depliant turistico / tourism flyer

Comments

Transcription

depliant turistico / tourism flyer
QUI SI È FATTA LA STORIA DELLA MODA Tolmezzo, nel
Settecento, aveva l’industria manifatturiera tessile più grande a
livello europeo, dunque mondiale, del tempo e questa è solo
una delle stupefacenti scoperte che vi offrono Tolmezzo e la
Conca tolmezzina. Da non perdere.
dalla tradizione, alla natura,
all’arte contemporanea,
alla gastronomia, allo sport...
TROVERETE UNA CARNIA
CHE VI SORPRENDERA’!
Fatevi sorprendere dall’inatteso, visitate Tolmezzo e la Conca
tolmezzina: basterà poco per innamorarvene e ritonarvi perché
qui trovate la Carnia e la montagna più intriganti e stupefacenti: un museo di arte popolare tra i più grandi conosciuti; un
museo all’aria aperta con i maggiori artisti internazionali contemporanei (Bruce Nauman, Robert Barry, Sol Lewitt, Lawrence
Weiner, Bernd Lohaus...) e un minuscolo paese che, d’estate,
diviene centro espositivo a livello internazionale capace di raccogliere decine di migliaia di visitatori...
Per non parlare della cucina, dei tanti ed eleganti edifici storici,
dei premi automobilistici, della dolcezza di laghi incastonati
nelle pendici dei monti...
VISITATE LA
CONCA TOLMEZZINA
ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE
CONCA TOLMEZZINA
AUSTRIA
CARNIA
Opera realizzata con contributi statali e regionali ex L. 266/97
SLOVENIA
Imponzo
UDINE
PORDENONE
GORIZIA
Terzo
Lorenzaso
VENETO
TRIESTE
Cazzaso
Illegio
Fusea
Casanova
Caneva
di Tolmezzo
Cose essenziali da vedere:
Duomo
Chiesa di Santa Caterina
Palazzo Frisacco
Museo Carnico delle Arti Popolari
Torre Picotta
Mostre a tema religioso a Illegio
TOLMEZZO/TUMIEÇ
Villa
Chialcis
Marzovallis
Intissans
Pozzis
Cose essenziali da vedere:
Pieve di San Martino a Villa
Art Park
Strada Storica del marmo
Aga dal paradîs
Lago di Verzegnis
VERZEGNIS
Eventi:
Sagre paesane: Imponzo, Fusea,
Caneva, Cadunea, Casanova,
Betania, Tolmezzo, Terzo.
Festa della mela
Natale a Tolmezzo
Mostre espositive
Festa del borgat
Carnevale
Manifestazioni e gare sportive
Cose essenziali da vedere:
Cascata del torrente Favarinis
Laghetto di Cison
Cima dell’Amariana
Percorsi naturalistici
AMARO/DAMÂR
Eventi:
Festa del Gambero (luglio)
Festa di San Nicolò
Natale ad Amaro
Mostre e convegni
CAVAZZO CARNICO
CJAVAÇ
Cesclans
Eventi:
Festa S. Antonio Abate (gennaio)
Premio Giso Fior (maggio)
Cronoscalata Verzegnis-Sella Chianzutan (giugno)
La scultura in rosso, (agosto)
Scarponata a Lavoreit Ros (agosto)
Sagra paesana a Chiacis (agosto)
Mena
Somplago
DA
TRA
OS
AUT
A23
Cose essenziali da vedere:
Chiese di San Daniele e San Rocco
Casa Siro Angeli
Pieve di Santo Stefano
e Antiquarium a Cesclans
Fortezza del Monte Festa
Lago di Cavazzo
Eventi:
Festa del pesce (luglio)
Sagra del panzerotto (agosto)
Sagra di S. Rocco (agosto)
Comune di Cavazzo Carnico
Città di Tolmezzo
Piazza XX Settembre, 1
33028, Tolmezzo (UD)
tel. 0433 487911
fax 0433 40466
posta elettronica certificata:
[email protected]
posta elettronica:
[email protected]
Comune di Amaro
Via Roma, 33
33020, Amaro (UD)
tel. 0433 94056 fax 0433 94345
posta elettronica certificata:
[email protected]
posta elettronica:
[email protected]
Piazzale dei Caduti, 5
33020, Cavazzo Carnico (UD)
tel. 0433 93003 fax 0433 93417
posta elettronica certificata:
[email protected]
posta elettronica:
[email protected]
www.comune.tolmezzo.ud.it
www.concatolmezzina.it
www.comune.amaro.ud.it
www.concatolmezzina.it
www.comune.cavazzocarnico.ud.it
www.concatolmezzina.it
Comune di Verzegnis
Via Udine, 2
33020, Verzegnis (UD)
tel. 0433 2713 fax 0433 44545
posta elettronica certificata:
[email protected]
posta elettronica:
[email protected]
www.comune.verzegnis.ud.it
www.concatolmezzina.it
Le foto della cronoscalata “Verzegnis-Sella Chianzutan” sono di © Matteo Favi
TOLMEZZO
AMARO
CAVAZZO CARNICO
VERZEGNIS
in Carnia
più di un’emozione
ABBIAMO MOLTO DA OFFRIRVI E VE LO DIAMO CON IL CUORE
Quando attraversate la Carnia fermatevi a
visitare la conca tolmezzina: qui troverete
delle realtà interessantissime e spesso
importanti, assai diverse tra loro.
