotipata e più partecipe della mutata realtà sociale.
Obiettivo quello di sempre: affermare la centralità
del lionismo al servizio della società. Un ruolo che
il sindaco di Desio, Giampiero Mariani, nel suo saluto d’apertura, ha felicemente tratteggiato: «Le istituzioni possono camminare con i Lions lungo uno
stesso binario per costruire un Paese diverso e un
futuro migliore per le nuove generazioni». Con la
partecipazione di nove past governatori e di 200 delegati (l’83% degli aventi diritto), in rappresentanza
di 62 club del distretto su 68, il governatore Roberto
Monguzzi, dopo l’esecuzione degli inni e l’ingresso
in sala delle bandiere, ha aperto i lavori assembleari
alla presenza del governatore dell’Ib4 Galliani e del
suo vice Migliore, nonché del terzo vice governatore del distretto gemellato svizzero 102 C, Marco
Lucchini. Ricco di spunti e riflessioni lo spazio interattivo riservato ai delegati. Un variegato ventaglio
di opinioni, espressione di una capacità propositiva
che ha evidenziato la grande attenzione che i club
riservano, in particolare, ad alcuni temi di grande
rilievo sociale: orientamento scolastico e disagio
giovanile, la fame nel mondo, l’integrazione politica
dell’Europa e più in generale service socio-culturali
per un lionismo di qualità. Un lionismo distrettuale, ha ricordato il governatore Monguzzi, che, dopo
il successo riportato nella campagna mondiale per
38
la lotta alla cecità, è pronto a fare la sua parte in
occasione della maratona televisiva di Telethon del
12, 13 e 14 dicembre. Un’occasione importante per
testimoniare, attraverso la raccolta fondi a sostegno
della ricerca scientifica sulle malattie genetiche, lo
spirito di servizio dei Lions e «ridare la speranza e
il sorriso a chi li sta perdendo», come ha auspicato
nel suo messaggio il presidente del Consiglio dei
governatori, Salvatore Giacona. Nel corso dell’assemblea, ai delegati è stato consegnato un fascicoletto, curato dal vice governatore Marretta, con le
indicazioni relative all’attività dei singoli comitati
distrettuali, una quarantina. Tanti obiettivi, tanti attori in campo, per sviluppare il progetto di promozione umana basato sulla fratellanza e «sullo spirito
di comprensione fra i popoli del mondo», secondo
i principi di Melvin Jones. Finalità ben presenti
nel service distrettuale “Scambi giovanili e campi
giovani” proposto con successo da otto club del
distretto. Con un voto a maggioranza, l’assemblea
ne ha approvato gli obiettivi di fondo: “Favorire i
contatti interculturali fra giovani di paesi diversi,
consentire la conoscenza di culture, usi, abitudini
e ideali diversi, permettere il confronto, il rispetto,
la reciproca comprensione, per costruire la pace,
abbattendo i pregiudizi che sono i semi della violenza”. Un messaggio chiaro e ricco di significato
che rappresenta la risposta dei Lions ai tanti episodi di violenza e di intolleranza che caratterizzano
fortemente la quotidianità. Un nervo scoperto della
società, espressione di un disagio e di un malessere
sociale che pregiudica ogni serio processo di integrazione umana nella libertà e nel rispetto dei diritti
umani fondamentali. Da Desio una… cartolina di
speranza firmata dai Lions del 108 Ib1.n
*Addetto stampa distrettuale ([email protected])
Ospedale
dei Bambini
V. Buzzi
in favore di
NON È SOLO
UN PAZIENTE.
È UN BAMBINO.
Deve essere curato in un ospedale
a misura di bambino.
L’associazione OBM, Ospedale dei Bambini Milano-Buzzi Onlus
è nata perché l’Ospedale Buzzi sia sempre di più
l’Ospedale dei bambini e delle mamme.
Un impegno che ha bisogno del contributo di tutti.
Anche del tuo!
Diventa amico di OBM Onlus: sostieni, con una donazione,
i progetti per il raggiungimento dell’eccellenza scientifica
e di umanizzazione dell’ Ospedale.
Per maggiori informazioni:
Telefono: 02 5799 5359
mail: [email protected]
sito: www.ospedaledeibambini.it
Rotary
international
Il progetto per rendere la terapia ancora più conosciuta anche in Italia
L’amicizia di un delfino
ti salverà la vita
Nato come momento d’unione con il club gemello di Benidorm, il progetto
della delfinoterapia, presso il parco di Mundomar nella cittadina spagnola,
prosegue per il terzo anno con successo
di Federica Vernò
I
niziato nell’anno rotariano 2006-2007 con l’allora presidente Massimo Baserga, proseguito
con Giorgio Pasqual nell’anno 2007-2008,
quando due bambini italiani furono i destinatari della terapia sponsorizzata dal Rotary club
Meda e delle Brughiere, il service sta facendo grandi passi in avanti, quest’anno, sotto la presidenza di
Franco Motta. Competenza, professionalità, passione
nel servire gli ideali del Rotary, impegno e amicizia
rotariana per offrire un’opportunità a tutti coloro che,
a causa di un disagio, necessitano di cure costanti e
non sempre facilmente ottenibili. La delfinoterapia è,
infatti, una forma di pet therapy, un intervento terapeutico poco diffuso perché molto costoso, effettuato
con l’ausilio degli animali, nel caso specifico, di delfini, che migliora la qualità della vita del paziente e
della sua famiglia. È una tecnica che non sostituisce
quelle tradizionali esistenti, bensì le affianca per ottimizzarne i risultati. Consente di promuovere l’acquisizione di nuove competenze e il consolidamento di
quelle già possedute all’interno di un contesto ludico,
in cui il bambino apprende abilità mentre lavora con
il terapeuta e gioca con il delfino.
«A livello scientifico», spiega la psicologa e psicoterapeuta monzese Raffaella Visigalli, socia del sodalizio
e responsabile del progetto, «è stato dimostrato che i
tempi di apprendimento sono da 4 a 10 volte superiori rispetto alle terapie tradizionali. Molteplici sono i
benefici che derivano dall’interazione con il delfino,
mammifero particolarmente sensibile, intelligente e,
quindi, capace di riconoscere i bisogni del paziente e
di rapportarsi in base alle necessità. Il delfino emette
degli ultrasuoni capaci di stimolare la produzione di
endorfine, che procurano una sensazione di benessere
e di calma interiore. L’acqua e l’atto del nuotare permettono al bambino di fare un ottimo esercizio fisico,
40
che migliora le abilità motorie. La delfinoterapia è
adatta a tutti coloro che presentano disagi a livello
psichico, cognitivo, motorio e relazionale».
Sono diversi i ragazzi che finora il RC Meda e delle
Brughiere ha accompagnato in Spagna. Sotto la guida
e l’assistenza di Raffaella Visigalli i ragazzi, dai 5 ai
15 anni, frequentando il delfinario di Benidorm, con
la collaborazione della coordinatrice Camino Herrera
e dello psicologo Branko Weitzmann, hanno ricevuto
un importante beneficio.
Il progetto, di respiro internazionale, è aperto anche
ad altri club che fossero interessati. I destinatari sono
stati anche alcuni bimbi in lista d’attesa ormai da
molto tempo presso Mundomar e bimbi che, invece,
sono stati segnalati direttamente dall’Italia. Dal primo all’ otto giugno di quest’anno si è tenuta la prima
settimana italiana di delfinoterapia, cui hanno partecipato cinque bambini italiani.
È stata un’occasione per dare più visibilità al progetto
e rendere questo tipo di terapia ancora più conosciuta
anche in Italia. Attualmente, infatti, è praticata solo
presso il delfinario di Rimini per opera dell’associazione Arion. Il delfinario di Roma, lo Zoo marine,
potrebbe essere una buona opportunità da esplorare
in modo più approfondito.
Il club medese, infatti, sta verificando la possibilità
di realizzare anche in Italia un parco che faccia delfinoterapia con l’obiettivo di consentire a più bambini
italiani di usufruire di questa terapia tanto efficace e
innovativa.
Nelle intenzioni del club anche la volontà, nel momento in cui il progetto del centro italiano dovesse
concretizzarsi, di creare una scuola per formare professionisti interessati a questo tipo di terapia. Per informazioni si può scrivere alla dottoressa Raffaella
Visigalli all’indirizzo [email protected] n
Sentimento Espresso!
Cuor di Caffé - Gestione distributori automatici
per piccole, medie e grandi aziende.
Via della Misericordia, 45 _ Vedano al Lambro (MI)
Tel. 328/9210100 - 338/5085327 - Fax 039/2910354
[email protected] - www.cuordicaffe.it
Economia
e
F inanza
Le strategie di difesa partono dalla consapevolezza del problema
All’arrembaggio
dello studio professionale
Secondo gli esperti del settore attualmente sono infettati quasi 10.000 siti
web al giorno con del codice malevolo. Solo pochi mesi fa questi attacchi
erano 5.000. L’approccio di Antares alla sicurezza
di Rosa Gandini
I
l golfo di Aden è sempre più nelle mani dei
pirati somali. Gli arrembaggi si susseguono
e sono ormai quasi 20 le imbarcazioni, tra
petroliere, mercantili e pescherecci d’altura, attualmente nelle mani dei pirati». È
una delle tante notizie di cronaca che troviamo sui
quotidiani, rassicurante per la sua lontananza dalle
solide pareti del nostro studio professionale, quasi
intrigante per i richiami alla nostra infanzia divisa
tra Sandokan e il Corsaro Nero.
Eppure i pirati sono anche qui, nascosti nelle placide acque di un invio telematico, pronti a rapide
incursioni non in cerca di dobloni, ma più leggeri
e preziosi dati. Se dovessimo dare un volto informatico a noi vicino a questa turbolenta ciurma di
42
corsari e bucanieri inevitabilmente la penseremmo come un messaggio mail. È facile pensare che
proteggendosi contro lo spam ci si difenda anche
da attacchi di virus e di phishing. È facile e sbagliato. Anche per i prodotti di sicurezza standard è
sempre più difficile riconoscere i trucchi e i raggiri messi in atto dagli aggressori. È per questo che
oggi contenuti come il traffico di dati crittografato
SSL, i servizi Web XML o i feed RSS costituiscono un potenziale pericolo, perché non è semplice
controllarli con le soluzioni di protezione convenzionali. La pirateria informatica si è evoluta da
semplice sfida a penetrare un sistema e produrre
un qualsiasi danno col solo scopo di dimostrare la
propria bravura, a trarre profitto da questa intru-
sezione promozionale
Il check-up
del nostro galeone
La prima arma contro qualsiasi pirata, bucaniere o anche una
semplice tempesta è la consapevolezza: basta investire un paio
di minuti per rispondere a poche domande e mettere in preventivo meno di mille euro per garantire la solidità della propria
struttura professionale.
1) Il vostro studio è dotato di strumenti dedicati alla protezione, al controllo e a limitare l’utilizzo di internet?
2) Quando lavorate lontano dall’ufficio, come accedete
ai dati?
3) Siete sicuri che i dati sensibili dei vostri clienti siano accessibili soltanto a chi è autorizzato? E siete sicuri che nessuno
dei vostri collaboratori possa dare accesso ai dati a persone
non autorizzate?
4) Che cosa succede se il giorno dell’invio telematico delle
dichiarazioni il vostro provider non vi fornisce la connessione
a internet?
5) Quando entrate in ufficio e non c’è la connessione a
internet e non funziona la posta, avete uno strumento che vi
indichi istantaneamente il problema?
6) La normativa vigente in materia di trattamento dei dati
personali, in riferimento alla legge sulla privacy impone che
chi tratta i dati personali su supporti informatici debba essere
dotato di requisiti minimi di sicurezza. La vostra organizzazione
è strutturata per ottemperare a tale normativa?
sione per cui il committente dell’hacker (intrusore)
può essere un soggetto che intende fare uso delle
informazioni prelevate dal nostro database.
Questa tecnologia si scatenerà silente sulla nostra
struttura informatica e non più verificabile come
poteva essere il semplice attacco di un virus.
Secondo gli esperti del settore attualmente sono infettati quasi 10.000 siti web al giorno con del codice malevolo. Solo pochi mesi fa questi attacchi erano 5.000. Con la percezione del rischio, se questo
non è di ostacolo all’emergenza fiscale di turno, si
corre ai ripari. Insieme al numero, alle dimensioni
e alla complessità delle reti di comunicazione, agli
obblighi di legge legati a canali telematici, cresce
anche la richiesta di soluzioni adeguate per la sicurezza dell’azienda piccola o grande e dello studio
professionale con tutte sue le peculiarità. Spesso
basta l’inserimento nel sistema di un nuovo portatile o di un telefono cellulare avanzato per cambiare gli equilibri di sicurezza. Il settore informatico
risponde a questa esigenza fornendo i più svariati
dispositivi per la sicurezza delle diverse aree a rischio: da soluzioni antispyware e antivirus fino a
soluzioni antispam e per l’individuazione e la prevenzione delle intrusioni, passando per i software
e gli applicativi per l’installazione di firewall. Al
sorgere di un bisogno specifico spesso si aggiunge
semplicemente una soluzione. All’atto pratico ciò
significa però che lo studio si ritrova a gestire tutte insieme queste soluzioni fornite dai produttori
diversi. La difficoltà maggiore diventa integrare
consapevolmente i vari componenti, che singolarmente non sono compatibili tra loro, in un sistema
uniforme, privo di punti deboli sfruttabili da chi
esegue gli attacchi e allo stesso tempo in grado
di fornire sempre ai responsabili una panoramica
completa sullo stato di sicurezza corrente della
struttura. Raccontato così sembra un lavoro titanico e ben lontano dalle competenze professionali di
un commercialista, non solo in termini diretti, ma
anche di supervisione dell’attività del consulente
informatico dello studio professionale.
In realtà richiede un solo requisito: la consapevolezza del problema sicurezza inteso come aspetto
complessivo della propria organizzazione di studio e non come falla da tamponare di volta in volta
a posteriori.n
La sicurezza dei dati sensibili, non solo vostri,
ma soprattutto dei vostri clienti deve essere
una vostra priorità. La gestione della sicurezza
informatica non è e non deve essere un vostro
problema.
Aziende come Antares sono in grado di offrire soluzioni complete a un costo accessibile
che comprendono la gestione totale della sicurezza informatica senza alcun tipo di ostacolo
al normale svolgimento della vostra attività e
senza, naturalmente, avere accesso sui vostri
dati. Ogni intervento può essere modulato su
dimensioni organizzative che vanno dalle più
grosse realtà enterprise alle piccolissime installazioni in studi unipersonali.
Per saperne di più:
Antares srl
technology integrator
via A. Volta 94
20033 Desio (MI)
tel. +39 0362.308171
e-mail
[email protected]
www.antaresolution.it
43
A rte
e
Cultura
Per riportare a Monza il patrimonio raccolto da Umberto e Margherita
Sulle tracce …
dei libri del re
La costituzione di una biblioteca tematica sui palazzi reali di Milano
e Monza è l’obiettivo che si prefigge il neonato Centro di documentazione
residenze reali lombarde in collaborazione con altri soggetti, affinché
possa diventare punto di riferimento per gli studiosi delle regge lombarde
e non solo
di Paolo Paleari*
Scorcio della Biblioteca
reale di Monza
L
ibri e carte, biblioteche e archivi. Quella per i “fogli” provati dal
tempo è una passione che contagia
anche in Brianza sempre più appassionati o solo semplici curiosi. Già,
44
perché sono molti quelli che collezionano stampe,
fogli sciolti o tomi antichi. Basta osservare il proliferare di carte nei mercatini domenicali, dove è
sensibile il piacere di ripercorrere la bellezza del
segno grafico vergato nel tempo o di ammirare la
L’obiettivo-proposta che si prefigge il neonato Centro di documentazione residenze
reali lombarde in collaborazione con altri soggetti è quello di costituire una biblioteca tematica che possa diventare punto di riferimento per gli studiosi delle regge
lombarde e non, perché parlare di regge vuol dire affrontare molteplici aspetti legati
alla storia, all’architettura, all’arte, all’artigianato e al paesaggio. Significa spaziare
a tutto campo in un’epoca di determinante importanza per la formazione culturale
e civile dell’Italia e dell’Europa moderna, andando a toccare le più importanti Case
regnanti: gli Asburgo, i Bonaparte, i Savoia, con appendici che hanno visto protagonisti anche gli Hohenzollern, i Romanov, i Petrovic, gli Orleans. Uno degli obiettivi
principali rimane quello di tentare di riportare a Monza quantomeno parte del patrimonio librario che Umberto e Margherita avevano raccolto dal 1894 al 1900, tra
cui si annoverano quei volumi mandati a Roma immediatamente dopo il regicidio e
che, dopo essere confluiti nel 1901 nella raccolta privata della regina, passarono per
donazione alla Biblioteca Nazionale di Torino. Rimangono poi molti collezionisti, a
Milano, Roma, Torino, ma anche in Brianza che hanno sicuramente copie dei testi
che figuravano nella biblioteca di Umberto e che potrebbero intervenire quantomeno
con una riproduzione.
perizia di chi ha lavorato col bulino e col torchio.
La bibliomania, però, non è una moda effimera;
la nostra regione ha infatti conosciuto numerosi e
illustri predecessori, che tra XVIII e XIX secolo
hanno riempito le loro case con raccolte erudite.
In rari casi di questi fondi esiste il catalogo, come
per la biblioteca del conte Silva; di norma però il
contenuto delle librerie è stato disperso, nelle circostanze migliori riversato in raccolte pubbliche.
Qui, grazie anche agli ex libris, si può ricostruire
la storia del fondo, ma non riportarlo nella sua sede
originaria.
Un’operazione con precisi intenti didattici potrebbe
essere invece la “ricostruzione” - anche attraverso
la riproduzione in digitale - di una biblioteca privata di particolare importanza, come la Biblioteca
reale di Monza. Realizzata alla fine dell’Ottocento
dall’architetto Achille Majnoni d’Intignano, la Biblioteca prende il posto del gabinetto topografico
e della sala etrusca che già custodivano le raccolte
librarie di Eugenio Napoleone. Collocata al primo
piano nobile della Villa Reale, a occidente degli
appartamenti reali, è stata svuotata fin dal 1934,
anno in cui il Comune di Milano ritirò dagli scaffali già vuoti, la siloteca di Ranieri, depositata qui
solo vent’anni prima.
Ma la storia della dispersione risale agli inizi del
Novecento: allora i volumi custoditi erano circa
seimila; pochi anni prima nella “Biblioteca della
Real Famiglia” - come veniva definito il piccolo
locale adibito a sala di lettura prima dell’ampliamento - esistevano solo seicentosettantadue libri,
collocati in due librerie intarsiate dal Maggiolini.
