Rivoluzione Bluvacanze

Comments

Transcription

Rivoluzione Bluvacanze
ANNO XXII - N. 52-53
7-9 LUGLIO 2010
PREZZO PER COPIA
EURO 0,10
GIORNALE DI INTERESSE PROFESSIONALE PER IL TURISMO - POSTE ITALIANE SPA - SPED.
L’Islanda
lavora
sul pricing
L’Islanda allunga la stagionalità puntando sul pricing
e su voli con l’Europa in via
di potenziamento.
A PAGINA 16
IN
ABB. POST. D.L. 353/2003 (CONV.
L’autonoleggio
inizia
a risalire
IN
L. 27.02.2004, N° 46), ART. 1,
Dopo un 2009 di discesa,
anche per l'autonoleggio si
iniziano a vedere i primi
segnali di ripresa.
A PAGINA 3
Ficarra:« D’ora in poi decideremo a quali operatori applicare la riduzione di prezzo»
Rivoluzione Bluvacanze
Stop allo sconto del 10% su tutte le pratiche. E’ finita un’era
Monografia
Andalucia
In allegato
al numero
odierno
di Travel
Quotidiano
la monografia
“Andalucia,
un mondo
sospeso”,
realizzata
in collaborazione
con l’Ente
del Turismo
Spagnolo.
Uno sguardo
a tutto tondo
sull’offerta
turistica
della regione
SriLankan, volo Az: «No ad aumenti di capitale»
diretto dall’Italia
MILANO – SriLankan Airlines
apre il volo diretto su
Colombo dall’Italia con un
circolare da Milano e Roma,
tre volte alla settimana. «Il
mercato risponde bene –
dichiara Roberto Scalzitti,
senior sales manager della
compagnia in Italia -: fino a
metà agosto i voli sono tutti
pieni». Aggiunge Gyan
Amerasinghe, country manager Italy: «Ci aspettiamo una
crescita degli arrivi per la prossima stagione».
A PAGINA 11
NUMERO
DA PAG. 17 A PAG. 23
1, CNS/AC-ROMA
Arriba España
Il Turisme Barcelona
propone una tassa di 1
euro a turista e gli albergatori si dicono d’accordo. Si propone la stessa
cosa in Italia e gli albergatori paventano fallimenti. Non capisco.
Hotelplan
più ottimista
per il futuro
MILANO - La situazione è
in via di miglioramento,
anche se la crisi non è ancora del tutto alle spalle:
Hotelplan Italia volta pagina e anticipa numeri in crescita per alcune delle destinazioni in portafoglio,
Paesi arabi e Stati Uniti in
primis. «L’estate 2010 non
si sta rivelando nera come
la si immaginava» precisa il
presidente di Hotelplan
Italia, Anna Schuepbach.
«Si assiste a un ritorno
all’agenzia - commenta il
sales & marketing strategy
manager, Silvia Camanni come interlocutore per ottimizzare i tempi e scegliere
la qualità».
A PAGINA 6
Aegean Airlines
ufficialmente
in Star Alliance
SU QUESTO
LO SPECIALE
ULTIME
DISPONIBILITÀ
MILANO - Finisce un’era.
Quella di Bluvacanze, che
applicava lo sconto del 10%
su tutte le pratiche.
«D'ora in avanti decideremo
a quali operatori applicare le
riduzioni di prezzo e in che
misura - annuncia Marco
Ficarra,
amministratore
delegato di Blu Holding - in
modo da distribuire la marginalità in maniera più equa
che in passato, quando i vari
attori della catena sono stati
premiati in modo diseguale». Nel 2009 Blu Holding
ha raggiunto un giro d’affari
di circa 1 miliardo di euro.
A PAGINA 2
COMMA
Positivo il 1° semestre Alitalia. «Non prevediamo
aumenti di capitale - ha detto l’amministratore delegato Rocco Sabelli (nella foto) -, la tendenza che registriamo ci fa pensare che gli obiettivi saranno rispettati».
ATENE – Aegean Airlines
entra in Star Alliance dopo
un processo di integrazione
iniziato 12 mesi fa.
L’alleanza conta ora su un
network domestico, da e
per la Grecia di oltre mille
500 voli settimanali.
A PAGINA 10
Theodore Vassilakis
e Jaan Albrecht
1
Quotidiano
7-9 luglio 2010
www.travelquotidiano.com
In primo piano
Ficarra: «In passato i vari attori della catena sono stati
premiati dalle nostre agenzie in modo diseguale»
Nuovo
equilibrio
di CINZIA BERARDI
MILANO - Ad un anno di
distanza dal suo insediamento, il nuovo management di Blu Holding - guidato dall'amministratore
delegato Marco Ficarra - si
presenta ufficialmente annunciando un radicale cambiamento della politica
commerciale finora adottata dalle agenzie del network Bluvacanze: lo sconto
fisso del 10% sulle quote
dei cataloghi dei tour operator viene abbandonato a favore di formule più flessibili. «D'ora in avanti decideremo a quali operatori
applicare le riduzioni di
prezzo e in che misura - annuncia Ficarra - in modo da
distribuire la marginalità in
maniera più equa che in
passato, quando i vari attori
della catena sono stati premiati in modo diseguale».
In un anno complesso come
il 2009 «Blu Holding ha
raggiunto un giro d'affari di
circa un miliardo di euro ed
è riuscita ad approvare un
bilancio con un Ebitda positivo, ma per il 2010
l'obiettivo è il consolidamento dei volumi attuali,
seguendo un modello di
Bluvacanze: basta
allo sconto del 10%
su tutte le pratiche
FICARRA: «D’ORA IN POI DECIDEREMO CASO PER CASO»
business sostenibile sul
medio e lungo termine».
Per sviluppare le 800
agenzie che fanno capo a
Blu Holding (con i network Bluvacanze, Cisalpina Tours,Vivere e Viaggiare) si punterà soprattutto ad incrementarne la
redditività
«proponendo
a
l
cliente una consulenza
professionale ed una serie
di prodotti diversi, non più
solo lo sconto». Oltre ad
una più forte presenza all'interno di Ainet - l'associa-
zione di categoria che raggruppa i network italiani
di agenzie di viaggio - il
nuovo corso di Blu Holding ha significato anche
una revisione della rete distributiva (con la
chiusura di diverse decine di
agenzie) e il trasloco dalla prestigiosa e costosissima
sede di
via Broletto a
quella
più am-
pia e funzionale di via
Sangro 15.
Posseduta per l'85% dal
fondo di private equity Investitori Associati, Blu
Holding - che controlla al
100% anche il tour operator Going - ha varato un
aumento di capitale «perché oggi il mercato chiede
maggiori garanzie che in
passato, perché abbiamo
ridefinito i contratti di finanziamento con gli istituti di credito e perché i
termini di pagamento si
sono accorciati», spiega
Ficarra. Lo sconto fisso
“
Blu Holding ha
un giro d’affari di circa
1 miliardo di euro
Marco Ficarra
tra Pino Costanzo e
Fabrizio Pisciotta
Marco Ficarra
”
Vendite:
bene i primi
5 mesi
Qual è l'andamento delle
vendite finora registrato
nei punti vendita Blu Holding? «Da gennaio a
maggio abbiamo superato gli obiettivi del 3% dichiara il direttore generale Pino Costanzo mentre per il periodo
maggio-ottobre 2010
siamo ancora in ritardo
del 4% sul budget. E se i
crocieristi sono in linea
con i numeri dell'anno
scorso, si registra una
leggera flessione dei villaggi ed una crescita a
doppia cifra dei tour» tra
cui quelli di Best Tours e
Quality Group. «In diversi casi la crescita è a
due cifre: merito dei corsi
di formazione per agenti
organizzati in tandem
con i tour operator ma
anche della priority che
questi ci accordano nell'evasione dei preventivi»
aggiunge il direttore
commerciale Fabrizio Pisciotta.
del 10% è stato eliminato
circa un mese fa «ma finora il mercato non ci ha
penalizzato per questo.
D'altra parte la riduzione
delle tariffe continua lo
stesso, ma in maniera più
variabile e con campagne
periodiche».
Registrata fino a maggio una crescita del 4% sui grandi clienti e del 10% sulle aziende di piccole dimensioni
La tenuta di Cisalpina Tours
di ROBERTO SMANIO
MILANO - La data ufficiale è quella
del 20 ottobre 2010. In quel giorno
si festeggeranno formalmente i
quarant’anni di Cisalpina Tours, ma
intanto sono già in corso di effettuazione una serie di eventi volti a
sottolineare l’importanza dell’anniversario e a dare visibilità all’azienda. Dopo un primo incontro
Alfredo
Pezzani
Quotidiano
620
mln
€
Fatturato 2009
con clienti e fornitori che ha avuto
luogo tra i tesori della Biblioteca e
Pinacoteca Ambrosiana di Milano,
un secondo è stato organizzato
nella stessa sede con i giornali del
settore, alla presenza di tutto lo
staff dirigenziale: Marco Ficarra,
amministratore delegato del
Gruppo Blu Holding, Alfredo Pezzani, direttore generale di Cisalpina
Tours, Gianluca Bozza, direttore
commmerciale. Per la società piemontese, quella delle celebrazioni è
un’occasione per riepilogare il percorso che l’ha portata a diventare
la più grande Travel Management
Company in Italia e per analizzare i
risultati raggiunti e le prospettive
Direttore responsabile
GIUSEPPE ALOE
Direttore editoriale
DANIELA BATTAGLIONI
www.travelquotidiano.com
TRAVEL AGENT BOOK S.r.l.
2
Autorizzazione del Tribunale
di Milano 793 del 30.11.1991
Spedizione in abb. postale
(Pubblicità 45%)
2Transazioni
mln
annue
future. Un fatturato di 620 milioni
di euro nel 2009, oltre 2 milioni di
transazioni annue, oltre 3 mila
aziende nel proprio parco clienti,
una crescita superiore al 4% da gennaio a maggio 2010 nel giro d’affari
con i propri maggiori clienti, che
diventa del 10% relativamente a
quelli di piccole dimensioni, nello
stesso periodo. Questi i numeri che
esprimono la leadership di mercato, consolidata a partire dal 2007
in seguito alla completa acquisi-
Previsto lo sviluppo
dei servizi Mice nel
piano 2010-2012
DIREZIONE E REDAZIONE
Via Merlo 1 - 20122 MILANO
tel. 02/76316846 (r.a.)
fax 02/76013193
AMMINISTRAZIONE ABBONAMENTI,
REDAZIONE ROMANA
Via La Spezia, 35 - 00182 ROMA
tel. 06/70476418
fax 06/77200983
+4%
Crescita giro d’affari
3.000
Aziende
nel parco clienti
zione da parte di Blu Holding e al
nuovo assetto manageriale dell’ultimo anno e mezzo. «Il settore del
business travel attraversa una fase
di fortissimo cambiamento» sottolinea Marco Ficarra. «Crescono le
aspettative delle aziende nei confronti dell’assistenza, della ricerca di
tariffe migliori, della garanzia del
servizio. Cresce anche la richiesta
di consulenza, settore nel quale Cisalpina Tours opera con successo
offrendo alle aziende, di qualunque
dimensione e tipo, l’analisi della
spesa, il contenimento dei costi,
implementazione di travel policy su
misura e un’accurata reportistica.»
Nel piano strategico triennale 2010-
TARIFFE ABBONAMENTI ANNUALI:
ITALIA 50,00 - ESTERO 90,00 EURO
VERSAM. SU C/C POSTALE
N. 85638005 - ROMA
CAUSALE DEL VERSAMENTO:
«ABBONAMENTO A TRAVEL QUOTIDIANO»
Stampa
Comunicare Srl
Piazza Dalmazia, 6 - 0511 Terni
con maggiori clienti
gen-mag 2010
2012 figura, tra gli altri punti, lo sviluppo ulteriore dei servizi Mice, nei
quali l’azienda vanta già una lunga
esperienza. Un altro obiettivo è l’allargamento del raggio di azione anche in Asia. È stato infatti appena
annunciato l’ingresso di nuove
agenzie partner cinesi, giapponesi
e di Brunei in Radius, il più grande
network mondiale di business travel, del quale Cisalpina Tours è
membro fondatore. Si tratta di
agenzie top-ranking nei rispettivi
paesi, che contribuiscono a un allargamento della rete di corrispondenti worldwide e a una migliore
pianificazione dei viaggi d’affari anche nell’estremo Oriente.
Concessionaria di Pubblicità
Network & Comunication srl
via La Spezia 35 - 00182 ROMA
Tel. +39 06.70476418 Fax +39 06.77200983
Area manager centro sud Italia: Olga Vaglio
[email protected]
Uffici Milano
tel. +39 02.76316846 - fax +39 02.76013193
Direttore commerciale: Marco Ferri
[email protected]
334.6288424
internet
a questo indirizzo
http ://www.travelquotidiano.com
E-MAIL: info @travelquotidiano.com
[email protected]
[email protected]
Quotidiano
www.travelquotidiano.com
7-9 luglio 2010
Notizie
Il presidente Aniasa: «Se il 2010 andrà avanti così, il prossimo anno potremo parlare di previsioni»
IL CLIENTE TIPO
NEL NOLEGGIO
A BREVE TERMINE
Uomo, italiano, istruito,
nei centri cittadini
per vacanza o per lavoro
L’autonoleggio si muove
testi
di ROBERTO SAONCELLA
Numeri
ROMA - Aumenta il numero di noleggi, cresce il
fatturato ma diminuiscono i
giorni e la durata media del
nolo. E’ questa la fotografia
dei primi 3 mesi del
2010 del comparto
noleggio a breve termine. Eppur si
muove, avrebbe potuto dire qualcuno,
ma
Rob e r t o
L u c chini,
presidente
Aniasa,
ha preferito de-
185,5 mln €
Nei primi tre mesi
del 2010
+1%
La crescita
rispetto al 2009
+2%
Il numero globale
dei clienti
-4%
La durata media
dei noleggi
finire questi primi dati in
questo modo: «è come un
cane o un gatto, che fino
al 2009 era fermo, che ora
invece ha cominciato a
muoversi, ma che purtroppo per ora gira in cerchio mordendosi la
coda».
La spiegazione non può
prescindere dai dati. Nei
primi 3 mesi di quest’anno, il fatturato del
settore a breve termine ha
superato i 185 milioni e
mezzo di euro, crescendo
dell’1% rispetto lo scorso
anno.
Parallelamente
sono scesi di 2 punti il numero assoluto totale di
giorni di noleggio e del
4% la durata media dei
noleggi. Questo perché
sono aumentati il numero dei clienti, che è
tornato sopra quota 900
mila noleggi (+2%).
«Qualcosa è tornato a
muoversi – ha commentato Lucchini -. Sono segnali positivi, timidi, ma
importanti. Il problema
però rimane. Non sono i
10 mila noleggi registrati
in più in questi primi del
mesi del 2010, magari stipulati con pochi giorni di
anticipo, che possono permettere ad un settore
come il nostro di fare previsioni».
Il problema resta quindi
l’incertezza. I numeri
continuano infatti a dire
tutto e l’opposto di tutto.