Il tutto in una cornice d’accoglienza fatta
di tradizione, storia, modernità e che conserva un patrimonio artistico, architettonico
e culinario veramente unici. Lasciate la solita strada e concedetevi a nuove, entusiasmanti scoperte: non rimarrete delusi!
TOLMEZZO DIVERTITEVI TRA CULTURA SHOPPING
ILLEGIO UN MIRACOLO D’ARTE
In questa minuscola e
incantevole frazione di
Tolmezzo, oltre ai
restaurati e deliziosi
mulini seicenteschi
come quello dal Ross e
del Flec, non perdetevi
le mostre a tema religioso che propongono
annualmente capolavori
dell’arte internazionale.
Tolmezzo, capitale della Carnia, ha una storia assai complessa che si riflette nell’eleganza dei suoi edifici di tipologia unica, gran parte dei quali conseguenti all’improvviso benessere acquisito grazie al genio imprenditoriale di Jacopo Linussio.
DA VEDERE Il Duomo (1750), progetto di Domenico Schiavi, con importanti dipinti
di Nicola Grassi (voluti dal Linussio), Fontebasso, Novelli, Gaspare Diziani... e affreschi di Antonio Schiavi oltre a una seicentesca pala del Bassano e l'acquasantiera
cinquecentesca attribuita a Bernardino da Bissone. La Chiesetta di S. Caterina che
racchiude una bella pala d’altare attribuita a Pomponio Amalteo. Palazzo Frisacco
sede di interessanti mostre d’arte, di moda, di fotografia..., Palazzo Campeis sede
del Museo Carnico delle Arti Popolari. Gli imponenti resti della Fabrica di Linussio
mentre di Palazzo Linussio, dallo strepitoso salone centrale e proprietà militare, è
possibile ammirare solo dall’esterno. Affiancata vi trovate la deliziosa Cappella
dell’Annunziata opera anch’essa dello Schiavi. Con una breve camminata si raggiunge Torre Picotta, recentemente restaurata, dalla quale ammirare uno splendido
paesaggio sulla Valle del Bût. Deliziose anche le passeggiate sotto i portici dove troverete negozi che vendono i ricercatissimi prodotti locali.
DA GUSTARE Molte sono le specialità, tutte naturali: dai cjarsons piatto tipico
della Carnia come il toç in braide, il frico, i blecs... Non scordatevi di provare
la grande varietà di frutta, latticini e di salumi prodotti localmente, né di percorrere Tolmezzo alla ricerca dei locali tipici che sanno abbinare la cucina locale
agli ottimi vini friulani.
MUSEO CARNICO DELLE
ARTI POPOLARI DI TOLMEZZO
UNA DELLE MAGGIORI
COLLEZIONI ETNOGRAFICHE
Il Museo Carnico delle Arti Popolari “Michele Gortani”,
isituitio a Tolmezzo nel 1921, illustra la vita, l’agricoltura, le usanze e l’industria della Carnia attraverso i tempi.
Conserva una delle maggiori collezioni di arte popolare
esistenti con ricostruzioni di ambienti tipici.
È un vero e proprio tuffo nel passato che evidenzia la ricchezza popolare e artistica dei questa terra. Notevoli al
suo interno anche le opere pittoriche quali i ritratti, le tele
del Grassi e gli affreschi del Chiarottini.
Materiali tecnologici commentano egregiamente il percosrso della visita. Molte le mostre specifiche che vi si
svolgono annualmente. Da non perdere.
Orario: 9.00-13.00/15.00-18.00
chiuso il lunedì (agosto sempre aperto)
tel. 0433 43233, www.museocarnico.it, [email protected]
CAVAZZO CARNICO TANTO VERDE TRA ACQUA E CIELO
Il territorio comprende il lago naturale più grande del Friuli diventato meta estiva di bagnanti e dove è
possibile praticare la pesca sportiva: il lago di Cavazzo. Qui è stato attrezzato un percorso naturalistico che si dipana tra acqua e cielo. Ma tutto il comune presenta bellezze naturalistiche da percorre a
piedi lungo sentieri attrezzati facilmente percorribili.
