Campo magnetico generato da magnetostimolatore MAGSTIM mod

Transcription

Campo magnetico generato da magnetostimolatore MAGSTIM mod
WP-1-2012
Campo magnetico
generato da magnetostimolatore
MAGSTIM mod. 2002
M. Bini(1), P. Feroldi(2), L. Antonini (3), A. Ignesti(1), R. Olmi(1)
C. Riminesi(4), S. Priori(1)
(1)
(2)
(3)
(4)
LabSeCEM, IFAC-CNR, Via Madonna del Piano 10, 50019 Sesto Fiorentino (FI), Italy
U.O. Fisica Sanitaria, Azienda Ospedaliera Spedali Civili, Brescia
U.O. Neurofisiopatologia, Azienda Ospedaliera Spedali Civili, Brescia
ICVBC – CNR, Via Madonna del Piano 10, 50019 Sesto Fio
Agosto 2012
INDICE
Sommario ............................................................................................................................................................... 3
1
Introduzione................................................................................................................................................. 3
2
Descrizione della procedura di misura ...................................................................................................... 5
2.1
Misura dell'intensità del campo ........................................................................................................... 6
2.2
Acquisizione della forma d'onda dell'impulso...................................................................................... 8
3
Analisi dei risultati delle misure............................................................................................................... 12
3.1
Distribuzione spaziale del campo magnetico..................................................................................... 12
3.2
Analisi della forma dell'impulso ........................................................................................................ 15
4
Confronto con le norme per l'esposizione al campo magnetico............................................................. 17
5
Conclusioni................................................................................................................................................. 20
APPENDICI ........................................................................................................................................................ 21
A1
SET-UP DI MISURA ........................................................................................................................... 21
A 1.1
Sonda Narda ELT 400.......................................................................................................................... 21
A 1.2
Oscilloscopio ATTEN ADS 1062CM................................................................................................... 21
A2
CAMPO DI UNA SPIRA ..................................................................................................................... 23
A 2.1
Espressione analitica del campo B di spira circolare......................................................................... 23
A 2.2
Fitting dei dati e determinazione dei parametri del modello ............................................................ 29
A3
IMPULSO DI CAMPO MAGNETICO.............................................................................................. 31
A 3.1
Analisi della forma dell'impulso .......................................................................................................... 31
A 3.2
Fitting con esponenziali ........................................................................................................................ 34
A 3.3
Spettro dell'impulso.............................................................................................................................. 35
A4
Quadro normativo ................................................................................................................................ 38
RIFERIMENTI ................................................................................................................................................... 43
2/44
Sommario
Oggetto di questa relazione è la misura del campo magnetico emesso da un magnetostimolatore, modello Magstim 2002, utilizzato nel Reparto di Neurofisiopatologia degli
Spedali Civili di Brescia e di valutarne la congruità con la normativa italiana relativa
all'esposizione ai campi magnetici. Il campo è generato dalle intense correnti di forma
impulsiva che scorrono nella bobina dell’applicatore; la bobina è di forma circolare e ha un
diametro di circa 10 centimetri.
Sono state effettuate misure del campo magnetico in punti posizionati sia lungo un asse
verticale che passa per il centro della bobina sia radialmente su un piano orizzontale; i punti,
sono spaziati fra loro di 10 cm. L’analisi dettagliata dei risultati delle misure ha permesso di
individuare un’espressione analitica (campo di una spira) che descrive con molta accuratezza
(R2 = 0.994) l’andamento spaziale dell'intensità del campo magnetico in tutta l’area di
interesse, da pochi centimetri fino ad alcuni metri dall'applicatore.
E' stato anche acquisito l’andamento temporale dell’impulso di campo magnetico. E' risultato
che esso ha durata è di alcune centinaia di microsecondi e la sua forma d'onda è analoga a
quella che si ottiene dalla sovrapposizione di due esponenziali smorzati. Utilizzando la DFT
(Discrete Fourier Transform) è stato ricavato lo spettro dell’impulso e si è visto che questo,
conformemente alla sua forma temporale e durata, non si estende oltre la decina di kHz.
L’insieme dei dati acquisiti ha permesso di valutarne la conformità con le norme per
l’esposizione al campo elettromagnetico vigenti in Italia e cioè: il DPCM 8/7/2003 per la
popolazione civile e il D.Lgs. 81/2008 per i lavoratori addetti. Quest’ultimo, che è quello di
maggior interesse nel contesto di questa relazione (a parte il paziente, difficilmente persone
diverse dall’operatore saranno esposte al campo prodotto dall'applicatore), definisce
procedure particolari quando si ha a che fare con campi composti da più frequenze, come è
appunto il caso dei campi impulsivi (scomponibile in più frequenze mediante l'analisi di
Fourier). In sintesi, seguendo il D.Lgs 81/2008, abbiamo costruito un indice Ifeq,
proporzionale all'ampiezza dell'impulso, che deve essere minore di uno perché la norma sia
rispettata. Abbiamo quindi individuato la zona intorno all'applicatore in cui l'indice supera il
valore dell'unità (questa zona ha dimensioni di oltre un metro di raggio). 1
Introduzione
I dati analizzati e discussi in questa relazione sono stati raccolti nel corso della campagna di
misura del 14 e 15 giugno 2010.
L'apparecchio oggetto dell'analisi è lo stimolatore magnetico Magstim modello 2002 prodotto
dall'azienda inglese Magstim Company 1 . L'esemplare analizzato è in dotazione al Reparto di
Neurofisiopatologia degli Spedali Riuniti di Brescia.
1
. N.B. Il "2" ad esponente nel nome Magstim fa parte del nome che identifica il modello e non va confuso con il
rinvio ad una nota.
3/44
Figura 1 - Rappresentazione schematica dello stimolatore magnetico
L'apparecchio è costituito da un generatore di corrente e dall'applicatore di cui la Figura 1
presenta una rappresentazione schematica, mentre la Figura 2 mostra una immagine
dell'applicatore (mod. HP 90mm Coil), utilizzato nel nostro esperimento 2 . In gergo questo
tipo di applicatore è detto "coil" (bobina). Il costruttore distingue le facce dell'applicatore con
le lettere A e B, per identificare il verso in cui la corrente scorre nella bobina 3 ; ad es.
nell'immagine di Figura 2 la faccia visibile è la B.
Figura 2 Immagine dell'applicatore HP 90mm Coil, estratta dal manuale di istruzione [1].
Il generatore mostra sul pannello un'indicazione dell'intensità dell'impulso in uscita. Abbiamo
verificato che questa è riferita alla corrente immessa nell'applicatore ed è data come
percentuale di un valore di riferimento, che però il costruttore non fornisce (neanche nel
manuale), probabilmente perché questa informazione non è ritenuta di interesse per
l'utilizzatore.
Dal punto di vista elettrico, l'applicatore può sostanzialmente essere considerato una bobina,
di un opportuno numero di spire, nella quale il generatore immette un intenso impulso di
corrente che, a sua volta, genera un forte impulso di campo magnetico 4 . Questo si accoppia
2
Il colore del guscio in plastica nell'esemplare da noi utilizzato era blu invece che bianco-avana.
Questo serve al medico per conoscere il verso della corrente di stimolo indotta nei tessuti del paziente. Quando
è visibile la faccia A, la corrente scorre nella bobina in senso antiorario e nei tessuti viene indotta una corrente
che scorre in senso orario; viceversa quando la faccia visibile è la B.
4
Può tornare utile una puntualizzazione sulla terminologia. Nel parlare comune, seguendo un uso molto diffuso,
si parla di campo magnetico anche se, il più delle volte, ci si riferisce ad una quantità che più appropriatamente
dovremmo chiamare induzione magnetica. In effetti, le due quantità il campo magnetico (indicato comunemente
con il simbolo H) e l'induzione magnetica (indicata comunemente con B) sono due grandezze fisiche distinte.
3
4/44
con i tessuti del paziente, all'interno dei quali produce la desiderata corrente di stimolazione.
Si noti che il generatore non produce treni di impulsi, ma emette un singolo impulso ogni
volta che l'operatore aziona il comando di trigger.
2
Descrizione della procedura di misura
Per la misura è stato utilizzato lo strumento Narda ELT-400 (Figura 3).
Figura 3 - Schema di principio della misura
Come vedremo (Appendice A 3.3) l'impulso del magnetostimolatore ha uno spettro di
frequenze che va dalla continua ad alcuni kHz (Figura 13). Lo strumento di misura utilizza un
sensore costituito da tre bobine ortogonali con una risposta piatta nella banda 1 Hz–400 kHz
(banda a 3dB). Anche se lo strumento non risponde alle frequenze sotto 10 Hz ed in
particolare taglia la continua, esso è tuttavia in grado di riprodurre in maniera soddisfacente la
forma dell'impulso (vedi Appendice A 1.1).
A secondo della modalità di funzionamento scelta, i segnali indotti nelle tre bobine possono
essere opportunamente sommati (in valore quadratico) oppure mantenuti distinti e inviati
all'uscita, come tensioni vx(t), vy(t) e vz(t) proporzionali alle tre componenti del vettore B. Nel
primo caso la sonda ha una risposta isotropa ed è questa la modalità utilizzata quando si
intende misurare il picco oppure il valore quadratico medio (RMS, media su 1 sec.) del campo
B. La configurazione isotropa è utilizzata anche quando si usa la modalità STD (Shaped Time
Domain), di cui si parlerà in seguito e nella quale i contributi armonici del segnale vengono
pesati secondo un prescelto standard di esposizione. L'invio al dispositivo di acquisizione
esterno è utilizzato per visualizzare e registrare la forma d'onda del campo magnetico.
L'isotropia della sonda semplifica e velocizza notevolmente l'esecuzione delle misure perché
solleva l'operatore dalla necessità di orientare il sensore per ottenere il massimo del campo.
Solo nel caso in cui è necessario conoscere la direzione del campo oltre che la sua intensità si
ricorre all'acquisizione delle tre componenti del campo.
Nel sistema MKS le due grandezze sono legate dalla relazione B=μ0 μrH, dove μ0 = 4π10−7H/m indica la
permeabilità dello spazio vuoto e μr la permeabilità relativa del materiale; B si misura in tesla (T) ed H in
ampere/metro (A/m). La distinzione è di grande importanza quando si ha a che fare con i mezzi materiali (in un
mezzo ferromagnetico il valore di μr può essere anche dell'ordine delle decine di migliaia). Nello spazio vuoto (e
anche nell'aria, che ha permeabilità magnetica relativa μr pressoché unitaria) la distinzione è solo formale.
5/44
2.1 Misura dell'intensità del campo
Le misure dell'intensità del campo sono state effettuate in vari punti intorno all'applicatore del
MAGSTIM. Le coordinate di ogni punto di misura, in direzione verticale e orizzontale, sono
Tabella 1
Campo magnetico B in punti lungo
l'asse verticale.
z (cm) Intensità al B (μT) generatore p
(%) 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 100 110 120 128 130 140 150 160 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 50 50 50 100 100 100 100 100 90.9 118.9 167.2 242.2 359.1 563 950.7 1900 3994 11300 47400 21320 274800
166600
47110 32190 8452 3612 1833 Figura 4 Determinazione della coordinata verticale del
punto di misura.
state rilevate con l'ausilio di opportuni regoli posizionati lungo l'asse della bobina (Figura 4) e
sul pavimento (Figura 5).
Il regolo verticale serve anche per definire la quota dell'applicatore del MAGSTIM, che è
stato tenuto fisso a 114 cm dal pavimento durante tutto l'esperimento.
Lo strumento è stato impostato per visualizzare il valore di picco del campo Bp. Questo non
costituisce una limitazione perché, come vedremo meglio nell'Appendice A 3 , dal valore di
picco si ricavano facilmente altri parametri misurabili con la sonda ELT-400, quali il valore
RSM o l'indice STD, semplicemente moltiplicando il valore di picco per un fattore di
proporzionalità, che dipende dalla forma dell'impulso, determinabile una volta per tutte.
B
I risultati delle misure sono mostrati nella Tabella 1 e nella Tabella 2.