A parità di prezzo medio,
rimasto infatti invariato
rispetto ad un anno fa,
cresce il numero di nuove
immatricolazioni (+3%),
“Possiamo
Questo è il 2ª trimestre in positivo.
parlare di tendenza
”
Roberto Lucchini
Un monitor che propone ai passanti diverse soluzioni di viaggio, 24 ore su 24
Freenet lancia il marketing da vetrina
di CINZIA BERARDI
MILANO - A sette anni dalla sua
nascita Freenet ha sviluppato per le
agenzie affiliate un innovativo
strumento di marketing da collocare in vetrina: «Si tratta di un monitor da 32 pollici che proporrà ai
passanti, 24 ore su 24 e sette giorni
su sette, diverse soluzioni di viaggio e idee vacanza: se una di queste
suscita l'interesse del potenziale
cliente, questi potrà ricavare ulteriori informazioni video grazie alla
tecnologia touch screen, per poi inviare a se stesso una mail come
promemoria» spiega Fabio Avataneo, amministratore delegato del
network (nella foto), conosciuto
per non richiedere quote di affiliazione alle agenzie aderenti e nato
da una costola dell'associazione di
categoria Autotutela. «Il sistema
interno dell'agenzia conserverà
traccia di questa visita virtuale continua Avataneo - in modo da
poter presentare in seguito al
cliente una proposta completa e
ben strutturata».
Il costo di ciascuna macchina circa seimila euro da moltiplicare
per le 200 agenzie associate - è
stato coperto da diversi investitori
pubblicitari: perché ai lati dello
schermo verranno reclamizzati
prodotti e servizi in qualche modo
attinenti al viaggio che si sta consultando. A questa operazione, denominata "Vetrine vincenti" e sviluppata con l'aiuto delle società
Grd e Crio Design, Freenet affianca quest'estate un mezzo promozionale più classico, ovvero
spot da 15 secondi in onda su Retequattro: «L'obiettivo è far sapere al
pubblico che basta consultare il
sito www.freenet.it per trovare la
vacanza giusta. Una volta online, il
consumatore verrà indirizzato all'agenzia di viaggi più vicina che,
in caso di acquisto, riceverà da
Freenet la piena provvigione concordata con i tour operator, anche
in base a scaglioni di fatturato». A
partire da gennaio 2011 il sito con-
sentirà anche di prenotare e pagare
online, facendo però sempre riferimento all'agenzia. La sostenibilità
economica del network dipende
dalle provvigioni versate a Freenet
dai tour operator a fine anno, a seconda del fatturato raggiunto. Ecco
perché, dopo aver toccato nel 2007
il picco di 315 agenzie, si è proceduto alla loro selezione: «Molte
avevano aderito perché tanto era
gratis, ma poi i fatturati erano inesistenti: non ci interessa rosicchiare provvigioni, perché veniamo retribuiti dai tour operator,
ma chiediamo alle agenzie di dedicare ai nostri fornitori preferenziali
- tra cui Msc Crociere, Eden Viaggi
e Press Tours - almeno il 30 per
cento delle pratiche».
ma cala l’utilizzo medio
delle stesse (-1%).
«Purtroppo
dobbiamo
vincere anche un po’ di
paura – ha continuato
Lucchini -. L’incertezza
di questi anni, ha portato
molte aziende ad essere
prudenti. Quando ci arriva un nuovo cliente
aziendale, aprire con lui
un credito a scadenza, significa assumersi un rischio. Non sempre, in
momenti come questi,
molti di noi possono
farlo. Questo crea ancora
più difficoltà nel sistema,
con auto ferme e più
clienti».
Il dato che comunque si
vuole evidenziare è la
crescita del fatturato,
dell’1%. «Questo è ormai
il secondo trimestre con
segno positivo – ha concluso Lucchini -, possiamo parlare di tendenza.
Se il 2010 andrà avanti
così, penso che dall’anno
prossimo potremo riparlare di previsioni».
Qual è il cliente tipo dell’autonoleggio?
L’87% di sesso maschile;
il 56% dei clienti ha un’età
compresa tra i 36 ed i 55
anni; il 28% è tra i 18 ai 35
anni e il 16% ha superato i 55
anni. Ai box delle società di
noleggio si presentano per
lo più cittadini italiani (64%),
seguiti da quelli dei paesi UE
(26%). Sempre di rilievo la
presenza di clienti nord americani, che da soli rappresentano il 4% della clientela totale, anche se in calo rispetto allo scorso anno. La
restante quota del 6% comprende soprattutto turisti
provenienti dall’America Latina e da Paesi asiatici. Il 64%
ha conseguito un diploma, il
30% è laureato e solo il 6% si
è fermato alla licenza media.
il 39% noleggia un’auto per
motivi di lavoro. Si tratta generalmente di dipendenti, liberi professionisti, titolari di
partita Iva e aziende, per i
quali l’auto rappresenta uno
strumento fondamentale per
la propria attività lavorativa.
Il 50% per leisure, ovvero i
turisti. Rientrano in questa
categoria anche chi noleggia
per un week end o una settimana per provare un nuovo
modello di auto oppure testarlo in vista dell’acquisto.
L’11% noleggiano per sostituire la propria vettura momentaneamente non disponibile il 49% del fatturato dai
noleggi avvengono in aeroporto.
In caso di “vacanza rovinata”
Le responsabilità
del tour operator
MILANO - (e.m.) «Dobbiamo giustificare la nostra
presenza sul mercato dando valore aggiunto al nostro
lavoro». E’ questa la politica dell’Astoi espressa dal
suo vicepresidente, Enrico Scotti, in occasione dell’incontro sul tema del danno da vacanza rovinata organizzato da Gist e Giuffrè editore.
Tema centrale del dibattito: la finalità turistica del viaggio. «Il tour operator deve ascoltare il cliente e fornirgli la vacanza richiesta, ma non bisogna dimenticare
che alcuni fattori che possono rendere spiacevole un
viaggio non sono sotto il diretto controllo delle agenzie» ha sottolineato ancora Scotti.
Durante il dibattito, che ha preso le mosse dalla presentazione del libro “Il danno da vacanza rovinata” del
magistrato Simona Caterbi, è emerso il tema del risarcimento del danno nel caso in cui si accerti la responsabilità del t.o. «Per evitare doglianze – ha evidenziato
il magistrato – il contratto di viaggio deve essere
scritto in tutti i suoi elementi. Questa forma di tutela
bilaterale permette di stabilire se il danno è da attribuire al t.o o meno».
Il problema, tuttavia, non tocca le online travel agency
che interpretano diversamente il concetto di pacchetto turistico. «Mentre il tour operator tradizionale
soggiace alla normativa italiana e comunitaria - ha affermato Scotti - le agenzie online interpretano la normativa in un modo che, seppur non infondato dal
punto di vista giuridico, non permette di prendere in
considerazione gli obiettivi del cliente e quindi la prefissata combinazione di servizi: senza questo elemento viene meno il concetto stesso di pacchetto turistico».
3
Quotidiano
7-9 luglio 2010
www.travelquotidiano.com
Operatori
Dal 2011 un programma più vasto
L’Africa del Sud
sotto la lente
di Caleidoscopio
di GAIA GALLOTTA
ROMA - Anteprima del catalogo Caleidoscopio Africa
del Sud, vera e propria anticipazione di quello che per
intero sarà distribuito nel 2011, dopo i Mondiali in Sudafrica.
L’occasione per presentarlo a stampa e operatori del
settore è stata offerta dalla prima serata a Roma di Oltremare tour operator, organizzata con il partner ufficiale, l’ ente del turismo delle Seychelles.
«Molte sono le novità in corso - spiega Alberto Giorgio,
direttore commerciale area Centro sud -; abbiamo cominciato questa fase di start up sul Continente Nero
partendo dall'Africa del Sud, ma puntiamo, per l'anno
prossimo a un intero catalogo totalmente dedicato all'Africa, con estensione mare a Mauritius e Seychelles.
Inoltre è pronto il nuovo sito web, con l'innovativo servizio web booking, che consentirà alle agenzie viaggio
di costruire da sole pacchetti di viaggio, confezionandoli con i vari servizi aggiuntivi e i transfer».
Il sito sarà operativo da metà luglio per le agenzie,
mentre nell'immediato è in previsione un piano di
espansione della forza lavoro, che vedrà nell’arco del
2010-2011 l’ingresso in azienda di cinque nuovi commerciali per l’area Centro-nord e di altre due persone
per l’area Centro-sud.
«Da sempre il nostro punto di forza è quello di essere
accanto al trade - dice Alberto Giorgio -, di fare in
modo che possa esserci sinergia, per capire il tipo di
domanda che viene raccolta in agenzia. Nonostante un
2009 difficile, da gennaio a oggi il gruppo Oltremare
ha registrato un incremento di fatturato del 30%. La
domanda estiva non è ancora partita, ma confidiamo
molto nei viaggi di nozze, che procurano al gruppo
circa il 70% del fatturato. Per il 2011 si pensa di incrementare i pacchetti e le iniziative rivolte a questo specifico target». Ad accompagnare l’operatore nel work
shop formativo come partner, l’ente del turismo delle
Seychelles, che ha registrato un incremento di visitatori del 6% rispetto al 2009, nonostante una ripresa
lenta per l’estate. Il Paese, attento al turismo e all’ecologia, da sempre attrae il mercato italiano, che si è
guadagnato il 2° posto per arrivi dopo la Francia e seguito da Germania e Russia.
India ed Egitto insolito le novità dell’autunno. Un sito “intelligente” per aiutare adv e clienti
di SEBASTIANO GIORDANI
MESTRE - Loro la crisi
non la sentono, perché quel
che propongono non è un
bene superfluo: è, piuttosto,
puro ossigeno per chi fa
delle esperienze culturali e
di viaggio una necessità, un
bisogno, una ragione di
vita. Si spiegano così i positivi risultati che Ubuntu
Travel, tour operator con
sede a Mestre, può sfoggiare con orgoglio: bene
l’ultimo anno, bene il primo
semestre 2010, positive le
previsioni per il secondo.
Ennesima dimostrazione
che i prodotti di nicchia, se
curati a dovere, pagano.
Ubuntu ha scelto la strada
dell’ecologia, dell’archeologia, della natura, del viaggio come occasione di crescita intellettuale. Il suo sito
internet, tra i più “intelligenti” del turismo nazionale, ne è lampante dimostrazione: itinerari a tema,
editoriali,
informazioni
d’attualità, passaparola tra i
viaggiatori, link ad articoli
e video dal web, rubriche e
approfondimenti animano
ogni giorno quello che, più
che un sito istituzionale, è
un blog interattivo dove informarsi e formarsi. «E’ finita l’epoca del web come
semplice vetrina per vendere - spiega Manuela
Gobbo, fondatrice del progetto Ubuntu insieme a
4
Ubuntu Travel
investe sulla nicchia
Claudia Boato,
Paola Bonavent u r a ,
Adriano
Pavan e
Silvia
Scavino
-: oggi
internet
deve in-
nanzitutto fare informazione, offrire contenuti
concreti, stimolare la
crescita intellettuale
dell’utente. E’ quello
che noi, coerentemente con ciò che
vendiamo, proviamo a
fare. E il cliente lo apprezza». Lo dicono i
numeri, col segno più davanti
alla
quasi totalità
delle destinazioni proposte: «Gli
ultimi mesi
hanno confermato l’ottimo
trend legato
“partita
L’estate è
con il
safari delle oasi ai viaggi
avventura in Uzbekistan,
ogni momento è buono
per fare le valigie». Molta
attesa c’è poi per le due
novità di prodotto in catalogo. La prima è l’esordio
assoluto dell’India, che
sarà in vendita dal prossimo ottobre. La seconda
sono i nuovi itinerari proposti in Egitto: «Vogliamo
suggerire al cliente e alle
agenzie di viaggio - conclude la Gobbo - un nuovo
modo di visitare quel
Paese, che ormai tutti credono di conoscere alla
perfezione ma che invece
ha ancora molte sorprese
da offrire».
Un’estate
con il più
per Levi
MILANO - I Viaggi di
Maurizio Levi registra
numeri positivi. In deciso incremento l’Africa
australe, con Botswana
e Namibia in evidenza,
la Cina e l’Indonesia,
nonché l’America Latina
con Argentina, Bolivia e
Brasile, dove Viaggi Levi
propone percorsi originali e con un ottimo
rapporto prezzo-qualità, sempre guidati da
accompagnatori professionisti. Stabili invece le
richieste su India e
Oman, mentre sono in
deciso calo quelle sulla
Mongolia, una classica
meta estiva ormai passata da destinazione di
nicchia a meta proposta
da numerosi tour operator.
Caraibi, oceano Indiano e Mediterraneo sono il cuore della proposta estiva
piede giusto.
Spagna in testa
alle preferenze
Manuela
Gobbo
agli itinerari in Medioriente e nel Sud est asiatico - precisa la Gobbo -,
ma altrettanto positive
sono state le performance
di Egitto, Siria e Giordania».
Anche l’estate sembra
promettere bene: «Siamo
partiti col piede giusto,
anche se per noi è storicamente la stagione che
muove il minor numero di
passeggeri. Piacciono soprattutto la Spagna, con
l’Andalusia in testa alle
preferenze, l’Irlanda e la
Scozia. Poi ci sono quegli
itinerari talmente unici e
particolari che non risentono della stagionalità: dai
Andamenti
”
Dal golf alle crociere con Carréblu
testo e foto di MASSIMO TERRACINA
TORINO - Si sviluppa in tre cataloghi la programmazione estiva di
Carréblu: a Caraibi e oceano Indiano
si affianca il nuovo opuscolo dedicato al Mediterraneo. L’occasione
per parlarne è stata offerta dalla presentazione a Venezia della nuova
“Boréal”, nave di lusso da crociera
della compagnia francese che vede
in Carréblu un partner di spicco sul
mercato italiano.
«Abbiamo incrementato il panel
delle proposte Mediterraneo con
l’introduzione delle crociere di
Compagnie du Ponant, cui si affianca l’ampliamento delle strutture
in Grecia - commenta Gabriella
Piazza, managing director -, in Tunisia e in Marocco».
Grande attenzione alla Grecia, con
la novità di Costa Navarino con le
nuove aperture del Westin resort e
del Romanos. «Crediamo che sarà il
“top” dell’estate, con prezzi molto
interessanti per l’esclusività della
proposta dedicata a famiglie e golfisti».
Il 2009 di Carréblu si è chiuso in
lieve flessione. «Il 2010 è iniziato
molto bene, con un recupero notevole, addirittura esaltante da gennaio
“crociere
Avremo due
speciali
dedicate ai golfisti,
che giocheranno
nei campi dei paesi
mediterranei
”
Gabriella Piazza
ad aprile. Dopo Pasqua il mercato si
è nuovamente fermato. E’ una situazione preoccupante, soprattutto perché oggi registriamo un ridimensionamento allarmante. Ad esempio,
sui Caraibi abbiamo aumentato i
passeggeri ma diminuito l’importo
pratica, per la prima volta dopo tanti
anni».
«La partnership con Compagnie du
Ponant è una conseguenza della nostra attenzione all’andamento e agli
spostamenti di mercato. Non potevamo tralasciare un mercato in costante crescita come quello crocieristico - aggiunge Alessandro Zanon,
direttore commerciale - e dopo
un’attenta ricerca abbiamo sposato
la filosofia delle crociere di Compagnie du Ponant».