A lavori ultimati viene trasferita una serie di testi
provenienti dal Quirinale. Si tratta di volumi dagli argomenti più disparati, con una predominante
che privilegia testi di esplorazione e di carattere
geografico. Questo patrimonio viene affidato al
conte Santorre di Santarosa, bibliotecario della
Real Casa. Dopo il regicidio Santarosa sceglie i
libri appartenenti a Margherita che invia a Roma
nel marzo-aprile del 1901. Restano invece chiusi a
In alto a sinistra:
Studio -non realizzato- per l’esecuzione
della libreria della Biblioteca reale
di Monza. Cartoncino acquerellato e china
Sopra:
Prospettiva della Biblioteca
reale di Monza dopo l’abbandono
della Real Casa
45
A rte
Da sinistra a destra:
Catalogo dei libri della casa
d’Asburgo-Este. Recuperati dopo
l’Unità d’Italia confluirono dapprima
nella Biblioteca di Vittorio Emanuele II
Porta della scaletta per la salita al
piano superiore della libreria. Noce e
mogano lucidato con appliques
46
e
Cultura
chiave in biblioteca un migliaio di volumi appartenuti a Umberto: sono guide, riviste, raccolte di leggi, album e omaggi. Nel gennaio del 1920 vengono
spediti in parte a Villa Savoia a Roma e in parte al
Castello di Racconigi. I libri non catalogati restano
in Villa sino a quando li si imballa in una cassa e
li si destina al Ministero della Real Casa. Gli usi
successivi della Biblioteca hanno visto un lungo
periodo spoglio; quindi la presenza negli scaffali
di testi dell’Istituto d’Arte, poi, dopo il restauro
degli ambienti, due mostre temporanee con quanto
c’è di superstite della raccolta botanica e una collezione di ex libris. La Biblioteca ha infine ospitato circa 600 cartelle e i 1000 disegni che costituivano l’insieme dei fondi dell’amministrazione del
Palazzo. Ricollocati altrove anche questi elementi,
ora la Biblioteca attende nuove proposte per recuperare la sua funzione.n
*consulente della Soprintendenza ai beni
architettonici e per il paesaggio di Milano
S tli
di
V ita
Kokichi Mikimoto e le gemme del mare
L’amore per le perle
e il sogno di una vita
«Vorrei poter ornare con un filo di perle il décolleté di tutte le donne
del mondo» disse Kokichi Mikimoto subito dopo aver vinto la sua personale
sfida e aver ottenuto la prima perla coltivata della storia. Sembrava
un sogno irraggiungibile, ma l’eleganza e lo splendore delle sue creazioni
vennero riconosciuti e ammirati dalle donne del mondo intero
di Antonella Scampini
Filo di perle Akoya top di gamma
I
l suo sogno era diventato realtà.
Con un innato, appassionato senso della
bellezza, Mikimoto divenne il più entusiasta tra i gioiellieri, un uomo che dedicò l’intera vita alle perle e ai gioielli che
le incastonavano. Con il loro misterioso, ma
allo stesso tempo puro e semplice splendore,
48
le perle nei secoli hanno conquistato molti. A
partire dalla metà del 1800, poco prima del
periodo Meiji, il Giappone sviluppa fortemente il commercio internazionale e le sue
perle naturali, già considerate preziosissime,
diventano ancor più richieste e costose.
Le ostriche perlifere che si trovano attorno a
Ise-Shima, città natale di Mikimoto, diventano
oggetto di forsennate ricerche, tanto da sfiorare l’estinzione. Mikimoto si dedica allora alla
coltivazione delle ostriche, avendo chiaro nella mente un sogno: quello di coltivare le perle.
Per decenni impegna ogni suo istante in ricerche ed esperimenti.
Le perle naturali sono create dalla natura in
modo casuale e ogni sforzo di indagare i loro
misteri all’inizio non dà risultati. Eventi marini
come le “onde rosse” (fenomeni che provocano una eccessiva concentrazione di plancton)
e variazioni nella temperatura dell’acqua sono
la causa di ripetuti fallimenti. A dispetto dei
molti ostacoli, Kokichi si impone di dedicare
ogni energia che ha in corpo alla sua missione, convinto di riuscire a piegare la natura a
sua alleata. Il giorno che da tempo attendeva giunge l’11 luglio 1893. Con la moglie
Ume al fianco, fa risalire una cassa di ostriche dal mare, ne apre una e all’interno trova
una incantevole perla. È la prima volta nella
storia che un uomo riesce a creare una perla.
Una volta ottenuta la prima perla, Kokichi
sente ancor più forte il bisogno di continuare
nelle sue ricerche.
È infatti sempre stato affascinato dall’aura
misteriosa che circonda le leggendarie perle
nere e grigie e decide di provare a coltivare
anche queste.
Nel 1914 Kokichi apre un’azienda per perle nere dei Mari del Sud a Okinawa, e precisamente a Ishigaki Island. Superando
le spesso sconfortanti ostilità della natu-
Mikimoto incontra Guglielmo Marconi
49
S tili
In alto a sinistra:
collana in oro bianco,
diamanti e perla bianca dei Mari del Sud
A fianco: anello in oro
giallo, diamanti e perla
gold dei Mari del Sud
In alto a destra:
Kokichi Mikimoto
I gioielli pubblicati in
questa pagina sono di
MIKIMOTO MILANO
COLLECTION
BY GIOVANNA
BROGGIAN
gioielli esclusivi creati
con le più belle perle
al mondo
50
di
V ita
ra, tra le quali anche i tifoni, nel 1931 per
la seconda volta riesce a trasformare una
fantasia in realtà quando ottiene una perla allora gigante, dal diametro di 10 mm.
Mikimoto non si ferma e invia anche a Palau,
isola nell’Oceano Pacifico, un team di ricercatori che ha notevole successo nella coltivazione delle perle.
Impegnato nella sfida di coltivare perle nere e
dai riflessi grigi, Kokichi dà impulso all’industria perlifera su isole che fino a quel momento erano economicamente poco sviluppate. Il
suo contributo al loro progresso è tale che ancor oggi il nome di Mikimoto è ricordato con
riconoscenza e rispetto.
Spinto dal desiderio di avvicinare la gente
comune alle perle, rendendole più accessibili, nel 1899 Kokichi apre la prima bottega
specializzata a Ginza, quartiere di Tokio. Nel
1906 la trasferisce a Ginza 4-chrome. Il nuovo negozio, un edificio in pietre bianche, di
ispirazione occidentale e su due piani, ha uno
stile che lascia trasparire la costante atten-
sezione promozionale
Le caratteristiche
distintive di una perla
In quanto creatore della prima perla coltivata, Mikimoto detiene i più rigorosi standard di qualità.
Ogni perla che si forma nell’ostrica è diversa da
un’altra, proprio come lo sono le impronte digitali,
motivo per cui è indispensabile fare riferimento a criteri universali che ne definiscano oggettivamente la
qualità. Esistono 5 fattori che determinano la qualità
di una perla e che è importante tenere ben presenti
quando si decide di acquistare queste gemme del
mare.
Lucentezza o Oriente: la lucentezza, più spesso
detta Oriente, è rappresentata dalla quantità di luce
riflessa dalla superficie della perla. È la brillantezza
della superficie e allo stesso tempo la luce riflessa
che pare provenire dagli strati più interni della perla
o “luce interna”. La perfezione dello strato di perlagione contribuisce a migliorare l’Oriente nel suo
complesso. Ci vogliono molti strati di perlagione per
definire con intensità una colorazione.
Perfezione della superficie: in quanto prodotto
naturale, piccole imperfezioni sulla superficie della
perla sono parte del suo aspetto e testimoniano la
sua naturalezza. Questi piccoli segni sono prodotti
da particelle disciolte nell’acqua marina, da corpuscoli che riescono a entrare nell’ostrica e che strofinano contro la perla. Il valore di una perla è maggiore
quanto minori sono le imperfezioni della superficie.
Colore: le perle si possono presentare in un vasto
spettro di colori. Le sfumature sono crema, grigio,
verde, blu e rosa. I colori più richiesti sono il bianco e
il rosa, in quanto sono i riflessi che con facilità si accostano ai più comuni toni della pelle. È importante
scegliere una tonalità intensa e distribuita in modo
regolare su tutta la superficie.
Forma: le perle perfettamente sferiche restano
quelle più rare e apprezzate. Esistono anche forme
bombate da un lato e piatte dall’altro. Alcune forme,
come quelle barocche o a goccia, sono richieste per
la loro particolarità.
Dimensione: normalmente la dimensione della perla ne influenza il valore. Perle di grande dimensione
sono molto più difficili da coltivare per il fatto che
spesso il nucleo da innestare è più grande e di conseguenza maggiore è la probabilità che l’ostrica lo
espella. Le perle sono misurate sulla base dei millimetri del loro diametro. Le classiche Akoya normalmente vanno da 3,5 mm a 10 mm. Le perle dei Mari
del Sud – siano esse bianche, gold o nere – hanno un
diametro che può variare dai 9 fino ai 20 mm.
zione di Kokichi alla bellezza e all’altissima
qualità degli oggetti che propone. Giovani
commessi in eleganti abiti sartoriali accolgono i clienti, mentre ogni mese le vetrine e gli
allestimenti interni vengono rinnovati sotto la
guida di esperti designer. Kokichi riserva la
massima cura alla preparazione delle bacheche, nelle quali espone gioielli che sono una
testimonianza dei più alti standard qualitativi
e dello stile più raffinato. La boutique Mikimoto presto attrae su di sé gli occhi del mondo.
Kokichi senza sosta continua a inseguire i suoi
sogni. n
In alto: Kokichi Mikimoto
misura le perle
Sopra: Kokichi Mikimoto distrugge
perle di qualità inferiore
Cappelletti Gioielleria
Via Matteotti 30 - Cantù
www.gioielleriacappelletti.it
51
M otori
La nuova Classe GLK, possente e compatta
Un concentrato di dinamismo
per superare ogni limite
Linee decise e spigolose per questo insolito suv dal design inconsueto,
per un concetto di auto assolutamente geniale ma che rimane comunque
fedele alle sue origini e continua la tradizione con elevati livelli di agilità,
sicurezza e comfort
di Mariolina Belli
U
na nuova protagonista è arrivata
a completare la già ampia gamma dei suv Mercedes-Benz: la
nuova Classe GLK.
Il look della vettura è caratterizzato da linee tese e spigoli vivi, secondo l’ultima
tendenza Mercedes, per 4,53 metri di lunghezza
e 1,84 di altezza. La nuova GLK è una versione
52
rimpicciolita della mastodontica Mercedes Classe
GL, il suv più imponente della casa di Stoccarda.
Rivoluzionaria, per il suo design che rompe gli
schemi, differente dagli altri suv presenti sul mercato, compatta e originale, la nuova GLK si distingue per la sua personalità forte e indipendente.
Le sue forme sono il risultato di linee decise e superfici originali che si uniscono a caratteristiche
della carrozzeria tipiche dei fuoristrada: frontale
imponente, sbalzi ridotti, parabrezza verticale e
tetto squadrato.
La gamma motori è composta da due propulsori a
benzina (il 280 e il 350, entrambi V6 da rispettivamente 231 e 272 cv) e un diesel, il 320 Cdi, da 224
cv. Tutti i modelli montano di serie l’innovativo
cambio automatico 7G Tronic che, grazie alle sette marce consente innesti morbidi assicurando il
massimo piacere di guida su qualsiasi terreno.
È un suv destinato prevalentemente a un uso stradale, ma che non disdegna il fuoristrada “turistico”.
Noi abbiamo provato il 320 Cdi da 224 cv versione Chrome nello splendido entroterra del ponente
ligure. L’autotelaio non è solo indice di estrema si-
curezza, ma implica anche uno straordinario comfort in ogni condizione e su ogni fondo stradale.
Inoltre il peso contenuto contribuisce a mantenere
bassi i livelli di consumi/emissioni CO2.
Gli interni della GLK riprendono il carattere deciso
degli esterni, richiamando il gioco di linee e superfici, con l’impiego di materiali di pregio caratterizzati in ogni dettaglio dall’eccellente qualità della
lavorazione. L’inconfondibile comfort Mercedes,
a prescindere del tipo di percorso (stradale o offroad), unisce un’eccezionale silenziosità di marcia
alla sicurezza, agilità e stabilità di guida.
Il climatizzatore automatico Thermatic a due zone (di
serie) assicura un clima piacevole nell’abitacolo.
53
M otori
I sedili della “nostra” GLK, in morbida pelle color ghiaccio, sono perfettamente all’altezza di ogni
aspettativa, ergonomici e sicuri: sono rialzati e
quelli anteriori regolabili elettricamente.
La trazione integrale permanente 4Matic® in combinazione con i sistemi elettronici di controllo della
stabilità di marcia, garantisce agilità e trazione ottimale sia su strada, sia in fuoristrada, mentre
il sistema di sospensioni selettive adatta automaticamente l’assetto alle condizioni della strada, assicurando così un piacere di guida ancora maggiore.
Lo sterzo e il cambio sono particolarmente precisi,
rendendo la GLK un veicolo estremamente versatile adatto per la guida sportiva.
54
sezione promozionale
Il motore è decisamente potente e brillante e anche
le prestazioni sono eccezionali per questo suv, grazie all’eccezionale cambio a 7 marce 7G Tronic.
Davvero contenuti i consumi, in media si percorrono 10/km litro guidando allegramente!
La vettura, inoltre, essendo dotata del pacchetto
tecnico Off-road Pro offre una guida dinamica anche sullo sterrato: basta premere un tasto per attivare il programma di marcia Off-road che adegua
il cambio e il pedale dell’acceleratore a seconda
del fondo stradale e che comprende anche il sistema regolazione della velocità in discesa Dsr
(Downhill speed regulation). Per essere sempre
informati anche sui dati geografici è possibile
ampliare le funzioni del sistema di comando e visualizzazione per conoscere l’altitudine e le coordinate Gps.
Le dotazioni di sicurezza sono in perfetto stile
Mercedes-Benz con l’aggiunta dei più moderni
sistemi elettronici di assistenza alla guida, come
il sistema di protezione preventiva Pre-Safe, disponibile come optional per la prima volta nel
segmento dei suv, e con l’adozione di serie di 7
airbag, compreso quello per le ginocchia del guidatore. Tre sono le versioni disponibili: Chrome,
Sport ed Edition1.
La versione Chrome è dotata della trazione integrale permanente e immediata 4Matic® ed è caratterizzata esteticamente dai cerchi in lega da 19’’ dal design esclusivo, pads
di protezione sui paraurti anteriore e posteriore e dalle pedane laterali cromate antiscivolo.
La versione Sport è caratterizzata da un assetto
più basso di 20 mm, dai cerchi in lega a 5 doppie razze da 20’’e da cromature esterne. Il volante
multifunzione a 3 razze, la pedaliera sportiva in
alluminio con gommini antiscivolo e il quadro
strumenti conferiscono agli interni un aspetto
sportivo e dinamico.
GLK Edition1 è invece una versione “a tiratura
limitata” e con il suo equipaggiamento al top si rivolge ai clienti che ricercano caratteristiche esclusive e che desiderano personalizzare la vettura
secondo i propri desideri. n
Venus Spa
Viale Sicilia, 98 – Via F. Cavallotti,11
Monza
Viale Fulvio Testi, 326
Milano
www.venus-spa.it
MONZA
E BRIANZA
ORDINE
DEI DOTTORI
COMMERCIALISTI
E DEGLI ESPERTI
CONTABILI
Sc e g lie r e u n i s c r i tto al l ’A l b o de i dottori
commercialisti e degli esper ti conta b ili
significa affidarsi a un professionista qualificato
L’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Monza e della Brianza, è nato il 1º gennaio 2008 dalla confluenza dell’Ordine
dei dottori commercialisti di Monza e della Brianza e del Collegio dei ragionieri e dei periti commerciali del circondario di Monza.
Accesso regolamentato
• La Legge stabilisce le professioni intellettuali per l’esercizio delle quali è prevista l’iscrizione in appositi albi a garanzia della fede pubblica e
della collettività.
• Il dottore commercialista e il ragioniere non può esercitare la professione se non è iscritto all’Albo.
• La professione e l’iscrizione all’Albo sono disciplinate dal decreto legislativo 28 giugno 2005 n. 139.
• Il titolo professionale spetta solo dopo aver conseguito una laurea in materie economiche-giuridiche ai laureati che abbiano compiuto il tirocinio
triennale e superato l’esame di stato per l’esercizio della professione in sede universitaria.
• L’Ordine garantisce la professionalità degli iscritti, le tariffe applicate e può agire disciplinarmente. Per avvalorare l’importanza ed il ruolo che la
legge attribuisce all’Albo, ricordiamo che il tesserino di iscrizione può essere reso equipollente al documento di identità.
Vincoli etici
• Gli iscritti all’Albo si sono dati delle regole etiche di comportamento riassunte in un “codice deontologico”.
Garanzia di riservatezza
• Il dottore commercialista è vincolato al segreto professionale, deve mantenere un atteggiamento di riserbo in relazione alle notizie apprese
nell’esercizio della professione o in via incidentale, anche se queste riguardano la sfera personale del cliente o di coloro che sono a lui legati
da vincoli familiari ed economici.
Competenza tecnica
• A tutti gli iscritti nell’Albo la legge riconosce competenza specifica in economia aziendale e dirittto d’impresa e, comunque, nelle materie
economiche, finanziarie, tributarie, societarie e amministrative (amministrazione e la liquidazione di aziende, di patrimoni e di singoli beni;
perizie e le consulenze tecniche; le ispezioni e le revisioni amministrative; verificazione e ogni altra indagine in merito alla attendibilità di bilanci,
di conti, di scritture e di ogni altro documento contabile delle imprese ed enti pubblici e privati; regolamenti e le liquidazioni di avarie; funzioni di
sindaco e di revisore nelle società commerciali, enti non commerciali ed enti pubblici).
• A seconda della sezione di appartenenza (A Commercialisti, B Esperti contabili) la legge riconosce ulteriore competenza tecnica per
l’espletamento di determinate attività indicate dall’Ordinamento.
Formazione professionale continua
• Gli iscritti all’Albo hanno adottato l’obbligo della formazione professionale continua. L’iscritto è tenuto all’acquisizione di un minimo di 20 crediti
annuali e di 90 nel corso di un triennio.
La legge vieta l’uso dei titoli professionali di “dottore commercialista” e di “esperto contabile”, sia del termine abbreviato “commercialista” da parte di chi
non ne abbia diritto. Oggi, purtroppo, molti non abilitati abusano del titolo di “commercialista”, con grave pregiudizio per il cliente e la società in genere.
Nell’intento di offrire un servizio di rapida consultazione pubblichiamo di seguito l’elenco completo dei dottori commercialisti e dei
ragionieri commercialisti iscritti nella sezione A dell’Albo e degli esperti contabili iscritti all’elenco B.
Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Monza e della Brianza
Via Ticino 30 - 20052 Monza - Tel. 039734038 - Fax 039736436 www.odc-monza.net - [email protected]
Gli iscritti all’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Monza e della Brianza
COMMERCIALISTI (Elenco a)
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
1272A
598A
955A
781A
1426A
1233A
1323A
756A
1157A
255A
909A
15A
1397A
298A
1406A
267A
1195A
936A
813A
1007A
1473A
637A
1326A
539A
1460A
55A
190A
614A
427A
928A
991A
1308A
737A
945A
1324A
1339A
1309A
891A
589A
208A
634A
723A
1474A
1182A
1104A
1114A
408A
772A
678A
443A
420A
1411A
143A
147A
1404A
1152A
691A
1364A
52A
563A
1307A
64A
1181A
1196A
149A
1200A
1056A
1430A
1154A
832A
353A
690A
938A
1184A
1227A
301A
498A
221A
Abbiati
Abbiati
Acceso
Acella
Acelti
Acquati
Adami
Affatato
Agostini
Alaimo
Alampi
Alberti
Alberti
Alberti
Alberti
Alboino
Aldeghi
Aldeghi
Aletto
Aliprandi
Allegretti
Allievi
Allievi
Allievi
Allievi
Allievi
Aloise
Aloise
Aloisi
Altare
Altavilla
Alzati
Amadeo
Ambrosioni
Ambrosoni
Amodeo
Ancona
Andreoni
Anelli
Angiolini
Angiolini
Anselmi
Anteghini
Anzani
Anzelmo
Arati
Arcudi
Ardorino
Arena
Arienti
Arienti
Arisi
Arizzi
Arnaboldi
Arnaboldi
Arosio
Arosio
Arosio
Arosio
Arosio
Arosio
Arosio
Arosio
Arpano
Arpano
Arpano
Arpano
Artesani
Ascherio
Asnaghi
Asnaghi
Aspergh
Aspergh
Avarello
Azzollini
Baesso
Baio
Bajo
Gabriele
Maria Cristina
Carlo Vittorio
Laura
Clorinda
Silvia
Paola
Cristina
Serena
Matteo
Domenico Saverio
Antonio
Attilio
Flavio
Marco
Luigi
Cristina
Gabriele
Stefania
Barbara
Eros
Augusto
Beatrice
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
0392320076
0362343365
026196443
02780724
0396041560
0229013068
3398349370
03622721
0396079033
039323953
039365382
0362622796
0362622796
0362220594
0362565188
0299045256
039384046
0396095012
0392023687
039675037
3396548023
039623048
0362343760
0362327178
3299539380
039481684
0295019653
039362125
029105231
022403850
0362591380
0396980945
039322408
3472383485
0295743903
0331595613
0226223249
039666260
0276004827
022500365
022043112
0220404279
0362931054
3484453553
039320979
039320979
0362222997
026172415
0392209479
0362626674
022535021
0362904434
039325063
026126806
3477947770
Monza
Meda
Cusano Milanino
Milano
Concorezzo
Milano
Lissone
Seregno
Bernareggio
Monza
Lissone
Desio
Desio
Meda
31
35
***
n.d.
n.i.
23
39
33
23
n.d.
52
***
n.i.
n.d.
n.i.
31
27
20
31,5
8
n.i.
71,5
28
37
n.i.
34
47
34
32
39,5
35
33
36
n.d.
25
48
40
n.d.
34,5
***
31
26
n.i.
***
37
27
33,5
***
43
46
24
n.i.
30
70
n.i.
32
76
***
***
55,5
41
7,5
35
20
15
***
26
n.i.
39
30
20,5
22
22
34
***
11,5
30,5
85
27
26
***
n.d.
***
29
12
30
11
n.d.
48,5
***
***
n.d.
***
30
2
31
29
14
n.i.
47
5
25
n.i.
30
40
20
33
34,5
85
27
35
n.d.
27
33
49
n.d.
37
***
31
31
n.i.
***
31
50
17
14
30
52,5
37
***
23
27
***
26
35
n.d.
***
58
23
n.d.
50
3
19
15
27
***
23
34
18
24
26
29
29
3,5
24
15
1169A
1048A
953A
1085A
622A
511A
331A
673A
880A
30A
385A
138A
466A
77A
135A
529A
465A
272A
761A
642A
442A
711A
291A
1094A
1187A
438A
791A
1173A
1053A
843A
887A
819A
506A
532A
405A
1116A
900A
1291A
1378A
380A
22A
155A
636A
662A
577A
1285A
480A
1441A
879A
210A
754A
194A
250A
1327A
237A
36A
877A
1189A
1188A
1314A
579A
1049A
1010A
973A
325A
863A
749A
722A
564A
837A
475A
1019A
520A
686A
592A
109A
215A
838A
Balconi
Baldon
Ballarin
Balsari
Bancalari
Banfi
Banfi
Barbagallo
Barbaro
Barbaro
Barbirato
Barindelli
Barlassina
Barlassina
Barni
Baroni
Barteselli
Barzaghi
Barzaghi
Basilico
Basilico
Basilico
Bassani
Bastianelli
Bastianelli
Bechelli
Bechi
Belardinelli
Belgiovine
Bellini
Bellotti
Bellotti
Benini
Benzoni
Benzoni
Beretta
Beretta
Beretta
Beretta
Beretta
Beretta
Beretta
Beretta
Beretta
Beretta
Berettini
Bergamaschi
Berizzi
Bernardinello
Bertazzi
Berti
Berti
Bertocco
Bertolotti
Besana
Bestetti
Bestetti
Bestetti
Bettolini
Bianchi
Bianchi
Bianchi
Biassoni
Biella
Biella
Biella
Billé
Bindiku
Binotto
Biraghi
Biraghi
Biraghi
Bissanti
Bitto
Bocca
Bocca
Boccardi
Bocchetta
Massimiliano
Antonio Gianni
Marco
Stefano
Giovanni
Carolina
Lorenzo
Salvatore
Roberto
Vincenzo
Franco
Giovanna
Marco Daniele
Pier Giorgio
Carlo Luigi
Jean Paul
Stefania
Giovanni
Piermario
Adriano
Ermanno Umberto
Noris
Pasquale
Marco
Ugo
Massimo Augusto
Massimiliano
Federico
Paola
Fiorenzo
Fabio
Maria Antonia
Laura
Alberto
Paola Cristina
Alessandro
Denise
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
039870424
0362553135
039380821
039387817
039328347
0296701218
02669951
0392004737
039480384
0362237705
0362300479
036252731
0362544315
039386037
039383098
0245491834
0295339046
0362851415
0267643713
0392724083
0296704843
029691327
0354389801
0243982495
0243982495
022421991
0227329054
0362301501
0222470933
0362924826
036274422
0362355331
0396084919
0362343796
0289289604
026175512
0362590274
039617931
039325503
0392010746
039617931
026175512
039744701
039617931
0362590274
039461622
02669951
0266048594
039384489
039746000
0229523366
039322900
0362451001
039746878
039326925
0392300520
0392300520
0392300520
0392051553
039324562
039320979
039383971
0362623710
0362626082
0362626082
02439251
0392140166
334697220
039614378
039492902
026071802
0245491834
039323047
0396020726
025510920
024381131
039660609
0243986078
Brugherio
Seveso
Monza
Monza
Monza
Saronno
Milano
Monza
Lissone
Seregno
Desio
Cesano Maderno
Varedo
Monza
Monza
Milano
31
37,5
58
n.d.
34
36
21
***
32
***
24,5
32
39
***
***
39
39
56
35
59
39
29,5
31
4
4
42,5
62
36
5
28
37
41
66
28
n.d.
63,5
34
31
***
33,5
***
23
23,5
42
49
37
31
n.i.
4
n.d.
42
55
37,5
15
n.d.
***
32
70
28
16
n.d.
69
32
52
13
***
n.d.
49
35,5
35,5
42
44
48
47,5
28
***
17
35,5
32
33
28
n.d.
33
21
26
***
27
***
28,5
31
30
***
***
25
39
36
43
30
34
46
31
n.d.
n.d.
50,5
38
68
9
16
16
51
45
35
n.d.
62
38
34,5
16
28
***
n.d.
27
44,5
40
35
36
***
11
n.d.
34
34,5
27
19
n.d.
***
29,5
34
23
31
41
54
13
24
12
24
5
27
28,5
14
35
38
28
50
n.d.
***
28
26
Floriano Cristoforo
Paolo
Sergio
Medo
Valter Antonino
Maria
Edoardo
Francesco
Raffaele
Alessandra
Karinzia
Alessia
Andrea
Elisabetta
Vittorio
Monica
Pasquale
Roberto
Michela
Giorgio
Simona
Leonardo
Simone
Antonio
Sabrina Antonia Elvira
Giuseppe
Luciano
Patrizia
Luigi
Lucia
Angelo
Marchita
Franco
Laura
Paolo
Paolo
Roberta Maria
Roberto
Roberto
Silvia
Alessandro
Bruno
Simona
Stefano
Luca
Daniela
Franca
Gianpaolo
Laura
Stefano
Rino
Giovanna
Jole
Silvio Maria
Ferruccio
03621793109
039481080
026552035
039481080
026125069
039481080
0362303243
3388375703
0248022290
039747052
039747052
0248022290
039321580
0392141297
029180039
026195711
0362237701
0362237701
039870424
022440316
022428478
0396902818
0362221858
Lentate sul Seveso
Paderno Dugnano
Monza
Cornate D'Adda
Monza
Usmate Velate
Busnago
Bellusco
Meda
Seregno
Lissone
Lissone
Cavenago di Brianza
Monza
Paderno Dugnano
Sesto San Giovanni
Bovisio Masciago
Lesmo
Monza
Monza
Pessano con B.
Legnano
Sesto San Giovanni
Vimercate
Milano
Vimodrone
Milano
Milano
Albiate
Nova Milanese
Monza
Monza
Seregno
Cinisello Balsamo
Villasanta
Desio
Cologno Monzese
Carate Brianza
Monza
Cinisello Balsamo
Seregno
Seregno
Lissone
Milano
Lissone
Cinisello Balsamo
Lissone
Desio
Lissone
Milano
Monza
Monza
Milano
Monza
Monza
Paderno Dugnano
Cusano Milanino
Seregno
Seregno
Brugherio
Sesto San Giovanni
Sesto San Giovanni
Bernareggio
Seregno
Lorenzo Ettore Francesco
Marco
Marco
Mario
Pietro Luigi
Roberto
Roberto.
Susanna
Laura Elisa
Maura
Flavio
Rossella Francesca
Bruno
Claudio Roberto
Giovanni
Irene
Mauro
Maurizio Carlo
Alessandro
Chiara Alessandra
Mario
Simone
Filippo
Roberto
Stefania
Silvano Alessandro
Gianmario
Luciano
Marilena
Francesco
Batuzoma
Bruno
Edoardo
Maurizio
Valeria
Danilo Andrea
Alberto
Maurizio
Piercarlo
Leonardo
Paolo Bruno Dario
Cavenago di Brianza
Giussano
Milano
Monza
Saronno
Solaro
Calusco d'Adda
Milano
Milano
Sesto San Giovanni
Cologno Monzese
Desio
Cinisello Balsamo
Renate
Meda
Giussano
Vimercate
Meda
Cusano Milanino
Cinisello Balsamo
Bovisio Masciago
Arcore
Monza
Macherio
Arcore
Cinisello Balsamo
Monza
Arcore
Bovisio Masciago
Lissone
Milano
Cinisello Balsamo
Monza
Monza
Milano
Monza
Nova Milanese
Monza
Monza
Monza
Monza
Monza
Villasanta
Monza
Monza
Monza
Desio
Desio
Desio
Milano
Monza
Arcore
Arcore
Vedano al Lambro
Milano
Milano
Monza
Bellusco
Milano
Milano
Vimercate
Monza
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
516A
582A
322A
1064A
192A
1208A
20A
1435A
719A
674A
763A
1311A
1197A
957A
1341A
199A
419A
1051A
894A
1198A
1092A
23A
1236A
726A
1347A
988A
224A
1393A
1427A
1440A
328A
803A
671A
6A
970A
576A
505A
910A
274A
1137A
253A
378A
41A
740A
1293A
254A
3AES
145A
1001A
1368A
183A
418A
1039A
366A
362A
1062A
565A
401A
1044A
759A
1139A
1150A
370A
858A
1034A
164A
640A
484A
153A
432A
1179A
1028A
1008A
352A
605A
9AES
218A
1390A
Boga
Bolis
Bonabitacola
Bonacina
Bonalumi
Bonando
Bonanomi
Bonanomi
Bonanomi
Bonato
Bonato
Bonazzi
Boneschi
Bonfanti
Bonfanti
Bonfanti
Bonifaccio
Bonori
Bonuomo
Bonvicini
Bonzi
Boracchi
Borghesan
Borghi
Borghi
Borghi
Borgonovo
Borgonovo
Borgonovo
Borzomi'
Bosisio
Bossi
Bottasini
Botteon
Bottoni
Bottoni
Braghetto
Bramati
Bramati
Brambilla
Brambilla
Brambilla
Brambilla
Brambilla
Brambilla
Brambilla
Brambilla
Brambilla
Brambilla
Brambilla
Bramieri
Brasson
Bravo
Brenna
Brenna
Brenna
Brenna
Brenna
Brenna
Briguglio
Brioschi
Brivio
Brivio
Brivio
Broggi
Broggi
Bronzino
Brucoli
Brunati
Bruno
Brusa
Bucchi
Bucci
Buccola
Bugatti
Buononato
Busalini
Busnelli
Franco
Giovanni
Francesco Paolo
Paola Emilia
Carla
Stefania
Aldo
Elena
Tiziano
Andrea
Erminio
Alessandra Simona
Alessandro
Angelo
Luca
Maria
Massimo
Giovanni
Paolo
Stefania
Walter
Ferruccio
Rossano
Elena
Enrica
Giulio Maria
Luigi
Silvia
Umberto
Francesca
Paolo
Carlo
Giuseppina Maria
Mario
Doranna
Maurizio
Anna Maria
Elisabetta
Rosaria
Barbara
Carlo Luigi
Elio
Emilio
Enrico
Erika
Fabio Mario
Gianluigi
Rolando
Simona
Tamara Elisa
Mauro Enrico
Alessandro
Stefano
Carlo Maria
Enrico
Flavio
Marco
Mario
Pierluigi
Roberta
Roberto
Alberto
Ivana
Luca
Chiara
Giuliano
Marco
Giuseppe
Alfonso Mario
Carmelo
Claudio
Rita
Enzo
Francesco
Marzio
Raffaele
Marco
Andrea
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
0291605400
0362557366
0362541295
0362355030
039326290
039326290
039793820
3356474075
0270637064
0362354786
0299045000
022664771
0362326132
0392328087
03629481
0226223249
0222478191
0396918115
0393900892
0236526221
0243981751
0392319154
0362594463
0362231208
0362230808
0362567676
0392300430
0362857036
3471255765
3664073305
0331599710
0392311551
039325661
0229512192
0277204439
028633111
0392495020
0392785530
0396573210
039667090
039361437
3483081000
039667090
0396853908
0283324111
039384041
039386800
036239191
0362301501
3394784583
027630341
039325092
027785360
0362861986
0362860289
02409991
0362335147
036239191
0362332051
0396820193
3475813278
031749469
0362328242
02874506
0392025194
039831651
026596330
036273601
0269007829
0362300969
0392302467
0392847994
0362231260
Milano
29
50
n.d.
11,5
125
21
50
n.d.
18
66
89
***
48
51,5
51
6
31
26
26
43
22
31
35
34
20
20
***
29
22
31,5
22
47,5
57
***
***
41
12
31
***
***
47
23
39
34
17
36
43
36,5
49
24
31,5
***
30
***
22
28
31
27
30
27,5
20
37,5
51
45,5
45
18
51
3
41
32
***
14
20
27,5
***
34
3
19
n.d.
44,5
***
34
32
488A
321A
436A
127A
793A
685A
968A
1394A
591A
815A
355A
1337A
866A
1278A
68A
1023A
447A
1004A
382A
287A
1148A
663A
283A
8AES
363A
583A
290A
808A
544A
490A
1054A
386A
1029A
873A
1387A
927A
924A
934A
390A
1143A
954A
2AES
1313A
652A
1119A
67A
18A
550A
158A
176A
1194A
75A
1281A
303A
1059A
616A
1396A
228A
441A
668A
248A
1317A
1264A
266A
767A
610A
1484A
1002A
1461A
14AES
864A
1360A
667A
417A
1265A
1310A
848A
425A
Butera
Buzzi
Cabrele
Cacchione
Caccia
Cacciabaudo
Cacciaguida
Cacciola
Cafaro
Caiati
Cairoli
Cajani
Calabretta
Caldarini
Caldarini
Caldart
Calderara
Cali'
Caliendo
Calloni
Calloni
Calloni
Calo'
Camesasca
Camillo
Cammareri
Camnasio
Camnasio
Campanale
Campanale
Campitelli
Candido
Cantaluppi
Cantoni
Cantù
Capaccio
Caporale
Caporali
Caporali
Capozzi
Capozzi
Cappadona
Cappellozza
Cappellozza
Cappuccilli
Capra
Capra
Caprotti
Caputo
Caramaschi
Cardellini
Carera
Carnabuci
Carozzi
Carrera
Cartolari
Carucci
Carzaniga
Carzaniga
Casabona
Casadei Lelli
Casati
Casati
Casot
Cassader
Cassaghi
Cassago
Castagna
Castelnovo
Castoldi
Castoldi
Fanny
Roberto
Daniela
Giorgio
Giuseppe
Fabrizio
Massimo
Piergiuseppe
Claudio Vincenzo
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
039380821
0362355030
0362221843
0222472030
0222474276
0392301171
0396015786
029252591
0392301909
0392304591
0392300430
3393296952
0392142429
0362903643
0362237789
0272000937
039839258
039876048
039830741
039304794
039360684
0243982495
0362326969
0392023995
029102125
3476415851
0362303455
022046233
0266015384
0362556401
0393902609
0362364496
0399205262
0362910627
3283821656
0290939699
022440316
0266043069
039836295
0362230808
0266015181
039327039
039731367
0392720494
039791772
039833257
Monza
Giussano
Seregno
Milano
42
n.d.
57
n.d.
34
37,5
33,5
***
19
n.d.
67,5
34
7
44
***
***
34,5
34,5
35,5
48
55,5
4
31,5
***
41,5
40
42,5
57
35,5
58,5
24
56
24,5
***
***
23
29
40
37
22,5
51
***
4
n.d.
33
34,5
***
23
***
20
52
***
30
n.d.
40
31
n.i.
4,5
69
20
30
31
48
30
33
46,5
n.i.
29
n.i.
***
24
***
57,5
n.d.
31
31
11
60,5
32
n.d.
36
n.d.
42
36
31,5
30
n.d.
n.d.
76
32
9
37
***
30
32
33
33
45
24
n.d.
33
***
05575922558
039796470
031252350
0234538038
0258113256
Lentate sul Seveso
Cesano Maderno
Giussano
Monza
Monza
Muggiò
Monza
Milano
Giussano
Paderno Dugnano
Milano
Seregno
Monza
Triuggio
Sesto San Giovanni
Sesto San Giovanni
Vimercate
Monza
Sesto San Giovanni
Milano
Monza
Bovisio Masciago
Seregno
Seregno
Barlassina
Monza
Giussano
Seregno
Brugherio
Legnano
Monza
Monza
Milano
Paderno Dugnano
Milano
Vedano al Lambro
Muggiò
Agrate Brianza
Vimercate
Monza
Meda
Vimercate
Vimercate
Milano
Monza
Monza
Desio
Desio
Busnago
Milano
Monza
Milano
Giussano
Giussano
Milano
Giussano
Desio
Giussano
Cornate D'Adda
Seregno
Mariano Comense
Seregno
Milano
Monza
Monza
Biassono
Meda
Milano
Desio
Monza
Monza
Seregno
Sansepolcro
Muggiò
Cesano Maderno
Milano
Milano
106,5
***
n.i.
76
49
n.d.
44
34
49
42
58
30
28
34,5
37
28
***
37
***
***
43
51,5
***
n.i.
n.i.
28
22
29,5
***
***
47
33,5
32,5
29
17
66,5
35,5
27
55
37
32
***
58
69
***
48
56,5
30
29
33,5
23
37,5
51
82
34
7
21
15
n.d.
26
***
29
27
32,5
10
30
4,5
37
n.d.