La Tabella 1 riporta i dati relativi ai punti lungo un asse verticale (asse z) passante per il
centro dell'applicatore. Nella prima colonna sono riportate le ascisse a partire dal pavimento
(z = 0). Come si vede, queste sono distanziate l'una dall'altra di 10 cm, una spaziatura che
6/44
costituisce un buon compromesso fra risoluzione spaziale e tempo di effettuazione della
misura. La seconda colonna indica l'intensità del campo impostata sul pannello del Magstim,
mentre nella terza colonna sono riportati il valore del campo magnetico con la sonda
impostata per visualizzare il valore di picco Bp. Pressoché tutte le misure sono state effettuate
con intensità del 100%, con esclusione di quelle alle ordinate 100, 110 e 120 cm, per le quali
l'intensità è del 50%, per evitare che lo strumento di misura vada in overflow. Inoltre, la
ripetizione della misura in uno stesso punto a intensità di impulso diverse permette di
verificare che l'indicazione del display è realmente riferita alla corrente dell'impulso, come è
mostrato nel paragrafo seguente.
B
Nella Tabella 2 sono riportati i valori del campo magnetico Bp allontanandosi dall'applicatore
del Magstim lungo una retta giacente su un piano orizzontale, 3 cm più in alto dell'applicatore
(quindi a 117 cm da terra), per evitare che la sonda di misura si sovrapponesse fisicamente
all'applicatore per distanze x dall'applicatore molto ravvicinate 5 . L'intensità del generatore di
impulsi è stata impostata su 100%. Nel punto x = 30cm, la misura è stata ripetuta con intensità
del 50% e del 30%.
B
5
Sul filo delle spire della bobina dell'applicatore il campo B tende all'infinito.
7/44
Tabella 2
Campo magnetico B in punti
lungo un asse orizzontale
Intensità al x (cm) generatore (%) 100 90 80 70 60 50 40 30 30 30 20 10 ‐30 ‐40 ‐50 ‐60 ‐70 ‐80 ‐90 ‐100 100 100 100 100 100 100 100 100 50 30 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 Bp(μT) 84.25 107 139.6 218.6 340 626 964.2 2464 1270 805.2 7954 46900 2698 1150 556.9 358.3 219.3 140.9 109.9 81.4 Figura 5 Determinazione della coordinata orizzontale x del
punto di misura
Le misure effettuate a intensità ridotta, permettono di verificare che effettivamente il numero
fornito sul pannello del generatore come intensità dell'impulso è una quantità proporzionale
alla corrente che scorre nella bobina. Se dividiamo per 0.3 il valore di 805.2μT, ottenuto con
intensità dell'impulsatore al 30%, e per 0.5 il valore di 1270 μT, ottenuto con l'intensità al
50%, vediamo facilmente che questi scartano per meno del 10% dal valore di 2464μT,
ottenuto nello stesso punto con l'intensità dell'impulsatore al 100%. Risultati analoghi si
ottengono dalle due misure effettuate nel punto x = 30cm (ordinata z = 100 cm), con intensità
dell'impulsatore impostata su 100% e su 50%, riportati in Tabella 1. Anche in questo caso lo
scarto di circa il 10%. 2.2 Acquisizione della forma d'onda dell'impulso
Sono state effettuate misure in cinque situazioni diverse, corrispondenti a differenti valori di
intensità dell'impulso e orientazione della bobina del Magstim, nel punto particolare x =
100cm e z = 117 cm, ovvero con la sonda dell'EHT400 a 100 cm distante in orizzontale dal
centro della bobina e all'altezza di 117 cm da terra. Nella Figura 6 è mostrato in forma
8/44
schematica il set-up di misura. L'oscilloscopio digitale è collegato ad una 6 delle uscite
analogiche della sonda ELT400 e permette di visualizzare l'impulso e di acquisirne il tracciato
dopo averlo campionato.
Figura 6 – Set-up di misura per l'acquisizione degli impulsi di campo
Sono state eseguite in tutto 17 prove. I risultati sono sintetizzati nella Tabella 4. Le prime
quindici righe sono suddivise in cinque gruppi, di tre righe ciascuno. I gruppi si differenziano
per le condizioni dell'esperimento a cui la misura si riferisce (intensità del generatore,
orientazione dell'applicatore ecc.) e sono etichettati con una lettera dalla (a) alla (e), riportata
nella prima colonna della tabella. La prima terna, quella contraddistinta dalla lettera (a), si
riferisce alla prova con intensità dell'impulso impostata su 100% e la faccia A dell'applicatore
in alto; le tre righe si differenziano a seconda di quale delle tre componenti del vettore B viene
acquisita. Nella terna successiva, la terna (b), l'intensità dell'impulso è ancora impostata sul
100%, ma la faccia dell'applicatore rivolta in alto è ora la B. Le altre terne sono state ottenute
con queste impostazioni: faccia B in alto e intensità del generatore 80%, il 60% e il 40%,
come indicato nella penultima e nell'ultima colonna della tabella. I dati acquisiti sono stati
salvati in file testo (riferimento nelle colonne terza, quinta e settima rispettivamente 7 ). Nella
prima colonna è stata riportata l'intensità del picco dell'impulso, letta sul display della sonda
di misura. Notiamo a questo proposito che nelle ultime due righe, ottenute con intensità 100%
e faccia A della bobina in alto, condizione uguale a quella delle prime tre righe 8 , invece che
del valore di picco della forma d'onda abbiamo letto il valore RMS del campo magnetico o
l'indice ICNIRP relativo ai lavoratori [2]. Le colonne dalla seconda alla settima sono state
raggruppate in tre coppie ciascuna relativa ad una delle componenti (Bx, By, Bz) del campo
magnetico riferita al sistema di coordinate cartesiane intrinseco alla sonda (marcate con RED
(X), GREEN (Y) e BLUE (Z), dai colori usati per contraddistinguere le uscite della sonda)
Nelle colonne seconda, quarta e sesta colonna è stato riportato il massimo del segnale (quindi
B
B
B
6
L'oscilloscopio ATTEN ADS 1062CM, disponendo di solo due canali, non può acquisire 3 segnali contemporaneamente. Pertanto si è provveduto a registrare una componente di B alla volta. Questa operazione è stata
ripetuta per quattro valori dell'intensità dell'impulso (100%, 80%, 60%, 40%); inoltre, per l'intensità 100%, si è
acquisito il segnale con due diverse orientazioni dell'applicatore (faccia A in alto e faccia B in alto), mentre per
gli altri valori dell'intensità la misura è stata effettuata solo con la faccia B in alto.
7
I file possono essere forniti a richiesta degli interessati.
8
La forma d'onda, che è ovviamente uguale a quella della prima riga, in questo caso non è stata né acquisita né
registrata.
9/44
il valore del picco dell'impulso) acquisito con l'oscilloscopio. I valori sono forniti in millivolt,
ma possono essere facilmente convertiti in μT utilizzando il fattore di calibrazione della sonda
(0.375μT/mV) 9 .
Tabella 3 - Dati riassuntivi delle misure sugli impulsi nel punto x = 100cm, z = 117cm
Bp (μT) 82.8 (a) 82.73 82.54 RED (X) Vmax GREEN (Y) BLUE (Z) Trigger file Vmax Trigger file Vmax Trigger file Intens. Posiz ‐73.6 ‐ 2 202 + 1 ‐49.6
‐ 3 100 100 100 A alto A alto A alto ‐146 ‐ 4 100 B alto 118 + 5 100 B alto 81.1 98 + 6 100 B alto 65.32 ‐114 ‐ 7 80 B alto (c) 64.89 ? + 8 80 B alto 64.81 70 + 9 80 B alto 48.48 (d) 48.81 ‐80 ‐ 10
60 B alto 78 + 11 60 B alto + ‐49.6 14 ‐ 13
70? 55.2 + + 12 15 60 40 40 40 100 100 B alto B alto B alto B alto A alto A alto 81.15 (b) 81.4 48.93 32.6 (e) 32.82 59.2 32.53 1.076 <‐RMS 144.7 <‐ICNIRP( %)
Nella Figura 7 sono riportate, come esempio, le tracce di tre impulsi acquisite con
l'oscilloscopio. Questi corrispondono alle componenti Bx, By e Bz della terna (a) Tabella 4.Gli
altri dodici tracciati sono di forma molto simile, come sarà discusso in dettaglio nella sezione
3.2 dedicata all'analisi dei risultati e nell'Appendice A 3 .
B
B
B
9
Questa conversione insieme all'eliminazione di altri inconvenienti e disturbi più seri (ad es., bias verticale di
circa un mV, uno spike più o meno pronunciato all'inizio dell'impulso, come si vede in Figura 7) verrà discussa
nella Sez. 3.2, dove verrà presentata un'analisi un po' più dettagliata della forma dell'impulso.
10/44
Tabella 4 - Misure sulla forma d'onda
Figura 7 Esempio di registrazione della forma d'onda dell'impulso relativo alle
componenti Bz (in alto), By (nel mezzo) e Bz (in basso) con riferimento al caso (a) della
Tabella 3; le ordinate sono espresse in volt, unità all'uscita della sonda ELT400).
B
B
B
11/44
3
Analisi dei risultati delle misure
L'analisi dei dati viene esposta qui di seguito suddividendola in due parti: (a) ricerca di una
espressione analitica che permetta di fornire il valore del campo magnetico in ogni punto
intorno all'applicatore del Magstim; (b) analisi delle caratteristiche dell'impulso di campo
magnetico e valutazione del suo spettro.
Tutti i risultati presentati si riferiscono ai campi emessi con intensità impostata sul valore
100%.
3.1 Distribuzione spaziale del campo magnetico
Per l'elaborazione e l'interpretazione dei risultati delle misure si è fatto ricorso all'ipotesi –
confermata poi pienamente dal confronto con i risultati – che il campo magnetico generato
dalla bobina del MAGSTIM possa essere descritto mediante un modello nel quale la bobina è
rappresentata da un avvolgimento circolare "ideale" (ovvero, infinitamente sottile), costituito
da una singola spira di raggio a, percorsa dalla corrente I; lo stesso risultato si otterrebbe da N
spire di ugual raggio a percorse dalla corrente I divisa per N 10 .
Nel seguito, si fanno queste scelte che non inficiano la generalità dei risultati:
(a) la spira giace su un piano orizzontale (piano Π);
(b) l'asse z del sistema di riferimento è verticale, diretto verso l'alto e passa per il
centro della spira;
(c) Gli assi x,y giacciono sul piano Π, con l'origine nel centro della spira.
In effetti, almeno in via teorica, non esiste distinzione fra il piano x,z e un qualsiasi altro piano
verticale passante per z, dato che il campo magnetico di una spira ha simmetria di rotazione
intorno al proprio asse (che, per le scelte fatte, coincide qui con l'asse z),.
E' reperibile in letteratura [5],[6] una espressione analitica, formulata in termine di integrali
r
ellittici, che permette di calcolare il campo magnetico B in un qualsiasi punto dello spazio
circostante l'applicatore. Questa è riportata e discussa nell'Appendice A 3 , sez. A 2.1. Da
un'analisi anche veloce di questa espressione si vede che per determinare il modello sono
sufficienti due sole quantità: la corrente I che scorre nella spira e il raggio a della spira. Questi
due parametri sono stati ricavati dalle misure descritte nella precedente Sez. 2.1 con una
procedura di best-fitting ai minimi quadrati i cui dettagli sono esposti nell'Appendice A 2.2. I
valori ottenuti per la corrente e per il raggio della bobina sono: I = 95.27 kA; a = 4.56cm.
Utilizzando questi valori si può effettuare un confronto fra dati misurati e i valori risultanti dal
modello di calcolo. Nella Figura 8 sono mostrati i valori di Bp risultanti dalle misure lungo
l'asse verticale (cioè i dati riportati nella Tabella 1)e il grafico di Bp calcolato con la (10),
Appendice A 2.1, in cui si è posto x = 0. Le ordinate dei dati misurati sono state ridefinite in
modo che l'origine dell'asse z coincida con il piano in cui è posizionato l'applicatore (114 cm
dal pavimento). Questo permette di evidenziare la simmetria del campo magnetico quando ci
si allontana dell'applicatore (la cui ordinata è ora z =0). Analogo andamento simmetrico è
mostrato dal grafico del campo magnetico allontanandosi dalla bobina su un piano
orizzontale, come è mostrato dalla Figura 9.
B
B
10
Insomma, le amperspira N⋅I.
