manuale per vetrate isolanti

Comments

Transcription

manuale per vetrate isolanti
Dow Corning ® Vetrate Isolanti
Manuale di Qualità
Sommario
Introduzione������������������������������������������������������ 4
Offerta di prodotti Dow Corning ®����������� 5
Sigillanti siliconici per vetrate isolanti �������������������� 5
Dow Corning ® 3362 Sigillante
per vetrate isolanti�������������������������������������������� 5
Dow Corning ® 3362 HD Sigillante
per vetrate isolanti�������������������������������������������� 5
Dow Corning ® 3363 Sigillante
per vetrate isolanti�������������������������������������������� 5
Dow Corning ® 3793 Sigillante
per vetrate isolanti�������������������������������������������� 5
Dow Corning ® 3540 Sigillante
per vetrate isolanti�������������������������������������������� 6
Dow Corning ® 3-0117 Sigillante
per vetrate isolanti�������������������������������������������� 6
Sigillanti siliconici per vetrate strutturali������������������ 6
Sigillante siliconico Dow Corning ® 993
per vetrate strutturali���������������������������������������� 6
Sigillante siliconico Dow Corning ® 993
per vetrate strutturali���������������������������������������� 6
Sigillanti di protezione dagli agenti atmosferici������ 6
Sigillante per edilizia
Dow Corning ® 756 SMS ���������������������������������� 6
Sigillante siliconico Dow Corning ® 791
per la protezione dagli agenti atmosferici �������� 7
Prodotti per la pulizia e primer�������������������������������� 7
Prodotto per la pulizia Dow Corning ® R-40������ 7
Pulitore Dow Corning ® R-41 Plus �������������������� 7
Primer Dow Corning ® 1203 3in1���������������������� 7
Solvente concentrato per la pulizia
Dow Corning ® 3522������������������������������������������ 7
Primer Dow Corning ® 1200 OS
UV Traceable���������������������������������������������������� 7
Primer Dow Corning ® C OS������������������������������ 7
Primer Dow Corning ® P������������������������������������ 7
Assistenza clienti Dow Corning������������� 8
Assistenza Dow Corning sui progetti���������������������� 8
Revisione dei progetti di vetrazione ad
incollaggio strutturale���������������������������������������� 8
Test per progetti di vetrazione a
incollaggio strutturale���������������������������������������� 8
Assistenza per produttori di vetrate isolanti������ 8
2
Manuale Vetrate Isolanti
Considerazioni su progettazione
e materiali����������������������������������������������� 10
Componenti delle vetrate isolanti ������������������������ 10
Tipi di vetrate isolanti ������������������������������������������ 10
Vetrate isolanti con sistema di ritenuta
della lastra������������������������������������������������������ 10
Vetrate isolanti con sigillatura di seconda
barriera non intelaiata ������������������������������������ 11
Vetrate isolanti con profilo ad U���������������������� 12
Dimensionamento dei giunti delle
vetrate isolanti ���������������������������������������������������� 12
Linee guida per il dimensionamento
dei giunti delle vetrate isolanti������������������������ 12
Terminologia relativa alle vetrate isolanti ������ 13
Spessore del sigillante������������������������������ 13
Larghezza del sigillante���������������������������� 13
Calcolo dello spessore del sigillante
per vetrate isolanti in rapporto al carico
dinamico totale (pressione del vento,
sollecitazione climatica)���������������������������������� 13
Calcolo dello spessore del sigillante
per vetrate isolanti in rapporto al carico
permanente �������������������������������������������������� 14
Considerazioni sui componenti e materiali
nella produzione di vetrate isolanti ���������������������� 15
Rivestimenti per vetro ������������������������������������ 15
Tipi di rivestimento������������������������������������ 15
Vetri smaltati �������������������������������������� 15
Rivestimenti in metallo e in
ossido metallico���������������������������������� 15
Rivestimenti polimerici ���������������������� 16
Rimozione dei rivestimenti per vetro�������� 16
Sbordatura meccanica������������������������ 16
Rimozione con agenti chimici ������������ 17
Rimozione termica������������������������������ 17
Componenti dell’intercapedine ���������������������� 17
Tipi di profili���������������������������������������������� 17
Profili in alluminio�������������������������������� 17
Profili in acciaio zincato
o galvanizzato������������������������������������ 17
Profili in acciaio inossidabile �������������� 17
Profilo in polimeri organici ������������������ 17
Profilo in gomma con superficie
autoadesiva���������������������������������������� 17
Distanziatore termoplastico���������������� 17
Setaccio molecolare �������������������������������� 18
Sigillatura di tenuta – prima barriera�������� 18
Vetrate isolanti con riempimento a gas���������� 18
Uso di sigillanti siliconici in vetrate
isolanti con riempimento a gas ���������������� 19
Considerazioni relative alla
progettazione ������������������������������������������ 19
Considerazioni sulla qualità
di esecuzione�������������������������������������������� 20
Vetrate isolanti con tecnologia
Warm Edge���������������������������������������������������� 21
Qualità dei prodotti ������������������������������� 22
Considerazioni generali���������������������������������������� 22
Conservazione e manipolazione
dei materiali �������������������������������������������������� 22
Data di utilizzo������������������������������������������������ 22
Preparazione dei giunti e applicazione
del sigillante���������������������������������������������������� 22
Controllo della qualità ������������������������������������ 22
Sigillanti monocomponenti ���������������������������������� 22
Condizioni e temperatura di
conservazione������������������������������������������������ 22
Test del tempo di fuori impronta/test
elastomerico �������������������������������������������������� 22
Sigillanti bicomponenti ���������������������������������������� 23
Condizioni e temperatura di
conservazione������������������������������������������������ 23
Linee guida per estrusori di sigillanti
bicomponenti�������������������������������������������������� 23
Conservare una temperatura adeguata
nello stabilimento di produzione �������������� 23
Rispettare condizioni adeguate di
conservazione del sigillante���������������������� 24
Evitare un tasso di umidità
eccessivamente elevato �������������������������� 24
Il catalizzatore deve essere omogeneo�� �� 24
Conservare correttamente
l‘attrezzatura di dosaggio del sigillante ���� 24
Preparazione delle superfici e applicazione
del sigillante���������������������������������������������������������� 25
Procedura di pulitura del substrato���������������� 25
Substrati non porosi���������������������������������� 25
Considerazione sui solventi���������������������� 26
Mascheratura�������������������������������������������� 26
Metodo di pulitura a doppio pann ������������ 26
Applicazione del primer sul substrato������������ 26
Applicazione del sigillante e controllo
della qualit��������������������������������������������������������� 27
Procedura di applicazione del sigillante �������� 27
Requisiti di polimerizzazione del sigillante ���� 28
Requisiti di polimerizzazione�������������������������� 28
Procedure di verifica per il controllo
della qualit��������������������������������������������������� 28
Considerazioni generali���������������������������� 28
Controllo della qualità per la
produzione di sigillanti ���������������������������� 29
Test del vetro�������������������������������������� 29
Test a „farfalla”������������������������������������ 29
Test del tempo di inizio reticolazione�� �� 30
Test del rapporto di miscelazione ������ 32
Test di controllo della qualità di
adesione e polimerizzazione�������������������� 32
Test di adesione mediante pelatura
(„Peel test”) ���������������������������������������� 33
Test su campioni ad H������������������������ 34
Test di adesione a „farfalla”���������������� 36
Test di devetrazione (solo per
garanzia legata alla qualità)���������������� 36
Documentazione�������������������������������������������������� 37
Audit di produzione e controllo
della qualit��������������������������������������������������� 38
Sicurezza e procedure nello
stabilimento di produzione������������������������ 38
Controllo della qualità ������������������������������ 38
Registro di controllo della qualità per la
produzione di sigillanti ���������������������������������� 39
Controllo della qualità di adesione dei sigillanti
egistro (Test di adesione mediante pelatura)�� 40
Registro di controllo della qualità per la
polimerizzazione del sigillante (Test su
campioni ad H, Test di adesione a „farfalla”
Test elastomerico)������������������������������������������ 41
Registro del controllo qualità della
polimerizzazione del sigillante
(test di devetrificazione)���������������������������������� 42
Contatti per edifici ad alte prestazioni
di Dow Corning ������������������������������������� 43
Manuale Vetrate Isolanti
3
Introduzione
Le vetrate isolanti costituiscono un componente
chiave nella costruzione di facciate moderne
e offrono numerosi vantaggi alla struttura
dell’edificio. Considerando gli elevati costi
energetici attuali, le prestazioni termiche delle
facciate degli edifici hanno assunto una grande
importanza. L‘uso di vetrate isolanti nella
costruzione di facciate consente al progettista
di realizzare edifici con ampie aree visive
esteticamente interessanti nonché efficienti sul
piano termico.
Le vetrate isolanti sono costituite da due o più
pannelli di vetro separati lungo il perimetro da
un intercapedine e sigillante. L‘intercapedine tra
i pannelli di vetro può essere riempita con aria
o gas inerte. È possibile utilizzare numerosi tipi
di vetro tra cui vetro laminato, vetro rivestito o
vetro „Spandrel”. Questi componenti vengono
selezionati per soddisfare le caratteristiche di
colorazione, riflettività, trasmissione della luce e
del suono richieste dalle vetrate isolanti.
Le vetrate isolanti trovano impiego anche
nella sigillatura con incollaggio strutturale, che
consiste nell‘utilizzo di un sigillante siliconico per
incollare il vetro alla struttura di un edificio. Le
prestazioni delle vetrate isolanti nelle applicazioni
ad incollaggio strutturale sono determinanti a
causa dei carichi, delle sollecitazioni e dei fattori
ambientali estremi a cui la facciata e’ soggetta.
Affinché questi requisiti vengano soddisfatti,
sia la costruzione delle vetrate isolanti sia la
produzione dei singoli componenti devono
rispondere a standard qualitativi molto elevati.
Dalla produzione del vetro, all‘applicazione del
rivestimento e alla realizzazione dei distanziatori
e sigillanti, fino all‘assemblaggio finale delle
vetrate isolanti, occorre garantire una qualità
costante attraverso l‘implementazione di speciali
procedure applicative e di controllo della qualità.
La selezione dei materiali idonei costituisce
un elemento chiave sul piano delle prestazioni
delle vetrate isolanti. Dow Corning offre sigillanti
siliconici ad alte prestazioni specificatamente
progettati per la produzione di vetrate isolanti.
Il Manuale Dow Corning per vetrate isolanti ha
lo scopo di fornire linee guida e considerazioni
per i produttori di vetrate isolanti, non solo per
4
Manuale Vetrate Isolanti
l‘uso di sigillanti Dow Corning per vetrate isolanti,
ma anche come fonte di ulteriori informazioni
sulla produzione delle vetrate stesse. Si declina
qualunque responsabilità relativamente alla
completezza o accuratezza dei contenuti di
questo Manuale. Il Manuale è stato redatto da
Dow Corning sulla base delle proprie attuali
conoscenze ed esperienze riguardo alla
produzione di sigillanti e vetrate strutturali.
Dow Corning declina qualunque responsabilità
relativamente alle prestazioni delle vetrate
isolanti basate sulle informazioni fornite in questo
documento.
Informazioni
Le informazioni contenute nel presente documento
sono presentate in buona fede in base alle ricerche
e alle osservazioni della Dow Corning, che le
considera accurate. Le condizioni e i metodi di uso
dei prodotti sono tuttavia al di fuori del controllo di
Dow Corning. Per tale ragione, queste informazioni
non potranno sostituire le verifiche da eseguirsi
a cura del cliente per garantire che i prodotti in
questione siano completamente soddisfacenti per
le specifiche applicazioni. Dow Corning garantisce
esclusivamente che il prodotto soddisfa le correnti
specifiche di vendita. In caso di violazione della
presente garanzia, l’unica rivalsa sarà limitata al
rimborso del prezzo di acquisto o alla sostituzione
dei prodotti che si fossero dimostrati diversi rispetto
a quanto garantito.
Dow Corning esclude esplicitamente qualsiasi
altra garanzia esplicita o implicita di idoneitá
a usi particolari o alla commercializzazione. A
meno che Dow Corning non abbia consegnato
una dichiarazione di idoneitá all’uso debitamente
firmata, si esclude qualsiasi responsabilitá per
danni incidentali o consequenziali. I suggerimenti
all’uso non dovranno essere considerati come inviti
a infrangere eventuali brevetti.
Offerta di prodotti Dow Corning ®
Dow Corning offre una gamma completa di
sigillanti siliconici ad alte prestazioni. Ogni
sigillante è sviluppato e testato per una specifica
applicazione e deve essere usato esclusivamente
per gli scopi previsti, salvo specifica approvazione
di Dow Corning. Le informazioni specifiche sui
prodotti sono disponibili sul sito dowcorning.com.
Sigillanti siliconici per vetrate
isolanti
Di seguito sono descritti i sigillanti siliconici
Dow Corning® disponibili per le vetrate isolanti.
Questi prodotti sono destinati esclusivamente alla
produzione di vetrate isolanti e non sono approvati
per l‘uso come sigillanti per incollaggio strutturali.
Una tipica applicazione di vetrazione ad incollaggio
strutturale è il fissaggio del vetro ad una struttura
metallica.
Sigillante Dow Corning® 3362
per vetrate isolanti
Il sigillante siliconico Dow Corning® 3362 per
vetrate isolanti è un prodotto siliconico neutro
bicomponente a polimerizzazione rapida da
utilizzare come sigillante secondario nelle vetrate
a doppia sigillatura. Dow Corning 3362 ha ricevuto
l‘”Approvazione tecnica europea” (ETA) in base a
test effettuati da enti di certificazione indipendenti
eseguiti secondo le attuali linee guida per vetrate
strutturali ETAG-002. Dow Corning 3362 trova
impiego nelle vetrate isolanti utilizzate nelle
applicazioni di vetrazione ad incollaggio strutturale.
A seguito di tale certificazione, il prodotto ha anche
ricevuto il marchio CE. Il sigillante è disponibile
in due diversi tipi di viscosità per il catalizzatore:
standard, HV e HV/GER. Per ulteriori informazioni,
consultare la scheda tecnica del prodotto.
Sigillante Dow Corning® 3362 HD
per vetrate isolanti
Il sigillante siliconico Dow Corning® 3362 HD per
vetrate isolanti è un sigillante speciale ad alto
modulo specificatamente progettato per le vetrate
isolanti. Le caratteristiche di alto modulo riducono
il movimento della sigillatura primaria, aumentando
la probabilità che la vetrata isolante superi il test
relativo alla perdita del gas (ex. EN 1279 parte 3).
Sigillante Dow Corning® 3363
per vetrate isolanti
Il sigillante per vetrate isolanti Dow Corning® 3363
è uno specifico sigillante siliconico bicomponente
secondario ad alta resistenza sviluppato
appositamente per applicazioni ad alto carico, quando
l’uso di sigillanti tradizionali con minor resistenza
richiederebbe giunti di dimensioni maggiori.
Il sigillante per vetrate isolanti Dow Corning 3363 è
stato sviluppato con una resistenza progettuale di
0,21 MPa e consente l’utilizzo di giunti di dimensioni
più economiche in applicazioni per vetrate isolanti
ad alto carico come ad esempio forte vento in edifici
molto alti, possibilità di uragani, vetro isolante curvato
a freddo o carichi con forte impatto, come nel caso
dell’esplosione di bombe. I giunti di dimensioni minori
inoltre facilitano la produttività, per via del più rapido
riempimento dei giunti secondari più piccoli, rispetto
a quelli di dimensioni maggiori. Il sigillante per vetrate
isolanti Dow Corning 3363 è ideale come sigillante
secondario per vetrate isolanti triple con gas per
condizioni climatiche potenzialmente molto difficili. È
adatto inoltre per vetrate doppie con gas e soddisfa i
requisiti della norma EN 1279 parti 2 e 3 per vetrate
isolanti con gas.
Il sigillante per vetrate isolanti Dow Corning 3363
può essere impiegato per vetrazione strutturale di
facciate. Questo prodotto offre resistenza ai raggi
ultravioletti (UV), una lunga durata e un’ottima
adesione a vetro e distanziatori in vetrate isolanti.
Dow Corning 3363 ha ricevuto un “Benestare Tecnico
Europeo” (ETA) sulla base di test indipendenti eseguiti
secondo le linee guida Europee sulla vetrazione
strutturale ETAG-002. Il prodotto è dotato di etichetta
CE sulla base di tale approvazione.
Il prodotto Dow Corning 3363 è disponibile nella
stessa confezione del prodotto Dow Corning 3362
e con il relativo agente di polimerizzazione per
vetrate isolanti Dow Corning 3363.
Sigillante Dow Corning® 3793
per vetrate isolanti
Il sigillante Dow Corning® 3793 per vetrate isolanti
è un sigillante siliconico monocomponente a
polimerizzazione neutra, utilizzato come sigillante
secondario nelle vetrate isolanti. Dow Corning 3793
Manuale Vetrate Isolanti
5
Offerta di prodotti Dow Corning ® continua
trova impiego nelle vetrate isolanti utilizzate nelle
applicazioni ad incollaggio strutturale.
monocomponenti tradizionali, il Dow Corning 993
permette una maggiore produzione di unita’/ giorno.
Sigillante Dow Corning® 3540
per vetrate isolanti
Dow Corning 993 è un sigillante ad alto modulo
dotato di eccellenti proprietà adesive su un‘ampia
gamma di materiali. Dow Corning 993 ha ricevuto
l‘”Approvazione tecnica europea” (ETA) in base a
test effettuati da enti di certificazione indipendenti
eseguiti secondo le attuali linee guida per vetrate
strutturali ETAG-002. A seguito di tale certificazione
il prodotto ha ricevuto il marchio CE.