43,5
***
45
***
Roberto Domenico Angelo
Paola
Stefano
Giuseppe
Carlo
Egidio Carlo
Giorgio
Italo Silvio
Stefania
Maurizio Maria Massimo
Angela
Massimiliano
Miretta
Nicola
Marco Francesco
Walter Flavio
Francesco
Angelo
Giuseppe Arturo
Michele
Rosa
Fabio Massimo
Francesco
Christian Giulio Enrico
Castoldi Osculati
Michela
Davide
Lucia
Mario Domenico
Franca
Nazareno
Antonella
Daniela Angela
Antonino
Gianluca Paolo
Giuliano
Angelo
Camillo
Pierangelo
Paolo
Mario
Claudio
Ivan
Maria Luigia
Elio
Maria Antonia
Marco
Alessandro
Irene
Andrea
Fabio Antonio
Giovanni
Walter
Davide
Elisa Mara
GiaComo
Roberto
Bertilla
Francesca
Giovanna
Marco
Marco
Michele
Alessandro
Catania
Catania
Catona
Catona
Cattaneo
Cattaneo
Maria Luisa
Alessandro
Leda Antonietta
Giovanni Alberto
Severino
Giorgio Giovanni Mario
03992301126
0283324111
0362311706
039617931
024812855
039367234
027719081
0362924684
0396082842
039367751
3493196256
039670274
039670274
0248518975
039365079
3382144957
039746020
022534409
0267076981
039884365
039323295
0362903534
3282127952
039387675
039320665
039667731
039383971
0362328242
0291605004
0362805360
0362544152
039304291
Sesto San Giovanni
Monza
Arcore
Carugate
Monza
Monza
Monza
Seregno
Brugherio
Carate Brianza
Seregno
Milano
Monza
Brugherio
Monza
Villasanta
Monza
Milano
Seregno
Monza
Paderno Dugnano
Lissone
Desio
Milano
Cinisello Balsamo
Lentate sul Seveso
Monza
Nova Milanese
Casatenovo
Briosco
Cesano Maderno
Trezzo sull'Adda
Sesto San Giovanni
Cinisello Balsamo
Monza
Seregno
Cinisello Balsamo
Monza
Monza
Monza
Muggiò
Monza
Monza
Milano
Giussano
Arcore
Milano
Monza
Milano
Renate
Vimercate
Monza
Paderno Dugnano
Carnate
Carnate
Milano
Monza
Lissone
Muggiò
Cologno Monzese
Milano
Brugherio
Monza
Carate Brianza
Cogliate
Monza
Monza
Vimercate
Monza
Seregno
Milano
Carate Brianza
Varedo
Villasanta
101,5
27
71
29,5
41
n.d.
20
41
***
27
34
19
29
***
n.d.
43,5
40
***
4
n.d.
36
22,5
***
31
***
31,5
51
***
31
2
21
32
***
29
66
3
25
27
70
33
47
36
n.i.
9
n.i.
***
22
30
59
n.d.
19
33
19
70
Gli iscritti all’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Monza e della Brianza
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
631A
1006A
1421A
1026A
114A
1230A
113A
1282A
1336A
1385A
17AES
911A
1242A
1320A
1095A
1089A
247A
773A
172A
1277A
1075A
982A
750A
647A
625A
725A
501A
1041A
1155A
4AES
951A
448A
659A
573A
281A
1296A
1068A
496A
666A
90A
1273A
1332A
1018A
530A
1478A
829A
1355A
1446A
768A
680A
1434A
189A
655A
1354A
744A
81A
165A
618A
489A
1322A
1055A
256A
755A
343A
558A
705A
787A
1167A
332A
219A
1338A
292A
886A
182A
82A
478A
757A
1199A
Cattelan
Catucci
Cavallaro
Cavallaro
Cavenaghi
Cavenaghi
Cavenaghi
Cazzaniga
Cazzaniga
Cazzetta
Cecca
Ceccatelli
Cecconello
Celadin
Cella
Cellegato
Celli
Centamore
Cereda
Cereda
Cereda
Cerliani
Cerliani
Cesana
Cesana
Cesana
Cherubini
Chiodetti
Chiodi
Chiodi
Ciceri
Ciocia
Cipriano
Cipriano
Citro
Citterio
Citterio
Citterio
Citterio
Citterio
Ciuffreda
Civati
Civati
Clementi
Cocci
Cogliati
Cogliati
Colasanto
Cologna
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Colombo
Comi
Comuzzi
Confalonieri
Confalonieri
Stefano
Pierpaola
Eleonora
Elisabetta
Giulio
Marta
Piercarlo
Angelo Massimo
Antonella
Damiano
Giovanna
Riccardo
Samuela
Paola
Barbara
Guendalina
Antonio
Giovanni
Agostino
Giovanni Leonardo
Paola
Laura
Mario Giuseppe
Giuseppe
Maria Luisa
Mario
Mario
Cristina
Fabio
Gianfranco
Massimo
Massimo Paolo
Alberto
Giovanni
Guido
Alberto
Alessandra
Gianmario
Gianpaolo
Giulio
Stefania
Luca
Roberto
Francesco Giuseppe
Maurizio
Luigi
Massimo
Michele
Egidio
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
0286461918
039323341
3474501117
0362226740
0362904434
0362904434
0392495579
026071802
3384147217
3389263873
3283275079
0266049250
0362565206
036252731
0396886496
029103492
022485773
0362550787
0362621030
3474869500
0396069908
02669951
0362520400
0341357711
031751810
0362903082
0392326322
0362301351
039879186
039674994
036272406
0266049322
022427645
022427645
022592624
0254109017
039324218
039324218
0362231122
026595419
039368606
0399715797
3356136611
0331677429
0362342348
039243101
0396064830
3474132901
0395974740
039380558
039388398
0362342778
0362503584
028633111
0392454670
039380558
0266986847
0393900419
0396014511
0362335086
026134988
039380489
03622721
024987956
0396012539
0396892970
027785545
3355312940
0362942033
0331623464
0236536452
0362341216
0396815218
036274422
0396851132
0291605804
039328347
0362930864
Milano
Monza
Seregno
Seregno
Carate Brianza
Carate Brianza
Vedano al Lambro
Milano
Giussano
Barlassina
Muggiò
Cinisello Balsamo
Barlassina
Varedo
Agrate Brianza
Paderno Dugnano
Sesto S.Giovanni
Cesano Maderno
Desio
Concorezzo
Lesmo
Milano
Cesano Maderno
Lecco
Mariano Comense
Carate Brianza
Monza
Desio
Brugherio
Carnate
Meda
Cinisello Balsamo
32
38,5
n.i.
41
68
60
n.d.
46
32,5
***
***
45
19
49
35,5
n.d.
40
46,5
38,5
39
***
37
31
33
31
31
24,5
34
38
***
***
25
48
33
n.d.
41
25
26
31
n.d.
22
31
30
27,5
54
37
***
n.i.
20
4
n.d.
47
14
***
31
***
7
4
24
51
44
35
37
30
31,5
30
12
36
56
31
11
36
31,5
28
31
22
31,5
21
39
23
***
47,5
37,5
105
n.d.
44
n.d.
6
***
21
28
20
37
n.d.
38
54
37
38
6
3
26
21
20
30
18,5
21
33
***
***
23
36
25,5
n.d.
7
32
27
15
n.d.
***
30
35
44,5
49
22
34
***
19
48,5
n.d.
40
27
38
21,5
***
n.d.
39
40
30
19
46
26
19
30
26
47
44
49
33
13
30
***
24
n.d.
34
38,5
27
842A
606A
884A
1097A
1373A
1410A
826A
410A
336A
11AES
1289A
1342A
780A
105A
1074A
1297A
537A
259A
493A
798A
1357A
4A
49A
464A
204A
1416A
995A
1130A
1325A
1479A
1021A
1249A
191A
413A
730A
540A
89A
66A
1058A
660A
483A
115A
428A
1099A
672A
1103A
1481A
937A
604A
88A
720A
1117A
513A
379A
828A
847A
148A
324A
1050A
1488A
230A
80A
1093A
1202A
717A
101A
98A
1343A
383A
7A
1035A
225A
683A
1374A
549A
251A
1386A
1012A
Confalonieri
Confalonieri
Conforti
Consonni
Consonni
Conte
Contessi
Conti
Conti
Conversi
Coppi
Corbella
Corbella
Corbella
Corbetta
Corbetta
Corbetta
Corcella
Cordaro
Corica
Corno
Corno
Corno
Corno
Corno
Corti
Corti
Cossu
Cozzi
Cozzio
Crenna
Crippa
Crippa
Crippa
Crippa
Crippa
Crippa
Crippa
Cristino
Crivelli
Croci
Cucchi
Cunsolo
Curioni
Da Broi
D'Alessandro
Dalla Bona
Dalla Longa
Dalla Pieta'
D'Ambrosio
D'Amico
D'Andrea
Dassi
Dassi
Dassisti
D'Auria
Dazza
De Alexandris
De Bona
De Capitani
De Carlini
De Cicco
De Fabris
De Gaetano
De Gennaro
De Giuli Botta
De Giuli Botta
De Marinis
De Mastro
De Ponti
De Ponti
De Ponti
De Regibus
De Sensi
De Spirito
De Stefano
De Toni
De Vito
Franco
Monica Angela
Ernesto
Cesare Gabriele
Giulia
Federico
Daniele Angelo
Marco
Massimo
Serenella
Maria Luisa
Giacomo
Luigi
Piero Luigi
Marco
Matteo
Valter Agostino
Rita
Marco
Giuseppe
Daniele
Gian Giacomo
Gianfranco
Giulio
Vittorino
Alberto
Daniela
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
0276317585
039322900
029513409
0362284567
3358381938
3471430566
0276013739
0396612173
0362221843
029187442
0362221858
039387232
039320549
039387232
0362557727
0395970670
0392144079
0362343205
036239191
Milano
Monza
Gorgonzola
Meda
Arcore
Monza
Milano
Vimercate
Seregno
Paderno Dugnano
Seregno
Monza
Monza
Monza
37
40
56
34
***
n.i.
19
54
51
***
29
25
21
***
26
21
63
34
59
4
***
***
***
n.d.
34,5
n.i.
31,5
***
35,5
n.i.
3
33
6,5
13
30
n.d.
29
***
32
31,5
34
55,5
10
31
100
24
37
40
n.d.
23
9
41
30
31
16
***
31
20
30
n.i.
67
***
48
***
23
15
n.d.
n.d.
n.d.
***
8
n.d.
22
***
***
89
***
48
24
41
22
34
***
***
22
27
23
***
45
24
33
***
29
36
39
26,5
30
n.d.
58
***
6
14
28
***
28,5
35
38,5
n.i.
3
24
n.d.
24,5
30
n.d.
16
***
37
20
35
23,5
57,5
32
81
66
23
41
n.d.
31
34
19
14
34,5
3
***
28
50
16
***
72
***
27
43
39
30
n.d.
n.d.
18
***
24
31
20
n.d.
***
48
29
63
Alberto Alessandro
Barbara
Dario
Fabio
Fabio
Franco
Giacomo
Gianni Mario
Giovanni Angelo
Graziella
Laura
Lorena
Luigi
Marco
Maria Antonia
Maria Paola
Massimo
Matteo Gaetano
Paola
Pierangela
Riccardo
Roberta
Roberto
Selene
Sergio
Giorgio Luigi
Paolo Antonio
Diego
Fabrizio
Sesto San Giovanni
Sesto San Giovanni
Milano
Milano
Monza
Monza
Seregno
Cusano Milanino
Monza
Lissone
Monza
Busto Arsizio
Meda
Lissone
Lesmo
Cassano d'Adda
Monza
Monza
Monza
Meda
Cesano Maderno
Milano
Lissone
Monza
Milano
Monza
Arcore
Bovisio Masciago
Cusano Milanino
Monza
Seregno
Milano
Arcore
Agrate Brianza
Milano
Seregno
Besana in Brianza
Busto Arsizio
Sesto S.Giovanni
Meda
Ronco Briantino
Meda
Vimercate
Milano
Monza
Albiate
Cecilia Maria Vittoria
Paola Maria
Lorenzo
Giovanni
Alberto
Aldo
Angelo
Antonio Maria
Carlo
Carlo Alvaro
Luigi
Antonietta
Gianmario
Alberto
Franco
Antonio Mario
Stefano
Daniela Giuliana
Francesca Maria
Piergiuseppe
Marco
Maurizio
Antonio
Pasquale
Davide
Giampaolo
Luciano
Giovanni Rosario
Carla
Oreste
Maurizio
Angelo
Arianna
Carlo
Natale
Oreste
Scilla
Giuseppe
Alberto
Gabriella
Francesco Alessandro
Francesco
Amos
Luca Maria
Maurizio
Pietro
Giovanna Francesca
Raffaele
Adolfo
Anna
Antonio
039360167
0392456792
0396014243
0392456792
0396900313
3473580905
0362312104
0362621482
039883234
3479350144
026596571
0362911609
039791085
0396885441
0392302824
0396926025
039389443
0396042796
0392145218
0392301150
0392495026
022404760
0393900885
0362861986
039326290
0262694866
0362354620
0220521401
0392876034
0392726439
0226225243
024381131
0229000827
0392458101
029691337
0362238759
0254122922
039384489
0297373068
3387424393
0362301501
026172622
0362630524
3470480822
0362554225
039366342
039366342
0362304162
022543706
0362235875
0393900576
039389847
039321923
3488818263
0392100563
0396083248
039481296
0362337996
Lentate sul Seveso
Monza
Muggiò
Meda
Desio
Parma
Monza
Lissone
Arcore
Lissone
Bernareggio
Monza
Giussano
Desio
Brugherio
Monza
Milano
Veduggio con Colzano
Lissone
Busnago
Monza
Cornate D'Adda
Monza
Concorezzo
Lissone
Monza
Monza
Sesto San Giovanni
Monza
Giussano
Monza
Milano
Giussano
Milano
Brugherio
Monza
Sesto San Giovanni
Milano
Milano
Lissone
Solaro
Seregno
Milano
Monza
Sesto San Giovanni
Monza
Desio
Cinisello Balsamo
Desio
Seregno
Varedo
Monza
Monza
Desio
Cologno Monzese
Seregno
Monza
Monza
Monza
Monza
Monza
Vimercate
Lissone
Desio
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
310A
890A
1462A
764A
1183A
92A
1241A
569A
1382A
185A
908A
388A
1178A
1100A
1067A
682A
1223A
609A
1334A
821A
653A
797A
504A
897A
1482A
1408A
269A
707A
1304A
1491A
174A
985A
958A
1072A
439A
623A
384A
824A
431A
360A
314A
278A
1052A
1376A
94A
1163A
840A
990A
223A
1250A
1280A
285A
373A
159A
474A
111A
551A
1014A
184A
693A
445A
97A
1489A
1403A
234A
368A
1363A
1138A
830A
1080A
214A
736A
695A
5A
596A
1220A
733A
1136A
De Vito
Degni
Del Felice
Del Greco
Delforo
Della Torre
Della Torre
Della Valle
Dell'Aquila
Dell'Arti
Delledonne
Dello Iacono
Dell'Orto
Dell'Orto
Dell'Orto
Delvo'
Denova
Dente
Deriu
Des Dorides
Michele
Cosimo Marco
Federico
Elena
Sabrina
Erminio Domenico
Marialuisa
Claudio
Andrea
Maurizio
Alessandra
Antonio
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
0362552886
026132286
0392301594
0393902537
0245470477
039481232
039324200
0266805442
0392051278
039881137
0224414739
039617200
0398947477
0362302677
0283322154
039380710
0362245221
0362623228
Cesano Maderno
Cusano Milanino
Monza
Monza
Milano
Lissone
Monza
Milano
Villasanta
Brugherio
46
38,5
n.i.
21,5
29
***
27
n.d.
***
15
n.d.
35
33
13
28
30
34
28
***
n.d.
31
31
68
35
n.i.
n.i.
n.d.
26
11
n.i.
45
31
16
31,5
4
30
4
n.d.
n.d.
34
34,5
55
4
***
***
30
34
32
30
45
n.d.
n.d.
44
n.d.
28
***
39
48
22
n.d.
43,5
***
n.i
n.i.
18,5
43
***
22
44
33
61
43
31,5
***
30
31
28,5
37
n.d.
32
n.i.
n.d.
17
***
29
n.d.
105
27
57
31
11
14
20
31
26
33
***
n.d.
30
n.d.
42
26
n.i.
***
n.d.
32
18
n.i.
37
26,5
11
21
23
30
16
n.d.
n.d.
32
28
57
n.d.
32
***
16
35
33
23
56
n.d.
26
30
n.d.
28
***
24
40
23
n.d.
33,5
***
n.i.
***
15,5
29
7
19
35
18
34
43
32
***
***
22
27
35
297A
319A
293A
515A
1141A
1437A
799A
770A
1405A
643A
801A
1442A
545A
1303A
33A
892A
626A
7AES
1123A
235A
1209A
1331A
1246A
1107A
229A
1071A
969A
893A
365A
1443A
1413A
738A
1344A
778A
795A
273A
146A
1268A
288A
1258A
948A
202A
1318A
522A
983A
137A
811A
568A
548A
116A
308A
745A
697A
856A
171A
65A
201A
286A
1078A
510A
1240A
1463A
150A
566A
258A
852A
1288A
649A
794A
518A
867A
743A
512A
491A
472A
1454A
1346A
844A
Fedeli
Felappi
Fernicola
Ferradini
Ferrandino
Ferrandino
Ferrara
Ferrara
Ferrara
Ferrari
Ferrari
Ferrario
Ferraro
Ferraro
Ferraro
Ferrerio
Ferri
Fiamingo
Fierro
Figiani
Filetti
Filippini
Fioravanti
Fiore
Fiorese
Firmano
Florio
Folci
Fontana
Fontana
Fontana
Formenti
Formenti
Formenti
Formigaro
Forni
Forzatti
Fossati
Fossati
Fracassi
Francesca
Franceschin
Franchina
Franciosi
Fresi
Frigerio
Frigerio
Frosini
Fugazzaro
Fumagalli
Fumagalli
Fumagalli
Fumagalli
Mirella Maria
Elena
Laura
Fulvia
Pasquale
Rosanna
Caterina
Francesco
Marco
Giuseppe
Roberto Claudio
Paolo
Antonino
Guido
Luigi
Daniele Enrico
Alessandra
Filippo
Nicola
Giorgio
Mario
Barbara
Laura
Ciro
Franco Vincenzo
Edoardo
Dario
Alessio
Antonio
Paola
Raffaele
Franco
Matteo
Silvio
Stefano
Ernesto
Gianmario
Daniele
Edoardo
Cristiano
Michele
Mirco Francesco
Daniele
Carlo Achille
Pietro
Gaetano
Lara Maria
Maria Ermelia
Graziella
Luciano
Marco Angelo
Maria Clotilde
Simonetta Maria
Franco
Alberto
Antonio
Andrea
Giorgio
Lillo
Alvaro
Cinzia
Federica
Gianvittorio
Mario
Piero
Pietro
Stefania
Davide
Antonio Arturo
Fabrizio
Luigi
Marco
Monica
Silvia
Andrea
Gisella
Marzia
Flavio Roberto
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
0392022332
0362347298
0396613100
0276009166
0362600427
3291032793
0270106549
027785525
039870424
022404368
02 6129291
022440316
3476415851
039323817
039323817
039384448
0362631400
039490340
0277851
029506547
0396180238
039650896
039324986
0399715257
0226265227
0392785574
3385360561
0362805382
0276021514
0392209415
0362303455
039387232
036239191
02855031
0362910309
0258309859
039380710
0272010553
039367766
0392322251
039325486
0227001888
3382218141
039673501
023491184
039388628
0362520704
039747168
0362368277
039616803
039324500
0362630524
0392726088
02546731
039320241
036270653
0227301745
0392000579
039666161
0276001452
0396015515
039304291
039324278
0399908778
031745200
0292150069
0392051652
0229534831
0362594558
039463526
0229060798
0362355030
039742887
039622706
036275181
0362557422
039280251
0276317585
Monza
Meda
Vimercate
Milano
Nova Milanese
Monza
Milano
Milano
Brugherio
n.d.