12/44
Figura 8 Campo magnetico di picco (in mT) lungo l'asse z
(O) Valori misurati; (-) valori calcolati
Figura 9 Campo Magnetico di picco (in mT) lungo una linea orizzontale, 3 cm sopra la
bobina;
(O) Valori misurati; (-) valori calcolati
L'accordo fra dati misurati e funzione di fitting è ottimo, come si vede dalle figure e come è
confermato dall'alto valore dell'indice di correlazione (R2 = 0.994).
13/44
Questo risultato conferma l'ipotesi che il campo magnetico prodotto dal MAGSTIM può
essere rappresentato con un modello costituito da una semplice spira circolare e che i
parametri che caratterizzano il modello (la corrente I e il raggio a della spira) possono essere
ottenuti mediante una procedura di best fitting con i dati della misura. Il valore di 4,562cm,
ottenuto per il raggio della bobina, risulta plausibile se confrontato con le misure esterne
dell'applicatore. La corrente I di 95.27 kA è un valore sorprendentemente elevato, però si
deve tener conto che questo corrisponde al picco di un impulso della durata di meno di 300μs.
Figura 10 - Curve iso-induzione magnetica Bp in dBμTesla (intensità del generatore 100%).
B
In forza quindi dell’espressione analitica, è possibile calcolare il campo magnetico in
qualsiasi punto intorno all'applicatore. La Figura 10 mostra le linee iso-campo sul piano (x,z),
rappresentativo di qualsiasi piano verticale che passa per l'asse della bobina. Le linee sono più
allungate nella direzione verticale rispetto a quella orizzontale, in accordo con il fatto che i
campi di una spira a distanza hanno intensità doppia in direzione dell'asse rispetto alla
direzione radiale 11 . I calcoli sono stati effettuati con la corrente nella bobina di 95.27 kA
(ottenuta con il generatore impostato sull'intensità del 100%). Per poter visualizzare una
gamma sufficientemente estesa di valori, il campo magnetico è calcolato in dBμT, e in tale
unità sono espressi i valori che si leggono sulle linee di livello. Si vede, ad esempio, che a
circa 25 cm dall'applicatore si hanno 80 dBμT, che corrispondono a 104μT. Poiché abbiamo
visto che l'intensità del campo magnetico è proporzionale all'indicazione percentuale letta sul
pannello del generatore, se tale valore è ridotto alla metà (cioè, sul display si legge 50%), le
curve di livello vanno ridotte di 6 dB: la curva di 80 dBμT, diventa la curva di 74 dBμT, a cui
11
Si veda la (12), nell'appendice A 2.1.
14/44
corrispondono 5000 μT. Si tratta di valori di campo magnetico molto elevati. Nella prossima
sezione (Sez. 4) se ne discuterà il significato per la sicurezza dell'operatore.
3.2 Analisi della forma dell'impulso
Il MAGSTIM produce un intenso e rapido impulso di campo magnetico la cui forma è stata
registrata in un determinato punto (altezza 110 cm, 100 cm dall'asse), con varie impostazioni
del generatore e con la bobina con la faccia A o la faccia B verso la sonda di misura, per un
totale di 15 diverse registrazioni. L'analisi delle registrazioni, il cui dettaglio è riportato
nell'Appendice A 3 , mostra che gli impulsi acquisiti nelle diverse situazioni hanno forme che
risultano fra loro perfettamente sovrapponibili, una volta che le ampiezze degli impulsi siano
state normalizzate al valore di picco. Questo risultato è dovuto al fatto che il generatore ha
caratteristiche di grande stabilità e produce impulsi di forma pressoché identica da una scarica
all'altra. La Figura 11 mostra la sovrapposizione di numerose registrazioni successive, ed è
stata ottenuta senza nessuna operazione di media ma soltanto operando uno smoothing su
ogni singolo impulso, per eliminare il rumore di campionamento, e normalizzando ciascun
impulso al rispettivo massimo (dettagli nella sez. A 3.1, dell'appendice) in modo da poterli
rappresentare sullo stesso grafico. Come si vede, l'andamento temporale dell'impulso ha una
forma "piccata" estremamente regolare della durata di alcune centinaia di microsecondi.
Figura 11 - Forma dell'impulso, normalizzata al valore del picco.
La forma dell'impulso può essere rappresentata analiticamente mediante una funzione
esprimibile come sovrapposizione di due esponenziali smorzati per t ≥ τ , dove τ definisce
l'inizio dell'impulso:
t −τ
⎛ − t −τ
−
⎜ τ1
h(t ) = C ⋅ ⎜ e
− e τ2
⎜
⎝
⎞
⎟
⎟;
⎟
⎠
t≥τ
(1)
Le quantità C, τ, τ1, τ2 sono state determinate con una accurata procedura di best-fitting,
descritta nell'appendice A 3.2; i valori trovati per l'impulso normalizzato al picco, cioè per un
impulso la cui ampiezza al picco vale 1 (vedi Figura 25, appendice A 3.2), sono: C = 18.915,
τ = 159.0 μs, τ1 = 84.051 μs, τ2 = 73.391 μs.
15/44
Come esempio, in Figura 12 viene mostrata la funzione (1) graficata con τ1, τ2 e C ottenuti dal
best-fitting 12 , si è inoltre posto τ = 0 per semplificare la leggibilità della figura.
Figura 12 – Impulso di campo magnetico riprodotto con due esponenziali smorzati e
normalizzato al valore del picco.
In conclusione, si riportano qui di seguito alcune grandezze che riassumono in forma sintetica
le caratteristiche dell'impulso. Per quanto riguarda la larghezza se ne riporta il valore a tre
diverse altezze, espresse come percentuale del valore al picco. Il tempo di salita è misurato
come differenza fra l'istante in cui l'impulso raggiunge il 90% e quello in cui raggiunge il
10% del picco; analoga definizione vale per il fronte di discesa.
Tabella 5 Alcune proprietà dell'impulso
Larghezza al 90% del picco
58.7 μs
Larghezza al 50% del picco
178.0 μs
Larghezza al 10% del picco
386.3 μs
tempo di salita
64.5 μs
263.1 μs
Una caratteristica importante dell'impulso è data dal suo contenuto spettrale. Questo è stato
determinato utilizzando le tecniche di Fourier in due modi distinti: (a) applicando la DFT
(Discrete Fourier Transform) all'impulso sperimentale di Figura 11; (b) calcolando la
trasformata di Fourier per via analitica dell'espressione (1). I dettagli del calcolo per ottenere
lo spettro, in uno o l'altro dei due modi, sono riportati nella Appendice A 3.3. La Figura 13
mostra i risultati. Come si vede, l'accordo fra le due modalità di calcolo è buono, specie per
quel che riguarda la parte dello spettro fino ad alcuni kHz. I risultati differiscono un po' alle
tempo di discesa
12
La procedura di best-fitting aggiusta i vari parametri in modo che sia minimo lo scarto quadratico medio
calcolato su tutti i punti dell'impulso. In questa operazione di ottimizzazione non è detto che il valore del picco
venga esattamente uguale a 1, ed infatti, esso sarebbe 0.964, con un errore in quel punto particolare di meno del
6%. Che il peso di questo punto sia però minimale è dimostrato dal fatto che la varianza spiegata dalla funzione
di fitting è 0.993 e l'errore sul valore quadratico medio è meno del 3 per mille (si vedano i risultati riportati in
fondo alla sez. A 2.2, in appendice)
16/44
frequenze più alte, dove però, lo spettro ottenuto per via sperimentale può risentire del rumore
del sistema di acquisizione.
Figura 13 – Spettro dell'impulso; la linea continua si riferisce allo spettro calcolato dalla
espressione analitica (1), i cerchietti sono stati ricavati mediante DFT, applicata all'impulso
di Figura 11.
Comunque, a parte la modalità con cui lo spettro è stato ottenuto, si vede che l'ampiezza di
questo è oramai ridotta di un ordine di grandezza alla frequenza di 10kHz Questo significa
che per tale frequenza la potenza del segnale è un centesimo o meno rispetto ai valori mostrati
alle frequenze più basse. In altre parole, si può dire che la banda significativa dello spettro
non va oltre la decina di kHz 13 .
4
Confronto con le norme per l'esposizione al campo magnetico
In Italia le norme di legge che regolano l'esposizione ai campi elettromagnetici sono: il
DPCM 8 luglio 2003 per la popolazione civile [3] e il D.Lgs. 81/2008 [4] per i lavoratori
addetti. La norma che più interessa qui è quella per i lavoratori perché, dato il tipo di
apparecchiatura in studio, difficilmente i non addetti. si trovano ad essere esposti al campo.
Nell'intervallo delle frequenze di interesse (da pochi Hz a qualche kHz) i limiti sono
fortemente variabili con la frequenza (si veda la Figura 30, in Appendice).
Quando il soggetto viene ad essere esposto a campi di più frequenze, il D.Lgs. 81/2008,
seguendo le linee guida ICNIRP 1998, raccomanda di pesare i valori dei campi misurati
componendo i contributi alle varie frequenze per formare un indice che, affinché la norma sia
soddisfatta, deve rimanere minore di uno.
Se, come accade nel caso in esame, il segnale è di forma impulsiva, per il confronto con la
norma si possono seguire due strade (per maggior dettaglio si veda l'appendice A 4 ): (a)
sommare i vari contributi armonici di cui, secondo l'analisi di Fourier, può essere pensato
13
Si noti che risultati analoghi si ottengono calcolando lo spettro di un impulso di forma triangolare, con lati
inclinati come il fronte di salita e di discesa dell'impulso, riportati nella Tabella 5.
17/44
composto l'impulso e costruire l'indice II98 calcolato secondo la formula (25), oppure (b)
utilizzare il criterio della oscillazione sinusoidale equivalente (Figura 28, appendice A 4 ), che
consiste nel determinare la durata tp dell'impulso, da questa ricavare la frequenza equivalente
feq = 1/(2tp) e confrontare il picco Bp dell'impulso con il limite Lfeq a tale frequenza, o meglio
formare l'indice Ifeq ,utilizzando la formula (26).
B
Si noti ora che, nel caso di una forma ripetibile quale è quella dell'impulso del Magstim,
l'indice è perfettamente determinato una volta nota l'ampiezza dell'impulso, ovvero l'intensità
del picco. Infatti, sia le componenti armoniche (che intervengono nella determinazione di II98,
ma anche di Iwp03, definito nell’appendice A 4) sia l'ampiezza della sinusoide equivalente sono
tutte direttamente proporzionali all'intensità del picco Bp. Questo significa che, una volta
determinato l'indice I0 per un certo valore Bp0, l'indice I per un qualsiasi altro valore Bp si
determina moltiplicando I0 per il rapporto Bp/Bp0.
B
B
B
B
B
Se, ad esempio, scegliamo Bp0 = 1mT, un valore che si ottiene a circa 40 cm dall'asse
dell'applicatore (si veda la Tabella 2) e con l'intensità del generatore del Magstim impostato
su intensità 100%, utilizzando le procedure descritte nell'appendice A 4 , si ottengono per gli
indici i valori riportati nella Tabella 6.
B
Tabella 6 – Valore degli indici II98, Ifeq ed IIwp03, alla distanza di 40 cm, dove Bp vale 1 mT.
B
Tipo di indice
valore dell'indice
II98
25.89
Ifeq
23.03
IIwp03
17.23
Come si vede l'indice che risulta più cautelativo è lo II98, basato sulle linee guida ICNIRP
1998 [13], espresso dalla formula (25). In effetti, come abbiamo già detto, per campi con
forme d'onda impulsive stabili e ripetitive (per le quali, cioè, la relazione di fase fra le varie
armoniche è fissa e ben definita) le suddette linee guida suggeriscono di utilizzare l'indice Ifeq,
il cui valore, come si vede, non si discosta molto (circa l'11%) da II98. Nella Tabella abbiamo
riportato anche l'indice IIwp03, che risulta molto più permissivo. Tuttavia, come abbiamo detto
più volte, la legge italiana è basata sulle linee guida ICNIRP 1998 e pertanto noi a queste
siamo tenuti a riferirci. In particolare, dovendo comunque operare una scelta fra II98 e Ifeq
scegliamo quest'ultimo, e con questo confrontiamo i risultati per valutare la conformità
dell'esposizione dei lavoratori addetti agli impulsi del Magstim.
