Ci facciamo sempre riconoscere

Comments

Transcription

Ci facciamo sempre riconoscere
“I miei film migliori hanno sempre funzionato su
due livelli, come divertenti film dell’orrore
e come commento sui problemi più importanti,
la famiglia, la società”.
WES CRAVEN
VOCE S.A.S.
Diocesi di Brescia
Febbraio 2009
Sala della Comunità
Il Cinema Teatro Pax
di Provaglio d'Iseo
Italians
Ci facciamo sempre riconoscere...
CINEFORUM
I film d’essai a San
Giovanni, al Vill.
Sereno, Collebeato,
Desenzano,
Lumezzane,
Marone, Nave,
Pavone Mella
SIPARIO
La compagnia
teatrale dialettale
“Amici del cör” del
Villaggio Violino
02
Patrocinio del
Comune di Brescia
Si accende
la passione
per il teatro
A2A con i
principali
teatri di
Brescia,
Bergamo e
Milano
STAGIONE SPETTACOLARE 2008-2009
Mercoledì 4
Febbraio 2009
ore 21.00
Giovedì 19
Febbraio 2009
ore 21.00
ANTONIO
CORNACCHIONE
LUCA e PAOLO
in «SATIRE LIRICHE»
con la partecipazione di Carlo Fava
Domenica 22
Febbraio 2009
ore 17.00
in «LA PASSIONE SECONDO LUCA & PAOLO»
Mercoledì 25
Febbraio 2009
ore 21.00
Assessorato
al Lavoro
CIN
CI LÀ
con Elena D’Angelo, Umberto Scida, Armando Carini
Musica Virgilio Ranzato, Carlo Lombardo
ALTRI APPUNTAMENTI
AideatoCHORUS
LINE
e originariamente diretto
e coreografato da Micheal Bennett
26 marzo 2009
GALÀ INTERNAZIONALE
DI DANZA “GRAZIE RUDY”
«OMAGGIO A RUDOLF NUREYEV»
28 marzo 2009 EXTRA STAGIONE
6 febbraio 2009 EXTRA STAGIONE
21 febbraio 2009 EXTRA STAGIONE
in CONCERTO
in CONCERTO
7 febbraio 2009 EXTRA STAGIONE
3 marzo 2009 EXTRA STAGIONE
in «THE AUSTRALIAN PINK FLOYD SHOW»
in «CANTO PERCHÉ NON SO NUOTARE... da 40 anni»
10 febbraio 2009 EXTRA STAGIONE
6 marzo 2009
con «MANUEL FRATTINI»
23 aprile 2009 EXTRA STAGIONE
in CONCERTO
in «SEMIANYKI - LA FAMIGLIA»
12 febbraio 2009 EXTRA STAGIONE
13/14 marzo 2009
15 maggio 2009
in CONCERTO
in «60 ANNI... IN UNA GRANDE RIVISTA»
FRANCO BATTIATO
RITCHIE BLACKMORE
AUSTRALIAN PINK FLOYD
BIAGIO ANTONACCI
DAVIDE VAN DE SFROOS
- BCC Agrobresciano
- BCC Camuna
- BCC del Basso Sebino
- BCC del Garda
- BCC della Valtrompia
- BCC di Verolavecchia
MASSIMO RANIERI
IL CIRCO COMICO I LICEDEI
I LEGNANESI
FIORELLA MANNOIA
in CONCERTO
15/16 aprile 2009
ROBIN HOOD
CORRADO GUZZANTI
MARCO TRAVAGLIO
in «PROMEMORIA» “Quindici anni
di storia d’Italia ai confini della realtà”
- Banca di Bedizzole
Turano Valvestino
- BCC Pompiano e Franciacorta
- Cassa Padana
- Cra di Borgo San Giacomo
- Credito Cooperativo di Brescia
PALABRESCIA • via San Zeno 168 • Brescia • Tel. 030.34.88.88
www.palabrescia.it • [email protected]
Prevendite online: www.greenticket.it
ALTRE PREVENDITE: Libreria Tarantola in Corso Zanardelli a Brescia • Pinto Dischi in Via
Cremona e Via Montello a Brescia • Echos Disco Movie a Montichiari e a Desenzano • Magic
Disco a Rezzato • Nicolini Viaggi a Gavardo e a Salò • Submarine Viaggi a Pontoglio
Prima Fila
di Adriano Bianchi
Viva il teatro!
“Il teatro non è archeologia. Il non rimettere le mani sulle opere antiche, per aggiornarle e renderle adatte ad un nuovo spettacolo, significa incuria, non già scrupolo
degno di rispetto. Il teatro vuole questi
rimaneggiamenti, e se ne è giovato incessantemente, in tutte le epoche che era
più vivo. Il testo resta integro per chi se lo
vorrà leggere a casa, per sua cultura: chi
vorrà divertircisi, andrà a teatro, dove gli
sarà ripresentato mondo di tutte le parti
vizze, rinnovato nelle espressioni non più
correnti, riadattato ai gusti dell’oggi. E
perché questo è legittimo? Perché l’opera
d’arte, in teatro, non è più il lavoro di uno
scrittore, che si può sempre del resto in
altro modo salvaguardare, ma un atto di
vita da creare, momento per momento,
sulla scena, col concorso del pubblico, che
deve bearsene.” (L. Pirandello, "Introduzione al teatro Italiano").
Parole autorevoli quelle di Pirandello su
un’arte vitale e creativa che trova anche
nelle nostre Sale della Comunità un luogo
di proposta e la capacità di coinvolgimento di tante persone, attori e volontari, attratti dal fascino del palcoscenico. Il teatro
La Location • 5
CINEMA
S
o
nella comunità assume forme diverse: da
quello amatoriale, a quello dialettale, al musical, alla commedia, da quello tipicamente
giovanile, a quello che mette insieme le
diverse generazioni. Un teatro che negli
ultimi anni ha saputo superare i confini
della Sala per invadere le piazze, le strade,
le chiese. È teatro, la sacra rappresentazione della Natività e della Passione del
Signore dove i personaggi evangelici prendono vita e diventano spesso interpreti
dei più profondi sentimenti umani. Nella
nostra provincia esempi eccelsi come Crucifixus ci danno la misura di questo valore
nel vissuto della comunità, come rilevante
resta l’esperienza di Punto.art che raccoglie la vivacità di un mondo oratoriano che
non ha mai smesso di credere al teatro
come esperienza educativa. Il teatro,
quindi, è vivo, ed è per rilanciarne l’esperienza che abbiamo pensato di riunire tutti
coloro che se ne occupano nelle nostre
parrocchie nel 6° Forum degli animatori
della comunicazione e della cultura sul
“Teatro di Comunità”, il prossimo 7 marzo
al Centro Paolo VI. Un’occasione che speriamo gradita perché il teatro viva!
mmari
Trailer • 9
Il film del mese
Panoramica • 13
Sinossi dei film nelle
Sale della Comunità
In sala • 17
Programmazione
Sale della Comunità
Cinema teatro
“Pax” di Provaglio
d'Iseo
T E AT R O
Sipario
• 29
La compagnia teatrale dialettale "Amici del Cör"
del Vill. Violino
Gli spettacoli del mese • 32
Panoramica
cineforum • 23
Cineforum • 25
Le ultime proposte
della stagione: Brescia
(San Giovanni) Brescia
(Villaggio Sereno),
Collebeato Desenzano,
Marone, Nave, Pavone
Mella. Lumezzane:
S. Sebastiano, S.
Apollonio, Pieve
Fotogrammi • 28
Diocesi di Brescia
•3•
o
Kolossal
LUCERE FILM s.r.l.
Produzioni cinematografiche e video
Lucere film è una casa di produzione cinematografica e video tra colli e
vigneti della Franciacorta e si pone come realtà specializzata nella
realizzazione di fiction, documentari, produzioni istituzionali e
spot pubblicitari, per enti, società ed istituzioni.
Documentari
Avvalendosi delle migliori tecnologie di ripresa
Fiction
e vantando un team di professionisti è in
grado di far fronte ad ogni esigenza in
Videoclip
modo da proporre un prodotto
Video arte
sempre all’altezza delle
aspettative.
Istituzionali e
Spot industriali
Spot Pubblicitari
Ricostruzioni
Storiche
m
.co
lm
refi
uce
.l
ww
w
LUCERE FILM s.r.l. piazza G. Garibaldi, 26
25033 Cologne (BS) tel/fax 030 7050936
La Sala della Comunità
Direttore Responsabile:
Adriano Bianchi
Stampa:
fda Eurostampa s.r.l.
Via Molino Vecchio 185 – Borgosatollo (BS)
Tel. 0302701606 – Fax 0302702759
Direzione – Redazione – Amministrazione:
Via Callegari, 6 – 25121 – Brescia – Tel. 030 44250
Fax 030 2809371 – E-mail: [email protected]
Progetto grafico:
Alessandro Gritta – www.nadir.com
Pubblicità:
Fondazione Opera Diocesana S. Francesco di Sales:
Via Callegari, 6 -25121- Brescia – Tel. 030 44250
Fax 030 2809371 – E-mail: [email protected]
Autorizzazione del Tribunale di Brescia
n. 30/2007 – 21/08/2007
Impaginazione e grafica:
Ernesto Olivetti - Piero Lò - Paolo Pedraccini
Centro diocesano
per le comunicazioni
sociali
•4•
La Location
Cinema teatro "Pax"
di Provaglio d'Iseo
S
u quel ramo del lago d’Iseo,
che volge a meridione, tra le
colline della sinuosa Franciacorta,
sorge l’abitato di Provaglio. Senza
scomodare precedenti illustri,
continua il racconto delle Sale della
Comunità della diocesi di Brescia.
Una sorpresa quella del Cinema
teatro Pax.
Provaglio d’Iseo è un paese che
si trova in una situazione logistica
particolare. È lo stesso parroco
don Gino Bracchi a sottolinearne
l’importanza: “Non ci sono Sale
della Comunità da Rovato fino a
Sale Marasino, che ne ha una. Le
nostre proposte e le nostre iniziative
rispondono ad un bisogno culturale
di una intera zona, a cavallo tra
la Franciacorta e il Sebino”. Lo
svolgimento di un ruolo significativo
nella proposta culturale dell’intera
zona è l’attenzione verso cui si
muovono le diverse proposte che
nell’arco dell’anno vengono svolte
negli ambiti della Sala.
La predilezione della
programmazione cinematografica
è quella famigliare che raccoglie un
interesse alterno in base alle pellicole
proposte. Non sono rare le persone
che da fuori parrocchia vengono
nella Sala della Comunità Pax. “Il
grosso dell’interesse – raccontano
alcuni dei volontari – è raccolto dalle
proposte delle multisale nella zona.
Abbiamo proprio visto la differenza
da prima a dopo la nascita di questi
centri multischermi”.
La Sala della Comunità di Provaglio
•5•
La Sala della Comunità di Provaglio d'Iseo
d’Iseo non passa inosservata e
chi, per recarsi ai campi sportivi o
all’oratorio, imbocca il viale di accesso,
si trova di fronte la porta d’ingresso e
l’insegna colorata del cinema.
Il fatto che il viale d’accesso a
tutte le strutture sia unico, non è
un particolare di poco conto ma
rispecchia in concreto un altro
punto importante della pastorale
di Provaglio. Il parroco don Gianni
Bracchi, il curato don Giuliano
Massardi e l’intera comunità hanno
le idee chiare: “Il cinema non funziona
da solo. Non può funzionare da
solo! Abbiamo costruito un centro
salesiano, mi si passi il termine. Bar,
aule di catechismo, campi sportivi,
cinema e teatro, cortile. Ci manca
solo la palestra, di cui abbiamo già
fatto domanda. In un contesto plurale
di centro sociale il cinema assolve
Cenni storici
Dall'inizio del XX secolo ci sono rappresentazioni teatrali nel Salone Silvio Pellico. Per il cinema
la licenza fu concessa nel 1932. Nella primavera
del 1945 viene comprata una nuova macchina
per le proiezioni. Nei primi mesi del 1955 viene
sospesa l’agibilità per mancanza di requisiti di
sicurezza. Nel 1965/67 viene costruita la nuova
sala del cinema – teatro “Cinema Pax” con l’ade-
•6•
completamente alla sua funzione. I
giovani, le famiglie, chiunque venga
può vedere cosa il centro sociale
offre, dal cinema, al campo sportivo al
bar….” racconta ancora il Parroco.