Per quanto attiene agli altri cataloghi, nulla di nuovo se non un ulteriore consolidamento. «Siamo entrati nel club Mauritius per il rilancio
della destinazione, dedicandoci alla
nicchia del golf su cui vogliamo posizionarci. Addirittura avremo due
partenze in luglio con Borèal dedicate ai golfisti, durante le quali si
giocherà su alcuni campi del Mediterraneo, raggiunti via mare. Lo
stesso dicasi per le crociere dedicate
al benessere».
Quotidiano
7-9 luglio 2010
www.travelquotidiano.com
Operatori
Msc
Il periodo più difficile è alle spalle: Stati Uniti, Australia e Paesi arabi apripista della ripresa
Hotelplan Italia oltre la crisi
testo e foto
di MANUELA CUADRADO
13.000
Passeggeri previsti
MILANO - Gli italiani sono
usciti dalla crisi? Forse no,
ma di sicuro non si sono lasciati abbattere. Rispetto al
2009, quando dominava l'incertezza e le vacanze erano
considerate una provocazione, la situazione è certamente migliorata, anche se ci
vorrà ancora del tempo
prima di ritornare agli standard pre-crisi. Questa è la fotografia del Belpaese scattata
da Hotelplan a cavallo tra
giugno e luglio, il primo baluardo turistico dell'estate
italiana.
«Non si può dire che l'estate
2010 sia rosea, ma non è
nemmeno nera come la si
immaginava. D'altra parte,
noi professionisti del turismo
non possiamo sempre commiserarci», ha commentato
Anna Schuepbach, presidente di Hotelplan Italia. Roberto Franchi, direttore commerciale (nella foto piccola),
entra nello specifico: «Sono
andate particolarmente bene
le destinazioni nei Paesi
arabi, ma anche gli Stati
Uniti: si sono rivelati una
delle mete più apprezzate in
assoluto. Significa che i
viaggiatori hanno ripreso fi-
in Usa - estate 2010
ducia nelle destinazioni a
medio e lungo raggio. Gli
italiani non hanno rinunciato
a viaggiare, a dispetto della
crisi. Hanno però cambiato
abitudini: per esempio, non
prenotano più tutti insieme
negli stessi periodi, ovvero le
classiche due settimane di
Natale e le centrali di agosto.
Hanno imparato che differenziare le partenze permette
di risparmiare e quindi di
scegliere meglio».
Anche Silvia Camanni (nella
“nonLaè situazione
più
così critica come
si era temuto;
i numeri dell’estate
sono in ripresa
Anna
Schuepbach
Tutto il Mare Italia
accessibile online
Gialpi Travel
sbarca
su internet
di ROBERTO SAONCELLA
Notizie
In 10 righe
- I Grandi Viaggi
Il consiglio di amministrazione de I Grandi
Viaggi ha approvato i risultati del primo semestre e ha esaminato i risultati consolidati del
gruppo per il periodo 1°
novembre 2009 - 30
aprile 2010. Il fatturato
ha toccato i 26,3 milioni
di euro (-1,1 milioni di
euro). Il risultato consolidato è passato dai 4,4 milioni di euro ai 5,2 milioni di euro.
- Chinasia
Chinasia propone il tour
“Il profumo degli
osmanti”, di 15 giorni,
fra Hong Kong, Shanghai, Pechino, Guilin e
Suzhou.
Partenze 31 luglio, 7-1421 agosto, 4 settembre;
quote da 2 mila 830
euro.
6
”
Crescita record
per l’indotto
dalle crociere
foto piccola), sales & marketing strategy manager di Hotelplan Italia, insiste sul successo del prodotto Usa: «Gli
Stati Uniti sono stati davvero
una sorpresa - ha dichiarato così come la ripresa dell'Australia, meta “riscoperta” dagli honeymooner; non ci
aspettavamo di veder riprendere tanto presto una destinazione così impegnativa.
Bene anche la Giordania e la
Turchia, una meta su cui cerchiamo di differenziarci proponendo un taglio particolarmente originale».
Anche secondo la Camanni
qualcosa è cambiato nel rapporto tra gli italiani e il turismo.
«C'è un ritorno all'agenzia - ha commentato -; i turisti cominciano a capire che
non basta un computer per trasformarsi
in agenti di viaggio.
Cercare su internet è
una comodità, ma
spesso richiede lunghe ricerche davanti
al monitor, specie
per chi è meno
esperto; il tempo
perso non vale la
commissione
dell'agente di
viaggio».
CASTELLAMMARE DI STABIA - Gialpi Travel, tour operator incoming napoletano, sbarca su internet. In queste settimane sarà infatti online il nuovo sito
www.gialpitravel.com, sul quale si potrà avere l’istant booking delle oltre 100 strutture di Mare Italia, inserite nel catalogo.
E’ un nuovo fronte quello che il t.o. campano apre nel suo
panorama di offerte.
Sul nuovo sito saranno accessibili ai clienti tutte le offerte
incoming di Gialpi. Il piatto forte si concentra in Puglia, Sicilia, e Basilicata.
Per quel che riguarda la Campania, invece, a farla da padrone sono la costiera amalfitana e il Cilento, con più alber-
di PAOLA CAMERA
ghi e meno villaggi. La maggior parte dei clienti si concentra nel Centro nord, con la Lombardia che da sola rappresenta quasi un terzo dei clienti nazionali.
Per i gruppi esteri, tra i primi posti troviamo giapponesi, australiani e americani. Diverse le esigenze degli orientali, che
preferiscono l’arte alle spiagge, da quelle degli anglosassoni, che invece chiedono location di alto livello come Capri o Taormina.
Il 35% della clientela Gialpi si muove in autobus. Con collegamenti diretti da più di 80 città italiane, il t.o. trasporta
giornalmente decine di turisti, soprattutto gruppi, dal Nord
fino alle destinazioni del Sud Italia, offrendo agli stranieri il
pacchetto aereo più autobus.
ROMA - Continua la crescita del settore crocieristico che, secondo Cruise
lines International Association, ha registrato nel
2009 oltre 15 milioni di
turisti, ne conterà 19 milioni nel 2010 e arriverà
nel 2015 a quota 25 milioni. A far la parte del
leone per l’Italia, al
quarto posto in classifica
internazionale dopo tre
grandi gruppi, Msc Crociere, che nel 2009 ha trasportato tra i porti italiani
oltre 2 milioni di passeggeri in 621 scali.
Secondo uno studio realizzato da Ca’ Foscari
Formazione e Ricerca in
collaborazione con Risposte Turismo, Msc ha
generato in Italia nel
2009 una ricaduta economica di un miliardo 523
milioni di euro, se si
conta l’impatto economico diretto, indiretto e
l’indotto. «La spesa totale
generata in Italia da Msc è
di 628 milioni di euro, se
si contano i 118 milioni di
spesa diretta attribuibile
ai crocieristi e i 510 milioni
che la compagnia spende
tra tour operator, porti,
catering e cruise tech department - ha spiegato
Francesco di Cesare, docente di marketing dell’ateneo veneziano e coordinatore dello studio -.
L’indotto è stato invece
di 518 milioni di euro».
Numeri importanti , che
significano anche molti
posti di lavoro: sono infatti 2 mila 370 gli italiani
impiegati a bordo delle
navi o nelle sedi della
compagnia.
Anniversari
Il gruppo Gastaldi al giro di boa dei 150 anni
Le tappe
+72%
18
di MARIA CARNIGLIA
GENOVA - Il gruppo Gastaldi ha
superato i 150 anni di attività: nel
1860 nasceva Gastaldi, fondato da
Gianbattista Gastaldi, rilevato poi
nel 1904 da Alessandro Cerruti e
da allora nelle mani della famiglia
Cerruti che a tutt’oggi gestisce il
business. Negli anni il gruppo si è
allargato a diversi settori, dal tra-
Aziende del gruppo
sporto marittimo e aereo, al turismo outgoing e incoming; dai
viaggi di incentivazione e congressi, al settore immobiliare; da
quello finanziario e assicurativo, a
quello dei terminal portuali e della
logistica.
Oggi la divisione travel & tourism
è guidata da Michele Cerruti ed è
composta dal ramo del tour operating (Gastaldi 1860, Gastaldi Usa
e JetSet Vojages) e dal ramo dedicato ai servizi per le aziende e all’incoming Italia, con viaggi incentive ed eventi (Gastaldi Global
Travel e Congresship).
Crescita 2010 Gastaldi 1860
«Tutto è iniziato nella prima parte
del ‘900, con Gastaldi leader sulle
rotte transoceaniche - commenta
Michele Cerruti, amministratore
delegato Gastaldi 1860 -. Nel secondo dopoguerra il gruppo potenzia il settore passeggeri, rappresentando come agente generale numerose compagnie. Gastaldi abbraccia con lungimiranza
il nuovo business del trasporto aereo. Negli anni Settanta il mercato
cambia e si inizia a viaggiare per
affari e turismo. Così Gastaldi si
propone con vivacità sul mercato,
iniziando varie attività: dal tour
“queste
Qualità, competenza e affidabilità:
le chiavi di sviluppo del futuro
”
Michele Cerruti
1860
nasce Gastaldi
1904
subentra la famiglia
Cerruti
operating agli eventi, dal dmc per
gli incentive stranieri ai congressi.
Cogliendo poi la tendenza alla
specializzazione e diversificazione che il mercato turistico inizia a evidenziare alla fine del millennio, il gruppo sviluppa un ampio ventaglio di iniziative, che
proseguono ancora ai giorni nostri
grazie al mantenimento della filosofia iniziale; qualità, competenza, affidabilità».
L’ultimo nato, Gastaldi 1860,
punta su un’offerta di viaggi di
gruppo e individuali con destinazione America del Nord e America del Sud. L’operatore registra
numeri di tutto rispetto: nei primi
5 mesi del 2010 la crescita sul
2009 è pari al 72%.
Quotidiano
www.travelquotidiano.com
7-9 luglio 2010
Operatori
Una nuova iniziativa accanto alla consolidata programmazione su Brasile, Cuba e Argentina
“Rutas de Mexico”
con Jangada Travel
testi di CAMILLA MADERNA
“spingere
L’obiettivo è di
il “turismo
dei viaggiatori”
”
Roberto Ferroli
SOAVE - Jangada Travel
apre la programmazione
alle “10 rutas de Mexico”: «Dieci itinerari
alla ricerca dell'autenticità del territorio - dichiara Roberto Ferroli,
presidente di Jangada
Travel -. Da Città del
Messico ogni rotta prosegue verso direzioni differenti, che collegano i 31
stati del Paese, alla scoperta dei siti archeologici,
delle città coloniali, della
tradizione culinaria, fino
all'itinerario dedicato alle
meraviglie naturali».
L'obiettivo
dichiarato
della segreteria del turismo del Messico e di
Messico Tourism Board,
artefici
dell'iniziativa
presentata a metà maggio di fronte a 250 operatori provenienti da
tutto il mondo, è
quello di promuovere
“il turismo dei viaggiatori”, filosofia peraltro sposata da Jangada, «anche per col-
2,5 mln € Aumento
+4,5%
fatturato
Fatturato previsto
per il 2010
mare la lacuna di quel turismo, soprattutto italiano, che sceglie una vacanza in Messico ancora
limitata all’offerta balneare».
Intanto, il trend della programmazione classica
dell’operatore restituisce
il ritmo oscillante del turismo italiano: «Un buon
2010 rispetto al 2009
traffico su Brasile e Messico, mentre Cuba e Argentina vivono, in termini
di prenotazioni, una fase
di stallo, così come la
Thailandia». Il miglioramento è atteso a partire
dal prossimo ottobre:
«allo stato attuale crediamo di chiudere l’anno
con un fatturato di 2 mi-
Un’offerta in Calabria
SOAVE - Il “mare nostrum” di Jangada Travel si arricchisce nell’offerta con il complesso Aurora Beach Hotel & Resort di Marina di Mandatoriccio, incastonato sulla costa jonica della Calabria. La struttura è commercializzata in esclusiva dall’operatore
veneto alle agenzie. Si Tratta di un quattro stelle, ristrutturato e rinnovato anche nella gestione, con
offerte per la stagione estiva soprattutto rivolte alle
coppie e alle famiglie, che vedono garantita la gratuità dei bambini, a fronte di differenti tipologie di
camere e appartamenti.
lioni e mezzo di euro, con
un leggero aumento del
4,5% , rispetto al bilancio
2009. Tendenza che si riscontra anche nelle prenotazioni, con un incremento, rispetto allo
scorso anno, stimato intorno al 2%».
Il t.o. veneto stringe a
doppio filo il rapporto di
commercializzazione e
comunicazione con le
adv, presentando un'operazione di co-marketing
rivolta a 20 selezionate
agenzie di viaggio, messa
a punto insieme a Travel
Software, società specializzata nella realizzazione
di gestionali per adv e t.o.
«Abbiamo messo a fattor
comune la necessità di
comunicare con gli
agenti, segmento di riferimento di entrambe le
aziende».
In partnership
con Francescaonline
Alpitour
World
si lancia
nel segmento
e-commerce
CUNEO - Alpitourworld.com portale ecommerce di Alpitour
World, è partner nel
nuovo e inedito progetto Francescaonline.it
AlpitourWorld.com, lanciato in maggio, è il portale dedicato a tutti gli
indipendent traveller
che organizzano e prenotano la loro vacanza
via web. L’iniziativa
creata da Cnr Media,
della durata di un anno,
è legata al mondo dell’e-commerce, che verrà
scandagliato e analizzato dalla giornalista
Francesca Sassoli. La
missione della reporter
sarà quella di effettuare
tutti gli acquisti solo attraverso il canale internet, dalla spesa ai viaggi
(selezionati fra quelli di
Alpitour World), riportando il tutto in un proprio diario pubblicato
sul
sito
francescaonline.it.
9
Quotidiano
7-9 luglio 2010
www.travelquotidiano.com
Compagnie aeree
La compagnia entra ufficialmente nell’alleanza che ora conta su un network domestico, da e per la Grecia di oltre mille 500 voli settimanali
622
mln €
ricavi Aegean
6,6 mln
passeggeri 2009
esercizio 2009
Aegean (+10%)
testi di ALBERTO CASPANI
ATENE – Nel firmamento
di Star Alliance si è aggiunta una nuova stella. Aegean Airlines è infatti diventata la 28esima compagnia del più importante network aereo al mondo, con
l’obiettivo d’internazionalizzare sempre più gli accessi alla Grecia. Una
rampa di lancio per avvicinare Occidente ed Oriente
nel bacino mediterraneo,
ma anche una risposta di
solidarietà alla pesantissima crisi economica che ha
investito l’antica patria di
Pericle.
«Il processo d’integrazione
era iniziato già 12 mesi fa –
ha spiegato Theodore Vassilakis, presidente di Aegean Airlines – dal momento che occorreva uniformare i nostri sistemi di
prenotazione e gestione
traffico a quelli dell’alleanza. L’accordo garantirà
mille 500 voli settimanali
aggiuntivi su 69 destinazioni di 27 paesi, proponendoci come hub strategico
per il mercato europeo del
30
aeromobili
in flotta
Aegean Airlines
prende quota
con Star Alliance
Sud-est».