Il sigillante Dow Corning® 3540 per vetrate isolante
è un sigillante siliconico monocomponente neutro e
a polimerizzazione rapida, utilizzato come sigillante
secondario nelle vetrate isolanti. Dow Corning 3540
non è idoneo per le vetrate isolanti utilizzate nelle
applicazioni ad incollaggio strutturale, ma trova
impiego nelle vetrate isolanti residenziali. Il prodotto
ha un’ottima resistenza ai raggi UV.
Sigillante Dow Corning® 3-0117
per vetrate isolanti
Il sigillante Dow Corning® 3-0117 per vetrate
isolanti è un sigillante siliconico monocomponente
a polimerizzazione neutra utilizzato come sigillante
secondario nelle vetrate isolanti. Dow Corning
3-0117 trova impiego nelle vetrate isolanti utilizzate
nelle applicazioni ad incollaggio strutturale.
Sigillanti siliconici per vetrate
strutturali
Di seguito sono riportati i sigillanti siliconici
Dow Corning® disponibili per l’incollaggio
strutturale delle vetrazioni. Solo i sigillanti siliconici
Dow Corning® per vetrate strutturali descritti di
seguito possono essere utilizzati per l‘incollaggio
delle vetrate strutturali. Per maggiori informazioni
sull‘uso corretto dei sigillanti siliconici nelle
applicazioni di vetrazione ad incollaggio strutturale,
consultare il Manuale Dow Corning per facciate con
incollaggio strutturale delle vetrazioni, disponibile sul
sito dowcorning.com. I sigillanti per vetrate strutturali
possono essere utilizzati anche come sigillanti per
vetrate isolanti. Per maggiori informazioni contattare
l‘assistenza tecnica Dow Corning.
Sigillante siliconico Dow Corning® 993
per vetrate strutturali
Il sigillante siliconico Dow Corning® 993 per
vetrate ad incollaggio strutturale è un prodotto
bicomponente neutro, a polimerizzazione rapida,
utilizzato per l‘incollaggio strutturale di lastre di
vetro, metallo e altri materiali. Rispetto ai sigillanti
6
Manuale Vetrate Isolanti
Sigillante siliconico Dow Corning® 895
per vetrate strutturali
Il sigillante siliconico Dow Corning® 895 per vetrate
strutturali è un sigillante monocomponente neutro a
polimerizzazione rapida, utilizzato per l‘incollaggio
strutturale di vetro, metallo e altri materiali.
Dow Corning 895 è un sigillante ad alto modulo
dotato di eccellenti proprietà adesive su un‘ampia
gamma di materiali. Dow Corning 895 ha ricevuto
l‘”Approvazione tecnica europea” (ETA) in base a
test effettuati da enti di certificazione indipendenti
eseguiti secondo le attuali linee guida per
vetrate strutturali ETAG-002. A seguito di questa
approvazione il prodotto ha ricevuto il marchio CE.
Sigillanti di protezione dagli agenti
atmosferici
Dow Corning offre una linea completa di sigillanti
siliconici ad alte prestazioni per la protezione
dagli agenti atmosferici. Di seguito è riportata una
breve descrizione dei sigillanti di protezione dagli
agenti atmosferici Dow Corning®. Questi sigillanti
sono studiati e destinati alla sigillatura dei giunti
degli edifici ed alla loro protezione contro gli agenti
atmosferici e non devono mai essere utilizzati
come sigillanti per le vetrate strutturali o isolanti.
Per maggiori informazioni sull‘uso corretto dei
sigillanti siliconici nelle applicazioni di protezione
dagli agenti atmosferici, consultare il Manuale
Europeo Dow Corning per la protezione contro gli
agenti atmosferici nell’edilizia, disponibile sul sito
dowcorning.com.
Sigillante per edilizia Dow Corning®
756 SMS
Il sigillante per l‘edilizia Dow Corning® 756 SMS è
un sigillante siliconico monocomponente, a basso
modulo e polimerizzazione neutra appositamente
progettato per l‘isolamento e la protezione dagli
agenti atmosferici di substrati particolarmente
sensibili, come i sistemi di pannelli in pietra naturale
o in alluminio, dove la resa estetica del sigillante
è fondamentale. Rispetto ai sigillanti siliconici per
edilizia tradizionali, questo sigillante è studiato per
non macchiare la pietra naturale e per attirare una
minore quantità di sporco e di agenti contaminanti
presenti nell‘atmosfera.
Sigillante siliconico Dow Corning® 791
per la protezione dagli agenti atmosferici
Il sigillante siliconico Dow Corning® 791 per la
protezione da agenti atmosferici è un sigillante
siliconico monocomponente, a basso modulo e a
polimerizzazione neutra, caratterizzato dall‘avere
un basso tempo di fuori impronta per applicazioni
generiche di isolamento e protezione dagli agenti
atmosferici.
Prodotti per la pulizia e primer
Dow Corning offre una linea di prodotti per la pulizia
e di primer specificatamente sviluppata per l‘utilizzo
con i sigillanti Dow Corning®. La maggior parte
dei primer di Dow Corning contiene un tracciante
UV per una maggiore sicurezza e un controllo
di qualità più facile. È possibile rendere visibile il
tracciante UV con una lampada UV per identificare
immediatamente aree non trattate correttamente
con il primer. In alcuni casi è necessario utilizzare un
prodotto per la pulizia o un primer specifico al fine di
garantire un‘adesione ottimale del sigillante siliconico
su uno specifico substrato. Per consigli generali
sulla pulizia e sull‘uso del primer sui vari substrati,
consultare la lettere pre-approvate sono disponibili
nel database COOL.
per pulire e pre-trattare una grande varietà di
substrati per il legame con sigillanti di Dow Corning.
Pulitore Dow Corning® 1203 3in1
Il primer Dow Corning® 1203 3in1 Primer è utilizzato
per migliorare l’adesione e accelerare l’adesione di
sigillanti siliconici a vari substrati. Inoltre consente
di pulire le superfici del substrato, pertanto per
la pulizia e l’applicazione del primer può essere
utilizzato lo stesso materiale. Con superfici molto
sporche è necessario utilizzare un solvente di
pulizia come il prodotto Dow Corning R-40 Cleaner
per la pulizia aggiuntiva.
Il primer Dow Corning 1203 3in1 Primer contiene
un tracciante UV che consente di controllare
visualmente la qualità del pre-trattamento della
superficie utilizzando una lampada UV.
Solvente concentrato per la pulizia
Dow Corning® 3522
Il solvente concentrato per la pulizia Dow Corning®
3522 è un prodotto studiato per la pulizia
delle attrezzature di miscelazione dei prodotti
bicomponente utilizzati nella produzione di
vetrate strutturali e di vetrate isolanti. Il prodotto
non contiene solventi alogenati ed è stato
specificamente sviluppato per dissolvere il sigillante
siliconico polimerizzato presente nelle tubazioni
delle attrezzature e nei miscelatori.
Primer Dow Corning® 1200 OS UV
Traceable
Il primer Dow Corning® 1200 OS è un primer
monocomponente per il trattamento chimico
studiato per l‘uso con i sigillanti siliconici
Dow Corning in varie applicazioni.
Prodotto per la pulizia Dow Corning® R-40
Primer Dow Corning® C OS
Il prodotto per la pulizia Dow Corning® R-40 è una
miscela di solventi a formulazione specifica per
la pulizia di vetri e profili metallici utilizzati nelle
vetrate strutturali.
Il primer Dow Corning® C OS è un primer
monocomponente per il trattamento chimico
di superfici plastiche e verniciate, che agevola
l’adesione del sigillante.
Pulitore Dow Corning® R-41 Cleaner Plus
Primer Dow Corning® P
Il pulitore Dow Corning® R-41 Cleaner Plus è
un solvente di pulizia che contiene una speciale
sostanza catalizzante di Dow Corning® progettata
Il primer Dow Corning® P è un primer
monocomponente, che forma una pellicola ed è
destinato ai substrati porosi nelle applicazioni di
isolamento e protezione dagli agenti atmosferici.
Manuale Vetrate Isolanti
7
Assistenza clienti Dow Corning
Dow Corning offre un‘ampia gamma di prodotti e
servizi destinati a offrire assistenza ai produttori di
vetrate isolanti. Dow Corning è in grado di assistere
i produttori di vetrate isolanti nella progettazione del
dimensionamento dei giunti secondari. L‘assistenza
tecnica Dow Corning offre servizi di progettazione,
valutazione e selezione dei componenti del
sistema di vetrate isolanti, tenendo conto dei
requisiti specifici correlati alla permeabilità ai gas.
Dow Corning è in grado di fornire assistenza al
produttore di vetrate isolanti nello sviluppo di un
programma completo di controllo della qualità che
contribuisce a garantire la corretta applicazione
del sigillante e il controllo della qualità. Un‘ulteriore
descrizione di questi servizi di assistenza ai clienti
è fornita nelle sezioni successive del Manuale
Dow Corning per vetrate isolanti.
Assistenza Dow Corning sui
progetti
Tutti i progetti di vetrazione ad incollaggio
strutturale che utilizzano i sigillanti per vetrate
strutturali Dow Corning® devono essere rivisti
e approvati da Dow Corning. Nel Manuale
Dow Corning per facciate strutturali siliconiche è
disponibile una descrizione delle linee guida da
seguire. A supporto dei propri prodotti per vetrate
strutturali, Dow Corning esegue la verifica del
dimensionamento dei giunti per vetrate isolanti alla
scopo di garantire la conformità con gli standard
di settore europei. Dow Corning rilascia una
lettera di raccomandazioni per l‘uso dei sigillanti
per vetrate isolanti Dow Corning® nell‘ambito dei
progetti specifici. L‘approvazione si basa sulla
produzione conformemente alle linee guida fornite
da Dow Corning in questo Manuale.
Il sigillante siliconico secondario delle
vetrate isolanti è solo uno degli elementi che
contribuiscono alla realizzazione del prodotto finale,
pertanto non può determinare in via esclusiva le
corrette prestazioni delle vetrate isolanti. Il tipo di
intercalare, il tipo e l‘applicazione della sigillatura
butilica primaria, il tipo di vetro, il rendimento dei
materiali, l‘applicazione dei prodotti e la qualità di
esecuzione, sono solo alcuni dei numerosi fattori
8
Manuale Vetrate Isolanti
che incidono sulle prestazioni complessive delle
vetrate isolanti. La responsabilità della scelta
dei materiali appropriati e della produzione delle
vetrate isolanti è del produttore di vetrate isolanti.
Il produttore di vetrate isolanti si assume la
responsabilità finale delle prestazioni complessive
delle vetrate isolanti prodotte.
Revisione di progetti di vetrazione ad
incollaggio strutturale
Tutti i singoli progetti di vetrazione ad incollaggio
strutturale devono essere rivisti e approvati da
Dow Corning. Nel Manuale Dow Corning per
facciate con incollaggio strutturale delle vetrazioni
sono disponibili le linee guida per la progettazione
corretta delle vetrate strutturali. Per i progetti che
utilizzano vetrate isolanti con incollaggio strutturale,
la sigillatura siliconica secondaria della vetrata
isolante deve essere eseguita con un sigillante
siliconico approvato. Se per queste applicazioni si
utilizzano sigillanti per vetrate isolanti Dow Corning,
l‘azienda offre assistenza per il dimensionamento
dei giunti delle vetrate allo scopo di garantire la
conformità con i propri standard e con quelli di
settore. Inviare le informazioni sul progetto o la
„Project Checklist” (lista di controllo per progetti)
attenendosi alle procedure descritte nel Manuale
per facciate strutturali siliconiche Dow Corning.
Includere informazioni quali le dimensioni delle
vetrate, le dimensioni dei giunti sigillanti, i carichi
dinamici totali e una sezione trasversale del
progetto del profilo della vetrata.
Test per progetti di vetrazione ad
incollaggio strutturale
Per tutti i progetti di vetrazione ad incollaggio
strutturale, i materiali che vengono a contatto con
il sigillante siliconico Dow Corning® per vetrate
strutturali devono essere testati da Dow Corning
per verificarne compatibilità e adesione. Nel
Manuale Dow Corning per facciate con incollaggio
strutturale delle vetrazioni sono disponibili le linee
guida per la verifica e la selezione dei materiali.
Quando si utilizzano sigillanti siliconici Dow Corning
per vetrate isolanti, Dow Corning raccomanda che
qualsiasi materiale non precedentemente testato e
approvato da Dow Corning per verificarne adesione
e compatibilità venga sottoposto a test di idoneità
da Dow Corning prima dell‘utilizzo. Per consigli
sugli standard correnti, consultare la lettere preapprovate sul database COOL. Nel caso in cui
sia necessario testare un materiale, nel Manuale
Dow Corning per facciate strutturali siliconiche sono
disponibili informazioni su come inviare campioni a
Dow Corning da sottoporre a test di idoneità all‘uso.
Assistenza per i produttori di vetrate
isolanti
I professionisti Dow Corning offrono la propria
esperienza e competenza a tutti i produttori
di vetrate isolanti che decidono di scegliere
i sigillanti Dow Corning per vetrate isolanti.
L‘assistenza tecnica Dow Corning fornisce
suggerimenti sulla selezione dei materiali, sulle
procedure di produzione e qualità di esecuzione,
documentazione e procedure relative al controllo
della qualità.
Dow Corning è inoltre in grado di fornire consigli
ai produttori di vetrate isolanti che desiderano
ottenere la certificazione CE o soddisfare
eventuali altre normative locali. In modo
specifico, Dow Corning può fornire assistenza
per il superamento della norma EN-1279 parte 3
relativo alle vetrate isolanti con gas. Molti clienti
Dow Corning hanno superato con successo il test
relativo alla perdita del gas (EN-1279-3) utilizzando
i sigillanti Dow Corning per vetrate isolanti. Anche
voi potrete ottenere risultati analoghi. Un‘ulteriore
descrizione di questi servizi di assistenza ai clienti
è fornita nelle sezioni successive del Manuale
Dow Corning per vetrate isolanti.
Manuale Vetrate Isolanti
9
Considerazioni su progettazione e materiali
Molti elementi contribuiscono a determinare la
riuscita ottimale delle prestazione di una vetrata
isolante. In questa sezione verranno illustrati i
vari tipi di vetrata isolante, il dimensionamento dei
giunti delle vetrate e i componenti di una vetrata
isolante, e sarà inoltre descritto il modo in cui tali
componenti influenzano le prestazioni complessive
di una vetrata isolante. Sarà altresì valutato come
tali elementi sono in grado di soddisfare i requisiti
relativi agli standard europei.
Componenti delle vetrate isolanti
Scopo di una vetrata isolante, sia essa utilizzata in
un sistema di vetrazione strutturale o in un sistema
a ritegno meccanico o inserita in una struttura
metallica, è offrire a chi risiede all‘interno di un
edificio una facciata esteticamente interessante
oltre che efficiente sul piano termico e che richieda
una minima manutenzione nell‘arco di vita previsto
per la vetrata isolante. Le classiche vetrate isolanti
sono in genere costituite da due (talvolta tre)
pannelli di vetro separati da un‘intercapedine. I
pannelli di vetro vengono sigillati lungo il perimetro
da un cordone di butile sull’intercalare e da un
sigillante che garantisce la tenuta meccanica
fra le lastre. La seconda sigillatura assicura
che le vetrate siano sigillate ermeticamente e
risultino sufficientemente stabili per sopportare
le sollecitazioni termiche e quelle legate al carico
del vento. Nel caso di una tipica “vetrata isolante
con doppia sigillatura”, l‘impiego di una sigillatura
butilica primaria o a base di poliisobutilene (PIB)
tra il vetro e l’intercalare metallico ha il compito di
garantire una bassa permeabilità al vapore, mentre
Tipica vetrata isolante
con doppia sigillatura
Poliisobutilene
Vetro
(Sigillatura primaria)
Intercapedine
Setaccio
molecolare
Sigillante
per vetrate
isolanti
10
Manuale Vetrate Isolanti
Intercalare
la sigillatura siliconica secondaria consente di
mantenere l‘integrità strutturale dei pannelli di vetro.
Per un isolamento ottimale, lo spazio tra i pannelli
di vetro viene riempito con aria o più comunemente
con un gas inerte che offre migliori prestazioni a
livello termico. Per conservare le prestazioni termoisolanti a lungo termine della vetrata, il perimetro
della vetrata isolante deve avere una bassa
permeabilità al vapore, allo scopo di impedire
l‘entrata di umidità e condensa che potrebbero
fare appannare il vetro. Per assorbire l‘umidità
che potrebbe infiltrarsi negli spazi vuoti, viene
comunemente posizionato del setaccio molecolare
all’interno dell’intercalare. Affinché le prestazioni
della vetrata isolante risultino ottimali, tutti questi
elementi devono operare in modo sinergico.
La figura illustrata di seguito mostra i dettagli e
materiali utilizzati nella progettazione di una tipica
vetrata isolante.
Tipi di vetrate isolanti
In base al tipo di assemblaggio/montaggio della
facciata, le vetrate isolanti possono essere
classificate in tre diverse tipologie, descritte qui
di seguito.