31
37
32
8
n.i.
n.d.
43
n.i.
30
64,5
n.i.
40
35
25
31
30
***
n.d.
15
21
42
n.d.
39
70
39,5
21
24
34
n.i.
n.i.
33,5
43
31
20
12
34
32
33
54,5
21
37
38
***
20
25,5
16,5
19,5
14,5
n.d.
36
35
80,5
16
32,5
n.d.
27
49,5
32
n.d.
34,5
n.i.
46
28
30
n.d.
26
35
42
34
n.d.
11,5
50,5
53
28,5
n.i.
34
31
n.d.
26
39
26
36
***
n.d.
29
***
26
33
***
29
29
16
27
34
***
33
33
17
24
44
24
87,5
28
26
37
29
***
***
25,5
24
33
27
n.d.
31
34
15,5
22
20
15
26
***
10
42,5
4
42
n.d.
n.d.
19,5
37
61
n.d.
30
4
37
59
25
n.d.
32
n.i.
38,5
23
82
n.d.
24
31
35
30
n.d.
20,5
32,5
31
29
n.i.
37
19
Di Bella di Santa Sofia
Alessandro Ettore A.
Marco Luigi
Stefano
Andrea Luigi
Maria Valeria
Sabino
Giovanni Luciano
Massimiliano
Alessandro Filippo
Di Bella di Santa Sofia
Rosario Alessandro Franco
Di Costanzo
Di Donato
Di Filippo
Di Garbo
Di Giulio
Di Gravina
Di Lazzaro
Di Leone
Di Meglio
Di Meglio
Di Stefano
Di Vara
Dianese
Diani
Ditrani
Dolce
Dolce
Dolci
Donatiello
Donghi
Doni
Donini
D'Onofrio
Donvito
Donzelli
Dorenti
Dosso
Dozio
Durante
Elli
Erba
Erba
Erba
Esposti
Fabbri
Fabris
Facchin
Facchin
Facchin Assi
Facchin Assi
Facci
Faccoli
Faini
Falco
Falcone
Farina
Farina
Farina
Farina
Farina
Farro
Fasoli
Fasolo
Fatrizio
Fava
Fazio
Maria Patrizia
Michele
Carmine
Giuseppe Giuliano
Giovanni
Maurizio
Pietro
Leonardo
Alfredo Silverio
Gianmario
Calogero
Giuseppa
Antonio
Marino
Ferdinando
Giovanni
Marcello
Paolo
Emilio
Mario
Giancarlo
Silvia
Antonio
Debora
Paolo
Luca
Giovanni Virginio
Roberto
Elena
Massimo
Laura
Renzo
Roberto
Luigi
Valter
Luca
Claudio
Laura Silvana
Marco
Mario
Diego
Sara
Francesco
Francesco Antonio
Santo Antonio
Andrea
Laura Maria
Luca
Nadia
Stefano
Guglielmo
Claudio
Patrizia
Paolo Pippo
Manuela
Angela
+44(0)2073114069
3475795756
0266048847
0266048847
0392102275
022543396
3208130892
3475996253
039746824
0226222174
0392311099
3497873569
0362341216
0362341216
0266041478
039360684
029106479
0236515231
0227302426
0396918143
039673016
0225147028
031743008
029609008
0362996502
022500133
0396012605
0399712688
02782132
02796556
039388347
039380489
026132389
039660609
039461409
039322722
039463197
039327012
0226826266
039320957
0266803890
029182157
0396085338
039667693
3280229946
0266045461
039327885
039831334
3280112617
039327298
0362901179
0392149000
0362902027
039461661
0362638896
0392496943
0226510003
0265585.1
3358239817
036242407
Sesto San Giovanni
Arcore
Monza
Desio
Milano
Monza
Seregno
Desio
London
Milano
Cinisello Balsamo
Cinisello Balsamo
Monza
Cologno Monzese
Meda
Barlassina
Monza
Sesto San Giovanni
Monza
Solaro
Meda
Meda
Cinisello Balsamo
Monza
Paderno Dugnano
Sesto San Giovanni
Cologno Monzese
Burago di Molgora
Carnate
Sesto San Giovanni
Mariano Comense
Saronno
Besana in Brianza
Desio
Arcore
Monza
Milano
Milano
Monza
Monza
Cusano Milanino
Vimercate
Lissone
Monza
Lissone
Monza
Milano
Monza
Milano
Paderno Dugnano
Vimercate
Vimercate
Lazzate
Cinisello Balsamo
Monza
Monza
Cinisello Balsamo
Monza
Carate Brianza
Monza
Carate Brianza
Lissone
Desio
Monza
Vimodrone
Milano
GESSATE
Nova Milanese
Fumagalli Romario
Fumeo
Fusetti
Gaddi
Gaetani
Gaetani
Galbiati
Galbiati
Galbiati
Galbiati
Galbiati
Galbiati
Galbiati
Galbiati
Galelli
Galimberti
Galimberti
Galimberti
Galimberti
Galimberti
Galimberti
Galli
Galli
Galli
Galliani
Sesto San Giovanni
Cinisello Balsamo
Sesto San Giovanni
Lissone
Monza
Monza
Monza
Desio
Lissone
Milano
Cambiago
Arcore
Agrate Brianza
Monza
Monza
Sesto San Giovanni
Muggiò
Cesano Maderno
Carate Brianza
Milano
Biassono
Desio
Monza
Desio
Milano
Briosco
Milano
Monza
Milano
Monza
Biassono
Monza
Milano
Barlassina
Carnate
Milano
Monza
Cesano Maderno
Monza
Nova Milanese
Arcore
Monza
Desio
Monza
Monza
Monza
Meda
Cologno Monzese
Monza
Vimercate
Milano
Arcore
Villasanta
Monza
Merate
Mariano Comense
Carugate
Villasanta
Milano
Bovisio Masciago
Lissone
Milano
Giussano
Monza
Bellusco
Meda
Barlassina
Monza
Milano
Gli iscritti all’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Monza e della Brianza
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
777A
684A
10AES
679A
782A
1401A
282A
1356A
1228A
169A
597A
584A
265A
1487A
227A
612A
3A
350A
1428A
107A
681A
1171A
407A
1206A
372A
1168A
963A
244A
444A
1231A
913A
1455A
919A
268A
1284A
1060A
1418A
882A
792A
134A
1096A
1031A
1383A
28A
1448A
252A
1340A
374A
699A
860A
615A
1088A
874A
708A
920A
1144A
1456A
449A
262A
1128A
284A
1485A
603A
1312A
1257A
403A
1120A
1229A
1212A
1011A
633A
1027A
108A
139A
552A
1292A
402A
302A
Gallistru
Gallo
Gallo
Gallo Riva
Gallotti
Galmanini
Gamba
Gambino
Gandini
Gandini
Gandini
Gandolfo
Gardella
Gardella
Gardini
Gargano
Gariboldi
Gariboldi
Garozzo
Garzoni
Gasparin
Gasparino
Gastaldi
Gatti
Gavazza
Gavazzi
Gavioli
Gelosa
Gentili
Geraci
Geremia
Gerini
Germano
Gervasio
Ghezzi
Ghezzi
Ghigo
Ghilardi
Ghiringhelli
Ghislanzoni
Ghizzoni
Giacometti
Giaconi
Giambelli
Giampaolo
Giancaterino
Giangreco
Giani Tagliabue
Giannini
Giannobi
Giannoni
Gianotti
Giansiracusa
Gianturco
Giardini
Giletto
Giorgetti
Giorgetti
Giornelli
Giornelli
Giove
Giovinazzo
Girardin
Gironi
Giudici
Giudici
Giudici
Giurato
Alfredo
Andrea
Salvatore
Patrizia
Francesco
Giuseppe
Mario
Alessandro
Francesca
Mauro
Stefano
Carlo
Giovanni
Sara
Diletta
Angelo
Carlo
Savio
Nunzia Valeria
Giuseppe
Franco
Simonetta
Marisa
Delia
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
0392000502
0392876087
Monza
Brugherio
Lissone
Monza
Correzzana
Milano
Monza
Monza
Seregno
Cinisello Balsamo
Cinisello Balsamo
Milano
Cologno Monzese
Cologno Monzese
Brugherio
Monza
Lissone
Lissone
Lissone
Seregno
Cinisello Balsamo
Monza
Pioltello
Sovico
Varedo
Seregno
Cusano Milanino
Milano
Monza
Seregno
Milano
Monza
Mariano Comense
Vimercate
Lissone
Milano
Monza
Monza
Milano
Milano
Vimodrone
Milano
Carate Brianza
Lesmo
Carnate
Monza
Desio
Monza
Milano
Monza
Milano
Carate Brianza
Seregno
Monza
Vedano al Lambro
Monza
Meda
Meda
Monza
Monza
Monza
Sovico
Milano
Milano
25
24
***
31
22
n.i.
42,5
***
23
84,5
28
30
30
n.i.
34
22
***
36
n.i.
35
31,5
30,5
30,5
44
38,5
29
26
46
46,5
31
***
n.i.
28
20
60
35
n.i.
35
35
32
60
***
***
65
n.i.
55
13
32
n.d.
2
8
35
40
***
35
33
n.i.
32
30
35
30
n.i.
26
45
23
2,5
30
35
24
n.i.
n.d.
64
33,5
23,5
31,5
15
51,5
77
25
12
***
30
32
***
32
27
***
49,5
25
30
28
n.i.
36
23
***
36
***
45
31
***
26
3
38
39
40
61
21,5
30
***
n.i.
20
***
12
30
***
34
31
***
48
n.d.
44
***
***
54
22
30,5
n.d.
20
3
37
29
n.d.
49
28
n.i.
n.d.
33
23
33
n.i.
34,5
23
39
n.d.
24
23
19
n.d.
40
33
36,5
5
19
3
31
53
404A
706A
1164A
1057A
524A
989A
1087A
941A
855A
16AES
400A
1207A
1191A
1377A
1464A
978A
1457A
394A
468A
60A
196A
79A
1425A
967A
396A
340A
1450A
1AES
1176A
426A
786A
1217A
607A
997A
1025A
1438A
758A
932A
1270A
299A
175A
1447A
309A
354A
391A
1232A
455A
914A
409A
600A
779A
306A
942A
178A
1475A
907A
694A
676A
553A
1391A
980A
525A
142A
387A
1275A
1A
47A
523A
1090A
173A
776A
888A
521A
1017A
775A
179A
358A
1358A
Grasso
Grasso
Grasso
Greco
Grifoni
Griggio
Grimoldi
Grossi
Guarnaccia
Guarriello
Guelpa
Guelpa
Guerra
Ho Dac
Iantomasi
Iavarone
Imbriani
Imparato
Inganni
Insabato
Insinga
Intelisano
Intelligente
Intropido
Invernizzi
Ioppolo
Ippolito
Irlante
Isolino
Isolino
Izzo
La Perna
La Rocca
La Valle
Lacchini
Lafratta
Lamantia
Lamperti
Lanaro
Lanzani
Lappa
Lastrina
Latella
Lazzari
Lecchi
Lecchi
Lecchi
Lecchi
Leggiero
Lenarduzzi
Leonardi
Leonardi
Leoncavallo
Leone
Leone
Leonetti
Leopizzi
Lettieri
Levati
Limatola
Lisjak
Lissoni
Lo Maglio
Lo Verso
Locatelli
Locati
Locati
Locati
Loli
Lomazzi
Lombardi
Lombardi
Lombardo
Lombardo
Lonardoni
Longoni
Longoni
Longoni
Laura
Tommaso
Umberto
Daniele
Cesare Andrea
Mauro
Paolo Emanuele
Antonio Ilario
Pietro
Luisa
Giuseppe
Silvia
Sara
Cam Linh
Michele
Maria Grazia
Paolo Pietro
Vittorio
Giuliano
Giovanni
Filippo
Sebastiano
Daniela
Pinuccia Maria
Giuseppina
Massimo
Marco Anselmo
Vincenzo
Alessandro
Giovanni
Pietro
Alessia
Antonio
Marisa
Elena
Alessandro
Antonino
Rolando
Giovanna
Natale Carlo
Livio
Giusy
Antonio Michele
Emanuela
Alessandra Maria
Maristella
Silvia Luisa
Stefano
Salvatore
Pierluigi Valentino
Domenico
Giuseppe Franco
Annamaria
Ausilio
Vittoria Letizia
Alessandro
Sabrina
Giovanni
Franco
Fabrizia
Stefano
Cesare Mario
Pierangelo
Rosa Maria
Luca
Gianfranco
Lorenzo
Nadia
Alberto
Fabio
Marco Maria
Rosaria
Raffaele Giuseppe
Vincenzo
Luca
Augusto Angelo
Carlo
Chiara
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
0392101429
039329754
039329754
0255010450
0286997999
0392326943
026693497
0225397279
039791699
0362327055
0362327055
02794417
0266995773
3311228359
0226141159
0396042871
0396081554
0248011435
Monza
Monza
Monza
Milano
Milano
Monza
Milano
Cologno Monzese
Muggiò
Seregno
Seregno
Seregno
Milano
Milano
Busnago
Milano
Concorezzo
Burago di Molgora
Milano
022423352
Sesto San Giovanni
0226225905
039362793
039384041
029504997
022620578
039327916
039884365
0362239984
039733883
039733883
0362221858
0362243724
0362326923
0362326216
039830952
3473911580
025425991
0396918109
0396886496
0362342566
0362622176
0362624811
0295349226
0392726509
0267076414
0392878348
0392495292
028633111
0392497101
0362558315
0362222805
0362222805
02711821
022547194
3387663953
0222476699
039323047
0285141
039668563
3472520038
0392141294
0392326976
0286915468
0227303032
0362853166
039361437
03629481
039831472
025512170
0392302985
0331491840
039491930
039384507
3481580701
0248013016
039831651
0362900646
0362901179
Sesto San Giovanni
39
12
26,5
n.d.
n.d.
34,5
20
6,5
40
n.i.
32
32
29
***
n.i.
21
n.i.
30,5
***
59
19
20
n.i.
30,5
36
29
n.i.
***
2
n.d.
53
n.d.
43
35
28
n.i.
29
7
84
30
n.d.
n.i.
4
30
33,5
65,5
33,5
20
33,5
32
n.d.
n.d.
31,5
35
n.i.
38
26
10
44
***
26
39
n.d.
42,5
26
***
32,5
33
50
30
19
58
29,5
***
48
32
33
***
34
19
39
n.d.
n.d.
20
31
5
37
***
13
20
27
31
n.i.
***
n.i.
29
n.d.
87
n.d.
20
***
28
29
48
***
***
1
n.d.
56
n.d.
24
33
30
***
47
50
56,5
29
n.d.
***
32,5
23
18
78
32
34
45
7,5
n.d.
n.d.
27
35
n.i.
27
19
18
n.d.
6
32
45
2
33
31
***
21
28
33
10
25
10
31
***
28
n.d.
30
32
Giuratrabocchetti
Giussani
Giussani
Giussani
Giusti
Glavich
Glavich
Goglia
Gori
Grasso
Antonio Giulio Cesare
Danilo Fabiano
Riccardo
Gilberto
Emanuele Giovanni
Roberto
Roberto
Luca Luciano Giuseppe
Pasquale
Antonio
Carlo
Luca Maria Otello E.
Federico
Maria Teresa
Michele
Riccardo
Gianni
Paolo
Marta
Ettore
Onorata Michelina
Elvidia
Mariateresa
Giorgio Carlo
Gian Paolo
Stefano
Cesare Augusto
Vittorio
Giuseppina
Paolo
Carolina Elisabetta
Elena
Giovanni
Roberto Maria
Angiolo
Gianluca
Attilio
Concetta Letizia
Fabio
Paolo
Giovanni Flavio
Leone Mario
Marco GiaComo
Sefora
Rossella Giusi
Cesare Gioachino
Luigi Clemente
Sabina
Renzo Pietro
Lorenzo
Silvio Mario
Umbertino
Marcello
Aldo
039367664
3358036506
0266995730
0392847870
030324300
03621781202
026125069
026125069
026473132
0225391617
022534409
039880234
3472720514
039481423
0392459525
3478220709
0362326132
026600324
039322803
0292107877
0392011995
0362576004
0362245270
3484790879
028633111
0392302368
02877741
0249985392
3409809005
031743058
0396852957
039793961
0248012142
039323817
0392145485
028514408
0286995321
022504909
02721571
3496076454
0396981451
0396076945
039324986
0362304162
0392726361
02806731
0392300430
026570204
0362804735
0362328077
039365257
039492400
0392312390
3383156977
0362343776
039322322
039322322
039382472
0392012419
0269016553
028514919
0362569213
029252080
0392622418
039738082
036273601
3473060087
0362540948
0267490460
039742887
039492276
02655851
022401637
0362325693
0362991815
Lentate sul Seveso
Carugate
Monza
Monza
Meda
Seveso
Seveso
Milano
Monza
Vedano al Lambro
Monza
Sesto San Giovanni
Seregno
Carate Brianza
03621782044
Monza
Monza
Caponago
Sesto San Giovanni
Monza
Brugherio
Seregno
Monza
Monza
Seregno
Seregno
Seregno
Seregno
Monza
Monza
Milano
Vimercate
Villasanta
Meda
Desio
Desio
Cambiago
Monza
Milano
Brugherio
Vedano al Lambro
Milano
Monza
Bovisio Masciago
Seregno
Seregno
Milano
Cologno Monzese
Seregno
Sesto San Giovanni
Monza
Milano
Vimercate
Monza
Monza
Monza
Milano
Cologno Monzese
Giussano
Monza
Triuggio
Brugherio
Milano
Monza
Parabiago
Vedano al Lambro
Monza
Lissone
Milano
Monza
Verano Brianza
Carate Brianza
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
44A
602A
503A
1274A
161A
473A
1042A
687A
1032A
1490A
865A
1255A
63A
1145A
1115A
133A
376A
721A
1319A
1180A
875A
157A
207A
823A
1213A
807A
796A
339A
495A
1013A
367A
211A
46A
415A
1305A
1024A
1083A
1424A
851A
747A
984A
398A
689A
762A
517A
117A
326A
470A
1423A
784A
1243A
1279A
1419A
406A
456A
822A
1295A
854A
102A
120A
486A
571A
931A
956A
1283A
543A
906A
593A
241A
1079A
416A
154A
1486A
1193A
1371A
1465A
728A
1254A
Longoni
Longoni
Longoni
Longoni
Lorusso
Loscocco
Losi
Lucchini
Luchena
Luciani
Luglio
Lungaro
Lunghi
Lunghi
Lupo
Lusitani
Maccabelli
Macfoy
Maffeis
Maffezzoli
Maggi
Maggio
Maggioni
Maggioni
Maggioni
Maglia
Magnani
Magnani
Magni
Magni
Magni
Magni
Magni
Magni
Magni
Maiorino
Malacrida
Malacrida
Malanchini
Malavasi
Malberti
Malegori
Malgrati
Maltese
Mambrini
Mandelli
Mandressi
Manfrin
Manghi
Mangiarotti
Maniglia
Manzi
Mapelli
Mapelli
Mapelli
Mapelli
Marcandalli
Marcarini
Marchesi
Marchesi
Marchioro
Marcinno'
Marcon
Mariani
Mariani
Mariani
Mariani
Mariani
Mariani
Mariani
Mariani
Mariani
Mariani
Mariani
Mariani
Marini
Marino
Mariotti
Francesco Giuseppe
Marco
Paolo
Stefano
Luigi
Francesco
Viviana Sandra
Gianni Giuseppe
Antonella
Alessia Valeria
Laura
Ermelindo
Aurelio
Filippo
Michel Antonio
Flavio
Arnaldo
Prince John
Francesco Maria
Gianluca
Mariacristina
Maria Ninfa
Carla
Ivano
Luca
Marcellino
Giuliano
Roberto
Alberto
Ferruccio
Francesco
Franco Enrico
Luigi
Paolo
Valeria
Alfonsina
Loredana
Marco
Roberto
Antonio
Stefano
Massimo
Claudia Maria
Giorgio
Maurizio Enrico
Renato
Giorgio
Silvano Giorgio
Diego
Alberto
Francesco
Massimiliano
Denise
Gian Piero
Patrizia
Roberto
Marco
Alberto
Aldo
Ernesto
Fernando
Giovanni
Paolo
Andrea
Andrea
Cesarino
Daniele
Ermanno
Giovanni
Giovanni
Laura
Luigi
Marco
Ruggero
Tiziano
Sergio
Michele Arcangelo
Stefano
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
0392302482
0392011356
039830741
0362631208
023450551
022538285
0396389582
0234538038
0395963123
022664762
0299057641
0299041765
0362505024
0362505024
024657511
022484317
0354389801
3495453955
039384816
026125069
0392455329
0362239612
039666473
0289013607
0396013385
039461622
029661406
022664804
0226260343
0396013385
0396850909
0362303521
039321607
0362559188
039671670
0227300879
039462247
3289166976
0362309454
039491930
0362247124
0392312390
3394812702
039835286
0222474165
039667731
0362850705
0222474165
039324460
0392304234
039483878
0396011539
039323295
0396853348
0392328100
Monza
Monza
Monza
Desio
Milano
Cologno Monzese
Vimercate
Milano
Monza
Brugherio
Senago
Paderno Dugnano
Seveso
Seveso
Milano
Sesto S.Giovanni
Calusco d'Adda
Vimercate
Monza
Cinisello Balsamo
Lissone
Seregno
Vimercate
Milano
Arcore
Lissone
Cogliate
Milano
***
n.d.