Grazie alla proporzionalità diretta fra l'indice ed il valore di Bp, è facile ottenere mappe del
valore di Ifeq in qualsiasi punto di interesse dallo spazio intorno all'applicatore. Riportiamo qui
le curve di livello dell'indice Ifeq sul piano xy, ovvero il piano in cui giace l'applicatore
(coincidente nel nostro caso con un piano orizzontale), e quelle sul piano xz, passante per
l'asse verticale (Figura 14 e Figura 15, rispettivamente). La simmetria circolare del campo
intorno all'asse dell'applicatore si riflette, ovviamente, nella distribuzione dell'indice, così che
le linee di livello sono cerchi sul piano xy (Figura 14) mentre hanno forma un po' allungata in
direzione z sul piano xz (Figura 15), a seguito del comportamento del campo che decresce più
lentamente in direzione assiale rispetto a quello che accade in direzione radiale 14 .
B
14
Più precisamente il campo è maggiore di un fattore 2 in direzione z rispetto alla direzione radiale x, come è
evidente dalla (12), dell'appendice A 2.1
18/44
Venendo ad un'analisi un po' più quantitativa, si vede che sul piano dell'applicatore (e quindi
all'altezza a cui può trovarsi la mano dell'operatore) l'indice Ifeq è uguale a 1 per x = 1.10m,
vale 1.4 per x = 1m ed è maggiore di 10 (1000% del limite ICNIRP) per x = 50cm. In
sostanza, all'interno di una sfera di circa 1 metro l'indice Ifeq e sempre superiore all'unità.
Per la valutazione sanitaria di questi risultati va tenuto presente che l'esposizione a breve
distanza pone problemi di superamento dei limiti rappresentati dai valori di azione. Il fatto
che si tratti di impulsi molto brevi non può essere invocato come attenuante, dato che questa
proprietà è già stata, a quanto pare, tenuta presente nella formulazione dell'indice. In sostanza
e in attesa di nuove ricerche che escludano possibili effetti dannosi ovvero che chiariscano
che il superamento dei valori di azione non comporta superamento dei limiti di esposizione, la
permanenza in prossimità dell'applicatore andrebbe gestita con molta cautela. Ad esempio, si
potrebbe suggerire di non permettere al personale non addetto l'ingresso in una zona di alcuni
metri quando viene sganciato l'impulso e, per quanto riguarda l'operatore, egli può
posizionare l'applicatore su un supporto stabile e attivare l'impulso da distanze superiori a
quelle in cui l'indice supera l'unità.
Figura 14 – Curve di livello dell'indice Ifeq sul piano xy
19/44
Figura 15 – Curve di livello dell'indice Ifeq sul piano xz
5
Conclusioni
E' stata presentata una descrizione dettagliata delle misure effettuate per determinare
l'intensità del campo magnetico disperso dal magnetostimolatore Magstim 2002 (e, più
precisamente, dal suo applicatore) in uso presso il reparto di Neurofisiopatologia degli
Spedali Civili di Brescia. E' stata quindi messa a punto una procedura sperimentale e analitica
per descrivere le caratteristiche dell'impulso prodotto dal magnetostimolatore, compreso lo
spettro (banda fino a circa 10 kHz) e per calcolare l'indice Ifeq, che appare essere il più idoneo
per caratterizzare l'esposizione delle persone ed, in particolare, dei lavoratori addetti alle
emissioni di questo elettromedicale. E' stata individuata una modalità che ha permesso di
calcolare il valore dell'indice suddetto in ogni punto intorno all'applicatore ed è stato così
possibile individuale il volume, che si estende per distanze superiori ad un metro, nel quale
l'indice eccede il valore unitario ed in cui, pertanto, la presenza delle persone è motivo di
attenzione quanto a sicurezza ed in cui vanno ricercati provvedimenti finalizzati alla riduzione
del rischio.
20/44
APPENDICI
A 1 SET-UP DI MISURA
L'apparecchiatura di misura mostrata, schematicamente nella Figura 3, consiste dei seguenti
componenti:
− sonda di misura NARDA ELT 400, la quale consente sia di visualizzare sul proprio
display il valore del campo magnetico e/o di inviare il segnale analogico dai sensori ad un
acquisitore tramite uscite analogiche di cui è dotata;
− acquisitore, costituito nel nostro caso dall'oscilloscopio digitale ATTEN ADS 1062CM;
questo, oltre a catturare, campionare e visualizzare il singolo impulso ne permette l'acquisizione e la memorizzazione per successive elaborazioni fuori linea.
A 1.1 Sonda Narda ELT 400
La sonda Narda ELT400 ha una banda passante piatta che va da 1Hz a 400Hz. Il sensore è
costituito da tre bobine fra loro ortogonali, racchiuse in un involucro protettivo di plastica,
trasparente al campo magnetico. Le bobine (e il contenitore che le racchiude) sono fornite in
due differenti dimensioni e, conseguentemente, di due diverse sensibilità. Le caratteristiche
principali della sonda ELT 400 sono riassunte nella Tabella 7.
Tabella 7 - ELT 400 Probe: Technical specifications
Probe
Banda di frequenza
100 cm2
3 cm2
1Hz – 400kHz
Range dinamico (in 6 scale)
32 μT – 80 mT
300 μT – 750 mT
Noise level
60 nT – 80 μT
600 nT – 800 μT
Risoluzione (scala più bassa)
Rivelazione (selezionabile)
Modo di presentazione
1 nT
RMS (tempo di media 1 s) o Peak Value
Istantaneo o Max Hold
Figura 16 - Sonda ELT
400, con sensore
isotropico 100 cm2
A 1.2 Oscilloscopio ATTEN ADS 1062CM
Anche se l'oscilloscopio che è stato utilizzato (ATTEN ADS 1062CM, Digital Storage
Oscilloscope) è di basso costo, le caratteristiche di banda (60MHz) e la velocità di
acquisizione (1Gs/s) sono più che adeguate per un impulso che ha tempi di salita dell'ordine
21/44
del centinaio di μs e conseguentemente una larghezza di banda dell'ordine della decina di kHz
(vedi Appendice A 3.3).
Figura 17 – Pannello frontale dell'Oscilloscopio Digitale ATTEN ADS 1062
Lo strumento è di ridotte dimensioni e facilmente trasportabile; però, purtroppo, ha solo due
canali e quindi non permette di registrare contemporaneamente le uscite corrispondenti alle
tre componenti del campo magnetico rese disponibili all'uscita della sonda. Il problema è stato
risolto registrando ciascuno degli impulsi separatamente, come è spiegato nella Sez. 2.2 e
nell'appendice A 3.1, dedicate all'acquisizione e all'analisi della forma dell'impulso.
22/44
A 2 CAMPO DI UNA SPIRA
Anche alla frequenza più elevata a cui opera il Magstim (intorno alla decina di kHz), la
lunghezza d'onda è delle decine di km. Tutta la regione di spazio di interesse è quindi da
considerarsi nel campo vicino reattivo. Il campo elettrico e il campo magnetico possono
essere trattati come due entità indipendenti. In particolare, il campo magnetico può essere
derivato dalla corrente che circola nella bobina dell'applicatore. Le formule utilizzate sono le
stesse valide per una corrente continua solo che il campo varia nel tempo con la stessa
dipendenza temporale della corrente: si opera cioè in approssimazione quasi statica.
A 2.1 Espressione analitica del campo B di spira circolare.
Si consideri una spira circolare s,
percorsa dalla corrente I, centrata sull'asse z e che giace sul
r
piano x,y. Il campo magnetico B , prodotto dalla spira, ha una simmetria di rotazione rispetto
all'asse della spira medesima come in Figura 18, facilmente intuibile e che sarà verificata dai
calcoli che seguono.
Nelle condizioni dell'approssimazione quasi statica il campo magnetico
può essere calcolato
r
con la formula di Biot-Savart secondo la quale il campo totale B in un punto P si ottiene come
r
sovrapposizione dei contributi infinitesimi degli elementi di corrente Ids , come mostrato
dalla (2) e dalla Figura 19.
r
Figura 18 – Linee di forza del campo magnetico B , generato da una spira percorsa dalla
corrente I.
r
r μ 0 Idsr × R
B=
(2)
4π ∫s R 3 (ϕ )
Come già abbiamo anticipato, senza perdere di generalità il campo può essere calcolato nei
punti del piano xz. Indichiamo con x e z le coordinate del punto P in cui si calcola il campo e
r
r
con ϕ la posizione angolare dell'elemento di spira ds e con R il vettore che va dall'elemento
di corrente al punto P. Sviluppando il prodotto vettore che appare nella (2), l'elemento di
r
r
campo magnetico dB dovuto a ds risulta:
23/44
r μ I z cos(ϕ ) xˆ + z sin(ϕ ) yˆ + [a − x cos(ϕ )]zˆ
dB = 0
a dϕ
4π
R 3 (ϕ )
(3)
dove a indica il raggio della spira.
r
r
Figura 19 – Elemento di campo magnetico dB generato da elementi di corrente Ids .
r
Se si esegue lo stesso calcolo per l'elemento ds ' che, con riferimento al piano xy si trova in
r
posizione simmetrica rispetto a ds (si veda la Figura 19), si ha un risultato identico alla (3)
con l'unica differenza che la componente secondo ŷ risulta cambiata di segno. Questo
comporta che quando si esegue l'integrale in dϕ per ϕ che va da 0 a 2π la componente
r
secondo y di B si annulla, cioè in ogni punto del piano xy il campo magnetico prodotto dalla
spira giace sul piano xy medesimo.
r
Per calcolare il campo B è necessario eseguire per via numerica il calcolo
dell'integrale che
r
appare nella (2). Esiste però un modo che consente di ottenere il campo B in qualsiasi punto
(xz) in forma chiusa in termini di integrali ellittici completi di prima e seconda specie K ed E,
come mostrato nei riferimenti [5] e [6] 15 . Il campo può essere messo nella forma (4), o meglio
per componenti e modulo come nelle espressioni dalla (8) alla (10). Nel riferimento citato per
le derivazioni si usano le coordinate cilindriche, però si può verificare che le equazioni
risultanti sono valide anche in coordinate cartesiane 16 . Gli integrali ellittici sono tabulati (vedi
ad es. [7]) e quindi il campo B(x,z) è calcolabile manualmente, ma per gli integrali ellittici
sono facilmente reperibili codici in pressoché ogni linguaggio di programmazione (ad es. in
15
A questo punto può venire un dubbio. Se dobbiamo utilizzare un computer per eseguire i calcoli, perché non
calcolare direttamente il campo utilizzando la (2) e la (3)? Tanto più che molti programmi di calcolo numerico
hanno funzioni built-in che implementano le operazioni di prodotto vettoriale. La ragione è molto semplice e sta
nella velocità di esecuzione. Se provate a calcolare il campo per integrazione diretta delle forme vettoriali (come
abbiamo fatto noi), vi accorgete che i tempi di calcolo sono circa 50 volte più lunghi di quelli impiegati usando
gli integrali ellittici.
16
Questo è evidente dalla Figura 20 nella quale sono rappresentate le componenti Bx e Bz in funzione di x. Le
curve sono state calcolate con le eq.i (8) e (9) per z =10cm e rappresentano correttamente l'andamento del campo
sia per x positivo che negativo (Bx ha simmetria dispari e Bz simmetria pari, come deve essere) il che ne
convalida l'applicabilità in coordinate cartesiane.