«Senza dubbio la nostra
partnership conferirà un
grande impulso al turismo
mediterraneo – ha rilanciato Jaan Albrecht, presidente di Star Alliance – ma
Atene rappresenta anche
uno scalo cruciale per le
opportunità business: oltre
a poter sfruttare i punti accumulati nel programma
frequent flyer
dell’alleanza
su questa
destinazione, i
nostri
clienti avranno ora l’opportunità di orientare i
propri investimenti sul
mercato greco senza soluzione di continuità».
Dal 2008 Aegean Airlines
è diventata la più importante compagnia nazionale
greca, con un traffico annuo di 6 milioni 600 mila
passeggeri, con risultati
positivi in Borsa durante
gli ultimi sette anni consecutivi. Oggi vanta una
flotta di 30
veivoli
e
col-
lega l’Italia ad Atene dagli
aeroporti di Milano Malpensa, Venezia, nonché
Roma Fiumicino. Il Belpaese, in particolare, rappresenta uno dei mercati
di maggior contributo per
la compag n i a
greca,
che
per-
“
”
Theodore
Vassilakis
sino lo scorso anno è stata
in grado di aumentare i
propri passeggeri internazionali (passati da 2 milioni 310 mila a 2 milioni
820 mila), con un revenue
complessivi per 622 milioni di euro (nel 2008
erano stati 611 milioni).
«Uno dei punti forti su cui
abbiamo costruito il nostro
successo in Grecia – ha
aggiunto Dimitris Gerogiannis, ceo di Aegean
Airlines – è risultata la
puntualità della compa-
Albrecht
Operativi da Verona le due nuove rotte per Catania e Palermo in code share con Az
Air Italy rilancia sulla Sicilia e guarda oltre
di LUIGI FRANZOSO
10
KALAMATA – Messenia di nuovo protagonista.
Un tempo famosa per le sue acerrime guerre
contro gli Spartani, oggi la piccola regione del
Pelopponeso si propone come la destinazione
più trendy dell’intera Grecia, grazie all’inaugurazione dell’ecoprogetto Costa Navarino: lo
scorso 20 maggio ha infatti aperto i battenti
“The Romanos”, la prima struttura alberghiera
(321 camere, di cui 121 con vasche a sfioro) di un
complesso turistico esteso su oltre 130 ettari di
oliveti, già membro della Luxury collection. Fra le
attrattive a venire, un campo da golf modellato
da Bernard Langer, 4mila metri quadri di spa, oltre che numerosi ristoranti ed intrattenimenti per
gli altri tre resort in costruzione. Punte di diamante, il Navarino Enviromental Observatory,
dedicato allo studio del cambiamento climatico
nel Mediterraneo, così come il Navarino Natura
Hall (2011), centro espositivo interattivo sulla natura e le sue problematiche.
“scaloAtenecruciale
è uno
anche per il bt
”
Jaan
Diventiamo
l’hub europeo
per il Sud-est
VERONA - Adesso ad
Air Italy mancano solo
due tasselli per completare la copertura sugli
scali italiani. Sono infatti
disponibili due nuove
tratte da Verona per Catania e Palermo, in codeshare con Alitalia, con
una frequenza di quattro
collegamenti a settimana.
«Dal 1991 operiamo qui
a Verona – afferma il presidente e amministratore
delegato della compagnia
Giuseppe Gentile – e il
nostro interesse è quello
di svilupparci qui ulteriormente. Ora copriamo
quasi tutto il territorio, ci
mancano solo la Calabria
e la Sardegna. Sulla
prima ci stiamo lavorando, e potrebbero esserci novità a breve, sulla
seconda dipende dalle licenze regionali».
Attualmente la compagnia stima di chiudere
l’anno con 135 mila passeggeri trasportati tra Napoli, Roma e Bari, con
l’obiettivo di arrivare
Debutta Costa Navarino
quanto prima a 175 mila.
Il recento approdo sullo
scalo veronese di Ryanair
non lascia del tutto indifferenti i responsabili di
Air Italy, che però precisano che la loro azienda
ha obiettivi e progetti che
si muovono in direzione
diversa. «Noi non siamo
una compagnia low cost
– dichiara il direttore
commerciale Andrea Stefano Gilardi –, ma Ryanair è sempre un competitor aggressivo a cui
stiamo guardando. Ragionevole pensare che
questi nuovi loro voli, di
fatto un trasferimento da
Brescia a Verona delle
tratte, potrà essere un
“
Copriamo quasi tutto il territorio,
mancano solo Calabria e Sardegna
”
Giuseppe Gentile
primo loro step per un
successivo sviluppo. Comunque noi abbiamo logiche diverse da una low
cost, adesso questo codeshare con Alitalia ci aiuterà molto e lavoreremo
per diversificare le offerte b2b e b2c. Speriamo
infine che non aprano
rotte su cui stiamo già
operando noi, ma se lo
facessero non sarebbe altro che un ulteriore sviluppo del mercato e un
po’ di sana concorrenza
non ci può fare altro che
bene».
gnia, anche perché prevediamo l’omaggio di un biglietto gratuito in caso di
ritardo
superiore
ad
un’ora. Inoltre anche il
servizio a bordo offre una
panoramica di qualità sull’eccezionale enogastronomia greca, mentre il nostro sito internet www.aegeanairlines.com (che ha
toccato quota un milione
di accessi proprio lo
scorso febbraio) è diventato nel tempo uno degli
strumenti chiave per prenotare viaggi, hotel, affitto
d’auto o procurarsi assicurazioni in Grecia.
«Anche se la crisi ha pesato per un 20% in negativo sul mercato interno,
dal 2011 prevediamo un
pieno rilancio e possibili
nuovi collegamenti verso
il Medio Oriente».
Il vettore austriaco cambia
anche la direzione italiana
Austrian e Lufthansa:
l’integrazione procede
a passi spediti
MILANO - (c.b.) Procede spedita, tra accorpamenti e sinergie, l’integrazione di Austrian Airlines nel gruppo Lufthansa. Entro la fine di luglio
la compagnia austriaca trasferirà i propri uffici di
Milano in via Spadolini 7 (zona Ripamonti),
sede milanese di Lufthansa. Anche la forza vendite cui le agenzie di viaggio devono ora fare riferimento è la stessa di Lufthansa/Swiss, che dal
9 giugno scorso ha assunto anche la responsabilità commerciale di Austrian Airlines in Italia.
Ma l’effetto più rilevante della fusione è l’avvicendamento al vertice, con Glauco Grossi che
assumerà entro il 31 luglio l'incarico di country
manager Italy & Malta di Austrian Airlines, sostituendo Manuela Vogt (insieme a Grossi nella
foto). Grossi, 33 anni, è entrato in Austrian Airlines nel 2004 come passenger
sales executive, prima per il
Nord-ovest e poi per il Nordest, e negli ultimi due anni ha
svolto le funzioni di vicedirettore al
fianco
d e l l a
Vogt.
Quotidiano
www.travelquotidiano.com
7-9 luglio 2010
Compagnie aeree
La compagnia rilancia sul Belpaese: tre frequenze settimanali per il collegamento circolare su Colombo
«Il mercato
risponde bene»
di MANUELA CUADRADO
MILANO - Un nuovo collegamento aereo tra Italia e
Sri Lanka, per incoraggiare
l’incoming dal Belpaese
verso l’ “isola splendente”.
«Dal 2 luglio sono disponibili voli dall’Italia diretti a
Colombo - ha dichiarato
Roberto Scalzitti, senior sales manager di SriLankan
Airlines -. Si tratta però di
voli esclusivamente riservati ai passeggeri italiani; finora abbiamo infatti condiviso la capienza dell’aereomobile con i passeggeri di
Parigi e Francoforte. I voli
sono previsti di venerdì,
mercoledì e domenica da
Milano Malpensa e Roma
Fiumicino».
Un decisivo passo in avanti
per la compagnia, nata nel
1979. Continua Scalzitti:
«Abbiamo riaperto i voli
dall’Italia il 3 dicembre
2008; la compagnia ha anche riacquistato il 51% del
capitale azionario, nelle
mani di imprenditori mediorientali. La nostra flotta è
composta da Airbus 340,
MILANO - Decollano con una serie di tariffe speciali i nuovi voli per Colombo: «A partire da 450 euro fino al 31/10 , commissionabile all’1% - spiega
Roberto Scalzitti -. Ma anche per Male e Bangkok: da poco più di 500 euro
per l’economy fino a mille 100 per la business. Dal 2 luglio al 31 agosto, inoltre, è previsto un extra bonus sulle miglia maturate. E il mercato risponde
positivamente: i voli fino a metà agosto sono tutti pieni». Tariffe competitive
anche per la stagione invernale, dal 1° novembre al 31 marzo 2011.
SriLankan Airlines:
volo diretto
da Milano e Roma
330 e 320. Colleghiamo
44 città in 29 Paesi di Medio Oriente, Sud-est asiatico ed Estremo Oriente».
Il nuovo collegamento riflette la volontà del governo di Sri Lanka di
aprirsi nuovamente al turismo. Il Paese sta attraversando un momento di
tranquillità, che ha permesso di investire in in-
frastrutture. La situazione
politica è attuale è stabile
e consente di varare nuovi
progetti per lo sviluppo
turistico della parte orientale del Paese. La sfida è
costruire 40 mila nuovi alloggi entro 2016. A Kalpitiya per esempio, sulla costa orientale, saranno costruiti tre nuovi resort entro il 2013.
“
I voli dall’Italia non sono più condivisi
con i passeggeri di Parigi e Francoforte
”
Roberto Scalzitti
Kaushal Seneviratne, regional manager Uk, Europe and North America
di SriLankan Airlines, ha
commentato: «Quando la
guerra è finita e abbiamo
riaperto al turismo, non è
stato facile convincere le
persone che la destinazione era da considerarsi
sicura. I t.o. non ci hanno
appoggiato molto in questo e abbiamo dovuto riposizionarci sul mercato.
Ma dallo scorso settembre
registriamo aumenti nell’incoming. Da gennaio a
maggio 2010 abbiamo
avuto una crescita del
53%, in particolare dalla
“
Cerchiamo
“
Gli arrivi italiani
di riconquistare
cresceranno dalla
il mercato Italia
prossima stagione
” Gyan
”
Kaushal
Seneviratne
Amerasinghe
Germania. Stiamo invece
cercando ancora di riconquistare il mercato italiano, perché generalmente i turisti preferiscono le Maldive. Eppure
Sri Lanka è una destinazione conosciuta ed amata
da tutti gli europei. Senza
contare che la fine del
conflitto porta nuove possibilità di business nell’industria turistica in cui il
governo di Sri Lanka
crede molto». Rispetto a
giugno 2009, gli arrivi di
turisti italiani sono co-
munque incrementati del
30%. Gyan Amerasinghe,
country manager Italy di
SriLankan Airlines, rimarca: «Ci aspettiamo
una crescita degli arrivi
dall’Italia per la prossima
stagione. L’Italia è stato
l’ultimo Paese a ricollegarsi a Sri Lanka dalla
fine della guerriglia Tamil. Siamo certi che gli
italiani torneranno ad
amare Sri Lanka: nonostante le apparenze così
diverse, abbiamo spiriti
affini».
Cresce intanto la flotta con 10 nuovi A320 entro il 2011
Cambio della guardia
per Yemenia in Italia
Da sinistra, Abdulla Alkebsy
e Ibrahim Al-Sharafi
di MARCO DE ROSSI
ROMA – Yemenia Yemen
Airways opera un cambio
al vertice dalla sua struttura in Italia. Se ne va infatti Abdulla Alkebsy, per
quattro anni direttore generale del vettore, trasferito alla direzione generale di Sana’a, e subentra
Ibrahim Al-Sharafi, quarantasei anni, già regional
manager Europa, Usa –
Canada, Dar Es Salam
(Tanzania) e commercial
director office della compagnia.
Al-Sharafi arriva a dirigere l’ufficio italiano in
un momento difficile per
il trasporto aereo in generale, ed ancor più difficile
per il vettore di un Paese
che la Farnesina sconsiglia ancora di visitare,
perché giudicato pericoloso, pregiudicando così il
traffico turistico. Infatti la
maggior parte del traffico
della Yemen Airways è etnico, diretto soprattutto
verso l’Africa centro-
orientale, in paesi come
l’Etiopia e l’Eritrea, verso
i quali c’è un notevole
flusso anche dall’Italia.
Attualmente i collegamenti fra l’Italia (da
Roma Fiumicino) e Sana’a sono due alla settimana. Ma «entro breve
tempo», assicura Al-Sharafi, che ha maturato una
notevole esperienza all’interno della compagnia,
«contiamo di rilanciare la
Yemen Airways, grazie
anche all’arrivo di dieci
nuovi Airbus A-320, che
saranno consegnati entro
il 2011».
I nuovi aeromobili vanno
ad aggiungersi ai dieci attualmente in dotazione
alla flotta, che in questo
modo viene di fatto raddoppiata. Entro l’anno saranno attivati nuovi collegamenti con Dar Es Salaam e Nairobi, e saranno
incrementate le rotte storiche
della Yemenia,
come Addis Abeba,
Asmara, Gibuti, Khartounm e Bombay.
11
Quotidiano
7-9 luglio 2010
www.travelquotidiano.com
Alberghi
Quattro new entry a Budapest
Poker ungherese
per il portfolio
di Worldhotels
MILANO - Worldhotels consolida la propria presenza a
Budapest con l’acquisizione di quattro proprietà del
gruppo Mellow Mood. Sale così a sei il numero delle
strutture nella capitale ungherese, che ha visto il gruppo
muovere suoi primi passi nel 2009, con il Boutique Hotel Zara e il Continental Hotel Zara. L’apertura di quest’ultimo è di queste settimane: 221 camere e uno dei più
grandi centri fitness e termali della città.
L’Expo Congress Hotel, recentemente rinnovato, è il
primo hotel del Mellow Mood Group ad essere stato integrato nel portfolio ungherese di worldhotels. Ai piedi
del centro fieristico, ha 160 camere e tre sale meeting.
Segue l’Alta Moda Fashion Hotel, operativo dallo scorso
15 maggio e considerato una delle proprietà più eleganti
di Budapest. All’interno di un edificio neo-rinascimentale costruito negli anni ’20 e oggi completamente ristrutturato, conta 114 e una grande area dedicata al benessere e al relax. Entro la fine del 2010 aprirà anche il
La Prima Fashion Hotel Budapest, a pochi passi dalla
più famosa via dello shopping della città: ottanta le camere. Sigillerà in grande stile l’espansione magiara il
lussuoso Buddha-Bar Hotel Budapest Klotild Palace, la
seconda proprietà alberghiera del brand Buddha-Bar la
cui inaugurazione è prevista per il 2011. L’albergo farà
parte della Deluxe Collection di Worldhotels e sorgerà
nello storico complesso di Klotild Palace, ai piedi del
Ponte Erzsébet. L’hotel comprenderà 102 camere in stile
asiatico-coloniale, rivisitato in chiave contemporanea.