La Sala della Comunità Pax è a forma
circolare, o meglio se guardata sulla
pianta appesa all’interno dell’atrio,
sembra quasi una goccia. Sensazione
che si percepisce interamente
all’interno, dove dal palcoscenico le
pareti si allargano, stringendosi in
maniera curvilinea verso la parete
d’ingresso. Una goccia di cultura per
chi la sa cogliere o, scomodando un
altro paragone illustre, una goccia
dopo l’altra per formare una pioggia di
cultura per chi ne coglie l'importanza
giocando e singing in the rain. Il colore
dominante è il rosso delle tende e
delle poltrone che in platea sono
disposte in armonia con la forma della
guamento dello stabile alle normative vigenti. La
proiezione cinematografica è sospesa nel 1974.
A cavallo del 2000 la sala viene chiusa e ristrutturata. Segue una testimonianza dei primi anni
di attività.
Quando ho acquisito l’uso della ragione (si fa per
dire), il panorama che i miei occhi vedevano faticava ad andare oltre i confini del Paese in cui
sono nato e cresciuto, Provaglio d’Iseo. Poi è arrivato il cinema e l’orizzonte ha assunto le dimensioni di un mondo nuovo e tutto da esplorare.
È avvenuto subito dopo la fine della Seconda
guerra mondiale. La parrocchia aveva il salone
Silvio Pellico che serviva per le rappresentazioni teatrali della compagnia stabile che allietava
il colto e l’inclita. Si recitava in italiano perché
tutti parlavano in dialetto; adesso si recita in
dialetto perché tutti parlano in italiano (?).
Poi è arrivato il cinema e ha avuto inizio la rivoluzione mediatica che non è ancora finita.
È bene ricordare che alla fine della guerra a
Provaglio non c’era un’edicola, il telefono pubblico era in un bar e per usarlo bisognava ricorrere ad avvisi e pre-avvisi di chiamata, gli apparecchi radio erano pochissimi, naturalmente
non esisteva la televisione, i collegamenti con
La Location
Caratteristiche
tecniche
Posti a sedere 312 con 4 per disabili in un’unica platea.
Proiettore a 35 mm
Impianto audio Dolby Digital Surround 5.1
Possibilità di proiezione di dvd o
connessione pc
Palcoscenico di 10 metri di larghezza e 8 metri di lunghezza.
Impianto audio palco completo di
sub miver con 12 canali.
Impianto di illuminazione con dimmer 24 canali
Fari montati su due americane e
due bandiere: 22 spot teatrali, 12
Par64, 3 sagomatori, 8 ribalte, 4
giochi di luce vari
Ciabatta audio 24 canali; connessione Dmx per mixer luci a distanza
Brescia erano assicurati da poche corse del
trenino, dalle biciclette e dai carretti. In parrocchia c’erano due sacerdoti straordinari, il
parroco don Paolo Raffelli (dal 1916 al 1961,
anno della sua morte) e il curato don Giuseppe
Zanni (dal 1941 al 1961; è morto nel 2003).
Don Giuseppe si diede da fare per portare il
cinema in parrocchia; don Paolo, critico in generale sul nuovo che avanzava, aveva molteriserve e tuttavia, siccome era un grand’uomo,
non ostacolò più di tanto il suo giovane curato.
E l’avventura ebbe inizio.
Quell’avventura l’ho vissuta da ragazzino,
coinvolto nella organizzazione come uno (facevamo i turni) dei venditori di caramelle. Prima degli spettacoli e negli intervalli (erano laboriosi per via delle manovre tecniche e quasi
sempre erano almeno due) vendevamo le caramelle agli spettatori. Lo facevamo portando
un vaso di vetro con i dolciumi che la perpetua ci affidava, con le caramelle rigorosamente contate. Il salario era la visione gratuita del
film e un bonus finale di caramelle (per lo più
una) affidato alla bontà della perpetua (il bonus però era per tutti). È stato il mio primo
impegno di lavoro (precario). Passavamo tra
le file delle poltrone reclamizzando il prodotto,
Sala stessa, rispecchiando l’andatura
delle linee delle pareti, in un’armonia di
richiami e rimandi.
Non manca nulla alla Sala della
Comunità Pax. Anche l’atrio è spazioso
e luminoso fatto per accogliere molte
persone, con divanetti, anche questi
rossi, per l’attesa.
Sono una ventina i volontari impegnati
nella gestione della Sala della Comunità
Pax, tra i quali colui che da otto anni
circa pulisce, da solo e regolarmente, il
cinema-teatro. È un esempio di quanto
tutti credano in ciò che si trovano a fare
anche quando fronteggiamo delusioni e
difficoltà. La programmazione ordinaria
verte (vedi box programmazione ndr.)
su proposte per la famiglia ma non si
esaurisce lì, cercando sempre nuovi
stimoli e nuove proposte. Giunge alla
seconda edizione la Rassegna dialettale,
con le compagnie dei paesi limitrofi: “Ha
come degli imbonitori di piazza. Ci inventavamo degli slogan. Me ne ricordo bene uno in
particolare: si proiettava il film “Ho visto brillare le stelle” (una dramma romantico strappa
lacrime) e noi gridavamo: “Ho visto brillar le
stelle... caramelle!”. Sai la fantasia, eppure
eravamo gli antesignani di Carosello.
Oggi si può ben dire che con l’arrivo del cinema abbiamo visto brillare le stelle. Si chiamavano allora Amedeo Nazzari, Clara Calamai,
Osvaldo Valenti, Luisa Ferida, Anna Magnani,
Rossano Brazzi, Gloria Swanson, Gino Bechi
e tanti altri. Hollywood era di là da venire, ma
intanto i confini quotidiani di Provaglio erano
saltati e il mondo si era ingrandito. Si apriva
un nuovo mondo, un nuovo cielo popolato non
solo dai divi ma anche da storie che non potevano inventare la vita eppure la disegnavano con nuovi colori. La sala aveva una ribalta
teatrale e quando era piena (succedeva nove
volte su dieci) mi rifugiavo tra le quinte con
il vaso delle caramelle in braccio, guardavo il
film di traverso e spesso osservavo le reazioni
del pubblico che si emozionava oltre misura,
ridendo e piangendo senza freni. Si era aperta
una diga, siamo ancora tutti bagnati.
Angelo Onger
•7•
La Location
La Sala della Comunità di Provaglio d'Iseo
suscitato molto interesse, svolgendo
il già detto, ruolo di centro della
zona” commentano alcuni volontari.
Ma una domanda sorge spontanea.
Si parla spesso di Sala della
Comunità, come detto nel Direttorio
sulle comunicazioni sociali, che
“offre nuove occasioni di impegno
e di coinvolgimento in attività a
carattere culturale che possono
costituire preziosi spazi di dialogo
e confronto anche con quanti
sono meno interessati alla vita
ecclesiale”. Qui, dove si svolge
un ruolo di centro rispetto ad
un’ampia zona di territorio, questa
realtà si verifica? Don Gianni non
ci pensa due volte: “Certo. Anzi
sono molto spesso coloro che
non vengono a messa e che non
frequentano che usufruiscono
della Sala e delle proposte fatte in
essa”. La risposta è avallata dai
Programmazione
dell’anno
La programmazione cinematografica
è per lo più un’offerta per famiglie
e per bambini. L’utilizzo della Sala
della Comunità è legato anche alle
iniziative dell’oratorio, dei due gruppi
teatrali “La compagnia di Provaglio
d’Iseo” e “Sparnega mintine”. Molte
iniziative vengono svolte all’interno
della Sala della Comunità durante
l’anno: spettacoli teatrali, musical,
concerti bandistici della banda del
paese e concerti di musica jazz,
rock…, serate culturali, lo Zecchino
d’oro. Anche le scuole materne e elementari utilizzano la Sala per i propri
spettacoli. Da due anni viene proposta una rassegna teatrale dialettale.
Le iniziative culturali sono potenziate
da un accordo con l’Amministrazione
comunale che può utilizzare l’ambiente
volontari presenti che annuiscono.
Continua ancora don Gianni: “Io
ho già detto a più enti: l’Università
cattolica, la diocesi e molti altri enti
culturali. Manifestazioni, convegni,
incontri, spettacoli che vengono
fatti al centro (leggi Brescia ndr.),
dovrebbero essere fatti anche
decentrati, come qui da noi. Io
metto a disposizione la Sala e le
apparecchiature gratis. Basta che
si facciano iniziative culturali anche
per gli abitanti delle nostre zone
che possono anche avere difficoltà
ad andare a Brescia. Negli anni
(da 18 a Provaglio vedi box Cenni
storici ndr.) la gente ha capito ed
è cresciuta, anche da un punto
di vista culturale”. Tante piccole
gocce di cultura hanno trasformato
e mantenuto Provaglio d’Iseo
come una zona ricca che continua
a crescere singing in the rain e la
preoccupazione di chi si occupa
della Sala della Comunità Pax è che
possa continuare a piovere. Poi del
resto, in queste zone, con il lago
da una parte e le vigne dall’altra,
sono ben coscienti del valore di una
singola goccia d’acqua in più o in
meno, per continuare a crescere
singing!
Mauro Toninelli
•8•
S D C
•
r
Tr a i l e
•
E
O U I L L
R ATAT
Trailer
Italians
ITALIA
Regia di Giovanni Veronesi con Carlo Verdone, Sergio Castellitto, Riccardo Scamarcio, Valeria Solarino
Distribuzione: Filmauro
Fortunato è un camionista, che da molti
anni trasporta Ferrari rubate negli Emirati
Arabi. È ora di passare il testimone al giovane Marcello, da pochi mesi in prova nella
stessa società. Per due giorni e due notti
attraversano il deserto dell’Arabia Saudita
alla guida di una bisarca stipata di lussuosissime Ferrari... Giulio è un dentista che ha
da poco passato la cinquantina con un matrimonio fallito che lo ha fatto sprofondare
nella depressione più nera e un imminente convegno a San Pietroburgo a cui non
ha più nessuna voglia di partecipare. Ma il
suo collega e amico Fausto è irremovibile.
Giulio accetta di malavoglia, ma è chiaro da
subito: lui sta partendo per lavoro, è un professionista stimato e la parola d’ordine deve
essere una sola, discrezione...
Ci facciamo sempre riconoscere...
“HANNO TANTA ROBA DA PORTARSI
DIETRO GLI ITALIANI: la cialtroneria e l’eroismo, la vigliaccheria e la generosità. Un bagaglio unico e ingombrante”. Lo dice Giovanni
Veronesi in una simpatica conversazione con
Beppe Severgnini, astuto inventore della formula “Italians”: il titolo del film diretto da Veronesi è lo stesso di una rubrica che Severgnini
tiene sul “Corriere della Sera”. Noi viaggiamo
sempre troppo carichi, insomma: ecco perché
una ricerca del “New York Times” avrebbe
sentenziato che “gli italiani sono il popolo che
suona più di tutti al metal detector”. Se ai sentimenti aggiungiamo la scorta di telefonini, orologi, gioielli e collanine, e magari qualche Ferrari, c’è di che aspettarsi un concerto.
È proprio un carico delle splendide vetture di
Maranello a far muovere l’azione del primo episodio di “Italians”. Protagonisti Sergio Castellitto e Riccardo Scamarcio, rispettivamente nei
ruoli di Fortunato, un camionista prossimo alla
pensione, e di Marcello, il giovane che lo stesso
•9•
S d C • Tr
Fortunato ha indicato come il più adatto a
prendere il suo posto. Responsabilità non da
poco: il camion condotto dai due lascia l’Italia
con un carico di Ferrari rubate, da vendere ai
ricconi degli Emirati Arabi.