B
B
B
B
24/44
Fortran o C [8]) oppure sono disponibili come funzioni all'interno di programmi di calcolo ad
alto livello, come Matlab 17 .
r
B ( x, z ) =
⎧ z⎡
⎤
⎡
⎤ ⎫
2−k2
k 2 ( x + a ) − 2r
(
)
K
k
(
)
x̂
(
)
E
k
K
k
−
−
+
+
E (k )⎥ ẑ ⎬
⎨
⎢
⎥
⎢
2
2
2 1− k
2r 1 − k
2π ( x + a ) 2 + z 2 ⎩ x ⎣
⎦
⎣
⎦ ⎭
μ0 I
(
)
(
)
(4)
in cui
k=
4a x
( x + a) 2 + z
1
K (k ) =
1
∫
(1 − u 2 )(1 − k 2u 2 )
1
1 − k 2u 2
0
E (k ) =
(5)
∫
0
1− u2
du
du
Bx (x, z I , a ) =
B z (x , z I , a ) =
Integrale ellittico completo del primo tipo
(6)
Integrale ellittico completo del secondo tipo
(7)
μ0 I
2π ( x + a) 2 + z 2
μ0 I
2π ( x + a) 2 + z 2
⎧⎪ z ⎡
⎤ ⎫⎪
2 − k2
(
)
E
k
⎥⎬
⎨ ⎢− K (k ) +
2 1− k2
⎪⎩ x ⎣⎢
⎦⎥ ⎪⎭
(8)
⎡
⎤
k 2 ( x + a ) − 2r
E
k
(
)
⎢ K (k ) +
⎥
2r 1 − k 2
⎣⎢
⎦⎥
(9)
(
(
)
)
B ( x , z I , a ) = B x ( x, z ) + B z ( x, z )
2
2
(10)
Un punto che richiede un po' di accortezza è il calcolo di Bx per x = 0 (cioè, lungo l'asse z),
perché, come si vede dalla (8), la sua espressione contiene una divisione per zero. Non si
tratta però di una reale singolarità, ma di un'espressione indeterminata del tipo 0/0, che, come
è facile vedere 18 , dà Bx = 0 per qualsiasi punto dell'asse z e il programma di calcolo può
facilmente gestire questa eccezione. Sempre con riferimento al campo lungo l'asse z, una
semplificazione di calcolo
si ottiene notando che, per le già ricordate ed evidenti ragioni di
r
simmetria, il campo B è diretto come z (cioè, ha solo la componente Bz) ed ha questa
espressione:
B
B
B
17
Nota sull'esecuzione dei calcoli. Nella presente relazione la maggior parte dei calcoli sono stati eseguiti con
Mathcad. Poiché Mathcad non possiede funzioni built-in per calcolare gli integrali ellittici, questi sono stati
implementati utilizzando le definizioni (6) e (7) e calcolando per via numerica gli integrali definiti che lì
compaiono. L'esecuzione risulta molto veloce anche quando il calcolo degli integrali va ripetuto molte volte,
come nel caso in cui si debbano generare grafici di Bx e By lungo una linea o su una superficie. Si è anche usato
Matlab per verifiche incrociate dei risultati e per preparare i grafici da importare in Word.
B
B
18
Per x =0, è k =0; ma K(0) ed E(0) risultano uguali fra loro (e uguali a π/2) come si vede dalle definizioni (6) e
(7). K(k) ed E(k) sono sviluppabili in serie intorno allo zero (si veda [7], 773.1 e 774.1). Si può quindi sviluppare
in serie di x il termine in parentesi graffa nell'espressione di Bx e si vede che questo tende a zero come x2 e quindi
Bx tende a zero per x tendente a zero.
B
B
25/44
B( z I , a) = μ 0
a2
2 (a 2 + z 2 ) 3
I
(11)
riportata in molti testi di elettromagnetismo (si veda ad es. [9], pag. 156).
Utilizzando le equazioni suddette, si può calcolare il campo in qualsiasi punto dello spazio
circostante la spira.
(a)
(b)
Figura 20 – Andamento del campo magnetico prodotto dalla spira, calcolato all'altezza z = 10
cm, al variare della coordinata orizzontale x: (a) componente Bz (Eq. (9)); (b) componente Bx
(Eq.(8)).
B
B
Ad esempio nella Figura 20 abbiamo riportato il grafico delle componenti Bx e Bz calcolate,
rispettivamente con la (9) e con la (8), al variare della coordinata x (cioè, lungo una retta
orizzontale) all'altezza di 10 cm sopra il piano della spira. E' chiara la simmetria del campo
rispetto all'asse della spira: simmetria pari per Bz e simmetria dispari per Bx, in accordo con lo
B
B
B
B
26/44
schizzo qualitativo di Figura 18. Maggior dettaglio sulla struttura del campo si ottiene
calcolandolo e visualizzandolo su superfici invece che soltanto lungo una linea. Un esempio
sono le curve di livello riportate nella Figura 10 della sez. 3.1, che mostrano il modulo del
campo B sul piano xz 19 . B è espresso in dBμT, per poter rappresentare un esteso range di
livelli in maniera che le linee appaiano distinte. Si può anche ottenere maggior dettaglio,
graficando il campo in una zona più ristretta, ad esempio un quadrato di 20 cm per 20 cm
intorno alla spira, come mostrato in Figura 21. In particolare si nota che, come del resto è
ovvio, il campo si concentra intorno al filo della spira, dove raggiunge valori molto alti. Ad
es. si hanno 120 dB/μT (106 tesla) a 2 cm dal centro della spira, in direzione assiale e a
5.8 cm 20 in direzione radiale.
Figura 21 – Linee iso-campo su un piano verticale (piano xz), in una zona quadrata di
20 cm di lato intorno alla spira.
Oppure si può calcolare il campo su piani paralleli al piano della spira. La Figura 22, ad
esempio, riporta le linee iso-campo su un piano di tal tipo distante dalla spira 5 cm. I valori
del campo sono ovviamente coerenti con quelli riportati in
: ad esempio si hanno 100 dBμT (105 μT) a circa 9 cm.
T
19
Per la simmetria intorno all'asse z, di cui abbiamo detto più volte, questo piano è da considerasi
rappresentativo di qualsiasi altro piano verticale che passa per z.
20
Dato che la spira ha un raggio di 4.56 cm, siamo di fatto a a poco più di un centimetro dal conduttore percorso
dalla corrente.
27/44
Figura 22 – Linee iso-campo su un piano orizzontale, parallelo al piano della spira e
distante da questa 5 cm, in una zona quadrata di 4 m×4m intorno alla spira.
Ricordiamo infine, a conclusione di questa sezione, che il campo magnetico di una spira a
grande distanza
(far field) può essere approssimato con quello di un dipolo magnetico di
r
momento M , orientato normalmente alla superficie della spira, e che può essere scritto con
questa espressione (12) in coordinate cilindriche:
(
r
M
2 cos θ rˆ + sin θ θˆ
B=
3
4π r
)
(12)
nella quale M = μ0Iπa2 (cioè, il prodotto di μ0 per la corrente I e per l'area della spira) è il
r
momento del dipolo magnetico, r̂ e θˆ sono, rispettivamente, il versore del vettore r che
unisce il centro della spira con il punto in cui si calcola il campo e il versore della coordinata
r
angolare θ che va dall'asse z a r . E' immediato vedere da questa espressione che, nel far
field, nei punti lungo l'asse della spira (θ = 0) il campo ha valore doppio rispetto al valore che
esso ha, a pari distanza, in direzione radiale (θ = π/2). Per mostrare questi risultati in maniera
grafica, nella Figura 23 è riportato l'andamento del campo magnetico della spira al variare
della distanza d da questa, calcolato sia con l'espressione esatta, sia con quella approssimata.
In particolare la linea tratteggiata e quella a tratto e punto rappresentano l'andamento del
campo ottenuto rispettivamente con la formula esatta (linea tratteggiata) o con quella
approssimata (linea a tratto e punto), allontanandosi dalla spira in direzione assiale (asse z).
Analogamente, la linea a tratto continuo e quella punteggiata rappresentano, rispettivamente,
il campo calcolato con la formula esatta e quella approssimata, in funzione della distanza in
direzione radiale (es. lungo l'asse x). Si noti che man mano che ci si allontana, le formule
esatte convergono in quelle approssimate con un andamento che, nella rappresentazione log-
28/44
log, è una retta con pendenza pari a tre decadi in ordinata per unadecade in ascissa 21 ,
conformemente alla dipendenza del tipo 1/r3 indicata dalla (12). La distanza dopo la quale il
calcolo approssimato differisce da quello esatto per una certa percentuale dipende dalle
dimensioni della spira. Nel nostro caso, in cui la spira ha un diametro di circa 10 cm, alla
distanza di 30 cm lo scarto fra calcolo esatto e calcolo approssimato con la (12) è inferiore al
4%.
Figura 23 – Campo magnetico lungo l'asse z e lungo l'asse x calcolati in maniera esatta e con
l'approssimazione di campo lontano.
Per distanze dell'ordine del diametro della spira le curve approssimate ed esatte si separano
marcatamente. Inoltre, come si vede dalla Figura 23, se ci si avvicina alla spira lungo l'asse il
campo tende in maniera dolce al valore nel centro della spira, pari a μ0I/2a = 1.31T (indicato
con un cerchietto in figura), mentre se l'avvicinamento avviene sul piano orizzontale, cioè
lungo un raggio, il campo sale rapidamente e diverge quando si passa sopra la spira, per poi
ridiscendere e assumere il valore μ0I/2a.
A 2.2 Fitting dei dati e determinazione dei parametri del modello
In questa sezione viene descritta a grandi linee la procedura utilizzata per ricavare, dai dati
misurati, i valori della corrente nella spira I e il raggio della medesima a. I dati a disposizione
sono costituiti dalla misura del campo magnetico in punti giacenti lungo due assi ortogonali:
21
Un andamento del tutto simile a quello mostrato in Figura 23 si otterrebbe riportando il campo B in dB/μT e
utilizzando una scala lineare per le ordinate e lasciando una scala logaritmica per le ascisse. In questo caso la
pendenza delle rette che rappresentano il campo nel far field è di 60 dB per decade
29/44
uno coincide con l'asse della bobina dello stimolatore (asse z), e l'altro sul piano della bobina
(asse x). Il metodo utilizzato è quello della minimizzazione della somma degli scarti (o errori)
al quadrato SSE fra la funzione teorica di fitting e i valori misurati.
Il modo più semplice sarebbe sicuramente quello di utilizzare come curva teorica l'equazione
(11), molto meno impegnativa della (10) dal punto di vista numerico, e limitare la procedura
di fitting ai soli dati lungo l'asse z. Però, così facendo non si sfruttano i dati lungo l'asse x. Per
tener conto di tutti i punti nei quali è stata effettuata la misura si opera allora nella maniera
seguente.
Si calcolano separatamente sia gli scarti al quadrato lungo l'asse z sia quelli lungo l'asse x e si
sommano fra loro per ottenere lo scarto quadratico medio totale SSEt:
SSE z ( I , a ) = ∑ (Bi − B ( z i I , a ) ) 2
Nz
Nz, numero dei punti lungo l'asse z,
i =1
Bi, campo nel punto i-esimo, asse z
B
B(z| I,a), campo lungo l'asse z, secondo la (11)
SSE x ( I , a ) = ∑ (Bk − B ( xk , 0 I , a ) ) 2
Nx
k
Nx, numero dei punti lungo l'asse x,
Bk, campo nel punto i-esimo, asse orizzontale
B
B(x| I,a), campo lungo l'asse x, secondo la (10)
(13)
SSEt(I,a) =SSEz(I,a) + SSEx(I,a)
Per la ricerca della coppia I ed a che minimizza SSEt è stato usato l'algoritmo LevenbergMarquardt (si veda, ad esempio, [8]).
La coppia minimizzante (I = 95.27 kA e a = 4.562 cm) è stata utilizzata per calcolare la
cosiddetta varianza spiegata o indice di correlazione generalizzato R2, che si ottiene
sottraendo da 1 il rapporto fra la somma degli scarti al quadrato SSEt (I,a) e la somma totale
degli scarti al quadrato SST 22
R2 = 1 −
SSEt ( I , a )
SST
(14)
La correlazione R2 viene comunemente utilizzata come una misura dell'accordo fra la curva
teorica e i valori misurati. R2 può essere minore o al più uguale a uno 23 e l'accordo è tanto
migliore quanto più R2 è vicino ad 1. Nel caso dei dati da noi misurati, si è ottenuto R2=
0.994, che dimostra un accordo ottimo.
22
Nel nostro caso, per calcolare la varianza totale SST abbiamo sommato la varianza
Nz
∑ ( Bi − Bv )2
relativa
i =1
Nz
Nz
1
∑ Bi e Bh = N
x
i =1
il valor medio del campo misurato lungo l'asse z e quello misurato lungo l'asse x.
1
all'asse z e quella relativa all'asse x
∑ ( Bk − Bh )2 , dove Bv = N
z
k =1
Nx
∑ Bk
indicano rispettivamente
k =1
23
E' chiaro che, nel caso (ideale) di accordo completo, quello, cioè, in cui la curva teorica passa sopra tutti i
punti misurati, SSEi è uguale a zero e R2 è uguale a 1. Altrimenti R2 è ovviamente minore di 1.