Vetrate isolanti con sistema di ritenuta
della lastra
Questo tipo di vetrata isolante montata su una
struttura viene supportata su tutti e quattro i
lati da una struttura o intelaiatura che copre
completamente la sigillatura del profilo della
vetrata. La vetrata isolante può essere collocata
all‘interno di una struttura già fissata oppure può
essere montata sulla struttura e quindi ritenuta in
modo continuo grazie ad un pressore. Le tipiche
applicazioni includono facciate continue o finestre
realizzate in legno, plastica o alluminio. In queste
tipologie di progettazioni non vi sono limitazioni al
tipo di intercalare o di sigillante utilizzato. I sigillanti
siliconici per vetrate isolanti, raccomandati sia per
applicazioni strutturali che non, possono trovarvi un
impiego efficace per la loro durabilita’ nel tempo.
Dettaglio di una vetrata strutturale
realizzata con vetrocamera
Vetrata isolante intelaiata
Poliisobutilene
Vetro
(Sigillatura primaria)
Intercapedine
Setaccio
molecolare
Intercalare
Sigillante
per vetrate
isolanti
Struttura/
Intelaiatura
HTV Sezione del
profilo in silicone
Sigillante
siliconico
per vetrate
strutturali
Dow Corning ®
993 Sealant
Dow Corning ®
895 Sealant
Dow Corning ®
995 Sealant
Sezione
profilo di
metallo,
ad es. alluminio
anodizzato,
acciaio
inossidabile
Fondogiunto
(es. PE a cellule
chiuse , profilo in
silicone HTV)
Vetrate isolanti con sigillatura di
seconda barriera non intelaiata
Per questo tipo di vetrate isolanti è necessario
soddisfare requisiti aggiuntivi per quanto riguarda
la sigillatura primaria e secondaria della vetrata. I
raggi ultravioletti (UV) del sole filtrano facilmente
attraverso il vetro e possono quindi danneggiare
la sigillatura della vetrata isolante. I sigillanti
selezionati per questo tipo di vetrate isolanti devono
essere testati in conformità con i requisiti EN 1279.
Solo i sigillanti siliconici mantengono inalterate
le loro proprieta’ dopo una lunga esposizione ai
raggi ultravioletti. Gli attuali standard europei per la
realizzazione di vetrate strutturali, come l‘ETAG 002
(Linee guida per l‘approvazione tecnica europea
di sistemi di vetrazione ad incollaggio strutturale
(SSGS) Parte 1), accettano esclusivamente
sigillanti siliconici per le applicazioni di vetrazione
ad incollaggio strutturale. I sigillanti organici
come polisolfuro e poliuretano non offrono infatti
resistenza a lungo termine ai raggi UV e non sono
quindi consigliati per questo tipo di applicazione.
Nastro biadesivo
Vetro
Poliisobutilene
(Sigillatura primaria)
Insulating
Glass Silicone
(Sigillatura
secondaria)
Dow Corning ®
3362 Sealant
Dow Corning ®
3363 Sealant
Dow Corning ®
3793 Sealant
Sigillante contro
gli agenti
atmosferici
Dow Corning ®
791 Sealant
Dow Corning ®
757 Sealant
Dow Corning ®
756 SMS Sealant
Poliisobutilene
(Sigillatura primaria)
Vetro
(Installation Aid)
Esempi di vetrate isolanti con sigillatura del profilo
scoperta includono:
Sigillatura siliconica per vetrate isolanti
strutturali simmetriche in cui la vetrata isolante
viene incollata strutturalmente al telaio in
“faccia quattro”. In questo tipo di progettazioni
la sigillatura secondaria della vetrata isolante è
rivolta strutturalmente all‘esterno del pannello
di vetro. Una progettazione è considerata “con
vetrazione ad incollaggio strutturale” se 1, 2,
3 o 4 lati del pannello di vetro sono supportati
da un sigillante siliconico ad incollaggio
strutturale e se il vetro non è fissato lungo il
profilo. È necessario impiegare un sigillante
siliconico per vetrate isolanti per applicazioni
di vetrazione ad incollaggio strutturale. In base
agli standard europei, non è consentito l‘uso di
sigillanti organici.
Manuale Vetrate Isolanti
11
Considerazioni su progettazione e materiali
Vetrata isolante sfalsata
Sigillatura secondaria
Vetro
Poliisobutilene
Dow Corning ®
3362 Sealant
(Sigillatura primaria)
Dow Corning ®
3363 Sealant
Nastro
biadesivo
Dow Corning ®
3793 Sealant
Silicone
Profile Section
Sigillante
siliconico per
vetrate strutturali
Sezione profilo di metallo,
ad es. alluminio anodizzato, acciaio inossidabile
Dow Corning ®
993 Sealant
Dow Corning ®
895 Sealant
Sigillatura siliconica per vetrate isolanti strutturali
sfalsate, in cui la vetrata isolante viene incollata
per mezzo di un sigillante strutturale in “faccia
due”. In questo tipo di progettazione la sigillatura
secondaria della vetrata isolante non agisce
solitamente a livello strutturale. Tuttavia, a
causa dell‘elevata esposizione ai raggi UV della
sigillatura della vetrata isolante, solo sigillanti
siliconici per vetrate isolanti devono essere
utilizzati per questa applicazione. Vedere schema
riportato sotto.
Sistemi di vetrate appese, spesso chiamati
“sistemi bullonati o a ragno”. Questi sistemi,
pur avendo spesso l‘aspetto di una facciata
realizzata con incollaggio strutturale delle
vetrazioni, in realtà non lo sono, a meno che
il fissaggio delle vetrate non venga effettuato
esclusivamente sul pannello di vetro interno.
In genere, in questo tipo di progettazione il la
sigillatura della vetrata isolante completamente
esposta ai raggi UV.
Vetrate isolanti con Profilo ad U
Sono stati introdotti numerosi sistemi brevettati in cui
la lastra interna di una vetrata isolante viene fissata
meccanicamente alla struttura. Queste progettazioni
utilizzano di norma un profilo a U che viene applicato
all‘interno della sigillatura siliconica secondaria
delle vetrate isolanti. La vetrata isolante viene
quindi fissata alla struttura dell‘edificio mediante
un ritegno meccanico lungo l‘intercapedine della
scanalatura a U. Alcune progettazioni prevedono
l‘impiego di una scanalatura a U continua, mentre in
12
Manuale Vetrate Isolanti
altre la scanalatura viene posizionata a intervalli di
distanza lungo l‘intero perimetro della vetrata. Alcune
progettazioni impiegano in un‘unica estrusione una
combinazione tra l’intercalare e scanalatura a U e
sono considerate vetrate strutturali dal momento che
il pannello di vetro esterno è fissato strutturalmente
al profilo e non al pannello di vetro interno.
Poiché tali progettazioni sono di proprietà del
progettista del sistema, Dow Corning ne effettua
la revisione e procede all‘approvazione solo
sulla base del singolo sistema preso in esame.
Sebbene l‘aspetto delle progettazioni possa essere
molto simile, sarà la variazione progettuale a
determinare se Dow Corning considererà una data
progettazione come “vetrazione ad incollaggio
strutturale” o applicazione di “vetrate isolanti”.
Tutti i sistemi con vetrate isolanti a ritegno
meccanico devono essere rivisti ed approvati
dall‘assistenza tecnica Dow Corning. Una
volta ultimata tale revisione, Dow Corning
determinerà se una data progettazione può
essere considerata come „vetrata isolante a
ritegno meccanico” o “vetrazione con incollaggio
strutturale con profilo a U”.
Dimensionamento dei giunti delle
vetrate isolanti
Il corretto dimensionamento della sigillatura
secondaria di una vetrata isolante è fondamentale
per le prestazioni finali della vetrata stessa.
Numerosi fattori influenzano le prestazioni delle
vetrate isolanti, tra cui vento, carichi permanenti
e sollecitazioni climatiche. Dow Corning mette a
disposizione i propri professionisti per la revisione
del dimensionamento della sigillatura secondaria
e propone una serie di consigli e raccomandazioni
basati sulle linee guida indicate di seguito. Il
produttore di vetrate isolanti si assume comunque la
responsabilità finale del dimensionamento dei giunti
e delle prestazioni delle vetrate isolanti prodotte.
Linee guida per il dimensionamento dei
giunti delle vetrate isolanti
Di seguito sono riportate le linee guida applicabili per
l‘utilizzo di sigillanti Dow Corning per vetrate isolanti.
Se la sigillatura della vetrata isolante riveste una
qualsiasi funzione strutturale, come nel caso di
sistemi ad incollaggio strutturale delle vetrazioni, il
giunto deve avere uno spessore minimo di 6 mm.
maggiori quando si tratta di vetrate di piccole
dimensioni. Dow Corning prende in considerazione
l‘effetto dei carichi climatici nel dimensionamento
dei giunti di una vetrata isolante.
Se impiegata con funzione strutturale, la
sigillatura secondaria della vetrata isolante
deve essere determinata in rapporto al
carico dinamico totale (pressione del vento,
sollecitazione climatica).
Se impiegata con funzione strutturale e se
la vetrata isolante è soggetta ad un carico
permanente di tensione a taglio, la sigillatura
secondaria della vetrata isolante deve essere
determinata in rapporto al carico continuo.
Le linee guida sopra riportate costituiscono
requisiti minimi ed escludono eventuali
tolleranze di applicazione.
Terminologia relativa alle vetrate isolanti
Spessore del sigillante
Lo spessore del sigillante è la dimensione
minima tra il dorso dell’ intercapedine e la fine
della sigillatura siliconica secondaria. È possibile
riferirsi a questa dimensione anche come “presa” o
“altezza” del sigillante per vetrate isolanti.
Larghezza del sigillante
La larghezza del sigillante è la dimensione tra
i pannelli di vetro. È possibile riferirsi a questa
dimensione anche come “intercapedine” o “spazio
d‘aria” della vetrata isolante.
Calcolo dello spessore del sigillante
per vetrate isolanti in rapporto al carico
dinamico totale (pressione del vento,
sollecitazione climatica)
Il requisito relativo allo spessore del sigillante si
basa sui carichi dinamici totali applicati alla vetrata
isolante. Tali carichi possono essere imputabili
al vento, alle condizioni climatiche o alle forze
d‘urto. Pressioni di vento elevati richiedono un
maggiore spessore del sigillante. Le sollecitazioni
climatiche sono determinate dai cambiamenti nella
temperatura e nella pressione della vetrata isolante.
Nella maggior parte dei casi, i carichi climatici
che gravano sulla sigillatura secondaria risultano
Manuale Vetrate Isolanti
13
Considerazioni su progettazione e materiali
Vetrata isolante realizzata con incollaggio strutturale
Stepped Insulating Glass Unit
Vetro
Intercalare con setaccio molecolare
Guarnizione in silicone
Poliisobutilene (Sigillatura primaria)
Tassello di supporto in silicone
Sigillatura secondaria in silicone
Fondogiunto in polietilene
a cellule chiuse
Profilo in alluminio
Nastro biadesivo in schiuma
Sigillante siliconico
per vetrate strutturali
Sigillante siliconico per la
protezione dagli agenti atmosferici
Vetrata isolante tradizionale
Vetro
Larghezza del
sigillante
Spessore
del sigillante
Calcolo dello spessore del sigillante per vetrate isolanti in rapporto
al carico dinamico totale
Spessore minimo del sigillante (m) =
•
•
•
•
•
•
Dim. lato corto vetrata (m) x Carico dinamico totale (Pa) x 0,5
140.000 Pa
La dimensione del lato corto del vetro (SSD) corrisponde alla minore tra le due dimensioni del
pannello di vetro rettangolare. Ad esempio, in un pannello di vetro che misura 1,5 x 2,5 m, la
dimensione del lato corto è pari a 1,5 m.
Il carico dinamico totale è la differenza tra la pressione nell‘intercapedine della vetrata isolante
e la somma del carico del vento e della pressione atmosferica. La pressione nell‘intercapedine
viene influenzata dalla temperatura, dall‘altitudine e dalla pressione atmosferica nel corso della
produzione di una vetrata isolante. Carichi dovuti alla neve possono essere presi in considerazione
nel calcolo del carico dinamico totale. Anche la rigidità dei pannelli di vetro incide sul carico
dinamico totale.
In base alle normative EUROCODES e locali, il carico massimo del vento in Pascal viene calcolato
su un periodo di ritorno di 10 anni. Questo valore viene fornito dal progettista professionista a
Dow Corning. 1 Pa = 1 N/m2
140.000 Pa (0,14 MPa) è la massima sollecitazione progettuale consentita sia per il Dow Corning
3362 sia per il Dow Corning 3793.
La massima resistenza progettuale alle sollecitazioni consentita per il sigillante Dow Corning 3363
(sigillante per vetrate isolanti ad alto carico) è di 210.000 Pa (0,21 MPa)
La massima sollecitazione progettuale consentita si basa sul valore Ru,5 con un coefficiente di
sicurezza di 6. Il valore Ru,5 corrisponde alla probabilità del 75% che il grado di resistenza alla
rottura del 95% dei componenti sia superiore a tale valore.
Calcolo dello spessore del sigillante
per vetrate isolanti in rapporto al carico
permanente
La sigillazione secondaria di una vetrata isolante
è soggetta a carico continuo se il pannello di
14
Manuale Vetrate Isolanti
vetro esterno non è supportato da elementi
dell‘intelaiatura orizzontali o tasselli di supporto,
oppure se viene utilizzata nella vetrazione di tetti o
nella vetrazione con pendenza positiva.
Calcolo dello spessore del sigillante per vetrate isolanti in rapporto
al carico permanente
Spessore minimo (m) =
•
•
•
•
•
2500 kg/m³ x 9,81 m/s² x spessore del vetro (m) x dim. del vetro (m²)
2 x [altezza (m) + larghezza (m)] x ttensione massima consentita del sigillante
2500 kg/m3 è la massa specifica del vetro float corrispondente a circa
25.000 N/m3 di peso specifico.
9,81 m/s2 è un fattore relativo alla gravità.
Lo spessore e la dimensione del vetro vengono determinati solo per il pannello esterno della
vetrata isolante
La sollecitazione progettuale consentita per carico continuo per Dow Corning 3362 e
Dow Corning 3793 è di 7000 Pa; Dow Corning 3363 è 11,000 Pa
Nel dimensionamento dei giunti della vetrata
isolante è necessario prendere in considerazione il
peso proprio della lastra del vetro. Pannelli di vetro
più spessi richiedono una maggiore profondita’ di
sigillatura. Carichi aggiuntivi come quelli dovuti alla
neve incidono sul carico permanente esercitato su
una vetrata isolante e devono pertanto essere presi
in debita considerazione.
Tutti i rivestimenti per vetro devono dare prova di
sufficiente resistenza agli agenti chimici, mantenere
adesione al vetro e rimanere integri. Inoltre, il
sigillante Dow Corning per vetrate isolanti dovrebbe
essere testato con i vari rivestimenti per valutarne
l‘adesione a lungo termine. I rivestimenti che non
soddisfano i requisiti indicati devono essere rimossi
dalle superfici delle vetrate da incollare.
Considerazioni sui componenti
e materiali nella produzione di
vetrate isolanti
Tipi di rivestimento
La selezione di materiali idonei costituisce un
elemento importante per le prestazioni delle vetrate
isolanti. La scelta può essere effettuata tra molti
diversi tipi di vetro, rivestimenti per vetro, tipi di
intercalari, setacci molecolari, sigillature primarie,
e così via. Questi prodotti devono tuttavia essere
testati e risultare compatibili gli uni con gli altri. Per
un elenco di consigli e indicazioni specifici, fare
riferimento alla lettere pre-approvate sul database
COOL. Vi sono considerazioni specifiche quando
si utilizzano componenti particolari di una vetrata
isolante. Nelle sezioni che seguono verranno fornite
indicazioni per aiutare il produttore di vetrate isolanti
a selezionare e a gestire correttamente i componenti
di una vetrata isolante. La decisione finale in merito
alla scelta dei materiali per la realizzazione di vetrate
isolanti spetta comunque al produttore.
Rivestimenti per vetro
Grazie alle continue innovazioni nella tecnologia
dei rivestimenti per vetro, la gamma di prodotti
disponibili per la finitura del vetro è molto ampia.
Vetri Smaltati
Il vetro smaltato e’ ottenuto da uno strato di
ceramica che si applica con varie tecniche, ad
esempio a spruzzo, a rullo, con stampa serigrafica,
con stampa transfer o con rivestimento ad
immersione. Il rivestimento inorganico viene fuso
sulla superficie del vetro riscaldando quest‘ultimo
ad elevate temperature (> 550°C). Per prestazioni
ottimali, lo smalto ceramico deve dare prova di
resistenza ai graffi, resistenza agli agenti chimici,
e deve avere un coefficiente termico di dilatazione
simile a quello del vetro. Nella maggior parte dei
casi, i sigillanti Dow Corning per vetrate isolanti
offrono un‘eccellente adesione ai vetri smaltati, che
spesso richiedono l‘impiego di un primer.
Rivestimenti in metallo e in ossido metallico
I rivestimenti in metallo o in ossido metallico
vengono applicati sulla superficie del vetro
mediante deposito pirolitico o magnetronico. Con il
metodo pirolitico, il metallo fuso o l‘ossido metallico
viene applicato sul vetro ad alte temperature per
immersione o spray. Il deposito magnetronico
viene posizionato su una delle facce del vetro
mediante polverizzazione catodica sotto vuoto.
Manuale Vetrate Isolanti
15
Considerazioni su progettazione e materiali
In questo modo, il vetro acquista un‘elevata
riflettenza e trasmissione della luce, riflessione
dei raggi infrarossi e colorazione della superficie
di vetro. Questo tipo di deposito consente inoltre
l’applicazione per strati sovrapposti di una
combinazione di rivestimenti che proteggono la
superficie dal calore e dai raggi solari.