Italiano al cento per cento, Castellitto regala al suo personaggio una ricca varietà di
sfumature. Pacatamente sbruffone, aria da
esperto della vita e delle cose del mondo,
innamorato delle macchine che trasporta,
Fortunato è in realtà un ingenuo non difficile
da infinocchiare. Perché si affeziona alle persone: in Arabia ha un grande amico con una
sfortunata figlia la quale, dietro il velo che la
copre integralmente, mostra uno sguardo che
non lascia indifferente il buon Scamarcio. Ma
Fortunato ne trattiene gli ardori: usi e costumi
altrui, dice, vanno rispettati. La famiglia, si sa,
è cara ai nostri connazionali, e Fortunato non
farà mancare il suo aiuto – con una decisione
a sorpresa, non sapremmo dire quanto “italiana” – alla risoluzione dei problemi dell’anziano
padre. Dietro l’angolo, però, lo aspetta la fregatura: perché gli italiani sono anche specialisti nel fingere di essere quello che in realtà
non sono.
Con un tratto di ambiguità che caratterizza
molti eroi della vecchia commedia all’italiana,
Fortunato affronta la sua illegale missione con
il puntiglio e la dignità di chi lavori per tenere
alta l’immagine del proprio Paese all’estero.
Per difendere la patria dagli insulti di un inglese ubriaco, trascina il collega in un guaio dal quale potrà uscire in un solo modo:
pilotando una di
quelle Ferrari che
tanto lo esaltano. Quelle
auto che, con
il rombo del
loro motore,
fanno fremere la sabbia
del deserto
d’Arabia. Una
“location” che
il film utilizza
con intelligenza, mostrandoci
un viaggio paradossale tra villaggi
• 10 •
abitati da gente povera ma ricca di dignità,
e foreste di grattacieli che si materializzano
all’improvviso oltre il nulla delle dune.
Strano posto, gli Emirati: “Sembra di stare
in un luna-park per adulti – dice Veronesi –
un luogo in perenne mutamento, una
specie di frontiera dove tutti gli
affari sono leciti. È un luogo
per avventurieri e businessmen, sono tutti avvocati
e industriali, manager e
UNAUn
STORIA
SENfinanzieri”.
luogo
da
ZA TEMPO
italiani, senza
dubbio.
Il regista, d’altra parte, racconta a Severgnini di aver visto di tutto, mentre
girava il mondo per
preparare il film:
“Un ragazzo romano che surfava sul
nastro dei bagagli
in aeroporto perché
voleva farsi notare da una ragazza
libanese. Un barone
della medicina che si
era costruito un vero e
proprio harem nel Paese
che lo ospitava, e ci andava
ogni giovedì, con la scusa di
operare in una clinica privata.
In Russia ho conosciuto un cuoco
sardo che millantava di avere tre stelle
Michelin, e poi ci ha fatto gli spaghetti scotti”.
Il candido Fortunato è in buona compagnia. A
proposito, chissà adesso dove sarà.
NELLA STESSA INTERVISTA, Veronesi
mette “Pane e cioccolata” al primo posto
tra le opere che, al cinema, hanno raccontato la vita degli italiani all’estero. Nel film di
Franco Brusati (datato 1974), il povero Nino
Manfredi, emigrato in Svizzera, cadeva in
disgrazia perché scoperto a orinare sui prati della impeccabile terra elvetica. E finiva
grottescamente col tingersi i capelli di biondo nella vana speranza di farsi accettare.
È un’altra caratteristica di tanti protagonisti
della commedia nostrana: precipitati in basso
fino all’estremo limite della dignità, e spesso
anche oltre, sfoderano a quel punto lo scatto
d’orgoglio che permette loro di riscattarsi.
La citazione di Veronesi dice anche dell’intenzione di non assemblare solamente una
commedia, ma di cercare una gamma più
LIANS
a il e r • ITA
ricca di tonalità. “Italians” – scritto, come il
precedente “Manuale d’amore 2”, dal regista
insieme ad Andrea Agnello e Ugo Chiti – ha
momenti malinconici, tenerezze e perfino un
morto ammazzato. Accade nel secondo episodio, dominato da un Carlo Verdone incontenibile nel dispiegare il suo campionario di tic
e idiosincrasie. L’attore è Giulio Cesare
Carminati, un dentista romano sprofondato nella crisi della mezza
età. Lasciato dalla moglie, tira
avanti piangendosi addosso
e annegando la depressione negli psicofarmaci.
Giulio sta per andare
a San Pietroburgo,
dove ha organizzato
un grande convegno
di odontoiatria. Un
collega lo mette in
contatto con Vito
Calzone (Dario Bandiera), effervescente tour operator
che nella città di Dostoevskij organizza
nottate con feste e
donne facili per i suoi
compatrioti. Il rapporto
tra Vito e il recalcitrante
Giulio non è idilliaco, ma
strappa più di una risata.
Poco avvezzo a questo genere di esperienze, il nostro dentista
inizia scambiando per una prostituta
la traduttrice messa a sua disposizione
per il congresso. La donna – interpretata da Ksenia Rappoport – si chiama
Vera: dopo aver vendicato l’affronto
in modo originale, si farà carico delle
disavventure russe di Giulio, giungendo
anche a fargli intravedere la possibilità
di un’esistenza meno tormentata e più
generosa. Prima del finale “buonista”,
avremo conosciuto la grottesca vita
notturna della Russia post-comunista, rappresentata in modo un po’
stereotipato: mafiosi gonfi di soldi,
donne seducenti e pericolose,
tradimenti e sparatorie nelle quali
anche Giulio rimane invischiato.
La situazione ideale per un attore
come Verdone, che dice di sé:
“Quando vengo messo in difficoltà, do sempre il massimo”. Nella
seconda parte del racconto il tono
cambia, si fa più delicato, entra in
campo un gruppo di bambini orfani
e quel soffio di umanità spinge Giulio a prendere importanti decisioni. Non molto credibili,
ad essere sinceri, ma destinate a rinsaldare la
buona immagine che alla fine gli italiani amano
avere di sé: cialtroni quanto si vuole, ma non
nei momenti in cui bisogna mostrare di possedere un cuore.
“CI FACCIAMO SEMPRE RICONOSCERE” è
lo slogan con cui “Italians” si presenta. In occasione dell’anteprima del film per la stampa,
Veronesi ha spiegato: “Tra le varie tipologie di
italiani abbiamo scelto i più divertenti. Prima
avevamo pensato di raccontare l’eccellenza,
gente di successo, poi abbiamo preferito questi disgraziati, più adatti alla commedia. Sarebbe stato noioso il contrario. Mi sono però
reso conto che, specie in Russia, siamo stati
molto indulgenti con gli italiani. Molti sono più
stravaganti dei nostri personaggi”.
Sergio Castellitto, dal canto suo, ha citato
Leo Longanesi, che definiva i suoi connazionali “buoni a nulla e capaci di tutto”. Per Carlo
Verdone, fra 50 anni gli italiani “non ci saranno più. Saranno solo una piccola percentuale
come sono oggi gli inglesi a Londra che sono
il 15%, o i francesi a Parigi che sono non più
del 20%. Chissà, magari qualche cosa nel
nostro Dna rimarrà, ma andiamo verso una
globalizzazione tale che non avrà più senso
parlare di italiani, tedeschi o inglesi perché saremo tutti mischiati e parleremo un mix di parole straniere, linguaggio informatico e dialetti
imbastarditi”.
I nostri pronipoti, quindi, si faranno un’idea di
noi forse soltanto attraverso questi film. Meglio non chiedersi cosa diranno.
NICOLA ROCCHI
• 11 •
PANORAMICA
i
film
del
mese
G i u di z i d e lla C ommission e N a z ional e V al u ta z ion e F ilm ( C . N . V . F. )
Australia
USA-AUSTRALIA
Regia di Baz Luhrmann
con Nicole Kidman, Hugh
Jackman, David Wenham
Distribuzione: 20th
Century Fox
Alle soglie della Seconda guerra mondiale, Lady Sarah Ashley,
un’aristocratica inglese, si trasferisce nel Maryland, in Australia,
per entrare in possesso di una fattoria che le è stata lasciata in
eredità e che è entrata nelle mire di un altro suo connazionale. Data
la sua scarsa conoscenza nel campo dell’allevamento del bestiame,
la donna si avvale dell’aiuto e dell’esperienza di un affascinante
mandriano dai modi piuttosto grossolani. Nel frattempo, i giapponesi,
che hanno già sferrato il duro attacco a Pearl Harbor, bombardano la
città di Darwin.
Beverly Hills Chihuahua
USA
Regia di Raja Gosnell
con Jamie Lee Curtis,
Piper Perabo, Axel Alba,
Manolo Cardona
Distribuzione: Walt
Disney
Chloe è una cagnetta chihuahua molto viziata. Vive a Beverly Hills e
quindi non ci si può aspettare altro. Quello che è per lei inatteso è un
viaggio denso di rischi: la sua impegnata padrona, Viv, la affida alla
nipote Rachel la quale, dopo aver ricevuto un invito per una vacanza
in Messico, parte con cagnetta al seguito. Ma il divertimento la distrae
e così Chloe finisce nelle mani di loschi figuri che prima la vogliono
utilizzare nei combattimenti canini e poi fanno di tutto per rubarle il
collare di valore. Se non ci fossero un saggio cane pastore tedesco
e Papi (chihuahua maschio) che non ha smesso di essere attratto dal
suo fascino, i suoi problemi sarebbero davvero gravi…
Bolt - Un eroe a quattro zampe
USA
Regia di Chris Williams e
Byron Howard
Distribuzione: Walt Disney
Come un uragano
USA
Regia di George C. Wolfe
con Diane Lane, Richard
Gere, Christopher Meloni
Distribuzione: Warner
Bros
Il cagnolino Bolt, protagonista di uno show televisivo di successo, è
cresciuto tra riflettori e telecamere ed è convinto di essere dotato di
superpoteri. Un giorno, Bolt viene accidentalmente allontanato dal set
e, disperato, realizza che la vita reale è ben diversa dalla finzione sullo
schermo. Ad aiutarlo nel suo viaggio attraverso l’America per ritrovare
la strada di casa sarà l’amicizia con Mr. Mittens, una gatta domestica
abbandonata, e con Rhino, un criceto rinchiuso in una palla di plastica
e ossessionato dalla tv.
VOCI DELLA VERSIONE ORIGINALE: JOHN TRAVOLTA (BOLT),
MILEY CYRUS (PENNY), MALCOLM MCDOWELL, RONN MOSS.
Adrienne Willis, per sfuggire all’infelicità che sta attanagliando la sua
vita matrimoniale, decide di andare per qualche giorno ad aiutare
una sua amica nella gestione di una locanda nella cittadina balneare
di Rodanthe, nella Carolina del Nord. Tuttavia, l’idea di un piacevole
soggiorno viene immediatamente sconvolta dal sopraggiungere di un
uragano. Costretta ad una coabitazione forzata con l’unico ospite
della locanda, il dott. Paul Flanner, Adrienne inizia a confidarsi con lui
scoprendo quanto entrambi siano accomunati dall’insoddisfazione per
le reciproche esistenze. A poco a poco l’attrazione tra i due diventa
più forte e Adrienne e Paul si abbandonano ad un amore struggente e
appassionato che lascerà per sempre il segno nelle loro vite.
• 13 •
P A
N
O
R
A
M
I
C
A
Defiance – I giorni del coraggio
USA
Regia di Edward Zwick
con Daniel Craig, Liev
Schreiber, Jamie Bell
Ember
U.S.A.
Regia: Gil Kenan
con Saoirse Ronan, Bill
Murray, Tim Robbins,
Toby Jones, Mackenzie
Crook
Distribuzione: Playtone,
Walden Media
1941. Mentre i Nazisti stanno portando orrore e morte nelle comunità
ebraiche europee, tre fratelli polacchi, i Bielski, si nascondono nel mezzo
della foresta bielorussa dove, insieme ai partigiani sovietici, organizzano
la resistenza contro gli oppressori tedeschi. Per tre anni, centinaia di
ebrei hanno trovato rifugio tra i boschi dove i ribelli avevano organizzato
un piccolo villaggio.
CANDIDATO AL GOLDEN GLOBE 2009 PER LA MIGLIOR
COLONNA SONORA...