Una visita particolare meritano, inoltre, la fortezza del Monte Festa che domina la valle e offre un panorama ineguagliabile; la restaurata Pieve di Santo Stefano di Cesclans del 1777 (ma presente già nel
VII secolo) dalla torre campanaria databile intorno all’VIII-IX secolo e che conserva interessanti reperti artistici conservabili e visitabili nel sito archeologico sottostante, l’Antiquarium, inserito all’interno
del “Cammino delle Pievi”. La chiesa di San Daniele ha al suo interno una pregevole pala del
Tintoretto e una tela del Bassano.
Nelle vicinanze trovate anche la Buse dai Pagans, dove si diceva abitassero gli ultimi pagani.
VERZEGNIS TRADIZIONE,SPORT,
ARTE CONTEMPORANEA E MIRACOLI
Verzegnis è famoso per il particolare marmo rosso che si estrae ancora oggi dalla
cava di “Lavoreit Ros” e che è diventato sia il motivo di un affascinate e attrezzato
percorso in quota, la Via Storica del Marmo, che da Sella Chianzutan conduce alla
scoperta di splendidi paesaggi e di uno dei pochi esempi di archeologia industriale in Carnia; sia l’occasione di un incontro internazionale di scultura denominato
“La scultura in rosso” con l’esibizione di scultori provenienti da tutto il mondo.
Qui, inoltre e per gli amanti dei motori, si corre il trofeo automobilistico VerzegnisSella Chianzutan, gara automobilistica internazionale di velocità in salita.
Verzegnis è importante anche per l’Art Park della Collezione Marzona a Villa, museo
all’aperto di arte contemporanea che espone opere di Bruce Nauman, Richard
Nonas, Dan Graham, Richard Long... e per la presenza, in tutto il territorio, di preziosi e ben conservati edifici storici. Un’altra tappa culturale consigliata è il Parco
Archeologico di Colle Mazeit ancora sede di scavi e importanti ritrovamenti.
Nella Seconda Guerra Mondiale, Villa di Verzegnis divenne per un breve periodo il
“capologuogo della Carnia “ perché sede del comando cosacco al quale i nazisti
avevano concesso queste terre.
Non dimenticate le acque: da quelle del lago di Verzegnis, interessante e
panormica meta naturalistica, a quella di una fonte “miracolosa” dove
si può bere addirittura La âga dal paradîs/L'acqua del paradiso,
agli incredibili scenari delle cascate del Torrente Arzino.
Non dimenticate di
visitare, sul Monte
Festa in comune di
Cavazzo Carnico, la
fortezza della Prima
Guerra Mondiale e il
suggestivo paesaggio:
da lassù godrete un
impareggiabile
spettacolo
sulla conca!
AMARO A GREENSTYLE OF LIFE
Amaro è così naturale che anche i suoi gamberi sono
unici e, ogni anno, si tiene una festa in onore de “le
rude bestie” come si dice in lingua friulana.
Un’altra particolarità di Amaro è la presenza di un
importante polo industriale ad altissima tecnologia
che commercia ed è noto a livello internazionale.
Scherzando, si dice che la Carnia
potrebbe essere il luogo più dolce
della terra se non cominciasse da
Amaro, il primo comune che si
incontra entrando.
Questo comune, in gran parte riscostruito secondo stilemi carnici dopo
il disastroso terremoto del 1976, è
diventato un importante centro
industriale e partenza per imperdibili e bellissime escursioni, prima
tra tutte quella sul monte Amariana
che domina Tolmezzo.
La bellezza naturalistica è data
anche da biotopi assolutamente
unici e ben conservati. Da scoprire.
Si dice che sia nato qui
il tessuto jeans moderno
UN SETTECENTO
DI FASHION
ANCORA PIENO
DI FASCINO
La ricchezza cultura della Carnia si sviluppò anche grazie alle intuizioni (in parte ancora moderne) di un
imprenditore, Jacopo Linussio (1691-1747), che realizzò la più grande manifattura tessile del tempo con oltre
30.000 addetti. Oltre a rivoluzionare la moda del tempo,
la sua attività portò alla Carnia un benessere tale che si
riflette ancora oggi sull’architettura e sul paesaggio carnico tanto da renderlo unico nello scenario alpino.
Segnali caratterizzati dall’asterisco a fianco,
vi aiuteranno a scoprire questo periodo.