«La partnership con Worldhotels rafforzerà il nostro
posizionamento nel mercato domestico e internazionale
– afferma Sameer Hamdan e Zuhair Awad, ceo Mellow
Mood Group. Oltre alle nuove proprietà in Ungheria,
nell’estate del 2011 apriremo un nuovo albergo a Vienna
e anch’esso si affilierà a Worldhotels».
«Con le recenti acquisizioni – conclude Ingo Gürges,
vice president development di Worldhotels – la nostra
offerta ricettiva su Budapest è davvero completa e di altissimo livello».
Il gruppo sardo rafforza il legame con le adv e non nasconde futuri progetti di ampliamento dell’offerta
di MARIA CARNIGLIA
OLBIA - Delphina Hotels
& Resorts, presente sul
mercato con otto strutture
nel Nord della Sardegna,
cresce. Attualmente il
gruppo, che registra ancora
qualche strascico della
crisi, continua ad investire
sui servizi alla clientela. Tra
gli obiettivi futuri anche
quello di allargare l’offerta.
«Ci sono iniziative di un
certo rilievo in programma
tra il 2011 ed il 2012 – sottolinea Marco Muntoni,
amministratore Delphina
Hotel & Resorts -. Si tratta
di operazioni in corso ed è
prematuro parlarne. Fondamentalmente possiamo dire
di essere un’azienda molto
dinamica e ogni stagione
abbiamo piccole sorprese
da riservare ai nostri
ospiti».
Secondo il gruppo nei periodi caratterizzati da incertezza economica il turista si
muove con cautela e la tendenza generale è quella di
riservare la prenotazione al-
Notizie
In 10 righe
- Swissôtel Hotels
Swissôtel Hotels & Resorts sta costruendo un
nuovo hotel di lusso a
Kiev che sarà inaugurato verso la metà del
2012. Il contratto di management fra Swissôtel
e il gruppo Kdd è già
stato sottoscritto L’albergo da 513 camere e
suite farà parte di un
complesso immobiliare
con numerosi uffici e disporrà anche di 14 appartamenti, sale conferenze e spa.
- Mandarin
Oriental Hotel
Mandarin Oriental Hotel Group gestirà un
nuovo albergo di lusso
con residence annesso a
Doha, la capitale del
Qatar. La struttura, attualmente in fase di costruzione da parte dell’azienda proprietaria
Dohaland, aprirà i battenti nel 2014.
12
Delphina Hotels investe
su servizi e agenzie
l’ultimo momento.
«Per combattere questo
fenomeno – aggiunge
Muntoni – continuiamo ad
incentivare le prenotazioni con largo anticipo.
L’andamento delle prenotazioni è abbastanza
buono e in alcuni periodi
alcune strutture sono già
al completo. Il dato relativo alle presenze in linea
generale è positivo ed
omogeneo».
Il mercato di riferimento è
l’Italia ma per quanto riguarda l’estero la clientela
proviene da Francia, Germania, Regno Unito, Russia e Spagna. «Abbiamo
un’offerta variegata –
commenta l’amministratore del gruppo - e siamo
stati molto attenti in questi
anni a creare una differen-
ziazione adeguata. Il nostro target è quello medio-
alto in genere anche se i
prezzi sono molto vantag-
Il centro benessere Le Sabine Spa,
Le Dune Resort & Spa
“
Continuiamo a incentivare
le prenotazioni con largo anticipo
Marco Muntoni
”
giosi nella bassa stagione
e alla portata della famiglia media».
Il gruppo intende rafforzare anche i rapporti con
le agenzie di viaggio, la
cui collaborazione è fondamentale per arginare e
superare la crisi. «L’agenzia di viaggio ha ancora la
sua importanza – conclude Muntoni - e il
cliente ha bisogno di consulenza e garanzie. Il mercato del turismo in genere
ha bisogno di serietà e costanza. Non c’è peggior
cosa dell’incertezza nel
nostro settore. In quest’ottica da sempre ci siamo
fatti riconoscere per la serietà ed il rigore col quale
gestiamo i rapporti con le
agenzie di viaggio ed i
tour operator».
Piano quinquennale
Ihg pronto
al raddoppio
in Cina
BEIJING - InterContinental Hotels raddoppierà nei prossimi cinque anni la propria presenza in Cina fino a raggiungere le 250 strutture dalle attuali 131. La
notizia arriva da Ihg
dopo la recente apertura di due nuovi hotel
a Nanchino e Shanghai.
Quest’anno il gruppo
Ihg aprirà oltre 30 hotel
tra cui sette a marchio
InterContinental, sette
Crowne Plazas e il debutto di Hotel Indigo a
Shanghai. La Cina rappresenta per Ihg la seconda regione di operatività dopo gli Usa. «Diventati la prima catena
alberghiera internazionale in Cina – ha dichiarato andy Cosslett,
chief executive Ihg –
contiamo ora su 40
mila persone che lavora
qui per noi e la presenza in oltre 40 città».
Il complesso si promuove sul mercato italiano che rappresenta il terzo in Europa dopo Inghilterra e Germania
Atlantis The Palm Dubai: soggiorni “emozionanti”
di MONICA LISI
ROMA – E’ l’emozione il
fil rouge di un’esperienza
all’Atlantis The Palm di
Dubai, resort 5 stelle
gruppo Kerzner International, inaugurato due
anni fa con l’intento di
guidare il cliente in una
dimensione ricettiva spettacolare. A
partire
d a l l’idea di
Aquaventure,
enorme
parco
acquatico interno,
a l l e
“Lost chambers”, nel segno della perduta Atlantide, fino al Dolphin Bay,
dove vivere un’avventura
a contatto con i delfini.
Per un investimento di 1,5
miliardi
di
dollari,
l’Atlantis The Palm è un
vero e proprio polo d’attrazione turistica: imponente su Palm Jumeirah,
la più grande isola artificiale del mondo, offre
mille 539 tra camere e
“super suite”, 17 ristoranti, oltre 21 boutique
lussuose e gioiellerie, piscine, spa, centro fitness,
campi sportivi, 5 mila 600
metri quadrati di spazio
meeting (14 sale) e un
centro diving nuovo di
zecca. Non è difficile capire che il target spazia
dal businessman, alla fa-
miglia. «Dubai coniuga
perfettamente offerta leisure e business e dall’Italia, che dista solo sei ore
di volo, la domanda cresce sui long week-end racconta Brett Armitage,
senior vice president dell’Atlantis, in occasione
della sua prima visita a
Roma -; anche l’Altalntis
The Palm offre il giusto
mix di servizi turistici per
sposi, viaggiatori individuali, uomini d’affari o
per la famiglia in vacanza,
che rappresenta da sola il
43% del pubblico di riferimento. Per potenziare
questo segmento di mercato, stiamo portando
avanti insieme alla compagnia Emirates, “Kids go
free”, una campagna globale valida fino ad inizio
“
La famiglia rappresenta da sola
il 43% del nostro target di riferimento
”
Brett Armitage
settembre, che consente a
due adulti di portare con
sé gratuitamente fino a
due bambini di età compresa entro i 16 anni».
L’Italia è un mercato
molto importante, infatti
nella classifica d’affluenza europea è in terza
posizione, mentre in
prima spicca l’Inghilterra
e a seguire la Germania.
Risultato favorito dall’azione dei t.o. nostrani,
che producono il 60%
delle presenze, lasciando
il restante 40% al web. A
livello mondiale, mentre
la Russia è già un mercato
consolidato, entrano nelle
pianificazioni di marketing Cina e India, che
sfrutta il traino esercitato
da Bollywood; ottima la
risposta del mercato domestico, in ripresa quello
statunitense. Vista l’eccellenza dei servizi, sorprende sapere che in questo periodo un soggiorno
all’Atlantis The Palm può
costare anche 220 euro.
Quotidiano
7-9 luglio 2010
www.travelquotidiano.com
Mondo
Una destinazione emergente, ancora poco conosciuta e apprezzata dagli agenti, sta imponendosi in Europa
“rappresenta
La Corea
Gianfranco Antonello Pizzolla
e Do Hyoung Kim
un mercato
in crescita
”
Paolo Maresi
Seoul
testi e foto
di MANUELA CUADRADO
SEOUL - La Corea del Sud
si profila come una delle
nuove mete del turista italiano. Una crescita che nemmeno la crisi ha potuto arrestare.
Commenta
Do
Hyoung Kim, regional manager per il NordItalia di
Korean Air: «La recessione
ha ormai raggiunto il suo
apice; un cammino iniziato
nel dicembre 2008 che non
ha risparmiato la Corea del
Sud. Ma la situazione sta
cambiando in meglio, soprattutto dall'inizio di quest’anno».
«Grazie alla vicinanza tra le
imprese italiane e quelle coreane, stiamo assistendo a
una forte crescita dei viaggi
business - rimarca Gianfranco Antonello Pizzolla,
sales manager per il Nord
Italia di Korean Air -. Ora
la nostra sfida è riuscire a
incrementare il mercato
leisure». Per riuscirci è
indispensabile un lavoro di network in
stretto contatto con i
t.o. Come La Fabbrica dei Sogni,
Corea del Sud,
i numeri della crescita
specializzato in viaggi a
lunga distanza, che dedica un'attenzione
speciale
alla
destin a zione,
con pacchetti che
partono al di sotto dei 2
mila euro (partenze prima
del 31 luglio), fino a poco
più di 4 mila euro. Paolo
Maresi, responsabile area
commerciale de La Fabbrica dei Sogni, definisce
la Corea del Sud «un
mercato crescente, ancora
troppo spesso penalizzato
da una certa diffidenza da
parte degli agenti di viaggio, a causa della sua situazione politica. Stiamo
organizzando una serie
di workshop tematici
sulla destinazione, di
concerto con Korean Air
e con l'ufficio del turismo
coreano. Partiranno in
settembre».
Da parte sua, Tai-Hwan
Kim, direttore aggiunto
dell'ufficio nazionale del
turismo coreano con sede
a Parigi, è ottimista: «La
tendenza generale indica
che la Corea attrae sempre più turismo dall'estero e per questo è importante crescere in servizi e ricettività. Stiamo
facendo passi importanti
in questa direzione».
“cheLalatendenza
generale indica
Corea attrae
sempre più turismo dall’estero
”
Tai-Hwan Kim
Esperienze in piccole strutture “luxury” ed ecologia al centro del successo
Natura e avventura in Malesia
di ALBERTO CASPANI
KUALA LUMPUR - Malesia in versione eco. Alla base dello strepitoso
successo che ha toccato il Paese
asiatico, forte di ben 46 mila 352 arrivi italiani nel 2009 (+19%), va riconosciuta indubbiamente la scelta
di aver investito nel segmento del turismo sostenibile: mille 700 isole,
una foresta tropicale antica di 130
milioni di anni, ma anche un peculiare mix di 47 etnie, che invitano a
scoprire il Paese attraverso un programma di forte “integrazione” col
territorio. «Oggi il turismo chiede sicurezza e armonia con l’ambiente ha osservato Datò Sri Ng Yen Yen,
ministro del turismo della Malesia ovvero le due principali caratteristiche che più contraddistinguono l’offerta del nostro Paese: non a caso
siamo convinti di poter raggiungere
entro fine anno i 50 mila arrivi dall’Italia, tenuto conto che la crisi thailandese ha finito per veicolare parte
dei flussi proprio sulla Malesia, facendo segnare un ulteriore incremento degli arrivi tricolore fra gennaio e marzo. Per questa ragione
stiamo valutando l’ipotesi di rafforzare i collegamenti aerei, attivando
un nuovo volo da Milano Malpensa
su Kuala Lumpur attraverso Malaysia Airlines. La nostra compagnia di
bandiera potrebbe così avvalersi di
un nuovo scalo strategico oltre a
quello di Roma Fiumicino (o comunque integrandolo ad esso), forse
a partire già dall’estate 2011». In
14
tempi di crisi non va però trascurata
l’economicità di una destinazione
che ama definirsi “duty free”: la
spesa media per un soggiorno di 8
Datò Sri Ng
Yen Yen
46.350
Arrivi italiani
nel 2009
+19%
Crescita italiani
nel 2009
notti si aggira attorno ai 900 euro,
grazie soprattutto alla possibilità di
vivere in stretto contatto con le famiglie del posto (146 villaggi hanno
aderito al progetto di accoglienza
tradizionale), sebbene gli hotel
d’alta fascia non richiedano generalmente cifre superiori agli 80 o 100
euro per notte. Anzi, il successo
delle soluzioni di prestigio ha spinto
lo stesso mercato malese ad incentivare le nuove “homestay boutique
experience”, versione “luxury” del
progetto d’accoglienza tradizionale:
hotel d’atmosfera sono stati creati
all’interno di edifici storici, mettendo a disposizione un numero di
camere ridotto (in genere mai oltre
le 10). Soggiornare in Malesia è diventato a tal punto piacevole che, da
alcuni anni a questa parte, molti turisti europei hanno deciso di sfruttare
addirittura l’opportunità di acquistarvi una seconda casa, attraverso
l’iniziativa “Mm2h” (Malaysia my
second home): ancora poco nota agli
italiani, prevede forti agevolazioni
immobiliari e prezzi praticamente
dimezzati rispetto alla media nazionale del Belpaese.
«Se il mare e il diving restano le
prime due voci d’approccio al Paese,
il trekking nei parchi nazionali sta
guadagnando sempre più appassionati, soprattutto nelle foreste di Taman Negara o del Kinabatangan,
mentre vorremmo spingere molto di
più gli italiani a scoprire le bellezze
della nostra architettura coloniale e
del segmento relax e benessere».
Un quadro che include
anche il mercato italiano.
«L'anno scorso, 23 mila
italiani hanno visitato la
Corea - continua TaiHwan Kim -; dal 2007 al
2009 possiamo vantare
una crescita del 7% annuo, nonostante la crisi.
Certo, non è facile emergere con accanto “vicini”
importanti come la Cina e
il Giappone, ma la Corea
del Sud possiede splendidi scenari e tradizioni
millenarie». Non bisogna
dimenticare il problema
della divisione: «Un
giorno, la Corea si riunirà
- commenta Tai-Hwan
Kim - ma per ora è impossibile capire quando.
Spero che un giorno potremo promuovere la Corea come un Paese
unito».
Korean Air
in volo
dall’Italia
SEOUL . La flotta di Korean Air comprende 105
aeromobili più altri 22
cargo. Entro il 2014
verrà arricchita di altri 48
aeromobili di nuova generazione. Volano da
Milano e Roma, oltre
che da Francoforte e Parigi. Si distinguono per il
comfort in volo, con sedili totalmente reclinabili
in prima classe e schermi
lcd a disposizione per
ogni passeggero anche
in economy; nell'entertainment system è anche
previsto uno speciale canale kid. Korean Air ha
vinto più volte il Mercury Award per il miglior
catering a bordo e dà la
possibilità di scegliere
tra un menù coreano e
uno europeo. La compagnia è membro fondatore di SkyTeam e opera
oltre 400 voli giornalieri
in 106 città e 39 Paesi.
Fra gli obiettivi dell’ente turistico
la destagionalizzazione
Tranquilla, sicura
e varia: la Namibia
sfodera i suoi assi
ROMA - (p.c.) Destinazione da anni in crescita, la Namibia si preannuncia anche per l’estate una delle preferite
dagli italiani. Ne parla Roberto Tresoldi, responsabile
trade e pr per il Namibia Tourism Board in Italia.