Per generazioni, la popolazione della città di Ember ha prosperato nel
sottosuolo. La città è stata costruita come rifugio per gli esseri umani ed
è alimentata da un enorme generatore. Ora Ember sta cadendo preda
dell’oscurità, il generatore si sta deteriorando, e le sue luci iniziano già
ad affievolirsi. Nonostante la preoccupazione per il futuro della città, gli
studenti di Ember si trovano a dover affrontare un’altra fase della loro
vita: è il giorno delle assegnazioni. Lina, che sperava con tutte le sue
forze di diventare un messaggero, è sconvolta all’idea di essere stata
assegnata alla rete delle tubazioni. Il suo compagno di classe, Doon
Harrow, si fa letteralmente prendere dal panico quando estrae l’incarico
di messaggero. In una lotta contro il tempo, i due iniziano a seguire gli
indizi, destreggiandosi tra politici corrotti e personaggi deplorevoli, per
raggiungere il proprio fine: restituire la luce alla Città di Ember.
Il bambino con il pigiama a righe
REGNO UNITO, USA
Regia di Mark Herman
con David Thewlis, Vera
Farmiga, Rupert Friend,
Iván Verebély
Distribuzione: Walt
Disney Studios Motion
Pictures Italia
Bruno è un ragazzo di otto anni figlio di un ufficiale nazista, la cui
promozione porta la famiglia a trasferirsi in un’area desolata in cui questo
ragazzino solitario non trova nessuno con cui giocare. Annoiato e spinto
dalla curiosità, Bruno ignora le continue indicazioni della madre, che gli
proibisce di esplorare il giardino posteriore e si dirige verso la “fattoria”
che ha visto nelle vicinanze. Lì, incontra Shmuel, un ragazzo della sua età
che vive dall’altra parte del filo spinato. L’incontro di Bruno col ragazzo
dal pigiama a strisce lo porta dall’innocenza a una consapevolezza
maggiore del mondo degli adulti che li circonda, mentre gli incontri con
Shmuel si trasformano in un’amicizia dalle conseguenze terribili.
Il cosmo sul comò
ITALIA
Regia di Marcello
Cesena
con Aldo, Giovanni,
Giacomo, Victoria
Cabello
Distribuzione: Medusa
Il racconto parte da fonti diverse, intreccia situazioni e personaggi,
gag come al solito irresistibili, situazioni bizzarre in una serie di episodi
imperdibili per spasso, allegria, qualità. Nell’episodio “Osa” Aldo
interpreta lo scemo del villaggio che si innamora di una ragazza (Isabella
Ragonese); mentre in “Fecondazione” Giacomo e Sara D’Amario sono
una coppia che decide di avere un figlio, nonostante la non più giovane
età.
GIUDIZIO C.N.V.F.: accettabile - semplicistico
Impy superstar – Missione Luna Park
GERMANIA
Regia di Reinhard Kloss
e Holger Tappe
Distribuzione: Mediafilm
Sull’sola di HulaHula, in mezzo al Pacifico, abita il professor Siebenstein
con i suoi animali parlanti, tra cui c’è Impy, un piccolo e curioso dinosauro,
la cui felicità viene presto smorzata dall’arrivo di un nuovo componente: il
panda Baboo, che non tarda a catturare tutte le attenzioni. Nel frattempo,
da un’altra parte del mondo, l’impresario Barnaby sta per inaugurare un
Luna Park. Tra le sue attrazioni, il parco divertimenti comprende anche un
gigantesco dinosauro meccanico, che resta danneggiato proprio durante la
sua prima apparizione. Deciso a sostituire il dinosauro, Barnaby si mette alla
ricerca di un esemplare dell’animale preistorico. Giunge quindi a HulaHula e
convince Impy a seguirlo con la promessa di trasformarlo nell’attrazione di
punta del suo Luna Park. Il cucciolo non esiterà a seguirlo...
• 14 •
i
film
del
mese
L’ospite inatteso
La monotona esistenza del professor Walter Vale, docente universitario
di Economia, viene messa a soqquadro dall’incontro con la senegalese
Zainab e il siriano Tarek, una giovane coppia di immigrati clandestini
USA
che si è insediata, a sua insaputa, nel suo appartamento di New York.
Dopo l’iniziale diffidenza, Walter e Tarek, grazie alla comune passione
Regia di Tom McCarthy
per la musica, iniziano a passare molto tempo insieme. Quando Tarek
verrà arrestato per uno sfortunato equivoco, Walter prenderà a cuore
con Richard Jenkins, Hiam la sua situazione per cercare di evitargli l’espulsione dal Paese. Nel
Abbas, Haaz Sleiman
frattempo, in città giunge anche la madre del ragazzo, Mouna, che farà
rinascere in Walter sentimenti da tempo sopiti.
Distribuzione: Bolero film
GIUDIZIO C.N.V.F.: accettabile – problematico – dibattiti
La classe
FRANCIA
Regia: Laurent Cantet
con Francois Bégaudeau,
Nassim Amrabt, Laura
Baquela, Juliette Demaille
Distribuzione: Mikado
L'inizio di un nuovo anno scolastico in una scuola di un quartiere
disagiato, riserverà a François, insegnante sui generis di francese,
una brutta sorpresa. Nonostante i suoi metodi non siano per niente
severi, ma, al contrario il suo modo di porsi nei confronti degli alunni
è piuttosto malleabile, alcuni studenti mettono in discussione il suo
comportamento, mettendo in crisi il suo rigore professionale...
GIUDIZIO C.N.V.F.: accettabile – problematico – dibattiti
Lissy
Principessa alla riscossa
GERMANIA
Regia di Michael Herbig
Distribuzione: Moviemax
Natale a Rio
ITALIA
Regia di Neri Parenti
con Christian De Sica,
Massimo Ghini, Michelle
Hunziker, Fabio De Luigi
Distribuzione: Filmauro
Revolutionary
Road
USA - GRAN BRETAGNA
Regia di Sam Mendes
con Leonardo Di Caprio,
Cate Winslet
Distribuzione: Universal
La principessa Lissy vive nel suo bellissimo castello in Baviera ed
è sposata con l’imbranato Franz, figlio della terribile Frau Bruckner.
Una notte, Lissy viene portata via da un peloso Yeti, ma dopo l’iniziale
spavento, la principessa scoprirà che il suo rapitore non è così orribile
come sembra...
Paolo e Mario, due amici cinquantenni divorziati, hanno deciso di
regalarsi una vacanza natalizia a Rio de Janeiro. A loro insaputa,
anche i rispettivi figli Piero e Marco hanno scelto il Brasile come luogo
di vacanza. Nel frattempo, a insaputa di mariti e figli, le ex mogli di
Paolo e Mario arrivano anche loro a Rio per un’operazione di chirurgia
plastica. Fabio riceve un inaspettato regalo di Natale: una e-mail da
parte della sua collega Linda, di cui è profondamente innamorato, che
lo invita a passare con lei le vacanze a Rio. In realtà, si tratta di un
equivoco per uno scambio di indirizzi, ma Fabio ne verrà a conoscenza
solo una volta giunto in aeroporto. Infatti, ad accompagnare Linda c’è
il suo fidanzato Gianni, che lei vuole presentare al padre trasferitosi in
Brasile. Nonostante la delusione, Fabio sceglie comunque di partire...
Stati Uniti, anni ‘50. April e Frank Wheeler sono una coppia anticonformista
che vive nella tranquilla area suburbana di Revolutionary Road, nel
Connecticut. Nonostante le apparenze, i Wheeler sono ben lontani
dall’essere felici come vorrebbero far credere e il loro matrimonio sta
cadendo a pezzi. Lui soffre per la frustrazione di un lavoro noioso.
Lei, madre e casalinga a tempo pieno, vive con il rimpianto di aver
abbandonato una promettente carriera nel mondo dello spettacolo. Per
riuscire a superare il momento di crisi e abbandonare la mediocrità, April e
Frank decidono di trasferirsi in Francia...
GOLDEN GLOBE 2009 A KATE WINSLET COME MIGLIOR ATTRICE
PROTAGONISTA. IL FILM ERA CANDIDATO ANCHE PER: MIGLIOR
FILM DRAMMATICO, REGIA E ATTORE PROTAGONISTA (LEONARDO
DI CAPRIO).
• 15 •
P A
N
O
R
A
M
I
C
A
i
film
del
mese
Sette anime
Un uomo divorato da un segreto sul suo passato cerca di redimersi
cambiando drasticamente le vite di sette estranei. Una volta che
il suo piano è partito, nulla può modificarlo. O almeno è quello che
USA
pensa lui, perché Ben Thomas non si aspetta certo di innamorarsi di
una dei sette estranei. In quel momento, sarà lei a cambiare lui. Un
Regia di Gabriele Muccino mistero avvincente e una sorprendente storia d’amore, "Sette anime"
pone delle domande provocatorie sulla vita e la morte, il rimpianto e il
con Will Smith, Rosario
perdono, gli estranei e l’amicizia, l’amore e la redenzione ed esplora i
Dawson, Woody Harrelson legami che collegano i destini umani in maniera sorprendente.
Distribuzione: Sony
pictures
The millionaire
GRAN BRETAGNA
Regia di Danny Boyle
con Dev Patel, Anil
Kapoor, Freida Pinto
Distribuzione: Lucky red
GIUDIZIO C.N.V.F: complesso – velleitario
Negli studi televisivi dell’edizione indiana del programma “Chi vuol
essere milionario?” è arrivato il momento della verità. Il diciottenne
Jamal Malik, che viene dai quartieri poveri di Mumbay, affronta l’ultima
domanda, quella che potrebbe fargli vincere la somma di 20 milioni
di rupie. Prem Mukar, conduttore dello show, non ha molta simpatia
per lui, non gradisce di dover dividere con un altro la ribalta dello
spettacolo; così lo fa arrestare sotto l’accusa di aver fatto ricorso
a qualche imbroglio. In questura Jamal viene messo sotto torchio
dall’ispettore e dal suo assistente. Il giovane però comincia a spiegare
perché ha dato risposte precise ad ogni domanda: sono emerse
naturali come conseguenza di singoli, travagliati episodi della sua vita…
GIUDIZIO C.N.V.F.: raccomandabile – problematico – dibattiti
Un matrimonio all’inglese
GRAN BRETAGNA
Regia di Stephan Elliot
con Jessica Biel, Colin
Firth, Kristin Scott
Thomas
Distribuzione: Eagle
pictures
Durante un viaggio in Francia, John Whittaker, si innamora di Larita,
una ragazza americana divorziata. I due si sposano in fretta e furia
e si trasferiscono in Inghilterra, dove vivono i genitori del ragazzo.
Tuttavia, sin dal primo incontro con la madre di John, la neo-sposa
avverte sentimenti ostili nei suoi confronti, e mentre Larita cerca di
fare del suo meglio per tentare di adattarsi, la signora Whittaker mette
in atto una serie di tranelli per mettere in cattiva luce la nuora...
ANTEPRIMA, IN CONCORSO, AL FESTIVAL INTERNAZIONALE
DEL FILM DI ROMA (III EDIZIONE, 2008).
GIUDIZIO C.N.V.F.: consigliabile – brillante
Viaggio al centro della Terra
USA
Regia di Eric Brevig
con Brendan Fraser, Josh
Hutcherson, Anita Briem
Distribuzione: 01
distribution
Yes Man
USA
Regia di Peyton Reed
con Jim Carrey, Zooey
Deschanel, Bradley
Cooper, John Michael
Higgins
L’incredibile avventura di tre esploratori - il visionario scienziato Trevor
Anderson, suo nipote Sean e la loro affascinante guida islandese
Hannah - alla scoperta di un insolito regno nascosto sotto la superficie
terrestre. I tre visiteranno luoghi meravigliosi e incontreranno creature
fantastiche, ma il pericolo è sempre in agguato e per questo dovranno
trovare rapidamente una via per tornare sulla superficie, prima che sia
troppo tardi...
BRENDAN FRASER FIGURA ANCHE TRA I PRODUTTORI
ESECUTIVI.