50
36
30
23
35,5
41
33
11
49
n.i.
33,5
37
n.d.
***
56,5
8
18
28
5
n.d.
80,5
7
31
30,5
***
18
36
32,5
29
40
***
41
20
32
***
n.i.
32,5
23
30,5
30
***
n.d.
31
***
52
25
n.i.
29
20
21
n.i.
2
30
38
18
35,5
31,5
52
22
38
19
33
27
26
39
17
30
35
35,5
n.d.
n.i.
26
***
n.i.
31
21
***
4
33,5
26
5
24
42,5
40
26
***
24
***
5
33
n.d.
***
29,5
8
3
21
12
n.d.
74
17
38,5
29
***
26
15
32,5
40
26
***
30
***
29,5
n.d.
***
22
7
30,5
14
***
n.d.
40
***
35
35,5
***
29
41
35
***
n.d.
22
22
26
36
28
42
35
12
16
33
35
23
29,5
12
29
39
37
n.d.
n.i.
30
113
n.i.
26,5
148
42A
1121A
964A
839A
998A
130A
25A
917A
1077A
32A
1452A
1458A
121A
800A
1276A
1222A
519A
1186A
1201A
122A
994A
38A
1132A
1043A
1185A
741A
724A
903A
1298A
575A
996A
393A
1153A
1362A
1389A
922A
1370A
423A
561A
39A
976A
853A
313A
580A
351A
960A
1329A
703A
389A
35A
816A
1263A
1033A
106A
581A
222A
91A
1190A
1046A
1205A
901A
323A
1261A
69A
1399A
14A
356A
1299A
572A
231A
1126A
987A
312A
1221A
125A
53A
1076A
849A
Marosmanni
Marotta
Martinelli
Martini
Marzorati
Marzorati
Mascheroni
Mascheroni
Mascheroni
Mascheroni
Mascheroni
Maschietto
Maschietto
Maschio
Masolini
Maspero
Massignan
Massironi
Massironi
Massironi
Massironi
Massironi
Mastrapasqua
Mastroianni
Mattei
Mauri
Mauri
Mauri
Mauri
Mazza
Mazzei
Mazzini
Mazzola
Mazzola
Meago
Meda
Meli
Meloro
Mendolia
Merati
Mercalli
Meregalli
Meregalli
Meregalli
Merello
Merli
Merlini
Merlini
Meroni
Meroni
Micciché
Micheli
Migliozzi
Mignini
Minotti
Minutoli
Minutoli
Mirabile
Moglio
Molteni
Mondella
Mondi'
Moneta
Monguzzi
Monguzzi
Montagnini
Montani
Monti
Monti
Monti
Monti
Monti
Monti
Monticelli
Montorfano
Montrasio
Morabito
Morabito
Carla
Francesco Giovanni
Marco
Matteo Luigi
Guido
Piero
Eugenio
Federico
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
026194662
0362335147
0362912250
0393902609
0362544104
0362580968
039322852
039325289
036270417
036270417
0266801667
333-7469275
0392871703
0248021515
0276317486
0362245221
0362641635
039322816
039329935
0392752832
039329935
039329935
02433551
026134780
039320979
0362221676
0362561110
0392148217
0229419000
039735315
039322816
0392017968
036274431
0362558243
03629481
0362627886
0396820424
036272045
0267100805
039793541
039673701
039793541
0362544315
0362991815
039669054
0392144325
0362237789
0286458494
03629481
0392802555
0362328821
0341703114
0226263497
022664893
0362343291
039368655
039368655
Cusano Milanino
Giussano
Carate Brianza
Monza
Varedo
Varedo
Monza
Monza
Meda
Meda
Milano
Brugherio
Brugherio
Milano
Milano
Seregno
Cesano Maderno
Monza
Monza
Biassono
Monza
Monza
Milano
Cusano Milanino
Monza
Seregno
2
30
35
34
54
n.d.
***
24
31
***
n.i.
n.i.
35
21
19
33
14
***
***
25
23
***
7
14,5
23
38
7
31,5
55
30
44,5
2
45
***
***
31,5
***
36
17
34,5
25
44,5
27,5
27
52,5
32
***
25
39
***
29
37
***
40
35
46,5
55,5
32
49
***
9
n.d.
30
60
n.i.
***
36,5
37
30,5
32
31,5
n.d.
32,5
31
35
40,5
9
n.d.
32,5
32,5
36
35
63
***
***
27
n.d.
***
n.i.
n.i.
14
35
42
29
37
***
n.d.
31
20
***
13
n.d.
n.d.
41
13
35,5
29
22
19
25
25
***
24
17
37
34
19
***
23
45,5
22
47
54
30
38
34
23,5
***
24
29
***
36
30
53
66
24
24
39
3
11,5
32
71
***
***
35
25
26
34
40
n.d.
30
24
48
33,5
n.d.
n.d.
03923122390
022664804
036242081
0396900384
0396853487
039483878
0266779202
3351230182
0254103322
0243511889
0362551333
0362550666
039461159
039480384
0362625731
0362242042
0399715227
3339373631
0362312180
02778061
3392408207
0230356000
3473742520
Sesto San Giovanni
Arcore
Vimercate
Desio
Monza
Bovisio Masciago
Carnate
Cologno Monzese
Lissone
Vimercate
Desio
Vedano al Lambro
Seregno
Monza
Camparada
Monza
Sesto San Giovanni
Vimercate
Giussano
Sesto San Giovanni
Monza
Monza
Lissone
Ornago
Monza
Vimercate
Monza
Monza
Milano
Nova Milanese
Bernareggio
Vimercate
Lissone
Milano
Monza
Milano
Milano
Cesano Maderno
Cesano Maderno
Lissone
Lissone
Desio
Seregno
Brugherio
Desio
Seregno
Milano
Arcore
Sesto San Giovanni
Cogliate
Francesca Giovanna
Franco
Luisa Maria
Mario Gabriele
Sergio
Enrico
Tiziana
Andrea
Enzo
Claudia
Elena
Giovanni
Luca Matteo
Vittorio
Flavio
Antimo
Mauro
Antonella
Carlo
Marco
Maura
Silverio
Giuliana
Donato
Luciano
Luisa
Paolo
Alessandro
Greta
Marco
Fabrizio
Enrico
Dario
Cesare
Francesco
Mauro
Paolo Francesco
Davide
Elisabetta
Marcello
Daniele
Giuseppe
Fortunato
Ivan
Roberto
Giorgio
Massimo
Anna Maria
Vincenzo
Michela
Stefano
Claudia Susanna
Francesco
Francesco Paolo
Fabio
Egidio
Luca
Gian Antonio
Annamaria
Ambrogio Giorgio Maria
Cinzia
Giovanni
Ivana
Paolo
Pierluigi
Alberto Maria
Marco
Giuseppe Carlo
Alessandro
Francesco
03965732205
0362576003
036295252
039483878
0290969111
039365154
039666473
0392312391
039384905
0266983041
0291080080
0362503188
0277075263
0362503188
02964191
039484849
3471500820
0362234524
039367635
0266016158
026175356
Lentate sul Seveso
Monza
Milano
Monza
Monza
Macherio
Meda
Bovisio Masciago
Triuggio
Desio
Roncello
Meda
Milano
Muggiò
Usmate Velate
Muggiò
Varedo
Carate Brianza
Vimercate
Muggiò
Seregno
Milano
Triuggio
Monza
Seregno
Mandello del Lario
Sesto S.Giovanni
Milano
Meda
Monza
Monza
Agrate Brianza
Varedo
Briosco
Lissone
Milano
Monza
Vimercate
Monza
Monza
Milano
Paderno Dugnano
Cesano Maderno
Milano
Cesano Maderno
Saronno
Lissone
Concorezzo
Seregno
Monza
Cinisello Balsamo
Cinisello Balsamo
Gli iscritti all’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Monza e della Brianza
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
476A
1015A
992A
700A
434A
48A
930A
1070A
562A
916A
1433A
632A
1420A
753A
1321A
206A
317A
531A
84A
1245A
330A
280A
769A
177A
1127A
1287A
1259A
918A
766A
926A
217A
1098A
1142A
1061A
15AES
698A
477A
587A
526A
479A
528A
1432A
95A
1480A
5AES
361A
1022A
131A
1110A
435A
136A
702A
59A
295A
1300A
10A
944A
534A
100A
1016A
469A
966A
599A
1192A
430A
1239A
411A
1158A
61A
648A
168A
31A
1407A
1224A
300A
1365A
658A
1131A
Morabito
Moranduzzo
Morelli
Moretti
Morganti
Morganti
Morlino
Moro
Mosca
Mosca
Moscardini
Moscato
Moscheni
Mosconi
Motta
Motta
Motta
Motta
Motta
Motta
Mottadelli
Mottolese
Muggetti
Munafó
Muraterra
Musa
Musante
Musca
Nania
Nava
Nava
Nava
Navarra
Nesci
Nespoli
Nicolini
Nicosia
Nisi
Novara
Novara
Novara
Novella
Oblatore
Occhinegro
Oddo
Odierna Contino
Oggioni
Oggioni
Oggioni
Oggioni
Oggioni
Oggionni
Oleari
Oliva
Oltolini
Oriani
Orsenigo
Orsenigo
Ortalli
Osculati
Ottolini
Ottone
Pacifici
Paganelli
Pagani
Pagano
Palazzi
Paleari
Paleari
Palermo
Palladini
Pallini
Palma
Palmieri
Palmieri
Paltrinieri
Panigada
Panizza
Francesco Maria
Piero Maria
Antonella
Maurizio
Daniela
Pierluigi
Fernando
Raffaella
Alessandra
Maria Chiara
Andrea
Fabio
Carla
Marco
Andrea
Fabio
Fabio Massimo
Franco
Luigi
Mario
Vittorio
Leonardo
Andrea
Francesco
Egle Anna Maria
Carmela
Luca
Francesco Paolo
Alberto Giuseppe
Franco
Pietro Maria
Stefano
Raffaella
Giacinto
Paolo Aldo
Ivano
Giuseppe
Andrea Valentino
Annamaria
Luisa
Mario Carlo
Michele
Sergio
Lucia
Salvatore
Patrizio
Alberto
Daniele
Diego Michele
Maurizio
Roberto
Isabella
Paolo
Giuseppe
Giuseppe
Fulvio
Luigi
Raffaele
Giuseppe
Gianemilio
Ivano
Silvia
Paolo
Paola
Fabrizio
Annalisa
Paola
Paola
Pierangelo
Maria Ester
Emilio Mariano
Pietro Angelo
Chiara
Nazario
Umberto
Francesco
Alberto
Gianluca
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
0266016158
0222472689
Cinisello Balsamo
3397437232
Varedo
Milano
Arcore
Desio
Carugate
Monza
Vimercate
Milano
Monza
Paderno Dugnano
Cinisello Balsamo
Monza
Vedano al Lambro
Lissone
Monza
Desio
Monza
Monza
Giussano
Milano
Milano
Cesano Maderno
Monza
Carugate
Monza
Carate Brianza
Milano
Seregno
Milano
Seregno
Monza
Villasanta
Verano Brianza
Monza
33
28,5
38
29
17
***
37,5
***
33,5
103
n.i.
35
n.i.
135
22
61,5
n.d.
84
30
32
28
44
n.d.
23
5
23
***
n.d.
n.d.
35
3
18
32
27
***
33
56
54
27
38
31
n.i.
***
n.i.
***
32,5
n.d.
54
21
109
11
14
***
31,5
34
***
38
27
33
***
33,5
***
31,5
43
74
33
34
48
n.d.
63,5
3
***
n.i.
33
32,5
***
16,5
29
33
34
n.d.
26
21
***
48
21
28
n.d.
***
25
***
121
n.d.
37
3
33
19
31
24
41
n.d.
21
16
30
***
n.d.
n.d.
30
3
30
***
34
***
27
23
19
14
27
32
***
***
n.i.
***
24
n.d.
45,5
38
61
46
22
***
39,5
37
***
34
23
55
***
25
***
31,5
55
39,5
12
26,5
46
n.d.
35
8
***
***
18
10
28
21
32
692A
806A
392A
760A
1244A
669A
459A
628A
665A
381A
1149A
554A
962A
567A
1038A
446A
12AES
12A
1161A
883A
959A
899A
195A
198A
1129A
536A
809A
1125A
746A
509A
1409A
1215A
104A
40A
1269A
929A
485A
845A
24A
617A
492A
1218A
1388A
481A
124A
1234A
1366A
422A
835A
1219A
946A
735A
482A
1302A
586A
688A
320A
276A
13A
457A
205A
1398A
871A
497A
1468A
83A
825A
804A
925A
751A
729A
54A
742A
86A
752A
1162A
950A
412A
Panzeri
Papini
Pappalardo
Parenti
Parlagreco
Parma
Parma
Parma
Parolini
Parravicini
Parravicini
Parravicini
Pascale
Passoni
Passuello
Passuello
Patti
Pavone
Pecollo
Pedroni
Pelizzari
Pellegatta
Pellegrino
Pellitta
Penati
Pennati
Pennati
Perazzi
Percudani
Percudani
Perego
Perego
Perego
Perego
Perego
Perego
Perico
Peronetti
Peronetti
Perrucci
Pessina
Pessina
Pessina
Pessina
Pessina
Pessina
Pessina
Peverelli
Pezzetti
Piacente
Pianta
Piazzolla
Picciolo
Pietropoli
Pignattari
Pillera
Pilotto
Pino
Pioltelli
Pirola
Pirola
Pirovano
Pirovano
Pirovano
Pirovano
Pirovano
Pirovano
Pirovano
Pirozzi
Pisano
Piseroni
Piva
Piva
Pizza
Pizzi
Pizzi
Pizzi
Pizzi
Simonetta
Fabrizio
Alberto
Luca
Alfonso Attilio
Alberto Luigi
Carlo Angelo
Tiziana
Paolo
Bruno Vitale
Lorenzo
Massimo
Fabrizio
Ivano
Massimo
Roberta
Maria
Giovanni
Maria Paola
Giovanni Paolo
Paolo
Daniele Giuseppe
Pasquale
Adolfo
Roberto
Luigi
Vittorio Francesco
Lorena
Marco
Stefano
Andrea
Andrea
Angelo Aldo
Luigi
Paolo
Paolo Michele
Flavio Mario
Alessandra
Giuseppe
Silvia
Alberto
Chiara
Fabio
Fabio Enrico
Giovanni Paolo
Marco
Marco
Marco
Andrea
Carlo
Lara
Giuseppe
Salvatore
Alessandro
Massimo
Antonio Davide
Massimo
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
0392322072
039464554
0287398356
0296704245
026107833
039384816
039958084
0362220799
029090397
0362860289
039360684
03939099
027533351
039324300
022405523
022405523
039482575
039389954
02855031
Biassono
Lissone
Milano
Saronno
Bresso
Monza
Barzanò
Seregno
Trezzo sull'Adda
Giussano
Monza
Monza
Segrate
Monza
30
30,5
35
23
40
42
41,5
46
14
33
55
50
33
33
28
23
***
***
34
8
47
61
31,5
n.d.
27
37,5
90
27
48
74
n.i.
79
54,5
***
52
47,5
45
68
***
***
48
32
***
42
26
27
***
38
37
24
28
7
32
31
n.d.
32,5
49
33,5
***
n.d.
51,5
n.i.
34
39,5
n.i.
51
51
30,5
n.d.
28
35
***
39,5
68
30
28
32
34
36
30
3
46
4
23
26,5
33,5
5
29,5
22,5
41,5
19
23
20
20
***
***
35
n.d.
58
49
36
n.d.
6
40
47
7,5
38,5
36,5
***
30,5
14
***
54,5
36,5
44
36
***
***
27
38,5
33
60
36
27
7
35
24
15
34
3
21
31
14
23
51
30
***
n.d.
36
***
26
29,5
***
21
44
25
n.d.