I rivestimenti definiti “hard coating” sono in
genere composti da elementi di nickel e cromo,
particolarmente adatti per la protezione dai
raggi solari. I rivestimenti che offrono protezione
dai raggi solari possono essere applicati alla
superficie del vetro mediante pirolisi o con l‘ausilio
di un magnetron.
I rivestimenti definiti “soft coating” contengono in
genere argento, che possiede elevate proprietà
riflettenti e si rivela particolarmente efficace nella
protezione dalle radiazioni termiche. Di norma, i
rivestimenti che hanno proprietà riflettenti termiche
vengono applicati con l‘ausilio di un magnetron, in
modo che il rivestimento d‘argento, “soft” e facile
alla corrosione, possa essere inserito tra gli strati di
ossido metallico come lo stagno o l‘ossido
di bismuto.
In base al tipo di rivestimento, può essere
necessario rimuovere il rivestimento dalla
superficie che deve essere sigillata. Ogni singolo
tipo di rivestimento dovrebbe essere testato da
Dow Corning. Per i consigli e i suggerimenti più
aggiornati, consultare la lettere pre-approvate
sul database COOL. In genere, i sigillanti per
vetrate isolanti possono essere applicati su tutti
i rivestimenti ottenuti mediante pirolisi e sulla
maggior parte dei rivestimenti „duri” ottenuti con
magnetron senza l‘ausilio di un primer, mentre i
rivestimenti con proprietà di riflessione del calore
che contengono uno strato d‘argento “soft” devono
essere completamente rimossi.
Rivestimenti polimerici
Sono disponibili svariati rivestimenti polimerici
per la verniciatura del vetro „Spandrel”. Questi
rivestimenti possono essere a componente singolo
o multicomponente. I rivestimenti polimerici che
si basano su polimeri organici come poliuretano,
acrilico, poliestere o resina epossidica non sono in
genere considerati accettabili per le applicazioni
di vetrazione a incollaggio strutturale. Per tale
16
Manuale Vetrate Isolanti
tipo di applicazioni risultano invece più indicati
i rivestimenti polimerici inorganici con base
siliconica, disponibili per il vetro „Spandrel”.
Il produttore del rivestimento deve verificare che il
prodotto verniciante polimerico sia durevole e offra
un‘adesione a lungo termine al vetro. Rivestimenti
polimerici specifici devono essere testati per
verificarne compatibilità e adesione a lungo
termine nei confronti del sigillante Dow Corning per
vetrate isolanti. Per i consigli e i suggerimenti più
aggiornati, consultare la lettere pre-approvate sul
database COOL.
Rimozione dei rivestimenti per vetro
I sigillanti Dow Corning per vetrate isolanti
dovrebbero essere applicati esclusivamente a
rivestimenti per vetro che diano prova di sufficiente
resistenza agli agenti chimici, adesione a lungo
termine al vetro e prestazioni ottimali relative a
durata e integrità. Se un rivestimento per vetro
non offre tali caratteristiche o se è incompatibile
con il sigillante per vetrate isolanti, deve essere
necessariamente rimosso. Inoltre, se il sigillante
Dow Corning per vetrate isolanti non aderisce
in modo corretto al rivestimento per vetro, deve
essere completamente rimosso dalle superfici di
vetro che devono essere incollate. La rimozione
del rivestimento deve essere completa e non deve
lasciare alcuna traccia o residuo sulla superficie
del vetro. Nel caso in cui sulla superficie del vetro
rimanessero comunque dei residui, è necessario
effettuare appositi test per verificare che i residui
ancora presenti non compromettano l‘adesione
ottimale del sigillante Dow Corning per vetrate
isolanti. Di seguito sono indicati alcuni procedimenti
comunemente impiegati per la rimozione dei
rivestimenti di superfici di vetro.
Sbordatura meccanica
Si tratta del metodo più comune per rimuovere il
rivestimento di un vetro: speciali mole vengono
impiegate per rimuovere i rivestimenti solo
sulle superfici che devono essere incollate. La
sbordatura può essere effettuata manualmente
oppure essere integrata nella linea di produzione.
La qualità della rimozione del rivestimento dipende
dalla natura del rivestimento stesso, dalla qualità
e dalle condizioni della sbordatrice, oltre che
da altre variabili di produzione quali velocità di
avanzamento, velocità e pressione della mola.
Per la rimozione di un rivestimento da una
superficie in vetro anche la molatura a umido può
rivelarsi efficace. Per alcuni tipi di rivestimenti
non è possibile ottenere una completa rimozione
dei residui del prodotto rivestito attraverso la
sbordatura meccanica. In tal senso, la verifica della
capacità di adesione del sigillante alle superfici di
vetro trattate con tale metodo è particolarmente
importante per garantire un‘adeguata adesione.
Rimozione con agenti chimici
Questo metodo impiega un‘adeguata
concentrazione di acido per la rimozione di un
rivestimento “soft” dalla superficie di vetro. Si
tratta di una tecnica particolarmente efficace per
rimuovere completamente un rivestimento dal vetro.
A causa dei rischi associati alla manipolazione
di queste sostanze chimiche, tale tecnica viene
raramente utilizzata al giorno d‘oggi.
Rimozione termica
Questo metodo impiega una pistola termica
per eliminare chimicamente il rivestimento dalla
superficie di vetro. Una volta che il prodotto rivestito
viene ossidato, può essere facilmente rimosso
dal vetro. A causa della difficoltà nel controllo
della pistola termica, tale tecnica viene raramente
utilizzata al giorno d‘oggi.
Componenti nell’intercapedine
I materiali all’interno dell’intercapedine hanno
diverse funzioni mirate a garantire la prestazione
ottimale della vetrata isolante. Gli intercalari
mantengono le dimensioni dell’intercapedine
della vetrata isolante. L’intercalare contiene al
suo interno del setaccio molecolare che ha la
funzione di assorbire l’umidita’. La sigillatura
primaria costituisce una barriera che protegge
l’intercapedine della vetrata isolante dall’ingresso
del vapore atmosferico. Attualmente è disponibile
un’ampia gamma di intercalari e componenti vari
per la realizzazione di vetrate isolanti. Tutti questi
materiali presentano vantaggi e svantaggi: di
seguito vengono presentati i diversi componenti
disponibili sul mercato.
Tipi di intercalari
Profili in alluminio
I profili in alluminio possono essere ossidati o
anodizzati in svariati colori. I distanziali in alluminio
sono molto diffusi per il loro costo contenuto e la
loro facilità di manipolazione e piegatura.
Profili in acciaio zincato o galvanizzato
I profili in acciaio zincato o galvanizzato offrono un
costo contenuto e sono semplici da manipolare.
L‘acciaio ha un minore coefficiente di dilatazione
termica e di trasmissione del calore rispetto
all‘alluminio, che spesso migliora la durata e le
prestazioni di una vetrata isolante.
Profili in acciaio inossidabile
I profili in acciaio inossidabile presentano spesso
costi più elevati e sono più difficili da manipolare.
La manipolazione dipende dalla dimensione del
profilo. L‘acciaio inossidabile ha una durata elevata
e un minore coefficiente di trasmissione del calore
rispetto all‘alluminio, offrendo così una maggiore
durata e migliori prestazioni della vetrata isolante.
I profili in acciaio inossidabile sono disponibili in
colore argento o in nero.
Profilo in polimeri organici
Questo tipo di distanziale è un composto di polimeri
organici e lamine metalliche che offrono una
barriera all‘infiltrazione di vapore. In alcuni di tali
profili il polimero organico viene impregnato nella
fibra di vetro per offrire un maggiore irrigidimento.
Profilo in gomma con superficie autoadesiva
Questo tipo di distanziale è costituito da un nucleo di
schiuma siliconica biadesiva, una lamina metallica e
una sigillazione butilica preapplicata che impedisce
le infiltrazioni di vapore. Si tratta di un profilo che
offre buone proprietà di isolamento termico.
Distanziatore Termoplastico
I distanziatori termoplastici vengono applicati
direttamente sulla superficie del vetro nella linea
di produzione automatica. Si tratta di un materiale
sigillante monocomponente “hot melt” che agisce
contemporaneamente come distanziatore, barriera
contro il vapore acqueo e disidratante, offrendo
buone proprietà di isolamento termico.
Manuale Vetrate Isolanti
17
Considerazioni su progettazione e materiali
Numero di
pannelli
Pannello singolo
Pannello doppio
Triplo pannello
Valore Ug-
Tipo
(EN 52619) W/(m2 K)
Vetro float monolitico, 4 mm
5,2
Vetro float (vetro 2 x 4 mm, intercalare 16 mm, riempimento
ad aria)
2,8
Vetro float (vetro 2 x 4 mm, intercalare 16 mm, rivestimento
basso emissivo (1X), riempimento ad aria)
1,8
Vetro float (vetro 2 x 4 mm, intercalare 16 mm, rivestimento
basso emissivo (1X), riempimento con gas argon)
1,3
Vetro float (vetro 2 x 4 mm, intercalare 16 mm, rivestimento
basso emissivo (1X), riempimento con gas cripton)
1,0
Vetro float (vetro 3 x 4 mm, spaziatore 1 x 6 mm), basso
rivestimento E con gas
0,4
Setaccio molecolare
Vetrate isolanti con riempimento a gas
Un disidratante o setaccio molecolare viene
inserito all’interno del distanziatore durante la
realizzazione delle vetrate isolanti. Questo setaccio
molecolare assorbe l’umidita’ ambientale presente
nell‘intercapedine al momento della sigillatura finale
della vetrata isolante ed elimina quella minima
quantita’ che nel tempo tende ad entrare attraverso il
sigillante. La corretta conservazione e manipolazione
del setaccio molecolare e’ fondamentale per le
prestazioni della vetrata isolante. Setacci molecolari
di dimensione diverse possono essere selezionati
a seconda che all’interno dell’intercapedine sia
presente aria secca o gas.
La continua necessita’ di ridurre l’ emissione
di biossido di carbonio (CO2) nel mondo, e
considerando il fatto che quelle domestiche sono
responsabili del 25% delle emissioni totali di CO2,
hanno sensibilizzato l’edilizia contemporanea a
sviluppare finestre e sistemi di facciate continue
con un occhio particolare verso un migliore
risparmio energetico. Fino a poco tempo fa, i vari
sistemi di finestre e facciate continue sono stati una
delle principali cause di dispersione termica negli di
edifici. Grazie allo sviluppo di vetri con rivestimento,
basso emissivi, di vetrate isolanti riempite con
gas inerte e tecnologie „Warm Edge”, le moderne
finestre e facciate continue risultano efficaci dal
punto di vista termico ed esteticamente interessanti
nel contesto dell‘edificio in cui sono inserite.
Sigillatura di tenuta – prima barriera
La sigillatura di tentuta di una vetrata isolante
costituisce la prima barriera che assicura la tenuta
al vapore e gas tra le lastre di vetro della vetrata
isolante. Il materiale comunemente impiegato per la
sigillatura di prima barriera è il poliisobutilene (PIB). Il
PIB deve essere applicato in modo continuo e deve
risultare totalmente compatibile con i materiali ad
esso adiacenti, inclusa la sigillatura secondaria della
vetrata isolante. Per prestazioni ottimali, il PIB deve
essere stabile e durevole nei confronti dell‘ambiente
climatico dove viene posata la vetrata isolante.
18
Manuale Vetrate Isolanti
Il trasferimento termico mediante conduzione e
convezione in una vetrata isolante può essere
ridotto sostituendo l‘aria con un gas che presenta
una minore conduttività termica (argon, Kripton
o xenon). Il trasferimento mediante radiazione
può essere ridotto impiegando vetro rivestito,
basso emissivo, mentre la tecnologia „Warm
Edge” consente di ridurre la conduttività termica
in corrispondenza dei profili delle vetrate isolanti.
Nella tabella riportata di seguito viene indicata la
trasmittanza termica di un singolo pannello di vetro
e di vetrate isolanti con e senza rivestimento e
riempimento con gas.
Permeabilità all‘argo [cm 2 /(s cmHg)]
Tipo di sigillante
Sigillatura singola
Sigillatura doppia
5 x 10-11
n/a
Polisolfuro
1,5 x 10-10
6,82 x 10-11
Poliuretano (polibutadiene)
8,0 x 10-10
8,00 x 10-11
Poliuretano (polietere)
2,8 x 10-9
8,24 x 10-11
Silicone
3,7 x 10-8
8,33 x 10-11
Poliisobutilene (PIB)
Uso di sigillanti siliconici in vetrate isolanti con
riempimento a gas
Tutti sanno che il vantaggio principale di impiegare
sigillanti di tipo organico (polisolfuro, poliuretano)
per la realizzazione di vetrate isolanti con elevata
efficenza termica è la loro bassa permeabilità ai
gas (che consente una maggiore tolleranza in fatto
di qualità di esecuzione). Tuttavia la loro scarsa
adesione al vetro a seguito dell‘esposizione alla luce
solare ne proibisce l‘uso nelle vetrate isolanti ad
incollaggio strutturale, nelle tettoie e in qualsiasi altra
applicazione dove e’ richiesta la resistenza ai raggi
UV e/o estrema resistenza agli agenti atmosferici.
I sigillanti siliconici, d‘altra parte, risultano avere
un’eccellente adesione alla superficie del vetro
dopo l‘esposizione alla luce solare, caratteristica
che li rende unici per vetrate isolanti ad incollaggio
strutturale e quelle per tetti. Con oltre 25 anni
di esperienza globale maturata nel campo dei
sigillanti siliconici per vetrate isolanti, le eccellenti
prestazioni e la vita di impiego di vetrate isolanti
con doppia sigillatura siliconica sono state
ampiamente dimostrate.
Recenti sviluppi hanno dimostrato che è possibile
realizzare vetrate isolanti riempite con gas argon
utilizzando i sigillanti siliconi come seconda barriera
in grado di soddisfare in modo affidabile i requisiti
richiesti dalla norma EN 1279 parte 3. Numerosi
sistemi commerciali che impiegano gas e silicone
sono oggi presenti con successo sul mercato. Di
conseguenza, è oggi possibile realizzare vetrate
isolanti con silicone che risultano essere eccellenti
dal punto di vista della durata e anche in grado di
soddisfare in modo affidabile requisiti sempre più
severi per la ritenzione dei gas, offrendo così una
vita di impiego e un valore di isolamento ottimali.
A causa dell‘elevata permeabilità ai gas dei
sigillanti siliconici, è necessario adottare specifiche
precauzioni nella realizzazione di vetrate isolanti.
Il concetto chiave è concentrarsi sulle perdite di
gas in tutta la vetrata isolante considerata nel suo
insieme e non solo nei suoi singoli componenti.
In realtà, se applicata correttamente, la prima
sigillatura di tenuta in poliisobutilene offre
un‘impermeabilità tale ai gas da garantirne la
barriera principale. La funzione principale della
seconda barriera e’ quella di tenere incollati le due
lastre di vetro, proteggendo la prima barriera da
condizioni ambientali particolarmente rigide e da un
prematuro deterioramento. Nella tabella precedente
di seguito viene riassunta la permeabilità
complessiva all‘argon dei vari tipi di sigillanti con e
senza la prima barriera.
Considerazioni relative alla progettazione
Quello della progettazione è un elemento
primario in grado di determinare se una vetrata
isolante soddisfa o meno i requisiti relativi alle
perdite di gas. Tali perdite possono essere ridotte
incrementando la resistenza alle fughe di gas. Per
rallentare queste ultime, è possibile ridurre l‘area
in cui circola il gas, incrementando al contempo
la lunghezza del percorso necessario alla
trasmissione del gas.
Distanziatori piegati agli angoli, tecniche di
riempimento a gas integrate all‘interno del processo
Manuale Vetrate Isolanti
19
Considerazioni su progettazione e materiali
di assemblaggio delle vetrate isolanti (invece che
effettuare il riempimento attraverso fori ricavati nel
distanziatore), attrezzature per PIB automatiche
e presse per sigillature primarie con PIB in
linea (riscaldate) sono tutti elementi che hanno
contribuito in modo sostanziale alla riduzione delle
perdite di gas, consentendo di migliorare la qualità
e la durata delle vetrate isolanti.
È stato dimostrato che intercalari in grado di avere
una certa flessibilita’ presentano una minore
sollecitazione sulla sigillatura di tenuta, cosi’ da
ridurre in percentuale la perdita di gas in condizioni
sia normali che di invecchiamento. Esempi sono i
distanziatori termoplastici e quelli in gomma.
Vetrate isolanti che riducono al minimo il movimento
della sigillatura di prima barriera, in particolare nella
zona degli angoli, tendono ad offrire prestazioni
notevolmente migliori in termini di perdite di gas.
Ad esempio, le vetrate isolanti che utilizzano profili
in acciaio presentano percentuali minori di perdite
di gas rispetto alle vetrate isolanti che impiegano
distanziatori in alluminio.
Nel caso di intercalari rigidi, il livello di
sollecitazione della sigillatura primaria durante i
periodi di “movimento di trazione o compressione”
della vetrata isolante e la quantita’ di tempo a cui
la sigillatura primaria e’ soggetta a tale stress sono
determinati dal modulo e dal ritorno elastico della
sigillatura secondaria. Una sigillatura secondaria
ad alto modulo e con un elevato ritorno elastico
consente di ridurre la sollecitazione sulla sigillatura
primaria. Movimenti delle lastre sulla base
delle oscillazioni della pressione atmosferica si
verificano a basse pressioni atmosferiche o ad alte
temperature, anche se la temperatura può essere
considerata responsabile della maggior parte
dei movimentii. È pertanto necessario prendere
in considerazione il modulo di elasticità (modulo
di Young) dei sigillanti per la seconda barriera a
temperature elevate, come anche le proprietà di
ritorno elastico del sigillante.