30/44
A 3 IMPULSO DI CAMPO MAGNETICO
Questa appendice si divide in tre parti. In una prima parte si analizza la forma dell'impulso nel
dominio del tempo, come risulta dalle registrazioni acquisite con l'oscilloscopio.
Successivamente, per semplificare l'analisi numerica, viene implementato un modello che
simula l'impulso con una forma analitica costituita dalla sovrapposizione di due esponenziali
smorzati. Infine si procede all'analisi dell'impulso nel dominio della frequenza e se ne valuta
la banda occupata.
A 3.1 Analisi della forma dell'impulso
Le 15 misure, effettuate campionando e registrando la forma dell'impulso sono elencate nella
Tabella 3, raggruppate in 5 terne, ciascuna delle quali riporta le componenti Bx, By, Bz,
dell'induzione magnetica presente nel punto di misura (x = 100cm, z = 114 cm).
B
B
B
Le registrazioni delle componenti Bx, By, Bz, non sono immediatamente utilizzabili. Prima di
tutto, i dati dell'uscita analogica della sonda, che sono in mV, vanno moltiplicati per il fattore
di calibrazione 300μT/800mV (fornito dal costruttore) per ottenere il dato in μT. Poi si deve
ottenere il modulo dell'intensità del campo dato da
B
B
B
B(t ) = Bx2 (t ) + B y2 (t ) + Bz2 (t )
(15)
ma prima si debbono effettuare due importanti operazioni per correggere alcuni errori
sistematici, visibili nella Figura 7 (dove sono mostrate le registrazioni relative alle prime tre
righe di Tabella 4) e presenti anche in tutte le altre dodici registrazioni.
Il primo errore sistematico è dovuto ad un bias di circa 20 mV, presente nell'uscita analogica
della sonda. La correzione dell'errore via software è abbastanza semplice, grazie al fatto che
prima dell'innescarsi dell'impulso il segnale dovrebbe essere zero. Se quindi si prende una
sequenza di un certo numero di campioni – diciamo un centinaio – in questa zona della
registrazione e se ne fa la media 24 , la quantità che se ne ottiene può essere sottratta al segnale,
che risulta così corretto dal bias.
L'altro errore si presenta come uno sfasamento, ovvero uno shift temporale, fra le
registrazioni delle tre componenti del vettore B. L'errore è dovuto al fatto che, come è già
stato detto, l'oscilloscopio utilizzato non permette di acquisire tre tracce contemporaneamente.
D'altra parte le tre componenti di un singolo impulso, non essendoci praticamente ritardo di
propagazione, vengono ricevute nello stesso istante dalle tre bobine del sensore25 . Per la
correzione dell'errore abbiamo sfruttato la presenza di un picco ben marcato (ed uno solo) in
ciascun impulso. Una volta individuato il picco di ciascuna componente, se ne è presa una a
riferimento (ad es. Bx) e le altre sono state traslate sull'asse in modo che gli istanti
corrispondenti ai picchi coincidano. Fatto ciò, dalle componenti si calcola il modulo
utilizzando la (15). Il risultato è mostrato in Figura 24 (a).
B
24
L'esecuzione della media serve ad eliminare l'errore di quantizzazione introdotto dal campionamento che è
dell'ordine di un paio mV, visibile in Figura 7 come una fascia di rumore.
25
E' bene precisare che l'utilizzo di tre impulsi successivi per acquisire le componenti Bx, By, Bz, di un particolare
impulso presuppone che il generatore sia così stabile, che senza – ovviamente – cambiare le impostazioni,
intensità e forma dell'impulso non mutino da un impulso all'altro. Vedremo che questo è effettivamente quello
che accade.
B
B
B
31/44
(a)
(b)
(c)
(d)
(e)
(f)
Figura 24 – Modulo degli impulsi acquisiti con le misure riportate nella Tabella 3 figg. da (a) ad
(e); (f) sovrapposizione di tutti gli impulsi, normalizzati al rispettivo massimo.
32/44
La stessa procedura è stata ripetuta anche per le altre quattro terne (b)-(e), ottenendo i risultati
mostrati nei corrispondenti grafici da (b) ad (e) 26 di Figura 24. Come si vede da questa figura,
a parte l'ampiezza che dipende dall'intensità impostata sul generatore, la forma degli impulsi
appare identica.
Per verificare se la forma è davvero la stessa, i cinque impulsi sono stati prima normalizzati
ciascuno al proprio massimo con la relazione:
g n (t ) =
Bn (t )
max (Bn (t ) )
(16)
dove n = a, b, ..., e, indica uno dei cinque impulsi. Quindi gli impulsi sono stati sovrapposti
traslandoli (se necessario) in modo che i loro picchi coincidano. Il risultato della
sovrapposizione è visibile nel grafico (f) di Figura 24. Se si escludono le code, dove il segnale
è basso e quindi abbastanza deteriorato dal rumore, la forma degli impulsi può considerarsi
identica. Per avere una valutazione meno "ad occhio" e più quantitativa di quanto la forma di
questi impulsi può considerarsi "identica", è stata calcolata la radice quadrata del valore
quadratico medio di ciascuno dei g con la formula seguente (N indica il numero dei campioni
con cui si è acquisito un impulso):
g rms =
1
N
N −1
∑g
k =0
2
k
(17)
Applicando la formula agli impulsi da (a) ad (e) di Figura 24, si sono ottenuti i valori riportati
nella seguente tabella:
Tabella 8 - Valore quadratico medio degli impulsi normalizzati
Impulso
(a)
(b)
(c)
(d)
(e)
grms
0.280
0.282
0.283
0.281
0.283
La media è 0.282 e la deviazione standard 0.0011. L'errore, inteso come deviazione standard
diviso la media, risulta inferiore al 4 per mille. Si può pertanto affermare che il generatore
produce correnti e quindi impulsi di campo magnetico di forma estremamente regolare, che
possono essere messi nella forma:
b (t ) = k ⋅ g ( t )
(18)
dove b(t) indica una qualsiasi componente del campo magnetico, k è una costante che dipende
dalla potenza impostata e dalla distanza e orientazione dell'applicatore rispetto al punto di
misura, mentre la funzione g(t) rimane la stessa per ogni impulso prodotto dal generatore.
Chiameremo g(t) fattore di forma degli impulsi. Per ciascuna delle componenti si può ora
r
scrivere Bx(t) = kx⋅g(t), By(t) = ky⋅g(t) e Bz(t) = kz⋅g(t); analogamente per il modulo di B(t ) si
ha la forma semplice:
B
B
B
B (t ) = k x2 g (t ) 2 + k y2 g (t ) 2 + k z2 g (t ) 2 = K ⋅ g (t )
26
(19)
Il contenuto del grafico (f) ella medesima Figura 24, verrà descritto nel paragrafo successivo.
33/44
k x2 + k y2 + k z2 e si è potuto estrarre dalla radice il fattore g(t) grazie al
r
fatto che esso è lo stesso per ogni componente di B .
in cui si è posto K =
A 3.2 Fitting con esponenziali
E' ben noto che l'acquisizione di un segnale, analogico o numerico, comporta l'introduzione di
errori di vario tipo, alcuni dei quali sono stati discussi nella sezione precedente. Quando si
dispone di un segnale campionato, magari con un notevole numero di campioni – nel nostro
caso tale numero è di 20480 – l'informazione utile appare mescolata a disturbo che può
complicarne l'elaborazione o la rappresentazione. Una tecnica comune per separare il segnale
dal disturbo è quella di adattare ai dati una curva matematica che sia in grado di rappresentare
il fenomeno fisico che quei dati ha prodotto.
La forma dell'impulso mostrata in Figura 24 suggerisce che una curva approssimante può
essere ottenuta sommando due esponenziali smorzati, come mostrato dalla (20).
Un'espressione di questo tipo descrive la scarica di un condensatore su un circuito RLC, con
smorzamento critico (o appena superiore al critico). Si tratta di un fenomeno spesso usato
nella generazione di impulsi e quindi l'utilizzazione di una tale espressione conferisce al
fitting, oltre alla notevole semplicità matematica, un elevato contenuto fisico.
t −τ
−
⎛ − tτ−τ
1
⎜
− e τ2
h(t C ,τ 1 ,τ 2 ,τ ) = C ⋅ e
⎜
⎝
⎞
⎟
⎟
⎠
(20)
Lo spostamento temporale τ è stato introdotto per tenere conto dell'incertezza nella
determinazione dell'inizio degli impulsi (si veda la Figura 7), derivante dalla difficoltà di
sincronizzare il trigger dell'acquisitore con lo sgancio dell'impulso da parte del generatore.
Per determinare le quattro quantità ignote C, τ1, τ2 e τ si è utilizzata una procedura di bestfitting non lineare ai minimi quadrati del tutto simile a quella già descritta nell'appendice A
2.2. Per dare maggiore generalità al risultato si sono utilizzati, come dati, quelli dell'impulso
normalizzato g(t) di Figura 24 (f), ottenendo questi valori: C = 18.915, τ1 = 84.051 μs, τ2 =
73.391 μs, τ = 159.0 μs. L'accordo è ottimo come si vede dal confronto operato in Figura 25,
dove sono stati riportati gli impulsi ottenuti dalle misure e normalizzati ai rispettivi massimi,
cioè il tracciato di Figura 24 (f), insieme alla curva h(t) ottenuta inserendo nella (20) i
parametri determinati con il fittng (linea smooth a tratto continuo).
La h(t) differisce leggermente per il valore del picco (0.943, invece di 1) e per un andamento
più regolare della coda per t elevati. In questa parte del tracciato gli impulsi sperimentali sono
affetti da rumore e inoltre soffrono di un artefatto dovuto all'aver imposto agli impulsi di
essere dovunque positivi, dopo il recupero del bias. Si tratta comunque di differenze del tutto
ininfluenti per l'uso che verrà fatto dell'impulso analitico nell'analisi spettrale (Sez. A 3.3) e
nel filtraggio numerico. Sono stati calcolati anche la varianza spiegata (che da per risultato R2
= 0.993 27 ) ed il valore quadratico medio di h(t), che è risultato hrms =0.281, un valore che si
accorda ottimamente con quelli degli impulsi misurati, riportati nella Tabella 8 (scarto dalla
media inferiore a 0.3%). Ambedue questi riassunti statistici confermano la bontà della
espressione (20) per rappresentare l'impulso in forma analitica.
27
La somma non spiegata degli errori al quadrato risulta SSE = 0.997, mentre la somma totale degli scarti al
quadrato risulta SST = 145.16, da cui l’indice di correlazione R2 = 1-SSE/SST = 0.993
34/44
Figura 25 - confronto fra g(t), impulsi misurati e normalizzati al massimo di Figura 24(f), ed
h(t) impulso ottenuto per fitting (linea contimua)
A 3.3 Spettro dell'impulso
Lo spettro dell'impulso viene calcolato applicando le usuali tecniche di DFT (Discrete Fourier
Transform) al segnale acquisito e campionato mediante l'oscilloscopio 28 . Anzi, per conferire
maggiore generalità al risultato, la DFT è calcolata sull'impulso normalizzato al valore del
picco Bp (di cui nella precedente sezione A 3.1): da questo si può, se necessario, calcolare lo
spettro dell'impulso di ampiezza Bp moltiplicando per Bp lo spettro dell'impulso normalizzato.
L'analisi viene quindi completata confrontando lo spettro dell'impulso normalizzato suddetto
con quello ottenuto per fitting del segnale. Se indichiamo con {gk} la sequenza dei campioni
del segnale acquisito e con Nc il loro numero 29 , la DFT di {gk} si scrive
B
B
B
28
Per evitare un eccesso di rumore di quantizzazione, il segnale è stato sottoposto ad una procedura di smoothing
del tipo media mobile. Il numero di punti p (parametro di media) è stato scelto uguale a 21, che porta ad
intervallo di media pari a p⋅dtc = 1.68μs (p = 21, dtc = 0.08μs, sampling time), che è sufficientemente piccolo da
non alterare la forma dell'impulso.