Carl Allen è un uomo la cui vita è finita in un vicolo cieco, soprattutto
a causa della sua totale incapacità nel dare una risposta affermativa
alle proposte che gli vengono fatte sul posto di lavoro o nella vita
privata. Deciso a cambiare il corso della sua esistenza, Carl aderisce
ad un programma basato semplicemente sull’impegno di dire ‘sì’ ad
ogni proposta, sempre. La sua esistenza prenderà così una svolta
straordinaria facendogli ottenere eccellenti frutti non solo sul lavoro,
ma anche nel campo sentimentale. Tuttavia, dire sempre di ‘sì’ a tutto
e a tutti può comportare qualche imprevisto
Distribuzione: Warner
bros
• 16 •
FEBBRAIO
IN SALA
P R O G R A M M A Z I O N E S A L E D E L L A C O M U N I T À D I V O C E S. A . S.
B
20.45; lunedì 16 febbraio ore 20.45
rescia - S. Afra
PAVANELLI
B
• MADAGASCAR 2 domenica 8 febbraio ore
17.00
B
• BOLT sabato 28 febbraio ore 20.30; domenica
1 marzo ore 15.30
rescia - Villaggio Prealpino
SANTA GIULIA
Biglietto € 5,00, ridotto € 3,00
• IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE domenica 8 febbraio ore 20.45; martedì 10 febbraio
ore 20.45;
• MADAGASCAR 2 domenica 15 febbraio ore
15.00, 17.30;
• COME UN URAGANO domenica 15 febbraio
ore 20.45; martedì 17 febbraio ore 20.45
• THE MILLIONAIRE domenica 22 febbraio ore
20.45; martedì 24 febbraio ore 20.45
• SETTE ANIME domenica 1 marzo ore 20.45;
martedì 3 marzo ore 20.45
B
ienno
SAN GIOVANNI BOSCO
rescia
VILLAGGIO SERENO - SERENO
• COME UN URAGANO sabato 7 febbraio ore
20.45; domenica 8 febbraio ore 15.00, 20.45;
lunedì 8 febbraio ore 20.45;
• MATRIMONIO ALL’INGLESE sabato 14 febbraio
ore 20.45; domenica 15 febbraio ore 15.00,
C
astenedolo
IDEAL
• AUSTRALIA sabato 7 febbraio ore 21.00; domenica 8 febbraio ore 21.00
• VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA domenica
8 febbraio ore 17.00
• COME UN URAGANO sabato 14 febbraio ore
21.00; domenica 15 febbraio ore 21.00
• YES MAN sabato 21 febbraio ore 21.00; domenica 22 febbraio ore 21.00;
• ITALIANS sabato 28 febbraio ore 21.00; domenica 1 marzo ore 21.00;
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA domenica 1 marzo ore 17.00
C
ollebeato
SAN FILIPPO NERI
• VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA sabato 14
febbraio ore 21.00; domenica 15 febbraio ore
17.30, 21.00
Le programmazioni potrebbero subire delle variazioni.
• 17 •
FEBBRAIO
IN SALA
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA sabato 21 febbraio
ore 21.00; domenica 22 febbraio ore 17.30
• THE MILLIONAIRE (in digitale con microcinema)
sabato 28 febbraio ore 21.00; domenica 1 marzo
ore 17.30, 21.00
D
braio ore 20.30; domenica 8 febbraio ore 15.00;
• LA FELICITÀ PORTA FORTUNA O NIENTE giovedì
febbraio ore 15.00
dolo
SAN GIOVANNI BOSCO
• IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE venerdì 13
febbraio ore 20.45; sabato 14 febbraio ore 20.45;
domenica 15 febbraio ore 20.45
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA venerdì 20 febbraio
ore 20.45; sabato 21 febbraio ore 20.45; domenica 22 febbraio ore 20.45;
• DEFIANCE sabato 28 febbraio ore 20.45; domenica 1 marzo ore 20.45
E
12 febbraio ore 20.30
• SETTE ANIME sabato 14 febbraio ore 20.30; do-
menica 15 febbraio ore 15.00
• YES MAN sabato 21 febbraio ore 20.30; domenica
22 febbraio ore 15.00
• IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE giovedì 26
febbraio ore 20.30
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA sabato 28 febbraio
ore 20.30; domenica 1 marzo ore 15.00
I
seo
SALA DELLA COMUNITÀ
• EMBER sabato 14 febbraio ore 20.45; domenica
15 febbraio ore 16.00
• VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA sabato 28
febbraio ore 20.45; domenica 1 marzo ore 16.00
sine
EDEN
• BOLT venerdì 6 febbraio ore 20.30; sabato 7 feb-
braio ore 20.30; domenica 8 febbraio ore 15.00,
20.30;
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA venerdì 20 febbraio
ore 20.30; sabato 21 febbraio ore 20.30; domenica 15.00, 20.30
G
I
nzino
INZINO
• VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA sabato 7 feb-
esenzano
PAOLO VI
• BOLT domenica 8 febbraio ore 15.00
• VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA domenica 15
E
ore 20.30; domenica 1 marzo ore 15.30
hedi
IL GABBIANO
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA sabato 28 febbraio
L
odrino
SAN LUIGI
• EMBER sabato 7 febbraio ore 20.30; domenica 8
febbraio ore 20.30;
• IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE sabato 14
febbraio ore 20.30; domenica 15 febbraio ore 20.30;
L
onato
ITALIA
Biglietto € 6,00, ridotto € 3,00
Le programmazioni potrebbero subire delle variazioni.
• 18 •
P R O G R A M M A Z I O N E S A L E D E L L A C O M U N I T À D I V O C E S. A . S.
• IL COSMO SUL COMÒ venerdì 6 febbraio ore 21.00;
domenica 8 febbraio ore 15.00, 21.00
• IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE venerdì 13
febbraio ore 21.00; sabato 14 febbraio ore 21.00;
domenica 15 febbraio ore 15.00, 21.00;
• SETTE ANIME venerdì 20 febbraio ore 21.00; domenica 22 febbraio ore 15.00; 21.00
• UN MATRIMONIO ALL’INGLESE venerdì 27 febbraio
ore 21.00; domenica 1 marzo ore 21.00;
• VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA domenica 1
marzo ore 15.00
L
umezzane Pieve
LUX
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA sabato 7 febbraio ore
marzo ore 14.30, 17.00, 20.30
M
arone
SALA DELLA COMUNITÀ
• Biglietto € 5,00, ridotto € 3,00, gratis inf. 3 anni
• YES MAN sabato 14 febbraio ore 20.45; domenica
15 febbraio ore 16.00, 20.45;
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA sabato 28 febbraio ore
20.45; domenica 1 marzo ore 16.00, 20.45;
M
ontichiari
GLORIA
• THE MILLIONAIRE sabato 7 febbraio ore 21.00;
20.30; domenica 8 febbraio ore 15.30, 18.00, 20.30;
lunedì 9 febbraio ore 20.30
• AUSTRALIA sabato 14 febbraio ore 20.30; domenica
15 febbraio ore 15.30, 18.00, 20.30; lunedì 16 febbraio ore 20.30; lunedì 17 febbraio ore 20.30;
• THE MILLIONAIRE sabato 21 febbraio ore 20.30;
domenica 22 febbraio ore 15.30, 18.00, 20.30;
• REVOLUTIONARY ROAD sabato 28 febbraio ore
20.30; domenica 1 marzo ore 15.30, 18.00, 20.30;
lunedì 2 marzo ore 20.30;
domenica 8 febbraio ore 15.00, 21.00; lunedì 9
febbraio ore 21.00
• AUSTRALIA sabato 14 febbraio ore 21.00; domenica
15 febbraio ore 15.00, 21.00; lunedì 16 febbraio ore
21.00
• YES MAN sabato 21 febbraio ore 21.00; domenica
22 febbraio ore 15.00, 21.00; lunedì 23 febbraio ore
21.00;
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA sabato 28 febbraio ore
21.00; domenica 1 marzo ore 15.00, 21.00; lunedì 2
marzo ore 21.00
L
N
umezzane S.Apollonio
ASTRA
ave
SAN COSTANZO
• VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA sabato 7 febbra- • YES MAN domenica 15 febbraio ore 14.30, 17.00,
io ore 20.30; domenica 8 febbraio ore 14.30, 17.30,
20.30;
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA sabato 14 febbraio
ore 20.30; domenica 15 febbraio ore 14.30, 17.30,
20.30;
• SETTE ANIME sabato 21 febbraio ore 20.30; domenica 22 febbraio ore 14.30, 17.00, 20.30
• ITALIANS sabato 28 febbraio ore 20.30; domenica 1
20.30;
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA domenica 14.30, 17.00,
20.30
O
dolo
SPLENDOR
• AUSTRALIA sabato 7 febbraio ore 20.45; domenica
P r o g r a m m a z i o n e a g g i o r n a t a s u l s i t o w w w. l a v o c e d e l p o p o l o . i t
• 19 •
FEBBRAIO
IN SALA
braio ore 21.00; domenica 22 febbraio ore 20.30;
lunedì 23 febbraio ore 20.30;
• IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE sabato 28
febbraio ore 21.00; domenica 1 marzo ore 20.30;
P
avone Mella
AURORA
• EMBER venerdì 6 febbraio ore 20.45; sabato 7
Dal film "Australia"
8 febbraio ore 20.30;
• YES MAN sabato 14 febbraio ore 20.45; domenica
15 febbraio ore 20.30
• ITALIANS sabato 21 febbraio ore 20.45; domenica
22 febbraio ore 20.30
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA sabato 28 febbraio
ore 20.45; domenica 1 marzo ore 15.00, 20.30
O
spitaletto
AGORÀ
• Biglietto € 5,00, ridotto € 4,00
• MADAGASCAR 2 sabato 7 febbraio ore 20.30;
domenica 8 febbraio ore 14.30, 16.30
P
alazzolo
AURORA
• Biglietto € 5,00, ridotto € 3,00
• YES MAN sabato 7 febbraio ore 21.00; domenica
8 febbraio ore 15.45; 20.30;
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA sabato 14 febbraio
ore 21.00; domenica 15 febbraio ore 15.45; 20.30;
• VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA sabato 21 feb-
febbraio ore 20.45; domenica 8 febbraio ore
15.30, 20.45; lunedì 9 febbraio ore 20.45
• AUSTRALIA venerdì 13 febbraio ore 20.45; sabato
14 febbraio ore 20.45; domenica 15 febbraio ore
15.30, 20.45; lunedì 16 febbraio ore 20.45;
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA venerdì 20 febbraio
ore 20.45; sabato 21 febbraio ore 20.45; domenica 22 febbraio ore 15.30, 20.45;
• VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA venerdì 27
febbraio ore 20.45; sabato 28 febbraio ore 20.45;
domenica 1 marzo ore 15.30, 20.45; lunedì 2
marzo ore 20.45
P
onte Caffaro
AURORA
• AUSTRALIA sabato 7 febbraio ore 21.00; dome-
nica 8 febbraio ore 21.00; lunedì 9 febbraio ore
21.00
• YES MAN sabato 14 febbraio ore 21.00; domenica
15 febbraio ore 21.00; lunedì 16 febbraio ore
21.00
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA sabato 28 febbraio
ore 21.00; domenica 1 marzo ore 21.00; lunedì 2
marzo ore 21.00
P
ontoglio
DON BOSCO
• IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE domenica
Le programmazioni potrebbero subire delle variazioni.
• 20 •
P R O G R A M M A Z I O N E S A L E D E L L A C O M U N I T À D I V O C E S. A . S.