I prodotti Dow Corning 3362 HD e Dow Corning
3363 (ad alta resistenza) sono stati sviluppati
specificatamente per garantire i requisiti ad alto
modulo e di recupero elastico dell’applicazione.
20
Manuale Vetrate Isolanti
Considerazioni sulla qualità di esecuzione
Il livello di attenzione che si presta nella produzione
di vetrate con gas svolge un ruolo fondamentale,
come del resto anche nella corretta realizzazione
di una vetrata isolante standard con riempimento
ad aria. Di seguito sono riportati alcuni consigli
con l’intento di aiutare e agevolare il produttore
di vetrate isolante a superare le prove relative
alla norma per le vetrate isolanti riempire con gas
argon:
Le lastre di vetro e gli intercalari devono essere
adeguatamente puliti per garantire la corretta
adesione dei sigillanti di prima e seconda
barriera
I distanziatori devono essere correttamente
allineati per permettere alla sigillatura di
seconda barriera di avere un’omogenea
profondita’ di sigillatura. Una sigillatura di
seconda barriera inadeguata a supportare
l‘integrità strutturale della vetrata isolante
puo’ provocare sollecitazioni importanti alla
prima barriera. Si consiglia l‘impiego di profili
facilmente piegabili in corrispondenza degli
angoli.
Angolari e fori di perforazione all‘interno del
distanziatore dovrebbero essere riempiti con
PIB per eliminare spazi vuoti o fenditure di
qualsiasi tipo attraverso cui il gas potrebbe
fuoriuscire. Spazi vuoti, fenditure o fessure
agiscono come un canale attraverso il quale
il gas è in grado di scorrere incontrando una
resistenza minima.
La sigillatura di prima barriera deve essere
applicata evitando di lasciare spazi aperti che
consentirebbero il libero passaggio di gas.
La sigillatura primaria con PIB deve essere
applicata con uno spessore e una profondità
continui e omogenea sia sul vetro sia sul
distanziatore.
Anche la sigillatura di seconda barriera
deve essere eseguita con cura evitando di
lasciare vuoti o fenditure. In questo modo
si garantirebbere la protezione della prima
barriera che come tutti ben sanno costituisce la
principale barriera alle fughe di gas. I sigillanti
bicomponenti devono essere correttamente
miscelati e impiegati con il rapporto di
miscelazione appropriato. Per le linee guida
più aggiornate, fare riferimento alla sezione
dedicata alla qualità dei prodotti.
Per maggiori informazioni o assistenza nella
produzione di vetrate isolanti con una maggiore
efficienza termica, contattare l‘assistenza tecnica
Dow Corning.
Dow Corning è in grado di fornire assistenza
ai produttori di vetrate isolanti per ottimizzare i
processi di progettazione e produzione affinché
soddisfino i correnti requisiti europei relativi ai test
per le perdite di gas. Per maggiori informazioni,
contattare l‘assistenza tecnica Dow Corning.
Vetrate isolanti con tecnologia Warm Edge
Di recente i produttori di vetrate isolanti si sono
prodigati nel tentativo di ridurre al minimo il flusso
di calore che attraversa l‘area del profilo della
vetrata. L‘ottimizzazione delle sezioni trasversali dei
distanziatori e le proprietà di conduzione del calore
consentono di migliorare le proprietà isolanti del
profilo. Esempi sono l‘impiego di un distanziatore
termoplastico con bassi valori di conduzione del
calore (circa 0,2–0,5 W/mK) o l‘utilizzo di intercalari
in acciaio inossidabile ultra sottili.
Valori di conduzione del calore compresi tra 0,25
e 0,70 W/mK per la sigillatura del profilo di una
vetrata isolante sono possibili. I sigillanti siliconici
Dow Corning per vetrate isolanti sono stati valutati
in base a test condotti da un istituto indipendente in
conformità con il DIN 52612. Il sigillante siliconico
Dow Corning 3362 per vetrate isolanti ha un valore
di conduzione del calore pari a 0,27 W/mK, mentre
il sigillante siliconico Dow Corning 3793 ha un
valore di conduzione del calore pari a 0,33 W/mK.
Per la realizzazione di una vetrata isolante con
tecnologia “Warm Edge”, si consiglia di utilizzare
un profilo che possegga una bassa conduzione
del calore. I profili in acciaio inossidabile offrono
prestazioni migliori rispetto a quelli in alluminio.
Anche alcuni distanziatori in polimeri organici
offrono prestazioni significativamente migliori. La
progettazione geometrica della vetrata isolante
dovrebbe essere sviluppata considerando
le proprietà del flusso di calore ma anche la
funzionalità statica per ridurre il rischio di perdite
di gas. Si consideri infine l‘impiego di una
sigillatura siliconica secondaria con un basso
valore di conduzione del calore, durata a lungo
termine, resistenza alla luce del sole e stabilità a
temperature estreme.
Manuale Vetrate Isolanti
21
Qualità dei prodotti
Dow Corning effettua test accurati nei propri
stabilimenti di produzione per garantire la qualità
dei propri prodotti in conformità con gli standard
ISO 9001. Questa sezione del manuale si pone
l‘obiettivo di fornire agli utenti di sigillanti procedure
e consigli sull‘appropriata conservazione,
manipolazione, utilizzo e controllo della qualità dei
sigillanti siliconici Dow Corning per vetrate isolanti.
Coloro che utilizzano sigillanti devono assicurarsi
di leggere, comprendere e seguire attentamente
le procedure e le raccomandazioni indicate.
Le procedure per il controllo della produzione
aziendale di vetrate isolanti sono descritte anche in
svariati standard del settore, come la norma
EN 1279, parte 6. Per eventuali domande relative
alle procedure e raccomandazioni riportate di
seguito, contattare l‘ufficio Dow Corning piu’ vicino
a Voi o il supporto tecnico Dow Corning prima di
utilizzare i sigillanti Dow Corning.
Considerazioni generali
Conservazione e manipolazione dei
materiali
I sigillanti Dow Corning devono essere conservati
in luoghi e alla temperatura consigliati.
Temperature troppo elevate o ambienti umidi
possono danneggiare i sigillanti. Se il sigillante
non viene manipolato e conservato correttamente,
polimerizzazione, adesione e proprietà fisiche del
sigillante stesso potrebbe risultare compromessi.
Coloro che utilizzano sigillanti devono assicurarsi
di comprendere e seguire attentamente le
raccomandazioni indicate per l‘uso corretto delle
attrezzature di dosaggio per sigillanti siliconici
bicomponenti.
Data di utilizzo
I sigillanti Dow Corning devono essere utilizzati
entro la data riportata sulla confezione del prodotto.
I sigillanti utilizzati dopo la scadenza riportata sulla
confezione possono presentare proprieta’ fisiche
diverse e un tempo di reticolazione inadeguato.
Preparazione dei giunti e applicazione
del sigillante
Procedure e consigli specifici sulla preparazione
dei giunti e sull‘applicazione del sigillante vengono
riportati più avanti in questa sezione del manuale
e consentono di garantire la corretta adesione,
22
Manuale Vetrate Isolanti
polimerizzazione e riempimento dei giunti. Il fatto
di ignorare o saltare un passaggio in una data
procedura potrebbe avere un effetto negativo
sulle prestazioni del sigillante per vetrate isolanti.
Le procedure dovrebbero sempre essere comprese
e seguite attentamente da coloro che utilizzano
il prodotto.
Controllo della qualità
Dow Corning fornisce procedure e consigli che
devono essere pienamente compresi e seguiti dagli
utilizzatori del sigillante. Tali procedure si sono
dimostrate nel tempo essere efficaci ed affidabili.
Nella sezione del presente manuale dedicata alla
documentazione, Dow Corning offre registri di
controllo della qualità che possono essere utilizzati
da coloro che impiegano sigillanti. Dow Corning
è disponibile a fornire assistenza nello sviluppo di
un programma esaustivo di controllo della qualità.
Dow Corning può inoltre procedere al controllo di un
determinato stabilimento di produzione e, qualora
fosse richiesto, proporre suggerimenti e consigli.
Sigillanti monocomponenti
Condizioni e temperatura di
conservazione
I sigillanti siliconici Dow Corning per vetrate isolanti
devono essere conservati a temperature inferiori a
30°C. Sulla confezione del prodotto è chiaramente
indicata la data di scadenza. Il sigillante deve
essere utilizzato solo se la data di scadenza
riportata sulla confezione non è ancora trascorsa.
Fino al momento dell‘utilizzo, è buona norma
conservare il sigillante all‘interno della confezione
originale non aperta. Il sigillante deve essere
conservato in un luogo asciutto e privo di umidità.
Test del tempo di fuori impronta/test
elastomerico
Una volta al giorno è buona norma effettuare un
test del tempo di fuori impronta o elastomerico su
ogni nuovo lotto di sigillante da utilizzare. Lo scopo
di questo test è verificare che la polimerizzazione
del sigillante sia completa e che le proprietà
elastomeriche di quest‘ultimo siano nella norma.
Ogni variazione, come ad esempio un eccessivo
tempo di fuori impronta, può indicare che il
sigillante è scaduto o che è stato conservato ad
una temperatura troppo elevata. Il tempo di fuori
impronta varia a seconda della temperatura e del
livello di umidità: alte temperature ed elevati tassi
di umidità riducono il tempo di fuori impronta e di
polimerizzazione del sigillante.
La procedura riportata di seguito deve essere
effettuata prima che i materiali siano utilizzati nel
ciclo di produzione. Le procedure di controllo della
qualità della produzione, come i test di adesione sui
materiali di produzione, sono descritte più avanti in
questa sezione.
1. Stendere uno strato di sigillante dello spessore
di 2 mm su un foglio di polietilene.
2. A intervalli di pochi minuti, toccare leggermente
con il dito la pellicola sigillante.
3. Quando il sigillante non aderisce più al dito,
è trascorso il tempo di fuori impronta. Se la
pellicola non si è formata entro due ore, non
utilizzare il materiale e contattare l‘ufficio
Dow Corning locale.
4. Lasciare trascorrere 48 ore affinché la
polimerizzazione del sigillante sia completa.
Dopo 48 ore, rimuovere il sigillante dal foglio di
polietilene. Distendere il sigillante lentamente
per determinare se la polimerizzazione ne ha
sviluppato le normali proprietà elastomeriche.
È possibile procedere ad un confronto con un
campione di controllo di un sigillante considerato
„ottimale“. Se la polimerizzazione del sigillante
non risulta adeguata, non utilizzare il materiale e
contattare l‘ufficio Dow Corning locale.
5. Riportare i risultati ottenuti nel registro relativo
al controllo della qualità. Nella sezione del
presente manuale dedicata alla documentazione
è disponibile un registro campione. Una volta
completato con i dati, il registro deve essere
conservato e reso disponibile su richiesta di
revisione da parte di Dow Corning.
Sigillanti bicomponenti
Condizioni e temperatura di
conservazione
I sigillanti siliconici Dow Corning per vetrate
isolanti devono essere conservati a temperature
inferiori a 30°C. Sulla confezione del prodotto
è chiaramente indicata la data di scadenza del
catalizzatore e della base. Il sigillante deve essere
utilizzato solo se la data di scadenza indicata
sulla confezione non è ancora trascorsa. Fino al
momento dell‘utilizzo, è buona norma conservare il
sigillante all‘interno della confezione originale non
aperta. Il sigillante deve essere conservato in un
luogo asciutto e privo di umidità. I contenitori del
catalizzatore e della base non sono abbinati a un
determinato lotto, pertanto si consiglia di utilizzare
per primo il contenitore di materiale più vecchio.
Linee guida per estrusori di sigillanti bicomponenti
I sigillanti siliconici per vetrate isolanti di
Dow Corning sono materiali da prestazioni elevate
che sono certificati e approvati da autorità ufficiali
e istituti di controllo per essere utilizzati come
sigillanti per vetrate isolanti in applicazioni di
vetrazione strutturale. Adeguatamente applicati
forniscono una lunga durata e un’ottima adesione
necessarie per le applicazioni di vetrate isolanti.
I sigillanti per vetrate isolanti di Dow Corning
devono essere correttamente pompati e miscelati
dall’utente per poter garantire le prestazioni attese.
La tecnologia più all‘avanguardia per l‘applicazione
di sigillanti bicomponenti sfrutta una sofisticata
apparecchiatura per il pompaggio, il dosaggio
e la miscelazione con l‘ausilio di un miscelatore
statico o dinamico. Esistono diversi fornitori di
questo tipo di apparecchiature di dosaggio. Gli
erogatori disponibili sul mercato sono diversi uno
dall‘altro, pertanto Dow Corning raccomanda
vivamente di seguire con attenzione le linee guida
del fornitore delle apparecchiature di dosaggio,
per quanto riguarda l‘uso e la manutenzione. In
aggiunta alle linee guida proposte dai fornitori di
erogatori, Dow Corning raccomanda agli utenti di
comprendere e seguire con la massima attenzione
le seguenti procedure ottimali:
Conservare una temperatura adeguata nello
stabilimento di produzione
La temperatura ambiente nello stabilimento di
produzione deve essere compresa tra 10°C
e 40°C. Per prestazioni ottimali, mantenere
una temperatura compresa tra 18°C e 30°C. A
temperature più basse, tra 10°C e 18°C, la velocità
di polimerizzazione e la capacità di adesione
Manuale Vetrate Isolanti
23
Qualità dei prodotti
risulteranno più lente. Con temperature più alte,
invece, tra 30°C e 40°C, il tempo di lavorazione
risulterà più breve.
Rispettare condizioni adeguate di
conservazione del sigillante
I contenitori di sigillanti devono essere conservati
al di sotto della temperatura di conservazione del
sigillante consigliata (30°C). È possibile impiegare il
sigillante fino alla temperatura massima di 40°C. Se
un contenitore viene conservato in uno stabilimento
di produzione ad una temperatura superiore a
30°C per una settimana, sostituire il materiale. I
contenitori devono essere conservati negli imballi
originali non aperti.
Evitare un tasso di umidità
eccessivamente elevato
Un tasso di umidità relativa elevato causa una
polimerizzazione piu’ veloce del sigillante e
comporta un tempo di lavorazione più breve. Un
tasso di umidità eccessivamente elevato (> 80%)
può creare vapore acqueo sulla superficie del
substrato e influire negativamente sulla capacità
adesiva del sigillante. Per ridurre al minimo il rischio
di formazione di condensa sui singoli componenti
del sigillante, fustini e fusti devono essere chiusi
ermeticamente durante la conservazione e dopo
essere stati collocati sulle attrezzature di dosaggio
del sigillante. Se si utilizza un contenitore in
pressione, l‘aria all‘interno del fusto o del fustino
deve essere filtrata e seccata (si consiglia l‘impiego
di filtri con gel di silice).
Il catalizzatore deve essere omogeneo
Prima di collocare il materiale sull‘attrezzatura di
dosaggio, il catalizzatore deve essere ispezionato
visivamente e agitato nel fusto per garantirne
l‘omogeneità. Non lasciare penetrare troppa aria
quando si mescola il catalizzatore. L’agente di
polimerizzazione a bassa viscosità (HV) potrebbe
mostrare una separazione e deve essere miscelato
prima dell’utilizzo. Gli agenti di polimerizzazione ad
alta viscosità (HV/ GER), invece, non richiedono in
genere alcuna miscelatura, ma è comunque buona
norma controllarli e verificarne lo stato prima dell‘uso.
Si consiglia di miscelare il catalizzatore da uno a
tre giorni prima del suo utilizzo per consentire la
fuoriuscita di aria al suo interno.
24
Manuale Vetrate Isolanti
Conservare correttamente l‘attrezzatura di
dosaggio del sigillante
È fondamentale che chi utilizza il sigillante elabori
un programma di controllo della qualità in grado di
garantire che l‘attrezzatura di dosaggio del sigillante
funzioni correttamente. Poiché esistono numerosi
produttori di apparecchiature di erogazione, i
requisiti per la manutenzione sono differenti. Vi
sono comunque requisiti comuni a tutti i produttori
di attrezzature:
Il sigillante deve essere erogato senza essere
esposto all‘aria. Il sigillante Dow Corning
3362 e Dow Corning 3363 per vetrate isolanti
deve essere erogato in un sistema chiuso e
non esposto all‘aria. L’aria introdotta durante
il cambio dei contenitori deve essere fatta
fuoriuscire completamente dal sistema prima
che questo venga utilizzato.
Ispezionare e procedere alla regolare
manutenzione dei componenti dell‘attrezzatura
di dosaggio. L‘aria può finire per penetrare
nel sigillante se la pompa è difettosa o se
le guarnizioni si sono indurite o risultano
danneggiate, consentendo così l‘ingresso di aria
nel sistema. Quando si utilizzano pompe a piatto
premente, assicurarsi che il piatto sia in grado
di muoversi e non sia bloccato da eventuali
ammaccature presenti sul fusto o fustino o
da guarnizioni danneggiate o troppo indurite.
Una appropriata manutenzione e pulizia del
miscelatore faforisce una migliore miscelazione
dei prodotti. I filtri (ove presenti) dovono essere
ispezionati regolarmente e nel caso sostituiti.