15
22
***
***
38
32
26
31
30,5
Rag. e Dott. Com
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
0236519096
3488239366
0362622624
029252179
0392496027
039667978
0258324075
0398946178
029105776
026181069
039324460
0392496366
039461661
039366988
0362301403
0392300174
0392320133
0362354642
0229001292
0269337301
0362549510
0392301523
0292504015
039320979
0362902835
02460003
0362221298
027785218
0362223188
039836204
0392209479
3498762247
039386162
0224412382
0392328030
0362231411
036271348
0362231411
039380239
0362991558
3474194837
3346559305
0233404476
0362237789
0276020776
039380821
0276020776
039323344
036272045
039617931
0362506221
039320880
0362451308
3358068250
0362623044
039364869
0229060790
0392490037
0392300665
039380821
029181222
0296729171
031904159
0226220308
0226220308
0392301036
0392326574
028056124
3358329414
0227300627
022138944
026709466
039322803
02855031
Sesto San Giovanni
Sesto San Giovanni
Monza
Seregno
Meda
Seregno
Monza
Verano Brianza
Cinisello Balsamo
Monza
Milano
Seregno
Milano
Monza
Milano
Monza
Meda
Arcore
Cesano Maderno
Monza
Nova Milanese
Sesto San Giovanni
Desio
Monza
Milano
Vedano al Lambro
Monza
Monza
Paderno Dugnano
Cogliate
Cadorago
Sesto San Giovanni
Sesto San Giovanni
Monza
Monza
Milano
Lissone
Cologno Monzese
Segrate
Milano
Monza
Milano
Francesco Antonino
Gianbattista
Massimo
Modesto
Alessandra
Carlo Maria
Enzo
Ilaria
Luigi
Marco Francesco
Massimo
Carlo
Raffaele
Cristina
Adriano Fortunato
Emanuela Adele
Francesco
Carlo Edoardo
Carlo Oliviero
Domenico
Ettore Gaspare Maria
Rag. e Dott. Com
Rag. e Dott. Com
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. e Dott. Com
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
0362600427
0393900070
0362564346
0362900976
022423316
0396889517
0362620279
036270662
039792882
0266049240
0266049240
3484997972
0227301314
0362996628
022547111
0392878348
0299045000
039483878
039386532
039386532
393351264659
039324226
039328530
026253541
039380821
026253541
3487801538
026253541
028790811
0392847061
039324300
0362364267
0292151994
0267493394
0392301158
0362523462
0295339388
0226263648
0222470091
0392300016
0392873107
0396980945
0392312391
0392312391
0362625630
0362630747
03629481
0362996628
039383971
0362521620
02874506
0396082108
039324525
039324525
039324231
026690771
039831403
0296320495
0392302938
Sesto San Giovanni
Sesto San Giovanni
Lissone
Monza
Milano
Nova Milanese
Monza
Barlassina
Verano Brianza
Sesto San Giovanni
Usmate Velate
Seregno
Meda
Muggiò
Cinisello Balsamo
Cinisello Balsamo
Carnate
Cologno Monzese
Besana in Brianza
Cologno Monzese
Brugherio
Paderno Dugnano
Lissone
Monza
Monza
Brugherio
Monza
Monza
Milano
Monza
Milano
Sesto San Giovanni
Milano
Milano
Monza
Monza
Nova Milanese
Carugate
Milano
Monza
Cesano Maderno
Cavenago di Brianza
Sesto San Giovanni
Sesto San Giovanni
Monza
Brugherio
Lesmo
Monza
Monza
Desio
Desio
Triuggio
Besana in Brianza
Monza
Seveso
Milano
Vimercate
Monza
Monza
Monza
Milano
Monza
Misinto
Monza
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
500A
112A
433A
538A
341A
437A
271A
590A
1252A
76A
999A
943A
619A
1065A
1316A
1290A
1466A
1108A
588A
613A
986A
216A
19A
1395A
1267A
329A
11A
1122A
463A
546A
1135A
110A
638A
1251A
974A
972A
499A
1333A
296A
209A
650A
1453A
594A
677A
1375A
397A
1449A
345A
1069A
961A
542A
502A
294A
656A
37A
1160A
318A
1260A
629A
870A
977A
1381A
701A
277A
414A
895A
1118A
85A
62A
595A
170A
344A
1214A
661A
1431A
123A
311A
783A
Poggi
Poli
Poliani
Polichetti
Polini
Polito
Pollastri
Pometto
Pometto
Ponti
Pontrelli
Poponcini
Porta
Posenato
Pozzi
Pozzi
Pozzi
Pozzi
Pozzi
Pozzi
Pozzi
Pozzi
Pozzi
Pozzoli
Pozzoli
Pozzoli
Pozzoli
Pozzoli
Pozzoli
Pozzoli
Pozzoli
Praderio
Pratelli
Prati
Prato
Preti
Pronoi
Proserpio
Provenzano
Provenzano
Pugliese
Pulcini
Puppo
Purghé
Purghé
Quadrio
Quintieri
Radaelli
Radaelli
Radaelli
Radice
Radice
Radice
Raffa
Raffaele
Ragadali
Raimondi
Rainaldi
Rainato
Rajevich
Ramaglia
Rampoldi
Rapetti
Rappa
Rasizzi
Ratti
Ratti
Ratti
Ratti
Ratti
Ratti
Raveane
Re
Reati
Redaelli
Redaelli
Redaelli
Redaelli
Carlo Stefano
Vladimiro
Franco
Alfredo
Fabrizia
Baldassarre Aldo
Giovanni
Fabio
Massimo
Angelo
Vito
Cristiano
Luigi
Adriano
Alessia
Fabrizio Francesco
Francesca
Milena
Osvaldo
Pierpaolo
Riccardo
Silvano
Virginio
Fabio Antonio
Francesco Antonio
Giuseppe
Guido
Luigi
Marco Antonio
Michele Giovanni
Stefano Antonio
Luigi
Massimo
Fabrizio
Monica
Marco
Giuseppe
Marco
Antonietta
Maria Giuseppina
Mario
Alessandro
Mauro
Daniela Grazia
Filippo
Elena
Luciana
Daniele Alberto
Dario Romano
Fabio Mario
Anna Rosa
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
039669054
0392301635
039329799
0226112122
0392001159
039323817
0266011285
0362558693
0362591120
039280251
0272472279
03622721
039623048
0362500765
0392302663
036239191
039793541
0276317585
0299043378
0362904347
0266013107
039791085
0362231260
0331499911
036239191
0362221843
036239191
0362524230
026071802
0392302663
0362544315
0222472686
0266987710
0392024428
0226116035
3356655753
039367250
3495515193
0362222805
031761303
022532479
3491018150
0392328087
028633111
02855031
0392312127
3495956321
0392301623
0241271640
0392144325
029181216
036272045
0362540960
0297373923
0228510453
0362564604
039302245
031428282
3393789339
0249981732
022421528
0362581005
0362231208
022544023
0392103602
0362993336
039280251
028321392
039280251
039879221
0362220939
0392301661
0362560408
039481450
0362904736
0392024176
0362996200
0362901179
Vimercate
Monza
Monza
Milano
Monza
Monza
Cinisello Balsamo
Bovisio Masciago
Cesano Maderno
Monza
Paderno Dugnano
Seregno
Bellusco
Cesano Maderno
Monza
Desio
Muggiò
Milano
Paderno Dugnano
Carate Brianza
Cinisello Balsamo
Lissone
Seregno
Parabiago
Desio
Seregno
Desio
Seveso
Milano
Monza
Varedo
36,5
n.d.
30
40,5
36
42
71,5
31
75
***
***
49
60
37
40
56
n.i.
36
34,5
31,5
6,5
43
***
***
33
73
22,5
29
43
77
33
43,5
33
41
25
***
22,5
32
n.d.
n.d.
***
n.i.
38
19
***
79
n.i.
30,5
27
33
36
33
n.d.
16
***
39
30
5
38,5
22
***
***
42
18
34
32,5
32
34
31
30,5
33
34,5
32
42
n.i.
12
49
15
36,5
n.d.
30
40,5
36
42
71,5
31
75
***
***
49
60
37
40
56
n.i.
36
34,5
31,5
6,5
43
***
***
33
73
22,5
29
43
77
33
43,5
33
41
25
***
22,5
32
n.d.
n.d.
***
n.i.
38
19
***
79
n.i.
30,5
27
33
36
33
n.d.
16
***
39
30
5
38,5
22
***
***
42
18
34
32,5
32
34
31
30,5
33
34,5
32
42
n.i.
12
49
15
181A
556A
731A
349A
458A
557A
1020A
369A
1369A
132A
1253A
850A
834A
727A
1335A
704A
952A
129A
375A
716A
87A
641A
1315A
765A
213A
872A
841A
1009A
939A
429A
239A
547A
670A
620A
514A
188A
359A
827A
878A
342A
1165A
1101A
902A
896A
1379A
790A
645A
348A
1037A
836A
1467A
981A
99A
1286A
220A
947A
654A
1172A
1211A
357A
859A
771A
203A
347A
831A
13AES
611A
646A
608A
810A
1147A
814A
1030A
257A
1063A
1166A
1476A
461A
Regondi
Resnati
Restori
Ribis
Riboldi
Riboldi
Ricco
Riccobene
Ripamonti
Ripamonti
Ripamonti
Ripamonti
Ripamonti
Risi
Rita
Riva
Riva
Riva
Riva
Riva
Riva
Riva
Rivolta
Rivolta
Rivolta
Rivolta
Rizzardi
Rizzo
Robicci
Rocca
Romanelli
Romano'
Romano'
Romeo
Roncoroni
Ronzoni
Rosotti
Rossetti
Rossetti
Rossi
Rossi
Rossini
Rovelli
Rovelli
Rovida
Rubagotti
Rubino
Ruggeri
Russo
Russo
Russotto
Rutigliani
Sabbadin
Saiani
Saiani
Saita
Sala
Sala
Sala
Sala
Sala
Sala
Sala
Sala
Sala
Sala
Sala
Salamone
Salamone
Salemi
Salerno
Salerno
Salvioni
Salvioni
Salzone
Samele
Sandrini
Santambrogio
Gian Pietro
Flavio
Giancarlo
Nicola
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
0362502174
0362335147
0362912250
0266013107
0392304965
0392457984
0291082678
0392301587
3938167459
0392752007
0392450509
0396882283
0392450509
02880051
022423352
039324300
0229400672
036252731
026693354
039323295
039324200
0362861151
0395783010
039465401
029660109
0392012461
036238251
02874506
0291605601
0396015772
0225390377
0229062098
03939099
0362550666
039323344
0362237050
0392495660
0276021381
0362301047
0362575130
0392023313
3487623462
039617931
0362998820
039322102
03939099
0362540087
039329231
039280251
022406343
0362924120
0269337301
039483533
026170323
026127110
3492193416
027785576
031304111
039617931
039463404
0262912198
3358128725
039320555
039329968
039492400
0392012551
0396980723
039328172
039481450
039320241
0392494548
026880893
0392789598
0392144289
0331430141
026572375
0362629497
0362343250
Cesano Maderno
Giussano
Carate Brianza
Cinisello Balsamo
Monza
Lissone
Paderno Dugnano
Monza
23
34,5
43,5
20
39
40
32
32
***
34,5
36
30,5
31
***
33
38
23
29
40
92
n.d.
8,5
43
75
30
32
10,5
31
20
48
36
34
72,5
52
41
35
46
32
32
n.d.
20
30
28
n.d.
***
77,5
13,5
33,5
***
33
n.i.
21
31
28
***
***
n.d.
26
32
24
3
44
n.d.
75,5
41
***
22,5
57
42
35,5
30
30,5
27
39
30,5
52
n.i.
n.d.
26
25,5
34,5
40,5
44
38
44
39
18
16
n.d.
10
***
***
28
27
23
40,5
20
115
***
n.d.
29
89,5
27
33
3
33
38
27,5
62,5
32,5
39
36,5
32
29
30
37
31
n.d.
33
37
22
n.d.
28,5
61
32
30,5
34
23
n.i.
37
26
29
***
***
35
30
28
29,5
3
78
6
46
n.d.
***
22
40
32,5
31
36
35
50
33,5
32
26
n.i.
n.d.
Filippo Maria Domenico
Luigi
Gaetano Bruno
Luigi
Francesca
Roberto
Alessandro
Mara
Ilaria
Franca
Paolo
Mauro
Vincenzo
Enrico
Alberto Aldo Maria
Federico
Francesco
Mario
Roberto
Valter
Doriano
Massimiliano
Paolo
Davide Maria
Giovanni
Giuseppe
Ruggero
Sesto San Giovanni
Milano
Monza
Milano
Monza
Monza
Muggiò
Seregno
Carugo
Cologno Monzese
Seveso
Monza
Milano
Milano
Monza
Monza
Monza
Milano
Muggiò
Paderno Dugnano
Meda
Cesano Maderno
Sesto San Giovanni
Milano
Lentate sul Seveso
Monza
Tavernerio
Monza
Milano
Sesto San Giovanni
Varedo
Seregno
Cologno Monzese
Monza
Verano Brianza
Monza
Milano
Monza
Brugherio
Seregno
Monza
Lentate sul Seveso
Lissone
Carate Brianza
Monza
Besana in Brianza
Carate Brianza
Elena Maria Barbara
Rita
Roberta
Giuseppe
Emanuel
Giampaolo
Marcella
Massimiliano
Simona
Sandro Adriano
Giovanna
Augusto Giuseppe
Eliana
Franco
Luigia
Patrizia Lucia Maria
Roberto
Vincenzo
Angelo
Marco
Pietro
Renzo
Aldina
Giuseppe Antonio
Elena
Alberto
Maria Addolorata
Giovanni
Roberto Fausto
Maria Francesca
Enrico Osvaldo
Adelio Angelo
Renzo Mario
Davide Attilio
Ivan Ambrogio
Ascanio Michele
Matteo
Silvio
Carlo
Francesca Angela
Marco Cesare
Marco
Vincenzo
Carmelo
Barbara
Francesco Vittoriano
Rossana
Francesco
Diego Ruggero
Scilla Veronica
Sergio
Ilaria Maria
Alessandro
Carlo
Carlo
Cesare
Cesare Claudio
Elisabetta Ernesta
Giancarlo
Giorgio Maria
Laura Maria
Piero Antonio
Pietro
Alessandra Maria Rita
Francesca Elisabetta
Alberto Salvatore
Agostino Pietro
Alberto
Carlo
Maurilio
Antonio Giuseppe
Antonio
Danilo
Alberto
Lentate sul Seveso
Biassono
Lissone
Arcore
Lissone
Cinisello Balsamo
Sesto San Giovanni
Monza
Milano
Cesano Maderno
Milano
Monza
Monza
Giussano
Lissone
Lissone
Ceriano Laghetto
Macherio
Seregno
Milano
Milano
Arcore
Cologno Monzese
Milano
Monza
Cesano Maderno
Monza
Seregno
Vedano al Lambro
Milano
Desio
Cesano Maderno
Monza
Cusano Milanino
Arcore
Veduggio con Colzano
Monza
Monza
Cesano Maderno
Monza
Monza
Sesto San Giovanni
Renate
Milano
Lissone
Cinisello Balsamo
Cinisello Balsamo
Seregno
Milano
Como
Arcore
Lissone
Milano
Aicurzio
Monza
Monza
Vedano al Lambro
Sovico
Lesmo
Monza
Lissone
Monza
Biassono
Milano
Triuggio
Muggiò
Villa Cortese
Milano
Seregno
Meda
Gli iscritti all’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Monza e della Brianza
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
1330A
16A
675A
167A
818A
817A
1400A
1483A
869A
559A
151A
533A
696A
715A
785A
979A
163A
933A
627A
1384A
651A
1380A
624A
560A
364A
1477A
304A
118A
805A
43A
1328A
1102A
260A
1451A
246A
424A
774A
180A
1417A
270A
1459A
264A
1359A
1105A
1372A
6AES
820A
1073A
1113A
103A
487A
621A
639A
212A
912A
508A
1262A
535A
152A
1469A
923A
949A
467A
160A
26A
316A
935A
1271A
1237A
1238A
664A
452A
141A
1111A
1084A
238A
1470A
471A
Santambrogio
Santambrogio
Santambrogio
Santambrogio
Santangelo
Santarelli
Santini
Santoro
Sanvito
Sanvito
Sarimari
Sarri
Sarti
Savian
Scaccabarozzi
Scarpa
Scarpa
Schiatti
Schiatti
Scimone
Scirocco
Scola
Scolari
Scolieri
Scotti
Scotti
Scotti
Scotti
Secchi
Secchi
Segafredo
Semeraro
Seregni
Serra
Seveso
Sforza
Sfragano
Sicilia
Silva
Sirocchi
Sironi
Sironi
Sironi
Sirtori
Sirtori
Sirtori
Slavich
Sofo
Somaschini
Somaschini
Soranzo
Sordelli
Sormani
Sormani
Spezia
Spinelli
Spinelli
Spinelli
Spinelli
Squitieri
Stanta
Stefani
Stilo
Strada
Strano
Strano
Strazio
Strinati
Stucchi
Stucchi
Stucchi
Stucchi
Stucchi
Stuppia
Suanno
Sumerano
Surgo
Tagliabue
Alessandra
Carlo
Giuditta Luisa
Ivano
Sebastiana
Giorgio
Valentina
Maurizio Gianni
Andrea Filippo
Mario Camillo
Claudio
Alessandro
Marco
Davide Gabriele
Stefania
Gianluca
Mario
Silvia
Umberto
Francesco
Mauro
Gabriella
Marina
Roberto
Antonio
Beniamina
Carlo Alberto
Gianni Luigi
Fabio
Italo
Cinzia
Federica
Marina
Marika
Davide
Giuseppe
Salvatore
Francesco
Maura
Mario
Davide
Federico
Paola
Benedetta
Laura
Lorenzo
Giancarlo
Francesco
Michela
Paolo
Gianni
Roberto
Angelo
Luigi
Cesare Luigi
Angelo
Attilio
Elena
Sergio
Antonio
Ferdinando
Monica
Pietro
Alberto
Giuseppe
Vincenzo Gaetano
Giuseppe Paolo
Grazia
Cristina
Ettore
Marco
Silvano
Walter
Alice Arianna
Maria Isa
Pasqua
Giampaolo
Luigi
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
3402466740
036272010
Seregno
Meda
Seregno
Monza
Milano
37
***
36
38,5
32
48
n.i.
n.i.
35
42
12
9
33
54
35
36
9
***
n.d.
***
44
***
32,5
36
***
n.i.
21
31
60
***
33
39
47,5
n.i.
83
46,5
19
20
n.i.
39
n.i.
35
***
32
***
***
18
16
44,5
38,5
30
***
47
***
41
53
27
42
39
n.i.
46
28
33,5
19
***
37,5
10
26
30
33
35,5
28
60,5
26
42
26,5
n.i.
38,5
34
***
33
22
24
66
***
n.i.
32
30,5
n.d.
28
40
57
30
39
n.d.
***
n.d.
55
53
4
22
30
***
n.i.
43
47,5
51
n.d.
33
49
n.d.
n.i.
38
30
23
31
***
85
n.i.
24
26
22
29
***
70
23
27
16
41
***
n.d.
***
20
41
23
n.d.
30
n.i.
92
37
21
3
***
32
6
30
31
36
53
33
67
25
29
24
n.i.