8 febbraio ore 16.15;
• YES MAN domenica 15 febbraio ore 16.15;
• VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA domenica 1
marzo ore 16.15
P
revalle
PAOLO VI
• VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA domenica 8
febbraio ore 15.30;
• LISSY – PRINCIPESSA ALLA RISCOSSA domenica 15
febbraio ore 15.30
P
rovaglio d’Iseo
PAX
• LISSY – PRINCIPESSA ALLA RISCOSSA sabato 7 feb-
braio ore 20.45; domenica 8 febbraio ore 16.00
• IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE sabato 21
febbraio ore 20. 45; domenica 22 febbraio ore
20.45;
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA sabato 28 febbraio ore
20.45; domenica 1 marzo ore 16.00, 20.45
R
oncadelle
AURORA
21.00; domenica 22 febbraio ore 15.00, 21.00
• REVOLUTIONARY ROAD sabato 28 febbraio ore
21.00; domenica 1 marzo ore 15.00, 21.00
S
ale Marasino
SEBINO
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA sabato 7 febbraio ore
20.45; domenica 8 febbraio ore 16.00, 20.45;
• VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA sabato 14 feb-
braio ore 20.45; domenica 15 febbraio ore 16.00,
20.45;
• YES MAN sabato 28 febbraio ore 20.45; domenica 1
marzo ore 16.00, 20.45
S
erle
SAN DOMENICO SAVIO
• ITALIANS sabato 14 febbraio ore 20.30; domenica
15 febbraio ore 15.30, 20.30
V
illanuova
CORALLO
• COME UN URAGANO venerdì 6 febbraio ore 20.30;
• NATALE A RIO sabato 7 febbraio ore 20.30; domenica 8 febbraio ore 16.00, 20.45;
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA sabato 14 febbraio ore
20.30; domenica 15 febbraio ore 16.00, 20.45;
S
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA sabato 21 febbraio ore
abbio Chiese
“LA ROCCA”
• AUSTRALIA sabato 7 febbraio ore 21.00; domenica
8 febbraio ore 15.00, 21.00;
• ITALIANS sabato 14 febbraio ore 21.00; domenica
15 febbraio ore 15.00, 21.00;
sabato 7 febbraio ore 20.30; domenica 8 febbraio
ore 20.30;
• LISSY – PRINCIPESSA ALLA RISCOSSA domenica 8
febbraio ore 14.30;
• BEVERLY HILLS CHIHUAHUA venerdì 13 febbraio
ore 20.30; sabato 14 febbraio ore 20.30; domenica
15 febbraio ore 14.30, 20.30;
• YES MAN venerdì 20 febbraio ore 20.30; sabato
21 febbraio ore 20.30; domenica 22 febbraio ore
14.30, 21.00;
• VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA venerdì 27
febbraio ore 20.30; sabato 28 febbraio ore 20.30;
domenica 1 marzo ore 14.30, 20.30
P r o g r a m m a z i o n e a g g i o r n a t a s u l s i t o w w w. l a v o c e d e l p o p o l o . i t
• 21 •
Se credi che lo spettacolo
è condividere emozioni
TI ASPETTIAMO
in
SALA
...fai girare
LA VOCE
VOCE • SAS
SERVIZIO ASSISTENZA SALE DELLA COMUNITÀ
P A
N
O
R
A
M
I
C
A
cinef
o
rum
PANORAMICA
C I N E F O R U M
G i u di z i d e lla C ommission e N a z ional e V al u ta z ion e F ilm ( C . N . V . F. )
Goal
Stati Uniti
Gran Bretagna
Regia di Danny Cannon
con Kuno Becker,
Stephen Dillane,
Alessandro Nivola, Anna
Friel, Marcel Iures
Distribuzione: Buena
Vista International Italia
Gomorra
Italia
Regia di Matteo Garrone
con Salvatore Abruzzese, Simone Sacchettino,
Salvatore Ruocco, Gianfelice Imparato
Distribuzione: 01 Distribution
Dal Messico Santiago, 10 anni, entra clandestino in California insieme
al padre e ad altri familiari. Crescendo a Los Angeles, il giovane
è costretto a lavori umili ma, nel frattempo, può dedicarsi alla sua
grande passione, il gioco del calcio. Un giorno l’inglese Glen Foy, ex
calciatore e talent scout a tempo perso, lo vede durante una partita, ne
intuisce le doti e lo segnala alla squadra inglese del Newcastle United.
Superata l'ostilità del padre, Santiago arriva a Newcastle, affronta i
provini, subisce scherzi pesanti, si confronta con numerose rivalità,
passa momenti di depressione anche dovuti all'asma di cui soffre.
Ma finalmente entra nella prima squadra e, nella partita decisiva di
campionato contro il Liverpool l’allenatore lo manda in campo. Il suo è il
gol decisivo su punizione. Il Newcastle vince 3-2.
GIUDIZIO C.N.V.F.: Accettabile - semplicistico
Cinque storie intrecciate tra loro. Ciro, il cui lavoro è pagare le famiglie
dei detenuti affiliati al suo clan, quando si accorge della guerra in
corso con i rivali, si vende a loro pur di sopravvivere. Totò, 13 anni,
passo dopo passo, fa il proprio apprendistato e sceglie di partecipare
a qualche azione di omicidio. Marco e Ciro, ancora ragazzi, rubano
armi, vorrebbero mettersi da soli contro tutti, ma sono inesorabilmente
eliminati. Roberto, laureato e affidato dal padre a Franco, che si
occupa di rifiuti tossici, sta per un periodo con lui ma alla fine decide
di lasciarlo. Pasquale, sarto della mafia, dopo qualche incertezza, fa il
doppio gioco con un gruppo di clandestini cinesi. Viene scoperto, ed è
costretto a cambiare lavoro.
GIUDIZIO C.N.V.F.: discutibile - problematico
Il papà di Giovanna
Italia
Regia di Pupi Avati
Con Silvio Orlando,
Francesca Neri,
Ezio Greggio, Alba
Rohrwacher,
Artista fallito, sposato e padre di una bambina che si chiama Giovanna,
questo è il ruolo interpretato da Silvio Orlando, che cerca di educare
nel miglior modo possibile la figlia e che per lei desidera il meglio.
Purtroppo i risultati che ottiene non sono sempre dei migliori, anzi,
rischierà di compromettere tutto il suo rapporto familiare...
Distribuzione: Medusa
Jalla! Jalla!
Svezia
Regia di Josef Fares
con Fares Fares,
Torkel Petersson,
Laleh Pourkarim, Tuva
Novotny, Jan Fares
Distribuzione: Lucky
Red Distribuzione
Roro e Mans lavorano come custodi in un parco di Stoccolma. Figlio
di immigrati libanesi, Roro, che è innamorato della svedese Lisa ed è
da lei ricambiato, la tiene nascosta alla famiglia perché sa che tutti si
opporrebbero a quella relazione. Di fronte alle ripetute insistenze di lei,
trova il coraggio per portarla a casa, i genitori gli annunciano di aver
già organizzato il suo matrimonio con una ragazza libanese che vive in
città, Yasmin. I due fanno conoscenza ed escono insieme. Il paradosso
è che anche Yasmin non vuole saperne di quelle nozze, ma prega Roro
di mandare avanti il fidanzamento, perché in caso contrario lei verrebbe
rispedita in Libano...
GIUDIZIO C.N.V.F.: discutibile – scabrosità
• 23 •
• 23 •
P A
N
O
R
A
M
I
C
A
La classe - Entre les murs
Francia
Regia di Laurent Cantet
Con François Bégaudeau, Nassim Amrabt,
Laura Baquela, Juliette
Demaille
Distribuzione: Mikado
Film
François e i suoi colleghi insegnanti si preparano per un nuovo anno
scolastico nel liceo di un quartiere difficile alla periferia di Parigi. Nella
classe di François culture e atteggiamenti diversi entrano spesso in
conflitto tra loro. Lui cerca di ridurre i contrasti e di creare un’atmosfera
di rispetto e di ordine. Ma non è facile, perché alcuni alunni hanno un
carattere più difficile, bisogna intervenire e prepararsi ad essere messi
sul banco degli imputati.
GIUDIZIO C.N.V.F.: Accettabile - problematico - dibattiti
La musica nel cuore
Stati Uniti
Regia di Kirsten
Sheridan
con Freddie Highmore
Keri Russell, Jonathan
Rhys Meyers,
Distribuzione: Medusa
Film
Pa-ra-da
ITALIA, FRANCIA,
ROMANIA
Regia di Marco
Pontecorvo
con Jail Lespert, Daniele
Formica, Evita Ciri
Distribuzione: 01
Distribution
Solo un padre
Italia
Regia di Luca Lucini
con Luca Argentero,
Diane Fleri, Anna
Foglietta
Distribuzione: Warner
Bros Pictures Italia
Louis, chitarrista irlandese, e Lyla, violoncellista, si incontrano a New York
e passano una fugace notte insieme. Anni dopo un bambino molto dotato
per la musica si esibisce per la città insieme ad un uomo un po’ strano
che dice di essere il suo agente e lo chiama August Rush. Il bambino si
fa conoscere e infine decide di utilizzare il proprio talento per andare in
cerca dei genitori mai conosciuti. Anche loro, vissuti separati, avvertono
che qualcosa li spinge verso quel bambino. E così, sul podio di un
concerto, il padre, la madre e il figlioletto finalmente si ritrovano.
GIUDIZIO C.N.V.F.: Raccomandabile - poetico
Romania, 1992. Tre anni dopo la caduta del regime di Ceausescu Miloud
Oukili, clown di strada francese di origini algerine, giunge a Bucarest. Qui si
trova di fronte a una realtà terribile. Centinaia di bambini dai tre ai sedici anni
vivono nel sottosuolo della città, sopravvivono grazie a furti, accattonaggio
e prostituzione. Si tratta di bambini scappati da squallidi orfanotrofi o da
altrettanto deleterie situazioni familiari. Miloud ha un sogno: vincere la loro
indifferenza a tutto. Ci riesce con un lavoro lungo e faticoso conquistandone
la fiducia e trasformandoli in artisti di strada che oggi sono noti in tutto il
mondo.
GIUDIZIO C.N.V.F.: accettabile - problematico - dibattiti
A Torino, oggi. Carlo, trentacinquenne, è titolare con altri amici di un
avviato studio di dermatologia. L’attività professionale va bene, eppure
Carlo vi si dedica ogni giorno con una inesauribile preoccupazione dentro.
Deve infatti accudire sua figlia Sofia, di appena dieci mesi, inventandosi
ogni giorno la capacità di andare incontro ai bisogni della piccolina. La
moglie Melissa è morta di parto, l’aiuto dei genitori è importante e Carlo
tuttavia vuole provare a cavarsela da solo, trasmettendo quel calore
affettivo che sente dentro di sé. La conoscenza occasionale di Camille,
giovane francese arrivata a Torino per lavorare all’università, lo aiuterà nei
momenti più difficili, ma diventare un padre vero diventa la scommessa
da vincere, il traguardo autentico da raggiungere.
GIUDIZIO C.N.V.F.: discutibile – scabrosità
The burning plain
USA
con Charlize Theron,
Kim Basinger, Joaquim
De Almeida
Sylvia, giovane proprietaria di un raffinato ristorante a Portland, è
in piedi sull’orlo di un precipizio e ripensa, tormentandosi, al proprio
passato. Maria, una ragazzina orfana della madre, corre verso il padre,
rimasto gravemente ferito in seguito ad un incidente aereo. Due
adolescenti, Mariana e Santiago, si innamorano mentre affrontano le
conseguenze della morte improvvisa rispettivamente della mamma e del
papà. Una casalinga con quattro figli cede alla relazione con un uomo,
dopo aver lottato disperatamente contro il cancro.
Distribuzione: Medusa
GIUDIZIO C.N.V.F.: accettabile - problematico
Regia di Guillermo
Arriaga
• 24 •
Cineforum
Cineforum, o film d’essai, significa dialogare, discutere e riflettere partendo da un film. Riflessione
su temi che toccano la vita, storie e vicende che dalla vita prendono spunto e alla vita riportano
lo spettatore. La Sala della Comunità trova la propria identità tramite lo stimolo di interrogativi,
questioni e pensieri. Non basta la programmazione ordinaria se viene tralasciato questo aspetto.
Generare domande di senso è fare cultura; fare cultura è far crescere una comunità. Uno degli
strumenti? I film d’essai.