Perché si sceglie la Namibia?
«Gli italiani ci vanno per i safari, per la possibilità di vedere
gli animali, il deserto e la natura, ma anche perché è una
meta sicura e tranquilla. Inoltre, è una destinazione per
anni considerata costosa, ma ora il pubblico si sta accorgendo che non è così; dipende tutto dai lodge che si
scelgono e dal tipo di viaggio. La soluzione preferita del
momento, anche per chi si rivolge a uno dei 60 tour operator che in Italia programmano viaggi in Namibia è il self
drive».
Quanto conta il mercato italiano?
«Nel 2008 gli arrivi dall’Italia sono aumentati del 17% e
l’Italia in Europa è al quinto posto per paesi di provenienza del turismo in Namibia dopo Germania, Regno
Unito, Francia e Olanda. Per il 2010-2011 puntiamo su
mice e viaggi di nozze, anche per destagionalizzare. Il turismo proveniente dall’Italia è marcato da una forte stagionalità, il 31% del totale va in Namibia nel solo mese di
agosto, quando l’offerta è satura ed è difficile trovare posto. Bisognerebbe convincere i turisti a venire anche in altri periodi, ad esempio in gennaio-febbraio, quando la
fioritura nel deserto regala uno spettacolo d’eccezione».
Cosa intendete fare dunque?
«Per destagionalizzare i flussi la Namibia sta puntando sul
mice e sugli incentive. Il mice è un settore che viaggia in
altri momenti, come da marzo a maggio e poi in autunno, quindi è decisamente adatto. La compagnia aerea
nazionale, Air Namibia ha registrato nel primo trimestre
del 2010 un incremento del 35%».
Quotidiano
www.travelquotidiano.com
7-9 luglio 2010
Mondo
Bruxelles, Liegi e i piccoli centri per apprezzare un aspetto insolito della destinazione, vicina e conveniente
testi e foto
di MANUELA CUADRADO
LIEGI - La Vallonia potrebbe essere soprannominata “il Belgio che non ti
aspetti”. In effetti, tra tutti i
Paesi a noi più vicini, è
quello che riserva le maggiori sorprese agli italiani,
abituati a viaggiare nelle
Fiandre e a considerare la
zona francofona del Paese
come un territorio a prevalente vocazione industriale.
Eppure è uno scrigno di
possibilità per i turisti e gli
operatori del turismo. In
particolare Liegi e il suo
territorio. Giovanni Ciraolo, direttore dell'ufficio
belga per il turismo di Bruxelles e della Vallonia, descrive così la città: «I turisti
oggi chiedono un'offerta
sempre più diversificata.
Liegi è la risposta alle loro
aspettative. Possiede numerosi musei e grandi opere
architettoniche, una su tutte
la stazione ferroviaria progettata da Santiago Calatrava. Una destinazione che
ha suscitato curiosità, soprattutto in chi ci è già stato
molti anni fa e vuole vedere
come è cambiata oggi». Le
attrazioni, però, non bastano. «I viaggiatori oggi
hanno sete di nuove esperienze. Anche qui Liegi è la
risposta giusta, perché accontenta la clientela più va-
242.000
Pernottamenti
italiani a Bruxelles
nel 2009
+14,7%
Aumento notti
2009 sul 2008
-2.000
Calo pernottamenti
2009 in Vallonia
Vallonia, in scena
“il Belgio che
non ti aspetti”
riegata, coprendo non
solo l'off e r t a
culturale ma
anche
quella
natura-
listica ed enogastronomica. I dintorni di Liegi
sono l'ideale per gli appassionati di bicicletta, grazie
ai numerosi sentieri ciclistici lungo il fiume Mosa e
a occasioni sportive come
la canoa o il kayak». Per
recuperare le energie, ba-
“un’offerta
I turisti chiedono
diversificata;
Liegi e Bruxelles sono
due risposte ideali
”
Giovanni Ciraolo
sta recarsi in uno degli ottimi ristoranti locali, o partecipare alla vita notturna
della città, particolarmente
vivace.
L'identikit del viaggiatore
è anch'esso variegato ma,
sottolinea Ciraolo, «ci
sono ottimi feedback per il
trade, che “trascina” il turismo leisure. I visitatori
rimangono colpiti nel vedere la differenza tra Fiandre e Vallonia. Bruxelles
ha di certo avuto un ruolo
fondamentale nello spostare l'attenzione del turista verso il sud. Non per
nulla l'anno scorso su Bruxelles abbiamo registrato
Oltre le grandi città:
Namur, Durbuy, Dinant
Chi soggiorna a Liegi può raggiungere facilmente le città vicine, che per la loro posizione
e attrattive si pongono come un circuito
ideale per una vacanza itinerante anche per
gruppi organizzati. Tra tutte, emergono in particolare Namur, città sormontata da una cittadella fortificata in cui si svolgono spesso
grandi concerti all'aperto; l'incantevole Durbuy, la città più piccola del mondo molto
amata dai turisti belgi; Dinant, la città natale di
Adolphe Sax, che ogni anno rende omaggio
all'inventore dello strumento che ha cambiato
la musica con un festival jazz, Dinant Jazz
Nights (quest'anno dal 16 al 20 luglio).
un +14,7% in più rispetto
al 2008, passando da 210
mila a 242 mila pernottamenti italiani. Di fronte a
questi dati non ci ha spaventato la diminuzione di
2 mila pernottamenti nella
Vallonia: i visitatori hanno
semplicemente scelto di
pernottare a Bruxelles e
raggiungere con il treno le
altre località». L'efficienza
della ferrovia ha infatti inciso positivamente sul turismo in Belgio, rendendo
possibili anche pacchetti
turistici che comprendono
Vallonia, Fiandre e persino
Francia e Olanda.
Oltre Bruxelles, ci sono
nuove dimensioni di accoglienza. «La Vallonia ha
fatto un grande sforzo ri-
cettivo negli ultimi anni,
anche grazie a catene
come Ibis Hotel o Best
Western. Esistono però anche altre realtà, tra cui un
vasto circuito di dimore
d'epoca che aspetta solo di
essere scoperto, adatto anche a iniziative business e
incentive». Iniziative che
trovano pieno appoggio a
livello di strutture congressuali: basti citare il palazzo dei congressi di
Liegi, disposto su tre livelli e con una capacità
complessiva di circa 6
mila posti, di cui mille
nella sala principale. Una
struttura dotata di tecnologie all'avanguardia e che
lavora a stretto contatto
con la ricettività locale.
La città-stato inverte la rotta e totalizza un incremento del Pil del 15% nei primi tre mesi del 2010
Sito web
YourSingapore.com: segmento Mice in primo piano
Il Sudafrica
spinge in Italia
con l’online
testo e foto di CINZIA BERARDI
SINGAPORE - Nuovo brand per
la promozione di Singapore, che
non si accontenta più di essere
uno stop over sulla via dell'Australia ma punta a diventare una
destinazione turistica a tutti gli
effetti anche grazie alla recente
apertura di due casinò. Dopo una
flessione dei turisti internazionali 2009 del 4%, con 9,7 milioni
di arrivi, l'incoming è tornato positivo sulla scia di un Pil che nei
primi tre mesi di quest'anno è
cresciuto del 15%. «Il logo YourSingapore.com invita i visitatori
a scoprire la nostra offerta, a cominciare da un sito completamente rinnovato - spiega John
Gregory Conceicao, direttore per
l'Europa dell'ente del turismo -.
Le novità più rilevanti riguardano il segmento viaggi d'affari e
Mice, che dopo i tre milioni di
viaggiatori del 2008 è cresciuto
anche l'anno scorso nonostante la
crisi». Scelta come sede da 70
organizzazioni internazionali e 7
mila multinazionali che da qui
Diversi progetti
a tutela dell’ambiente
Abu Dhabi,
vocazione
ecologica
coordinano i mercati asiatici,
Singapore ospita ogni anno conferenze con migliaia di delegati,
che possono contare su oltre 250
mila metri quadri di spazi meeting. A ciò si aggiunge un'offerta
ricettiva per tutte le tasche, cresciuta nel 2009 di 2 mila 740 camere. «Quest'anno se ne aggiungeranno altre 6 mila - dichiara
Oliver Chong, direttore Conventions & Meetings - grazie all'apertura di alberghi come The
Fullerton Bay, il Park Regis e i
sei hotel del Resorts World Sentosa, un complesso che ospita anche i primi Universal Studios del
Sud-est asiatico».
Uno spazio analogo è il Marina
Bay Sands, nei pressi del distretto finanziario, appena realiz-
“siLaavvale
nostra offerta
di un sito
rinnovato
”
John Conceicao
Da sinistra, Stephanie Yong, Oliver Chong, Melissa Ow, John Conceicao
zata da Las Vegas Sands, la società che nella città del Nevada
possiede due celebri hotel, il Venetian e Palazzo (per ulteriori informazioni Las Vegas Convention and Visitors Authority; tel.
02 36561264, [email protected]
aviareps.com). Oltre a 120 mila
metri quadri per esposizioni e
meeting, il nuovo Marina Bay
offre ai visitatori musical come
The Lion King, un casinò inaugurato a fine aprile (costo di ingresso 70 dollari), l'ArtScience
Museum, tre hotel di lusso, ou-
ABU DHABI - (r.s.) Ad Abu Dhabi c’è molta attenzione verso
l’ambiente, il turismo sostenibile e il futuro energetico. Chi arriva in città si sorprende di trovare tanto verde spuntare in
mezzo al deserto, tra gli edifici e le strade a sei corsie.
E ancor più sorprendente è sapere che qui, dove si trova quasi
il 10% del petrolio mondiale, si pensa già a quando le riserve si
esauriranno, verso fine secolo.
Poco fuori dalla capitale, i lungimiranti sceicchi stanno costruendo Masdar City, la prima città senza emissioni di anidride carbonica, basata sull’energia solare e con rifiuti riciclati
al 100%. Un luogo del futuro dove presto vivranno 50 mila persone.
Intanto, nella città di Al Ain, più interna nel deserto, sono già
tlet e altri spazi commerciali, più
vari ristoranti firmati da star dei
fornelli come Guy Savoy e Wolfgang Puck. Non è finita: «Nel
2011 l'area di Mandai vedrà
l'inaugurazione del parco River
Safari - aggiunge Conceicao che permetterà ai visitatori di navigare sul fiume per conoscere la
fauna e la flora locali. E sempre
l'anno prossimo verrà completato
il nuovo terminal crociere, che
raddoppierà gli attracchi da due a
quattro e sarà in grado di accogliere anche le navi più grandi»
stati avviati i lavori per la creazione dell’Al Ain wildlife park &
resort, un grande parco naturale nato dall’ampliamento del
vecchio zoo. Ci saranno diverse ricostruzioni di habitat desertici, in cui sarà possibile fare safari tra centinaia di animali, spazi
didattici, residenziali, commerciali, un grande centro di conservazione faunistica e un hotel. La conclusione della prima fase
dei lavori, con l’apertura del parco, è prevista per novembre
2011; il completamento per dicembre 2015. Anche nel grande
progetto di sistemazione di Saadiyat Island, una particolare attenzione ecologista è stata rivolta alle spiagge di dune sabbiose, con un poderoso rinfoltimento delle mangrovie e misure speciali di protezione della zona in cui ogni anno le tartarughe vengono a deporre le uova.
CAPE TOWN - Un sito
interattivo per avere una
panoramica completa di
quello che il Sudafrica
può offrire a un viaggiatore: luoghi, itinerari, attività, immagini e video .
E’ www.haisentitoche.
com, il nuovo sito italiano di South African
Tourism, online nella
sua nuova versione
dopo un lavoro di restyling e aggiornamento
dei contenuti.
«Il sito - spiega Lance
Littlefield, country manager Italia di South
African Tourism - rientra
nella nostra strategia di
promozione della destinazione basata sulle tematiche ed esperienze
di viaggio in Sudafrica.
Vogliamo illustrare ai
viaggiatori nuovi e diversi itinerari di visita e
attività che escono dai
percorsi solitamente
battuti e già conosciuti e
mostrare come il Sudafrica sia un Paese ricco
di possibilità diverse tra
loro, che possono rendere la vacanza unica.
Accanto al sito continuiamo a puntare molto
anche sul nostro profilo
Facebook, che oggi ha
quasi 7 mila fan».
15
Quotidiano
7-9 luglio 2010
www.travelquotidiano.com
Mondo
Ente e compagnia di bandiera sono impegnati nel rendere più agevoli ed economici i viaggi verso il Paese
Diverse
formule
di tour
testi e foto
di ALBERTO CASPANI
REYKJAVIK - Una spolverata e via. La grande paura
per l’eruzione dell’Eyjakjallajokull, il vulcano che ha
coperto i cieli di ceneri e ingarbugliato le lingue di
mezz’Europa, ha lasciato
dietro di sé solo campi color
antracite, una fruttuosa linea
di marketing, ma soprattutto
più risposte che interrogativi. La prima: Icelandair ha
capito che occorre rinforzare in breve tempo il proprio network di collegamenti europei, onde sfruttare meglio le risorse di una
stagionalità ancora troppo
legata ai mesi estivi.
«Dal momento che l’episodio della nube di cenere si è
verificato in periodo di limitati arrivi - ha spiegato David Jòhannson, direttore dell’Icelandic tourist board per
l’Europa continentale - non
abbiamo pagato tanto in termini di calo di afflussi, tant’è che le prenotazioni sono
riprese in tutti i principali
paesi europei. Faticano solo
i mercati di lungo raggio,
come l’India o la Cina, dal
momento che temono di ri-
REYKJAVIK - Oggi la formula di viaggio più popolare in Islanda resta il giro
perimetrale dell’isola, possibilmente in una settimana, per un costo variabile
fra i 2 mila e i 2 mila e 200 euro: eppure, stando alle rilevazioni delle agenzie
Iceland Travel ed Elding (due dei principali fornitori di servizi per gli operatori italiani), crescono le domande per eventuali estensioni in Groenlandia
(la visita in giornata non richiede più di 250 euro), oppure per appoggi nell’esplorazione degli impervi territori interni, o ancora per vacanze “attive”:
traversate a cavallo con pernottamento nelle fattorie tradizionali o fra i narratori di saghe, bird and whale watching presso le defilate isole Westmannaeyjar (dal 1° luglio un nuovo porto garantirà collegamenti via traghetto in
appena 25 minuti), pacchetti benessere che sfruttino le risorse geotermali
dell’isola (oltre alla rinomata Laguna Blu, presto dovrebbe essere inaugurato
un nuovo grande impianto sulla riviera islandese, il lago Laugarvatn, dove oltretutto si trova uno dei ristornati più rinomati d’Islanda, il Lindin).
Senza considerare la vivacissima scena della capitale, oggi abbonando poi le
possibilità di usufruire di strutture di ospitalità semplicemente uniche: si
pensi all’hotel Geyser (direttamente alimentato dai geyser a fronte), al
Ranga (praticamente a ridosso dei vulcani), o allo scenografico Hilton di
Reykyavik.