Verificare che non vi sia stata contaminazione dei
componenti del sigillante. Il sigillante non deve
infatti venire a contatto con gli oli dei macchinari
delle attrezzature. Procedere inoltre al controllo
della tenuta delle pompe e non utilizzare olio o
sostanze viscose sui piatti prementi.
Quando si utilizza un solvente come il solvente
concentrato Dow Corning 3522 per la pulizia dei
tubi di miscelazione, i canali del sigillante devono
risultare completamente chiusi rispetto a quelli del
solvente per evitare una possibile contaminazione
tra solvente e sigillante. Tutte le guarnizioni
devono essere compatibili con il solvente
impiegato per la pulizia.
Provvedere alla regolare manutenzione delle
guarnizioni; alcune di esse, in particolare quelle a
diretto contatto con il sigillante, potrebbero indebolirsi
o mostrare un aumento di volume a seguito di una
esposizione prolungata. Le guarnizioni deteriorate
devono essere immediatamente sostituite. Richiedere
al proprio fornitore di attrezzature di dosaggio
guarnizioni e altri componenti che siano compatibili o
il cui utilizzo sia consigliato per il sigillante siliconico
Dow Corning 3362 e Dow Corning 3363 per vetrate
isolanti. È buona norma che il fornitore pianifichi
un calendario per la regolare sostituzione delle
guarnizioni. Per consigli e informazioni specifici,
contattare l‘assistenza tecnica Dow Corning.
Preparazione delle superfici e
applicazione del sigillante
La realizzazione di vetrate isolanti richiede una
procedura completa e precisa in grado di garantire
l‘adeguata pulizia del vetro e degli materiali e/o
accessori prima dell‘applicazione del sigillante.
Le seguenti procedure devono essere seguiti per
la realizzazione di vetrate isolanti.
1.Ispezionare con attenzione vetro, intercalari,
inserti del profilo a U, ecc. prima dell‘uso. I
materiali utilizzati in fase di produzione devono
coincidere con quelli testati e approvati da
Dow Corning. I substrati devono essere in
buone condizioni e non devono essere stati
danneggiati da agenti atmosferici esterni.
2.Pulire il vetro e le superfici degli accessori, inclusi
intercalari, estrusi dei profili a U, ecc. Durante
la produzione in linea di vetrate isolanti, il vetro
viene pulito mediante un processo di lavaggio
automatico. Il produttore di vetrate isolanti deve
garantire che le superfici dei giunti siano pulite,
asciutte, senza polvere e prive di umidita’. La
presenza di umidità o agenti contaminanti sulla
superficie può influire negativamente sulla
capacità adesiva del sigillante.
3. Utilizzare un primer sulle superfici dei giunti
prima dell‘applicazione del sigillante se richiesto
e specificato da Dow Corning.
4.Posizionare il vetro e l’intercalare. Occorre
prestare particolare attenzione a non
contaminare le superfici pulite durante ogni
singola fase di produzione. Se le superfici
dovessero essere contaminate, è necessario
pulirle nuovamente.
5.Applicare il sigillante. Se l‘applicazione avviene
mediante un processo automatico, verificare
che i giunti siano completamente riempiti con
il materiale sigillante. Se invece la sigillatura
viene fatta manualmente fare attenzione a non
intrappolare aria nel giunto durante la sigillatura.
6.Lisciare la superficie del giunto sigillato con un
apposito strumento, ad esempio una spatola.
Molte pistole per dosaggio di sigillante impiegate
per la realizzazione di vetrate isolanti sono
fornite di beccucci a spatolatura automatica.
Assicurarsi che lo strumento utilizzato consenta
il riempimento completo del giunto senza
ingresso d‘aria.
7.Ispezionare le vetrate isolanti una volta
completato il processo di sigillatura,
determinando se tutti i giunti sono stati
adeguatamente riempiti e lisciati in modo
omogeneo. Il sigillante deve essere applicato
in modo continuo e non devono essere
presenti vuoti o fenditure. Verificare che la
polimerizzazione del sigillante avvenga in modo
adeguato e che vengano effettuati tutti i test di
controllo della qualità raccomandati.
Procedura di pulitura del substrato
L‘elemento chiave per un‘adesione ottimale del
sigillante è la pulizia della superficie. Nella maggior
parte dei processi di realizzazione di vetrate
isolanti, il vetro viene pulito mediante un processo
di lavaggio automatico. Se invece vetro e materiali
accessori vengono puliti manualmente, fare
riferimento alle seguenti procedure consigliate:
Substrati non porosi
I substrati non porosi, come il vetro e i profili
metallici, devono essere puliti con un solvente
prima di procedere all‘applicazione del sigillante.
Per la pulizia di questo tipo di materiali
Dow Corning consiglia il “metodo con panno
doppio”, descritto più avanti in questa sezione.
I pulitori Dow Corning R-40 Cleaner e Dow Corning
R-41 Cleaner Plus sono consigliati per la pulizia
con solvente dei substrati non porosi. È possibile
Manuale Vetrate Isolanti
25
Qualità dei prodotti
utilizzare anche a solventi o a prodotti per la pulizia
alternativi. Per maggiori informazioni contattare
l‘assistenza tecnica Dow Corning.
Considerazione sui solventi
I solventi indicati in questa sezione sono
consigliati sulla base dell‘esperienza maturata da
Dow Corning con tali prodotti. È sempre buona
norma contattare il fornitore dei substrati per
assicurarsi che solventi e procedure per la pulizia
siano compatibili con ogni singolo substrato.
Mascheratura
Se l‘estetica è un elemento importante, è possibile
proteggere la superficie adiacente al giunto della
vetrata isolante mediante mascheratura. Prima
dell‘applicazione del sigillante, un nastro adesivo
può essere applicato alla superficie adiacente al
giunto. Verificare le buoni condizioni del nastro
prima di applicarlo, per essere certi che possa
essere facilmente rimosso e che non danneggi
il substrato. Durante la posa del nastro, prestare
attenzione a non applicarlo alle superfici dei giunto,
poiché i residui adesivi del nastro potrebbero
compromettere la capacità adesiva del sigillante.
Rimuovere il nastro subito dopo l‘applicazione e la
spatolatura del sigillante.
Metodo di pulitura a doppio panno
Questo metodo rappresenta una tecnica collaudata
per la pulitura di superfici non porose. L‘utilizzo di
un singolo panno per pulire un substrato è invece
sconsigliato e risulta molto meno efficace rispetto al
metodo con panno doppio. È necessario utilizzare
panni morbidi, puliti, assorbenti e non sfilacciati.
Con tale metodo il substrato viene prima pulito con
un panno imbevuto di solvente, quindi ripassato
con un secondo panno pulito per asciugare la
superficie. Attenersi alla seguente procedura:
1. Pulire accuratamente tutte le superfici da
detriti e residui.
2. Versare una piccola quantità di solvente in un
contenitore; a tale scopo risultano più adatti
flaconi di plastica trasparente, resistenti ai
solventi e facilmente maneggevoli. Non applicare
il solvente direttamente dal contenitore originale.
3. Strofinare le superfici dei giunti con sufficiente
26
Manuale Vetrate Isolanti
forza per rimuovere tracce di sporco e agenti
contaminanti.
4. Asciugare immediatamente la superficie del
substrato inumidita con il solvente utilizzando
un secondo panno pulito e asciutto. Il secondo
panno deve essere passato sul substrato prima
che il solvente sia evaporato.
5. Esaminare il secondo panno per essere certi
che tutti gli agenti contaminanti siano stati
rimossi in modo efficace. Se il secondo panno
è ancora sporco, ripetere il procedimento fino a
quando il tessuto non risulterà adeguatamente
pulito. Ad ogni nuova passsata, assicurarsi di
utilizzare un panno pulito. Non procedere alla
pulizia con il panno sporco giù utilizzato. Per
un risultato ottimale, sostituire frequentemente i
panni usati e sporchi.
Applicazione del primer sul substrato
Nella maggior parte dei processi di realizzazione
di vetrate isolanti, non è necessario ricorrere
all‘utilizzo di un primer. In alcuni casi, tuttavia,
l‘impiego di primer può rendersi necessario per
speciali intercalari o per speciali tipi di vetro
rivestito/smaltato/serigrafato. In queste applicazioni,
utilizzare la procedura per l‘applicazione di primer
descritta di seguito.
Prima di utilizzarsi, accertarsi che i prodotti
Dow Corning 1200 OS Primer, UV Traceable e
Dow Corning 1203 3in1 Primer non siano scaduti. Il
primer deve essere conservato al di sotto dei
25°C nell‘imballo originale non aperto e deve avere
un aspetto chiaro e trasparente, simile all‘acqua.
Se invece risultasse di un bianco lattiginoso,
non utilizzarlo. Sono disponibili anche primer di
colore rosso.
1. In primo luogo, la superficie dei giunti deve
essere pulita e asciutta. L‘applicazione del
primer deve avvenire entro quattro (4) ore dopo
la fase di pulizia. Se si supera tale intervallo
di tempo, è necessario pulire nuovamente le
superfici dei giunti prima di applicare il primer.
2. Versare una piccola quantità di primer in un
contenitore pulito e asciutto. Non versare una
quantità di primer superiore a quella necessaria
per i 10 minuti successivi. Ricollocare e
chiudere il tappo del contenitore subito dopo
l‘utilizzo del primer. Un‘eccessiva esposizione
di quest‘ultimo all‘umidità atmosferica può
provocarne il deterioramento e l‘aspetto bianco
lattiginoso all‘interno del contenitore.
3. Versare una piccola quantità di primer dal
contenitore su un panno pulito, asciutto e senza
sfilacciature, quindi passare delicatamente una
sottile pellicola su tutte le superfici dei giunti
che devono essere appositamente trattate.
Applicare solo la quantità di primer necessaria
ad inumidire la superficie. L‘applicazione di
una dose eccessiva di primer può causare la
perdita di adesione tra sigillante e substrato.
Nel caso in cui venga applicato un quantitativo
eccessivo di primer, sul substrato si formerà una
pellicola bianca farinosa. L‘applicazione di dosi
eccessive di primer non è una pratica accettabile
e deve pertanto essere immediatamente
interrotta. Le superfici trattate con quantità
eccessive di primer devono essere nuovamente
pulite (Dow Corning R-40) e il primer deve essere
applicato in modo adeguato.
4. Lasciare asciugare il primer fino a quando il
solvente non evapora completamente. In genere,
sono necessari da 5 a 30 minuti, depende anche
dalla temperatura e al grado di umidità.
5. Esaminare la superficie per controllare che
sia asciutta e che non sia stato applicato un
dosaggio eccessivo di primer. Una superficie
non porosa trattata con primer mostra una lieve
appannatura. Se viene impiegato un primer di
colore rosso, le superfici trattate assumeranno
anch‘esse una colorazione rossa. Le superfici
trattate con primer devono essere sigillate
entro le successive quattro (4) ore. Se si lascia
trascorrere un intervallo di tempo maggiore,
sarà necessario pulirle nuovamente con R-40 e
il primer prima dell‘applicazione del sigillante.
Se si utilizza il primer Dow Corning 1203 3in1
Primer, fare riferimento alla scheda tecnica per la
procedura di applicazione dettagliata.
Applicazione del sigillante e
controllo della qualità
Procedura di applicazione del sigillante
Il sigillante deve essere applicato solo sui giunti
di vetrate isolanti precedentemente puliti e a
cui sia stato applicato un primer secondo le
procedure consigliate. Il sigillante deve essere
inoltre applicato su superfici pulite, asciutte, senza
polvere e umidita’. Se una superficie non è stata
adeguatamente pulita o trattata con un primer in
modo corretto, l‘adesione del sigillante potrebbe
risultare compromessa. Il sigillante deve anche
riempire completamente il giunto della vetrata
isolante; le prestazioni di quest‘ultima dipendono
infatti da uno spessore sufficiente di sigillante. Una
sigillatura secondaria non completamente riempita
di sigillante può mettere a rischio le prestazioni
della vetrata isolante.
Le procedure riportate di seguito indicano il modo
corretto di procedere nell‘applicazione del sigillante:
1. Applicare il sigillante in modo continuo
utilizzando una pistola o un apposito erogatore.
È bene imprimere una pressione omogenea
per il riempimento dell‘intero giunto. Evitare
l‘ingresso di aria nel giunto. Se l‘applicazione
avviene mediante un processo automatico,
verificare che il giunto della vetrata isolante sia
riempito in modo completo e omogeneo.
2. Lisciare il sigillante con una leggera pressione
prima che su di esso si formi una pellicola.
Questo in genere avviene entro 5 e 15 minuti.
La maggior parte delle linee automatiche
fanno ricorso a un beccuccio auto-livellante.
Assicurarsi che il beccuccio utilizzato consenta
una pressione adeguata per il completo
riempimento del giunto della vetrata isolante.
3. Durante questa fase, evitare l‘impiego di
saponi o solventi. Si consiglia la lavorazione
a secco. Non raccogliere il sigillante cercando
di rimetterlo nel giunto, poiché non si
applicherebbe la giusta pressione.
4. Se per la superficie adiacente al giunto
della vetrata isolante è stata utilizzata una
mascheratura e possibile rimuverla in questa
fase del processo.
Manuale Vetrate Isolanti
27
Qualità dei prodotti
Requisiti di polimerizzazione
del sigillante
Per la polimerizzazione, i sigillanti siliconici devono
essere esposti all‘umidità atmosferica. In un
contenitore chiuso o in un giunto nascosto non
esposto all‘umidità dell‘aria, la polimerizzazione
del sigillante potrebbe essere lenta o non avvenire
del tutto. La capacità adesiva del sigillante risulta
ottimale solo se la sua polimerizzazione è completa
e ne sviluppa appieno tutte le proprietà fisiche.
Verificare che il giunto riempito di sigillante e livellato
a spatola sia completamente esposto all‘aria.
Requisiti di polimerizzaziones
Dow Corning garantisce esclusivamente la
produzione di vetrate isolanti in fabbrica con
sigillanti siliconici Dow Corning. La produzione di
vetrate isolanti in cantiere non è invece autorizzata
da Dow Corning.
In fabbrica, la polimerizzazione dei sigillanti
siliconici monocomponenti Dow Corning® per
vetrate isolanti richiede in genere da 7 a 21
giorni. La velocità di polimerizzazione dipende
dal sigillante utilizzato, dallo spessore dei giunti,
dalla temperatura e dal tasso di umidità. Le vetrate
isolanti che utilizzano sigillanti monocomponenti
non devono essere trasportate in cantiere fino a
quando la polimerizzazione del sigillante non risulti
completa e non sia comprovata da test di controllo
della qualità che dimostrino la piena adesione del
prodotto sigillante (rotura coesiva pari al 100%).
La polimerizzazione dei sigillanti siliconici
bicomponenti Dow Corning® per vetrate isolanti
avviene in genere nell‘arco di 3 o 4 ore, a seconda
della temperatura e del tasso di umidità. Di norma,
Test di CQ: produzione
di sigillante
1
il sigillante raggiunge piena capacità adesiva
(rottura coesiva del 100%) in 1–3 giorni, in base
al tipo di vetro impiegato. Le vetrate isolanti non
devono essere trasportate in cantiere fino a
quando la polimerizzazione del sigillante non risulti
completa e non sia comprovata da test di controllo
della qualità che dimostrino la piena adesione del
prodotto sigillante (rottura coesiva del 100%). La
verifica del grado di polimerizzazione e di adesione
del sigillante viene effettuata mediante l‘impiego di
test di adesione mediante pelatura („Peel test”) e/o
test su campioni ad H. Queste procedure vengono
descritte in dettaglio nella sezione successiva.
Procedure di verifica per il controllo
della qualità
Considerazioni generali
Il controllo della qualità è un elemento importante
per la buona riuscita della realizzazione di
vetrate isolanti. La presente sezione del manuale
dovrebbe essere compresa integralmente e
sottoposta a revisione continua da parte di
coloro che fanno uso di sigillanti. Le procedure
e i consigli di questa sezione costituiscono
la base per un programma di controllo della
qualità completo ed esaustivo. Nella sezione del
presente manuale dedicata alla documentazione,
Dow Corning propone registri per il controllo
della qualità che possono essere utilizzati per lo
sviluppo di un programma completo di controllo
della qualità. Dow Corning è in grado di fornire
assistenza nello sviluppo di un programma
completo di controllo della qualità specifico per
ogni singola organizzazione. Dow Corning può
inoltre procedere al controllo di un determinato
stabilimento di produzione e, qualora fosse
richiesto, proporre suggerimenti e consigli.
Frequenza del test
Dopo ogni avvio
della pompa
Dopo ogni sostituzione
di contenitore
Indagine diagnostica
Test vetro
Obbligatorio1
Obbligatorio1
Obbligatorio
Test farfalla
Obbligatorio1
Obbligatorio1
Obbligatorio
Test tempo di inizio
polimerizzazione
Obbligatorio
Obbligatorio
Obbligatorio
Test rapporto di miscela
Non obbligatorio
Non obbligatorio
Obbligatorio
Effettuare il test del vetro o il test farfalla secondo la frequenza pianificata. Non è obbligatorio effettuare entrambi i test.
28
Manuale Vetrate Isolanti
Controllo della qualità per la produzione di
sigillanti
Nel corso della produzione, è necessario
effettuare periodici controlli della qualità sul
sigillante siliconico Dow Corning sigillanti siliconici
per vetrate isolanti applicato mediante attrezzatura
di dosaggio bicomponente. Queste procedure di
testing consentono di verificare che il sigillante
venga adeguatamente miscelato in base al
rapporto di miscelazione corretto. Questi test e la
frequenza consigliata sono descritti nella sezione
seguente.