BRESCIA - San Giovanni Il Chiostro (Tre giorni di cinema muto)
Nello spazio del teatro e del chiostro di San
Giovanni sono ormai più di cinque anni che
il Cinecircolo opera nel settore della cultura
cinematografica, cercando di rivalutare il cinema come forma d’arte, scoprendo autori
e film dimenticati, focalizzando l’attenzione
degli utenti sulla lettura delle opere, la tecnica, la storia, la bellezza delle immagini. Si
è altresì regolarmente prestata attenzione al
cinema delle origini, che da sempre è stato
da noi presentato in rassegne pensate per
tematiche, omaggi ad autori, scuole e stili, è
stato così possibile far rivivere i capolavori
del passato: gli autori Wilhelm Murnau, Fritz
Lang, Charlie Chaplin, Buster Keaton; i volti
e le movenze di Lon Chaney, Harold Lloyd,
Conrad Veidt accompagnati da prestigiosi musicisti italiani e stranieri come Steve
Lawson, Tino Tracanna, Guido Bombardieri,
Luca Formentini, L’Aura. Quest’anno vogliamo continuare a lottare per sostenere il progetto, nel quale crediamo, nel quale abbiamo
investito tante energie e tante ne investiremo. Crescendo nella qualità, cercando visibilità a più sguardi proponiamo un evento
speciale di cinema muto, in collaborazione
con la cineteca di Bologna e la cineteca del
Friuli. Tre serate consecutive di proiezioni di
importanti film italiani, in pellicola, in prima visione a Brescia: "Cenere" di Febo Mari con
Eleonora Duse, "Assunta Spina" di Gustavo
Serena e "Rapsodia Satanica" di Nino Oxilia
con le dive Francesca Bertini e Lydia Borelli;
un’opportunità unica e prestigiosa di far conoscere il grande cinema nella vivida preziosità delle pellicole originali (addirittura "Rapsodia Satanica" è una versione colorizzata
a mano, fotogramma per fotogramma), musicisti importanti suoneranno dal vivo sulle
immagini: L’Aura, cantante di successo nazionale il cui talento è ormai unanimemente
riconosciuto, Pietro Leveratto e Gian Paolo
Casati, veterani del jazz italiano il cui valore è stato confermato da collaborazioni con
storici personaggi del jazz quali Chet Backer
e Steve Lacy, e la valorizzazione di talentuosi musicisti bresciani come Maurizio Rinaldi,
Fabrizio Saju, vincitori del festival internazionale “Strade del cinema”.
Marco Tiraboschi
Ecco il programma:
•CENERE (1916): giovedì 19 febbraio
di Febo Mari con Eleonora Duse e Febo Mari. Sonorizzazione di PHI 4 - Fabrizio
Saiu – percussioni, Maurizio Rinaldi - chitarra
•ASSUNTA SPINA (1915): venerdì 20/02
Regia: Gustavo Serena, Francesca Bertini con Francesca Bertini, Gustavo
Serena, Carlo Benetti, Alberto Albertini, Antonio Cruicchi, Amelia Cipriani,
Alberto Collo. Sonorizzazione di: Pietro Leveratto – contrabbasso, Gian Paolo
Casati - tromba
•RAPSODIA SATANICA (1917) sabato 21/02
Regia: Nino Oxilia con Lyda Borelli (contessa Alba d’Oltrevita), Andrea Habay
(Tristano), Ugo Bazzini (Mephisto), Giovanni Cini (Sergio), Alberto Nepoti.
Sonorizzazione di L’Aura – Voce, elettronica, Marco Tiraboschi – chitarra, oud.
• 25 •
Cineforum
BRESCIA - SAN GIOVANNI
CINECIRCOLO IL CHIOSTRO
•DANZA MACABRA (1964) di Antonio Margheriti
giovedì 12 febbraio ore 21.00
•LA VITA AGRA (1963) di Carlo Lizzani
giovedì 26 febbraio ore 21.00
•UN UOMO A METÀ (1966) di Vittorio De Seta
giovedì 5 marzo ore 21.00
BRESCIA VILLAGGIO SERENO
SERENO
•Rassegna: “Non ci resta che ridere”
•LE VACANZE DI MONSIEUR HULOT martedì 4 febbraio ore 20,45
•HOLLYWOOD PARTY martedì 11 febbraio ore 20,45
•PRIMA PAGINA martedì 18 febbraio ore 20,45
COLLEBEATO
SAN FILIPPO NERI
•VALZER CON BASHIR (in digitale con microcinema) mercoledì 4
febbraio ore 20.45; venerdì 6 febbraio ore 20.45
Tema: guerra; male; politica – società;
•THE HUNTING PARTY (in digitale con microcinema) mercoledì 11
febbraio ore 20.45; venerdì 13 febbraio ore 20.45
Tema: conflitti etnici; guerra; mass-media; politica-società
•PERSEPOLIS (in digitale con microcinema) mercoledì 18 febbraio ore
20.45; venerdì 20 febbraio ore 20.45
Tema: donna; famiglia; guerra; libertà; politica-società
DESENZANO
PAOLO VI
•IL PAPÀ DI GIOVANNA sabato 7 febbraio ore 21.00
Tema: famiglia, storia
•LA CLASSE sabato 21 febbraio ore 21.00
Tema: adolescenza, educazione e scuola
MARONE
SALA DELLA COMUNITÀ
• GOAL! IL FILM giovedì 5 febbraio ore 20.45; sabato 7 febbraio ore 20.45
Tema: famiglia, giovani, sport
• 26 •
JALLA! JALLA! giovedì 19 febbraio ore 20.45; sabato 21 febbraio
ore 20.45
Tema: famiglia; matrimonio-coppia; rapporto tra culture; sessualità
•LA MUSICA NEL CUORE – AUGUST RUSH giovedì 5 marzo ore
20.45; sabato 7 marzo ore 20.45
Tema: adolescenza e famiglia
NAVE
SAN COSTANZO
•LA CLASSE martedì 3 febbraio ore 20.30
Tema: scuola, confronto generazionale
•THE BURNING PLAIN martedì 10 febbraio ore 20.30
Tema: famiglia - genitori figli; matrimonio-coppia; psicologia;
solidarietà-amore;
•SOLO UN PADRE martedì 17 febbraio ore 20.30
Tema: famiglia-genitori e figli; matrimonio-coppia
PAVONE MELLA
AURORA
•SI PUÒ FARE martedì 3 febbraio ore 20.45; giovedì 5 febbraio ore 20.45
Tema: relazione e diversità
•GOMORRA martedì 10 febbraio ore 20.45; giovedì 12 febbraio ore 20.45
Tema: camorra, delinquenza minorile
•IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE martedì 17 febbraio ore 20.45; giovedì 19
febbraio ore 20.45
LUMEZZANE
SAN SEBASTIANO
S. GIOVANNI BOSCO
•PA.RA.DA. martedì 10 e giovedì 12 febbraio ore 20.30
Tema: bambini, delinquenza minorile, educazione, povertà-emarginazione
SAN APOLLONIO
ASTRA
•THE BURNING PLAIN martedì 17 e giovedì 19 febbraio ore20.30
Tema: famiglia-genitori e figli; matrimonio-coppia; psicologia; solidarietà-amore
PIEVE
LUX
•PRANZO DI FERRAGOSTO martedì 24 e giovedì 26 febbraio ore 20.30
Tema: anziani, famiglia-genitori e figli
• 27 •
Fotogrammi
le
par
o
le
del
cinema
Kolossal
Con il termine "kolossal" in genere
si indica un film in cui tutto è svolto in grandi dimensioni, a partire
dal budget, dal cast di attori fino
alle scenografie, agli effetti speciali e al lancio pubblicitario.
In film di questo genere, per i quali sono investite ingenti somme di
denaro, oltre ai notevoli sforzi organizzativi, sono attesi grandi successi di pubblico e relativi ritorni
economici; in caso contrario il fallimento può avere serie ripercussioni economiche per le case cinematografiche e riscontri negativi in
termini d’immagine per le star che
le interpretano.
Nella storia del cinema vi sono numerosi esempi di pellicole di questo genere, da quelle incentrate
su avvenimenti storici (a Cinecittà
negli anni Trenta o coproduzioni
internazionali negli anni Cinquanta e Sessanta;
Cleopatra o certi spaghetti western, per esempio), a quelli di religione, sino a quelli di avventura e fantascienza. Se agli inizi le grandi
produzioni non venivano etichettate con questo
preciso appellativo, a partire dagli anni Settanta negli Stati Uniti d’America nasce un filone
che sarà seguito da molte pellicole. Ora gode di
queste caratteristiche “Australia” con Nicole Kidman e Hugh
Jackman.
Tra i più noti:
"Quo vadis?" (1912) di Enrico
Guazzoni
"Via col vento" (1939) di Victor
Fleming
"I dieci comandamenti" (1956)
di Cecil B. DeMille
"Ben Hur" (1959) di William
Wyler
"Titanic" (1997) di James Cameron
"Il gladiatore" (2000) di Ridley
Scott
"Apocalypto" (2006) di Mel Gibson.
• 28 •
Sipario
di Carlo Zaniboni
La compagnia teatrale dialettale
"Amici del cör"
Nel nostro itinerario attraverso le compagnie teatrali è inevitabile, cari lettori,
imbattersi in gruppi che propongono
testi dialettali. Chi non ha l’onore di
vantare nella propria comunità la gloriosa “filodrammatica”, agglomerato
di persone e personaggi, pensionati,
lavoratori, tipi strani, ragazzi, semplici
amici che hanno fatto del dialetto il loro
idioma ufficiale? In alcuni casi vengono
annoverati anche elementi neppure in
grado di balbettare una sillaba del proprio vernacolo. No problem, c’è posto
anche per loro! Generalmente ce li ritroviamo sul palco verso la fine della
commedia impacchettati in un’improbabile divisa di carabiniere alle prese
con un siculo-napoletan-bresciafidelis
maccheronico. Tant’è… tutto fa spettacolo, no? “Non conosce il dialetto,
potrà imparare almeno due battute in
siciliano…” ama ripetere il solito capocomico.
Sul mio vocabolario cerco la parola
“amicizia”. Lo strumento è un po’ datato, ma un termine così consolidato non
dovrebbe crearmi particolari problemi.
Amicizia, amicizia… “affetto vivo e reciproco tra due o più persone”. Queste “due o più persone” le abbiamo
incontrate e, discorrendo amabilmente
con loro, ci pare che tale definizione
sia più che adeguata. Sì, abbiamo ufficialmente appurato che si tratta proprio di loro: gli “Amici del cör”.
La tappa di questo mese ce la concediamo nel Quartiere “La Famiglia”,
noto ai più come Villaggio Violino. Il primo villaggio nato dalla lungimiranza ed
operosità di Padre Marcolini. Negli anni
’50 una manciata di case nella periferia
sud-ovest di Brescia che si facevano
coraggio tra loro. Oggi un quartiere triplicato, moderno e funzionale che non
conosce più la parola “periferia”.
“Sette anni fa, don Ermanno Turla, il
• 29 •
parroco dell’epoca, mi
chiese di confezionare
un piccolo spettacolo dedicato agli anziani della
parrocchia” racconta Rita
Spada, la regista del gruppo. “Non fu un traguardo
irraggiungibile trovare le
persone giuste: qua e là,
nelle nostre amicizie era
facile intercettare qualcuno che conosceva il
dialetto abbastanza da
poterlo rappresentare e, a
dire il vero, si sentiva anche pronto e desideroso
di proporre una commedia. L’ostacolo più grosso
consisteva nel selezionare il testo più adatto alle
nostre esigenze, in quanto il gruppo d’esordio era
composto da donne con
una sola presenza maschile” (chiamalo fesso…).
La compagnia inizia a lavorare sodo e non si perde d’animo. Perché non rappresentiamo
una storia ideata e scritta da noi? – si
chiedono gli “Amici”. Un po’ di giorni alla
scrivania e Rita si presenta ai suoi attori con un piccolo fascicolo di fogli dattiloscritti. “Si trattava di 'Amici e amiche
del cör', la prima brillante commedia che
diede anche il nome alla nostra compagnia”. I personaggi ideati riflettevano il
più possibile la fisicità ed il carattere degli interpreti, anche se per questa prima
rappresentazione fu inevitabile affidare
quei pochi ruoli maschili al gentil sesso.