Islanda: sicura,
ben collegata
e più conveniente
manere lontani per troppo
tempo in caso di nuove
emergenze, ma paradossalmente anche l’Italia:
500.000
Arrivi internazionali
nel 2009
questo è più grave, perché
i collegamenti diretti con
il Belpaese sono garantiti
solo in estate e non ci sa-
14.000
Arrivi italiani
nel 2009
rebbero altre chance per
rimediare alle loro mancate partenze».
Ecco allora che la tanto
+25%
Crescita italiani
nel 2009
Mare e divertimento ma anche natura e gastronomia per crescere ancora
“a rinforzare
Icelandair punta
il network
di collegamenti europei
per allungare
la stagionalità
”
David
Jòhannson
sospirata attesa di un volo
invernale, magari promosso in coincidenza dei
folcloristici riti della luce
e dei mercatini natalizi di
Reykjavik, potrebbe davvero essere soddisfatta
entro la fine dell’anno. Se
non per mano della compagnia di bandiera, eventualmente attraverso chi
mostrerà la propria disponibilità.
La seconda risposta va invece a toccare le tasche
dei turisti: con la svalutazione del 50% in cui è incorsa la corona islandese,
la destinazione si sta rivelando a buon mercato
come mai in passato.
«Prima della vicenda Eyjakjallajokull - aggiunge
Jòhannson - gli effetti
della crisi finanziaria
sulla nostra economia
hanno avvantaggiato soprattutto i visitatori dell’area euro, tant’è che lo
scorso anno abbiamo
chiuso con una crescita
complessiva degli arrivi
internazionali dell’1%
(pari a 500 mila unità), rispetto alla quale gli italiani sono risultati uno dei
mercati più promettenti
(+25%, pari a 14 mila
unità).
«L’aspetto ancor più sensazionale è che, dopo anni
d’affermazione
del
fly&drive, è ripreso l’apprezzamento per i viaggi
organizzati, segno che il
pubblico italiano vuole
affidarsi non solo a chi è
competente, ma a quanti
possano suggerire elementi di originalità
spesso ignorati nel turismo fai da te».
L’associazione vuole spingere
sui maggiori centri francesi
L’isola di Ibiza diversifica l’offerta Atout France
di MANUELA CUADRADO
IBIZA - Le tempeste economiche
degli ultimi due anni hanno colpito
anche le spiagge dorate di Ibiza, che
però si riconferma come una delle
destinazioni favorite del turismo italiano ed europeo. L’isola riceve circa
2 milioni di turisti all’anno. La cifra
si è ridotta a causa della crisi, ma un
milione 743 mila 200 turisti nel
2009 l’hanno comunque scelta
come meta delle proprie vacanze.
Di questo totale, più di 169 mila
sono turisti italiani arrivati in aereo.
In effetti, la grande disponibilità di
voli low cost durante tutto l’anno ha
consentito agli italiani di mantenere
un legame privilegiato con l’isola.
Carmen Sánchez, responsabile della
fondazione per la promozione turistica di Ibiza, ha commentato: «Puntiamo molto sul mercato italiano, anche nell’ottica della destagionalizzazione. Per questo miriamo a far conoscere l’isola non solo come paradiso del divertimento ma anche
come destinazione privilegiata per
chi ama la natura e la buona cucina,
alla scoperta del nostro patrimonio
artistico e culturale». Il resto dei
mercati rilevanti per l’isola, per numero di arrivi, sono il Regno Unito,
la Spagna e la Germania, seguiti
dalla Francia e dalla Svizzera.
Secondo fonti pubblicate da Inestur,
il 42,9% dei turisti ha in genere
un’età media tra i 25 e i 44 anni. Se-
16
guono i più giovani (fino ai 25 anni)
e gli ultra-45enni. Continua la Sánchez: « Ibiza vuole riconfermare la
propria identità di destinazione “libera”, in cui potersi sentire se stessi
Carmen Sánchez
1.743.200
Turisti a Ibiza
nel 2009
169.000
Turisti italiani
a Ibiza nel 2009
senza nessun tipo di vincolo. Non a
caso è una delle mete preferite anche
dalla comunità Lgbt Ma il luogo comune che la vuole come meta esclusivamente giovanile crolla di fronte
a questi dati». Il 70,2% dei turisti
sceglie di alloggiare in alberghi o resort ma «sempre più persone scelgono di trascorrere il soggiorno in
una casa, di proprietà o in affitto». Il
pacchetto turistico è scelto dal
41,1%, mentre cresce il numero dei
turisti che organizzano il viaggio per
conto proprio (58,9%), soprattutto
tra i più giovani. Per incentivare le
prenotazioni, la fondazione di promozione turistica di Ibiza ha firmato
un accordo di collaborazione con la
federazione alberghiera dell’isola
che permette di effettuare prenotazioni di alloggio online tramite
www.ibiza.travel, un portale disponibile in sei lingue (anche in italiano). Il sito, nato nel 2007, ha
avuto da subito un enorme successo:
nel 2009 le visite sono aumentate del
300% rispetto all’anno precedente
passando per un totale di oltre un
milione 700 mila pagine viste. La ricettività dell’isola, del resto, è molto
variegata. Ci sono i grandi alberghi
fronte-mare, che lavorano soprattutto con i t.o., ma anche piccoli alberghi boutique, appartamenti, ville
immerse nella natura capaci di garantire un soggiorno di assoluto relax. In totale, più di 80 mila letti per
un totale di 550 stabilimenti.
rilancia la valenza
del turismo di città
ROMA - (g.g.) Il ruolo essenziale della città nell’economia turistica francese, è quanto Atout
France e 12 uffici del turismo presentano nell’ambito della statistica “Top french cities, the
best way to experience France”. I dati parlano
chiaro: la città rappresenta il primo luogo di frequentazione; il 65% dei pernottamenti alberghieri sono effettuati nei centri urbani, con un
totale di 128 milioni 470 mila pernottamenti
circa. Le città sono inoltre il primo luogo di attrazione dei turisti stranieri che soggiornano nei
maggiori centri francesi, escluso Parigi, con al
primo posto il Regno Unito con il 23% dei pernottamenti, mentre l'Italia è al secondo posto
con l'11% , al pari con la Germania.
«E’ importante far conoscere le città francesi –
spiega Cristian Kergal, direttore dell’ente del turismo francese in Italia - soprattutto perché la
Francia attrae molto gli italiani, sia per vicinanza
geografica sia per facilità nei trasporti». Il 2009
è stato un anno difficile, che ha registrato un
calo del 10% di presenze dal mercato italiano.
L'anno scorso gli italiani in Francia sono stati
circa 7 milioni 300 mila. I dati del primo trimestre 2010 sono confortanti e manifestano una
lenta ripresa. «Quello che abbiamo notato è
stata una diminuzione della media di pernottamenti che mentre nel 2008 era di circa 5 notti,
nel 2009 e 2010 si attesta su 4 notti. Inoltre si riconferma l’interesse del mercato italiano per
Parigi, per la Costa Azzurra e per Lourdes, che
registra circa 800 mila italiani in visita. In crescita anche la Bretagna, la Normandia e la Costa Atlantica.
a cura di: ALBERTO CASPANI
SPECIALE
7-9 luglio 2010
“Funzionano
tutte le mete
che coniugano
mare e natura
”
Barbara
Paganoni
La stagione
del last minute
non è finita
Gli italiani non rinunciano alla
vacanza ma la scelta è sempre
più attenta ai costi e spesso
rimandata sotto data.
DA PAGINA 17
I villaggi
confermano
l’appeal
La soluzione del villaggio
trova ancora spazio nelle
scelte dei vacanzieri, specie
sul corto-medio raggio.
A PAGINA 18
Ultime
disponibilità
Estate all’insegna della spensieratezza, ma con l’occhio al
portafoglio. Dopo un anno battuto dai venti della crisi e
dalle incertezze politiche, gli italiani sembrano voler solo
dimenticare le preoccupazioni dei mesi addietro, senza
concedersi però alcuna follia.
«La domanda sui prodotti villaggio resta forte e preponderante – confermano i responsabili della programmazione Alpitour – dal momento che il cliente è in cerca di
divertimento e, al tempo stesso, di una formula vacanza
che si adatti ai suoi gusti, dunque con un taglio molto più
personalizzato che in passato. Lo si capisce dal lancio
stesso del nostro catalogo diving, dove predominano
informazioni tecniche e molto specifiche, affinché si
possa orientare la vacanza nel modo più aderente possibile alle proprie capacità».
Non sorprende allora se le destinazioni maggiormente
apprezzate siano anche quelle a vocazione balneare, come
ad esempio l’Egitto dei villaggi e delle crociere, ma anche
l’Italia della nuova gamma di strutture Francorosso,
impreziosita dai numerosi villaggi Bravo in Sardegna. In
generale sono comunque le isole ad imporsi quasi ovunque, sia per quanto riguarda il mare di breve-medio raggio (Baleari, Capo Verde), sia per quello di lungo raggio
(Kenya, Zanzibar, Madagascar, Messico). Spicca la tendenza ad unire il concetto di vacanza balneare con quello
di vacanza naturale, privilegiando contesti dove sia più
facile interagire con l’ambiente sotto il profilo delle attività outdoor o del soggiorno informale: se la Corsica,
novità Alpitour 2010, risponde perfettamente alla prima
esigenza, fra le formule di maggior successo s’impone
anche la vacanza in mobilhome. Che si continui a vivere
in un clima d’incertezza è però evidente a tutti.
«La stagione estiva riconferma la tendenza degli ultimi
anni a prenotare sotto data – dichiarano Barbara
Paganoni e Fabio Introna, brand manager Hotelplan
Italia – ciononostante restiamo ottimisti, perché il bilancio della stagione è al momento positivo. Usa, Canada ed
Alaska si sono di nuovo imposte come destinazioni top
dell’estate, ma notiamo anche una buona ripresa del
Messico e dei Caraibi, oltre che una crescita per l’oceano
Indiano in generale. Funzionano dunque tutte le destinazioni capaci di coniugare al meglio mare e natura, sebbene chi abbia maggiori fondi d’investimento ne approfitti
per visitare Paesi culturalmente più complessi ed impegnativi come Cina, India e Giappone. In questo caso la
maggior disponibilità di tempo agevola quanto le altre
stagioni generalmente non possono. Per quanto concerne
il medio-corto raggio, va segnalata la grande crescita
d’Israele e, più in generale, l’ottimo andamento di Medio
Oriente, Marocco e Cipro, mentre la Grecia sta tenendo
abbastanza bene.
CONTINUA A PAGINA 18
17
Quotidiano
7-9 luglio 2010
www.travelquotidiano.com
Speciale Ultime disponibilità
CONFERMATA LA TENDENZA ALLE PRENOTAZIONI LAST MINUTE. VILLAGGI E MEDIO RAGGIO VINCENTI
Estate in rampa di lancio
SEGUA DA PAGINA 17
Il corto-medio
raggio è il core
business di
questo periodo,
dalla Sardegna
a Djerba o Rodi
Settemari
Bangkok
Le adv possono
prenotare anche
con il sistema di
teleprenotazione
sul sito
www.margo.travel
Eden Viaggi
Alle destinazioni
“must” si affianca
il successo della
costa mediterranea
dell’Egitto e del
Madagascar
Veratour
18
«La Turchia, la cui programmazione è iniziata giusto un
anno fa, sta infine registrando buoni numeri».
La voglia di mare ed esotismo fa sì che vengano rimossi
abbastanza facilmente anche i pregiudizi su destinazioni
sino a poco tempo fa considerate a rischio, spingendo a
documentarsi meglio sulle effettive condizioni dei Paesi
desiderati.
«Il caso più eclatante riguarda la Thailandia – fa notare
Guido Ostana, direttore commerciale Settemari Spa
– in poderosa ripresa, grazie ad un ritorno alla normalità
che avrebbe potuto favorire le prenotazioni italiane già
molto prima, ma solo l’estate ha spinto a prendere in
considerazione con le dovute accortezze. E’ comunque il
breve-medio raggio a rappresentare il core-business di
questo periodo, con punte d’eccellenza in Sardegna, a
Minorca e Marsa Alam, ma anche Djerba, Creta, Rodi e
Kos, grazie alle quali abbiamo registrato un incremento
delle vendite del 20%. Possiamo dire che il turista estivo
2010 non ha assolutamente rinunciato alla sua vacanza,
ma sicuramente sta scegliendo con molta oculatezza le
strutture e le destinazioni che possono soddisfare al meglio le proprie richieste. In particolare, le ferie estive
sono soprattutto quelle delle famiglie, per cui le esigenze
specifiche riguardano la presenza di strutture per bambini, l’animazione ad hoc, l’assistenza più assidua, le camere apposite».
«Oltre alla tradizionale programmazione di 7 e 14 notti
– aggiunge Alessandro Gandola, brand director
Margò (la nuova linea di Eden Viaggi) - proponiamo
voli giornalieri per Ibiza e Formentera, Maiorca, Creta e
Rodi, così come a Kos, Samos, Mykonos e Santorini.
Grazie a questa rotazione serrata, Margò è in grado di
proporre pacchetti con combinazioni libere da 2 a 9
notti, consentendo ai propri clienti di partire e rientrare
in qualsiasi giorno della settimana, senza vincoli né limiti. Le sorprese non finiscono qui: le agenzie possono
infatti prenotare questi pacchetti sia attraverso il booking
telefonico tradizionale, sia attraverso il sistema di teleprenotazione disponibile sul sito www.margo.travel. Il
tutto con conferma immediata online e prezzo fisso garantito».
Per i villaggisti si tratta dunque di un’estate molto positiva, visto che Valtur stesso ha dichiarato di aver ottenuto molti apprezzamenti per le sue tre strutture in Sardegna (Colonna Beach, Santo Stefano e Baia di Conte),
ma anche in Sicilia, grazie al lancio del nuovo volo diretto Malpensa-Trapani, che ha aiutato ad imporre sia le
isole Egadi sia il resort di Favignana. Nel Mediterraneo
le regine incontrastate appaiono invece Turchia ed
Egitto, capaci di offrire il miglior rapporto
qualità/prezzo dell’intero bacino. Scelte confermate pure
dal direttore commerciale di Veratour Stefano Pompili, per il quale «va comunque notata una ridistribu-
zione dei flussi tradizioIl mare di Marsa Matrouh
nali all’interno delle
stesse mete classiche,
come dimostra il successo della costa mediterranea in Egitto o del
Madagascar nell’oceano
Indiano, accanto agli inevitabili must di Mauritius, Zanzibar o Maldive».
Segno che il cliente è in
cerca di certezze più sul
piano economico che
della programmazione,
dove al contrario tende a
far emergere la propria
voglia d’indipendenza e
scoperta: non a caso, per Dreamland, Spagna e Portogallo hanno visto trasformarsi in molti casi l’offerta
mare in un’estensione rispetto al prediletto fly&drive,
così come Zanzibar viene frequentemente associato
come paradiso di relax solo al termine di un safari in
Tanzania. Non bisogna infine trascurare l’impatto dei
grandi eventi internazionali sulle impennate di alcuni
Paesi, come appunto la Cina dell’Expo, dove a detta di
Chinasia le prenotazioni avanzano lentamente, ma pur
sempre con grande costanza. Se il breve-medio raggio
rappresenta dunque la risposta ideale per una clientela
faticosamente in lotta con la crisi economica, c’è chi in
ogni caso non ha ancora gettato la spugna sui propri sogni. Valgano a chiusura le parole di Andrea Mele, presidente dei Viaggi del Mappamondo: «Attualmente il
mercato è molto lento e l’estate stenta a partire. Le mete
più desiderate sono l’Indonesia (con Bali e Lombok) e la
Malesia, mentre quelle più lente la Thailandia, che
sconta ancora i recenti scontri a Bangkok, e il Messico,
probabilmente per la paura che la macchia nera raggiunga le coste del Paese; entrambe le destinazioni inoltre soffrono la forte svalutazione del dollaro, risultando
più care di circa il 25%. Al di là delle famiglie, il turista
estivo tipo predilige una vacanza che abbini al soggiorno
balneare esotico tour di forte taglio culturale, ha una capacità di spesa tra i mille 800 e i 2 mila euro, ponendo
come prima istanza un relax più psicologico che fisico».