29
La sequenza dei campioni è stata completata con zeri in modo che Nc sia una potenza di 2. Con questa
operazione la finestra temporale del segnale diventa Tr = Nc⋅dtc (dtc, sampling time). Il valore scelto per Nc, pari a
216, è il risultato di un compromesso: non è troppo grande da appesantire eccessivamente il calcolo e allo stesso è
abbastanza grande da determinare una distanza fra le armoniche Δf = 1/Tr sufficientemente piccola da permettere
35/44
1
Gn =
Nc
N c −1
∑ gk ⋅ e
−j
2π
n⋅ k
Nc
(21)
k =0
dalla sequenza {Gn} si torna ai {gk} con la formula 30 ::
gk =
N c −1
∑ Gn ⋅ e
j
2π
k ⋅n
Nc
(22)
n =0
Venendo al nostro caso particolare è stato scelto Nc = 216 = 65536 campioni e, poiché
l’intervallo temporale di campionamento dtc è di 0.08μs, la finestra temporale Tr = Nc⋅dtc, su
cui viene effettuata la DFT, è di un po' più di 5ms e la distanza fra i punti calcolati dello
spettro risulta Δf ≅ 200 Hz (190.73 Hz, per l'esattezza).
La Figura 26 mostra l'andamento dello spettro. Oltre alla rappresentazione in lineare (grafico
a destra nella figura) abbiamo riportato gli stessi dati in scala Log-Log nel grafico (b). Questa
rappresentazione, espandendo la figura alle basse frequenze, permette di apprezzare meglio
l'occupazione della banda e di visualizzare come l'ampiezza dello spettro decada al crescere
della frequenza. Ad esempio, a 6 kHz si vede che l'ampiezza è ridotta a meno di un decimo e
quindi il contributo alla potenza del segnale è oramai meno di un centesimo.
(a)
(b)
Figura 26 – Spettro dell'impulso ricavato mediante DFT per campionamento di 216 punti
dell'impulso di Figura 25: (a) rappresentazione in scala lineare e (b) in scala log-log.
di ricostruire correttamente le variazioni dello spettro, specie alle basse frequenze, dove le armoniche hanno i
valori più elevati.
30
Come è noto, in letteratura si trovano numerose varianti alla coppia trasformata–antitrasformata (21) e (22).
Queste differiscono fra di loro e da quella riportata qui sia per la posizione del fattore (1/Nc), che può trovarsi
spostato dalla (21) alla (22), oppure per la posizione del segno meno dell'esponente di e che può trovarsi nella
(21), oppure della (22). Inoltre esistono forme che utilizzano le funzioni seno e coseno invece degli esponenziali
complessi. Tutte queste forme sono fra loro equivalenti e ugualmente valide, purché non si mescolino fra di loro.
Nella coppia i coefficienti Gn, in condizioni qui soddisfatte, coincidono con i coefficienti della serie di Fourier
di una funzione g(t), periodica, con periodo Tr uguale alla finestra temporale dell'impulso completato con zeri. Si
noti anche che, con questa scelta il termine G0 rappresenta il valor medio del segnale g(t), come si vede
immediatamente ponendo n = 0 nella (21).
36/44
Per completezza otteniamo lo spettro anche per via analitica. Questo si fa utilizzando la ben
nota definizione [11] della trasformata di Fourier, che qui trascriviamo:
G (ω ) = ∫
∞
−∞
g (t )e − jωt dt
(23)
Applicando la trasformazione alla (1), che esprime l'impulso in forma analitica, si ottiene 31 :
− j 2π fτ
(τ 1 − τ 2 )e
G( f ) = C
(1 + j 2π fτ 1 )(1 + j 2π fτ 2 )
(24)
Dove C = 18.915, τ1 = 84.051 μs, τ2 = 73.391 μs, τ = 159.0 μs sono i parametri di fitting già
citati.
Nella Figura 27 è disegnato il grafico dell'impulso di nuovo in scala lineare e in scala loglog 32 . Che le due procedure diano risultati molto simili è mostrato chiaramente dalla Figura
13 (nel testo) dove, sullo stesso grafico, sono stati riportati sia i risultati ottenuti con la DFT
sia quelli con la trasformata di Fourier analitica. L'analisi della formula (24) permette di
comprendere l'andamento dello spettro osservabile chiaramente nel diagramma log-log: si ha
un plateau fino a circa 2kHz (in corrispondenza delle frequenze 1/2πτ1 e 1/2πτ2), dopo di che,
al crescere della frequenza, lo spettro decade come 1/f 2 ovvero con pendenza di 40dB/decade.
(a)
(b)
Figura 27 – Spettro dell'impulso ottenuto per via analitica: (a) rappresentazione in scala
lineare; (b) in scala log-log.
31
La F-trasformata della (1) è di immediata derivazione se si tiene presente che la trasformata dell'esponenziale
smorzato e-αt vale α/(α2+ω2).
32
Si noti che per confrontare i risultati del calcolo dello spettro ottenuto mediante DFT con quelli che risultano
dalla trasformata di Fourier (23) è necessario dividere questi ultimi per Tr, durata della finestra temporale su cui
si esegue la DFT. Questo non deve sorprendere perché nei varie formulazioni utilizzate per il calcolo dello
spettro di una forma d'onda c'è un fattore moltiplicativo che varia da una formulazione all'altra. In particolare, la
formula (21) per la DFT (che, che, per inciso, coincide con la sommatoria che nel calcolo dei termini della serie
di Fourier sull'intervallo Tr risulta approssimando l'integrale con la regola dei trapezoidi) è correlata alla (23)
dividendo quest'ultima per Tr.
37/44
A 4 Quadro normativo
I limiti di esposizione al campo elettromagnetico variano a seconda della frequenza del
campo, per tener conto sia del diverso accoppiamento fra campo e soggetto esposto, sia dei
diversi effetti biologici prodotti nei tessuti. Nel caso del magnetostimolatore le frequenze di
interesse sono comprese nella gamma delle così dette basse frequenze (BF) e si estendono da
qualche Hz ad alcune decine di kHz.
In Italia, come in tutti i paesi sviluppati, le norme prevedono limiti distinti per i lavoratori e
per la popolazione in genere. Tuttavia si tenga presente che – a parte il paziente per il quale è
il medico che deve decidere sull'intensità dell'esposizione in base a considerazioni del tipo
rischio/beneficio – difficilmente il personale non addetto verrà esposto ai campi del
magnetostimolatore. Pertanto queste note sulla normativa saranno concentrate sui limiti
relativi ai lavoratori addetti.
Per i lavoratori addetti il riferimento è il D.Lgs. 81/2008 [4]. Questo decreto legge attua la
Direttiva Europea 2004/40/CE [12] basata, sua volta, sulle Linee Guida 1989 della
International Commission for Non Ionizing Radiation Protection (ICNIRP) [13]. In
particolare, i Valori di Azione (VdA) 33 – che sono le intensità del campo che non debbono
essere superate per rispettare le restrizioni di base – sono riportati nelle tabelle dell'Allegato
XXXVI del citato D.Lgs. 81/2008. Nella Tabella 9, estratta dal suddetto Allegato XXXVI,
abbiamo trascritto i VdA (in valore efficace) per il campo magnetico B 34 , fino alla frequenza
di 65 kHz, dove lo spettro dell'impulso si è oramai ridotto di 60dB rispetto al plateau.
Indice II98. I Valori di Azione riportati nella Tabella 9 presuppongono che il campo sia di tipo
monocromatico 35 . Nel caso che si abbia la presenza contemporanea di più frequenze,
provenienti da sorgenti distinte o prodotte dalla stessa sorgente, le linee guida ICNIRP [13], a
cui il D.Lgs 81/2008 rimanda, prescrivono di costruire il seguente indice, che chiamiamo II98:
I I 98 = ∑
i
B pi
(25)
2 ⋅ BL,i
dove le Bpi indicano il valore di picco delle componenti spettrali 36 del campo magnetico alla
frequenza fi e BL,i il VdA alla stessa frequenza, dedotto dalla Tabella 9 37 . Perché la normativa
sia rispettata l'indice non deve essere superiore a 1 (II98≤ 1).
B
B
33
Nelle linee guida ICNIRP si usa il termine reference levels
Non abbiamo invece riportato i Valori di Azione del campo elettrico E, che è di scarsa importanza per le
emissioni dello stimolatore magnetico.
35
Per ottenere il valore di picco si devono moltiplicare per 2 le quantità riportate in tabella.
34
36
Se si usa la DFT con gli esponenziali complessi, come appunto nelle (21), (22) o come nei programmi di
calcolo più diffusi (es.: Mathcad e Matlab), il modulo delle componenti spettrali che si ottiene usando queste
formule va moltiplicato per 2 per ottenere l'ampiezza della oscillazione sinusoidale alla frequenza fi da introdurre
nella (25). Per le relazioni fra trasformate che usano gli esponenziali complessi e quelle espresse con seni e
coseni, si veda, ad es. [16].
37
Poiché abbiamo messo al numeratore i valori di picco del campo misurato è necessario moltiplicare per 2 i
valori del VdA che sono espressi invece in valore efficace. Ovviamente si può usare nella (25) il rapporto dei Bi
in valore efficace con i BLi senza la 2 (dato che i VdA sono in valore efficace) e l'indice II98 avrebbe avuto lo
stesso valore. Usando i valori di picco Bpi è più immediato il richiamo al fatto che quello che si vuole evitare
sono i massimi istantanei del campo magnetico. Per un maggior dettaglio su questo e altri aspetti circa l'uso degli
indici con segnali non monocromatici si veda l'approfondita analisi in [14] e [15].
B
B
38/44
Tabella 9 - Valori di azione per l'induzione magnetica (in valore efficace) al variare della
frequenza
f (Hz)
B (μT)
0 38 – 1
1–8
2⋅105
2 ⋅10 5 f 2
8 – 820
25⋅10 3 f
820 – 65 000
30.7
Può risultare naturale applicare lo stesso procedimento di pesatura e somma anche alle varie
componenti spettrali di segnali a banda larga ed in particolare alle varie frequenza che
compongono lo spettro dei segnali impulsivi, quali quelli emessi dagli stimolatori magnetici.
A questo punto, per capire il principio che sta dietro alla (25) e perché possa risultare naturale
utilizzare la (25), è utile ricordare che, alle basse frequenze, gli effetti biologici sono
attribuibili all'azione delle correnti sulle cellule eccitabili. A differenza di quanto accade alla
alte frequenze, dove si cerca di limitare la potenza assorbita, alle basse frequenze l'obiettivo
delle norme è quello di limitare i picchi 39 di corrente all'interno dei tessuti,
indipendentemente, almeno entro certi limiti, dalla durata dell'esposizione. Ebbene, come è
chiaro dalla sua espressione, nella formula (25) le componenti spettrali (rapportate al limite
BL,i) vengono sommate aritmeticamente l'una all'altra come se fossero tutte in fase 40 .
B
Indice Ifeq.Nelle linee guida ICNIRP del 1998 – di riferimento per il D.Lgs. 81/2008 - c'è
questa indicazione per trattare i segnali impulsivi: si misurano altezza Bp e durata tp
dell'impulso (Figura 28) e si calcola la frequenza equivalente feq = 1/(2⋅tp). Con questi dati si
definisce l'indice:
B
I feq =
Bp
(26)
2 ⋅ L feq
dove Lfeq è il valore di azione alla frequenza feq, ricavabile dalla Tabella 9.
38
Si noti che, poiché solo i campi magnetici tempo-varianti producono correnti nei tessuti e sono le correnti a
produrre gli effetti biologici, i campi statici non dovrebbero essere compresi in questa normativa. In effetti
l'intervallo di frequenza 0–1Hz è introdotto soltanto per raccordare le tabelle con il valore di 2⋅105 per il campo
statico e le sommatorie che appaiono nelle formule (25), (26) e (27) partono di fatto da i = 1.
39
A convalida di questa interpretazione, si noti che, per le frequenze sotto 100 kHz, l'ICNIRP non prescrive di
operare nessuna media temporale sui valori del campo prima del confronto con i limiti di sicurezza.
40
Si noti che nel caso di un impulso molto stretto questa condizione si può effettivamente realizzare. Si pensi ad
un segnale approssimabile con una delta di dirac δ(t-τ) il cui spettro è composto di armoniche che si
sovrappongono "in fase" all'istante τ. Ovviamente, la delta di Dirac è un caso ideale (tant'è che la sua ampiezza
per t=τ va all'infinito), però un impulso molto stretto ha un comportamento molto vicino a questo caso ideale.