Il successo del debutto rinvigorisce tutto
il gruppo e conferisce a Rita la responsabilità di scrivere e dirigere tutte le successive commedie (esclusa “Na spùsä
per el nono”, scritta da un’interprete della compagnia, Lia Tavecchia). Nel corso
degli anni hanno arruolato altri attori grazie ad una fitta ed ancor oggi intricata
rete di amicizie, parentele e simpatie. E
così, anche l’unico gallo nel pollaio con il
tempo si è rassegnato a non essere più
l’unico.
Tutti si sono rimboccati le maniche: gli
interpreti hanno con il tempo affinato la
recitazione ed acquisito sicurezza con il
palco. Rita, da parte sua, ha consolidato
• 30 •
velocemente la scrittura rendendola più
sciolta e scorrevole a vantaggio delle situazioni che accadono sul palco. Anche
don Agostino Bagliani, l’attuale parroco,
ha stimolato gli attori a continuare sul
percorso tracciato. Essi hanno ricambiato questa rinnovata iniezione di fiducia eleggendolo Presidente degli “Amici
del cör”. “Da bravo Presidente segue
sempre le nostre produzioni. Quando gli
impegni glielo consentono ci raggiunge
anche in tournée, non risparmiando apprezzamenti, consigli, critiche. Se siamo
cresciuti, in fondo, lo dobbiamo un po’
anche a lui” ammettono gli “Amici”.
I sette anni di fortunata attività hanno
consentito agli “Amici del cör” di conoscere e farsi apprezzare in diverse occasioni: nei teatri della provincia, in vari oratori, nelle televisioni locali e, con grande
soddisfazione, nelle Case di riposo. “Siamo felici quando riusciamo a portare un
po’ di allegria e leggerezza agli anziani” –,
confida con una condivisibile emozione
Rita – “alcune volte ci troviamo a fare i
salti mortali per sostituire gli attori, ma
ci sforziamo di non mancare mai questi
appuntamenti”.
La prima rappresentazione di ogni nuova
Sipario
commedia, si svolge da tradizione il Primo Maggio, in occasione della festa patronale della parrocchia (San Giuseppe
Lavoratore). Provo a punzecchiare Rita.
“Non temete la crisi del settimo anno?”
“Assolutamente no” –, risponde decisa –
“quella non riguarda solo i matrimoni? La
nostra è solo una convivenza, piacevole
e disinteressata. Il nostro granitico motto è: “Divertiti e fai divertire”. Per svolgere al meglio questo difficile incarico è
indispensabile creare molteplici occasioni di convivialità (e qui vi volevo… - ndr):
i nostri tradizionali rinfreschi al termine
di prove e commedie ci hanno valso il
soprannome di “compagnia delle merendine””. Come darle torto? È risaputo
che un bicchiere di vino con una fetta
di torta fatta in casa da sempre sono
un’ottima terapia per rafforzare i vincoli
di amicizia.
Al Villaggio Violino probabilmente la voce
si è sparsa un po’ troppo, visto che anche Cupido ne è venuto a conoscenza.
Si è presentato ad uno dei tanti spuntini con tutta la sua attrezzatura ed ha
scagliato una freccia ai due più giovani
“Amici del cör”. Dal prossimo mese di
giugno saranno sposi. Sinceri auguri di…
cör, Angela e Marco!
“Momenti disimpegnati e nuovi amori a
parte, dicevamo che la nostra è anche
una convivenza impegnativa” – continua
Rita – “perché ci obbliga a ritmi di prova
abbastanza serrati. È inoltre disinteressata, in quanto i nostri incassi vengono
interamente devoluti alla parrocchia”.
Rita ha fretta. Gli sguardi degli “Amici”
che durante il nostro colloquio ci hanno
raggiunti mi fanno intendere che anche
loro hanno fretta. Sì, si sono dati appuntamento per provare la prossima commedia. “Il 1° febbraio rappresentiamo
l’ultima volta 'Giacumì l’è tornat da la
Francia' e da qualche giorno stiamo provando la nuova e divertente commedia
'…Ale tante vò en pensiù!'. Racconterà
le difficoltà della vita quotidiana dei nostri protagonisti, alle prese con i rincari,
una magra pensione e, fortunatamente,
tanta leggerezza e battute scherzose”.
Il Primo Maggio è dietro l’angolo. Altro
che crisi del settimo anno!
Gli “Amici del cör” vantano oggi un nutrito repertorio di commedie brillanti ideate
e scritte in proprio: “Amici e amiche del
cör”, “Nedàl cò la zia möta”, “La mutua
l’è semper la mutua”, “Avanti e endrè
de via Milano”, “Na spùsä per el nono”,
“Pote e muscù, ridide a birulù”, ‘Nà mortä o nà matä?” e “Giacumì l’è tornat da
la Francia”.
Per contattare la compagnia: Rita Spada (tel.: 030/3739745 – 349/0816742).
• 31 •
TEATRO
S P E T TA C O L I T E AT R A L I D E L L E S A L E D E L L A C O M U N I TA’ D I V O C E S. A . S.
GIULIA
S ANTA
BRESCIA, VILL. PREALPINO
“Quater sabocc”
Incontro con la poesia dialettale: Peppino
Mura
“EN TOTE LE CASE GHÈ LA SO…”
Sabato 7 febbraio ore 20.45
Compagnia “Cafè di piocc” di Montichiari
Ingresso 6 euro; ridotto (fino 14 anni) 2
euro
“Quater sabocc”
“EL LOCH DE AMABILE”
Sabato 21 febbraio ore 20.45
Compagnia “Gso Badia” di Brescia
Ingresso 6 euro; ridotto (fino 14 anni) 2
euro
“SOLIDARIETÀ VIVA”
CONCERTO LIRICO
Domenica 22 febbraio ore 15.00
Gruppo Dordoni
Ingresso libero
“Quater sabocc”
Incontro con la poesia dialettale: Giuliano
Bernasconi
Incontro con la poesia dialettale: Ugo
Pasqui
“PALANCHE VIGNIDE DAL CIEL”
“PISÌ… COLOGIA CHE PASSIÙ”
Sabato 28 febbraio ore 20.45
Compagnia teatrale “Il risveglio” di Vobarno
Ingresso 6 euro; ridotto (fino 14 anni) 2
euro
Sabato 14 febbraio ore 20.45
Compagnia “Dedalo” di Lumezzane
Ingresso 6 euro; ridotto (fino 14 anni) 2
euro
S COLLEBEATO
AN FILIPPO NERI
“Quater sabocc”
Incontro con la poesia dialettale: Loredana
Jole Scarpellini
“SMASÀ LE NÙS, SPALÀ LA NÈF,
COPÀ LA ZENT IÈ MESTER FACC
PER EL NIENT”
Sabato 7 febbraio ore 20.30
Domenica 8 febbraio ore 16.00
Commedia dialettale in tre atti di Maria
Filippini
Regia di Dory Molinari
Compagnia teatrale “La Camelia” di
Collebeato
• 32 •
SNAVE
AN COSTANZO
Terza edizione di “ARMONIE
DELL’OPERA”
ANDREA CHENIER
Domenica 8 febbraio ore 15.30
Opera lirica di Umberto Giordano
L’argomento è tratto dalla vita del giovane poeta francese (1762-1794) che
venne ghigliottinato durante il periodo del
Terrore giacobino della Rivoluzione francese. Il libretto di Luigi Illica è costruito
con i riferimenti poetici che sono tratti
dall’opera che il giovane letterato e politico francese arricchì soprattutto durante
il periodo della sua permanenza in carcere, dal marzo al luglio del 1794, anche se
poi la storia è stata romanzata per renderla facilmente teatrale.
Ingresso: 7 euro; ridotto (over 65 e under
24) 5 euro
Rassegna dialettale NÀE A NÀE
“BELA SCOPERTA”
Sabato 7 febbraio ore 20.45
Compagnia teatrale “Rataplan del Cafer”
Commedia dialettale
“LA CURA DEL DUTUR CAPÙ”
Sabato 14 febbraio ore 20.45
Compagnia teatrale “San Giot” di
Molinetto di Mazzano
Commedia dialettale di Maria Filippini
“EN TOTE LE CASE GHÈ LA SO…”
Sabato 21 febbraio ore 20.45
Compagnia “Cafè di piocc” di Montichiari
Commedia dialettale di Adriana Mori
“CHEI CHE NAS SENSA CAMISA
IÈ DESTINAC A MORER SENSA
BRAGHE”
Sabato 28 febbraio ore 20.45
Compagnia teatrale “I gnari de ier”
“PISÌ… COLOGIA CHE PASSIÙ”
Sabato 7 marzo ore 20.45
Compagnia “Dedalo” di Lumezzane
Commedia dialettale di Claudio
Mazzacani
PAX
PROVAGLIO D’ISEO
EL TESTAMEN DELA SCIURA
CARULINA
Sabato 14 febbraio ore 20.30
Domenica 15 febbraio ore 16.00
Compagnia teatrale di Provaglio d’Iseo
• 33 •
Tel. 030 44250 - [email protected]
VOCE S.A.S.
Extra
A ppr o f o ndimenti
e
c o municazi o ni
6° FORUM
ANIMATORI della CULTURA e della COMUNICAZIONE
Teatro di comunità - 7 marzo 2009
L’incontro è rivolto a sacerdoti, responsabili delle Sale della Comunità, compagnie teatrali,
amatoriali e filodrammatiche.
Ha l’obiettivo di focalizzare il significato del teatro nella comunità, verificare lo stato dell’attività teatrale nelle comunità bresciane e di suggerire soluzioni (adesione Federgat per
assicurazioni, agibilità Enpals). Per questo è previsto anche un ampio spazio di dibattito in
cui sarete invitati a dare il vostro contributo con attese, idee e proposte nell’ottica di un
servizio ecclesiale e di evangelizzazione attraverso il teatro di comunità.
PROGRAMMA
Ore
9.15 ACCOGLIENZA E PREGHIERA
Introduzione di mons. Giacomo Canobbio, vicario episcopale per la cultura
Ore
9.30 RELAZIONE INTRODUTTIVA
Le sette vie del teatro nella comunità
Prof. Claudio Bernardi, docente di teatro - Università cattolica di Brescia
ore 10.15
ESPERIENZE A CONFRONTO
Crucifixus: il teatro come ricostruzione del tessuto comunitario
Prof.ssa Carla Bino, direttore artistico Crucifixus
Punto.art: il teatro come esperienza educativa dei giovani
Dott. Simone Agnetti, responsabile di Punto.art - Ufficio oratori Brescia
ore 11.15
COMUNICAZIONE
Opportunità e servizi ai gruppi di teatro amatoriale e filodrammatico
Prof. Fabrizio Fiaschini, presidente Federgat (Acec)
ore 11.45
DIBATTITO E CONCLUSIONE
Don Adriano Bianchi, direttore dell’Ufficio diocesano per le comunicazioni sociali
L’incontro terminerà alle 12.30.
Si terrà presso il Centro pastorale Paolo VI, via G. Calini, 30 – 25100, Brescia
www.diocesi.brescia.it
• 34 •
Campagna abbonamenti 2009
Per abbonarsi:
Bollettino postale
n. 18881250 intestato
a Fondazione
Opera Diocesana
San Francesco
di Sales.
On line
con carta di credito
sul sito
www.lavocedelpopolo.it
con ulteriore sconto
di 5 euro.
Per informazioni:
Ufficio abbonamenti
Tel: 030-44 250
e-mail: [email protected]
lavocedelpopolo.it
Se credi che leggere
è comunione di idee
TI DIAMO
laPAROLA
A chi sottoscrive un nuovo abbonamento,
in omaggio un abbonamento trimestrale ad Avvenire.
Tutti i vecchi abbonati che rinnoveranno l’abbonamento
parteciperanno all’estrazione di 2 viaggi a Roma in occasione
del pellegrinaggio diocesano per l’Anno paolino.
Prezzo dell’abbonamento: ordinario € 45,00 (Bloccato dal 2004) - sostenitore € 55,00
Novità: abbonamento semestrale € 27,00 - trimestrale € 15,00

Similar documents