38
243A
993A
1444A
315A
187A
1216A
454A
460A
541A
279A
1140A
494A
338A
1000A
1235A
245A
574A
898A
289A
93A
263A
305A
1301A
335A
27A
714A
1106A
1203A
200A
789A
857A
56A
1005A
1266A
1306A
58A
1439A
846A
1036A
73A
578A
881A
70A
197A
732A
307A
1445A
72A
1177A
333A
1210A
57A
334A
140A
50A
1353A
1349A
1367A
1226A
1204A
555A
166A
242A
451A
156A
1040A
1151A
462A
1412A
1422A
1124A
1247A
748A
507A
904A
635A
601A
399A
Tagliabue
Taliento
Tamborrino
Tamburello
Tanzi
Taraborelli
Tarizzo
Tassini
Tassone
Tedesco
Tentorio
Terragni
Terragni
Terragni
Teruzzi
Teruzzi
Terzoli
Tesauro
Tesoriero
Testa
Testi
Tigano
Tilatti
Tilatti
Tirelli
Tofani
Torella
Torri
Torriani
Tosoncin
Traballi
Traballi
Trabattoni
Trabattoni
Trabattoni
Trabattoni
Tradati
Trasciatti
Travaglino
Tremolada
Tremolada
Tremolada
Tremolada
Tremolada
Tremolada
Tresoldi
Trevisan
Trezzi
Trezzi
Trimboli
Trolese
Trotter
Trovato
Turati
Turati
Turati
Turci
Turconi
Turolo
Turri
Uggeri
Usuelli
Vaghi
Vaghi
Vaghi
Vagliè
Vago
Valesini
Vallini
Valsecchi
Valtolina
Vanzetto
Varé
Varisco
Varisco
Varisco
Vasarri
Vassena
Monica Alma
Raffaello
Paolo Dante
Angelo Giuseppe
Laura
Davide
Luca Valerio
Carlo Alberto
Salvatore
Paolo
Luca
Enrico Maria
Maria Rosa
Massimiliano
Davide
Francesco
Maria Cristina
Michele
Raimondo
Luigi
Gemma Maria Rita
Gianfilippo Antonio
Marco
Nelso
Francesco
Riccardo Luigi
Laura
Graziella
Laura Maria
Vincenzo Tommaso
Alberto
Angelo
Andrea
Chiara
Paola
Vittorio
Alfredo
Lida
Antonio
Enrico
Fabio
Luigi Antonio
Mariadele
Marzia
Sergio
Ivana
Fabio
Maria Teresina
Paolo
Guido
Massimo
Alessandro
Roberto
Giuliano
Giuseppe
Roberto
Fabio Massimo
Chiara Maria
Ferdinando
Mauro
Mauro Dante
Giovanni
Carla
Luca
Pierluigi
Andrea
Giancarlo
Paolo
Tamara
Massimo
Gian Luca
Andrea
Emanuele
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
0362630538
0229521770
Desio
Milano
Cologno Monzese
Monza
Cusano Milanino
Desio
Concorezzo
Monza
Monza
Monza
Monza
Limbiate
Milano
Nova Milanese
Seregno
Agrate Brianza
Concorezzo
Cologno Monzese
Caponago
Monza
Cinisello Balsamo
Seveso
Monza
Monza
38
19
n.i.
80
13,5
54
48
45
70,5
***
34
36
31
25
28
39
25,5
24
36,5
55,5
38
77,5
32
54
***
58
43
n.d.
30
33
60
***
22
42
30
20
n.i.
26
79
7,5
33
52
44
47
35
22,5
n.i.
***
16
n.d.
35
***
43
56
n.d.
***
***
***
20
83
n.d.
n.d.
***
31
7
27
22
41,5
n.i.
n.i.
45
43
***
43
***
11
70
49,5
26
3
***
63,5
5
58
29
36
21
***
n.d.
41
n.d.
16
32
29
25
18,5
34
26
30
17
30
31
***
38
22
n.d.
33
36
10
***
44
22
33
***
***
n.d.
42
n.d.
35
41
29,5
38
27,5
n.d.
***
***
5
n.d.
27
***
33
***
20
13
13
32
9
65
n.d.
n.d.
***
24
3
n.d.
3
13
***
***
37
33
15
n.d.
16
n.d.
61,5
40
Rag. e Dott. Com
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
0362328928
039742887
026590612
0226223249
039880386
3384397663
039384905
0362237789
0392301150
0362301403
0248003242
0331492106
0362551196
0362326684
037191183
0262228451
0362331196
0398946178
0362553135
0392001614
0392025411
022826725
039736342
039692113
0392300889
039388398
0362551097
0362551097
0362569521
039367605
039386638
0396083248
0362621389
0392006667
0245478293
039792672
031744499
0331957437
3393175468
0362901653
026570204
039360768
039280251
039322474
0362354172
0248516437
0362851434
0362851434
0266049110
039736330
02796719
0362328992
0392725062
039461661
3496637779
0396083291
036275196
031743058
0392028080
0396820478
0226700464
039667551
039667551
0392148362
0362243626
0396918019
0396918019
0396020726
039651992
039666313
0272004131
0396612426
022547186
0392315254
0362558356
Sesto San Giovanni
Brugherio
Sesto San Giovanni
Monza
Seregno
Monza
Desio
Milano
Parabiago
Cesano Maderno
Seregno
Sant'Angelo Lodigiano
Milano
Desio
Monza
Seveso
Monza
Monza
Milano
Monza
Cornate D'Adda
Monza
Monza
Cesano Maderno
Cesano Maderno
Barlassina
Monza
Monza
Vimercate
Desio
Monza
Milano
Muggiò
Mariano Comense
Angera
Carate Brianza
Verano Brianza
Milano
Monza
Monza
Monza
Giussano
Milano
Giussano
Giussano
Cinisello Balsamo
Monza
Milano
Seregno
Monza
Lissone
Muggiò
Vimercate
Meda
Mariano Comense
Monza
Roncello
Cologno Monzese
Desio
Vimercate
Vimercate
Monza
Seregno
Vimercate
Vimercate
Bellusco
Agrate Brianza
Vimercate
Milano
Vimercate
Cologno Monzese
Monza
Bovisio Masciago
Marco Angelo Maria
Marco Paolo
Maria Angela Aurora
Anna
Luigi
Rag. e Dott. Com
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
039745904
026132411
0362638192
0396042139
039388237
0392020693
0392304269
0392848564
029960085
0229401331
036241633
0362321080
039657321
0396041943
0227301788
0295741724
039322102
026128445
0362552288
039328821
039328821
0222479713
0362328537
039387232
039328087
022440628
0392022137
0392300844
0266046160
039323934
039324226
0391467264
039324226
022423352
039492539
039793820
039322408
0392495690
039320880
039360684
039323453
039360684
0392878261
022425546
0362332141
0229533860
0396980723
0272010553
0396082020
0362851717
0286461786
0286461786
0248952804
3476542803
02780667
0283242005
0226228651
027771731
0362505103
0362500456
0362505288
02669951
0362560760
022489873
3392728670
3477333582
0396901097
0229004710
0266046109
039650985
0236540193
0266995090
0269002100
039326247
Sesto San Giovanni
Seregno
Monza
Monza
Sesto San Giovanni
Monza
Monza
Cinisello Balsamo
Monza
Monza
Monza
Monza
Sesto S.Giovanni
Vedano al Lambro
Muggiò
Monza
Monza
Monza
Monza
Monza
Monza
Brugherio
Vimercate
Sesto San Giovanni
Giussano
Milano
Lesmo
Milano
Vimercate
Giussano
Milano
Milano
Milano
Monza
Milano
Milano
Sesto San Giovanni
Milano
Cesano Maderno
Cesano Maderno
Cesano Maderno
Milano
Barlassina
Sesto San Giovanni
Usmate Velate
Cornate D'Adda
Bernareggio
Milano
Cinisello Balsamo
Agrate Brianza
Paderno Dugnano
Sesto San Giovanni
Milano
Monza
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
n°
iscr.
cognome
nome
titolo
PROF.
telefono
comune
c.f.p.
06*
c.f.p.
07*
1045A
233A
96A
712A
739A
1082A
128A
1361A
812A
450A
1109A
1175A
144A
226A
240A
193A
1003A
1081A
1348A
1170A
585A
337A
1248A
1133A
1352A
570A
186A
876A
1256A
126A
1112A
709A
162A
2A
453A
261A
1146A
630A
1156A
1415A
862A
440A
1174A
Vavassori
Vecchio
Vegetti
Veltri
Vender
Vendraminetto
Vendraminetto
Venturato
Venturuzzo
Veraldi
Verani
Verderio
Verderio
Verga
Vergallo
Vergani
Vergani
Vergani
Vergani
Vergani
Veronesi
Vertemati
Vertemati
Vertemati
Vertemati
Vetrano
Vezzani
Vidal
Viganò
Viganò
Viganò
Viganò
Vigano'
Vigano'
Vigano'
Vigano'
Vigano'
Vigano'
Vignola
Vigo
Villa
Villa
Villa
Lorenzo Giovanni
Antonino
Giulio
Corrado
Daniela
Andrea Zelman
Giorgio
Valentina
Mirca
Salvatore
Ilaria
Mariachiara
Mario
Tiziana
Italo Bruno
Giuliano
Giuseppina
Laura
Marco
Umberto
Patrizia Angela
Luigi
Matteo
Paolo Roberto
Ruben
Antonio
Alberto
Massimo
Elisabetta
Gianmaria
Marco
Marco Giovanni
Cesarino
Claudio Carlo
Enrico
Luigi Giulio
Paolo Stefano
Patrizia
Carmela
Walter
Alessandra
Alfonso
Andrea Antonio
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
0222476988
022423896
039326247
0362326965
0362620804
0362238251
0362238251
0289596416
0392497609
0392841488
0362311532
039650539
0396852296
0392010575
02874506
039368606
Sesto San Giovanni
Villa
Villa
Villa
Villa
Villa
Villa
Villa
Villa
Villa
Villa
Villa
Villa
Villa
Villa
Villa
Vimercati
Vimercati
Viroli
Vismara
Vitale
Vitali
Vitaliani
Vittadini
Vittadini
Vitulli
Volante
Volpati
Volpe
Zalamena
Zamberletti
Zampieri
Zampieri
Zani
Zanzottera
Zanzottera
Zecca
Zecchini
Zitelli
Zolin
Zonca
Zorloni
Zucaro
Angelo Giuseppe
Antonio
Arianna
Delia
Emanuela
Emilio
Giovanna
Giulio
Gloriana
Lorella
Luigi
Marco Riccardo
Paolo
Sonia
Vincenzo
Giorgio
Giuseppe Luca
Cristina
Vittorio
Carmelo
Mario Angelo
Gianpiero
Francesco
Stefano
Dario Aldo
Carla
Paolo
Margherita
Marco
Rosa
Emanuele
Roberto
Andrea
Giuseppe
Marco
Edoardo
Cinzia
Silvana
Claudia
Elio
Paola
Daniela Filomena
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Dott. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
Rag. Comm.
039367633
039367633
0295019263
3392111781
039748134
039388347
3497832818
039321044
039461846
0254116688
02877463
039321044
039388347
3487236912
0392301407
0392322130
026171958
0270636351
0276000259
0266014006
0362594509
022533358
039320325
039321607
039794096
039365225
039369550
0276011873
039 2006836
022043970
0362237789
0392300844
0362638402
0233601497
3381660992
039324562
039745155
0362592392
039660609
0392874846
0392149111
026182566
Monza
Monza
32
***
n.i.
n.d.
28
40,5
27
***
75
31
23
30
42
n.i.
84,5
31
31,5
34
52
37
34
35
36
***
n.d.
4
***
39
n.d.
32
57
9
n.i.
n.d.
n.i.
43,5
35
34
***
n.i.
53
***
31,5
***
n.i.
n.d.
34
27,5
22
***
41
21
17
38
39
***
53
5
31,5
17
25
24
28
32
34
38
n.d.
4
***
35
n.d.
n.d.
19
26
***
n.d.
n.i.
14
29
40
67
27
39
25,5
0392301407
24
n.d.
***
n.d.
31
60
***
44
32
2
57
n.d.
***
15
19
60
21,5
30
12
14
25
63
25
50
44,5
43
20
26
4
37
25
17
40
***
34
n.d.
n.d.
36
32
***
34
23
12
1086A
8A
1471A
734A
644A
51A
1134A
71A
868A
889A
1345A
861A
1159A
1429A
29A
1047A
710A
905A
275A
377A
921A
975A
78A
1350A
371A
34A
9A
965A
833A
232A
346A
971A
1402A
236A
1472A
802A
915A
940A
1351A
1436A
1225A
657A
Andrea Antonio
22
n.d.
***
n.d.
34,5
67
n.d.
***
36,5
n.d.
38
***
***
26,5
45
66
25,5
***
***
31
n.d.
62,5
31
26
***
93
n.d.
34
***
60
47
25
32
***
55
n.d.
7,5
47,5
32
n.i.
31
34
23
03965732208
0362557366
0362542350
039324300
0392188700
0396901972
0392326976
039492797
0396901972
039367605
0396853348
0392752819
0362850546
0362245503
0392300174
039731966
0392495735
039322827
0392752378
039322827
0291082756
0362995633
0396889474
0224412987
0392781091
039380705
Sesto San Giovanni
Monza
Seregno
Desio
Seregno
Seregno
Milano
Vedano al Lambro
Monza
Giussano
Agrate Brianza
Vimercate
Macherio
Milano
Monza
Agrate Brianza
Lentate sul Seveso
Barlassina
Monza
Muggiò
Bernareggio
Monza
Biassono
Bernareggio
Monza
Vimercate
Biassono
Giussano
Seregno
Monza
Monza
Biassono
Monza
Biassono
Monza
Abbiategrasso
Besana in Brianza
Usmate Velate
Sesto S.Giovanni
Monza
Monza
Monza
Cavenago di Brianza
Concorezzo
Monza
Monza
Seregno
Monza
Lissone
Milano
Milano
Monza
Monza
Calusco d'Adda
Monza
Biassono
Cinisello Balsamo
Milano
Milano
Cinisello Balsamo
Bovisio Masciago
Cologno Monzese
Monza
Monza
Muggiò
Monza
Monza
Milano
Monza
Milano
Seregno
Monza
Desio
Milano
Vedano al Lambro
Monza
Monza
Bovisio Masciago
Vimercate
Brugherio
Monza
Cinisello Balsamo
NOTE:
C.F.P. : Crediti Formativi Professionali
il n° minimo di crediti annuali richiesti è pari a 20
i crediti riportati nel prospetto seguente si riferiscono alla formazione professionale obbligatoria e non a quella svolta a titolo personale dall’iscritto
* dati in possesso dell’Ordine *** esonero dalla formazione professionale continua
n.i.: non ancora iscritto nell’anno di riferimento (2005)
nd: dato non depositato
esperti contabili (elenco b)
N°
Iscrizione
1B
cognome
nome
telefono
comune
CHECOLA
MICHELE
0227302829
Cologno Monzese
C.F.P.
***
N°
Iscrizione
2B
NOTE:
C.F.P. : Crediti Formativi Professionali
*** esonero dalla formazione professionale continua nel 1° anno di iscrizione
cognome
nome
telefono
comune
FRASCHINI
MARCO
0392024209
Monza
C.F.P.
***
i 62 comuni della giurisdizione
del tribunale di monza
MONZA
E BRIANZA
B
U
S
I
N
E
S
S
B
rianza Business viene spedita gratuitamente in abbonamento postale agli iscritti
all’Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Monza e della Brianza, ai soci di Confindustria Monza e Brianza, alle principali
cariche politiche, militari e istituzionali della
Provincia, ai presidenti e ai magistrati del
Tribunale di Monza, ai direttori delle Agenzie
delle Entrate della Lombardia, alle Camere di
commercio della Lombardia, ai 128 Ordini
dei commercialisti presenti in tutta Italia, ai
maggiori periodici e quotidiani economici nazionali, ai sindaci e agli assessori al bilancio
dei comuni della giurisdizione del Tribunale
di Monza, ai soci dei Rotary club, ai soci dei
Lions club, alle principali banche e assicurazioni, ai golf, tennis e sporting club più prestigiosi di Monza, Brianza e Milano e ad alcuni
ministeri a Roma.
Bimestrale - Anno VI n. 29 dicembre/gennaio 2009
dicembre/gennaio 2009
� 5,00
B
U
S
I
N
E
S
S
Bimestrale dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Monza e della Brianza
personaggi
Renato Mattioni
Maurizio Amigoni
Ezio Piovan
Marta Petenzi
Eccellenze nella pubblica
amministrazione
argomenti
Prevenzione rischio
industriale
Forza maggiore
nei rapporti con l’estero
Andamento del no profit in
Brianza
motori stili di vita arte e cultura
I progetti dell’Ordine
numero
Cesano Maderno
Cinisello Balsamo
Cogliate
Cologno Monzese
Concorezzo
Cornate d’Adda
Correzzana
Cusano Milanino
Desio
Giussano
Lazzate
Lentate sul Seveso
Lesmo
Lissone
Macherio
Meda
Mezzago
Misinto
Monza
Muggiò
Nova Milanese
Ornago
Paderno Dugnano
Renate
Roncello
Ronco Briantino
Seregno
Sesto S. Giovanni
Seveso
Solaro
Sovico
Sulbiate
Triuggio
Usmate Velate
Varedo
Vedano al Lambro
Veduggio
Verano Brianza
Villasanta
Vimercate
Vimodrone
lions club destinatari
Brianza Host Briosco
Canonica Lambro
Cinisello Balsamo
Cologno Monzese Medio Lambro
Desio
Monza Corona Ferrea
Monza Duomo
Monza Host
Monza Parco
Monza Regina Teodolinda
Paderno Dugnano
Sesto San Giovanni Centro
Sesto San Giovanni Host
Seregno Brianza
Vimercate
rotary club destinatari
Cinisello Sud - Brianza
Colli Briantei della Martesana Milanese
Meda e delle Brughiere
Merate Brianza
Monza
Monza Nord Lissone
Monza Ovest
Monza Est
Seregno - Desio - Carate Brianza
Sesto San Giovanni
Varedo e del Seveso
Vimercate Brianza Est
Maurizio Lupi
DOTCOM EDIZIONI - Brianza Business
Agrate Brianza
Aicurzio
ORDINE
Albiate
DEI DOTTORI
Arcore
COMMERCIALISTI Barlassina
E DEGLI ESPERTI
Bellusco
CONTABILI
Bernareggio
Besana Brianza
Biassono
Bovisio Masciago
Briosco
Brugherio
Burago Molgora
Busnago
Camparada
Caponago
Carate Brianza
Carnate
Carugate
Cavenago
Cariano Laghetto
per il 2009
I libri del re
Le perle di Kokichi Mikimoto
Mercedes-Benz GLK 320 CDI
”Bollettino dell’ODCEC di Monza e della Brianza“ Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. In L. 27/02/2004 n.46) art.1, comma 1, DCB Milano
29
90029
DOTCOM EDIZIONI
9 771724 902000
A tutti gli associati
Volkswagen Bank finanzia la tua Golf. Chiedi la tua Carta di Credito Volkswagen.
Volkswagen raccomanda
Oltre 50 milioni di proprietari.
www.volkswagen.it
Comfort da fuoriclasse. Dispositivi di assistenza alla guida come il Park Assist con telecamera
posteriore, il DCC (Regolazione adattiva dell'assetto)* che adatta continuamente le sospensioni in
funzione delle condizioni stradali oppure l’innovativo cambio DSG disponibile a 6 o 7 marce, sono
stati pensati per rendere più piacevole la vita a bordo e confortevole la guida. Adesso, per scoprire
tutte le emozioni che può regalarvi la nuova Golf, non vi resta che mettervi comodi.
Nuova Golf. Born with experience.
Tutte le motorizzazioni rispondono alla normativa Euro5.
Consumo di carburante, urbano/extraurbano/combinato, litri/100km: 6,4/4,0/4,9. Emissioni di biossido di carbonio (CO2), g/km: 129.
Dati riferiti a Golf 2.0 TDI (140 CV). *Park Assist e DCC sono accessori opzionali fornibili con sovraprezzo.
Vi invitiamo a provarla presso:
Lombarda Motori S.p.A.
Via Tiepolo ang. Viale Sicilia - 20052 Monza (MI)
Tel. +39 039 2815711 - www.lombardamotori.it/vw

Similar documents