39/44
V:\Norme\ICNIRP\I-rect_Eq.cdr
Figura 28 - Oscillazione sinusoidale equivalente ad un impulso di altezza Bp e durata tp.
B
Se, come accade spesso, l'impulso non è esattamente rettangolare, si può far riferimento ad un
impulso rettangolare che abbia la stessa altezza Bp dell'impulso misurato e durata tp scelta con
uno dei due criteri seguenti (ma se ne potrebbero trovare anche altri): (1) l'area Bp⋅tp del
rettangolo sia uguale all'area A dell'impulso misurato, ovvero tp = A/Bp; (2) tp è dato dalla
distanza temporale fra i due punti, rispettivamente sul fronte di salita e su quello di discesa,
nei quali l'impulso passa per il 10% del suo valore massimo. E' evidente che, una volta scelta
la definizione, tp e la corrispondente feq dipendono soltanto dalla forma dell'impulso. Nel caso
dell'impulso generato dal Magstim (Figura 27) si ottiene per feq rispettivamente 1734 Hz o
989 Hz a seconda che si usi per tp la prima o la seconda definizione. Le due frequenze
differiscono sensibilmente 41 , ma fortunatamente queste differenza non porta conseguenze,
perché siamo nella zona piatta dello standard e il valore di azione vale 30.7μT in ambedue i
casi.
B
B
B
Indice Iwp03. L'indice II98 può risultare eccessivamente penalizzante nel caso di segnali nei
quali l’evento per cui tutte le armoniche si sommano in fase, di cui abbiamo detto, può non
realizzarsi mai. Per questa ragione l'ICNIRP, con lo Statement del 2003 [2] ha proposto,
nell'intervallo di frequenza 8Hz÷65kHz per i lavoratori (e 8Hz÷100kHz per la popolazione),
un indice – che indichiamo con Iwp03 42 –, definito secondo l'equazione (27)
⎛
⎞
B p ,i
I wp 03 = Max⎜ ∑
cos(2πfit +θ i+φi ) ⎟
⎜ i 2 ⋅ BL,i
⎟
⎝
⎠
(27)
nella quale: Bp,i e θi sono, rispettivamente l'ampiezza e la fase della componente spettrale alla
frequenza fi; mentre φi vale π/2 per f < fc e 0 per f > fc, con fc che vale 820 Hz per i lavoratori
B
41
Nel caso specifico, la differenza nasce dal fatto che l'impulso del Magstim ha un fronte di discesa molto lento,
che allunga molto il tempo tp. Con impulsi più simmetrici la differenza sarebbe molto meno marcata. Tuttavia,
questa incertezza nella determinazione di tp e quindi di feq è una delle ragioni che hanno indotto l'ICNIRP a
introdurre il criterio del weighted peack.
42
wp sta per weighted peack e 03 si riferisce al 2003, anno di pubblicazione dello statement.
40/44
(800 Hz, per la popolazione). Al solito, l'indice deve essere ≤ 1 perché l'esposizione possa
essere considerata sicura.
Figura 29 - Schema del filtro passa alto per implementare l'indice Iwp03
E' evidente che l'indice Iwp03 coincide con II98 nel caso in cui le componenti che costituiscono
il segnale hanno una evoluzione temporale tale da raggiungere contemporaneamente il valore
massimo (cioè il coseno di ciascuna componete assume valore 1 nel medesimo istante 43 ).
Anche se con i moderni DSP eseguire la DFT e calcolare l'indice come previsto dalla (27) è
abbastanza semplice, ICNIRP suggerisce di ottenere il valore dell'indice utilizzando un filtro
(digitale o analogico) che agisce direttamente nel dominio del tempo sul segnale disponibile
all'uscita dei sensori della sonda. Il filtro suggerito da ICNIRP è un semplice RC passa alto,
come indicato in Figura 29 44 , la cui frequenza critica è data da: fc = 1/(2πRC) stabilita in
820Hz (800Hz, per la popolazione) e il cui fattore di amplificazione è dato da 1/( 2 ⋅ BLH ) , dove
BLH indica il valore del limite di esposizione nella zona piatta dello standard ICNIRP 1998 al
di sopra della frequenza critica; BLH vale 30.7μT per i lavoratori (6.25μT per la popolazione).
B
B
Si noti tuttavia che il D.Lgs. 81/2008, che è la norma attualmente in vigore in Italia, è basata,
come abbiamo detto, sulla Direttiva Europea 2004/40/CE la quale tiene conto delle Linee
Guida ICNIRP 1998, ma non dello Statement ICNIRP 2003, ed è quindi alle Linee Guida del
1998 che al presente si deve fare riferimento.
Anche se non direttamente pertinenti allo scopo del presente documento, vogliamo in questa
appendice dare anche un rapido accenno all'attività dell'ICNIRP successiva al 2003. Mentre il
documento del 1998 comprendeva tutto lo spettro di frequenze da 0 a 300GHz (anche se, va
detto, venivano esaminati separatamente i meccanismi che presiedono ai fenomeni biologici e
biofisici, che sono diversi nelle varie porzioni dello spettro), successivamente si è ritenuto più
razionale dividere lo spettro in tre parti, per ciascuna delle quali è prevista la pubblicazione di
documenti specifici: E' quello che accade ad es. nell'istante τ, se il segnale è costituito da un impulso molto stretto, approssimabile
con la delta di dirac δ(t - τ), come si è detto alla nota .
44
Se si decide di procedere per via numerica la cella RC dà luogo all'equazione ricorsiva:
τ
τ
τ
Vout =
Vout +
Vin −
Vin
τ + Tc
τ + Tc
τ + Tc
43
n
n −1
n
n −1
dove τ = RC indica la costante tempo del filtro e Tc è il tempo di campionamento, scelto uguale ad un centesimo
di τ. Secondo la definizione (27) l'indice Iwp03 è dato dal massimo della sequenza Vout moltiplicato per il fattore
di amplificazione 1 / ( 2 ⋅ BLH ) .
41/44
1. DC e frequenze sotto 1 Hz;
2. Low frequency, da 1 Hz a 100 kHz;
3. High-frequency, da 100 kHz a 300 GHz;
Per quanto riguarda il primo punto, esiste una linea guida specifica per i campi statici, ed in
particolare per i campi magnetici dovuti alle apparecchiature MR (che però non si applicano
all'esposizione del paziente), mentre sono allo studio i campi indotti dal movimento in campi
magnetici statici intensi.
La porzione delle frequenze nella quale il processo di revisione è stato più profondo è quello
1 Hz–100 kHz. In questa gamma di frequenza, dopo lo Statement del 2003 del quale abbiamo
parlato a proposito dell'indice Iwp03, nel 2010, è stata pubblicata la linea guida "StatementGuidelines for limiting exposure to time-varying electric and magnetic fields (1 Hz to 100
kHz)" [18]. I livelli di riferimento sono stati accresciuti sia per la popolazione che per i
lavoratori. Nei grafici della Figura 30, si sono messi a confronto, i livelli di riferimento della
linea guida del 1998 con quelli della linea guida del 2010, questo sia per i limiti relativi ai
lavoratori (a) sia per la popolazione civile (b).
Come si vede dalla frequenza di 25 Hz in poi i limiti di riferimento sono più elevati sia per i
lavoratori che per la popolazione. Ad esempio a 50 Hz il limite è raddoppiato: per i lavoratori
era di 500μT nel 1998 ed è diventato 1mT nel documento del 2010, analogamente per la
popolazione si è passati da 100μT a 200μT.
(a)
(b)
Figura 30 - Confronto dei valori di riferimento definiti nella linea guida ICNIRP del 1998 (linea
continua) e quelli della linea guida del 2010 (linea a punti): (a) lavoratori; (b) popolazione..
Inoltre il circuito analogico per l'implementazione del weighted peack è diventato molto più
complesso, prevedendo l'uso di un filtro a quattro celle invece di uno con una sola cella.
Concludiamo queste note ribadendo che comunque, dal punto di vista normativo, questi
aggiornamenti più recenti dell'ICNIRP non hanno valore vincolante in l'Italia, dove le norme
in vigore sono il D.Lgs. 81/2008 per i lavoratori e il DPCM 8 luglio 2003 per la popolazione
ed è a queste che si deve al presente fare riferimento.
42/44
RIFERIMENTI
[1] Magstim 2002 Operating Manual, http://manuals.magstim.com/en/2002.pdf
[2] Guidance on determining compliance of exposure to pulsed and complex non-sinusoidal
waveforms below 100 kHz with ICNIRP guidelines, ICNIRP Statement, Health Physics.
March 2003, Volume 84, Number 3, p.383;
www.icnirp.de/documents/pulsed.pdf
[3] DPCM "Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di
qualita' per la protezione della popolazione dalle esposizioni ai campi elettrici e magnetici
alla frequenza di rete (50 Hz) generati dagli elettrodotti" e "Fissazione dei limiti di
esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della
popolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a
frequenze comprese tra 100 kHz e 300 GHz"
http://www.arpa.emr.it/cms3/documenti/cem/normativa/DPCM_8luglio2003_bassa.pdf
http://www.arpa.emr.it/elettrosmog/download/DPCM_8luglio2003_RF.pdf
[4] D.Lgs 9 Aprile 2008, n.81 Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (G.U. n.101
del 30-04-2008 – Suppl. Ordinario n.108);
http://www.lavoro.gov.it/NR/rdonlyres/88EB5823-1FC9-403F-86E7051227F6B32C/0/DLgs812008integratoconDLgs1062009.pdf
[5] K. Kuns, Calculation of Magnetic Field Inside Plasma Chamber, 2007, reperibile
all'URL http://plasmalab.pbwiki.com/f/bfield.pdf
[6] W.R. Smythe, Static and dynamic electricity, McGraw-Hill Book Company, 3rd edition,
p. 290.
[7] H.B. Dwight, Tables of Integrals and other mathematical data, The Macmillan
Company, 4th Ed. 1971.
[8] W.H. Press, S.A. Teukolsky, W.T Vetterling and B.P. Flannery Numerical Recipes,
University Cambridge Press 1992. Esiste con i listati in Fortran o in C, ed è reperibile anche
all'URL: http://www.nr.com/oldverswitcher.html.
[9] J.D. Kraus, Electromagnetics McGraw-Hill, 3rd ed., 1984
[10] A. Shadowitz, The electromagnetic field, McGraw-Hill, 1973
[11] A. Papoulis, The Fourier integral and its applications, McGraw-Hill, 1962
[12] Direttiva 2004/40/CE del Parlamento Europeo e Consiglio del 29 aprile 2004 relativa
alla limitazione dell'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici da 0 Hz a 300,
http://www.ifac.cnr.it/pcemni/normeit/ec2004.pdf
[13] International Commission for Non Ionizing Radiation Protection (ICNIRP), "Guidelines
for Limiting Exposure to Time-varying Electric, Magnetic, and Electromagnetic Fields (up to
300 GHz).", Health Physics 74: 494-522 (1998) http://www.icnirp.de/documents/emfgdl.pdf
[14] D.Andreuccetti, A.Bogi, N.Zoppetti, Procedura di verifica del rispetto dei livelli di
riferimento dell'induzione magnetica in presenza di forme d'onda complesse con frequenze
fino a 100 kHz, CNR-IFAC-TR-02/010, ISSN 3035-5831, TSSR, Vol. 2 -n.65-1 (2010),
http://eprints.bice.rm.cnr.it/1247/1/1_zoppetti.pdf
43/44
[15] D.Andreuccetti, S.Priori, N.Zoppetti, Esposizione della popolazione a sorgenti ELF con
forma d'onda complessa: valutazione del campo magnetico e della densità di corrente
indotta, CNR-IFAC-TR-04/010, ISSN 3035-5831, TSSR, Vol. 2 -n.65-7 (2010)
http://eprints.bice.rm.cnr.it/1551/1/7_zoppetti.pdf
[16] D.C. Champeney, Fourier transforms and their physical applications, Academic Press,
1973
[17] ICNIRP "Guidelines on Limits of Exposure to Static Magnetic Fields",
http://www.icnirp.de/documents/statgdl.pdf
[18] ICNIRP "Statement-Guidelines for Limiying Exposure to Time-Varying Electric and
Magnetic Fields (1 Hz to 100 kHz)"; http://www.icnirp.de/documents/LFgdl.pdf
44/44

Similar documents