Test fra le due lastre del vetro
Miscelazione corretta
Miscelazione
insufficiente
Test del vetro
Il Test fra le due lastre del vetro è una procedura
utilizzata per valutare la qualità di miscelazione
del sigillante Dow Corning 3362 e Dow Corning
3363 per vetrate isolanti. Il test viene effettuato ad
ogni avvio della pompa e dopo ogni sostituzione
del fusto della base o del fustino del catalizzatore.
Lo scopo del test è quello di determinare se
l’ estrusore miscela correttamente la base e il
catalizzatore.
Nel caso del sigillante Dow Corning 3362 e
Dow Corning 3363 per vetrate isolanti, la base
del sigillante è grigia, mentre il catalizzatore
e’ nero. Quando i due elementi sono miscelati
correttamente, il sigillante che ne risulta è di colore
nero uniforme, senza striature bianche o grigie.
Una miscelazione inadeguata può essere il risultato
di una valvola di ritenuta danneggiata, un flessibile
intasato, un miscelatore occluso, e così via. La
regolare manutenzione delle attrezzature consente
di garantire la corretta miscelazione del sigillante.
Per le linee guida relative alla manutenzione,
consultare il produttore delle attrezzature di
dosaggio.
Se si utilizza il sigillante siliconico Dow Corning
3362 e Dow Corning 3363 grigio, bianco o di altri
colori, contattare l‘assistenza tecnica Dow Corning
per consigli e suggerimenti.
Per effettuare il Test fra le due lastre di vetro,
applicare una piccola quantita’ di sigillante su
un campione di vetro pulito e trasparente delle
dimensioni di circa 10 cm x 10 cm. Posizionare
un altro campione di vetro pulito e trasparente
sopra il silicone, facendo aderire i due pezzi di
vetro insieme con una leggera pressione. Fare
riferimento alle figure riportate di seguito. Il
sigillante tra i due pezzi di vetro non deve mostrare
striature bianche o grigie, ma avere un colore nero
uniforme. Se i risultati sono negativi, eseguire
nuovamente il test estrudendo altro materiale dalla
pompa. Se i risultati fossero ancora negativi, può
essere necessario procedere alla manutenzione
dell‘attrezzatura. Per ulteriore assistenza,
contattare l‘assistenza tecnica Dow Corning.
Test a „farfalla”
Il test a „farfalla” è un procedimento analogo al
test fra le due lastre del vetro e viene effettuato
ad ogni avvio della pompa e ogni qualvolta si
rende necessario sostituire il prodotto base o il
catalizzatore. Scopo di tale test è determinare se le
attrezzature di dosaggio miscelano correttamente
il prodotto. Nel caso del sigillante Dow Corning
3362 y Dow Corning 3363 per vetrate isolanti, la
base del sigillante è grigia, mentre il catalizzatore
è nero. Quando i due elementi sono miscelati
correttamente, il sigillante che ne risulta è di colore
nero uniforme, senza striature bianche o grigie.
Una miscelazione inadeguata può essere il risultato
di una valvola di ritenuta danneggiata, un flessibile
intasato, un miscelatore occluso, e così via. La
regolare manutenzione delle attrezzature consente
di garantire la corretta miscelazione del sigillante.
Per le linee guida relative alla manutenzione,
consultare il produttore delle attrezzature di
dosaggio.
Se si utilizza il sigillante siliconico Dow Corning
3362 o Dow Corning 3363 per vetrate isolanti di
colore grigio, bianco o di altro colore, contattare
Manuale Vetrate Isolanti
29
Qualità dei prodotti
Test a „farfalla”
un sigillante monocomponente fino a quando
non si verifica la reazione chimica tra la base e il
catalizzatore. Nel giro di pochi minuti, il sigillante
inizierà a „reticolare”, e ad evidenziare le proprieta’
tipiche degli elastomeri o della gomma.
Di seguito è riportata la procedura per l‘esecuzione
del test del tempo di inizio reticolazione:
Applicare il sigillante in
corrispondenza della
piegatura del foglio di carta
Premere insieme
1. Riempire un piccolo contenitore con il sigillante
Dow Corning 3362 o Dow Corning 3363 per
vetrate isolanti debitamente miscelato.
2. Inserire un bastoncino o una spatola nel
sigillante. Controllare l‘ora.
Miscelazione
insufficiente
Miscelazione
corretta
l‘assistenza tecnica Dow Corning per consigli e
suggerimenti.
Di seguito è riportata la procedura per l‘esecuzione
del test a „farfalla”:
1. Piegare in due un foglio di carta bianco di
formato A4.
2. Applicare una quantita’ minima di sigillante in
corrispondenza della piegatura del foglio.
3. Premere insieme le due parti del foglio,
comprimendo il sigillante in uno strato sottile.
4. Riaprire il foglio e controllare che il sigillante sia
stato miscelato correttamente.
3. A intervalli di qualche minuto, estrarre il
bastoncino dal sigillante. Quest‘ultimo non
deve essere agitato o mescolato. Via via che
la polimerizzazione del sigillante procede,
quest‘ultimo diventerà sempre piu’ viscoso.
Quando il sigillante si strappa e si ritira
dopo averlo tirato si parla di “tempo di inizio
reticolazione”. Annotare il tempo.
Il test del tempo di inizio reticolazione varia in
base alla temperatura e al grado di umidità. Alte
temperature ed elevati tassi di umidità causano
una strappo più veloce del sigillante, mentre
temperature e tassi di umidità più bassi rallentano il
“tempo di inizio reticolazione”. Consultare più avanti
in questa sezione la figura che illustra l‘effetto della
temperatura sul tempo di inizio reticolazione. Tale
tempo varia inoltre in base a chi effettua il test,
a seconda del modo in cui vengono interpretati i
risultati. È possibile che vi siano delle variazioni
Test del tempo di inizio reticolazione
Test del tempo di inizio reticolazione
Una volta verificata la corretta miscelazione del
sigillante mediante il Test fra le due lastre del vetro
e/o del Test a „farfalla”, è necessario effettuare
il test del tempo di inizio reticolazione. Il test
viene effettuato ad ogni avvio della pompa e ogni
qualvolta si rende necessaria la sostituzione del
prodotto base o del catalizzatore.. Il test consente
di determinare se il rapporto di miscelazione è
corretto e se la polimerizzazione del sigillante è
adeguata. Il sigillante miscelato si comporta come
30
Manuale Vetrate Isolanti
snap
Qualità dei prodotti
Rappresentazione del tipico rapporto tra tempo di inizio reticolazione e temperatura
per il sigillante Dow Corning® 3362 per vetrate ad incollaggio strutturale
25
Rapporto 11/1
Rapporto 9/1
Tempo di Inizio Reticolazione (Min)
20
15
10
5
0
10
15
20
25
30
Temperatura (Deg-C)
35
40
45
Rapporto tra tempo di inizio reticolazione e temperatura per il sigillante Dow Corning 3362
per vetrate ad incollaggio strutturale
Rappresentazione del tipico rapporto tra tempo di inizio reticolazione e temperatura
per il sigillante Dow Corning® 3363 per vetrate ad incollaggio strutturale
20
Rapporto 11/1
Tempo di Inizio Reticolazione (Min)
18
Rapporto 9/1
16
14
12
10
8
6
4
2
0
10
15
20
25
30
Temperatura (Deg-C)
35
40
45
Rapporto tra tempo di inizio reticolazione e temperatura per il sigillante Dow Corning 3363
per vetrate ad incollaggio strutturale
Manuale Vetrate Isolanti
31
anche tra i diversi lotti di materiale e tra un sigillante
prodotto recentemente e uno prossimo invece
alla data di scadenza. Valori di tempo di inizio
reticolazione fuori della norma possono indicare un
problema della pompa. L‘elemento più importante
che deve essere determinato è la polimerizzazione
del sigillante. In caso di mancata polimerizzazione,
sarà necessario procedere a controlli accurati.
Test del rapporto di miscelazione
Il Test del rapporto di miscelazione non è un
test che Dow Corning richiede di effettuare
quotidianamente. Si tratta di un metodo utile per
determinare se il sigillante viene miscelato con un
rapporto base/catalizzatore di 10 a 1 in peso. La
maggior parte delle apparecchiature per il dosaggio
di prodotti siliconici bicomponenti è dotata di un
insieme di valvole che consentono di controllare il
rapporto di miscelazione. Di seguito è riportata la
procedura per l‘esecuzione del Test del rapporto di
miscelazione:
1. Porre un bicchiere usa e getta sotto ciascuna
valvola della pompa. Aprire la valvola per 10
secondi o azionare la pompa sia per la base
che per almeno tre mandate della base e del
catalizzatore.
Adesione (Rapporto di miscela 10:1)
Carico di rottura (MPa)
1.0
0.8
0.4
0.2
0
2
4
6
8
Tempo (ore)
Dow Corning ® 3362 Sigillante
Dow Corning ® 3362 HD Sigillante
Dow Corning ® 3363 Sigillante
32
Il Test del rapporto di miscelazione risulta utile se
la miscelazione del sigillante o il tempo di inizio
reticolazione presenta qualche problema. Si tratta
di un valido metodo diagnostico e, insieme al test
fra le due lastre di vetro o al test a „farfalla” e al test
del tempo di inizio reticolazione, può rivelarsi assai
utile nell‘identificazione di eventuali problemi delle
attrezzature. I professionisti dell‘assistenza tecnica
Dow Corning sono in grado di fornire assistenza
in caso di problemi relativi alla miscelazione o alla
polimerizzazione del sigillante Dow Corning 3362 o
Dow Corning 3363 per vetrate isolanti.
Test di controllo della qualità di adesione e
polimerizzazione
I seguenti test di controllo di adesione e
polimerizzazione sono le prove migliori per
garantire la qualita’ del sigillante nel corso della
realizzazione di vetrate isolanti. Ogni test ha un
suo scopo e deve essere considerato parte del
programma di controllo della qualità. Il test di
pelatura “Peel Test” e’ consigliato quotidianamente
per controllare l’adesione del sigillante. Il test sui
campioni ad H è consigliato per verificare che le
proprietà del sigillante una volta polimerizzato
siano corrette. Il test a „farfalla” per l‘adesione è un
test alternativo per testare l‘adesione della vetrata
isolante vera e propria.
Dow Corning richiede che i test di controllo della
qualità relativi a polimerizzazione e adesione
vengano effettuati in base alla frequenza indicata
nella tabella seguente.
0.6
0.0
2. Pesare i due bicchieri, sottraendo il peso del
bicchiere stesso. Il rapporto del peso tra i due
componenti dovrebbe collocarsi tra 9:1 e 11:1.
Manuale Vetrate Isolanti
10
Qualità dei prodotti
Test di controllo della qualità relativo a polimerizzazione e
adesione del sigillante
Frequenza del test
Dopo ogni avvio della
pompa
Dopo ogni cambio del
contenitore
Dopo ogni sostituzione
del substrato
Test di adesione
mediante pelatura
(„Peel test”)
Richiesto
Richiesto
Richiesto
Test su campioni
ad H
In alternativa al test
di adesione mediante
pelatura („Peel test)
In alternativa al test
di adesione mediante
pelatura („Peel test)
In alternativa al test
di adesione mediante
pelatura („Peel test)
Test di adesione a
„farfalla”
In alternativa al test su
campioni ad H
In alternativa al test su
campioni ad H
In alternativa al test su
campioni ad H
Test devetrazione
Generalmente non
obbligatorio*
Generalmente non
obbligatorio*
Generalmente non
obbligatorio*
* Il test di devetrazione è un test valido che deve essere incluso in ogni programma di controllo qualità completo. Il test di devetrazione potrebbe
essere obbligatorio per progetti specifici o in caso di richiesta di garanzie speciali.
Test di adesione mediante pelatura („Peel test”)
Il test di adesione mediante pelatura (o „Peel test”)
è il test più efficace tra quelli che si effettuano
quotidianamente per verificare l‘adesione del
sigillante ad un substrato. È infatti buona norma
che questa semplice verifica diagnostica venga
eseguita tutti i giorni per verificare l‘adesione del
sigillante a un substrato. Il test si esegue su tutti
i substrati sui quali deve aderire il sigillante
come segue:
Dopo ogni avvio della pompa o dopo periodi di
interruzione prolungati
Dopo la sostituzione del catalizzatore o della base
Per ogni nuovo lotto di substrato
Di seguito viene fornita una descrizione del test di
adesione mediante pelatura („Peel test”):
1. Pulire la superfice ed applicare un primer come
consigliato da Dow Corning.
2. Posizionare sulla superficie un pezzo di
polietilene o un nastro adesivo.
3. Applicare un cordolo di sigillante a formare
una striscia lunga circa 20 cm, larga 1,5 cm e
con uno spessore di 6 mm. Applicare almeno
4 cm di sigillante sul pezzo di polietilene o sul
nastro adesivo.
4. Inserire una rete metallica (tipo zanzariera) fra le
due strisce di sigillante. Per risultati ottimali, pulire
la rete con un solvente e applicare un primer
allo scopo di garantire una buona adesione. E’
comunque possibile ottenere buoni risultati anche
senza l’utilizzo di una rete mettalica.
5. Dopo la polimerizzazione del sigillante, sollevare
la linguetta di 4 cm di sigillante che fuoriesce dal
foglio di polietilene, tirandola con un‘angolazione
di 180°. Rimuovere solo 1–2 cm di sigillante,
lasciando il resto iper un‘ulteriore verifica.
6. Se il sigillante si strappa nel mezzo e rimane
completamente incollato al substrato, si ha
la cosidetta “rottura coesiva”. L‘obiettivo è
raggiungere una rottura coesiva del 100%,
poche’ indica che la forza di adesione è
maggiore di quella di coesione.
7. Se invece il sigillante si stacca dal substrato, il
campione indica una rottura adesiva del 100%
(o una rottura coesiva dello 0%). Poiché la forza
adesiva del sigillante aumenta col tempo, è
necessario ripetere la prova dopo altre 24 ore di
polimerizzazione. Proseguire fino a raggiungere
una rottura adesiva del 100%. Se l‘adesione non
Manuale Vetrate Isolanti
33
risulta ottimale come previsto, contattare l‘ufficio
Dow Corning piu’ vicino a Voi.
Di seguito sono riportati alcuni ulteriori suggerimenti
per il test di adesione mediante pelatura („Peel test”):
Le prove di adesione mediante pelatura („Peel
test”) devono essere effettuati sui campioni
di produzione prelevati dallo stesso lotto di
substrato o profilo.
Il substrato deve essere pulito nello stesso
identico modo in cui anche le unità di
produzione vengono pulite.
La polimerizzazione dei campioni sottoposti al
test deve avvenire alla stessa temperatura e con
lo stesso grado di umidità a cui sono conservate
le unità di produzione.
I campioni devono essere testati
periodicamente, ad esempio per il sigillante
Dow Corning 3362 e Dow Corning 3363
Test di adesione mediante pelatura
(„Peel test”)
Sigillante
Substrato
di vetro o
di alluminio
Sigillante
Nastro adesivo
Rottura coesiva
Sigillante
Substrato
di vetro o
di alluminio
Sigillante
Nastro adesivo
Rottura adesiva
34
Manuale Vetrate Isolanti
per vetrate isolanti dopo 1, 2 o 3 giorni di
polimerizzazione. Il test può concludersi quando
si ottiene una completa adesione o una rottura
coesiva del 100%. Per i sigillanti Dow Corning
monocomponenti per vetrate isolanti, il test
di adesione mediante pelatura deve essere
eseguito a intervalli di 7 giorni.
Una volta che i campioni hanno raggiunto la
completa adesione, possono essere immersi
in acqua a per uno-sette giorni a temperatura
ambiente e quindi sottoposti nuovamente alla
prova di pelaggio per valutarne la percentuale di
rottura coesiva. Tale procedura supplementare
può essere espressamente richiesta dalle
autorità locali.
Importante: le vetrate isolanti devono essere
trasportate in cantiere solo dopo aver accertato una
rottura coesiva del 100% mediante test di pelaggio.
Test su campioni ad H
La prova su campioni ad H viene principalmente
impiegata per valutare le proprietà di
polimerizzazione del sigillante e deve essere
effettuata per ogni combinazione di base e di
catalizzatore. Se si sostituisce uno qualsiasi
dei contenitori, è buona norma ricorrere a
questo test per confermare che le proprietà di
polimerizzazione del sigillante siano accettabili.
In alcuni casi, è possibile che Dow Corning non
richieda l‘esecuzione di tale test come parte
del programma di controllo della qualità se altre
procedure di prova vengono eseguite con una
frequenza prestabilita (come ad esempio il test di
adesione mediante pelatura o „Peel test” e il test
di adesione a „farfalla”) e se non espressamente
richiesto dalle normative e dagli standard locali.
Anche il test sui campioni ad H può essere
effettuato quotidianamente per verificare la qualità
adesiva del sigillante, ma poiché il test di adesione
mediante pelatura è più semplice da effettuare, è
preferibile impiegare quest‘ultimo.
Ogni qualvolta che si sostituisce un contenitore,
è necessario produrre almeno due campioni da
sottoporre a verifica. Questi campioni devono
essere prodotti utilizzando gli effettivi substrati
di produzione. I substrati di vetro devono essere
puliti e trattati, se richiesto, con un primer in modo
identico alle unità di produzione. I campioni da
Qualità dei prodotti
testare devono essere conservati alla stessa
temperatura e con lo stesso grado di umidità a cui
sono conservate le unità di produzione.