«Se il mercato tende ad essere pigro nei tempi di prenotazione - dichiara Ramon Parisi, direttore commerciale InViaggi - il nostro nuovo Super Last Minute sta
invece agevolando moltissimo le partenze verso l’area
mediterranea: proponiamo infatti tre fasce di prezzi
bloccati, da 399, 499 e 599 euro, in funzione delle quali
è possibile scegliere un nostro pacchetto speciale in Grecia, Spagna, in Tunisia e nel mar Rosso, per tutte le partenze comprese fra il 9 il 13 luglio, da ogni aeroporto
utile italiano».
Il mercato è ancora
molto lento e l’estate
stenta a ripartire
Viaggi
del Mappamondo
Il nostro nuovo Super Last
Minute agevola le partenze
verso l’area mediterranea
InViaggi
Quotidiano
7-9 luglio 2010
www.travelquotidiano.com
Speciale Ultime disponibilità
SPAGNA
Welltour
Formentera per tutte le tasche: sulle partenze del
10 luglio da Milano, Roma, Bologna e Bergamo
sono infatti disponibili sia soggiorni settimanali
presso l’hotel Barbaroja, a 790 euro in mezza
pensione, ma anche in appartamento a 470 euro,
in solo pernottamento. Sino ad esaurimento posti
l’hotel Savina si propone a 720 euro.
BAHAMAS
CROAZIA
ITALIA
TTTLines
Usufruendo della formula Camping on board (disponibile dal 1° aprile al 31 ottobre), si ottiene
uno sconto del 50% sul ritorno del camper (escluse tasse) e del 50% sul ritorno dei passeggeri
in passaggio ponte (escluse tasse). Lo sconto bambini del 50% è cumulabile solo con lo Speciale camper e non con lo sconto residenti; i residenti in Sicilia hanno invece diritto allo sconto
del 20% sull’andata e del 50% sul ritorno.
Arbatax Park Resort
Dal 10 al 31 luglio il Borgo Cala Moresca e l’hotel Monte Turri, nell’Ogliastra, danno la possibilità di soggiornare almeno due notti, in formula all inclusive, al prezzo di 89 euro a notte il
primo e 129 il secondo. Entrambi i complessi permettono di calarsi nella tipica atmosfera degli antichi paesi sardi, grazie alle architetture arricchite da legno di ginepro e ai serramenti in
ferro battuto.
Aviomar
Vele spiegate fra le isole
dalmate. Il 17, il 24 ed il 31
luglio si parte da Opatija
(611 euro) o da Spalato
(658 euro) per una crociera
di 8 giorni che tocca Krk,
Rab, ma anche Zadar, Molat, Ilovik e Mali Losini
sino a Cres. A disposizione
i velieri esclusivi Kalipsa o
Lopar.
Club Med
Alpitour
Proposta nuova di zecca, che dal 5 luglio mette a disposizione il nuovo iClub Viva Fortuna Beach. La
struttura si trova in un giardino tropicale e si affaccia direttamente sulla spiaggia caraibica. Punti di
forza sono la presenza di due chef italiani e uno
staff di animazione Alpitour. Quote a partire da
mille 290 euro per 7 notti, presso il Viva Fortuna
Beach di Freeport (Grand Bahama).
GIAMAICA
Sandals Beaches
Sulla costa ovest della Calabria, il Club Med di Napitia si estende per oltre 20 ettari all’interno
di un parco di pini ed eucalipti. Recentemente ristrutturato, lancia quest’estate un nuovo centro
benessere curato da Decléor e un baby club sul tema dei lupi che vivono nell’attiguo parco nazionale. Sette giorni, volo incluso, a partire da mille 190 euro a luglio, con partenza il venerdì da Milano e Roma.
Futura Vacanze
Dal 6 al 20 luglio il villaggio Club I Corbezzoli, quattro
stelle di Porto Ottiolu in Sardegna, offre un soggiorno
settimanale a 525 euro in pensione completa, con
bonus sui trasporti: la nave d’avvicinamento
è infatti gratis per le famiglie composte da
due adulti, due bimbi sino a 12 anni
(gratuità anche sul soggiorno) e
auto sino a 5 metri.
Presso il prestigioso Beaches Sandy Bay, nella località
di Negril, per tutto agosto viene garantita la possibilità
di soggiorno a partire da mille 790 euro in formula allinclusive, per 7 notti. La quota comprende i voli dall’Italia, ma soprattutto l’ospitalità nelle camere doppie
Deluxe Oceanside. L’offerta è curata da Best Tours.
REP. DOMINICANA
Sprintours
Per una vacanza da sogno, il Club prestige Bavaro Palace Deluxe di Punta Cana si trova a soli 800 metri da
una delle migliori spiagge del mondo, protetta da una
barriera corallina che rende il mare una piscina naturale. Per partenze comprese fra il 1° luglio e il 31 agosto si possono avvalere di un’offerta a mille 520 euro
per 7 notti, in formula all inclusive.
POLINESIA
Idee per Viaggiare
Si vola con Air Tahiti Nui dritti dritti nel cuore della
Polinesia francese, sia da Milano sia da Roma. Sino al
prossimo ottobre vengono proposti soggiorni in mezza
pensione con una notte al Sofitel Tahiti Maeva, 4 al Sofitel Moorea la Ora (in superior Lagoon) e altre 4 al Sofitel Bora Bora (in luxury garden), a partire da 3mila
650 euro.
EGITTO
Marevero
Ubicato in posizione panoramica e affacciato sulla baia di El Basha, nel
mar Rosso, il Blue Bay Resort & Spa (categoria ufficiale 5 stelle) viene
proposto in formula all inclusive, a partire da 840 euro per una settimana in luglio.
Per gli amanti della subacquea, è a disposizione un attrezzato centro diving (a pagamento), per immersioni guidate e corsi a tutti i livelli. Infine, gli ospiti possono scegliere tra sei ristoranti diversi,
TUNISIA
Valtur
Confondere il giorno con la notte nella magica atmosfera del villaggio Valtur El Kebir,
in Tunisia, è possibile: ballare fino a tardi e
perdersi nei colori della notte, per poi ricominciare una nuova giornata di sport e divertimento con tanti amici, seguendo il programma Energy. Le bianche costruzioni del
villaggio sorgono a pochi metri dal mare, caratterizzate da uno stile che richiama in ogni
particolare la cultura e il décor dei tipici palazzi moreschi: colori chiari, volte ad arco e
arredi in legno di sandalo. Quote a persona da
399 euro in luglio.
ZANZIBAR
Swan Tour
Un sogno a portata di mano. Per chi
parte il 20 luglio o a cavallo fra il 27
ed il 28, il gioiellino tropicale a est
della Tanzania è disponibile ad appena 899 o mille 199 euro, per un soggiorno settimana all’Hakuna Majiwe.
Prevista la formula all inclusive, con
soft drink inclusi.
Eden Viaggi
In una suggestiva ambientazione tra mare e deserto, l’Eden Village
Nada Resort si trova 3 chilometri a nord dal centro di Marsa Alam e
sorge direttamente su una lunga spiaggia privata.
Un pontile permette di raggiungere facilmente la barriera corallina ancora intatta e popolata da una colorata fauna sottomarina. Soggiorni settimanali in luglio, volo e trattamento all inclusive inclusi, a partire da
558 euro.
Rallo Travel by Passion
La magia delle piramidi e le delizie dei faraoni. Tutto questo promettono le crociere sul Nilo proposte dall’operatore per tutto luglio, con
partenze previste sabato 17, 24 e 31. Il programma contempla due notti
a Il Cairo e altre quattro di navigazione, più un’ulteriore ad Aswan.
Quota individuale di mille 115 euro in camera doppia, con volo incluso
da Milano Malpensa e Roma Fiumicino.
20
TANZANIA
Dreamland
Cinque giorni in safari, con partenza ogni domenica di agosto, per avventurarsi nel regno degli animali nel nord della Tanzania, dal parco nazionale di
Tarangire al lago Manyara, fino alle savane del Serengeti e alla Norongoro conservation area, dove
nel cratere di un vulcano spento circolano elefanti,
leoni, zebre e gnu, prima di lasciarsi incantare dalla
magica atmosfera di Zanzibar pernottando nel resort Palumbo Reef: a partire da 2 mila 100 euro.
THAILANDIA
Viaggi del Mappamondo
Soggiorno di 7 notti per scoprire l’isola di
Koh Samui, presso The Imperial Boat
House, 4 stelle situato direttamente sulla
spiaggia di Choeng Mon. Una struttura insolita ed affascinante, il cui corpo centrale
è costituito da 34 battelli, un tempo adibiti
al trasporto del riso. Partenze dal 1° al 15
agosto, a partire da mille 690 euro.
Quotidiano
www.travelquotidiano.com
7-9 luglio 2010
Speciale Ultime disponibilità
DALL’EUROPA ALL’ASIA, DALL’AMERICA ALL’AFRICA, PER DIVERTIRSI, SCOPRIRE, RILASSARSI
GRECIA
Settemari
TURCHIA
In luglio tutti a Rodi per una settimana a 590 euro, in
formula all inclusive. Il SettemariClub village (4
stelle) è situato nella zona di Kiotari, a sud dell’isola,
a 150 metri da una spiaggia di sabbia ghiaiosa. Si
tratta di una soluzione a forte impronta italiana, adatta
per giovani e famiglia che desiderano ritrovare anche
all’estero i comfort di casa.
RUSSIA
Blu-express
Turisanda
Novità di quest’anno sono i voli diretti sulla tratta RomaIstanbul. A bordo degli aerei Blu-express, il brand lowcost di Blu Panorama, vengono proposte tariffe a partire
da 68 euro per qualunque giorno della settimana. Altra
offerta conveniente sono i voli da Roma verso le isole
della Spagna, Minorca e Palma de Maiorca, con collegamenti diretti.
La rivalità fra San Pietroburgo e Mosca continua a
rinnovarsi a distanza di secoli, venendo esaltata dal
tour “Le due capitali”: 8 giorni fra l’Hermitage e il
Cremlino, con partenze previste il 26 luglio, il 9 e il
16 agosto da Milano. Prezzi a partire da mille 480
euro.
CINA
MONGOLIA
Chinasia
Tour di 15 giorni che si snoda tra i dedali metropolitani
e le nuove architetture delle grandi capitali cinesi, Hong
Kong, Shanghai e Pechino, nonché le miniature naturali
della cosiddetta “Foresta degli Osmanti” di Guilin e dei
giardini di Suzhou. Le quote partono da 2 mila 830 euro
per le partenze del 14 e del 21 luglio, contemplando accompagnatore dall’italia, voli dall’Italia e interni, oltre
che il trattamento in pensione completa.
T.O. Associati
Vastissime distese di steppe incontaminate, solcate da mandrie di cavalli
allo stato brado e gazzelle, con possibilità di visitare accampamenti nomadi e remoti monasteri buddisti. Dal 3 al 18 agosto, con quota base in
doppia da 3 mila 30 euro.
MALDIVE
Kuoni
Per tutto luglio e agosto si parte
ogni lunedì da Milano Malpensa o
Roma Fiumicino per soggiorni di
7 notti al Kandooma resort (da 2
mila 50 euro), al Risiveli (da 2
mila 50 euro) o al Valigandu (da
2 mila 390 euro), sempre in
pensione completa.
INDIA
Earth Cultura e Avventura
Un viaggio di 18 giorni nell’alta Valle dell’Indo (Ladakh), costeggiando il fiume Indo e visitando alcuni
dei grandi monasteri buddisti.
Si scende poi nell’Himachal Pradesh, lungo la sterrata
Transhimalayana, fino alla città di Manali, con sosta al
lago Tso Moriri (4400 metri sul livello del mare). Partenze dell’8 e del 12 agosto con esperto di cultura buddista, a partire da 2 mila 860 euro.
MAURITIUS
InViaggi
Luglio a prezzi speciali per i soggiorni a
Mauritius.
Sia che si parta da Milano Malpensa o da
Roma Fiumicino, i soggiorni presso il 3
stelle Mont Choisy Club vengono proposti a 799 euro per la settimana del 12 luglio, o a 899 euro per quelle del 19 e del
26 luglio. Pensione completa, inclusiva
di bevande.
AUSTRALIA
Hotelplan
Il tour Panorama prevede partenze il 2, il 9 o il 23 agosto e si
articola in 13 giorni fra Sydney e
Palm Cove. Nel mezzo, una cena
mistica all’ombra di Ayers Rock,
con visita all’alba al monolito e
al centro culturale Maruku, dedicato all’arte aborigena. Quote a
partire da 3 mila 680 euro.
NUOVA CALEDONIA
Club Paradiso
Assurta recentemente a destinazione di tendenza del Pacifico, la Nuova Caledonia ha nell’isola Lifou la sua
base di esplorazione più comoda e suggestiva e nel Drehu Village uno degli hotel di più recente ristrutturazione. Sino a dicembre si dorme ad appena 67 euro a notte, in bungalow immersi in una foresta di vaniglia.
21
Quotidiano
7-9 luglio 2010
www.travelquotidiano.com
Speciale Ultime disponibilità
IL MARE NOSTRUM AL CENTRO DELLA PROGRAMMAZIONE ESTIVA DELLE PRINCIPALI COMPAGNIE
COSTA CROCIERE
Il meglio
del Mediterraneo
MSC CROCIERE
Un libro aperto sulla storia
Un viaggio con Msc Crociere che
lambisce le coste di una storia millenaria.
Il Mediterraneo come un libro da sfogliare, fra Civitavecchia, Genova,
Marsiglia, Barcellona, Tunisi, La
Valletta e Messina, a 885 euro per le
partenze del 13 e 27 agosto.
22
Sette giorni fra Spagna, Monaco e
Tunisia, con partenza da Livorno il
14 luglio. Sono previsti scali anche
ad Olbia e Capri in Italia, onde offrire un’ampia panoramica del Mediterraneo occidentale. Prezzi a 815
euro, con risparmio del 32% sul costo effettivo.
ROYAL CARIBBEAN
Grecia per tutti
Tutto il Mediterraneo
orientale in una settimana. A bordo di
Splendour of the Seas,
si salpa il 10 luglio da
Venezia alla volta di
Dubrovnik in Croazia,
quindi si tocca il Pireo
ad Atene e Katakolon,
per poi ripiegare verso
l’Adriatico. Assistenza
in italiano e bimbi gratis, il tutto per 569
euro.