Il primo campione deve essere testato quando
le unità di produzione sono pronte per essere
spedite in cantiere. La prova sul provino ad H viene
utilizzata per accertare la completa adesione del
sigillante, (rottura coesiva del 100%). L‘adesione
completa si verifica in genere dopo 1–3 giorni di
polimerizzazione per il sigillante Dow Corning 3362
e Dow Corning 3363 per vetrate isolanti e dopo
7–14 giorni per i sigillanti siliconici Dow Corning
monocomponenti per vetrate isolanti, in base allo
spessore del sigillante dei giunti, alla temperatura
e al tasso di umidità. Se la polimerizzazione è
omogenea, il sigillante deve avere una resistenza
minima di 0,70 MPa con rottura coesiva del 100%.
Qualora i risultati non fossero accettabili, procedere
con il test sul secondo campione.
I campioni per il test ad H possono essere
preparati utilizzando un “blocchetto” di legno
intagliato in modo tale da ricavarne una cavità che
verrà riempita con il sigillante nella dimensione
illustrata in figura. Il legno deve essere stato
Test su campioni ad H
12 mm
Vetro
Silicone
Vetro o
metallo
precedentemente trattato con una soluzione a
base di sapone o con cera paraffinica allo scopo
di ottenere una superficie dove il sigillante non
aderira’ una volta reticolato. In alternativa, è
possibile applicare un nastro di polietilene applicato
alle superfici di legno che verranno a contatto
con il sigillante. È inoltre possibile utilizzare una
scanalatura a U in polietilene specificatamente
ideata per questo metodo di prova.
Per ogni combinazione base/catalizzatore, è
necessario realizzare due o piu’ campioni da
sottoporre al test su campioni ad H. I campioni
da testare devono essere conservati alla stessa
temperatura e con lo stesso grado di umidità a
cui sono conservate le unità di produzione vere
e proprie. Il primo campione deve essere testato
quando le unità di produzione sono pronte per
essere spedite in cantiere. Al contempo, per
verificare la completa adesione del sigillante,
occorre condurre in separata sede un test di
adesione mediante pelatura o „Peel test” (rottura
coesiva del 100%).
I campioni possono essere testati con l‘ausilio di un
dinamometro o col metodo della “bilancia romana”.
Con questo ultimo metodo, l’utilizzatore potra’
controllare la reticolazione e l’adesione del silicone
riducendo i costi.
Il peso applicato al giunto del silicone è pari
al peso (W) applicato sul piatto della bilancia
romana moltiplicato per il rapporto b/a. Il campione
deve essere testato fino al punto di rottura. La
resistenza tensile in corrispondenza della rottura
12 mm
Bilancia romana
50 mm
a
b
50 mm
R
R = W*b/a
W
Manuale Vetrate Isolanti
35
deve di almeno 0,70 MPa. Tale valore corrisponde
a una forza di 12 x 50 x 0,7 = 420 N applicata
al campione. Convertendo la misura, si ha un
catico di circa 42 kg. Se la bilancia romana è
stata tarata per avere un rapporto b/a di 10, al
piatto deve essere applicato un peso di 4,2 kg
(W). Il carico deve essere applicato per un minimo
di 10 secondi e senza che il campione mostri
una rottura adesiva o coesiva. Se non si verifica
alcuna rottura, aggiungere progrerssivamente
0,5 kg alla bilancia fino alla rottura del campione.
Annotare il peso in corrispondenza del quale
si verifica la rottura e la percentuale di rottura
coesiva osservata sul campione.
In mancanza di standard locali, il test su campioni
ad H deve essere condotto con una resistenza
minima di 0,70 MPa e una rottura coesiva del 100%.
I risultati di questo test devono essere riportati in un
registro di controllo della qualità. Nella sezione del
presente manuale dedicata alla documentazione è
disponibile un modello di registro.
Test di adesione a „farfalla”
Il test a „farfalla” è un test alternativo per verificare
l‘adesione del sigillante al vetro. Può essere
effettuato in alternativa o in aggiunta al test sul
provino ad H. Il test a fafalla puo’ essere effettuato
su un campione di vetrata isolante o direttamente
sulla vetrata isolante di produzione.
Per l ‚ esecuzione del test, tagliare e rompere
il vetro al centro del pannello. Piegare le due
metà verso l‘esterno con un‘angolazione di 180º.
Controllare l‘adesione della sigillatura secondaria.
Sulle superfici di vetro la rottura adesiva non deve
essere superiore al 5%.
1. Sigillanti siliconici Dow Corning per vetrate isolanti
2. Sistema distanziale
3. Vetro float tagliato e quindi rotto lungo la linea
centrale
Se per il test viene utilizzata un‘unità di produzione,
verificare la qualità dell‘applicazione del sigillante.
In particolare, prestare attenzione al fatto che il
riempimento col sigillante sia omogeneo e non
vi siano spazi vuoti o bolle. Osservare la qualità
e la continuità dell‘applicazione del Butile. Con
36
Manuale Vetrate Isolanti
Test di adesione a „farfalla”
3
B
A
1
2
questa procedura è possibile valutare la qualità
complessiva di applicazione per la produzione di
vetrate isolanti.
Test di devetrazione (solo per garanzia legata alla
qualità)
La devetrazione è un metodo di ispezione di
qualità utilizzato per confermare l’adesione del
sigillante, il riempimento dei giunti e la qualità nelle
unità produttive di vetro isolante. La devetrazione
prevede il completo distacco di entrambi i vetri.
Dopo aver rimosso il vetro, il sigillante siliconico
viene ispezionato per verificare polimerizzazione,
miscela, uniformità del riempimento, mancanza di
bolle o intrappolamento d’aria e per verificare la
fondamentale adesione del sigillante.
La devetrazione è un metodo molto utile
per verificare le prestazioni del personale di
produzione. Il personale di produzione deve essere
presente all’ispezione.
Nella sezione Documentazione del presente
manuale viene allegato un modulo per l’ispezione
della devetrazione. Durante l’ispezione valutare i
seguenti elementi:
• Dimensione rilevata del sigillante siliconico per
giunti isolato. La profondità minima del sigillante
siliconico deve corrispondere a quanto definito
nella revisione del progetto. Un giunto non
riempito sufficientemente potrebbe influenzare
le prestazioni dell’unita di vetro isolante.
• Adesione del sigillante isolato al vetro. Il
sigillante deve raggiungere la completa
adesione (100% di rottura coesiva) in tutti i
substrati.
Qualità dei prodotti
• Uniformità della polimerizzazione del sigillante e
miscela del sigillante.
• Assenza di bolle o di intrappolamento d’aria nel
sigillante.
• Riportare eventuali anomalie osservate nel
Registro del controllo qualità del vetro isolante.
Dow Corning non richiede questo metodo di test
come procedura standard del controllo della qualità,
ad ogni modo si tratta di una buona prassi da
aggiungere a un programma di controllo qualità
completo.
Nel caso di garanzie speciali e alcuni progetti,
Dow Corning potrebbe richiedere che questa
procedura faccia parte del programma di controllo
qualità.
La devetrazione deve essere effettuata come una
procedura di controllo qualità normale durante le
attività di produzione. È possibile effettuare il test in
maniera casuale su un qualsiasi campione produttivo.
Effettuare il test come descritto di seguito:
Preparare un piccolo campione di unità di vetro
isolante +/- 200 mm x 200 mm, spaziatore e butile*
solo su 2 lati.
3
B
1
2
A
4
1. Sigillanti siliconici per vetrate isolanti di
Dow Corning
2. Sistema spaziatore
3. Vetro inciso e rotto nel punto medio
4. PIB
È meglio tagliare il vetro nel punto medio e tirarlo
da A a B.
È possibile effettuare un controllo di tutti i punti
descritti precedentemente nel manuale sul sigillante
e sul butile rimanenti.
Di seguito viene descritta la frequenza consigliata
per il test di devetrazione per un progetto:
1. Prima devetrazione – 1 unità sulle prime
10 prodotte (1/10)
2. Seconda devetrazione – 1 unità sulle seguenti
40 prodotte (2/50)
3. Terza devetrazione – 1 unità sulle seguenti
50 prodotte (3/100)
4. Prosecuzione fino alla fine del progetto, 1 unità
su ogni 100 prodotte
Per ulteriore assistenza, contattare l’assistenza
tecnica di Dow Corning.
Documentazione
Coloro che utilizzano sigillanti siliconici sono
responsabili dello sviluppo di una documentazione
di controllo della qualità dei propri progetti
adeguata. Nelle pagine seguenti Dow Corning
mette a disposizione esempi di registri per il
controllo della qualità che possono essere utilizzati
così come sono oppure utilizzabili per elaborare un
manuale personalizzato.
Un manuale della qualità esauriente nella
produzione di vetrate isolanti ad incollaggio
strutturale dovrebbe includere:
Dettagli sul dimensionamento dei giunti della
vetrata isolante precedentemente esaminati e
approvati da Dow Corning
Lettera di approvazione del dimensionamento
dei giunti di vetrate isolanti rilasciata da
Dow Corning
Descrizioni e specifiche relative ai materiali e ai
substrati impiegati nel progetto
Approvazione di adesione e compatibilità
rilasciata da Dow Corning Registri di controllo
della qualità per
* L’applicazione del butile non è responsabilità di Dow Corning
Manuale Vetrate Isolanti
37
Procedure interne all‘azienda per il controllo
della qualità e per la realizzazione di vetrate
isolanti.
Registri di controllo della qualità regolarmente
compilati con i risultati della prova fra le due
lastre di vetro, prova a „farfalla”, test di inizio
reticolazione (snap time) e della miscelazione
del sigillante.
l‘adesione e la polimerizzazione del sigillante
regolarmente compilati con i risultati del test di
adesione mediante pelatura („Peel test”), test su
campioni ad H e test di adesione a „farfalla”.
Documenti di tracciabilità, in modo che ogni
unita’ di produzione possa riportare la data, ora
e luogo di produzione. Tutte le unità prodotte
devono essere numerate per poter essere
singolarmente identificate e fatte risalire ai
registri di controllo della qualità. La posizione
di ogni vetrata isolante dovrebbe essere
identificata sul disegno dell‘edificio in modo da
poterla identificare facilmente se necessario. La
documentazione e tracciabilità è fondamentale
nel caso in cui sia necessario valutare un
determinato problema nell‘ambito di un progetto.
Dow Corning è disponibile a fornire assistenza nello
sviluppo di un esaustivo programma di controllo
della qualità. Il programma di controllo della qualità
implementato verrà valutato nel corso di visite
ispettive da parte del personale Dow Corning.
Visita ispettiva di produzione e controllo
della qualità
Dow Corning procederà alla verifica delle
operazioni di controllo della qualità e della
produzione di vetrate isolanti presso tutti gli
utilizzatori dei sigillanti siliconici Dow Corning.
Durante la visita ispettiva verranno valutate tutte le
fasi di produzione, le procedure di controllo della
qualita’ e la documentazione dell’utente. Di seguito
sono riportati alcuni degli elementi più importanti
che Dow Corning valuta durante l’audit:
Sicurezza e procedure nello stabilimento
di produzione
Sicurezza e procedure nello stabilimento
di produzione
38
Manuale Vetrate Isolanti
Pulizia della sede di produzione
Temperatura e umidità dello stabilimento di
produzione
Stoccaggio del materiale e manipolazione del
sigillante
Corretto funzionamento e adeguata
manutenzione delle attrezzature di dosaggio del
sigillante
Corretta cura delle superfici di incollaggio
Conformità alle procedure di applicazione
consigliate da Dow Corning: metodo di pulizia
a doppio panno, applicazione del primer,
applicazione del sigillante, spatolatura, ecc.
Conservazione e manipolazione delle unità di
produzione
Conformità alle procedure di sicurezza, tra
cui manipolazione dei materiali infiammabili e
utilizzo di attrezzature antinfortunistiche per il
personale
Controllo della qualità
Conformità alle procedure di controllo della
qualita’ della produzione consigliate da
Dow Corning: test fra le due lastre di vetro o test
a „farfalla”, test del tempo di inizio reticolazione
e test del rapporto di miscelazione
Registro di controllo della qualità del sigillante
debitamente compilato
Conformità alle procedure di controllo della
qualita’ di adesione e polimerizzazione del
sigillante consigliate da Dow Corning: test di
adesione mediante pelatura („Peel test”), test su
campioni ad H e test di adesione a „farfalla”
Registro di controllo della qualità di adesione e
polimerizzazione debitamente compilato
Documentazione di tracciabilità secondo le
direttive fornite da Dow Corning
Impegno da parte del management ad
organizzare corsi di formazione per il personale
e ad adottare un programma di controllo della
qualita’ esauriente.
Registro di controllo della qualità per la produzione di sigillanti
Nome e ubicazione dell‘azienda:
Nome e ubicazione del progetto:
Tipo e marca dell estrusore utilizzato:
Data
Ora
Temperatura
e umidità
Num.
di lotto
catalizzatore
Num. di
lotto
base
Test fra
le due
lastre del
vetro
Test del
tempo di
inizio
Test del
rapporto
di
Autore
del testr
Manuale Vetrate Isolanti
39
Registro di controllo della qualità per l‘adesione del sigillante
(Test di adesione mediante pelatura “Peel Test”)
Nome e ubicazione dell‘azienda:
Nome e ubicazione del progetto:
Tipo e marca dell’estrusore utilizzato:
Solvente per la pulizia:
Primer
Substrati:
Numero lotto primer:
Data
40
Ora
Temp. e
umidità
Manuale Vetrate Isolanti
Num. di
lotto
catalizzatore
Num. di
lotto
base
Test di adesione mediante
pelatura („Peel test”)
(% di frattura adesiva)
Giorno 1
Giorno 2
Giorno 3
Autore
del test
Sealant Cure Quality Control Log
(H-Piece Test, Butterfly Adhesion Test and Elastomeric Test)
Nome e ubizazione dell‘azienda:
Nome e ubicazione del progetto:
Tipo e marca dell’estrisore utilizzato:
Solvente per la pulizia:
Primer
Substrati:
Numero lotto primer:
Data
Ora
Temp. e
umidità
Num.
di lotto Num. lotto
catalizbase
zatore
Test su campioni
ad H
MPa
%CF
Test di
adesione
a
„farfalla”
Test
elastomerico
Autore
le test
Manuale Vetrate Isolanti
41
Registro del controllo qualità della polimerizzazione del sigillante
(test di devetrificazione)
Nome e indirizzo
della società:
Nome e luogo
del progetto:
Tipo e luogo della
pompa di distribuzione:
Descrizione del telaio:
Solvente per
la pulizia:
Descrizione vetro:
42
Numero lotto primer:
Primer:
Data applicazione sigillante:
Data
Hora
Temp. e
umidità
Riempimento
giunto
Miscela
sigillante
Bolle o intrappolamento
d’aria
Manuale Vetrate Isolanti
Numero lotto
C/A
Numero
lotto base
Profondità
vetro isolante
rilevata
Adesione del
sigillante al
vetro
Uniformità
polimerizzazione
del sigillante
Altre
osservazioni
Contattateci
Dow Corning ha uffici, siti produttivi e laboratori
scientifici e tecnologici in tutto il mondo. Trova
le informazioni sul contatto locale su
dowcorning.com/ContactUs
Visitateci sul sito dowcorning.com/construction
I vostri contatti Dow Corning (email):
Richieste tecniche:
[email protected]
Marketing:
[email protected]
Quality Bond™:
[email protected]
Richieste EHS:
[email protected]
Richieste Reach:
[email protected]
Immagini: Copertina: Sinistra - AV19261 (Concessione di Jan Novak/123rf.com), Centro - AV20756
(Concessione di English Cities Fund), Destra - AV20761 (Concessione di NOMA)
GARANZIA LIMITATA – SI PREGA DI LEGGERE CON ATTENZIONE
Le informazioni riportate nel presente documento vengono fornite in buona fede e sono ritenute accurate
da Dow Corning. Tuttavia, poiché le condizioni e i metodi di impiego esulano dal controllo della società,
queste informazioni non sostituiscono i test preliminari fatti dai nostri clienti, indispensabili per garantire
la piena idoneità e sicurezza dei nostri prodotti per l‘applicazione specifica. I suggerimenti per l‘uso non
devono essere interpretati come stimolo alla violazione di eventuali diritti coperti da brevetto.
Dow Corning garantisce solo la conformità del suo prodotto alle specifiche di vendita vigenti al momento
della spedizione.
L‘eventuale risarcimento dell‘utente e la responsabilità di Dow Corning si limitano esclusivamente al
rimborso del prezzo di acquisto o alla sostituzione del prodotto e a nulla al di fuori di quanto espressamente
garantito.
NEI TERMINI MASSIMI CONSENTITI DALLA LEGGE IN VIGORE, DOW CORNING NON
OFFRE ALCUNA GARANZIA ESPLICITA O IMPLICITA RELATIVA ALL’IDONEITÀ DEL
PRODOTTO AD UN USO SPECIFICO O ALLA SUA COMMERCIABILITÀ.
DOW CORNING NON RISPONDE DI EVENTUALI DANNI ACCIDENTALI O INDIRETTI DI
QUALSIVOGLIA NATURA.
Dow Corning è un marchio registrato di Dow Corning Corporation. La porzione Corning del marchio
Dow Corning è un marchio di Corning Incorporated, utilizzato su licenza.
©2008, 2010, 2011, 2016 Dow Corning Corporation, una società interamente controllata da
Dow Chemical Company. Tutti i diritti riservati.
SAC6223
N. documento: 62-1374F-04

Similar documents